Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'Italia sugli scogli, i politici in libertà


disoccupato.jpg
Se il capitano della Costa Concordia è in carcere per il disastro avvenuto all'isola del Giglio, perché i responsabili politici della catastrofe economica dell'Italia sono ancora in libertà?
"Un amico di 57 anni mi ha raccontato che ieri ha fatto questo discorso ai suoi due collaboratori che ha da 25 anni "Le cose vanno male e dato che voi siete più giovani di me ed io ho qualcosa da parte e l'azienda non ce la fa più a mantenerci tutti e tre vi cedo tutto collaborando con voi il tempo necessario". Non voleva metterli in mezzo ad una strada e si è fatto da parte lui per evitare il peggio. I responsabili che hanno distrutto il Paese dovrebbero pagare al pari del comandante della nave della Costa crociere ed invece si passano la palla in un ridicolo ping pong. Sto toccando ogni giorno con mano tra i miei conoscenti ed amici la tragedia di chi sta perdendo l'attività, l'impresa, il posto di lavoro senza vedere un futuro. So che il prossimo sarò io, già sento le avvisaglie e rimarrò senza lavoro e senza possibilità di averlo perché il mercato non c'è più e la gente non ha più soldi." ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA

16 Gen 2012, 18:58 | Scrivi | Commenti (40) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

sarà un caso ma tutte le leggi ed i decreti e le liberalizzazioni degli ultimi venti anni non hanno fatto altro che favorire le grandi imprese e le banche che si sono aggregati in organismi sempre più vasti e complessi fagocitando tutto ciò che gli stava attorno come enormi buchi neri. Quindi ho i miei dubbi che queste nuove leggi siano più democratiche e non servano invece ai grandi capitalisti per diventare ancor più ricchi a scapito delle piccole imprese, In un discorso lo stesso D'Alema auspicava concentrazioni di risorse in grandi imprese più gestibili di una economia frastagliata in tante piccole imprese. Quindi in questo le lobbies sia di sinistra che di destra che del centro erano pienamente d'accordo. LLe lobbies tutte sono grandi strutture ed hanno bisogno di spazio. Poi se vogliamo i partiti sono solo una loro copertura per fare i comodi loro. Non credo che grandi capitalisti come De Benedetti e Agnelli che si definivano di sinistra siano credibili come uomini di sinistra più di Berlusconi quando afferma che Ruby era nipote di Mubarak facendoci fare una figura di m..... davanti al mondo intero.
Come non credo che la Chiesa sia qualcosa di più di una grandissima multinazionale. Questo credo assoluto nel possedere, nell'avere ci ha distrutto dentro, ha ucciso le nostre anime ed è ora di acquisire una nuova consapevolezza di ciò che realmente siamo. Dentro ognuno di noi c'è un universo da scoprire a cui abbiamo chiuso le porte sia per paura di vedere cosa c'è dentro, paura dell'ignoto, sia perché siamo stati condizionati a non guardare oltre il mondo virtuale che ci hanno confezionato. Riprendiamoci la libertà di essere ciò che siamo. Dentro di noi c'è un universo infinito fatto di mille colori ben più vivaci di quelli del denaro che non deve assurgere ad unico scopo dell'esistenza. La centralità è l'uomo, non il denaro. L'uomo inteso come anima umana nella parte più nobile.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 23.01.12 00:37| 
 |
Rispondi al commento

Ultimo sondaggio politico, e' boom per movimento 5 stelle
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimo-sondaggio-politico-e-boom-per.html

sondaggi politici , la novità è il movimento 5 stelle
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html

Tutti i nomi degli oltre 1000 iscritti alla loggia segreta P2
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/tutti-i-nomi-della-loggia-p2.html

La statua più bella del mondo, Il Cristo velato
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/la-statua-piu-bella-del-mondo-il-cristo.html

Il debito pubblico italiano in tempo reale
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/il-debito-pubblico-italiano-in-tempo.html

I poveri parlamentari italiani in vacanze alle Maldive
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/i-poveri-parlamentari-italiani-in.html

I nomi segreti di almeno 42 massoni italiani famosi
http://quaeram.blogspot.com/2011/12/i-nomi-segreti-di-almeno-42-massoni.html

raffaele q., pomigliano Commentatore certificato 21.01.12 16:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Accade in Italia
Come ruba un dipendente pubblico?
C’è un ente pubblico e c’è un direttore. L’ente pubblico forma una società unipersonale (di cui sarà cioè unico socio) alla quale affida un settore della propria attività.
In qualità di rappresentante dell’ente e di unico socio, il direttore elegge (o fa eleggere) all’interno della società le cariche amministrative. La presidenza del consiglio di amministrazione viene affidata a qualcuno dei suoi amici (generalmente una persona che si occupi poco delle “vicende societarie” e a cui basti incassare il compenso – cospicuo – a fine anno) mentre per lui si riserva la carica di consigliere (1° compenso), quella di direttore (2° compenso) e quella di amministratore delegato (3° compenso).
Mentre per la carica di consigliere e per quella di amministratore è prevista un’unica corresponsione annuale, per quella di direttore sono previste 13 annualità più il trattamento di fine mandato da corrispondere a fine anno. Nella stessa persona si concentrano quindi 4 ruoli e, di conseguenza, 4 stipendi: oltre ai tre soprammenzionati non bisogna dimenticare che il direttore percepisce il suo stipendio di direttore dell’ente pubblico, di certo non trascurabile. Ecco come fa un dipendente pubblico a rubare: il suo stipendio quadruplicato pesa interamente sulle casse dell’ente pubblico.
La storia però non finisce qui. Passano gli anni e il direttore vede che nessuno viene a rompergli le uova del paniere. Allora cosa decide di fare? Se è andata bene una volta può andar bene una seconda. Decide di formare un’altra società, esattamente identica alla prima (anche il nome è solo leggermente diverso) alla quale affida un altro settore della propria attività. Nella seconda società fa esattamente quello che ha fatto con la prima: altri 3 compensi che si aggiungono ai precedenti 4 per un totale di 7 stipendi, tutti che pesano interamente sulle casse dell’ente pubblico.
A questo punto qualcuno potrebbe chiedersi: ma possibile che nessuno controll

Gennaro Malatesta 19.01.12 13:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I prossimi a perdere tutto saremo noi. Inevitabilmente. Arriveremo al classico punto DI NON RITORNO. Finchè ci sono le stesse facce che ci hanno portato al disastro economico sbattendosene I COGLIONI E FACENDO LEGGI E NORME PER USO PERSONALE, LA SITUAZIONE NON POTRà MAI CAMBIAREL Loro ovviamente non si metteranno mai da parte volontariamente. Ci vorrà quella fase DI NON RITORNO. Per allora la gente non avrà più nulla da predere ( perchè ha già perso tutto )e quindi i prissimi a crepare saranno proprio loro: I POLITICI PROTAGONISTI DI QUESTA SITUAZIONE DRAMMATICA. Per quel giorno sarò FELICISSIMO. E non solo io...............................

Gaspare M. Commentatore certificato 18.01.12 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono chiesto quanto grande sia un uomo e quanto grande il suo ideale. L'ideale è grande quando va oltre il bene del singolo uomo e quest'uomo è disposto a morire per esso perché incarnandosi in quell'ideale non potrebbe vivere senza di esso e poiché quell'ideale va oltre il suo bene, lui è oltre l'uomo ed è liberato. Quindi anche quell'uomo è grande. Dalla Chiesa, Falcone e Borsellino erano grandi uomini che avevano grandi ideali e sono morti per essi. L'ideale ha bisogno del veicolo che è l'uomo e l'uomo per essere grande ha bisogno di incarnare un ideale per cui è disposto a morire.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 17.01.12 22:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

in questi momenti, come nelle guerre perché è come se fossimo in guerra, dobbiamo lottare affinché le cose cambino partendo da dentro di noi. Per cambiare gli altri prima dobbiamo cambiare noi stessi altrimenti i valori saranno sempre gli stessi e non puoi imporre un'idea in cui non credi veramente e disinteressatamente facendola tua finalmente consapevole, ingoiandola e digerendola fino in fondo affinche ogni elemento di quella idea diventi parte di te, del tuo essere te stesso, della tua libertà ritrovata nei principi morali che ora sono te e nessuno ti può più togliere.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 17.01.12 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Esattamente quel che è successo a me.
Ho fatto in modo che l'azienda non chiudesse e che i soci stranieri la rilevassero a costo zero per garantire il posto di lavoro ai due collaboratori rimasti.
Partendo da lontano, in modo che diventassero così indispensabili ad un nuovo manager da poter essere garantiti in qualche modo.
Sinceramente a me sarebbe convenuto, a rigor di conti, chiuderla tre anni prima, mettendomi in tasca un po' di euro, ma ho pensato a loro. Chi aveva le rate della macchina, chi il matrimonio porgrammato, chi gli studi da finire (serali e faticosi).


Ma dopo i primi mesi, siamo arrivati a Natale e mi sono permesso un test. Anzichè fare io gli auguri per primo, come spesso accadeva ( un sms, mica di più) ho aspettato. Zero.
Un silenzio costoso, in euro.
Quelli che ho preferito non incassare a suo tempo.

Chiedetemi cosa farei oggi, se potessi fare un rewind.

inqbo 17.01.12 15:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

carissimo Roberto la risposta sul capitano della C. Concordia è abbastanza semplice, se la legge si dice sia uguale per tutti questo non vuol dire che tutti
siano uguali per la legge,chi gestisce potere politico denaro in galera non ci andrà mai...

yuva m., mantova Commentatore certificato 17.01.12 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Non solo i politici hanno la responsabilità di quello che viviamo oggi, ma anche tutti coloro che hanno sostenuto per anni governi e partiti di destra e sinistra che si sono mangiati tutto. Anche la chiesa che ha fatto buon viso a cattivo gioco per ottenere favori e soldi (vedi le sovvenzioni statali alle scuole private cattoliche).
Io a tutti questi dico no ! e lo dico ad alta voce a chiunque, serve a poco, ma perlo meno non morirò ipocrita !!!

anna t 17.01.12 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiedo quando veramente gli italiani si stancheranno di subire e subire e subire...bisogna diventare parte attiva

walter arata Commentatore certificato 17.01.12 12:10| 
 |
Rispondi al commento

giusto,ormai siamo ad un crocevia con le buone non cacceremo mai nessuno di questi "scrocconi"..bisogna costringere gandalf il vecchio a sciogliere il Parlamento,prima che la situazione esploda!.
Occupy Bologna sta protestando contro l'assegnazione della laurea onoris causa al presidente della repubblica, non posso che condividere e dire basta con queste pagliacciate da teatro...ma quale meriti..uno che è sempre campato di politica!!cazzo al mio nonno non hanno mai voluto riconoscere un cazzo, eppure è stato internato in un campo di concentramento, perchè si rifiuto di combattere con i repubblichi e tedeschi!!!.
Beppe quando vuoi ti invio copia delle Lettere che lui spediva dal Lager...5 anni di prigionia....!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 17.01.12 11:49| 
 |
Rispondi al commento

E dire che basterebbe non votarli, ma non nel senso di non andare a votare (su questo ci contano!) ma di votargli contro.
Basterebbe anche una semplice piazza vuota ai loro comizi e inizierebbero a ca***si in mano.
E le banche senza protezione cadrebbero subito dopo, a nulla servirebbero i loro giornali (che tanto sempre meno leggono, anche se tutti pagano)

Luca Adezati 17.01.12 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Quello che scrive é profondamente vero.
Dante Alighieri se n'era già reso conto scrivendo (Purgatorio)
Ahi serva Italia, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non donna di province, ma bordello!

M.G. in Progress 17.01.12 11:38| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti a Lei sig. Roberto. La sete di giustizia non sarà mai colma finchè davvero non si vedranno i responsabili sul banco degli imputati.
Si susseguono notizie sui giudizi all'attuale Governo che gli "stranieri" ormai sono abituati a darci. E la stampa abilmente sottolinea questa o quella notizia. Raramente qualche episodio di malasanità, mai un voto ai servizi. Adesso è di moda l'indice di gradimento del politico, magari della regione.
Ora dico, la pensione ce la paghiamo profumatamente e non sappiamo se la prenderemo in futuro, i servizi (trasporti, strade, rifiuti, energia!,) sono carenti e quelli che ci sono ce li paghiamo altrettanto cari, le carceri sono stracolme e invece di risolvere si rimettono in libertà coloro che devono ancora pagare il debito con la comunità (alcuni fuggono con le lenzuola legate assieme; mi domando: è realtà o sto leggendo Topolino?), i servizi sanitari sono a pagamento e così anche i medicinali; prendono dai soliti fessi perchè è più facile ma in cambio non abbiamo di più, le cronache sono sempre più nere e rasentano la ferocia segno che anche l'ordine pubblico e la difesa del cittadino è carente (ma forse le forze sono troppo dirottate a presidiare i cantieri TAV, e li paghiamo noi), gli uffici pubblici, in quanto servizio, ricevono il pubblico solo la mattina (ma lo stipendio lo prendono come se lavorassero tutto il giorno). Ci paghiamo più o meno tutto, e a fronte di questo, dove finiscono i nostri soldi? A pagare un debito che è una entità oscura, perchè nessuno ci ha spiegato la sua natura vera, da dove deriva, chi lo ha creato.
E' vero Sig. Roberto, gli intoccabili sono sempre più intoccabili, e i deboli sono sempre più schiacciati....ma fino a quando? Divide et impera ormai avrà ben le ore contate. Adesso si punta sull'evasore, ma anche questa strada non sarà infinita. Chiederemo aiuto ai francesi che ci liberino dall'invasore o faremo da soli?

Gian A 17.01.12 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi ha mandato a fondo l'Alitalia. Con quei soldi persi, per non averla venduta ad Ai rFrance, si sarebbero potuto costruire 6 Costa Concordia ( 3miliardi diviso 500 milioni) e quell'individuo e' ancora a piede libero.

Aurelio T. 17.01.12 11:20| 
 |
Rispondi al commento

costa to costa

Egahim M. Commentatore certificato 17.01.12 10:10| 
 |
Rispondi al commento

carissimo Massimo a 5 stelle…..……guardando il tuo video, "L'Italia sugli scogli, i politici in libertà" …io lo chiamerei, il video del “giuramento promesse”…la tua testimonianza trasparente, x me, la presenta straordinariamente, gli stessi preoccupazione erosivi, offensivi, intimidatori, prostituenti della dignità, della sincerità, la diponibilità dell’uomo onesto , delle persone intelligenti corretti, causati dall’influenza della politica ruffiana dei dirigenti di merda………….a me….. mi restituisce un grande onore,…… la quale lo steso “giuramento promesso”, lo fato nel 2005……tutto il resto che vuoi rivoluzionare, sono già elaborato, ideato e disegnato, dobbiamo solo a rilevare pubblicare,,,,,,,, finora non conosco nessuno dirigente nella politica, di avere una visione migliore…………. Attenzione…….. e facile di cadere nelle stessi errori degli presuntuosi burocrati corrotti ruffiani e pappagalli bugiardi....……..a presto……..Padre Miney

Minella Mojallia (deto Padre Miney) 17.01.12 08:32| 
 |
Rispondi al commento

Roberto,

mi piaciono le persone che come te,

e come Massimo nel video,

(io spesso mi sento cosí)

sanno raccontare le cose di tutti i giorni,

la realtá che li circonda senza cercare lontano o discorsi troppo difficili o complicati,

che sanno raccontarsi,

raccontare se stessi quando le cose gli vanno bene ma anche quando le cose gli vanno male,

raccontare se stessi in un certo modo non é mai piangersi addosso,

é un atto di coraggio nel mettersi a nudo,

mettere davanti al mondo quello che si é,

quello che si prova,

sia questa felicitá o paura,

davanti ad un mondo che ha tutto ma manca sempre di piú del neccessario,

un po di umanitá e di sentimenti.

Tu forse ancora non lo sai...

Ma hai finito di cadere,

e stai giá risalendo,

dentro di te.

Sapersi raccontare in queste situazioni é,

almeno secondo me,

un gesto da uomini,

ma da uomini veri.

Donato.

Donato S., Vienna Commentatore certificato 17.01.12 01:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bisogna distinguere le morti derette e quell indirette.

Si vine puniti per le morti dirette 6 person.

Ma e' ora di parlare delle morti indirette caudate da smog, nucleare, cibi ed aqua contaminati .....chi e' il colevole?

rossano 17.01.12 00:44| 
 |
Rispondi al commento

Caro Roberto, come ben sai i politici sono una classe ben protetta e lo sai perche'? Perche' la maggioranza degli italiani lo ha permesso. Ti faccio un esempio anzi due:
La Corte Costituzionale ha deciso che il Referendum sulla legge " Porcellum " non e' necessario. Che cosa hanno fatto la maggioranza degli italiani?
Niente, semplicemente niente.
Il parlamento ha deciso che il deputato Cosentino " O Americano " capo camorra " e non gli sfigati che si nascondono nei bunker " non debba essere arrestato per i reati a lui cotestati da ben 4 PM. Reati di Camorra robbetta no? Che fanno gli italiani?
Niente, nuovamente niente.
Eppure basta poco se cinque o sei o sette milioni di italiani stufi di essere presi per i fondelli si recassero a Roma " la tua citta' " e in maniera pacifica e civile paralizzassero la citta' chiedendo che giustizia sia fatta e che i Referendum popolari vanno rispettati, vedrai che l'italia piano piano cambierebbe.
Ma forse bisogna aspettare che quando la maggioranza degli italiani aprira’ il frigorifero lo trovera’ vuoto. A quel punto credo un segnale di risveglio lo dovremmo riscontrare.

maurizio merea, Zena Commentatore certificato 17.01.12 00:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPEP,
E' IN ARRIVO UNA BELLA RIVOLUZIONE LE "BALLE" NON SERVIRANNO PIU' A NESSUNO,SOPRATUTTO AI NOSTRI DIPENDENTI,CHEINIZINO A PREPARARSI L'ELICOTTERO
ALVISE

alviseafossa 16.01.12 22:54| 
 |
Rispondi al commento

l'arte, quella vera, ti salva dalla depressione perché è un concentrato di amore, verità e bellezza.

Purtroppo gli artisti, quelli veri che fanno cose inarrvabili dai più, non certo carta da culo dalla de filippi, non contano più nulla in questa società del brutto usa e getta.

ne arte ne parte 16.01.12 22:43| 
 |
Rispondi al commento

La Concordia è la notizia TOTALE che occupa tutti i TG in questi giorni in cui mi chiedo cosa sta facendo Monti con la sua banda. Sono pericolosissimi questi disastri catalizzatori d'informazione. Il capitano della Concordia è un mediocre (e un codardo) che si è fatto prendere dal panico, un pirla che però qualcuno avrà pur assunto (anche se per 10 anni il suo dovere l'ha fatto, questo bisogna dirlo). E la consuetudine di sfangare il Giglio non l'ha certo inventata lui, ma un capro espiatore del nostro italico nervosismo ci vuole... L'Italia è ormai da 20 anni la terra dei leccaculi e dei mediocri, non prendiamocela solo con lui. Comunque, ancora 2 pesi 2 misure, lui in galera, i politici liberi e a cena nei meglio ristoranti con le meglio troie.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 16.01.12 22:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..non dovrei commentare perchè sto scioperando ma davanti a questo video voglio fare una eccezione perchè quasi quasimi è sembrato il racconto della mia vita...
infanzia difficile, famiglia ignorante e povera, licenziamenti e ingiustizie, separazione e abbandoni, disoccupazione e precarietà, zero futuro e zero ripensamenti, rinvio del suicidio, ecc..

...avrei da obbiettare sul rifiuto della musica!



I politici sono i responsabili di tutto !! Basta difenderli !!!!! Se il paese è sull orlo del baratro è solo colpa loro e del meccanismo di ladrocinio che hanno messo in piedi !
Ora monti sbandiera queste fantomatiche liberizzazioni del cazzo ... cosa pensate che aumentino il pil ?!!
Ci stanno svendendo alle multinazionali , la classe media sparirà e addio speranza di aprire un attività di un futuro migliore!!! Saremo tutti dipendenti sottopagati ... E poi monti dove sarà !??? A brindare alla faccia nostra !!! Grillo chiama le piazze il tempo è maturo !!! Facciamo una manifestazione pacifica per spedirli a casa quei ladri !!!!!!!

Alessandro chiatti 16.01.12 20:52| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

E mi raccomando, se perdi il lavoro è colpa dei politici, mica delle banche che li gestiscono come fossero pupi...

Ma agli italiani i pupi piacciono, quindi continuiamo a guardarli e facciamo finta che non abbiano i fili.

Roberto Canzanella 16.01.12 19:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non vanno in carcere perchè ci dovrebbero andare in troppi, di destra e di sinistra.E finchè la gente gli dà il voto loro sono impuniti.

maria t. Commentatore certificato 16.01.12 19:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori