Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Debito pubblico, risparmio privato


Oscar_Giannino.jpg
"Dicono: 'Si ma l'Italia non può fallire perchè abbiamo solo 1.885 miliardi di debito, ma il risparmio degli italiani è di 9.000 miliardi di euro'". Ok! Ma sto risparmio è concentrato nelle mani di in una percentuale bassissima di italiani! E come fai a convincerli a pagare tutti i 1.900 miliardi? Voglio proprio vedere, che mi faccio pure due risate nel frattempo." BBB+

14 Gen 2012, 08:25 | Scrivi | Commenti (65) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Un modo ci sarebbe, si chiama "aliquota personale congrua", si tratta di un atto di giustizia riparativa, come di seguito descritto: http://www.ficiesse.it/home-page/6950/iv-congresso-nazionale-ficiesse_-il-testo--integrale-del-contributo-di-cleto-iafrate-sulla-proposta-per-l_introduzione-dell_aliquota-personale-congrua

Cleto Iafrate, Taranto Commentatore certificato 01.03.13 19:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe....Non riesco a darmi pace, finalmente avevo trovato nel M5S un movimento capace di rappresentarmi, un movimento che parla chiara e tiene le distanze dai politici di oggi ed oltretutto anche un movimento simpatico ed invece con la candidatura di Di Pietro ho l'ennesima delusione.
Ma perché hai fatto quella dichiarazione mannaggia?,... non ti rendi conto che quelli come me che sono tantissimi e che avevano deciso di passare dalla tua parte dopo quella dichiarazione che fa sentire puzza di vecchia politica passeranno tutti al partito di Oscar Giannino? .....io sono uno, ma a sentire miei conoscenti e le voci in giro quella dichiarazione non è piaciuta e la gente si è molto raffreddata nei confronti del movimento a 5 stelle......

antonio amori Commentatore certificato 02.11.12 23:49| 
 |
Rispondi al commento

Basterebbe perseguire, in accordo coi paesi europei e Usa, una politica di
redistribuzione della ricchezza tassando i capitali evasi nei paradisi
fiscali,con accordi con la Svizzera,tassando le transazioni finanziarie e
pagando parte del debito con quei proventi e con un piano serio di
dismissioni pubbliche.
Ricordo che :

-uno studio, diffuso dall'Observer e realizzato, per il gruppo Tax Justice
Network ,da James Henry, esperto di tassazione ed ex capo economista della
società McKinsey dicono che i capitali evasi e nascosti nei paradisi
fiscali ammontano ad una cifra compresa tra 21000 e 32000 miliardi di
dollari. Le stime a cui è arrivato Henry derivano dall'incrocio di diversi
dati, da quelli della Banca per i regolamenti internazionali, a quelli del
Fondo Monetario Internazionale.
E' stato calcolato che basterebbe il rientro dei super-capitali evasi per
azzerare l'attuale crisi europea del debito...

Angelo Mazzoleni 30.10.12 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Basterebbe perseguire in accordo coi paesi europei e Usa una politica di redistribuzione della ricchezza tassando i capitali evasi nei paradisi fiscali,con accordi con la Svizzera,tassando le transazioni finanziarie e pagando parte del debito con quei proventi e con un piano serio di dismissioni pubbliche.
Ricordo che :
-uno studio del World Institute for Development Economics Research (Istituto Mondiale per la ricerca sull’economia dello sviluppo) evidenzia che la metà inferiore della popolazione mondiale detiene circa l’1% della ricchezza globale,
-secondo il più recente “Global Wealth Report” di Credit Suisse, lo 0,5% di persone più ricche controlla più del 35% della ricchezza mondiale .Il 2% delle persone più ricche detiene più della metà di tutto il patrimonio immobiliare globale.Anche secondo "The Economic Collapse" la ricchezza diventa sempre più concentrata nelle mani di pochissimi, ed il ceto medio sta scomparendo anche nelle nazioni benestanti come gli Stati Uniti...

-uno studio, diffuso dall'Observer e realizzato, per il gruppo Tax Justice Network ,da James Henry, esperto di tassazione ed ex capo economista della società McKinsey dicono che i capitali evasi e nascosti nei paradisi fiscali ammontano ad una cifra compresa tra 21000 e 32000 miliardi di dollari. Le stime a cui è arrivato Henry derivano dall'incrocio di diversi dati, da quelli della Banca per i regolamenti internazionali, a quelli del Fondo Monetario Internazionale.
E’ stato calcolato che basterebbe il rientro dei super-capitali evasi per azzerare l’attuale crisi europea del debito...

Angelo Mazzoleni 30.10.12 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me potremmo eliminare il ns debito pubblico e diminuire lo strozzinaggio statale affrontando 4 punti: 1) Taglio alla spesa pubblica (stipendi da capogiro, auto blu, eliminazione provincie, eliminazione aziende a partecipazione statale, ecc.). 2) Ritiro immediato di tutta la ns armata militare in giro per il mondo a far guerre che non sono nostre. 3) Legalizzazione delle droghe leggere con vincoli ben precisi, (vietato fumare per strada (non abbiamo ancora la mentalità olandese), ma in luoghi preposti, multe salatissime se si viene beccati a guidare sotto effetto cannabis (ache di 3000 euro, tranne in situazione di incidente "li entrerebbe nel penale" se uno sbaglia deve pagare!) 4) Legalizzazione della prostituzione, perchè anche chi è brutto o timido a tal punto da non poter avere una relazione con una donna, ha il diritto di trombare come tutti! P.S. SE IL VATICANO SI RIBELLA A QUESTE SEMPLICI REGOLE, SAREBBE BENE FAR PAGARE A LORO L'INTERO DEBITO PUBBLICO ITALIANO!!!!!!!!

massimo s., lucca Commentatore certificato 30.10.12 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Se il debito è di 1.928 miliardi (ultima stima al 29 febbraio 2012)e il patrimonio (mobiliare e immobiliare) dell'Italia (pubblico e privato) è superiore ai 9.000 miliardi, sarebbe molto facile risolvere il problema e smettere di pagare gli interessi. Si dice, però, che questo patrimonio sia in mano a pochissimi (Bankitalia stima che il 10% degli italiani possegga il 50% della ricchezza). Se fossero davvero pochi, la maggioranza dovrebbe fare in fretta ad obbligare i pochi straricchi a versare il corrispondente del debito. Ma questo non avviene per due ragioni: che il debito è nelle mani di tanti e metà sono stranieri. Non solo: la maggior parte della gente ha continuato per decenni a votare per coloro che hanno creato il debito e soprattutto per coloro che hanno diminuito le tasse ai ricchi e aumentato quelle per i poveri. L'aliquota Irpef più alta è scesa dal 62% degli anni '80 al 43% attuale. Viceversa l'aliquota più bassa dal 12% è salita al 23%. Inoltre, l'Italia non ha mai chiuso un bilancio con un avanzo o almeno un pareggio. Abbiamo sempre chiuso in rosso, con deficit che si assommava al debito precedente. In altre parole, abbiamo vissuto e continuiamo a vivere al di sopra delle nostre possibilità. Tutto questo soprattutto sulle spalle dei più poveri. Adesso c'è la crisi ed è giunto il momento di sistemare i conti per davvero. Sbaglia chi vuole congelare il debito e finire in default. Anche questo verrebbe pagato dai poveri. I ricchi si salverebbero comunque. Il debito va onorato. Bisogna solo stabilire chi deve pagare. Io penso che tocchi prima di tutto agli evasori. Basterebbe confrontare i redditi degli ultimi 30 anni con il patrimonio attuale di ciascuno per stabilire con equità chi deve pagare e chi ha già pagato. Il fisco è già in possesso di questi dati. Occorre la volontà politica e sociale di fare questo. E la consapevolezza che questa è la strada giusta. Ma ho l'impressione che la prospettiva sia ancora poco chiara a troppi. E forse è già tardi.

Rocco Artifoni 19.04.12 18:52| 
 |
Rispondi al commento

dobbiamo pagare il debito creato dalla speculazione?
+interessi=+debito=+altitassi=+interessi=+debito etc
intanto le banche prendono soldi dalla bce all'1% senza dare soldi alle imprese, anzi partecipano alla speculazione internazionale (comprano i nostri btp), quindi creano il nostro debito...per quanto ancora dovremmo pagare questi maiali (con tutto il rispetto per i maiali). Quanto ancora la finanza dovrà tenerci in agonia...e intanto le nostre imprese non hanno liquidità per pagare i propri dipendenti.

mattia budini 27.01.12 19:15| 
 |
Rispondi al commento

la verità è che presto i titoli di Stato saranno come i bond cirio, parmalat, argentina ecc!

michele vittorio del vecchio, bari Commentatore certificato 24.01.12 20:19| 
 |
Rispondi al commento

il debito pubblico farà la fine dei bond parmalat,cirio,argentina!

michele del vecchio 24.01.12 19:53| 
 |
Rispondi al commento

.

fil. ippo Commentatore certificato 19.01.12 21:13| 
 |
Rispondi al commento

E' evidente che la situazione attuale è a dir poco drammatica, ma a quanto pare, in Italia questo governo tecnico è in realtà pilotato dai soliti "pupari" che muovono i fili salvandosi la faccia per le scelte antipopolari varate ultimamente. Se volessero veramente sanare il bilancio nazionale basterebbe far pagare a quelle categorie, o meglio lobby, che finora hanno sono lucrato e sfruttato con la complicità dei politici. Avvocati, medici, notai e naturalmente banchieri e politici sono le nostre metastasi.

mauro rossi 18.01.12 18:10| 
 |
Rispondi al commento

Vogliamo iniziare a smettere di comprare i prodotti non italiani?Basta prodotti tedeschi,francesi,cinesi ecc.?PASSA PAROLA

Walter Valentino, Roma Commentatore certificato 17.01.12 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Ho sentito Monti...ora l'europa deve..bla..bla..mi sembra un turista che si è smarrito in una città che non conosce!..almeno questa è la mia impressione..lui e la culona della merkel in compagnia del puffo della senna..si riuniscono 'na' altra vorta!...avranno fatto 200 riunioni...ma pensano di prendere in giro la gente!
La grecia ormai è bollita...non siamo sul trampolino di lancio...la Spagna idem..ungheria portogalluzzo e irlanda in tandem...
Ma ci vole tanto a dire: non diamo più un cazzo a nessuno!!stop...!non hanno il coraggio di pubblicare i dati sulla chiusura delle attività e i sui fallimenti..+
I dati del 2009 pubblicati dal ministero delle finanze riportano +67% fallimenti +37% aziende in rosso, mentre le estinte(chiuse)+52%...!mahh!

roby f., Livorno Commentatore certificato 16.01.12 13:58| 
 |
Rispondi al commento

la rivoluzione e stata pronunciate! finalmente parole sensate!
?????????????????????????????????????????
come ghigliottina !!!come nella rivoluzione francese!!!
non servira questo!!
appena il default italiano fra qualche mese o anno nel migliore dell ipotesi la classe povera e quella media fara fuori!! i riccchi!!
arriveranno dei robinodd!!!
e il popolo sara il robin hood
visto che la poverta vera diffusa sul 70% del paese!!!!!!!!!!!!!!!
non state a credere chi vi dice e italia e grande non puo fallire !!
in realta siamo gia falliti dal 2009!!
con default dell america ristampando dollari aumentando il debito a 15000 miliardi e adesso per salvare 1 potenza bisognera picchiare sulla valuta euro!! levando liquodita a stati sempre piu con problemi a crescere!
AMERICA a acceso la miccia i paesi si sono bruciati ma fra un po scoppieranno!
UN VERO PECCATO VEDERE ITALIA FALLITA PERO DOBBIAMO FARCENE UNA RAGIONE ABBIAMO POLITICI PAGATI STRAPAGATI CONSIGLIORI COMUNALI E PROVINCE EVASIONE CHE NESSUN PAESE AL MONDO HA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
CE LO MERITIAMO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
BELIN!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
APRIRE UN PO DI PIU GLI OCCHI O CONTINUEREMO A VEDERE I MEDIA!?? E GIORNALI CHE VI DICONO CAVOLATE???!!!
SVEGLIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
ANDATE A VOTARE E METTETEVI A 90!!
E ITALIA NON CAMBIERA MAI!!!
SE SI VUOLE SALVARE IL SALVABILE MONETA CON SOVRANITA POPOLARE SUBITO E FUORI DALL EURO!!
EURO E BELLO COME MONETA MA EVASORI COME GLI ITALIANI E MIGLIONI DI PENSIONATI E LA NUOVA FORZA LAVORO NON DARA NESSUN SOSTEGNO MAL GHIGLIOTTINATA!!!!!!!!!!!!!!!!!
AAA BBBB CCC SONO LETTERE NIENTE DI PIU FATTO DA SPECULATORI! UN PAESE CHE POSSIEDE 8000 MILIARDI E NE HA 2 DI DEBITO COME FA A FALLIRE!
VI SIETE CHIESTI QUANTI DI QUESTI 8 SONO IN ITALIA!??? NON SARANNO IN SVIZZERA???CAYMAN?? SALUTI BEPPE!!!!!

mario curà 15.01.12 19:53| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo tutti noi insieme andare a denunciare con una querela in ogni comando dei carabinieri italiani terzi non identificati con passaporto Italiano e società finanziarie e bancarie per sottrazione di capitali e redditi all'agenzia dell'entrate Italiane non rintracciati e identificati legalmente con richiesta di rogatoria e revocatoria dei capitali e beni acquistati all'estero.

pino 15.01.12 17:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..ancora non si vuol capire che l'unica salvezza che abbiamo e' il ritorno alla moneta sovrana..cosa ci faranno 40 parlamentari del M5S in un parlamento che puo' solo curare un raffreddore in un malato di tumore?

alle macc Commentatore certificato 15.01.12 14:32| 
 |
Rispondi al commento

Praticamente i dati di Giannino confermano che il cosiddetto centro sinistra, quando è stato al governo, non ha mai praticato una politica di "sinistra"!!!(come dice Grillo PDL o PD meno L che differenza fa?). Qualcuno mi spiega come si fa a mantenere uno stato sociale, senza spendere per i cittadini? Se taglio la spesa pubblica, o riduco i dipendenti statali,(che spendono i loro soldi nel privato) tolgo comunque ricchezza a tutti. Lo stato deve si spendere bene, ma DEVE spendere per i cittadini, altrimenti invece di distribuire equamente ricchezza, distribuisce povertà, esattamente come fa adesso. Le agenzie segnalano agli stati che senza una BCE che sostiene la spesa pubblica, come facevano una volta le banche sovrane, nessuno stato può farcela. Ricordo che la BCE stampa denaro che regala ai mercati al tasso dell'1%...Ma il problema per l'UE si risolve solo pagando più tasse, cioè strozzando i cittadini e in cambio ottenere prevedibili declassamenti.

Roberto Nicolini 15.01.12 14:26| 
 |
Rispondi al commento

consideriamo che il buco di 1900 miliardi di euro è solo una parte. Dobbiamo considerare anche quello degli 8000 comuni italiani da risanare, tutti in rosso e non conteggiati nei 1900 miliardi, oltre quello delle province, delle regioni, degli enti pubblici ed a partecipazione pubblica. Vedrete che alla fine il debito reale è il doppio e senza produzione e con questi politici corrotti, queste grandi imprese corruttrici che ridono per i disastri, queste banche strozzine, questa mafia sanguisuga, oltre un oceano di disoccupati, cassaintegrati, imprese in stato fallimentare, produzione ed export in calo a ruota libera non vedo cure che non siano chirurgiche e chemioteramiche. Il male va estirpato con le manieri forti oppure tutto il paese crolla. I CRIMINALI CHE HANNO PORTATO IL PAESE IN QUESTE CONDIZIONI DEVONO PAGARE ED ESSERE ELIMINATI DALLA SCENA POLITICA ED ECONOMICA.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 15.01.12 14:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per risanare il paese occorrerebbe processare e togliere a coloro che hanno prodotto il buco: politici e manager pubblici corrotti, iprese corruttruci, mafia, camorra ecc. ecc.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 15.01.12 14:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

qualcuno al il pezzo del Tg3 del 15 gen 2012 della tarda serata...
in cui " mi sembra " che si dica chiaramente che siamo AD UN PASSO DAL BARATRO DOPO IL DECLASSAMENTO A BBB.

lo può mandare in rete ?

m t 15.01.12 13:44| 
 |
Rispondi al commento

ma lei crede davvero che ci sia qualcosa che si possa risanare? Ammesso e non concesso che il buco possa essere risanato se ne formerebbe subito un altro perché le forze produttive non ci sono più e la corruzione politica pare di sì. La cosidetta 'crisi' economica è in realtà una 'decadenza'. Comunque la 'crisi' ha due ragioni tra loro interattive: una cattiva gestione del potere e lo scemare delle energie. La Storia viaggia per Epoche e questa nostra Epoca ha ormai esaurito la sua vitalità, è rimasta solo la corruzione. Perché la corruzione politica c'è sempre, anche nei periodi di gran vitalità, solo che allora ci si fa poco caso perché è periodo di vacche grasse.

gigi di marco 15.01.12 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Una testa davvero lucida, comunque la si pensi.

harry haller Commentatore certificato 15.01.12 07:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LE AGENZIE DI METEO-RATING.. Gli USA hanno alzato il loro debito e, nonostante i loro parametri siano ben peggiori dei nostri, i rendimenti sui loro decennali restano calmierati intorno al 2%. Questo è reso possibile unicamente dalla condizione di poter disporre della sovranità nazionale ( non avendola ceduta, a differenza degli euroDECLASSATI ad alcuna sovrastruttura quale è La U.E, ) e della moneta sovrana che permette alla Fed di comprare con continuità e in misura illimitata i loro titoli ( a differenza della Bce ). Sottrarre agli stati queste due caratteristiche, come emerge dal quadro drammatico di eurolandia, vuol dire annientare gli stati e privarli della loro ragion d'essere. In pratica essi perdono la loro autonomia sulle scelte in materia monetaria e fiscale, mettendo gli stati desovranizzati nella condizione subordinata di dover subire i diktat proprio della u.e., dove da bruxelles uomini non eletti si arrogano il diritto di imporre alle nazioni, ai governi ai cittadini misure di austerità per ridurre il debito. Ma queste misure imposteci, anziche curare la malattia la potenziano, essendo tali misure, per propria natura, recessive. Paradossalmente la loro attuazione scellerata innescando calo dei consumi, riduzione del potere d'acquisto, crollo del gettito fiscale, chiusura di aziende e licenziamenti, contrazione del PIL, sventra l'economia. E l'unica conseguenza è la crescita smisurata dei rendimenti sui titoli di stato, che renderà, incredibile ma vero, necessarie e giustificate ancora altre misure di austerità, e cosi via fino al collasso. La soluzione è ovvia: che la Bce agisse come la Fed. Ma, pensate un pò, questo non è possibile. Perchè gli usurai, nel loro disegno, hanno inserito nello Statuto della Bce proprio la sua impossibilità a svolgere questo ruolo. Alla luce di tutto ciò puntare l'indice accusatorio nei confronti delle agenzie di rating, ha la stessa credibilità che accusare il meteo perchè ha previsto l'arrivo di forti venti e tempeste.

Cielo Stellato 15.01.12 02:56| 
 |
Rispondi al commento

Vedo anch'io con piacere Oscar Giannino, ultimamente ha avuto come un'escalation nella sua consapevole lucidità ma i suoi "sfoghi" migliori li ho sentiti anch'io alla radio.

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 15.01.12 02:08| 
 |
Rispondi al commento

cosa li facciamo venire a fare tutti questi stranieri extracomunitari e non con le fabbriche che chiudono?


Perché?

A chi servono?

Non voglio che me lo spieghi la caritas ma me lo devono spiegare quelli della CGIL a che cazzo servono!

e che cazzo 14.01.12 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Quante caga*e ho letto in questi commenti.

Grazie Beppe per aver citato Oscar, uno visto come il diavolo in persona anche da molti bolscevichi nel MoVimento, quando invece è un liberale illuminatissimo e rispettato pure da quelli della Fiom.

Prima di parlare di Oscar o di lanciargli le torte in faccia, ascoltatelo la mattina su radio24 e vi accorgerete che a modo suo è un rivoluzionario proprio come Beppe ma dal lato liberale.

Personalmente sono spessissimo d'accordo con lui, sono della sua stessa scuola politico-culturale, quella repubblicana e mazziniana. Scuola di pensiero mai smentita dalla storia ed ancor oggi validissima e futuribile.

W Oscar, W Beppe.

Pasquale_ Caterisano Commentatore certificato 14.01.12 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Il "paradosso del risparmio" di Keynes spiega che l'aumento del risparmio porta, attraverso il calo dei consumi ed il conseguente calo degli investimenti ad un abbassamento del reddito nazionale.
Il fatto è che non siamo in presenza di un aumento del risparmio, il denaro circolante è diminuito a seguito di una continua esportazione di denaro all'estero da parte del 10 per cento della popolazione che detiene il 60 per cento della ricchezza.
Il restante 90 per cento, invece, gode delle pensioni e degli stipendi più bassi d'Europa.
Per fare al caso nostro Keynes avrebbe dovuto studiare un "paradosso del politico" od il "dilemma dell'evasore", ma forse non poteva immaginare un futuro dove esistessero paesi come questo.
Anche il "dilemma del prigioniero", è inapplicabile: da noi i ladri non vanno in prigione.

fabio martello Commentatore certificato 14.01.12 19:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Oscare ci sono molte "malattie"croniche che vengono trattate con cure "croniche"...così è il nostro debito, che è cronico, ma viene trattato con terapie croniche,quando "s'infiamma" un pò di più..sia aumenta la dose della terapia...figuriamoci cosa accadrebbe se lo curassimo in un colpo solo...chi ci vende la terapia perderebbe un cliente!...o sbaglio!

roby f., Livorno Commentatore certificato 14.01.12 19:08| 
 |
Rispondi al commento

ma il pdl,di berlusconi,non aveva vinto l'elezioni,togliendo ici sulla prima casa prometteva un milione di posti di lavoro,toglieva il canone rai,il bollo delle macchine,ecc.. niente di questo si è avverato,adesso con le prossime elezioni (speriamo che ci siano se no son guai)con quale messaggio si presentera il pdl ai suoi elettori inculati senza vasellina?.

ivano forcella, modena Commentatore certificato 14.01.12 19:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ci costringeranno a pagare togliendoci non solo il reddito, ma anche il patrimonio creato col reddito risparmiato e già tassato. L'IMU altro non è che un'imposta molto alta sul patrimonio che non è straordinaria ma a regime, ogni anno la pagheremo in due rate per un importo inizialmente doppio all'ICI poi anche di più. Lo stato strozzino chiamerà i suoi picciotti di equitalia per costringerci a pagare. Non pagare non vuol dire essere evasori ma non avere più un euro da parte, non essendoci più reddito, per pagare IRPEF, IRAP, RIFIUTI URBANI, IMU EX ICI, CONTRIBUTI PREVIDENZIALI E INAIL, IVA, OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO, ZONA BLU, ACCISE SUI CARBURANTI E SU ALCOOL, MULTE ECC. ECC. ECC. Vi siete chiesti quanto incida tutto questo sul reddito? Oltre la metà. Ma non gli basta se il debito pubblico cresce, loro devono continuare a fare la vita da nababbi. In cambio cosa ci danno ? Sanità la peggiore d'europa, scuole le peggiori in classifica del mondo occidentale, pensioni nemmeno a parlarne, tranne ovviamente quella dei parlamentari, strade con buche e d'inverno si allagano, servizi pubblici e pubblica amministrazione una catastrofe, corruzione non ne parliamo nemmeno. MA DOVE POSSIAMO ANDARE SE NON VERSO IL FALLIMENTO! O CAMBIAMO TUTTA LA CLASSE POLITICA E MANAGERIALE O SIAMO FINITI.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 14.01.12 18:46| 
 |
Rispondi al commento

La casta,supportata dalle lobbies che detengono il controllo dei media, stanno spacciando e confondendo le anime semplici dell' ex popolo sovrano,sui referendum e sulle priorità liberal-privatizzanti,esattamente come hanno fatto sulle pensioni ecc...E' sempre lo stesso Berlusconismo strisciante e della medesima oligarchia di fallimentari dirigenti paludati e camaleontici. BASTA togliamo visibilità a questi riconoscibilissimi e squallidi personaggi che ci trascinano a fondo con loro ! ! !

Giampaolo S., Torino Commentatore certificato 14.01.12 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Cacciamo fuori dalla Lega bossi e le sue BADANTI TERRONE

Giampaolo S., Torino Commentatore certificato 14.01.12 16:57| 
 |
Rispondi al commento

iberalizziamo il parlamento e aboliamo l'articolo 18 dei parlamentari,CACCIAMO VIA LA MAFIA DAI PALAZZI DEL POTERE

Giampaolo S., Torino Commentatore certificato 14.01.12 16:56| 
 |
Rispondi al commento

La CASTA DEGLI INCREDIBILI SFACCIATI e INTOCCABILI ha messso daccordo 2 nemici come Di Pietro,che definisce i parlamentari un'ASSOCIAZIONE A DELINQUERE e,il chierichetto di don Caltagirone Casini che evoca il SUICIDIO DEL PARLAMENTO, GAME OVER ! ! !

Giampaolo S., Torino Commentatore certificato 14.01.12 16:55| 
 |
Rispondi al commento

La Cina vende i buoni del tesoro europei e compra ORO,IMMOBILI,TECNOLOGIE dunque l'€ SALTA,Bossi prende ordini dai PLUTOCRATI e l'ITALIA SALTA

Giampaolo S., Torino Commentatore certificato 14.01.12 16:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo tipo mi sta sul cazzo! non so il perché,forse dovrebbe radersi di più e pettinarsi meno! huahuahuahauhauahuahuah oppure si fa crescere la barba per farsi il riporto? MMMmMmMmMMMMMmmmmmm!!!!!!!!!!! forse da vecchio lo assumeranno al polo nord per fare da controfigura a "BABBO" natale! huahuahuahauh! CIAU!

Domenico G., cardito Commentatore certificato 14.01.12 16:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quei soldi non ci sono più in Italia e, se ne devono essere andati da qualche altra parte ( in segreto). E' evidente che qualcuno temeva qualche prelievo forzoso o il dissolversi dei propri risparmi e capitali.

E non sono io a dirlo, ma, Bankitalia.
Al link sottostante basta andare a leggersi, "MONETA: CONTRIBUTO ITALIANO AGLI AGGREGATI MONETARI DELL’AREA DELL’EURO", ed è facile intuire che M1, M2 e M3 sono negativi.

Questo significa che in Italia non ci sono più le "palanche", quella cosa che gli economisti chiamano "credit crunch".

http://www.bancaditalia.it/statistiche/stat_mon_cred_fin/banc_fin/pimsmc/pimsmc11/sb63_11/suppl_63_11.pdf


Paolo 14.01.12 15:08| 
 |
Rispondi al commento

CARIISSIMI,
AFFRONTO UN ALTRO ARGOMENTO, SCUSATEMI. VEDO IN TV IN QUESTI DOLOROSI GIORNI E SENTO CHE TUTTI I POLITICI DICONO: E' GIUSTO FARE SACRIFICI IN QUANTO LA SITUAZIONE...ECC. MA SCUSATEMI ,MA QUESTI IMBECILLI,NON SONO STATI LORO CON IL LE LORO LITIGATE CONTINUE A PORTARE LO STATO ALLA ROVINA'
Ma gli crediamo ancora? Vogliamo votare ancora ? Io credo che bisogna prima costringerli a fare delle leggi per riformare la legge elettorale ,costringerli a ridurre del 60% il numero dei parlamentari e soprattutto ,tutti questi non devono tornare piu'. NESSUNO

bruno borghi 14.01.12 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Chiaro che la concentrazione del risparmio e' un fattore fondamentale dell'analisi.
Non sono invece d'accordo con chi dice che il problema sono gli interessi o che il debito non e' stato fatto da noi.
Il problema e' il debito, non gli interessi: se non hai debito, non hai nemmeno da pagare interessi.
Il debito lo abbiamo fatto noi italiani nei decenni passati, quando abbiamo scelto con le elezioni programmi politici molto generosi (in confronto ad altre nazioni) in termini di pensioni, impiego pubblico gonfiato come una mucca con gli estrogeni, stato sociale ampio e via dicendo.
Tutto questo ha creato debito per le generazioni future. Allora non ce ne si preoccupava, qualcuno paghera'. Oggi comincia ad arrivare il conto del ristorante.
E il problema non e' la sovranita' della moneta: l'elenco degli stati che avevano una moneta sovrana e sono finiti gambe all'aria e' lungo come questa pagina. Come sarebbe che la sovranita' della moneta risolverebbe il problema? Stampando banconote per pagare i conti, mentre ora non possiamo farlo? Beh stampare senza freni porta inflazione, ossia poverta' per tutti, soprattutto per le classi meno abbienti. Il problema non e' li.
Disciplina nella spesa e scelte di coerenza tra spesa e crescita economica sono la chiave. Se si vuole spendere piu' di quello che si incassa perche' si vuole dare uno stato sociale, allora bisogna anche far crescere l'economia piu' velocemente di altri per poter ripagare quel debito. L'Italia di questi 10 anni non e' cresciuta per niente ed ecco che il conto ora diventa insopportabile.
Nel passato pero' erano pochi quelli che si preoccupavano di questo rimandare il problema al futuro...

Cristiano UK 14.01.12 13:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL DEBITO PUBBLICO NON ESISTE.

Non ci sono ricette per eliminare il debito pubblico perché si tratta di una truffa colossale che sfrutta la necessità delle comunità umane di utilizzare certificati di credito.


Perché abbiamo bisogno del denaro ?

La moneta dovrebbe servire a trasformare il valore del nostro lavoro in un certificato che ci permetta di "pagare" i lavori che non siamo in grado si svolgere e che viene svolto dagli altri.

Spiegherò meglio con un esempio:
il contadino, il medico e il panettiere non sempre hanno bisogno "direttamente" l'uno dell'altro quindi il medico potrà curare il contadino che lo pagherà con il denaro ricevuto dal panettiere che aveva comprato il suo grano. Il medico infine potrà avere il pane pur non dovendo attendere che sia il panettiere ad ammalarsi.

Il denaro dovrebbe essere stampato e distribuito in egual modo, calcolando una cifra che rappresenti il minimo di sopravvivenza per ognuno. L'umano desiderio di avere di più porterebbe spontaneamente ognuno ad ingegnarsi per mettere in gioco le proprie capacità e "vendere" il proprio lavoro. Quando le banconote sono usurate, si ritirano e se ne ristampa la stessa quantità.

Con questo semplice meccanismo non ci sarebbe alcuna corsa al rialzo continuo dei prezzi e non ci sarebbe nessuna perdita di potere d'acquisto. Per capire il perché di quest'ultima affermazione bisogna leggere quanto segue.


Perché oggi il denaro crea debito ?

Semplicemente perché il denaro oggi non ha una funzione sociale ma è uno strumento di speculazione.

Per capirne il vero meccanismo vi invito ad uscire dai grandi numeri e ragionare in termini minuti, immaginate che la BCE abbia stampato solo 1000 euro. Dopo dieci anni, a circa il 3% annuo, oggi è creditrice di 1300 euro. Ma se ne ha stampati solo 1000, vuol dire che i 300 mancanti mancano perchè non esistono ... ecco perché il debito pubblico non esiste.


Corrado Allegro, Verbania Commentatore certificato 14.01.12 13:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

le notizie più lette della settimana

Esiste la cura contro il cancro, sembra di si!!
http://quaeram.blogspot.com/2011/12/esiste-la-cura-contro-il-cancro-sembra.html

Come vedere chi visita il tuo profilo facebook
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/come-vedere-chi-visita-il-tuo-profilo.html

La statua più bella del mondo, Il Cristo velato
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/la-statua-piu-bella-del-mondo-il-cristo.html

Il debito pubblico italiano in tempo reale
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/il-debito-pubblico-italiano-in-tempo.html

I poveri parlamentari italiani in vacanze alle Maldive
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/i-poveri-parlamentari-italiani-in.html

I nomi segreti di almeno 42 massoni italiani famosi
http://quaeram.blogspot.com/2011/12/i-nomi-segreti-di-almeno-42-massoni.html

Ultimi sondaggi politici , la novità è il movimento 5 stelle
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html

Guarda l'orologio della fine del mondo
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/lorologio-della-fine-del-mondo.html

In barba alla crisi, gli orologi più costosi del mondo
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ce-crisi-gli-orologi-piu-costosi-del.html

Fate molta attenzione a questa moneta che è perfettamente uguale ai 2 euro ma è thailandese
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/attenzione-questi-2-euro-una-moneta.html

raffaele q., pomigliano Commentatore certificato 14.01.12 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare come nella rivoluzione francese: prendere l'aristocrazia moderna e metterla a processo. Dopotutto sono loro i colpevoli di questro disatro economico....

Prenderli tutti e processarli.....

posso fare un saluto agli idioti che hanno ucciso l'europa e l'occidente?

Pagherete caro

Diego Rossi 14.01.12 12:36| 
 |
Rispondi al commento

..possibile che non si capisca che finche' lo stato aveva una moneta sovrana questo debitonon era un problema, da quando siamo entrati nell'euro questo debito e' un problema vero perche' lo stato e'esattamente come un privato cittadino che va in banca a chiedere un prestito..si deve tornare alla sovrnita' monetaria..provate ad informarvi e vedrete che da qui, con tutte le poltiche che volete, non se ne esce, se non tornando alla sovranita' monetaria..ci massacreranno, come sta succedendo in Grecia..ci toglieranno tutti i diritti, perche' chi ha fame accetta tutto pur di mangiare..e' questo che ci stanno facendo i vari Draghi, Monti ecc..ecc..con l'appoggio di tutti i partiti..

alle macc Commentatore certificato 14.01.12 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Il debito Italiano lo deve pagare chi lo ha fatto !!
Adesso non venitemi a dire che io abbia minimamente contribuito a questo debito o che la maggior parte degli italiani hanno vissuto sopra alle loro possibilità e adesso devono pagare il debito.
I miei genitori sono stati sfruttati dal sistema e con il mio lavoro dipendente verso la maggior parte di quello che prendo in tasse e con tutto quello che verso dovrei avere ogni servizio statale gratis.
Sono stra convinto che se avessero gestito bene o meglio in maniera onesta il patrimonio Italiano ad oggi non avremo nessun debito anzi saremo in attivo di molto.
Il problema è che chi ci ha governato in questi mezzo secolo di Italia ha rubato sopra alle nostre possibilità fra mafie, appalti gonfiati, privilegi... e il sistema ha sempre sfruttato la mia famiglia e quindi io non devo nulla allo stato.
Poi le tasse sono liquidità che mettiamo a disposizione per pagare i servizi statali e non servono perchè
le caste possano fare la bella vita sulle nostre spalle o per tappare i buchi dei ladri Italiani che la giustizia corrotta non ha messo in galera e non gli ha sequestrato tutti i beni.
Per pagare i debiti bisogna dare più forza alla giustizia per identificare uno a uno chi ha creato il debito e confiscargli tutti i beni per pagare il debito che hanno fatto sulle spalle degl'italiani e sono sicuro che molti dei top ricchi d'italia ne sappiano qualcosa.
E quindi non diciamo che gli italiani odiano i ricchi, ma solo coloro che ci hanno tolto e adesso vogliono che noi paghiamo il loro conto

Matteo Pietri Commentatore certificato 14.01.12 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Premetto che non sono un esperto.

Credo però che la crisi sia stata generata dai mutui non pagati (quindi dai debiti privati). E se l'Italia è stata colpita tardi da essa è perchè gli italiani non si espongono come gli americani. Poi i mutui non pagati si sono abbattuti sulle banche e quindi sugli stati. Per questo la ricchezza del popolo italiano rappresenta un motivo di sicurezza.

Gianluca R., Lecce Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.01.12 10:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

infatti non capisco questa storia dei debiti!!!
noi siamo in crisi per gli INTERESSI,non per i debiti!
se avessimo gli interessi all'unopercento (come hanno le banche che poi ci prestano soldi) buona parte dei nostri problemi sarebbero risolti!
noi paghiamo un sacco di tasse per gli INTERESSI NON PER I DEBITI!!!

roby67 14.01.12 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Pensa che 240 nuclei familiari, da soli, posseggono circa 1200 miliardi di euro......

harry haller Commentatore certificato 14.01.12 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Come faranno a convincerli ? Semplice attaccando gli altri sino a riudurli in miseria nera, ovvero tutti i ceti medi!

Per fare un bicchiere di vino o spremi un bel grappolo d'uva sodo, rubicondo e maturo, preso dalla vite, oppure raccogli un quintale di acini già a terra raggrinziti e malandati, li versi tutti nella pressa e tiri fuori il tuo bicchiere di vino! Cosa pensi stiano facendo adesso ?

IL Squalo 14.01.12 09:39| 
 |
Rispondi al commento

@Robert : le famiglie italiane hanno risparmi ANCHE perchè lo Stato ha pagato per loro, preferendo fare debiti e trasferire il problema alle generazioni future che non aumentando le tasse o diminuendo le spese.


ma a parte tutto mi rimane incomprensibile questo discorso: lo Stato, i politici e le banche hanno fatto debiti per 1900 MILIARDI, cosa c'entrano i risparmi delle famiglie italiane? io faccio i debiti e tu paghi? mah...

Robert Catena 14.01.12 08:33| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori