Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La monaca tibetana e la crisi


monaca_tibet.jpg
"La monaca tibetana che si dà fuoco penso sia l'emblema dei nostri giorni. E non è solo un fatto di Tibet e Cina, ma credo sia quello che ci sta travolgendo: la crisi mondiale. La repressione cinese in Tibet è vergognosa e fa specie vedere come i tibetani si immolino per difendersi. Ma atti di tale gravità sono veramente inauditi. Dove stiamo arrivando? La disperazione può prendere così facilmente il posto della ragione? Vorrei confessarvi che ho un figlio di 5 anni e un lavoro non più stabile. Non oso neanche immaginare cosa potrei fare senza uno stipendio, senza la possibilità di potermi prendere cura di lui. Potrei essere un disperato da un giorno all'altro se il mio datore di lavoro mi lincenziasse (come per altro ha fatto già con tre miei colleghi). Che brutto mondo, il nostro".
Mattia R.

21 Nov 2011, 18:29 | Scrivi | Commenti (19) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

...nessuno ma nessuno si faccia poi meraviglia se a causa della disperazione poi apparisse qualcuno che avesse un nome che assomiglia ad Andreas Baader e Ulrike Meinhof....è una scelta che non condivido, ma posso capire chi per disperazione intraprende quella strada....

Paolo Pellicciari 22.11.11 15:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

piantiamola di piangerci addosso

mic. r. 22.11.11 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno dovrebbe studiarsi la storia del Tibet...

Dovreste sapere che la società Tibeta era apprezzata da Hitler e le SS......

Vi spiego come funzionava (questa è storia ufficiale insegnata nelle università europee e americane, non altro)

Era una società divisa in caste

il 5% della popolazione composta da monaci, nobili e militari era propietaria del restante 95% della popolazione......

Non ci credete? E' proprio vero, invece.....

Avete presente gli intoccabili indiani?

Ecco......

Pongo una domanda a tutti, avete mai visto un intoccabile tibetano (schiavo) che si da fuoco?

Diego Rossi 22.11.11 12:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

.....onore e rispetto per queste anime superiori...ma non sarebbe meglio DARE FUOCO ....!!!!!......che darsi fuoco ......

lino p., genova Commentatore certificato 22.11.11 12:33| 
 |
Rispondi al commento

NON BISOGNA MAI SENTIRSI DEI FALLITI, MA LOTTARE TUTTI INSIEME.

angela s. 22.11.11 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo, era il 1995, mia figlia aveva esattamente 5 anni ed io 34 quando le aziende per le quali lavoravo come autotrasportatore anche 16ore al giorno decisero una dopo l'altra di non pagare il dovuto secondo i patti e tempi concordati (90gg). Ovviamente oltre a non pagare mi misero alle strette annullando viaggi o offrendomi il 30% delle tariffeabituali. Inizialmente provai a ragionare e spiegar loro le mie preoccupazioni e difficoltà di uomo e padre di famiglia. Parlai con i giovani rampanti ed arroganti dei rispettivi management ma nulla. Poi provai attraverso un avvocato che non trovo nulla di meglio che colludersi con l'avvocato della controparte. Dopo 9 mesi di calma e ragionevolezza, decidetti che era tempo di tornare al OLD WILD WEST ed andai a prenderli a sberle uno ad uno.., i titolari, il mio avvocato, qualche giovane del management ed in meno d'una settimana non solo avevo i miei soldi in mano + gl interessi naturalmente ma s'era sparso timore e terrone tra i consorziati e fu "miracolo" oltre a ridarmi lavoro tutti saldavano subito il conto. Non ho mai più cambiato metodo. Io lavoro, tu paghi. Tu non paghi ed io prima ti mando diretto al pronto soccorso e poi tu paghi per non tornarci tutti i giorni. Funzia sempre. Il punto è questo: la "società civile" cioè quella sorretta da principi d'equità, legalità e fratellanza "oggi" è un illusione mantenuta in vita da un piccolo e vorace esercito di parassiti sociali (in Italia ne abbiamo ben identificati almeno 945 tra senatori e deputati) che sopravvive speculando proprio sul buon senso civico, sulla ragionevolezza e sulle difficoltà quotidiane dei cittadini onesti, dei lavoratori e delle famiglie. Immolarsi o suicidarsi non è una risposta nè una soluzione. Unirsi per combattere e disinfestare la società civile da questi inutili parassiti per dare un futuro diverso ai nostri figli tornando ad essere uomini d'azione reale anzichè di rivoluzione virtuale, sarà drastico ma libera energie e calma le menti.

giovanni savaresi 22.11.11 11:48| 
 |
Rispondi al commento

UNO l'immolazione è un atto di protesta che in tutta la cina esiste da praticamente sempre, non è una novità. Purtroppo è l'unico modo di dare visibilità all'estero delle immense problematiche socio politiche di questo paese.
DUE se tu sei preoccupato per tuo figlio, potevi evitare di metterlo al mondo. Non riesco a trovare un atto più egoista di mettere al mondo una nuova vita in tempi di crisi. Ha 5 anni, eravamo già in crisi, potevi evitare. Ora abbiamo un potenziale criminale in giro per le strade (il criminale saresti tu per sfamare tuo figlio, non tuo figlio).


il nostro errore ?...non pensare ai figli degli altri quando eravamo più giovani, e lo potevamo cambiare stò mondo mediatico del cazzo !!!!....ma l'indifferenza ci entrava nelle case con merdaset....e noi ci siamo lasciati ipnotizzare dal biscione....ora hai vogli a liberarci dalle sue spire !!!!!!

tina ghigliot 22.11.11 07:04| 
 |
Rispondi al commento

puzza di cazzata mediatica...come la iraniana!
ormai l'America riesce a cacare fora dal vaso per
preparare le menti alla guerra....contro i propri
fantasmi!

se devo farmi prendere per culo da capitalisti
squali o da religiosi demmerda...meglio crepare
combattendo con un'arma in mano !

i suicidi li lascio volentieri ai falliti MORALI!
CHE SI AMMAZZINO LORO...è MOLTO MEGLIO!

LENIN il saggio (il verde appeso), Roma Commentatore certificato 21.11.11 22:49| 
 |
Rispondi al commento

non dobbiamo aver paura perche siamo arrivati al punto di non ritorno ... spero che altre civilta anni luce lontane da noi possano capire cio che e' oggi l uomo e rimetterlo in carreggiata ... un umanita cosi e meglio estinguerla ...

giancarlo colaninno 21.11.11 21:38| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Mattia, la tua preoccupazione per l'incertezza che regna sul tuo futuro e su quello di tutti noi e' del tutto legittima e comprensibile a maggior ragione per chi, come te, deve pensare al futuro dei propri figli. E' verissimo viviamo in un mondo e in una societa' di m.... ma l'atto estremo della monaca tibetana non e' quello che farei io. Non fraintendermi, pero', non mi permetterei mai (ne tanto meno mi reputo all'altezza di farlo) di giudicare quel gesto che deve solo farci riflettere, se si arriva a tanto, vuol dire che si e' subito e si subisce di peggio dal punto di vista fisico e sopratutto morale. Pero', fatte le dovute proporzioni del caso, e senza voler giudicare o offendere nessuno, se dovessi essere licenziato non sfogherei la mia rabbia e la mia disperazione su me stesso, oltre al danno la beffa, ma sarebbe l'occasione, non avendo piu' nulla da perdere, per commettere, si degli atti estremi, ma contro chi, approfittando del clima di incertezza, non rispetta le regole. Ti saluto con l'augurio sincero che tu possa crescere tuo figlio nel migliore dei modi.

Pier luigi 21.11.11 19:33| 
 |
Rispondi al commento

C'è chi non ha il sorriso di un bimbo di 5 anni Tu sei gia fortunato e lui ti darà la forza per lottare.Non disperare!!

mariuccia rollo 21.11.11 19:31| 
 |
Rispondi al commento

diventare ladro ai danni di Berlusconi, ruba al ricco e dai ai poveri

paolo c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.11.11 19:17| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori