Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le strisce invisibili


Strisce_scolorite.jpg
"L'inciviltà degli automobilisti che non si fermano alle strisce pedonali va condannata. Ci mancherebbe. Però le strisce dovrebbero potersi vedere. Invece le strisce spesso diventano trasparenti, metafisiche. Ci sono e non ci sono. Chi abita sul posto lo sa che ci sono anche se sono cancellate dal tempo. L'autista di passaggio non può saperlo e quindi lo insulta e qualche volta lo arrota. In questo caso il responsabile è il Comune? E perché non si dipingono le strisce? Per finanziare l'Expo? A che servono strisce invisibili?". Giovanni D., Milano

10 Feb 2012, 19:02 | Scrivi | Commenti (26) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Buongiorno a Tutti
E' la priva volta che metto un mio post/commento su questo blog e non so se sto seguendo le regole dello stesso. Se violo qualcosa qualcuno mi informi. Grazie!
Volevo iniziare una discussione sul tema: perchè se pago una multa automobilistica e poi il Prefetto o chi per esso la ritiene non legittima no mi viene restituito il maltolto?. E' quello che sta succedendo per le multe di Via Colombo a Mestre. Sembra, ma dico sembra!,... che la segnaletica non sia stata adeguata. Sembra, ma dico sempre sembra,... che il Comune abbia diciamo 'già fatto cassa' (chè chi si è beccato anche più di 20 multe a testa!)e che dia il contentino di annullare le multe appioppate nei primi 30 gg di attivazione delle telecamere. Per curiosità, andate a vedere i numeri e i soldi che il comune sta incassando. Proposta: se una multa viene dichiarata illegittima, chi ha già pagato la multa deve essere rimborsato. Un saluto a Tutti.

Paolo T. Commentatore certificato 02.07.12 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Crop circle ovvero cerchi nel grano

www.quaeram.blogspot.com/2012/02/crop-circle-ovvero-cerchi-nel-grano.html

Scoperta nuova specie - il leopardo nebuloso del Borneo

www.quaeram.blogspot.com/2012/02/scoperta-nuova-specie-il-leopardo.html

Esiste o no il mostro di Loch Ness ?

www.quaeram.blogspot.com/2012/02/esiste-o-no-il-mostro-di-loch-ness.html

la città perduta degli Inca , Machu Picchu

www.quaeram.blogspot.com/2012/02/la-citta-perduta-degli-inca-machu.html

pippo 15.02.12 22:43| 
 |
Rispondi al commento

le strisce non sono solo segnalate per terra ma da ambo i lati della strada da un cartello blu col disegno delle strisce pedonali.
l'automobilista non puo' fingere che non ci sia.

alessandro ginesi, Genova Commentatore certificato 14.02.12 15:31| 
 |
Rispondi al commento

semplice: siamo in itaGlia!!! dove tutto ed il contrario di tutto è possibile allo stesso tempo!

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 12.02.12 15:46| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO UN POPOLO DI MALEDUCATI, ARROGANTI,IMBECILLI, E CIALTRONI.
SE NON CREDETE, ANDATE A VISITARE
GLI ALTRI STATI EUROPEI.

orfeo nitrebla Commentatore certificato 12.02.12 00:56| 
 |
Rispondi al commento

Il costo delle strisce si ripaga facilmente multando regolarmente tutti quei mentecatti che non danno la precedenza ai pedoni. Altro che strisce invisibili, si potrebbero avere strisce d'oro.

Gigio Il Pendolare 11.02.12 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Le strisce pedonali, come la segnaletica orizzontale ordinaria, non vengono mantenute per dare la precedenza a strisce azzurre e parchimetri che servono a portare soldi nelle casse.
Così come viene data la precedenza alla raccolta delle multe per divieti di sosta vari, rispetto all'educazione di pedoni, ciclisti, motociclisti, ed automobilisti al rispetto degli altri e delle regole della strada, oltre che al buonsenso, perché portano soldi più facili nelle casse, con l'effetto collaterale dell'esasperazione dei soliti fessi. Sì, perché tanto amici ed amici degli amici le multe le evitano sempre, e per dimostrare di aver fatto i controlli, i vigili, le multe le fanno sempre e solo ai fessi, anche quando non commettono infrazioni.
L'educazione stradale dei cittadini è possibile, e lo dimostra il fatto che in Svezia, nel 1967, sono riusciti a passare dalla guida a sinistra a quella a destra con le sole esrcitazioni domenicali e senza multe.
Il parcheggio in doppia fila non scomparirà finché ci saranno tutte queste auto obbligate dalla frenesia burocratica a girare per le città, e finché per comprare il pane bisognerà andare in periferia nei centri commerciali usando la macchina. I trasporti li conosciamo tutti, com'erano già inaffidabili, e come sono peggiorati.
Tuttavia, il parcheggio in doppia fila o in sosta vietata non costituirebbe il pericolo che conosciamo se fosse fatto con buon senso, con ordine e con rispetto per tutti.
Differente è il discorso del parcheggio selvaggio e della guida selvaggia (in troppi parcheggiano negli spazi consentiti ma in modo disordinato che crea intralcio alla circolazione di tutti, e a questi nessuno fa caso, perché l'obiettivo è solo quello di fare cassa per pagare giunte, assessorati e corpi di polizia municipale) che si risolvono solo con l'educazione al buon senso ed al rispetto... per tutti.
L'Italia è sempre stata così, è così, e sempre lo sarà. Fatevene una ragione.

Livio V., Bari Commentatore certificato 11.02.12 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è nell' arroganza,con qualunque mezzo andiamo, a ruote o a piedi.qualunque mezzo cavalchiamo vorremmo che tutto intorno a noi scomparisse, pensiamo solo ai diritti, mai ai nostri doveri.
Non voglio difendere una classe a discapito di un altra, ma la verità stá sempre in mezzo.
Mi è già capitato di rischiare qualcosa sulle strisce, ma mi é anche capitato di vedere mamme spingere passeggini, forti del fatto di Avere ragione,rischiando la vita dei loro piccoli....... A cosa serve dopo avere ragione ? Mauro

Mauro crema 11.02.12 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Concordo e aggiungo che molti passaggi pedonali nelle ore serali non sono illuminati e questo a mio avviso è un altro problema serio.

gna omo Commentatore certificato 11.02.12 13:50| 
 |
Rispondi al commento

....gran parte degli italiani va piano in auto solo quando c'e' da guardare qualche bella gnocca a passaggio sul marciapiede, ecco la verita'......
( che fa male .....)

cristiana c., como Commentatore certificato 11.02.12 13:28| 
 |
Rispondi al commento

ma non possono mettere le strisce pedonali ogni 50 metri

stefano s. Commentatore certificato 11.02.12 13:13| 
 |
Rispondi al commento

...a proposito di sicurezza sulle strade:
a favore degli utenti deboli della strada pedoni e ciclisti!!
CAMPAGNA "SALVIAMO I CICLISTI"
https://www.facebook.com/groups/298708936854274/

http://piciclisti.wordpress.com/2012/02/11/salvaiciclisti-quarto-giorno/

DANILO della canfora (bikecity), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.02.12 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe è vero ciò che scrivi ed io mi domando? Perché il Comune non dà lavoro a un po di disoccupati così si dipinge un po le strisce per terra? Perché non si ha soldi sarebbero le risposte che ci potrebbero dare!! Ma allora tutti i soldi che guadagnano questi parlamentari???? Per non fare un cazzo è una vergogna!!

Gianluca De Simone 11.02.12 12:57| 
 |
Rispondi al commento

La mia idea è quella di ELIMINARE tutte le strisce pedonali e sostituirle nei punti cruciali delle strade con SEMAFORI A CHIAMATA.Questo perché il pedone è sempre il punto debole della situazione.Inoltre dove non ci sono strisce pedonali il pedone è portato ad attraversare solo quando le auto sono ad una distanza di sicurezza. Il costo di tutto ciò probabilmente è inferiore al mantenimento delle strisce (continua riverniciatura). Casagrande Fabrizio

fabrizio casagrande 11.02.12 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Beppe idealisticamente puoi anche avere ragione, ma guarda che pultroppo nn viviamo in cuculand. Avere le basi americane nel ns territorio ti assicuro garantisce anche noi contro eventuali invasioni di altri popoli di tendenza piu' colonialisti degli americani... del resto comunque gli americani hanno solo delle basi ma l'italia alla fine e' il paese piu' democratico e libero del mondo. Io sono cresciuta nella piena liberta'. Io mi sento piu' sicura con le basi americane nel ns territorio.Considerando pero' come siamo stati trattati a livello finanziario e altro dagli angloamericani e anglosassoni forse hia ragione... fuori le basi americane e mettiamo quelle russe!!

Bea Carabeli 11.02.12 11:11| 
 |
Rispondi al commento

I pedoni sono la razza peggiore nel 70% dei casi chi viene investito se le cercata

Peter Vincent 11.02.12 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei ricordare 2 cose.
Prima delle strisce pedonali, c'è un cartello che le segnala. Segnaletica verticale, quindi non c'entra l'usura della vernice.
Seconda cosa, collegata alla prima: ANDARE PIANO.
ANDARE PIANO.
Se si va piano, ci si accorge dei cartelli e si vedono pure i pedoni.
ANDARE PIANO.
Anche in Germania ci sono strisce consumate, nelle città. Ma, che strano, lì tutti si fermano.
Vediamo di non nascondere l'inciviltà sotto al tappeto dell'inefficenza delle amministrazioni.
Purtroppo è comportamento diffuso e abituale andare forte e ritenere che i pedoni debbano passare quando la strada è libera. Così come si pensa che se non c'è il parcheggio sotto casa allora si è autorizzati a lasciare la macchina sul marciapiede. E la macchina in doppia fila? Bé, dai un minutino solo, le macchine passano, e se arriva un camion o un bus suoneranno e vado a spostarla...
La maleducazione stradale è davvero insopportabile, altro che strisce consumate.

Renato 11.02.12 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Nelle città i comuni sono responsabili per la mancata manutenzione delle strisce pedonali. Sono responsabili per non aver fatto il possibile per la rimozione delle auto parcheggiate davanti alle strisce, impedendone la visuale. Sono responsabili di mettere i cassonetti della spazzatura a meno di cinque metri dalle strisce pedonali. Lo Stato è responsabile di posizionare le strisce in prossimità degli incroci, quindi nel punto più pericoloso di una strada. Però alla fine chi ci rimette è il cittadino, che sia l'investito o l'investitore...

davide s., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.02.12 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto che non si vedano non vuol dire nulla...ricordo che il limite di velocità nei centri urbani è di 50 Km orari...e se si vede un pedone è bene rallentare...o il buon senso non esiste più e abbiamo bisogno dei diktat legislativi? Civiltà è anche questo. Saluti.

Italian Style 11.02.12 03:28| 
 |
Rispondi al commento

spesso le tingono con l'inchiosto simpatico forse per poterle tingere tutti gli anni e lucrarci sopra ma forse è pura negligenza.

Chi ha fatto l'accademia di belle arti (decorazione) metterebbe del vinavil idroresistente nella tinta ma nei comuni ci sono gli ingegneroni con tanto di iscrizione all'albo che la sanno più lunga.

dottoroni 11.02.12 00:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche questo dimostra la situazione del paese. Automobilisti totalmente indisciplinati, pedoni che attraversano ovunque senza guardare, ciclisti e motociclisti che pensano di essere allo slalom gigante! Ciclisti che si incazzano con il pedone che non si sposta dal marciapiedi. Milano è un percorso a ostacoli! Signori qui è tutto da rifare, ma parte dalle persone non dalle leggi!

Aldo 10.02.12 23:09| 
 |
Rispondi al commento

IL FATTO CHE NON SI VEDANO NON E' UNA BUONA SCUSA PER ATTRAVERSARE FUORI DALLE STRISCIE

SE POI TI METTONO SOTTO HAI ANCHE TORTO MARCIO.

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 10.02.12 22:11| 
 |
Rispondi al commento

non dimentichiamo i superdossi, a momenti mi ci ammazzo perchè non erano segnalati

Lucrezia Polito, Torino Commentatore certificato 10.02.12 21:04| 
 |
Rispondi al commento

La manutenzione stradale, ormai non si fa quasi più: ogni giorno è uno slalom tra buchi, strade non asfaltate da anni ed anni, segnaletica sbiadita....

harry haller Commentatore certificato 10.02.12 19:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori