Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Sfigati si nasce


Martone.jpg
"Martone vice ministro del lavoro: ''Se a 28 anni non sei laureato, sei uno sfigato". Leggo dal vocabolario della lingua italiana il significato di “sfigato”: colui che è sfortunato, scalognato, iellato, sventurato. Infatti se uno non fosse uno sfigato, sarebbe nato da un papà professore universitario, avrebbe trovato tutte le porte aperte e non solo si sarebbe laureato subito ma avrebbe anche ottenuto una cattedra universitaria dove insegnare o un posto di aiuto primario (aiuto del papà ovviamente) in ospedale. Non c’è che dire sfigati si nasce, mica si diventa. Martone, sei proprio un gran coglione...". Massimo Minimo

25 Gen 2012, 19:07 | Scrivi | Commenti (126) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Questo é il profilo google scholar di Michel Martone, uno degli ordinari più giovani d'Italia, professore alla "LUISS Guido Carli" e tecnico (del nulla si direbbe) nel passato governo Monti.

http://scholar.google.it/citations?user=OnttOpQAAAAJ&hl=en

Questo é un profilo di un altro Italiano, Giorgio Coricelli, scelto da me a caso, di età comparabile con Martone, ed anche lui professore, ma alla University of Southern California.

http://scholar.google.com/citations?user=nEVZSJUAAAAJ&hl=en

Come vedete il primo ha 26 citazioni in tutto e nessun articolo su riviste internazionali. Il secondo, che pure non sarà un premio Nobel, viaggia da un po' sulla media di 250 citazioni l'anno ed ha dozzine di articoli su riviste peer reviewed. In pratica, il secondo, nell'ultimo mese, é citato quanto il primo lo é stato nella sua intera vita professionale.

Il secondo forse non é un genio dell'economia, solo (almeno per il momento, chi può dire cosa si inventerà in futuro) un ricercatore (e professore) molto bravo. Il primo invece, che al secondo non é degno di portare i calzari, é stato scelto come membro del governo dei "geni" dell'economia. E con che entusiasmo: su Martone si sono consumate le lodi di autorevoli commentatori, come Ichino sul Corriere.

Quale sarà mai la vera differenza tra il primo ed il secondo?

C'é da dire che il padre del primo é Antonio Martone, tra le altre cose, ex presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati ed ora avvocato generale in Cassazione (e ci son quelli che pensano che i magistrati siano puliti).

Quante pubblicazioni o citazioni vale un padre in Cassazione? Apparentemente migliaia, almeno in Italia.

Quindi, cari Italiani, quando in TV vi intervistano "l'esperto" dubitate, dubitate molto. Soprattutto se si parla di politica od economia, nove volte su dieci fuori dall'Italia quell'esperto, con le sue pure credenziali, non avrebbe mai trovato un lavoro.

cristiano nisoli 03.01.14 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Martone e i suoi "steig"!
Mi piacerebbe sapere chi ce l'ha donato e perchè!

Emanuele P., Terni Commentatore certificato 28.05.12 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Io invece ho 37 anni e solo la 3 media, sono disoccupato e non trovo niente.
Ma ormai ho rinunciato a tutto, mi sono stufato.
un saluto.
Alvaro da Varese

Alvaro Bortolato 01.02.12 22:10| 
 |
Rispondi al commento

a beppe per piacere parla un po' di meno e fai di piu' tu che sei copace grazie

titta totti 31.01.12 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Ai miei tempi si diceva:'Diritto allo studio, diritto al lavoro!'.Anzi, lo si gridava nei cortei.Oggi pare appunto che oltre al lavoro vi sia lo studio come privilegio.
La sinistra dei nostri giorni ha solo la colpa di disgregare quello che aveva conquistato nella seconda metà del secolo scorso (DITE QUALCOSA DI SINISTRA!), distraendosi volontariamente da quelli che erano i veri problemi della società, pensando ad alimentare anche con le proprie chiacchiere l'inutile fuoco del bunga bunga e di tutti gli altri diversivi attuati dallo scorso governo con la regìa dei 'poteri forti', in modo da distrarre il popolo dai veri problemi(Ci vuole poco, con la televisione si fa tutto).Non vi sono più i corsi per studenti lavoratori.Oggi bisognerebbe rivedere tutto.Quante persone non si sono potute laureare , come il sottoscritto, perchè non si prevedevano più questi corsi extra, quante menti sono state spente e forse avrebbero potuto dare un contributo notevole agli altri!

Giovanni Faraon Commentatore certificato 29.01.12 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Caro Michael, (ma di dice Maicol come Schumacher o Michel come la Pfeiffer? boh, forse non lo sa nemmeno lui) visto la "figa" (in contrapposizione alla "sfiga") che ti sei ritrovato non pensi che sia piu' onesto e corretto chiedere scusa e dimetterti?
Sarebbe un gesto di dignita' e onesta' da parte tua che valorizza ed incrementa la credibilita' del governo Monti.
Saluti da uno che si e' "rotto il culo" (perdona il francesismo) a studiare e lavorare contemporaneamente......
Gajah Mada

Luigi A.Cesareo 29.01.12 12:21| 
 |
Rispondi al commento

ultimo sondaggio per la camera dei deputati
Grillo al massimo storico, il M5S diventa il quarto partito italiano
http://www.solosondaggi.blogspot.com/

pino 28.01.12 11:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quest'uomo mi tedia con le sue affermazioni affrettate e vicino alla presunzione. Data la sua base di partenza era vergognoso pet lui se non avesse fatto tutto nei tempi giusti. perchè non lo spiega alle petsone che sono vittime delle distorsioni dei consigli universitari e si trpvano sempre con esami in piú da fare o si trovano a combattere con professori che fanno il buono ed il cattivo tempo e ti coatringono a ripetere esami anche ingiustamente?

Credo sia un grosso immaturo con le sue affermzioni da figlio della fortuna

Guido salzano 27.01.12 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Io ho raggiunto da poco la conquista di una laurea di 5 anni (3 di laurea breve + 2 di laurea specialistica). L'ho ottenuta con due anni di fuori corso (uno per la laurea breve e uno per quella specialistica). Non ho problemi a dire che il primo fuori corso è stato causato dall'essere rimasta indietro con gli esami...ma per il secondo è stata tutta un'altra storia.
Memore della lezione nella laurea breve, durante la specialistica ho terminato gli esami addirittura in anticipo...peccato che i docenti della mia facoltà non avessero voglia di fare il loro dovere. Prima mi hanno rifiutata per la tesi perchè il voto che avevo preso nel loro esame era di 25/30 e loro accettavano solo studenti il cui voto era pari o superiore a 28/30 (nonostante la votazione per passare un esame possa andare da un minimo di 18/30 a un massimo di 30 e lode); poi mi hanno rifiutata perchè, a loro giudizio, una tesi nella loro materia sarebbe stata inadeguata con il mio titolo di laurea (nonostante io abbia dovuto superare il loro esame per ottenere questo titolo). Alla fine sono riuscita a trovare un professore che accettasse di seguirmi nella tesi ma, dato che aveva chissà quali altri impegni, mi ha seguito nel lavoro per i primi 2 mesi e poi non si è fatto più sentire per quasi un anno, nonostante le mail che gli inviavo per avere chiarimenti, per chiedere un ricevimento e per fargli avere le parti della tesi che avevo scritto (dato che non volevo passare le settimane a girarmi i pollici in attesa di sapere da lui se la linea su cui intendevo procedere era giusta). Morale: ho terminato la tesi in 2 anni e mezzo (di cui 1 buttato al vento) e quando gli ho fatto presente che, non rispettando certe scadenze, avrei dovuto pagare una nuova intera retta per laurearmi, lui mi ha risposto che non lo riguardava, costringendo mio padre a pagare all'università ancora qualche migliaio di euro (presi dal suo e dal mio stipendio).
Forse chi non si laurea a 24/25 anni è perchè non ha altra scelta.......

Cristina Nespoli, Carugo Commentatore certificato 26.01.12 23:46| 
 |
Rispondi al commento

Dopo averci dato dei bamboccioni è arrivato anche questo povero "sfigato" super raccomandato a infierire! ora questa faccia di c.... è a 8 e mezzo con quella vocina finta a dire le sue opinioni.....se l'italia è così è grazie anche a lui e a tutti quelli come lui e il suo papino.
certo lui preferisci chi va a lavorare a 16 anni, magari se prende 3 euro l'ora meglio...se poi lavora tanto da non poter fare altro ancora meglio almeno rimane nell'ignoranza ed è più facile sfruttarlo

Ilaria D., Firenze Commentatore certificato 26.01.12 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Mi ASSOCIO a quanto hanno già esplicato .......prima di me....Ehhhhh è un ragazzo!!!!!!!!

grassi antonio 26.01.12 17:42| 
 |
Rispondi al commento

mi ricordo un esame di laurea (veterinaria a Parma) in cui il figlio di un noto dirigente USL, i cui esami terminavano in genere con la frase salutami il papà,che un giorno si lamentava per il dover studiare non ricordo più quale argomento ed una mia cara paricorso sbottando gli disse "senti un minimo di fatica la dovrai pur fare anche tu!!!" orbene dopo alcuni mesi dalla laurea il sudetto personaggio era già assunto in USL (nel periodo in cui i concorsi erano in blocco ) ed oggi dalla sua posizione lui è il controllore (a 3000€ mensili )del mio lavoro libero professionale creato con debiti e sacrifici anche dei miei genitori .

filippo pagliarini 26.01.12 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Volevo inserire un contributo (non mio) su questa faccenda. Perchè il "ministrello" pare che non sia tra gli sfigati anche per altri motivi che esulano dalla meritocrazia.

http://blog.ilmanifesto.it/quintostato/

Comunque sia è interessante.

ernesto sfigatello 26.01.12 16:58| 
 |
Rispondi al commento

La verità è che è l'università italiana ad essere "sfigata", nel senso che non prepara affatto al mondo del lavoro; imbottisce la testa dei corsisti di tonnellate di materiale nozionistico, buono per i quiz di Carlo Conti o Gerry Scotti, ma totalmente inutile dal punto di vista pratico, senza dare un minimo di preparazione. Ti bocciano perché non sai a memoria il teorema di Weierstrass, devi sapere tutto a memoria, e poi il giorno dopo l'esame non ti ricordi più nulla. Però hai il tuo bel voto sul libretto, eh si, ma non sai nemmeno distinguere un pomodoro maturo da uno acerbo. Università italiana?? PRRRRRRR!!!!!!

Timeo Bartimeo 26.01.12 16:31| 
 |
Rispondi al commento

questo ominide non rappresenta di certo lo stereotipo di Abraham Lincoln.

Lo dico perché ci vogliono presentare questa merda quasi che fosse il bello dell'america ma non è così cioè questo è il peggio dell'italia.

ominide 26.01.12 16:27| 
 |
Rispondi al commento

il governo monti è un goveno di RACCOMANDATI ma ze essere sfigati corrisponde all'esatto opposto di essere raccomandati io sono fiero di essere sfigato.


Gente di merda che va ammazzata in nome del popolo italiano!

gente di merda 26.01.12 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Laureato a 30 anni quando già lavoravo da 10 anni più l'anno di servizio militare. Sfigato si, ma nessun parente nella P3. Ciao Merdone.

massimo orru (lianu), cagliari Commentatore certificato 26.01.12 16:17| 
 |
Rispondi al commento

Martone non è un coglione.
E' un figlio di puttana
e di puttana laida.
Lo stronzo!
Attendo fiducioso denuncia.

Ermanno Bartoli (barlow), Reggio Emilia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.01.12 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Se uno non si laurea a 28anni è anche magari perchè non può permettersi l'università, brutto paraculato di merda.

Lorenzo F. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.01.12 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Possibile che molta gente non abbia ancora capito che certe luree non servono più a nulla? se non a diventare disoccupati a vita? giurisprudenza, economia e commercio, scienze della comunicazione, filosofia ecc.ecc. non hanno più nessun sbocco professionale. Serve intrapprendere indirizzi che permettano un rapido inserimento nel mondo del lavoro che nel prossimo decennio sarà più spietato che mai. Forse sarà il caso di tornare a mestieri che da ventanni a questa parte sono stati snobbati, che non richiedono lauree ma anche un semplice diploma ad indirizzo tecnico altrimenti saranno i nostri ragazzi che dovranno prendere i barconi per la Tunisia (le mamme provvederanno che siano forniti di servizio bar).

Fulvio C., Verona Commentatore certificato 26.01.12 15:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma coglione ci è nato o diventato il sig martone o mertone come si chiama.....

FraNco 4ciocchi 26.01.12 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Se vostro figlio venisse bocciato 4 volte durante i 5 anni delle scuole superiori pensereste di lui che?

A- è un idiota, è inutile che spendo soldi
B- se non vuole studiare vada a lavorare C- lo studio non fa per lui sono soldi buttati
D- succede continuiamo a pagargli gli studi

Se avete rispoto D potete tranquillamente insultare Martone, se avere risposto A, B, o C, la pensate come lui, quindi per favore evitate di sparare sulla croce rossa, è un gioco troppo facile.

Riccardo 26.01.12 15:04| 
 |
Rispondi al commento

A conferma di quanto ci diciamo da anni questa "classe dirigente" deve sparire, essere cancellata. Il ragazzo prodigio che ha fatto carriera grazie alla parentela non si rende conto di essere la causa per la quale, in un paese senza meritocrazia, un giovane senza relazioni è relegato ai margini del mondo del lavoro. Lui occupa più poltrone togliendo opportunità a veri meritori.

Livio Lo Verso, liviolov@tiscali.it Commentatore certificato 26.01.12 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Effettivamente, nascere figli di Professore universitario, non è da sfigati; è da sfigati dover subìre i giudizi insolenti di questi "baciati dalla sorte", che, della durezza della vita, non sanno proprio nulla.

harry haller Commentatore certificato 26.01.12 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Gli sfigati non sono solo quelli che a 28 anni non si sono ancora laureati...gli sfigati siamo tutti noi cittadini italiani, ad avere avuto (ed avere tutt'ora) certa gente al governo e in parlamento, dove si pensa a tutto tranne che ai cittadini onesti! Tutti insieme verso la catastrofe....ma con allegria!

Massimo Nucci, Siena Commentatore certificato 26.01.12 14:44| 
 |
Rispondi al commento

stiamo andando troppo forte, ci danno addirittura al 7,5%
e questo significa che prenderemmo oltre 40 deputati e
allora si che si vedranno delle belle, da questo blog ho
preso il sondaggio

http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html

pino 26.01.12 14:26| 
 |
Rispondi al commento

E se uno dovesse lavorare il fine settimana per permettersi di studiare?
Dopo aver limato i finanziamenti alle scuole pubbliche, abbiamo le tasse universitarie tra le più alte in Europa, c'è chi studia durante il giorno e la notte lavora per far quadrare i conti.
Ci provi Martone a laurearsi in 5 anni autofinanziandosi, pagandosi affitto, tasse universitarie, bollette, traspoti, e libri di testo.
Ci provi poi torni a parlare.

Marco Testa 26.01.12 14:06| 
 |
Rispondi al commento

il problema non sono gli anni carissimo secchione!

è il tipo di Università che frequenti!

pubblica o privata A PAGAMENTO!

DOVE CHI PAGA SONO MAMMA' E PAPI!

racconta meno balle raccomandato! ;)

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 26.01.12 14:00| 
 |
Rispondi al commento

ieri ho sentito al telegiornale il grandissimo morfeo napolitano che per l'ennesima volta parlava di giovani. ma come cazzo si permette questo qua di 84 anni inchiodato alla sua poltrona come tutti gli altri a parlare di giovani!!!!!!!!!!!!!!!!1

ANDREA DUTTO, cuneo Commentatore certificato 26.01.12 13:59| 
 |
Rispondi al commento

poteva essere più preciso Martone!

CHI NON SI LAUREA ENTRO I 28 ANNI ALLA BOCCONI E' UNO SFIGATO!

così si che sarebbe un minimo credibile!

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 26.01.12 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Con le debite eccezzioni "chi dorme non piglia pesci" un esempio sono le università indiane che sfornano ad un ritmo impressionante laureati in chimica,ingegneria, fisica, matematica con non più di 24/25 anni molto richiesti dalle grandi aziende internazionali e che arrivano all'età in cui i nostri escono dalle universita con dei curriculum impensabili e competitivi. I flussi migratori nei prossimi 10/15 anni metteranno i nostri teneri pargoli (d'altronde i figli sono piezz'ecore o no?) agli angoli delle strade a pulire vetri e vendere fiori.

Fulvio C., Verona Commentatore certificato 26.01.12 13:56| 
 |
Rispondi al commento

IL MONDO ACCADEMICO VS MARTONE – Uno dei cinque commissari di quel concorso, scrive il giornale genovese, ha accettato dietro anonimato di ricordare come andò quel concorso. E ha esordito con una frase inequivocabile: “E’ un raccomandato di ferro iper-spinto da tutto il mondo”. L’insigne giuslavorista – così lo definisce il Secolo XIX – continua: “Non è il peggio che mi sia capitato, ma è un’esagerazione spingerlo così”. D’altronde, Mattia Persiani, presidente della Commissione che l’ha giudicato, era il suo professore. Per questo, ha detto il sottosegretario recentemente, si è battuto per la sua idoneità. Adesso molto si spiega. Così come Martone potrà sicuramente spiegarci perché un giovane di sicuro talento e grandi capacità sia arrivato, in un concorso pubblico, soltanto secondo su due. Una cosa un po’ da sfigati, direbbe lui.

http://www.giornalettismo.com/archives/193137/michel-martone-lo-sfigato-che-arriva-secondo-su-due/4/

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 26.01.12 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Basta poi guardare le sue foto, e sfigato sembra proprio lui poveretto. È Il classico personaggio che non si è accorto che tutto ció che ha attorno è stato costruito grazie al papi ed alle sue amicizie.

Corrado zamponi 26.01.12 13:11| 
 |
Rispondi al commento

nontrovate che somiglia un po' al trota?

Pier l., pontedera Commentatore certificato 26.01.12 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Visto che e' un viceministro , il suo errore e' stato il termine "sfigato". Per il resto penso che abbia completamente ragione. A 28 anni non si puo' continuare a studiare legge , economia, ma anche materie scientifiche a meno di fatti gravi che lo hanno impedito (malattie, trasferimenti,etc etc).
Laurearsi e' importantissimo..soprattutto se si vuole realizzare un sogno o un obiettivo ma se lo si ha, ci si impegna e ci si laurea in tempi ragionevoli..ma non mi dite e' obbligatorio per lavorare perche' non e'vero (esperienza personale).. Piu' ci si laurea tardi piu' si avranno problemi nel mondo del lavoro a cominciare dal primo colloquio dove tale ritardo e' subito notato. Poi che lui sia raccomandato o no e che poteva evitare l'epiteto da bar ..e' un'altra questione ma il concetto rimane giusto.

Ciao
Nick

Nicola Blasi 26.01.12 12:53| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

occorre precisare che l'accezione voluta da martone utilizzando la parola sfigato, non e' quella di sfortunato, ma ha una componente denigratoria implicita. lo sfigato non e' solo fortunato, ma anche segaligno, gobbo, incapace di fare le cose, fisicamente svantaggiato.
dissociando ora il mio proseguo da quanto sopra, e generalizzando, sapendo di non parlare con lui ma ai lettori del blog dico che ci sono persone che usano certe parole en sapendo di essere dei pezzi di merda.

alessandro ginesi, Genova Commentatore certificato 26.01.12 12:33| 
 |
Rispondi al commento

così vanno le cose in Italia, agli ottusi come Martone le borse di studio e il sottosegretariato, agli studenti brillanti, che si mantengono da soli, offese e ingiurie. Ancora non ci posso credere a quello che ho letto...

Sandro Abelli 26.01.12 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi stupisco che alcuni commenti diano anche solo marginalmente ragione al ministro.
A voi sembra normale che in un momento in cui le spese per l'istruzione subiscono tagli quasi quotidianamente, il paese è in recessione, il lavoro è per lo più precario quando non in nero, lo Stato è praticamente inesistente se non quando viene a chiedere ulteriori soldi e si fa difficoltà a sbarcare il lunario, un ministro della Repubblica abbia la bella pensata di esprimersi con tono beffardo sulle qualità dei giovani?
Ma questo è il Berlusconi-style, quello della beffa oltre il danno, quello della supponenza, della leggerezza, del non rispetto per il proprio ruolo, della scarsa intelligenza...
Ma è possibile che noi ormai digeriamo tutto?
Non è proprio possibile pretendere che chi rappresenta le istituzioni un minimo di decenza almeno nella forma?

Luca 26.01.12 12:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualunquista. Non capisco dove stia la spinta migliorativa in questo pezzo. E non dire che si tratta di informazione, non ci sono dati, non ci sono fonti, chiunque avrebbe potuto scriverlo in questo modo, senza nemmeno sapere di cosa sta parlando...

Andrea Vidotto 26.01.12 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Ma Martone ha mai visto come scrivono in cattivo italiano i suoi laureati? Dico anche quelli non sfigati, quelli che si laureano nei tempi ammissibili (secondo lui)? Ha mai verificato, post laurea, quanto hanno realmente appreso e sedimentato nella loro conoscenza? Quanto sono in grado di applicare di tanta scienza?
Se non l'ha fatto, sarebbe meglio verificasse, perché i risultati sono pietosi. E questo mi porta a pensare che la sfiga c'entri poco; credo di più che gli sfigati siano i docenti, che, con poco tempo dedicato agli allievi, troppo invece dato a fantomatiche pubblicazioni che nessuno leggerà, a riunioni e congressi di strette di mano con potentati e baroni, di docenza non hanno più nulla, spesso delegando ogni dovere accademico a precari nullapagati che ansimano in attesa di un minimo riconoscimento.
Questa è l'università. Non mi importa quanto tempo impiega il figlio dell'idraulico a laurearsi, perché in un modo o nell'altro appartiene comunque all'Italia che produce e il traguardo che raggiungerà è veramente meritato, anche dopo i 28 anni, e comunque lo paga lui.
Meno lo sono le successioni in cattedra cui assistiamo e le rendite di posizione trasferite di generazione in generazione.
Perciò, a Marto', quando avrai spiegato bene quale sia il tuo ruolo in questa società e cosa sei in grado di produrre per il bene di tutti, visto che è il denaro di tutti quello che intaschi, anche allora vedi di evitarti giudizi su ciò che non sai.

Roby S., Sassari Commentatore certificato 26.01.12 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ci posso credere, non credo a quello che leggo di questo Martone, non si può essere così ottusi.
in primo luogo ci sono lavoratori studenti che di giorno lavorano e di sera o di notte studiano PERCHE' SI MANTENGONO DA SOLI e mi si faccia sapere come fare per laurearsi entro i 28 anni in queste condizioni.
SI MANTENGONO DA SOLI!
Martone non lo sa cosa significa, è evidente.

Sui secchioni:

il secchione è uno che prende 30 e lode negli esami di complemento ma nelle materie importanti e fondamentali non è mai il primo della classe

gli studenti brillanti si mantengono agli studi da soli e prendono 30 e lode solo nelle materie che servono dopo l'Università, le altre le lasciano ai secchioni come Martone.

Un saluto e un abbraccio a tutti.

Sandro Abelli 26.01.12 11:45| 
 |
Rispondi al commento

l'università è piena di soggetti così. la casta dei prof universitari è più pericolosa e potente di quella dei politici perchè responsabile della formazione della classe dirigente.

carlo ravaioli 26.01.12 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Le persone che non hanno mai frequentato l'Università italiana hanno di questo mondo una visione spesso piena di pregiudizi. Il mondo universitario (fino a 10 anni fa, quando mi sono laurato) non era un mondo di "vitelloni" in stile "Laureati" (il film). C'erano anche soggetti che facevano di questo periodo una festa continua, o un dolce far niente, ma erano una netta minoranza. Categorizzare tutti partendo da una visione limitata è sbagliato. Andando per punti:
1- Non tutte le facoltà presentavano le stesse difficoltà. Alcune erano sensibilmente più ostiche di altre (nessuno sano di mente paragonerebbe Ingegneria a Pedagogia, pur avendo il massimo rispetto per qualsiasi carriera universitaria)! Occorrerebbe paragonare il tempo impiegato alla media storica per laurearsi in quella Facoltà. Esempio, a Ingegneria (5 anni) la media reale era quasi 8 anni, a Giurisprudenza (4 anni) era poco sopra 5...
2- Chi nel frattempo lavorava per pagarsi gli studi, o era fuori sede ma non potendo permettersi l'affitto faceva avanti e indietro, impiegando anche 4 ore al giorno per andare-tornare, di certo aveva meno tempo e freschezza da dedicare allo studio
3- Per come erano strutturati i percorsi di studi, poteva bastare un esame "ostacolo" per rallentare il cammino anche di mesi, con tutto l'impegno del mondo e avendo una buona media negli altri esami
4- Il fattore "docente stronzo": alcuni erano o sono famosi per fare della bocciatura un'arte. Vedersi mandare a casa alla prima domanda (su 700-800 pagine di programmi) perchè era girato male, o perchè "hai la media del 27 e non voglio darti 25"...!!! Io ho visto persone piangere, e cose così erano all'ordine del giorno.
5- I corsi non preparavano ad affrontare un esame, a malapena l'orale. E gli esami dei primi anni dovevano scremare ed essere selettivi. Su 120 iscritti dovevano passarne 15-20. Ho visto docenti in difficoltà a risolvere i loro stessi temi!
Molti nel mondo del lavoro non hanno più provato quello stress, credetemi!

Marco B. 26.01.12 11:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per Max e Marzio.
Anche voi non sfuggite alla saccenteria italiota di far passare sciocchi luogi comuni in verità definitive.Gli italiani purtroppo siamo fatti così:presuntuosi, un pò idioti, levantini, furbastri ed un pò delinquenti.MICA TUTTI però...
Ci sono i Martoni ed i Trota.Li unisce, oltre che la stupidità( a significare che in fondo la laurea serve poco...almeno per Martone)il " locus operandi", cioè la politica.A supporto della mia definizione sugli italiani significa che per governarci non c'è necessità nè di preparazione culturale nè di intelligenza, in effetti questi due ne sono una esauriente dimostrazione.Li accomuna solo la patente di " figli di..."Quindi Martone trovi un'altra occasione ed un altro luogo( se ne è capace)di fare le sue esternazioni.In Italia( e sfondo un altro luogo comune) non basta essere bravi per riuscire a laurerarsi in tempo..Anche una capra(che si interessi minimamente di sociale) capisce queste cose.D'altra parte come si spiega che solo "i figli di..." occupano posti migliori e più reminerati( sopratutto nel pubblico)??? MICA TUTTI s'intende... Io penso che sia giunta l'ora di rivedere tutti la scena finale del Western-spaghetti " Quien sabe?" e di smetterla di giocare con la rete, che alla fine non serve a niente se non riesce nemmeno ad unirci contro i cialtroni " dei poteri forti"( che non sono solo i politici.)Tanto fra non molto oscureranno anche internet...

Libero D. Commentatore certificato 26.01.12 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Caro Martone,
i suoi commenti razzisti lasciano il tempo che trovano così come è stato peri i "coglioni" di Berlusconi e i "bamboccioni" del deceduto Padoa Schioppa persone che non saranno certo ricordate per la loro intelligenza.
Ora voglio farle passare io un messaggio: se a 30 anni hai 2 lauree e sei precario fai parte degli sfigati?
Caro Martone che difende il 'secchione' è facile fare il secchione a scuola quando si sa di avere dietro le spalle 'papino-papotto' che ti apre il portone e diventa normale stilare un supercurriculum e diventa facile fare la morale su come si è dovuto faticare per stilarlo.
Dobbiamo tirare fuori tutte le storie di Italiani che all'estero sono considerati fenomeni e in Italia 'sfigati','coglioni' e 'bamboccioni"? Non credo sia il caso proprio perchè il suo discorso lascia il tempo che trova.

Fabrizio S. Commentatore certificato 26.01.12 11:26| 
 |
Rispondi al commento

la mia non è un'ingiuria, è una constatazione.
Martone, sei proprio un gran coglione...

franco serra 26.01.12 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo due conti,di solito a 19 anni uno si diploma arrivare a 28 sono altri 9 anni.
Se per farne 5 impieghi oltre 9 anni forse e' l'universita' non fa' per te, sopratutto se sei sulle spalle della tua famiglia.
Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio ma in linea di massima sono daccordo con Martone,quello che non capisco e' tutto questo bruciamento....

Max Car 26.01.12 10:35| 
 |
Rispondi al commento

E questo MARTONE farebbe parte della nuova nomenclatura!Uguali ai primi!Anzi ancora peggio,appena insediati hanno cominciato a riprenderci per il culo,come e peggio degli altri.Ma che aspettiamo ancora?

sanna alessandro 26.01.12 10:20| 
 |
Rispondi al commento

Non credo sia giusto rispondere all'intervento di Martone con ingiurie. Martone coglie a mio avviso un punto importante, quello dell'università come parcheggio di vite e di professionalità.
Nell'ultimo decennio abbiamo assistito alla trasformazione dell'università da ciclo di studi di ordine superiore a normale prolungamento della scuola superiore, riuscendo a cucire una laurea triennale addosso a chiunque.
Non concordo con questa prospettiva universitaria, a costo di sembrare elitario, e credo che uno dei passaggi fondamentali per ridare all'Italia credibilità in ambito scolastico e formativo sia tornare a vedere l'università come un'eccellenza nella formazione piuttosto che una normalità.
La difficoltà maggiore sta nel fatto che la semplificazione attuata nei confronti degli attuali programmi universitari, rispetto a quelli di qualche anno fa, deriva da una preparazione sempre più precaria dei ragazzi provenienti dalla scuola superiore, in cui i programmi sono stati semplificati perchè sempre meno preparati dalle medie, ecc...
Martone pecca poi in sensibilità facendo un'affermazione del genere. Non possiamo conoscere le ragioni di una persona che si laurea tardi e soprattutto non conosciamo la storia personale.
Nel mio caso, ad esempio, ho intrapreso a 19 anni un percorso universitario in medicina, lasciando l'opera incompiuta per problemi personali legati all'ambiente ospedaliero e al mio rapporto con la sofferenza. Ho deciso di cambiare strada, mi sono iscritto a informatica e mi sono laureato con il massimo dei voti a 29 anni e sono contento così.
Sono uno sfigato? Non so, forse. Ma non mi interessa più di tanto...

Enrico Raspadori (ashitaka81), Medicina Commentatore certificato 26.01.12 10:01| 
 |
Rispondi al commento

non vorrei ricadere nei soliti luoghi comuni ma certo che uno che ha già la bellezza di 28 anni e non si è ancora laureato, forse poteva intraprendere altre strade con più successo, lo studio forse non faceva per lui ed è così che si ingrossano la schiere di disoccupati intellettuali

Giorgio Petrini 26.01.12 10:00| 
 |
Rispondi al commento

caro ministro da come ti presenti alla tv sembri un divo del cinema ti sei laureato presto ma dietro cosa avevi? forse il papi con i soldini per farti studiare, pensa a quelli che fanno i sacrifici per studiare, e ricordati che ora stai prendendo i nostri di soldini perciò un pò di risprtto non guasta

sergio 58 26.01.12 09:45| 
 |
Rispondi al commento

La terminologia magari non correttissima ma il concetto è chiarissimo. Uno che fa lo studente e a terminare un ciclo di studi di 5 anni ne impiega 8 o 10 se non è sfigato è certamente un coglione. Poi i coglioni hanno tutti i diritti di esistere e di essere coglioni, ma anche di essere catalogati e additati come tali e non come esempi da imitare.

Marzio Morandi 26.01.12 09:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se si vogliono interpretare le parole del vice ministro cogliendone il senso assoluto, si può essere più o meno d'accordo, lascerei però al singolo decidere quanto il conseguimento della laurea abbia importanza per se.
rimane tuttavia evidente che, vantarsi come il vice ministro Martone, di essersi laureato, immagino, in tempi e modi a suo dire corretti,portando la sua condizione ad esempio, non è sufficiente a maturare un pensiero intelligente e neanche ad acquisirne la tecnica per esprimerlo lasciando emergere lacune sociologiche, umaniste e letterarie profonde.

ci lamentiamo di quelli che vengono votati, ma gli altri mica brillano.

psichiatria. 1 26.01.12 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Caro martone (con la m minuscola, non me la sento di mettere la maiuscola) diciamo la verità, sei dove sei perchè sei figlio di....ci sono migliaia di giovani più bravi di tè, più capaci di tè, più intelligenti di tè i quali non possono sputare sentenze come tè perchè non sono figli di....
Perchè tuo papà non ti ha insegnato che giudicare spetta solo ai giudici ? Come fai ad avere queste certezze e permetterti di offendere non solo i ragazzi ma anche le loro famiglie ? Famiglie italiane che fanno sacrifici per i propri figli e anche per pagare lo stipendio a uno come te. Se potessero sai come ti pagherebbero ? Te lo lascio immaginare !
Nel frattempo spero tu stia bene...
sai non si sa mai nella vita...
Oggi ci sei domani chissà.

FBI 26.01.12 09:18| 
 |
Rispondi al commento

Si può essere in accordo con un generale allungamento dell'età in cui ci si laurea. Dico in generale perchè poi ciascuno di noi è una realtà a sè stante con molteplici problemi tanto distanti da ognuno.
Certo è che c'è modo e modo di dire le cose. E di sicuro un funzionario di alta carica pubblica (mi sembra che vice ministro sia una figura inventata, magari ai soli fini di uno stipendio), non si possa permettere uscite del genere; che poi non dimostrano di aver bruciato le tappe; anzi, domostrano che l'investimento negli studi è stato fino ad ora un mezzo fallimento. So già cosa pensa gente come lui: tanto io ho una carica di alto livello e tu (io) sei uno "sfigato" operaio, topo di ufficio o simile.
Da ciò che ho visto pare una persona che precocemente ha rivestito cariche importanti nella pubblica amministrazione. E non è l'unico. Fa specie che gente così preparata abbia lasciato scivolare il nostro paese nel baratro attuale. Fa specie che tanta capacità e bravura ostentata opportunamente sotto il nostro naso non si sia concretizzata nei fatti. E tanta qualifica però la vediamo applicata solo nel pubblico. Che paghiamo noi. Nel privato, dove l'imprenditore dove confrontarsi con il mercato e fare i conti con lo stesso consumatore finale, nel privato dicevo gente con così tante qualifiche ha poco spazio. Nessuno mi ha spiegato ancora il perchè. Forse il perchè è così ovvio che anche un cieco lo vedrebbe?

Gian A 26.01.12 08:37| 
 |
Rispondi al commento

Questo dimostra quanto sia cretino...e che la rete ti sputtana subito...io al suo posto (a maggior ragione fossi raccomandato)avrei esordito dicendo che "purtroppo" l'acceso all'istruzione in questo paese è gravoso economicamente e che all'università si dovrebbe utilizzare un metodo di selezione che premi prima di tutto chi ottiene ottimi risultati dal punto di vista scolastico.
Ossia l'università dovrebbe essere gratis!perchè investire nell'istruzione è una priorità di un paese.
Investire moralmente anche nelle pari opportunità..cosa che lui in queto momento certo non dimostra di avere..ancora una volta l'italia si presenta per quella che è, anzi la politica!,poco importa se è un governo tecnico o un governo dei soliti partiti!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 26.01.12 08:33| 
 |
Rispondi al commento

Concordo appieno con Massimo Minimo..............culuti e coglioni si nasce.
Gajah Mada

Gigi C., Seoul Commentatore certificato 26.01.12 04:16| 
 |
Rispondi al commento

Io l' università l'ho lasciata per non pesare sulle spalle dei genitori tra affitto mantenimento tasse e pazzi vari ....martone ma vaffanculo !!!!

zippo 26.01.12 04:00| 
 |
Rispondi al commento

sempre più vicini al momento giusto e puntuali all'appuntamento
sempre più distanti dalle imperfezioni e
si ok! sarete anche più seri e coerenti,
tenete famiglia
si va bene. sarete anche più forti e volenterosi
possedete il fisico!
si certo, sarete anche più belli e abbronzati o più curati o stirati
c'è il trucco!
si dai, sarete anche più ricchi e fortunati
comprate i soldi!
si si, sarete anche più fedeli e religiosi
avete peccato!
si si, sarete anche più attenti e predisposti
siete incantati!
si si, sarete anche più chiari e intelligenti
avete mente!
si si, sarete anche più giusti e convincenti
avete ascolto!
si si, sarete anche più simpatici e sorridenti
avete gioia!
si si, sarete tutte queste cose ma
non è mia, la colpa!


....e io che a 37 anni ho solo la terza media cosa sono?

tu invece sei solo un paraculato.


questi paraculi non ce li toglieremo mai dal cazzo!

carmine carbone 26.01.12 01:24| 
 |
Rispondi al commento

Si puo' contestare che sia l'ennesimo tentativo di distogliere l'attenzione dai problemi piu' grossi del paese ma non il contenuto della dichiarazione. O hai la testa o devi fare un lavoro adatto alle tue capacita' da subito. L'alternativa e' inflazionare le lauree ed essere un costo per lo stato.

Dario V 26.01.12 01:24| 
 |
Rispondi al commento

MA COME FA UNO CHE DICE IDIOZIE SIMILI AD ESSERE LASCIATO AL SUO POSTO E AD AVERE UN RUOLO ISTITUZIONALE?
SIAMO STANCHI DI VEDERE CHE IN ITALIA SOLO I COGLIONI VANNO AVANTI.....

Luca Rossi 26.01.12 00:33| 
 |
Rispondi al commento

Sfigati e senza raccomandazione....si va bene ciao

MA DOVE VOLETE ARRIVARE?

TRENTENNE LAUREATO A PIENI VOTI 26.01.12 00:12| 
 |
Rispondi al commento

ottima l'ultima frase,martone sei proprio un gran .......

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 26.01.12 00:10| 
 |
Rispondi al commento

Ma intendi:

R A C C O M A N D A T O ???????

non hai capito? allora lo ripeto più che volentieri


R A C C O M A N D A T O !!!!!

TRENTENNE LAUREATO A PIENI VOTI 26.01.12 00:09| 
 |
Rispondi al commento

La sfiga non c'entra! :-)

TRENTENNE LAUREATO A PIENI VOTI 26.01.12 00:05| 
 |
Rispondi al commento

Presente!

TRENTENNE LAURATO A PIENI VOTI 26.01.12 00:03| 
 |
Rispondi al commento

Io sono un tipo pacifico, ma quando vedo un essere del genere, mi scattano i 5 minuti di furia violenta!
Credo che una decina di trentenni laureati da poco tutti sui 90 kg, potrebbero assumersi l'incarico di procurare a martone una lunga degenza in qualche reparto di ortopedia!
Poi vediamo chi è lo sfigato!

l., ancona Commentatore certificato 25.01.12 23:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe uno di questi deve dare una svolta al mercato del lavoro .....ma questo e un narciso come tanti in parlamento dobbiamo buttarli via una volte per tutti ....Beppe ti chiedo di rispondere Tu uffiacialmente a questo s..... per tutti Noi.Grazie Piero

Piero Zammataro 25.01.12 23:52| 
 |
Rispondi al commento

SPERO CHE TI CASCHI LA LINGUA , A TE E CHI TI PAGA LO STIPENDIO , IO PER PAGARMI QUEI CAZZO DI LIBRI , SCIACQUAVO I PIATTI NEI RISTORANTI , NON STAVO A GRATTARMI LE PALLE MANTENUTO CON I SOLDI DI MAMMA E PAPA , STAI PERCHE' SEI NATO RICCO , E FACILE PARLARE PER QUELLI COME TE E MONTI CHE VIVONO SUL PIANETA RICCOLANDIA E FIGLI DI PAPA ! TI DEVONO CACCIARE VIA , SUBITO

paolo c. 25.01.12 23:47| 
 |
Rispondi al commento

basta fare una cosa rendere l'università durissima.

eccheccavolo ormai un laureato è paragonato ad un diplomato di 20 anni fa.

un motivo ci deve essere no?

ivan m. Commentatore certificato 25.01.12 23:14| 
 |
Rispondi al commento

Io sono uno sfigato!!! Ho 32 anni e non mi sono ancora laureato . Dai 26 anni ho perso mia nonna nel 2006 ,mia mamma per tumore nel 2008 nel frattempo mio padre ha pensato di mettersi con una russa del cazzo (li sentivo scopare dopo due mesi dalla sua morte ) ed ora ho scoperto che mio fratello ha la sclerosi multipla !
Non sono laureato perché sono uno sfigato
Sono unO sfigato perché devo lavorare dalle 8:00 alle 20:00 e pensare che ero nato fortunato ....
Caro Martone fottiti te lo dico col cuore in mano ! Te ed i tuoi amici politici del cazzo potete andare a fare in culo meglio sfigato che ladro come voi !!!

Alessandro chiatti 25.01.12 23:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ancora più sfigati,sono tutti quei giovani che sono nati da famiglie operaie, monoreddito, i cui genitori non hanno la possibilità di mandare i figli all'università

Isidoro De Rosa, Arzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.01.12 23:12| 
 |
Rispondi al commento

In fondo ha ragione lui,eccheccazzo in fondo basta essere figlio di papà come lui,non ci si può sempre lamentare e non avere un padre almeno dirigente;ma dove vivete???Non avete neanche un amico o un parente che vi sistemi in un buon posto??Allora andate a fare in culo e a lavorare,che tutti i posti buoni sono già occupati.

flavio r. Commentatore certificato 25.01.12 22:45| 
 |
Rispondi al commento

http://www.dirittodellavoro.it/public/current/concorsi/verb1/11%20borgogelli%20martone.pdf

anib roma Commentatore certificato 25.01.12 22:33| 
 |
Rispondi al commento

VI RICORDATE QUELLO CHE CI DICHIARO ...BAMBOCCIONI
OGGI SIAMO ....SFIGATI

ha ragione abbiamo la sfiga di avere napolitano come presidente
abbiamo avuto dei premier da ...repubblica delle banane
abbiamo la sfiga di non avere avuto ne abbiamo parenti ...di casta
che ci mantengano a sbaffo a spese del contribuente italiano

ps ma se noi siamo dei bamboccioni
chi SONO LORO CHE CON 30000 EURO AL MESE NON GLI BASTANO???

DEI FIGLI DI .....PAPPONI

stefano b., rovato Commentatore certificato 25.01.12 22:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a proposito ma quei manigoldi che in parlamento giocano con il cellulare, leggono giornali, si assentano e rubano dai sacrifici degli italiani cosa sarebbero? FORTUNATI?

APPLICHIAMO LE LORO LEGGI SU LORO MEDESIMI E VEDIAMO SE SONO GIUSTE.

PRIMA LEGGE: STERMINIAMOLI.

Morris Fleed (goblin) Commentatore certificato 25.01.12 22:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sono trovato a selezionare curriculum per la mia azienda. Guardavo voto di laurea e anni impiegati a laurearsi. Dopodichè cestinavo. Sinceramente, a parte l'espressione infelice, sono abbastanza d'accordo che laurearsi tardi non è una bella cosa.

Claudio C 25.01.12 22:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il messaggio di Martone è molto chiaro, una laurea a trentanni o quasi significa ridurre le proprie possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro vampirizzando a volte le risorse familiari. se poi aggiungiamo il ritardo con cui si comincerà a versare i contributi non lamentatevi se un domani andrete in pensione a 70 anni. Capisco che ad alcuni restare a lungo dei goliardi scolaretti sulle spalle di mamma e papà può far comodo ma tenete presente che la media europea dei giovani laureati e di 3 anni più bassa e quella indo-asiatica di 5 anni. Personalmente metterei un tetto ai fuori corso per lasciar spazio ai più dotati. Ci sono molti lavori per i quali non c'è bisogno di titoli roboanti da scrivere sul bigliettino da visita tanto cari a genitori con il complesso del figlio "dottore". Le opportunità di lavoro non vi stanno ad aspettare. Fatte le debite e singole eccezzioni Martone ha ragione.

Fulvio C., Verona Commentatore certificato 25.01.12 21:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono uno "sfigato cronico" visto che a 33 anni ancora non sono laureato. Mi mancano 2 esami e poi la tesi: conto di farcela entro il 2012, sempre che prima l'Italia non fallisca, non scoppi la rivoluzione e non perda il lavoro.

Sono due settimane che quando esco dall'ufficio mi metto sopra i libri a studiare, cercando di non far mancare nulla alla mia famiglia. E cercando, con lo studio, di poter anche -un domani- andare avanti nel lavoro.

Si, famiglia: dopo aver concluso le superiori mi sono dedicato a cercare un lavoro e a farmi una professionalità. Adesso ho 33 anni, una casa di proprietà (di cui pago il mutuo), l'indipendenza economica data da un posto pubblico (pagano poco ma almeno pagano...per ora !), una moglie che amo ed un bellissimo Labrador nero che è parte della famiglia.

Lavoro da quando ho 20 anni, sempre nel campo dell'informatica. Prima nel privato e poi, dopo un concorso, sono entrato nell'Università di Siena, famosa per la "gestione allegra" e relativo "buco" di 200mln di euro.

Sia io che mia moglie paghiamo le tasse al 100% (siamo entrambi dipendenti pubblici) e veniamo da famiglie rispettabili che non ha mai avuto problemi con la giustizia. I miei nonni sono contadini e passano le loro giornate nel campo, dal quale prendo pomodori, insalata, patate, uova... cibo sano e genuino ! Sono orgoglioso di loro e di come, da poco e con tanti sacrifici, senza nessun regalo dalla vita, si sono ritagliati il loro piccolo mondo.

E sono stato educato che nulla è regalato e cade dal cielo: bisogna sudare per guadagnarselo ! E che la dignità, il rispetto e l'onestà sono valori non commerciabili.

Martone, lo sfigato qua sei tu.

Michele P., Siena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.01.12 21:40| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me non ha proprio tutti i torti, poi è logico che non si può fare di tutta l'erba un fascio. Voglio dire io non sono figlio di benestanti, nessuno mi ha mai aiutato eppure mi sono laureato con sei mesi fuori corso, a 24 anni e mezzo. Non ha detto che uno è sfigato se a 28 non ha un lavoro, ha detto se non è laureato. Vorrei una statistica di tutti gli studenti fuori corso, quali sono benestanti e figli di papà e quali lo sono perché magari hanno sempre anche lavorato ( come mio fratello ad esempio)... Scommetto un 80 percento i primi ed un 20 i secondi. E secondo me alla fine gli sfigati sono proprio quelli della prima categoria, a pappa pronta...

Federico Demurtas 25.01.12 21:36| 
 |
Rispondi al commento

stiamo andando troppo forte, ci danno addirittura al 7,5%
e questo significa che prenderemmo oltre 40 deputati e
allora si che si vedranno delle belle, da questo blog ho
preso il sondaggio

http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html


pino 25.01.12 21:32| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
MARTONE SI DIMENTICA CHE C'E UNA QUARTA CATEGORIA, QUELLI CEH VOGLIONO TORANARE CHE A DIFFERENZA DEGLI ALTRI (QUELLI AIUTATI DA PAPA' E MAMMA, ETC) L'UNIVERSITA' SE LA VOGLIONO FARE CON LE PROPIE FORZE CON LE PROPIE ENREGIE,FORTUNA PER LORO CHE NON SONO S...I,MA SONO S...I PER COLPA DI S...I CHE NON GLI PERMETTONO DI REALIZZARE I PROPI OBIETTIVI.
PER IL RESTO CONCORDO CON TUTTO IL TUO COMMENTO, MASSIMO MINIMO
ALVISE

alviseafossa 25.01.12 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Tutte le persone che ormai hanno rotto ma che si susseguono senza interruzione in Parlamento,essendo loro il frutto di trafficonerie partitiche o dei padri ,amici,conoscenti ecc nella loro presunzione,pensano a torto,che quello che hanno sia meritato quindi cercano anche la notorieta' senza rendersi conto che sono ineducati e inadeguati al compito offerto loro dallo Stato.Mi chiedo dove Monti l'abbia scovato e per quale merito e' stato insignito della carica di sottosegretario?

giancarlo 25.01.12 21:04| 
 |
Rispondi al commento

Se a 28 anni non sei laureato significa che forse l'università non fa per te

X Roby f di Livorno.. Ha si scrive con l'h. Sfigato è anche chi parla senza sapere come si scrive

Marco scattolin 25.01.12 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Se a 28 anni non sei ancora laureato magari non sarai uno sfigato, ma avere qualche problemino mentale forse sì.
Se in 10 anni non sei riuscito ad avere almeno una laurea vuol dire che lo studio non fa per voi. punto e basta.

Dave P. 25.01.12 20:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Roma capitale, 150 anniversario ,il problema del mezzogiorno,l'uomo dell'anno,
Sarebbe questo il nuovo che avanza?
Vi siete mai chiesti perche' il 99% dei politici muoie di vecchiaia?
Non hanno mai fatto un emerito tubo in vita loro,
eccetto che il voto di scambio,il nepotismo la corruzione e le raccomandazioni.
Eccoli qui con il benestare di molti a mettercelo ancora per l'ennesima volta in quel posto.
Dove sono finite tutte le bandierine rosse.
Non vedo piu' nessuno in piazza.
Come mai?
Politici maledetti come fate in fretta ora a legiferare.Vi state garantendo un'altro ventennio di privilegi alla faccia di chi lavora sul serio.
Precettatevi la vostra faccia di merda che e molto meglio e andate a dar via il culo per arrotondare visto che non ne avete mai abbastanza.
Corrado Pisetta

Corrado Pisetta 25.01.12 20:53| 
 |
Rispondi al commento

come cazzo hanno fatto a farlo diventare viceministro, oltre a essere un coglione è anche immaturo,per me il padre l'ha comprato la laurea

carmine lo bianco 25.01.12 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Una persona che a 33 anni e' arrivato dov'e' lui non e' sicuramente uno sfigato,ma di sicuro e' un ultra raccomandato

giamba 25.01.12 20:46| 
 |
Rispondi al commento

martone.JPG...Ci risiamo coi "bamboccioni"; è un lei-motiv che imperversa soprattutto coi governi che sorridono a questa pseudosinistra travolta dalla noia e dalla mancanza di mordente. Queste sferzate di buonumore atte a dichiarare che se alla fine uno abbandona e, preso dalla depressione, si trascina in una vuota esistenza senza cercare per davvero una svolta alla propria carriera, ucciso dentro da centinaia di appelli in Università dove domina la clientela e il nepotismo, aule di lezione con lezioni inesistenti, Docenti che ci sono un appello si e uno no, liste d’attesa lunghe mesi , pseudoesami di accesso al numero chiuso di cui già si conosce il vincitore (e..noi non ci saremo), finti concorsi che premiano il figlio del capotribù e i suoi pari, tenui varchi che balenano grazie agli interessamenti del parroco che ti ha visto ragazzino e dagli improbabili effetti, tanti sacrifici che valgono poi, se ti va bene, un Praticantato di nove mesi da qualche parte e poi il limbo, bè se alla fine uno abbandona è solo colpa sua.

Forse il Nostro avrebbe dovuto mostrare più coraggio: è facile fare discorsi da imbonitore di scuola quadri. Più interessante sarebbe stato vedere la strada che avrebbe percorso se fosse uscito dallo spermatozoo di un cassintegrato calabrese !

Certo è che se il nostro non si automotiva col fatto che lui sta lì per una sua "presunta" genialità, non gli rimarrebbe altro da pensare di essere arrivato lì per grazia ricevuta dal padre e non già per proprie qualità, quindi in ultima analisi non sapere mai quanto veramente valga. E' questa la condanna per questi tronfi papaveri che si riempiono di arroganza all'inverosimile per tacitare quella vocina sottile che in cuor loro dice che in fondo in fondo non valgono niente e che tutto quel che hanno lo devono ad altri, il padre in primis !

p.pedrazzi 25.01.12 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Credevo che questo idiota fosse intelligente, ma, come al solito l'apparenza inganna! Brutta carogna che non sei altro, questo paese sta scoppiando dalla rabbia della gente che ha le palle piene di faccie di merda come te e tu vieni a scassare il cazzo con esternazioni da perfetti imbecilli! Prega Dio che qualcuno un giorno non ti appenda a piazzale loreto come altri imbecilli, come te, che non hanno usato il buonsenso e la solidarietà! Impara asino!

dario fertoli, beverino Commentatore certificato 25.01.12 20:42| 
 |
Rispondi al commento

Vice Ministro Martone: essere mitologico con il corpo di uomo e la testa di cazzo..... ma vai a lavorare scemo!

Mario Federico 25.01.12 20:41| 
 |
Rispondi al commento

E come dice mio figlio: martone gagone piscione.
E io aggiungo: minchione

new sandro c altrove Commentatore certificato 25.01.12 20:41| 
 |
Rispondi al commento

Figlio di Antonio Martone, avvocato generale in Cassazione, ex presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati
ancora che parla st'imbecille

francesco si 25.01.12 20:27| 
 |
Rispondi al commento

Oisive jeunesse
A tout asservie,
Par délicatesse
J'ai perdu ma vie.
Ah! Que le temps vienne
Où les coeurs s'éprennent.

Je me suis dit: laisse,
Et qu'on ne te voie:
Et sans la promesse
De plus hautes joies.
Que rien ne t'arr^te,
Auguste retraite.

J'ai tant fait patience
Qu'à jamais j'oublie;
Craintes et souffrances
Aux cieux sont parties.
Et la soif malsaine
Obscurcit mes veines.

Ainsi la Prairie
A l'oubli livrée,
Grandie, et fleurie
D'encences et d'ivrais
Au bourdon farouches
De cent sales mouches.

Ah! Mille veuvages
De la si pauvre ^me
Qui n'a que l'image
De la Notre-Dame!
Est-que l'on prie
La Vierge Marie?

Oisive jeunesse
A tout asservie,
Par délicatesse
J'ai perdu ma vie.
Ah! Que le temps vienne
Où les coeurs s'éprennent!

Chanson de la plus haute tour, Arthur Rimbaud

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 25.01.12 19:51| 
 |
Rispondi al commento

nB...il vice ministro è un termine improprio...di solito vengo definiti sottosegretari!

roby f., Livorno Commentatore certificato 25.01.12 19:47| 
 |
Rispondi al commento

si puo' scrivere testa di cazzo?!?

Giulio Guerriero 25.01.12 19:44| 
 |
Rispondi al commento

LO so sarebbe il caso di stare zitti ma :
si sa che la gente da buoni consigli........
si sa che la gente da buoni consigli........
tricche tricche tricche parapappa pa paa
tricche tricche tricche parapappa pa paaa
così impara ad essere più empatico la prossima volta.

stefano manca 25.01.12 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Braccia sottratte all'agricoltura...!ma questo giovane under 40 a mai lavorato?...sarei curioso di vedere il suo curriculum,...e come lui in politica ce ne sono stati fiondati parecchi...gente che a 37 non a mai piantato un chiodo in casa proprio..
Le riconoscete dalle mani..di solito studiano economia e commercio..o altre lauree che valgano poco..!vedrai alla Nasa lui non lo chiamano!!!che li duri!!!.

roby f., Livorno Commentatore certificato 25.01.12 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Io mi sono laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche a 25 e un Master di secondo livello a 27 ed è da quando avevo 28 anni che non riesco ad avere un contratto a tempo indeterminato, sono SFIGATISSIMA

fantafarma 25.01.12 19:33| 
 |
Rispondi al commento

aggiungo che la cosa triste....non è tanto la sua nomina a vice ministro.....ma come al solito in italia.....le investiture si tramandano da padre in figlio, nipoti, zii, parenti.....altro che democrazia....e hanno il coraggio di chiedere sacrifici agli italiani: vergognatevi!!!!

francesco i., varese Commentatore certificato 25.01.12 19:24| 
 |
Rispondi al commento

"Caro Michel Martone, sfigato in Italia non è colui che, come me, si laurea dopo i 28 anni ma chi nonostante una laurea, giovanissimo oppure no e chissà con quali conoscenze, non riesce a trovare un'adeguata e dignitosa collocazione sul mercato del lavoro. Sfigato in Italia è chi non ha santi in paradiso e quindi non potrà mai vincere, ad eccezione di casi rarissimi, un concorso pubblico per cui hai titoli e competenze e l'età richiesta ma il tuo posto viene assegnato al raccomandato di turno. Gli sfigati italiani, come il sottoscritto, possono vincere concorsi ambitissimi indetti per affidare ruoli di responsabilità e dove la competizione è alla pari ed il giudizio finale il più possibile equo e giusto. E alla soddisfazione di vederti premiato e riconosciuto tutti i tuoi sforzi e sacrifici corrisponde la vera sfiga e che cioè questo puoi farlo ed ottenerlo solo all'estero e non nel tuo paese, l'Italia. Hai capito Martone? Perché alla fine il vero sfigato sei tu con le tue generalizzazioni del cazzo, mezze verità e luoghi comuni strumentali solo a mantenere lo status quo ...di un paese sfigato."
(Francesco Saverio Liguori)

Giuseppe A., Salerno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.01.12 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe opportuno proporre delle dimissioni del vice ministro!!! IL governo monti non è altro che una buffonata italiana.....come al solito gli uomini di " cultura" a servizio dei poteri.

francesco i., varese Commentatore certificato 25.01.12 19:13| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori