Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Comuni de_Equitalizzati


Equitalia_Venezia.jpg
Dopo i comune denuclearizzati, i comuni "de-equitalizzati". Forza Belluno! (Passate parola!)
"Il Comune di Calalzo di Cadore HA ESPULSO EQUITALIA DAL PROPRIO TERRITORIO, DICHIARANDOLO COMUNE DE-EQUITALIZZATO! Il nuovo Sindaco ha deciso di tornare ad occuparsi direttamente della riscossione dei tributi ordinari e della riscossione coatta, dando così la possibilità ai cittadini di recarsi in comune e discutere dell'eventuale situazione di difficoltà finanziaria. Questo piccolo Comune di 2.250 abitanti risparmierà ogni anno 20.000 euro! Esiste una legge, la 166/2011 che prevede che i Comuni possano non appoggiarsi a Equitalia!!". Renzo C.

21 Apr 2012, 12:50 | Scrivi | Commenti (80) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Volevo segnalare che anche il Comune di Telti(OT) in Sardegna da qualche anno ha revocato la riscossione dei tributi ad Equitalia

Giuseppe Pinna 30.04.12 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Da il mattino.it http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=192726&sez=NAPOLI
Imprenditore suicida al Vomero Avvocato «pentito»: lascio Equitalia.
Il cambiamento è in atto le coscienze i stanno svegliando. L'Avvocato ha avuto coraggio per il gesto che ha fatto ma ora vada avanti e denunci tutte le irregolarità interne se c'è ne sono naturalmente. Se iniziano a destabilizzarsi dall'interno è quasi fatta. Sindaco De Magistris un atto dovuto all'imprenditore che sfortunatamente non c'è più DEQUITALIZI NAPOLI INIZI A FARE IL SINDACO DEL CAMBIAMENTO. GRAZIE

Enrico S., Arzano Commentatore certificato 26.04.12 23:18| 
 |
Rispondi al commento

All'Agenzia delle entrate i dirigenti sono nominati senza concorso pubblico. Arriva il condono di Monti..
http://www.fainotizia.it/inchiesta/29-03-2012/dirigenti-nominati-senza-concorso-pubblico-contro-la-legge-arriva-il-condono

Più di 800 dei dirigenti dell’ente pubblico che vigila contro l’evasione fiscale di cittadini, imprese, partiti ed enti in tutta Italia, è stata scelta in maniera discrezionale, senza criteri di trasparenza ed è tenuta sulla corda della revoca. Infatti i dirigenti non sono di ruolo e dunque facilmente revocabili se non in linea con i superiori. A chi conviene tutto questo?


QUESTO è IL POST PIU' IMPOTANTE DEGLI ULTIMI TEMPI
SE è VERO....CHE CAZZO ASPETTA GRILLO A PROMUOVERE UN REFERENDUM CITTA' X CITTA' X MANDARE AFFANCULO EQUITALIA??????

Vitruvio 24.04.12 02:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Italia vi sono due tipo di contribuenti: quelli che non ce la fanno a pagare e si suicidano e quelli che non ce la fanno a pagare e cominceranno i rastrellamenti.
Io molte cose da fare in futuro...

Cesareo Parente, Santi Cosma e Damiano Commentatore certificato 23.04.12 21:44| 
 |
Rispondi al commento

se con il decreto legge sviluppo 2011 il legislatore ha sancito il definitivo abbandono deglienti locali da parte di Equitalia, con la manovra correttiva ha inteso disciplinare le modalità di difinizione di tutti i rapporti pendenti a detta data,sino al loro completo esaurimento.Tuttavia,nella revisione dell'art 17 del D.Lgs.n 112/1999 emerge un chiaro intento di favorire la società dello Stato a discapito degli interessi degli enti locali.Detto obiettivo è stato raggiunto da un lato con una sesibile riduzione delle ipoteswi in cui sarà possibile contestare l'operato di Equitalia e dall'altro,con una notevole riduzione dei tempi di recupero delle anticipazioni finanziarie effettuate a copertura delle spese di procedura.A tal proposito è sufficente ricordare che la normativa speciale limita le ipotesi di iscrizione ipotecarie e esecuzioni immobiliari ai soli crediti di importo superiore ad euro 8.000 Per tale motivo, subordinare alla mera valutazione di Equitalia l'oppotunità di utilizzare lo strumento del pignoramento mobiliare equivale a legare le "aspettative di vita" dei crediti comunali i cui importi sono di solito notevolmente inferiori a detta cifra ai soli casi di associazione degli stessi ai crediti previdenziali e/o erariali. A fronte di tale atteggiamento di "FAVOR", gli enti locali si troveranno a breve nella spiacevole posizione di dover abbandonare definitivamente le tenue speranze di recuperare una fetta accettabile dei propi crediti e di dover pagare ad Equitalia il conto salato di tutte le spese sostenute per l'attivazione delle procedure di recupero coattivo inevase.

ferrario davide 22.04.12 23:10| 
 |
Rispondi al commento

Ottima iniziativa secondo il mio modesto punto di vista..., ma... e poi? Una briciolina nel vaso profondo della Merda italica è sempre una briciolina... la merdaccia inquinante attorno c'è sempre purtroppo... e fin tanto che non si elimini totalmente dal Paese, i problemi restano.
Mi ricorda un fatterello (un comune che iniziava, mi sembra anch'esso per Ca...(non ricordo il nome) e la solita società di merda Equitalia Polis...: "Gentile fesso contribuente..., da un controllo approfondito ed esatto effettuato dai nostri integerrimi ed onestissimi impiegati (all'anema d''a palla), abbiamo notato un debito residuo di euro 1,52 relativo alla tassa sulla "merdaccia" che noi puntualmente lasciamo per le stradine del paesino Ca..., (anno di riferimento 2007), a cui s'aggiungono i compensi per riscossione coattiva di euro 0,14 gli interessi di mora di euro 0,52 i diritti esecutivi/tabell. di euro 0,36 i diritti di notifica euro 0,00 (ma come sono presisi stì stronzetti...) per un totale parziale di euro 2,17... poi le spese relative alla procedura di fermo amministrativo per euro 30,99 (notifica 24/10/2008)... ma sì dai... e poi anche il canone abbonamenti tv del 2007 (che tu fesso hai già pagato, ma vuoi vedere che non hai conservato la ricevuta?) ma sì dai, dai... che è na goduria... per un totale parziale di euro 183,13 da pagare entro i soliti..., altrimenti altre sanzioni, more, tasse, compensi, diritti, interessi... e tutto risalente da quel controllo dei precisissimi tecnici (Comune o Equitalia o tutti e due insieme?)che sono andati a scovare un debito di euro 1,52. E po' pure 'a fess 'e mammeta ndurata e fritta? Poi la ridicolaggine dello scaricabarile tra il comune Ca... e l'Equitalia. Pagare come? Solo recandoti nell'ufficio dell'Equitalia e facendoti un mazzo così per trovare lo sportello adatto, il numerino e la fila enorme notte e giorno con le stampelle nel trascinamento continuo del piccolo corpicino ormai allo stremo delle forze. E' vita questa? Noooo!

Andrea Cammarota, Caserta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.04.12 22:01| 
 |
Rispondi al commento

e allora se vogliamo salvare il paese che è fatto anche da tanta gente perbene che paga regolarmente, perchè tutti i sindaci non aderiscono? l'agenzia delle entrate purtoppo è fatta anche da tanti funzionari poco competenti e le pratiche sono troppe da gestire e discutere, sarebbe molto meglio se ci fosse un ufficio competente in ogni comune per farsi che il cittadino possa disporre dei propri diritti delegando l'agenzia delle entrate per casi più complessi o meglio ancora la guardia di fininza. gli agenti agenzia delle entrate sono solo preposti a fare numeri sulla pelle della gente e per difenderci dobbiamo ricorrere alla commissione tributaria con anni di attesa. semplificazione per tutti, basta fare braccio di ferro con i deboli e poi le grandi evasioni non si scoprono mai. siamo stanchi!

ADA R., Rho Commentatore certificato 22.04.12 21:36| 
 |
Rispondi al commento

Fantastici!!!!!!

Giovanni Amici 22.04.12 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Il problema dell'evasione in Italia si potrebbe risolvere senza tanti problemi..... Certo che un piccolo imprenditore cercherà sempre di evadere se deve lavorare con un socio che si prende il 60% dei suoi guadagni senza fare niente...... Chi vuole un socio che vuole solo i profitti? I piccoli imprenditori nn hanno diritto a scaricare nulla delle propri spese figli, scuola..... Se avessero la possibilità come negli Usa di poter scaricare anche la spesa o il ristorante l'evasione nn esisterebbe!!!!!

Alexandra D'Alia 22.04.12 11:56| 
 |
Rispondi al commento

non funziona il link

Filippo Piccini 22.04.12 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Da gennaio 2012 il Comune di Bologna ha scaricato Equitalia e gestisce in proprio i tributi.

Lorenzo B. 22.04.12 07:37| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe interessante capire perché un sindaco rifiuta di avvalersi di un ente di riscossione, ho i miei dubbi che il motivo si ricolleghi al benessere della comunità. Paese strano il nostro: abbiamo un problema enorme di evasione fiscale, ce la si prende con l'ente riscossore.

raffaele p. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.04.12 07:11| 
 |
Rispondi al commento

consiglio a tutti di vedersi i video di david icke e di alex jones,cosi,giusto per capire cosa sta succedendo in italia visto che e' gia'successo altrove!!!Stx

stex parati 21.04.12 22:52| 
 |
Rispondi al commento

Vi regalo un’ idea. Ve la regalo a patto che la realizzate. Rendete disponibile on-line una “lista nera” liberamente aggiornabile degli italici datori di lavoro truffaldini in cui tutti i lavoratori che hanno avuto la disgrazia di capitarci alle dipendenze possano riversare le loro esperienze negative in modo tale da rendere questa specie di passa-parola utile a tutti coloro i quali sono alla ricerca di un lavoro. Perche in questa ricerca (oggi quanto mai già difficile di suo) chiunque corre il rischio di porsi alle dipendenze di personaggi che ha eletto la disonestà a stile di vita. Aziende, ditte, commercianti, imprenditori e liberi professionisti di questo genere vanno segnalati senza remore per quello che veramente sono. Conoscerli permetterà di evitarli

Rambald Du Vaqueiras 21.04.12 22:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma allora siete veramente dei cialtroni populisti!!!!Equitalia incassa tasse e contributi EVASI...punto.Ma di cosa state parlando..ma siete impazziti?? prima c'erano le banche, costavano centinaia di milioni di euro e non incassavano nulla. Era forse meglio?? i nostri concittadini (milioni) prendevano le cartelle (ovvero le tasse) e le buttavano nel cesso!!!!!! anche per colpa loro siamo messi così...ma ora non lo fanno più e voi a difenderli... non sapete evidentemente un cazzo ma per raccattare due voti subito a cavalcare l'onda!!! sapete come se ne esce?? ve lo dico io.. si chiama CONDONO. E'quello che il movimento vuole?? che lo dica. Vuole che ognuno paghi le tasse come e quando vuole??? E'cosi che vogliamo fare??..e quelli, come me, che le tasse le hanno sempre pagate tutte sputando sangue non lo difende nessuno?? ma è possibile che non fate funzionare due...dico due neuroni in croce...su Equitalia e Agenzia delle Entrate il movimento è dalla parte sbagliata..tutti a parole contro l'evasione fiscale, poi quando si fa sul serio tutti contro come pecoroni....evasori sempre gli altri..sempre con i se...sempre con i però...

luca l., Italia Commentatore certificato 21.04.12 22:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo è un Sindaco con i coglioni,gli altri dobvrebbero seguire l'esempio per tutelare coloro che sono caduti in disgrazia.
Bravo Sindaco.

walter p. Commentatore certificato 21.04.12 21:44| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi.. ELIMINARE EQUITALIA..Dovrebbero farlo tutti i Comuni..seri..!! Sentivo una trasmissione Report su Rai 3 alla domenica Dove una persona che ha dovuto chiudere per problemi economici Ed aveva un debito con il fisco di 100.000 euro..Sapete cosa gli hanno fatto ? gli hanno PIGNORATO appartamenti per MILIONI di euro..cosi' lui non ha neanche potuto vendere un immobile per pagare il debito.! Equitalia..per una multa non pagata perche' non potevano pagarla..ti pignora tutto anche l'auto. e' a mio avviso..USURAIA..USURA LEGALIZZATA.. come le
Banche che sono USURAI..ANCHE LORO LEGALIZZATI. Ed e' uno schifo..La gente e'..disperata ed il Governo ci strozza..!!!!!!! Anche le Banche hanno preso dalla BCE dei bei soldini all'1% e sapete a quanto danno i soldi con il contagocce.? al 7,45% fino al 9%..Ed io pago diceva Toto'

E' tutto uno schifo..compresa la legge sui finanziamenti pubblici ai partiti che deve essere ANNULLATA.. cosi' non potranno piu' RUBARE..!!

bASTA BASTA.Se volete andate a leggere i miei post su Facebook

https://www.facebook.com/pages/Abuso-DI-Potere/111881235609271?id=111881235609271&_rdr
Abuso DI Potere.
Comunità

ciavirella giuseppa luigia 21.04.12 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Quelli denuclearizzati continuano a fare ridere....

yoda 21.04.12 20:55| 
 |
Rispondi al commento

un vecchio adagio dice:(volere=potere)questo sindaco ne è la riprova.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 21.04.12 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe.Ho visto il video di arese,sei un grande!!!purtroppo la politica mi ha "shifato"
io da sempre da buon cittadino ho sempre dato
il mio voto,da oggi in poi non lo darò più a nessuno,mi spiace ma troppe cose sporche e noi
italiani siamo ancora lì come dei pecoroni a
sentirli parlare,potrebbero alzare la benzina
a 5 euro al litro ma son convinto che saremo ancara li a sentirli.
proposito il finanziamento ai partiti,ti propongo
un mio pensiero,perchè non utilizzare quei fondi
per il finanziamento delle scuole italiane o la sanità?Penso che sarebbero soldi spesi per il nostro futuro la cultura dei nostri figli!!
ciao e grazie

graziano zerbini 21.04.12 19:33| 
 |
Rispondi al commento

eee..ora vogliano stioccare anche la "tassa di scopo"sempre sulla casa!!..ci danno le notizie a rate!!poi sarà la volta del prestito forzato di bond del tesoro prelevando contanti dai depositi bancari!!200-300 miliardi d'euri!!la gente sta smobilitando i propri c/c e porta i soldi al sicuro..siamo sullo scivolo!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 21.04.12 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Un contadino delle campagne umbre disse
.......un occhio guardi me l'altro Perugia!

Sandro Moretti 21.04.12 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Bravi, bravissimi! Un segno di civiltà, di cultura, di attualità progettuale. E' forse un segno dei tempi che un'inziativa di questo tipo scaturisca da un comune di piccole dimensioni, abitato da grandi persone e non da un consesso ove coabitano milioni di cittadini, supinamente sudditi dell'arroganza.
Un esempio per questo governo di servili e fraudolenti demagoghi.

stefano radi Commentatore certificato 21.04.12 18:28| 
 |
Rispondi al commento

L'IMU COME L'ICI SULLA PRIMA CASA E' UNA TASSA INGIUSTA. LA PRIMA CASA NON DA E' IN GRADO DI PRODURRE REDDITO PER QUESTO NON DEVE ESSERE TASSATA IN ALCUN MODO. I NOSTRI POLITICI LO DICONO A PAROLE MA NEI FATTI APPOGGIANO IL GOVERNO.

faustino p., san benedetto del tronto Commentatore certificato 21.04.12 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Da imitare. E se si espellessero anche i partiti sarebbe un comune de-ladrizzato

Anto N. Commentatore certificato 21.04.12 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Stupendo esempio. Grazie Belluno .

Giuseppe C., Milano Commentatore certificato 21.04.12 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Prima di Equitalia sentivo tanti sbruffoni vantarsi che non pagavano multe e che la facevano franca. Con l'avvento di Equitalia non li sento più vantarsi della loro furbizia nell'evadere le giuste sanzioni perchè Equitalia è pignola e fa un buon lavoro nel riscuotere il dovuto come in un paese civile dovrebbe essere non pieno di furbetti che piangono miseria sempre.

andrea 21.04.12 17:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho visto molti video di Beppe Grillo nelle varie piazze, mi chiedo da cittadina italiana quale sono cosa posso fare in concreto per dare una mano al movimento che adesso per me è l'ultima speranza di cambiare qualcosa in Italia. ho notato la paura negli occhi dei politici quando parlano del "fenomeno Grillo" ed è questo che più di ogni altra cosa mi ha convinto a darvi fiducia perchè se loro hanno paura significa che c'è adesso la possibilità di togliergli la poltrona di sotto al "sedere", non voglio restare a guardare quello che farete ma vorrei farlo con voi. la mia città è Livorno, so già cosa penserete. ma vorrei vedere Beppe anche in una delle piazze della mia amata città. Spero sia possibile!!!

angela corcione 21.04.12 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi la legge l'ha fatta Tremonti nel decreto salva Italia, dal 01/01/2012 tutti comuni d'Italia non possono più servirsi di Equitalia per la riscossone dei tributi ed anche per il recupero. Il governo Monti l'ha solo prorogata di un anno, ma ci sono già migliaia di comuni che stanno facendo a meno di Equitalia già da diversi anni.State scoprendo l'acqua calda, questo dimostra ancora una volta l'incapacità di Beppe Grillo che è buono sola cavalcare l'onda del populismo. ripeto per chi non l'avesse capito: dal 01/01/2013 tutti i comuni dovranno fare a meno di Equitalia per la riscossone dei tributi!!!! Non c'è niente di eccezionale in quello che sta facendo questo comune, Piombino ad esempio lo fa da anni, ma come lui tanti altri comuni. State parlando del niente, informatevi!!!

Gianni 21.04.12 16:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Capisco ancor più che sono cose come queste, non percepite dai "normali" partiti, a far ragionare la gente. Certamente anche questa manifestazione verrà considerata come antipolitica come del resto tutte le iniziative presentate da Grillo. Però, mi chiedo, se queto rappresenta l'antipolica, allora sarò uno tra i primi ad essere antipolitico.

ciro49 21.04.12 16:32| 
 |
Rispondi al commento

CAro beppe, sono un tuo tifofo da vicenza,e vorreipartecipare al tuo progetto politico (o movimento come lo chiami tu) sono un ex Maresciallo in pensione poi laureato in archeologia....
ho visto troppi reperti anche malandati nel nostro direttivo di governo e di partiti.se hai bisogno di me sono e sarò sempre a tua disposizione.
Cordiali saluti il tuo amico Ettore.

P.S.non mollare mai,sei tutti noi.

Ettore Natale 21.04.12 16:24| 
 |
Rispondi al commento

GRILLO FISSA UNA DATA E FAREMO LA RIVOLUZIONE E CI TOGLIEREMO TUTTI QUESTI ASSASSINI DALLE PALLE !!!

MIRCO DE CAROLIS 21.04.12 16:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

semplice esempio:

Bimba pakistana morta, padre arrestato per omicidio
La piccola mori' dopo lunga agonia.


Adesso l'italia dovrà mantenere una lurida bestia pachistana dentro le patrie galere per parecchi anni!


Dopo aumentano le tasse e ci lamentiamo di equitaglia!

Se vogliamo diventare multietnici come gli USA (a me fa vomitare l'idea ma a molti paice) è EVIDENTE che dobbiamo INTRODURRE LA PENA DI MORTE!

Altrimenti ce ne stiamo monoetnici e usiamo il metodo di sempre.

non per essere razzisti ma per dire le cose come stanno. 21.04.12 15:50| 
 |
Rispondi al commento

da alcuni commenti si deduce che molti non sanno dove si trovi Calalzo di Cadore.
REGIONE: VENETO!
che non ha lo statuto speciale!!
sveglia!

Paolo Hidalgo Commentatore certificato 21.04.12 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Calalzo di Cadore è in Veneto. Perchè si può applicare la legge citata nell'articolo ?

Alberto Gaspari 21.04.12 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Semplici leggi ordinarie, no riforme costituzionali.
LARGO AI GIOVANI
Ma le esperienze degli ultra sessantacinquenni le buttiamo nella pattumiera? NO, potranno essere preziosi consiglieri ed esperti (di partiti, di sindacati, di governo, di parlamento, di regioni, province, comuni) a titolo riservato e gratuito : hanno già dato ed anche avuto!
Basta con le ipocrisie largo ai giovani veramente.
Queste mie considerazioni devono essere considerate per quel che sono, per quel che è la mia volontà : UNA ISTIGAZIONE AD UNA RIVOLUZIONE CULTURALE.
Se questo è un reato sono pronto ad essere giudicato ed eventualmente punito per questo.
Ciro Fantini, pensionato di quasi 70 anni che si considera un fortunato, un privilegiato, uno che ha avuto molto dalla vita, forse troppo, e ciò nonostante spera di non stancarsi di pensare ed di agire per quel che lui ritiene possa essere un bene per l’umanità o almeno per i suoi concittadini, per i suoi figli, per i suoi nipoti.

P.S. non solo è consentita la riproduzione anche parziale della presente ma è auspicata.

Ciro Fantini Commentatore certificato 21.04.12 15:31| 
 |
Rispondi al commento

E se ogni inquilino pagasse l’affitto dopo 180 giorni o un anno dalla scadenza, senza provocare il suicidio del proprietario, dovrebbe essere “impunito”?.
Egregi presidenti dei due rami del Parlamento (non solo quelli attuali ma anche i loro rispettivi predecessori) dove è finita e come si manifesta la “funzione ispettiva” delle Camere, quante “interrogazioni” giacciono … senza risposta, quante con risposte imprecise, ipocrite, con evidenti raggiri … e tutto viene messo a dormire…
ANDATEVENE
monarchi indemoniati, consentiteci di militare in partiti “per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”. Cari monarchi indemoniati restituiteci il diritto di concorrere a determinare la politica nazionale. Noi, noi cittadini dobbiamo determinare la politica nazionale, non i “triunviri” , quindi :
ANDATEVENE, LIBERATECI, “DEGAGE”.
I rimedi? Dovrebbero essere gli esperti a trovarli ma ciascun cittadino può dare il suo contributo. Io da profano, da uomo qualunque penso che basterebbe poco, ad esempio : limite di due o tre legislature per essere nominati parlamentari (dire essere eletti oggi è una bestemmia, degna di indemoniati); non più di due mandati per essere nominati amministratori delegati e direttori generali di aziende pubbliche, non più di due/tre anni direttori di reti televisive RAI. Limite di 65 anni per essere eletto capo di stato (che più 7 anni, fa 72), di governo (che più 5 anni fa 70), di parlamentare (che più 5 anni fa 70) (ad eccezione dei senatori a vita), di consiglieri regionali e provinciali, di sindaci e consiglieri comunali, di amministratore delegato, di direttore generale di aziende pubbliche, di reti RAI, di telegiornali RAI, di magistrato, di capo della polizia, dei servizi segreti, capi di stato maggiore delle varie armi, di giudice costituzionale, di componente il consiglio superiore della magistratura, di magistrato della corte dei conti e via dicendo, poi si va in pensione. Semplici leggi ordinarie, no riforme costitu

Ciro Fantini Commentatore certificato 21.04.12 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Cari giovani, cari lavoratori, cari pensionati, cari cittadini che pagate le tasse alle quali non potete sfuggire : è necessario fare una rivoluzione civile (e per me civile vuol dire solo non cruenta, una rivoluzione senza armi e senza morti, ma una vera rivoluzione culturale). Ormai è inutile anche rivolgersi alla stampa, anche essa è governata da una monarchia, salvo rare eccezioni. Ma purtroppo anche le eccezioni servono a poco, infatti seguendo alcuni programmi di approfondimento e di denuncia penso, istintivamente, ora scoppierà la rivoluzione : invece niente, tutto come prima, peggio di prima. Anche in quei programmi vengono invitati personaggi che mortificano la costituzione che prendono in giro il cittadino che si è espresso con referendum, che valutano i rimborsi elettorali alla stregua del soppresso finanziamento pubblico ai partiti e continuano ad essere invitati in trasmissione. Vergogna anche per quelle trasmissioni di denuncia!!!!
Siamo assuefatti ad uno Stato, ad un Governo, ad un Parlamento che non sono in grado di far rispettare la costituzione (vedi ad esempio gli articoli 39 e 40), di far rispettare la volontà dei cittadini espressa con i referendum.
ANDATEVENE , LIBERATECI
Non esiste più una scala di priorità per le cose che il Parlamento, il Governo, le Istituzioni devono fare, esistono solo le priorità di tipo economico (ed è bene che ci siano) ma ricordiamoci anche delle priorità dei dettati costituzionali, della sovranità popolare, le priorità etiche, le priorità dei valori. Ed a proposito di valori e di etica mi domando se esiste ancora un diritto alla vita? Cosa pensiamo di persone che si tolgono la vita perché hanno crediti dallo Stato che non vengono onorati e sono perciò indotti al suicidio? Oltre a problemi etici e di valori si potrebbe anche inserirsi un problema di buon esempio : perché un cittadino dovrebbe onorare un debito contratto con altro cittadino quando lo Stato non onora i suoi debiti? E se ogni inquilino pagasse l’affitt

Ciro Fantini Commentatore certificato 21.04.12 15:29| 
 |
Rispondi al commento

Forse la “primavera araba” potrebbe insegnarci qualcosa, potrebbe insegnarci a dire a gran voce “DEGAGE”: “Liberiamoci”.
Cacciamo via amministratori delegati, direttori generali, segretari di partito, di sindacati che sono ormai divenuti veri e propri monarchi delle rispettive organizzazioni. Sono essi i veri lobbisti che, come i monarchi, sono in sella da decenni, che addirittura hanno dato ai partiti di cui sono i monarchi il loro cognome anagrafico.
Salviamo i partiti ma liberiamoci dai demoni che posseggono i monarchi perché se non ci liberiamo di essi siamo costretti a demonizzare i partiti.
Signori monarchi che dichiarate di essere democratici e di voler far largo ai giovani … per favore ANDATEVENE ! “LIBERATECI” ! “DEGAGE” !!!!!!!!!
Siamo costretti a sentire presidenti, segretari di partito che dicono : cari cittadini guardate che oltre alle elezioni politiche e regionali per le quali riceviamo il rimborso dallo Stato dobbiamo far fronte ad altre elezioni per le quali non riceviamo rimborsi, dobbiamo tenere in piedi tutte le strutture di partito …. Insomma considerano i rimborsi elettorali alla stessa stregua del finanziamento ai partiti che un referendum popolare non ha voluto più : e voi che dite queste cose vi permettete di chiamarvi “democratici”???? ANDATEVENE, “DEGAGE”, LIBERIAMOCI DI QUESTI INDEMONIATI!!
Impariamo dalla primavera araba. Parliamo di popoli oppressi da dittature talvolta disumane, sempre insopportabili che hanno avuto il coraggio di urlare : “DEGAGE” e noi, che ci illudiamo di vivere in una democrazia, non abbiamo il coraggio di dire : “ANDATEVENE”.
Devono andar via i MONARCHI, coloro che da decenni si sono impadroniti di partiti, sindacati, aziende. Dobbiamo avere il coraggio di promuovere, attraverso i rispettivi militanti, un ricambio dall’interno dei partiti, attraverso i rispettivi iscritti un ricambio alla guida dei sindacati e con movimenti di piazza costringere alle dimissioni i monarchi di aziende pubbliche. Questo devono far

Ciro Fantini Commentatore certificato 21.04.12 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Direttore, chiedo scusa se mi permetto di rivolgermi a Lei, anzi chiedo scusa ai suoi collaboratori perché ritengo molto improbabile che questa mail giunga alla Sua attenzione. Capita che un vecchio pensionato si illuda ancora di poter dire qualcosa di utile, qualcosa meritevole di attenzione se non addirittura di dibattito. Ma mi creda soffro per la situazione del mio Paese. Non ho più l’età e la forza di combattere in prima persona, mi resta l’illusione. Tra tanti sarà possibile che incontri qualcuno che potrà trasformare la mia illusione in un fatto. Che so, potrei vedere i miei pensieri in una rubrica “lettere al direttore” o in una nuova rubrica intitolata : “cose inutili che arrivano in redazione ….”. veda Lei. Comunque grazie anche se ho incluso anche la Sua categoria tra i “monarchi”.

Non demonizziamo i partiti : ma “liberiamoci” dei monarchi indemoniati
Tra le cose che mi vengono in mente, rispetto alla demonizzazione, è che essa riguarda più che altro i singoli uomini; il demonio cerca di impadronirsi dell’uomo. Ed è così nella situazione che voglio rappresentare : il demonio si è impadronito, in Italia, dei rappresentati, dai capi, dei partiti politici e non solo di essi ma anche dei capi dei sindacati, dei capi delle aziende pubbliche, eccetera. Anzi penso che nel caso italiano sia più adeguato parlare di monarchi e non di capi.
La nostra ipocrisia, il nostro “bon ton”, non ci consente più di dire pane al pane e vino al vino. Allora vorrei dire che se demonizziamo i partiti è perché c’è una identificazione tra il partito e il suo leader. infatti buona parte delle formazioni politiche italiane si “chiamano” con il nome del loro capo, del loro monarca.
Sono anche io costretto ad essere “ipocrita” a non indicare con nome e cognome i monarchi dei partiti, dei sindacati, dei manager di Stato, dei giornali, delle TV, degli ordini eccetera, sono costretto per avere la speranza di vedere pubblicate queste mie considerazioni e per evitare eventuali qu

Ciro Fantini Commentatore certificato 21.04.12 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Sono di L'Aquila e spero tanto ad un contributo di Grillo qui a L'Aquila quanto prima. Io condivido al 100% la sua Ideologia ed approccio alla vita politica. Sono un Funzionario di 52 anni a rischio e penso che sia di grave problema quello di "65.000 ESODATI " di qui questo Governo, ed in primis FORNERO e MONTI, stà causando. Queste sono 65 mila famiglie con Piccoli figli che dello SPRED non lo mangiano e non gli frega un .... niente.
Ti Prego Beppe , tieni cortesemente a cuore questo grave Problema. Basta farci distrarre con la Juve e Berlusconi. MONTI ed il governo che rappresenta è il problema. O tutti o nessuno. Perche solo 65.000 ???

Amintore de Nardis 21.04.12 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente una speranza ho da poco pagato un bollettino di equitalia per una multa che non avevo pagato di 180 euro , ammetto che la colpa e stata mia perché me ne sono dimenticato e questa dimenticanza mi è costata 586 euro fortunatamente non sono in grosse difficoltà economiche ma quando sono andato in equitalia a pagarla ho avuto un colpo al cuore nel vedere un papà disperato che diceva al suo bambino testuali parole Scusami di averti messo al mondo senza un pò di dignitá davanti A tutti giudicate voi

salvatore riveduto 21.04.12 14:44| 
 |
Rispondi al commento

ma è ina regione a statuto speciale...

Alex D. Commentatore certificato 21.04.12 14:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe sei stato a Monza e sei un grande, sarebbe bellissimo de equitalizzare la mia città, ma sopratutto dovrebbe sparire il recupero coatto verso la povera gente, speriamo si possa fare, conoscendo le amministrazioni locali........mah!!

Nadia C. 21.04.12 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe stupendo se tutti i comuni Italiani dai 70, 80 mila abitanti in giù , e perché no' anche le grandi città, seguissero l'esempio .una riscossione comunale seguirebbe più da vicino i propri concittadini, spero che non sia solo un'utopica speranza.

Antonio Palumbo 21.04.12 14:24| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe,volevo condividere con te e con tutti gli utenti del blog questo pensiero che in questi giorni mi e venuto alla testa quardando internet e t.v.con questa crisi stanno fallendo fabbriche e con loro anche le famiglie,equitalia a il fiato sul collo alle famiglie e operai,che indebitandosi perdono:la famiglia che si sfascia,la macchina,l'onore di mantenersi lavorando onestamente.riguardo alla macchina ci fanno un piacere,visto che ormai e diventata come il "cavallo"75 cavalli che corrono a benzina che costa 2€al litro!!!!!ALLORA DICO CON IL SANGUE AGL'OCCHI!!NON TOCCATE LA FAMIGLIA E SOPRATUTTO LA CASA!!
DUE POSTILLE:1)GARANTIRE AL CITTADINO LA CASA ED IL LAVORODATO CHE L'ITALIA E FONDATA SUL LAVORO.
2)TU HAI UN IDEA?METTILA SU INTERNET DISCUTILA INSIEME AL MONDO MIGLIORALA E METTILA IN NATTO!!
3)INCENTIVI ALLA TRASFORMAZIONE DELLE AUTO BENZINA O DIESEL A IDROGENO O ALTRO COMBUSTIBILE NON INQUINANTE!!
4)INTENTIVARE LE FAMIGLIE AD INTERNET O LINEA VELOCE(FIBRA OTTICA)
PS:LA TELECOM NON GLI CONVIENE LA FIBRA PERCHE CE IL MERCATO LIBERO,TROPPI COSTI PER LORO SE AFFITTANO A INFOSTRADA O ALTO GESTORE,I GUASTI DI LINEA A FIBRA OTTICA SAREBBERO A CARICO DI TELECOM!!

TI SALUTO CON UN ABBRACCIO E FORZA MOVIMENTO A 5 STELLE!!!
DAI CE LA FACCIAMO A MANDARLI VIA!!

umberto grassia 21.04.12 14:18| 
 |
Rispondi al commento

ritengo che per la nostra economia sia il ritorno alla vecchia lira libera di fluttuare sul mercato la piu valida delle iniziative... l'euro ci incatena ad economie piu forti di noi e ci prosciuga senza sosta!! l'italia deve fare l'italia quella dello stellone di gente che lavora.. anche per se stessa... un ritorno alla lira è assolutamente improrogabile per rimettere in moto i cervelli italiani!!!

ugo delaiti, ferrara Commentatore certificato 21.04.12 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi. Ieri ho sentito su Rai2 Beppe Grillo dove diceva che trova persone che dormono in macchina..!! Ma vi rendete conto ? e per chi ? Monti ci ha massacrato ci sta massacrando...e con quella sua flemma ci prende tutti per stupidi.e d io non ci sto' perche' e' un "insulto alla ns intelligenza " E poi la battura infelice..MONTI.. SUICIDI ?IN GRECIA CE NE SONO STATI MOLTI DI PIU ' Mi ribolle il sangue..sicula sono..!!In pratica baratta la vita degli esseri umani..con l'abbassamento del debito pubblico..Morti piu'' morti meno a lui cosa gliene importa..! E' indecente..E' SADICO..E CINICO..oltre che immorale..Ora basta..La cosa che loro non hanno capito nella loro presunzione ed arroganza...che il popolo quando e' alla fame....fa delle cose..! Ritornando ad EQUITALIA.. io nei miei post ho scritto che e' USURAIA..USURA LEGALIZZATA..STROZZINI LEGALIZZATI.. e quindi voi avete fatto bene ...a cacciarli..!

Ho aperto una pagina Facebook ABUSO DI POTERE Comunita'..per far si' che le persone indignate di questi politici mettano un clic su Mi piace..Nulla altro..Per avere tanti consensi e solo allora potremo farci sentire..numerosissimi..sulla Rete.Grazie
https://www.facebook.com/pages/Abuso-DI-Potere/111881235609271?id=111881235609271&_rdr
Abuso DI Potere.
Comunità

ciavirella giuseppa luigia 21.04.12 13:56| 
 |
Rispondi al commento

TESTO PARTE 2 "...E questo indipendentemente, per esempio, dall' avere fatto il banchiere, il bancario o il commesso di banca per cercare di dare maggiore dignità economica ai nostri anziani, che le misere pensioni sociali oggi non consentono. Se uno Stato educa il proprio cittadino da giovane, perché non lo dovrebbe assistere da anziano indipendentemente dal ciò che egli ha combinato nel passato? Come il prelievo fiscale viene redistribuito dallo Stato sul territorio per le opere infrastrutturali a far crescere il Paese, così la «ratio» dell' analogo prelievo previdenziale dovrebbe quello di essere ripartito equamente sui pensionati, rapportandoli alle capacità reddituali dei soggetti. Considerato che gli italiani rimarranno più o meno un «quantità finita», allo stesso modo dovrebbe essere quantificabile, anno per anno, il numero delle pensioni da erogare, adottando i prelievi di conseguenza necessari. Comprendo quanto utopistica, illusoria e irrealizzabile possa essere per la mentalità corrente una proposta del genere, ma forse si riuscirebbe a dare maggiore equità a chi anziano lo è oggi e una tranquillità in più a chi spera di diventarlo un domani. A meno che, perché è questa la prospettiva, non ci si voglia abituare all' idea di vedere anziani sempre più immiseriti rovistare nei cassonetti. Anche questa la si potrebbe considerare una scelta, ma ne dobbiamo e ne dovremo essere tutti coscienti!"
Pagina 39
(12 dicembre 2011) - Corriere della Sera

Mario Taliani, Noceto (Pr)

Mario Taliani 21.04.12 13:52| 
 |
Rispondi al commento

TESTO PARTE 1 "Un' utopia pensioni uguali per tutti? Dopo aver letto sul Corriere l' ennesimo articolo sui privilegi pensionistici nei Palazzi del potere, da cittadino medio, invio una mia considerazione. Sarà forse banale e scontata, ma riguarda quella sorta di «domino di distinguo» che negli ultimi decenni è divenuto il sistema Italia: un domino in cui ciascuno di noi cittadini, più o meno consapevolmente ma corresponsabilmente, è divenuto singola tessera, soprattutto in quel ginepraio, ma sarebbe meglio definirlo «groviera» a furia di buchi e finestre apertesi, che è ormai la previdenza pubblica. Proprio su questo argomento le statistiche continuano a evidenziare come quasi la metà delle pensioni non raggiungano i 1.000 Euro al mese. Il che dovrebbe porre, ma avrebbe dovuto porre anche in passato, chi di dovere nelle condizioni di dare una risposta alla questione del sostentamento dei nostri anziani presenti e futuri. Lungi dal comprendere quanto fosse importante una riforma, la classe politica l' ha sempre rimandata. E questo nonostante che, come ha affermato l' Ocse, «il sistema in Italia abbia, forse, raggiunto la sostenibilità finanziaria ma non, di certo, la sostenibilità sociale». Con le pensioni di «giovinezza» e le rendite di anzianità svincolate da un' età minima, il sistema è condizionato da soluzioni passate che solo politiche palesemente clientelari potevano partorire. È triste constatare come solo ora ci si incominci a chiedere del perché dell' intangibilità dei «diritti acquisiti». Utopicamente sarebbe da domandarci del perché non sia possibile adottare una previdenza che eroghi a ciascun anziano il medesimo trattamento. Sarebbe infatti ormai necessario adottare la dottrina del «un anziano, una pensione», abolendo le pensioni di anzianità, rivedendo al ribasso la stortura dei diritti acquisiti (... chi ne beneficia avrà di certo una «scorta» economica adeguata!), lasciando solo un trattamento di vecchiaia di importo uguale per tutti...."

Mario Taliani 21.04.12 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, visto che stasera sarai nella mia Parma e dopo aver ascoltato la tua proposta di mettere un tetto di 3.000 euro alle pensioni, mi permetto di indirizzarti una mia personale considerazione pubblicata sul Corriere della Sera lo scorso novembre. E la inoltro, anche a beneficio dei lettori del tuo blog, non tanto per "concorrrere" ad una sorta di primogenitura sull'argomento (...il che ridurrebbe il dibattito a chi la spara più grossa!) ma nell'intenzione di far presente il come, su certe tematiche, anche chi è, politicamente parlando, "distante" può trovare delle convergenze. Ed io, per il percorso politico personale e per le mie altrettante intime convinzioni, ammetto di essere parecchio distante dal tuo movimento. Comunque il titolo apparso sul Corriere (l'indirizzo http://archiviostorico.corriere.it/2011/dicembre/12/Interventi_Repliche_co_9_111212011.shtml) credo riassuma bene la mia proposta:"Un' utopia pensioni uguali per tutti?" Saluti, Mario Taliani Noceto (PR)

Mario Taliani 21.04.12 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Ecco io spero che se verranno eletti dei sindaci del M5S, sopprimeranno Equitalia in automatico, di default. FUORI DAI COGLIONI!!! Befera al cappio!

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 21.04.12 13:43| 
 |
Rispondi al commento

ogni giorno dicono che va tutto bene per i conti pubblici e i debiti che hanno fatto loro per arricchirsi alle spalle del popolo italiano, ma puntualmente si vedono sempre piu' persone che perdono il lavoro a cominciare da me.Io al loro posto mi vergognerei di farmi vedere in televisione dicendo una marea di cazzate cercando di dare una spiegazione logica ad ogni nuova tassa da pagare sono sempre piu' convinto che queste persone si sentono forti in quanto noi italiani siamo un popolo di pecoroni i quali abbassano la testa e pagano tutto perche' non prendiamo esempio dalla francia che si è rivoltata tutta quando il governo ha solo accennato di alzare l'eta' pensionabile immagginate un po' cosa sarebbe potuto accadere se fossero stati al ns posto weeeeeeeeeeeeee ITALIANI ALLORA VOGLIAMO TROVARE LA FORZA E IL CORAGGIO DI REAGIRE A TUTTO QUESTO?

Domenico Pagano 21.04.12 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Magari fosse così in tutta Italia Equitalia e' il Pizzo di stato ti uccide lentamente mentre i politici non rinunciano a niente e l'appoggiano tacitamente dando carta bianca al suo esecutore Befera che prende uno stipendio annuo di 450000euro e si e' preoccupato di mettere al riparo da eventuali pignoramenti la sua villa intestando ai figli e godendo dell'usofrutto a vita!

Alessandro Rizzo 21.04.12 13:36| 
 |
Rispondi al commento

se con il decreto legge sviluppo 2011 il legislatore ha sancito il definitivo abbandono deglienti locali da parte di Equitalia, con la manovra correttiva ha inteso disciplinare le modalità di difinizione di tutti i rapporti pendenti a detta data,sino al loro completo esaurimento.Tuttavia,nella revisione dell'art 17 del D.Lgs.n 112/1999 emerge un chiaro intento di favorire la società dello Stato a discapito degli interessi degli enti locali.Detto obiettivo è stato raggiunto da un lato con una sesibile riduzione delle ipoteswi in cui sarà possibile contestare l'operato di Equitalia e dall'altro,con una notevole riduzione dei tempi di recupero delle anticipazioni finanziarie effettuate a copertura delle spese di procedura.A tal proposito è sufficente ricordare che la normativa speciale limita le ipotesi di iscrizione ipotecarie e esecuzioni immobiliari ai soli crediti di importo superiore ad euro 8.000 Per tale motivo, subordinare alla mera valutazione di Equitalia l'oppotunità di utilizzare lo strumento del pignoramento mobiliare equivale a legare le "aspettative di vita" dei crediti comunali i cui importi sono di solito notevolmente inferiori a detta cifra ai soli casi di associazione degli stessi ai crediti previdenziali e/o erariali. A fronte di tale atteggiamento di "FAVOR", gli enti locali si troveranno a breve nella spiacevole posizione di dover abbandonare definitivamente le tenue speranze di recuperare una fetta accettabile dei propi crediti e di dover pagare ad Equitalia il conto salato di tutte le spese sostenute per l'attivazione delle procedure di recupero coattivo inevase.

DAVIDE FERRARIO 21.04.12 13:30| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
BUONO A SAPERSI,CHISSA' CHE LO FACCIANO TUTTI I COMUNI IN ITALIA
ALVISE

alvise fossa 21.04.12 13:23| 
 |
Rispondi al commento

non paghiamo più nessuna tassa, prendiamoli per fame .disobbedienza civile.
le tasse le pagheremo ma quando i delinquenti-politici saranno in prigione e avranno restituito il maltolto.

nico pulici i pizzu (nicopuliciipizzu), milano Commentatore certificato 21.04.12 13:17| 
 |
Rispondi al commento

Ma si puo' solo in trentino?

Gino G. Commentatore certificato 21.04.12 13:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ce ne eravamo accorti ed eravamo già partiti con una iniziativa: www.facebook.com/groups/209466372489420/
Subissiamo di mail le nostre amministrazioni comunali.

Salvatore Mare 21.04.12 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Un piccolo passo, ma un grande inizio!

Bene!!!

Diego Rossi 21.04.12 12:52| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori