Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'amore in mezzo ai campi


locale_della_decrescita.jpg
"Facevo l'operaio e 8 ore di lavoro erano paragonabili a 8 ore in un campo di concentramento non tanto per la fatica, ma per la sopportazione dei soprusi. Sono diventato responsabile d'azienda e le 8 ore erano ancora più tremende per lo stress e la pressione continua della dirigenza che voleva sempre più produzione con richieste assurde e disumane. Ho mollato il manicomio e ho messo su un piccolo negozietto nel mio paese, al posto del prato inglese e delle palme in giardino c'è un bell'orto. Passo le giornate a zappare e vender vino e scopo anche di più (e fare l'amore in mezzo ai campi è qualcosa di unico fidatevi). Mi è tornato il sorriso. Facciamo quasi tutte le sere festa con i paesani cuocendo qualche salsiccia fatta con i maiali allevati da noi, bevendo vino e ascoltando musica da un vecchio juke box che ho riparato con le mie mani. Ci scaldiamo con una stufa a legno alimentata con le potature degli alberi delle nostre campagne. Ora siamo sotto la neve (sono in Abruzzo) e non ho nessun problema, anzi, ci siamo fatti uno "snow park" e ci stiamo divertendo senza lamentarci con Protezione Civile o Comune o presidente del Consiglio. Ho fatto un centinaio di litri di vino cotto e lo vendo a 50 cent. al bicchiere gratis per i senza tetto o chi non ha lavoro. Un solo sogno mi è rimasto: CHE SPARISCA QUESTO STATO DI MERDA CHE PROMETTE SERIZI CHE NON VOGLIO E DI CUI NON HO BISOGNO IN CAMBIO DELLA MIA ANIMA." Johnny Gaspari, Cepagatti

6 Feb 2012, 19:01 | Scrivi | Commenti (144) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Grande Jhonny bravo!!

Marco M., Cepagatti Commentatore certificato 16.11.12 02:07| 
 |
Rispondi al commento

Sei felice e contento delle tue scelte,considerati fortunato che hai avuto ripiego.Sei un ottimo esempio,goditi la vita!

Nicusor Mitu 13.02.12 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Bè non tutti possono tornare in campagna a fare una vita tranquilla... ma non venitemi a dire che è stressante, per favore, è stressante per chi non ha voglia di lavorare. La vita in campagna è stupenda e prima o poi dovremo tornarci comunque, tanto le città fanno sempre più schifo. Della vita moderna me ne fotto, siamo andati AL DI LA' di dove avremmo dovuto fermarci.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 09.02.12 14:27| 
 |
Rispondi al commento

solo un commmento (stile avvocato del diavolo, in realtà anche a me piacerebbe poter tornare alla vita semplice e spensierata).
Ma i soldi per comprarti la casa con le palme ed il negozio chi te li ha dati se non il manicomio di prima?
Vedo facile tornare alle origini dopo aver accumulato un bel gruzzoletto con la vita moderna.
La vedo difficile per una persona di poche risorse economiche.
E non è che fare il contadino per vivere sia meno stressante che fare l'operaio.

paolo palmieri 09.02.12 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Jonni? Ti stringo virtualmente la mano soprattutto per le risposte che hai saputo dare! Una persona frustrata non avrebbe risposto così bene! Ciao e ancora un in bocca al lupo!!!!

Raffaella L., Pavia Commentatore certificato 09.02.12 13:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cari tutti,
l'atteggiamento della volontà di ritorno al settore primario (e se si chiama "primario" ci sarà pure un motivo) è solo da lodare.
Quello che non va bene è dare spazio a questi post "chiozzotti" di scopate e pance piene, che dimostrano quanto in realtà siamo uguali a quei maiali di politici che vorremmo mandare a casa (anzi che io vedrei volentieri appesi per i piedi a un distributore di benzina).
L'errore consiste nel vivere in modo solipsistico e individualistico queste esperienze, che ovviamente non tutti si possono permettere. Questo è il vero atteggiamento antipolitico.
La politica invece è un'altra cosa: nel mio piccolo posso citare la creazione di un'associazione di promozione sociale volta alla coltivazione di un terreno prima incolto: siamo circa un centinaio di soci, abbiamo "adottato" un contadino disoccupato, che paghiamo con regolare stipendio e contributi, e tutti partecipiamo obbligatoriamente al lavoro nei campi.
Ora un piccolo consiglio a chi conta nel M5S (in cui credo veramente come possibile alternativa alle prossime elezioni): cominciamo a ricercare un livello culturale un po' più elevato, togliendo di mezzo le volgarità inutili, i link alle foto di donnine nude, ai blog degli pseudo-libertari-anarco-capitalisti-incitanti-all'evasione fiscale, e tutte le cose simili, dando spazio esclusivamente a visioni e testimonianze veramente "alternative". Personalmente non mi interessa molto conoscere le opinioni di pesudo libertari o ex-leghisti-indipendentisti pentiti.
Altrimenti anche il M5S si popolerà inevitabilmente di quei loschi figuri di cui vorremmo liberarci.

ranieri 09.02.12 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Jhonny, ti do' proprio ragione. Anche mio figlio di 22 anni vorrebbe fare come te. Peccato che chi non ha una lira, non può fare proprio niente. Una cantina devi metterla a norma, se non ce l'hai la devi comprare e poi ristrutturare. Noi non abbiamo una lira, abbiamo la casa, ma non un soldo da parte essendo io e mio marito lavoratori dipendenti. Bello, ma ci vogliono sempre le spalle coperte.

marina b., Patente Commentatore certificato 08.02.12 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Anche io ormai sono giunto allo stremo: Licenziato senza giusta causa ( stavamo scioperando perchè senza stipendio da mesi) , senza cassa integrazione ( finita la disoccupazione ) , senza un lavoro, con 4 mesi di affitto da pagare.... Aspetto come una manna dal Cielo che il Giudice si pronunci... Ma l'Azienda è fallita .... Manco il tfr ci hanno dato.... E tutti gli stipendi ... A mare....!!! Come vivo???

Rino 08.02.12 16:39| 
 |
Rispondi al commento

"In un discorso complessivo tu hai estrapolato solo il lato del sesso."

beh, non mi sono comportato diversamente da chi ha dato il titolo al minipost.

duccio di buoninsegna 08.02.12 15:25| 
 |
Rispondi al commento

ma scopa un po' dove ti pare e stattene quieto, invece di magnificare la tua vita bucolica di fronte a gente che di problemi ne ha già abbastanza.

duccio di buoninsegna 08.02.12 13:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo e complimenti. Torniamo tutti alle nostre origini altro che fabbriche, capannoni etc.
Torniamo ad avere un cavallo al posto della macchina, ci costerà di fieno in inverno ma in primavera potrà pascolare. Io ho 7o anni ho godutoi la mia vita fatta di lavoro e sono in pensione. ma nonostante tanti anni di contributi e tasse anche adesso devo pagare l' IRPEF per uno stato che non cè. In ogno caso non vedo tante soluzioni, altrimenti freghiamo un pò di soldi ai partiti se sparicono 13 milioni di euro e nessuno se ne accorge è meglio fregarli !!

marco napolitano 08.02.12 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Johnny, sono con te ! io sto nelle Marche sui Monti Sibillini e godo anche io di questa improvvisa immobilità e semi-isolamento.
Facciamo un'associazione?? tra noi, tutti noi che siamo tornati indietro per andare avanti: Associazioe TIPAA (TORNATI INDIETRO PER ANDARE AVANTI).Saluti e auguri a tutti noi.
Roberto di Gualdo

Roberto P., Gualdo (MC) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.02.12 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Oltre al vino cotto potresti vendere l'acqua cruda. Prossimo anno, vino crudo e acqua cotta, e ci fai felici proprio tutti!

Nowhere Near 08.02.12 12:09| 
 |
Rispondi al commento

"Si gli animalisti ci rimarranno anche male lo so....ma fidatevi, i maiali mangiano come porci e soffrono solo 5 minuti, il tempo di dissanguarsi.
ahahaha
dai ragazzi, vi rispetto ma io sono un carnivoro e fiero di esserlo.
Come voi d'altronde siete fieri di essere erbivori o come si dice oggi vegetariani e io non dico nulla.
ciao e su con la vita"

Spero lei morirà dissanguato, tanto sarà una cosa veloce, no?! Tanto lei ammazza animali quindi dovrebbe sapere come funziona! Le auguro tutto il male del mondo!

alessandro earthlings (silverforest), Milano/Londra/Parigi Commentatore certificato 08.02.12 08:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho letto questa esperienza di vita e la condivido in pieno...perche' questo e' il nostro unico modo di vivere veramente nel futuro...il ritorno al futuro dell'Italia...qualcuno lo fa gia' , tanti come me ci stanno arrivando, bravo johnny gaspari, sei la via da seguire !
Dario Baldan Bembo

dario baldan bembo 08.02.12 06:38| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

E lo SPREAD non interessa?

Antonio P., Hong Kong Commentatore certificato 08.02.12 02:59| 
 |
Rispondi al commento

LA VERITà è...CHE FINCHè AVREMO UNA GOCCIA D'ACQUA PER DISSETARCI NON TROVEREMO MAI IL CORAGGIO E LA VOLONTà DI LIBERARCI DI QUESTA CLASSE POLITICA, CHE HA DISTRUTTO L'ITALIA, ED IL FUTURO DEI NOSTRI FIGLI. E LORO...QUELLA GOCCIA D'ACQUA NON CE LA FANNO MANCARE.

alessio f., castelvetrano Commentatore certificato 07.02.12 22:57| 
 |
Rispondi al commento

Sei un Grande.
con sincerità!

ti auguro tanta salute e felicità.

Alessandro D., Roma Commentatore certificato 07.02.12 22:33| 
 |
Rispondi al commento

Ho fatto politica sempre nei partiti residuali ( pri rete verdi ed una volta ho dato il voto ad un radicale) sperando di trovare in questi un interesse per l'elettore. Invece di volta in volta ho constatato la sussidiarita' di questi partiti a quelli che gestivano il potere proprio per ottenerne delle briciole che le segreterie ed i pochi previlegiati si spartivano. Nel caso dei verdi ho assistito anche a truppe cammellate per portare voti ai congressi.Mi sono chiesto se e' possibile cambiare e penso che lo sia solo modificando i rimborsi elettorali " documentati" con la percentuale dei voti validi ottenuti. Esempio I voti validi sono il 65% bene allora il rimborso presentato sara' decurtato del 35% come penale per non essere stati in grado di sviluppare la partecipazione nell'elettorato. Ecco cosi' il partiti cercheranno e si rivolgeranno agli elettori con continuita' e non solo al momento delle elezioni: Sara' rispettiva cura operare in modo democratico ed eventuali malfattori verranno dagli stessi partiti additati come malfattorie non come adesso portatori di interessi. Infine per completare anche gli stipendi degli incarichi politici dovrebbero essere normalizzati con lo stesso criterio. Quelli comunali in rispetto alle elezioni comunali, quelli regionali allo scrutinio regionale, e cosi via. Tutto diventerebbe piu' semplice e qualsiasi sistema elettorale andrebbe bene. Colpiti nell'interesse i partiti cercherebbero il consenso in ogni manifestazione. Se ti piace grillo fanne l'uso che ti vuoi.

franco valori 07.02.12 22:11| 
 |
Rispondi al commento

forte e gentile...ti stimo abruzzese...by Napoli

Egahim M. Commentatore certificato 07.02.12 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Caro Johnny,mio padre che non c'è più, aveva un azienda.
Non dormiva tranquillo se prima non aveva pagato tutto e tutti.
Pretendeva, per esempio, che tutte le donne al frantoio usassero i guanti.
Mi diceva"A parte i dolori reumatici che potrebbero prendersi lavorando con l'acqua fredda, non voglio neppure che si rovinino le mani"
Quando ha potuto trovare lavoro a qualcuno, ho saputo per caso da lui solo pochi mesi prima della sua morte, lo ha fatto in silenzio, senza mettere nessuno al corrente di ciò che stava facendo, per evitare di essere ringraziato.
Era anche sindaco di un piccolo paese e si attirò le ire di tutti i "benpensanti" perché fece in modo che tutte le famiglie povere (parliamo di quarant'anni fa) potessero avere un bagno coprendo i piccoli terrazzi esterni.
Mio nonno pretese la pensione per tutti anche se all'epoca non si usava.
E potrei andare avanti ancora e ancora.
Il tuo racconto mi ha commosso.
Quando è mancato la chiesa era stracolma .
Io non vivo dove viveva lui, ma ancora oggi quando vado lì, le persone mi vengono incontro e mi riempiono di gioia per le belle parole che hanno sempre nei suoi confronti .
E'la più grande eredità che mi ha lasciato.
Voleva a tutti i costi che io andassi a vivere fuori dall'Italia pur volendomi un bene dell'anima.
Io non l'ho ascoltato ed è la più grande stupidaggine che ho fatto.
Buona vita Johnny, nessuno avrà la nostra anima, non sanno neppure che esiste un anima!

Stefania A. 07.02.12 19:05| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

stavi andando bene, poi mi sono ricreduto:

"cuocendo qualche salsiccia fatta con i maiali allevati da noi"

volevi dire allevati e ammazzati da noi, peccato perchè il maiale è un animale molto intelligente.
pessimo esempio per i ragazzi che seguono il blog Beppe.

gianni frascogna 07.02.12 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non so chi sei ma non sei l'unico ci vuole coraggio e tu ne hai avuto molto dippiù di tanti..hai mollato tutto per una vita semplice e la cosa più bella nella vita e proprio la semplicità. Mi auguro un giorno di avere lo stesso coraggio con mio marito e di poter insegnare alla mia piccola bambina i veri valori della vita che non sono di certo ne un cellulare ne un vestito firmato!!! Grazie della tua testimonianza..Daniela

daniela pierdominici 07.02.12 18:53| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Complimenti per la tua volontà, e il tuo coraggio.
e te lo dico candidamente: ti invidio!

Continua così e non lasciarti scoraggiare da chi ti critica e ti smadonna dietro.

Valerio B., brescia Commentatore certificato 07.02.12 18:17| 
 |
Rispondi al commento

complimenti per quello che hai fatto,il tuo sogno e' anche il mio, partiti e politici dovete sparire, un bacio a tutti in particolare agli abbruzzesi.

bruno paccasassi, roma Commentatore certificato 07.02.12 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Ultimi sondaggi politici , la novità è il movimento 5 stelle
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/ultimi-sondaggi-politici.html

Tutti i nomi degli oltre 1000 iscritti alla loggia segreta P2
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/tutti-i-nomi-della-loggia-p2.html

La statua più bella del mondo, Il Cristo velato
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/la-statua-piu-bella-del-mondo-il-cristo.html

Il debito pubblico italiano in tempo reale
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/il-debito-pubblico-italiano-in-tempo.html

I poveri parlamentari italiani in vacanze alle Maldive
http://quaeram.blogspot.com/2012/01/i-poveri-parlamentari-italiani-in.html

I nomi segreti di almeno 42 massoni italiani famosi
http://quaeram.blogspot.com/2011/12/i-nomi-segreti-di-almeno-42-massoni.html

ultimo sondaggio per la camera dei deputati
Grillo al massimo storico, il M5S diventa il quarto partito italiano
http://www.solosondaggi.blogspot.com/

raf 07.02.12 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Ma tu sei un GRANDE!!!
Ho postato circa un mese fa proprio un commento sul tornare ad una civiltà agricola.
Tu sei la prova che il mio sogno potrà realizzarsi. Spero di trovare il coraggio che hai avuto.
Io faccio la vita che facevi tu, ma rispondo con fatica e conseguenze negative continue, ai soprusi ogni volta che qualcuno (che molto spesso vale meno di me) tenta, fallendo, di rubarmi la dignità.
GODITELA TUTTA perchè te la sei merita la vita che oggi solo forse puoi chiamare "VITA".

Matilde Conte, Roma Commentatore certificato 07.02.12 15:56| 
 |
Rispondi al commento

La vita ideale liberi dal lavoro dipendente e superiori aguzzini,consumando meno e vivendo di piu.

Simone Mar, Milazzo Commentatore certificato 07.02.12 15:50| 
 |
Rispondi al commento

...è vero hai perfettamente ragione...

La mia domanda è: c'è abbastanza terra coltivabile al mondo affinché ognuno dei 7.000.000.000 di persone possa avere un suo spazio, non grande, solo, uguale al tuo ?

P.S. Il mio cognome è veramente Gaspari.

Alberto Gaspari 07.02.12 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao conterraneo; ogni giorno per 2 volte passo dalle tue parti, lavoravo in Alcatel Italia a chieti scalo ora dalla città sono passato a vivere in campagna, a Penne, lascia stare gli invidiosi che dicono"non c'e' campagna per tutti" lascia perdere quelli che ti dicono" eh le paghi le tasse sul vino"... sono quelli che magari non pagano il canone tv e il vino non sanno neanche come si fa'! altrimenti "imparerebbero l'arte e la metterebbero da parte" cercando quando possibile di andarsene dalle loro "metropoli" che al ristorante gli servono patate di plastica e le loro donne non san più neanche fare sagne e fagioli....ma solo scaldare i piatti pronti al microonde.....SIGNORI SE VOLETE TORNARE A VIVERE IN CAMPAGNA DOVETE RINUNCIARE ALLA GLOBALIZZAZIONE.....E SOPRATUTTO....NON ROMPETECI SE VOGLIAMO FARLO.....TENETEVI IL VIAGRA, NOI DOVE ARRIVIAMO SEGNAMO.......

giovanni da penne 07.02.12 15:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma avete mai letto "La Malora" di Beppe Fenoglio?

Lorenzo Papini 07.02.12 14:57| 
 |
Rispondi al commento

Non avevo letto il commento di Gesualdo. Anch'io abito in collina ai piedi del Gran Paradiso, in questi giorni di notte ci sono -17. All'anno con il consumo di cucina accendendo al mattino di GPL spendo 700 € l'anno e con due stufe circa una tonnellata di legna. L'alloggio attuale è di circa 80 mq. Se la casa non fosse già stata così vecchia e gli interventi di coinbentazione avessi potuto farli meglio spenderei di meno
Ti consiglio se puoi di investire sulla coimbentazione, è anche parte del campo in cui lavoro, e vedrai dei grossi margini di miglioramento nei consumi
Invece di inveire dicendo che prendono per il culo, prova a cambiare le visuali
Ho due amici che da 20 anni si sono messi a fare colture biologiche, vendere pane che fanno loro (prima lavoravano in fabbrica) e ci vivono sopra benissimo. Altri coltivano frutta ecc. Certo non si comprano l'auto di ultima generazione o il suv ma sono molto contenti della loro vita e non tornerebbero indietro

adriano 07.02.12 14:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ho mai detto di passarmela bene economicamente e di aver risolto tutti i problemi della mia vita.
Sono costretto a subire ancora le angherie di uno stato parassita che non perde occasione di venirmi a chiedere soldi per qualsiasi scusa e, avendo un'attività in regola, devo pagare anche le tasse e ho i miei problemi con equitalia come tutti.
Ho solo un piccolo orto sotto casa al posto del prato inglese non ettari di terreno da coltivare.
Ma stiamo creando una comunità di amici che mette a disposizione quello che ha.
Non ho la televisione digitale ne l'I-pad non mi servono mi basta un mazzo di carte napoletane.

Sono costretto a rinunciare a molto e a volte non è facile.

Ma vedo che, da quando non ho più l'automobile e vivo in una casa che non è mia ma è di mio suocero il quale lo ha ereditato dal padre, la gente non mi invidia più anzi, viene alla cantina molto volentieri.

Non ho mai detto di essere felice e di aver risolto tutti i problemi anzi....
Ho solo detto che finalmente sorrido di più e mi basta pochissimo per trasformare una partita carte in una festa.
Quando ero in fabbrica avevo perso il buon umore e cercavo sempre più vizi e ogetti che mi facessero stare un po meglio.

La vita continua ad essere dura ma una cosa è importante...la volontà!
IL negozio l'ho aperto costruendomi, insieme amio suocero, scaffali banco bagno, impianto elettrico
e tutto il resto con le nostre manine senza chiamare ditte che mi arebbero chiesto soldi che non avevo.
Le fornituire di vino le ho prese pagando vecchio per nuovo e sono partito a lavorare chiedendo la licenza al comune che è gratis, a parte qualche bollo o tassa di poco conto.
ogni tanto resto dietro di uno o due affitti o magari sono costretto ad accendere il generatore perchè non ho potuto pagare la bolletta dell'enel ma i problemi si risolvono impegnandosi non piangendo o insultando chi laora sodo per se stesso anziche per uno schiavista.
Ripeto: l'indirizzo e il mio nome sono ben visibili.
Venite a verificare

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 07.02.12 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Hai detto bene quando hai detto PROMETTE perché poi li paghi ma il promittente, cioé lo stato, non mantiene la promessa. Basta guardare la sanità cosa è diventata, specie al sud. Cosa sono i trasporti, le utenze, la scuola, le pensioni a fronte delle quali paghiamo molto più che altrove per avere servizi da terzo mondo perché il denaro pubblico è amministrato da criminali.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 07.02.12 14:37| 
 |
Rispondi al commento

Con una casa distante da dove abitavo, che mi avevano lasciato i miei genitori, vendendola ho comprato quella attuale. Vechia, ho sistemato prima il piano di mezzo, adesso dopo 15 anni stò finendo quello superiore. Un po' per anno ci sono riuscito
Le cifre per capire, sono meno di un medio alloggio in città
Ho terreno, legna ecc. Questo comporta sacrifici, ma a livello di vita facendo i calcoli a fine anno posso fare un lavoro asterno per soli 6 mesi all'anno. Di situazioni del genere ce ne sono tante
Ci sono un mucchio di case e terreni abbandonati
Il problema è che pochi hanno fatto scelte del genere, io ho sentito 20 anni fa che in caso di crisi una casa del genere mi avrebbe salvato più che avere un alloggio in città. La crisi che si prospetta, e vedendo il mio lavoro è solo all'inizio, mi ha dato ragione. Chiaro in questi anni ho faticato, ma sicuramente mi ha dato soddisfazione

adriano 07.02.12 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Il Sindaco Merola, ha suggerito meno Facebook e più pale. Dopo 2 giorni ha spalare neve nella mia via per riuscire ad entrare a casa. Servizio complettamente assente di pulizia delle strade, non me ne voglia ma torno sulla tastiera del pc!!

maurizio barbagallo2, Bologna Commentatore certificato 07.02.12 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Ha proposito dei posti di lavoro fissi.
Io ho perso il lavoro da 3 anni mi sono adeguato a fare di tutto ovviamente in nero addirittura per un giorno.
Ho un debito risiduo con la mia banca di 6000 euro dopo averne pagati 9000 perchè lavoravo. Ora voglio pagarli offrendo 400 euro al mese prestati grazie a mio padre pensionato. Ma la banca le vuole tutti entro lunedì 23/02 ovviamente non mi è possibile avere questa somma. Mio padre un prestito perchè ha superato i 75 anni di età. E' neccesaria la presenza di un garante. Impossibile! Non ho il lavoro, non ho più una dignita di persona e di essere umano.
La mia unica soluzione il suicidio sono pronto a farlo!Maurizio B.

maurizio barbagallo2, Bologna Commentatore certificato 07.02.12 14:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao, complimenti x la scelta.
guarda, anche io vorrei farlo, ma non ho i soldi neppure x comprarmi un rudere.... e poi ai precari chi presta i soldi.... ? :(
;) hai qualche consiglio ? tnks! ;)

cristiana c., como Commentatore certificato 07.02.12 13:51| 
 |
Rispondi al commento

Salviamo le vacche.

Chi non conosce Lola, la vacca forse più famosa d’Italia?! Io la conosco , la ricordo molto bene , ma ricordo anche , la Gina , la Nina e la mucca Carolina .Le stalle, da nord a sud, dagli stazzi della Sardegna alle malghe di Bagolino,sono piene di vacche dai nomi bizzarri e fantasiosi .
Liberalizzazioni. Anche le quote latte furono “LIBERALIZZAZIONI” , e mi permetto di rilevare ,anche loro imposte dal governo sovranazionale Europeo. Queste sarebbero state la salvezza della zootecnia nazionale ed europea ,un vantaggio produttivo per gli allevatori ,un miglioramento qualitativo del prodotto e dell’offerta e quindi un prezzo favorevole per i consumatori finali: noi. Anche oggi , IMPORRE, pare essere il diktat,l’ordine perentorio, per farci accettare una logica di mercato arrogante e aggressivo; Logica, prepotente e assolutistica che questo governo sta stabilendo ,mostrando senza ritegno né discrezione quale sia il suo vero volto.

mario v., brescia Commentatore certificato 07.02.12 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Per tornare alla "società rurale" o comunque tornare indietro, bisogna anche essere pronti a prendersi i lati brutti: fare 6 figli per farne sopravvivere 3, campare 45 anni e morire di freddo, di fame o di mal di gola, sdentati e con la schiena rotta.
Pensate alla piramide dell'età [http://it.wikipedia.org/wiki/Piramide_delle_et%C3%A0] e al suo significato e siate realisti. Prima quando "si stava meglio" si moriva prima, si moriva di cose che adesso non ci uccidono più, c'era meno libertà. Certo, come dici tu, che di qualcosa bisogna morire, ma morire, magari a 4 o 5 anni di tosse, di influenza, di tifo, di colera, di vaiolo... Ma quante cose abbiamo lasciato indietro senza ricordarcene?
Lo stato non serve a niente dici... Ma se a uno gli vengono i 5 minuti, vien da te e ti incendia il negozietto poi cosa fate voi ragazzotti? Morite di fame o chiedete i danni? O chiedete che venga arrestato il colpevole? O.... certo, tutto come allora: andate a incendiare la casa dell'impazzito!!
Pensiamo invece alle cose che non vanno e troviamo un modo di andare avanti e aggiustarle, non di tornare indietro.


Molti anni fa un parlamentare disse che sarebbe arrivato un giorno in cui la società consumistica ci avrebbe fatto sentire dei bisogni allora ancora non immaginabili e, in nome di quei bisogni e in cambio degli stessi, ci avrebbero tolto dignità e libertà... Direi che siamo a quel momento e invidio molto chi, come il nostro amico ex operaio, è riuscito a svincolarsi da questo modo assurdo di vivere.. spero di riuscirci anche io un giorno.

Simone Fantinato 07.02.12 12:49| 
 |
Rispondi al commento

ORGANI DÌ STAMPA, STUPRATORI DELL’INFORMAZIONE.


Qualcuno, forse, non sì e ancora accorto che qualcosa è cambiata su questa terra, che questo mondo non è affollato solamente da popoli, masse che respirano, crescono, amano e muoiono, ma soprattutto da individui, ognuno con una propria identità, ognuno con un significativo e irripetibile talento.
Qualcosa è cambiato, l’uomo è cambiato. Almeno in parte il branco che l’ha caratterizzato per secoli, sciocco e facilmente condizionabile, relegato a ruoli di sudditanza da dogmi religiosi e inspiegabili servilismi, suddito sottomesso e obbediente, si è trasformato in individuo attivo, partecipe, attento alla realtà e ai suoi mutamenti e soprattutto: preparato, istruito, colto. Questo, l’ha reso consapevole del valore di sé e della propria opinione all’interno di una società civile e democratica. Per secoli il potere ha considerato la massa come una cosa (Res) alla stregua di un animale da lavoro. Un soggetto da sfruttare per un proficuo tornaconto personale, utilizzando strumenti coercitivi per ottenere il principio cardine su cui si fonda l’obbedienza: l’ignoranza. La stampa in generale, e più nello specifico la stampa d’informazione, ha giocato un duplice ruolo in questa strategia atta a mantenere il livello culturale della popolazione bassa; Il primo nel mantenere un basso profilo d’informazione e l’altro nel diffondere informazioni faziose, spesso false; Una stampa complice del potere di turno asservita ai loro scopi, a finalità spesso fraudolente.
Qualcuno non si è accorto di tutto questo e continua a comportarsi esattamente come se la ruota, il motore a vapore e l’energia atomica, l’informatica non siano ancora stati inventati.
La tecnologia ha dato la possibilità di acceso a una grande quantità di dati ampliando la diffusione dell’informazione, a prescindere, dalla sua qualità e dalla sua integrità. Continua. http://www.mosessoon.com/wordpress/

mario v., brescia Commentatore certificato 07.02.12 12:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' il mio sogno! Se vincerò il superenalotto, per il momento mi accontento del mio orto piccolino, ma meglio di niente e, zanzare a parte, è bellissimo!!!! Ciao e in bocca al lupo per tutto. Sempre che Monti non decida di tassarci anche quello....

Raffaella L., Pavia Commentatore certificato 07.02.12 12:31| 
 |
Rispondi al commento

fortunatamente non tutti gli imprenditori sono simili e non tutti i dipendenti sono "prenditori."

Mario L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.02.12 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Signori e Signore mi è giunta notizia che verrano spesi altre 100 milioni di euro per braccialetti elettronici per i molviventi che si trovano ai domiciliari.
Questa notizia sarebbe buona se non fosse per il fatto che già si è speso tanto per questa tecnologia dal 2001 mai in uso...Basta con questi continui sprechi chi deve agevolare ancora il Governo Monti?
La notizia è riportata dal corriere della sera del 1 febbraio 2012.
Leggete ed inpallidite!!


donatella irace 07.02.12 10:49| 
 |
Rispondi al commento

la finezza è lo "snow park" non lo avevo mai sentito prima, come aprire un aqua park quando piove e i fiumi esondano, troppo bello

psichiatria. 1 07.02.12 10:19| 
 |
Rispondi al commento

La campagna bisogna conoscerla per viverci.Se milioni di persone 50 anni fa la hanno abbandonata per un lavoro da operaio qualche motivo lo avranno avuto.(FAME)
Non si può buttare tutto lì facile facile sottolineando che in campagna "si fa la colazione del gallo" ,che salta addosso alle galline già a mattino presto.Io la campagna la conosco,per viverci(e pagare l tasse) non bastano 1.000 metri di terra,e nemmeno 10.000.Una volta era possibile ,oggi no.In inverno si mangiava o polenta o castagne,tutto l'inverno.Sapevano convivere con i topi in casa,che se non se li mangiava il gatto potevano anche finire nel pranzo,e qualche volta si mangiavano anche il gatto,per la fame.La terra è bassa,e la buona volontà non è sufficiente,ci vanno tanti soldi per gli attrezzi,non è pensabile il ritorno delle mondine nelle risaie,con contratto a progetto.

B&b spa 07.02.12 10:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che bella favola...
per bambini.
tutto troppo semplice e bello.

Paolo r., Padova Commentatore certificato 07.02.12 10:08| 
 |
Rispondi al commento

diverse situazioni simili stanno spuntando ovunque,forse funzioneranno forse no,io vivo a meta',cioe'lavoro in citta' ma vivo in campagna tra maiali e galline e debbo dire che mi trovo benissimo ,a parte le 3 ore giornaliere di auto.credo pero'che prima o poi qualche vicino geloso del tuo stile "indipendente" sia invogliato a far dispetti oppure a segnalarti ai riscossori in divisa,sai ai giorni nostri le persone di merda si stan moltiplicando di brutto....comunque auguri.

luca m., bulagna Commentatore certificato 07.02.12 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Lo dichiara il professor Andrea Segre' dell’Universita' di Agraria di Bologna: 20 milioni di tonnellate di cibo SPRECATO ogni anno in Italia, 37 miliardi di euro il valore corrispondente, circa al 3% del prodotto interno lordo del nostro paese. Come si fa a buttare via questa ricchezza enorme mentre ci sono famiglie che stentano ad arrivare a fine mese?
Segre' e i suoi colleghi non si sono limitati a fornire delle cifre scioccanti. Hanno fondato Last Minute Market (http://www.lastminutemarket.it/), e con il sostegno della Regione Emilia Romagna, hanno aperto supermercati dove si vendono a prezzi bassissimi prodotti ancora ottimi ma che stanno per superare la data di scadenza.
Ora, oltre agli alimenti, stanno proponendo anche medicinali prossimi alla scadenza e libri invenduti che le case editrici manderebbero al macero.
Ma ci sono molti altri prodotti che vengono buttati perche' hanno piccoli difetti: un graffio o una confezione lacerata portano a buttare via televisori, computer, frullatori e altri elettrodomestici di ogni tipo. E che dire delle tonnellate di vestiti, borse e scarpe con marchi contraffatti che ogni anno la Finanza e' costretta a distruggere?
Siamo una societa' opulenta e folle.
Last Minute Market e altri gruppi hanno dato vita a iniziative simili nelle principali citta' italiane e in molti centri minori.
Un lavoro enorme che permette ogni anno di recuperare centinaia di tonnellate di cibo.
E in molte citta' esistono organizzazioni che raccolgono mobili, suppellettili ed elettrodomestici usati, li riparano e li rivendono a prezzi ribassati. ps.in italia il cibo buttato nutrirebbe 44 milioni di persone.

gagliardo giuseppe 07.02.12 09:34| 
 |
Rispondi al commento

Io ho il tuo stesso problema vedo che almeno uno c'e la fatta io ci sto provando e' il mio sogno e vorrei che i mie bimbi ne possano vedere il frutto faro' di tutto per spostarli da qusta società falsa e corrotta nel profondo dell'anima senza valore e selezionatrice,loro non devono imparare niente di tutto questo,sono contento per te che stai creando la vera rivoluzione bravo.

Robbi fiorini 07.02.12 09:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa è la vera rivoluzione!lo stato continua a farsi forte ricco e potente perchè noi glielo permettiamo, ci affama facendoci pensare che abbiamo bisogno di cose inutili. Risorgerà uno stato degno di essere tale solo quando QUESTO stato imploderà, e la tua mi sembra un'ottima strada per una rivoluzione felice! in bocca al lupo

ibe pao 07.02.12 09:11| 
 |
Rispondi al commento

... E a proposito di salsicce e maiali uccisi da lei che personalmente non vorrei mai incontrare ... dovrebbe pensare sul serio a ciò che fa.. Tutto quello stress e dolore che provava lavorando in fabbrica e di cui si "lamenta" il maiale lo vive amplificato per 100 nelle stalle dove lei lo chiude!
Chi mangia carne non ha cuore e spero che la fabbrica dove lavorava
venga a pulirle le mani sporche di sangue!
Non vanno sfruttate le persone, ma neanche gli animali.

alessandro earthlings (silverforest), Milano/Londra/Parigi Commentatore certificato 07.02.12 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Ma finiscila Beppe stai veramente raschiando il fondo!! Questa storia è talmente bella da essere una cagata pazzesca. Vengo da una famglia contadina e vivo in campagna la casa la riscaldo con la legna e il GPL in due mesi ho consumato quasi una tonnellata di legna più svariati mc di GPL e questo si scalda con 4 rametti degli scarti di potatura, ma finiscila cazzo!! Per non parlare del lavoro per tirare a campare ci facciamo un mazzo colossale con i prezzi del gasolio che salgono e la grande distribuzione che paga sempre meno......smettila di pigliare per il culo Beppe!!

Gesualdo Antani 07.02.12 09:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non capisco xchè si deve rispondre a estremi con estremi opposti !!. Se il m5s pensa di farci tornare a cagare in campagna stiamo freschi !!! Piantiamola di fare castelli sulle nuvole , e confrontiamoci con uno stile di vita razionale, non fantasioso; non spacciamo sogni, troviamo soluzioni logiche !!!!!...e attenti xchè ora ci saranno eserciti di cazzeggiatori che si butteranno in politica come volti nuovi !!! voglio il curriculum prima di "assumervi"!!!!!

ina ghigliott 07.02.12 09:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


"FALSE GENERALITA' --Sarebbe ora di abolire l' etichetta convenzionale di
'governo tecnico' che i media mainstream hanno coniato e appiccicato a
questa banda di lupi travestiti da sobri uomini in giacca e cravatta
insieme a donne di ferro dentro, e dalla lacrima facile fuori, e di
definirlo per quello che in realtà è. Sopratutto alla luce delle azioni
intraprese. A danno dei cittadini aggredendone i redditi e quindi colpendo
ulteriormente l 'economia, oppure destinate a sventrare lo stato sociale. A
questo aggiungiamo le recenti colossali, strafottenti esternazioni
ad-minchiam dei vari Martone, Fornero, Cancellieri e lo stesso Monti. Sono
li per tutelare gli interessi dei banchieri-gangster, ai quali offrono in
sacrificio, senza scrupolo alcuno, intere nazioni e interi popoli, bambini
compresi. Quello che si risparmia sulla spesa sociale, quello che si
raccoglie con la ipertassazione del cittadino, con il licenziamento dei
dipendenti pubblici, con la svendita delle privatizzazioni, con la
decurtazione di stipendi e pensioni e con l' aumento incontrollato di ogni
cosa sarà la sottrazione della nostra ricchezza con la quale provvedere a
pagare sontuosi e insostenibili interessi ai banchieri-gangster possessori
dei nostri titoli di stato. Come in Grecia, dove le mamme sono costrette a
lasciare i bambini fuori dai conventi perchè non hanno più soldi per
sfamarli. Era questa l'europa che si voleva ??

Cielo Stellato 07.02.12 08:47| 
 |
Rispondi al commento

grande!!

mario mario Commentatore certificato 07.02.12 08:44| 
 |
Rispondi al commento

ma la vogliamo smettere? Io vengo da una famiglia di contadini: noi abbiamo un'idea bucolica, romantica e ovattata della vita nei campi. Ma avete mai sentito (magari dai vostri nonni) cosa era la vita in campagna 50 anni fa? Una vita di stenti, giornate intere di lavoro e poi un capriccio climatico ti faceva saltare tutto e ti riduceva alla fame. E i sopprusi dei padroni, dei "signori", per i quali si lavorava? eh si, perchè mica tutti i contadini avevano la fortuna di avere il pezzo di terra...
E comunque, ritornando a questo post, è la solita solfa del tipo che ha saltato la staccionata andando nella lunga schiera dei detrattori di questo Paese che non danno niente (tasse ne paga?) e pretendono tutto!

fajo 07.02.12 08:39| 
 |
Rispondi al commento

sei un grande!!!!!

marzia genesini 07.02.12 08:37| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno pensa che ciò non sia possibile..dubita di queste storie, la realtà invece è questa,basta uscire di qualche kilometro dalle città capoluogo di provincia e già si trovano paesini,frazioni,borghi...dove le case sia datate che nuove hanno prezzi molto più competitivi delle città, spesso puzzolenti e intrise di edifici multipiano scadenti e che costano uno sbotto!.
Molte persone che vivono in città trovano difficoltà a vivere distanti magari 5 5-8 Km...
Un amico ha fatto lo stesso passo...ha comprato una casa molto grande con terreno circa un ettaro e un annesso agricolo,in un paesetto qui vicino livorno..già ristrutturato..l'ha pagato quanto un appartamento medio-grande con garage in città...la casa è talmente grande che può ospitare 2 famiglie, infatti il figlio dispone della propia ala di stanze privata(con buona pace per la cancellieri!).
Alle volte le cose ci vuole più a dirle che a farle!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 07.02.12 08:36| 
 |
Rispondi al commento

Ma nessuno si accorge che ADESSO tutti alla fine chiedono solo meno intervento dello stato e più libertà di iniziativa. Dovevamo proprio arriavre allo sfascio totale di tutto e tutti per capire che solo lasciando alla abilità dell'intelletto e delle capacità umane si può costruire una società giusta ?

stefano tunesi 07.02.12 08:28| 
 |
Rispondi al commento

contento te :)

ma le paghi le tasse sul vino venduto? e soprattutto ce l'hai la licenza per venderlo?

girolamo guerra 07.02.12 07:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravissimo Johnny,
Una cosa bellissima. L'ho fatta anch'io, anche se la realtà è un pò piu amara, ma sicuramente meno amara della realtà che per la maggioranza del popolo che vive nella schiavitù per mantenere questo sistema di merda. Purtroppo per quanto ci possiamo esser liberati da questo sistema, rimaniamo comunque intrappolati ed in pericolo di essere riassogettati. Mi spiego.
Dopo aver lavorato per anni in ufficio, a 50 non servo più: troppo vecchio. Ci sono molti giovani da sfruttare. E allora mi sono messo a coltivare il vero biologico e cerco di vendere i miei prodotti, ma nella clandestinità, perche altrimenti dovresti entrare nell'ingranaggio infernale delle tasse, Iva, CCUU, certificazioni varie, ASL, e la lista e lunga. Oppure ti accontenti del minimo che non necessita di 730 come faccio io. Appena avranno un dubbio su di te, ti verranno a controllare per vedere come riesci a sopravvivere, per eventualmente "fotterti" fiscalmente. Casa tua e solo un'illusione, perche in qualunque momento l'ufficio delle entrate te lo potrebbe pignorare. Le bollette li devi avere per forza perche qualunque sistema ti puoi inventare, una eolica, un generatore ad acqua, qualuque cosa userai per distaccarti e non essere dipendente dal sistema, ti diranno che e fuori legge! "E fuori norma" la loro parola magica e insindacabilemnte risolutiva, per loro!. Questo perche l'Italia non è una terra di libertà, dove puoi vivere senza dover essere sottoposto a "qualcosa" o "qualcuno". Vivere sobriamente, liberamente, ecologicamente, senza essere attanagliato e al servizio del sistema E VIETATO. devi sempre fare riferimento al dazio sulla vita imposto da qualche stronzo al potere. C'e sempre un divieto che come un muro alto 10 metri ti impedirà di vivere secondo i tuoi ideali. Se tu invece ci sei riuscito, ti prego scrivimi o dammi la ricetta. Una soluzione sarebbe ribellarsi o andarsene... Ed e quest'ultima che vogliono che tu faccia oppure ti "adegui". Non ci riesco!!!!

sdaslt 07.02.12 07:46| 
 |
Rispondi al commento

Nooo dopo la casa di legno autogestita autoproducente autoalimentata e tutti felici dopo l uomo piu felice del mondo con la roulotte adesso il contadino scopone! caduta sempre piu in basso

pippopelo 07.02.12 06:42| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare così, se c'è una strada che porta al futuro è proprio questa: un sano ritorno alle origini!

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 07.02.12 02:11| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Gente dalle mie parti siamo abituati ad accogliere molto volentieri persone straniere sia italiane che non quindi chiunque passa da queste parti (il paese dove vivo è scrtitto in chiaro e sono vicino a Pescara) puo passare per un saluto e un buon bicchiere di vino lo offro io.
Accogliamo molto volentieri controlli dello stato, se le leggi non ci piacciono non è colpa dei controllori, quindi mi farebbe piacere salutarvi di persona e vi aspetto.
Ovvio che non faccio tutto io ma siamo un bel gruppo di ragazzi dai 30 ai 40 anni che si danno da fare per rendersi autosufficenti.
C'è chi alleva un maiale, chi porta i pomodori, il pecoraio del paese porta gli arrosticini e la festa è fatta. Le donne ci sono la musica anche...a cosa cazzo servono i politici in tutto questo?

Basta un po di intelligenzaza e cominciare a salutare il tuo vicino di casa anziche invidiarlo per il suv.

La cosa che mi dispiace ripeto è che devo pagare servizi di cui non ho bisogno e purtoppo li pago.
Non vado dal dottore credo da 2 o 3 anni e sto benissimo senza ansie da paura farmaceutica, tanto se dei morì...si dice dalle mie parti.
Non uso automobili e se mi servono urgentemente le affitto. 100 euro un giorno sono meglio di 300 al mese che costa la proprietà di un auto.

Non ho più un conto corrente da circa 3 anni e se si avvicina uno in giacca e cravatta, che non sia dello stato, prendo il forcone.
PURTROPPO TRA POCO DOVRO' PRENDERE IL FORCONE ANCHE PER QUELLI DELLO STATO VISTO CHE E' STATO RIMPIAZZATO DALLA MAFIA.

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 07.02.12 01:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi piacciono queste storie di gente che sta bene, libera, magari un po piu' al freddo, o in un posto piu' piccolo, ma esponenzialmente piu' serena!

Il tipo/a nel camper con le energie rinnovabili e il satellitare; quello/a con il negozio, l'orto e le salsicce al paese.

Magari son tutte fantasie, ma fa lo stesso; sono dipinti che mi convincono, un'altra via e' possibile, a testa alta, sereni e operosi, con poche svanziche e molte passioni.

L'ideale e' agire, ora; ma anche ripeterselo ogni giorno va bene. Dai e dai, ci si convince.

E chi vuole continuare ad alimentare quella che a me sembra una folle locomotiva, assetata di sempre piu' combustibile, umano, fossile, minerale o finanziario che sia, lo faccia.

Ognuno deve sentirsi libero di scegliere per come meglio crede ad ogni preciso momento storico, senza vergogna per le periodiche rivelazioni che correggono la rotta, di poco o di tanto che sia.

Grazie Beppe per questo bellissimo sito, e grazie a chi ci lavora per aggiornarlo, tenerlo aperto, a tutti.

Obrigado.

Peter K., Londra Commentatore certificato 07.02.12 01:14| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo non ho un fazzoletto di terra da poterci seminare qualcosa, non tutti hanno questa fortuna, ho solo unostato di merda seguito da unm esercito di parassiti che mi fotte il 50 per cento del mio guadagno per far vivere nel lusso i suoi seguaci.
Non mi lamento della neve che e' l'unica cosa pulita

giuseppe g., casagiove (ce) Commentatore certificato 07.02.12 01:10| 
 |
Rispondi al commento

Sei veramente in gamba. Complimenti !!! Hai fatto una scelta coraggiosa e ti meriti la felicità ...... Per il resto un grande Vafanculo allo stato italiano.....

Andy 07.02.12 00:28| 
 |
Rispondi al commento

In questo post compaiono sempre più spesso post di gente che dice di vivere "fuori dai comuni canoni" e di vivere felice.
A parte che queste storie non le trovo credibili,comunque sia senza soldi non si canta messa.
Per avere un pezzo di terreno o lo erediti o lo devi comprare,dubito che lo possa prendere abusivo; Poi sul terreno,che deve essere edificabile,ci devi costruire una casa,e qui partono altri soldi,senza considerare l'acquisto di animali e piante varie da coltivare.
Italiani,per piacere,svegliatevi. Chi sta bene in questo paese sono i soliti.

angelo f., milano Commentatore certificato 07.02.12 00:11| 
 |
Rispondi al commento

Tutto bellissimo, ti faccio i complimenti e t'invidio pure un po'. Non mi è piaciuta però la frase finale, quando dici "Stato che promette servizi che non voglio e di cui non ho bisogno..."
Bhè: scuola, sanità pubblica, forze dell'ordine etc., sono servizi che voglio e di cui ho bisogno.
L'individualismo non va bene, noi siamo comunità. Zoòn politicòn, per dirla con gli antichi. L'"io" deve morire, sostituito dal "noi". Ciao.

Bruno 06.02.12 23:46| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti vivissimi per il tuo coraggio e l'esempio che dai.
La tua scelta è sinonimo di grande evoluzione spirituale e personale. Il ritorno a questi valori è un grande passo avanti nella storia della nostra società.

Un caro saluto

Enrico Ferri

Enrico Ferri 06.02.12 23:29| 
 |
Rispondi al commento

il mio sogno...ti serve un manovale?

ALEZ A. Commentatore certificato 06.02.12 23:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ti ammiro e ti stimo!
È un percorso che le persone che hanno la voglia di vivere prima o poi saranno portate a fare!!!

William bianchi 06.02.12 23:07| 
 |
Rispondi al commento

Bello il minipost di oggi! la campagna e un grande sogno per molta gente,me compreso! 50\60 anni fa,i giovani contadini fuggivano dalle campagne salivano su delle grosse navi e sbarcavano a new york,da immigrati! in cerca di lavoro,in cerca di fortuna! molti pensavano che le grandi città fossero la risposta a tutti problemi! prova a farlo oggi!
l'ici negli usa si aggira attorno ai 1000$ l'anno,TANTISSIMO! l'affitto 400$ al mese,le case in se costano pochissimo parliamo dai 10 mila a salire! e una miseria se fosse in italia,ma cmq e quasi impossibile mantenerla per un italiano anche che emigra li! ai vecchi tempi forse era diverso,non so! forse c'era più possibilità più posto,la vita era meno cara!
Ma alla fine guardando ai giorni nostri mi rendo conto che forse quella di lasciare la campagna e la vita in italia non era stata poi una grande idea! adesso tutto e cemento,tutto e metallo,tutto si muove su dei grandi nastri!
tutto costa il triplo e tutto quello che compri e di plastica!
Dove sono finiti quei mandarini dolci che da ragazzino coglievo dagli alberi?
non ci sono più i mandarini che compri adesso fanno cagare,sono aspri,quasi sempre acervi privi di semi,e la buccia sembra stia marcendo tanto sia morbida,ma cosa mangiamo?
sostituiamo l'acqua alla cola,come a voler sostituire una mela,con una pera!
pensando che tra dieci anni farà male!
così è ci vediamo venire le catastrofi in contro senza mai saperle fermare!
L'italia e congelata adesso! alla fine e congelata per il progresso! per chi e rimasto se stesso va bene anche così com'è!

Domenico G., cardito Commentatore certificato 06.02.12 23:02| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena scoperto questo blog e ci va pesante su personaggi di spettacolo e politica.

http://il-volto-oscuro-dello-spettacolo.blogspot.com/


Mi sa che è meglio tenerlo sott'occhio (sperando non lo censurino come qualcun altro che ci ha provato prima di lui)! DIFFONDETE! La gente deve sapere cosa succede dietro quelle telecamere e negli uffici dei politici!

NO ALLA CENSURA!!!

corradop 06.02.12 23:01| 
 |
Rispondi al commento

complimenti, sono molto felice per te e anche un tantino invidiosa perchè questo sarebbe il mio sogno nel cassetto. ma da disoccupata e pagatrice (non so come continuerò a farlo) di un mutuo venticinquennale, sono tagliata fuori e credimi mi accontenterei molto volentieri di produrre quel tanto che basta ad andare avanti a me e alla mia famiglia....sono con te nei soprusi delle aziende, ne potrei dire di ogni ma..... lassastà. ancora complimenti, fortunello

arcangela 06.02.12 22:52| 
 |
Rispondi al commento

Cazzo, e pensare che vent anni fà se ti sentivano fare questi discorsi ti prendevano x un drogato in preda ad un delirio da cannabis!!! Vuoi vedere che stiamo proprio cambiando...!! Buona vita..!!

Tiziano Dalzoppo 06.02.12 22:44| 
 |
Rispondi al commento

http://noaccordoabi.blogspot.com/2012/01/marchionne-e-entrato-in-banca.html

DATE UN OCCHIATA AL NOSTRO SITO PER FAVORE

NOACCORDOABI 06.02.12 22:40| 
 |
Rispondi al commento

bel pensiero.
la verità è che ci hanno illuso che fosse facile(pensione dopo 20 anni,posto fisso,mutua,ferie ,tfr,8-10%interessi sul cc,casa iacp ,equo canone,ecc.e tanti di noi ci hanno creduto e si sono seduti ad aspettare che il tempo passasse.io ho cambiato visione e sarò tra quelli che,come età,ci casca in pieno a prenderlo nel ....non c'e più niente di tutto questo.
mi chiedo spesso se tutto quello che ho fatto nella mia vita è quello che ho voluto fare o è quello che il sistema ha voluto che facessi senza che io mi rendessi conto di quello che stava succedento nel paese.
Buona riflessione a tutti e fate ciò che ritenete più giusto per voi stessi........un consiglio fatelo ora è il momento giusto.

luciano f., bologna Commentatore certificato 06.02.12 22:30| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo tornando paurosamente indietro e arriverà il giorno in cui sarà fortunato chi avrà un pezzo di terra e saprà usare le mani. Tuttavia penso alle persone che stanno male. Dove andranno a curarsi se tutto dovesse andare a rotoli? Se di tante cose si potrà fare a meno (televisori, automobili, elettrodomestici vari), cosa succederà se un'ambulanza non arriverà in tempo, se un dializzato non potrà sottoporsi a dialisi, se una persona colpita da infarto non riuscirà a raggiungere l'ospedale in tempo, perchè dista 100 km? Avendo una madre con questi problemi, mi rendo conto dell'importanza delle tecnologie che la tengono ancora in vita e della prontezza dei soccorsi che più volte l'hanno salvata da morte certa. Certamente un ritorno ai vecchi valori e un mondo più etico sono auspicabili, ma io credo che su determinate conquiste, come quelle che riguardano la salute e l'istruzione, non si possa tornare indietro.

cinzia conforzi 06.02.12 22:21| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

SOTTOSCRIVO!

E devo dirti che io per vincere le ansie dovute al merdaio e i leccamerda miei "colleghi" mi faccio le canne nel cesso e mi scopo la collega in ufficio. Ma se arriva un'orto è il benvenuto. Coltivero' patate, insalata, pomodori...E MARJIUANA!

Alla faccia di fini giovanardi; si monti e di questa mummia incartapecorita e ci piscio sopra sul posto fisso e aspetterò che schiattino presto di cancro, loro e tutti questi muffosi ignoranti e ladri parlamentari...il nano e bersani in primis!

Elvio R. 06.02.12 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Basta che quando ti viene un malore non pretendi di essere curato con la migliore tecnologia possibile.
Comunque apprezzo quello che hai scritto.

Noè SulVortice Commentatore certificato 06.02.12 21:54| 
 |
Rispondi al commento

Ma che bella storia, sembra tratta dal libro "cuore" retorica a manetta....quasi da vomito!!

Fulvio C., Verona Commentatore certificato 06.02.12 21:10| 
 |
Rispondi al commento

...diciamo no ai cibi scaldati al microonde e no ai cuochi che fumano in cucina! ...se mi assumete nel vostro locale rispettando, oltre all'ambiente anche i dipendenti, mollo tutto e cambio vita...


è la vita che sto pensando seriamente di fare in futuro,voglio dedicarmi completamente alla permacultura la consiglio a tutti ,cambiamo questo mondo


Ma perchè invece di aprire un mutuo di 120000 per un'appartamento di merda, non mi sono preso quella bella cascina in culo ai lupi. ma perchè perchè perchè........

Jim Tiberius Kirk, trofarello Commentatore certificato 06.02.12 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Se si tromba a iosa, allora vengo subito a trovarti e magari resto lì! :D

Anacleto M. 06.02.12 20:42| 
 |
Rispondi al commento

...anche io ho scopato in mezzo a un prato, di una collina ma difronte come panorama avevo l'italsider di cornigliano...


a me sembra che questo "Stato di merda", bene o male, con tutte le sue storture, ti ha permesso di mettere qualcosa da parte per aprire un negozietto. Probabilmente ti ha permesso anche di costruire una casa con giardino, oggi trasformato in orto per tuo godimento personale. E poi, da operaio: lavoro troppo duro; da responsabile d'azienda: troppo stress.
Io credo che il tuo sia un caso da "culo pieno", come si dice dalle mie parti!

Adi M Commentatore certificato 06.02.12 20:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco le vite che andrebbero insegnate a scuola al posto di garibaldo, pascolo e di annunzio :-)

mi sembra il futuro dell'umanità o perlomeno di una cosa umana.

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.02.12 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Una vita eccellente, mi chiedevo solo se le paghi le tasse sul vino che vendi, perchè io che non ho il tuo coraggio le pago anche per garantire una sanità di merda a te. Questo pubblicizzare una vita a "costo zero" inizia a diventare stucchevole per chi con un lavoro precario da 10 anni non potrebbe mai permettersi un pezzo di terra che gli dia un sostentamento. Sembrano tanto storie radical-chic anni 70. Come dice Massimo Fini sarebbe impossibile tornare in massa nelle campagne, perchè non ce ne sono più per tutti. Proposte alternative prego

Simone Ferri 06.02.12 20:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Attenzione che il negozietto non diventi un "lavoro fisso troppo vicino alla famiglia".
Perchè è questo che vogliono, trasformarci in macchine da lavoro e basta.
Perchè le aziende ormai sono disumane, ed i direttori sempre più capricciosi, ed i turni in fabbrica disumani anche e soprattutto dal punto di vista psicologico.
Ho sognato leggendo questo post...un po' mi sono commossa.
Hai fatto quello che all'estero chiamano "downshifting", sei tornato ad una vita più semplice, magari con meno privilegi o possedimenti materiali.
Purtroppo non tutti possono farlo per questioni anche economiche. Allora dobbiamo restare nelle aziende a farci togliere l'anima?
Anche a me sarebbe piaciuto cambiare lavoro, e tanto. Ma a 40 anni dove vado? DOVE VADO?????
CHI MI PRENDE SE GIA' PER IL MONDO DEL LAVORO A 35 ANNI SI E' DEI MATUSALEMME?

Lucrezia Polito, Torino Commentatore certificato 06.02.12 20:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Monti direbbe:"che posto monotono".
Vi auguro tanta felicità.

Fontana Massimiliano 06.02.12 20:32| 
 |
Rispondi al commento

Chapò

Alberto Boiani 06.02.12 20:30| 
 |
Rispondi al commento

La leggerezza della normalità sembra quasi una kimera.....un luogo dove l'onirico e l'imponderabile
fanno a schiaffi e pugni per dominare la nostra grama ed inutile esistenza.L'articolo su descritto richiama ad una normalità quasi estinta....e forse la colpa è anche nostra perchè non siamo più in grado di reagire ad una politica e a quei caporali che il buon totò citava ben tanti anni fa.

Simone 65 06.02.12 20:24| 
 |
Rispondi al commento

Se torno in abruzzo vengo a bere nu bicchiere da te che na deta d savicicc. Ciao leo da ferrara ma
Abbruzzese

Leonardo masciola 06.02.12 20:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Invidiabile.

Dario Azzalin 06.02.12 20:22| 
 |
Rispondi al commento

sei un grande.
posso chiederti dove in abruzzo?
guarda qui questo video

http://www.youtube.com/watch?v=wXxnwVhKxEY

una nevicata epica.
anche se me ne ricordo di più abbondanti, da ragazzo.
il paesino mi sa che lo conosci.
le mie origini sono lì, è un posto stupendo.
se mi dici dove stai passo per un bicchiere di vin cotto. ciao.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 06.02.12 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Pensa lo sapesse Monti ,direbbe:"Che posto monotono".
Ti auguro tanta felicità

massimo f. 06.02.12 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Sei davvero un grande. Io faccio l'avvocato (o meglio il sistema vuole che lo faccia) ma da un pò di tempo sogno quel tipo di vita che stai facendo tu. Credo che presto farò una scelta simile anche io. Fanculo il sistema.

luca di martino 06.02.12 20:07| 
 |
Rispondi al commento

frechite,a cepaatta,quattr pass da la caassa mè si vivi assamanire,que Jonni ma a chi li vù ariccuntà,il vino cotto mi piace,in abbruzzo chè io sappia si scopava si scopa e spero si continui a scopare tranquillamente,forse eri tù ad avere problemi,e non raccontare cazzate,dell abbruzzo il pescarese è proprio la zona più depressa economicamente,la val pescara è al collasso,sotto il profilo industriale,forse tù vivi di rendita dopo aver fatto il leccapiedi per una grande azienda,

mimmo 06.02.12 20:06| 
 |
Rispondi al commento

42 anni sono gli anni passati dall'approvazione della legge n°300 statuto dei lavoratori...fissava l'orario di lavoro a 8 ore giornaliere...gli schiavi che costruivano le piramidi facevano gli stessi orari!..
E' vero chi vive fuori delle città vive meglio e con i mezzi di oggi può essere anche indipendente sia dal punto di vista energetico che alimentare...
Tra l'altro se uno ha manualità può fare tante cose..purtroppo chi vive in città è limitato...
Queste microattività campestri apportano un sostegno all'economia domestica non indifferente..basta pensare all'istallazione di una termostufa o termocamino,una cucina a legna,il forno a legna(le vendono anche prefabbricati molto più semplici da montare)quelli con refrattario bisogna essere esperti per realizzarli..un bel cappotto alle pareti esterne per coimbentare tetto e facciate, risparmiando soldi e energia..!serbatoio per raccolta acque piovane..una "serrettina" con lastre in policarbonato..'
Purtroppo oggi non posso più lavorare per motivi di salute...e sono bloccato in un condominio del cazzo-...ma se riuscirò ad uscirne cercherò una casa al pterra e metterò all'opera tutti gli amici..ovviamente sotto la mia guida...per non regalare più i soldi all'azienda del gas,enel, ecc....
Bene bel progetto...

roby f., Livorno Commentatore certificato 06.02.12 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Ah come si stava meglio quando si stava peggio...
Che saggezza eh?

Enrico T 06.02.12 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Sciapò!

Luis Defiunè 06.02.12 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Mitico!!! Evviva!!!

Mariella Sorbara 06.02.12 19:49| 
 |
Rispondi al commento

Grande, ottimo esempio.

Andrea Santoro 06.02.12 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe tanto...

...nei soliti film made usa che sbarcano in italia le famiglie vivono in case di legno indipendenti con giardino intorno cantina e box privato, vicino a strade libere e alberate...e noi dentro alte tremolanti scatole di ferro e cemento con balconi pericolanti, attornati da grige strade trafficate cariche di smog e di rumori di ogni tipo...che terribili differenze che esistono tra la realtà e la finzione che ci vogliono vendere. Ci vendoni sogni o ci fanno sperare inutilmente..
Quanto costa e quanto può fruttare una casa o un negozio in paese per un precario che non ha intenzione di indebitarsi e che magari ha delle spese e zero soldi da parte?
...Forse ci vuole un sistema collettivo che lo permetta prima di agire individualmente...


Davvero dico. vorrei venire da voi all'inizio per poco tempo e poi vedere se restare per sempre

mariuccia rollo 06.02.12 19:16| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori