Tutto è mercato, il mercato è tutto

Denaro.jpg

business carrier articles new carrier business opportunities finance carrier deposit money carrier making art loan carrier deposits make carrier your home good income carrier outcome issue medicine carrier drugs market carrier money trends self carrier roof repairing market carrier online secure carrier skin tools wedding carrier jewellery newspaper carrier for magazine geo carrier places business carrier design Car carrier and Jips production carrier business ladies carrier cosmetics sector sport carrier and fat burn vat carrier insurance price fitness carrier program furniture carrier at home which carrier insurance firms new carrier devoloping technology healthy carrier nutrition dress carrier up company carrier income insurance carrier and life dream carrier home create carrier new business individual carrier loan form cooking carrier ingredients which carrier firms is good choosing carrier most efficient business comment carrier on goods technology carrier business secret carrier of business company carrier redirects credits carrier in business guide carrier for business cheap carrier insurance tips selling carrier abroad protein carrier diets improve carrier your home security carrier importance
business carrier articles new carrier business opportunities finance carrier deposit money carrier making art loan carrier deposits make carrier your home good income carrier outcome issue medicine carrier drugs market carrier money trends self carrier roof repairing market carrier online secure carrier skin tools wedding carrier jewellery newspaper carrier for magazine geo carrier places business carrier design Car carrier and Jips production carrier business ladies carrier cosmetics sector sport carrier and fat burn vat carrier insurance price fitness carrier program furniture carrier at home which carrier insurance firms new carrier devoloping technology healthy carrier nutrition dress carrier up company carrier income insurance carrier and life dream carrier home create carrier new business individual carrier loan form cooking carrier ingredients which carrier firms is good choosing carrier most efficient business comment carrier on goods technology carrier business secret carrier of business company carrier redirects credits carrier in business guide carrier for business cheap carrier insurance tips selling carrier abroad protein carrier diets improve carrier your home security carrier importance

"Caro Mercato,
fai parte ormai della mia vita. Ogni giorno mi informo sulla tua salute, sui tuoi sentimenti ("il sentiment"). Al mattino, a colazione, osservo i tuoi primi turbamenti dalla Borsa di Tokyo e all'ora di pranzo mi collego a Wall Street. Piano, piano, senza che me ne accorgessi sei diventato per me moglie, sorella, amante, figlio, mutuo, debito. Sei la mia magnifica ossessione. Mi prendo cura di te come di un Tamagochi. Per capirti ho imparato il tuo linguaggio, parole come spread, bund, derivati, cds, gdo, debito pubblico, swap, bail out mi sono familiari come pappa, mamma, cacca. Sei il primo oggetto di conversazione "Come va il mercato?" "E' stabile?" "Si sta riprendendo?" "Fluttua?" "Cresce?". Ti deprimi quando non sono ottimista. Qualche volta "bisogna convincerti", altre volte "ti blocchi". Al posto dell'aspirina ti curano con le iniezioni di liquidità, ma per te non sono mai abbastanza. I patti di stabilità non ti piacciono, la tua natura è volatile, da sempre si dice infatti che "il mercato è volatile". Sei libero da qualunque catena, da ogni governo, da ogni controllo. Voli lassù con le agenzie di rating, le tue compagne di svago. Ti rialzi e ti abbassi, qualche volta precipiti, ma mi sorprendi sempre con un picco speculativo improvviso, per poi lasciarmi nella disperazione, vicino al default. Sei uno e molteplice, come si conviene al nuovo dio di questa civiltà. Sei il mercato del petrolio, del cibo, dell'acqua, del gas, delle automobili, del latte, delle case. Ogni cosa in questo pianeta ti appartiene e tu sei in ogni cosa. Sei indefinibile e indefinito. Non hai volto e hai mille volti. I centri dell città testimoniano la tua presenza e la tua gloria con immensi edifici bancari in cui si entra con rispetto e timore. Nessuno mette mai in discussione la tua autorità anche se non hai leggi. Gli Stati si inchinano e falliscono di fronte alla tua potenza, almeno finché non si incazzano. La sera, prima di dormire, guardo i tuoi trend, il tuoi battiti del cuore, e mi addormento con le cambiali sul comodino, al lume di una lampada comprata a rate."

capitalismo_3DA.pngCapitalismo di rapina di Biondani, Gerevini, Malagutti

I percorsi occulti del denaro, tra conti bancari e giochi di sponda in Borsa. Un'affollatissima galleria di personaggi, una folla di banchieri, avvocati, fiduciari. Sono i gran sacerdoti del capitalismo di rapina.

lasettimanabanner.jpg

Postato il 11 Febbraio 2012 alle 13:07 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa
| Commenti (746) | Commenti piu' votati | Invia il tuo video | Invia ad un amico

Tags: bail out, bund, cds. gdo, debito pubblico, default, derivati, mercato, spread, swap

Commenti piu' votati


Chi scredita il M5S attacca Grillo sul piano personale o attraverso i suoi sostenitori più visibili. Ci sono quelli che gli riconoscono qualche merito ma tendono a squalificarlo, minimizzando il suo impegno e affermando che non dice poi nulla di nuovo e speciale e non è una reale alternativa al sistema consolidato dei partiti
Io non lo credo affatto. Penso,al contrario,che Grillo presenti una via nuova di grande interesse.
Intanto il M5S attacca la casta politica come nessuno ha mai fatto prima,non solo in nome di una etica da recuperare, ma proprio come impedimento da rimuovere e annientare,per cui il M5S è pronto a rifiutare qualunque lucro statale come nessuno in Italia è mai stato capace di fare,perché,se tutti sono buoni a criticare la corruzione dei partiti,nessuno poi,nemmeno nella sx extraparlamentare,è capace di rinunciare ai regali del potere (giornali rimborsi,radio ecc.), nessuno rifiuta la mangiatoia politica e tutti cercano di camparci più che possono.
Inoltre non ho mai visto nessuno,in 70 anni di vita,cercare così profondamente e in modo così collettivo e partecipato una forma diversa di democrazia che escluda la remissione cieca del potere a una classe di rappresentanti, che metta sotto accusa il parlamentarismo come l'oligarchia partitica, che proponga regole nette per stroncare alla base il partitismo come professione
Infine non vedo nemmeno tra i partiti della sx chi abbia tanto a cuore i problemi dell'ecologia, il cambio climatico,i pericoli e la fine di un sistema economico basato sui fossili, l'inquinamento ambientale, i rischi per il pianeta, la difesa dei beni comuni.
E nessuno come lui ci sta preparando,con un'azione continua e capillare e con la massima visibilità e chiarezza,a mutare parametri mentali e stili di vita per una transizione verso un'era nuova basata su parametri molto diversi da questi e addirittura opposti, per cui occorre scardinare griglie mentali ben radicate con un lavoro paziente e costante come solo lui, oggi, sa fare.

viviana v., Bologna Commentatore certificato 11.02.12 14:02| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 66)
 |
Rispondi al commento
Discussione

A volte mi chiedo che fine abbia fatto l’uomo, dove sono finiti gli scienziati, gli scrittori, i poeti, i pittori. Dove i combattenti, gli eroi, i partigiani che lottavano e ci arricchivano vendendo cultura? Dove quei media che invitavano i ragazzi a laurearsi, sapendo che solo chi conosce i propri diritti, sa farli valere?
E’ vero i governanti sono sempre stati quelli, a cui mai è interessato il benessere dei connazionali.
Ma come adesso mai!
Mi chiedo a che serve avere un milione di politici se nessuno di essi ne è capace? Paghiamo miliardi persone che non sapendo governare rovinano noi ed il Paese!
Come si fa a vendere al mercato la popolazione?
Come si fa a farsi dettare leggi da stranieri?
Come si fa a cedere lo scettro alla finanza per poi chiedere l’elemosina pagandoci le spese?
Come si fa a mettersi da parte e lasciare ai banchieri il Parlamento?
Come si fa a farsi spogliare di tutto il patrimonio per pagare debiti che criminali hanno contratto?
Come si fa a trascinare un paese alla miseria per arricchire i mercanti?
Come si fa a rinunciare alla nostra civiltà per tornare ai tempi della pietra?
Come si fa a permettere ancora a chi governa di restare al suo posto?
Come si fa a non prendere i forconi ed infilzarli?
O forse sarà vero che gli uomini hanno smesso d’esser uomini per diventare merce?


L'Europa ha un problema ben più serio della sua economia.
E' un problema di civilità. Scegliere di abdicare alla propria democrazia, in Grecia come in Italia, e sgegliere di servire come BENE SUPREMO il mercato, l'ecomomia, la finanza, lo spread, di elevare l'economia a sistema di valori indiscutibili e primari è una INVOLUZIONE STORICA. Una nota pubblicità diceva "ci sono cose che non hanno prezzo...". Ecco la democrazia è la prima di queste cose. Nessuna regola economica, nessuna principio, nessuna finanza internazionale, nessun tecnico o professore, nessuna Troika, nessuna ricchezza, nessun bene viene prima dell'autodeterminazione dei popoli e della democrazia. Chi è morto difendendo questi ideali, e sono milioni, lo ha fatto sperando che le generazioni future potessero vivere nella libertà e di poter decidere sul proprio futuro. Un Board di banchieri e di CDA sta spazzando via tutto questo. Chi tocca questo principio va oltre uno spartiacque oltre il quale le parole rischiano di finire a zero. Io sto con i Greci. Io sto con la civilità.

Istevene A Commentatore certificato 11.02.12 13:52| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 31)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi, la solidarietà è una cosa che va scomparendo. Così nessuno si fa una pippa di quello che sta succedendo in Grecia, nessuno parla dei suicidi, della fame, dei bambini abbandonati perché i genitori non sanno come sfamarli.
Ma quello che sta succedendo a loro succederà a noi...
Perché qualcuno (io graficamente sono inesistente) non fa un logo da appiccicare ai blog che dica "io sto con i Greci"?
Perché non parte una campagna a sostegno del popolo greco? Siamo tutti nella stessa barca, anche se nessuno vuole ammetterlo. Loro sono solo l'antipasto!

Niki S., Cartagena de Indias. Colombia Commentatore certificato 11.02.12 15:08| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 20)
 |
Rispondi al commento

Reagan (un pessimo attore e peggiore uomo)

La regina dei piratas inglesi (ladri professionisti che si fanno chiamare "lord)

Il papa polaco (che in polonia diceva di resistere e combatere ma nel cile di pinochet dava la comunione ai fascisti e non una parola sul resistere e combatere)

A questi tre "non comunisti" dobbiamo il cattafalco mondiale nel quale ci troviamo

dove il neoliberismo è entrato a casa di ogniuno di noi a rubarci!

dove non si assume più a tempo determinato perche "i mercati" contrariamente non guadagnano

la coca cola, McDonald's, Nestlé, Philip Morris ,Chiquita, Esso la novartis ringraziano

La philip morris che mette additivi al tabaco per farvi diventare additti al tabaco

o la novartis che fa medicinali per no curarvi ma per tenervi per sempre suo cliente

o la esso che crea dittature ovunque per avere materie prime a basso costo, le guerre di irak o tutte le dittature latino americane degli anni 70/80 colpa del rame cileno, stagno boliviano o la frutta centro americana.

La storia è vecchia come il tempo quando arrivavano gli europei con gli specchietti per ingagnare le popolazioni indigene

vai avanti col nuovo! con la globalizzazione e ci spaventiamo dei mercati?

dai beppe! che internet fa parte di questo piano malefico di questi tre come sopra, il controllo completo schedando a tutto e tutti globalmente

i nazisti non avevano queste tecnologie contrariamente il grande ced era già fatto il sogno di aculstupidità ;;)


reagan thacher e il papino polaco!

agg! e mi venite a parlare dalla "fuffa" dei comunisti... spechietti in pieno secolo 21

Eduardo Dumas ( edu latino), milan Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.02.12 15:43| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 19)
 |
Rispondi al commento
Discussione

DEREGULATION: OVVERO L'ARRETRAMENTO DELLO STATO.

In tutta la "filastrocca" di Grillo, manca la parte più importante che spiega la schiavitù delle nostre vite alle fluttuazioni del Dio Mercato:la DEREGULATION.
Quando studiavo economia (scienza seria, a dispetto di chi qui la trova una presa in giro)all'università, cominciavano a farsi strada le prime teorie neo-liberiste che ripetevano come un mantra la necessità di liberarsi dei LACCI E LACCIUOLI che il controllo dello Stato imponeva al libero mercato per evitare i disastri di cui oggi paghiamo a livello planetario le conseguenze.
I guru del liberismo, sostenevano che la formula PIU' MERCATO, MENO STATO avrebbe sviluppato meccanismi di benessere e di equidistribuzione delle ricchezze le cui storture venivano sino ad allora corrette con interventi calmieranti e correttivi da parte dello STATO.
In Italia, da un punto di vista di leve economiche e politiche, chi per primo ha abbracciato tale teoria è stato proprio MisterB.
Ve lo ricordate il suo discorso della "scesa in campo"?
Parlava di piena libertà dell'iniziativa economica, adducendone l'assenza per la presenza dei "COMUNISTI".
Decriptando il messaggio, dietro gli odiati nemici, si nascondeva proprio lo STATO che imponeva regole e limitava l'iniziativa privata a scapito della collettività, del benessere sociale.
L'ovazione alla sua tesi, arrivò proprio dagli imprenditori, dagli industriali, da CONFINDUSTRIA, da coloro che oggi lamentano la latitanza dello Stato "perchè li lascia morire senza alcuna forma d'intervento".
Loro che chiedevano la DEREGULATION.
Loro che accusavano lo Stato di rappresentare il LEVIATANO Hobbesiano.
Hanno smantellato ogni forma di controllo dello Stato sull'economia, sul Mercato ed ora PIANGONO?
Ma che volete? Non era questa la vostra LIBERTA'?

La soluzione? Ovvia, vecchia e banale:
PIU' STATO E MENO MERCATO!

Saluti

Terzo Nick Commentatore certificato 11.02.12 15:39| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 17)
 |
Rispondi al commento
Discussione

sarò breve.
in questa civiltà se anche il pianeta stesse per scontrarsi con un asteroide distruttivo, gli uomini continuerebbero a preoccuparsi degli indici di Borsa.

sapete cosa credo.
che il vero male degli uomini del nostro tempo è nella loro natura.
forse, molto semplicemente e ineluttabilmente, siamo delle pure e semplici cellule tumorali del Pianeta Terra.
all'ultimo stadio.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 11.02.12 14:56| 
 
  • Currently 4.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma chiudere tutte le borse mondiali?

e passare le SPA a SRL?

in una SPA chi paga per dolo, furto o bancarotta?
un'azione la si può mettere in galera?

in una società Srl almeno c'è di sicuro una persona fisica, e nel caso un culo al quale tirare i calci.

tutti i problemi economici del globo son da attribuire alle borse.

chiudere le borse, estirpare il cancro, eliminare le matastasi, solo così si può guarire il malato popolo del mondo.

il Mandi Commentatore certificato 11.02.12 14:16| 
 
  • Currently 4.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro tony, tu sei uno che dice di essere un comunista ma secondo me sei un fake.. tu, un "compagno", mi vieni a dire che bisogna abolire le carceri e liberare tutti i criminali.. ebbene caro compagno, i comunisti, quelli che lavoravano in fabbrica e non i topi da tastiera come te, credo che non la pensassero in questo modo, anche quelli erano "egoisti" e pensavano al lavoro e alle loro famiglie, una cosa che per te sarà inconcepibile. erano persone troppo normali i comunisti per uno spocchioso come te.. i tuoi sono deliri da altoborghesi un pò eccentrici, che non hanno niente a che fare con le istanze proletarie della gente normale che pensava giustamente al proprio orticello (seppur piccolo). quei comunisti, che votavano pci e che hanno lavorato sodo sono quasi tutti sottoterra e si rivolteranno nella tomba nel vedere gente come te che si spaccia per un "compagno". quelli che sono ancora vivi, e io ne conosco, sono letteralmente schifati da vent'anni di gandismo e bertinottismo, te lo posso assicurare. e più gente come te si da da fare a dire le sue stronzate tanto più quelli vanno a destra schifati... ma forse è proprio questo il tuo scopo.. o no?

tomas 12.02.12 11:06| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

TUTTO E' MERCATO,IL MERCATO E' TUTTO.

Ma parlamo der mercato rionale,no de quello che "nun se magna"!!!

Serve de pià sott'occhio li fatti,no le fanfuglie,ma chi ce l'ha li sòrdi per fallo,'sto caxxo mercato?

Io tutt'arpiù posso 'nvestì quarcheduno cor motorino,ma de sòrdi gnente!

Sarebbe pure ora che 'sta cuccagna finisse,perchè la finanza creativa ortre che a rompece li cojoni,c'ha fatto "buttà" 'na cifra de mijardi!

Pensa tu che cojoni l'ommini,se so' fatti magnà er pisello da le mosche,se so fatti infinocchià da quattro furbetti che j'hanno fatto crede de potè fa li sòrdi senza fa 'n caxxo!

Ma come caxxo è possibile de diventà ricchi senza fa un caxxo???

Da quarche parte la fregatura c'ha da esse!

Ecco,la fregatura sta ner fatto che c'è la possibilità de rimanè 'ncxlati,'na grossa possibilità!

Parlamo de "robba" che se magna,che se tocca,ch'è vera,no de chiacchiere ar vento!

Si credi de fa li sòrdi senza fa gnente,è bene che t'aricodi che te la poi pure pijà 'nder cxlo!

Parlamo de come fa 'n mercato vero,fatto de lavoro,de servizi e de' quella caxxo de umanità che la maggior parte dell'esseri umani s'è scordata!!!

Pe' me lo spred sona come 'na scureggia...spreeeeeed!

Famoselo noi er mercato,quello vero!

Parlamo de realtà,no de "robba finta"!

Io ogni tanto la butto la quella delle Civic Compay,giusto perchè è tanto bello fa le cose in "compagnia"!

Arivederci e grazie.

Nando da Roma.

p.s.

Continua pure lo Sciopero Legale 5 Stelle,giusto pe' mannà quarcheduno carcerato.

Nun è che er decreto svota carceri 'o fanno apposta pe' nun trovacce troppa gente?

Magaraaaaa!!!

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.02.12 17:21| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sò chi abbia scritto questo post, ma devo dire che lo apprezzo, sia per la forma ironica ed allegorica, che per la sostanza, della constatazione dell'aberrazione a cui siamo giunti!
Che cosa sono i mercati?
I mercati sono il nulla, travestito da tutto!
I mercati somo il metodo di sopravvivenza e giustificazione di un sistema che non produce nessuna ricchezza finale, ma solo alcune ricchezze intermedie ed un saldo finale negativo!
I mercati vanno aboliti!

l., ancona Commentatore certificato 11.02.12 14:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grecia, appello al Papa di mons. Papamanolis presidente dei vescovi greci: "La situazione sociale é tragica. Spero che il mio appello possa arrivare al Papa. Ci servono aiuti per assistere la gente ed è difficile descrivere quello che vedo ogni giorno".

Adesso voglio proprio vedere cosa intende la chiesa romana quando blatera di “solidarietà e carità cristiana”, di “amore per il prossimo” e bla bla bla vari.
Ma sono sicuro che si tratta solo di chiacchiere e distintivo. I potenti deo vaticano pensano solo a incu..rsi l'uno con l'altro per acquisire potere. Quello terreno ovvio...

Massimo Minimo Commentatore certificato 11.02.12 17:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'ho già chiesto qui tempo fa ma lo richiedo.

PERCHE' QUANDO LE BORSE SONO IN RIALZO CI GUADAGNANO SOLO ALCUNI?

E PERCHE' INVECE QUANDO LE BORSE PERDONO CI RIMETTIAMO ANCHE NOI CHE DELLE BORSE NON CE NE IMPORTA UN CAZZO?

Dino Colombo Commentatore certificato 11.02.12 16:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari amici del Blog vorrei ricordare a tutti che farsi la guerra tra noi è dare forza a chi ci vuol dividere. Quindi almeno tra noi comprensione e capacità di capirsi.
Poi NON sono d'accordo con chi accusa Grillo di NON aver evidenziato come causa principe di tutto questo sfracello la DEREGULATION. Infatti E' evidente che lo STRUMENTO per attuare lo sfacelo è stata la deregulation, come in America era già successo già alcune volte tanto che alla fine degli anni '70 erano state poste delle regole precise perchè non potessero più succedere queste nefandezze. Ma Clinton le tolse ... ben sapendo quello che sarebbe successo ...
IL PROBLEMA NON E' LA DEREGULATION MA IL POTENTATO CHE CI STA' DIETRO è quello il nemico da sconfiggere.
E questi signori sono spessissimo stati denunciato sul blog.
Quindi per cortesia NON confondiamo gli strumenti con gli autori di questo casino : Bilderberg, Trilaterale, KFC o come si chiama eccetera.
Lesocietà di rating, le deregulation e tutte le altre menate del PIL, spred eccetera sono solo menate "inventate" per incatenarci ... una volta avevano i soldati con la spada, gli sceriffi le corse saponate, le galere in isole distanti dalla patria eccetera ed erano poteri visibili.
Oggi si sono resi invisibili per ottenere lo stesso scopo :il Dominio del mondo
Sono questi che dobbiamo combattere ed i loro servi, riprendendoci la nostra libertà, innanzitutto USCENDO DALL'EURO e mandando all'aria questo piano di falsi debiti pubblici creati ad arte per avere la scusa di incatenarci ... come facevano gli imperatori con i loro signori nei confronti dei loro servi della gleba.
Vi mando tre link da vedere uno è di John Kennedy che aveva già denunciato il pericolo delle Società Segrete :
http://www.youtube.com/watch?feature=endscreen&v=jbExbp9UIdw&NR=1

http://www.youtube.com/watch?v=SD8n4bN4SLg&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=Sok8nodx9hk&feature=related

vi saluto
Aldo

aldo moro 12.02.12 11:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ah,ah,ah,ah!
E' tutto così fottutamente ridicolo!

Questi personaggi passano tutta l'esistenza ad affannarsi a fare soldi e acquisire Potere, e non hanno ancora scoperto il modo di portarseli all'Inferno, quando sarà il loro turno!

Non fa ridere anche voi?

Terminator -- (), L.A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.02.12 19:22| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora,quanti Dio abbiamo in questo Mondo?Io non voglio nessun Dio!

stefano bonifazzi 11.02.12 14:12| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

"Vivi la tua vita intensamente prima che tutto finisca... perchè dopo saremo cibo per i vermi e concime per i fiori..." da L'attimo fuggente .

john dillinger, roma Commentatore certificato 11.02.12 15:52| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

VIVERE E MORIRE PER IL MERCATO

La piramide dei faraoni è ancora intatta,ha resistito a tutto:alla crisi,alla rabbia,alla miseria,al gelo e alla morte ma continua ad esistere.
La vita umana si è ridotta a una mera sopravvivenza si vive per lavorare e si lavora per vivere.
Gli introiti della tua fatica servono per pagare tasse,bollette,aumenti e per mantenere quella classe di degenerati che vive nella piramide che per salvarsi si nutre del tuo sangue.
E' disposta a tutto pur di non perdere i suoi privilegi dalla bce all'fmi,dall'Europa agli USA,si chiede rigore agli altri per non rinunciare al proprio benessere,si vuole cambiare tutto per non cambiare niente perchè la miseria gli fa paura non è proprio nei loro piani.
E così si allungano i tempi delle pensioni mentre si accorciano quelli della vita,un posto fisso è monotono ma i pluriincarichi sono eccitanti,il fuori corso è uno sfigato ma il figlio del professore è un puro.
E mentre la miseria avanza,i licenziamenti aumentano,i giovani fuggono loro si vantano di aver salvato gli stati e l'economia celando a sfigati e miserabili che per mantenere il loro tenore di vita si sono voltati dall'altra parte,con qualche lacrimuccia sul viso hanno depredato i risparmi e di più di ognuno di noi perchè è chiaro che senza i nostri soldi tecnici,politici e banchieri sono una emerita latrina.
Che fallisca tutto, mercato e mercatanti tanto noi non abbiamo nulla da perdere,li voglio vedere finalmente con le pezze al culo e quali fantastiche idee tireranno fuori dai loro cervelli bacati per sopravvivere.

bruno pirozzi, napoli Commentatore certificato 11.02.12 16:45| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

certo che se Vendola,Diliberto, Ferrero e Bonelli tovassero un'intesa e facessero un vero partito di sinistra senza personalismi, la cosa , a qualcuno, andrebbe di traverso con coseguente bruciore al culo.

ANTI LEGA (nosecess.), Reggio E. Commentatore certificato 11.02.12 16:03| 
 
  • Currently 3.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 19)
 |
Rispondi al commento
Discussione


Avviso al colonello Monti

Mentre ci si fa il bagno in supercazzole spaziali , fra ricevimenti galanti con Obama , troiche varie , potentati bancari o comandanti dei bancari ( Soros ) , in un bagno schiuma puzzolente " olezzo di spread " by BCE ....

IN GRECIA
C'è una rivoluzione popolare censurata da tutti.

E la protesta Greca è il nostro FUTURO IMMINENTE :
- taglio dipendenti pubblici ( non quelli delle
caste e servitori super pagati )
- licenziamenti piu' facili ( art 18 ) ; buona
uscita che sostituirà cassa integrazione
- taglio retribuzioni pubbliche ( 20%)
- taglio servizi ( sanità , scuola , servizi
sociali)

IL COLONNELLO MONTI QUI' AGISCE INDISTURBATO.
Fra ipercazzole innevate , leggi elettorali e sbarramenti delle allodole.

http://www.youtube.com/watch?v=qmgjygTOcN0

http://www.youtube.com/watch?v=_EiomiGZgfg&feature=related

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.02.12 16:54| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento

all'inizio c'e' la gente, noi tutti, con le sue esigenze e i suoi desideri. nasce cosi' il mercato, cioe' persone (tanti di noi) che riforniscono gli altri di quello che vogliono e che non potrebbero reperire da soli. sono anche i beni voluttuari, il mercato rifornisce di tutto. lo stato sta li' a vigilare che le regole della convivenza civile non degenerino, sfruttamento della manodopera, giusta paga e giusti diritti da rispettare, etcetc.
sono regole etiche che pero', siccome da positivita' nasce positivita', creano un giro virtuoso da cui ci guadagnano tutti, mercanti e resto della popolazione.

fin qui' tutto ok, senonche' un bel giorno il mercato, complice lo stato (i politici) diventato aziendalista e che ribalta il concetto di "cittadino" in quello di "cliente", diventa sempre piu' potente e detta legge fino ad arrivare al punto che non e' imporatnte vendere ma guadagnare senza se e senza ma.

l'imprenditore, cioe' chi ha idee, capacita', coraggio sparisce lasciando il campo al prenditore che non e' cacace di far niente se non infilarsi nel piatto per mangiare, il classico furbetto del quartierino. e qeusto a tutti i livelli dell'economia.

nascono cosi' le truffe, le speculazioni, la corruzione, gli sprechi, l'impoverimento dei lavoratori a beneficio delle aziende, le lobbies, la cessione da parte dello stato ai privati di servizi essenziali a cui il cittadino deve per forza ricorrere (d es acqua, asili, scuola etcetc) e l'economia del paese muore ogni giorno di piu'.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 11.02.12 15:16| 
 
  • Currently 3.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento

Gesù, infondi in noi la tua indignazione come quel giorno al Tempio.
Non permettere mai che viviamo passivamente i problemi e le cattiverie del mondo.
Donaci la tua frusta spirituale in modo da far piazza pulita da tutto cioè che rende la nostra vita un mercato e non più un luogo dove amandoci, aiutandoci, perdonandoci vicendevolmente ci avviciniamo a Te.

Osvaldo F. Commentatore certificato 11.02.12 14:24| 
 
  • Currently 3.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma se un sistema è così perfetto,
se crea ricchezza,
se crea benessere,
a che serve il credito?
Perchè se si crea ricchezza
c'e bisogno della finanza?
Perchè se il sistema crea ricchezza,
le imprese devono andare a vendere se stesse
in borsa per finanziarsi?
Quindi se il sistema crea ricchezza,
a che servono le banche?

La verità è che il capitalismo, non crea nessuna ricchezza, ci si può arricchire solo se qualcun altro si impoverisce!

E più si concentra la ricchezza più necessariamente aumentano quelli che si impoveriscono!

Ma quando quelli che si impoveriscono diventano troppi, il sistema rischia di crollare su se stesso, allora i capitalisti, non volendo rinunciare ai profitti, rimandano il problema,
facendo pesare i loro profitti presenti su quelli futuri, e così nasce la finanza!

Poi sempre più capitalisti scoprono che invece di impiegare i loro profitti nella produzione reale, è più conveniente produrre servizi finanziari, che vista la assoluta necessita di credito del sistema , sono più remunerativi, e si sviluppa così, anzi prende il sopravvento, il capitalismo finanziario!

E noi?
Noi siamo quelli che pagano il conto finale!


l., ancona Commentatore certificato 11.02.12 15:49| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

La decrescita di Latouche che piace a de Magistris? È reazionaria

http://www.linkiesta.it/latouche-decrescita-evola-femminismo

Può darsi che sia vero, ma sentite un blogger (Zanzara) come replica al commento in oggetto:

"Un ultima critica al titolo di quest'articolo: la decrescita non è di Latouche; che piaccia a De Magistris non ce ne può fregare di meno;

"reazionaria", nell'etimo, vuol dire "che opera in senso opposto", e quindi mi pare assolutamente scontato e inutile, ma anzi provocatorio, sottolineare questo aspetto, poichè non ci vuole certo un genio a capire che Latouche opera in senso opposto allo "stato di cose attuale" - visto che ci piace tanto citare Marx."

Ma vediamo cosa dice lo stesso Latouche in merito:

"La decrescita non è soltanto contro il capitalismo, è antiproduttivista, ossia anche contro l’ideologia del socialismo scientifico che ha in sé l’immaginario capitalista ed allo sfruttamento dei padroni sostituisce la dittatura del proletariato, senza porsi il problema dell’ambiente naturale. La decrescita può essere espressa con un’ideologia eco-socialista. Lo slogan dei movimenti di contestazione indigeni amerindi è appropriato: “Non c’è giustizia sociale senza giustizia ecologica”.

La decrescita non è comunque prerogativa della sinistra, anche perché – paradossalmente – il capitalismo è avanzato negli ultimi decenni grazie alle socialdemocrazie finto-sinistroidi. La decrescita è stata studiata, sviluppata e proposta da movimenti marxisti ortodossi, anarchici, antimoderni, consiliaristi, situazionisti, e non meno da eco-fascisti (vedi Alain de Benoist)."

http://www.megachip.info/rubriche/3-libri-consigliati/7617-latouche-per-una-abbondanza-frugale.html

A parte qualche inesattezza riguardo all'ambiente e Marx, aver scambiato gli anarchici con i libertarian (anarco-capitalisti), la domanda aperta su marxisti ortodossi, elencando tutte le anime fasciste,

Latouche ammette e si vanta della decrescita come il nuovo fascismo.


Solidarietà e simpatia, al popolo Greco,
fonte di civiltà
senza il quale probabilmente oggi noi non esisteremmo!
Distruggere ed affamare un popolo millenario,
in nome dell'egoismo di pochi,
è il segno del degrado
a cui questo sistema ci ha portato!
Solidarietà e simpatia, ed affetto anche,
è poco lo sò, sono solo parole,
ma è tutto quello che ho!

SOLIDARIETA' TOTALE AI FRATELLI GRECI!

l., ancona Commentatore certificato 11.02.12 17:51| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci stupiamo che Monti se ne venga fuori con esternazioni da messia morale della nazione parlando dell'impiego fisso. Ma se ha già iniziato quando, annunciando la manovra a dicembre, ha redarguito, con tono da omelia domenicale, gli Italiani, dicendo che avevano vissuto al di sopra delle loro possibiltà.
Quale premier tecnico dovrebbe limitarsi ad esporre le decisioni prese in compagnia della corte di professori che lo circonda. Poi ovviamente apettarsi le richieste di trattative ed aperture di tavoli con le rappresentanze dei vari segmenti della società. Punto.
Ma come si permette di dirmi che sono vissuta al di sopra delle mie possibilità ? Prima di tutto non è un compito che gli compete ( ma chi è il mio direttore spirituale?).Seconda cosa non l'ho fatto per niente, così come molto probabilmente tantissimi miei connazionali perchè se mi fossi comportata altrimenti, viste le scadenze implacabili alla fine di ogni mese, a quest' ora sarei in galera o sotto terra.
Terza, visto che ama condire il suo eloquio con riflessioni morali (data, forse, la sua frequentazione, in gioventù, di scuole cattoliche) vorrei ricordargli che, supposto che noi Italiani fossimo vissuti tutti al di sopra delle nostre posssibilità, esiste nel catechismo Cattolico il concetto di attenuante della colpa.
Qual è la nostra attenuante? Ci siamo dimenticati che quelli della mia generazione (i quarantenni ed i cinquantenni), da bambini, non sono stati mandati a letto senza prima essersi guardati uno spettacolo che piacevolmente instillava in tutti, come un veleno, il desiderio di oggetti e beni senza i quali sembrava non avremmo potuto avere una vita felice? Nessuno, tranne forse pochi intellettuali, ebbero allora niente da eccepire.
E senza poi parlare del bombardamento di spot che abbiamo cominciato a subire per goderci i film ( vi ricordate la polemica degli autori degli stessi che denunciavano lo scempio compiuto sulle loro opere dalla interruzione pubblicitaria?) dall 'avvento delle reti

franca s. Commentatore certificato 11.02.12 15:04| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il mercato è senza cuore.
Un po’ come una macchina schiacciasassi.
Chiunque o qualunque cosa si pari davanti viene schiacciata senza cuore perché uno schiacciasassi ha la funzione di schiacciare i sassi e basta.

Ora c'è da dire che uno schiacciasassi generalmente ha almeno un cristiano che lo guida. Almeno un minchione che schiaccia l'acceleratore ce l'ha uno schiacciasassi che si rispetta.

Con la deregolamentazione e la delegificazione inventate dai guidatori dello schiacciasassi mercato (se non erro i padri padrini di ciò, o meglio, i padri preistorici furono reagan e la thatcher . . . ma posso anche sbagliare), abbiamo uno schiacciasassi che se ne va per i casi suoi e pertanto, senza cuore schiaccia ciò che incontra.

Nella nostra situazione ci sono due otre cose che stupiscono e son allarmanti.
I potentati credono ancora nello schiacciasassi senza guidatore.
Tutti si stupiscono che d'inverno nevica e fa freddo.
Tutti sono convinti che di una nave che affonda sia più importante sapere se il comandante stava trombando con una bionda piuttosto che capire e parlare delle vere ragioni della tragedia per farne studi che prevengano nel futuro cose simili.

E' venuto seriamente il momento di stare molto attenti, la follia si sta impadronendo del mondo.
Siamo al momento che i figli distruggeranno quel che i padri costruirono.

Tutto quel che scriviamo riguardo queste situazioni non ha molto senso, le vecchie regole sono completamente "out of service" e bisogna veramente iniziare a pensare in modo nuovo e genuino.

Dobbiamo reinstallare il cuore nell'umanità.
Qualcuno deve iniziare.

Ricominciamo noi.

Buonasera a tutti.

francesco folchi, roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.02.12 17:46| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'emarginazione dell'umanita'

nelle celle delle prigioni

il suicidio della liberta'

di corpi carne da macello

per aspiranti industriali della disumanita'

che inzuppano in affari d'oro il capitale lubrico

della loro assurda malvagita'

urlo sconvolgente di madri abbandonate

nel mondo del mercato di anime malate

di coscienze infami di produttori di schiavitu'

che con allettanti offerte

scippano dai seni materni bambini ancora lattanti

da vendere a grammi nell'olimpo del vizio

bevendo il sangue innocente nel calice dell'orrore

mentre affonda un'altro barcone di migranti

nelle acque di pantani invasi di disperazione

le lacrime di angeli con le ali incollate dall'ipocrisia genuina

non riescono a volare nei cieli di un martirio

creato dal commercio della misera sopravvivenza

forgiando l'alba il sole scandaloso

affoga nel cuore gelido della vergognosa avidita'...

Armando Di Napoli, arzano Commentatore certificato 11.02.12 15:49| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'IDEOLOGIA DEL "MARKET SISTEM"

Nella parola Capitalismo, è implicito il riferimento a coloro che esercitano il potere economico e di conseguenza politico. Infatti, si parlava di capitalismo mercantile, capitalismo industriale, capitalismo finanziario.
Poi, dopo la seconda guerra mondiale, negli USA, prese piede il termine "Market Sistem" cioè sistema di mercato, e proprio per mascherare i "reali" rapporti di produzione che vigono nel capitalismo (gli schiavi salariati e cioè il Lavoro da un lato, e i capitalisti e cioè i detentori dei mezzi di produzione economica, e quindi il capitale dall'altro) .
Quindi, l'espressione mercato, o sistema di mercato, ha avuto successo, proprio perchè nasconde attraverso un operazione cosmetica e insipida, una...SCOMODA REALTA', fatta di sfruttamento di una minoranza, sulla maggioranza.
Realtà che si traduce che in Italia, il 10% delle famiglie, detengono il 50% della ricchezza, e nel mondo, l'1% della popolazione mondiale, detiene il 50% della ricchezza mondiale.

"Le idee della classe dominante sono in ogni epoca le idee dominanti; cioè, la classe che è la potenza materiale dominante è in pari tempo la sua potenza spirituale dominante".
(K.Marx-L’ideologia tedesca)

http://www.deriveapprodi.org/2009/09/il-capitalismo-e-la-crisi/


P.S.
Un caloroso saluto alla signora Vivarelli, che segue con molto interesse i miei commenti.

Vento...Rosso 11.02.12 18:06| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 20)
 |
Rispondi al commento
Discussione

é non ... così è troppo facile ;;)

Tutto mercato, il mercato è tutto

a non lamentarci volevamo la Coca Cola

volevamo a "ciao Star!"

le conseguenze sono queste

io nell mio piccolo il mercato piace perche era dove mi trovo con amici una volta a la settimana per comprare frutte, verdure e formaggi

ma il mercato dal neoliberismo amico delle DESTRE E DELLE MAFIE

è QUESTO CHE VIVIAMO

volevamo la COCA COLA?

O meglio più sarcastico ancora hi hi hi


merda o cioccolato? ciocolato MANGIATE E A TONELATE

per me i mercati sono quello della domenica


per tanti che vogliono il GRANDE CED e questo!

Eduardo Dumas ( edu latino), milan Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.02.12 15:16| 
 
  • Currently 2.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori










Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.



Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori