Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il futuro visto da un 13enne


vecchiseduti.jpg
"Mio nipote ha 13 anni, frequenta la prima liceo, studia, è bravo. Ieri l'ho sentito telefonicamente. Vive al SUD, in Puglia, 1000 km da me, Lombardia. Ieri, mi fa:
"Zio, non voglio più studiare. Non ne vale la pena. Mi piace studiare, ma non serve a nulla. Vedo i tg. Ci sono i soliti vecchi, Napolitano, ora Monti, ieri Berlusconi. E poi tutti quei cadaveri dei politici, dei sindacati, delle imprese che parlano di me, del futuro delle nuove generazioni. E poi ascolto che i giovani disoccupati sono il 30%, chi lavora di loro, non fa quello per cui ha studiato. La pensione non l'avrò. Dovrò lavorare fino a 70 anni.
Papà ha la macchina rotta e non può cambiarla. Fa i turni di notte e lavora di domenica.
Mamma torna stanca e stressata dal lavoro. Qui al SUD io non troverò mai un lavoro e non voglio andare via come te e zia. A scuola i laboratori sono chiusi perchè il Preside dice che non ci sono i soldi. Possibile che dei vecchi potranno pensare al mio futuro?
E voi adulti non fate nulla per migliorare la situazione? Mi spieghi zio perchè devo andare a scuola?"Non ho saputo rispondergli".
Terzo Nick

15 Nov 2011, 21:20 | Scrivi | Commenti (62) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Non penso che sia il fatto di non essere tutti andati a scuola il problema, mio padre non ha mai superato la terza media e mia madre la seconda superiore, e venivano da genitori che non erano nemmeno arrivati alla prima media, eppure mai hanno pensato di votare Berlusconi, Bossi, o tanti altri. Certo, è un caso, può rappresentare l'eccezione che conferma la regola, ma la verità è che l'educazione prettamente tecnica che viene data nelle scuole serve solo a creare delle imperfette macchine sociali in grado di fare qualche lavoro, consumare il più possibile, e morire senza aver capito nulla. Quello che manca è una reale educazione, e non solo in Italia, ma in tutto il mondo, perché la situazione sarà disastrosa qui da noi, ma all'estero non è che sia rose e fiori. La scuola oggi non educa, insegna (male) i principi base per potersi inserire nel mondo del lavoro. Quanti laureati secondo te hanno votato Berlusconi? Non credo così pochi. Non è la conoscenza ad aiutare la comprensione, è la coscienza, e di certo non si impara studiando matematica o storia, che certo non sono dannose, ma non risolvono il problema dell'educazione. Io direi al ragazzo "hai ragione, non serve a nulla, come quasi tutto quello che è presente in questa società. Hai due soluzioni estreme: suicidarti subito o sbatterti tutta la vita a trovare una soluzione." Cos'altro possiamo fare? Guardiamoci intorno, siamo seri.

Federico Esposito 27.11.11 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Il post è un fake (nessun bambino si esprime così) ma tocca il problema dei giovani che non studiano e non lavorano e che in Italia sono sempre di più. L'economia capitalista ha trasformato le società rurali con una semplice promessa e uno scambio: se ti impegni duramente nello studio e nel lavoro sarai premiato e avrai delle opportunità. Oggi le aziende ti chiedono un impegno impossibile che ti porta anzitempo dal medico e alla tomba e, quando va bene, il premio finale è una pensione ridicola a 67 anni. E' ovvio che qualche ragazzo di scarsa volontà e ambizione possa decidere che tanto vale godersi la vita: che in fondo è una sola, unica e irripetibile. Il bamboccione dipende dai genitori ma non è uno schiavo è una voce critica della società.

Peter Amico 17.11.11 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Questo modo di sparare sui "vecchi" è tipico de Grillo, uomo che rispetto ma che su questo punto non posso proprio seguire. E in questa lettera il suo linguaggio è come se l'avesse firmata lui direttamente. Ben venga se vuole dire qualcosa, ma non facendo finta di essere un tredicenne. Io i miei commenti li faccio senza fingere di essere un bambino o una donna o altro.

michel p. 17.11.11 15:45| 
 |
Rispondi al commento

penso che la conoscenza e il cambiamento siano 2 cose molto vicine!!
Mi ha coinvolto questa lettera perchè anche se con qualche sfumatura diversa la vedo molto vicina ai miei nipoti..

daniele m. 17.11.11 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Levatela questa lettera, è un fake fatto tanto male che è imbarazzante per Grillo. E se avessi un nipotino che mi scrive queste cose lo manderei 1 anno in una scuola in una zona rurale della Cina. Poi vediamo se scrive ancora queste cose.

michel p. 17.11.11 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Altro post fake di grillo.Tutti vecchi,mandare i giovani!!A grillo i giovani piacciono perche',essendo suo il movimento 5 stelle,li manovra come modellini telecomandati.Come se un 50enne debba essere rottamato per forza,o un 70enne con un curriculum da statista debba stare a casa a guardare.Generalmente i post fake di grillo li riconosci,sono tutti stereotipati e strappalacrime.Regolarmente sono di persone senza speranza.Grillo usa questi post solo per flame e per aumentare gli iscritti-commentatori nel suo blog (che ultimamente sono sempre gli stessi).Ignorateli.

alessandro 17.11.11 03:53| 
 |
Rispondi al commento

@ Commentatori in mala fede.

Mio nipote, di cui sono zio (ho 40 anni) e non nonno, si chiama Nico ed abita a Canosa di Puglia.
Può sembrare strano, ma non risulta essere ancora stato lobotomizzato dalla PS3 come la maggioranza dei suoi coetanei.
Gli piace studiare e trattasi di persona reale ed autentica, non di un oleogramma di individuo come invece appaiono certi commentatori...

Ciao a tutti

Terzo Nick Commentatore certificato 16.11.11 20:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

wow... bè, in effetti non ha totalmente torno, ma neanche ragione. è vero che le problematiche ci sono e sono ben presenti, ma ciò, secondo me, non deve influire sulla preparazione scolastica che ogni individuo deve avere.
anche se il lavoro che si fa non è inerente agli studi fatti in vita, ciò non significa che essi sono stati vani. in qualsiasi caso si sapranno cose nuove che aiutano a capire tutto ciò che ci circonda, anche se non è inerente agli studi fatti.
cosa farebbe questo ragazzo se non studiasse? andrebbe a lavorare? ci andrebbe standosene succube della situazione che circonda il presente, senza fare nulla per cambiare. se invece continuasse gli studi avrebbe la possibilità di cambiare lui stesso la situazione, senza stare fermo a criticare senza fare nulla. appare ipocrita come pensiero.

P.S. io di anni ne ho 14 e sono anche io in prima superiore.

Elisabetta Pittarello 16.11.11 20:23| 
 |
Rispondi al commento


A tutti i fenomeni che credono sia un fake vorrei informarli che non esistono solo ragazzini lobomotizzati e cerebrolesi attacatti alla play station...esistono anche ragazzini che si interessano di vita reale!!!

NOTIZIA TERRIFICANTE EH????????

gente strana 16.11.11 19:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa lettera non è credibile, non l'ha scritta un tredicenne.


Perchè a qualcuno questa sembra una lettera scritta veramente de un tredicenne? La disoccupazione giovanile al 30 %, spiegategli come sono trattati gli italiani over 30. Poi per mia esperienza nessun tredicenne, ma anche nessun ventenne, pensa alla pensione a 65 o 70 anni. Se il nonno si voleva sfogare per qualcosa poteva farlo direttamente a suo nome, senza mettere di mezzo il nipotino.

michele p- 16.11.11 18:46| 
 |
Rispondi al commento

caro amico la risposta al tuo nipotino è semplice: puoi scegliere di rassegnarti a 13 anni e continuare a fare la vita di mmer.. che fanno i tuoi oppure puoi non rassegnarti e continuare a studiare...poi dove sta scritto che uno deve trovare il lavoro per quello che ha studiato....concordo che sta roba è un fake anche poco molto poco intelligente

ANGELO 16.11.11 18:15| 
 |
Rispondi al commento

La risposta è semplicissima: continua ad andare a scuola e a studiare, ma cambia, e aggiungi, alcuni libri: Marx, Lenin etc.
Continua a studiare PER LA RIVOLUZIONE.

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 16.11.11 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Sembra un fake come lettera, certo se non lo fosse sarebbe alquanto terrificante.
Ma credo sia un fake...OP (original poster) può farsi vivo ?

Cristian Ziggioni, Milano Commentatore certificato 16.11.11 17:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dai retta..comprali 2 pistole..portali al poligono per insegnarli a sparare..presto avremo bisogno di truppe...ehhh!
Scherzi a Parte!...pensare di lasciare un debito ad un figlio o ad un nipote...giustifica il fatto di ribellarci..almeno combatteremo per la libertà...quella vera!

roby f., Livorno Commentatore certificato 16.11.11 16:39| 
 |
Rispondi al commento

profondo nord: questa mattina vado dalla parrucchiera: per una prestazione pofess. di 15 minuti mi ha chiesto
28 euro, la ricevuta fiscale è stata di 15; chiamo l'idraulico che sostituisce due pezzi in bagno: 150 euro rigorosamente in nero ....entrambe tra i 40 e i 50 anni...
Morale: facile dare tutta la colpa del disastro nel quale siamo piombati ai politici, giovani o vecchi che siano... Il "berlusconismo ha fatto mooolto comodo a tantiiiiissssime persone...

enrica corradini 16.11.11 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Provo a rispondere in sintesi a tuo nipote:
dovresti studiare per 2 motivi principali:
1) È l'unica speranza che hai di cambiare le cose.

2) Anche se le cose non cambieranno...almeno è l'unico modo di non farti prendere in giro

Lorenzo M 16.11.11 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il problema che insegnano tante cose (molte inutili ai più) ma non insegnano le cose importanti che dovrebbero conoscere tutti entro i 16 anni.

A) le teorie della propaganda (Teorie della
Comunicazione)

B) la programmazione neurolinguistica

C) in generale tutte le regole per accrescere il proprio potere decisionale e in gernerale i fondamenti per la crescita ed il successo personale.

D) tutte le forme di persuazione occulta e di dominazione delle masse e dei singoli compresi i fondamenti dell'ipnosi e le tecniche usate dai santoni/sciamani ecc. per dominare la mente degli altri individui.

ovviamente cose concrete senza cadere nella new age e puttanate varie.

purtroppo si fanno solo corsi privati di questa roba qui ed il 90 della gente ne ignora l'esistenza e perciò viene inchiappetta a sangue da gente come il nano ( ce ne sono tantissimi di nanerottoli malefici in giro )!

libero pensiero perciò pazzo 16.11.11 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dovevi rispondergli che non si doveva preoccupare del suo futuro,ma di studiare il più possibile e di mettere da parte l'arte.
L'Italia di oggi non sarà l'Italia fra 10 o 15 anni
L'Argentina in questo tempo è fallita è ha trovato lo slancio economico e il lavoro.
Il problema sono i giovani ad oggi in età lavorativa senza lavoro, i giovani con un età maggiore di 25 anni che non possono aspettare 15 anni per entrare nel mondo del lavoro.
La lista provvisoria presentata dal governo Monti è una lista di banchieri e loschi individui sotto inchiesta o con una certa esperienza nei conflitti d'interessa.
Se la tendenza è questo non credo che si faranno grandi cambiamenti.
In pratica siamo passati da un padrone all'altro e la classe medio bassa risanerà i conti delle banche o meglio prepararsi al fallimento

Matteo Pietri Commentatore certificato 16.11.11 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro ragazzo voglio raccontarti una storiella...che una storiella non è, ma è una storia vera.
La mia splendida gattina oggi ha 9 mesi; è una gattina molto piccola, brava, dolce, affettuosa; tanto brava non c'è nemmeno bisogno di tagliarle le unghie perché non le usa mai... se la prendi in braccio quando lei non vuole al massimo ti fa un "miao" un pochino indispettito. Ha sempre le sue ciottole piene di pappa anche se mangia poco e solo quando ha veramente fame.
Questa piccola e tenera micetta questa estate l'abbiamo portata in montagna e sotto l'occhio vigile di me e mia moglie l'abbiamo lasciata libera di girare nella "borgata" montana dove le auto sono rare come le persone capaci nel precedente governo...
E così abbiamo scoperto che la tenera micetta in realtà era una spietata cacciatrice ! Si appostava, teneva d'occhio le lucertole, le attaccava, le catturava e dopo aver "giocato" con le sue vittime le divorava ancora vive senza alcuna pietà !
Ragazzo studia ! Oggi forse non serve e pensi che non servirà mai, ma un domani potresti amaramente pentirti di non saperlo fare, perché acquisire la conoscenza fa parte della natura dell'uomo, proprio come la caccia fa parte della natura del gatto.

Maurizio Monti 16.11.11 12:27| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo questa non è una situazione solo del sud, ma di tutta l'Italia.
Anch'io ho un figlio molto bravo a scuola, so già che da questa società non avrà niente.
L'unica soluzione non è smettere di studiare ma
CAMBIARE LA SOCIETA'

anna s. 16.11.11 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Vogliono demotivare le persone, fargli pensare che non c'è più luce, e ci stanno riuscendo.

sabrina 16.11.11 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Bastava rispondergli che la colpa è di quei vecchi egoisti al potere i quali hanno permesso d'importare popolazioni più povere per schiavizzarle a basso costo, i quali hanno permesso di lasciare a pochi privati il destino socio economico favorendo la corruzione, lo spreco, l'evasione, l'ineguaglianza, l'inquinamento.
Spiegagli che i privati sono speculatori, che gli imprenditori vivono sulle spalle di chi fatica, che i colossi petroliferi, le multinazionali e le bache sono spietati gruppi di potere nate per essere contro il benessere popolare, che la globalizzazione, la borsa, le guerre sono invenzioni per controllare e gestire la popolazione, spiegagli chi i veri nemici parlano in televisione, in radio e si mostrano nei manifesti dietro a sorrisi, marchi e belle donne, e innfine fagli capire che la verità di ogni questione si trova solo sottocasa tra la gente nel proprio quartiere e che dovremmo vivere in armonia con le risorse del territorio partendo dal basso con regole nuove vere e giuste ...

Acul utopiA Commentatore certificato 16.11.11 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra un po troppo banale e qualunquista come intervento.

Davide Albanese 16.11.11 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Non leggete, come fanno i bambini,
per divertirvi,
o, come gli ambiziosi,
per istruirvi.
Leggete per vivere.

(Gustave Flaubert)

Moonshadow *., §§§§§§ Commentatore certificato 16.11.11 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Una delle prime cose per ridurre il debito e raggranellare soldini che il Governo Monti dovrebbe fare, a mio avviso, è quello di togliere definitivamente ogni forma di sovvenzione alle scuole private.
Capisco che la presenza della Chiesa in questo Paese abbia sempre impedito qualsiasi proposta di tal fatta.
Quel che non capisco è come mai nessuno, in questi giorni intercorsi tra la caduta di Silvio e la nascita del probabile Governo Monti, ne faccia parola.
Men che meno, come al solito, a sinistra, dove, per dirla con Nanni Moretti, nessuno dice cose di sinistra.
E sì che la norma costituzionale dice tutt'altro rispetto a quanto si pretende che dica: i privati possono istituire scuole che otterranno il riconoscimento a condizione che non vi siano maggiori oneri per lo Stato (art. 33).
Non anche che i privati hanno diritto ad avere soldi dallo Stato!
Quel che fa rabbia è che ad una norma che non prevede alcun dovere statuale di sovvenzionare i privati fanno seguito esborsi notevolissimi,mentre laddove sono espressamente previsti doveri di agevolazioni nei confronti delle famiglie bisognose (art. 31 Cost.), lo Stato non trova i fondi, probabilmente dirottati dalla Gelmini e dai suoi predecessori, destrorsi e sinistrorsi, a qualche scuola cattolica.
Senza soffermarsi più di tanto sull'altro scandalo dell'ICI non pagata dalle attività economiche dei cattolici, vorrei che l'argomento dei fondi alle scuole private divenisse in Italia un vero e proprio scandalo del quale parlare ogni giorno (altro che dieci domande di Repubblica: perchè non parlano ogni giorno di questo?).
Temo, però, che il nuovo premier non sia di estrazione sociale tale da prevedere, tra i sacrifici annunciati, il totale azzeramento dei finanziamenti alle scuole private.
Grazie per lo spazio a me concesso. Vi prego di dare voce e di gridare al meglio per porre fine a questa vergogna.
Giuseppe Inzerillo

Giuseppe Inzerillo 16.11.11 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo


lo dica a suo nipote, il cambiamento parte anche dal "sapere".

Nel sud Italia per costruire una scuola, un ospedale, un asilo, occorrono delle legge speciali. La cronaca “Italiota” sostiene il contrario. Di soldi ne sono arrivanti a vagonate. Gli evasori? Al sud. Non si cresce? Il sud. Mafia? Sud.

Vedere lo spreco perpetuo ed incontrastato del ns denaro, provoca tanta rabbia, che troppo spesso genere odio, rancore e rassegnazione.

Informarsi per cambiare.

Per due anni ho collaborato con il CNEL: Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, un’istituzione di origine costituzionale composta da associazioni, economisti, e rappresentanti delle imprese. Ho avuto modo di capire come vengono gestiti miliardi, ripeto MILIARDI di soldi pubblici, sia quelli dovuti, sia i “fondi speciali” destinati a ripianare un divario nord-sud creato da anni di mala-politica.

Stanziare ed Erogare, dove stanziare (al sud) è notizia, clamore, sdegno, anche se l'erogazione, troppo spesso, cambia la destinazione di quei soldi, ma senza fare notizie.

Al Sud la politica onesta esiste, sono soprattutto i sindaci eletti tramite le liste civiche, lontani dai partiti. Collaboriamo con loro per abbattere ogni tipo di campanilismo, iniziamo a lavorare insieme, partendo dalle istanze dei cittadini, dei giovani, coinvolgendoli nella vita pubblica della città. Esistono migliaia di idee, e progetti concreti, insomma, “Politica”.

Un cambiamento "culturale" deve iniziare proprio dai giovani, nella famiglia e la scuola. Un cambiamento che porterebbe un rinnovamento della nostra classe dirigente.

Per natale, regali un libro, a suo nipote. Qualcosa che racconti la ns storia, la ns cultura. Ad es. "Giu al Sud", impegnativo ma è una carica di puro ottimismo. (altri autori e artisti: Salvemini, Zitara, Barra, Bennato, Sciascia etc.etc.)

Un caro saluto
Vito Cerullo
M5S

http://vitocerullo.wordpress.com/2010/07/28/italiani-voi-sapevate-che/

V Cerullo (vito cerullo), Reggio Emilia Commentatore certificato 16.11.11 09:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

puoi dire a tuo nipote che è fortunato ad avere due genitori che lavorano, molti non hanno neanche quello

PETER PAGURO 16.11.11 09:47| 
 |
Rispondi al commento

secondo me tuo nipote è un tossico, ti ha fatto tutta sta menata per chiederti un po di soldi per la sua dose

batafor 16.11.11 09:21| 
 |
Rispondi al commento

La cosa terifficante è che l'hanno capito anche i bambini dell assoluta inutilità di chi sta al governo. Hanno capito che con dei vecchi al governo siamo andati tutti in fallimento. GUARDANDO COSA FANNO E COSA DICONO CERTI SOGGETTI NOVANTENNI COME BERLUSCONI, BOSSI, NAPOLITANO,CICCHITO,BERSANI,BINDI ED ALTRI VIENE DA STRAPPARSI I CAPELLI PER LA DISPERAZIONE. SONO VECCHI ED INUTILI, LEGATI AD UN PASSATO CHE NON C'è PIù.Parlano, discutono delle solite scaramuccie dei propri partiti. Non hanno mai fatto nulla di buono per il paese e non credo che ne abbaiano tanto l'intenzione. Ad una domanda del genere neanche io troverei una risposta da dare.....

Gaspare M. Commentatore certificato 16.11.11 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Non mi stancherò mai di ripeterlo, alla fine servirà una TERAPIA SCHOK....!dispiace doverlo dire ma è cosi...visto e considerato che questi furboni hanno già comprato "oro" e l'hanno depositato in Svizzera e altrove...
Sappiate che molti esponenti di spicco hanno la residenza o una casa sempre in Svizzera...mi pare anche Monti..
Bravi...continuiamo ad affidarci a questa "gente", vedetrete che fine faremo!!e solo una questione di tempo!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 16.11.11 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Ho trovato un avvocato donna con le palle per fare una class action contro
Berlusconi cn richiesta danni per come ha ridotto noi italiani in termini
di immagine e in termini economici. Chi intende aderire mi contatti a :
pmaldera@yahoo.it

Giuseppe Maldera 16.11.11 07:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se fossi lo zio risponderei al nipote come segue.
Ho solo una cosa da dirti, e te la dico con il cuore e l'anima in mano: vai affanculo :-)

Aldo 16.11.11 02:25| 
 |
Rispondi al commento

1)Bisogna imparare a studiare non perché serve a guadagnare di più, ma perché aiuta a capire.
2)Ormai si laureano cani e porci, può essere che ci sia bisogno di chi sa fare cose più modeste ma alle volte più utili.
3)Studia anche se non serve ad un cazzo, perché se un giorno dovrai fare la rivoluzione ricordati che dovrai essere più bravo e informato del tuo strozzino (Capitalismo).

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.11.11 01:59| 
 |
Rispondi al commento

tuo nipote avrebbe un futuro rispettando una semplice regola,forse un pò drastica ma logica.
mettere un limite alla vita,diciamo 75 anni anche se un medico mi ha detto che 70 sono più che sufficenti.detta così sembra una cattiveria ma bisogna rifletterci sopra per capire.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 15.11.11 23:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ai miei nipoti (16 e 13 anni) ho comunque consigliato di conseguire il diploma di maturità.

ho invece sconsigliato l'università, da frequentare solo se altamente motivati e soprattutto senza fini lavorativi.

cioè scegliete la facoltà che + vi aggrada senza pensare ad un futuro lavoro.

forse è meglio laurearsi lavorando. sarà + difficile, ma darà + soddisfazioni e non si pesa sulla famiglia.

ivan m. Commentatore certificato 15.11.11 22:46| 
 |
Rispondi al commento

@ Alessio

Penso che mio nipote, intendesse proprio ciò che tu hai magistralmente interpretato.

Ciao e grazie

Terzo Nick Commentatore certificato 15.11.11 22:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro commentatore,
...buona visione...

http://www.youtube.com/watch?v=8kqJb8RO7LQ

Antonio Russo 15.11.11 22:12| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me bisogna capire cosa vede quel bambino.... Vede vecchi che gli programmano il futuro... E come se mio nonno di 85 anni.. Colto, in forze, ma ha un'altra mentalità. Da rispettare ma ha fatto il suo corso. Se vedete vostro nonno di 85 anni, molto spesso si addormenta, lamenta lentezza nel suo vivere quotidiano, certo a suo tempo le cose le da... A suo tempo qui ci siamo spaccati le balle di avere gente vecchia di vecchio stampo e mentalità. Sono dinosauri. Ci vuole si cultura ma quella sociale, non accattoni della buona politica..credo che non riusciremo mai a capire il vero significato delle nostre azioni, a meno che non si cambi direzione.... La stessa ci sta portando dove tutti sappiamo.... Con le chiappe esposte ai ben pensanti

Alessio 15.11.11 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Ho 18 anni e anche io mi sento di non avere più tra le mani un futuro, un futuro QUALSIASI.. non pretendo mica di diventare una persona con un lavoro super pagato e sempre sognato, ma almeno una donna con qualcosa da vivere serenamente vorrei diventarlo..... purtroppo mi hanno rubato pure quello.... più che protestare cosa devo fare? non ho nessuna chance qui... solo all'estero.

annalisa g 15.11.11 21:45| 
 |
Rispondi al commento

La risposta è semplice : leggere e studiare arricchisce una persona e gli permette di avere la consapevolezza in futuro di poter fare delle scelte dettate dalla ragione.
Forse non è conveniente dal lato economico, ma senz'altro dal lato umano.
Se tutti gli Italiani avessero studiato a fondo penso che uno come Berlusconi non sarebbe mai diventato capo del governo.

RICCARDO M., VIAREGGIO Commentatore certificato 15.11.11 21:39| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bisogna studiare per conoscere,
per saper ragionare,
per non essere un credente,
per saper distinguere il vero dal falso,
per non farti sfruttare,
per saper lottare per il giusto,
per non aver paura,

per poter essere FELICE (intelligenza+coraggio),

infine,

per saper comprendere tutte le stronzate che scrivono nel primo blog che incontrerai.

TONY Commentatore certificato 15.11.11 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo tuo nipote ha ragione..è lungimirante e non so se la cosa vada a sua favore. Avendo girato abbastanza all'estero, posso garantire che limitatamente alla crisi siamo tutti sulla stessa barca. Non è una questione ideologica né tantomeno di crescita.. semplicemente il sistema produttivo cosi come concepito ha fatto i suoi "km". E' necessario un nuovo "propulsore"..l'economia deve cominciare a vendere qualcosa di utile!Di superfluo ne abbiamo già abbastanza ed anche troppo..perchè allora non mettere in moto tutto cio' che ruota intorno alle energie alternative ed alla tutela ambientale?Ci potrei lavorare io perchè specializzato, suo nipote continuerà a studiare anche più gratificato e tutti i nuovi lavoratori sarebbero perlopiù giovani perchè i soli ad essersi formati sul tema..e potremmo anche permetterci cosi di comprarci un'auto, magari elettrica...è una questione di coscienza innanzitutto e non mi stanchero mai di ripeterlo, poi forse di Pil, crescita&company. Se solo investissero in sviluppo della coscienza non avremmo cosi' tanti problemi!

Gabriele Di Nallo 15.11.11 21:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori