Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il bustarolo


bustarolo.jpg
"Due notizie, una buona e una cattiva. La cattiva è che presto diventerò un bustarolo (*). La buona, è che forse sarò in compagnia di milioni di italiani, ormai senza più nulla, che vivranno in gigantesche tendopoli e torneranno a fare gli scambi, come un tempo. Ho 40 anni suonati già da un pò, e non è che non abbia fatto le cose come andavano fatte. Ai bei tempi, fui uno dei pochi a laurearsi in ingegneria molto presto, ho iniziato subito a fare lavoretti sottopagati qua e là, ho persino LAVORATO! Ero subappaltato da una ditta subappaltata da una ditta subappaltata dalla Telecom Italia. Definirmi l'ultima ruota del carro era un eufemismo, ma solo in termini contrattuali, dal profilo delle mansioni invece, tutt'altro, tant'è che gestivo una rete operativa in tempo reale, dove passavano contratti telefonici di milioni di utenze, e se qualcosa si guastava, erano guai grossi per tutti! Scaduti i termini, ho avuto, per far felici i miei clienti dell'epoca, la cattiva idea di aprire una partita iva, che mi è costata 3.000 euro l'anno di spese fisse, contro circa 8.000 guadagnati. L'anno scorso, Mario Monti, ha deciso che, non avevo più diritto a regimi agevolati e che una partita iva mi sarebbe costata almeno 5.000 euro l'anno. Nonostante il mio impegno sociale per contrubuire all'economia, non solo lavorando, ma anche acquistando carne piena di cortisone, pesce pieno di tossine, pollo pieno di antibiotici e acqua piena di pesticidi, massacrando il mio sistema immunitario che oggi, per ogni influenza, degenerato in bronchite e mi mette a letto 4 mesi l'anno. Ho chiuso la partita iva, vivo con l'aiuto della pensione di mia madre con cui convivo, e con le "elemosine" delle vecchie ditte che mi chiamano per lavoretti semplici. La mia colpa, non essermene andato dal paese che amo." Filippo G., roma
(*) bustarolo, a Roma, è affettuosamente chiamato un senza tetto, di quelli che girano pieni di buste

28 Mar 2012, 14:33 | Scrivi | Commenti (45) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

A seguito della crisi finanziaria che minaccia le economie contemporanee,
per il tasso di disoccupazione continua a crescere nelle nostre nazioni, follow-up per la
fornire l'acquisto delle famiglie che è costantemente in diminuzione, in collaborazione
con mio banchieri ho deciso di concedere crediti un breve, medio
e lunghi termini di onesti persone che nonostante il loro reddito
mensile stanno lottando per soddisfare le loro esigenze vitali.
Le condizioni dei prestiti offre sono molto semplice e prestiti
richiesto può essere ottenuta entro un periodo di 72 ore.
I fornisce prestiti che vanno da 1,000 EURO 2.000.000 di EURO con un tasso del 3%. deloffre.alain76@gmail.com

Deloffre alain 17.10.14 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Ecchequa,
un altro di noi.

Bòh, io sto pensando seriamente
a preparare dei sacchetti di sabbia,
prendere un rotolo di filo spinato,
munirmi di fionde e sassi del buon marmo di Carrara,
e attendere che mi bussino alla porta.

Il primo che si affaccia e che mi chiede
qualcosa,
qualsiasi cosa...
giuro gli lascio 2 alternative,
o si unisce all'esercito
di chi come me vive in cattività
e cerca di non morire di fame
o...
si ritrova in un nanosecondo
catapultato
in mezzo al mar Tirreno
con un calcio nel culo
che non se lo dimentica più.

.

Anche oggi, dopo il signore di ieri,
un giovane si è
DATO FUOCO,
perchè non riusciva più a vivere.

Ecco,
occhio,
siamo alla fine della pazienza.


.

sara paglini, carrara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.03.12 19:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a Filì, a 40 anni la vita comincia, forza e coraggio , trasferisciti in un Paese migliore.
Tutto il meglio per te, ciao, ciao

danilo adriani 29.03.12 19:08| 
 |
Rispondi al commento

sembra la fotocopia della mia vita con qualche eccezione, ero dipendente di una organizzazione di tutto rispetto l'AIEA, poi un bel giorno alla fine degli anni 80 ho avuto la malsana idea di aprire una societa', ma i tempi erano propizi, poi nel 2007 prevedendo lo Tsunami ho ceduto la societa' ed ora anche grazie ad alcuni investimenti riesco a sopravvivere dignitosamente ,lavoravo con contratto a chiamata fino a pochi mesi fa, ora il telefono non squilla piu'!

Maurizio 29.03.12 19:07| 
 |
Rispondi al commento

Signori, ma che avete scambiato questo blog per il muro del pianto? Il muro del pianto dei senza orgoglio e palle. Ma datevi na mossa, ci sono tante cose da fare. Io non so che tipo di ingegnere sei? Ma a 40 suonati vivere con la pensione della mamma e darsi per bustarolo... vota e sostieni il mov5stelle e magari cerca di farne parte attivamente..ma attenzione..i ragazzi del movimento hanno le palle..

mario. bottoni 29.03.12 16:00| 
 |
Rispondi al commento

"La mia colpa: non essermene andato dal paese...." Bisogna vedere se qualcuno ti voleva!. Chissà, magari tra gli Ottentotti....

NULLA CAMBIA 29.03.12 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Grillo...
Serve uno con un po di soldi, che crei del lavoro per quelli come me e il bustarolo.
Basta un pezzo di terra da coltivare.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.03.12 14:30| 
 |
Rispondi al commento

SPREAD:
Esiste un altro modo di far scendere lo spread e addirittura farlo andare in positivo: FAR FALLIRE la GERMANIA!

Luca U., Fano Commentatore certificato 29.03.12 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono rotto i coglioni de leggere ogni santo giorno che il mondo sta per finire e che diventeremo tutti poveri.PER DIO! ma che avete l'acqua nelle palle??
Se IL GOVERNO è FATTO DI COGLIONI DOBBIAMO MORIRE TUTTI???
Sei laureato? hai lavorato nelle telecomunicazioni??
Bene inizia ad inviare il curriculum, ci sono molte aziende,anche asiatiche, che cercano personale in Italia ( ma te lo devo dire io cazzo?!!)
Puoi anche adattarti a lavorare in un bar finchè non ti assume qualche azienda del tuo settore!
Basta co ste storie! il blog di Beppe è fatto per proporre idee e soluzioni innovative non per patetiche prediche del cazzo!
Scuate tutti per lo sfogo.

Alessandro


Alessandro 29.03.12 09:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La condizione a cui sarebbero da destinare il 90% dei dipendenti della pubblica amministrazione se svolgessero la propria funzione come professionisti al serivizio di qualcuno è proprio quella di bustarolo!
Ma protetti dal Bustone rigido di Stato sono invece professori universitari, dirigenti, o anche assenteisti, consiglieri, politicanti, raccomandati etc. con stipendi spesso faraonici.
Non si può continuare in questo modo perchè oramai l'Italia funziona con una separazione netta tra la gente che lavora produce e quella che ci mangia sopra per motivi burocratici.
Non possiamo continuare a vivere in un Paese che funziona con il meccanismo dei ricatti e dell'omertà.
Il privato che in cambio di appalti fa finta che il pubblico dipendente sia una persona intelligentissima, buonissima, eccellente e il pubblico in cambio di una tangente chiede al privato di alzare la posta sui costi di un'opera o sull'acquisto di un palazzo.
Pubblico e privato in un matrimonio di interessi.
Questo meccanismo ha prodotto sviluppo ma ora ha lasciato in eredità delle ingiustizie sproporzionate. Per questo è necessario introdurre la politica proporzionale e ridurre proporzionalmente il potere di singoli o di singole zone dello Stato, proporzionalmente alle effettive risorse fiscali locali.

mario mario Commentatore certificato 29.03.12 08:48| 
 |
Rispondi al commento

Sì, beh, senti, la situazione è grave, però sei anche un bel coglione, perchè almeno quando vai a fare la spesa puoi cercare di acquistare cibi sani (se li trovo io li trovi pure tu). Per il resto per carità, ho provato pure io ad aprire una partita IVA, è un disastro. Su ogni ragionevole costo tirato al limite massimo, questo stato di ladri immondi ti carica sopra un altro macigno che ti fa sempre affondare. La mancanza totale di decenza.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 29.03.12 08:46| 
 |
Rispondi al commento

La mia opinione sulla crisi e' che la fase Economica finanziaria che attraversiamo ora e' solo l'inizio, anche se molto doloroso; il peggio sara' che l'Occidente classico, nel frattempo, non avra' pensato al Futuro, quindi non avra' messo in campo nuove idee e non sara' pronto ad affrontare i cambiamenti che arriveranno dall'estero, nei paesi emergenti (Cina, India, Turchia, Brasile, ecc.): quindi il rischio futuro e' di essere subordinati, oltre che finanziaramente ed economicamente, anche Politicamente e Culturalmente.
Speriamo mi sbagli!

Luca U., Fano Commentatore certificato 29.03.12 06:11| 
 |
Rispondi al commento

Riappropiarsi della nostra vita..di tutto quello che ci spetta..costantemente, umilmente, con decisione..avete presente i sem terra? gli zapatisti? organizziamoci localmente, passiamo all'attacco, occupiamo i luoghi pubblici, le terre pubbliche, quelle della curia, le spiagge.. coltiviamo orti, pollai nei parchi pubblici..da aprile a ottobre, come una grande festa/rivoluzione di anno in anno, diffusa ovunque..dobbiamo pretendere tutto e (quasi) subito, non mendicare sull'art.18, la vita su questa terrra è nostra ed è adesso!
politici, amministratori pubb., manager a stipendio medio italiano (7/800 €), casa, acqua, terra e lavoro (o sussidio) per chiunque gratis..opere pubbliche a impatto zero, costo sociale e fatte eventualmente dai residenti (lav. soc. utili); i territori gestiti localmente ma con una filosofia generale di sacro rispetto (sono un pò indio, un pò mistico, lo sò, ma 'sta terrra e davvero SACRA e unica).
non sapete dove trovare i soldi? o grande patrimoniale d'emergenza (hai una macchina sopra i 50.000? dammi subito 5.000, siamo in crisi; hai due case sfitte? una ce la presti a noi, stato) oppure si rinazionalizza la Fiat, la Curia e tutto il bene di dio che c'è in italia..è roba nostra, ma in fondo potremmo campare tutti di turismo, agricoltura, artigianato e ricerca, tutto di super qualità! che se ne vadano i vampiri!

mux 28.03.12 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Il proverbio impara l arte e mettila da parte sempre buono ho sempre lavorato con le mie mani ho imparato tante arti ma non va molto meglio a ingegne ciò mi fia in Australia du lauree me piagne er core a. dillo ma mejo che se ne stia li qui i meriti nun vargono e questo che tra tanti problemi tocca risolve invece de tocca i diritti
Ma questi so una emanazione de quelli de prima i fii loro de sicuro stanno a posto pure se nun sanno fa un c....o

Riccardo Garofoli 28.03.12 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Uno in meno Emilio fede che per decenni ha torturato le menti dei poveri e sprovveduti anziani telespettatori non fa più vittime ha lasciato be' dopo il ricatto esplicito al padrone vecchio disinformatore e tardi ma ti hanno scaricato ora non ci rimane che aspettare la procura di Milano un po' di patrie galera male non fa

Riccardo Garofoli 28.03.12 23:41| 
 |
Rispondi al commento


Balle!
1) Se ti sei laureato con serieta' in ingegneria entro i tempi dovuti, non puoi a 40anni e passa faturare 8000 Euro l'anno;
2) Una P.IVA non costa ne' 3000, ne' 5000 Euro l'anno, a meno che ti faccia fregare;
3) Prima di andare per strada, uno dotato di cervello emigra.
Per me, tu, come descritto nel post, non esisti. E se esisti, e' meglio che ti nascondi anziche' lamentarti.

Messaggio a tutti quelli 'come lui': alzate le chiappe, lamentatevi meno e lavorate di piu'. Punto.

Paul Brown 28.03.12 23:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Organizziamoci

Antonio D. Commentatore certificato 28.03.12 22:49| 
 |
Rispondi al commento

ma perché qualunque carne che mangi in italia ti fa puzzare i piedi e la sorca come una sepolura?

sarà che qualcosa non va?

puzza e deodoranti 28.03.12 19:41| 
 |
Rispondi al commento

vabbè..
se siamo arresi allora problemi non ne vedo.
meglio vivere da carcerati come a guantanamo-italy?
o tentare di scappare come papillon?

Marco F., Torino Commentatore certificato 28.03.12 18:48| 
 |
Rispondi al commento

è queto che vogliono cioè far scappare gli italiani per importare extracomuntitario ovvero manodopera a basso costo.


ma io prima di andarmene ne porterò con me monti !

andare o non andare 28.03.12 18:45| 
 |
Rispondi al commento

PERCHE' ASSISTIAMO ALLO SFACELO DEL NOSTRO PAESE SENZA FARE NIENTE?

anna z. 28.03.12 18:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In altro suicidio a Bologna e in gravissime condizioni si è dato fuoco vicino in ufficio delle entrate
A quando la disperazione porterà ai kamikaze del erario ?
Ma loro questo disaggio non lo vedono?
Quanti devono morire ancora
Il gesto inconsulto e l apice della disperazione
Quando si muoveranno a commozione e già troppo tardi alla morte non c'e riparo in queste condizioni il cattolico prof dove è o il suo governatorato può essere già ricordato per il periodo più buio della Rep.
Chi ci a lasciati con gesti estremi chi lo ha sulla coscienza i mercati prima di tutto ?
La vita prima delle tasse

Riccardo Garofoli 28.03.12 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Difficile insorgere, ormai il paese non è più nostro. Siamo dentro all'europa e la nostra economia è sempre più nelle mani straniere. Gli interessi non possono essere messi a rischio dalla plebe pena l'intervento armato delle potenze militari. L'unica possibilità poteva essere il voto elettorale ma poi, ripensandoci bene, anche questo potrebbe essere imbrogliato e nulla potrebbe cambiare. Siamo dentro ad un enorme frullatore che macina tutto e tutti e solo chi ha coraggio e fortuna ne uscirà vivo.
Consiglio di emigrare in nuovi lidi incontaminati, se ancora esistono. Buona fortuna!

dario fertoli, beverino Commentatore certificato 28.03.12 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Sono un imprenditore internazionale, mi riunisco con i miei dirigenti per pianificare un importante investimento in Italia, e pongo loro alcune domande, dato che non conosco l’Italia se non per il suo cibo, la sua storia, i suoi paesaggi, il calcio e poco altro.
Cosa chiedo?
Quanto tempo ci metterò ad avere i permessi di realizzare il mio investimento, a quanti uffici mi devo rivolgere, e troverò qualcuno che vuole la tangente?
Se si posso rivolgermi con fiducia alle forze dell’ordine? Esiste una legge anti-corruzione?
Quante tasse pagherò sugli utili? Quante sulla forza lavoro? Quanto pesano le imposte indirette?
Troverò facilmente finanziamenti bancari? A che tassi?
Se un cliente non mi paga, o un fornitore non mantiene le scadenze, in quanto tempo avrò giustizia?
Quanto durerebbe un eventuale contenzioso fiscale?
La pubblica amministrazione, che sarà uno dei miei principali clienti potenziali, paga i suoi debiti con regolarità?
Troverò personale qualificato? Che collegamenti ci sono con scuole e università? La politica tenterà di influire sulla scelta del personale? E la criminalità?
Come sono le comunicazioni? E le infrastrutture? E quant’è il costo dell’energia? C’è la possibilità del telelavoro? Le città sono cablate? In quanto tempo otterrò il permesso di soggiorno per i miei architetti cinesi, i miei informatici coreani e i miei avvocati nigeriani?
Tante domande a cui i miei dirigenti hanno dato risposte esaustive, che mi sconsigliano di investire in Italia, ma io sono testardo, amo quel paese, e poi i soldi sono miei e decido di andare avanti lo stesso.
Allora il mio braccio destro, per convincermi a desistere mi ha detto che in Italia non si può investire perché c’è l’articolo 18 dello statuto dei lavoratori, e mi ha spiegato di che si tratta; ho riflettuto un po’ fra me e me, ci ho pensato ancora una notte, poi ho deciso: ho licenziato il mio braccio destro per giusta causa…………………………………..

Arcangelo Cariello 28.03.12 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per la tua testimonianza. Sono ancora tantissimi quelli che credono che episodi come i tuoi siano lontani anni luce.
Che destini come il tuo toccheranno solo una piccola parte della popolazione.
Che destini come il tuo sono dovuti alla destra, o alla sinistra, o ai magistrati, o a Monti.

E' anche colpa mia che dai 18 ai 30 anni ho dormito nella piena disinformazione.
E' colpa di tutti gli italiani che fanno delle "spallucce" il proprio stile di vita.

Andremo tutti via....se faremo in tempo...

Gianni B., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.03.12 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Hey mi spiace un sacco... non mollare... non mollare... come hai detto tu appunto saremo in tanti... e ci si farà forza l'un l'altro.

Lorenzo F. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.03.12 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché invece di emigrare tutti , non ci ribelliamo tutti?
Forse perché:
1) c'è un sacco di gente che sta bene tutto sommato
2) non siamo arrivati ancora in fondo alla disperazione
3) nonostante tutto, continuiamo a non avere le palle .

upondu pondu 28.03.12 16:38| 
 |
Rispondi al commento

La mia colpa, invece, è che ci sono tornato in Italia!
Credo che, a breve, dovrò rifare le valigie...
AL VOTO ADESSO!

Carlo D. 28.03.12 16:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Su 8 mila euro di reddito lordo, i conti non tornano

A meno che il "bustarolo" per "spese fisse" si riferisce a tasse e contributi dovuti.

FILIPPO ANATRA 28.03.12 16:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non capisco cosa ti impedisca di andartene adesso dal paese che ami.
Forse trovi che sia troppo tardi?
Che comunque a 40 anni suonati, neppure nella vicina e ricca Germania qualcuno ti offrirebbe un lavoro?
Sei sicuro che appena laureato le cose sarebbero state tanto diverse?

Massimiliano Tagliati 28.03.12 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Io per fortuna ho ancora una discreta salute e in questo momento guadagno abbastanza x vivere e pagare le tasse (che non è poco, vista la pressione fiscale che abbiamo noi piva), ma per il resto sono come te (studi, età, piva, ecc...) e sono consapevolissimo che con un giorno con l'altro può cambiare tutto (già è successo in passato, poi per fortuna è rigirato il vento). Per anni ho detto, no non emigro; io voglio vivere a casa mia e non voglio andare a rubare il lavoro altrove. Negli ultimi mesi inizio a cambiare idea (o meglio non avere più quella forza), vedo che seguiamo in tutto e per tutto la grecia, e la fine non può essere diversa. Se non avremo più un futuro, saremo divorati dai debiti (statali e personali) senza poter neppur fallire e ricominciare, ma essendo strozzinati a vita nostra dei nostri figli... forse davvero è meglio scappare.
Ho guardato un po' in giro, un paese in attivo e abbastanza distante dall'europa, ma con un tenore di vita buono: il canada.
Indoviante un po'? andare a lavorare in canada è parecchio difficile! non ti mantengono mica... devi essere considerato utile, avere esperienza, avere un lavoro e un datore di lavoro che ti garantisca, sapere almeno una delle 2 lingue (dimostrandolo con un esame a pagamento), pagare un discreta cifra per fare domanda ed attendere con pazienza se e quando ti chiameranno.
Tutto ad un tratto... ho capito perchè loro sono un paese in attivo.

Zawardo Z. Commentatore certificato 28.03.12 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Mario Monti dice che gli italiani sono con lui ... non so se ne sia davvero convinto, ma forse dovremmo dare un segnale per confermare o smentire il suo pensiero ...

Ivo Dell'Orto 28.03.12 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Post evidentemente vero e denso di consapevolezza.
Unica cosa: forse la tua colpa, e magari anche la mia e quella di tanti altri, è quella di non essertene andato, invece che dal paese che ami, dal pianeta intero, che sillogisticamente ami a tua volta ancor di più. Forse il problema allora non è questo in fondo, dato che logicamente un giorno potrai davvero trovarti a dover pensare una cosa del genere. Un pò paradossale e in antitesi con la tua esistenza.
Dovremmo infine uscire dal tunnel.

Andrea C., Milano Commentatore certificato 28.03.12 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè invece di continuare a dire emigriamo, andiamo via daal'Italia non e ora che li cacciamo tutti e ci riprendiamo il paese?

Massimo Cantoni 28.03.12 15:28| 
 |
Rispondi al commento

insomma poco meno di uno stracciarolo ... sempre peggio

francesco c., emigrato all'estero Commentatore certificato 28.03.12 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Hai detto bene:non sei solo.Ma una insurrezione mai?Eppure siamo in tanti, forse c'è ancora pane in tavola,grazie ai nostri vecchi

mariuccia rollo 28.03.12 14:38| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori