La fine del finanziamento pubblico ai giornali

Grillo_V2day.jpg
"Il 2012 non sarà del tutto negativo. Porterà in dono anche la chiusura di molti giornali finanziati con soldi pubblici, veri cani da guardia dei partiti. Giornali che hanno attaccato il MoVimento 5 Stelle prima ancora che esistesse o che, nel migliore dei casi, ne hanno taciuto le iniziative. Il V2day del 2008 fu un atto di accusa contro la disinformazione dei giornali assistiti e legati a filo doppio ai partiti e venne chiesta l'abolizione dei finanziamenti pubblici. Tra le testate che attaccò l'iniziativa, prima, dopo e durante, spiccò l'Unità. Ora è in crisi, si metta sul mercato, si faccia pagare dai lettori come il Fatto Quotidiano e, se non vende, chiuda i battenti. Se qualche esponente del MoVimento 5 Stelle la pensa diversamente non è un problema. Il Pdmenoelle lo accoglierà subito tra le sue braccia." Beppe Grillo

Postato il 28 Dicembre 2011 alle 17:18 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa
| Commenti (332) | Commenti piu' votati | Invia il tuo video | Invia ad un amico

Tags: Fatto Quotidiano, MoVimento 5 Stelle, Pd, Unità, V2day, v2day

Commenti piu' votati


L'ex addetta stampa che era nello staff del m5s regione Emilia Romagna è passata all'Unità da qualche mese. Chissà come mai propio ora ci preoccupiamo di questo giornale che ci ha tirato sbadilate di merda fin dal primo VDAY?
Che ragionamento è? Salviamo l'Unità per salvare i lavoratori, MA SE L'UNITà CHIUDE NONOSTANTE I 6 MILIONI DI EURO DI CONTRIBUTO PUBBLICO COME CAVOLO FAREBBE A SALVARSI SENZA???

sofia 28.12.11 18:27| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 20)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avevo letto ieri proprio questa notizia.

"Non è un segreto che il Movimento 5 stelle voglia l'abolizione del contributo pubblico ai giornali, ma - puntualizza poi Defranceschi - non certo per 'punire' la stampa o i suoi operatori, ma per stimolare un ripensamento di un sistema che, così com'è concepito oggi, non regge."

A costui, in fatto di politichese, Andreotti gli fa 'na sega e in fatto di "ma anche no" Veltroni gli fa un baffo!

E continua:

"Certe testate storiche, come appunto l'Unità, hanno un grande bacino d'utenza..."

Bene, allora non avrà problemi a camminare con le proprie gambe!

carmine d9 Commentatore certificato 28.12.11 17:28| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 16)
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Vedrete che se cercheranno di mettere soldi pubblici ne l'Unità, nell'Informazione, a Rete7 o altrove (cosa tecnicamente molto, molto difficile se non impossibile) noi ci opporremo. State tranquilli, il Vday2 lo abbiamo bene a mente."

Andrea Defranceschi

Valerio Tavolazzi 28.12.11 17:47| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento

Per quello che riguarda il parere del consigliere De Franceschi : Ha sbagliato perchè il movimento 5 s rappresenta persone che a maggioranza di raccolta firme vogliono abolire il finanziamento pubblico ai giornali . Se vieni eletto in un posto di rappresentanza sei un garante del volere dei tuoi elettori , se non sei in sintonia con la base o con quanto deciso lasci il posto .
Non è Grillo che chiede le scuse del consigliere è il movimento che le chiede . Quello che sta succedendo è il tipico problema della rappresentanza , non può l'eletto o il partito stesso cambiare il mandato che ha ricevuto . Altrimenti ci ritroviamo nell'orgia di governo attuale dove i cittadini elettori lo prendono in quel posto . Il M5S deve essere diverso dagli Scilipoti e dal PD stesso . Dispiace ma è così .
Roberto G.

Roberto G. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.12.11 12:48| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Lo sospettavo che prima o poi ci sarebbero stati casi di questo tipo.
Mi sa che ci sono troppi "comunisti puri" che travasano nel M5S, e questo è un male!
In nome della difesa dei posti di lavoro bisogna accettare di TUTTO.
Per questo ci sono già i sindacati.
Ora è successo questo per il finanziamento ai giornali. Ma può succedere altrove. Nel mio meetup ho avuto accese discussioni sulle centrali a biomasse, "tollerate" dai grillini del posto perchè buone per fare posti di lavoro!
Continuando così, allora, dobbiamo accettare anche gli inceneritori perchè c'è gente che lavora, accettare di costtruire TAV e autostrade per lo stesso motivo.
Ma possibile, cazzo, che alla fine dobbiamo fare la fine di tutti i partiti e partitini, inciuci e compromessi.
Se non si capisce qual'è la forza del M5S è finita.
Certi "grillini" dovrebbero fare un esame di coscienza e capire che stanno sputtanando e tradendo l'essenza del movimento.

carmine d9 Commentatore certificato 28.12.11 18:42| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vedo, con enorme stupore e fastidio, molti che trovano il modo di difendere De Franceschi e attaccare Grillo e il M5S per mancanza di spirito democratico e un chiaro atteggiamento dittatoriale di questi ultimi invocando maggiore flessibilità e confronto democratico.
È ovvio che questi critici non hanno capito nulla dello spirito su cui si fonda il M5S forse perché ci sono tanti fra noi che provengono da realtà politiche in cui i principi democratici vengono invocati a proprio uso e consumo del cui modus operandi et vivendi non è facile liberarsi, forse impossibile.
E' proprio questa "flessibilità" sui principi e sulle regole che il M5S si propone di debellare. I partiti politici che tanto disprezziamo si nascondono dietro pretestuose prerogative democratiche per "discutere" di tutto e trovare sempre il modo di eludere la norma del caso. In democrazia si può e si deve discutere di tutto ma una volta stabiliti dei principi, delle regole, delle leggi si devono rispettare inderogabilmente!!! Poi, sempre tramite un confronto democratico e civile, si possono rivedere e modificare ma senza che ciò influenzi il giudizio su atti o fatti ormai compiuti.
La cancellazione del finanziamento pubblico ai giornali è uno dei principali punti, sia in termini di tempo che di importanza, sanciti nel programma del M5S. Sostenere un'iniziativa che gli va contro, per di più a vantaggio di un giornale palesemente schierato a favore di alcuni e contro altri, tipico dei giornali di casta, proprio la tipologia di giornale che tale norma è finalizzata a combattere, non lascia spazio a dubbi o discussioni: De Franceschi o fa marcia indietro con tanto di scuse oppure si dimette oppure dev'essere cacciato immediatamente. Questo sarebbe un vero atto di rispetto della democrazia.

ROBERTO N., Aprilia Commentatore certificato 29.12.11 22:25| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il pensiero del "non partito", non stutturato, non gerarchizzato, comincia a dare i suoi frutti...
Vedi Grillo.
Questo è il risultato dell'"uno vale uno".
E così, il M5S emiliano esprime posizoni differenti.
Non entro nel merito della diatriba (ho una mia idea del pluralismo dell'informazione), ma questo è il limite che presenta la mancata discussione democratica della linea del movimento.
Se le decisioni vengono prese nelle stanze chiuse di una società di marketing informatico, il minimo che possa accadere è che qualcuno si svegli e dica pubblicamente:
NON SONO DACCORDO!

Terzo Nick Commentatore certificato 28.12.11 20:34| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, anche se hai ragione, non avresti dovuto trattare Andrea Defranceschi così. E' un ottimo consigliere, onesto, si fa un gran mazzo. E' tutti i giorni in trincea. Combatte senza sosta contro la casta Pdl Pd-l. Una telefonata potevi farla prima di dirgli che può andarsene. Lo sai che ti stimo molto e ti voglio bene, proprio per questo ti dico quello che penso. Potrà accadere ancora che qualche eletto vada fuori dal seminato. Non per questo dobbiamo crocifiggerlo pubblicamente. Trattandosi di un tema nazionale e di una risoluzione che impegna il Movimento, Andrea avrebbe fatto meglio a sentirti prima. Ma una volta presa la posizione, e di certo lo ha fatto con motivazione e buona fede, penso che avreste potuto correggerla in accordo.


Ragazzi va bene tutto ma non fate commenti da lobitomizzati !
Defeanceschi può anche aver sbagliato secondo alcuni ( io non sono del tutto d'accordo con lui ) ma BEPPE GRILLO NON PUÒ PERMETTERSI DI CACCIARE NESSUNO ! NON È IL PROPRIETARIO DEL M5S.
Lo siamo noi ! Lui non può dire che se qualcuno non è d'accordo se ne può andare nel PD !
RAGIONATE !!!!
Questa è una cosa degna del peggior leader di partito !
Fate attenzione perché cose del genere rovinano il Movimento !!!!

Luca Vozza 29.12.11 13:40| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

*****************
"Vedrete che se cercheranno di mettere soldi pubblici ne l'Unità, nell'Informazione, a Rete7 o altrove (cosa tecnicamente molto, molto difficile se non impossibile) noi ci opporremo. State tranquilli, il Vday2 lo abbiamo bene a mente."

Andrea Defranceschi
Valerio Tavolazzi 28-12-11 17-47|

:::::::
Andrea ,

non ti sfiora l'idea di dimetterti?

Dopo un post cosi' io lo farei SUBITO.

Salvo poi chiarire con calma e probabilmente vedermi respinte le dimissioni dall'incarico...

"Traqnquilli , siamo su un dosso....dicevano ad
AMICI MIEI...."

Cosi' sembra che siete di un'altra parrocchia....

Molto basito.

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.12.11 18:25| 
 
  • Currently 3.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori










Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.



Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori