I talk show

Vianello_Grillo.jpg
Se il MoVimento 5 Stelle avesse scelto la televisione per affermarsi, oggi sarebbe allo zero qualcosa per cento. Partecipare ai talk show fa perdere voti e credibilità non solo ai presenti, ma all'intero MoVimento. Nei talk show il dibattito avviene con conduttori di lungo corso e con le mummie solidificate dei partiti. C'è l'omologazione con il passato. Che senso ha confrontarsi con Veltroni o con Gasparri in prima serata? Più che spiegarlo e ribadirlo non posso fare. Comunque chi partecipa ai talk show deve sapere che d'ora in poi farà una scelta di campo.

Postato il 8 Maggio 2012 alle 22:49 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa
Commenti (1101) | Commenti piu' votati | Invia il tuo video | Invia ad un amico

Tags: MoVimento 5 Stelle, Rete, talk show, televisione

Commenti

 

Mi devo ricredere, ha ragione Beppe, ma alle politiche inventiamoci qualcosa perchè dobbiamo arrivare a coinvolgere tutti quelli che non usano la rete mentre la tv fa loro il lavaggio del cervello!

GIOVANNI P., LA MADDALENA Commentatore certificato 22.05.12 18:36| 
 |Rispondi al commento

I diktat,ora rivolti a chi vorrebbe o è invitato a partecipare ad un talk show(che comunque sono momenti di confronto),e poi magari rivolti a tutti coloro che vorrebbero/dovrebbero confrontarsi in pubblico,assomigliano a quelli del vecchio PCUS sovietico.
Troppo comodo fare monologhi senza dibattito/confronto.La democrazia è confronto di idee.Non la si pratica solo dove fa'comodo o dove conviene.
E' democrazia anche rispettare chi non la pensa come te.

Giovanni B., Milano Commentatore certificato 16.05.12 12:29| 
 |Rispondi al commento
Discussione

ho guardato piazza pulita su la7
l'ho studiato bene.

è smaccatamente volto a burlarsi del m5s denigrandolo.. e purtroppo chi era li ha mostrato particolarmente il fianco.

fanno scempio di cio in cui credo

Samuele M., Genova Sestri Ponente Commentatore certificato 15.05.12 05:02| 
 |Rispondi al commento

bravo beppe, del tutto inutile confrontarsi nei teatrini delle marionette con quei pezzi di modernariato che nessuno vuole piu'

salvatore ore 12.05.12 13:47| 
 |Rispondi al commento

Le sirene televisive!
Cari signori,
a mio avviso
I talk show sono alla frutta; ci pregano, ci supplicano di aiutarli a non morire nutrendosi delle nostre carni. Sono come le sirene di Ulisse… Fantastiche, bellissime, impossibile resistervi! Ma lui lo sapeva. Vi ricordate che fece Ulisse? Si legò.
Un consiglio da un “Nessuno” che faccio a tutti i ragazzi/e fantastici del M5S: Legatevi! Non andate! Non vi serviranno le televisioni per prendere più voti!
Dobbiamo spegnere le televisioni e con umiltà unirci, lavorare e studiare… ognuno di noi sull’esempio di Beppe Grillo che sta facendo i salti mortali per aiutarci mettendo a disposizione la sua arte. Il nostro media è internet! E’ la nostra fortuna, loro non lo capiscono… Che meraviglia!
NON PERDIAMO TEMPO!
CI HANNO RUBATO IL FUTURO! E ORA CE LO RIPRENDIAMO!

Giacomo Toth, Roma Commentatore certificato 11.05.12 22:57| 
 |Rispondi al commento

TORNIAMO A PARLARE DI POLITICA, DI COSA DESIDERA LA GENTE, DEI PROBLEMI VERI DI TUTTI I GIORNI.

BASTA CON LA TV E CON QUESTA DISCUSSIONE CHE CI DIVIDE

CHI VUOLE ANDARE IN TV CI VADA E CI RIMANGA

IL MOVIMENTO E' NATO SUL WEB E SOLO SUL WEB DEVE RIMANERE E VINCERE

Arnaldo L. Commentatore certificato 11.05.12 19:55| 
 |Rispondi al commento

Tu non sei più Beppe Grillo. Tu sei Napoleone!!! Quello de "la fattoria degli animali" però...ci sono davvero molte analogie.

Stefano C. Commentatore certificato 11.05.12 19:13| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Talk Show...
Accettare l'invito nella tana lupo che ti vuole sbranare non è la cosa più furba che si possa fare... anche se il singolo esponente riuscisse ad aumentare la propria notorietà lo farebbe a danno dell'intero m5s.
Internet non è l'unica scelta possibile ma è al momento l'unica praticabile (costa meno che comprare un canale tv che se non sei mafioso non te lo danno proprio... http://it.wikipedia.org/wiki/Europa_7#La_vicenda_giudiziaria ); non è che non si può andare su raiset a dialogare con Gasparri (quello che la legge Gasparri non solo non l'ha scritta, nun l'ha manco letta) ma se si va si bruciano voti all'intero movimento.
I mass media sono le leve del consenso e del comando (http://it.wikipedia.org/wiki/P2#Le_mani_sui_mass_media) e secondo voi ve le mettono a disposizione gratis e solo per farvi fare bella figura???

Alessandro P 11.05.12 14:22| 
 |Rispondi al commento

un cambiamento a metà non esiste, si deve rompere definitivamente con i vecchi meccanismi: 'ffanculo la tv. serve solo all'auto-compiacimento "minchia come sono bello"... scendere sul campo dove si confrontano gli altri è essere come gli altri; non si può essere diversi ma uguali... o di qua o di là. se i neoletti M5S non ci arrivano, sono fottuti fin d'ora...

silvio pautasso 11.05.12 14:07| 
 |Rispondi al commento
Discussione

1)La decisione di Beppe è straordinaria e rivela,se ce ne fosse bisogno,l'intuizione del LEADER.
2)Le televisioni sono.....SAPETE cosa sono.
3)Due anni fa parlando con un SENATORE della seconda repubblica chiesi,"ma perchè lasciate andare I VOSTRI sui ring televisivi dove si combatte 3o4 contro 1 più l'arbitro fazioso che ,quando riuscite a dire qualcosa di utile per i telespettatori,vi TOGLIE SUBITO LA PAROLA???
La risposta del senatore mi deluse così tanto che mi cascarono le braghe.Sfortuna volle che nelle vicinanze ci fosse un vigile che mi multò immediatamente per "ATTI osceni in luogo pubblico" ed a nulla valsero le mie difese e le mie spiegazioni.
4)I dibattiti televisivi non servono per far emergere le verità che "la nuova(1)classe di NOBILI al potere"cerca di nascondere ai tartassati dalle loro imposte e dai loro privilegi.

(1)Nuova perchè diversa, ma ancora peggiore,rispetto a quella spazzata via dalla rivoluzione francese.

5)Noi dobbiamo stabilire le regole(che adesso non esistono)per condurre i dibattiti il cui scopo sia informare.Solo dopo,si potrà partecipare a discussioni sulle cose DA NON FARE, perchè tutti sono d'accordo,prima ancora di parlare di quelle DA FARE .
Secondo me ,il paese che è stufo della illegalità,seguirà con attenzione i nostri "interventi in televisione e .........
6)Ho però molti dubbi che se riusciremo a realizzare questa "rivoluzione"ci iviteranno ancora.I NOSTRI GOVERNANTI ED I LORO MEZZI DI PROPAGANDA E SOSTEGNO AMANO LE REGOLE SOLO QUANDO SONO APPLICATE AGLI ALTRI.Cioè noi.
Grazie a tutti i grillini.

Silvano C., Torino Commentatore certificato 11.05.12 12:50| 
 |Rispondi al commento

Senza la partecipazione quartiere per quartiere non si cambia nulla. Sono nato nell'era della televisione forse sono un teledipendente oggi però non la sopporto più e non sopporto chi la frequenta, fare politica con le comparsate televisive è l'ennesima degenerazione di un putrido sistema di potere.

Paolo Rullo Commentatore certificato 11.05.12 12:45| 
 |Rispondi al commento

La FORZA del moVimento e' quello di NON avere strutture nazionali ed di essere VERAMENTE radicato nel territorio.

I "Portavoce" del moVimento non sono scelti da nessun coordinamento e fanno cio' che credono sia il meglio per il proprio comune, rispettando lo statuto M5s.

lo STATUTO e' stato scritto mettendo assime le migliori menti e puo' essere modificato e discusso sempre nello stesso modo.

Al momento se vogliamo prendere la decisione MIGLIORE riguardo alla nostra VISIBILITA' nelle televisioni nazionali, dobbiamo FIDARCI dell'Esperienza di Beppe che ci ha portati fino a qui!

NON andare alle TV nazionali per farsi sbranare dai SERVI dei partiti...costringe chi vuole avere informazioni su du noi ad andare in rete! e' in RETE che si possno avere le informazioni GIUSTE sul M5s e non attraverso programmi PILOTATI.

al momento NON possiamo mandare CHIUNQUE a parlare del M5s!

Si facciano ELEZIONI in rete (testiamo sta cosa che servira' per le politiche nazionali) e decigiamo chi puo' parlare in TV a nome del M5s!
Io voto DAVIDE BONO...Davide se li SBRANA tutti!

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 11.05.12 12:19| 
 |Rispondi al commento

Siamo in rivolta contro grillo e non ne sapevamo niente ?
Sono sempre più assurdi:

http://www.ilsecoloxix.it/p/speciali/2012/05/11/APHHrXUC-editto_contro_rivolta.shtml#axzz1uY9VEnPb

Andrea R., Tolentino Commentatore certificato 11.05.12 11:47| 
 |Rispondi al commento
Discussione

i talk show sono una diretta emanazione dei partiti di maggioranza .Ci sono bidoni vuoti come Mario Adinolfi ieri a piazza pulita, capaci solo di denigrare l' intero gruppo m5s sulla base di una menzogna.Ci sono i Luca Telese,nè amico nè nemico, che ieri ha fatto un figurone di M senza stelle lui e il frufrù Renzi.Perchè frufrù Renzi tentava di ridimensionare i ragazzi m5stelle in collegam. da Bologna, affermando che il suo partito ha ridotto i vitalizi.Dopo di che non è che si da subito la parola agli m5s per replicare, si passa ad altro nel baccano generale.Ma intanto per 5 minuti frufrù Renzi è passato per grande mattatore, finchè ha preso la parola un neo eletto m5s da Bologna e nel modo più elegante ha detto proprio così:Renzi si è dimenticato di dire che il provved- vitalizi vale solo dall'anno prossimo !! particolare importante, perchè indica che è solo strategia politica che copia le linee di m5stelle!!.Infatti perchè Frufrù e il suo partito hanno aspettato che questo tipo di rinuncie venissero lanciate da m5s.?.E poi ha continuato il ragazzo m5s. dicendo anche a Luca Telese che se lui fosse stato un giornalista più onesto, avrebbe ricordato a frufrù quel dettaglio sui vitalizi nell'Emilia.--Conclusione :VIA DALLA TV.Bisogna fare così : FARLI PARLARE PER L'INTERA SETTIMANA NEI LORO TALK SHOW- E POI PRESENTARSI IN UN COLLEGAMENTO DI 5 MINUTI,una sola volta a settimana SOLO PER SMENTIRE LE LORO MENZOGNE.MA IL PUNTO DA NON DIMENTICARE è PRETENDERE DA CONTRATTO DI PARLARE SOLO NEGLI ULTIMI SECONDI DEL PROGRAMMA.ALTRIMENTI SARA' INUTILE, PERCHE' LO RICOPRIRANNO DI MENZOGNE.Non dimenticate che in quegli studi ci sono solo ribaltatori professionisti dei risultati referendari popolari.

salvatore t., afragola (NA) Commentatore certificato 11.05.12 11:35| 
 |Rispondi al commento

Naturalmente si può discutere se presentarsi in TV sia o meno opportuno, se i giornalisti siano o meno trasparenti, se chi ci va abbia o meno cose da dire. Mi chiedo però perchè si debba andare in TV.
I politici vanno in TV unicamente per propaganda.
La TV non è il luogo del confronto politico (quello semmai è il parlamento) e nemmeno il luogo del confronto con i cittadini (la TV è a senso unico, il cittadino ascolta passivamente).

A me pare che l'M5S sia un'altra cosa: non deve propagandare nulla perchè i suoi portavoce non fanno altro che portare nelle istituzioni la voce e le idee dei cittadini. Altrove queste idee sono state raccolte; altrove ci si è confrontati. E questo altrove è la rete.

L'M5S ha trasformato il concetto di rappresentanza e di delega; questi concetti non sono minimamente paragonabili a quelli messi in opera dai partiti.

L'unica ragione per cui si va in TV è per acquisire visibilità. Vogliamo quindi davvero rastrellare voti andando a fare propaganda in TV? Mi pare tutto così già tristemente visto e lontano da questo modo di vedere e fare politica ...

Fabio M., Brescia 11.05.12 11:24| 
 |Rispondi al commento

Una rivoluzione si fa cambiando il modo di pensare, prima di cambiare la classe dirigente. Noi sosteniamo che la Rete è meglio e può sostituire la televisione, quindi, la televisione non serve. Così come non ci candidiamo alle Province perchè vogliamo abolirle così non andiamo in televisione perchè ci auguriamo che nessuno la guardi più. Eppoi, scusate, ma se gli eletti sono solo un terminale della Rete nelle istituzioni, una interfaccia, che titolo hanno per parlare in rappresentanza del Movimento? Dovrebbero presentarsi con un tablet e riportare i commenti più votati sugli argomenti di cu si discute. Se si limitassero a questo potrebbero anche andare in televisione perchè così dimostrerebbero praticamente come funziona la cosa.

Valerio Chiezzi 11.05.12 10:46| 
 |Rispondi al commento

Caro Grillo,
ritiri subito l'autorizzazione a usare il simbolo del M5S a Putti e a quelli di Reggio Emilia. Un segnale forte. Non si può transigere. Mi sembrano un po' arrogantelli, e tutto ciò che noi vogliamo è liberarci dell'arroganza. Sarà accusato di epurazioni staliniane? Non importa, il movimento, e dunque i cittadini, ne beneficeranno. Lo stesso dovrà valere per ogni tentativo di alleanza. Non ne possiamo più di questi atteggiamenti, voglio che siano uomini e donne in grado di controllare i propri istinti a gestire la cosa pubblica. Se pure il M5S mi deluderà, allora smetterò una volta per tutte di votare.

Cado 11.05.12 10:27| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |Rispondi al commento

CARO M5S IERI ABBIAMO AVUTO L'ENNESIMA PROVA CHE BISGOGNA ASCLTARE I CONSIGLI DI BEPPE GRILLO CHE IO APPOGGIO CON FERMEZZA, LUI SBATTUTI FUORI DALLE TV 1988 PERCHE' PROVO A DENUNCIARE IL SISTEMA POLITICO E MEDIATICO DAL PALCO DI SANREMO, LUI CHE PER PRIMO HA SPERIMENTATO LA VILENZA CHE LE TV E I GIORNALI RIVERSANO SU CHI ANCORA VUOLE DIRE COSE COSTRUTTIVE.
IERI A PIAZZAPULITA PROGRAMMA CHE PER ALCUBI VERSI FA ANCHE SERVIZZI INTERESSANTI HO VISTO L'ASSALTO ALLA DILIGENZA DEL M5S DI REGGIO EMILIA, INTERVISTANDO A SPIZZICHI E BOCCONI QUA E LA' PER DARE UN UNICA CHIARA IDEA "IL M5S E' ORA NON PIU' ANCTIPOLITICA (FORTE DEL RISULTATO ELETTORALE) MA LE PERSONE CHE LO FORMANO SONO DEI BENEMERITI IMBECILLI" MORALE PARTITI CLASSICI PRENDETE VOI IN MANO LA BANDIERA DEL CAMBIAMENTO E DEL POPULISMO E CERCATE DI METTERE NELL'ANGOLO IL VERO CAMBIAMENTO...ORA NON CHE IO VOGLIA INSEGNARE NIENTE A NESSUNO MA FINCHE' NON SI AVRANNO GLI ANTICORPI NECESSARI SAREBBE MEGLIO SEGUIRE DETERMINATI CONSIGLI RIFUGGENDO LE SIRENE DI QUESTI PROGRAMMI TELEVISIVI CHE DA ANNI CI PROPOGONO IL SOLITO MUNU' METTERE IN PRIMA LINEA I POLITICI PIU' NAUSEABONDI (SANTANCHE'DALEMA GASPARRI ECC...) PER DIVIDERE GLI ITALIANI TRA COGLIONI E RINCOGLIONITI - NOI NON DOVREMO METERCI IN QUESTA GIOSTRA INFERNALE...
un iscitto come tanti
Andrea twitter@sivieroandrea

ANDREA SIVIERO 11.05.12 10:25| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |Rispondi al commento

Beppe ha costruito questo movimento persona dopo persona questo sito e se oggi stiamo qui a parlarne è perchè dobbiamo dire grazie a lui. Quante volte hanno invitato Beppe in tv? MIGLIAIA quante volte ci è andato? MAI perchè? perchè vuole una informazione libera, senza filtri, vuole parlare alla gente che lo segue senza le solite mummie che stanno in tv a dir niente. Si spacca il c*** tutti i giorni a girare l'Italia per far conoscere il nostro movimento FISICAMENTE, non dà comandamenti chiede solo onestà e dignità e voi che fate? prendete due voti ed andate in tv a mettervi sullo stesso livello del pd e del pdl? sbagliatissimo, non siamo un partito siamo un movimento che fa politica vera e la politica vera si fà parlando con la gente non parlando in tv, è comodo si ma VI ALLONTANA DALLA GENTE è molto meglio farlo per le strade. Tanto più che siete una lista comunale e potreste parlare ai Genovesi molto più efficacemente porta a porta o nelle piazze. Non fate ancora questo errore. P.s.: chiamarlo megafono è un insulto non è uno strumento correggi il tiro

A F. Commentatore certificato 11.05.12 10:20| 
 |Rispondi al commento

Bongiorno a tutti ...
vorrei dire che io personalmente non sono molto d'accordo sul monito di grillo riguardo gli interventi del M5S in TV,dovrebbe lasciare al movimento libertà di scelta...perchè questo viene percepito da tutti come un'obbligo.Però credo anche che far comparire in TV persone come quella che ho visto ieri sera al programma piazza pulita. per essere più precisa mi riferisco a colei che dice ho votato berlusconi perchè mi faceva ridere e ora voto M5S perchè mi da la gioia!!!,certo non rappresenta bene il movimento ... per cui in conclusione credo che se si fa una certa selezione affinchè il movimento possa esprimere al meglio le sue idee, con persone che abbiano la capacità di farlo con l'intento di raggiungere anche per quelle persone che non hanno dimestichezza con la rete e sono ancora tante...pensiamo agli anziani!!!, o forse è meglio fare come grillo dice perchè se no si rischia di dare un'immagine che non corrisponde allo spirito vero del movimento.

matilde uccheddu, albiolo Commentatore certificato 11.05.12 10:12| 
 |Rispondi al commento

l'ironia e lo sfottio racchiusi nella frase "ecco perchè Grillo non vuole i grillini in tv", credo faccia capire cosa nei talk show vogliono farci assistere. d'altro canto non dobbiamo indignarci o vergognarci per le affermazioni di una persona, perchè il movimento è stato creato dal basso e come tale accoglie tanti pareri diversi, ma tutti impegnati, belli e brutti! non crediate che chi ha votato i partiti tradizionali sia molto diverso, coglie tutte le categorie sociali trasversalmente, e tra queste ci sono le signore che hanno votato i Renzi del caso perchè piacione con parlantina. solo che i politici di professione o affiliati, MAI porteranno davanti agli schermi il loro elettorato, quello che si trova alle feste di partito, nemmeno per sogno, la voce sono loro: studiano per questo, si preparano, si indottrinano, seguono addirittura corsi di dizione... forse per questo sono sempre gli stessi che girano! quello che accade a Genova o a Reggio, gli interventi sul territorio, poco importano a chi discute nei talk, ascoltano ma sono assenti, attenti solo a carpire le incertezze, le falle, per divaricarle e trasformarle in un arma. chi non ha incertezze, specialmente quando ci si mette in gioco per fare qualcosa? solo loro, i "comunicatori", sono immuni da incertezze, perchè non rischiano mai la faccia, e se qualcosa accade di spiacevole ecco le macchine dei partiti pronte a coprire e riciclare i personaggi con altre cariche. chi non ha faccia non può perderla! M5S si! per questo tv si o tv no è da ricondurre solo a visibilità o no. la scelta di agire senza clamore nelle proprie comunità, progettare e realizzare i programmi, i cittadini lo percepiranno e se davvero bravi premieranno spingendo in alto. se cambia la qualità della vita, perchè di questo stiamo parlando, tutti lo sapranno e vorranno aderire o semplicemente dare un apporto, questa è la democrazia dal basso che non avrà bisogno dei comizi per sapere chi votare, parlano i risutati.

per e., shanghai Commentatore certificato 11.05.12 09:27| 
 |Rispondi al commento

E' assurdo andare in TV a dire che beppe Grillo è il megofono del movimento 5 stelle. Beppe è la guida del movimento. Beppe non ha obbligato nessuno ad aderire al movimento 5 stelle. Quindi chi aderisce deve attenersi alle regole, che sono quelle che ci contraddistinguono da tutto il marciume che c'è in giro. Se il movimento è ha questo punto dobbiamo dire grazie e Beppe e alle sue semplici regole. Chi vuole fare la soubrette, esca dal movimento e vada da Vespa o a Canale 5.

serena maiorana 11.05.12 09:10| 
 |Rispondi al commento
Discussione

GRILLO SEI IL MIO NAPOLEONE , TI SEGUIRO' Come la gente seguiva ovunque BONAPARTE.

Donato Annunziata 11.05.12 09:08| 
 |Rispondi al commento

tutti questi giornalisti di m...a che sono legati e pagati + o - legalmente dai vari sponsor politici hanno paura del cambiamento che si stà avvicinando ad una velocità non controllabile da loro come erano abituati prima..Beppe ha ragione non facciamoci stritolare da loro.. sono faziosissimi anche nelle inquadrature... la gente non crede più a chi straparla in tv e poi va al ristorante finita la trasmissione e tutto finisce a tarallucci e vino..tanto paghiamo NOI!!! NELLE PIAZZE E SU INTERNET VA BENISSIMO!! YES WE CAN....FORZA E AVANTI TUTTA!!!!

salvatore b., savona Commentatore certificato 11.05.12 09:04| 
 |Rispondi al commento

Beppe Grillo ha ragione. Avete visto la puntata di LA7 di ieri sera. Il conduttore dopo che i suoi giornalisti si sono intufolati in una riunione del movimento 5 stelle, toglieva e ridava la parola a piacimento. Il consigliere 5 stelle che voleva dire cose serie non ne ha avuto la possibilità. Quindi ai talk show mandadeci i soliti idioti. Il nostro mondo è la rete dove non si fa spettacolo ma si fa la vera politica. Quella dei cittadini.

serena maiorana 11.05.12 09:00| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Grande Beppe!bisogna essere..Non apparire!

Andrea Spreafico 11.05.12 08:52| 
 |Rispondi al commento

A parte l' intervento della ragazza, che poteva dire qualcosa di piu intelligente, mi pare che le persone che hanno parlato in maniera piu rappresentativa del movimento non abbiano fatto questa brutta figura, si sapeva con chi ci si confrontava.
Mettiamoci una pietra sopra e avanti.

emme gi 11.05.12 08:45| 
 |Rispondi al commento

Partecipare o non partecipare alle trasmissioni TV non e' il problema il problema e' non dire cazzate in TV solo per il gusto di stare in TV.

Marco Mario Galli Commentatore certificato 11.05.12 07:21| 
 |Rispondi al commento

... confrontarsi con i Casini Bersani Vendola Santanchè in tv non serve a niente perchè sono morti .... ovviamente il significato di " morti " sta per inutili per la società , sono fini a se stessi ... quante ore vanno in tv questi politici a dire sempre le stesse cose , è anni che continuano a lobotomizzarci .... non cadete nella trappola !!!

Ernesto F. Commentatore certificato 11.05.12 07:18| 
 |Rispondi al commento

Facciamo un sondaggio sul sito. Se 1 vale 1, allora sondaggio se sia opportuno o meno andare in tv e, visto che hanno aderito al Movimento, ne rispettino le decisioni. Allora, lo facciamo? Dai Beppe, io voglio esprimermi e non mi va di sentirti dare del manipolatore.

Barbara R. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.05.12 02:22| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |Rispondi al commento

La TV è il loro ambiente naturale. Non hanno e non fanno altro. Essere diversi. SOPRA E AVANTI.
Non si gareggia in puzzette con le merde.
Sarebbe un disastro!!

Enrico Conti, Alessandria Commentatore certificato 11.05.12 00:59| 
 |Rispondi al commento

La battaglia che fa beppe contro l'informazione tradizionale come la tv è corretta, perchè ci sono oggi nuovi mezzi che la sostituiranno completamente, come internet, è solo una questione di tempo. Però sono anche d'accordo col fatto che i candidati del MS5 possono anche andare in televisione con una strategia ben precisa, quella di prepararsi a fondo sui contenuti del programma e parlare solo di quello senza farsi fuorviare dal presentatore o da altri ospiti. C'è troppa gente ancora che non usa internet, ma che meritano di essere informati sulle politiche proposte dal MS5, per questo i militanti del movimento devono preparasi attentamente e parlare con esempi concreti e proposte del programma e solo del programma.

emiliano c., tivoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.05.12 00:46| 
 |Rispondi al commento

Che vi aspettavate, che fossero tutti laureati a movimentare il 5 stelle?
Questo è il popolo italiano.
La tipa tatuata proprio era meglio se si cuciva la bocca.

Marco M5☆ Commentatore certificato 10.05.12 23:32| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Bella figura di m***** a Reggio Emilia. E bellissimo anche sapere in diretta che Favia si è incrementato lo stipendio di 200€ mensili (ché 2.500 era pochi!!!). Ma il peggio sono le balle che raccontate: non prendono 2.700€, ma gravano sulla collettività per 7.000€, ergo danno la bellezza di 4.300€ al Movimento. Quindi, se lo fa uno del PD, male; ma se lo fa uno del M5S, tutto bene. Ipocrisia allo stato puro.

Dante 10.05.12 23:05| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |Rispondi al commento
Discussione

Fate presto a farli andare via quelli di Reggio Emilia !!! Stanno facendo fare una brrutta figura al movimento rischiando di perdere quanto di eccezionale fatto fino ad ora !!! NON DOBBIAMO ANDARE A FARE IL LORO GIOCO, HANNO PAURA ORA di questo tsunami che sta per arrivare a Montecitorio e Palazzo Madama !!!

Gionata M., Venezia Commentatore certificato 10.05.12 22:52| 
 |Rispondi al commento

su la 7 c'e' finito il movimento 5 stelle di reggio emilia e sinceramente ha fatto sulo una gran figura di merda, ha fatto parlare una rasata che non sapeva neanche dove stava di casa.
ha ragione grillo la nostra forza e stare fuori dalle tv e lavorare per il bene del nostro paese.

BISOGNEREBEB FARE QUALCOSA BEPPE !! FUORI DALLE TV !!!

MATTEO PIRO 10.05.12 22:43| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |Rispondi al commento

Ma che stanno facendo a Reggio Emilia??? Rischiano di distruggere tutto!!! Non è che sono infiltrati per screditare il movimento?

Carlo Speggiorin, Venezia Commentatore certificato 10.05.12 22:29| 
 |Rispondi al commento

Telefonate a Reggio Emilia please ditegli di smettere e sparire, ci stanno rovinandooooooooo

Salvuccio C. Commentatore certificato 10.05.12 22:26| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |Rispondi al commento

i candidati a reggio emilia a piazzapulita...non hanno recepito il messaggio beppe...ne pagheremo tutti le conseguenze!

andrea taschini Commentatore certificato 10.05.12 22:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |Rispondi al commento

Completamente d'accordo con Beppe. Questo movimento nasce e si rafforza con la Rete. Sbagliato andare nei talk show, in mezzo a vecchie volpi della solita politica, pronti a ogni astuzia pure di dare una cattiva visibilità al M5S. Avevo la sicurezza che i "nostri" ne fossero pienamente convinti. E' un errore che può nascere da una diversa visione della tv o forse da voglia di protagonismo. Ma è giusto che da ora in poi non ci siano più dubbi su questo. Stiamo uniti contro i vecchi professionisti del teatrino politico e in poco tempo riusciremo a farli sloggiare per rendere migliore questo paese!

Alessandro Corti 10.05.12 22:17| 
 |Rispondi al commento

Ma chi sono 'sti quattro deficenti di R.Emilia a Piazza Pulita ?!!!
"Ho votato Berlusconi perchè era allegro, adesso è allegro Grillo allora voto Grillo"... ^_^'
Sono esterrefatto...

Dario B., Savigliano Commentatore certificato 10.05.12 22:12| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |Rispondi al commento
Discussione

Grillo ha ragione. No hai talk show. Sareste usati da dei professionisti. Infatti Putti a ballato non e riuscito a trasmettere niente ma si e fatto intortare in una polemica inutile con fassino e ha perso. Ha sbagliato in buona fede ma anche lui vale1 come me e ha dato spazio a tutti i giornali per screditare il movimento. Per ora grillo non e solo un megafono ma e quello che guida questo movimento e ci dobbiamo ritenerci fortunati che sia uscito un personaggio come lui o ora saremmo in balia di bande fasciste come in grecia
Roberto

Roberto Tosatti Commentatore certificato 10.05.12 21:57| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Ho seguito sia Putti a Ballaro' che Fuggetta e Pizzarotti a Otto e Mezzo. Ritengo che tutti abbiano esposto le loro idee e rappresentato il movimento in modo egregio con un linguaggio di una fruibilta' disarmante.
La distanza dai politici di professione e' netta e il messaggio della volontà' di cambiamento del modo di fare politica e' passato senza fronzoli.
Ritengo uno sbaglio non utilizzare il mezzo televisivo e ancor di piu' temere il confronto con i "dinosauri" della politica partitocratica nel loro palcoscenico prediletto.
Certo, la televisione, come qualsiasi strumento di comunicazione di massa va saputo usare, ma per una vera rivoluzione democratica sarà necessario giocoforza aumentare il volume della cassa di risonanza con tutti i mezzi di comunicazione disponibili.

Angelo P. 10.05.12 21:54| 
 |Rispondi al commento

Ottima la scelta di evitare TV e Radio.

I giornalisti dicono di tutto pur di costringerci a salire sul ring.
I politici di lungo corso dicono che abbiamo paura del confronto e che non abbiamo argomenti validi da proporre alla gente, noi stessi siamo convinti che ci farebbero a pezzi con la loro esperienza nei talk-show eppure nessuno ha centrato il vero motivo per cui sentiamo, se pur inconsciamente, che la TV non è il posto giusto per discutere di politica.

La velocità con cui si susseguono le informazioni durante un programma televisivo non permette al pubblico di verificarle e inoltre, pur avendo talvolta cognizione di falsità delle affermazioni, non esiste un feed-back efficace per contrastare colui che mente.

In queste condizioni, messi di fronte ad un gruppo di mentitori di professione verso i quali non è possibile intervenire in modo efficace in tempo reale certamente sarebbe una inutile perdita di tempo.

E poi ricordate:
se passeggiando incrociate un matto che parla con una persona sana avrete l'impressione che siano due matti che parlano tra loro.

Fino a quando la TV o la Radio non saranno "veramente" interattive, saranno la tana ideale per truffatori, ladri e bugiardi e noi non siamo così.

p.s. per sbaglio l'avevo postato in un'altra sezione.

Corrado Allegro, Verbania Commentatore certificato 10.05.12 21:16| 
 |Rispondi al commento

Ma scusate....fare un sondaggio on line ( naturalmente serio, non un semplice " mi piace ") Con una semplice domanda : li vogliamo in tv si o no?

Adolfo Pandolfi 10.05.12 20:54| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |Rispondi al commento
Discussione

volevo solo dire che per me Putti non ha fatto alcuna brutta figura a ballarò. anzi!! la visibilità è importante purtroppo. sono d'accordo che per ora è preferibile sia locale ..ma prima o poi il movimento dovra' confrontarsi comunque con questa gente. altrimenti non riusciremo a cacciarli davvero e definitivamente.

claudio mistrali 10.05.12 20:21| 
 |Rispondi al commento

Scusate, ma cosa ci và a fare un candidato sindaco a parlare di monti, bersani, esodati ecc. Vanno bene le tv locali, giornali locali o faccia a faccia locali, dove si parla dei problemi della città dove si candida. Poi fra un anno quando la discussione si farà a livello nazionale si potrà valutare altre forme di visibilità, ma per ora se stiamo sul territorio sarebbe l'ideale. Quanta gente non sà che la partecipazione attiva è il primo punto? Puntiamo ad altri sindaci e con il lavoro che faranno loro e tutti gli altri consiglieri comunali che sono stati eletti, vedrete che il loro lavoro sarà la nostra migliore vetrina possibile.

Marco F. Commentatore certificato 10.05.12 19:57| 
 |Rispondi al commento

Ormai il virsu 5 stelle è inoculato, non si ferma più!!! Non bisogna avere paura...Quello che mi piace di questo movimento è la libertà che trasmette: libertà di dire vaffaculo a persone che fino a qualche tempo fa erano intoccabili, libertà di dare del morfeo a napolitano, dei servi ai giornalisti, ecc., ecc. E' questa libertà che genera energia e voglia di fare. Ma non bisogna avere paura di parlare, altrimenti beppe non avrebbe mai detto quella mitica battuta sui socialisti ladri; pazienza se putti fa la figura dell'allocco in tv, cosa è successo alla fine, perderemo qualche voto? Siete sicuri?Paura che la gente si stufi del movimento? La gente è stufa delle parole, io spero che siano i fatti a contare, che non ci si fermi alle 4 parole dette in tv, altrimenti siamo al punto di partenza...QUando cominciamo a dire che bisogna stare attenti a quello che si dice, perchè se no ne va dell'immagine di tutto il movimento, mi pare di sentire parlare bersani o berlusconi e vuol dire che abbiamo paura e siamo finiti in trappola...

Appo Decra 10.05.12 19:51| 
 |Rispondi al commento
Discussione

L' ho detto e lo ripeto a costo di essere pedante, sfruttate le radio ed i giornali locali, che vanno nel vostro territorio in maniera capillare.

Laciate perdere i talk show dei pennivendoli.

Marco M5☆ Commentatore certificato 10.05.12 19:15| 
 |Rispondi al commento

Rientro da lavoro e cosa leggo su diversi quotidiani online?
Grillo lite con Putti- Rissa Grillo Putti- I grillini vogliono un parricidio( vabbè questo è il giornale, chiamarlo quotidiano è un po forte).
Poi leggo le dichiarazioni di Putti e non ha detto niente di strano.
Visto come si fa presto ad accendere le micce, e pensare che stamani tantissimi editorialisti danno ragione a Beppe, saranno tutti rincoglioniti.
Ci vuole più attenzione con questi sciacalli.
E poi permettetemi, se uno si candida per fare il consigliere o il sindaco deve pensare a lavorare per il suo comune e non fare comparsate televisive, altrimenti siamo da capo alla canzone. In pochi giorni Putti mi sembra che sia già comparso un po troppo in Tv. Ma vale 1 o di più. Non voglio accusarlo ma stanno usando la sua educazione per metterlo nel culo a tutti. Faccia come Castiglion che dopo 2 minuti in cui si è rifiutato di parlare di cose che non riguardassero il suo comune, a detto al conduttore scusate ma io devo andare a lavorare.

David Diqual, Pisa Commentatore certificato 10.05.12 18:54| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |Rispondi al commento

Una scelta di campo? L'ho già sentita... ma almeno in campo si tira la monetina, una parvenza di equità... anche se non è democrazia è cmq alla pari... ci vuole almeno il "culo"... ufff... una bussatina qui sotto per sapere come la pensiamo, no?

p.s.
magari si è anche d'accordo, voglio discutere il metodo s'è possibile.

Marco D., Ariccia Commentatore certificato 10.05.12 18:48| 
 |Rispondi al commento

Una comunicazione in più è sempre meglio.

Marco Ferrario 10.05.12 18:19| 
 |Rispondi al commento

dobbiamo parlare con i fatti, poi la comunicazione sui media richiede regole e professionalità che non si imparano in un giorno , ci vuole un coordinamento per tutti uguale; Grillo come portavoce sui media basta e avanza.
Altrimenti c'è la confusione e l'omologazione .
Pensate un momento.. l'eco mediatica sarebbe stata maggiore o minore se nessuno del movimento fosse intervenuto sui media ?
il movimento deve agire sul campo non in televisione.

NICOLA C., ROMA Commentatore certificato 10.05.12 17:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |Rispondi al commento

Ho conosciuto il movimento sulla rete perchè la tv non la guardo più da parecchio. Se diventate animali da tv avremo perso tutti.

Davide Giaquinto 10.05.12 17:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |Rispondi al commento

I talk show e la televisione in generale sono una brutta bestia. Da una parte avrei voglia di vedere andare i candidati dappertutto a far vedere quanto sono diversi dal politicante di turno, quanta Buona Politica c’è dietro le loro idee,ma dobbiamo sapere che abbiamo contro TUTTI sia a destra che a sinistra e il rischio che invece si venga sbranati da lupi e avvoltoi è alto ed è molto probabile che passi solo il messaggio che il Movimento è antipolitica, che non siamo adatti a prenderci responsabilità ,che non abbiamo ancora dimostrato nulla. Certo si può controbattere,denunciare il putridume di ciò hanno sempre fatto e faranno, ma in questo momento ci conviene la rissa? Penso che siamo ancora troppo fragili, armati solo dalla nostra onesta intellettuale e dallo spirito di servizio verso la società. E’ forse meglio che per il momento i candidati si dedichino al rapporto con la gente del loro territorio e che dimostrino con i fatti la forza delle loro idee. Certo non ci potremo nascondere per sempre da tv e media verrà il momento di passare al contrattacco con i fatti, ma al momento l’ariete forse è il caso di continuare lasciarlo fare a Grillo.

fabrizio fabrizi 10.05.12 17:25| 
 |Rispondi al commento

Io penso che in TV sarebbe bene andare, a patto che si parli di programmi e di concetti. La principale critica di quelli che non votano M5S è "sono buoni solo a fare monologhi". Il confronto è necessario, anche solo per marcare la differenza tra loro e noi.

Massimiliano De Iuliis 10.05.12 17:09| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Un suggerimento per quelli che, in perfetta buona fede, insistono perché i nostri esponenti vadano a certi programmi televisivi (NON in televisione, di per sé): se credete che una cosa come il talk-show serva per informare - e non per omologare a certi comportamenti (è il caso di "uomini e donne") o per acquisire consenso - ragionate un po' sulle parole.

"Talk-show" significa "spettacolo di parole": e dovrebbe bastare questo per far capire che l'informazione non c'entra un fico secco.

E' la stessa cosa per il "reality show" = "spettacolo sulla realtà", dove appunto si cerca di indurre certe classi sociali a introiettare dei comportamenti favorevoli alla società che si vuole costruire, per poterla meglio gestire. Se fossero trasmissioni destinate a INFORMARE sulla realtà, si chiamerebbero documentari...

Anche con i "contraddittori", non crediate che le cose vadano tanto meglio: sembrano più "neutri", ma il significato della parola dovrebbe, di nuovo, aiutare. Sono basati sulla "CONTRADDIZIONE", ovvero sull'abilità di confutare l'avversario o di metterlo in difficoltà tramite le proprie argomentazioni o il proprio atteggiamento: non di veicolare i propri programmi in maniera oggettiva.

Il problema è che, dato che sono le forme televisive più gettonate, si pensa che raggiungano più persone (intellettualmente attive e responsabili...) e quindi i più efficaci. In realtà, come ho scritto sopra, non è che non si debba andare in televisione: le interviste valgono sempre, specie se sono fatte in parallelo (stesse domande per tutte le persone coinvolte), pure gli spazi autogestiti e così via.

Ma, se si è "alternativi", allora lo si deve essere fino in fondo: e le ultime elezioni (anche le amministrative fatte prima di queste), hanno dimostrato che - almeno nel locale - gli altri sistemi impiegati sono stati assolutamente efficaci.

Alberto Rizzi 10.05.12 16:43| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Enzo di Frenna su ilFattoQuotidiano.it

Ecco perché Grillo ha ragione a dire: “Non andate in tv”

..."Cari candidati del M5S, la comunicazione è un’arte raffinata. Si basa principalmente sulla conoscenza delle psicologia e delle emozioni. Ci sono persone che la studiano e diventano bravi, usandola per manipolare e ribaltare la realtà. Abbiamo avuto l’esempio di Berlusconi, campione delle tv e delle menzogne.(continua)"

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/05/10/ecco-perche-grillo-ragione-dire-%E2%80%9Cnon-andate-tv%E2%80%9D/225595/

yujiza inesilio Commentatore certificato 10.05.12 16:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |Rispondi al commento

"Più che spiegarlo e ribadirlo non posso fare. Comunque chi partecipa ai talk show deve sapere che d'ora in poi farà una scelta di campo".
Santo cielo se sono d'accordo a seguirti su questo tema soprattutto se una raccomandazione del genere viene da uno come te con gli attributi e soprattutto da una lunga esperienza di televisione di anni e anni di carriera in un mondo come quello pieno di volponi. Se lo dici ci credo! Ma allora che vuoi fare? Non è pensabile che tutti la pensino come noi o come te! e se uno in buona fede con buon senso e professionalità decide per andare in tv a sputtanare questi signori della CATTIVA politica te che fai ? lo cacci , gli giri le spalle e lo demonizzi perchè si è macchiato di prendere una scelta in libertà? perdonatemi ma su questo non mi traovate d'accordo.............

Matteo Bottai 10.05.12 16:15| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Sono totalmente d’accordo con Beppe Grillo, andare in TV a confrontarsi con gente di quel tipo significa scendere al loro livello, non può esserci un dialogo con ladri legalizzati che hanno ridotto questo paese in cumulo di macerie. Io con Veltroni , con Gasparri o con qualunque altro corresponsabile dello sfacelo di questo paese, non ci parlo!!! E basta!!! - Io non mi faccio intervistare da Ferrara o altro giornalista al servizio del palazzo !!!

Paolo C., Perugia Commentatore certificato 10.05.12 15:59| 
 |Rispondi al commento

TRILUSSA
Fissato ne l'idea de l'uguajanza
un Gallo scrisse all'Aquila: - Compagna,
siccome te ne stai su la montagna
bisogna che abbolimo 'sta distanza:
perché nun è né giusto né civile
ch'io stia fra la monnezza d'un cortile,
ma sarebbe più commodo e più bello
de vive ner medesimo livello.-

L'Aquila je rispose: - Caro mio,
accetto volentieri la proposta:
volemo fa' amicizzia? So' disposta:
ma nun pretenne che m'abbassi io.
Se te senti la forza necessaria
spalanca l'ale e viettene per aria:
se nun t'abbasta l'anima de fallo
io seguito a fa' l'Aquila e tu er Gallo.


VENGANO LORO NELLE PIAZZE ALTRIMENTI NOI SEGUITIAMO A FA L'AQUILE E LORO I GALLI

Dylan Dog (), Londra Commentatore certificato 10.05.12 15:39| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |Rispondi al commento

Non va sottovalutata nè la capacità dei politici a usare lo strumento televisivo, anche in congiunture a loro sfavorevoli, nè la potenza nefasta della televisione, indipendentemente dai commentatori più o meno in buona fede (e che comunque hanno mangiato fino ad oggi in questo bla bla fatto di nulla). Anche trasmissioni bellissime come Report o Presa diretta alla fine stufano, o comunque assuefano la gente che ascolta, ascolta, ascolta gli scandali e lo sfacelo di questa nostra Italia e alla fine non cambia nulla. L'unica esperienza interessante è Servizio Pubblico, anche se non capisco perchè dobbiamo ancora sorbirci certi personaggi visti e uditi centinaia di volte (adesso che non ha più l'obbligo della "par condicio").
Sono totalmente d'accordo con Grillo: bisogna esiliarli nel loro circo mediatico, e non parteciparvi. Magari adesso non raggiungerete l'1% in più di potenziali elettori, ma continuerete nel segno di un cambiamento EPOCALE. E' questo che state facendo: rivoluzionare il modo di fare POLITICA. Non cedete quindi agli strumenti del POTERE, continuate a raccogliere consenso come avete fatto finora. Il consenso televisivo è effimero, quello ottenuto sul territorio è più saldo, più duraturo, è il vostro patrimonio. Restate nella SOCIETA' CIVILE e REALE, non mischiatevi in quella dello SPETTACOLO. Fa bene Beppe Grillo a ribadirlo, anche in forma perentoria.

Stefano Molteni 10.05.12 15:32| 
 |Rispondi al commento

signori ,non distruggiamo un grande risultato !grillo ha perfettamente ragione ,non bisogna assolutamente andare in tv!!!ma non ci rendiamo conto che tutte le tv ci aspettano per distruggere il nostro semplice ma importantissimo movimento.io chiedo solo una cosa ai nostri futuri assessori e consiglieri :umiltà e semplicità ,ricordatevi che dietro di voi ci sono molte persone che si sono nuovamente riavvicinate alla politica grazie al nostro movimento!!!e quelli che dicono che beppe si comporta come il grande capò mi dispiace dirvelo ma non ci avete ancora capito un .....!!!loro ci aspettano ma noi non dobbiamo farci vedere !!!in rete non possono farci niente in tv ci distruggono!!!!

giorgio b., GENOVA Commentatore certificato 10.05.12 15:32| 
 |Rispondi al commento

Riporto qui sotto un intervento, solo uno solo il mio ma ce n'erano a migliaia tutti con lo stesso argomento tutti d'accordo, tutti qui sul blog. Guardate la data era il 2006 è da allora che se ne parla è da allora che il Movimento cammina e si fida dei consigli di Grillo. Un ordine? Si può sembrarlo a quelli che non hanno seguito Grillo che non ne conoscono il modo di fare o che ora fingono di non conoscerlo per denigrarlo ipotizzandolo come inizio della dittatura .... no comment ... ma è stato grazie ai suoi consigli (in qualsiasi modo vengano dati) e il suo lavoro che i risultati sono iniziati ad arrivare e continueranno a migliorare. Seguiamolo la vittoria sarà di tutti non sua.
------------------------------------------------
Io credo che in ogni città ci sia un buon gruppo di queste persone senza schema politico ma con gli occhi e la mente aperta a come le cose dovrebbero funzionare, organizziamoci, troviamoci e inseriamoci nel gioco, hanno messo regole restrittive per partecipare al loro circolo ma siamo tanti, più di quelli che loro credono, troppi ormai per non riuscire a creare una forza che si imponga se non all' Italia come forma di governo, almeno alla loro attenzione come futura minaccia alle loro manovre.
Iniziamo da ora a dare la nostra adesione, a dire la nostra opinione non più solo qui ma con altre persone reali che non leggono questo blog ma che non possono che approvare ciò di cui si discute.

rodolfo isella 08.01.06 16:28| 

rodolfo 10.05.12 15:21| 
 |Rispondi al commento

BEPPE, FA' USARE LA RADIO AI TUOI!

Ricordo che nella campagna elettorale tra Nixon e Kennedy, questi vinse perché nel primo duello TV apparse più telegenico, accattivante e sicuro di sé. Nixon fu penalizzato dal colore dei vestiti, dal suo volto tirato e sudato dalla febbre, e per aver rifiutato di truccarsi. Le intenzioni di voto tra gli spettatori "prima" e dopo la visione, premiarono Kennedy.
Pochi però sanno che tra coloro che ascoltarono lo stesso duello solo alla radio, la maggioranza preferì Nixon.
La radio faceva concentrare sui contenuti e sulla profondità dei concetti, non essendoci la distrazione degli altri messaggi non verbali che colpivano emozioni e sentimenti.

Chi ha fondamenta buone nelle proprie argomentazioni, è bene pertanto che usi la radio molto di più della TV. Lì è più difficile essere omologati alla massa dei perdenti e dopo aver persuaso la pancia con la TV, il coronamento ideale è persuadere anche il cervello con gli altri media usati bene. Auguri!

mariano t. Commentatore certificato 10.05.12 15:15| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe sono conte !!! Da oltre 20 anni che ti avevano bandito dalla tv publica e privata ora tutti ti cercano tutti ti vogliono perché ??? Non chiudere il blog metti subito il tasto donazione e' un ordine !!! E mandali a vfanculo continua così che non hai idea delle persone che voteranno m5s !!!!! Ripeto metti il tasto per una donazione non deluderci non chiudere il blog .

Gerardo 10.05.12 15:07| 
 |Rispondi al commento

Cazzo, ma se avete paura di andare in televisione perchè ci sono i lupi mannari, ci sono gli esperti che si mangiano i dilettanti, in parlamento e nei consigli comunali e regionali cosa fate, vi pisciate addosso???

Stefano C. Commentatore certificato 10.05.12 15:07| 
 |Rispondi al commento

OGNUNO VALE UNO significa anche ,anzi sopratutto che chi ha una conoscenza specifica in un mestiere debba dare il suo contributo.

Beppe è un grande comunicatore, si intende moltissimo di media come ,se non più, del re tra gli imbonitori ovvero il ducetto di Arcore.

Ognuno il suo mestiere, c'è chi si intende di informatica chi di ambiente chi di strategia comunicativa.

Anche io all'inizio ero perplesso per la scelta che ha fatto, di rilasciare un intervista a CHI o di rifiutarsi di parlare in TV.

Ma questo schema lo sta premiando; ci sta premiando.
Semmai non doveva farlo capire a tutti, con certi post, che sta seguendo una strategia precisa magari doveva continuare sul filo della presunta ingenuità.
E comunicarlo ai ragazzi in privato.

Ma a ognuno il suo, lui sa come fare da megafono gli altri pensino a dare il contributo per le loro conoscenze specifiche.

Non cadiamo nella tendenza, un pò internettiana, di fare i tuttologi altrimenti sembriamo dei politici.

Ad Maiora.

Lucifero 10.05.12 15:04| 
 |Rispondi al commento

qui non si tratta se i candidati siano o meno bravi ad argomentare in tv, e'questa tv che e'marcia fino al midollo,e il rischio omologazione ce'.se un giorno la rai sopratutto,sara'disinfestata dai partiti,allora se ne puo'anche discutere sull'opportunita'di partecipare nei talk show!!!

andrea s. Commentatore certificato 10.05.12 15:02| 
 |Rispondi al commento

... stavo annoiatamente dando un'occhiata a Ballarò, anche se in realtà mi interessa di più guardare all'intro di Crozza e Floris, e ai servizi "su strada" che non, poi, appena la discussione si accende ("fare seria" è troppo!) guardare allo "zoo delle ipotesi, soluzioni, idee (quando e se esistono) e delle intenzioni".
(E allora meglio un bel film).
Ma lo scorso martedì sono rimasto irretito da Vendola, Stella, Catania e ..., ad essere sincero, basta!, quando compare il simbolo di M5S e un ometto che cerca anche di dire delle cose semiserie ... interrotto, quasi per caso, quasi per protesta ... Sembrava al più e ai più un protestante di quelli incatenati al portone di una chiesa (lo sfondo!) con un qualcosa che dicesse (il cartonato alle spalle!) il perchè era oggetto di attenzione, quasi come fosse accampato in un parcheggio, in auto, in una stazione (magari!).
P E N O S O
E ai più sarà sfuggito che Fassino che lo interrompeva era approvato dal somesso fuori campo della Bernini con "hai ragione", "è giusto", ... Ma bisogna essere mooolto attenti a cogliere l'unitarietà di intenzioni di PD e PDL.

Abbiamo ragione. La TV non serve. Non serve alla buona causa. E' un po' come pensare ai giornalisti e ai giornali che non raccontano più quello che accade e non lo verificano: "semplicemente" si lasciano sedurre (con volontà e voluttà) da quanto viene riferito, perchè sarà comunque soggetto a distinguo, ritrattazione, revisione, controcommento, ripresa, ...
Mi dissero "un buon giornalista oggi è quello che fa vendere più copie all'azienda" (e qualcuno le notizie angloamericane le ha provocate (nel senso di generare), qualcun altro le ha italianemnte (nel senso creativamente) inventate.
Tanto non si paga mai dazio, si stempera, si confonde/dubita, si dimentica.
E la TV? Non è mai diventata interattiva (perchè?), neanche con l'avvento del digitale terrestre, ne brilla per trasparenza e contenuto.
Bisogna raccogliere più pubblicità e allora si aprano le gabbie e via

Gianluca Tonellotto 10.05.12 14:59| 
 |Rispondi al commento

Caro Beppe,
da sessantatreenne già da tempo convinto della validità delle proposte portate avanti dal Movimento 5stelle ti devo confessare in tutta sincerità che a mio modesto parere stai sbagliando sia nel metodo che nella sostanza.
Nel metodo perchè con la tua dichiarazione "imperativa" e pubblica non fai che alimentare la campagna di cattiva informazione che ti dipoinge come padre-padrone.I buoni consigli si possono dare anche riservatamente!
Nella sostanza perchè non ritengo che in questo caso sia giusto parlare di "buoni consigli".
Francamente l'apparizione in TV anche talk show si é tradotta in un ottima performance dei "ragazzi" del Movimento ed é servito a dare finalmente a milioni di italiani,che non frequentano il web,la corretta percezione di cosa significa "Politica" nel senso nobile ed originario del termine.Nel confronto con i soliti politicanti si è colto appieno l'abisso che separa il Movimento 5stelle da quella che tu chiami giustamente " diarrea politica".Personalmente ho avuto un ritorno molto positivo da amici e conoscenti che sinora non avevano avuto modo di conoscere nel dettaglio le proposte politiche del Movimento.
Che poi sia anche condivisibile snobbare alcuni conduttori di talk show che sono servi e quaqquaraquà non autorizza a fare proclami pubblici e a parlare addirittura di "scelte di campo".
Caro Beppe se non segui una linea più riflessiva rischi di farti catalogare tra i "cattivi maestri" come quello descritto in questa massima di Anonimo:
"Un maestro é come un segnale stradale. Ti indica la retta via,ma non ti accompagna. Né ci va"

Roberto D., Messina Commentatore certificato 10.05.12 14:44| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Di Grillo c'é' ne uno, purtroppo. Anche tu Beppe pero' sei stato agevolato partendo dal fatto che hai avuto visibilita' televisiva in primis. Io ti seguo dalla tua prima apparizione in tv e sono poi venuto ai tuoi shows poiche' ti avevo visto e apprezzato prima dal lato comico poi anche e soprattutto per l'informazione libera, di denuncia che hai portato avanti (informazione commista di comicita') con una capacita' comunicativa impareggiabile che ti ha reso unico. Un grande. Geniale. Cio' detto mi sento di dire che se da un lato e' bene fare attenzione alle trappole dei talk show, dall'altro, e' scontato che chi non mostra non vende. Che entrare in parlamento significhera' anche presentarsi e rispondere ai giornalisti. Ad oggi purtroppo la tv in Italia detiene il piu' alto potenziale di rapida divulgazione. E la rapidita', visto il periodo e' essenziale. Tra non molto inizieranno le campagne elettorali. Per questo credo che scelti con attenzione alcuni rappresentati del moVimento, e delineate le linee chiave programmatiche del moVimento a livello nazionale, "alcune" apparizioni e confronti televisivi selezionati non solo non nuociano ma aiutino ad aumentare i consensi e i voti. Certo e' che andrebbero scelti i rappresentanti piu' preparati politicamente, culturalmente e abili (in senso buono) nella comunicazione. Di sicuro farebbe comodo un Grillo, un Gian Antonio Stella, un Gomez, ecc. ma tra gli esponenti del moVimento che ho avuto modo di ascoltare, ne ho visti alcuni, che a mio avviso sarebbero gia' ora, o in poco tempo, in grado di fare una figura dignitosa e driblare le trappole mediatiche. Senza nulla togliere ai tanti, per fare qualche esempio, sono rimasto colpito da Federica Salsi, Davide Bono, Riccardo Nuti e altri. Non saprei, probabilmente Grillo ha ragione, ma quanto mi piacerebbe vedere un confronto televisivo dove alcuni di questi vecchi beceri falsi politicanti venissero, in contraddittorio, pubblicamente azzittiti una volta per tutte!

Don Diego de la Vega Commentatore certificato 10.05.12 14:42| 
 |Rispondi al commento

E se invece .....
Confronto diretto con i cittadini via radio.
Due numeri verdi per favorire anche la discussione tra i cittadini stessi (e dar respiro a chi deve rispondere)
Un giorno a Verona (ovvio l'idea è mia eheheh), il giorno successivo in un'altra città dove il Movimento è riuscito a mettere un cittadino tra i politici e avanti fino a coprire tutte le città dove c'è una rappresentanza eletta, poi si ricomincia.
Si eviterebbero i salotti infami della TV dimostrando di non aver paura a dialogare direttamente con i cittadini e dove l'unico filtro è dato dalla durata stabilita per l'intervento. I prezzolati ci farebbero magre figure spesso scontrandosi con il secondo interlocutore senza nemmeno l'intervento del candidato eletto, i costi sarebbero abbastanza contenuti, gli ascolti sicuramente più alti della TV almeno al secondo passaggio .... il primo dipende molto dalla pubblicità che riusciremo a fare. E' un'idea, forse stupida forse no ma qualcuno in gamba che sa valutarne la possibile efficacia di sicuro tra noi c'è.

rodolfo 10.05.12 14:41| 
 |Rispondi al commento

DEMOCRAZIA = UNO VALE UNO

ne siamo proprio sicuri?

questo bel concetto presuppone che tutti i partecipanti, oltre ad avere capacità equivalenti (ovviamente opinabile), abbiamo le stesse informazioni (molto più facilmente controllabile).

In altri termini: fra la base di un movimento ed un leader c'è sicuramente una forte "asimmetria informativa". Beppe "sa" cos'è la TV, ne conosce il funzionamento intimo e se dice di starne fuori lo dobbiamo ascoltare.

Il M5S è fatto da molti, ma illuminato da uno. Se vogliamo farlo crescere dovremmo cercare di riflettere la sua "luce" e non cercare di fargli ombra.

BELIN CHE SLINGUAZZATA!

No, non è una slinguazzata: è solo la consapevolezza che una testa d'ariete (riccioluta ...) può buttare giù il sistema a patto che sia sospinta da tutti "noi".

Diego Cimarosa, Bologna Commentatore certificato 10.05.12 14:33| 
 |Rispondi al commento

Sono un elettore orfano dell'area laico/socialista e obtorto collo ho votato per il centro sinistra fino a qualche tempo fa fino ad ingrossare le file del non voto. Ho sempre visto con grande diffidenza il Vostro movimento per le modalità di comunicazione di Grillo. Oggi finalmente ho avuto modo, grazie alla presenza sui media dei candidati del Mov5s, di vedere una forza tranquilla, propositiva, fatta da gente che non utilizza la paura per fare facile colpo (come la lega), composta da persone colte e giovani. Per la prima volta ho preso in seria considerazione di votare per il movimento alle prossime politcihe. Grillo su questo dovrebbe ragionare. fa bene a continuare a "tirare" la volata ai suoi ma lasciare anche che i suoi si facciano conoscere ai più. seguirò maggiormente le iniziative sul territorio.

PIERLUIGI LASALA 10.05.12 14:26| 
 |Rispondi al commento

Le scelte più ragionate "dovrebbero" orientare l'elettore. Serve pertanto spazio di discussione per approfondire, e la politica "dovrebbe" essere fatta di questo.
Le regole dell'attuale TV hanno stravolto questo, a favore della pancia degli elettori. Chi "appare" in grado di intercettarla, vince.
Mischiandosi con chi non ci riesce più, si perde.
In democrazia poi, chiunque ha il diritto di far perdere il proprio movimento o partito.

mariano t. Commentatore certificato 10.05.12 14:15| 
 |Rispondi al commento

Ragazzi, posso chiamarvi così dal'alto dei miei 65 anni, anche se qualcuno di voi supera i trent'anni. Mi sono convinto anch'io della necessità impellente di fare pulizia approfondita. Voi sarete il futuro di questa nazione derelitta, ma attenzione non lasciatevi trascinare sul loro campo dove si svolge una partita impari fatta da professionisti contro dilettanti e dove gli arbitri sono tutti favorevoli ai primi. Anche se l'entusiasmo è tanto e la voglia di arrivare subito nel cambiare in meglio questa società, bisogna usare l'intelligenza e la scaltrezza. La dimostrazione è data dal fatto che: primo, squadra e strategia vincente non si cambia. L'appello di Beppe, anche se detto in maniera brusca è giusto, perchè dalla discussione in corso si evidenzia le divergenti prese di posizione. Alcuni addirittura si dichiarano in contrasto con lui. Questo non vi sembra un successo di chi ha voluto i componenti del M5S ai talk show. Perciò non cadiamo nelle loro trappole. Al massimo fate dichiarazioni in tv, ma senza dare loro la possibilità di dimostrare quanto sono bravi sofisti e di fare il loro mestiere di politicanti.

Alberto Carnevali, cassola Commentatore certificato 10.05.12 14:05| 
 |Rispondi al commento

Salve a tutti, mi permetto di portare un piccolo contributo alla discussione.
A novembre in occasione dello swicth-off con il digitale terrestre mia moglie ed io (soprattutto lei, io ero un pò titubante) abbiamo deciso che la Tv doveva rimanere in casa solo come soprammobile o per guardare DVD. All'inzio la Tv mi mancava ma ora sono contento di questa scelta, anche e soprattutto per il bene del nostro bimbo. Altrettanto non hanno fatto i miei genitori; quando prima delle elezioni di domenica e lunedì ho detto alla mia Mamma (che ha 71 anni) che avrei votato per il M5S, mi ha detto: "No Grillo, no...non lo voterò mai" A nulla è valso quello che le ho spiegato del movimento, non è andata a votare e come lei ben il 40% degli aventi diritto (per inciso qui a La Spezia gli astenuti sono stati circa il 44%).
Ieri mi chiama e mi dice: "sai ho visto a Ballarò il candidato per il M5S di Genova....mi ha fatto un'ottima impressione, mi sembrano tutti ragazzi puliti e con una gran passione. Il programma del Movimento è il più bello che abbia mai letto!!"
A mio giudizio le prossime elezioni si vinceranno anche e soprattutto "portando" alle urne quel 40% di Italiani che non ha votato.
La TV è un mezzo aberrante, per non parlare della pessima stampa che abbiamo, ma purtroppo la maggior parte delle persone guarda la TV e legge (in realtà pochi) la pessima stampa.

Mario Rajola, La Spezia Commentatore certificato 10.05.12 13:57| 
 |Rispondi al commento

RISCHIOSISSIMO e controproducente sarebbe a mio avviso partecipare ai talk show dove i personaggi più scafati e con un pelo sullo stomaco da far rabbrividire si DIVOREREBBERO i rappresentanti del M5S con eloqui e mistificazioni di cui son maestri. Un esempio? Ricordate l'"uscita" della sig.a MORATTI nel confronto con il prof. PISAPIA alla vigilia delle elezioni del sindaco di Milano?

Paolo Schillaci 10.05.12 13:43| 
 |Rispondi al commento

la piazza...e la gente....! Questo è il nostro posto, se le televisioni ci vogliono riprendere che vengano pure anche loro in piazza......saranno sempre ben accolte!

claudio pettenello 10.05.12 13:42| 
 |Rispondi al commento

segue

per chi non mio crede che la propaganda di regime maschera le domande e risposte
vi chiederei di fare un esperimento
se avete una camrecorder
filmate un a persona per piu di tre minuti(un lasso di tempo )
e rivedrete il filmato
il vostro filmato la persona ripresa non avra ...."scatti"
adesso guardate un intervista all tg

NOTERETE CHE IL FILMATO SONO PRESENTI MOLTI SCATTI
SONO DEI TAGLI CHE NORMALMENTE SI FANNO PER MOTIVI ESTETICI O PER ERRORI ....
ma dato che siamo in italia anche per modificare una risposta per farla combaciare ad una domanda ...... ndr

stefano b., rovato Commentatore certificato 10.05.12 13:41| 
 |Rispondi al commento

io faccio parte del 40% che non ha votato
(e prima che qualche moralista si faccia sentire dico subito)
avrei dovuto scegliere tra lega e pd....
SE NON POSSO SCEGLIERE NON SCELGO NEMMENO

sarei in primis favorevole all confronto mediatico in televisione
LO SAREI SE NON FOSSSIMO IN ITALIA.....
molti di noi usano il computer anche per qualcosa daltro che per internet
per fotoelettronica...
per fare copiare i film...
ma anche per fare i video.....
e quest ultimi vi potranno confermarmi che da un video ...si puo tagliare ....copia... incolla ,,,
FAR COMBACIARE UNA RISPOSTA DOPO UNA DOMANDA....
CANCELLARE LA PRIMA DOMANDA E ...SOSTITUIRLA CON UN ALTRA......
in modo di fare credere che...

io proporrei che i comizi e interviste siano fatti
SI MA IN RETE E IN.... DIRETTA
CHE TUTTI POSSANO ANCHE RISPONDERE IN DIRETTA----
anche il piu piccolo di noi possa dire la sua
e magari possa mandare a fan.... in diretta
in questi giorni poi i giornalisti del potere sono scatenati e non perdono tempo a denigrare il cattivone...
in questi giorni addirittura attraverso il blob abbiamo dei attivisti della casta che ci vengono a mettere zizzania nel nostro orticello....li riconoscete subito...parlano di beppe come il leader del partito (come se si fosse candidato)
alle elezioni---
e dal modo di parlare si capisce subito che non conoscono nemmeno il programma

stefano b., rovato Commentatore certificato 10.05.12 13:36| 
 |Rispondi al commento

Ad essere sincero sono contento di ver visto Putti intervistato da la7 e devo dire che a mio avviso non ha fatto assolutamente brutta figura, si e' intravista proprio quell'onesta' che tutti andiamo cercando da 30 anni.
Detto questo ammetto di non essere favolevole ai dibattiti televisivi per 2 motivi.
Il primo riguarda proprio il fatto che il movimento e' nato sulla rete, da questa trae tutto quello di cui ha bisogno e non serve altro.8La media raggiunta lo dimostra ampiamente) Non deve assolutamente immischiarsi con la stessa gente che tacciamo di disonesta' quali politici e giornalisti, queste categorie sono proprio la classe di gente che noi combattiamo e quindi dobbiamo starne alla larga.
Il secondo, come gia' detto da tutti, riguarda il fatto che questa gente,che ci invita ai dibattiti televisivi, e' scaltra, maliziosa, ingannatrice,malandrina e malfattrice e capacissima di mentire spudoratamente di fronte alle telecamere. E' brutta gente e dobbiamo evitarla per non rischiare che ci vengano attribuite cose che non ci appartengono e dalle quali facciamo fatica a difenderci proprio per l'inesperienza, l'ingenuita', l'onesta' e la buona fede dei nostri candidati.
Ragazzi, andiamo avanti cosi' come abbiamo fatto fino adesso che tra 1 anno siamo in parlamento.

Massimiliano Piazzi 10.05.12 13:31| 
 |Rispondi al commento

Pero' anche NON partecipare e' una scelta di campo.
Perche' esiste ahime' ancora un sacco di geneteche con la Rete non ci si trova, e che quindi si informa solo attraverso la televisione, al piu' i giornali. Fidatevi, io sto girando le scuole superiori per lavoro, avete idea di quanti insegnanti delle materie "a righe" sanno a malapena accendere il PC e gia' a scrivere un file di testo sono a disagio?
Se noi non ci andiamo mai, in TV, questa gente non avra' la possibilita' di toccare con mano la differenza tra i consiglieri a 5 stelle, le loro facce pulite, il loro linguaggio semplice e comprensibile, il loro programma lineare e di buonsenso, il loro senso della democrazia e delle istituzioni, e l'arroganza, il politichese, la vuotezza degli altri.
Che paura dobbiamo avere? Perche' non dovremmo fidarci di chi andrebbe in TV? Finora quei pochi che ho visto io hanno fatto tutti un'ottima fugura, me ne ricordo uno che diede implicitamente del ladro al Cirino Pomicino seduto accanto e mi fece scompisciare dal ridere.

Cosi' finisce che si vedono solo pezzi dei comizi di Grillo, che, perdonatemi la franchezza, non per tutti e' convincente; perche' l'invettiva non e' l'unico messaggio che la gente vuole sentire.

Se ne puo' ragionare, direi.

Anna M. Commentatore certificato 10.05.12 13:27| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Non ho votato attori in cerca di palcoscenico. Grillo dice NO e Grillo dice bene. Le nostre intenzioni sono oneste ma altrettanto onestamente nessuno di noi per quanto scaltro ha uno staff miliardario alle spalle pagato con l'unico scopo di trovare il modo per spiazzare l'avversario. La forza sono le idee, le idee non hanno bisogno di TV passano dalla bocca dei cittadini, ogni cittadino è il nostro spot. Non compromettiamo il risultato volendo andare a giocare con chi è baro di professione. Il risultato è la vita degli Italiani, non sono cose da mettere a rischio. Nemmeno Grillo, pur potendo contare sulla comicità per togliersi dall'imbarazzo, potrebbe confrontarsi con tali professionisti della calunnia, oltretutto giocando su un terreno che è tutto tranne che imparziale. Un esempio? guardate come attaccano il Movimento quanto riescono a scrivere ed inventare non tanto sulle idee ma solo su una precauzione che Grillo ha messo in atto .... niente TV ... ancora un pò e basta questo per dire che abbiamo bisogno del Berlosca liberale ... dai ragazzi su, chiunque insista su questo punto fregandosene di quello che sta avvenendo non lavora per il Movimento ma per la sua faccia in TV.

rodolfo 10.05.12 13:17| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe

Dissento dal merito e dal metodo con cui hai affrontato la problematica delle apparizioni televisive da parte degli esponenti di M5S.

Trovo anacronistica la tv, cosiccome chi la guarda, e sono convinto che si "pescano" ben pochi voti. D'altra parte è mia convinzione che riappropiarsi delle istituzioni significhi anche riappropiarsi della televisione pubblica o degli spazi che nelle televisioni private offrono un servizio pubblico.

Non è inoltre corretto, nello spirito del moVimento, che tu entri in merito a queste questioni, perdipiù con così tanta violenza. "E' una scelta di campo"??? Hai utilizzato una delle frasi introdotte da B. quando scese in politica. Infelice come strategia di comunicazione. Quasi ossimorica e paradossale detta da te! E fa perdere credibilità al moVimento se il cosiddetto "megafono" si ribella dispoticamente a ciò che le proprie voci dicono. Avresti dovuto semplicemente dissentire, ma con garbo, con un post più pacato. Più DEMOCRATICO.

Inoltre ora che il MoVimento è un'entità politica riconosciuta da tutti (anche dai partiti che infatti ora dicono di NON NOTARE il boom e che prima NON notavano il M5S), sarebbe meglio lasciare più spazio di comunicazione a quei candidati che sono stati scelti dai propri concittadini per rappresentarli, e che lottano per ripristinare una democrazia VERA in questo Paese.

Perchè la DEMOCRAZIA è lo spirito guida del M5S, e anche se tu l'hai fondato, questa volta mi sembra che non ne abbia tenuto conto. Ed è grave.
E ti ricordo che questo non è il tuo partito. E tu non hai diritto di lanciare diktat.

Detto questo, faccio appello al tuo spirito democratico, sperando che abbia letto questo post sapendo che chi lo scrive crede nella tua onestà e nel tuo senso civico, che finora ha fatto tanto per il Paese; e che alla luce del mio e dei commenti degli altri, decida di rettificare quanto detto, recuperando lo spirito democratico a cui tanto siamo cari.

Grazie dell'attenzione.

Tobia De Angelis

Tobia De Angelis 10.05.12 13:13| 
 |Rispondi al commento

Siamo arrivati fino qua col web e pensate a quanti voti mancano all' appello dalla gente che non ha votato (boooom)
Ovunque ti giri sul web vedi solo parlare di M5S; youtube, facebook, twitter, bloggers, su qualsiasi testata giornalistica, non si parla d'altro: M5S, e i commenti sono sempre gli stessi, fanculo alla politica e w il M5S.
Non mi aspetto che chi ha tutto il giorno la tv accesa su retequattro, grandi fratelli, isole dei morbosi, calcio, sia interessato.
Come qualcuno ha gia detto, se tu parli con un cretino, l'italiano medio vede 2 cretini parlare. Lasciate perdere la tv.

Come ho gia detto, sfruttate le radio ed i giornali locali, che vanno nel territorio in maniera capillare, ed informate la gente di quello che fate.

Marco M5☆ Commentatore certificato 10.05.12 13:09| 
 |Rispondi al commento

Cioè fatemi capire...
1)Il movimento ha fatto l'exploit perché non era in televisione.
2)Magicamente gli italiani, popolo in larga parte di "non giovani", smetteranno di seguire le televisioni e si informeranno in rete sulle proposte del movimento.
3)Il movimento non accetta personalismi, a parte quello del fondatore.
4)Chiunque in futuro andrà in tv lo farà senza la benedizione del non-leader e a suo rischio e pericolo (sa tanta di editto bulgaro...).

Cari iscritti al movimento e caro Beppe, io continuo a credere nel movimento, ma nn mi riconosco in queste manie di grandezza post-voto.
Il movimento ha fatto l'exploit PERCHE' NON HA LEGAMI COI PARTITI. Quale è il problema ad andare in tv? Io ho guardato Rapporto Carelli in cui è intervenuto Pizzarone ed è stato FANTASTICO! Sì è vero: era emozionato, non riusciva a stare fermo, magari nn riusciva ad esprimere perfettamente i propri concetti, ma PROPRIO QUESTA E' LA FORZA DIROMPENTE del movimento! Gente NORMALE, non abituata alla tv!
Ovvio, programmi alla "Porta a Porta" sarebbero difficoltosi da affrontare... beh, volete mettere alzarsi dalla poltroncina bianca sbattendo la porta tacciando Vespa di essere di parte? In diretta?!!
La tv è il passo successivo, la tv raggiunge tutti, internet soprattutto i giovani. E se davvero vorremo avere i numeri per cambiare l'italia non basteranno i voti dei giovani! Non andare ai dibattiti sarebbe come arroccarsi nel proprio castello per paura del dibattito. Mandate gente preparata in tv, saranno i partiti a smettere di frequentare la tv per paura delle figure barbine che farebbero!!


Luca Mibelli 10.05.12 12:56| 
 |Rispondi al commento
Discussione

andando in tv diventate parte di un contenitore supportato da pubblicità e canone rai....diretto da partiti e pagliacci vari ....date alla tv la possibilità di poter dire che sono democratici mentre la tv non lo può essere per sue caratteristiche intrinseche....ma veramente volete andare a parlare in mezzo a reclam della mc panino e banche varie ...per citare i primi che mi vengono in mente...

mario b. 10.05.12 12:49| 
 |Rispondi al commento

Mi dispiace ma stavolta non sono d'accordo con il tuo pensiero. Ho visto la trasmissione Ballarò e sono stata fiera e contenta che finalmente un esponente del candidato M5S, Paolo Putti, si sia fatto vedere a milioni di cittadini che non hanno il PC in casa. Mi è piaciuto il suo intervento, come si è posto, quello che ha detto.. Di questo abbiamo bisogno, anche della visibilità di chi appartiene a questa nuova Politica. Hai mai pensato a quanti anziani non sanno dell'esistenza di questo Movimento perchè non hanno il pc in casa? No Grillo, la TV è importante come è importante internet

OMBRETTA U. Commentatore certificato 10.05.12 12:28| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Questo giornalismo è morto e sepolto, grazie alla rete.
Montanelli diceva che con il giornale il giorno dopo ci puoi incartare il pesce.
Ai piu giovani, volete sapere cos'è il Vajont, bene, basta un click su google, non troverete mai nessuno che ne parli in tv.
Questa classe di giornalisti a cui andate a prestare il fianco non ha fatto altro che raccontare il niente per anni.
Dove sono stati in questi anni in cui il paese andava a picco e la politica rubava?

Ogni tanto esce una Gabanelli, per fortuna.

Marco M5☆ Commentatore certificato 10.05.12 12:18| 
 |Rispondi al commento

al movimento serve un portavoce ufficiale da mandare in tv che ribadisca che non esiste un portavoce ufficiale.
e comunque sappia spiegare le ragioni di evitare la creazione nel movimento di un leader...
grillo o casaleggio non date sponda a chi vi definisce dei leader...
solo l'individualismo può distruggere il movimento

dario asplanato 10.05.12 12:17| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Ma poi scusate, perchè a rispondere in tv a domande sul programma del 5 stelle su argomenti tipo articolo 18, pensioni, eccetera, devondo andarci persone che si candidano a fare il consigliere comunale oppure il sindaco di un comune?
Mica il 5 stelle ha vinto le elezioni politiche e questi devono fare i ministri.
Questi pennivendoli mi fanno ogni giorno piu schifo.
Spazziamo via i ladri con la loro corte di saltimbanchi.

Marco M5☆ Commentatore certificato 10.05.12 12:03| 
 |Rispondi al commento
Discussione

In gioco c'è molto di più di una figuraccia televisiva... le linee guida a livello nazionale del movimento non sono ancora del tutto definite su tutti i fronti. Politici e giornalisti ben conoscono il programma M5S e conoscono altrettanto bene i "buchi" che in tal programma inevitabilmente ci sono. "Buchi" che per ora non è stato necessario coprire per candidarsi ai comuni. "Buchi" che diverrebbero "brecce" alla mercé dei ciarlatani che da anni vendono le loro patacche di programmi scialbi (riuscendoci tra l'altro benissimo visto la longevità politica di certi personaggi), ma confezionati appositamente per le televendite dei talkshow. Apparire seri e motivati in tv non significa esserlo anzi, spesso risultano agli occhi dei telespettatori onesti e rispettosi dei diritti proprio coloro che rubano e calpestano la democrazia... ma avete già dimenticato il ventennio trascorso? Sarebbe imperdonabile se, per una dilagante smania televisiva, di desse appiglio al sistema per eliminare (in forma mediatica) Grillo: allora il M5S non avrebbe più voce e nessuno inviterebbe i sopravvissuti in tv... sarebbe la fine del movimento. Grillo non è il movimento, ma per ora è la sua voce. Senza di lui si tornerebbe nel girone dei dannati, punzecchiati dai forconi dei politici e stretti tra le fiamme di una falsa democrazia e un'informazione storpia. Attenti! Teniamoci stretti Grillo... senza la sua voce nessuno del M5S avrebbe raggiunto alcun risultato. I buoni propositi vanno a farsi benedire nel momento in cui nessuno li ascoltasse...

Archadia Nera Commentatore certificato 10.05.12 11:23| 
 |Rispondi al commento

secondo me se la cavano benissimo anche in tv contro le salme.. e inoltre la gente che non ha ancora confidenza con internet ha la possibilità di conoscerci

michele prezioso, valenzano bari Commentatore certificato 10.05.12 10:28| 
 |Rispondi al commento

Invitateli a dibattiti e confronti aperti in rete (cosa che si guardano bene dal fare mai) il leccaculo Vespa se vuole può fare da moderatore se ci riesce.

manuel belli 10.05.12 10:24| 
 |Rispondi al commento


grillo fa bene a non essere preso per il collo da queste tv. dove i giornalisti fanno interventi a loro convenienza,
per tanto a noi del popolo piace che scende nelle piazze dove dice le cose come stanno veramente. forza m.5 s.

fernando reina 10.05.12 10:07| 
 |Rispondi al commento

TV sì .. TV no ..

quanti oggi e ieri a criticare la TV dei SOLITI NOTI .. serva del POTERE e prona ai POTENTI .. fatta da PENNIVENDOLI e REGGIMICROFONO sponsorizzati .. poi .. come di botto .. BOOM .. presi i voti .. a correre davanti ai microfoni e telecamere come NAVIGATI POLLitici (pur senza esserlo) .. con il risultato di fare figure meschine quando non vere e proprie .. TAFAZZIANE (che ricordano TANTO quelle degli esponenti PDmenoL) .. e se Grillo ( ma NON SOLO) ricorda LORO da DOVE vengono e COME sono usi comunicare con il popolo del M5S .. eccoli che si ingrugniscono (come dei castelli/mastella/caselli/casini .. qualunque) e se la prendono con la "mancanza" di democrazia nel M5S .. UNO vale UNO .. ma Beppe vale 1+ .. Grillo dittatore fascista (komunista) .. autarchico e manicheo .. la critica dei commentatori del MoVimento (ma saranno TUTTI elettori del M5S????) che NON vedono l'ora un dì di poter andare in TV .. il sogno di UNA VITA (per MOLTI di LORO) .. !! Ordunque .. se il M5S e Beppe Grillo NON vi stanno BENE .. perchè NON provare ALTRE STRADE .. altre VIE .. magari nei partiti tradizionali (tradizionali???? TRADITORI del MANDATO forse è più indicato) .. o magari la De Filippi o X-factor .. lì la TV è garantita .. lo SHOW è la BASE del LORO programma .. il M5S è ALTRO .. fatevene una RAGIONE se NON riuscite a COMPRENDERLO con le vostre sole forze ..

Marco B. 10.05.12 10:07| 
 |Rispondi al commento

Andare in Tv significa mischiarsi nel tritacarne produttore di veline, letteronze e puttanonze. La tv e i mass media in generale, hanno prodotto la classe politica attuale ladra e corrotta. Beppe Grillo ha capito tutto in anticipo e ha iniziato a combattere i politicanti, percorrendo una strada laterale e cioè quella del web. I vari giornali presenti sul mercato, sono dei politici. Idem le televisioni. E' mai possibile che questo agli aderenti al M5S non sia stato spiegato? Dobbiamo per caso votare per degli sprovveduti? Il voto di zia Maria che guarda il tg5 è davvero così importante? Magari la zia Maria non si reca neppure ai seggi. Ricordatevi che se si è arrivati a questo punto, lo si deve alla tenacia di Grillo. Non fate i giochini della politica normale perchè altrimenti è finita prima di iniziare.

giuseppe i., reggio emilia Commentatore certificato 10.05.12 09:53| 
 |Rispondi al commento

Dai Grillo, vogliono leccare un culo... e dai Grillo, sacrificati! :-D
Senza leccar culi come fanno?
Le "legnate politiche" le prendono i loro referenti e loro ne soffrono le pene del inferno.
Sbattiamoli oltre confine che sono decenni che vivono di finanziamenti pubblici.

Grillo spacca tutto! :-)

ammu nit Commentatore certificato 10.05.12 09:48| 
 |Rispondi al commento

sono pianemente daccordo,tutti quei dibattiti con finte litigate tra mummie sono patetici, siamo stufi di parole vogliamo vedere qualcosa di concreto. Ciao movimento!!!!!!!!!!

GIan Paolo Rognoni, Pavia Commentatore certificato 10.05.12 09:47| 
 |Rispondi al commento

Ci siamo fidati di lui ed ecco il nostro risultato: al momento terza forza politica del paese! Ci ha chiesto di non andare in TV e non capisco perché non fidarsi del suo consiglio! Mi hanno sempre detto che il cattolico non praticante non esiste, perchè per essere cattolico devi praticare...e allora non esiste un grillino che non porti avanti le direttive del movimento! Armando

Alfonso I., Campagna Commentatore certificato 10.05.12 09:16| 
 |Rispondi al commento
Discussione

pensatela come volete, ma io ho sentito tanta gente che dopo l'apparizione dei candidati 5 stelle a Ballarò e a Otto e mezzo, hanno capito che non siamo dei quaquaraquà, ma gente nuova con idee nuove, i diktat da PCI lasciamoli ad altri

maurilio tagini 10.05.12 09:03| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Caro Grillo,

ci hanno votati anche quelli (anziani per esempio) che su Internet non ci sanno andare e che probabilmente hanno visto Giovanni Favia o Andrea De Franceschi o Davide Bono in TV!!!
Guradati un po' meglio come se la sono cavata e come si sono stagliati in mezzo agli altri.
Hanno convinto tanta gente che il M5S non e' soltanto Grillo (sebbene non ci sia niente di deplorevole in Grillo leader e portavoce del M5S).

Grillo ti voglio bene ma devi cominciare ad ascoltare le critiche degli amici ed essere meno manicheo.


salvatore rizzo 10.05.12 08:30| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Ha ragione Beppe, quando la politica era una cosa seria anni 60 con tutti gli errori delle ideologie del passato, ma comunque con la sincerità delle persone in cui credevano ad esse, non si sarebbero mai e poi mai sognati di fare un dibattito come quello che avviene oggi in televisione, infatti allora c'erano spazi appositi con un moderatore, in realtà oggi si va in televisione solo ed esclusivamente ad uso personale del politico di turno o a difesa preparata dei loro leader, in un duello che il più delle volte è preordinato.Quindi chi va per esprimere stati d'animo o concetti etici e non si limita ad un elenco di dati senza contradditorio si espone ad un'onda di parole e fatti il più delle volte falsati o inesatti a cui non riesce a rispondere nel breve tempo a disposizione e inevitabilmente viene omologato agli altri politici in un minestrone mediatico fatto il più delle volte di dossieraggio preventivo.

Ciao

ermanno de bernardi 10.05.12 08:27| 
 |Rispondi al commento

Certamente fa piacere vedere in tv qualcuno del movimento.Però come dice Beppe Grillo, ci sono
individui politici del passato che nella loro innata natura di spargimerda , nonchè di conduttori prezzolati che cercano di creare il dissidio per aumentare l'ascolto. Tra l'altro mezz'ora parla a vanvera un politico di del passato e 2 minuti quello del movimento(interrotto ogni momento ). Credo che l'unica cosa
da fare è farsi intervistare da soli, senza che ci
siano queste persone corrotte.

salvatore ., palermo Commentatore certificato 10.05.12 08:18| 
 |Rispondi al commento

Questi sono due fatti che ho già scritto da tempo sul mio blog www.davidevignati.bloog.it.
La cecità delle istituzioni nei confronti del M5S come forza Democratica che grazie a Grillo è riuscita a raccogliere il malcontento popolare evitando che si estremizzasse è un dato di fatto che andrebbe sottolineato in specie da Napolitano al posto di fare battute puerili.
Che poi i ragazzi potrebbero non essere ancora pronti ad affrontare le arene mediatiche televisive è pure vero,se anche quei pochi che ho sentito si sanno difendere bene,ma come dice Beppe non li hanno voluti prima ignorando e offuscando il movimento in tutti modi ora cadere nei meandri delle falsità mediatiche e di parte di questo paese non mi sembra il caso,almeno per ora,tanto più che l'imparzialità della rete e la libertà di contraddizione secondo me è più libera e meno costruita se anche stanno tentando in tutti modi di offuscarla.
Comunque noi ci dobbiamo confrontare sul territori e continuare a costruire una basa sempre più solida con tutte le persone "oneste e dignitose"che credono in una vera democrazia.

1 Davide 1 Vignati, Merlino Commentatore certificato 10.05.12 08:05| 
 |Rispondi al commento
Discussione

E' difficile adesso che si diventa più' visibili sottrarsi dalla tentazione di andare in TV. Di sicuro la TV e' il mezzo di informazione principale, ma credo sia bene tenere presente che il Movimento non e' nato in TV. Quindi mi sembra più' coerente lavorare dal di fuori invece che rimanerne coinvolti. Io sono solo un simpatizzante del Movimento, e ritengo che il successo del Movimento sia da attribuirsi al lavoro in rete, in piazza e tra la gente. Dubito che si sarebbe raggiunto tale successo altrimenti, soprattutto confrontandosi con persone che con la televisione ci mangiano da decenni e hanno alle spalle esperti di comunicazione e marketing che fanno invidia alla Nord Corea. Non so se Pasolini e il suo rapporto con la televisione sia stato citato già' nel post. Invito tutti a dargli un'occhiata. Ci tengo a precisare che non sono ne' di sinistra e ne' di destra, ma una persona che ritiene importante il contributo intellettuale di personaggi quali Pasolini.

http://www.filosofico.net/Antologia_file/AntologiaP/Pasolini_01.htm

Per quanto riguarda il diktat di Beppe, si, e' tale da suscitare critica. Capisco benissimo le ragioni che ha Beppe, allo stesso tempo, forse avrebbe potuto scegliere le sue parole in maniera diversa, anche a scapito di essere diretto, come e' stato. Proprio per non dare adito ad altri di accusare la comunità' che costituisce il Movimento di essere manovrati.
Leggevo anche di chi invitava a evitare linguaggio troppo colorito nei commenti. Mi sembra che sia una buona idea. Il Movimento ha acquistato visibilità', il linguaggio usato sul blog e' fondamentale per acquisire consensi tra persone indecise, dubbiose. Se il Vaffa$$@!o e' stato sdoganato, mi sembra che non sia necessario sdoganare tutto il repertorio di turpiloqui possibili.
Le idee, il progetto e voi stessi siete la forza del Movimento. Continuate su questa strada, sono sicuro che in molti vi seguiranno.

Tommaso Fittipaldi 10.05.12 06:48| 
 |Rispondi al commento

In Tv non si deve andare, è un'arena per puttanieri di lungo corso, non vogliono migliorare la società, ma solo farsi gli affari loro. STATE LONTANI DALLA TV!!!

Per quanto riguarda l'educazione nel blog, ho letto che c'è chi vorrebbe commenti più educati, è vero, a volte anche io mi lascio andare, ma la vita quotidiana fa così schifo, che il blog è anche un posto per sfogarsi un po'. Chi viene sul blog e gli dà fastidio qualche parolaccia, si guardi Porta a Porta, là sono educatissimi.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 10.05.12 02:31| 
 |Rispondi al commento

c e un video nel quale Mario Adinolfi fa delle considerazioni interessantisime. Io credo nel M5S e spero che il tanto discusso portale venga proposto al piu presto. Sono d accordo con grillo il M5S e un salto nel buio.se questo suo progetto riuscira, la democrazia diretta compiuta, sara una delle piu grandi rivoluzione della storia. felice di farne parte. http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-50e6bace-6b81-461d-b205-39ee7144e544.html

franco dorinzi, edinburgh Commentatore certificato 10.05.12 01:28| 
 |Rispondi al commento

Ragazzi, ho letto commenti come "giornalisti = merda", "giornalisti sono cani al guinzaglio" etc. Vi ricordo che al momento abbiamo gli occhi puntati addosso e chiunque puo' studiare il movimento attraverso i commenti che i followers lasciano. Non dovrebbe essere questa l'idea che trasmettiamo, cioe' di essere persone di basso livello. Questa e' dialettica da PDL! Cerchiamo di lasciare commenti costruttivi sul blog in modo tale da non dare alito a polemiche circa il nostro livello...chi usa questi toni fa male al movimento e lo scredita. Se volete la mia sul fatto di presentarsi o meno ai talk show: ASSOLUTAMENTE NO! La TV non puo' e non deve essere il mezzo istituzionalizzato e riconosciuto come spazio ufficiale per parlare ai cittadini (nota bene cosa dice il giornalista nel video : "chi si candida in politica DEVE venire a parlare con i cittadini"). Io non ho mai visto nessuno parlare ai talk show con i cittadini, chi vuole farlo va in piazza! lo fa su Youtube, in rete...chi va ai talk show parla con gli altri partecipanti ed il conduttore, il cittadino e' solo spettatore! L'intneto del talk show e' che il cittadino si faccia un'idea del politico in base a come esso si comporta in TV attraverso atrteggiamenti, modi, risposte, portamento, capacita' espressive, tutte cose che distolgono l'attenzione dai temi veri grazie al filtro dello schermo e della puntata pilotata. Il M5S nn ha bisogno della TV, la TV e' finita, nn dovra' essere il M5S a darle credibilita'. Lasciamo la TV ai fantocci della politica senza attaccare chi in TV cmq ci lavora. Facciamo piuttosto che si parli bene di noi senza dover nemmeno andarci in TV, portiamo i risultati sul territorio con le idee e mettiamole in pratica. Lavorare!

Pierpaolo Azzalin 10.05.12 01:12| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Io penso invece che nelle trasmissioni televisive i candidati del movimento facciano un figurone. Facce pulite, semplici e vive. Di fronte a facce a culo tirate a lucido. Arroganti e arroccate in ottuse sicurezze e da un'ottimismo di facciata molto spesso scollegato al cervello occupato da altri venali interessi. Una cosa; quando viene chiesto ai grillini, con la saccente presunzione del perfetto idiota: Con la vostra inesperienza, come pensate di governare? non sarebbero male risposte del tipo : E' vero, ancora non siamo preparati a fare peggio di voi...

Luciano Settembrini 10.05.12 00:50| 
 |Rispondi al commento

Ho letto e non vedo come dargli torto. Con queste sparate ci si attirano critiche che in questo caso non possono essere definite strumentali.

Gabriele M., PRATO (PO) Commentatore certificato 10.05.12 00:35| 
 |Rispondi al commento

Beppe , ti prego, non essere così categorico,dai delle indicazioni,dei suggerimenti ,continua ad aiutarci come ai fatto fino ad ora.Tu meglio di tutti sai cosa vuol dire stare davanti ad un teleschermo.Secondo me dobbiamo usare tutti i mezzi di comunicazioni disponibili,ed eventalmente rinfacciare ai giornalisti che noi c'eravamo anche prima.Che non siamo noi che temiamo il confronto,sono loro che hanno paura a sentire quello che abbiamo da dire.

Carmelo Saponaro, Torino Commentatore certificato 10.05.12 00:31| 
 |Rispondi al commento
Discussione

oggettivamente ci si poteva aspettare qualche cosa di diverso dopo un post simile?
http://www.enricoberlinguer.it/qualcosadisinistra/2012/05/09/grillo-avverte-i-suoi-nessuno-vada-ai-talk-show-televisivi/

Aramis Amantini Commentatore certificato 10.05.12 00:28| 
 |Rispondi al commento

spesso non mi trovo d'accordo con grillo,ma questa volta ha ragione da vendere,la tv generalista e'ostaggio dei partiti,e i partiti ci detestano,poi questi talk hanno stufato,non si capisce una mazza.

andrea saba 10.05.12 00:27| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Giornalisti= merda

Alberto 10.05.12 00:16| 
 |Rispondi al commento

I giornalisti sono cani al guinzaglio!!! ma com nessuno può arrogarsi il diritto di decidere per gli altri..manco grillo..bisogna discuterne in rete e metterla ai voti mi sembra la cosa più giusta..cosa ne pensate..? idee? Perchè non vengono più consultate le persone sui quesiti mi chiedo..

Richard 10.05.12 00:11| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Giornalisti di merda!!! siete solo dei servi!!!! i peggiori!!!!!

Cittadino 10.05.12 00:07| 
 |Rispondi al commento

é piacevole scoprire che in molti la pensiamo alla stessa maniera.
mi chiedo ma vale la pena sminuire tutto il lavoro che stanno facendo sti ragazzi per il gusto di vedere (quando ci si riesce)il politico di turno cambiare discorso, o sentire come ha detto ieri sera Fassino " anche io vado tra la gente a Torino".
Quando l'ha detto nessuno gli dice e gli può dire non è vero, altrimenti viene fuori la bagarre e addio al dialogo.
Personalmente non sono queste le soddisfazioni che aspettavo, io voglio che le cose cambino veramente.dei politici e delle loro figure di merda televisive non me ne frega niente.

David Diqual, Pisa Commentatore certificato 10.05.12 00:04| 
 |Rispondi al commento

1. Grillo non si puo' arrogare il diritto di Diktat sui membri del movimento perche' lui dice sempre che non è il leader, e se non sei il leader non decidi per gli altri.
Le regole vanno discusse in rete e se il 51% di chi ha discusso è daccordo allora si fa cosi'..

2. andare in TV fa aumentare i voti, non li fa diminuire, stroncare quei partitai e conduttori è una cosa da ragazzi. Infatti Favia ha sempre fatto figuroni ogni volta che è andato in Tv.

3. i miei genitori anziani non sapevano nemmeno che esiste il Movimento, lo hanno visto in TV

4. in Italia solo 36 miloni di persone hanno accesso a internet (la meta') . Il resto si informa con la TV

5. qualsiasi legge di marketing dice che la TV è il mezzo che da piu' visibilità (e' triste ma e' cosi')

6. non andare in tv viene visto come un sottrarsi al confronto e fa perdere credibilità

Se non siete d'accordo su cio' che ho scritto sopra continuate a fare sempre come dice il capo. Zitti e mosca

mario r. Commentatore certificato 10.05.12 00:03| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Gentile BLOG M5S

La mia opinione sul dialogo con altri esponenti politici, e parlo proprio di quelli che hanno creato la gravissima situazione attuale è negativa perche: non c'è, non ne vedo il motivo di dimostrare democrazia o tolleranza imbastendo un dialogo tra imbecilli, perche ripeto, si verrebbe tutti omologati.

Ognuno faccia la sua campagnia elettorale, i suoi comizi, ognuno risponda alle domande che crede nei talk show che vuole, maaa..dov'è l'obbligo per i M5S di confrontarsi con chi dovrebbe STARE AI LAVORI FORZATI.

Guardate che sono in moltissimi, eee.. bisogna anche dialogarci? e dove? A SAN VITTORE? non scherziamo.

Si a conferenze stampa, Si a chiarimenti sui programmi ma NO a chiacchiere e discorsi e discussioni con questa feccia, non si dimostra democrazia accostandosi a certa gente ma stupidità.

Non è obbligo del movimento 5S apparire per forza a tutti, essere simpatici, brave persone, dove sta scritto?.

Questo non vuole dire rifiutare chiunque ma almeno fare una grossa scrematura a costo di sembrare antidemocratici (agli stupidi).

In questo momento poi non si vedono molti giornalisti interlocutori credibili, (a parte -secondo me- Santoro, Travaglio,Sartori, in una intervista senza ospiti indesiderati che abbiamo visto troppe volte).

Non è affatto scappare di fronte al nemico, semplicemente non perdere tempo appresso alle loro stronzate galattiche e trasformare sempre tutto in CACIARA.

Dimostrino questi politicanti che sono ancora
cosi' bravi ai loro elettori, dov'è il problema?
se vincono governeranno ancora questa è DEMOCRAZIA

Franco Restuccia 09.05.12 23:49| 
 |Rispondi al commento

siete andati alla grande in queste ultime amministrative, ma ammetto che anch' io mi aspettavo qualcosa di più.... da questa tornata elettorale evince che il duro lavoro dei ragazzi del movimento 5 stelle ( banchetti, blog ecc..) ha dato i suoi frutti, ma avete pagato la scarsa presenza negli studi televisivi; si sarebbe potuto prende qualche punto in più che invece è andato all' astensione (gli schifati di lega, pdl, margherita ecc..). fin' ora siamo stati (M5S) fortunati per non dire agevolati: la serie di scandali sui rimborsi , nostro cavallo di battaglia, l' incredibile attacco di massa mediatico da parte di tutte le forze politiche del paese che hanno ovviamente innescato una forte simpatia per Beppe Grillo e i suoi "Grillini", l'appoggio a Monti da parte dei 3 partiti di maggioranza che ha decretato l' estinzione dell' UDC PDL e la probabile morte del PD entro le prossime politiche (mi sa che si vota ad agosto altrimenti la vedo dura per loro), ma se volete sperare davvero in un 20% dei consensi alle prossime politiche (e finalmente estinguere l' era dei partiti) mi spiace ma non potete astenervi dal confronto televisivo e cercare di convincere una parte dei disertori delle urne a votare il vostro programma...
Questa ovviamente è solo la mia umile opinione

daniele bologna 09.05.12 23:40| 
 |Rispondi al commento

x Beppe Grillo leggendo le notizie di stampa, nonché televisive, dei giorni scorsi, si evincerebbe che Lei sarebbe contrario alla partecipazione dei candidati del movimento 5 stelle, a tutte le trasmissioni televisive.
Leggendo però il suo trafiletto postato sul suo blog " I talk show: "Partecipare ai talk show fa perdere voti e credibilità non solo ai presenti, ma all’intero Movimento. Nei talk show il dibattito avviene con conduttori di lungo corso e con le mummie solidificate dei partiti" mi verrebbe da pensare che Lei sia contrario, solamente ad una partecipazione nei talk show, dove si assiste a inutili e deprimenti spettacoli e dove, come Lei stesso afferma nel prosieguo del suo post, abili conduttori aizzano gli ospiti fra di loro per fare audience facendo di tutto tranne quello di fornire una corretta informazione.Quindi le domando è rimasto contento che Pizzarotti del Movimento 5 stelle sia andato alla trasmissione "Otto e mezzo" della conduttrice Lilli Gruber, oppure ne è contrariato?
Io ho visto la trasmissione, e mi sembra che il candidato abbia giustamente espresso il suo pensiero, riportando anche alcuni punti del programma del movimento, di cui il pubblico televisivo non ne era a conoscenza.
Secondo il mio parere la trasmissione "Otto e mezzo" è uno dei pochi programmi di informazione serio e corretto e nulla ha, a che vedere con i talk show da spettacolo per le mummie solidificate dei partiti.
Sarebbe bene, pertanto, che Lei chiarisse meglio il suo pensiero. La stampa ed i mass media, per ora, ne approfittano per gettare un ombra antidemocratica sul movimento 5 stelle.
Anche io reputo veramente dannosi gli spettacoli dei talk show.Anzi auspicherei che il governo ne impedisse la partecipazione ai politici eletti, che vengono così distolti dal compito per cui sono stati votati e per cui vengono lautamente pagati.Le forze politiche dovrebbero inviare ai talk Show un portavoce del partito, scelto fra gli iscritti e che non ricopra incarichi pubblici

angelo galli 09.05.12 23:40| 
 |Rispondi al commento
Discussione

io sono un sostenitore del M5S dall'inizio (per ora solo con il voto, forse potrei fare di più). Sono d'accordissimo su aver fissato delle regole precise, semplici e talmente ovvie, per cui o si è dentro o si è fuori dal movimento. Anzi, secondo me, occorrerebbe aggiungerne presto delle altre. Finora ho pensato che il movimento fosse fatto da tutti quelli che ci stanno credendo e che ci stanno mettendo la faccia e il propio impegno. Innegabilmente il movimento è una creatura di Grillo, senza questo blog e senza la rete tutto quello che stiamo vivendo (e spero tutto quello che dovrà ancora arrivare) non sarebbe MAI potuto accadere. Però ultimamente non riesco più a capire se, come lui stesso ha sempre affermato, Grillo conta UNO come tutti gli altri oppure se è lui a decidere e tutti gli altri devono ubbidire tacendo (l'abbiamo già vissuta di recente questa cosa, adesso basta). Anche sul discorso TV, non capisco questa presa di posizione così intransigente. E' evidente che ci sono pseudo-giornalisti che lavorano (e fanno carriera) solo grazie al servilismo verso la politica. Però ci sono anche giornalisti che, secondo me, fanno onestamente il loro mestiere (indipendentemente dall'essere d'accordo o no con quello che pensano). Non è possibile mettere assieme i vari Gomez, Travaglio, Rizzo, Santoro, Ruotolo, Gabbianelli, Floris, Lerner, ecc. con i Fede e i Vespa. E' come dire che tutti i comici, Grillo incluso, sono della forza di Pippo Franco. Anche dire che la TV è solo una mistificazione mentre nella Rete c'è la verità e la democrazia, è una enorme balla: anche su questo blog, il mio intervento verrà letto da due/tre persone e presto verrà dimenticato, mentre le cose che scrive Grillo sono, giustamente, lette da milioni di persone. Se Grillo non vuole andare a perdere tempo nei talk show, ha tutti i diritti di farlo, ma se alcuni rappresentanti del M5S vogliono farlo, affrontando magari un scomodo contradditorio, non vedo il motivo di negarlo.

Pierlorenzo M. Commentatore certificato 09.05.12 23:39| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Beppe ha ragione, dove erano questi famosi conduttori quando Grillo "gridava" nei teatri e diceva la verità su parmalat banche ecc.
troppo bello invitarlo ora nei lo programmi, dovevano farlo prima.
tino

dante c., alessandria Commentatore certificato 09.05.12 23:38| 
 |Rispondi al commento

A me pare che dovreste provare a capire il senso vero delle parole, anziché polemizzare ...
Io ho visto Putti a Ballarò, ha anche detto cose sensate ... ma in contesti del genere, dove quello che argomenti non è importante sia vero, basta dirlo più forte o meglio (basta che ripensiate a tutte le bugie di Silvio ... tantissimi italiani gli hanno creduto PER ANNI!!)... beh, in contesti del genere è meglio davvero non andare. Perché poi il Fassino di turno ti fa passare per "dire e fare le sue stesse cose"... e le persone ci credono ...

Paolo Ferroggiaro 09.05.12 23:38| 
 |Rispondi al commento
Discussione

L'approccio di Grillo, depurandolo dal tono di aut-aut, è razionale e pragmatico.
Oggi parlare in TV è controproducente per la raccolta di voti.
Differenziarsi paga.

Oltretutto per andare in TV bisogna essere formati.
Infatti le aziende mandano a parlare con la stampa solo"spokesperson" selezionate che hanno fatto corsi interni per non cadere nelle "trappole" dei giornalisti o adirittura solo responsabili PR.
Ma essendo il m5s un movimento nato dal basso non ha una struttura e quindi come fa a identificare i portavoce?
E i portavoce o qualunque altro grillino come potrebbe rispondere a domande su temi non esplicitati dal programma?
Aborto, droghe leggere, matrimonio tra gay, suicidio assistito sono solo alcuni temi che spaccano partiti con una lunga storia, figuriamoci movimenti di opinione che accomunano ideali comuni ma radici culturali diverse.

Quindi non rispondere al contraddittorio, non solo paga elettoralmente, ma è una necessità per permettere al movimento di maturare in una organizzazione più strutturata con processi decisionali condivisi e definiti.

DavideC 09.05.12 23:37| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |Rispondi al commento

Bourdieu e Noam Chomsky sulla televisione:

http://www.youtube.com/watch?v=yx5mWcgtVp4

JimmyJoeJimBob ±∑ Commentatore certificato 09.05.12 23:32| 
 |Rispondi al commento

adesso c'è solo una cosa da fare.......mandarli via da ROMA!!!Con tutte le loro cavolo di TV!!!continuiamo a far crescere questo movimento.
BEPPE SEI GRANDE!!!

fabio matrella 09.05.12 23:27| 
 |Rispondi al commento

Basta con queste polemiche, incominciamo a lavorare sul territorio, aiutare i ragazzi eletti e che facciano bene il loro lavoro. Questo sarà il vero investimento che darà un ritorno.
Se le politiche saranno buone avremo un futuro altrimenti avranno ragione i vecchi poteri. Speriamo che non siano solo wi-fi gratuito, che con quello non si mangia.

AB 09.05.12 23:26| 
 |Rispondi al commento

Quando Bagnasco parla male del movimento 5 stelle , w bagnasco , mille commenti negativi sono 1 punto di percentuale in piu.

antonio luigi bassu, sassari Commentatore certificato 09.05.12 23:25| 
 |Rispondi al commento

Grillo usa i soliti modi rudi, ma io credo abbia ragione. Se entrerà nelle logiche dei media tradizionali e nelle inquadrature televisive, un parte della specificità del Movimento 5 Stelle si perderà.
Il sapore da "Diktat" c'è, è vero, ma capisco le ragioni e l'apprensione che credo l'abbiano generato.

Il Digital Divide lo supereremo in un altro modo: non tramite la televisione ma tramite la buona gestione dei comuni e la buona politica. Quando vedranno i risultati, anche le persone che non utilizzano internet inizieranno a simpatizzare per il Movimento.

Nicola Brami 09.05.12 23:19| 
 |Rispondi al commento

Finalmente, faticosamente, forse, i talk show hanno esaurito la loro stagione. La seconda camera dell'insetto giornalistico che discredita il suo nome, è stata la prima ruffiana di un sistema di pseudo informazione ributtante, la cui memoria rimarrà negli annali come esmpio di piaggeria ostentata.
Ma intanto va ancora in onda, raggiunge ancora una certa audience ed il conduttore intasca il compenso del suo grande lavoro, pagato con il denaro dei contribuenti.
Altri non sono dissimili, talaltri hanno rappresentato in questi anni l'unica alternativa ad una televisione ricca di canali ma povera di contenuti. Purtroppo il contesto socio politico non forniva molte alternative e talvolta era giocoforza necessario accogliere sulle sedie della ribalta, le terga di qualche istrione della politica, di qualche saltinbanco delle opinioni ed anche di qualche autentico cialtrone.
Ora speriamo che il vento soffi e spazzi l'aere al più presto. Ora che vi è la consapevolezza della possibilità di realizzare ciò che sembrava un'utopia, il tempo trascorre più lento ed anche la tolleranza va scemando. Così per non esaurirla anzitempo, per non importunarsi la vista ed i timpani, anche la seconda ed ultima TV di casa ha raggiunto il cassonetto della spazzatura. Se equitalia chiderà il canone RAI, andrà a raccattarsela tra le immondizie. Anzi, nel caso, ci rimanesse pure lei, perchè questa sarà la sua prossima destinazione, con il sollievo dell'anima dlle vittime che ha procurato.

stefano radi Commentatore certificato 09.05.12 23:14| 
 |Rispondi al commento

Non rompete le scatole con tutti questi discorsetti.
In TV ci si va. Punto.
Non si può fare senza.

Piero Donati 09.05.12 23:07| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Beppe, caxxo, cambia metodo! Invece degli editti similbulgari, spiega le tue ragioni. Forse è il caso di insegnare ai candidati che vengono invitati in tv i "trucchi" del mestiere. Forse è il caso di aprirsi e non di chiudersi. Cambia metodo e sii coerente con quello che da tanti anni scrivi su questo caxxo di blog. Ti voglio bene e ti seguo da tanto, ma sono allergico agli editti e data l'età il futuro sono io, o i miei figli, e non tu che possiedi un caxxo di marchio.

Davide M., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.05.12 23:05| 
 |Rispondi al commento

Stavolta Grillo prende una cantonata. Grossa.
Ci sono tante azioni sicuramente discutibili all'interno del movimento. La televisione pero' scatena una reazione plateale. Perché? A me viene il sospetto che il capo storico tema l'ascesa di un altro leader. Brutta storia.
Anche le argomentazioni della reprimenda sono deboli: il tono poi insopportabile e contrario ai principi stessi del movimento a 5 stelle.
Con questa uscita, il leader del movimento mi piace un po' meno.

andrea guerriero 09.05.12 23:04| 
 |Rispondi al commento

Quindi decide Grillo se una persona va o meno in televisione? Questa è la democrazia diretta? Diretta da Grillo forse...
Non c'è autonomia? non c'è responsabilità individuale? Sono queste cose che fanno paura e perdere voti, e meno male.. perchè domani un presidente del 5stelle dirà cosa? O sei iscritto qui o fuori? O scrivi questo sul giornale, o insegni questo a scuola o sei fuori? E io?? devo dire cosa, pardon..non lo faccio più???


sergio casesi 09.05.12 22:53| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Per parlare ai cittadini non è obbligatorio presentarsi in televisione, non è l'unico mezzo di comunicazione che esiste X FORTUNA!!!!! e tutte le persone che l'hanno votato è perchè credono nel programma e non per cause altre...SIETE PATETICI come lo siete stati in questi ultimi anni, il vostro unico slogan è quello di andare in tv per parlare e parlare e raccontarci tante belle favole...peccato che nessuna ha avuto il lieto fine ma anzi siete stati come il lupo che alla fine mangia Cappuccetto Rosso!!!!il movimento 5 stelle è un movimento del Popolo Italiano, quello onesto, quello che ha ancora delle speranze e va' rispettato!

Pamela Michelin 1, Asti Commentatore certificato 09.05.12 22:53| 
 |Rispondi al commento

Dove andremo senza televisione? come la raggiungiamo sta benedetta casalinga de Voghera? (che poi mica ho capito perche vogliono tutti 'raggiungerla' ). Saremo destinati all'oblio!!!!... Putz! ma che cosé? il grafico dello spread? della tassa di disoccupazione? a no, sono gli accessi al sito beppegrillo.it secondo alexa ;)

http://www.alexa.com/siteinfo/beppegrillo.it

Roberto S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.05.12 22:52| 
 |Rispondi al commento

Pasolini diceva: "nel momento in cui qualcuno ci ascolta nel video ha verso di noi un rapporto da inferiore a superiore, che e' un rapporto spaventosamente antidemocratico", ed e' propio cosi, andare in tv ora sarebbe per il movimento 5 stelle un passo indietro.
Lo spettacolo ha "bisogno" di scontri, di risate, di Odiens, ma noi non siamo tutto questo, noi non siamo parole, siamo fatti.

valerio s. Commentatore certificato 09.05.12 22:50| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |Rispondi al commento
Discussione

Per fare politica a livello cittadino, escludendo forse le prime 6 grandi città italiane, non è assolutamente necessario utilizzare le reti televisive nazionali. Anche se a mio avviso Putti ha fatto una bellissima figura a Ballarò, almeno a confronto di Fassino e della Bernini, da un punto di vista pratico ha aggiunto poco o nulla al messaggio del M5S. Avete mai visto la ex sindaco di Genova Vincenzi partecipare ad un talk show nazionale per parlare dei problemi della sua città?
Molto diverso invece è come affrontare il prossimo passo ovvero le elezioni politiche 2013 (o 2012). E' impensabile raggiungere percentuali sopra il 10% a livello nazionale, puntando solo sulla rete (circa 50% della popolazione), quindi sulla fascia 20 - 50 anni, istruzione medio-alta, etc.
Prendiamo il recente caso Napolitano, a parte le considerazioni di opportunismo politico del suo intervento, sicuramente avrà una visione parziale del M5S, non avrà mai seguito una discussione sul blog, su twitter, su facebook. Per lui l'M5S è rappresentato esclusivamente da Grillo che sbraita e prende a male parole tutti. Non penso che la maggior parte della popolazione italiana over 55 abbia una visione molto diversa dalla sua. Purtroppo il digital divide su questa fascia di molto numerosa di popolazione durerà ancora 10-20 anni, non penso che sia il caso di aspettare tanto.
Chiudo dicendo, si cominci a pensare e a fare proposte sulla strategia per le prossime politiche, si cerchi di ragionare su fatti concreti e non su dogmi, a proposito ... chi sarà il candidato premier ?

Bruno Z. Commentatore certificato 09.05.12 22:43| 
 |Rispondi al commento

Ha ragione Beppe Grillo e ragione da vendere. Andare in mezzo a quelle mummie e ai loro giornalai-leccaculo c'è solo da perderci. Non si riesce ad esprimere un concetto, ti interrompono e la gente alla fine dice che sei uguale agli altri.
Vai in televisione "per farti vedere e non lavori per coloro che ti hanno votato".
Molto meglio una conferenza stampa dove si esprime un concetto o si fa una denuncia e poi rispondi alle domande su quello che hai detto.
No ai talk-show italiani con Vespa, Floris, Mentana ecc. ecc.
Io la penso così ( dopo non sarei per un diktat aut-aut). Buon lavoro a tutti.

piero p., roma Commentatore certificato 09.05.12 22:41| 
 |Rispondi al commento

Ed infatti c'è una tipa 5 stelle a focus su rete veneta che seppur in buona fede si sta confondendo tra gli zombie. Comunque è una trasmissione minore, male minore.
La tv uccide!

Noè SulVortice Commentatore certificato 09.05.12 22:37| 
 |Rispondi al commento

continuo a leggere commenti in cui si dice che gli esponenti del movimento ,non dovrebbero andare in tv ,perchè essendo inesperti ,onesti corretti ,verrebbero triturati da giornalsiti ed avversari furbastri;
e allora? echissenefrega ; sarebbe una ulteriore dimostrazione ai cittadini, della differenza che c'è tra i vecchi arraffoni ,e i nostri ragazzi onesti e quindi un ulteriore nostro guadagno di simpatie;
poi, è ingiustificabile il fatto di avere delle paure nel mostrare le proprie debolezze,le proprie difficoltà ,quando queste sono dovute alla propria onestà correttezza ,pulizia d'animo;
perchè si dovrebbe avere paura di mostrare tutto questo? siamo persone oneste e corrette , uomini come si deve ,oppure no? se lo siamo,non si può proprio avere paura di nulla e soprattutto di far vedere chi siamo ,e anche di mostrare le nostre difficoltà ;
l'unico limite da osservare ,sarebbe solo quello di partecipare solo ad alcuni programmi e quindi di fare un pò di selezione

stefano p. 09.05.12 22:36| 
 |Rispondi al commento

Io sono d'accordo sul principio che i rappresentanti di M5S non debbano concedersi ai talk show per evitare inutili faccia a faccia con chi la faccia non ce l'ha più o addirittura non l'ha nemmeno mai avuta. A mio modo di vedere è fondamentale continuare a dimostrare di essere concretamente diversi da quelli che ci hanno governato fino ad oggi. Stare vicini alla gente, informarla e dimostrare con i fatti il lavoro svolto e le proprie idee fa la differenza. La gente è stanca di parole. Meno visibilità inutile e più lavoro deve essere a mio modo di vedere un cardine sul quale mettere in crisi i partiti tradizionali. Fare ed informare periodicamente la gente attraverso la rete con la pubblicazione di documenti ufficiali ed inoppugnabili può essere davvero un salto di qualità. Basta con le dichiarate e sbandierate percentuali che non significano un cazzo! Notizie certe e chiare per tutti perché possa crescere un consenso costruito sui fatti provati e dati in mano alle persone comuni. E' solo la mia opinione, ovvio, credo che per dettare le direttive del movimento sia necessaria una consultazione interna perché nessuno possa parlare mai di imposizione. Credo si sia qui tutti per dare il proprio contributo di buon senso e passione remando in una unica direzione.

Luigi G., Genova Commentatore certificato 09.05.12 22:33| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |Rispondi al commento

GRILLO è un grande ed ha capito che questi quà sono ampiamente "sponsorizzati" e tenuti per le palle! Guardate soltanto chi ha avuto il coraggio di parlare di temi molto importanti come il signoraggio bancario, le rivolte vere e proprie fatte dalla gente in Sicilia di qualche tempo fa, la perdita di sovranità monetaria dei paesi dell'Euro, i vari aspetti "massonici" poco chiari in cui sono coinvolti Monti, VanRompuy , ecc. ecc. !!! Allora c'è la rete per l'ultimo brandello di libertà che ci è rimasto: che vengano a confrontarsi sulla rete , a botta e risposta ! E' certo che s'incazza il conduttorino del ca.. di raitre, egli fa parte a pieno titolo della categoria menzionata, o no ???

Tancredi Della Rocca 09.05.12 22:33| 
 |Rispondi al commento

Decine di volte mi sono incavolato con Grillo, per la sua cruda sincerità che a primo acchitto mi sembrava esagerata, per poi riconoscere a posteriori che nel 99% dei casi aveva visto lungo e giusto. Quindi non è credere nel pifferaio magico, ma avere fiducia in una persona che ha sviluppato saggezza sulla propria pelle..
Poi ognuno è libero di fare quello che crede, qui non si impone niente e nessuno..

mirco m. Commentatore certificato 09.05.12 22:30| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo, il 5stelle deve fare non andare in tv con i soliti pirla e le supercazzole a go go.
Solo se si dimostrerà onesto e diverso aumentera i consensi.


Elio 09.05.12 22:30| 
 |Rispondi al commento

MA QUESTI NON HANNO PROPRIO CAPITO NIENTE.

Non c'è niente da fare. Il messaggio non entra.
Vivono in un mondo tutto loro, staccati dalla tecnologia. Parlano ancora di "Monologhi" ... in rete non esistono i monologhi come li intendono loro. Se scrivi cazzate o cose noiose, nessuno ti legge. Se scrivi menzogne, sei contestato e ripreso dopo pochissimo.

I blog dei BONDI di turno, con i commenti disabilitati.. quelli si sono tristi monologhi che nessuno legge.

Serve un'altra sberla elettorale. Next year.!

Arriviamo.

Andrea R - Verona 09.05.12 22:29| 
 |Rispondi al commento

Beppe ha ragione , nei talk show se li divorerebbero, però un pò di presenza nei media ci vuole, io non avrei mai conosciuto il candidato di Parma , e sentendolo parlare l'ho apprezzato moltissimo , come pure il nostro primo sindaco . e come me molti altri conoscendo più approfonditamente le persone simpatizzano anche per il movimento

bruno cirio 09.05.12 22:29| 
 |Rispondi al commento

NON INTEGRIAMOCI IN QUESTO SISTEMA CHE, AVENDO PAURA DEL M5S, CI INVITA IN TV PER DIMOSTRARE CHE SIAMO COME LORO.NOI SIAMO DIVERSI SIAMO UN ONDA DI SPERANZA.

fabiana p., roma Commentatore certificato 09.05.12 22:25| 
 |Rispondi al commento

i politici si confrontano in parlamento o nei consigli comunali , non in televisione.
i politici si giudicano sul loro operato per il bene pubblico non sulla parlantina o la postura.
Grillo ha ragione.non mischiamo i buoi politici espressi dal movimento con i trafficanti ceh hyanno portato l italia alla rovina

dario colombo 09.05.12 22:23| 
 |Rispondi al commento

- I MEDIA CHE NON CONOSCE BEPPE (?) mah!

Se il MoVimento 5 Stelle avesse scelto la televisione per affermarsi, oggi sarebbe allo zero qualcosa per cento. Partecipare ai talk show fa perdere voti e credibilità non solo ai presenti, ma all'intero MoVimento.

non sono dello stesso avviso! - i filmati passati
in TV da serviziopubblico e da ballarò e le esternazioni a cazzo di segugio dei vari politicanti hanno dato MOLTO alla visuale del MoVimento!
ricorda Beppe: « parlane male, purchè se ne parli»

è questa la FORZA dei mass-media!

ps. se mandassi una "scosciata" in un talk-show ...avremmo un successo strepitoso! - in massa i pipparoli italioti (che sono tanti) voterebbero l'M5S ! forse non saranno "fidati", ma farebbero
NUMERO ! - de 'sti tempi nun se butta niente!

Lenin eterno (l'unico), Roma Commentatore certificato 09.05.12 22:22| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Come mai il conduttore con lo stesso impeto non ha detto la stessa cosa a Berlusconi che si è sempre rifiutato di andare in tv in un confronto? Non può dire "lo farei con chiunque" perchè con Berlusconi non lo ha fatto. E' meglio tacere e passare da stupido che parlare e confermarlo

Massimo Salari 09.05.12 22:21| 
 |Rispondi al commento

secondo me sbagli a non sfruttare tutte le possibilita di informazione che riesci sfuttare bisogna giocare anche in casa altrui per rendere piu visibile la battaglia giusta e sacrosanta che fai e poi scusa i nostri canditati sono una spanna sopra tutti rendiamoli pure famosi o no

domenico pensabene 09.05.12 22:19| 
 |Rispondi al commento

@Alberto Rizzi
Ti sono grato nel comprendere la mia buona fede, contraccambio questa tua gentilezza. Vorrei precisare che una democrazia rappresentativa è una forma di governo (e di elezione) che non prevede a priori l'esposizione televisiva, tant'è che il più degli onorevoli presenti in parlamento non partecipa ai talk show di approfondimento politico. In tv esiste una dilagante democratizzazione delle opinioni che vuole che tutto ciò che che vien detto sia legittimo. Numeri, statistiche, filosofie... tutti sullo stesso piano e tutte legittimamente discusse. E' profondamente sbagliato. Questa non è democrazia, ma un mercato. Non si possono instaurare dialoghi se non si hanno dei punti di partenza oggettivamente accettati. Servizio pubblico, Ballarò, L'infedele... si susseguono in diatribe inconcludenti che lasciano il tempo che trovano. Da esse risultano vincenti solo le "facce da tolla" che, in nome di una democrazia allargata (dove l'oggettività è sullo stesso piano della falsità anche se quest'ultime differiscono in sostanza dal reale andamento del paese) mentono e promettono dando fondo a tutta la loro malafede. La democrazia è un buon strumento per governare un paese, ma la democratizzazione televisiva è un altrettanto ottimo strumento per mantenere gli elettori nell'ignoranza e nel dubbio. Quanti argomenti tralasciati, quante realtà occultate in tv, quanta (dis)informazione finta e guidata... questo è stato il terreno fertile che ha portato Mr.B. al successo e il paese allo sfacelo... e non è democrazia, ma televendita...

Archadia Nera Commentatore certificato 09.05.12 22:17| 
 |Rispondi al commento

i talk show sono la rappresentazione in video di tutto ciò contro cui il movimento di batte. Io ho detto, lei non mi ha ascoltato, io non l'ho interrotta, mi lasci finire, scusi lei... non è roba per chi ha grandi speranze. e tuttavia il fenomeno va studiato, troppo rischioso chiudere con un diktat via blog, probabilmente va discusso e capito il modo e le condizioni per usare al meglio anche quel mezzo

Giovanni 09.05.12 22:16| 
 |Rispondi al commento

io credo che volere a tutti i costi che questi ragazzi diventino anche personaggi mediatici sia una maniera per fargli del male.
Per quante buone idee ed onesta possano avere in televisione non possono reggere il confronto con politici navigati.
Ad esempio metti un faccia a faccia Putti Berlusconi. Per quanto il nano sia vomitevole se lo mangia in quattro e quattrotto. se poi gli rispondi insultandolo con lui che ti interrompe e il conduttore che cerca la rissa, passi per maleducato arrogante e ti metti al suo livello allora sono cazzi, il giorno dopo partono i trombettieri dei giornali e in una settimana sei bello che sputtanato. Lasciate che sia Beppe a fare il parafulmine, lui può, non è candidato e conosce la comunicazione televisiva come pochi.
Ci vuole umiltà e capire che il cambiamento parte propio da qui

David Diqual, Pisa Commentatore certificato 09.05.12 22:14| 
 |Rispondi al commento

Per me il problema nn e tanto la TV ma la comunicazione.
Le salme e i ragazzi del M5S hanno due piani comunicativi diversi.
Ed e molto pericoloso andare a interagire con qs elementi.
Ha ragione Beppe meglio evitare.

AB 09.05.12 22:13| 
 |Rispondi al commento

Io sento che Grillo ha ragione, perfettamente ragione, ma forse non è corretto farlo cadere dall'alto, ogni persona rifletta dentro di se e sviluppi una propria idea in merito..
E' giusto sviluppare una coscienza, non dare un pacchetto chiuso, seppur giusto in questo caso.
C'è tanto lavoro da fare e purtroppo tanti tranelli all'orizzonte..

mirco m. Commentatore certificato 09.05.12 22:08| 
 |Rispondi al commento

Ascoltate la saggezza di Beppe. I talk show sono una trappola, diffidate.
Se Beppe è arrivato fino a questo punto è perchè ha fatto a meno della televisione.
Voi siete nati in rete ed è dentro la rete che dovete crescere, la gente vi crede proprio per questo motivo.
In bocca al lupo per le politiche che si avvicinano sempre più.
Grande Beppe, tu sarai sempre il nostro faro.

Daniela Moscato 09.05.12 22:06| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |Rispondi al commento

ho ho ho ....come si incacchiano quando li tocchi duro !! pienamente d'accordo viviamo in un era dove nulla dico nulla viene lasciato al caso e alla spontaneita!! sanno già le domande come farle quando farle tempi di riaposta come e dove interrompere;insomma se sei spontaneo e vero non puoi partecipare manco a un quiz !!
saluti TOSCA

andrea bertaccini 09.05.12 22:05| 
 |Rispondi al commento

Trovo giusta l'idea di non partecipare ai programmi televisivi , sono (stati) creati per sostituire i fatti con le parole .

Maurizio 09.05.12 22:05| 
 |Rispondi al commento

OGNI ESPONENTE DEL M5S DEVE SAPERE I FONDAMENTALI DEL MOVIMENTO E fare riferimento a quelli ... ! I TEMI CHE INTERESSANO ALLA GENTE SONO I COSTI DELLA POLITICA , IL LAVORO , L'ECONOMIA .... eppure Grillo li ha ripetuti migliaia di volte sul blog ... !

Ernesto F. Commentatore certificato 09.05.12 22:01| 
 |Rispondi al commento

credo sia necessario capire che Beppe si rivolge ai sostenitori del movimento come farebbe un padre verso i suoi figli, mettendoli in guardia dal compiere atti lesivi solo per il loro bene.
Il fatto stesso che anche Matrix ieri si sia dedicato interamente al fenomeno "grillo " la dice lunga sul tentativo manipolatorio delle testate giornalistice e delle tv.
PER SETTIMANE , PRIMA DELLE ELEZIONI, HANNO OFFESO IN OGNI MODO POSSIBILE IL MOVIMENTO E IL SUO LEADER,, E ORA '?? PERCHE' TUTTA QUESTA NECESSITA' DI CAPIRE ?? DOVE ERAVATE GIORNALISTI IN QUESTI ANNI IN CUI IL MOVIMENTO PRENDEVA PIEDE ? LECCAVATE IL DI DIETRO AI PARTITI CHE LOTIZZANO LE TV ??
NON CI CREDEVATE VERO CHE LA GENTE SI STUFASSE DELLE VOSTRE MENZOGNE . DEI VOSTRI TITOLONI ?
ora se volete parlare con gli esponenti del movimento usate il blog, confrontatevi con noi, ma in tv non ci vedrete mai fino a quando non ci sara' un'informazione libera e democratica

monica g., olbia Commentatore certificato 09.05.12 21:59| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |Rispondi al commento

Sono d'accordo con Beppe Grillo su questo punto. Loro sono professionisti della TV. Il confronto non e' credibile. Dall'altra parte Loro NON sono professionisti del lavoro per cui sono pagati. Spero che i 5 Stelle dimostrino di poter competere con Loro nel ruolo che sono stati votati a ricoprire. Apparire in televisione non serve a nessuno se non alla pubblicita' del singolo. E questo non e' in linea con la filosofia del movimento. Piuttosto mandate un video dove sbugiardate gli invitati a tale trasmissione e ditegli di rispondere in rete!! In bocca al lupo, Ivan.

Ivan Girotto 09.05.12 21:58| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |Rispondi al commento

io che credo che il lato peggiore del movimento sia proprio Grillo, sono invece contenta di vedere che anche i giornalisti cominciano a capire che la gente non vota per lui ma per delle persone che con il modo di fare di Grillo hanno poco a che vedere. l'ultima frase poi, è terribile. possibile che siano sempre gli altri a fraintendere?

stefania baccolini 09.05.12 21:57| 
 |Rispondi al commento
Discussione

beppe ha ragione, e' inutile andare a far caciara con gli zombies, in ogni caso la liberta' di scelta e' dovuta, non abbiamo nulla di cui vergognarci e nei dibattiti facciamo sempre una bella figura come secondo me ha fatto Putti con Fassino.

Arch Stanton 09.05.12 21:54| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Non sono per niente daccordo con questi toni da bulletto.
Una minima dose di televisione serve per dare visibilità, se si è sicuri delle proprie idee.
Visto il mostruso digital devide dell'Italia, più volte denunciato proprio in questo blog, bisogna convogliere le buone idee anche attraverso i vecchi mezzi come la TV.

Manlio 09.05.12 21:53| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Comunque sia ... chi va in televisione DEVE DIRE CHE IL M5S E' CONTRO I PRIVILEGI , I RIMBORSI ELETTORALI , GLI STIPENDI D'ORO , LE PENSIONI D'ORO , LE SPECULAZIONI DELLE BANCHE , LA BUROCRAZIA , GLI SPRECHI , LE GRANDI OPERE INUTILI ..... E CI VUOLE TANTO !!!!

Ernesto F. Commentatore certificato 09.05.12 21:49| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Ragioniamo

Sono daccordo con beppe che gli studi dei programmi di opinione (cosidetti talk show) sono tuttora ambienti insalubri e deleteri per l'immagine del movimento.
Non credo peró che beppe si riferisse a tutti indistintamente. Per esempio, nel caso delle televisioni locali, l'uso di questo mezzo in una comunitá circoscritta obbedisce piu ai dettami di un servizio di informazione che di uno 'spettacolo' o immenso spot, forma che purtroppo hano gran parte dei programmi dedicati alla discussione política.
Detto questo, penso che se affrontiamo la questione dal punto di vista del pragmatismo dell'analisi sociale, allora beppe ha 2 volte ragione, in quanto questo sistema di informazione, Rai compresa, e salvo pochissime eccezioni é parte integrante, é un ingranaggio necessário e indispensábile del sistema di potere dei partiti in Italia, negare questo, senza togliere niente ai pochi casi di integrità professionale che riescono a approfittare degli ancora minori spazi di libertà, significa non prendere sul serio la proposta política del movimento, dove la discussione dei temi politici in un salotto e tra attori sempre fissi e definiti rappresenta un intero sistema di potere e di relazioni sociali da superare, e che ci ha portato dove siamo.
Comunque, non possiamo nascondere il fatto che la necessitá di organizzarsi a livello nazionale presenta problemi organizzativi e anche prettamente polítici. Io credo che si possano trovare soluzioni rispettose dell'orizzontalità del movimento, non conosco le discussioni sul tema ma cedo sia il momento di dedicarci seriamente a pernsarci come forza politica nazionale.

Roberto S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.05.12 21:47| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |Rispondi al commento

Ricordiamoci che l'italia era una Repubblica fondata sul lavoro e che ora è fondata sulla Televisione.
Loro hanno la Televisione noi abbiamo la VitaVisione
se vogliamo far crescere il Movimento non abbiamo bisogno di loro.
Non è necessaria la presenza nel loro Mezzo;
Beppe ha ragione è una scelta di Campo.
- Non abbiate fretta.

antono amato, torino Commentatore certificato 09.05.12 21:46| 
 |Rispondi al commento

ci vuole in questo momento una persona che metta un freno a tutti questi politici-vampiri che succhiano il sangue a noi piccoli impresari, che non ci fanno dormire la notte assillati dai tributi sempre più alti da pagare.
forza grillo non ti arrendere, riusciremo a mandarli a casa tutti e faremo un risultato storico azzerando le spese dello stato.

bandini alessio 09.05.12 21:41| 
 |Rispondi al commento

ho letto solo ora il messaggio di grillo; non sono d'accordo sull'uso di quel tono e sul fatto che sia lui a decidere cosa possono e devono fare le persone appartenenti al movimento;
grillo mi è quasi sempre piaciuto molto per quello che ha detto fino ad ora, ma il movimento 5 stelle ,deve essere un esempio di democrazia ,di rispetto delle persone ; le imposizioni dall'alto, non possono essere accettate in un simile movimento ;
sulla opportunità di andare in tv,posso essere d'accorod che occorra selezionare le apparizioni, ma nno di certo evitarle completamente ;
poi, non sono per niente d'accordo sul fatto di valuare le decisioni in base ai risultati che porteranno dal punto di vista del numero dei voti,mi pare veramente fuori luogo, in quanto questo modo di ragionare ,è proporio quello dei vecchi partiti;
si deve andare intelevisione proprio per far vedere facce nuove ,pulite, oneste e quindi un nuovo modo di presentarsi ,di parlare ,di fare politica;
non andare assolutamente in televisione , è sbagliatissimo ,illogico, rappresenta anche una assurda e inutile paura di far vedere chi siamo ,paura che sarebbe percepita molto negativamente da tutti i cittadini e che proprio non capisco neanche io;
altra cosa è andare sempre in televisione in ogni occasione ;quello si che è da evitare;
insomma ,come in tutte le cose ,occorre trovare una via di mezzo e di buonsenso
saluti a tutti

stefano p, 09.05.12 21:40| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |Rispondi al commento

SEMBRA PURTROPPO CHE ALCUNI ESPONENTI DEL M5S SI STIANO ALLARGANDO , COMINCIANO AD ASSAPORARE IL SUCCESSO , IL PALCOSCENICO ..... E POI COSA VORRANNO ??? LO STIPENDIO DA PARLAMENTARE ? L'AUTO BLU ? IL RIMBORSO ELETTORALE ???? PENSAVO CHE QUESTI ASPETTI ERANO CHIARI !!! GRILLO SI E' DANNATO L'ANIMA PER FARLO CAPIRE ....

Ernesto F. Commentatore certificato 09.05.12 21:40| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |Rispondi al commento
Discussione

Non fa una piega.

Eric Theodore Cartman Commentatore certificato 09.05.12 21:39| 
 |Rispondi al commento

Certe volte, purtroppo, Grillo non lo capisco, quindi, non lo seguo! Additare a priori chi voglia partecipare ad una trasmissione, è semplicemente vergognoso, perchè c'è una bella differenza fra partecipare ad un miserevole porta a porta, piuttosto che ad una trasmissione come Report! E, se Grillo e chi per lui, continuerà con questa strada dei diktat e delle imposizioni, neanche fosse il Vangelo in persona esente da errori, col tempo anche il "suo" movimento 5 stelle sarà penoso al pari dei partiti tradizionali!

Domenico Roselli 09.05.12 21:39| 
 |Rispondi al commento
Discussione

mi spiace ma Beppe ha ragione....
Ieri sera guardando sia 8 1/2 e Ballaro si vedeva chiaramente che li mettevano in difficoltà e la parlare non era cosi facile.
Una domanda dietro l'altra poi la pubblicità, concetti a metà, gli chiedevano cosa farete in questo caso, e a livello nazionale?
Comprendo lae vuonissimeintenzione dei ragazzi e ci mettono tutta la buona volontà del mondo, ma non guidi la telecamera, non decidi una mazza, e alla fine ti fanno sembrare uno sbarbatello piovuto li per caso.
La fretta è cattiva consigliera, meglio far parlare i fatti o parlare con le persone per strada. Comunque gli errori vanno messi in conto senza drammatizzare ( titpica cultura televisiva).
Beppe può sembrare duro ma la posta in gioco è altissima. Non abbassiamo la guardia.

David Diqual, Pisa Commentatore certificato 09.05.12 21:38| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |Rispondi al commento

Mi piacciono queste frasi di Arcadia:

"Come molti altri commenti hanno fatto notare, chi segue la tv da importanza a caratteri e particolarità che, in politica, sono totalmente inutili. Così una buona dizione, un fisico apprezzabile o una forte personalità vengono messe maggiormente in risalto rispetto agli ideali o alle opinioni manifestate."

Dimostrano quanto si sia lontani dal capire come funziona la politica in una democrazia rappresentativa: Arcadia, tu sei sicuramente in buona fede e convintissima di quello che hai scritto. Purtroppo, in questo sistema, le particolarità che giustamente hai individuato SONO FONDAMENTALI E GRANDEMENTE APPREZZATE: chi vuole far politica in questo sistema, se non le ha è meglio che se le scordi; anche se, purtroppo, non sono le uniche che servono a condizionare l'ascoltatore, deviandone l'attenzione dai contenuti reali.

Si corre lo stesso rischio anche nella democrazia diretta, naturalmente; ma in misura minore: i blog come questo, i tempi di un "dibattito alla pari", come sono di solito le riunioni dei Meetup o delle Liste, abbattono di molto questo rischio.

Alberto Rizzi 09.05.12 21:35| 
 |Rispondi al commento

caro grillo non puoi vestirti da dittatore di un movimento e sentirti capo dei capi solo perchè sei il fondatore, posso capire dare dei consigli ma non posso capire la fine del commento "fare una scelta di campo" non si può pretendere di essere la verità assoluta se no si cade nell'essere presuntuosi, secondo me, era più giusto dire di non partecipare in alcuni programmi che conosciamo bene che sono pilotati e partitici, non si può mettere nello stesso piano Santoro con Vespa ti pare?

al61 09.05.12 21:33| 
 |Rispondi al commento

Personalmente concordo con Beppe sul fatto di non partecipare ( almeno per il momento ) a talk show faziosi e ricchi di insidie..Tuttavia devo essere soncero e non mi piace il discorso della scelta di campo,mi sembra un dictat che va contro quelli che sono i principi di base del movimento.Partecipare o meno a dibattiti televisivi è sicuramente una scelta importante e credo che debba essere presa da tutti,tramite votazione.Proprio questa una piattaforma semplice di voto tramite web è una grave mancanza per noi del movimento,cerchiamo di muoverci per averne una,sarebbe un' altra seria dimostrazione di democrazia e di distacco dal despotismo dei partiti.
Beppe noi ti seguiamo,ti ringraziamo e ti vogliamo bene,lo dico dal profondo del cuore,siamo dispostia rischiare qualcosa di nostro ma il diritto di esprimerci su questioni importanti come questa ci deve essere concesso.

alex d., sestri levante Commentatore certificato 09.05.12 21:32| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Beppe Grillo e il suo movimento combattono il sistema costituito secondo le regole politiche e di mercato attualmente in essere, queste identificano i media tradizionali come simbolo di potere e di influenza verso le masse. Ha quindi ragione a non voler essere coinvolto nello strumento radio-televisivo perchè la sua coerenza e la sua forza è proprio nel rifiuto ad essere coinvolto e quindi strumentalizzato dal meccanismo che contesta e che combatte e che è il simbolo delle istituzioni che stano distruggendo l'italia. Questo mio pensiero non è dettato da una simpatia o vicinanza a Grillo. Il nostro giornale SocialNews ricalca alcuni meccanismi compatibili con il movimento di Grillo: non riceve finanziamenti, è assolutamente no profit e distribuito gratuitamente, tutto gestito in volontariato, punto di riferimento del sociale, premiato come miglio giornale europeo. Ma Grillo non ci ha mai degnato nemmeno di una risposta ad una richiesta di suo coinvolgimento nelle nostre informazioni sociali. Questo commento è quindi un pensiero libero, dettato esclusivamente da una visione esterna dell'azione del Movimento 5 stelle. Massimiliano Fanni Canelles

Massimiliano Fanni Canelles 09.05.12 21:31| 
 |Rispondi al commento

Sono perfettamente in accordo con Grillo. Nelle trasmissioni si usa un linguaggio incompatibile con il Movimento. Cosa vuol dire per esempio la parola Alleanza? Poi io non voglio parlare con chi mi chiama "voto di protesta" o "antipolitica".

Non andare in Televisione spinge chi si é candidato a concentrarsi sulla vita reale e incontrare i propri elettori e a informare/informarsi direttamente; e spinge i membri votanti del Movimento a "mettersi in gioco" e a prendere contatti con le persone che condividono le nostre idee.

Andrea Cuomo 09.05.12 21:29| 
 |Rispondi al commento
Discussione

La TV è un mezzo di comunicazione unidirezionale ed. antico, in cui alcuni ci sanno sguazzare bene e. sanno vendere il loro fumo. Se un punto di rottura con il passato ci deve essere, è giusto che ci sia anke sul modo di comunicare ed informare:il web, i social networks e i blogs al contrario delle TV. non sono monopolizzati dalle.lobbies e quindi sono un espressione abbastanza. democratica. Il persistere con la TV non. puo' essere vietato, a priori ma la convinzione della pericolosità di finire in bocca ai pescecani (ke altro non aspettano) è assai motivata.

Stefano. G. 09.05.12 21:29| 
 |Rispondi al commento

un po' è vero. Anche se mi piacerebbe vedere qualche esponente del movimento 5 stelle in tv , il rischio di impantanamento c'è. Si rischia di essere subito omologati ai politici attuali che ti vogliono tirar dentro in dibattiti in politichese, quando il bello del movimnto5stelle è la chiarezza e trasparenza.

matteo raimondi 09.05.12 21:27| 
 |Rispondi al commento

Mai televisione! Solo Beppe può esporsi gli altri a lavorare

Fausto Ciavatta 09.05.12 21:24| 
 |Rispondi al commento

Ne parlavo giusto oggi in università: Beppe, tu dovresti dire apertamente in un prossimo sprazzo di intervista che in tv dovrebbero smettere di parlare del 5stelle (tanto la proposta li delizierebbe idealmente, perchè in ogni caso ne parlano con vero biasimo, da chi la sa lunga invece ahimè che esperti illuminati). Perchè se il movimento crescesse grazie alla televisione e ai suoi cavalli di battaglia, ovvero prendesse consensi da quegli elettori che per ora sono obbligati a prendere la decisione attraverso la loro abitudine serale di stare, sfiniti e defunti, davanti alla tv, questo segnerebbe di per sè la fine del movimento, o almeno della sua idea. Il movimento si deve fare strada attraverso la coscienza e l'informazione, non attraverso abitudine, preconcetto e senso di grandezza acquisito davanti alle trasmissioni dei vincenti e dei phorti. Gli elettori su cui oggi può contare il 5stelle sono la sua forza più grande. Perchè essi, la maggior parte, sono consapevoli, e la macchina della consapevolezza non si può fermare, perchè la verità, nell'infinito tempo, vince sempre. Dillo quando capiterà, Beppe: sembrerà che ti vuoi far del male da solo, quelli che agiscono "in buona fede" non sapranno che pesci prendere davanti ad una affermazione del genere, e sembrerà che più chiare di così le idee non si possano avere. Sono tranquillo a postare in questi termini pubblicamente :)

Andrea C., Milano Commentatore certificato 09.05.12 21:24| 
 |Rispondi al commento

E' difficile distinguere nel piccolo schermo chi è in buonafede nell'esprimere le proprie opinioni da chi non lo è. Come molti altri commenti hanno fatto notare, chi segue la tv da importanza a caratteri e particolarità che, in politica, sono totalmente inutili. Così una buona dizione, un fisico apprezzabile o una forte personalità vengono messe maggiormente in risalto rispetto agli ideali o alle opinioni manifestate. Per uscire "vincenti" da un confronto televisivo bisogna essere abituati a gestire quel tipo di pubblico, non bastano le buone intenzioni o dei validi ideali. Un confronto televisivo sarebbe sfidare degli show-men, quali sono i nostri pessimi politici, nel loro campo. E non sarebbe un vero confronto politico! Ma una gara basata sul risultare credibili, seri e simpatici... come fanno i venditori di tappeti o di creme dimagranti alle fiere, che ti rifilano delle patacche grazie alla loro faccia tosta.
Sono d'accordo: non partecipiamo alle televendite politiche televisive. I cittadini hanno bisogno di prendere coscienza della necessità del M5S, lasciamo loro il tempo di cui necessitano. Infilarsi in tv sarebbe confondersi nel marasma della falsa pubblicità politica dove un ideale si mischia alle false promesse, e i valori puri ai ceroni delle facce toste...

Archadia Nera Commentatore certificato 09.05.12 21:21| 
 |Rispondi al commento

Condivido.
Questa gentaglia va in tv e rilascia dichiarazioni come professione.
Io voglio candidati e persone che mi rappresentano che facciano il lavoro per cui li ho votati, NON che vadano in tv.
In tv ci vadano le mummie attuali.
La tv è il passato.

NOI siamo il futuro.

Mattia F. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.05.12 21:20| 
 |Rispondi al commento

... a quando le liste di proscrizione ? Ma sei diventato matto ? Se tra i militanti del movimento ci sono persone intelligenti, in televisione non ci vanno, se tra gli appartenenti, come è apparso in questi giorni, qualcuno non è così illuminato, credo si possa concedergli di scegliere. C'è un integralismo che non approvo.

piero gelao 09.05.12 21:20| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Vorrei far notare che "confrontarsi con gli altri candidati" non significa usare per forza il talk-show; nel commento precedente ne ho indicati alcuni e non sono i soli.

Del resto dovrebbe esser facile fare il conto di quanti punti percentuali ha portato questo strumento comunicativo alle liste che hanno partecipato alla recente tornata elettorale.

Alberto Rizzi 09.05.12 21:17| 
 |Rispondi al commento

partecipare a questa immondizia mediatica ti costringa ad assistere alle uscite del dottor gasparri che grida ai quattro venti che grillo e' un assassino oppure vendola che lo definisce populista o il cavalier bersani che gli da del demagogo ...e in tutto questo declino il conduttore strizza l'occhio ai consigli per gli acquisti ...basta io ho detto basta perche ci tengo al mio decoro...grillo per me rappresenta una persona pulita con un passato che gli da solo credito e con un futuro che lo pone all'avanguardia del vento rivoluzionario...chi lo ama lo segue chi lo odia lo insulta perche' la sedia comoda e' in pericolo imminente...a casa mia anche il gatto e' a 5 stelle

mariano di giorgio 09.05.12 21:16| 
 |Rispondi al commento

A BEPPE SIA LASCIATO IL POSTO IN TV
GLI ELETTI SI LIMITINO A STARE NEL LORO, EVITANDO DI FARSI MASSACRARE DA ABILI VOLPONI !

Alessandro 09.05.12 21:16| 
 |Rispondi al commento

i candidati e gli appartenenti al movimento , è giusto che vadano anche in televisione ad esprimere le proprie idee e a farle conoscere ai cittadini;
inoltre ,è giustissimo ed importantissimo che vadano in televisione ,anche per far vedere le facce per bene che hanno , un nuovo modo di presentarsi ,un nuovo modo di esprimersi e comportarsi in politica e di fare politica;
non mi interessa minimamente se questo potrrà forse far perdere voti magari all'ininzio,mi interessa che si faccia vedere un nuovo modo di fare politica;
l'altra sera ,mi ha fatto molto piacere vedere i candidati grillini in televisione ,hanno fatto sicuramente una bellissima impressione;
in definitiva quindi ,in questo caso non sono d'accordo con grillo e penso proprio che si debba andare anche in televisione;
saluti a tutti

stefano p: 09.05.12 21:15| 
 |Rispondi al commento

Le Macchiette Aristocratiche che affollano i salotti tv con tronfie e fasulle verbosità e saccenti presunzioni e valutazioni non valgono neppure un minuto del tempo di chi si pone a confronto con linguaggio aperto autentico e chiaro anche per il più semplice dei cittadini, sulle cui spalle i moderni Signorotti amano invece prosperare allegramente. A meno di non riuscire a smantellare le loro astute ipocrisie, cosa che difficilmente le Loro Tv consentiranno mai. Angelo

angelo naclerio 09.05.12 21:15| 
 |Rispondi al commento

anch'io sono dell'opinione che questo dicatat di grillo sia inaccettabile. dire che chi partecipa ad una trasmissione televisiva fa una scelta di campo significa imporre una regola che non è stata discussa ma che viene imposta come nelle peggiori dittature. caro beppe se tu vali uno come tutti gli altri ti consiglierei di lasciare decidere alla platea degli elettori magari spiegando le tue ragioni visto che potremi condiderarti un primo tra i pari

fraancesco bevilacqua 09.05.12 21:14| 
 |Rispondi al commento

Giusto Beppe,
chi partecipa ai talk show o non ha capito una minchia o lo fà per mettersi in mostra.
In entrambi i casi è meglio che vada per la sua strada.
Se dice di farlo per aumentare i consensi al m5s, vale il primo caso.

giorgio peruffo Commentatore certificato 09.05.12 21:11| 
 |Rispondi al commento
Discussione

assolutamente daccordo

niente confronti in Tv in trasmissioni vecchie e parziali dove conduttori compiacenti con i barboni della partitocrazia fanno di tutto per far cadere in contraddizione colui che non fa parte del sistema

proseguire sul web e nei canali non ufficiali

proseguire lavorando

francesco rizzo 09.05.12 21:08| 
 |Rispondi al commento

Sono d'accordo che gli schemi televisivi sono tutti costruiti su un sistema marcio e mal funzionante, ma il principio democratico che dovrebbe scorrere nel movimento dov'è??? e poi, il contraddittorio necessita di confronto reale...non trovate??

Domenico S. Commentatore certificato 09.05.12 21:05| 
 |Rispondi al commento

Buonasera a tutti e complimenti ai meet up per il lavoro svolto sin ora, sono elettore del movimento e vorrei aiutare nel mio piccolo il movimento a crescere.
Farei un distinguo, anche perchè d'ora in poi i consiglieri comunali e i sindaci del movimento dovranno comparire anche a trasmissioni televisive. Tralascerei i talk show sicuramente perchè non è il mezzo del Movimento. La rete, e queste ultime elezioni hanno dato la prova, se di prova, c'era bisogno. Farei partecipare i consiglieri e i sindaci alle trasmissioni diciamo di servizio delle tv locali. I mezzi di comunicazione del Movimento sono altri - "il carrettino" di Roberto Sartor candidato sindaco a Feltre in provincia di Belluno - scusate se sbaglio il nome - è sicuramente il mezzo alternativo alla rete. Devo dire che ho sentito Roberto in una trasmissione di una tv locale nell'ambito della sua campagna elettorale e si è comportato benissimo. Ripeto le trasmissioni nazionali e quelle che dicono di approfondimento le lascerei ai politici che gli hanno portati dove sono ora, Saluti Roberto

Roberto ., Genova Commentatore certificato 09.05.12 21:02| 
 |Rispondi al commento

secondo me e meglio confrontarci con gli altri candidati

enrico 09.05.12 20:59| 
 |Rispondi al commento
Discussione

attenzione, ALLARME DISSENSO,attivare procedure intimidatorie.email pericolosa.
richiamare lo gregge.
utilizzare contatti altolocati per la neutralizzazione preventiva IN LOCO .
bandire il soggetto,etichettare.


gino panettiere 09.05.12 20:53| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Giustissimo, andare ai talk-show significa non avere capito lo spirito del movimento e il pensiero di Beppe Grillo. Enrico

enrico amsterdam 09.05.12 20:47| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Ribadisco il mio pensiero, maturato in anni e anni di esperienza sulla comunicazione - e postato come commento a un precedente comunicato sullo stesso argomento - per cui questi talk-show servono solo per condizionare le "menti semplici" di quegli spettatori che non hanno i mezzi (o le capacità) per ragionare in maniera autonoma: e che quindi sono i candidati ideali per farsi strumentalizzare mentalmente dal sistema che ben conosciamo e di cui vogliamo essere l'alternativa.

Anche quando fossero condotti in maniera corretta (il che è praticamente impossibile) il filtro del mezzo in questione (la TV) e la conoscenza dei sistemi di comunicazione verbali e non verbali di cui dispongono i professionisti di questo tipo di "intrattenimento", garantiscono loro una presa sull'elettore medio decisamente superiore a quella che si ottiene mettendo in campo un ponderato ragionamento, un'intervista a quattr'occhi con un giornalista qualsiasi (perfino uno assolutamente di parte come un Ferrara o individui simili), per non parlare ovviamente di un comunicato in rete.

E' ovvio che non tutti quelli di noi che sono tentati di andare a un talk-show sono in malafede, vogliosi di stare sotto un riflettore; molti saranno semplicemente convinti in perfetta buona fede di poter tenere testa a macchinari simili e portare a casa un buon risultato.

Spiace, ma - se non sono altrettanto professionisti di chi altro viene coinvolto nel contraddittorio, a cominciare dal conduttore, che di norma è tutto meno che imparziale - si illudono; di brutto, purtroppo: l'entusiasmo non basta e, in casi come questi, finisce col nuocere gravemente alla salute (del Movimento).

Alberto Rizzi 09.05.12 20:46| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |Rispondi al commento

io devo dire che ieri sera, proprio perchè era presente il candidato m5s, mi sono fermato a guardare quella specie di trasmissione, e mi sono anche divertito. comunque anche io sono del parere che è meglio evitare !

rally0 09.05.12 20:45| 
 |Rispondi al commento

Quando era Grande Capo Culo Flaccido a ordinare ai suoi scherani di non partecipare al "Raggio verde" di Santoro, non ricordo un solo giornalaio a stracciarsi le vesti per questo. Andate a vedere cosa diceva Pasolini intervistato da Enzo Biagi: il rapporto dell'ascoltatore nei confronti di chi parla in televisione è "spaventosamente antidemocratico". A parte questo, il Movimento è nato in rete, in rete si sta diffondendo e sta avendo successo senza doversi confrontare con la gentaglia che infesta il parlamento. Quoto Arthur Bloch: "Non discutere mai con un idiota: la gente potrebbe non notare la differenza".

http://www.youtube.com/watch?v=A3ACSmZTejQ

Davide Busetta 09.05.12 20:44| 
 |Rispondi al commento

Ciao a tutti e complimenti a chi si é messo in gioco, invece di stare bello comodo in poltrona, ed ha ottenuto simili risultati.
Per quanto riguarda la mediaticità, io starei a sentire cosa dice il nostro Grillo per alcuni semplici motivi:
- egli conosce la tv e sa come viene preparata a dovere ecc.
- egli ci ha portato fino qui, grazie a ciò che sa e che ha avuto il coraggio di dire al mondo
- egli, per mio conto, rappresenta una sorta di saggio incazzato.

Il mondo mediatico é pilotato da squali della politica, é meglio non farsi coinvolgere e vivere nella coerenza.
Ciao a tutti e grazie.

matteo pochettini 09.05.12 20:43| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Vedo che molti concordano con Beppe sul tema e su questo non ci vedo niente di male, ognuno ha diritto alla propria opinione giusta o sbagliata che sia. Ma qui stiamo dicendo altro: stiamo dicendo che se un esponente del movimento non si allinea a QUELLA opinione può considerarsi FUORICAMPO. E siccome lo dice Beppe via con una sequela di "Sissignore". Bene, qualcuno mi spiega in base a quale regola interna un esponente che si fa il mazzo e raccoglie i voti dovrebbe essere buttato fuori senza che voi paladini del motto UNO VALE UNO abbiate il benché minimo dubbio che sia la cosa giusta? In cosa ragionando così siete diversi dall'elettore leghista che inneggiava alla cacciata dei giornalisti da questo o quel raduno a colpi di "fora di bal" bossiani? Per essere così orgogliosi della vostra diversità dall'elettore medio, così ostinatamente acritico, assuefatto, omologato e per ciò facilmente cooptabile dalla politica dei furbi, mi sembrate un po' troppo facilmente omologabili a vostra volta. Spero davvero di sbagliarmi, per voi e per me.

Gabriele M., PRATO (PO) Commentatore certificato 09.05.12 20:40| 
 |Rispondi al commento

caro grillo ho notato parlando con persone che la fascia da 40 anni e su conosce grillo come antipolitico ma veramente non conoscono le basi di cio che veramente vuole il movimento 5 stelle cioe la vera democrazia dei cittadini appartengono alla fascia dei non votanti e condizionati dalle tv di partito ma purtroppo per raggiungere e fare conoscere a queste persone bisogna per forza andare alla tv solo per spiegare le basi del movimento almeno a rai 3 e la 7 e dovrebbe essere obiettivo ora in avanti di fare conoscere cio che si vuole fare

pierbaldo 09.05.12 20:38| 
 |Rispondi al commento

Sono daccordo con Grillo, in questo momento non è utile accomunarsi alle mummie.

Michele Grieco 09.05.12 20:36| 
 |Rispondi al commento

Mi permetto di esprimere il mio parere:niente tv,niente santoro,niente travaglio,niente manifesti.
Devo compiere 50 anni e non sono bravissimo al pc ma sto imparando,possono imparare un pò tutti e per avvicinarsi al M5S è un piccolo sforzo in confronto a quello di chi è maggiormente coinvolto.Però la rete è democrazia e libertà,la tv è mistificazione:presentatori iperpagati e quindi sensibili al denaro,pubblico che applaude a comando,argomentazioni idiote,esaltazione della propria persona,nessuna vera conclusione.Il m5s ha un programma di base chiaro e preciso ed è la sua forza.Gli altri parlano,parlano e la gente non li vuole più sentire nè in strada nè in tv.

gianlugi d. Commentatore certificato 09.05.12 20:34| 
 |Rispondi al commento

Salve a tutti,
sono piacevolmente sconvolto dal successo di Beppe Grillo ma lui è solo un front-man, un comunicatore, in sostanza lui comunica in maniera magistrale i problemi, le difficoltà della società.
Secondo me, per il momento Beppe può solo scuotere i partiti ma non potrà mai sostituirli del tutto.
Mi spiego meglio:
-Il movimento 5 stelle è un movimento non è un partito strutturato dunque manca la componente ideologica ciò che lega tutti i partiti che fin d'ora si sono affacciati sul panorama politico.
Ciò che lega queste persone sono essenzialmente le idee (guarda il significato delle 5 stelle).
-Un altra componente è la rete, la connessione, la condivisione in tempo reale delle notizie
-Beppe è colui che fa da cassa di risonanza e ponte tra il vecchio e ciò che verra

Ciò che manca al movimento di Grillo è sostanzialmente una piattaforma che permetta di decidere con un click questioni che ora demandiamo ai nostri rappresentanti.
Se riflettete bene, eliminando la componente ideologica i partiti sarebbero tutti uguali e difronte ad un problema essi lo risolverebbero con il miglior beneficio nei propri confronti.. però con la rete si accorciano le distanze e anziché far prendere decisioni per noi da persone che ci rappresentano le prendiamo noi direttamente, in maniera tale da accorciare le distanze e avere una vera democrazia diretta...
Adesso il problema è quello di strutturare i problemi e cercare soluzioni condivise, per questo penso ad una piattaforma dedicata per esempio Facebook è un modello a cui ispirarsi ma servirebbe la cittadinanza digitale.
In sostanza mi pare ottimo il contributo di Grillo ma se non è supportato da una "piattaforma decisionale" rischiamo di demandare le nostre scelte a perfetti sconosciuti...

Mino 09.05.12 20:32| 
 |Rispondi al commento

D'accordissimo! Fuori dalla televisione spazzatura dei vari Floris amici della Polverini e di Alba Dorata, affabulatori mercenari, il M5S deve rimanere pulito dal contatto con questa teppaglia, del resto siamo andati avanti per anni solo nel web e questo è il risultato, per cui attenti alle sirene tentatrici che vogliono omologare il MoVimento ai partiti ladri e mafiosi, via dalla televisione è meglio continuare così!

Daniele P., Granarolo dell'Emilia Commentatore certificato 09.05.12 20:29| 
 |Rispondi al commento

sono in totale disaccordo, se ci si vuole confrontare lo si fa in tutti i luoghi in tv nelle piazze non si accettano diktat ne da grillo, ammesso che li faccia ne da nessun altro il movimento è "libertà e partecipazione".

PAOLETTO SECHI 09.05.12 20:28| 
 |Rispondi al commento

La TV è utile , però al momento pre elettorale , per far conoscere chi si candida per far vedere volti nuovi e puliti , però ha ragione Beppe quando dice che è piena di insidie , ma perchè anzichè andare da soli non andare come delegazione del M5S , compresi i tecnici che aiutano il M5s a stilare il programma, se li battiamo nel loro terreno per i partiti sarà presto la fine .

francesco caboni 09.05.12 20:27| 
 |Rispondi al commento

ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO, niente trasmissioni televisive con i soliti noti ma interviste alle Tv locali per arrivare a chi non usa internet|

emanuele c., aprilia Commentatore certificato 09.05.12 20:25| 
 |Rispondi al commento
Discussione

rincorrere i giornali e le televisioni, tutti allineati, perchè finanziati dallo stato, significa essere manipolati da "giornalisti", esperti servi e lacchè del potere. sono completamente d'accordo non solo a non partecipare ad alcuna trasmissione televisiva, ma ad impegnarsi concretamente per boicottarne la visione. spegnere la televisione quando appare vespa, santoro o altri è cosa buona e giusta.

giuseppe morra 09.05.12 20:24| 
 |Rispondi al commento

voi dite?io invece credo che senza le interviste di paragone,della 7 , di Santoro ecc...non saremmo andati cosi' bene
non dimenticate che siamo il paese dove la gente non ha internet ma guarda la TV... abbiamo fatto v day con un casino di successo eppure le % erano statiche...poi via il blocco berlusconi-ano ,la tele inizia a far vedere chi e' il mov 5 stelle e la gente lo paragona e lo vota...siamo realistici.gli italiani non si informano se l'info non gliela porti sotto casa.
ok la rete e' il futuro ma noi siamo in italia dont forget

corrado formilgio 09.05.12 20:21| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Se siamo un movimento è ora di dimostrarlo. Personalmente non ritengo che andare nei salotti televisivi a discutere di un fatto accaduto sia producente e utile. Invece ritengo che andarci prima di una chiamata alle urne per presentare il programma e per far capire anche alla casalingha di Voghera che non siamo alieni ma gente seria e capace, abbia la sua importanza. QUINDI PENSO CHE L'UNICO MODO DEMOCRATITO per decidere la giusta via sia il voto di tutti coloro che condividono la stessa linea di pensiero anche se con sfaccettature diverse. La maggioranza vince e così sia. Tutto il resto è dittatura. Inoltre penso sia ora di mettere in piedi uno strumento in rete per dare la possibilità al movimento di essere completamente interattivo ora che le decisioni da prendere saranno sempre più frequenti e difficili. Ultima cosa, dissentire è corretto ma tutti dobbiamo remare nella stessa direzione altrimenti è finita prima di cominciare.

Giulio Donadello 09.05.12 20:14| 
 |Rispondi al commento

Ho sentito in rete l'intervento dell'esponente del m5s di genova in tv e devo dire che mi ha lasciato la sensazione del solito chiacchiericcio tv in cui ognuno deve avere per prima cosa una specifica etichetta.Purtroppo questi politici ormai son solo animali da palco-tv ed hanno una tecnica di distrazione dalle questioni centrali notevoli. Il Fassino ha scaricato le cause del successo del m5s tutta sulla crisi economica salvando in pratica se stesso (non è emerso per niente invece che i cittadini sono incazzati con questa classe dirigente semplicemente perché ci costa un botto, ha dimostrato di non essere capace ed è sempre la stessa da 30 anni!)e facendo una reprimenda da vecchio trombone sulla incapacità di ascolto del m5s( pensa te!). Ma veramente ormai hanno una tale faccia da culo che una persona normale (come il candidato di genova)rimane come disarmato ed in balia delle loro argomentazioni fumose . Solo uno come Beppe potrebbe smascherarli a dovere anche se sarebbe inevitabile la solita rissa tv. Quindi tanto vale starsene a casa e lasciarli parlare tra loro mentre calano gli ascolti

giuseppe t., roma Commentatore certificato 09.05.12 20:13| 
 |Rispondi al commento

Basta con questa idea di andare in TV!
Ma di cosa abbiamo paura? Non avete capito che l'analisi fatta da Beppe sui partiti che stanno per liquefarsi è realtà! Non serve andare in TV e non serve spiegare alcunché ai giornalisti-conduttori leccaculo di questo o quel partito, ne serve parlare e confrontarsi con i morti del passato ! La TV ha come target una vasta fetta di popolazione, ma noi dobbiamo essere diversi nel metodo e farne a meno. Facciamo in modo di incontrare le persone come fossimo ancora in campagna elettorale. Attiriamo fuori dalle case la gente per spiegare il nostro programma, così facendo renderemo anche inefficace lo strumento principale di manipolazione che è ancora in mano a questa feccia di politica! Con la TV questo potere ha imperato per 50 anni. Lasciamoli ancora qualche mese da soli a blaterare dentro quel malefico schermo! Niente trappole in TV! Noi siamo diversi! Beppe ha ragione da vendere !
Grazie Beppe !

LORIS B., MESTRINO Commentatore certificato 09.05.12 20:09| 
 |Rispondi al commento

Sono assolutamente d'accordo, fuori dalle TV. In questo momento dovete capire che le trasmissioni Tv sono trappole per ognuno di voi. Nessuno di voi ha l'esperienza politica per tenere testa a chi da anni di mestiere "partecipa ai talk show".
La vera novità di questo Movimento è la Rete, si caratterizza per quello, ha una precisa strategia comunicativa sul piano politico. Usate quella!!! Il M5S è la vera novità politica del momento, non solo in Italia, abbiate fiducia in quello che state costruendo, a distruggere questi "cartoni animati" ci penserà Monti, state tranquilli. Soprattutto, attenzione alle manie di protagonismo, comprensibili per il risultato elettorale, ma pericolosissime.

Paolo Stefanì 09.05.12 20:07| 
 |Rispondi al commento

Con tutti i limiti che sono riconoscibili nei nostri giornalisti, Marco Travaglio compreso, ritengo non tanto un errore non partecipare ai talk show politici ma una cosa inaccettabile.
Sono una persona che per il mestiere che faccio conosco la rete e le tecnologie informatiche molto più della media, conosco per passione la politica da più di trentanni e da venti molto bene quella americana.
Mi piacerebbero in Italia trasmissioni come quelle americane della MSNBC, Rachel Maddow Show, Last World, Hardball, The Daily Roundown, Morning Joe in cui i discorsi traggono fondamento dai "fatti" (records). Beppe guardali e impara: http://blog.livenewschat.tv/rockinroosters/.
Mi piacerebbe che i rappresentanti del MoVimento 5 Stelle inchiodassero i conduttori a questo stile, che presenti impedissero che i politici e i giornalisti lascino cadere le domande senza avere una risposta. Qualcuno ha mai visto Jeremy Paxman della BBC?
Mi piacerebbe che il MoVimento fosse più indipendente da Beppe che non vorrei diventasse una sorta di padre padrone del MoVimento. È giusto e necessario sentire la voce anche degli altri non solo la sua anche in televisione. Non credo che sia l'unico che conosce e capisce la televisione e nemmeno l'unico che capisce tutto e lo spiega agli altri.

Andrea Tamponi 09.05.12 20:03| 
 |Rispondi al commento

titolo dei giornali di domani:"l'editto bulgaro di grillo"

gino calzolaio 09.05.12 20:00| 
 |Rispondi al commento

Per favore, è una preghiera, anche se lo spirito del movimento non è questo: non fate girare per le trasmissioni il candidato di Genova (convincendolo ovviamente). Ho visto due apparizioni in trasmissioni diverse e sono scandalose. Dopo averlo visto mi è venuta voglia di votare PD e credevo fosse impossibile. Non è una questione se sia giusto che si vada nelle trasmissioni ma almeno se ci vai dovresti fare la differenza e far capire di essere differente in maniera decisa. Poi si potrebbe prospettare un altro scenario: non è che la mania di protagonismo fra qualche anno si traduce nella migrazione in un partito? Mah...FERMATELO!!!! :-))

Gianni Melis 09.05.12 19:57| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Chi si mescola nel teatrino televisivo travestendosi da clown mediatico gesticolante ed urlante soffre di protaginismo e di edonismo reganiano pertanto
va' bandito dal movimento.
Il confronto deve essere culturalmente pubblico nei congressi,nei convegni, nel blog e nelle piazze per il popolo e con il popolo.

francesco fazio 09.05.12 19:56| 
 |Rispondi al commento

megalomania,esaurimento,pregiudizi...anche Beppe e' umano.Fa e dice cazzate come tutti noi.
E poi vete visto l'intervista di sua moglie su la 7?la pensa abbastanza diversamente da lui, quindi avrà' anche i suoi problemi ...piatti che volano,niente sesso ecc.

l'importante e' che il mov5 stelle ha sfondato...sono felice , unica sfiga , le citta' come la mia dove le elezioni sono avvenute prima dei bungabungafukushimatesorierisputtanamineto .

gino panettiere 09.05.12 19:51| 
 |Rispondi al commento

Ma c'è ancora qualcuno che guarda i talk-show politici? Bisogna essere proprio dei masochisti per vederli. Sono stati inventati per distogliere l'opinone pubblica dai problemi della gente focalizzando artatamente l'attenzione su altri episodi, meglio se di tipo gossip. In più offrono vetrina ai dinosauri che vivono di politica da quando sono nati. I conduttori si fingono giornalisti, ma poi si rivelano servitori. Pongono domande filtrate e non pressano mai l'interlocutore, anche se questi è in netta contraddizione. Sono la controfigura comica di Littermann, non ne valgono nemmeno un'unghia. L'unico che tenta un giornalismo alla anglosassone è Santoro (non perfettissimo), tanto è vero che per continuare ha dovuto inventarsi qualcosa di nuovo.

Armando Guerra 09.05.12 19:48| 
 |Rispondi al commento

Capisco lo sfogo di Beppe. Ha tutte le ragioni possibili e immaginabili anche perchè come tutti sappiamo il difficile viene ora e il rischio di omologarsi alla vecchia politica c'è, ed è serio.
Andare in TV non sempre è una cosa giusta ma credo che se una persona ti chiama perchè vuole sapere che idea hai per il tuo paese per cui ti sei candidato è giusto rispondere. Credo invece sia sbagliato essere in televisione dal lunedi al venerdi in continuazione solo per fare un po' di show televisivo.
Credo che questo problema è importante affrontarlo oggi anche perchè fra un po' ci dovremo raffontare su scala nazionale e le divisioni non fanno bene.
Ultima cosa: facciamo di piu' per il SUD. La raccogliamo poco non perchè la gente non condivide le nostre idee ma perchè non ci siamo e il SUD ha proprio bisogno del movimento 5 stelle.
Comunque non so voi ma è la prima volta in vita mia che sono convinto di credere in qualcosa di giusto.....CIAOOO

gregory 09.05.12 19:45| 
 |Rispondi al commento

beppe ha ragione non bisogna andare in queste trasmissioni e mettersi alla pari con quei vecchi cialtroni che sono li da 40 anni e che hanno indebitato(e continuano)il nostro paese.Magari l'intervista singola va piu che bene.Per quanto riguarda il giorno che andremo a votare per le politiche l'unica cosa che dobbiamo fare è ampliare e migliorare il programma che a mio modo di vedere ha qualche lacuna soprattutto per quanto riguarda il lavoro.

alessio agricoli Commentatore certificato 09.05.12 19:43| 
 |Rispondi al commento

Buonasera, sono in totale accordo con Grillo. Esponendosi mediaticamente, nella stessa identica maniera dei politici vecchio stampo; prima o poi i telespettatori, inevitabilmente, inizierebbero ad accostare tutto il movimento agli altri partiti.
La politica dei fatti; con queste congiunture, e' certamente quella che paga meglio. I nostri politici, per anni, non hanno fatto altro che sedere le poltrone dei vari Vespa, Mentana ecc. ecc., trasformando la politica in un vero e proprio t.show. Il problema, e' che quando questi avevano da applicare gli intenti proposti nelle varie tv, preferivano sollazzarsi e mangiare soldi agli italiani creando debito pubblico. Attenzione amici del movimento, se il vostro intento primo, e' emulare i politici di casa nostra; cadrete con la stessa velocita' con la quale siete arrivati alla ribalta. La politica, nasce per organizzare il sociale, ordinare strutture e infrastrutture, produrre ricchezza e servizi per il paese e non per mangiarsi gli stipendi da parlamentare. Beppe, questo e' il momento della scrematura, son certo adotterai la politica dei fatti, perche diversamente, tu per primo, ti troveresti a dover incendiare anni di sacrifici. Tieni duro.

Marco Tullio Santella, Napoli Commentatore certificato 09.05.12 19:40| 
 |Rispondi al commento

caro Beppe, il tuo diktat ha qualcosa di minaccioso. E' probabile che tu abbia ragione nel merito, ma è certo che hai torto nella forma. L'arroganza è una prerogativa dei politici di professione; tu Beppe, l'anti-politico per eccellenza, dovresti a mio parere rispettare le scelte dei candidati (che poi non sono così sprovveduti come si vuol far credere in questo blog), anche quando non le condividi. Quanto al merito, io capisco (e in astratto condivido) il tuo punto di vista, ma lo trovo pericolosamente elitario: nessun movimento può andare molto lontano se non riesce a raggiungere la casalinga di Voghera, perchè è lei che decide chi vince e chi perde in qualsiasi elezione. Il movimento è nato in rete ma in rete morirà, se rifiuta ostinatamente di contaminarsi con lo sporco mondo esterno: la casalinga di Voghera non naviga in rete, il suo strumento di informazione è la TV.

guido rizzi 09.05.12 19:34| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Carissimi Beppe Grillo, attivisti ed aderenti al "movimento 5 stelle".In questa Vs/Ns. campagna elettorale per le amministrative ho avuto modo di apprezzare a(CASELLE TORINESE) l'esposizione più che convincente di Beppe Grillo ed ho letto il programma del movimento. Sono un recente ma convinto Vs. sostenitore (deluso da tutti gli altri partiti). Vi prego : non partecipate ai "talk-show" in TV: ieri a "Ballarò" e stamane 9 maggio a"omnibus la Sette".Parliamo e lavoriamo per i cittadini onesti: non facciamoci coinvolgere dal marasma fazioso di Giornalisti " a servizio" : manteniamoci una "verginità" politica, come ha detto qualche giorno fa, proprio Beppe Grillo.
Se vi confermerete saggie prudenti, il movimento
"5 stelle"crescerà di giorno in giorno. Da Ciriè, mando un abbraccio al Ns. Beppe! grazie per quello che fai!finalmente la "casta" si dimena!
Auguri e buon lavoro, Bruno

bruno belletti 09.05.12 19:34| 
 |Rispondi al commento

Ho letto tanti commenti a favore di Grillo.
Mi chiedo solamente come si possa conciliare la grande voglia di democrazia che, grazie al M5S e al suo grande risultato, è andata alla ribalta e la chiusura minacciosa di Grilo stesso nel suo messaggio. Mi chiedo come si possa tollerare un'ingerenza del genere in un movimento che sento libero e vicino ai cittadini. Boh.

Marius 09.05.12 19:32| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |Rispondi al commento

A prescindere dalla realta', comprensibile, che un talkshow, specie in Italia e sulla tv nazionale, offra (dove piu' evidente, dove meno) un servizio scadente al dibattito politico, essendo i giornalisti (dove deliberatamente, dove meno) incapaci di guidare le discussioni in maniera costruttiva, rimane incomprensibile un diktat di queste proporzioni su un aspetto di forma e non di sostanza.

Si questiona il solo fatto di apparire in un certo contesto, a prescindere di cosa si sia detto, o si sarebbe voluto dire.
La circostanza che i partecipanti siano stati, come dire, poco incisivi, incapaci di rispondere a tono a domande faziose, insomma sbarbatelli, indubbiamente pesa non poco sul giudizio della piazza.

Sarei curioso di sapere che commenti vedremmo oggi se uno di questi ragazzi fosse stato in grado di rifilare qualche gancio (verbale) a qualcuno di quei cosiddetti 'cadaveri'.
Probabilmente tra qualche tempo verranno date anche indicazioni su che tipo di abbigliamento indossare, perche' qualcuno che di comunicazione e' piu' esperto conosce le implicazioni del gilet e del papillon sulla base elettorale del Movimento.

Ma dato che queste sono opinioni, e come si dice, ogn1 vale 1, consiglio ad ogn1 di leggere il primo paragrafo del "programma" del Movimento al capitolo "Informazione", immaginando che ognuno trovera' i suoi spunti di riflessione, leggendolo d'un fiato dopo il post qui commentato.

Come chiosa, osservo che un programma si attua in democrazia e in politica mediando con interlocutori che hanno raccolto altro consenso elettorale. Senza il rispetto (meritato o meno, e' irrilevante) di questi interlocutori, non una sola riga di quel programma diventera' reale. E ad anni da oggi commenteremo risultati inesistenti di tutto questo polverone.
Ma voi non badateci, confidenti del 51% delle preferenze non avrete mai bisogno di questa inutile arte del compromesso e il bene trionfera' su Omicron Persei 8 mentre dal pianeta Terra vi faranno ciao con la manina.

Antonio Bisonte 09.05.12 19:28| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Concordo con Grillo. Ieri il rappresentante M5S a Ballarò era un po' penoso, ma non per quello che diceva (era un po' moscio) ma piuttosto per il contesto in cui si è ficcato, senza peraltro bastonare quando poteva.
Meglio il web, meglio i fatti. La TV è veleno.

stefano casula 09.05.12 19:28| 
 |Rispondi al commento

"GRAZIE"GRANDE BEPPE!!!
NIENTE TALK SHOW,
MA QUANDO MAI è EMERSO QUALCOSA DI BUONO DA UN TALK SHOW? SOLO SEMPRE BUFFONATE E BUFFONI! .
CREPASSERO!!!
FORZA BEPPE !! TU VEDI MOLTO LONTANO.
FORZA MOVIMENTO 5 STELLE

Mario DE GASPERIS, roma Commentatore certificato 09.05.12 19:25| 
 |Rispondi al commento

Beppe, ma nel caso, augurabile, che anche Pizzarotti diventa sindaco, come già è avvenuto per Castiglion, come potranno sottrarsi agli inviti, partecipazioni o concedere interviste alla TV? Si può evitarlo? Vorrei sapere la tua opinione.

carmen r., varese Commentatore certificato 09.05.12 19:23| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti,
io non so come faccia a prevedere tante cose ma poi ha sempre ragione.
Io sono uno di quelli che condivide il fatto che i candidati eletti con il M5S possa apparire in TV proprio come tanti diciamo per far "conoscere" il programma o chi siamo a quelli che purtroppo non conoscono ancora internet; però come in ogni cosa c'è un PERO'; devo dare atto che ha ragione Beppe e non lo faccio per "strusciarmi" ma perchè ho notato che veramente malinformano (vedi Matrix) quello che è l'IDEA che accomula tante persone a questo Progetto di una società diversa da quella che siamo diventati.

Io nel mio piccolo lavoro sul conversare e raccontare le cose che fanno nel M5S perchè si possano manomano avvicinarsi e incuriosarsi al M5S; poi spetta come è successo a me andare ad informarsi con più chiarezza su internet, invogliare alla ricerca di questo mezzo di informazione che è meraviglioso.

http://www.youtube.com/watch?v=TsU5rEv0XwE

Finisco con una battuta di De Franceschi consiliere regionale dell'Emilia Romagna alla giornalista Lilli Gruber: "a voi girnalisti interessano più le domande che le risposte" GENIALE.

Francesco Leandri (Marino) 09.05.12 19:21| 
 |Rispondi al commento

Non è il Movimento che deve andare a farsi vedere nei talk show per ottenere consensi. Sono i cittadini "esasperati" dalla vecchia politica che hanno il compito di cercare il Movimento e di sbattersi per trovarlo. Il Movimento è iniziato così ed è sempre nadato avnati così. Il talk show non è fare politica. E' caos. Il banchetto nelle piazze è fare politica. E la gente, al banchetto si avvicina se lo vuole. A breve , quelli del PDL faranno dei banchetti con le ruote per inseguire le persone, pur di raccattare voti.

mirko isoli 09.05.12 19:20| 
 |Rispondi al commento

Eh, caro Grillo, è il (giusto) prezzo da pagare se si vuole andare al potere. Pensavi davvero che bastasse solo mandare tutti affanculo, comunicando attraverso il proprio blog? E così ti toccherà partecipare ai talk show, anche se dovrai fare lo sforzo di turarti il naso.

Udovicich 09.05.12 19:20| 
 |Rispondi al commento

Io sono entrato nel MoVimento sicuro che certe ca22ate non si sarebbero fatte.....poi fate voi.

Francesco A., reggio emilia Commentatore certificato 09.05.12 19:19| 
 |Rispondi al commento

Bene Beppe.
Adesso il pericolo consiste nel duplicare la Lega della prima ora.
Stai attento ed evita i media se non gestiti dal movimento stesso.
Ad Maiora !
Sandro

sandro morganti 09.05.12 19:19| 
 |Rispondi al commento

secondo me ci sono programmi e programmi.tipo ballarò,ultimaparola,sono pragrammi fatti per mettere in difficoltà i nostri.se invece un tg vuole intervistare un nostro sindaco o candidato non ci vedo nulla di male

goledi francesco 09.05.12 19:19| 
 |Rispondi al commento

Andare a Talk show è come mettersi a parlare con un CRETINO: "Prima ti fa SCENDERE al suo livello e poi ti BATTE in esperienza" !!! Per cui che continuino gli altri a cucinarsi nel loro brodo. Siamo arrivati a questo successo senza la TV ( che quando andava bene ci prendeva per il culo )e SENZA la TV dobbiamo continuare !!

Mauro Milani 09.05.12 19:17| 
 |Rispondi al commento

Sono Stra d'accordo!!!!

Non includerei però le interviste, secondo me queste possono essere un mezzo per arrivare a chi internet non lo usa, penso ad esempio ai più anziani.

fabio m. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.05.12 19:17| 
 |Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo nell'evitare i talk show, mentre le sfuriate di Beppe che ho visto da Santoro sono una goduria. Da qui al 2013 ne vedremo ancora delle belle.

Dino C., Belluno Commentatore certificato 09.05.12 19:11| 
 |Rispondi al commento

Che vuol dire scelta di campo? Di quale campo si parla? Che bisogna evitare di omologarsi è scontato ma perché questo timore? Io sono più per allargare gli spazi di comunicazione delle idee del M5S senza temere confronti. Mica tutti hanno internet.

Raffaele C., Roma Commentatore certificato 09.05.12 19:11| 
 |Rispondi al commento

Io penso che a lungo andare sia controproducente continuare evitare i talk show. Se e' vero che possono essere trappole, evitare di affrontare questi confronti non fa altro che incoraggiare quelli che dicono che il movimento non vuole dialogare. Inoltre, il diktat cui cui chiudi questo post, Beppe, mi ha fatto un po' irrigidire. Secondo me ci vuole una discussione a riguardo all'interno del movimento, e semmai preparare bene coloro che volessero andare a questi show.

Marc Sarzi, Oxford Commentatore certificato 09.05.12 19:11| 
 |Rispondi al commento

Ha ragione beppe non bisogna andare dai volponi di lungo corso, in tv ci si va dopo aver vinto le nazionali ma ad appropriarci di quello che ci hanno tolto sino ad oggi "la verità".Certo che hanno una bella faccia tosta quei politici che siedono da trent'anni su quelle sedie a predicare ancora cazzate. Avete letto Antony perkins Cartagirone azzurro "Casini" che ha detto ieri, che sul M5S ce da pensare, mo pensa pure, andiamo bene allora se si mette a pensare pure lui, che volete da me quel "politico" quando parla mi fa ridere, pare che è appena sceso da una navicella proveniente da marte o da qualche altro spazio siderale ma dove è stato sino adesso?
Grazie.

anna crisci 09.05.12 19:07| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Credo ke Beppe ha ragione su questo, ora ke il M5S è una realtà nazionale e i partiti sono letteralmente terrorizzati, col loro potere economico cerkeranno in tutti i modi d creare una sorta d quinta colonna nel nostro movimento, quindi dobbiamo evitare ke c siano i nuovi Razzi e Scilipoti e x riuscirci bisogna essere duramente intransigenti. Ki si candida o milita in qualsiasi modo x questo movimento DEVE attenersi alle regole interne dettate da ki c fa da megafono e c mette la faccia, Beppe Grillo!!! A ki nn gli sta bene può sempre dimettersi e iscriversi in altri partiti, ke x il momento sono ancora "in vita" :D!!!

Roberto M., Formia Commentatore certificato 09.05.12 19:07| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Concordo in buona parte con Beppe, purtroppo il nostro sistema mediatico è in mano alla politica "tradizionale" e pochi di noi hanno la capacità e soprattutto la scaltrezza/cattiveria dei baroni della politica-spazzatura a cui siamo abituati, bisogna farsene una ragione.

É vero però che non è facile cancellare 40 anni di cultura televisiva italiana di botto, e nel momento in cui si comincia ad aver sucesso è in parte naturale che gli attuali attori dello scenario politico vogliano "saggiare" il movimento con i propri "occhi"... certamente per trovare una qualche debolezza da sfruttare ma in talune occasioni anche per sincera curiosità.

Al netto dei pro/contro però, almeno per adesso, penso abbia più ragione Beppe... i sondaggi che ci danno al 15% scataneranno nel breve una tempesta sul mov5s dal momento che TUTTI cercheranno di mantenere lo status quo o comunque limitare i danni e non si risparmieranno colpi bassi, vederete... per cui non diamogli la possibilità di screditarci attraverso le loro macchine del fango.

L'unica cosa a cui starei attento però, è che non si diffondesse l'idea che non vogliamo farci vedere in TV per snobbismo o perchè "ci riteniamo migliori di tutti" o sciocchezze del genere che comunque avrebbero un effetto molto negativo in generale, quindi farei in modo che si sappia che non lo facciamo perchè NON crediamo nell'affidabilità dei nostri media e siamo semplici cittadini che non ritengono di doversi confrontare attraverso questi strumenti (la TV e relativa "dialettica").

Piergiorgio Beruto 09.05.12 19:06| 
 |Rispondi al commento

sono d'accordo con beppe, il movimento non ha bisogno di confrontarsi con le politici che sembrano delle mummie.

lombardi leonardo 09.05.12 19:06| 
 |Rispondi al commento

Sono d'accordo con Beppe Grillo.
I programmi politici in tv hanno stomacato perchè sono falsi, costruiti a regola d'arte per creare o smontare miti a seconda del vento e degli interessi.
Chi vuole fare politica pura e semplice non ha bisogno di farsi intervistare dai lacchè.
Faccia una buona politica e basta, quello è il suo compito.
Iniziamo a togliere il cibo ai porci e vedrete che pian piano spariranno o torneranno a fare del buon servizio pubblico.
Tutto durerà di più e forse negli anni avremo una classe politica seria e pulita e non quel gazzabuglio di pagliacci e disonesti che tutto il mondo deride.

Alberto Pagani, Piove di Sacco (PD) Commentatore certificato 09.05.12 19:04| 
 |Rispondi al commento

per carita' ragazzi non andate ai talk show...sono pienamente daccordo con Grillo...il m5s non ha nulla da spartire con quella gentaglia..facciamoci conoscere sul territorio..in rete.. alla prossime politiche scompariranno

SANTE FARINELLI, perugia Commentatore certificato 09.05.12 19:03| 
 |Rispondi al commento

D'ACCORDO AL 100%!
NON DOBBIAMO CONVINCERE NESSUNO, OGNUNO DEVE CONVINCERSI DA SOLO DELLA BONTA' DELLE IDEE DEL MOVIMENTO altrimenti CHE CONTINUI PURE A VOTARE I POLIMAFIOSI DI SEMPRE!

pillolo 09.05.12 19:02| 
 |Rispondi al commento

Si ma mia nonna come fa a conoscere il movimento 5stelle? e neanche mia mamma e mio papà usano mai internet ma ogni tanto guardano (più che altro si addormentano) santoro o la7.

Piuttosto i movimentisti dovrebbero strappare delle garanzie prima di partecipare, per esempio di avere il tempo adeguato ad esporre il proprio pensiero e non essere interrotti

valerio 09.05.12 18:58| 
 |Rispondi al commento
Discussione

Bravo Beppe !a tuo sostegno ove mai ne avessi di bisogno cito l indegno Fassino che con la sua bonomia apparente da ex chierichetto definisce il m5s "radicale" aBallaro.penso proprio che lo fa con malizia per intimorire un pubblico incerto o timoroso :e' forse il m5s per il razzismo o l antisemitismo o la pena di morte o altro ? Non credo proprio ! Mezzucci veramente miseri come la sua faccia pietosa quando chiede di finire di fare un "ragionamento ". Ma va la' ...mi viene da dire ! Sul presidente col suo sarcasmo a proposito del boom e il ministro cancellieri per altre perle .......manco commento penso solo che avrebbero il dovere di compiacersi per la nascita di movimenti certamente DEMOCRATICI invece di difendere la partitocrazia

Domenico De simone 09.05.12 18:55| 
 |Rispondi al commento

Premetto che condivido l'opinione, sottolineo l'opinione, di non partecipare ai talk show per ragioni immediatamente intuibili: ineseperienza a parlare davanti a milioni di spettatori, conduttori prevenuti (eccetto Santoro), intelocutori smaliziatissimi e feroci. Ma che modo è questo di affermare un'opinione? L'intimidazione! Chi partecipa ai talk-show da questo momento in poi fa una scelta di campo? Quale scelta di campo fa? Cosa succede se disobbedisce o autonomamente decide che è più opportuno partecipare? Viene espulso? Viene esposto al pubblico ludibrio? Che modi sono questi? Come si può pensare che la gente dopo 15 anni di pensiero unico di un pervertitore della democrazia possa avvicinarsi ad un movimento nel quale è solo uno che decide e che comanda e non ammette il contradditorio? Cosa succederebbe o cosa succederà al primo sindaco M5S di un comune? Deciderà per i suoi cittadini interpellando preventivamente Beppe Grillo volta per volta? E se si trovasse ad avere idee diverse su determinate scelte e credesse di fare, a ragione o a torto, l'interesse dei propri cittadini (tutti i cittadini non solo chi lo ha votato), sarebbe ritenuto colpevole di lesa maestà? E di nuovo, verrebbe espluso o esposto al pubblico ludibrio? Non mi piace per niente questo scivolamento verso derive di cui non sentiamo proprio la nostalgia. Le idee si confrontano, non si impongono. In alcuni casi è meglio non partecipare ai talk-show, in altri potrebbe essere utile farlo. Un uomo pubblico, e tale è chi viene eletto, deve poter andare a confrontarsi pubblicamente dove cazzo ritenga opportuno farlo. Stiamo parlando di amministratori pubblici, sottolineo pubblici. Poi mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse cos'è accaduto a Palermo per la conferenza stampa di presentazione della lista M5S, decisa dallo staff di Beppe Grillo e della quale Nuti (candidato Sindaco) non sapeva nulla e la pantomima che ne è seguita. Sono queste le cose che rischiano di tarpare le ali al M5S

Alessandro Collura, Palermo Commentatore certificato 09.05.12 18:55| 
 |Rispondi al commento
Discussione

vi invito a guardare su youtube
"Pasolini sulla televisione di massa"

Interessante da leggere è la
"Filosofia del Rifiuto" di Flaiano.

Coglie in pieno le ragioni di Beppe.

alessandro blasi Commentatore certificato 09.05.12 18:54| 
 |Rispondi al commento

Se Pizzarotti in questi 15 giorni non andasse alle trasmissioni televisive locali a presentare il nostro programma, come potrebbero i tanti anziani, le persone che non hanno internet o che non usano il computer farsi un'idea precisa e appoggiarci al ballottaggio? A mio modo di vedere il ballottaggio è il momento in cui si deve "conquistare" chi NON ti ha votato. Se però alle persone non si parla e non si spiegano i nostri progetti, come possiamo sperare che preferiscano noi agli "amici del Cancrovalorizzatore"? Qui a Parma stiamo decidendo anche per la nostra salute accidenti e per quella dei nostri figli! Io non voglio perdere questa occasione solo perchè per principio o per ordini dall'alto si impedisce ad uno di noi di utilizzare lo strumento più diffuso di comunicazione!
scusate se mi permetto il "noi" anche se non sono un militante, ma un semplice cittadino.

giovanni Marani 09.05.12 18:53| 
 |Rispondi al commento

Grillo ha ragione: la TV fa male a chi la fa
e a chi la vede!
Se si sono raggiunti questi meravigliosi risultati e' grazie ai suoi consigli visto che conosce bene l'ambiente TV e quindi continuiamo a dargli fiducia.

giuseppe esposito 09.05.12 18:48| 
 |Rispondi al commento

.."a quella gente consumata nel farsi dar retta.."recitava faber in una celebre canzone,"un amore così puro tu non darglielo in fretta.."Questo è il mio consiglio.Prima o poi la tv 'ce rocca',ma andiamoci piano-piano,e se non ci andiamo è pure meglio. in quel posto i VERI pifferai magici li danno di resto..

massimo b., roma Commentatore certificato 09.05.12 18:47| 
 |Rispondi al commento

questa mattina, a la 7, ho visto il nostro candidato di Genova che si è difeso con semplicità dagli attacchi dei "politici professionisti". una persona limpida senza nemmeno cerone in faccia ed anche quando è stato messo in difficoltà la sua figura , svettava rispetto ad uno del pd e a Gasparri.

emilio mammarellape, pescara Commentatore certificato 09.05.12 18:45| 
 |Rispondi al commento
Discussione

sono perfettamente d'accordo con grillo. limiterei gli interventi televisi dei 5stelle al massimo a qualche intervista ai tg ma solamente se necessaria (ad es. post amministrative) e basta. inutile andare in questi programmi artefatti, abche in quelli che possono sembrare più genuini come quelli di santoro.

Federico Drigo da Alessandria 09.05.12 18:45| 
 |Rispondi al commento

Io però vorrei chiedere una cosa, qui sul blog. Il fatto è che è stato eletto un sindaco a 5 stelle nel vicentino; sindaco che, per la sua funzione istituzionale, sarà intervistato su questa o quella TV. Anche a lui sarà impedito di andarci? Beppe Grillo dovrebbe spiegare che cosa intendeva facendo quell'affermazione un po' ruvida: " Comunque chi partecipa ai talk show deve sapere che d'ora in poi farà una scelta di campo"...

Marius 09.05.12 18:44| 
 |Rispondi al commento

cari ragazzi, vi chiamo così perchè ho più di 70 anni e seguo il blog da tanto tempo. Il nostro caro Beppe secondo me ha ragione, siete in gamba, ma ancora " verginelli" conduttori e politici sono grossi volponi, e qualcuno potrebbe riuscire a mettervi all'angolo, e sarebbe un guaio per l'immagine di tutto il Movimento.
Grazie Beppe ed a tutti voi in bocca al lupo, da qualche giorno siete riusciti a farmi sognare ed a farmi diminuire il mal di pancia.
ziotonio

Antonio B. Commentatore certificato 09.05.12 18:40| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori