Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Tira, tira e la cinghia si spezza


stringere_cinghia

"Sono un dipendente metalmeccanico, ho 24 anni e lavoro da quando ne avevo 19, credo di ritenermi fortunato per essere riuscito ad ottenere un contratto a tempo indeterminato a soli 20 anni. La mia azienda è di Napoli ed è composta per l'80 % da Campani, ma da un anno a questa parte la proprietà sta delocalizzando nel Torinese dove oramai si lavora per la Germania e/o per la Cina. Alcuni colleghi più "sfortunati", e per di più laureati, sono sotto contratto a termine (progetto, partita IVA, ecc...). Loro, nel tentativo di cercare una società sempre del Torinese che possa offrire loro un contratto più stabile (pensare di farlo a Napoli è pura follia!) hanno effettuato dei colloqui con diverse start-up le quali hanno ripetuto sempre gli stesi concetti: "non possiamo offrirti una tale cifra perché la nostra intenzione è quello di adeguare i costi a quelli Cinesi". E' così angosciante sapere che stiamo tornando indietro di mezzo secolo e più nelle condizioni socio-economiche. Come potrei mai mettere su famiglia sapendo che il mio stipendio a partire da oggi diventa sempre più precario? Come potrò ogni mese dire alla mia futura moglie al mio futuro figlio non possiamo ho avuto 50 euro in meno in busta paga per la nuova addizionale regionale, per pagare la tassa sulle calamità naturali? Dobbiamo tirare la cinghia, ancora! Ma tira e tira la cinghia si spezza".
Alex L.

30 Mar 2012, 17:12 | Scrivi | Commenti (32) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

I sogni di Trivulzio il nevropatico (VII Parte)
...presunti nostri “fratelli” nordisti. Come vorrei tornare indietro nel tempo e vivere in quella meravigliosa oasi di luce, di pace e di benessere del Regno delle Due Sicilie, così ben amministrato dai Re Borbone. Eravamo ricchi, non avevamo tasse, tutti i servizi ai cittadini funzionavano alla perfezione ed il nostro sistema economico-industriale-amministrativo ed i nostri prodotti erano i migliori del mondo.
Avevamo una magnifica nostra storia millenaria, discendevamo da quelle integrazioni di culture diverse provenienti dalle famose civiltà del medio oriente: Greci, Fenici (punici, cartaginesi), Sumeri, Assiro-babilonesi, Tracia, Antico Egitto, ecc., ecc., ma anche dai famosi Etruschi o dall’orgoglio, la forza ed il coraggio degli Antichi Romani. Purtroppo oggi il popolo italico non ha più nulla di quei pregi e di quelle qualità delle nostre antiche e gloriose razze.
Siamo diventati un popolo stupido e balordo di tanti chiacchieroni, egoisti, buffoni, animelle e truffatori. Regna sovrano solo e soltanto il caos e tanta, ma tanta inutile e dannosa burocrazia.
Possiamo senz’altro affermare che dalla luce siamo passati nelle tenebre, dal Bene al Male. Eravamo discendenti dei cosiddetti Figli della Luce, provenienti da quelle antiche ed avanzate culture del Medio Oriente, la Vera Culla della Civiltà; adesso possiamo in un certo senso definirci solo e soltanto Figli delle Tenebre.
Ed i sogni di Trivulzio il nevropatico, in arte il sottoscritto, continuano invano senza sosta: “E quanno schiara sto’ cazzo ‘e juorno?”… eeee…. haje voglia ‘e aspettà… haje voglia ‘e allungà ‘o cuollo…!!!-
“Si ‘o ciuccio nun vo’ vevere, haje voglia d’’o siscà…!”
FINE
p.s.: stavano nell'ombra e combinavano solo caos e casinate varie... adesso la merdaccia è spuntata fuori, si è messa addirittura al comando e sta al servizio incondizionato e agli ordini ferrei della Gran Merdaccia Mondiale... Il Popolo può fidarsi? Ceeerto che no!!!

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.04.12 18:36| 
 |
Rispondi al commento

I sogni di Trivulzio il nevropatico (VI)
...contro di voi come una tempesta irrefrenabile ed irreversibile, come ad esempio avvenne in quel tremendo periodo della rivoluzione francese (1789-1795), ma si possono citare come esempi anche altri periodi rivoluzionari o di lotte civili e fratricide. Le teste coronate finirono sotto la ghigliottina! E oggi? Voglio trovarmi bugiardo, ma credo che se avverrà una tale disgrazia anche da noi, si adotteranno metodi di annientamento ancora più atroci della ghigliottina. La Storia (quella vera s’intende e non quella falsata), cari vecchioni e grassoni politici zucasangue, è maestra di vita! Guai, guai a chi crede di burlarla o cambiarla a propria immagine e somiglianza! Sarà destinato a subire un’orrenda fine! Perciò, mi raccomando… fatevi per benino i vostri calcoli, fate in modo scrupoloso e con la massima attenzione possibile i vostri compiti a casa, valutate se è il caso di prendere baracca e burattini ed andare a farvi fottere da qualche altra parte se non volete che i vostri figli, parenti e nipoti ne pagheranno, dopo voi, anch’essi le conseguenze! Insomma, ravvedetevi e cambiate aria, in quanto le previsioni non promettono nulla di buono. Adesso si nota ed è ampiamente palpabile tra la gente la paura, il terrore per il proprio futuro e quello dei propri figli… tutti attendono con tremore ed ansia l’ulteriore mazzata fiscale che si abbatterà sul popolo nei prossimi mesi… tutti temono di non farcela, (alcuni hanno già purtroppo preso la via del non ritorno con atti drammatici)…. E poi? Poi la paura cambierà in rabbia e la rabbia, presumibilmente, si tramuterà in un’enorme tempesta incontrollabile ed inarrestabile…- Ravvedetevi… ciucci politici… ciò che voi volete adesso pilotare e cavalcare, diventerà talmente selvaggia, da disarcionarvi ed annientarvi…!”E ripeto ancora alcune mie considerazioni su quel glorioso passato storico del meridione italiano, invaso ed annientato così brutalmente dai cosiddetti... (VII)

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.04.12 18:27| 
 |
Rispondi al commento

I sogni di Trivulzio il nevropatico (V)
...e poi nulla più… ed il vuoto assoluto regna ancora sovrano…- Non è necessario fare tanti discorsi inutili ed antiquati. Quando le chiacchiere non portano a nessun costrutto, sono molto dannose, in quanto provocano solo altri malcontenti, altri disagi, altra confusione mentale e fisica. “Addò cantano cient’all nun fà mai juorn!”- Abbiamo purtroppo visto e subìto tante volte sulle nostre spalle da troppo, troppo tempo le assurde angherie e la schifosa disamministrazione della cosa pubblica da parte di ogni tipo di corrente politica salita al governo: destra, sinistra, centro, centro-destra, centro-sinistra ed altre compagnie politiche unitesi e dissociatesi… ma nulla è cambiato… è sempre la stessa amara minestra per il popolo, soprattutto per le fasce medio-basse. Adesso ci sono i tecnici… la giacca si risvolta, ma la stoffa non cambia… sembravano a primo acchito i salvatori del popolo, ma in realtà si sono dimostrati solo i salvatori delle correnti politiche, delinquenziali e finanziarie da cui dipendono. Agli sciacalli politici: “Maistà, vulimme ra vuie na grazia! Che grazia, uagliù? Maistà, vulimme essere Buffuni! Ah sì? E allora sapite che ve dico? Ve sia cunciesse: Buffuni… e Fessi!!!” Pezzi di ciucci politici ed ignoranti presunti “tecnici”… E’ inutile fare orecchie da mercanti… è inutile fare gli gnorri… Ve ne fregate ancora ed ancora del popolo e continuate con la vostra egoistica zozza politica del business personale? Sappiate però che chi troppo tira la fune, finirà che essa si spezzi come tante volte è capitato in tutte le epoche storiche passate. Tutto è destinato a finire nella merda prima o poi… e… voi politici del cazzo non siete affatto esclusi… e allora i guai, le pene, le sofferenzesaranno solo vostri, sò cazzi amari e saranno solo e soltanto vostri. Farete brutta fine… il popolo potrà ancora subire e sopportare altri torti, ma fino ad un certo punto, poi le cosiddette acque chete si rivolteranno... (VI)

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.04.12 18:21| 
 |
Rispondi al commento

I sogni di Trivulzio il nevropatico (IV Parte)
...e le sue due figliole. A fine mese la famiglia si riuniva per effettuare un rendiconto consuntivo mensile e discutere sulle eventuali spese sostenute giuste o non giuste. Su tali basi si stabilivano eventuali debiti o crediti accumulati e si disponeva un preventivo per il mese successivo, approvato da tutta la famiglia.
Cosa voglio dimostrare con questo raccontino.
Cerco di essere più chiaro possibile: tutti i cittadini di questo Paese sono costantemente tartassati da tasse su tasse, però nessuno sa dire dove vanno a finire le entrate e le uscite, in altri termini come vengono spesi i soldi versati. Quello che invece si nota è che i servizi ai cittadini fanno sempre più schifo o non esistono affatto e caos, corruzione, disordine, tragedie ed ingiustizie aumentano e si espandono a vista d’occhio. Ora io onesto cittadino e pagatore voglio, pretendo, ho il sacrosanto diritto di conoscere nei dettagli e fino all’ultimo centesimo versato, che fine fanno i miei soldi. E se tu stato continui a prendermi per i fondelli con scuse fasulle e sibilline omettendo la verità, allora devo pensare ovviamente che tutti i soldi che ti ho dato te li sei messi in saccoccia e… chi s’è visto, s’è visto…- Sei quindi per me un maledettissimo e fottutissimo ladro, non degno assolutamente di amministrare il danaro pubblico e né tantomeno di stare al governo. Ormai tutti sono a conoscenza di questa terribile e schifosa verità e cioè che i nostri soldi prendono sempre vie diverse da quelle preventivate, riempiendo esclusivamente le tasche di politici e truffatori che li sprecano solo per i loro sollazzi e tornaconti personali e mai per il benessere della società. Purtroppo tutti sanno, ma nessuno protesta, nessuno denuncia, nessuno si attiva in modo concreto per fermare quest’abominevole modo di governare. Parole, parole, solo e soltanto parole per esibirci anche noi, per scimmiottare altri stupidi parlatori a vanvera... (V)

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.04.12 18:15| 
 |
Rispondi al commento

I sogni di Trivulzio il nevropatico (III Parte)
...quelle che non arrivano mai a fine mese, quelle che non sanno più come sopravvivere devono per forza di cose essere non solo considerate esentasse, ma ricevere aiuti concreti dallo stato per avviare poi una qualunque loro ripresa di vita lavorativa dignitosa. Bastano poche tasse, ma giuste, redditizie e trasparenti in modo che tutti i cittadini abbiano la consapevolezza di dove vanno a finire tutte le entrate, i propri soldi versati fino all’ultimo centesimo per avere poi dei servizi efficienti e fattibili per tutti.
Operare poi con un’alta ed efficiente politica di controllo, in modo da eliminare per sempre l’evasione fiscale. Eliminare poi alla radice ed in modo definitivo ed assoluto tutta quell’infida, odiosa, inutile, dannosa e superflua burocrazia, che da ormai troppo tempo sta solo alimentando sempre più caos, contraddizioni, errori, soprusi, danneggiando in modo inequivocabile ogni forma di ripresa.
La nostra Costituzione è antiquata, va cambiata in toto e resa più semplice e chiara soprattutto per il popolo che ha il compito di controllarla e supervisionarla, con l’approvazione o meno di leggi adeguate al benessere ed al progresso di tutta la società. A tal uopo racconto un episodio di tanti anni fa. Un certo dott. Vignola, direttore della Società Cirio (La Fagianeria) si stabilì con tutta la sua famiglia in una casetta di via Cipulli, sita nel mio paesello. Invitato a casa di questo signore rimasi stupefatto nel notare un grosso tabellone affisso sulla porta principale sul quale si leggeva a caratteri cubitali e ben visibili: ENTRATE ED USCITE (mese Gennaio). In confidenza il direttore Vignola mi spiegò dettagliatamente il motivo e le ragioni di quell’affissione. Ogni mese lui scriveva la somma dello stipendio nel reparto ENTRATE. Al mattino, nell’uscire prelevava dalla cassa di casa la somma che gli sarebbe servita per tutto il giorno trascrivendola nel reparto USCITE e così faceva sua moglie...(IV)

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.04.12 18:11| 
 |
Rispondi al commento

I sogni di Trivulzio il nevropatico (II Parte)
Via, via tutti i vitalizi, gli appannaggi, i privilegi, le immunità, i finanziamenti, ecc.- Niente per il governo, per i parlamentari, per i politici, per i partiti, per le regioni, province e comuni deve essere concesso gratis. Il loro compito è solo quello di governare per il benessere di tutto il popolo italiano e non quello di avere vizi, sollazzi, lussi e sprechi. Niente auto blu, assistenti superflui, porta bevande, portaborse, scorte, ecc., ecc.- E lo voglio ancora puntualizzare e ripetere fino alla nausea. Il governo deve essere solo ad esclusivo servizio del popolo a cui deve sempre rendere conto del suo operato e non viceversa. Qualche verme politico o qualche viscido rompiballe del cazzo potrebbe obiettare: “Roba vecchia, passata e sormontata, roba fritta e rifritta, roba d’altri tempi, adesso tutti noi ci facciamo, come è nostra consuetudine, la solita bella pappata ai danni dei soliti fessi, il cosiddetto magna, magna e ce ne fottiamo del popolo a cui attingiamo solo per i voti o solo per truffarlo fottendoci il loro sangue!”- La risposta: “Allora meriti di essere buttato subito in galera a patire umiliazioni, sofferenze e fame vita natural durante…!”- Vuoi tu politico fare il ministro, il parlamentare, il presidente, il capo di governo? Nessuno te lo vieta. Ma ricordati: tu sei solo il servitore del popolo! Se sbagli dovrai essere giudicato e condannato in modo esemplare, alla stessa maniera di un qualunque normale cittadino. Bisogna assolutamente agire con una politica fiscale equa, giusta, equilibrata e proporzionale, cancellando tutte quelle tasse inique, superflue ed obbrobriose. E logico che le fasce più ricche devono essere quelle maggiormente controllate dal fisco e pagare molto, ma molto di più delle altre, mentre le fasce più deboli, quelle che sono ormai allo stremo delle forze ed alla saturazione dei sacrifici, quelle super tartassate che hanno sempre pagato e lavorato con onestà,... (III)

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.04.12 18:05| 
 |
Rispondi al commento

I sogni di Trivulzio il nevropatico (I Parte)
A volte, Trivulzio il nevropatico potrebbe riferirsi al sottoscritto. Non mi offendo, anzi ne sono molto orgoglioso. Alla faccia di tanti presuntuosi buffoni, che per l’innata voglia di esibirsi il più possibile in pubblico cercando in modo goffo e ridicolo di imitare altri stupidi presunti cattedratici e per farsi un nome, leccano le palle di gentaglia altolocata. Amo la sincerità, la coerenza e la spontaneità, ragion per cui cerco, nel mio piccolo, con attenta riflessione ed osservazione a 360° delle tante vicende illogiche che accadono in continuazione nel mio sempre più martoriato Paese, di trovare con estrema semplicità delle soluzioni concrete e fattibili per poter forse porre un qualche rimedio ai gravissimi ed incresciosi problemi economici e non solo…, che stanno lentamente e progressivamente soffocando la nostra società e la nostra gente, colpendo sempre i più deboli, i più onesti ed i più poveri. Credevamo nel cambiamento annunciato dai pulpiti del potere e di avere tutte le carte in regola per uscire con dignità e con celerità dalla crisi; credevamo alle solite nuove promesse; credevamo che i nuovi venuti, il cosiddetto governo di tecnici fosse all’altezza della situazione e soprattutto dalla nostra parte; credevamo al nuovo Salvatore che avesse operato in modo equo e giusto per dare respiro e nuova linfa vitale alla parte più debole del popolo, in modo da facilitarne la ripresa… ed invece, come al solito, come è sempre purtroppo capitato in passato, le sorprese sono state tutte in negativo.Come già più volte ho in precedenza accennato nel mio pamphlet (repetita iuvant) necessita ridurre il numero dei parlamentari a non più di 30 con la riduzione netta dei loro stipendi e pensioni equiparabili non tanto a quelli già di gran lunga inferiori dei loro colleghi stranieri, ma alla media degli stipendi e pensioni delle fasce medio-basse dei normali cittadini italiani.
Continua in alto la (II Parte)...

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.04.12 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Poche parole!
A tutti i politici Sla!!

Fabio B 02.04.12 20:19| 
 |
Rispondi al commento

Bè è una novitá che i nostri stipendi si dovranno adeguare a quelli di cina e co.? In economia come nella fisica vige il principio dei vasi comunicanti quando metti in comunicazione 2 vasi/economie queste tenderanno a livellarsi dobbiamo solo sperare che lo stipendio medio del cinese cresca più velocemente di quanto si abbassa il nostro. TUTTE LE FIABE CHE CI RACCONTANO POLITICI E ECONOMISTI SONO SOLO FUMO NEGLI OCCHI. PRIMA CE NE RENDIAMO CONTO E MEGLIO È.

Enrico M. Commentatore certificato 02.04.12 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Quando la cinghia si spezzerà (perchè prima o poi si spezzerà) sapremo dove andare a prendere i nostri soldi!!! Sarà contro di loro, i politici di qualsiasi colore essi siano, che dovremo scagliarci. Loro la cui cieca arroganza sta portando l'Italia allo sfascio. Loro che credono di essere invincibili con il denaro degli altri, ma che senza di esso sono degli esseri insignificanti. Loro che quando li contesti, ti tacciano di qualunquismo o antipolitica. Facciamogli capire che questa non è antipolitica, ma antipolitici, perchè la politica (quella vera) è una nobile arte da apprezzare.

Stefano Pagani 01.04.12 16:47| 
 |
Rispondi al commento

E' quello che succede ignorando i problemi "lontani" "che nn ci riguardao".

L'occidente ha raggiunto un buon livello socio\economico dopo secoli di sacrifici.

La cina per permettersi di fare prodotti così economici usa tecnologie moderne e diritti sociali medioevali\disumani.

L'occidente ha (aveva) due opzioni:

1) comportarsi come ogni nazione che nn conta un cazzo e abusa dei propri cittadini.
Non serve una guerra.
L'embargo è sufficente.
Fai i palloni a un euro a tonnelata e giocaci da solo se trovi a chi venderli !!

Ciò ha due possibili effetti anche concomitanti.
a) sposti il modus operandi dello stato a valori a te simili e elimini una concorrenza sleale (resta ma è leale) e migliori le condizioni della popolazione locale.
b) elimini un concorrente

2) per sopravvivere la legge del mercato ti impone di abbassare i prezzi al loro stesso livello (o soccombere)
Quindi se vuoi sopravvivere diventi come loro ovvero come noi 200 e passa anni fa.
Niente stato sociale.
Niente diritti.
Niente democrazia.
Campi di concentramento.
Schiavitù.
Degrado sociale e culturale.


La prima opzione non l'avete scelta !!

Cazzi vostri !!

Però la prossima volta che volete fare i forci fatelo col vostro di culo perchè in questa merda ci trascinate anche tutti quelli che non sene sono sempre sbattuti il cazzo ...

ai a. Commentatore certificato 31.03.12 18:41| 
 |
Rispondi al commento

Grand'uomo il regista Monicelli quandoi al giornalista che gli chiedeva come potevano ccambiare le cose in questo povero paese chiamata italietta rispose "RIVOLUZIONE".
Povero uomo non sapeva che parlava agli italiani i qual per loro cultura l'unica Rivoluzione possibile è quella quella che si riferisce al termine scentifico del moto della terra.

Evviva Pancho Villa!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Giancarlo P., monteporziocatone Commentatore certificato 31.03.12 14:47| 
 |
Rispondi al commento

ho tre figli, uno lavora in proprio in una pizzeria al taglio nella quale ho invesatito tutta las mia liquidazione! U'altra lavora salutariamente in un biscottificio, mentre il più piccolo(si fa per dire 34 anni) lavora come commesso in un panificio. Ebbene con la crisi che ci attanaglia, il pizzaiolo (il più grande )vede i sui incassi calati del 40 per cento con difficoltà a portare avanti la sua famiglia (moglie disoccupata e due figlie in età scolastica).Da anni non fa un giorno di ferie, e non si compra neanche un paio di scarpe. In compenso è assediato dallo stato strozzino attraverso il braccio armato di Iniquitalia!

La seconda figlia lavora a part time e anche per lei che ha due figlio con il marito tipografo è difficile campare.Il terzo figlio che lavora al panificio guadagna 800 euro e ne paga 650 di affitto. Lui cerco con parte della mia pensione di alleviargli le pene.
Questo stato governato da ladri strozzini assassini che ci levao i il pane di bocca e ci affamano auguro di poter passare il resto della loro vita nell'oscurità più profonda di malattie incurabili

Giancarlo P., monteporziocatone Commentatore certificato 31.03.12 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, dov'è finito il mio commento?

mux 31.03.12 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Ho scelto tre anni fa' di andarmene definitivamente dall'Italia per via moltissime delusioni lavorative; premetto che dall'eta'di 16 anni che mi "arrangio". Niente figli, decisione ottima visto quanto sta avvendo da piu' di ventanni, lasciato marito,lui lavora ancora ma l'azienda e' al tracollo. Ho voluto investire sul nosto futuro. Come? Svendendomi come au pair/colf presso una famiglia benestante italiana/inglese. Mi sono fatta ben volere dove vivo attualmente anzi parecchie volte chiedevo scusa alle donne inglesi del comportamento di Berlusconi (del suo Bunga Bunga) & C. Seguo con assiduita' gli avvenimenti nel mio paese e parecchie volte piango per quanto sento/vedo. Adesso tiro le somme e' ho tanta rabbia perche' non crediate che lavorando con gli italiani c'e' piu' solidarieta' anzi sono piu' "TIRCHI" degli inglesi. Quindi se avete intenzione di venire in UK sappiate che non e' l'ELDORADO per le persone "semplici" ma ben si una lotta per la soppravvivenza e ricordate di essere umili(a differenza di moltissimi cittadini dell'est) perche'siamo immigranti. Quindi pensaci prima di "trasferirti" se vieni qui puoi essere un potenziale homeless(senza-tetto)per di piu'senza famiglia:/

sonia v. Commentatore certificato 31.03.12 13:09| 
 |
Rispondi al commento

cari amici, è difficile ma ... lasciate perdere il posto da dipendente a qualunque costo. Io ho lasciato (dopo 15 anni) un anno fa con l'incentivo una multinazionale ICT che era stracotta e faceva cose inutili. Lo stipendio era più che buono, ma mi han detto che ero un esubero (e con me il 50% della forza lavoro ...tutti laureati). Mi è costato un po' di notti insonni, ma adesso sto costruendo con molta soddisfazione un mio percorso professionale che dovrà "reggere" per altri 25 anni. Anche se è dura (non faccio parte delle schiere di chi cerca una "sponda" nella Casta), ho però la convinzione che la mia vita sarà meno a rischio (capirai, dipendere da una azienda che delocalizza, che chiede sempre più e da meno, che non riesce a stare sul mercato se non con tangenti o assistita...). Saluti

paolo mario citarella 31.03.12 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Qui l'unica cosa da tirare sono le patate (non pomodori, troppo molli), e cacciare a fucilate nelle narici tutti i parassito al governo.

Mauro F., Milano Commentatore certificato 31.03.12 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Le rinuncie i sacrifici il tirare la cinta ma la cinta non basta più si è passati al cappio
Aumenti solo aumenti
Ma il potere di acquisto della busta paga scende sempre di più
Si lavorerà di più solo per pagare tasse utenze non per un beneficio
Siamo al punto di non ritorno
Gli schiavi almeno non pagavano nulla
I nuovi schiavi con il loro reddito devono pure mantenere il padrone
Questo e il risultato di politiche sbagliate il capitalismo sensa freni
E ora di ripensare il sistema nella sua totalità o almeno in parte
L idea delle 35 ore lavorare meno per lavorare tutti una ripartizione dei profitti
La spinta globalizzante delle multinazionali con un unico pensiero il profitto a portato qui se ai tutto l oro del mondo non sei il più ricco ma sei l unico
Allora il metallo non avrà più valore
La missione dello stato sociale e quella di far si che un po' di metallo lo devono avere un po' tutti deve indicare un prezzo e quanto ne puoi avere come massimo deve controllare che le regole siano rispettate e punire chi non le rispetta

Riccardo Garofoli 31.03.12 08:37| 
 |
Rispondi al commento

Siamo ormai alla frutta! Il lavoratore, la persona, è un ESSERE e no merce di scambio. Ne in Italia ne in Cina.

Natalija Stojic 31.03.12 01:00| 
 |
Rispondi al commento

noo,rilassati,con tutti sti tagli da qui ad un anno userai la fascetta da elettricista come cintura,avremo un giro vita così piccolo che la cintura non riusciremo mai a sistemarla!
e comunque state attenti alle notizie di persone scomparse adesso stanno cercando di portare alla discussione la piaga dei cip sotto pelle! STATE ATTENTI!

Niko G., cardito Commentatore certificato 31.03.12 00:33| 
 |
Rispondi al commento

La cinghia doveva già essersi spezzata, invece sono allibito per quanto l'italiota la sta prendendo nel culo senza fiatare. Fino a quale limite possiamo arrivare senza spaccare tutto? Questo è in realtà quello che loro, la casta, adesso stanno monitorando scientificamente...

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 30.03.12 23:32| 
 |
Rispondi al commento

uhh,avete censurato..allora cambio testo:w Casini,W Bersani,W IL Banana....:FACCIAMO FINTA CHE TUTTO Và BEN TUTTO Và BEN..FACCIAMO FINTA CHE TUTTO VA BEN..SIAM TUTTI AMICII..TUTTO VA BEN..SIAMO FELIICII TUTTO VA' BEN...!!!!E Non gli fate la bua..c'è solo incomprensione...basta che scrivete loro vi ascoltano..AH AH AH AH..pensa che in questo momento proprio mentre io stò scrivendo stanno seriamenteelavoraando...parapappappa..per i dubbi e le domande che ti affliggono la mente và da loro non ti preoccuparee,sono a tua disposizione e sempre senza esitazione loro ti risponderanno..

Censuratevi sta cippa belli..prima o poi qualcuno se incazzerà..che censuriate o nò..statene certi..è fisiologico..Ciaooo

mario 30.03.12 21:50| 
 |
Rispondi al commento

frignate de meno,tutti i giorni sto lamento continuo,sta nenia del morto de fame, incessante..dupalle!!..ma andate a spaccargli il cu come fecero i Francesi e i russi..stanno a montecitorio..,magnano e bevono in mezzo alla strada..ma magari ce volete arrivà..

mario 30.03.12 21:38| 
 |
Rispondi al commento

ci voigliono come cinesi
VA BENE ACCETTIAMO
volete fare del italia una nuova cina????
VA BENE ACETTIAMO


e allora via con la rivoluzione maolista
ops ...
il regime di mao tze tung ha STERMINATO PIU DI 60 MILIONI DI CINESI
... intelettuali... come monti
....padroni ........come marchionne
....abolito i partiti di opposizione
.........come la casta

ok noi italiani acettiamo il modello cinese

da domani andremo in piazza a assistere alle fucilazioni di massa
(gia cara casta in cina ..i furbetti della politica... i tangentisti...quelli che fanno favori alla mafia ... favori alle ditte...
quelli che rubano....rubano allo stato....etc)

FINISCONO IN UNA PIAZZA CON UN SOLDATO ALLE SPALLE CON IL FUCILE CARICO E PRONTO ...
A FARE FUOCO

ok se voi ci volete cinesi
noi vi accontenteremo importando anche il modello ,,,,,,politico cinese

stefano b., rovato Commentatore certificato 30.03.12 21:36| 
 |
Rispondi al commento

Sinceramente mi domando ma come mai il Sicilia ci sono 27000 dipendenti pubblici e in Lombardia 3000? Questo vuol dire che in Sicilia di sono 24000 persone nella pubblica amministrazione in più oppure in Lombardia ci sono superlavoratori.
Fra l'altro la Sicilia notoriamente ha una minore attività amministrativa della Lombardia.
Ora questo ha un solo significato: in Sicilia ci sono 24000 stipendi minimi garantiti per famiglie che altrimenti sarebbero bisognose.
Allora bisognerebbe ampliare il concetto siciliano a tutta l'Italia, perchè a loro lo stipendio minimo garantito e al nord invece si deve tirare la cinghia senza lavoro?
In modo proporzionale naturalmente bisogna dire ai siciliani che se vogliono possono mantenersi i 27000 ma con le entrate fiscali locali cioè solamente della Sicilia.
Cioè ognuno si mantiene i suoi in modo proporzionale.
Altrimenti qua si fa gli schiavi e si tira il carro e là ci si immanica e si gode di privilegi.
Politica proporzionale cari miei con la politica proporzionale si riequilibria il Paese che diventa un pò più giusto per tutti e non ci saranno più suicidi o gente che si lamenta perchè tira la cinghia.

mario mario Commentatore certificato 30.03.12 20:36| 
 |
Rispondi al commento

La terra soffre per il sovrapopolamento abitativo e sfruttamento delle risorse ,inquiniamo cosi tanto che ci vorrebbe un miracolo per uscirne fuori eppure non sono contento di aver un figlio in questo masma umano primitivo capace di fare figli e poi gettarli nei fiumi dal balcone ma fatemi il piacere diventate vegani responsabili contadini comprate la terra che è sempre stata generosa e produttiva e amate soprattutto gli esseri viventi che ben venga uno sfascio industriale.

sal romano 30.03.12 20:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BISOGNA CAMBIARE IL SISTEMA PRODUTTIVO MONDIALE. NON AVETE CAPITO KE IN GIRO CE LA MENTALITA DELLA MINORE SPESA???( CHE SI TRADUCE IN CINESIZZAZIONE DEI DIPENDENTI).

è LA MENTE KE è MALATA, ASSUEFATTA DAL STO MINKIA DI MERCATO.

BISOGNA TROVARE UN ALTERNATIVA A QUESTO SISTEMA O FINIREMO TUTTI COL DIVENTARE QUASI SCHIAVI X VIVERE.

1 SOLUZIONE: AUTOPRODURCI L'ENERGIA CON FONTI RINNOVABILI, CAMBIARE IL SISTEMA PRODUTTIVO ITALIANO PROGREDENDO ALLA RIDUZIONE DEI LAVORATORI UMANI A FAVORE DELLE AUTOMATIZZAZIONI, FINO A RAGGIUNGERE IL 100% DI SOSTITUZIONE. INFINE UNA POLITICA DI EQUA DISTRIBUZIONE DEI BENI(PRINCIPALMENTE QUELLI DI CONSUMO).

QUESTO è LA VIA KE SI DOVRA PRENDERE TRA 50-100 ANNI.

IO SUGGERISCO DI ATTUARLA SUBITO E ABITUARCI,COSI MAGARI IL TEMPO LIBERO LO USIAMO SENSATAMENTE.

( una vita in ufficio 50 anni,minimo 8 ore, altre 8-10 a dormire, il resto burocrazia e solo qualke oretta x famiglia e divertimento.....chi ancora pensa ke sia normale ha dei problemi mentali seri.

il fare lo schiavo non ti da dignità, e il dire ke cosi è la vita conferma solo ke sei un perdente,quindi evitate commenti tanto superficiali solo xke nell'infanzia a vete pensato a farvi solo i c...zi vostri e ora volete dare lezioni agli altri.)

zelgius g., mazara del vallo Commentatore certificato 30.03.12 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Visto che sei arrivato sin quà,mi auguro che tù capisca chè questo SISTEMA và superato.
Attualmente,l'unica possibilità che abbiamo per cambiare le cose,e farle EVOLVERE,è il M5S.
Sei giovane,avete l'occasione di riappropriarvi della vita.
Sei in grado di EVOLVERE un nuovo modo di vivere,dando una parte del tuo tempo ai problemi sociali,al M5S,coinvolgendo i tuoi coetanei.
Io sono sorrentino,se non sbaglio tù napoletano,e sappiamo benissimo che il vivere è un'altra cosa.
SCETATEVI GUAGLIUN

salvatore castellano 30.03.12 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Confermo i pensieri e le paure di quel ragazzo perché come lui a 22 anni e non riuscire a vedere nemmeno un miraggio del proprio futuro e triste e ti fa rabbia.
Ne ho le palle piene di come stanno andando le cose in Italia e come un branco in conigli , io compreso , non abbiamo il coraggio di prendere in mano la nostra vita e i nostri diritti.
Bisogna unirsi tutti , dal nord al sud.
Deve iniziare a muoversi una rivoluzione per dimostrare che l Italia è nostra e non di chi ci governa.

Filippo De Tomasi 30.03.12 18:15| 
 |
Rispondi al commento

E già, ci lamentiamo , scriviamo, spieghiamo, tutto davanti al computer.
Ma ai fatti ...quando??
"Tengo famiglia."

upondu pondu 30.03.12 17:45| 
 |
Rispondi al commento


I PSICO POLIZIOTTI DELL EURO--Sono anni che gli italiani subiscono, senza accorgersene, un incessante lavaggio del cervello. Il mantra religioso che viene loro venduto è la paternale dell'italiano brutto, sporco e cattivo che ha tutto da imparare dai Paesi seri, e che a causa della corruzione si merita le misure di austerità ( le tasse ) e di rigore ( le extra tasse ). Questo esercizio è funzionale sia allo sdoganamento delle folli misure di Monti, che a NASCONDERE la causa della nostra tragedia economica e sociale: l' Euro. Ti ricordi ?? Con la Lira con cento milioni si poteva comprare una casa di cento milioni. Con l Euro, i nostri risparmi diventarono 50.000 euro, mentre, allo stesso tempo, il valore dell' appartamento diventò di 100.000 euro. E fù cosi per ogni cosa. In pratica da un giorno all' altro vennero ridotti stipendi, pensioni e risparmi a tutti. Fù così che la gente iniziò a consumare sempre di meno, e le aziende a non vendere più i loro prodotti, a non assumere, e a licenziare sempre di più. Come poteva essere diversamente se vengono ridotte del 50% le fonti di reddito ai cittadini ?? E così solo adesso, ribellandoci alla psico-polizia del pensiero unico mainstream, dopo dieci anni possiamo scorgere gli effetti dell' euro e dell' aver dimezzato salari, pensioni e risparmi : aziende chiuse, disoccupazione dilagante, stipendi da fame, consumi tornati indietro di trenta anni, economia sventrata, tessuto industriale in fase di disgregazione, la gente e le imprese in ginocchio. Ecco dopo dieci anni di Euro dove siamo finiti !! L' euro nacque x sottrarre agli Stati la moneta sovrana, costringendoli a prendere in pretito ogni singolo euro sui mercati, ai tassi che loro decidono. Non potendo controllare i tassi ( come fanno i Paesi con la propria moneta; per es. Usa Gb e Giappone pagano interessi tra l'1 e il 2% a fronte di debiti da far impallidire quelli europei ) risulta ovvio che il debito diventi a rischio e lo Stato totalmente assoggettato ai mercati

cielo stellato 30.03.12 17:33| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori