Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

A Pomigliano vincono 145 operai


fiat_pomigliano.jpg
"Voglio dirlo con le parole dell'Ansa, anche perché non sarei così bravo giornalisticamente: "Il Tribunale di Roma ha condannato la Fiat per discriminazioni contro la Fiom a Pomigliano: 145 lavoratori con la tessera del sindacato di Maurizio Landini dovranno essere assunti nella fabbrica. Lo rende noto la stessa Fiom precisando che 19 iscritti al sindacato avranno anche diritto a 3.000 euro per danno". Ecco, giusto per dire che ogni tanto una buona notizia arriva. Visto il periodo, è tanta roba".
Francesco78

21 Giu 2012, 17:23 | Scrivi | Commenti (86) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Rispondo a Iosef Dzugashuili(Stalin) e poi me ne vado:E' vero ho fatto il servo del padrone per tutta la vita, lo schiavo contento di lavorare per il benessere del padrone(un po' anche per il mio, ho fatto studiare due figli).Ti faccio notare che il 90% del nostro" parco padroni" e' composto da ex operai che cercano di fare un salto di qualita',rischiando in proprio,senza i quali noi operai andremmo a raccogliere la cicoria nei campi; l'altro rimanente 10% e'composto da figli e nipoti di operai che sono diventati:ingegneri,architetti,dottori, geometri,periti ecc.ecc. Quindi non capisco questo tuo astio verso i padroni,caro baffone,e collega(suppongo tu sia un operaio). Se un padrone e'un figlio di puttan....Lo era sicuramente gia da prima di fare il salto di qualita'.Saluti da pensionato 875,qualcosa.

maggioranza silenziosa(pe mo) anche (pensionato 850), (RO) Commentatore certificato 28.06.12 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Caro Francesco78 .. se reputi ceh questa sia una vittoria ... a mio parere non hai ben capito come funzionano le cose.

E semplicemente SCANDALOSO che un giudice obblighi un'azienda ad assumere degli operai sindacati in quanto non ne figuravano nelle liste delle ultimi assunzioni.
Roba da Unione Sovietica!!

Dadoz Boccardo (dadozboccardo) Commentatore certificato 26.06.12 16:35| 
 |
Rispondi al commento

io penso che se in fabbrica c'è bisogno di mille operai, per far posto a questi 145, vuol dire che altri 145 dovranno andare a casa.
dov'è la vittoria?

federica c., udine Commentatore certificato 26.06.12 13:26| 
 |
Rispondi al commento

C'è una cosa che non si capisce dalla stampa.
Ma questi 145 lavoratori Fiom erano ex dipendenti Fiom della Fiat non riassunti o neo assunti che essendo tesserati Fiom, non sono stati assunti?
grazie

Roberta Fin 25.06.12 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Propongo di finanziare il blog e le campagne elettorali con i soldi delle cause per diffamazione.

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 24.06.12 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Ben Fatto !!

Auguri a tutti gli operai di Pomigliano !

Buon rientro Ragazzi !

Cristiano B., Torino Commentatore certificato 23.06.12 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Una sentenza della magistratura per molti non è ancora sufficiente per individuare la parte lesa: è triste. Si dice che i sindacati siano inutili, però non appena c'è un problema da risolvere, un chiarimento da avere, una pratica da sbrigare, ci affrettiamo tutti a rivolgersi ad essi (tutti ovviamente tranne che ha il portafogli pieno). Eh sì, a molti piacerebbe un Italia senza sindacati, così com'era durante il ventennio magari..., sai che pacchia!

ginopelliccia 23.06.12 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Matilde forse devi leggere meglio i commenti, se vuoi rispondere in modo pertinente .
Non hai capito nulla di quello che volevo dire , eppure il MIO italiano si comprende bene .

Alessandro chiatti 23.06.12 01:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo in Italia si va avanti con molta ideologia e poca praticità ! I sindacati fanno parte di una burocrazia estenuante ed avvilente anche per l imprenditore più agguerrito . Le tutele per i fannulloni sono troppe , il licenziamento è un tabù intoccabile ! Ci sono persone che danneggiano non solo la loro azienda, ma anche gli stessi lavoratori onesti e nonostante questo la legge italiana ed i giudici del lavoro li tutelano a prescindere !
Queste cose mi fanno schifo esattamente come minchionne !!!! Cari giudici spesso con le vostre sentenze ideologiche fate vacillare piccole e medie imprese danneggiate non solo da dipendenti inetti e fancazzisti ma anche e soprattutto da vostre sentenze onerose !!!!

Alessandro chiatti 22.06.12 22:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora leggetevi anche quest'articolo

http://www.balcanicaucaso.org/aree/Serbia/La-Serbia-che-parla-italiano-116361

pino 22.06.12 21:02| 
 |
Rispondi al commento

La condanna in Italia, ce la daranno loro tra un pò ! Questi micropassaggi lenti e agonizzanti , sono quei comportamenti tipici della "holding di Famiglia" che, durante i controlli,finanziari e bancarie internazionali, fiscali, politiche, giuridiche e sindacali Italiane,man mano che passano nelle mani delle loro holding estere per poi entro breve dare "addio all'Italia" e scaricarsi di "tutti i dipendenti in Italia" sotto pseudo fusioni, scorpori e cessioni grazie alle agglomerate d'oltreconfine. Dopo aver spremuto le finanze dello stato Italiano,faranno altrettanto con i regali ricevuti negli USA, in Serbia ecc. Per poi liberarsi straguadagnando di tutto come programmato anni fa. Quindi è bene che, il sindacato apri le porte in Italia, alla concorrenza automobilistica estera e con il governo Italiano si organizzi al recupero delle risorse umane tecnicamente preparate, per garantire loro un sereno passaggio lavorativo, senza intaccare l'esanime ed esplosive casse dell'INPS.Se i signori politici e sindacati Italiani anora con qualche residuo altruismo demcratico, nell'offrire vantaggiose opportunità made in italia, alle concorrenti automobilistiche Indiane o Coreane per investire quì da noi, fossero capaci di recuperare il maltolto regalato per decenni af-fondatori della prima Repubblica con controlli fiscali e patrimoniali rapidi e diretti sulle strane dismissioni azionarie delle pseudo aziende auomobilistiche che si fregiano ancora del "made in Italia" alle nostre spalle, farebbero il loro dovere! Come vi vedete se più di 100.000 famiglie di cassaintegrati di colpo in pochi mesi senza prospettive e cade l'euro? Riflettete cari connazionali delle lotterie,del calcio e del festival di S.Remo. Riflettete quando dovrete riempire almeno le pancie dei vostri figli e nipoti. Riflettete

pino 22.06.12 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Condannato ad assumere operai....
la cosa inquietante è che alcuni la credono una vittoria ed ancor più preoccupante è il fatto che ci sia ancora gente che crede che i sindacati siano un bene. Evidente simbolo di ignoranza e di personaggi che non hanno mai vissuto in un paese al di fuori dell'Italia dove si lavora veramente.
Più importanza ai sindacati significa sempre meno flessibilità nel lavoro e meno meritocrazia quindi meno assunzioni e più fallimenti di aziende.
Hanno velocizzato il processo di fallimento e vedrete che a breve chiudono tutto e portano all'estero (e fanno bene!) poi dopo andassero dai sindacati a piangere per costringere qualche altra azienda ad assumerli per fare lavori inutili.

Scopriranno a loro spese se ho ragione.

Giorgio Scarsella 22.06.12 14:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Napolitano la smetta di fare la scena del piangini!!!!!! Si vede lontano chilometri che è una messa in scena.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.06.12 12:37| 
 |
Rispondi al commento

ride bene chi ride ultimo

Giuseppe C., Milano Commentatore certificato 22.06.12 11:49| 
 |
Rispondi al commento

In Italia il costo del lavoro è il più alto in Europa (causa tasse e balzelli vari). alla lunga ben poche aziende potranno sopportare tale peso. Ormai se una azienda vuole sopravvivere deve andare all'estero, dove stendono i tappeti rossi per avere le ditte italiane da loro. In Italia invece facciamo di tutto per evitare che gli stranieri vengano e cacciamo chi produce a suon di pesi e balzelli. Debbo dire che è una politica geniale. Sono d'accordo che la dignità dei lavoratori non vada svenduto, ma non credo nemmeno che il nemico sia la Fiat o altra azienda a vostra scelta. Ora con la riforma del lavoro si ammazzano anche le piccole, visto che con il nuovo diritto del lavoro non c'è più differenza tra piccoli e grandi. Quando non ci saranno più le piccole aziende, quando le grandi saranno andate all'estero, quali posti di lavoro rimarranno?

Massimo Toni, Sassuolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.06.12 11:44| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Così non si va da nessuna parte. Posso essere felice per gli operai Fiom, perchè riconquisteranno un lavoro in una azienda che non ne ha bisogno. Non si può continuare così nè con stipendi milionari ai dirigenti e briciole agli operai ma neanche senza la possibilità di intervenire sui contratti quando ce n'è l'effettivo bisogno.
Ieri ho parlato con un dipendente Enel, ancora convinto che debba essere lo stato ad assumere gente per far girare l'economia.
Sono stanca di sentire pensionati che si lamentano di pensioni di 600/700 euro, con casa di prorietà e figli già sistemati. Se avete 600/700 euro di pensione è perchè non avete versato i contributi che dovevate ma sicuramente avete lavorato al nero e siete riusciti a costruire una casa lo stesso. vi hanno permesso di rubare il futuro ai vostri figli e nipoti.
I sindacati che difendono poi gli statali non ne parliamo.
Non parliamo poi delle baby pensioni furono inaugurate nel 1973 dal governo Rumor[1] con il DPR 1092 che consentiva le baby pensioni nell'impiego pubblico: 14 anni 6 mesi e 1 giorno di contributi per le donne sposate con figli; 20 anni per gli statali; 25 per i dipendenti degli enti locali. No dico 14 anni 6 mesi e 1 giorno! Io sarei già in pesione! Che schifo, i sindacati (tutti)sono tra i responsabili della situazione in cui ci troviamo.

Enrica 22.06.12 10:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poi ci chiediamo perchè nessuna grande azienda straniera viene più a investire in Italia, oltre allo stato di diritto completamente assente abbiamo anche l'antagonismo dei sindacati, e non centra proprio nulla l'art.18, perchè tanto per la maggior parte degli italiani è pura utopia.

Fabio de Fabio 22.06.12 10:21| 
 |
Rispondi al commento

se un giorno il M5S andasse al governo, mi piacerebbe vedere landini ministro del lavoro.

non mi importa a quale sindacato appartiene perché nel corso degli anni ha dimostrato di essere uno dei pochi sindacalisti con le palle che ha difeso a spada tratta i diritti dei lavoratori e non ha ceduto a genuflessioni vomitevoli ai potenti di turno come tantissimi suoi colleghi.

è un grosso errore ascrivere l'impegno e l'autonomia di landini sotto questa o quell'altra etichetta di parte perché i diritti sono tali indipendentemente dalle preferenze politiche e il sindacalista torinese è stato uno dei pochi a difenderli in nome della costituzione e della dignità delle persone e qui non ci sono destra o sinistra che tengano.

Simone90 P. Commentatore certificato 22.06.12 09:58| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Fiom dovrebbe pensare ad attrarre investimenti stranieri in Italia.

Spero che marchinne non molli e non assuma nessuno. Basta con la casta dei sindacati che difendono solo pensionati.

I dirigenti prendono centinaia di migliaia di euro e non fanno nulla per i giovani con contratti instabili e disoccupati. UNA CASTA DELLE PEGGIORI

Archeologia industriale 22.06.12 09:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mah, io devo essere proprio una cogliona patentata! Io ho lavorato in fabbrica e quasi non ci davano nemmeno il tempo per andare in bagno (e non esagero), ho fatto le pulizie e sgobbavo da spaccarmi la schiena, ma sempre pagata una miseria, oggi lavoro in Università, non mi spacco più la schiena, questo è ovvio, ma lavoro e parecchio, anche se le pause le posso prendere come voglio, però c'è s4empre chi fa il furbo e per colpa di quest'ultimi ci si va di mezzo tutti!
I furbi ci son sempre stati in ogni dove, ma CAZZO, comincio a credere davvero che sono una scema, fessacchiotta del menga che crede ancora che lo scaldare la sedia sia disonorevole! Credo, che la FIOM per lo meno si sia data da fare e qualche cosa di buono sia riuscita ad ottenere, al contrario degli altri!

Raffaella L., Pavia Commentatore certificato 22.06.12 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Forse andrò un po' contro corrente... Ma quelli che commentano ci sono mai andati dentro una fabbrica FIAT? Io si (come operaio di una ditta esterna), nella mia zona c'è uno stabilimento fiat trattori (new holland), e gli operai si davano il cambio per anadare a dormire sotto le ruote dei trattori (cose viste con i miei occhi)e gran quasi tutti quelli che lo facevano erano operai sindacalizzati... Non sto' prendendo le parti di Marchionne ma c'è da dire che in Italia si cerca sempre di lavorare il meno possibile e poi ci lamentiamo che le aziende delocalizzano. Perchè in germania la volswagen non delocalizza? forse perchè gli stessi operai producono il doppio delle auto.....

Tommaso Gasparri 22.06.12 09:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Minchionne dovrà mettersi l'animo in pace..prima o poi li sequestreremo tutti gli impianti...anzi riprenderemo ciò che è nostro e già pagato...
Li stracceremo il passaporto e se mette piede in Italia lo metteremo al gabbio...!faccia pure il furbo...e non pensi di scappare in elicottero...lo lascia qui..è nostro anche quello!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 22.06.12 08:38| 
 |
Rispondi al commento

Anni fa lavoravo ,come facchino, in una fabbrica del ferrarese, io e i miei colleghi lo facevamo con onesta' e passione, anche se prendevamo meno degli operai titolari. un bel giorno arrivo' tra noi un operaio mandato dal sindacato interno con tanto di baffoni Georgiani e ci disse, cito testualmente, "che cazz....fate, cosi' fate guadagnare di piu' il padrone". Risultato? Rallentamento della catena di produzione, aumento dei pezzi di scarto, ritardo nelle consegne. Oggi quando guardo la televisione, stravaccato(meritatamente) nella mia poltrona di pensionato, mi capita di vedere al telegiornale delle manifestazioni di disoccupati, con tanto di baffoni georgiani, mi torna alla mente quell'episodio e delle frasi sentite qua' e la', cito testualmente:" Chi semina vento raccoglie tempesta, Raccoglierai quello che avrai seminato,Se vuoi avere la mediocrita' punta alla perfezione ecc.ecc. Tanti cari saluti. firmato Pensionato 850.-

maggioranza silenziosa(pe mo) anche (pensionato 850), (RO) Commentatore certificato 22.06.12 08:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Queste notizie fanno bene al cuore ma male al resto.
In Italia non si può' fare impresa.
Qui negli USA non si può' vivere serenamente mai, da un giorno all'altro si può' trovare per strada senza preavviso.

Un imprenditore qualunque (non dico grandi nomi della casta), uno che ha 10 dipendenti, il primo ad essere precario e' lui.

Vorrei ricordare a tutti che essere precari e' una condizione umana, oggi ci siamo e domani possiamo anche non esserci....chi l'assicura?

Io sono scappato dall'Italia e da tutte le assurdità' del mondo lavorativo. So scappato come imprenditore,avevo (30 dipendenti) perché per seguire le regole e' impossibile fare impresa,tanto e' vero che l'azienda e' quasi fallita.
Qui negli USA ho creato le mie aziende ( dalle mie idee, nessun regalo), do da mangiare a un 100 persone tra gli USA, Spagna, Giappone, India e tutti i miei collaboratori sono per me il primo pensiero dal mattino fino alla sera.
Un azienda e' come una barca a remi, tutti devono essere uniti per il bene di tutti e remare tutti allo stesso modo, l'imprenditore e' il primo che deve remare , ma senza gli altri rematori non si va da nessuna parte.

I dipendenti i devono essere felici e amare quello che fanno.

In Italia, vedere un giudice condannare un azienda a rimettere al posto di lavoro dei lavoratori e' una sconfitta per tutti gli altri lavoratori e per tutti quelli che non hanno piu' un lavoro.....non vi siete mai chiesti come mai nessuno vuole venire in Italia a fare impresa?come mai tutti vanno a fare imprese all'estero?

Un giudice non può' condannare un imprenditore a reintegrare perone che lui ha voluto mandare via, deve condannare l'imprenditore se e' stato scorretto a risarcire i danni, ma ognuno per la propria strada.

Nessuna azienda si avvicinerà' mai in Italia e anche gli ultimi imprenditori che avete scapperanno con queste leggi.

ci vuole una legge nuova , che tenga presente del nuovo millennio e delle nuove necessita'
Coraggio

Vincenzo New York 22.06.12 03:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sì ma la Fiat come sempre non accetta il verdetto dei giudici... Minchionne in questo mi ricorda molto Berlusconi... Allora questa gente la deve finire, per me sarebbe ora di nazionalizzarla, la Fiat, poi prendere Minchionne e dirgliene quattro in privato... Il peggio al potere.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 22.06.12 01:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La notizia è buona, ma ... non bisogna dimenticare che il Padrone resta tale.., solo col dente ancora più avvelenato. Troverà il modo di fargliela pagare a quegli operai, ad esempio chiudendo la fabbica e spostandola in qualche Serbia....

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 22.06.12 00:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io odio minchionne ... Ma anche la CGIL è il braccio destro del PDmenoL , sfido chiunque a dire il contrario !!! Spesso le regole nel mondo del lavoro tutelano i disonesti a discapito dei volenterosi e lo sappiamo tutti !!

Alessandro chiatti 22.06.12 00:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aggiungo a ciò che scrive Ornella Uzzano sotto (tutto vero) che la perversione del gioco stà nell'uso capzioso della parola 'debito', che suggerisce l'esistenza di un qualcuno che ha ricevuto dei soldi e ha firmato una carta in cui si impegnava a restituirli con l'interesse.

Ma il trucco sta appunto nel fatto che uno Stato non potrà mai essere una persona, qualcuno che 'onora i debiti'. Uno Stato può ricorrere a questi mezzi (il debito) solo in maniera molto limitata, perchè il popolo non accetterà mai (giustamente) di onorare un debito che non ha mai sottoscritto. Ragionate: vi dicono che su ogni italiano gravano 30000 euro di debito, ma se voi lasciaste domani l'Italia, e andaste a lavorare in Germania... o semplicemente spostaste li la residenza,
bè basterebbe solo questo e nessuno mai potrebbe chiedervi quei 30000... Non c'è una equitalia che potrebbe costringervi..
Lo capite quindi che il debito pubblico è una farsa? Chi lo paga? I GONZI... Quelli che restano in Italia...
Questi vampiri della finanza internazionale, e i loro esecutori di ordini: Merkel, Monti etc. sono alla perenne ricerca di sangue da succhiare, se trovano dei gonzi abbastanza boccaloni che puoi accollargli un debito sottoscritto da altri... bè questi qui fanno salti di gioia pregustando il banchetto..

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 21.06.12 22:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Landini for president.....

eugenio . Commentatore certificato 21.06.12 22:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

anno paura vogliono chiudere il potere mediatico
perche tramite internet la gente comunica
è le notizie sono senza veli solo verità
quello che fa paura a questi ladri mangiapane buoni a nulla stiamo attenti vogliono soffocare la rete
la voce del popolo forza cosi fuori tutti
viva il blog viva la sovranità del popolo

rina c., pescia Commentatore certificato 21.06.12 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Le grandi imprese possono fare quello che vogliono; adesso hanno vinto i lavoratori, anche se 145 lavoratori cacciati per motivi sindacali, almeno uno che abbia sbagliato ci può essere. Ma quello che voglio dire è che un'azienda come la Fiat farà ricorso e con gli agganci che ha, lo vince.
In Italia va così.

Roberto2 Rizzi Commentatore certificato 21.06.12 21:53| 
 |
Rispondi al commento

AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA, a Marchiò mavvvaffanculovà!

Scusate lo sfogo, ho tentato di frenarmi ma ormai le soddisfazioni sono così rare che mi è bastato un attimo di giustizia sociale per scatenare l'ecitazione!
Detto ciò è chiaro che non si fermeranno, questo è il business bellazza ed in sua virtù tutto è giustificabile. E' questo continuano a sbatterci in faccia tutti in coro: manager, tecnici, politici, amministratori, affaristi e vari e non ben definiti pija in cul...oops, scusate scampoli incontrollati di ingiustificata ilarità...
Ergo, visto che siamo tutti d'accordo che arrendersi è fuori discussione, concordo appieno con Riccardo P. e la seconda che ha detto cioé trovare il modo, sempre pacifico, per "Riprenderci la fiat, mandare affanculo questi manager che fanno i cazzi loro e non quelli dell'azienda, che torni il ruolo del vero proprietario che alla fine dei conti SONO I NOSTRI GENITORI dopo tutti i soldi che hanno sborsato". O no????
Ross

Rossella T., Cagliari Commentatore certificato 21.06.12 21:26| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Pomigliano 1 - Mafia 30

andrea b. 21.06.12 21:17| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=_Obfw9LogKo giusto per fare mete locale. e' una cosa buona e' giusta per fare un resoconto di cio' che e' stato (e gia lo stato vi ricordate quando esisteva?)

giuseppe ga 21.06.12 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Esco dall argomento , importanissimo , ma io voglio Beppe in tv tutti i giorni , con l argomento del blog , votate questo mess , anche lui ci pensera '

Fausto Rosas 21.06.12 20:52| 
 |
Rispondi al commento

Le manifestazioni sindacali che riunivano centinaia di migliaglia di lavoratori oggi sono le uniche cose comunitarie che i sindacati riescono a fare pochi anzi pochissimi anni fa una manifestazione di una sola delle tre sigle sindacali riempiva piazza San Giovanni tra un po' saranno come le riunioni di condominio la loro rapresentati vita e andata giù come la credibilità loro e della classe politica

Riccardo Garofoli 21.06.12 20:38| 
 |
Rispondi al commento

La verità e che la Fiat sta andando via anzi se ne già andata hanno smontato la Fiat separandola in più entità il reintegro e dovuto al sig marchionne hanno concesso di fare di tutto e di più senza che nessuno dalle parti del governo alzasse la voce o faxasse rispettare i patti dove sono i 20 miliardi di investimenti tanto decantati dove sono CGIL CISL UIL sono a trafficare con la fornero la riforma delle pensioni che i sindacati dovevano far diventare la caporetto del governo i diritti dei lavoratori un altra Caporetto il disastro e solo per gli operai i sindacati sono collusi con la politica sono parte integrante del sistema difendono solo i loro profitti non gli iscritti che servono a far leva per i loro PRIVILEGGI

Riccardo Garofoli 21.06.12 20:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tempo un paio di mesi e troveranno un'altra scusa per lasciarli a casa, magari sfruttano l'occasione per chiudere del tutto pomigliano.
bhe che si godano sti due mesi di stipendio ( se gli arriva).

Jim Tiberius Kirk, trofarello Commentatore certificato 21.06.12 20:17| 
 |
Rispondi al commento

è risaputo che la fiat ha delocalizzato gia da tempo la produzione dove la manodopera costa meno, dove non si hanno diritti, praticamente "made in cina"..altro che made in italy! Leggetevi gia questo articoletto, è del 2010 http://www.repubblica.it/motori/attualita/2010/01/04/news/tutte_le_fabbriche_fiat_dalla_sicilia_alla_polonia-1850997/
qui si parlava della delocalizazione verso la polonia, mentre qui verso gli usa http://www.alvolante.it/news/fiat_taglia_posti_polonia-530861044

E tanto per fare un altra piccola casualità
http://www.infomotori.com/auto/2012/04/06/fiat-punto-2012-ti-porta-euro-2012-casa-azzurri-po/

Sinceramente ormai la FIAT è un nome che non ha un significato, era un'azienda ITALIANA e ora (ma gia da tempo doveva succedere) stà facendo la fine della telecom, ci sono due possibilità:
- Abbandonare la fiat e lasciare che facciano il loro "made in china" sperando che qualche imprenditore con le palle abbia il coraggio di metter su un nuovo marchio qui in italia (cosa impossibile per i tempi che corrono)
- Riprenderci la fiat, mandare affanculo questi manager che fanno i cazzi loro e non quelli dell'azienda, che torni il ruolo del vero proprietario che alla fine dei conti SONO I NOSTRI GENITORI dopo tutti i soldi che hanno sborsato

Riccardo P., Roma Commentatore certificato 21.06.12 20:12| 
 |
Rispondi al commento

la complessita e' la condanna per il settore auto,la semplicita e' stata un successo,e forse e' troppo tardi.http://www.youtube.com/watch?v=gHcoybYWzLw

giuseppe ga 21.06.12 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Intanto dalla Fiat escono le presse non so dive sono andate ma di sicuro sono state smontate e portate via

Riccardo Garofoli 21.06.12 19:16| 
 |
Rispondi al commento

fatta la panda troveranno un altra scusa per fanculizzarli..
io questa mattina mi sono recato allo stabilimento della cirio di caivano,per presentare domanda di assunzione come stagionale,e mi hanno detto che non assumono più gli stagionali!
sarà vero?
chi lo sa.. sta di fatto che di positivo quest'anno non c'è proprio un cazzo!

Mimmo G., cardito (NA) Commentatore certificato 21.06.12 19:12| 
 |
Rispondi al commento

Spero che la FIOM faccia capire alle altre sigle sindacali che il modello cinese NON LO VOGLIAMO! BASTARDI FIGLI DI PUTTANA.

Giuliano C., scassacazzaia Commentatore certificato 21.06.12 19:04| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia andrebbe meglio se tutti avessimo il coraggio di combattere per la nostra dignità, come hanno fatto questi 145 operai, non cedendo ai soprusi e alla paura di restare senza lavoro.
Finché non si è disposti a rischiare qualcosa, non si può sperare che qualcuno rispetti i nostri diritti.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.06.12 18:59| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buone notizie: è cominciato il conto alla rovescia per la chiusura degli stabilimenti Fiat in Italia....

kahhhtt (colpo di tosse) 21.06.12 18:58| 
 |
Rispondi al commento

lo stato x anni ha finanziato e aiutato con moltissimi soldi la fiat.....adesso apre stabilimenti all'estero licenzia gli operai che noi dobbiamo anche pagarci la disoccupazione....siamo uno stato di merda che ci restituiscano i nostri soldiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

giancarlo ariotti, genova Commentatore certificato 21.06.12 18:46| 
 |
Rispondi al commento

.....quello che appare importantissimo in questa sentenza è l'enunciazione di un principio di diritto che potrà essere utilizzato a beneficio della collettività.....quello che poi il governo e/o il parlamento e/o l'imprenditoria fa e/o non fa...non ha alcuna importanza.....restano la Costituzione e i principi di diritto le basi fondamentali per guardare al futuro...non "i non morti"....(sopra)viventi...ancora per poco...

Adolfo Partenope Commentatore certificato 21.06.12 18:39| 
 |
Rispondi al commento

La Fiat ha fatto fagotto ed è scappata con il bottino negli Stati Uniti prima del crollo del sistema paese Italia, se ancora non l'avete capito.

M.C. 21.06.12 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Ma i 145 iscritti alla Fiom verranno assunti per fare cosa? Sostituire altri 145 dei 2093 dipendenti di Pomigliano che già lavorano o per aprire e chiudere porte? Nel primo caso chi dovrà scelgliere i 145 "fortunati" che dovranno lasciare il loro posto di lavoro agli iscritti Fiom? Se lo farà ancora Fiat non è anche questa una scelta che potrà ancora essere discriminatoria? Oppure c'è ancora la regola di 1/3 + 1/3 + 1/3?

Marco Tamburini 21.06.12 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Il tempo di sbrogliare le pratiche d'assunzione, che il parlamento approverà "EDITTO TUTTI PRECARI" ed il caro Marchionne potrà già licenziarli per comprovate "Ragioni Economiche",(Non vende un casso).

Paolo R. Commentatore certificato 21.06.12 18:12| 
 |
Rispondi al commento

SI, quest è la buona notizia,

quella cattiva è che fra poco Minchionne chiude baracca e burattini

comunque a Pomigliano c'era tanta gente che non aveva voglia di lavorare

marco vennetti 21.06.12 18:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

alla fiat sono fuori di testa!

favevano le campagnolo da una vita poi, quando i giapponesi e gli altri hanno cominciato a fare il SUV la fia ha abbandonoato i fuori strada.

adesso che li fa anche il porco hanno cominciato a rifarli.

E poi se la prendono con gli operai se va male!

bruno-bassi 21.06.12 17:57| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori