Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Grecia in default


Grecia_suicidio.jpg
Il sipario sta calando sulla Grecia. Il default è inevitabile perché ora l'Europa si sente al sicuro. Il contagio infatti è stato scongiurato. La Grecia affonderà da sola. Le banche europee hanno avuto due anni per svalutare i titoli pubblici ellenici e ricevuto doppie cinture di sicurezza e tripli air bag dalla BCE con il prestito all'1% di interesse che arriverà a 900 miliardi di euro a fine febbraio. La seconda tranche di aiuti da 130 miliardi alla Grecia per rimborsare i titoli in scadenza a marzo, anche se erogata, servirà a prolungare l'agonia di qualche mese. Lo sanno tutti, ma nessuno ha il coraggio di dirlo ufficialmente. La domanda da porsi non è più se la Grecia andrà in default, ma cosa succederà dopo ai nostri fratelli (non sono forse europei?) greci.

16 Feb 2012, 11:09 | Scrivi | Commenti (140) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Oggi 20 marzo possiamo dire che la Grecia è "ufficiosamente fallita".
Sì, ufficiosamente perchè ufficialmente è stata salvata.
Salvata dai risparmiatori di tutta Europa (greci compresi) che non si sono visti restituire il denaro dei titoli scaduti oggi e nemmeno la cedola (l'interesse sul prestito). In cambio otterranno il 46% del loro risparmio in altri titoli greci, destinati a non essere pagati, con scadenza fino al 2042. Tutto grazie ad una legge (illegittima) greca retroattiva avvallata dalla UE. Risparmiatori ingannati dalle istituzioni europee e dalle banche complici che hanno sempre dichiarato con forza che la Grecia non sarebbe fallita, che si sono tutelate scambiando i loro titoli tossici con altri garantiti, che si sono elargiti prestiti all'1% e che, vigliaccamente, hanno scaricato la perdita ai soli risparmiatori.

Paolo Albini 20.03.12 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Mi sa che dovremo preoccuparci di cosa accaddrà presto all'Italia. Siamo a un passo dal default pure noi :-(

Alessandro Cumin 22.02.12 20:47| 
 |
Rispondi al commento

A me sembra che i fratelli greci stiano già vivendo un cataclisma che li ha portati in breve tempo alla condizione di povertà, il paese viene tenuto in vita artificialmente dalla troika per continuare a spremerne la linfa vitale...L'Islanda che ha mandato a quel paese i banchiere ed ha fatto default cresce al 3 % ed ha una percentuale di disoccupati poco superiore al 6 %. Ben venga un bel Default

Alessandro Antoni, Pomarance (PI) Commentatore certificato 20.02.12 18:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I nomi dei parlamentari che hanno fatto ricorso in difesa dei vitalizi

Leggi i nomi dei parlamentari che hanno fatto ricorso in difesa
dei loro vitalizi, sono quasi tutti della Lega nord...

www.quaeram.blogspot.com/2012/02/i-nomi-dei-parlamentari-che-hanno-fatto.html

bisognasaperlo 19.02.12 21:09| 
 |
Rispondi al commento

L'Europa senza Grecia è come un bambino senza certificato di nascita.Siamo tutti appartenenti alla grande cultura greco-romana ...è la nostra identita' .La democrazia è nata in Grecia ed è la che è morta.VERGOGNA !!!

Madi Rolfo 19.02.12 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Letto tutto il DNA a una donna di 115 anni

www.quaeram.blogspot.com/2012/02/letto-tutto-il-dna-una-donna-di-115.html

pino 18.02.12 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione a tutto il blog!!!

www.youtube.com

La più grande truffa della storia


guardatelo è importante!!

Michele C., bologna Commentatore certificato 18.02.12 11:14| 
 |
Rispondi al commento

In grecia la popolazione sta passando dei brutti momenti a causa dei disastri che hanno combinato i loro politici.
Noi europei invece di prendere a calci in culo i porci che avevano in mano il potere responsabili del mal governo mettendoli al muro e fucilarli ce la prendiamo con il popolo greco riducendolo alla fame e a volte anche alla morte visto che ormai negli ospedali greci manca perfino materiale di prima necessità.
Io capisco che i politici europei devono fargliela pagare cara e far vedere che chi non tiene i conti apposto fa quella fine ma così è eccessivo!
Con che coraggio facciamo fare la fame a bambini che non centrano nulla e che non hanno nessuna colpa se non quella di essere nati nel posto sbagliato al momento sbagliato, sarebbe potuto capitare a noi.
Noi non siamo come gli americani che se ne fottono del vicino di casa, noi siamo meglio di loro, basterebbe mettere una tassa sul reddito dello 0,1% per ogni europeo per garantire almeno i beni di prima necessità al popolo greco finchè non si riprendono.
Mi vergogno di essere italiano, ma soprattutto mi vergogno di essere europeo.

alessandro v., cesano maderno Commentatore certificato 18.02.12 03:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

....Non è possibile non è possibile!!!!Beppe lo diceva 15 anni fà che i BANKSTER stavano schiavizzando il mondo....ed ora????continuiamo ???1000miliardi di aiuti alla grecia(in prestito ovviamente)non possiamo permetterlo!!!o con le unghie e con i denti ristabiliamo la sovranità monetaria degli stati???come?? commissariando di fatto le banche??che ne dite???

Michele C., bologna Commentatore certificato 17.02.12 21:40| 
 |
Rispondi al commento

Ora qualcuno dice che è per colpa di bilanci falsi presentati al momento dell'entrata nell'Euro. Ma come, se proprio su false affermazioni di possesso di armi chimiche fu invaso l'Iraq con tutto quello che ne è seguito!

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato 17.02.12 18:42| 
 |
Rispondi al commento

I greci è giusto che falliscano! il 60% dei lavoratori sono impiegati statali, fino a ieri andavano in pensione a 52 anni, la frase "pagare le tasse" per un greco è considerata una bestemmia, la ricevuta fiscale non sanno nemmeno cosa sia, le pensioni d'invalidità sono in numero spropositato, adesso i nodi vengono al pettine. Dovranno finalmente lavorare sul serio se vogliono evitare la miseria che gli stà per piombare addosso ma tant'è il sangue non è acqua.

Fulvio C., Verona Commentatore certificato 17.02.12 18:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GLI U.S.A. VOGLIONO VINCERE COMUNQUE

E' una tecnica che hanno adoperato da sempre, stare su entrambi gli schieramenti.

Se l'europa crolla hanno vinto, il dollaro resta la valuta di riferimento, e lo spettro euro che la cina ed i paesi arabi stavano cominciando a paventare, finalmente sparisce. Ci saranno da comprare interi assets privatizzati dagli stati in saldo.

Se l'europa resiste hanno vinto, perchè grazie alla crisi FINANZIARIA che hanno creato loro stessi per attuare questo piano, sono riusciti COME PIANO B a mettere a capo dei governi europei i loro uomini, tramite goldman sachs ed altre logge di potere; inoltre ne governano le decisioni tramite entità sovrannazoinali NON ELETTE DAL POPOLO che hanno più potere dei governi: agenzie di rating, fondi monetari internazionali, e via dicendo.

Hanno vinto comunque, questa è la tattica degli U.S.A.

MA.....
MA.....
Per riuscirsi devono realizzare fino al termine la strategia del DIVIDE ET IMPERA.
Stato contro stato,
Classe sociale contro classe sociale,
Coalizione di partiti contro coalizione di partiti
Giornali contro giornali
Trasmissioni televisive contro trasmissioni televisive


Perchè?
Perchè se gli stati o le classi sociali si uniscono, è chiaro che parte un calcione che rispedisce oltreoceano al mittente tutta la crisi provocata, inclusi tutti i pupazzi messi qua e tutto questo circo da loro allestito.

Non questo commento passerà alla storia, ma questa realtà strategica e ciò che accadrà grazie alle nostre coscenze, questo sì, lo troveranno i nostri pronipoti nei libri di storia.

Diego Etcheverry Commentatore certificato 17.02.12 18:11| 
 |
Rispondi al commento

video ECUADOR DICHIARA ILLEGALE IL SUO DEBITO ESTERO http://www.youtube.com/watch?v=fRLwvi75KR0&feature=uploademail
da vedere assolutamente per capire bene, senza spegazioni tecniche di economisti o giornalisti prezzolati, cosa sta per succedere anche a noi.
lo schema e' lo stesso : riforme ...riforme... riforme .....

franco bertoletti 17.02.12 15:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fuori l'ITALIA dall'euro subito, se non vogliamo che succeda anche a noi quello che sta accadendo ai greci.
Autarchia e tasse pesanti sulle importazioni; incentivi solo alle industrie italiane e straniere che creano posti di lavoro in ITALIA, gli altri fuori dai piedi.

robert verri (la nuova italia) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.02.12 14:21| 
 |
Rispondi al commento

"Io sono l'Alfa e l'Omega, l'inizio e la fine, chi crede in mè positivamente non perirà in eterno".
"Osserate attentamente gli uccelli del cielo,perchè essi non seminano nè mietono nè raccolgonoin depositi; eppure in vostro Padre celeste li nutre. Non valete voi più di loro?"

Al - 2012 17.02.12 14:12| 
 |
Rispondi al commento

cosa faranno i Greci?
EMIGRERANNO e verranno a disturbare i comodi Italiani nel loro comodo divano a guardarsi SKY, a telefonare con 1000sms al mese, a mangiare da MC...
Creare poveri non fa bene a nessuno...
(se non lo capiamo per la sensibilità umana lo dovremmo capire almeno per egoismo!)
E la Grecia è lì vicino a noi, alla Germania, alla Francia, ecc.
più povertà= più instabilità sociale (per tutti), più guerre.

Giuliano R. Commentatore certificato 17.02.12 12:06| 
 |
Rispondi al commento

L'Europa si sente al sicuro? da chi?
a salvato chi? perchè? ma da quando?

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.02.12 11:16| 
 |
Rispondi al commento

QUALE PROSPETTIVA PER I GRECI.

Senza entrare nel merito di chi siano le colpe sulla situazione fallimentare greca, di fronte ad una tale tragedia bisogna agire con pragmatismo.

Un paese con una economia così tipica e dipendente dal turismo per il 15% e dai traffici marittimi per il 4,5% (con la flotta più grande al mondo), non ha alcuna prospettiva nel rimanere nell'euro, cercando nel contempo di risanare dall'interno i propri mali, con una ricerca di effiscentismo e produttività tramite tagli draconiani alla spesa pubblica e caccia agli evasori.

Arrivati a questo punto, tale politica se non corroborata da espansione, porta alla povertà distribuita tra l'ottanta per cento della popolazione, con declino economico nel lungo periodo.

La Grecia deve invece uscire dall'EURO, svalutare la propria moneta e ritrovare un proprio equilibrio economico nel breve periodo perché nel lungo periodo come diceva Keynes "saremo tutti morti".

Una tale scelta richiede leaders politici autorevoli, capaci di anticonformismo ed intuizioni.

Il conformismo infatti esiste anche in campo economico.

Barone Piovasco, Rondò Commentatore certificato 17.02.12 11:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Miei cari signori, non esistono fratelli nel mercato, solo affari.
Siamo governati dagli affari, perciò gli uomini sottoposti agli affaristi sono inutili quando agli affaristi per arricchirsi non serve più il lavoro degli uomini ma una scommessa in borsa.
Loro si arricchiscono, noi paghiamo i debiti.
Questo non è altro che l'evoluzione del capitalismo che sposta la creazione di plusvalore dal lavoro degli uomini alla scommessa in borsa.
Le proteste in piazza ormai sono cosa di poco conto, non servono al pari dei referendum, i Greci usciranno dal Default quando manderanno a cagare l'Europa!

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.02.12 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Sono amareggiato, perche ancora una volta la politica, in questo caso quella greca, non pensa al popolo ma ai propri affari. Il cancro dell europa è questo, politici di merda che fanno i loro interessi. Ma se fossimo un europa davvero unita, dovremmo noi tutti europei andare in grecia a manifestare insieme a loro, perche l unica cosa che ci puo unire, noi europei, è proprio questo: combattere insieme contro i poteri dei politici di merda....pensateci un attimo, milioni di persone riversate sulle strade della grecia, o dell italia...spagna etc etc....sono sicuro che le cose cmbierebbero dall oggi al domani

stefano pollera 17.02.12 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Gli interessi offerti dalle banche sono illusioni: a carico dei lavoratori
contribuenti dei paesi del G20.

uiytbrs y., roma Commentatore certificato 17.02.12 08:59| 
 |
Rispondi al commento

Concordo l'analisi di mario45...che questa europa non sa da fare,anzi va sciolta..prima lo facciamo e meglio...
Questa cari amici è solo una Truffa pensata e studiata per fregare noi!
Io mi auguro che i greci prendano coscenza e si liberino dal guinzaglio dell'euro e dell'europa...ma in particolar modo dall'alta Finanza,Banchieri, e interessi Politici....

roby f., Livorno Commentatore certificato 17.02.12 08:49| 
 |
Rispondi al commento

Potrà sembrare O.T. ma in qualche modo c'entra.
Qualche giorno fa una agenzia di rating ha tolto un A all'Italia. I mercati finanziari se ne sono quasi fregati del giudizio, e non c'è stato alcun crollo. Poichè hanno visto la reazione, cosa hanno fatto? Declassato 119 banche italiane. Con conseguente andamneto negativo delle borse internazionali.
Tutto questo non è forse una "guerra" finanziaria? Che ha già dei feriti seri e una vittima agonizzante: la Grecia.

Gian A 17.02.12 08:46| 
 |
Rispondi al commento

Il popolo greco non è nostro fratello perché europeo. Lo è perché è un popolo come tutti quelli della Terra, perché è un popolo che ha sofferto, che ha subito l'attacco criminale e infame nazifascista, con i nonni di Fini, LaRussa, Borghezio, Gasparri e compagnia nera cantante che dovevano "spezzare le reni" e invece hanno fatto la figura dei peracottari.
I Greci hanno resistito, sono stati poi massacrati dall'imperialismo inglese e americano (ci ricordiamo il golpe dei colonnelli,no?) ma spero che ancora mantengano l'orgoglio e la dignità non nazionalisti ma di uomini liberi.
mondo. Forse che i popoli filippino, giapponese, australiano,afghano, curdo, iraniano, iracheno non sono nostri fratelli perché non europei?
C'è in Grecia un luogo, un'isola di questo meraviglioso paese dove migliaia di italiani con orgoglio e dignità hanno riscattato la vergogna del fascismo: Cefalonia.
Per questo i greci ci hanno perdonato e credo ci vogliano bene, non perché siamo europei. Altrimenti si fa solo del razzismo.
"Nostra patria è il mondo intero, nostra legge è la libertà". Viva il popolo greco e tutti i popoli della terra oppressi dall'imperialismo economico e militare.

mario45 massini, roma Commentatore certificato 17.02.12 07:50| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

I greci faranno bene a guardare con sospetto verso Est, le armate di Serse vogliono la rivincita.

Fabrizio B. 17.02.12 07:47| 
 |
Rispondi al commento

(la traduzione intera - prima si è pubblicato parzialmente il testo)

Η Ελλάδα σε χρεοκοπία

Πέφτει η αυλαία στην Ελλάδα. Η χρεοκοπία είναι αναπόφευκτη επειδή τώρα η Ευρώπη νιώθει σίγουρη. Η μόλυνση έχει όντως αποφευχθεί. Η Ελλάδα θα βυθιστεί μόνη της. Οι ευρωπαϊκές τράπεζες πρόλαβαν να υποτιμήσουν τα ελληνικά κρατικά ομόλογα μέσα σε αυτά τα δύο χρόνια και να εξασφαλίσουν διπλές ζώνες ασφαλείας και τριπλά airbag από την ΕΚΤ με το δάνειο που έλαβαν μ&#

Marina Voudouri, Roma Commentatore certificato 17.02.12 04:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Traduzione in greco:

Η Ελλάδα σε χρεοκοπία

Πέφτει η αυλαία στην Ελλάδα. Η χρεοκοπία είναι αναπόφευκτη επειδή τώρα η Ευρώπη νιώθει σίγουρη. Η μόλυνση έχει όντως αποφευχθεί. Η Ελλάδα θα βυθιστεί μόνη της. Οι ευρωπαϊκές τράπεζες πρόλαβαν να υποτιμήσουν τα ελληνικά κρατικά ομόλογα μέσα σε αυτά τα δύο χρόνια και να εξασφαλίσουν διπλές ζώνες ασφαλείας και τριπλά airbag από την ΕΚΤ με το δάνειο που έλαβαν με επιτόκι&

Marina Voudouri, Roma Commentatore certificato 17.02.12 03:03| 
 |
Rispondi al commento

Siamo messi male..!!

Corrado Di Puccio (), Genova Commentatore certificato 17.02.12 02:21| 
 |
Rispondi al commento

L'inversione di rotta per quanto riguarda l'Europa è gia' iniziata, nervi saldi e speriamo che i nostri politici poco accorti non combinino altri guai, il manovratore sa quello che si deve fare, dategli tempo.
Se non si avrà una assemblea costituente europea si cercherà l'uscita piu' indolore dalla moneta comune.
NON ESISTE MONETA COMUNE SENZA PRINCIPI GENERALI EUROPEI COMUNI.

ubert 16.02.12 23:29| 
 |
Rispondi al commento

ciao Beppe,
il film che vediamo oggi sulla Grecia ci riguarda, sarà così anche da noi non appena Monti avrà svenduto l'Italia, fallito sul piano della crescita e spolpato e demolito quel poco ancora di sano rimasto.
Dopo si verificherà anche da noi ciò che vediamo oggi sulla Grecia e la stessa cosa accadrà, a cascata, anche in tutti gli altri paesi della comunità europea, Germania compresa.
Ti suggerisco di approfondire come l'Argentina sia uscita dalla sua crisi, argomento che sarà sviscerato in un seminario che si terrà a Rimini dal 24 al 26 p.v. al quale parteciperanno i sostenitori dell'MMT e gli economisti che hanno affiancato l'Argentina, la quale, grazie al fatto che hanno pagato i debiti in pesos anziché in dollari, oggi cresce a un tasso del 7% annuo.
Per meglio capire dove voglio arrivare ti indico quale sarà la terapia per la soluzione della crisi Greca:
1. uscita della Grecia dall'euro e ritorno alla sua sovranità di stampare moneta;
2. pagamento immediato di tutti i debiti oggi in euro, titoli di stato compresi, con dracme al cambio a suo tempo concordato con l'ingresso nell'euro e senza nessuno sconto;
3. emissione da parte della B.C. Greca di tutte le dracme necessarie per lo sviluppo della Grecia per giungere alla maggiore occupazione possibile.
TUTTO QUI'
Tu dirai che è troppo facile per essere vero, ma prova a informarti in rete e scoprirai TUTTO.
Scoprirai come ben si coniugano i progetti e i programmi di 5 stelle con questo strumento semplice quanto difficile da riavere: ovvero il potere sovrano di stampare moneta, oggi delegato a una Europa che ha una BCE che non può operare come la F.R. USA.
Le schifezze e le inutili sofferenze alle quali stiamo assistendo possono essere risolte spero prima che Monti svenda l'Italia, ma non sarà facile e il perché lo trovi in rete.
Occorre, in sintesi, che sia ripreso il diritto sovrano di stampare moneta e dobbiamo farlo prima che succeda anche da noi ciò che oggi vediamo in Grecia.
Un caro saluto, pietro

pietro casula 16.02.12 23:10| 
 |
Rispondi al commento

La Grecia verra' salvata e il leader italiano aiutera' lo Stato ellenico, ma l'Europa così come è nata sparirà.

Al - 2012 16.02.12 23:09| 
 |
Rispondi al commento

ha detto una donna alla televisione che loro fanculizzeranno l'euro e l'europa!
Andrò a vivere in GRECIA! :D
Dovrò imparare il Greco! :S
ha parlato pure tremorti uscito da dentro il gabibbo,dove attualmente si trova segregato anche l'assassino della yara,e dove sta nascosto pure il computer di schettino,lo ha messo li la moldava quando non si sapeva dove era finita!
CMQ Grande Ce.. sto con te!! Sputtanali tutti..
e cmq quelli alla t.v. stanno solo infangando e dando torto,però non sono riuscito a capire cosa avesse combinato fino a quando ho aperto google,ancora una volta la rete vince contro i puttanieri!
Sarà stata colpa della farfalla! Ci vediamo sulla home! se non arriva la farfalla ad impedirlo! :P

Domenico G., cardito Commentatore certificato 16.02.12 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Come ha scritto l’economista Marshall Auerback -expert in investment management- su http://www.neweconomicperspectives.org/2012/02/greece-and-rape-by-rentiers.html#more tutto quello che serve ai greci è di “ritrovare una dose di rispetto per voi stessi, dire alla Troika (UE, FMI, BCE) di levarsi dai piedi, e uscire dall’Eurozona”. Come l’Argentina che “ha ritrovato una dose di rispetto per se stessa, ha detto agli USA di levarsi dai piedi, e se n’è uscita dall’unione monetaria col dollaro”. Poi ha adottato la Modern Money Theory (MMT) al governo (buttando nel cestino dei rifiuti la inefficace teoria del pareggio di bilancio, cavallo di battaglia del neoliberismo e della finanziarizzazione dell’economia) e dopo tre anni già l’Argentina preoccupava la Cina per la sua crescita economica sorprendente. Ai greci accadrebbe la stessa cosa, se non fosse la Germania a preoccuparsi per la “crescita della Grecia” (tra l’altro approfittando della situazione per ottenere l’acquisto di armi e commesse militari!).

Claudia Del Vento 16.02.12 21:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I greci mangeranno tuberi del sottobosco per 3 anni e poi risorgeranno, sperabilmente con uno stato minimo e con una moneta commisurata alla loro forza economica. Che crede che questa crisi sia figlia del "liberismo" non ha capito un granché. Questa crisi è figlia dello stato "etico" pervasivo che tutto vede e a tutto provvede, alleato di ferro degli speculatori della finanza internazionale. Non dimenticate che per finanziare la campagna di compravendita del consenso dello stato greco (tutti i partiti inclusi) le banche tedesche hanno fatto profitti straordinari a vantaggio della loro economia. Non hanno smesso neppure quando tutti sapevano che i titoli greci erano junk. Tanto il conto lo pagava il contribuente europeo.

Giacomo C., Milano Commentatore certificato 16.02.12 21:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma perche' si continua a chiamarla comunita' europea e non accozzaglia di popoli e di interessi? Quale è il senso ed i valori che hanno fatto superare le millenarie storie di interessi tribali e campanilistici ed hanno formato un comune senso di appartenenza????

terenzio eleuteri 16.02.12 20:07| 
 |
Rispondi al commento

LUNGA VITA ALLA GRECIA.

I Greci non sono i nostri fratelli sono i nostri genitori ma cosa ne possono sapere i longobardi di civiltà e cultura?
Nel loro dna c'è e c'è sempre stata distruzione e predazione dai tempi dei romani alle guerre mondiali e mai uno scavo archeologico ha dato alla luce una anfora visigota ne si visitano i templi degli unni.
Il nord Europa non vuole solo distruggere economicamente ma anche mortificare la civiltà del sud che sempre ha invidiato per la sua bellezza e creatività.
Possono fare quel che vogliono,possono avere quanti soldi vogliono ma cio' che hanno è stato tolto ai buoni con l'inganno e con la forza e mai si avrà una Europa Unita con antichi barbari.

bruno pirozzi, napoli Commentatore certificato 16.02.12 20:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PREVENIRE
il nostro sistema economico e politico è talmente avvitato sul cardine della "crescita" che nemmeno i suoi oppositori più acerrimi, i comunisti, riescono a negarlo senza arrossire.
l'inseguimento forsennato e dissennato della crescita aveva, ha ed avrà sempre un solo risultato: la guerra. se cerchi testardamente solo di crescere, ad un certo punto avrai una crisi di sovraproduzione e la distruzione delle eccedenze è l'unica via di uscita. il risultato più ambito, però, non è questo, ma lo stato di guerra permanente che si viene a creare. esso serve a controllare la popolazione.
la prevenzione, in tutti i campi, dalla sanità all'ambiente, è invece una scelta anti-economica in quanto tende a frenare la crescita. difatti riduce la distruzione di beni materiali e la perdita di vite umane (anch'esso ha un valore economico): riduce la crescita. per il pil vale più una frana catastrofica di un'opera di bonifica su scala regionale o nazionale...
la prevenzione ha, inoltre, un altro difetto, per il sistema ovviamente: riducendo le spese riduce anche le tangenti che si costituiscono in proporzione all'appalto. un appalto per un'opera di prevenzione costa meno del corrispettivo provvedimento da mettere in campo per rimediare ai danni non prevenuti con quella opera. la prevenzione, difatti, non solo evita il danno, ma impedisce anche l'attivazione di tutti quegli interventi che si rendono necessari quando si verifica una catastrofe, una epidemia o un'emergenza: soccorsi, ricostruzione, controlli, gare di appalto etc etc.
ESEMPIO
se in liguria ci fosse stata una seria prevenzione dei problemi idrogeologici, sarebbero stati effettuati una serie, anche molto consistente, di opere di messa in sicurezza e si sarebbero risparmiati tanti morti, ma sarebbe rimasta ferma la protezione civile, gli ospedali, le ditte della ricostruzione, la magistratura etc etc

il problema, dunque, è il sistema perchè...
...PREVENIRE COSTA MENO CHE CURARE...

Gabriele Alfano Commentatore certificato 16.02.12 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Beppe sarebbero stati fratelli anche se non europei.. forse ti riferivi alla vicinanza la Grecia è vicina

paola f 16.02.12 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Criticare e' la cosa piu' facile del mondo le soluzioni sono difficili...
E noi italiani guardiamoci bene allo specchio: Siamo grandi nelle arti , la moda, le invenzioni. La lista e' lunga ma lunga e' anche quella delle nostre cose negative che non vogliamo attaccare: La Mafia, la corruzione, l'evasione fiscale. Volere tutto servito senza sacrifici, ci siamo dimenticati dell'ETICA, dell'onesta', del buon padre di famiglia, la violenza contro le donne, la gelosia assassina. Andiamo verso il baratro e solo noi siamo i colpevoli,ognuno di noi!

renato farina 16.02.12 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Il debito crea profitto,per questo non si è intervenuti..in questi giorni stiamo osservando il lato peggiore del capitalismo,tutto qui.
Siamo in piena post-democrazia,dove le regole del gioco sono dettate da lobby di potere e non è importante se e quando vivrai e come vivrai...ma la parola d'ordine è profitto, a tutti i costi.
La grecia non è l'unico esempio,potrei farne tanti...Ora siamo solo maggiormente colpiti perchè i Greci sono "fratelli"ma sinceramente credo che la verità sia una,e che ora abbiamo paura.

adriano giliberti 16.02.12 19:33| 
 |
Rispondi al commento

immagino una palazzina ove vi son diverse famiglie: al primo piano la famiglia di operai che a stento arriva a fine mese.al secondo piano il benestante single con un ottimo lavoro ben pagato e che arriva a fine mese alla grande e gira col macchinone.al terzo piano il trafficone che non si capisce che lavoro fa ma si gode almeno 5 vacanze all'anno con la famiglia ,vabbe' beato lui.poi all'ultimo piano il nullafacente che si indebita di continuo ,piagna ad ogni occasione, e rompe pure i maroni.un giorno suona il campanello il sindaco del paese e dice: per il benessere della palazzina voi dovete pagare un po' tutti il debito del nullafacente altrimenti sono guai per tutti.il trafficone non ha nulla,il single ha un buon commercialista che lo consiglia e non da un cazzo, il povero operaio gia'in difficolta'si vede trattenute maggiori senza poter dire nulla e lui stesso si ritrova ancora piu' in difficolta'.... che gli frega all'operaio della grecia????

luca m., bulagna Commentatore certificato 16.02.12 19:20| 
 |
Rispondi al commento

E' meglio ricordarsi che i patti per l'entrata nell'euro erano chiari: riduzione del debito fino al 60% del PIL, contenimento del deficit sotto il 3% del PIL. Ora, a parte la gestione disastrosa dell'emergenza umanitaria, non credo che se invece di rispettare i parametri la Grecia truccava i conti la colpa sia della Germania o della Finlandia. Adesso i fondi sono congelati perchè il premier greco ha già sottointeso che i patti per l'erogazione non saranno rispettati, coerentemente nella tradizione mediterranea..

raffaele p. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.02.12 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Non sono i greci che hanno falsificato i conti.
E' LA GOLDMAN SACHS CHE HA FALSIFICATO I CONTI, per rendere appetibili gli investimenti stranieri per quel paese.
Utilizzando come mano il governo conservatore greco di destra.
Ma è così difficile da comprendere il concetto?

Terzo Nick Commentatore certificato 16.02.12 19:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARO NAPOLITANO SARAI RICORDATO NELLA STORIA PER AVER IMPOSTO CON TANTO RIGORE UN GOVERNO PIU FURBO CHE TECNICO AL TUO POPOLO. HAI MESSO L'ITALIA SOTTO LE DISPOSIZIONI DI QUELLE BANCHE DOVE MERKEL , MONTI ,SARKO E TE COMPRESO HANNO I PROPI INTERESSI DI INVESTIMENTO. GRAZIE ... L'ULTIMA VOLTA CHE LA GERMANIA HA DETTATO CONDIZIONI ALL EUROPA SAPPIAMO BENE QUELLO CHE è SUCCESSO... GRAZIE

Giuseppe Bitetti 16.02.12 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Cari tutti e vero che forse i greci ci hanno messo del loro ma ritenendoli una valvola di sfogo per speculatori e grassatori della peggiore specie quello che stanno vivendo loro per la loro classe politica sta piano piano avvenendo anche qui da noi e i nostri non sono meglio anzi purtroppo sono molto peggio la situazione potrà anche peggiorare stiamo attenti a non riaccendere nazionalismi che fanno solo disastri aiutiamo la Grecia prima che sia troppo tardi già in Ungheria la situazione non è rosea stiamo molto attenti ad affamare i popoli non si ottiene nulla di buono la crisi del 29 e finita male


Riccardo Garofoli 16.02.12 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe ricordare ai capi delle democrazie europee che senza la Grecia forse la democrazia non sarebbe stata ancora inventata. Oppure, parafrasando ciò che disse De Crescenzo a proposito dei napoletani e la lega: mentre nel resto d'Europa la gente viveva ancora sugli alberi in Grecia c'erano già i gay...

Gianni Belletti 16.02.12 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Auguro loro che succeda quello che è successo all'Argentina. Conosco abbastanza bene la Grecia, che amo immensamente, meno i greci che, da vent'anni a questa parte, da cafoni arricchiti (?), avevano la puzza sotto al naso. Voglia di lavorare men che zero. Meglio un giorno di sole che due ore di lavoro. Senso del lavoro ben fatto? Meno che in Campania (la nostra Grecia). Senso civico? Meno che in Lazio, Calabria e Sicilia (che è tutto dire). Torneranno alla loro moneta, svaluteranno e si riempiranno ancora di turisti di mezzo mondo. Non pagheranno i debiti, ed è la seconda volta nella storia recente, e continueranno a vivere, passato il momento brutto, come nel sud di tutto il mondo, compreso quello dell'italico suolo: alla giornata e facendo un tubo.

NULLA CAMBIA 16.02.12 18:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma poi oggi tocca a loro, domani a noi o al Portogallo. Siamo alle solite, un'economia dittatoriale corporativista globalizzata che la mette nel culo alla gente. Si sta materializzando il futuro che temeva il mangaka Leiji Matsumoto. 300 suicidi al giorno, mi sembra di aver letto da qualche parte, in Grecia. Sono allibito e addolorato.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 16.02.12 18:03| 
 |
Rispondi al commento

L’Europa non è mai stata unita
Il motivo per cui tutto sta andando in malora è sotto i nostri occhi.
Non c’è mai stata una vera unione fra gli Stati europei. Non si sono mai considerati fratelli. Ogni nazione tutela se stessa e le ricchezze che ha a disposizione. Intanto le banche, con il loro strapotere, controllano tutto il sistema finanziario facendo affondare a poco a poco tutti gli stati. Assistiamo, impotenti al default in Grecia; siamo consapevoli che i greci, che dovremmo considerare fratelli, stanno affondando, come siamo convinti che dopo, se non si porrà rimedio a questa tremenda crisi, la stessa agonia toccherà anche a noi italiani. Ma non abbiamo nessun potere per impedirlo. Chiaramente la stessa agonia non la vivranno coloro che controllano e gestiscono le ricchezza economiche/finanziarie. Ue, Bce e Fondo Monetario chiedono ancora lacrime e sangue ai poveri greci: stipendio dimezzato, abbassamento dei salari minimi,(400 euro al mese), taglio delle tredicesime anche nei privati. La stessa cosa la chiederanno a noi. Siamo sicuri che questa sia la strategia migliore per salvare l’Europa e i nostri “fratelli” europei?
Patrizia

Patrizia Lilliu, Mogoro Commentatore certificato 16.02.12 17:50| 
 |
Rispondi al commento

La Germania deve 70 miliardi di €...per i danni di guerra---prokurati alla Grecia...ma laMerkel la Kondanna al fallimento....cioè ma diko stanno skerzando??? LAKOLPA E' NOSTRA.....perkè SIAMO NOI...KE STIAMO PERMETTENDO QUESTO!!

simone g., roma Commentatore certificato 16.02.12 17:50| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi se ne frega della Grecia ,se camminiamo per strada e vediamo una persona a terra che ha bisogno di aiuto gli passiamo davanti come se niente fosse e vogliamo fare quelli che si interessano dei greci e della loro situazione MA CHI SE NE FREGA

Peter Vincent 16.02.12 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Quando penso alla Grecia, penso ad un popolo in gabbia, che vorrebbe scappare da se stesso o meglio, da chi li ha guidati fino ad ora e che ora chiede sacrifici talmente grandi da rendere qualsiasi tentativo di reazione inutile. Quando non ti lasciano neppure i soldi per dare da mangiare ai tuoi figli allora è tutto finito, i popoli si ribellano perchè non hanno nulla da perdere e chi sta imponendo pesi così enormi su questo popolo non può non averci pensato, che prima o poi questi si ribellano e scoppia la rivolta sociale e a questo punto non ce nè più per nessuno. Il futuro è ormai segnato non tanto per il default che c'è già, ma per i morti che questa crisi farà.

Massimo Toni, Sassuolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.02.12 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Tante considerazioni ci sarebbero da fare sulla questione GRECIA, ma vorrei focalizzare la mia attenzione sulla situazione dei bilanci greci per entrare nella UE.Si continua a ripetere che la gracia ha truccato o falsificato i suoi bilanci per accendere nella comunita' europea. Ma chi doveva controllare questi bilanci?Penso che la germania che ormai si e' capito vuole estendere i suoi confini a tutta l'europa abbia avuto un ruolo determinante nella questione.Allora la mia considerazione e' che non sono poi tanto bravi questi tedeschi.....Loro che dicono di essere i migliori in tutto si sono fatti infinocchiare dai Greci.allora 3 sono possibili spiegazioni:
1) Gli economisti tedeschi non sanno fare il loro mestiere e quindi sono dei dilettanti;
2) quando hanno analizzato i bilanci greci avevano fumato qualcosa di allucinogeno o hanno assunto LSD
3) era tutto premedidato e voluto per massacrare un popolo senza l'uso di armi.
Allo stato in cuoi ci troviamo vi pongo questa domanda:
E' stato un vantaggio o e' una fregatura questa europa?Che vantaggi abbiamo avuto da quando siamo entrati in europa?Io fino ad oggi ho avuto solo tasse imposte ecc. ecc. cioe' una FREGATURA GRANDE GRANDE

DOMENICO UNGARI 16.02.12 17:04| 
 |
Rispondi al commento

si.La grecia è fallita. E si. Dopo toccherà a noi. Un conto però è fallire con lo smoking. Nessuno te lo permette. Un altro è fallire con le pezze al c.u.l.o. Bisogna che ogni cosa sia fatta nella giusta maniera. Lo smoking, fino a poco tempo fatto su misura per ognuno di noi, addosso adesso ce l'ha qualcun altro. Noi? In braghe di tela, ovviamente.

Patrizio carlini 16.02.12 16:41| 
 |
Rispondi al commento

se applicheranno la Modern Money Theory sicuramente staranno meglio di ora..ci vorra' del tempo ma si riprenderanno..

alle macc Commentatore certificato 16.02.12 16:14| 
 |
Rispondi al commento

Cari greci, vi abbiamo fregato, é stato tutto un bluff. Da millenni cercavamo di soffiarvi la democrazia, abbiamo dovuto inventarci questa messa in scena della comunità europea, Shuman, la Boniver, la Bonino, i trattati. E' stato come nel film "La stangata", avete presente il boss zoppo che si crede furbo e punta i soldi nella falsa sala scommesse, lo Zoppo siete voi greci. Noi invece siamo i Paul Neuman e Robert Redford della situazione e ora la svigniamo coi vostri soldi, con la vostra libertà e voi restate senza una Dracma, vi dovete vendere anche il Partenone. Ah ah che ccoglioni che siete! avete presente quel topo di biblioteca che vi ha portato la Costituzione Europea da firmare, che vi diceva fratelli fratelli, lui era uno dei nostri, uno del cast della stangata. É proprio vero che i soldi rubati sarebbero insipidi se ce non ci fossero i fessi come voi che vengono a mettercelo in tasca. A nome del Quarto Reich &co vi porgo un "take it easy" .. ah ah! P.S. I prossimi gonzi saranno i romani (madó quanto si credono furbi quelli) , a noi quella parola "Repubblica" non ci piace.

Franko Parlato 16.02.12 16:14| 
 |
Rispondi al commento

..prima la casta governante europea e il suo sistema monetario fallisce a nostre spese e prima le popolazioni di ogni singolo stato si renderà conto di quanto sia importante gestirsi a livello territoriale senza forzature e sprechi culturali ed economici..


io propongo di mettere ennesima accisa sulla benzina per salvare la grecia d'altronde abbiamo ancora la tassa sulla guerra abissinia terremoti vari ecc... Forza Monti e classe polita fate un altro piccolo aumento che siete bravi a vivere sulle spalle deglia altri merdacce

sabatino 16.02.12 15:20| 
 |
Rispondi al commento

un noto illustre uomo ha detto le testuali parole ( più o meno):

"Prima la pagnotta e poi la morale"

Quindi tutti che dite a se la sono cercata, spero che soffriate come a loro!
Cmq anzicchè credere a ciò che dicono le tv di regime o gli giornalai, dovete sapere che hanno fatto le nostre stesse leggi che ha fatto monti adesso e loro l'hanno fatto nel 2006 o 7...ma voi leggete e credete altro

Rosario S. 16.02.12 15:07| 
 |
Rispondi al commento

appunto: fratelli!!!!!
dov'è lo spirito europeo? il sogno d'un continente reso nazione? nell'anno 1000, i quattro che lo pensarono furono fatti fuori velocemente (fu Baldovino?) ma, soprattutto, che razza di strateghi e di statisti abbiamo in europa che non hanno saputo difendere gli interessi dei paesi membri???
Cos'hanno da raccontarci oggi questi burocrati senza idee e progetti??? E se mandassimo in bianco tutti i creditori?? Soprattutto fondi speculativi non statali in possesso dei titoli di Nazioni europee??? Forse un pò di territorialismo non guasterebbe ed allora: alla napoletana..."chi ha avuto avuto". Cosa c'entrano i Greci con gli obblighi sotterranei derivati dal colonialismo tedesco??? Restituiscano gli armamenti e pareggino i conti!!!! Gira e rigira è sempre una questione di....palle!!! I denari si stampano , le vite delle persone non hanno controvalore in moneta!! meglio una merkel furibonda che un bambino greco senza pane.

antonio silvestre 16.02.12 14:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bisognerebbe scrivere anche le cause che hanno portato a questa situazione non solo compatire la povera Grecia..
Per 5 anni consecutivi hanno falsificato i bilanci per poter entrare nell'Euro, il piano era semplice, una volta nell'euro gli altri si accolleranno i nostri debiti.. bravi..ma un pò troppo facile.
Continuano a spendere cifre FOLLI in ARMI!
La Grecia è il 5° IMPORTATORE MONDIALE DI ARMI.
Hanno sperperato cifre folli nell'organizzazione delle Olimpiadi 2004.
Questi e altri motivi hanno portato la Grecia al fallimento.

Luca 16.02.12 14:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembra si sia espresso anche Monti allo sparlamento Europeo!
dicendo che dobbiamo essere "tecnici" uniti!

Alessandro D., Roma Commentatore certificato 16.02.12 14:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono notizie veramente forti e che infondono la sfiducia in tutti i governi perchè ormai si intuisce che c'è una Casta o un Potere Supremo che gestisce tuto e tutti. Finchè non si capirà che il potere del denaro non ha più possibilità di governare il mondo resteremo in balia di uesti poteri che con pollice verso indicheranno la fine di uno Stato.

e... per l'Italia cosa ne sarà! Monti è uno di loro forse messo per "giocare" con il popolo italiano a "guardie e ladri". Non è stato fatto nulla se non impoverire chi già era povero e non è stato fatto nulla per il risparmio nei vari Ministeri....
Cosa dire agli italiani, informatevi, consultatevi e non lasciatevi abbattere dagli eventi negativi, questi passeranno e forse dal fiume vedremo i loro cadaveri....
stone 45

franca scarpellini 16.02.12 14:15| 
 |
Rispondi al commento

mument! noi non siamo la Gemania eh!

sarà bene precisarlo prima che qualcuno si svegli una mattina per dirci che dobbiamo farci carico dei debiti della Grecia per salvare l'Euro !!!

un par di palle eh, uomo avvisato mezzo salvato !

Alex Scantalmassi * Commentatore certificato 16.02.12 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Dunque,vediamo di dire le cose come stanno una volta per tutte, lavoro con molti paesi fra cui la Grecia e conosco bene la situazione di questo paese e di come sono andate le cose per tanti anni:
- il 60% della forza lavoro in Grecia è dipendente pubblico, la maggior parte di questi lavoratori non fanno una mazza e percepivano stipendi fuori da ogni logica di mercato, Euro 2500 al mese netti per un dipendente pubblico (non tutti of course) quando il costo della vita era molto più basso delle media europea era una follia
- tutti in pensione a 52 anni, che tu avessi lavorato o meno non importa. Tutti in pensione dopo una certa età
- sprechi, corruzione e la maggior parte delle tasse totalmente EVASE!!! Un magna magna che a confronto l'Italia sembra la Svizzera. Migliaia di miliardi di euro buttati giù per il cesso senza sviluppare l'industria, nulla di nulla: cosa produce la Grecia? Quali industrie esistono in Grecia? Il nulla, solo il turismo di massa.
Per anni mi sono chiesto come fosse possibile che un paese sottosviluppato industrialmente come la Grecia potesse essere in Europa e mantenere un simile apparato di pubblico impiego e sistema previdenziale. Ora ho capito: hanno mangiato a sbafo per anni, tutti felici e contenti. E' come se in un condominio (l'EU) il vicino del piano di sotto non fa una sega tutto il tempo (non sbadila mai la neve, non paga le rette, ect) mentre tutti gli altri pagano e sistemano i problemi ke si presentano, è ovvio che presto o tardi qualcuno si rompe le palle e chiede che anche il vicino nullafacente si dia da fare e sopratutto paghi per quello che ottiene, se no cambia condominio. E' cinico, non è bello per i Greci ma, semplicemente, la festa è finita: ora il money è finito, i rubinetti sono chiusi ed è venuto il tempo di fare ognuno il proprio dovere, poi chi ha male amministrato il paese per anni dovrà rendere conto ai Greci ma non si può più andare avanti pensando che a pagare ci pensa qualcun'altro. La festa è finita, sorry.

Alessandro De Sindris 16.02.12 13:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei ringraziare il Signor Presidente dela Repubblica per l'attuale governo, ma vorrei chiedergli di più.
E glielo vorrei chiedere dopo aver ascoltato per intero Monti al Parlamento Europeo. Ascoltandolo mi sono reso conto che il Signor Monti, oltre a "capirne" è anche un fine politico per la chiarezza della visione dimostrata.
Questo fatto da un parte mi ha inorgoglito, ma dall'altra mi ha ancor di più fatto arrabbiare pensando ai signori nessuno (con la s minuscola), dilettanti della politica, ma professionisti nel gestire gli affari propri e di partito che siamo costretti a mantenere in Parlamento.
Gente che si è fatta e si è votata leggi indirizzate solo a gonfiare la loro saccoccia con la caratteristica di essere in buona parte delinquenti ed in massima parte inetti ed incapaci di agire nell'interesse comune. Al contrario una fine abilità nel farsi gli affari loro e nel narcotizzarci di emerite stupidate e di sola chiacchiera nelle interviste e nei diversi talk show organizzati e supportati da giornalisti che sono parte del sistema.
Noi Italiani vogliamo azione, fatti e competenza, quindi vorrei chiedere al Signor Presidente della Repubblica di fare un passo in più, cioè di commissariare tutti i attuali partiti politici e ripartire daccapo.
La gente giusta c'è in Italia, ed è anche conosciuta per i fatti che porta e non per la chiacchiera; il problema è che non appartiene a nessuno degli schieramenti politici composti solo da associazioni che i fatti quotidiani di concussione ci indicano essere di stampo mafioso.

Luigi Giovannoni 16.02.12 13:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il bond Fiat in Franchi Svizzeri può significare due cose.

senz'altro una aspettativa di forte svalutazione dell'euro dovuta alla crisi greca che allontanerebbe gli investitori stranieri dal bond ma potrebbe anche segnalare una scarsa visibilità sulla continuità della moneta comune nella peggiore delle ipotesi.

Alex Scantalmassi * Commentatore certificato 16.02.12 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Marchionne con l'operazione Chrysler ha salvato la Fiat.

c'è poco da girarci intorno.

Alex Scantalmassi * Commentatore certificato 16.02.12 13:21| 
 |
Rispondi al commento

si salveranno solo le nostre multinazionali, le aziende che vendono solo in Italia rischiano tutte il fallimento, figuriamoci quelle Greche.

Alex Scantalmassi * Commentatore certificato 16.02.12 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Marchionne emette il nuovo bond Fiat in Franchi Svizzeri.

qualcosa vorrà pur dire.

Alex Scantalmassi * Commentatore certificato 16.02.12 13:18| 
 |
Rispondi al commento

cercano di allungare l'agonia della grecia in modo che chi ha soldi li abbia il tempo per esportarli.

Giovanni Cangiani, Losanna Commentatore certificato 16.02.12 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Una volta risolta dal Dr. Monti la questione igienico sanitaria del possibile contagio ad opera dell'Italia, sarà il nostro turno.

Lasciate ogni speranza o voi ch'entrate.

Bartolomeo V., Monte San Giovanni Campano Commentatore certificato 16.02.12 13:01| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento

La start up inascoltata
Sono il titolare di una startup di Brescia (costituita nel maggio 2011) che si occupa di sviluppo software per l'industria della pressocolata. Siamo sei soci di cui un professore dell'Università di Brescia, una società spin-off della stessa Università, un ex-Ceo di un'azienda di software da 50 milioni di euro e un grosso stampista per la pressocolata. Il nostro obbiettivo (quasi raggiunto) è di sviluppare il primo software italiano del settore, che è un settore in cui l'Italia eccelle sia per produzione (seconda in Europa dopo la Germania) sia per esportazioni di macchine e tecnologia (prima al mondo).
Consapevoli che non avremmo avuto alcuna linea di fido da parte delle banche, ci siamo presentati a un primario istituto nel giugno del 2011, forti di due fideiussioni bancarie (dunque avrebbero pagato altre banche) rilasciate sulla base del top rating del nostro socio stampista (che fattura 40 milioni di euro e ha linee di credito per circa 3 milioni). La richiesta era quella di un finanziamento di 80mila euro per coprire i nostri costi di sviluppo dovuti al time-to-market del software che può essere abbastanza lungo. Nonostante le fidejussioni, le reiterate promesse del direttore della filiale, le decine di variazioni sul testo della fidejussione che le banche si scambiavano, alla fine – a fine novembre, dopo quasi sei mesi!- ci hanno detto "no, in questo momento le banche non si prestano più denaro tra di loro e dunque anche una fidejussione rientra in questa categoria".
Tommaso Botter - Brescia

Torna il tema della "fiducia". Ma se le banche non si fidano tra loro e bloccano gran parte della loro liquidità nei forzieri della Bce, perchè dovrebbe fidarsi il correntista? Forse un segnale più forte sul mercato interbancario aiuterebbe.

http://www.ilsole24ore.com/art/economia/2012-02-15/peso-fondi-negati-220611.shtml

Alex Scantalmassi * Commentatore certificato 16.02.12 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Gli appestati d'Europa, i portatori di "immunodeficenza economica". Un popolo ridotto allo stremo delle forze, spolpato fino all'osso e tutti che fanno a gara a chi lo spinge con maggior violenza giù dalla nave.
Ecco, io mi auguro che questo mostro tecnocratico finanziario, nato dal sogno di tanti europesiti, coli a picco con tutto il suo carico di schifosissima marmaglia.

Burn Europe, burn...

Sukie Ridgemont (), Eastwick Commentatore certificato 16.02.12 12:57| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prima di tutto affamarono gli Argentini e me ne fregai perchè erano dall'altra parte del mondo.
Poi affamarono i Greci e stetti zitto perchè erano vissuti come sciocche cicale.
Poi...
(parafrasando B. Brecht)

Maria Grazia Giordano 16.02.12 12:55| 
 |
Rispondi al commento

di anni ne ho come voi, e sono sicura che i ricordi degli anni '60 possono sembrare migliori, solo per il fatto che si era piu' giovani, ma lasciami dire, che allora anche chi stava meglio, aveva la coscienza di capire che se in casa entravano 1000 lire, non se ne potevano spendere piu' di 800; Negli anni abbiamo spese piu' di quello che si guadagnava (parlo come nazione), e ora si pagano le conseguenze...Si sono eletti partiti, che pur di sedere sul trono, non hanno fatto riforme,controlli, e hanno permesso di arricchirsi oltre misura. I primi ad essersi ingrassati all'inverosimile e' proprio la casta, i governi se ne sono fregati del sud, e la' la mafia ha fatto i suoi comodi, il nord si e' messo ad evadere le tasse a iosa, tanto c'era chi li spalleggiava dicendo che era legittima difesa, sino a che il precipizio si e' fatto vedere....Ora si spera che le cose un pochini verranno messe a posto, noi dovremo metterci in testa che forse per i prossimi anni dovremo mettere i cappotti che abbiamo nel guardaroba, la casta dovra' per forza ridursi gli introiti e noi quando andremo in cabina elettorale ci penseremo su prima di mettere la croce.

tizi 16.02.12 12:46| 
 |
Rispondi al commento

ci stanno ributtando per l'enneasima volta fumo negli occhi! maledetti politici da 40 anni sperperano i soldi delle persone e poi sarebbe pure colpa nostra io nno ho mai speso piu di quello che avevo in tasca! non ho mai ricevuto 1 centesimo dallo stato eccetto per i libri delle scquole primarie (esempio)nell'intervento in libia non avevano soldi per buttare le bombe e come li armiamo i 90 nuovi caccia?sono solo dei falsi irresponsabili stanno portando il paese a una guerra fra poveri! io non ne avrei comprato neanche uno visto che abbiamo molte basi nato in italia e ribadisco non abbiamo i soldi per usarli è solo un esempio ci sarebbero centinaia di cose simili da analizzare.
Lo stato dovrebbe essere come un buon padre di famiglia che non spende di piu di quello che ha in tasca matematica elementare ma la logica nella gestione dei soldi pubblici non esiste eccetto quella del loro personale tornaconto

raffaele 16.02.12 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Nonostante adesso Grillo mi stia un pochino sul caxxo ,al 98% la penso come
egli.Infondo a tirare merda sulla base di pregiudizi e luoghi comuni come
ricco-povero-grasso-magro-sano-malato son capaci tutti, prima
o poi qualcuno/qualcosa si colpisce.

pidocchio senzalingua 16.02.12 12:38| 
 |
Rispondi al commento

i greci non hanno scelto un benemerito cazzo! Le sceltye le stanno prendendo per loro un branco di politici corrotti tenuti al guinzaglio da banchieri feticisti scortati da poliziotti col manganello e purtroppo anche dal grilletto facile. Lo si vede benissimo dalle facce incazzate per le strade di atene, patrasso e quant'altro. Ma a differenza dell'italia in Grecia la gente sta scendendo per le strade incazzata e pronta allo scontro fisico. I media italiani ovviamente mostrano qualche immagine ma siccome c'é Belen che mostra i tatuaggi durante uno show musicale allora lasciamo stare quello che succede e via di fica per tutti. Masturbazione fisica e mentale garantita. Repubblica dice che il contagio é stato scongiurato ma in europa la produzione continua a calare e si trasferisce tutto all'estero dove c'é qualcuno che puó essere sfruttato. L'europa ha bisogno di leggi per proteggere gli sfruttati che essi siano in europa o no altrimenti saremo noi i prossimi della lista. Vuoi vendere in europa? Bene devi assicurare ai tuoi lavoratori le stesse condizioni lavorative (sicurezza/salario) che offriresti in europa altrimenti il tuo prodotto qui non verrá venduto. Ma Questo lo faranno? certo che no! Tanto di cinesi da sfruttare per costruire iphone e Icazzatevarie ce ne sono, poco importa se qualcuno si lancia dal tetto della fabbrica. Ma quando non ci saranno piú aziende in euriopa e nessuno avrá piú un lavoro ecco che arriveranno dall'estero ad afrire le stesse condizioni lavorative che ci sono ogg in cina india o bangladesh ed il cerchio sará chiuso.

Ubaldo Ulghi Commentatore certificato 16.02.12 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Prima del voto, il ministro delle Finanze Venizelos aveva dichiarato : "La scelta non è tra fare i sacrifici e non fare i sacrifici , ma tra i sacrifici e qualcosa d'inimmaginabile". Concordo. Credo che i greci abbiano fatto la loro scelta : l'inimmaginabile ...

john dillinger, roma Commentatore certificato 16.02.12 12:10| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alla Grecia non succederà proprio nulla: faranno default, usciranno dall'Euro, faranno 3 mesi difficili e poi la loro economia si riprenderà alla grande come del resto è successo all'Argentina dopo che aveva fatto default 10 anni fa.

A quel punto servirà un governo forte che controlli il deficit e qundi l'inflazione.

La cosa peggiore è che magari per qualche anno andranno in vacanza sulle loro isole invece di andare all'estero.

Possiamo solo augurarci che la stessa cosa accada al più presto anche agli italiani!

Fabrizio Raiteri 16.02.12 12:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

c'è sempre la Cina,a loro farebbe comodo una finestra coloniale sull'europa.....dalla dracma all'euro allo Renminbi(yuan).

angelo colonna 16.02.12 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Io ho 56 anni. Ricordo gli anni '60 con nostalgia e rimpianto.
I cappotti si rivoltavano, perché la stoffa era roba buona; le scarpe potevano risuolarsi due o tre volte; si andava in ristorante qualche domenica ed era festa, perché la famiglia si riuniva; ho vissuto anche un periodo felice in cui si ascoltava la radio la sera e non avevamo la TV; poi è arrivata la TV, in bianco e nero e con due canali; stavo sulle ginocchia di mio babbo e ascoltavo Mike Bongiorno.
Ora abbiamo tutto, ma non abbiamo niente; la vita ce la tolgono un po' ogni giorno; ci hanno illusi tanto da farci fare progetti che oggi non possiamo concludere.
Ne valeva la pena?
Credo proprio di no.
Non potendo confidare nel futuro, mi concedo allora di sognare e immaginare un ritorno alla semplicità e al poco, ben sapendo che con il poco mio non consentirei alla casta di avere il loro molto, perché sono sempre io a darglielo.
La grecia è il primo tassello che cade; sono i più deboli a cedere, ma non dobbiamo disperare: cederemo tutti; torneremo alla nostra moneta, alla nostra autonomia, alle nostre miserie. Purtroppo saremo stremati
Se già è difficile sbarazzarci dei nostri dittatori, figuriamoci quali sono le difficoltà di silurare un sistema europa, ormai incontrollabile da noi meschini.
Io però voglio ancora credere che la vita non sia fatta di soli vicoli chiusi. Se così fosse, sarà necessario buttare giù qualche muro e riconquistarci l'aria aperta.

Roby S., Sassari Commentatore certificato 16.02.12 11:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembra che ormai siamo alla rottoura tra atene e la UE..il presidente greco-circondato da militari-ha detto che è stufo di essere insultato dai Tedeschi e Olandasi o Finlandesi..e che lui ha già combattuto nella seconda guerra mondiale, per liberare l'europa..!
La notizia si commenta da sola..mi auguro che il popolo Grecio,attraverso le elezioni anticipate di aprile,trovi il coraggio di lasciare l'euro e l'europa-almeno questa europa-e si riappropri della sua sovranità monetaria e politica.
Anche perchè ha morire e pagare i debiti c'è sempre tempo...!

roby f., Livorno Commentatore certificato 16.02.12 11:46| 
 |
Rispondi al commento

A quando l'itaGLia?

Ferdy 16.02.12 11:43| 
 |
Rispondi al commento

E'evidente a mio parere un disegno strategico volto a indebolire i paesi mediterranei europei (Italia, Grecia, Spagna e Portogallo)a favore di un Europa Settentrionale pigliatutto, con la Germania e la Francia capobranco. L'umiliazione e la farsa alla quale stiamo assistendo nei confronti dei nostri fratelli greci è uno degli scandali alla luce del sole più vergognosi della storia. Ancora mi domando come faccia la gente a non rendersi conto dell'egemonia di questa maledetta troika (UE, BCE e FMI), strozzini in giacca e cravatta. I greci sono sempre stati un grande popolo a cui tutti dobbiamo rispetto e ammirazione (oltre che la nostra stessa cultura). Una faccia, una razza.

Giulio C. 16.02.12 11:41| 
 |
Rispondi al commento

ormail il NULLA si avvicina ma nn lo diranno mai in TV

Mario Bajardi 16.02.12 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è una vergogna....

Rino 16.02.12 11:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori