Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La dipendente statale greca


Grecia_negozi_chiusi.jpg
"Proprio ieri l'altro é venuta a pranzo col marito nel ristorante dove faccio il cameriere una signora greca, ci siamo messi a chiacchierare in italiano, le ho chiesto come mai parlasse così bene la mia lingua e si é messa a raccontarmi di avere studiato per 8 anni a Padova dove si é laureata in psicologia. Poi parlando in generale, vista la mia curiosità di sapere come fosse realmente la situazione in Grecia, mi ha risposto dicendo di essere psicologa statale e che fino ad ottobre il suo stipendio era di 1.400 euro, mentre da novembre, senza preavviso, si è abbassato a 900 euri a fronte di un aumento delle ore di lavoro e la perdita di premi o altre forme di agevolazione Bene, anzi male, il suo racconto mi ha perfettamente reso l'idea. Le immagini che vediamo nei servizi dei TG o le notizie dei giornali non spiegano ciò che accade in Grecia, e che presto potrebbe arrivare anche in altri Paesi europei. Italia in testa. Fanculo il governo Monti, la BCE che ce lo ha rifilato, e l' Europa delle banche, dei grossi investitori e delle lobby! Abbiamo il dovere civico e morale, non fosse altro per istinto di sopravvivenza, di mandarli via tutti. Saluti.". Donato S., Vienna

27 Dic 2011, 23:03 | Scrivi | Commenti (33) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Segnalo un interessantissimo articolo che parla degli stipendi nel mondo. C'è un elenco di tutti i paesi. Quante sorprese..
http://www.voglioviverecosi.com/index.php?trovare-lavoro-all-estero-lavorare-all-estero_1295%2Fquali-sono-i-paesi-stati-nazioni-dove-si-guadagna-di-pi-_1558%2F
Forse espatriare non è poi una così cattiva idea..

Roberto Stanzani 11.11.13 14:21| 
 |
Rispondi al commento

W Grillo W Grillo W Grillo. Grillo vuole gli statali a 800 euro al mese! W Grillo. Se andiamo a votare di nuovo col cazzo che voto M5S.
Grazie ma il buon giorno si vede dal mattino e forse gli altri non si sbagliano sul conto di Beppe Grillo

r. b., bari Commentatore certificato 01.03.13 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Aprite gli occhi, apriteli bene!
Certo l'immagine del dipendente pubblico nel nostro paese è difficile da difendere ma una volta eliminato i veri "fannulloni" cui Brunetta non ha torto un capello, rimarrebbero onesti lavoratori che credono nello stato nel welfare nella democrazia. Quando Monti avrà svenduto l'Inps/inpdap goloso bocconcino di miliardi di euro raccolti con i contributi previdenziali ci elargirà CIG, mobilità,malattia,maternità,disoccupazione??? Nessuno chi avrà bisogno o si inventerà ladro o finirà sotto ai ponti

Letizia Criscito 27.11.12 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Il primo atto di una dittatura è di cancellare le elezioni in modo da mettersi al (finto) riparo da chi le "vuole male".
Ma è vero anche il contrario?
Chi ti toglie le elezioni è di fatto un dittatore?
Io dico di si, anche se la speranza di avere un parlamento anche lontanamente decente è utopica.
In questo senso il governo Monti è una dittatura perché nessuno l'ha mai votato. L'europa è una dittatura perché nessuno l'ha mai votata (almeno non in Italia).
Rimane una speranza, che sia una dittatura illuminata... l'europa non lo è stata e Monti per ora mi lascia perplesso... rimane ancora speranza su speranza per la "fase due", anche se per ora nel mio C**lo la fase uno ha già esaurito tutto lo spazio.
Intanto io mi metto un paletto oltre il quale non sperare più (l'acqua è e rimane pubblica)... io non ho la sapiens, spero di non perdere la paziens.

Luca Adezati 30.12.11 18:35| 
 |
Rispondi al commento

@volatile/pn 28.12.2011 22.26

Caro signore...

Io le posso molto piú semplicemente consigliare di rileggersi bene le poche righe che ho scritto,

dove racconto semplicemente un aneddoto personale.

Non ho parlato di rivoluzioni armate ne di spargimenti di sangue.

Un altro piccolo consiglio personale:

Senza bisogno di investire soldi in armi che in mano alle persone sbagliate ( e secondo me ogni persona con un´arma in mano é una persona sbagliata) aggiungerebbero solo tragedie al kaos,

investa pochi euro,

si compri un vocabolario e si cerchi il significato delle parole che io ho usato parlando di "dovere civico e morale".

Il mio indirizzo non le servirebbe pressoché a nulla in quanto non mi aspetto che nessuno mi segua,

ognuno si faccia le proprie "rivoluzioni" cominciando da se stesso,

individualmente,

come ho fatto e continuo a fare io nel mio piccolo,

cercando per quanto possibile di essere ognuno un individuo migliore,

perché solo un insieme di individui migliori potrebbe far nascere una societá migliore.

Tante buone cose e in bocca al lupo per la sua "rivoluzione".

Donato.

Donato S., Vienna Commentatore certificato 30.12.11 00:21| 
 |
Rispondi al commento

Perchè stupirsi tanto di quello che accade in Grecia? Sta accadendo pure qui nel sud italia. L'unica differenza è che L'ITALIA NON è LA GRECIA è QUINDI LA RECESSIONE ECONOMICA AVVERRà IN MANIERA GRADUALE( ANZI è GIà IN CORSO ) SOLO PERCHè LA NOSTRA RICCHEZZA ACCUMULATA IN PASSATO è PIù CONSISTENTE DI QUELLA GRECA. TUTTO QUA. Checchè ne dicano i politici, giornali e televisioni siamo messi come la Grecia qui al sud. Al nord la ricchezza è leggermente superiore, ma ha poca importanza perchè ci seguirà a ruota nella recessione economica. Da Adesso in poi potrà succedere qualsiasi cosa, anche la guerra civile. Chissà.....quel che è certo è che la GENTE SI STA ROMPENDO I COGLIONI SUL SERIO E QUANDO UN POPOLO SI IMBUFALISCE E VUOLE CAMBIARE LE COSE SARANNO DOLORI PER QUEI SIGNORI SEDUTI IN PARLAMENTO CHE CI HANNO CONDOTTI IN QUESTA SITUAZIONE. Buon anno ai politici!! LO DICO PERCHè FORSE SARà L'ULTIMO CHE PASSERANNO IN LIBERTà......

Gaspare M. Commentatore certificato 29.12.11 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Ti stupisci? Noi per esempio nella piccola azienda dove lavoriamo per non chiudere siamo da un anno e mezzo a metà stipendio, e questa è quasi la regola per chi lavora in proprio, resta lassù dammi retta, anzi, se continuerà così verrò anch'io!

daniele fedeli 29.12.11 09:29| 
 |
Rispondi al commento

Lei che dice: dobbiamo armarci e scatenare una guerra civile? Bene. Ci sto. Però, io che non sono un gran delinquente, non so dove approvvigionarmi di armi e munizioni...gratis! Sa, tanti soldi non li ho! Poi, quando mi avrà dotato di tutto l'armamentario, mi dica dove abita: vengo a trovarla e, se lei mi precede, la seguirò!

volatile/pn 28.12.11 22:26| 
 |
Rispondi al commento

Quante parole sciocche ho sentito nei commenti sopra...e nessuna che centrasse davvero il nocciolo del problema.é il sistema economico in cui ci muoviamo la genesi di tutti i nostri problemi, e finche non si toglie di mezzo questo capitalismo malato, e non si instaurano dei sistemi che mettano al centro la società invece del denaro, si sta solo parlando al vento. Dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi questo capitalismo muscolare ha distrutto il pianeta,depauperando risorse naturali che usate con criterio avrebbero garantito intere generazioni di persone per secoli, creato 5 e dico 5 miliardi di poveri a fronte di 800 milioni di persone che vivono in un moderato benessere,ce però si assottigliano sempre di più, perchè l'unica regola che vuole il capitalismo è che sempre più gente diventi povera perchè sempre meno si arricchisca. Io lo affermo senza problemi, non è un problema di persone, è un problema di metodo, ed allo stato attuale dei fatti siamo gia spacciati, e la guerra civile, è dietro l'angolo...si salvi chi può...

Marco N., Marsciano Commentatore certificato 28.12.11 20:02| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, come dimostra questo post, la situazione dei greci e' e diventera' sempre piu' insostenibile, non tanto a causa della crisi, quanto a causa delle varie manovre "salva Grecia". Io credo che, anche in Italia, fra due anni circa saremo messi come la Grecia ora. Non credi che la soluzione a questo disastro non sia quella che la Troika europea ci vuole far credere? Cosa mi dici della soluzione adottata dall'Argentina dopo il default del 2001 potrebbe essere una soluzione? potresti fare un bel post su questo argomento che, credo, interessi la maggior parte della gente..perche' temo, che se non si cambiano le regole, anche se il M5S andasse in parlamento con la maggioranza dei deputati, in questo sistema, avrebbe le mani legate e la situazione non cambierebbe abbastanza da permettere agli italiani di vivere discretamente. In altre parole se anche dovesse decidere il movimento cosa fare, se l'europa impone certe scelte, e vediamo cosa impone, chi e' al governo si DEVE adeguare..non e' un caso che in Grecia, non appena e' stata pronunciata la parola "referendum" il governo sia stato fatto saltare.

alle macc Commentatore certificato 28.12.11 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Buon inizio, ma conclusione qualunquistica. La medicina-Monti, per quanto amarissima e inadeguata, era l'unica che potessimo attenderci. La crisi del debito sovrano mostra, piuttosto, che la costruzione dell'Euro era senza fondamenta, che abbiamo una moneta unica, ma non un istituto di emissione (la Bce NON lo è), che gli egoismi nazionali prevalgono (Deutschland uber alles). Una delle soluzioni praticabili, piuttosto, è che la Bce possa immettere liquidità nel sistema, cone può fare (e fa bene) la Fed negli Stati Uniti. In aggiunta occorrerebbe imporre rientri dal deficit con una curva temporale più "morbida", altrimenti avrai i conti a posto, ma l'economia in putrefazione. Occorre cambiare le regole del gioco, insomma. E non è facile. Soprattutto per l'opposizione della Germania, opposizione motivata soprattutto dal fatto che Frau Merkel deve fare la faccia feroce e proclamare l'intransigenza per tenere buono il suo elettorato (i tedeschi sono poco propensi ad aiutare stati che giudicano poco virtuosi, ma sembrano non capire che in questo modo segano solo il ramo su cui sono seduti, in perfetto stile Tafazzista). Mandando a casa Monti rimetteremo solo il Paese nelle mani degli incompetenti che (da destra e da sinistra) hanno mal governato l'Italia negli ultimi due decenni.

Giovanni Capozzi 28.12.11 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Sono il risultato di politiche già descritte da un certo Paolo Barnard sulla rete. L'Euro come leva per il lavoro a basso costo in Europa e la nascita della schiavitù moderna.
ciao

alessandro blasi Commentatore certificato 28.12.11 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Per cambiare non bastano questi discorsi. o si prende in mano un arma e si fa come nel nord africa oppure si sta zitti e si subisce. lottare mettendo a disposizione la propria vita per cambiare le cose per le generazioni a venire. o si versa sangue o si sta zitti e muti.

Giovanni A., Proceno Commentatore certificato 28.12.11 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

perfettamente d'accordo. Ma vedrai che fra poco appena ci avranno rubato tutto il rubabile se ne andranno all'estero prima del linciaggio vendendosi le loro cose prima del crollo dei prezzi e lasciando un bel debito pubblico da ripianare. Noi qui e loro a godersela chi sa dove alla faccia nostra!

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 28.12.11 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sempre la solita solfa, la solita guerra tra pezzenti... statali contro autonomi, che non significa niente. Gli autonomi se la prendono con gli statali che hanno lo stipendio fisso e non lavorano o fanno poco e magari hanno il doppio lavoretto, gli statali con gli autonomi che evadono ... e siamo sempre li... a farci prendere per il deretano tutti.

Fare sacrifici??? èèèè fare sacrifici tutti.... èèè e qualcuno vuole spiegarmi perchè?

perchè dobbiamo fare i sacrifici? per chi dobbiamo fare questi sacrifici?

per salvare l'euro delle banche:

vada al diavolo l'euro... perchè se l'euro serve a noi è un conto ma se noi serviamo all'euro allora l'euro prima muore e meglio è.

dobbiamo salvare l'unione europea?

perché???

che ci ha dato??? a che ci serve???

senza euro e senza unione europea stavamo meglio
e dei conti pubblici tutti se ne fottevano allegramente tanto erano una truffa allora esattamente come lo sono ora...
con la differenza che prima i greci stavano bene e adesso sono alla fame.. e lo stesso toccherà a noi.... perché ripeto???

in nome di che? per quale scopo?

per far fare ai banchieri e agli economisti
quello che vogliono???

che sacrifici fanno loro???

Napolitano che sacrific fa???
Monti che sacrifici fa ???
Berlusconi, Bossi, Bersani, Vendola, Di Pietro,
Draghi, e compagnia bella che sacrifici fanno???

Si criminalizzano tassinari ma non si parla mai dei notai, io non conosco nessu tassinaro ricco ma i notai lo sono tutti....

si criminalizzano gli idraulici ma non si parla mai dei giudici o dei manager delle ASL o dei
sovrintendenti di stato. et.. etc.

sapete quando prende un corazziere di stipendio
senza fare un cazzo di niente dalla mattina alla sera??? cominciamo a licenziare quelli poi magari passiamo ai notai, ai primari che poi hanno tutti la clinica o lo studio privato.. e via così...
ai voglia prima di arrivare ai tassinari.
ma prima di tutto... buttiamo nel cesso l'euro e l'europa delle banche.

Matteo Veca 28.12.11 11:33| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

La famosa "FASE DUE2 del Dittatore MONTI, riguarderà senz'altro stipendi e pensioni che saranno "congelate" nelle BANCHE e in POSTA (per il nostro bene e per il futuro dei ns. nipoti) e (forse) trasformate in prestiti nazionali (BOT). Questa sarà la famosa "scintilla" che farà saltare il "sistema italia" perchè oggi é proprio grazie a stipendi fissi e pensioni che si tengono in piedi piccole aziende e precari.
Auguri

Mario P., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.12.11 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace per la signora greca, credo però che nella situazione generale in cui ci troviamo qualche sacrificio lo debbano fare anche i dipendenti dello Stato, che a differenza di tutti gli altri hanno il posto di lavoro assicurato a vita.
Io sono un libero professionista, e vi posso assicurare che con la crisi ci convivo già da tre anni, e che il mio reddito è calato percentualmente ben più che quello degli statali greci. Molti dipendenti del settore privato il posto di lavoro non ce l'hanno proprio più; in fin dei conti i dipendenti pubblici finora sono quelli che la crisi l'hanno sofferta meno.

salvatore sbriglione 28.12.11 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si bisogna spazzarli via, ma non con la scopa, col bastone, anzi, con i manganelli che ha usato la polizia nella scuola Diaz (per la par condicio)

Silvano G., brescia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.12.11 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Da noi è già iniziato: chiedete a un dipendente statale se il suo stipendio è lo stesso...

Raffaele Bocciardi 28.12.11 10:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una precisazione per chi dice che il debito é colpa della malapolitica e degli Italiani... Se cosi fosse come mai nell' era di tangentopoli, ma con moneta sovrana non avevamo debito? consiglio vivamente a tutti di leggere com' è nato il debito italiano in questo link:
http://sinistrainrete.info/politica-economica/1398-il-debito-estero-come-strumento-di-dipendenza-litalia-prima-e-dopo-leuro.html

Omar Carnevali 28.12.11 08:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Italia tutto si tiene: il debito pubblico è stato fatto da una cattiva politica che è stata votata dagli italiani che, in larga parte, godevano di servizi per i quali non pagavano e di una diffusa tolleranza verso la loro mancanza del senso dello stato, del dovere e del bene collettivo. Se preferiamo pensare che responsabili di tutto questo siano le banche, siamo liberi di farlo e di seguire i "pifferai magici" e i demagoghi che, di volta in volta, ce lo suggeriscono. Se, viceversa, ognuno di noi analizza criticamente il suo comportamento pubblico e il microcosmo di parenti, amici e conoscenti che lo circonda vedrà come le banche, i poteri forti, la chiesa siano solo una parte del problema che è molto più complesso e incancrenito di quello che appare e che affonda le radici nella storia, nella nostra cultura individualistica e familistica, nel nostro cinismo, nella mancanza di etica sia laica che religiosa. IN SINTESI, BERLUSCONI, D'ALEMA, BOSSI, CASINI, DI PIETRO, BEPPE GRILLO, SIAMO NOI E NON FANNO NIENTE DI DIVERSO DI QUELLO CHE FAREMMO NOI AL LORO POSTO.

Francesco Filippini 28.12.11 00:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Si , spazzeranno via NOI ....se non si fermano....

Per coprire i loro guardaroba....e privilegi...

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.12.11 23:44| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori