Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Grecia senza petrolio


Grecia_senza_petrolio.jpg
C'è chi strilla per il prezzo alla pompa. C'è chi prende per culo per quello che scrivo. tir trainati da somari sull'autostrada in futuro.
"L'Iran getta la spugna e sospende anch'esso le forniture petrolifere alla Grecia, che non riesce più a pagare nessuno. Qualcuno ricorderà un post di qualche mese fa, a crisi greca ormai conclamata. I traders petroliferi proclamavano con aria un po' schifata che nessuno avrebbe più venduto petrolio ai greci, che ormai con le pezze al sedere non erano in grado di pagare. Gli unici a mantenere il credito aperto con Atene erano gli iraniani, nella disapprovazione generale: i greci avrebbero dovuto rifiutare per principio il petrolio di quei cattivoni! (E morire del tutto di fame). Ebbene, pare che il problema sia stato risolto alla fonte. Dopo cinque mesi, anche gli iraniani hanno gettato la spugna e comunicato che non possono più elargire greggio agli insolventi greci. Le importazioni di petrolio in Grecia scendono di 158 mila barili al giorno, pari al 53% del totale dei tempi normali. Ricorreranno al carbone. O peggio, agli alberi." Da Geopolitica di Debora Billi segnalazione di Lenin eterno (l'unico), Roma

10 Apr 2012, 22:46 | Scrivi | Commenti (33) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

La cina è assetata di petrolio e non si fa di certo scrupoli, se non lo compriamo noi qualcuno che lo vuole si trova sempre a 100$ il barile.
Ma se gli amiconi Israeliani fanno qualche cazzata, mi sa che ci troviamo tutti a girare in bicicletta. Gli USA stanno già perdendo la leadership mondiale, non credo siano tanto contenti di lasciare le ultime risorse al dragone giallo, a costo di inguiare tutto l'occidente. Tanto loro anno sepre l'IRAQ

angelo b., forlì Commentatore certificato 11.04.12 19:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Teheran, 11 apr. - (Adnkronos/Aki/Ign) - L'Iran ha tagliato le sue esportazioni di petrolio alla Germania, un giorno dopo aver preso un'analoga decisione riguardo alla Spagna e aver annunciato lo stop delle forniture alla Grecia. Lo riporta il sito dell'emittente iraniana PressTv, ricordando che Teheran aveva gia' sospeso l'export di greggio a Francia e Regno Unito e precisando che ora "valuta di fermare la vendita di greggio all'Italia".

Il provvedimento, spiega sempre Press Tv, e' una contromisura rispetto alle sanzioni adottate dall'Ue nei confronti della Repubblica Islamica a causa del suo programma nucleare. Le sanzioni prevedono, tra l'altro, una progressiva riduzione dell'acquisto di petrolio iraniano da parte dei paesi europei. Ieri, sempre Press Tv, dando notizia della misura iraniana nei confronti di Madrid, aveva annunciato possibili provvedimenti ai danni di Germania e Italia.

Lenin , negli aggiornamenti...latiti....

Alina F., Varese Commentatore certificato 11.04.12 18:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

tutto giusto,però gli alberi se curati e trattati nella giusta maniera sono una fonte di energia inesauribile ( la mia stessa famiglia ha dei boschi che ci riforniscono di legna da secoli)
basta piantare più di quello che si raccoglie !

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 11.04.12 17:28| 
 |
Rispondi al commento

La tragedia economica della Grecia: ora anche poliziotti e volanti in affitto

Se non fermiamo Monti ed il suo obbedire alle Banche ed Ai Mercati, temo che faremo la stessa fine.

http://www.bloglive.it/la-tragedia-economica-della-grecia-ora-anche-poliziotti-e-volanti-in-affitto-32050.html

Giancarlo 11.04.12 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciò che trovo di veramente "saggio" è andare
a vedere il video che segue il link che io ho preso
qui da Davide e rimetto in evidenza, è sicuramente
meglio che stare a chattare sopratutto se non si
hanno argomenti intelligenti..su cui discutere..


http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=ZW8Ymj6GEnI

yuva m., mantova Commentatore certificato 11.04.12 14:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se mangiassero con meno droghe, questi iraniani potrebbero ragionare senza farsi prendere dal sangue alla testa.....se non ci danno il petrolio torneranno a pascolare anche loro e prima di noi, credimi. :)

l'idiota 11.04.12 13:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io se dovessi andare in grecia in ferie ,non ci vado ,rischio di rimanere la senza benzina o gasolio quindi rimango in italia e cerco ri risparmiare,pensateci prima di andare in grecia.

ivano forcella, modena Commentatore certificato 11.04.12 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Cavolo, Lenin, visto che anche tu ti sei guadagnato visibilità ?

Bravo.

( non insultarmi più d'ora in poi ) ;)

Alina F., Varese Commentatore certificato 11.04.12 12:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AGGIORNAMENTO AGGIORNAMENTO (mò so cazzi!)

Iran: sospende forniture a Spagna e minaccia anche Italia

Dopo la Grecia l’Iran ha deciso di sospendere le forniture di greggio anche alla Spagna come ritorsione per le sanzioni UE contro il suo programma nucleare. Il Governo di Teheran avrebbe inoltre minacciato di estendere anche a Italia e Germania il taglio del greggio. “Vogliono imporre un embargo al nostro petrolio, ma abbiamo tutto il denaro che ci serve e ce la caveremo, anche se non dovessimo vendere un barile di petrolio per due o tre anni”, aveva dichiarato il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad. (Notizia su Adnkronos, Teleborsa, Radiocor, Radiocor, Corriere della Sera, Il Sole 24

poi ce ne sono altre di notizie ...
in giro per il web !

meditate!


Carlo Rubbia: una società senza petrolio

http://www.youtube.com/watch?v=p06wS-RyDMo&feature=related

Uno dei tanti 11.04.12 11:45| 
 |
Rispondi al commento

La crisi finanziaria iniziata guarda caso dagli USA con i derivati cdo subprime via cibernetica e borse varie con le agenzie di rating etc etc sembra ovattare un'altra crisi nascosta: quella energetica.
Se osserviamo che la seconda guerra contro l'Iraq
è precedente a tale impennata destabilizzante si ha questa sensazione.

Non dobbiamo dimenticare che la lotta per l'approvigionamento parte da molto lontano, da quella "operazione barbarossa" di quell'infame del caporale austriaco che tutto sommato davvero
non era molto differente dal giorgino bush !

poi ognuno crede che stampandosi i talleri ne possa uscire fuori! Chissà perchè non lo fà la Grecia stessa nei riguardi dell'Iran , eh!

Lenin eterno (l'unico), Roma Commentatore certificato 11.04.12 09:33| 
 |
Rispondi al commento

La grecia è il banco di prova.
Stanno testando i possibili effetti disastrosi su una nazione occidentale.
Grazie alla grecia, a noi faranno qualche modifica in corso d'opera per ammortizzare gli effetti nefasti.
e bravo antonio.

l'idiota 11.04.12 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Ciò che sta accadendo in Grecia mostra quanto un paese possa essere reso "vulnerabile" in questo mercato globalizzato con queste regole finanziarie e truffe politiche varie il mix diventa letale.
Non a caso noi del M5s sosteniamo da anni che l'italia doveva fare scelte diverse in materia di politica energetica e trasporti..ma così non è stato ,grazie ad una politica di compiacenze verso i Petrolieri e produttori di veicoli.
La ricerca è presso che azzerata, scarsi investimenti nelle energie alternative, come solare eolico e idroelettrico tra cui molte dighe incompiute che fungerebbero anche da bacini idrici.
L'auto ad idrogeno è già realtà "minchionne" le ha in garage..ma per ragioni feduali non le commercializza,(vedete il problema dell'energia elettrica non è produrla, ma conservarla..e l'idrogeno e l'unica strada).
E' vero per muovere un paese ci vuole energia..(penso che nessuno voglia zappare i campi a mano!)quindi dal punto di vista geopolitico alla voce economia siamo bravi..ma alla voce materie prime siamo gli ultimi!.
Oltretutto sprechiamo tutto e di più, realizziamo cose obsolete in tutte le sue componenti,che assorbono molta energia e produco poca potenza, come nel caso del motore a scoppio,(ricco di parti che lavorano in attrito)e dal punto di vista tecnologico fermo ai primi del'900!!!.
Questa si chiama "obsolescenza programmata"...

roby f., Livorno Commentatore certificato 11.04.12 08:10| 
 |
Rispondi al commento

TRA POCO NON POTRETE ACCENDERE PIU I VOSTRI SUV O LE VOSTRE AUTO BLU...E ALLORA QUALCUNO PER STRADA, MENTRE ANDATE A PIEDI A LAVORO, VI CHIEDERA' DELLE RISPOSTE, VOGLIO VEDERE QUANDO LE VOSTRE RISPOSTE SARANNO EFFICACI. SPERO PER VOI CHE SAPPIATE FARE DI MEGLIO DI COME AVETE IMPOSTATO IL NOSTRO MONDO.
ASPETTO QUEL GIORNO CON ANSIA E SO GIA' CHE VOI NON SIETE ABITUATI A VIVERE PER STRADA.
QUEL GIORNO CAPIRETE COS'E' IL RISPETTO, L'ONORE E LA MORALE.
QUEL GIORNO SONO CERTO CHE CHIEDERETE SCUSA.

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 11.04.12 00:55| 
 |
Rispondi al commento

naturalmente ci sono alcuni che manipolano il testo del commento posto in rilievo per scopi propangadistici a pene di segugio. Vero cielo stellato ?

Qui si parla di crisi energetica fulcro principale
di ogni guaio finanziario a prescindere da quale
banconota usi! Potresti stamparti vagoni di moneta
nazionale ma se non hai l'energia per far muovere
le merci e i servizi resti un Paese Feudale!
La stessa Cuba , su in alto, ne è la prova reale!

Lenin eterno (l'unico), Roma Commentatore certificato 11.04.12 00:37| 
 |
Rispondi al commento

"+CIMITEURO+ La meccanica dello stupro economico compiuto in Grecia, bimbi senza cibo e ospedali senza medicine, annienterà e devasterà le popolazioni di Portogallo, Irlanda,Spagna e Italia. Poi toccherà alla Francia e alle altre. L EURO, sottraendo la moneta sovrana, ha reso gli Stati ricattabili dai mercati di capitali finanziari che innalzano oltre ogni sostenibilità i tassi sui titoli di stato. Toccherà a tutti con tempi diversi, allo stesso modo con il quale è stata distrutta l'economia Greca. Ogni volta che il governo greco dava un segnale ai banchieri, annunciando un nuovo ciclo di "austerity", la speculazione faceva, immediatamente, salire i tassi di interesse sul debito greco, tanto che ogni dollaro tagliato dal bilancio non sarebbe bastato al pagamento di interessi sempre più alti. Il risultato fu che l’austerità, invece di migliorare la solvibilità dell'economia greca,provocava una reazione dei terroristi di Wall Street che si assicuravano
che la sua economia andasse peggio dopo ogni nuovo taglio di bilancio e che dovesse immediatamente seguire una pressione ancora maggiore per causare una ancor maggiore austerità. Non era altro che un masochista circolo vizioso. A un certo punto i banchieri-gangsters avevano manipolato i tassi di interesse greci fino ad un valore di oltre 50 volte superiorie a quello degli Stati Uniti, malgrado l'economia americana abbia i suoi fondamentali ancora più in crisi di quelli greci. Oggi stiamo assistendo in Portogallo in Spagna e in Italia alla esatta copia di quello che abbiamo visto in Grecia. Da un lato, abbiamo un governo-traditore che vuole imporre, colpo su colpo, la Friedman Austerity sul suo popolo, nonostante la totale inutilità di questi sadici tagli di bilancio. Dall'altra parte abbiamo la banda dei terroristi
finanziari che spingono senza sosta i tassi di interesse sul debito dell'ITALIA sempre + in alto,portandosi via ogni centesimo recuperato con
l’austerità, x pagare gli interessi parassiti.

cielo stellato 11.04.12 00:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La grecia come pure spagna e portogallo e italia sono i paesi che sono stati più interessati da una immigrazione di bassissima qualità e dalla criminalità di importazione.

La causee sono principalmente 2

a) un sistema di permessi di soggiorno-cittadinanze demenziale legato alle ideologie politiche

b) una certa corruzione tra i funzionari pubblici addetti alla scelta dei requisiti per l'ottenimento del permesso di soggiorno.


della prima causa sono responsabili i politici e della seconda i burocrati ma per un verso o per l'altro, i paesi che ora sono più nella merda sono proprio quelli che non hanno fatto pulizia alle frontiere.

casualità o concausa? 11.04.12 00:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

tutti questi post sulla grecia che fanno si e non 20 risposte non mi sembrano utili anche perché i greci sono un popolo che non meritava di stare dentro la UE.

La UE sta fallendo proprio perché non è quella dei paesi fondatori che ci avevano promesso ma una porcilaia con dentro tutto e di più.

E' proprio quel più che adesso stiamo pagando a lacrime e sangue.

bruno-bassi 10.04.12 23:59| 
 |
Rispondi al commento

mi domando in brasile si usa una benzina partilare l etanolo
prodotto da cereali

ma la grecia non puo anchessa iniziare a produrla???
si abbatterebbe le lobby dei petrolieri
si incentiverebbe la agricoltura
...
sarebbe una fortuna se si iniziasse anche in italia
abolizione della schiavitu dai paesi petroliferi
dalle lobby dei petrolieri
nuovi posti in agricoltura
molti piu campi ...molto piu verde..molto meno inquinamento

stefano b., rovato Commentatore certificato 10.04.12 23:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

grazie per la messa in chiaro e per il filmato adatto all'argomento, l'ho già linkato su facebook,
che mette in evidenza una GRANDE ISOLA "CUBA"

perchè non esiste solo l'Islanda, eh !

da meditare assai.

Lenin eterno (l'unico), Roma Commentatore certificato 10.04.12 23:39| 
 |
Rispondi al commento

La Grecia e uno stupendo paese con abitanti straordinari ho passato tanti anni e spero di passarcene tanti altri la condizione al momento spaventosa li stanno strozzando la bce non doveva arrivare cosi tardi
Che penseranno i turchi che premevano per entrare in Europa vedendo come gli stati che ne fanno parte falliscono
Secondo me anche se la loro religione non lo consente stanno tutti a brindare per la mancata adesione le lire turche non varranno un gran che ma meglio di una moneta unica mal gestita sono
Tra un po' risentiremo il grido MAMMA LI TURCHI

Riccardo Garofoli 10.04.12 23:14| 
 |
Rispondi al commento

I giornali spagnoli e sud americani davano la notizia circa due mesi fa...quindi dovrebbe essere gia un pò che la grecia è senza petrolio...???!!!
http://democrazy-democracy.blogspot.com/2012/02/iran-sospende-le-forniture-di-greggio.html

davide ., solthurn Commentatore certificato 10.04.12 23:03| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori