Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il Modello Comune


bugiardo_bugiardo.jpg
"Mi è venuto lo spunto per un film di fantascienza. Utopico o distopico fate voi. Nel 2017 un gruppo di volontari, ispirati a Wikipedia, crea online un un modello logico e quantitativo della realtà, chiamato Modello Comune continuamente arricchito dai volontari. Il sistema permette di scrivere una frase riguardante la realtà, come nella ricerca di Google, e di sapere se è vera o falsa, o se non dice nulla. 2023: la demagogia non esiste più, gli imbonitori si sono estinti perché le loro stronzate sono regolarmente smascherate. 2025: i politici studiano mesi prima di dire una frase per riuscire a dirne una vera. 2029: il Modello Comune viene studiato per prendere delle decisioni. Infatti, ogni scelta politica destinata ad incidere sulla realtà modifica il Modello ed è quindi possibile studiare in anticipo ogni impatto sulla società. :-)" Carlo Marchiori

9 Gen 2012, 11:39 | Scrivi | Commenti (34) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

SENTENZA STORICA.UN GIUDICE HA DICHIARATO NULLE
TUTTE LE MULTE INVIATE DA EQUITALIA VIA RACCOMANDATA.
RISULTATO:TUTTE LE NOTIFICHE SONO NULLE E NON DOVETE PAGARE NULLA
LEGGI L'ARTICOLO

http://quaeram.blogspot.com/2012/01/storica-sentenza-contro-equitalia.html

raffaele q., pomigliano Commentatore certificato 12.01.12 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Esprimo la mia solidarietà ad una categoria che paga per scelte sbagliate.Non vedo come con questa crisi chi probabilmente guadagna 1000/1500 euro al mese con un numero contingetato di licenze possa trovarsi in futuro in condizione migliori se il mercato viene liberalizzato.Non si tiene neanche conto che ogni 5 anni pena la svalutazione devono comprarsi un mezzo nuovo e che spesso hanno pagato una licenza per importi importanti.Mi è venuta una idea, abitando vicino a delle scuole e visto che ogni genitore con la propria macchina accompagna la prole paralizzando la circolazione per 20 minuti forse i nostri amici taxisti potrebbero fare delle convenzioni con le scuole/famiglie per portare a costi ragionevoli i bambini in loco.Non sarà la soluzione definitiva ai loro problemi ma forse potrebbe essere d'aiuto.In bocca al lupo TAXIDRIVERS !!!!!!

stefano manca 10.01.12 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Sí facciamolo, sono meravigliato e interessato. Organizziamo il gruppo?

Fabio Gorini 10.01.12 03:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a rigor di logica a quel punto i politici in una società evoluta saranno inutili, ossia tutti saranno responsabili della cosa pubblica divenendo cittadini consapevoli.

l'errore a mio avviso, o l'illusione, è considerare il politico indispensabile.

Morris Fleed (goblin) Commentatore certificato 09.01.12 23:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se ho capito bene il modello comune non esiste in se,viene creato memorizzando le risposte a delle domande libere fatte dai partecipanti.
Prendiamo un esempio le macchine consumano petrolio? Molti risponderanno vero e alcuni possono rispondere falso,ma alla fine le risposte positive saranno molte di piu' delle negative,memorizzando i dati delle risposte, alla domanda le macchine consumano petrolio? il modello visualizzera' le risposte negative assieme alle positive e dara' all'interrogante la possibilita' di misurarsi con il parere di molte altre persone.
A me sembra bello.

Enrico Gianini 09.01.12 23:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non è possibile... il modello dovrebbe contenere al suo interno un modello di se stesso, poichè anche lui è un'entità che modifica la società. La cosa andrebbe poi ripetuta all'infinito come quando si mettono uno specchio di fronte all'altro. Per costruire e mantenere un modello fedele bisognerebbe immettere energia infinita. Asimov aveva risolto brillantemente il problema con l'invenzione della "psicostoria", ma purtroppo la realtà non è un libro e i robot che riescono a modificare le menti umane hanno ancora il "tubo catodico" attaccato.

Emanuele 09.01.12 22:02| 
 |
Rispondi al commento

mica male come idea!

ruggero f., vicenza Commentatore certificato 09.01.12 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Il modello comune esiste gia' e si chiama "metodo scientifico". La nostra societa' e' gia' basata su una struttura logica univoca e condivisa (almeno in teoria), ma questo non impedisce all'irrazionalita' (a cui personalmente non assegno una connotazione necessariamente negativa) di svolgere un ruolo decisivo di perturbazione, alimentando la complessita' che tutti dovremmo accettare come parte del nostro ambiente naturale.

D'altronde esiste gia' un movimento che si nutre di una suggestione analoga (zeitgeist) ma per ora non mi sembra che sia in grado di incidere veramente sul corso delle cose...

luca forcolini, biella Commentatore certificato 09.01.12 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Questo post andrebbe incorniciato e ricordato.

Tanto di cappello a chi lo ha scritto.

Donato.

Donato S., Vienna Commentatore certificato 09.01.12 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Temo proprio che questa visione si scontri con l'incompletezza delle logiche, vedi teorema di Godel.

Danilo Pianini, Cesena Commentatore certificato 09.01.12 14:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La "Psicostoriografia" di Asimov.
Nihil sub sole novum.

Andrea Molteni (nembo1972), Como Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.01.12 14:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fantastico!!!!

Gianluca favaro 09.01.12 14:18| 
 |
Rispondi al commento

interessante Carlo, però la domanda da porre deve essere molto ma molto precisa e poi quanto può essere precisa una domanda?


Affermazione: "Il prosciutto di Parma è migliore di quello spagnolo"
Risposta: System Error.

(vero e falso sono pochi per rispondere a tutto)

Andrea F. Commentatore certificato 09.01.12 13:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' un modello simile a quello che si può trovare nel Ciclo della Fondazione di Asimov. E' interessante perché inserendo una variabile riguardante qualsiasi evento, il sistema rispondeva prevendendo come gli eventi si sarebbero evoluti e con che impatto nella società.

marco w 09.01.12 13:10| 
 |
Rispondi al commento

in teoria le tecnologie esistono gia', quanto meno sono a buon punto:

http://it.wikipedia.org/wiki/Web_semantico

corrado 09.01.12 12:55| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
CARLO HAI PEREFETTAMENTE RAGIONE,SU QUELLO CHE SCRIVI,SU QUEL FILM QUELLO CHE STA' ACCADENDO,TUTT'ORA CON LA RETE ED I BLOG
ALVISE

alviseafossa 09.01.12 12:51| 
 |
Rispondi al commento

E' un ottimo spunto. Ma, retoricamente, la via per l'inferno è lastricata di buone intenzioni. Hai preso ad esempio la Wikipedia che senza dubbio è uno dei più belli e costruttivi esempi di collaborazione in rete che siano esistiti finora. Ma, ma...purtroppo niente è perfetto (come ogni cosa fatta da esseri umani), neanche la famosa enciclopedia open. Un esempio? Questo, ma se fai ricerche in rete di esempi di cose che non piacevano ai moderatori (naturalmente facendo la tara sulle palesi cazzate che alcuni volevano scrivere) e sono sparite ne trovi tanti.
Naturalmente fermo restando che l'idea di base è ottima, ma non bisogna escludere che, come tutti i mezzi, il fatto che possano far del bene o del male dipende dal loro utilizzo.
E da chi li ha creati.

JLPicard 09.01.12 12:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ ciccio_franco:
lavoro nel settore sw come PM (per i profani PM= Project Manager, e non Pubblico Ministero NdR).
l'idea interessante, ma chiunque prima di sborsare qualsiasi cifra si aspetta di vedere un prototipo funzionante oltre che ad una roadmap di sviluppo, meglio se correlata ad un business plan.
quando dici di avere un algoritmi, intendi già un prototipo funzionante che gira e fornisce risultati visibile on-line per una demo ?
da qui in poi si può cominciare a chiedere finanziamenti, prima credo sia piu difficile ...
in ogni caso a disposizione per coordinare il lavoro ! ;)
have a nice day

Max Vin 09.01.12 12:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non è fantascenza.
pure io sogno questo film, e ti dirò mi sono già dato da fare.
sono un'analista programmatore e ho già realizzato l'algoritmo che permette di correlare i dati.
quello che serve è solo:

1) creare la piattaforma, quindi i moduli software per rendere facile l'utilizzo del sistema. un pool minimo di 3 o 4 programmatori.

2) una minima parte di investimento per pagare i server e la banda per erogare i servizi. penso che una spesa minima per partire di 100.000 euro sia più che sufficente (20.000 euro di cluster + circa 30.000 dollari di banda. 50.000 euro per spese accessorie e/o imprevisti). bisogna tenere presente che i soldi serviranno anno per anno e dovranno essere adeguati al numero di utenti da soddisfare.

ci vogliamo provare?

ciccio_franco 09.01.12 12:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hai inventato il cervello.

User 09.01.12 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei appartenere al vs. Blog perché non credo nei giornali e nemmeno alla tv solo su alcuni sito veniam informati di quello che accade veramente! In saluto

maya magnetti 09.01.12 11:51| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori