Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il resto


resto.jpg
"Da qualche tempo sto attento al resto. Prima non ci facevo caso. Spesso mi accorgo di qualche euro o di centesimi in meno. Se compro una rivista, un cappuccino e brioches, una tessera dei mezzi pubblici... Il pezzo forte è la banconota da 20 euro che ti viene deprezzata a 10 con destrezza. Un resto di 15 euro diventa di 5 euro. E se glielo fai notare, che era di 20, inizia una pantomima. "Ne è sicuro? Adesso controllo". Alzano persino il cassettino della cassa per dimostrarti la loro buona fede. "Vede, vede...". Solo se ti incazzi restituiscono il maltolto con l'aria di compatimento, come per dire "Sei proprio un miserabile". Pietro C.

24 Gen 2012, 17:58 | Scrivi | Commenti (44) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Molto spesso alcuni commercianti furbi, tentano di dare il resto con astuzia.
Compro un kebab, prezzo 3,50 euro. Pago con una banconota da 20 euro e mi da come resto una banconota da 5 euro e 1,50 euro in monete. In poche parole ha valutato la mia 20 euro come una 10 euro e dandomi velocemente il resto sbagliato, monitorava la mia reazione giocherellando con la cassa aperta. In questo modo si precostituiva un alibi, se io avessi detto che era sbagliato, mi avrebbe detto che stava cercando l'atra banconota da 10 euro mancante, se invece non avessi detto nulla, avrebbe chiuso e salutato. Io, che controllavo quello che faceva lui, ho potuto constatare più volte questa tecnica che molti commercianti usano.
APRITE GLI OCCHI!!! E' UNA GUERRA! QUANDO USCITE I VOSTRI SOLDI, FURBETTI E FURBONI VOGLIONO FREGARVI.
Ovviamente stima e affetto ai commercianti onesti (la maggior parte).

vito coti 13.03.12 23:25| 
 |
Rispondi al commento

ultimo sondaggio per la camera dei deputati
Grillo al massimo storico, il M5S diventa il quarto partito italiano
http://www.solosondaggi.blogspot.com/

pino 28.01.12 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna essere proprio coglioni a farsi fregare cosi.

Ale di 26.01.12 13:30| 
 |
Rispondi al commento

stiamo andando troppo forte, ci danno addirittura al 7,5%
e questo significa che prenderemmo oltre 40 deputati e
allora si che si vedranno delle belle, da questo blog ho
preso il sondaggio

http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html


pino 25.01.12 21:32| 
 |
Rispondi al commento

Ho già scritto che l'EURO non fa per noi! Ma non solo per noi, non fa per i Francesi, Spagnoli, Portoghesi, Greci e tutti quei popoli che sono abituati a vivere la passaggiata, le chiacchiere al bar, a fare la piccola spesa giornaliera di frutta, verdura, salami, formaggi, da mangiare entro 2gg. E' il nostro modo di vita e quello dei summenzionati paesi europei. E' così che noi spendevamo 1000, 2000, 3000, 5000, 10.000 lire al giorno per queste... cose! Col dollaro, che l'Euro vuole scimmiottare... queste cose non si possono fare.... Se si esce, si esce almeno in due, "for a date" con la ragazza..., coi ragazzi a mangiare la pizza o al fast food; si spende e si addebita su "credit card"! Sarà difficile che noi ci adattiamo a quest'altro tipo di vita... Loro, comunque continuano ad aumentare i nostri prezzi...le monete dell'EURO non valranno più niente, come del resto i cents del dollaro (1 dollaro è di carta)... e noi non adremo più al bar, non ci compreremo bruscolini e sfizietti... e, e, e, la vita ci sarà stravolta. Oppure... mandiamo a quel paese l'EURO... che è meglio!

HappyFuture 25.01.12 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Il tabacchi dalle mie parti si incazza se gli porto la banconota da 5\o 10 euro! dice sempre che non ha il resto,allora una volta gli porto le monetine,4,50 tutte da un centesimo,e si incazza,dice che quelle monete non valgono niente! e allora gli porto 4,50 in monetine da un euro,che sono sempre 5,e deve dare sempre lo stesso resto della banconota da 5! c'è non si rende conto che cmq non cambia niente! il risultato e lo stesso! vuole che gli porti giusto 4,50! e se non li ho lui non campa? BHO(!?) Perché noi italiani siamo stupidi? forse l'incenso delle nostre chiese e allucinogeno,perché mi capita di osservare i miei concittadini all'uscita della messa sempre tutti a ridere,e i vecchi sempre tutti a piangere! o forse perché dando il 5 euro d'offerta non hanno ricevuto il resto? MHA'! sta di fatto che se ci fottiamo noi umili tra noi,non possiamo pretendere che non ci fottano quelli che comandano! non sarebbe secondo me coerente! SALUTI!

Domenico G., cardito Commentatore certificato 25.01.12 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Confermo! è capitato pure a me in farmacia, pagato con biglietto da 20 e la tipa diceva erano 10, risolto con una mezza litigata e la minaccia di chiamare i carabinieri e farle chiudere la cassa per ricontare il tutto

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 25.01.12 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Immaginiamo questo: invece della cassa manuale, una cassa automatizzata. Eventualmente per i grossi esercizi piu di una. Io entro, scelgo l'acquisto, digito il codice corrispettivo, inserisco il contante, la macchina controlla se la banconota non e' falsa, mi elargisce il resto e lo scontrino fiscale. Contestualmente mi viene emesso un codice che in copia arriva al palmare o terminale di chi deve servirci. E quindi, resto certo, banconote vere, scontrino sicuro, personale impegnato alla cassa libero di poter servire ( in genere per pagare si aspetta che arrivi il proprietario, un dipendente, etc.). Via i registratori di cassa e le casse automatizzate direttamente cillegate all'agenzia delle entrate. Per chi adotta questo sistema contributo del 50% a fondo perduto per l'acquisto delle casse automatizzate. E' un'idea..

Francesco B. 25.01.12 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Io sono un dipendente di una attività commerciale, a parte che l'errore ci può stare, ma che mi dite di quelli che invece ti danno 20€ e ti dicono che te ne hanno dati 50? oppure di quelli che ti danno soldi falsi(sapendolo perchè ormai riconosco chi è ignaro da chi no) e si scandalizzano facendo sembrare che sei tu che li hai cambiati(mentre li hai sempre tenuti in mano davanti a loro)? Sono molti più di quello che si pensa. Il mio titolare ha risolto mettendo una telecamera di videosorveglianza sulla cassa, anche per tutelare noi dipendenti. Il problema è che i furbi ci sono e ci saranno sempre, da tutte e due le parti, ma non per questo bisogna fare di tutta l'erba un fascio!!

Franco G. Commentatore certificato 25.01.12 12:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' la prassi che è sbagliata.
Quelli che sanno fare i cassieri, lasciaon la baconota che TU gi dai sul bancone, mettono il resto di fianco, tu nel frattempo dovresti controllare il resto che ti stanno dando...e non hai più il problema che i tuoi 20 euro diventino 10. Quindi un po' sono le persone alla cassa a sbagliare, un po' i clienti che non stanno attenti.

Max Salo 25.01.12 11:06| 
 |
Rispondi al commento

fai un giro al mercato..tutto ad 4.99 ..paghi con un 5.00 e non ti danno il resto..e se lo chiedi di guardano come se fossi un pezzente!!!
io ricordo quando ero piccola se comperavi qualcosa ed il resto era tipo 10 lire , ti davano una caramella..ora nemmeno più quella!!!!

monica.c 25.01.12 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Mi raccomando chiedi il resto anche a giugno quando ti prenoti le vacanze estive

Peter Vincent 25.01.12 10:14| 
 |
Rispondi al commento

E' vero, bisogna stare attenti perfino a contatori automatici; roba da matti!

Massimiliano Vessi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.01.12 10:01| 
 |
Rispondi al commento

E' una "prassi" comunissima: i migliori esempi di destrezza? Li ho visti quest'estate in Riviera Romagnola. Confesso che ci sono pure rimasto un po' male... io che abito a Napoli... ;-)

RICCARDO MALAFRONTE 25.01.12 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Embè ragazzi l'esempio che viene dall'alto è fondamentale per la base della piramide. Visto che ai vertici della nostra povera o impoverita Italia c'è una lurida e sozza banda di immondi truffatori e delinquenti meglio noti come CASTA, non ci soprenderemo mica se la gente li imita? Anche se va precisato che non sono d'accordo, su questi comportamenti, è inevitabile.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 25.01.12 09:10| 
 |
Rispondi al commento

capita spesso con certi benzinai
che se non stai attento ti fregano sul resto

(oppure sulla quantità di benzina)


meglio il self-service...

roberto p. Commentatore certificato 25.01.12 02:48| 
 |
Rispondi al commento

Impara a contare invece di lamentarti, io credo che la maggior parte della gente sia onesta, la distrazione capita e dal post sembra che tutti ti vogliano fottere, ma vai a cagare. Se la gente imparasse a guardarsi allo specchio prima di parlare questo sarebbe un grande paese.

Dag 25.01.12 01:50| 
 |
Rispondi al commento

siete dei miseri:si vede che non avete mai lavorato in un negozio.Capita spesso di sbagliare per mille motivi come stanchezza ,distrazione,chiaccherata col cliente stesso,etc. Anzi,posso assicurarvi che il più delle volte capita ai clienti di perder il filo e non ricordarsi più che cifra era stata messa sul piattino. Quanto ai disonesti,purtroppo ci sono dappertutto.

claudio 24.01.12 23:45| 
 |
Rispondi al commento

personalmente nel 2004 nella ricca Cortina mi hanno rifilato come resto per ben 2 volte monete da £500 o da £100. ... è una storia di sempre..

giovanni l., policoro Commentatore certificato 24.01.12 23:32| 
 |
Rispondi al commento

continuo...
se io pago con la carta dic redito, quando ritorno all'estero, trovo le sorprese, che anzichè come nella tratta di autostrada supponiamo €7,80, sulla carta di credito ho potuto fare unresoconto di ben €11,30.
Questo tanto per dirne una.
Al Ristorante se io invito alcuni affaristi, alla fine pago il conto con la carta di credito.
Per una ricevuta devo fare discussioni, ma è possibile questo?
E poi la ricevuta non è fiscale, e allora? Quanti tipi di ricevute esistono in italia?

Giuseppe D., Germany Commentatore certificato 24.01.12 22:26| 
 |
Rispondi al commento

Molti in Italia, ancora non hanno capito che ne i negozi sono tutti onesti e nemmeno i consumatori sono così attenti.
Es. quando vengo in Italia ho il problema che non mi rilasciano lo scontrino perchè la cassa è rotta(l'hanno spenta), oppure mi dicono(es. per ricaricare il cellulare) che non danno alcuna ricevuta dicendomi: "è così da noi".
Tante volte il taglioncino sull'autostrada appena arrivo all'estero non posso ne leggerlo ne definire il costo.
Da Milano a Genova o da Milano a Salerno avrei dei problemi per dimostrare all'ufficio entrate le mie spese.
Fin quando non si lavora onesti e trasparenti, non cambierà il sistema, loro dicono che hanno delle perdite, ma le devo pagare io?

Giuseppe D., Germany Commentatore certificato 24.01.12 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Il mio consiglio è di non nascondere mai la banconota, ad esempio sotto una tessera omaggio, aprirla sempre bene, magari ci marciano sopra con il fatto di essersi sbagliati. cmq il trucchetto cercarono di farmelo in Inghilterra,in una catena di caffè, (Caffè Nero) ma non ci riuscì il tipo, che era pure il manager del negozio.

Gaetano 24.01.12 21:20| 
 |
Rispondi al commento

ciao signor grillo tu hai la parola e ti ascoltiamo proponi i referendum legislativi,
poi proponi una lege in cui i disonesti lavorano per gli onesti atraverso la chiusura delle carceri
condanna, impoverimento e
lavoro, col minimo di 16 ore, massimo 24 la edeucazione dei figli ed il mantenimento della famiglia.Continua per favore a chiedere che lo stato renda publico il bilancio e non continui
a renderci partecipi dei suoi problemi solo con
le tasse.ciao artista

mariodemela 24.01.12 21:00| 
 |
Rispondi al commento

pagate col bancomat e nessuno vi fregherà

ermes bertolazzi 24.01.12 20:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vi do un consiglio (quando andate al supermercato prendete la calcolatrice e'nel riempire il carrello sommate i prezzi dei vari prodotti)sapete 1 euro per 60 milioni di cittadini quanti sono? con sesanta milioni di euro ogni 5 giorni si puo' distruggere la logica di una economia.

gagliardo giuseppe 24.01.12 20:48| 
 |
Rispondi al commento

I male intenzionati ci sono e una piccola informazione ma anche lei può aiutare ad aprire gli occhi se ai delle notizie migliori pubblicale datti da fare

Riccardo Garofoli 24.01.12 20:12| 
 |
Rispondi al commento

L'affare dei centesimi non dati in resto e' un affare colossale.Sullo scontrino risultano resi.Tutto quei centesimi(pensiamo a una catena si supermercati)determina l'introito di capitale ''in nero'',pulito,non tassato.Pensiamo ai centesimi x tutte le utenze Enel che ormai arrivano a scadenza,centesimi di interesse per ritardato pagamento,ben gestito,determina un capitale mensile non indifferente.Ipotizziamo 10.000.000 di utenze.Se consideriamo 1 cent per utenza a fine anno Enel o chi avra' un ritorno pari a 120.000.000 euro almeno.Perche' i centesimi non sono solo uno.Grande affare il centesimo ed i resti non disponibili

vincenza chironi 24.01.12 19:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' capitato anche a me,che incazz.... perchè me non me ne sono accorta subito e quando sono tornata dal commerciante interessato ho ricevuto solo insulti. anche a me hanno dato 5 € invece di 20; ho avuto una bella fregatura, mi chiedo perchè viviamo in un paese di fregoni. Capisco anche giovanni la marca, ma io chissà perchè ho avuto il dubbio che ci marcino , perchè mi è capitato in un mercato. Da quella volta non vado più ai mercati , ma nei supermercati dove pago col bancomat.

maria t. Commentatore certificato 24.01.12 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

stavolta devo dire.. che questa è proprio una grande cazzata! Io faccio il commerciante e varie volte mi sbaglio a dare il resto, sia a mio favore che a mio sfavore e vi garantisco che non mi è mai sfiorata l'idea di farlo a posta! Pensare che la prossima volta che accadrà il cliente avrà il sospetto di una mia intenzionalità mi mette veramente in imbarazzo! Una CAZZATA più grande di questa non poteva essere scritta. Continuiamo ad alimentare una teoria del sospetto e la guerra tra i poveri!!

giovanni la marca 24.01.12 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Eliminiamo tutte le banconote e risolviamo il problema alla fonte. Insieme all'evasione fiscale
Si paga solo con bancomat

Davide 24.01.12 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Hai ragione, me ne sono accorto anch'io da un bel po'. Ti dirò che un buon metodo per evitare le pantomime è pronunciare i soldi che dai all'esercente.
Es.:
Io: "Quant'è?"
Esercente: "6 euro e 30"
Io: "Le do 20euro!"
...questa banalità basta per far capire all'esercente che sei attento...
Ahimè. Federico G.

Federico Guarise 24.01.12 18:21| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
E CHI NON LO CONTROLLEREBBE IL RESTO,ORAMAI NON SIAMO PIU' SICURI DI QUELLO
ALVISE

alviseafossa 24.01.12 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Forse e' perche' vivo in una splendida città dove l'imbroglio ha piu' eleggi fini, ma a napoli mi accade spesso il contrario, mi ritrovo a correggere cassieri che mi danno sempre qualcosa in piu'. Forse saranno punti di vista o al limite... Una proiezione...

MoNicaragua di Maio 24.01.12 18:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma sai quante volte mi è capitato di avere tra le monete che mi hanno dato di resto le vecchie 500 Lire ovviamente facendole passare x 2 euro.
Che poi se torni il giorno dopo o dopo qualche ora e non potendo dimostrare il contrario non ti resta che tenertele e stare attento alla proxima volta.
Secondo la mia opinione resta il fatto che il commerciante stesso viene fregato e quindi non potendo ricavarne piu di tanto, non gli rimane passare il " pacco " al primo malcapitato.
Gigi Company

Gigi Company 24.01.12 18:14| 
 |
Rispondi al commento

azz...! lo sai che è vero!E te ne accorgi dal tempo che fanno passare fra la prima parte del resto e la seconda...
Se hai dato 20, ti danno il resto a 10, rallentano... e se proprio aspetti ti guardano e POI completano...

Pedro Almador 24.01.12 18:13| 
 |
Rispondi al commento

io pago con carta di credito o al limite bancomat

Roberto Emafrici 24.01.12 18:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Pietro quanto hai ragione.
Spero che non ci ritroveremo presto a fregarci anche il pane o le medicine.

Giulia Valente 24.01.12 18:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori