Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La madre di tutte le liberalizzazioni


liberalizzazioni.jpg
Bersani 2006 - Monti 2012

Si parla di "liberalizzazioni". Ottima idea. Di ispirazione liberale, liberista e libertaria. Tassisti, notai, farmacisti? Iniziamo prima dai parlamentari a costo fisso. Trasformiamoli in precari a progetto pagati a risultato. Liberalizziamo il Parlamento. La riduzione degli stipendi e l'abolizione dei vitalizi che fine hanno fatto? Se posso scegliermi l'idraulico o l'imbianchino perché non posso votare il deputato? Perché devo pagare ai partiti un miliardo di "rimborsi elettorali" senza ricevute fiscali e fare la posta al tabaccaio per lo scontrino? Liberalizziamo il Parlamento. La madre di tutte le liberalizzazioni.

20 Gen 2012, 18:45 | Scrivi | Commenti (110) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

A proposito di caste......
avete mai assistito all' inaugurazione dell'anno giudiziario?
che giovanotti ??!!

Massimo A. Commentatore certificato 22.02.14 23:40| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
solo TU puoi sbloccare la procedura per l'apertura di nuove sedi farmaceutiche!!!
Aiutaci!!!!!!!!!!!!
GRAZIEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!

Massimo A. Commentatore certificato 22.02.14 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Per chi volesse conoscere qualcosa in più riguardo le liberalizzazioni delle farmacie e le condizioni lavorative dei farmacisti italiani in italia e all'estero, posto questi link:

http://farmacistaingermany.blogspot.it/
http://farmacistaininghilterra2.blogspot.it/

I blog sono di 2 farmacisti italiani, emigrati per trovare un lavoro degnamente retribuito e soddisfacente... In Italia questo non è possibile, anzi è possibile solo se appartieni alla casta dei titolari di farmacia.

Alberto S. Commentatore certificato 28.02.13 22:55| 
 |
Rispondi al commento

Proposte per migliorare la giustizia senza costi:
1-I provvedimenti tipo autorizzazioni a vendere immobili a un minore,anzichè il giudice potrebbero essere affidati ai notai,stante l'assenza di contenzioso,per evitare il tempo del rilascio da parte del giudice,almeno due mesi a Genova,di più in altri tribunali,per avere più giudici che possano dedicarsi ad altre pratiche. Per evitare conflitti di interesse, oltre a tenere conto di tutti i controlli già esistenti sui Notai, non ultimo quello biennale del Ministero di Giustizia, oltre a tener conto che il loro numero programmato rende questi controlli non formali ma reali, oltre a considerare che nel 2000, quando sono stati affidati ai Notai i controlli sulle società di capitali e sui verbali di assemblea, l'attività è stata svolta con correttezza proprio perchè è un'attività controllata, oltre a tutto questo, si potrebbe prevedere che la decisione del Notaio sull'autorizzazione a vendere un immobile di un minore, nell'esempio sopra fatto, debba essere vistata dall'Ordine prima che sia esecutiva. Si risparmierebbe comunque tempo e si libererebbero i Giudici da incombenze.
2- Nei procedimenti di divorzio o separazione personale, se non vi sono contrasti sull'affidamento dei figli, trattandosi di una divisione di un patrimonio, a volte solo immobiliare, la procedura potrebbe essere affidata al Notaio che sostituirebbe il Giudice. Si avrebbe velocità e risparmio di costi, i Giudici potrebbero essere impegnati in altre pratiche e le cancellerie non dovrebbero curare più adempimenti presso il catasto o lo stato civile, che oggi vengono effettutate con molto ritardo e sbagli. Il Notaio potrebbe curare tali adempimenti e le parti, tramite il loro Avvocato, nel caso non siano contente della procedura svolta dal Notaio, possono sempre rivolgersi al Giudice. Il Notaio curando queste pratiche al posto del Giudice, dove non vi sono contenziosi sull'affidamento dei figli, creerebbe un risparmio di costi.

francesco felis 27.02.13 13:06| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non valutare l' apporto del notariato in ragione di ciò che produce:un titolo atto a svincolare l' agente economico dall' onere probatorio e un titolo già esaminato per la sua rispondenza all' ordinamento in generale ,non solo corrispontente all' interesse delle parti? Perchè non utilizzare il notariato per ciò che è:un professione depositaria dell' autorità pubblica di cui è fiduciaria .Non un semplice ordine professionale.Senza confondere i notai con gli avvocati o i commercialisti ,consulenti di parte. Ma soprattutto ai fini dell' aiuto alla Giustizia,nel duemila ai notai fu affidato completamente il controllo detto omologatorio cioè il controllo sugli atti delle società di capitali (Spa/Srl) togliendolo ai tribunali e non ci sono stati disastri,anzi si è guadagnato in rapidità. Se si vuole velocizzare ,nella sicurezza ,il sistema giustizia,deve essere percorsa questa via. Gli economisti americani lo hanno capito..E che hanno capito quale differenza c’è tra fare un contratto con l’assistenza di una banca, di un avvocato e di un notaio Estratto da Robert J. Shiller, The Subprime Solution, Princeton University Press, 2008, capitolo 6 - The Promise of Financial Democracy, pagina 130.Default-Option Financial Planning " Un’altra possibile scelta istituzionale potrebbe consistere nel prevedere la necessaria assistenza di un professionista del tipo del “notaio latino” per ogni mutuatario.Questi notai esercitano in molti Paesi, ma non negli Stati Uniti: in Germania, ad esempio, il civil law notary è un professionista specializzato in diritto che legge ad alta voce il contratto e lo spiega, fornendo consulenza legale ad entrambe le parti prima di autenticarne la firma.Questo approccio sarebbe di particolare utilità per coloro che non riescono ad ottenere un parere legale obiettivo e competente. La partecipazione al procedimento di una figura di questo genere, nominata dallo Stato, renderebbe più difficile per i finanziatori senza scrupoli,fare frodi"

francesco felis 27.02.13 12:59| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe, sono un giovane farmacista dipendente e devo dire che negli ultimi anni, soprattutto grazie a bersani, la farmacia sta diventando sempre più come un esercizio meramente commerciale che come esercizio professionale..ecco io da professionista vorrei che questo vortice si fermasse perchè la farmacia è uno dei più apprezzati dalla popolazione, in particolar modo dalla popolazione aniana, e migliori servizi italiani perciò non distruggiamola calcando la mano della liberalizzazione perchè in questo modo non si distribuisce ricchezza ma si amplia la povertà e si porta disagio ai cittadini.

antonio spirito 27.02.13 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Per proteggere Caste come i Notai e i Farmacisti, i nostri figli sono disoccupati! Subito triplicare il numerodeiNotai e quello delle Farmacie. Impedire che un Notaio apra uno studiosi un comune diverso da quello della sua sede e che i Farmacisti non possano avere, fino al quinto grado di parentela un'altra farmacia.

Raffaele Di Marino 26.02.13 07:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe Grillo,sono un ex dipendente di una farmacia dico dipendente perchè in Italia se non sei fglio di farmacisti o se non sei migliardario o figlio di un medico non è possibile fare il titolare di farmacia.dico figlio di un medico perchè i medici d'accordo con i titolari di farmacie prescrivono quantità di farmaci allucinanti ai pazienti ignari,tanto poi la torta se la spartiscono tra loro Dopo 10 anni che ho lavorato alle dipendenze di una farmacia mi hanno licenziato con una misera liquidazione e ora sono senza lavoro.Vorrei aprire una parafarmacia ma mi toccherebbe tenere solo pochi farmaci,pur essendo farmacista come loro e pagando l'empaf come loro che guadagnano mille volte di più poverini !!

marco ., roma Commentatore certificato 05.02.13 13:45| 
 |
Rispondi al commento

http://msfi.forumattivo.com/t559-belle-liberalizzazioni

Liberalizzazioni, cui prodest?
Soprattutto quelle attualizzate nel campo farmaceutico.
Di sicuro non ai cittadini, certamente alle grosse società di distribuzione all'ingrosso che con le liberalizzazioni
vedranno migliorare i loro margini di utili erosi dall'abbassamento dei prezzi dei farmaci e dalla continua richiesta
di contenimento dei costi.

Un'idea di quel che sta accadendo e viene perseguito dalle multinazionali della distribuzione farmaceutica è
correttamente riportato nell'articolo di Fabrizio Gianfrate dell'Università Luiss di Roma, al link seguente:
http://www.federfarmaservizi.it/files/bignews/DISTRIBUZIONE%20Distrib%20Intermedia%20Gianfrate.pdf

Ma andiamo per ordine e proviamo a partire dall'apice del sistema distributivo piuttosto che dal suo terminale, la farmacia.

I principali gruppi distributivi in Europa sono tre: Admenta/Celesio, Phoenix/Comifar, Alliance-Unichem Boots.
Prendiamo in considerazione quest'ultimo e iniziamo con un articolo apparso su Capital nel giugno del 2007.
Leggetelo con attenzione.

http://imageshack.us/photo/my-images/99/capitaljune20072.pdf/

E' una cronistoria dell'ascesa economica della coppia Pessina/Barra epurata delle cose più interessanti ma a loro sgradite.
Non si dice infatti, nell'articolo, cosa mai sia accaduto all'azionariato di tutti quei piccoli magazzini locali finiti in mano
all'ing. Pessina con una maggioranza relativa del circa 30% e quanto ci abbiano rimesso, di loro, gli azionisti.
Per lo più titolari di farmacia che di quei magazzini erano clienti prima che soci.
Ma questa è un'altra storia che meriterebbe un thread tutto suo.

Interessante è l'affermazione riportata nell'articolo in cui l'ing. Pessina dice di essere amico di Paolo Scaroni.
(Paolo Scaroni è stato arrestato nel 1992 in merito all'inchiesta giudiziaria di Mani Pulite; nel 1996 ha patteggiato
un anno e 4 mesi per tangenti di svariate centinai

Raffaele Siniscalchi 15.10.12 10:18| 
 |
Rispondi al commento

LIBERALIZZAZIONI DELLE TARIFFE PROFESSIONALI.
Sono un Avvocato Napoletano e sono veramente indignato da queste pseudo liberalizzazioni delle tariffe professionali; nessuno è ha avuto i c.d. attributi di andare per televisione o di scrivere articoli sui quotidiani per dire la verità, ovvero che le suindicate liberalizzazioni delle tariffe è stato solo un altro regalo alla "casta"... è una sciocchezza dire che le lib. favoriscono la concorrenza lì dove siamo in un paese che conta 230.000 avvocati (più concorrenza di questa...). Fidatevi eravamo già Noi che ci confrontavamo con il cliente e se del caso non applicavamo con rigore le tariffe, perchè non dire la verità, ovvero che le liberalizzazioni delle tariffe professionali sono state l'ennesimo regalo alle Banche e alle Grandi Imprese Assicuratrici che sulla scia delle liberalizzazioni impongono ai loro fiduciari esterni convenzioni ridicole e umilianti per dignità professionale di chi sgobba dietro i libri e nelle aule di Giustizia per anni. Faccio un esempio pratico che forse per i non addetti ai lavori sembrerà diffice da comprendere: un giudizio ex art. 700 c.p.c. per un importo di 40.000,00 è stato pagato al sottoscritto (fiduciario esterno di un importante Istituto di credito) € 350,00 di onorari!!!!!!
Adesso direte "nessuno t'impone di firmare queste convenzioni" ma vi posso assicurare che in tempi di crisi se io non firmo ce ne saranno altri 229999 avvocati pronti a firmare anche convenzioni + basse....
Grazie

Marco B., Portici (NA) Commentatore certificato 23.05.12 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, mi permetto di darti del tu perchè da anni che ti seguo e hai il mio pieno appoggio. Questo messaggio lo scriverò anche sul blog ma ho paura che finisse in mezzo ai centinaia di commenti e tu non faccia neanche caso! Sono un farmacista Italo-Iraniano(ho studiato a PG),39 anni,la metà dei quali passati in Italia! moglie (Italiana doc,insegnante precaria!) una figlia di 6,5 anni. Da circa 1 mese sono qui a Londra in cerca di fortuna ma la strada è tutta in salita,prima devo imparare la lingua e con i miei mezzi non è per niente facile.(mangio 1 volta al giorno e cammino come un mulo per risparmiare!) ho lascciato l'Italia perchè avevo sempre più frequentemente il pensiero di farla finita e solo l'amore per mia figlia mi ha bloccato! Ti scrivo per chiederti: per favore non difendere la categoria dei farmacisti TITOLARI e non paragonarli con tassisti. Quella è gente senza scrupoli che grazie all'esclusività ottenuta da una legge medievale per decenni ha accumulato grandi fortune anche sulla nostra pelle cioè farmacisti collaboratori,figli di un dio minore,sfruttati con gli stipendi ridicoli e costretti a pagare anche obbligatoriamente ENPAF e l'ordine professionale che non serve a nulla. Io sono qua lontano dai miei affetti e costretto ad immigrare per una seconda volta anche grazie a questa gente avida e mediocre (spesso hanno semplicemente ereditato la farmacia dal genitore) che ha coraggio pure di lamentarsi. Grazie e buon lavoro. PS: la maggior parte delle parafarmacie appartengono agli stessi titolari o ai loro figli che non hanno esiato di schiacciare qualche collega collaboratore che ha tentato di mettersi in proprio facendo i debiti.
Un tuo convinto sostentore.
M.B

masoud b., londra Commentatore certificato 05.05.12 11:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari lettori,
le liberalizzazioni del prof. Monti sono per lo più una presa per i fondelli.
Guardiamo i notai:sono una pattuglia famelica di circa 5.000 individui che pur evadendo, come fanno quasi tutti in Italia, dichiarano in media 250.000 euro l’anno.
Considerando l’alto tenore dei ragazzi che si laureano nei nostri atenei quintuplicarne il numero non sarebbe stato errato a meno di non volersi scontrare con quella lobby.
Passiamo ai medici di base. L’Italia è un paese di medici e di ingegneri.
Dieci anni fa esisteva un laureato in medicina ogni 197 abitanti. Ebbene oggi i medici di base, con un massimale di 1.500 assistiti, più che dirottarti in ospedale per accertamenti di solito non fanno.
Che senso ha far guadagnare 8 o 9 mila euro al mese ad una classe di semi- parassiti che da decenni ha avuto l’unico merito accertato di ingrassare,oliare e lubrificare gli ingranaggi del carrozzone della politica fungendo da collettore di voti?
Si potrebbe dare ad ogni medico 500 pazienti per un guadagno di circa 2.500 o 3.000 euro al mese,le eccellenze, poi, emergeranno comunque.
Si potrebbe, inoltre,imporre una segretaria per ogni medico di base per 500 euro al mese più assicurazioni e contributi. Nella mia lunga carriera di semi-occupato ho visto laureate che, pur di far pratica soltanto, lavavano e asciugavano i pavimenti. Idem con i vetri. Da noi al sud si suole dare anche la mancia per un caffè a chi è meno fortunato. L’altro giorno al gommista che mi ha montato le gomme termiche ho lasciato una banconota da 5 euro.
La giustizia.
Se non erro i magistrati sono nella nostra nazione circa 9.000 uno più uno meno. Sono oberati di scartoffie e strapagati.
Non che non meritino, per carità, solamente che con questa situazione il sistema è inceppato e ci sono 9 milioni di contenziosi in atto.
Tagliare lo stipendio ai magistrati,il cui lavoro è paragonabile a quello di medici e ingegneri,è come tagliarsi un braccio ma vista la crisi attuale è saggio osservare che

ugo sorrentini 01.03.12 17:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

stiamo andando troppo forte, ci danno addirittura al 7,5%
e questo significa che prenderemmo oltre 40 deputati e
allora si che si vedranno delle belle, da questo blog ho
preso il sondaggio

http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html


pino 25.01.12 21:31| 
 |
Rispondi al commento

Cari taxisti, non vi preoccupate! Aumenteranno le licenze, ma aumenterà anche il lavoro, perchè con il prossimo decreto questo Governo eliminerà tutte le auto blu e di ogni altro colore in dotazione a tutti gli Organi ed Enti pubblici: Parlamento, Governo, Ministeri, Regioni, Province, Comuni, ecc. ecc., e dovranno tutti usare il TAXI... Sogno, utopia.... o realtà ? Chissà! Caro Monti "capisci'a mmè"!!
Nino39

martino pirone 25.01.12 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Se la Legge è uguale per tutti allora deve valere anche per i nostri parlamentari; altrimenti devono essere cacciati dall'Italia!

Barbara Casadei 24.01.12 10:58| 
 |
Rispondi al commento

dall'ANSA:

"Garante degli scioperi, 'Blocchi inaccettabili!"

ci provano pure a stoppare le reazioni, definendole inaccettabili..è una chiara divergenza dalla volontà e sovranità popolare!

Antonio P. Commentatore certificato 23.01.12 19:20| 
 |
Rispondi al commento

ASSOLUTAMENTE!!!!!
INDICA AGLI ITALIANI DA DOVE SI INIZIA E FAREMO LA PULIZIA PIU' ACCURATA E SALUTARE DELLA STORIA.

Ma siamo maturi per non ricadere nel gioco dei politici di mestiere?

Viva Benigni e il "terrorismo preventivo" :-D
I politici vanno "curati" patologicamente fin da piccoli. Solo dopo possiamo debellare la malattia.

Loris - Roma

Loris C. Commentatore certificato 23.01.12 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Ultimi sondaggi politici , la novità è il movimento 5 stelle
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html

Tutti i nomi degli oltre 1000 iscritti alla loggia segreta P2
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/tutti-i-nomi-della-loggia-p2.html

La statua più bella del mondo, Il Cristo velato
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/la-statua-piu-bella-del-mondo-il-cristo.html

Il debito pubblico italiano in tempo reale
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/il-debito-pubblico-italiano-in-tempo.html

I poveri parlamentari italiani in vacanze alle Maldive
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/i-poveri-parlamentari-italiani-in.html

I nomi segreti di almeno 42 massoni italiani famosi
http://quaeram.blogspot.com/2011/12/i-nomi-segreti-di-almeno-42-massoni.html

raffaele q., pomigliano Commentatore certificato 23.01.12 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Cielo stellato sei grande ma non basta, questi vanno accoppati.e a capo!!!

Fabio B. Commentatore certificato 23.01.12 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo inoltre perchè se la legge e uguale per tutti perchè non l applichiamo per tutti

fiorenzo a., bologna Commentatore certificato 23.01.12 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Le liberazzazioni in campo medico apriranno la strada a società di capitali,che useranno i medici come dipendenti a discapito del paziente visto che in questi casi il guadagno fa' capo alla società,il fatto di dover scrivere sul preventivo il nome dell'assicuraszione sembra un invito a far causa al medico,le tariffe minime liberarizzate faranno decadere la qualità della prestazione andremo verso una medicina low coast

franco spallasso 23.01.12 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Ma non solo!!!!!!!!!!!!
COME IN TUTTE LE PROFESSIONI SPECIALIZZATE ED IMPORTANTI, questa più di tutte che AMMINISTRA L'INTERO STATO, per entrare in parlamento solo professionisti laureati con master e specializzazioni, da apposite scuole di formazione da istituire.
PROFESSIONISTI, NON POLITICANTI, AMICI DI PARTITO, FIGLI DEI POLITICI, ATTORI TV E VELINE!
Più una quota riservata ai rappresentanti, a rotazione, di tutte le categorie (scuola, agricoltura, industria ecc)

Diego Etcheverry Commentatore certificato 23.01.12 14:13| 
 |
Rispondi al commento

riflettendo sull' IVA sono giunto alla conglusione che possiamo erigerle qs tassa A SIMBOLO DI INSENSATEZZA DELLA TASSAZIONE ITALICA: provate a pensarci: tu acquisti un bene/prestazione, e poichè sei un onesto (leggesi coglione in qs paese) cittadino, chiedi lo scontrino / fattura. A questo punto il sistema ti applica una multa/sanzione pari al 23 % dell'importo, xchè queste cose non si fanno !!!!
...mi chiedo.... ma sono un disonesto a cercare di evitare questa sanzione o semplicemente mi tutelo dai vampiri ?????? ..metafora: tu parcheggi in disco orario;passa il vigile..se sei in regola ti fa la multa, se no tira diritto !!!!....MA VI PARE LOGICO ????

tina ghigliot 23.01.12 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Bellissima idea. Potrebbe essere qualunquismo e demagogia. Invece no. Sarebbe veramente la MADRE DI TUTTE LE LIBERALIZZAZIONI. Ovviamente è una cosa impensabile. Loro non lo farebbero mai. Purchè si salvino loro lascerebbero crepare tutti. Infatti è quello che stanno facendo: CI STANNO METTENDO TUTTI CONTRO TUTTI E COSI FACENDO DISTOGLIAMO L'ATTENZIONE DAI VERI RESPONSABILI DI TUTTI I NOSTRI GUAI. Oggi tassisti, poi avvocati, farmacisti e così via. Complici noi CHE CI FACCIAMO PRENDERE SEMPRE PER IL CULO. Chissà che succederà nei prossimi tempi.....io comunque credo che avverranno eventi molto pesanti per noi cittadini. Sia per la mala politica sia SOPRATUTTO PER LA FAME CHE C'è IN GIRO. Non è liberalizzando alcune categorie che risolviamo la questione. Ci vuole ben altro e lo SAPPIAMO TUTTI......

Gaspare M. Commentatore certificato 23.01.12 10:31| 
 |
Rispondi al commento

PATRIE GALERE-I nostri nani dell'informazione nei loro articoli compiacenti e rufiani,
hanno omesso di riferirci ciò che i loro padron tecnocrati hanno inserito,
in modo silente, nel decreto liberalizzazioni . Troppo presi dalla solita,
stucchevole e sviante retorica sui taxi. Con poche righe all Art44 viene
sancita (Project financing per la realizzazione di infrastrutture
carcerarie) la costruzione e l'affidamento degli istituti di pena ai
privati : " al concessionario è riconosciuta, a titolo di prezzo, una
tariffa per la gestione dell'infrastruttura e per i servizi connessi, ad
esclusione della custodia". Considerando il livello di infiltrazione
mafiosa in Italia, ed essendone l'edilizia l'humus fertile per eccellenza,
in pratica sarà delegata ai grandi delinquenti con i colletti bianchi,
quelli impuniti, la gestione di questo affare gargantuano, con i
delinquenti di basso lignaggio, di quelli senza santi nel paradiso della
politica a fare da merce preziosa. E siccome le nuove carceri dovranno
essere sempre piene per garantire la maggior redditività possibile, ai
comuni cittadini toccherà pure aprire bene gli occhi. Non si sa mai di
questi tempi. Ma non è tutto, e adesso trasecolerete. Leggete qui : " Il
concessionario nella propria offerta Deve prevedere che le fondazioni di
origine BANCARIA contribuiscano alla realizzazione delle infrastrutture di
cui al comma 1, con il finanziamento di almeno il 20% del costo di
investimento".In altre parole è fatto obbligo di imbarcare anchele BANCHE
in questo gigantesco nuovo business. E mentre i nani divagano e
depistano,tutti noi dovremmo riflettere se un simile sconvolgimento non
avesse meritato un dibattito parlamentare o quantomeno pubblico.Almeno cosi
ci si comporta in 1Stato democratico e in 1Paese dove i giornalisti
fanno il loro mestiere e non i depistatori di
folle.-linkdecretoliberalizzazioni:https://docs.google.com/viewer?url=http%3A%2F%2Fmedia2.corriere.it%2Fcorriere%2Fcontent%2F2012%2Fpdf%2Fliberalizzazioni.pdf

Cielo Stellato 23.01.12 08:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"I deputati «ribelli» ai tagli dei vitalizi: ricorsi da Lega, Pdl e Pd". Altro che liberarsi di questi. Ora ricorrono e avranno vanificato anche quel piccolissimo risparmio che era stato fatto aumentando l'età della riscossione dei vitalizi da 50 a 60 anni. Con buona pace di tutti gli italiani, dimostrano ancora una volta che sono INTOCCABILI e che NON hanno voglia di cedere su nulla, nemmeno di un millimetro (o un cent).

Chiara Mente Commentatore certificato 22.01.12 19:56| 
 |
Rispondi al commento

perchè non liberalizzare in primis i politici ed i loro partiti che tanti danni hanno provocato per decenni a questo paese assieme al governo i parlamentari e i banchieri e sostituirli con rappresentanti del popolo ( operai impiegati liberi professionisti associazioni e anche casalinghe ).sono certo che in poco tempo sparirebbe lo spread,e finalmente ci sarebbe l'impulso per la cresita economica e sociale.

pasquale d. Commentatore certificato 22.01.12 18:17| 
 |
Rispondi al commento

la solita casta
http://italy.indymedia.org/node/3636

batafor 22.01.12 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Le licenze dei taxisti sono date dai comuni(clentelismo)in modo non trasparente e concesse anche allo stesso nominativo o socio.Quindi se Monti toglie questo potere ai Comuni è positivo.Sarebbe certamente equo rimborsare le vecchie licenze.Perchè il valore di una farmacia è di miliardi di euro?Chi può permettersi di comprarla?L'Università sforna migliaia di laureati in farmacia perchè questi dottori abilitati non hanno, dopo un tirocinio di almeno due anni,di aprirsi una farmacia come i baristi???

angelo.arata 22.01.12 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, ma veramente pensiamo che agli italiani
gli e ne frega più di tanto di liberalizzare le licenze dei taxi o di qualche farmacia in più?
Qui signori miei sono tutti diversivi per deviare quello che veramente è il loro obbiettivo!!!!(sic).
La divisione delle Snam e dell'energia.
Quarda caso la stanno facendo passare come una notiziola da mettere in piccolo, che non interessa nessuno. E poi scommetto che non si sapranno mai i nomi di chi gestirà tutto questo,e soprattutto quanto la pagheranno!!
E poi tra un anno vediamo cosa ci costeràl'energia
GIUDICI DOVE SIETE????
O dobbiamo pensare che anche Voi siete complici di questa banda di mafiosi.
Basta!! Fino a quando??

Vncenzo De Luca 22.01.12 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Liberalizzazioni!!?? Questi liberalizzano a nostro danno, loro a cosa hanno rinunciato? E' uno schifo, sembra che siano convinti che nessuno capisca cosa stanno facendo.
E' uno schifo anche che noi non si faccia nulla per fermare questi incapaci.

Gian Luigi Rossi 22.01.12 07:20| 
 |
Rispondi al commento

Logico!
da fare assolutamente!
e dopo anche il finanziamento ai giornali!
basta finanziamenti
a rivederli mai!
e ce ne sono
perche' mi chiedo : xchè a un politico o un giornalista o teatrante si e a un imbianchino panettiere fabbro no??

Alessandro D., Roma Commentatore certificato 21.01.12 23:22| 
 |
Rispondi al commento

Mi torna in mente la nobiltà' francese prima della rivoluzione. Vivevano in un mondo tutto loro, pieno di piaceri e frivolezze. Del popolo non gliene importa niente. Che muoiano ! Chi se ne frega ! Ed e' cosi' oggi. Auto blu, stipendi e prebende incredibili, garanzie al limite della ragionevolezza. Una delle ultime: ho notato dai telegiornali che i nostri politici erano tutti (destra-centro-sinistra non fa differenza) a Cortina per una settimana di "incontri" ( che sono la maniera furba di mascherare una settimana bianca a spese della collettività). E poi giù incontri, congressi, dibattiti senza risparmio di scenografie, luci, impianti tutti guarda caso forniti da società riconducibili a fondazioni di partito o cooperative con riferimenti politici. Mi fanno schifo.

Giovanni Nencioli, Firenze Commentatore certificato 21.01.12 22:39| 
 |
Rispondi al commento

Io sono contraria a tutte le liberalizzazioni che riguardano beni e servizi dei cittadini: sanità, acqua, scuole, autostrade, trasporti....Visto che le caste restano intoccabili, IO STO CON I TASSISTI!

maria barberio 21.01.12 22:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono sempre più convinto dela mia idea: ciò che definisco liberalizzazioni sono ne più e ne meno che il principio del caos. Niente regole, vuol dire precipitare. Liberalizzare??? I taxi?? Le farmacie?? I notai??? ...perchè così diminuiscono i costi sostenuti dai cittadini per tali servizi?? Siamo in tema, facciamo due conti su come è composto il prezzo di una corsa di taxi, e poi vediamo. A differenza di questi indefinibili che continuano a sedere in parlamento, noi facciamo i conti esatti di ciò che ci rimane dopo che è passato Cesare, Cesare invece decide il proprio tenore di vita a piacimento. E poi magari crede di incantarci dicendo che la sua rendita è misera. Ma....non ci sono commenti.
Pensiamo un po' se un giorno si potesse creare la società Equipolitica: il tale politico (ma anche tecnico) ha creato danni per una certa cifra che li deve rimborsare agli italiani tramite Equipolitica. Non paghi? Ipoteca legale o preventiva. Non hai più i soldi? Non preoccuparti, Equipolitica ti aiuterà con comode rate inizialmente di importo basso e via via crescenti. Non riesci comunque? Pazienza, ti porto via la casa. Equipolitica, società detenuta per il 51% dai cittadini e il restante 49%...dai cittadini.

Gian A 21.01.12 22:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,Beppe Grillo,il mio commento riguarda le liberizzazioni.ma davvero crediamo a tutte le fandonie che ci dicono,le liberizzazioni per i nostri cari e vecchi politici sono una lavata di mano per non perdere i loro elettori,visto che come Lei insegna i politici non fanno vera politica ma fanno solo contratti affaristici per le loro tasche,quindi adesso il governo Monti non eletto mette tutte le tasse possibili,poi loro penserebbero come fregarci ancora con le loro stupite promesse che puntualmente tutti i loro elettori abboccano all'amo è o non è vero??
sono contento che ci siano giornalisti come Lei,che con tutto il rispetto parlando glielo sbatte in faccia ad ogni occasione il dato di fatto e cioè che sono TUTTI una massa di LADRI. Grazie di esistere..Saluti..Luigi Petriccione

Luigi Petriccione 21.01.12 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Liberalizzare il Parlamento? A mio avviso, il problema in Italia è che il Parlamento è già fin troppo liberalizzato. In Parlamento ci può andare chiunque (naturalmente su mandato "dall'alto"): cani e porci, nani e ballerine, mignotte e camorristi, pregiudicati e in attesa di giudizio, dementi e tossici, truffatori e Calderoli... Tutti, tranne gente competente per il lavoro che deve (dovrebbe) fare: governare un Paese. Allora, forse, sarebbe meglio restringere questa "liberalizzazione" perversa, e mettere un filtro, un vaglio per far sì che chi deve governare abbia la competenza per farlo.
Per fare qualunque mestiere, dal netturbino al magistrato, dall'insegnante al dirigente, pubblico o privato, devi dimostrare di avere le competenze, di essere capace di svolgere quell'attività, tanto più quanto più alta è la responsabilità dell'incarico che ricopri.
Invece, a guidare la nave Paese, ossia al compito di più alta responsabilità, ci ritroviamo una manicata di incapaci, incompetenti e irresponsabili, specializzati in una sola attività: rimanere attaccati come cozze alle loro poltrone e ai relativi privilegi.

Ennio R., Roma Commentatore certificato 21.01.12 20:47| 
 |
Rispondi al commento

beppe, hai ragione, il lavoro in italia si compra come tutti quelli che per essere dei sevitori dello stato, a tempo inderminato, hanno pagato 30.000 euro, un primario ne paga oltre 100.000 di euro. tutti pensano che i politici hanno i loro raccomandati, no, no, no, hanno i loro clienti perchè i soldi li incassano loro. liberalizzate tutti gli impieghi statali, tutti, dai giudici alle forze dell'ordine e via dicendo...

aldo delli carri 21.01.12 20:22| 
 |
Rispondi al commento

I politici sono tutti d'accordo tra di loro . Non penso che voteranno mai un provvedimento che li faccia tornare indietro di un cent. Sono veri egoisti .
Guardate Paniz uno dei più ricchi avvocati in parlamento che difende le caz...te del suo padron B. Ha detto che con quello che prende dal parlamento stenta a vivere a Roma. Poverino!
Vorrebbe che qualcuno gli credesse. Lui e' bellunese non aiuta e non ha intenzione di aiutare nessun sindaco bellunese che ha bisogno di rappezzare le malandate strade di montagna. Dice che lui eletto da due legislature non deve ringraziare i bellunesi per i voti perché glieli ha garantiti il suo padrone. Io non penso che c'è bisogno di una sfoltita di capelli come successo nella rivoluzione francese , ma uno o due esempi simili a quella volta , con trofei sull'obelisco davanti a Montecitorio potrebbe bastare come esempio per i prossimi 200 anni. Come in Francia quella volta.
Ma noi non siamo ancora un popolo unito. Abbiamo ancora bisogno degli stivaloni e del condottiero.
Speriamo, sono disponibile a fare la mia parte.

Lio PARCIANELLO Commentatore certificato 21.01.12 20:22| 
 |
Rispondi al commento

da qualche parte si devve iniziare.
se riusciamo a votare andrà ancora meglio.

Santo Clemenzi 21.01.12 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Un sunto geniale di quello che dovrebbe essere il primo punto di qualsiasi programma di governo.

Alberto Gaspari 21.01.12 19:01| 
 |
Rispondi al commento

Non credevo che i problemi dell'Italia li creassero i tassisti, gli avvocati i farmacisti...
E le banche, le assicurazioni, le frequenze televisive (guarda caso rimandate....)....
Mi sembra tutta una presa in giro.
E quanto promesso per la riduzione degli stipendi dei parlamentari che fine ha fatto? Bellissima l'idea di trasformarli in precari..parole sacrosante.
Speriamo che in un giorno non lontano si possa avverare...

annunziata C. Toscana 21.01.12 18:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Più che una lotta alle caste è in atto una lotta di classe: posto fisso contro resto del mondo. Si va a liberalizzare settori in cui c'è già una accesa concorrenza e magri guadagni, tutelando oltremodo politici e sindacalizzati. In compenso grazie a Monti negli appalti pubblici si renderà obbligatorio garantire che l'offerta non scenda sotto al costo della paga sindacale delle maestranze adoperate, con grosso incremento di costi per lo Stato.
Quando hanno abolito le tariffe professionali ho pensato che mi frega, tanto lavoro già a sconto del 50%. Ma il punto è che se uno lavora a metà prezzo rispetto al tariffario sta prendendo metà paga rispetto a chi lavora con una ditta, tutelato dai sindacati. Quindi perchè l'attacco a queste categorie? E' una cosa priva di logica che sta portando tanti alla fame. Forse che a un commerciante, un professionista, un tassista etc. qualcuno gli assicura un guadagno di 30 euro lorde all'ora per tutta la vita come a un comune operaio? Ma magari!
Allora se si vuole equità sociale e rimediare all'evasione si rendano obbligatorie le tariffe professionali e se ne assicuri il rispetto; in questo modo tutti guadagnerebbero il giusto, la pretesa delle fatture risulterebbe scontata e in caso di controlli guai a chi non ha applicato il prezzo corretto. La finanza potrebbe multare molto più facilmente sapendo cosa costa un lavoro, ma non si può sanzionare chi lavora a metà prezzo! Si finisce cornuti e mazziati.

Luigi Mura 21.01.12 18:41| 
 |
Rispondi al commento

2OOO CARATTERI NON BASTANO...

IL MIO COMMENTO LO POTRETE INTUIRE DAL SEGUENTE LINK:

http://mangox.wordpress.com/2012/01/14/buongiorno-italia-serie-bbb/#more-561

ALTRO CHE TASSISTI!!!

gustavo s. Commentatore certificato 21.01.12 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Anni addietro quando fù liberalizzato il settore dei trasporti merci su strada nessuno si prese la briga di fare tutto sto cancan come avviene oggi per i taxisti. Mio padre e come lui molti altri aritigiani, si ritrovo con un pugno di mosche in mano. Le sue licenze di conto terzi non valevano + nulla. Licenze pagate profumatamente e che gli avrebbero permesso di trascorrere la vecchiaia con molti meno problemi.

Fabio Musante 21.01.12 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Sto pensando a miss (canotto) Gruber che ieri sera con composto atteggiamento da sinistra istituzionale ha accolto il prof. Monti e i suoi deliri come il primo segno di vero cambiamento di questo paese e a Mr. Saviano & Jovanotti che dalla Bignardi lo osannavano. SONO INORRIDITO !!!!!!!!!!!! Così ho pensato a quello che si "è dimenticato" il Sig. Monti per cominciare a cambiare, invece di dare nuove illusioni a chi crede che il "mercato" sia il re del mondo:
1. tassa su tutte le transazioni finanziarie
2. divieto di vendite allo scoperto
3. divieto di vendere titoli, azioni, e simili per almeno 6 mesi dal momento dell'acquisto.
4. Responsabilità civile e penale delle banche e dei banchieri e bancari che praticano interessi da usura, consigliano acquisti in borsa, fanno pagare spese esose, praticano sui mutui spread superiori al 3% + tasso ufficiale di sconto BCE
5. Condanne penali per chi esporta illegalmente capitali all'estero al fine di evadere o eludere il fisco superiori a 15 anni.
6. Condanne penali superiori a 15 anni per chi ricorre alle tangenti per l'assegnazione di appalti pubblici
7. Esenzione dal pagamento dell' IMU (ex ICI) per tutti quei proprietari di immobili gravati da mutui che sono in realtà delle banche
8. Eliminazione delle Province, delle Camere di Commercio, e di tutti gli enti realmente inutili.
9 Obbligo per tutti gli enti pubblici (INPS, INAIL etc.) di investire e rendicontare tutte le plusvalenze derivate dai versamenti dei contribuenti.
10. Tetto su tutte le competenze e le "liquidazioni" dei manager di Aziende pubbliche che devono essere proporzionate ai rendimenti
Penso che se il sig. Monti fosse veramente interessato a risanare il debito pubblico e a far pagare la crisi a chi per 50 anni si è indebitamente appropriato di quello che non gli apparteneva (senza nessuna distinzione), forse sarebbe meglio
Penso sempre che i servi dei padroni, sono peggio dei padroni stessi in tutti gli ambiti dela vita. HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !

paolo santoli 21.01.12 16:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"La madre di tutte leliberalizzazioni" è uno dei tanti articoli di questo blog con il quale sono perfettamante d'accordo.Aggiungerei la mia domanda: ma davvero con questi provvedimenti(liberalizzazioni)si risolve la crisi italiana? Forse qualche genio tra quelli che si alternano alla guida di questo paese potrebbe spiegarcelo.

renzo ferrante 21.01.12 16:35| 
 |
Rispondi al commento


Ciao Beppe,

volevo sapere: cosa pensi della rivolta siciliana? sono mafiosi, dei buffoni o stanno lottando per un mondo migliore (anche se bloccano le merci e rischiano di far chiudere le aziende)? la violenza in questi casi è lecita o no?

grazie

marco


marco orsi 21.01.12 16:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perdonami la mia ironinia, "ma bravo!, così liberaliziamo le droghe e la
prostituzione e perchè no l'aria e l'acqua un pò di sangue e faremo un
cocktails perfetto per le Mafie.".
Dico questo perchè le regole devono esserci e devono essere rispettate e
quando qualcuno non le rispetta non va punito ma ri-educato al rispetto.
Forse può sembrare utopia ma questa e quello che si avvicina di più al
senso della vita.
Pensando al libro di Beppe Grillo "Siamo in guerra" mi viene in mente una
battuta: "Facciamo una 'missione di pace' alle mafie".

Francesco Leandri 21.01.12 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Salve, sono iscritto al blog da molto tempo. Vi chiedo di mandarmi i vari post al seguente indirizzo: giuseppe.navelli@gmail.com e non a ginavell@tin.it
Grazie, e forza Beppe Grillo con tutto lo staff

giuseppe navelli, caserta Commentatore certificato 21.01.12 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Dal sito della Camera dei Deputati, la scheda personale di Marina Sereni, PD, testuale:

"diploma di liceo classico; dirigente di partito".

Bruno Anastasi 21.01.12 14:55| 
 |
Rispondi al commento

prima di tutto liberiamoci da chi non sa nemmeno cosa significa lavorare,per favore facciamo presto non li posso piu' vedere,via chi ci ha fatto arrivare in questa situazione!!!!!!!!!!

bruno paccasassi, roma Commentatore certificato 21.01.12 13:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei fare qualcosa per aiutarti....cosa ?

lucas carson 21.01.12 13:01| 
 |
Rispondi al commento

avete presente le cappe aspiranti? ne avete tutti una in casa probabilmente e probabilmente è marcata Faber o comunque da questa costruita per conto terzi...ebbene questa ditta che non è minimamente sull'orlo del fallimento, ha deciso che basta si chiude...invio di seguito un articolo di bebbe Giulietti edito sul Fatto Quotidiano, le sue parole saranno senz'altro più eloquenti delle mie....
A Fossato di Vico dove la Faber non c’è più
Le cappe di aspirazione della Faber, multinazionale del settore, si porteranno via anche i 200 lavoratori dello stabilimento di Fossato di Vico, comune umbro della fascia appenninica, situato tra Gubbio e Gualdo Tadino. Siamo andati a trovarli perchè ci hanno scritto chiedendo che si parli anche della loro storia confinata, sino ad oggi, solo nelle cronache dei giornali umbri e marchigiani.
Li abbiamo trovati davanti ad un modernissimo stabilimento chiuso. Stanno davanti al portone, hanno montato una grande tenda, mangiano e dormono li, si danno i turni, incontrano studenti, cittadini, chiunque abbia voglia di andarli a incontrare e sentire la loro allucinante storia.

La Faber era di proprietá di una famiglia di Fossato,nel 2004 è stata venduta ad una multinazionale con sede in Svizzera e con stabilimenti in Francia, in Turchia, ora anche in India.
Nel 2010 la direzione del gruppo ha assegnato a questa fabbrica il premio come miglior stabilimento del gruppo.
Nel 2011 la stessa direzione ha comunicato che ci sarebbe stata una leggera riduzione della produzione: da 520 mila pezzi a 500 mila. Nulla di preoccupante, a talento che gli impianti erano stati potenziati con ulteriori investimenti.

Poi all’improvviso l’annuncio che questo stabilimento sarebbe stato chiuso, lasciando aperto, almeno per ora, l’impianto che si trova nelle vicende Marche. Un fulmine a ciel sereno, forse il preannuncio di una prossima delocalizzazione in Turchia. Alla faccia di quelli che dicono che in Italia non si potrebbe licenziare perchè l’articolo 1

verità è futuro 21.01.12 12:46| 
 |
Rispondi al commento

LE GRANDI LIBERALIZZAZIONI SONO:

- LOTTA ALL'EVASIONE FISCALE,

- TUTTI POSSONO SCARICARE LE FATTURE,
DI QUALSIASI TIPO

Michelangelo Bacchion, Castelfranco Veneto Commentatore certificato 21.01.12 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Condivido pienamente l'idea.
Lanciamo un referendum, oppure una legge di iniziativa popolare e poi guardiamoli votare contro.

Michelangelo Bacchion, Castelfranco Veneto Commentatore certificato 21.01.12 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, come è possibile che tutto il comparto del fotovoltaico sia in cassa integrazione e nessuno ne parli? Io faccio parte di quei 1200 operai a casa!

Mirco garbo 21.01.12 11:49| 
 |
Rispondi al commento

e il mercato dell'auto usate?
è mai possibile che solo in italia si debba pagare una supertassa pazzesca, un furto dello stato che è il passaggio di proprietà che ne rende sconveniente la compravendita.

sergios g Commentatore certificato 21.01.12 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Bene per le liberalizzazioni, ma va fatta anche per tutti i politici.
Esempio se uno è in maggioranza e non ottiene i risultati promessi agli elettori, gli viene decurtato lo stipendio (e relative spese) di una percentuale da stabilire (non inferiore al 50%).

roberto Ardemagni 21.01.12 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che questo post rientri nella categoria, definita da Beppe, dei "benaltristi". I benaltristi uccidono sul nascere ogni iniziativa ragionevole (cosa c'e` di male nelle liberizzazione dei taxi e degli ordini professionali???)....
C'e` sempre qualcosa meglio da fare: qualcos'altro da cambiare per farsi belli delle intenzioni, qualcosa da non toccare per non scontentare una minoranza rumorosa o qualcuno da attaccare a prescindere.

Io leggo il blog perche` mi aspetto delle critiche al sistema e delle proposte concrete, non delle sparate a caso contro qualcuno (in governo, in questo particolare caso) solo per attizzare la polemica del navigante medio.
Con i migliori auguri,
Federico

fede sforz 21.01.12 08:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono assolutamente contrario alla logica delle liberalizzazioni ed all'intero progetto Monti-Finanza internazionale.
Si tratta invece di scegliere piuttosto un radicalmente nuovo modello di vita ed organizzazione sociale, basato sulla riduzione della velocità di crescita e sulla decompressione e decomplesssizzazione della società.
Per quanto mi riguarda ciò si inquadra in un progetto radicalmente neo-conservatore (ma il mio conservatorismo non ha nulla a che fare con il conservatorismo moderno).
Vi segnalo pertanto due miei ultimi scritti pubblicati sul mio blog all'indirizzo http://cieloeterra.wordpress.com :
1)la recensione del saggio sul conservatorismo integrale al quale sto lavorando
2)il manifesto conservatore da me proposto per la lotta dei medici contro il progetto Monti di prendere sotto tutela la cassa pensioni puramente contributiva dell'ENPAM
Saluti
Vincenzo Nuzzo

Vincenzo Nuzzo, Napoli Commentatore certificato 21.01.12 07:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cosa triste è che noi li abbiamo sempre votati. Bisogna cambiare la legge elettorale, ma soprattutto la scelta dei candidati. Fin. quando sarà il partito ad imporre il candidato io cittadino nn avrò la possibilità di votare la persona giusta. I partiti dovrebbero garantire sul candidato e invece garantiscono solo per i loro interessi. Scelgono candidati marionette che nn avranno mai potere decisionale, perciò le cose nn cambieranno mai. Le persone oneste e intelligenti nn vengono candidate perchè sarebbero di ostacolo ai loro sporchi interessi.

Daniela cicala 21.01.12 07:38| 
 |
Rispondi al commento

IO HO VOTATO M.MONTI SISI ME LO RICORDO SCRISSI PROPRIO M&M. a!!! mi dici che non si è mai candidato?mi stai dicendo che non è stato mai candidato? cio è una legge dice che si puo mettere a capo del governo chiunque senza votarlo? SCUSA MA IN CHE NAZIONE SIAMO?
Posso votare il prossimo candidato e i candidati alla camera e senato mettendo il nome? azzzz manco questo posso fare? A CAPITO SE VOTO TUO ZIO MI REGALI I BUONI BENZIA.....a se voto pure tu fratello mi dai il posto fisso....caxxo ma allora siamo tutti amici corrotti ma come lo voto tu fratello tu zio se non posso mettere il nome? a capito basta che metto una crocetta su un simbolo poi ci pensi tu a smistare i voti...
BHE ABBASTANZA DEMOCRATICO,QUALE È IL SIMBOLO? PARTITO DELLA GNOCCA? BHE DAI SI PUO VOTARE SO PROFESSIONALE TE LO FICCANO IN C.....O!

angelo colonna 21.01.12 02:25| 
 |
Rispondi al commento

Un vaff.. a tutti i politici.

Lino G. Commentatore certificato 21.01.12 00:28| 
 |
Rispondi al commento

Eppure ricordo di avere votato per l'abolizione del finanziamento pubblico dei partito.... E se prendo una multa la pago tutta con tanto di notifica a domicilio mentre loro fanno una milleproroghe e per le affissioni abusive...una tantum... Ora basta!!! Hanno già toccato il latte italiano, se ci provano con l'acqua.....in alto i forconi!

francesco pavone 21.01.12 00:21| 
 |
Rispondi al commento

La prima e la piu' importante delle liberalizzazioni è quella delle droghe. E lo dico senza ironia. Perchè oggi, questo mercato qua, è un monopolio nelle mani delle mafie, che con i proventi compra parlamentari, ci paga campagne elettorali per quelli che dopo gli faranno da servi dai posti di comando, ci accaparra appalti, ci compra terreni e immobili. Questo è il più grande monopolio che oggi esiste in italia. Ma i nostri accattoni al potere nemmeno lo nominano e se si apre l'argomento eccoti che viene fuori il democristiano di turno e il fascista che la buttano in questione morale pur di non fare un cazzo e lasciare la cosa tutta a cosa nostra.
Questi barano sapendo di barare e preferiscono sparare sui tassisti piuttosto che sfiorare a quelli che, p li fanno saltare in aria, o li tengono a libro paga. Quindi non è una questione romantica o una provocazione quella di pretendere la liberalizzare le droghe, nè, tantomeno una provocazione. E' purtroppo un dato di fatto perchè il mercato delle droghe in mano alla malavita forse è l'impresa monopolista più grande che abbiamo.

Essere sobri va bene, ma essere senza palle con la scusa della sobrietà non una bella cosa e denota malafede e incapacità.

Olmo Pinkerton 20.01.12 23:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A PROPOSITO DI EVASORI

E finalmente si scopre che l'evasore fiscale è un nemico da combattere, responsabile dell'enorme debito pubblico che ostacola la ripresa economica.
Ma, a fianco a questo disertore dell'economia nazionale che rifiuta di accomunare parte della ricchezza che produce trattenendo qualcosa che è comunque suo, c'è una parte più subdola di società che vive da parassita legalizzato; parlo dei Soloni della burocrazia, dei satrapi del potere economico, dei boiardi di stato, degli oligarchi di enti ed istituzioni pubbliche spesso inutili, dei beneficiari politici di privilegi, di cariche multiple e di consulenze inutili super retribuite, legittimati da leggi costruite ad oc per mascherare la loro figura fasulla o, quanto meno un'attività supervalutata o corrotta. Costoro privano la comunità del loro personale contributo che è inesistente o quanto meno risibile, mentre assorbono direttamente il loro benessere dalla ricchezza nazionale sotto forma di stipendi di centinaia di migliaia di euro l'anno, terminando la loro vita “produttiva” con liquidazioni da favola e pensioni d'oro, anche molteplici.
Mi chiedo quale articolo della nostra Costituzione riconosca ad una casta di uomini capacità divine che valgano lo stipendio di mille operai!! anzicchè il diritto ad una retribuzione che consenta una esistenza libera e dignitosa.
L'atto indegno di colpevolizzare l'intera nazione per aver vissuto fino ad oggi al disopra delle proprie possibilità, cela la vera colpa di questa parte ignobile del paese di vivere da troppo tempo al di sopra delle possibilità della parte produttiva di mantenerla.
Se si legittima la funzione fasulla di questa classe di colletti grigi, perchè non si legittima anche l'attività “immorale” delle prostitute? Almeno le loro partite IVA di libere professioniste farebbero bene all'economia nazionale!!

antonio esposito 20.01.12 23:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non c'è più libertà di uno Stato funzionale e partecipativo, NOI siamo lo Stato e tutti noi, con le nuove tecnologie e la rete possiamo essere deputati per tutta la vita!


Liberalizziamo anche la pubblica amministrazione: voglio andare a pagare le bollette in posta alle 2 di notte e di domenica pomeriggio, in comune o al catasto dopo il lavoro e all'agenzia delle entrate prima delle 9 di mattina.

Stefano F. 20.01.12 22:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

spesso i politici hanno molti incarichi, molti stipendi: politico, sindaco, amministratore di municipalizzate, enti, fondazioni, professionista o dirigente, proprietario di società di consulenza, di costruzioni, di imprese agricole ecc. ecc. La carica è dinastica e la protezione si estende a parenti ed amici anche se sono tutti emeriti imbecilli. Stiamo morendo di questa classe politica ladra, corrota,truffatrice, nepotista, clientelare e incapace. Accaparratrice di ogni bene mobile e immobile di enti. I peggiori politici degli ultimi 70 anni

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 20.01.12 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Volete meno evasione? Non e' punendo glievasori che si risolve il problema, anzi, istigate solo a trovare un altro modo per rubare...iniziate a far scaricare tutto anche ai privati, vedrete come i conti tornano, tutto parte da li! Chiedetevi il perche' si evade e no come non far evadere perche' questa e' solo la conseguenza!

bianca g 20.01.12 21:56| 
 |
Rispondi al commento

Salve, sono un piccolo risparmiatore ( di sinistra ) che alcuni anni
fa ha deciso di impegnare i propri risparmi per una buona causa quale
le azioni Unipol Privilegiate.
Non sono un professionista della finanza nè tantomeno uno speculatore.
Le comprai circa 3- 4 anni orsono, ad un valore di circa 1,20-1,40
euro per azione.
Un paio di anni fa, l'azione valeva circa 0,50 centesimi e fui "
chiamato" ad un aumento di capitale. Dovetti aderire per forza, per
non allontanarmi troppo dal valore delle azioni, sborsando una
ulteriore cifra per me importante ( sono un operaio ! ).
Ora, vedendo il valore delle azioni Unipol Privilegiate a 0,10
centesimi, mi viene da piangere e si parla di un nuovo aumento di
capitale, perchè Unipol vuole acquistare FondSai ! Sono disperato, non
ho più i soldi per questo aumento di capitale e se vendessi le mie
azioni, avrei comunque perso tutti i miei risparmi ! Io ero convinto
che fosse Berlusconi il vero mascalzone, ora non ne sono più tanto
convinto. Per favore, fate qualcosa....., qualcosa di giusto per
proteggere i piccoli azionisti, cassettisti e non speculatori ! Grazie.


Questa è la mail che ho inviato 2 giorni fa a Bersani, Di Pietro, a varie Coop,
nonché alla Unipol stessa, ovviamente senza risposta alcuna.
Destra o Sinistra sono tutti uguali…………!

renato spolini (imbrogliato) Commentatore certificato 20.01.12 21:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa è una proposta valida e anche di attuazione possibile.
Li voglio vedere all'indomani, con la popolazione che pretende il posto al parlamento..! lol

3mendo 20.01.12 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Un paragone alla Max Catalano.
è meglio un falso Allarme che un Allarme mai dato!!!è di mia opinione personale automatizzare l'impianto di Allarme,ottimizzandolo!!!ad esempio se lo scafo imbarcasse acqua automaticamente i sensori che a oggi si trovano nelle tipologie più svariate di diversi propositi farebbero scattare all'istante diverse sirene identificative.ciò toglierebbe svestendolo del pesante fardello,l'incombenza all'Uomo!!!un mio parere agghiacciante è che alcuni dispersi attualmente introvabili siano in qualche modo rimasti nel centro schiacciati tra l'acciaio della Nave e la Roccia dell'isola travolti da una spirale massa d'acqua.

stefano garau 20.01.12 21:21| 
 |
Rispondi al commento

parole sante!
ci vogliono coglionare, rintronandoci con queste cose. intanto vediamo quale sarà l'impatto di questa manovra che racconta di libertà. poi vedremo. ma, certamente, non fanno neanche un passo che ridia fiducia a chi deve fare i conti con tutto il resto

Antonio P. Commentatore certificato 20.01.12 21:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
spero interessi questo mio auspicio.
Finalmente, il popolo siciliano si sta svegliando. Basta con il pagamento di 15.000 euro al mese per un deputato regionale, per la pensione di decine di migliaia di euro ad oscuri e inefficienti funzionari regionali, provinciali e comunali. Basta coi nepotismi nelle università, nella sanità e nella scuola. Basta con la giustizia inefficiente e quindi assente. Viva i giovani, i contadini e tutte le altre forze produttive siciliane.
Lotta dura contro i corrotti, i parassiti e le canaglie di ogni ordine e grado.
In alto le forche come segno di un vero cambiamento.
Giuseppe C. Budetta

Giuseppe Costantino Budetta 20.01.12 21:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, parli che la casa non si toglie a nessuno, eppure sono tanti nni che grido vendetta perche mi hanno rubato la casa e i soldi di una casa interamente pagata. Sono venuti 21 carabinieri, mi hammmo aggredito e ammanettato, vai su youtube e metti il mio nome e cognome e poi fammi sapere, vedrai che fa la mafia dei colletti bianchi a Cosenza

Livio Pietramale 20.01.12 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Nooo,Quello NO!
Se mi serve un parlamentare per una festa poi a chi mi rivolgo,quelli non si fermano nemmeno per il vespone! no cmq chissà se ha liberalizzato anche le sigarette,che sia la volta buona che scendono i prezzi! i prezzi delle sigarette sono un indicatore ufficiale dello stato di salute del nostro paese,più soldi teniamo,più fumiamo,più ne compriamo,più i prezzi salgono! DOVREBBE ESSERE! quà seccano tutti! -.-' COMUNQUE,MONTI,VAFFANCULO!

Domenico G., cardito Commentatore certificato 20.01.12 20:45| 
 |
Rispondi al commento

(null)

Alessandro chiatti 20.01.12 20:44| 
 |
Rispondi al commento

mi vergogno di aver avuto la tessera del pci nell epoca di Berlinguer ma ripensandoci non esisteva il web per il resto è cambiato poco

mario menegoni 20.01.12 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Ultimo sondaggio politico, e' boom per movimento 5 stelle
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimo-sondaggio-politico-e-boom-per.html

sondaggi politici , la novità è il movimento 5 stelle
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html

Tutti i nomi degli oltre 1000 iscritti alla loggia segreta P2
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/tutti-i-nomi-della-loggia-p2.html

La statua più bella del mondo, Il Cristo velato
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/la-statua-piu-bella-del-mondo-il-cristo.html

Il debito pubblico italiano in tempo reale
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/il-debito-pubblico-italiano-in-tempo.html

I poveri parlamentari italiani in vacanze alle Maldive
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/i-poveri-parlamentari-italiani-in.html

I nomi segreti di almeno 42 massoni italiani famosi
http://quaeram.blogspot.com/2011/12/i-nomi-segreti-di-almeno-42-massoni.html

raffaele q., pomigliano Commentatore certificato 20.01.12 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Ma vieniiii questo si che è parlare.

Moreno Bettega, trento Commentatore certificato 20.01.12 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Verita pura e semplice

Giampietro fraccari 20.01.12 19:48| 
 |
Rispondi al commento

EQUITA'?Conflitto di interessi,Frequenze TV,Legge elettorale,Parlamentari;Berlusca GODE e i Pensionandi cornuti e maziati sprofondano con il PD e la LEGA delle BADANTI TERRONE,CHE BANDA

Giampaolo S., Torino Commentatore certificato 20.01.12 19:45| 
 |
Rispondi al commento

IO METTEREI A TUTTI I PARLAMENTARI E POLITICI VARI UN COLLARE ELETTRONICO AD ALTA TENSIONE CHE DIA SCARICHE ELETTRICHE OGNI QUALVOLTA CHE OGN'UNO DI LORO DICE UNA MENZOGNA O FA UNA CAZZATA. Tempo 1 ora sono tutti morti!!!

GIUSEPPE PELLEGRINO 20.01.12 19:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

faccio il taxista.. nel mio comune siamo in 8... tra noi e tutti gli ncc che vengon da altri comuni il lavoro è poco e discontinuo, tasse, gasolio etc ci massacrano!
Con piu licenze non so come andrà a finire.. la vedo male... e questa liberalizzazione perchè?.. ma soprattutto per chi?... le cooperative, la famiglia benetton staranno stappando del buon vino ora.. dopo tanto ci son riusciti... buona fortuna a tutti.. ne abbiam bisogno!

Marco Pasquini 20.01.12 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Ma credete veramente che uno che prende € 10000 al mese con tutti i contorni e privilegi annessi e connessi, a un certo punto spontaneamente, rinuncia a tutto?
Solo con la forza e con un bel calcio in culo si riuscirà a realizzare la madre di tutte le liberalizzazioni.
Ma quando?

upondu pondu 20.01.12 19:23| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO,LIBERALIZZZAIMO E AFLLIAMO IN ALLEGRIA CON BERSANI BERSENATOR
ALVISE

alviseafossa 20.01.12 18:50| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori