Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Ciao Italia, me ne vado


bagagli_ita.jpg
"Fra dieci giorni me ne vado in Germania. Fino a un anno fa non ci avrei mai scommesso un euro sulla mia emigrazione. Pensavo toccasse agli altri, pensano non potesse riguardarmi. Appena laureato ero convinto di potermi mangiare il mondo. Roma, la mia città, dove sono cresciuto e ho studiato, la mia famiglia, i miei amici. E invece devo lasciare tutto e partire. Una laurea in lingue con 110 e lode non basta per stare in Italia. In quest'anno da laureato ho collezionato 3 mesi di stage con un rimborso spese da 250 euro (per 8 ore di lavoro al giorno) e 9 mesi di attese inutili. Un mese da, quasi per scherzo, ho iniziato a cercare soluzioni all'estero: fra un mese inizio a lavorare in Germania a 1450 euro mensili in un'azienda giovane dove i giovani hanno le loro chance. In Italia, invece, i giovani sono sempre giovani. Mentre i vecchi non invecchiano mai. Ciao Italia. Io me ne vado".
Francesco I.

20 Dic 2011, 21:43 | Scrivi | Commenti (82) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Il popolo deve ritornare ad avere la propria sovranità. E' un cammino lento ma inesorabile.
Il genere umano ha sempre migrato e sempre migrerà. Anche l'Italia è un paese di migranti. Da quando l'uomo ha avuto origine in Africa ha sempre cercato luoghi migliori in cui vivere. Non si capisce perchè ora bisognerebbe fermarlo. C'è un articolo interessantissimo che mostra la mappa mondiale dei fenomeni migratori, o meglio, mostra i paesi da cui si migra. Ti fa capire quali sono i paesi da cui la gente, per un motivo o per l'altro se ne va:

http://www.ilmioeden.it/scappa-allestero/

l'Italia di oggi non è uno di quei paesi che mette la propria gente nelle condizioni di rimanere..

Luca Zalone 15.11.13 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Si ragazzi, va bene, se uno si sente di andare via lo faccia pure.
Ma a me darebbe tanta malinconia ad andare via.
Non mi è mai piaciuta l' idea che dovunque si vada per il mondo c'è sempre almeno un italiano che si è piazzato li.
Se poi penso a quanto è piccola l'Italia rispetto a tanti altri paesi di cui non si vede questa grande emigrazione (e parlo di paesi occidentali non di 3° mondo), allora la delusione mi assale ancora di più e mi chiedo a quanti italiani di queste ultime generazioni ha interessato e interessa davvero questo paese ?

Flavio 19.01.13 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Eccomi quà
42 anni e qualche giorno e quella crisi economica che vivo da oltre 15 anni non accenna a terminare; anzi le previsioni per il prox anno sono di ulteriore crisi. Ho un lavoro a chiamata(altro contratto truffaldino) e non vedo un domani. Stò cercando in rete un lavoro all'estero (i paesi che non usano l'euro sono in ottima forma!) e sinceramente non vedo l'ora di levare le tende da questo paese che adoro. Me ne vado perchè sono fiero di essere italiano. Lascio a chi resta, oltre i miei migliori auguri, l'onere di far rinascere la Politica con la P maiuscola. Spero vivamente che quei famosi caccia che lo stato italiano ha acquistato( ma l'italia non ripudiava la guerra?) almeno uno cada sulla camera dei deputati!

luca spagnoli (lukaduka), cesena Commentatore certificato 28.10.12 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Ciaooo ! Anche io il prox anno mi trasferisco a Köln nel bellissimo , verdissimo e ricchissimo Nordrhein-Westfalen in Germania !!! Dico che 30 anni passati in Italia x me sono anche più che sufficienti !!!!

Vi lascio , anzi vi regalo, sia i monumenti che i politici ( ancora + vecchi dei monumenti )!!!!

Tschüss !!!!!!

Alessandra Cialdea (kaiserin), Firenze Commentatore certificato 24.07.12 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Ecco un altro mantenuto dai genitori che invece di lottare per il proprio paese decide di scappare! L'Italia è questa perchè sono i giovani come questo laureatino che la rovinano volendo la pappa pronta invece di rimboccarsi le maniche! Essere laureati non vuole dire avere un lavoro sicuro! Auguri per la tua fuga...

Gianluca Pagano 10.01.12 14:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo

mara r., como Commentatore certificato 01.01.12 10:59| 
 |
Rispondi al commento

In bocca al lupo per tutto... hai fatto benissimo.

Andrea Cusati, Bastiglia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.12.11 08:46| 
 |
Rispondi al commento

Sono partito dall'Italia 11 anni fa, laureato e fatto il militare. Sono andato in Spagna, allora in epoca di bonanza, ho trovato lavoro in 3 settimane. Tempo dopo ho perso il lavoro, sono tornato in Italia, ho fatto un master, poi di nuovo in Spagna. Per ora vivo li con la mia famiglia e torno in Italia per le vacanze, come in questo momento. Finchè il paese tiene (non è un porcile solo qui). Se necessario rifarò le valigie, è un tabù che ho superato da tempo. Mi preparo a togliere la ruggine al tedesco. Di tornare qui non se ne parla, il lavoro prima di tutto e un futuro per i miei figli. La mia casa è dove viviamo. Ho in un cassetto il tricolore, ma poche occasioni per farlo sventolare con orgoglio. Sono anni che devo sopportare in pausa pranzo lo sfottò dei colleghi riguardo a B., amo il mio paese e mi vergogno di vergognarmene. Mi piacerebbe fare qualcosa per migliorarlo, ma prima vengono i miei figli.
In bocca al lupo a chi parte.

Andrea 25.12.11 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, credo che tu faccia bene. Io non ho avuto il coraggio
di andarmene e magari nel futuro me ne pentiro'.
La mia, come la tua , è la situazione più comune tra quelli che si sono affacciati nel mondo del lavoro da relativamente poco tempo, a volere essere gentili.
Ti faccio in bocca al lupo.

davide aufiero 25.12.11 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Per chi dice che l'estero non sia il bengodi. Sottoscrivo come nel mio post precedente. Ho amici che stanno andando via a gambe levate dall'UK. Non esiste nessun paradiso terrestre. Vivo in USA. Da Gennaio sono senza lavoro, due settimane di preavviso. Se prendo la disoccupazione bene. Altrimenti, in un anno e mezzo di lavoro. Ho risparmiato abbastanza da poter vivere serenamente per un altro pò. In ogni caso, chi ha detto che in Italia la gente parla bene l'Inglese. Vedetevi le statistiche a livello Europeo. Fatevi un giro in Scandinavia o anche in Spagna, poi mandatemi una email. Il problema è che una società hai bisogno di ingegneri, matematici, letterati e via cantando. L'insegnamento è importante in tutte le sue forme. Poi se si vuole studiare una materia umanistica se ne accetta le conseguenze nel campo lavorativo (nessuno ti darà di più perche ti sei laureato), se invece si sceglie ingegneria si avrà (forse) una migliore retribuzione. In un paese dove si ha una media di laureati in percentuale della popolazione a livelli minimi per gli standard europei, si dovrebbe quantomeno incentivare lo studio in ogni sua forma. Chi lascia l'Italia, penso senza alcuna presunzione, lo fa perchè si vive in una società altamente stratificata. Negli USA lo è altrettanto, il mio supervisore è nato da una famiglia povera (molto povera) dove si parlava a mala pena l'Inglese. Va verso i 40 e guadagna molto bene, ma molto molto...Prendi i tuoi debiti e ti paghi la scuola. E' abbastanza perverso ma almeno ti mette in condizione di studiare (e prima delle crisi) di trovare lavoro. Credimi, io di laureati in Italia ne conosco a tonnellate, chi ingegneria, chi matematica, chi scienze politiche ed economia. La maggioranze delle persone che conosco (alcune anche brave per carità), hanno trovato lavoro grazie a "conoscenze". E questo ripeto funziona in tutti i paesi...ma un posto alle poste, c...o quando è pilotato ha dell'indegno. C'è del marcio e non è in Danimarca, sono sicuro...

elcalav 24.12.11 05:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho già commentato il post.mi tengo informato su quello che accade a torno cerco di pensare con la mia testa ho le mie opinioni che poi sono comuni cosa posso fare da solo ( nulla ) oltre a salutare mia figlia quando leggera !un bacio da papà Riccardo mamma gioca su facebook io lo sai la amo

Riccardo Garofoli 23.12.11 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi avvilisce leggere questo e mi fa pensare a mia figlia che è da due anni in Australia un
altro natale con lei all altro capo del mondo che cosa posso fare perché lei torni . Lottare contro questo stato di cose ma lo dobbiamo fare tutti insieme per avere valore dirgli che non va urlargli basta ma tutti insieme .dopo la caduta del nano ci siamo sentiti mi ha chiesto cosa cambia ( nulla anzi va pure peggio perché i prof non sono all altezza della situazione )che gli dico ora che la sento di nuovo ?? Torna a casa con il cuore o resta li con la testa con un po' più di coraggio dovrei andare io da lei

Riccardo Garofoli 23.12.11 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Posso fare una considerazione assolutamente in buona fede? La faccio da giovane laureato e laureando, il quale non avrà nesuna raccomandazione di alcun tipo per il futuro e dovrà cercare di tirare avanti da solo...
Allora, poste tutte le peste e corna che si possono dire di questo paese, sopratutto in ambito di politiche economiche e per il lavoro (giustamente), io credo che per prima cosa bisognerebbe ben meditare le scelte importanti per il proprio futuro.
Mi spiego; ognuno di noi ha la possibilità in questo paese (molto più che nella gran parte degli altri, anche economicamente più forti..vedi USA, Inghilterrra etc)di intraprendere un percorso di studi in qualunque direzione si voglia,e a costo praticamente zero per la famiglia (le borse di studio funzionano piuttosto bene, anche se si applicano solo con criteri di reddito).
Quindi, posto questo, credo che riflettere in maniera approfondita su tale percorso sia obbligato; che una laurea in lingue non sia particolarmente remunerativa in una società in cui chiunque abbia meno di 30 anni parla discretamente l'inglese, e molti anche una terza lingua non mi sembra così strano...
Diverso sarebbe stato se si fosse scelto un percorso riguardo le lingue orientali magari, quelle si con possibili sviluppi positivi in ambito lavorativo.
Generalizzando un pò,devo dire che molto spesso vedo gente che ha speso la parte più importante del suo periodo formativo,e quindi della sua vita in studi la cui utilità risulta dubbia.
Naturalmente parlo in termini economici,poi ci mancherebbe che non si debba essere liberi di seguire le proprie passioni,ma in questo caso con la piena consapevolezza di quello che ci aspetta.
Naturalmente i migliori auguri per il tuo nuovo lavoro

Giacomo b Commentatore certificato 23.12.11 15:01| 
 |
Rispondi al commento

FRATELLI D'ITALIA,
è con lacrime di pianto che scrivo, ho 37 anni e sto nella stessa vostra situazione, senza lavoro e prospettive. Pensare nel 2011 di lasciare questo paese conquistato e venduto dai farabutti mi sembra un brutto sogno. Ma dalla rabbia sale il mio orgoglio di ITALIANO e non ci sto a farmi prendere ancora a calci nel culo. Questi si sono fatti i conti, MA I CONTI SENZA NOI ITALIANI NON SI POSSONO CHIUDERE. Io dico solo questo, ovunque andiate o se restate, serbate nel cuore il sentimento della nostra patria, della nostra CASA.
Arriverà certo il giorno che diremo ORA BASTA!!!.
E proprio quel giorno sarà la resa dei conti, allora il nostro cuore ci ricorderà chi siamo e ci riprenderemo tutto ciò che è nostro.
NESSUN FASCISMO, NESSUN COMUNISMO E NESSUN PARTITO DI VENDUTI. SOLO UNA GRANDE DEMOCRAZIA DEL POPOLO SOVRANO. E RICORDIAMOCI SEMPRE CHE DIO CI HA DATO QUESTO NOME: ITALIANI.

Ettore Fieramosca 23.12.11 02:02| 
 |
Rispondi al commento

A voi che siete scappati all'estero (..a suo tempo anche io sono scappato), fareste bene ad essere piú onesti intellettualmente ed ammettere che l'estero non é quel paradiso che vorreste far credere, non ci prendiamo in giro. Sapete benissimo quali deserti vi attendono. tu che sbavi per il Texas, ti darei un pugno sul naso, perché io il TX lo conosco. La realtà è che la cosa migliore da fare sarebbe far piazza pulita senza misericordia di questa immondizia di politici, confindustria, dirigenti, mafie, leghe e combriccole varie che vivono alle nostre spalle. Non credo alle vostre buone intenzioni, ragazzi, se solo 10 di voi avessero le palle potrebbero cambiare questo paese. Voi, proprio voi questo sistema infame lo sostenete ogni volta che non vi ribellate, ogni volta che tirate a campare, ogni volta che vi fate, ogni volta che vi sentite migliori perché scappate.

Franco Parlato 22.12.11 07:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fai bene Francesco ad andartene, io ho da poco compiuto i 23, non ho una laurea e sono tutt'ora in balia del silenzio stampa riservatomi dalle agenzie di lavoro; vivo al nord in provincia di Brescia, ma anche qui vale la stessa regola universale che se non hai un parente, un amico, o un genitore che ti sistema, hai già finito. E' inutile illudersi, non ci sono mezzi termini per descrivere la crisi. Sono d'accordo con la tua decisione di lasciare il Paese a tal punto che mi sto preparando anch'io all'idea di emigrare.
Al momento sto facendo la patente del cammion, e nel frattempo rispolvero quel poco di tedesco che ho studiato alle superiori per prepararmi ad andare a lavorare nella florida Germania. La mia grande paura è quella di non riuscire ad ambientarmi una volta là, oppure di dover affrontare tutte le difficoltà da solo, anche perchè partirò da solo e là non conosco ancora nessuno. Tuttavia il sapere che ci sono tante altre persone che se ne sono andate prima di me mi imprime molto coraggio, e poi penso anche che sia giusto affrontare le proprie paure in giovane età, evitando di rimandare per poi ritrovarsi vecchi e pentiti. Sono anche dell'idea che per fare un favore all'Italia in generale è meglio emigrare che restare, in quanto andandosene non si da più la possibilità ai nostri politici di riscuotere tasse e sovvenzioni di vario tipo, dirette (come tasse imposte e contributi) o indirette (come gli aumenti sul costo della benzina); mentre restando e continuando a pagare ogni giorno, oltre a impoverirti, alimenti indirettamente un sistema che ti penalizza progressivamente. E' un po' il concetto del togliere il nutrimento al tumore per non farlo progredire. Infine anch'io mi sento del parere di consigliare a tutti quei giovani che non trovano opportunità nel proprio paese di andarsene senza rimpianto e soprattutto in tempo utile. Un grande Ciao e un in bocca al Lupo!

Lucio Junior Ragnoli, Brescia Commentatore certificato 22.12.11 00:47| 
 |
Rispondi al commento

Addio, e non farti rivedere mai più.

Economista Libero 21.12.11 22:30| 
 |
Rispondi al commento

La Germania a me ha dato molto e gliene sono molto riconoscente. Anch'io ho dovuto lasciare molto tempo fa la mia amata Napoli.
Mai e poi mai avrei potuto raggiungere "onestamente e senza raccomandazioni" quello che ho potuto raggiungere qui. Percio' Francesco buona fortuna e fatti voler bene e vedrai che non te ne pentirai.
Pss .Dopo poco tempo te ne accorgerai tanto fanno schifo i nostri politici.

Mario B. 21.12.11 20:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fate bene ragazzi ad andare via non ve ne pentirete.Io invece 22 anni fà me ne sarei potuto andare e sono rimasto per una donna adesso è un anno che sono in mobilità e sono quà che mi mangio le mani pentito e incazzato per quella scelta infelice!!!

Fabio B. Commentatore certificato 21.12.11 19:15| 
 |
Rispondi al commento

UN GRANDE "IN BOCCA AL LUPO"....ragazzo!!!!

Andrea Minarelli 21.12.11 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Minchia che post! Dove cazzo siamo arrivati! Emigrare giovani per lavorare, siamo proprio alla frutta, anzi, all'ammazzacaffè!

Luigi Di Pasquale, Margherita di Savoia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.12.11 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
queste testimonianze che pubblichi sono importanti: i giovani costretti ad andarsene dal paese ridotto ad un colabrodo da parte dei vecchi (i giovani non possono essere responsabili degli ultimi 50 anni di paese!) o costretti a vendere tutto e vivere su un camper una vita senza radici e senza famiglia (un figlio non lo tiri su cambiando scuola e amichetti ogni 15 giorni).
Ma se tutti se ne vanno, CHI RESTA A CAMBIARE QUESTO PAESE E RIMETTERE A POSTO LE COSE?
Tu chiudi ogni tuo post con il bellissimo finale: "Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure."
Ma queste testimonianze sono di persone che si sono arrese, di chi se ne va all'estero o rinuncia a vivere. Questo E' arrendersi! Invece bisogna rimanere qui, gridare a voce alta che in Parlamento fanno tutti schifo (e sottolineo il TUTTI, perchè nessuno di loro è disposto a tagliarsi lo stipendio o le indennità o i finti rimborsi) e smetterla di ragionare come vogliono LORO.
Sono LORO i nostri dipendenti, sono LORO che se ne devono andare dal Parlamento, sono LORO che si devono vergognare come dei ladri quando escono fuori di casa e la gente li guarda per strada!
Non siamo noi a dover scappare all'estero come dei fuggitivi!

Barbara B. 21.12.11 14:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimo Francesco, congratulazioni, non te ne pentirai. I primi due anni non saranno facili e come potrai bene immaginare ci saranno delle lacrime alla partenza. Anch'io nei primi 2,3 anni quanto tornavo a trovare la mia famiglia al momento della partenza abbracciando mia madre il nodo alla gola c'era. Queste cose fanno parte della crescita e il prima le affronti meglio e'.
Ho lasciato l'italia nel 2003, vissuto in inghilterra per circa otto anni e ora vivo in danimarca. Nel regno unito, munito di solo diploma con il fantastico voto di 38/60 ed un inglese scarsissimo ho trovato lavoro e negli anni sono stato promosso.
La nostalgia e' facilmente addomesticabile, io uso skype, l'ho fatto installare a mia madre e cosi ci vediamo un paio di volte al mese e ci facciamo una chiaccherata di un'ora e mezza a chiamata, parlo di piu' con i miei genitori ora di quanto lo facessi prima quando vivevamo sotto lo stesso tetto.
E' anche positivo che mia madre abbia dovuto imaparare ad usare un computer e skype, questo la proietta nel futuro e la mantiene giovane e indipendente. Dell'italia mi mancano la la terra dei campi, la nebbia, l'afa d'agosto, i colli e la tribalita' del gruppo. Quando torno pero' ho dei piccoli problemi, nelle conversazioni ci sono tabu', tipo la chiesa o diritti agli immigrati che e' meglio evitare, l'emancipazione femminile e' piu' dichiarata che percepita e in autostrada la gente e' aggressiva e non mantiene la distanza di sicurezza mettendo a repentaglio la loro e la mia vita.
Queste sono cose che si notano quando si guarda a se stessi ed al proprio paese da un punto di vista esterno.
Io mica le notavo quando vivevo in italia, stavo male in generale, male al punto di volermene andare via.
A tutti coloro che stanno pensando di emigrare consiglio caldamente di farlo, e' un'occasione di crescita immensa.
Genitori non opponetevi se i vostri figli vogliono andare,siate generosi, lasciateli liberi di fare, non ve ne pentirete.
Vai Francesco! non mollare!

massimo g. Commentatore certificato 21.12.11 14:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo Francesco,
In bocca al lupo per il tuo nuovo lavoro: ti restituira' la dignita' e la voglia di crescere professionalmente. Sino 12 anni che vivo all'estero e non mi guardo ibdietro. Sono felice della scelta fatta e raccimando tutti i neolaureati (e non), cervelloni (e non) di fare altrimenti.
Quando l'Italia sara' vuota di talenti, resteranno solo i furfanti della politica e quelli che li votano.
Francesco, non ti preoccupare, perche' il mondo non finisce in Italia.

Raffaele Rossi 21.12.11 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Mio figlio di 23 anni e un diploma di scuola dell'arte le ha provate tutte, alla fine quest'estate è andato anche lui a lavorare in Germania come cameriere, 1200 euro al mese + vitto e alloggio. Regolarmente assunto dal primo giorno
dopo una settimana gli è venuto un ascesso al dente
del giudizio. Nessun problema il suo capo chiama il
dentista ed il giorno dopo è tutto risolto, compresa la pulizia dei denti, per un totale di
euro 0 (zero). Dopo una settimana gli arriva a casa la tessera della mutua (tedesca) la porta dal
dentista tutto Ok ci rivediamo tra sei mesi.......... proprio come in Italia uguale uguale

cosimo S 21.12.11 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Credo che la tua scelta sia giusta e necessaria... ma mi rattrista leggere di te e di tanti che come te sono andati via dall'Italia... anche perche' ho l'impressione che siano i migliori che se ne vanno...
buona fortuna per tutto!

simona s., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.12.11 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Fai bene 6 1 grande. Un mio carissimo amico si trasferisce anche lui a breve.
Lui, laureato con 10 anni di esperienza qui lavorava come consulente per una nota multinazionale del settore. Tutti questi grossi gruppi hanno 4 pirla a dirigere, non hanno i co***ni di assumere facendo fare il "vero lavoro" che produce valore a dipendenti terziarizzati.

Marco 21.12.11 12:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravissimo!In bocca al lupo!
L'Italia e' una nazione dove vivono bene magnacci - ladri - evasori - raccomandati.E' oramai una nazione di MERDA!Non c'e' piu' nulla di buono.La nazione con il piu' alto tasso di disoccupazione,di tasse,di inquinamento di mari,fiumi,laghi,terreni.Una nazione fatta di gente OBESA,intossicata da cibo spazzatura,degna solo della televisione.Non ci sono piu'gli italiani di una volta.POPOLO DI CACCA!!
Hai fatto benissimo.Anche io sto provvedendo ad andar via e chiudere la mia attivita'.

Roberto Carrisi 21.12.11 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, io ne ho 41 di anni, 22 anni di attività in proprio con dipendenti ( con cui ho un rapporto buonissimo ), ma adesso non ne posso più, me ne vado come fai tu, questo paese ci stà rubando il futuro, MERDA ! Politici fottuti.

omar 21.12.11 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Quando ho detto a mia madre che mi sto informando sulle possibilità di lavoro in Australia si è messa a piangere. Non posso immaginare cosa provi. Certo è che qui non ho alcuna offerta di lavoro, mentre il recruiter di Sydney che ho contattato attende la mia "application" con la bava alla bocca.

Alberto M. 21.12.11 10:57| 
 |
Rispondi al commento

se ti mando un CV lo porti alle risorse umane della tua ditta?

alessandro ginesi, Genova Commentatore certificato 21.12.11 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Caro Francesco
ti seguo col cuore
ho poco più di 40 anni e circa 20 anni fa ero nella mia amata London ... a quel tempo non c'erano grossi problemi di "impossibilità di scelta" e sarei potuta restare là .... ma poi "..e la mamma come fa?" e altre limitazioni del genere.. e me ne sono tornata lemme lemme a casina ... beh ... espatriare allora sarebbe stata la mia SCELTA e mi pento terribilmente di non aver seguito il cuore.
quindi fuggi da questo posto senza rimpianti, fiero del tuo 110 e lode e felice del fatto che almeno il tuo - a differenza di molti altri - sta avendo dei riconoscimenti, non importa dove ...
e poi se proprio ti assalirà la nostalgia, "casa" è a 2 ore di aereo ..
in bocca al lupo!

Manu A. 21.12.11 10:23| 
 |
Rispondi al commento

Fai bene.Io sono un artigiano e ho 50 anni , sono emigrato negli States , nel 97 e dopo 1 annetto ho fatto la cazzata di tornare in Italia, purtroppo per gli States c'è il problema dei visti.Continuo a fare l'artigiano e dire sopravvivo è una parola grossa , tant'è che mio figlio (22 anni)che lavora con me , dopo 4 anni, facendo centinaia di ore di lavoro la settimana per guadagnare la metà di un operaio , ha deciso di andare a lavorare a Londra, ha inviato 3 CV e ha ricevuto 3 risposte, ora sono 2 mesi che lavora lì e a Gennaio partirà in pianta stabile.Anche a me hanno offerto(pagato bene) di trasferirmi e nonostante a 50 anni non sia il massimo, ci stò pensando seriamente, probabilmente chiuderò la mia attività trentennale e accetterò.
Peccato avrei voluto rimanere e continuare, facendo un discorso egoistico avrei dovuto scoraggiare mio figlio(l'unico)e farlo rimanere, ma quì si parla di sopravvivenza(altro che evasori) ed ho preferito incoraggiare mio figlio ad andarsene, per il suo bene.Il mondo è grande e se non sarà Uk, sarà qualche altro paese che possa apprezzare , non solo economicamente, le professionalità e la voglia di intraprendere.

Michele 21.12.11 10:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che sfortuna noi italiani, dobbiamo tenerci i comunisti perché loro in russia col cavolo che ci vanno.

a volte (ritornano) Commentatore certificato 21.12.11 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Vedrai che non ti pentirai della scelta (obbligatoria) la Germania è un grande Paese con un senso sociale e morale sconosciuto in italia.

ruggero f., vicenza Commentatore certificato 21.12.11 09:29| 
 |
Rispondi al commento

Ti faccio i miei migliori Auguri, ma fatti bene i conti!
Guarda che 1450€ mese in un Paese dove un operaio metalmeccanico ne prende 2500 non sono un granchè.
In bocca al lupo e spero tu ti possa togliere tante soddisfazioni.

Donato Tobi () Commentatore certificato 21.12.11 09:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Auguri Francesco, io sono figlia di immigrati e capisco sia chi rimane e sia chi va!

Vorrei solo sottolineare una parte del tuo post:

"In Italia, invece, i giovani sono sempre giovani. Mentre i vecchi non invecchiano mai."

ECCO APPUNTO.

A 50 anni senti ancora dire che "devi fare esperienza".

Oppure chiamare "giovane imprenditore" un signora avanti con l'età come era la Marcegaglia a 44 anni.

Senti dire "ragazzo" riferito a perosne di oltre 30 anni.

L'ISTAT dichiara giovani solo quelli sotto i 25 anni.
Tra i 25 e i 65 si parla di adulti.

Ma a breve gli adulti arriveranno fino a 70, credetemi.

Blindata24 21.12.11 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Beato te, anche io ho provato a chiedere di lavorare in una gelateria in germania, avendo un passato da fornaio, ma non ho avuto risposta.
Peccato...l' austria e la germania sono tutto un altra cosa.
Non conosco la lingua ma se troverò un' occasione me ne vado anche io e se non la troverò voglio assolutamente avere la soddisfazione di pigliare a calci in culo QUELLA GENTE LÀ.

Ciao e buona fortuna...
PS: se ti capita una gelateria sottomano fammi sapere...

Nicola 21.12.11 08:31| 
 |
Rispondi al commento

Hai fatto benissimo !!!!!!!!!!!!

Via da sta italietta di raccomandati e cialtroni !!!

Partono i bastimentiiiii per terre assai lontaneee , cantano a bordo........

Gesualdo Antani 21.12.11 07:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, io sono rimasto in Italia. Invece di piangere e diventar matto a cercare un lavoro a tempo indeterminato, dove ho preso delle grandi porte in faccia, mi sono inventato un lavoro mio. Ora non dipendo da nessuno ed ho delle entrate che mai mi sarei potuto immaginare. Se si ha fantasia e voglia di fare una soluzione si trova anche senza emigrare. Massimo rispetto comunque anche per chi ha deciso di andar via.

Lorenzo R. 21.12.11 07:26| 
 |
Rispondi al commento

Più di 20 anni da imprenditore onesto, che ha fatto di tutto per stare nelle regole. E poi? Ho perso (quasi) tutto, compresa l'eredità, e a 47 anni sopravvivo con lavori a contratto a progetto e tempo determinato.
Possibilità di andare all'estero, ora, non ne ho, ma non mi rassegno.
E non farò più alcunché per questa Italia: io ci ho provato e il prezzo da pagare è stato troppo alto.
Spero di riuscire, tra qualche anno, a trasferirmi dove la gente un "bel" giorno si è stancata - TUTTA - e ha deciso che la scorsa Primavera sarebbe stata l'ultima da sudditi.
Ai giovani un consiglio: non perdete tempo qui, a giocare con chi le regole o non le fa o le cambia mentre state "giocando". La posta è il VOSTRO futuro: non regalatelo al LORO presente.

Michele Fiori 21.12.11 06:05| 
 |
Rispondi al commento

Hai fatto bene! Anche io sono emigrato a San Antonio, in Texas da quasi due anni, dove vivo con mia moglie americana. La qualita' della vita e' nettamente superiore a Roma, tecnologia superiore, spazi enormi intelligentementi urbanizzati (e non devastati dai palazzinari collusi con i politici come in Italia), redditi sono molto piu' alti ed i prezzi meno della meta'. Istituzioni al servizio dei cittadini e non al servizio di una casta come in Italia. Sto facendo una grandissima esperienza umana e di confronto ed apprendimento di come dovrebbe essere lo stato e la politica. Tornero' un giorno, ma solo quando avro' la sensazione che la maggioranza degli italiani ha finalmente deciso di essere dei cittadini e non dei sudditi (pronti a vendere la liberta' nella speranza di coltivare egoisticamente i loro piccoli orticelli) Tornero' un giorno, ma solo per combattere la casta e tutti i parassiti che la stanno distruggendo. Nel frattempo respiro aria di liberta' in USA ed imparo la vera democrazia

Stefano G. 21.12.11 05:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Francersco, ti capisco benissimo.
Sono in Austria da quasi 4 anni (a Febbraio del 2012) e devo dire che pur seguendo le vicende italiane (ho comunque genitori pensionati e amici in quel di Ferrara, nonchè un senso di partecipazione emotiva verso tutti i miei connazionali) qui a Vienna ho trovato un buon ambiente anche con una disavventura iniziale come ho raccontato in un altro post.
Mi sono trasferito perchè volevo formare una famiglia mia ma dato che non guadagnavo abbastanza e mia moglie, che sposai alla fine del 2008 a Vienna, è ucraina con 2 lauree e di buona famiglia, in Italia se le andava bene poteva solo fare la badante o roba del genere.
Se volevo un reddito che superasse i 1600 euro in 2 ho deciso di fare il grande passo. Adesso viviamo, niente vita agiata ma viviamo bene e in Italia ci torno sempre molto volentieri, ma solo in vacanza.
Non è escluso che tornerò per la vecchiaia, dato che la pensione austriaca è più alta di quella italiana e hai la possibilità di accorparle tutte e due. Mah. Vedremo.

Stefano Lazzari 21.12.11 03:44| 
 |
Rispondi al commento

E' gia' 4 anni che sono partito e in italia ci vengo a fare il turista.....
Ciao da Auckland, New Zealand.

Mario D 21.12.11 02:51| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo i commenti mi rendo conto che siamo in tanti noi emigrati..e tanti di noi pur delusi dall'Italia campanilista ed irriconosciente, priva di meritocrazia ..ancora sperano un giorno di tornare.. Io ci ritornero' ne sono sicuro. Sono arrivato a Toronto 2 anni e mezzo fa, senza conoscienze. Oggi guadagno bene e sono Manager. Auguri a te...

navlis 21.12.11 02:33| 
 |
Rispondi al commento

Buona famiglia e buoni acquisti, Francesco I.!

Andrea C., Milano Commentatore certificato 21.12.11 02:19| 
 |
Rispondi al commento

Io ti faccio i miei migliori auguri. Davvero di cuore. Ti meriti di fare le tue esperienze, come qualsiasi persona giovane dovrebbe fare. Purtroppo l'Italia è quello che è, nel mondo lavorativo, in special modo, siamo indietro anni luce dalle altre realtà. Io mi sono ricongiunto con la mia compagna negli States. Non è facile da nessuna parte, nemmeno qua. Le opportunità piano piano ti vengono comunque date. In ogni modo ribadisco, non è facile. Vivo in California da due anni, non sono ancora tornato a casa. Sento i familiari, gli amici e dopo un pò ti senti lontano. Lo stile di vita non parliamone nemmeno. Tieni duro, vedrai che se non sarà il primo anno, il secondo o terzo ti ambienterai un pò, poi magari se tornerai in Italia sarà sempre un'esperienza che ti arricchirà. Personalmente (non voglio fare il bastian contrario del forum) ho moltissimi amici emigrati, molti per necessità, ma tutti vorrebbero tornare e avere condzioni di vita dignitose. Basterebbe poco alle volte: canoni agevolati per gli affitti, inserimento nel mondo del lavoro per i giovani (magari anche con incentivi fiscali alle imprese), una maggiore tutela del potere di acquisto, e soprattutto, una cultura della legalità più diffusa. A pagare sono sempre gli stessi, chi non ha le raccomandazioni, gli amici di, il parente dell'amico. In Italia si trova lavoro per conoscenza. Qui anche. Ma se hai esperienza, titoli di studio e buona volontà, almeno hai una speranza di farcela. Addirittura ti chiamano per fissarti un colloquio (in Italia dopo centinaia di CV inviati, nemmeno una risposta, laureato con 110 e lode e fluente in 3 lingue). Ormai, pare che la rassegnazione trionfi ovunque. Caro Francesco, ti auguro il meglio per il tuo futuro. Spero che tu possa realizzarti, magari un giorno tornerai e ti leverai qualche sassolino dalla scarpa... nel frattempo, Ciao Italia...

balalaclava 21.12.11 02:17| 
 |
Rispondi al commento

anche io me ne vado,vado a vivere a Londra con la famiglia,qui mia moglie non trova lavoro da quando è rimasta incinta 4 anni fà,là in un mese ha già trovato lavoro a tempo indeterminato e in più prende quasi 600 sterline al mese di sostegno che le fornisce lo stato,mia moglie è nigeriana,mia figlia ha tre anni e non me la sento di farla crescere in un paese razzista come questo,qui mia figlia non ha futuro,o meglio l'unica aspettativa che ha è quella di restare una "povera negra" e io questo non lo permetto,me ne vado,col cuore lacerato e l'anima spezzata ma me ne vado,sono arrivato al punto di ripudiare il mio paese,che pena che mi faccio,non lo avrei mai detto,io che ero così orgoglioso di essere italiano......ora sono così deluso che spero che mia figlia non lo diventerà......

Simone Carcano 21.12.11 01:26| 
 |
Rispondi al commento

Ciao caro ,io ho moglie e 4 figli,anche io me ne vado con la famiglia ,mi sono trovato un sponsor in canada ,a Vancouver,sollo che io piu che ciao [ in bel va fa culo.e anche grazzie a sti cazzi di romani
offendetevi pure,ma se guardate in casa vostra voglio proprio vedere se non ci sono dei statali di merda

ROY ALESSANDRO 21.12.11 00:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lavoro in Germania da 3 anni e mezzo. Neanche a dirlo ho lavorato come precario in Italia per 1000 euro al mese. Laureato con dottorato in ingegneria delle TLC tra Italia e University of California LA.
Mi chiedo quanti soldi sono costato al mio paese per poi essere regalato alla Germania, che mi offre 4 volte di più a tempo indeterminato. Addio VECCHIA Italia!

Luca Scalia 21.12.11 00:08| 
 |
Rispondi al commento

Io sono partito 2 anni e mezzo fa, non è stato semplice ma ho trovato le mie opportunità che ogni giorno diventano sempre migliori.
In Italia nel medesimo settore mi risposero "se non hai parenti e amici all'interno non provare nemmeno".
L'Italia resta un paese bellissimo, intendiamoci. Mi piacerebbe tanto fosse gestito e abitato in modo intelligente, saremmo i padroni del mondo.
Auguri a tutti.

antonio marcheselli, Signa (FI) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.12.11 23:47| 
 |
Rispondi al commento

Fai bene lascia questo paese di merda poiché qui non cambierà nulla ancora per molto tempo.
Gli italiani sono e rimarranno sudditi

claudio fedele 20.12.11 23:25| 
 |
Rispondi al commento

Auguri, la Germania è una paese fantastico, piena di persone colte e di ragazzi pieni di interessi. A dire il vero il lavoro in Italia non l'ho mai cercato, mai! era inutile, quello che c'era era lontano anni luce da ciò che ho studiato alla facoltà di Economia. Vivo da 18 mesi a Monaco di Baviera, lavoro in un campo attinente ai miei studi e non mi manca niente... la cosa bella è che, rispetto all'italia, si guadagna molto di più, i prezzi sono più bassi e molte cose che in italia sono fondamentali qui non lo sono. Un esempio? l'automobile! non ne possiedo neanche una e con gli oltre 1100Km di ciclabili solo nella mia città, non ne sento minimamente l'esigenza, ogni giorno mi faccio i miei 30Km casa-lavoro-casa e stesso dicasi per la mia compagna. Ma al di la di questi discorsi utilitaristici, già il fatto che non avrai più a che fare con gli italiani, ti ripagherà ampiamente.

Mario Fraia 20.12.11 23:22| 
 |
Rispondi al commento

2 mesi fa ho svuotato il conto ho preso mia moglie e le mie 2 bambine e sono venuto a Brisbane in Australia......buona fortuna a voi che restate

Demis lacu 20.12.11 23:15| 
 |
Rispondi al commento

complimenti e beato te che qualcosa di valido hai trovato.. Amici che sono andati all'estero ne ho molti e il solo motivo per cui sono ancora qui oltre ai figli piccoli è che nessuno di loro, ovunque sia andato, si è mai piu sognato di tornare... Dovrebbe farti coraggio anche se è un pò amaro cosi come sapere che i pochi che ogni tanto tornano, rigorosamente per pochi giorni giusto per sbrigare qualche pratica burocratica tipo inps equitalia ecc, dicono che nonostante i tanti anni passati QUI NON E' CAMBIATO UN CAZZO, ANZI.. Quindi, anche se spero di no, con ogni probabilità come lasci troverai ma almeno vai in un posto dove non solo ti danno 1450 euro anzichè 250 ma, vedrai, ogni sera il tuo capo ti ringrazierà per la giornata di lavoro prestata.. Complimenti ancora e buona fortuna.. Sergio

Ps: seppur rantolando resto qui sperando un giorno, che sarà storico, di essere tra quelli che contribuiranno a prenderli tutti a calci in culo !!! Anche per te..

sergio n. 20.12.11 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Io ho detto ciao all'Italia gia 3 anni fa perche' sapevo gia' da allora che la situazone non cambiava. Mi spiace abbiamo davvero un bel paese, quando andate all'estero vedrete che lo stile italiano e ancora molto amato e stimato. Purtroppo pero' non e' colpa solo dei politici che fanno i loro porci comodi ma e colpa anche di molti italiani che non amano abbastanza il loro paese e se stessi per rovesciare per sempre questo stato di cose. Lo so me ne sono andato anch'io ma prima di farlo qualcosa feci per cambiare qualcos'altro... Purtroppo pero' la gente non fa l'assalto ai forni se prima non muore di fame, io sto aspettando quel giorno e son sicuro che IN ITALIA prima o poi arrivera'.

William Giachetti 20.12.11 22:50| 
 |
Rispondi al commento

...in bocca al lupo, fatti la tua esperienza e torna che c'è bisogno anche di te per migliorare la nostra italietta...

gaetano musella (gaetànooo) Commentatore certificato 20.12.11 22:35| 
 |
Rispondi al commento

Consiglierei di viverla con po' di ottimismo. Se anche l'Italia fosse il Bengodi, fare esperienza all'estero e vedere come va il resto del mondo è sempre positivo. Magari un giorno si torna e con l'esperienza fatta riusciamo a mandare via un po' cialtroni e delinqunenti. A calci i culo ovviamente.

Marco B 20.12.11 22:35| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti, io l'Italia gla' 3 anni fa ormai. Mi ero illuso, come tutti i giovani, che l'Italia possa cambiare, per il meglio, tornando la scorsa settimana per fare un concorso all'Univ di Chieti, ma mi illudevo... pur avendo pubblicazioni che anche i prof in Italia si sognano, hanno fatto vincere una raccomandata del cazzo, che persenta i poster ai congressi... assurdo... Addio Italia, e senza rancore, ti mando dolcemente AFFANCULO. A mai piu'! MtQ (Max the Queenslander)

Massimo Micaroni 20.12.11 22:32| 
 |
Rispondi al commento

Auguri di vero cuore, da un genitore che prepara i propri figli a lavorare all'estero con serenità e senza nostalgie.

Salvatore Mantova 20.12.11 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Fai bene, in bocca al lupo. Io purtroppo devo restare, ma faro' di tutto per convincere mia figlia (4 anni) che il suo futuro sara' lontano da questo Paese.

Alessandro Di Gennaro 20.12.11 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Preferisco quelli che restano.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.12.11 22:22| 
 |
Rispondi al commento

fai bene io all'estero ci ho già lavorato appena posso ci ritorno senza ombra di dubbio, l'itaGlia attuale è meglio perderla che trovarla

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 20.12.11 22:21| 
 |
Rispondi al commento

vai e fatti valere!

ivan m. Commentatore certificato 20.12.11 22:19| 
 |
Rispondi al commento

ciao,

noialtri ci chiamiamo tutti expat (espatriati) ... siamo dappertutto. Cita un paese del pianeta ed un italiano é li.

benvenuto nel club,
grax (paris)

grax 20.12.11 22:10| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori