Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Uffici pubblici aperti 24 ore su 24


Asterix_casa_dei_folli.jpg
Voglio uffici pubblici h24!
"Lo Stato lascia libertà al privato di lavorare (grosse catene commerciali e bancarie) quanto vogliono, ma i dipendenti di Stato: onorevoli, sindaci, consiglieri, dipendenti di stato, regioni, provincie, comuni al servizio del cittadino perchè non rimangono anche loro in uffici aperti tutti i giorni dalle 8.00 alle 22.00 o 24 ore su 24? Si accede ad un ufficio pubblico solo alcune ore al giorno non tutti i gioni della settimana e alcune volte ti mandano ad integrare documenti in un altro ufficio che è aperto in altri orari e in altri gioni. Che snelliscano tutta la burocrazia sulle attività private e non le affossino con un carico di marche da bollo e documenti di tipo levantino." Paolo Casarotto

21 Gen 2012, 16:05 | Scrivi | Commenti (63) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

stiamo andando troppo forte, ci danno addirittura al 7,5%
e questo significa che prenderemmo oltre 40 deputati e
allora si che si vedranno delle belle, da questo blog ho
preso il sondaggio

http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html


pino 25.01.12 21:33| 
 |
Rispondi al commento

PER FULVIO C.DI VERONACome sempre la guerra e' diventata tra poveri.Signori miei alla fine questi signori che ci governano ci mettono gli uni contro gli altri.L'artigiano contro il dipendente pubblico l'operaio contro il datore di lavoro.Non vi pare che tutto questo segua il percorso di una classe dirigente ormai allo sbando?Sono d'accordo nello snellire le pratiche amministrative.Ma sapete che dotazione tecnologica ha un'ufficio pubblico.Praticamente nulla cpu datati e obsoleti servizi di assistenza canellati per mancanza fondi ecc.ecc.Secondo me anche l'idea di lasciare aperti gli uffici pubblici anche la notte non e' fattibile e non aiuta il cittadino.Possiamo mai chiedere ad una vecchietta di ritirare un documento a mezzanotte?Il carissimo EX ministro brunetta si e' fatto vanto di aver ammodernato la dotazione tecnologica della pubblica amministrazione falso falso e ancora falso.D'altronde da uno come Brunetta non si poteva sperare che dicesse il vero.Il problema non e' il dip. Pubblico il problema e' della burocrazia.Se per richiedere un documento la legge impone al dipendente che sta dietro lo sportello a richiederne altri 2 che puo' fare l'impiegato?Fino a qualche tempo fa avevamo un ministro (a circa 18 mila euro al mese)che era a capo di un fantomatico ministero della semplizicazione era uno della lega se non erro.Questo simpatico ministro a mai semplificato qualcosa?HA eliminato un po di Burocrazia?Secondo voi e' colpa dell'impiegato se applica la burocrazia o e' colpa del ministro di turno che non la elimina.?Se poi il dipendente Pubblico non fa il suo lavoro e la mattina Cazzeggia e' giusto che venga licenziato .Meditate Gente meditate.P.S.Carissimo Fulvio sai il mio stipendio.Ho delle responsabilita'nella P.A. che neanche immagini e a fine mese non supero i 1600 compresi i turni notturni (pagati a 9 euro lordi all'ora)Prima di aprire bocca assicurati che il cervello sia collegato

domenico ungari 25.01.12 10:29| 
 |
Rispondi al commento

... scusami caro, stavo quasi per dimenticare (e non rassicurarti ulteriormente): non ho mai lavorato, neanche per un solo giorno, oltre la mezzanotte (quasi sempre entro le nove; pur facendo una professione onestamente 'comoda' e quindi non me ne lamenterei mai). Ma la mia situazione di 'privilegio' (come la tua, di diurno) non mi porterà mai a considerare un lavoratore notturno (sorvegliante, pasticciere o tassista che sia) come una categoria da discriminare, per servizi e pubblichè utilità. Comunque, buonanotte

homofaber 24.01.12 01:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro caro, sorvolando sulle tue conversazioni esclusive con gli autoctoni (a Londra?, a Parigi? ad Amsterdam?: devi proprio andarli a cercare...), comprendo comunque che possano sfuggirti i superati concetti di civiltà ed eguaglianza, tra l'altro mai in uso in queste lande (un sorvegliante, un tipografo, un carabiniere, un pasticciere artigiano, persino un dj, un'infinità di categorie che lavorano di notte - spesso perchè non trovano occupazione durante il giorno - dovrebbero essere quindi discriminate dai servizi statali?; solo perchè è buio e girano i balordi?). In ogni caso, mi preme rassicurarti sulla mia identità virtuale: non sono, nè conosco, 'raffaele q' (che pur mi sembrerebbe degna persona). Non solo: da quando frequento i blog online (un paio d'anni, forse meno) non ho mai, neppure una volta. cambiato nick. E stavolta sono io a non comprenderti: quali strane associazioni (mentali o non so) ti hanno spinto in questa confusione? Solo perchè raffaele q ha postato dopo di me? Spero di no

homofaber 24.01.12 01:08| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo raffaele q,
In effetti le mie attività all'estero le svolgo di GIORNO e quando sono in giro per lavoro non cerco latte o cacciaviti nel cuore della notte, sono in stretto contatto con gli abitanti autoctoni e chiedendo direttamente è quasi impossibile trovare ciò che dici....
Ti auguro un buon lavoro notturno

caro 23.01.12 17:50| 
 |
Rispondi al commento

Ultimi sondaggi politici , la novità è il movimento 5 stelle
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html

Tutti i nomi degli oltre 1000 iscritti alla loggia segreta P2
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/tutti-i-nomi-della-loggia-p2.html

La statua più bella del mondo, Il Cristo velato
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/la-statua-piu-bella-del-mondo-il-cristo.html

Il debito pubblico italiano in tempo reale
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/il-debito-pubblico-italiano-in-tempo.html

I poveri parlamentari italiani in vacanze alle Maldive
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/i-poveri-parlamentari-italiani-in.html

I nomi segreti di almeno 42 massoni italiani famosi
http://quaeram.blogspot.com/2011/12/i-nomi-segreti-di-almeno-42-massoni.html

raffaele q., pomigliano Commentatore certificato 23.01.12 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro caro, evidentemente frequenti solo capitali dell'Est (lì i bordelli non sono mai mancati, prima e dopo il Muro); e senza scomodare Parigi, Londra, Berlino, Madrid od Amsterdam - dove si vive di giorno quasi come di notte - basta che ti fai una passeggiatina, che so, a Lisbona e scoprirai che persino i portoghesi (che spesso dileggiamo) hanno più di un locale pubblico aperto tutta la notte, provvisto sia di latte che di utensili vari. Avviene già tempo e l'ho verificato personalmente: prima da giovane turista, poi per lavoro. Quindi... A meno che - forse giustamente - tu non voglia paragonarci a Bucarest o Tirana; beh, allora, ti comprenderei

homofaber 23.01.12 00:16| 
 |
Rispondi al commento

gli uffici pubblici devono restare aperti 24 ore su 24 più di qualunque altra attività sul mercato perchè non fa parte del mercato ma del servizio pubblico come taxi, telefonia, ma anche luce acqua e gas. Credo che non ci sia margine di discussione su questo. Come farlo? Con poche centinaia di € si possono acquistare dei software in grado di gestire tutto di tutti, installabili per giunta su computer vecchi e lenti, esistono sistemi operativi completamente gratuiti e completamente personalizzabili. Gestire tutto on line è necessario nel più breve tempo possibile. con il semplice codice fiscale ottieni quello che vuoi...
Vorrei solo capire se il "movimento 5 stelle" ha chiaro cosa fare se mai dovesse ritrovarsi al governo...

matteo g., matteo.galantini@gmail.com Commentatore certificato 22.01.12 22:42| 
 |
Rispondi al commento

E aproposito di pubblico inpiego, perchè nessuno parla mai ne tanto meno Beppe Grillo di quella vergognosa "mangiatoia" che risponde al nome di esercito italiano? una voragine che inghiotte ogni anno 25 miliardi di euro dei contribuenti!! abbiamo più generali che soldati semplici che guadagnano cifre da capogiro senza nessun merito e che conservano anche a fine carriera privilegi assurdi. Le missioni all'estero ci costano una finanziaria all'anno e nessuno ne parla!! vergogna!!!!

Fulvio C., Verona Commentatore certificato 22.01.12 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Non servono uffici pubblici aperti 24h serve eliminare almeno 500.000 pubblici dipendenti e far lavorare 8 ore al giorno quelli restanti con lo stipendio e contratto parametrato ai lavoratori privati!! controllo della produttività e possibilità di licenziare i fannulloni. I dirigenti devono essere stipendiati in base ai risultati ottenuti con contratti annuali. Vorrei ricordare che un insegnante di educazione fisica lavora 18 ore alla settimana e guadagna 1500 euro al mese. Vergogna!!!!

Fulvio C., Verona Commentatore certificato 22.01.12 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Lo sportello è aperto tutti i giorni pari, dalle 8:00 alle 8:00 e tutti i giorni dispari, dalle 8:00 alle 8:00...........COGLI L'ATTIMO!!!

(Cinzia Leone - Avanzi)

Andrea Caroli (elettrociccio), Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.01.12 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Molto tempo fa, um'amico mio di un piccolo paesino in Sicilia, mi raccontò di una piccola vicenda.
Lui aveva bisogno di un certificato di nascita.
Andando in municipio, allo sportello c'era una fila molto lunga. Aspettando una mezzorata, ancora non si muoveva nessuno.
Lui ando a reclamare al prossimo sportello e chiese dove sia l'addetto. La risposta; sta venendo a minuti sarà qui. Allora lui andò fuori e mentre stava scendendo le scal, dalla finestra si vedeva che l'addetto era al bbar di rimpetto e sghignazzava con un suo amico.
Ancor'oggi non è cambiato noente.

Una vecchietta di 78 anni aveva bisogno di un documento. Salendo al le scale al municipio, dopo una rampa si fermò, perchè era stanca.
Dopo la seconda rampa )secondo piano), finalmente arrivò allùfficio dove lei doveva ricevere questo certificato.
L'addetto le ha detto che non era possibile, perchè mancava il documento di residenza.
(Normalmente il documento di residenza è all'ufficio in primo piano, Oltretutto con i mezzi elettronici moderni, non è un problema aiutare il cittadino). Smetto, perchè non voglio ne racontarne tante enemmeno approfondirne.

Signori miei, questi parassita devono tornare a casa.
Direi, che si possa rinunciare a queste persone con l'incarico di scaldare la sedia e prendere per il c...o i cittadini.

G.Digi 22.01.12 18:24| 
 |
Rispondi al commento

In questi giorni a Roma ho dovuto sbrigare delle pratiche presso INAIL, INPS e Comune di Roma(uff Protocollo Mobilità e trasporti). Praticamente questi uffici ricevono tutte le mattine, mentre il pomeriggio sono aperti solo il giovedì. In poche parole, lavorando la mattina e avendo la possibilità di occuparmene solo il pomeriggio, per la stessa pratica ci ho messo tre settimane. Utilizzando i giovedì pomeriggio d'apertura. Perchè non diversificano i giorni d'apertura del pomeriggio???

davide s., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.01.12 17:56| 
 |
Rispondi al commento

ma come, vogliamo ridurre le spese statali e burocratiche, e ce ne usciamo con un'idea che le aumenta in modo esponenziale: nuovi bandi di concorso, nuovi dipendenti da contabilizzare, nuove logistiche strutturali da sviluppare...ecc ecc.
Senza contare lo spreco enorme di risorse umane impiegate nel NULLA!!!!
Mah!!!!

new sandro c altrove Commentatore certificato 22.01.12 16:34| 
 |
Rispondi al commento

Un Ufficio pubblico è un luogo in cui si lavora. Chi vi lavora è al servizio dei cittadini e non vende merce: produce servizi e beni che non sono in vendita. Non è un Centro Commerciale dove i cittadini vanno a passare il tempo libero e a fare spese in attività commerciali private (che, cioè, perseguono il profitto d'impresa).

Gabriela tassoni 22.01.12 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace dirlo, ma la proposta è artatamente demagogica e strumentale (l'ennesima fiala di veleno che l'immane Grillo versa nel bacino del dibattito nazionale).

Chi la avanza - più o meno volutamente - ignora che:
- una cosa è vendere un prodotto (materiale), altra è rendere un servizio (immateriale);
- a volte si avanzano richieste carenti di documentazione o finalizzate a servizi che NON spettano (se tu non me li fornisci, io sono "costretto" a chiederti documenti per verificare se, come mi dici, hai diritto ad un rimborso, un'esenzione/agevolazione, un permesso di costruire ecc.).


ps
Apprezzo tanto lo spirito del "diamoci da fare!" che anima i c.d. "grillini", ma attenti a sposare ad oltranza il metodo di "sparare nel mucchio" o "spararla grossa" come strumento d'azione "civile"...altrimenti finirete per proporre l'arresto di tutto il popolo italiano perchè, sicuramente, tra loro ci saranno tanti "corrotti", migliaia di "ladri", molti "mafiosi", innumerevoli "assassini",ecc.

Gianfranco Casile 22.01.12 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Non ci servono uffici pubblici aperti 24h, ma ci servono i loro servizi online. Io in 5 anni in Inghilterra non sono mai entrato in un ufficio pubblico, ma ho sempre fatto tutto online!

Davide Schembari 22.01.12 13:44| 
 |
Rispondi al commento

concordo... anche le scuole, aperte 24h, i lavoratori faranno i turni e li pagherete secondo fascia oraria.. gli alunni frequenteranno la scuola nelle ore che più preferiscono,...

... saranno abolite le tasse dirette sulla paga, e i lavoratori presenteranno, come i privati, la dichiarazione dei redditi a posteriori comprensive delle SPESE sostenute...

Leonardo Todaro 22.01.12 13:32| 
 |
Rispondi al commento

La Burocrazia gli serve per tenerci tutti sotto controllo.
Sono anni e anni che parlano di snellire la burocrazia, ma poi l'aumentano ogni giorno. Di questo ne sa qualcosa quel che fu ministro Brunetta.
Siamo alla nausea totale. Se non cambiamo noi stessi è inutile dire al popolo italiano di cambiare.
Guardare con le pensioni, tutti hanno accettato questo sfacello.

Umberto Arciero 22.01.12 12:48| 
 |
Rispondi al commento

ma visto che è possibile usare internet, perchè non facilitano invece la possibilità da parte delle persone di fare tutto on line, così invece di impazzire per gli orari degli uffici la gente avrebbe a disposizione gli uffici 24 su 24.
Io non credo che sia umano pensare di poter avere a disposizione gli uffici 24 su 24, come non è umano pensare di trovare tutto a disposizione 24 ore su 24.

the red 22.01.12 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma è inutile che parliamo e ci arrabbiamo. Siamo ormai in guerra, quindi uniamoci, tutta l'Italia dal Nord al Sud, andiamo a Montecitorio con i forconi e li buttiamo fuori. Uniti si può, in tanti si può, basta mettersi d'accordo! Noi siamo arrabbiati e siamo in tantissimi e questo fa paura! E' l'unico modo. Creiamo un gruppo su Facebook - giornata contro Montecitorio - e andiamoci tutti!

ves nikkia 22.01.12 12:25| 
 |
Rispondi al commento


Ritengo che sia una cosa giusta ed inevitabile, uffici pubblici debbano offrire un servizio nei giorni festivi dalla domenica al sabato, non 24h su 24.
Del resto i negozzi possono e potevano rimanere aperti perchè definiti di pubblica utilità, figuriamoci se un ufficio pubblico non è di pubblica utilità; e SE POI NON è UTILE TANTOVALE CHIUDERLO. (scusate il gioco di parole)

caro 22.01.12 12:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La provocazione è certa, sino ad oggi erano i comuni che decidevano sull aperture dei negozzi. I commessi delle grandi catene, costretti a fare orari e turnI al limite della sopportazione e costringendoli all'abbandono forzato delle famiglie, nessuna domenica libera e nessuna libertà di potersi organizzare la vita orari comunicati il venerdi per la settimana successiva DOM, LUN, MAR, MER, GIO, VEN, SAB.
mentre chi DECIDEVA tranquillo nel fare i suoi orari per 5 giorni alla settimana e magfari solo la mattina!!

Le attivita commerciali possono rimanere aperte perchè cosiderate di PUBBLICA UTILITà....
Credo che un ufficio pubblico non debba restare aperto 24 h su 24, ma poterne usufruire anche nei giorni festivi sia una cosa giusta, in fin dei conti tutti quando dobbiamo andare a fare delle pratiche nell'uffici PUBBLICI dobbiamo prendere giorni di permesso o ferie.

caro 22.01.12 11:53| 
 |
Rispondi al commento

la burocrazia è utile per creare posti di lavoro da svendere alla mafia per ottenere il "voto"... in realtà quasi tutti gli uffici pubblici sono inutili e ne faremmo tutti benissimo
a meno

michele quinci 22.01.12 11:44| 
 |
Rispondi al commento

la solita casta
http://italy.indymedia.org/node/3636

batafor 22.01.12 11:06| 
 |
Rispondi al commento

a proposito delle liberalizzazioni e della concorrenza, che ne dite se questa possa essere alla portata di tutti ? e non solo dei bar- piccoli negozi-- frutterie e categorie commerciali

In che modo ? ma semplice. siccome i poveri statali alcune categorie che lavorano---- si fa per dire --nelle province regioni asl ecc -- che pagano tutte le tasse, fanno quasi tutti un doppio lavoro > e fanno almeno la maggior parte lavori poco utili e alla portata di tutti , diamo a tutti i disoccupati la possibilità di prendere il posto di questi poveri martiri, con uno stipendio scontato del 30% e senza tutti gli accessori 13.ma -14- ferie - liquidazione malattia ecc.sicuramente ve ne saranno grati.

Per quanto riguarda la disoccupazione, penso che un modo molto semplice di combatterla sia :
TUTTI I CITTADINI ITALIANI NON POSSONO AVERE PIU DI UNA OCCUPAZIONE REGOLARE --tutti gli aaltri incarichi dovranno essere assunti a titolo onorifico con solo rimborso di > SPESE.

L:R 31 commerciante per 50 anni -in pensione con 512000 euro mensili--

luigi ruggeri 22.01.12 10:34| 
 |
Rispondi al commento

ma si che bello!!! io faccio il messo comunale sarà molto divertente venirti a suonare alle tre di notte per consegnare una multa!!!
ma porca puttana perchè scrivi queste cretinate.
Ma ti rendi conto che l'apertura dei negozi 24h è la morte del piccolo commercio.
Ma ti è rimasto una minima capacità di discerinimento????
Senti PAolo Casarotto: ritira il tuo post e chiedi scusa perchè è lesivo della professionalità di molte persone.

Daniele Vivi 22.01.12 02:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma vacci te a fare i turni di notte, coglione!!!

il martello 22.01.12 01:42| 
 |
Rispondi al commento

Ma che cazzo dici ?
Quelli possono fare GLI ORARI CHE VOGLIONO.
Allora dì a un dipendente pubblico che può fare gli orari che vuole, non 'ste cazzate.
Ovviamente, meno lavora e meno prende e viceversa.

franco G. 22.01.12 00:18| 
 |
Rispondi al commento

Ma si anche gli uffici pubblici 24 ore su 24!!Dopo i negozi aperti anche all'una di notte,magari per qualcuno che vuole patatine a quell'ora,adesso mandiamo un bel vaglia all'alba.
Ma c'e' ancora qualcuno che usa i neuroni in questo paese o vi hanno fottuto il cervello totalmente?Semmai vedro' qualcuno fare la spesa alle 3 di notte e' proprio il momento in cui pensero' sul serio che un asteroide da 30km sia una benedizione per questo pianeta.La notte invece che pensare a mandare vaglia o comprare i wusterl pensate a scopare,dormire,ubriacarvi e farvi un bel cannone.Pensate ad essere liberi, invece che ad essere quella massa di popolino che sono diventati tutti coloro che vanno dietro a pagliacciate del genere.

alessandro 22.01.12 00:04| 
 |
Rispondi al commento

In qualsivoglia comunità e paese (senza azzardare la maiuscola) ritenuti accettabili e vagamente equi, dovrebbe essere garantito a tutti - belli, brutti, ricchi, poveri, buoni e cattivi - un insieme di servizi e supporti per un'esistenza almeno dignitosa. La chiamano civiltà. E per garantire a chi dirige i lavori, un margine economico per realizzare questi servizi, sono state inventate le tasse. Quindi, oltre a rendere più fattiva ogni struttura pubblica, lo Stato dovrebbe garantire anche un servizio 24 ore su 24 (ovviamente attraverso privati) in grado di tutelare anche il vasto popolo che vive e lavora di notte, ma anche qualsiasi cristiano possa avere una necessità imprevista. Basterebbe un bazar, supermarket, magazzino. Ciò esiste in quasi tutta Europa, persino in Portogallo e Grecia, da anni; noi ci abbiamo pensato solo per raccattare due pani in tempo di fame. Nella stragrande maggioranza della giornata, un italiano non ha una parvenza di omino, struttura, ufficio statale - e neppure privato - a cui rivolgersi od aggrapparsi. Per i disgraziati del dopo mezzanotte (specifico che non ho mai lavorato di notte) a Roma esisteva un bar-emporio no stop (tra l'altro, tanto per invogliarti, attaccato al Tribunale), che però aveva poche cose e non sempre era aperto; nel resto d'Europa - in ogni capitale decente - alle tre di notte puoi comprarti un litro di latte o un cacciavite. E, giustamente, i commercianti aperti hanno dallo Stato aiuti e agevolazioni. Ma qui non abbiamo bisogno di niente. E poi - come dicono i saggi- la notte è fatta per dormire. Alla faccia di quei degenerati che di notte invece lavorano, perchè di giorno nessuno li ha presi. Qui non è mai prevalsa neppure la sensazione di appartenere ad un insieme, a un qualcosa di nostro ma anche di tutti; qui esiste solo l'orticello, al massimo la lobby o la parrocchia. E se il vicino di sdraio o di porta naufraga, ci dispiace tanto tanto, ma in quel momento davvero non possiamo muovere una briciola di noi

homofaber 21.01.12 23:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un dipendente pubblico. E capisco quanti si lamentano del servizio pubblico. E' vero, nel mondo del "pubblico" ci sono tantissimi scansafatiche, spesso "amici"-"parenti"-"amanti" e, soprattutto, taaaaanti sindacalisti e politici trombati. Ma ricordate che per ogni scansafatiche c'è qualcuno che, per mandare avanti la baracca, lavora IL DOPPIO per il medesimo stipendio da fame (spesso) del collega, che impegna le ore di lavoro davanti alla macchinetta del caffè o in corridio a spettegolare.
Come al solito basterebbe solo fare i controlli e dare un bel calcione nel culo ai tanti scansafatiche raccomandati che RUBANO i soldi pubblici delle vostre tasse.

Michele Pinassi 21.01.12 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione quando si parla degli statali, perchè ci sono uffici sotto organico, dove i dipendenti si fanno un mazzo tanto per rispettare le scadenze, senza contare che gli uffici centrali chiedono in continuazione dati e statistiche e bisogna sempre essere pronti a darglieli. Cmq, anche senza guardare tra le forze dell'ordine e il personale sanitario, ci sono dipendenti che spesso lavorano anche nei giorni festivi (ad esempio, organi di vigilanza). Di fannulloni ce ne sono, ma sono in numero inferiore rispetto a quanti svolgono il proprio lavoro con impegno e coscienza.

cinzia conforzi 21.01.12 23:03| 
 |
Rispondi al commento

che cavolata di proposta! la società digitale chiede l'ufficio virtuale e qualcuno propone di integrare documenti presso gli uffici pubblici alle 21 di sera ...

nickname 21.01.12 22:51| 
 |
Rispondi al commento

Ecco che ce ne siamo accorti. Per coloro invece che credono che poi lo stipendio aumenterà, dico che oggi rendono il servizio per mezza giornata circa e ricevono lo stipendio per le 36/40 ore settimanali, Quindi non vedo l'aumento di costi.
Vedo invece la solita manovra all'italiana: non vanno toccati i pubblici, se manca il loro apporto la società M. Monti & co. chiude.

Gian A 21.01.12 22:13| 
 |
Rispondi al commento

vorrei anche le banche aperte almeno fino alle 20 eal sabato come già succede all'estero

maqrina zorzi 21.01.12 21:44| 
 |
Rispondi al commento

sono un bancario e l'altroieri è stato firmato un contrattoo che potrà obbligarci a tenere aperto 08-22.senza che i media abbiano detto nulla, senza che i sindacati (camusso dove sei???) abbiano fatto nulla se non dirci che meglio di così.....siamo ancora considerati dei privilegiati, in giro si pensa che abbiamo chissà quante mensiilità, quando certi privilegi sono finiti da 20anni. eppure silenzio

paolo sgorlon 21.01.12 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Gli orari liberi del commercio non farà che portare alla chiusura delle piccole botteghe i centri comm sono strutturati per questo mentre il negozietto no la grande distribuzione mangerà quel poco che resta delle piccole aziende la professionalità sarà un ricordo come la qualità

Riccardo Garofoli 21.01.12 21:02| 
 |
Rispondi al commento

Arriveranno a toccare tutti i settori. Arriveranno a toglierci l'aria, privata o pubblica che sarà. Ci stanno mettendo l'uno contro l'altro senza togliersi niente. Ma gliela faremo pagare, prima o poi.

Maurizio Besana 21.01.12 19:43| 
 |
Rispondi al commento

e certo! liberalizziamoli! e vogliamo anche baby sitter 24 ore come servizio pubblico e biblioteche o i musei per gli insonni e sale per pubblici dibattiti e tante belle cose che sono nostre e hanno sempre le serrande chiuse!

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 21.01.12 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Parole sacrosante...ma si tratta di un sogno.
Quanti sono realmente i dipendenti pubblici che lavorano, in quanti uffici ci sono profonde carenze di organico (ad es. uffici giudiziari) e quante sono le assunzioni che sono state fatte negli ultimi anni per compensare, almeno, il turn over..
Ma come si fa a lavorare dalle 08.00 alle 22.00, si dovrebbero fare turni di 14 ore perché mancherebbe il personale per i cambi....è impossibile, per lo meno in tanti uffici pubblici.
Il discorso è diverso per gli onorevoli, i consiglieri, gli alti manager pubblici che, forse, non ci sono anche quando dovrebbero....

annunziata C. Toscana 21.01.12 18:59| 
 |
Rispondi al commento

condivido ma penso che sarebbe forse sufficiente,unire lo snellimento burocratico ad un vero controllo sull'efficenza dei dipendenti pubblici, senza dover chiedere loro un'orario di apertura più lungo. se si impostassero ritmi di lavoro simili a quelli dei dipendenti privati, le varie pratiche verrebbero evase in tempimolto più ragionevoli. anche se, e qui parlo da commerciante, sarei felice che provassero anche loro cosa significa lavorare il sabato pomeriggio e a volte la domenica. poi ti chiedono sei stanco?
ma va là.....

danilo botta 21.01.12 18:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve ! negozi aperti 24 ore , va benissimo!, ma ... ci pigliano per il culo ? E le mamme che hanno bambini che devono fare i turni, magari hanno il compagno che fa' i turni pure lui, che fanno si licenziano? Se il costo di un asilo nido e' quasi proibitivo , come fanno a pagare una baby sitter con gli stipendi da fame che girano.
Penso che la casta a furia di rubare i soldi e con quello che si mettono in tasca non conoscano la realta' del nostro paese. il servizio di dare una mano ai figli era basato sui nonni, ma se i nonni devono arrabatarsi per arrivare alla pensione chi guarda chi la fornero forse ?

gianfranco Narciso 21.01.12 18:58| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,
Caro Bersani

Beppe sono molto attratto dalle tue idee e condivido la tua rabbia ma sono troppo legato alla sinistra per seguirti.
Per me il Pd è come fosse la sponda di un fiume dopo una lunga traversata che una volta raggiunta non è più possibile lasciare e tornare indietro.
I valori della sinistra ti aspettano come il corso della vita.
Nasciamo egocentrici ed egoisti ma quando arrivano le responsabilità , le difficoltà, e si dissolvono le illusioni giovanili non puoi che sperare e condividerne i valori, e maturi la convinzione che senza solidarietà, la condivisione con gli altri non vai da nessuna parte.
Però continuo ad essere affascinato da te soprattutto quando non ti arrabbi e ti metti a discutere di energia rinnovabile, di ecologia, insomma quando fai immaginare un mondo migliore, un’Italia come la vorrei.
Mi piacerebbe che aprissi una porta e provassi a discutere con quella che tu chiami la vecchia politica, che incontrassi Bersani in privato.
Sembra una follia ma dopo che ti sarà passato un istintivo scetticismo, pensandoci bene per un po’, potrai concludere che forse questa è l’unica strada per poter vedere nell’Italia di domani qualcuno dei tuoi ragazzi a decidere di energia , di verde, di economia sostenibile , di lavoro e preparare un’Italia diversa …
E per il Pd sei la porta per parlare finalmente anche ad un bel pezzo di società civile.

paolo la falce 21.01.12 18:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da dipendente pubblica, mi dispiace che l'immagine che diamo è spesso quella dell'inefficienza, della poca disponibilità. Indubbiamente il ridotto orario di apertura non facilita nessuno, ma se non avessimo un orario di sportello e un orario per sbrigare le pratiche, avremmo soltanto un bel sorriso (in realtà è un crampo) da offrire. Mi piacerebbe che qualcuno passasse una mattinata con me in ufficio per vedere come si lavora in alcune situazioni.
Un'altro paio di maniche è la burocrazia, sicuramente "levantina" e esosa dal punto di vista dei bolli, che sembra creata apposta per perpetrare un apparato burocratico enorme e appunto poco efficiente. Da non imputare al poveraccio allo sportello.
Ma vogliamo parlare del precariato che di fatto impedisce la specializzazione e la preparazione del personale?
Vogliamo parlare del digital divide che separa ancora una parte dei cittadini dai servizi online?
E infine, vogliamo parlare anche di una parte dell'utenza che spesso non vede l'ora di sfogare la propria frustrazione con il primo poveraccio di turno?

Vesna Paravic 21.01.12 18:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un dipendente pubblico e mi trovo anche io a scontrarmi con le assurdità degli orari degli uffici pubblici.
Sarebbe bellissimo avere uffici pubblici aperti per almeno 10-11 ore al giorno, personalmente per sbrigare le pratiche che ogni tanto mi vengono richieste da altri enti, devo prendere permessi orari che poi devo recuperare lavorando per altre ore in più.. Ci dobbiamo dare una svegliata!!! E poi non possiamo "chiudere" per mesi nel periodo estivo.

Luigi Del Pezzo 21.01.12 17:38| 
 |
Rispondi al commento

vi lamentate che ci sono troppi impiegati pubblici, e poi volete gli uffici aperti fino a tarda ora?

no perchè cosi' si raddoppierebbero completamente gli impiegati o sportellisti in molti uffici.

e poi? per che cosa? magari paghi un impiegato 8 ore per fargli fare 2 documenti in tutto il suo turno dalle 16 alle 24?
lasciamo stare va!

forse sarebbe + giusto eliminare la troppa burocrazia. cosa ne pensi?

ivan m. Commentatore certificato 21.01.12 17:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro amico, chi paghera' i turni h/24 della pubblica amministrazione? Con quale personale se non si fanno concorsi da ann?
Ciao
Prudentissimo

paolo diamante 21.01.12 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Apprezzo il contenuto del tuo posto Paolo, meno i toni che usi verso chi in quegli uffici lavora.
Come è innegabile l'inefficienza di gran parte dell'aparato statale, così come le sue ripercussioni negative sul tessuto produttivo dell'intero paese, dall'altro lo è altrettanto il fatto che solo gli sforzi della stragrande maggioranza dei lavoratori che vi operano garantiscono il funzionamento della macchina statale, nonostante tutti i suoi vizi e la manifesta incapacità di chi ricopre posti di comando solo per la sua appartenenza politica.

Daniele Scanferla 21.01.12 17:17| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
SAREBBE ORA,SAREBBE ORA CHE LO FACESSERO,NEGLI UFFICI PUBBLICI
ALVISE

alviseafossa 21.01.12 16:59| 
 |
Rispondi al commento

dirò una cosa che darà fastidio a molti : secondo me nelle dovute proporzioni sono una casta simile a quella dei politici.

rally0 21.01.12 16:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori