Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La nuova emigrazione


Italia_addio.jpg
L'Italia con 23.406 euro all'anno di reddito lordo è fanalino d'Europa. Ci superano Cipro (24.775 euro), ma anche la Grecia in default (29.160 euro) e l'rlanda in profonda recessione (39.858) che quasi ci doppia! Ci lasciamo alle spalle solo Malta, Slovenia, Slovacchia e il Portogallo. In Italia non c'è lavoro, ce ne sarà sempre meno e quel poco è sottopagato. Grazie sindacati! Stiamo gettando le basi per l'emigrazione di generazioni di italiani. In Europa siamo secondi solo alla Romania per emigrazione (ma primi per laureati). Con un po' di applicazione diventeremo primi assoluti. Prepariamo le valige di cartone.

26 Feb 2012, 23:17 | Scrivi | Commenti (73) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Per non parlare del costo della vita che non è più commisurato agli stipendi italiani. Segnalo un interessantissimo articolo che parla del costo della vita in ogni paese del mondo
http://www.ilmioeden.it/quanto-si-spende-per-vivere-in-ogni-paese-del-mondo/
Non mancano le sorprese.. sto pensando seriamente a trasferirmi all'estero!

Roberto Stanzani 11.11.13 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Un mio intervento su questo tema.
dalla FILEF - Federazione Italiana Lavoratori Emigranti e Famiglie

Buon lavoro (possibilmente in Italia)

Rodolfo Ricci 29.11.12 00:05| 
 |
Rispondi al commento

Vi segnalo il programma radio di un giovane emigrato italiano da Stoccolma http://vistodafuoristefano.blogspot.se/

Stefano Diana 08.11.12 22:36| 
 |
Rispondi al commento

"Prepariamo le valige di cartone.".
Io sono gia andato via da un pezzo.
AH! Alla faccia vostra,non perdete altro tempo :).

Mr Nessuno 03.03.12 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Un giovane su tre non trova lavoro... quasi 2,5 milioni di disoccupati... "sostituiti" con milioni si stranieri... stranieri a cui dare la cittadinanza italiana in cambio di calci in culo e qualche euro... cittadini discendenti di Italiani, che hanno dato la vita in guerre, carestie e lavori massacranti in nome di un futuro migliore per la loro discendenza, vengono sbeffeggiati come "sfigati"....... e gli illustri "istruiti" con il sudore dello "zappatore" cosa dicono difronte a questo spettacolo?... niente! si godono " il meritato successo" felici di essere saliti sull' "ascensore sociale" magnanimamente concesso dai potenti (e sempre a spese del popolo)...

Aurelio Esposito 01.03.12 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Art 2) Tramite il potere referendario il popolo puo' approvare, emendare o abrogare una qualsiasi legge anche costituzionale, licenziare in qualsiasi momento un organo democraticamente eletto (inclusi parlamento, presidente della repubblica, presidenti delle camere e del consiglio, presidenti delle regioni e sindaci) o di nomina istituzionale, a ogni livello delle istituzioni sia verticale (stato centrale, regioni, comuni) che orrizontale (magistratura, forze armate, aziende dello stato, organi di controllo).
http://www.causes.com/causes/647526

Alberto M., Oakland Commentatore certificato 29.02.12 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Questo weekend (24-25-26 febbraio) a Rimini si è svolto un grande summit, con 1600 persone da tutta Italia, sulla Modern Money Theory.
Nessun media ne ha parlato (se non in modo tardivo ed inefficace).
Parlatene , per favore.

www.democraziammt.info

Valerio 27.02.12 18:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io vivo in Irlanda da 6 anni. Mi son trasferito immediatamente dopo la laurea. Ho cominciato in un pub, oggi faccio parte di un team che gestisce 125 milioni di euro di spesa all'anno.

Il mio stesso lavoro sarebbe pagato in Italia al netto il 60% in meno in una cittá magari dove la vita é piú cara di dove vivo ora.

Spesso noi italiani all'estero riceviamo insulti da persone probabilmente esasperate. Qui non si tratta di ingordigia. In Italia non si puó vivere. Non si puó vivere a Milano con 1500 euro al mese, moglie e figli a carico. Certo c'é chi ce la fa, ma se c'é possibilitá di vivere meglio perché rinunciare a questa opportunitá?
Tra l'altro ognuno é libero di vivere la sua vita a modo suo, specialmente quando non fa nulla di male!

Al Bi 27.02.12 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Fino 7-8 anni fa, andare a lavorare all'estero era una scelta, come fu la mia. Ora purtroppo e' un dovere per non rischiare di fare la fame. Per questo motivo mi sono organizzato con amici per creare il sito viviallestero e dare una mano a tutti coloro che hanno bisogno di emigrare.

Stefano P 27.02.12 17:20| 
 |
Rispondi al commento

Sono amareggiato nell'osservare che secoli di "presunta civiltà" abbiano imbarbarito sempre più gli uomini..! Dico ciò in quanto assisto quotidianamente all'aumento di pressioni psicologiche che portano coloro che non sono "lassù" verso uno stato di rassegnazione ingiustificata.!
Si perché penso che "se le prendi devi anche restituirle" anche Gesù Cristo, quando non ne poté più caccio dal tempio "i mercanti", è vero che l'ha pagata, ma da li nacque una nuova coscienza, on no....!!! Ricordiamoci che se restiamo divisi avranno vita facile. Dividi et impera, docet

RINODIFLAVIANO 27.02.12 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono dati di 3 anni fa... prima del default greco, prima dello spread di oltre 500 punti tra Bund e BTP, prima del governo Monti... sono i dati di quando Berlusconi predicava ottimismo e Tremonti sosteneva che la crisi non ci avrebbe toccato, di quando Gheddafi veniva accolto a Roma con tutti gli onori per sè ed i suoi cammelli, di quando la benzina non superava 1,3 € al litro, di quando l'Inter dominava in Italia e in Europa...

Oggi lo scenario è diverso ma non è certo sapere di stare relativamente meglio dei greci che può rasserenare gli animi ed alimentare la speranza di uscire da questa situazione.

Purtroppo la storia racconta di recessioni alle quali sono succedute guerre, miseria e povertà che hanno trovato nella successiva ricostruzione la spinta per risalire.

Rispetto al passato oggi mancano le figure sovrane, i monarchi, i dittatori, i soggetti contro cui lottare: come si fa a combattere contro le banche e le grandi lobby capitaliste ormai diffuse e colluse tra loro in 3 continenti?

Senza guerra, non resta che affidarsi a Madre Natura: eruzioni, tsunami, terremoti, inondazioni... qualcuno o qualcosa dovrà pur radere al suolo questo mondo di m...

rossano aiello 27.02.12 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Ma se in Italia, ci sono gli stipendi più bassi d'Europa per i lavoratori dipendenti, com'è che abbiamo gli stipendi più alti d'Europa per i politici ? Equilibriamo gente, equilibriamo !

Salvo N., Carlentini Commentatore certificato 27.02.12 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma questo dato non ci dice nulla, getta solo benzina sul fuoco dell'indignazione.. forse i soliti "ignoti" vogliono che la nostra autostima, già bassa, precipiti sotto i limiti minimi. Dove sono i dati del costo della vita all'estero? e quelli dei vari privilegi del lavoratore, con lo stipendio al netto delle tasse , tredicesima quattordicesima ferie pagate. Non dappertutto è così. Che si smetta di fare disinformazione per fomentare la polemica, le nostre energie sono già poche e ci servono tutte altrove!

Idi R., Lecco Commentatore certificato 27.02.12 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Ma come fanno a presentare statistiche del genere??
siamo generosi e arrotondiamo a 24Mila €uro lordi
all'anno che più o meno corrispondono a 1300-1400 €
al mese..!!!! MAAAGARI..per chi ha una casa, senza
mutuo e affitto ovviamente, significherebbe poter
condurre una vita quasi dignitosa e avendo un po
di dignità si riescono a fare anche i sacrifici..
La realtà è ben diversa,uno stipendio del genere
non lo prendono neanche tanti laureati;lavorando
con turni avvicendati giorno,notte e festivi non
si arriva a 1300 €uro netti,.
Qui da noi ciò che aumenta "come ha detto Grillo"
sono i suicidi, altri due freschissimi, uno in
liguria e l'altro in toscana (mi pare)..
e la gente sta a guardare,si aspetta, qui si va sempre al contrario, infatti diceva bene Totò:

yuva m., mantova Commentatore certificato 27.02.12 11:49| 
 |
Rispondi al commento

come si suol dire hanno scoperto l'acqua calda..!
I Lavoratori Tutti devono fare un operazione semplice e cioè stracciare le tessere dei sindacati.(Punto)inoltre devono revocare l'addebito all'inps dei quid che pagano sulla busta paga a favore del sindacato!.(Punto)
Continuare a essere iscritti, vuol dire farsi del male..!
Non aspettate che questi proclamino uno sciopero generale ad oltranza...s.c.o.r.d.a.t.i.v.e.l.o..loro che sono la precamera della politica...!

roby f., Livorno Commentatore certificato 27.02.12 11:46| 
 |
Rispondi al commento

intanto fioccano i laboratori clandestini di divani, borse e vestiti al sud come al nord finanziati dagli industriali che hanno chiuso le fabbriche.
non solo produzione di falsi ma anche di originali: italiani che lavorano al nero per 4-5 euro l'ora sotto i cinesi o i russi con i caporali forniti dalle nostre mafie.
La fine già c'e' stata: resistere e' inutile. meglio scapparsene all'estero e abbandonare questo cesso di stato governato da ladri che hanno permesso cio'. Italia come Cina, India, Thailandia, Romania, Africa.

Ricordiamoci di questo alle prossime elezioni e facciamola pagare ai partiti che hanno venduto il nostro futuro per 4 soldi.

Luca S., Napoli Commentatore certificato 27.02.12 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Lo ritengo un articolo un pò superficiale, non parla se il reddito lordo è per cittadini che lavorano, non dice quant'è il reddito netto in italian e nel resto d'Europa.

Massy Biagio 27.02.12 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Diciamo che per essere seri i dati avrebbero dovuto anche essere comparati al costo della vita.
Secondo me da questa comparazione avremmo avuto altre amare sorprese.
Ed il Governo che srotola questi dati che fa? Aumenta le imposte, sia dirette che indirette!
Proseguendo su questa strada gli stipendi non saranno i più bassi d'Europa, non si saranno proprio più!

Donato Tobi () Commentatore certificato 27.02.12 11:18| 
 |
Rispondi al commento

I giovani se ne vanno dall' Italia sia perchè qui non trovano lavoro e tantomeno un lavoro sicuro, ma anche perchè l' Italia è il paese dei firbetti , dei disonesti , di chi prende tangenti ecc... ecc... Non è più possibile vivere in un paese così corrotto.

maria t. Commentatore certificato 27.02.12 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei aggiungere la mia modesta opinione. E' vero che i nostri stipendi sono bassi, ma il nostro potere d'acquisto è discreto (insomma si vive discretamente ma puoi dimenticarti di comprare una casa decente). Certo non possiamo fare la vita da nababbi ma se in una famiglia ci sono due stipendi decenti riesci a vivere. Fondamentalmente però gli stipendi non sono per nulla paragonabili agli equivalenti europei. Insegnanti o ingegneri, in proporzione, guadagnano di più all'estero (non parlo in termini assoluti, ma proprio in termini relativi di potere d'acquisto!). In Belgio un ingegnere con la mia stessa esperienza ha un salario e dei benefit che qui vengono dati solo a dei dirigenti! In Francia agli insegnanti viene riconosciuto uno stipendio serio e non quello che si vede in Italia... Rispondendo inoltre a N. Tedeschi, in Italia il lavoro da dipendente con contratto a tempo indeterminato è una chimera, ormai si è ridotti a essere dipendenti a partita iva (per ingegneri, architetti, avvocati, etc) o addirittura a partecipare al rischio d'impresa (vedi situazione di molti commessi). In Italia c'è poca voglia di assumere, poca voglia di pagare l'esperienza, e poca voglia di investire nella formazione dei giovani e nella loro fidelizzazione. La tanto conclamata flessibilità si è ridotta a una parola senza significato... la flessibilità è solo di tipo contrattuale... contratti brevi e rinnovati di volta in volta, se sei giovane hai poca esperienza, se hai tanta esperienza in un singolo settore ti dicono che non sei flessibile abbastanza, se hai esperienza in differenti settori ti dicono che non sei specializzato, se hai tanta esperienza in tanti settori ti dicono che sei troppo costoso e preferiscono optare per uno più giovane. Questa è la vera situazione in Italia... da fuori può sembrare migliore ma chi la vive dall'interno sa che è una lotta costante per portare a casa la pagnotta.

Vincenzo Giaconia 27.02.12 10:47| 
 |
Rispondi al commento

i giovani vanno all'estero perchè inseguono il mito del lavoro facile e per tutti.
non è più il sogno americano, è più corretto chiamarlo "il sogno italiano"
siamo stati capaci di fregargli anche quello e di cambiargli nome. peggio dei cinesi siamo.


Quando gli imprenditori e la classe politica si renderanno conto che se tutti i giovani scappano all'estero rimarranno solo i vecchi e gli incompententi, e che potrebbero rimanere pericolosamente a corto di schiavi, il passaggio alla soluzione successiva sarà molto semplice.

Verrà messo in atto il blocco militare dei confini stradali di aeroporti e porti navali, verrà soppresso lo stipendio come lo conosciamo e ci verrà assegnato un prefabbricato in cui ci sarà concesso vivere per lavorare fino alla morte o alla disabilità per il benessere della classe agiata.

Chi non vorrà piegarsi a questo sistema, chi tenterà di fuggire o chi non risulterà adatto al lavoro verrà "rimosso" in segretezza, perchè se c'è una cosa che gli italiani sono bravi a fare sono le cose illegali di nascosto.

Benvenuti nell'italia del futuro.

Claudio Cozzi 27.02.12 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Sveglia Grillo! Al summit MMT c'era anche il M5S! E qui si continua a fare demagogia!!
Ci hanno spiegato tutto!
Adesso sappiamo perchè e cosa fare!!!!

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/02/26/largentinizzazione-rischio-default-2000-lezione-economia-video/193851/

Kes Klees (kes) Commentatore certificato 27.02.12 10:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

governo tecnico = GOVERNO DEL PRES. PER FARE IL LAVORO CONTRO I DISGRAZIATI, per salvare il sedere ai politici che poi torneranno assieme ai potenti e alla chiesa a fare gli affari loro , alla faccia di coloro che non contano nulla e che credono che la sovranità appartenga a loro.
NON SI STANCHERANNO MAI DI QUESTO GIOCO E' troppo bello per loro.

adesso basta 27.02.12 10:16| 
 |
Rispondi al commento

p.s. questo post e di ieri,ma ieri non mi usciva,come mai?

Domenico G., cardito Commentatore certificato 27.02.12 09:43| 
 |
Rispondi al commento

MA quale valigia,un paio di buste della spesa vanno bene!
Ho siamo poveri! è...
monti dice che le sue manovre porteranno lavoro..
monti quando la smetterà di prenderci per il culo e si leverà dai coglioni comincerò forse ad apprezzarlo! l'unico motivo che ha per dire questo e che il lavoro porta all'apertura del conto corrente!
e alla fine lui vole riformare il lavoro per dare soldi alle banche mica agli operai,ma sei scemo? è!
allora se volete portare lavoro,dovete creare un agenzia pubblica,per l'apertura dei c.c. a costo 0,e la riscossione a tasso 0 degli stipendi!
fino ad allora tutto quello che dirà e farà monti sarà solo per il tornaconto suo e dei suoi amici aguzzini! "KO-Italy"

Domenico G., cardito Commentatore certificato 27.02.12 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Basterebbe uno sciopero ad oltranza, un semplicissimo sciopero ad oltranza di tutte le categorie di lavoratori per mandare via chi se ne deve andare davvero, altro che trattative!
Cosa c'è da trattare con chi dichiara:
- faremo ciò che ci pare e piace, con voi o senza di voi.
Sindacati codardi!

maria c., perugia Commentatore certificato 27.02.12 09:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se cio che dice Grillo è vero, per un principio fisico ogni grammo di ricchezza che perdiamo sarà arraffata da qualcun altro, poiché la ricchezza, come l'energia, non si dissipa nel nulla. E allora chi è che col SOTTOCOSTO e con INTENTO INVASORIO e CRIMINALE ci sta scalzando come popolo dal nostro territorio?!

http://www.leggo.it/roma/bianca/roma_a_villa_pamphili_giochi_fuorilegge_venduti_da_ambulanti_e_allarme/notizie/167756.shtml

HELMUT LEFTBUSTER 27.02.12 09:19| 
 |
Rispondi al commento


Redditi piu' bassi e costo del lavoro piu' alto.

Questo vuol dire che l'impresa da uno stipendio da fame , ma gli costa piu' di un dipendente tedesco ben pagato.

Due parole dette da iena piangenz che spazzano via i ladri dei partiti , sindacati e confindustriali.

Stato di polizia ladro.

Ma il problema è peggiore ; per quanto sottopagato , sfruttato , il lavoro è morto.

Lo scriviamo da 4 anni anni sul blog.

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.02.12 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma secondo me i conti non tornano. Fermo restando che si tratta di capire se sono importi netto imposte/contributi o al lordo, comunque siamo di fronte sempre al solito problema: in Italia il costo del lavoro è elevatissimo rispetto gli altri stati. Infatti talune aziende italiane o chiudono per andare all'estero oppure delocalizzano sempre all'estero. Cosa vuole dire. Contrariamente quanto letto in alcuni interventi più sotto, le trattenute erariali e contributive che vediamo nelle buste paga non rappresenta l'intero importo che va versato nelle casse dello stato e degli enti statali, ma ne rappresenta una parte. Infatti il "costo" previdenziale della manodopera è nella misura del 30% circa dello stipendio lordo; di questo 30%, poco meno di un terzo (9,19%) è trattenuta al dipendente in busta paga e la differenza è versata dal datore di lavoro (e non si vede in busta paga). Quindi, costo del lavoro elevato più per il prelievo fiscale che per la quota disponibile del lavoratore, pressione fiscale elevata, servizi che contrariamente quanto detto dal Sig. Nicola non sono tutti gratuiti ma ce li paghiamo (e 4 giorni in coma legati ad un lettino d'ospedale è un costo insostenibile), imposte indirette che ormai non sappiamo neppure quali sono (la benzina ad esempio), scarsi investimenti nella ricerca con conseguente fuga di ricchezza scientifica, agricoltura nel dimenticatoio (che da noi è il settore primario ormai in ginocchio), e siamo in uno stato di polizia? E poi, due mesi fa sembrava che il nostro paese dovesse fallire, oggi sento dire che siamo da "esempio" per gli altri stati? Che siamo in fase crescente? In due mesi???? O era una bufala due mesi fa o la è adesso....o in tutti i due casi...

Gian A 27.02.12 08:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tanto continuano a prenderci per i fondelli...
Ancora parlano di meritocrazia, di produttività...
E a farlo sono sempre gli stessi: i Montezemolo, le Marcegaglia, i Tronchetti Provera, i Marchionne, gente miliardaria che si è arricchita con lo sfruttamento del lavoro e col fatto che in Italia i grandi appalti sono tutti taroccati.
Finchè questa sarà la nostra classe dirigente non abbiamo alcuna speranza...
Dovrebbero marcire in galera, o almeno togliersi di torno per sempre, invece pontificano e stanno sempre lì a spiegarci cosa va e cosa non va...

Luca 27.02.12 08:37| 
 |
Rispondi al commento

a mio parere una delle ragioni dei salari bassi dei lavoratori dipendenti è stato con l evento dell euro e della speculazione il giorno dopo,quello che costava mille lire schizzò in pochi giorni ad 1 euro,ha penalizzato immediatamente i stipendi e i salari dei lavoratori che non avevano difese, innalzando i guadagni di varie fasce di commercializzazione e produzione a catena, ma la catena ,non coinvolgeva e non ha coinvolto assolutamente I LAVORATORI, se non per piccoli aumenti per i vari contratti collettivi
l altra ragione e la burocrazia nel campo impreditoriale, troppe tasse a chi vuol fare con serietà impresa, e anche per questo che numerosi imprenditori delocalizzano all estero,poi
non si è trovato una mediazione equa tra impresa e lavoratori c è sempre lo stato che vuole guadagnarci troppo su entrambi ...la Fornero ha detto
che i salari sono troppo bassi... la ricetta non è aumentare la produzione ...bisogna abbassare gli alti stipendi di vari politici e megastipendi di militari, burocrati, dirigenti statali e tutti i professionisti e artigiani interventisti che emettono parcelle impossibili, e aumentare subito i salari solo così si aumenteranno i consumi E SI METTERà IN MOTO L ECONOMIA

emi m., crema Commentatore certificato 27.02.12 08:34| 
 |
Rispondi al commento

Mi fanno incazzare quelli che mi continuano a dirmi: "Ma tanto negli altri paesi i problemi sono identici al nostro..."
Beata ignoranza...

gianni f. Commentatore certificato 27.02.12 08:27| 
 |
Rispondi al commento

'Azzo ma ho capito bene!..la sig.fornero replica ai dati eurostat:...costo del lavoro elevato, buste paga basse..lavorate di più!....'sti cazzi...signora fornero...ma se lo ricorda che i lavoratori lavorano già di più perchè non andranno in pensione?..cosa vuol dire aumentare la produttività..quando:
1-la burocrazia imperversa;
2-manca il credito;
3-il fisco strangola l'aziende;
4-energia-infrastrutture sono solo appannaggio dei monopolisti!;
Per non parlare delle seguenza di balzelli e balzelletti locali che distrugge il reddito delle imprese!...
Ma con chi pensate di parlare con gli stupidi!voi e la cricca dei politici che vi ha nominato!...
Voi siete stati messi li per distruggere l'italia..da merkosy..!che vi duri!

roby f., Livorno Commentatore certificato 27.02.12 08:10| 
 |
Rispondi al commento

Mio figlio l'ha già fatto, ad agosto se ne andato
in Germania, l'altro forse se andrà in Canada, resteremo soli io mia moglie e il gatto........... sempre che non emigri anche lui..........

Cosimo 27.02.12 07:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io avevo un lavoro discreto come autista (1700 euro al mese), un mutuo da 700 euro, due figli e una moglie a casa senza lavoro. Non riuscivamo a pagare più il mutuo nè le varie bollette. Così prima di farci prendere tutto da equitalia abbiamo venduto tutto, casa compresa e siamo partiti per l'australia.
E' da tre mesi che siamo qui, è durissima perchè in Australia ci sono leggi sull'immigrazione severissime e le fanno rispettare, ma ci stiamo provando con tutta la forza. Non so se abbiamo fatto la scelta giusta, ma l'idea di farmi togliere la dignità in Italia non mi andava giù. Magari tra 1 anno dovrò lasciare anche l'australia, ma piuttosto mi nascondo su qualche isola a zappare la terra come 150 anni fa lontano da banche e consumismo. Poi sarà il tempo a decidere se ho fatto davvero bene o no.

Daniele Guzzo 27.02.12 06:59| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

essere felice
http://liferaises.com

mody 27.02.12 04:56| 
 |
Rispondi al commento

Che dire...ho 31 anni, una bambina, una moglie e un azienda fortunatamente ricevuta dal duro lavoro dei miei. 10 anni fa ero uno studente universitario che mirava a laurearsi per poi finire forse con i miei 3000 euro al mese e la macchinona aziendale fornita da una casa farmaceutica (come fanno tuttora molti miei amici e ex colleghi di studio) in cambio della vendita dei suoi "medicinali". Forse stupidamente, ho mollato gli studi ed ho preso in mano l'azienda di famiglia nonostante fosse in fase decisamente calante. Ho cambiato alcune cose, ho commesso grossi errori, mi sono inventato tante porcherie ma anche cose valide che oggi mi gratificano e mi ricompensano. Le tasse che pago ora sono triplicate, certo, chi lo puo negare, però anche i miei dipendenti da 4 sono passati a 16 e nonostante questo sistema marcio provi ad affondarmi giorno dopo giorno,con 1000 "minitasse" , obblighi,regole assurde,disservizi di ogni tipo, controlli come se fossi un sorvegliato speciale, imposte, e chi ne a più ne metta....IO NON MOLLO!!!Rinuncio al super cellulare, al macchinone aziendale, agli spot sui tabelloni delle strade,alle ferie da spaccone, ai microcreditifregature delle banche, ai fidi, al mega ufficio che non mi serve a un cavolo,allo spot da 400 € l'anno su seat pagine gialle che anzichè scrivere il nome della mia azienda in nero lo scrivono in blu,alle brochure ecc ecc. Sono un artigiano che produce alimenti, e sino a quando l'uomo sentirà il bisogno di nutrirsi....le proverò tutte pur di non mollare!Dobbiamo unirci, dare fiducia a chi ha ancora un minimo di inventiva, voglia di alzarsi alle 4 del mattino per rientrare a casa alle 8 di sera, di prendersi sulle spalle responsabilità (che parolona!). Bisogna anche essere disposti fallire per poi rialzarsi più invogliati e tenaci di prima.Dipentendi o datori di lavoro ormai non sono tanto diversi (nel piccolo naturalmente), basta solo rispettarsi a vicenda e tutti e due vivranno e lavoreranno serenamente

Marco M. Commentatore certificato 27.02.12 04:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I NUOVI MORTI DI FAME DELLA DIVINA EUROLANDIA---E hanno pure il coraggio di chiamarla " CrescItalia ", la manovra appena sfornata, condita cosi come è con quel pesante carico di tasse ed extra tasse per tutti, e di tagli alla spesa sociale. E ancora non hanno finito. A breve annulleranno la legislazione sul lavoro e priveranno i lavoratori di quella rete di garanzie a loro tutela. Prossimamente su questi schermi arriveranno a precarizzare l'intero mondo del lavoro. E' proprio vero. Del domani, e del reddito, non v'è certezza. Certamente questa banda di Jack gli squartatori dell'Italia ha adottato una serie di misure all' incontrario per le drammatiche esigenze di un Paese, i cui parametri economici peggiorano velocemente giorno per giorno. Esattamente quello che non ci voleva per gli italiani. I cittadini con i redditi tra i più bassi in Europa. In media la metà di Olanda e Germania. I nuovi morti di fame della divina Eurolandia, come amano lodarla i giornali, le tv e gli economisti mainstream con il loro idiota servilismo. Ma caricando di tasse ed extra tasse una popolazione con stipendi già da fame, vuol dire condurre tutte queste persone direttamente alla povertà e alla miseria. All' emergenza sociale e umanitaria. Era questa l' europa che si voleva ?? E sopratutto, ha ancora senso continuare questa balorda avventura, dal finale già scritto???

cielo stellato 27.02.12 02:44| 
 |
Rispondi al commento

Se ne devono andare via loro!

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.02.12 01:50| 
 |
Rispondi al commento

Mai!

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.02.12 01:49| 
 |
Rispondi al commento

Che schifo, ma io resto e spero di vedere il loro sangue.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 27.02.12 01:33| 
 |
Rispondi al commento

l' italia a settembre perde 2 laureati e 2 diplomati:
1) me
2/3/4) i miei amici.
emigreremo verso l' altra parte del globo,
il piu' lontano possibile da Napoli.
Non riesco a trovare piu' nessun motivo per restare, e non aspettero' che arrivi equitalia che senza preavviso mi tolga la casa.
Io ritengo di avere molto da offrire al mio paese, mentre il mio paese non ha nulla da offrire a me.
Mi reputo fortunato ad essere dissoccupato, perche' se avrei un lavoro, oggi avrei paura di perderlo, e passerei una vita da sottopagato senza futuro.
CIAO ITALIA!! A MALINCUORE SPERO DI NON RIVEDERTI MAI PIU'.

Gennaro Riccio 27.02.12 00:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

seguendo le paranoie della LEGA NORD LADRONA DI MERDA si sarebbe potuto mutare l'Italia in una specie di vecchio Sud Africa con l'aparthaid !
Considerando il razzismo accentuato dei leghisti che governavano insieme a quel fottuto mafioso prescritto del Silvio!

invece, niente!
africani romeni bulgari o italiani tutti a pijarsela in der culo!

almeno in Sud Africa un bianco prendeva il triplo
o il quadruplo di un nero!

ALLORA STA LEGA O STI NAZISTI A COSA SERVONO?
a sparagli un colpo in fronte ad uno ad uno !

tacci loro !


Sono un ragazzo di 35 anni, ho iniziato a lavorare da quando ne avevo 16 come lavapiatti e dopo tanti anni di esperieza sono diventato un cuoco. Poi avevo deciso di voler provare un'esperienza all'estero e avevo dediso di trafrerirmi in Spagna, non vi dico come sono stato preso per il culo dagli spagnoli per la nostra situazione politica in tutti questi anni e ho sempre cercato di difendere il mostro paese, finche dopo più di cinque anni avevo deciso di rientrare qui in Italia convinto che la situazione sarebbe stata migliore, mi sono ritrovato in un paese sull'orlo del fallimento grazie all'amministrasione fatta dai governi precedenti sia di destra che di sinistra, dove non hai diritto a niente e hai solo doveri, dove quando trovi un lavoro e se lo trovi devi accettare le (condizioni che ti offrono senza poter pensare di aprire minimamente la bocca, quindi abbassare la testa e lavorare come i buoi, per poi essere sostituito da una ragazza straniera e che io ho i miei seri dubbi che sappia svolgere il lavoro meglio di me ma sicuramente prenderà meno soldi,dove i miei ex datori di lavoro erano dei grandissimi evasori fiscali e io che non arrivavo a fine mese mi ritrovavo a pagare le tasse anche per loro, dove il ricco continua a diventare sempre più ricco e il povero sempre più povero.... Caro Beppe non ci è rimasto più neanche il cartone per preparare le valige sta volta devo ripartire con le buste di plastica.......si salvi chi può .....

Andrea uccheddu 27.02.12 00:21| 
 |
Rispondi al commento

Per questa situazione di surplus di laureati, sono stati creati adempimenti di vario tipo così da far fallire le imprese e le famiglie. (certificazioni, normative sempre nuove, adempimenti burocratici infernali, etc.) Era nell’aria da diversi decenni che annichilendo il senso del lavoro si sarebbe arrivati al capolinea del sociale, si intravedono giorni del “si salvi chi può”!

Pier ., Cagliari Commentatore certificato 27.02.12 00:10| 
 |
Rispondi al commento

il tg2 ha appena detto che attiriamo solo manodopera
a basso costo e non quella qualificata!

in sostanza il prescritto corruttore mafioso e la
lega ladrona hanno creato un Paese di schiavi
d'importazione !!!

ma guarda un po'!

eh!


Nicola avra' anche ragione ma in una cosa sbaglia : i paragoni li fanno con gli stipendi lordi , quindi i 2000 euro al mese italiani in italia diventano , dopo le tasse circa 1000 mentre i 40.000 tedeschi diventano circa 30000 dopo le tasse , quindi il divario sale al 300%. Il problema in italia sono le tasse : il 24% fino a 14.000 euro se li prende l'inps , il 30% circa le tasse , poi le addizionali regionali , comunali si prendono ancora circa un 2% e questo per datore di lavoro e dipendente . le cifre dette non vogliono essere precise perche' variano da regione , comune , scaglioni di reddito e sono quindi "a spanne" pero' la realta' non si scosta di molto ne il meglio , ne in peggio

angelo 26.02.12 23:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...viva il lavoro sotto casa a chi ci nasce, meno mobilità meno spese per tutti gli italiani!!! e così sia con il movimento 5 stelle!!!
NON SCAPPARE:RESTA E VOTA IL MOVIMENTO 5 STELLE

ps: l'intervistata non ha capito che ogni nuova richiesta di lavoro flessibile è una perdita di un posto di lavoro fisso.


IL REDDITO LORDO TRA I PIU' BASSI, LA PRESSIONE FISCALE E I COMPENSI PER I PARLAMENTARI TRA I PIU' ALTI....E ANDATEVI POI A CERCARE I VIDEO DELLE CARICHE INGIUSTIFICATE DI IERI AI NO-TAV.....COSI' CHI NON SI E' ANCORA RESO CONTO CHE SIAMO SOTTO DITTATURA FORSE SE NE RENDERA' CONTO.

simone merella, terricciola PISA Commentatore certificato 26.02.12 23:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

Un incredibile realtà,drammatica e senza tante vie di uscita!A 30 ani sei già in piena crisi,e dire che di solito arrivava verso i 45/50!!!ma la nostra crisi è esistenziale,economica,mentale...una profonda crisi che ci obbligherà a rivoluzionare totalmente la nostra abituale maniera di vedere e vivere la vita.Alla nostra generazione,non è più concesso di sperare,sognare e immaginare,ci hanno buttato addosso un mondo penoso,pieno di magagne e ci addossano pure la responsabilità di sostenerlo...Come??questo mi chiedo...che cosa vogliono ancora caricarci sulle spalle?Io desidero solo andarmene,scappare da qui!!!Provare a sognare altrove,là dove forse ancora qualcosa mi sarà consecco!Spero a breve di cominciare il mio nuovo viaggio e se dietro di me,ce ne saranno tanti altri.Beh ragazzi in bocca al lupo!!!!
una nuova migrante!

micol 26.02.12 23:37| 
 |
Rispondi al commento

vorrei poter dire la mia opinione,visto che vivo e lavoro in Francia da 9 anni.
Per prima cosa, gli stipendi italiani,(per chi ha la fortuna di essere dipendente),saranno anche bassi,MA, sono NETTI, un impiegato italiano ha una busta paga lorda con le trattenute e al netto , poi , non paga più NIENTE. Un impiegato italiano ha la 13°,alcuni anche a 14° e più. Un impiegato italiano ha una liquidazione. Tutto questo in Francia dove sono ( e penso anche in altri paesi) NON C'è....Ci sono altre tasse e altri obblighi e coatizzazioni sul già "netto". In più,in Italia,nonostante tutto e i rincari,un piatto di pasta e 2 etti di mortadella e provolone e mangi..... all'estero te li sogni,anche il caffè al bar... meditate gente, che io se potessi rientrare e avere anche un piccolo lavoro,lo farei al volo.....Non date retta alla strategia della tensione che la massoneria vi inculca per tenervi "docili"...siamo i migliori,senza l'Italia il mondo non gira.


questi sono i commenti che voglio sentire su questo blog. tipiche questioni come questa potrebbero essere i cavalli di battaglia del m5s in campagna elettorale!

asd 26.02.12 23:29| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
PRIMA CI LIBERIAMO DI LIBERALI E DI BANCHE,PRIMA E MEGLIO SARA' PER TUTTI,
NON E' ANCORA FINITA,NON ARRENDIAMOCI MAI!!!!!!!
ALVISE

alvise fossa 26.02.12 23:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori