Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Cilento di scambio


votoscambio_cilento.jpg
"Nel piccolo paesino campano/lucano d'origine di mia madre le elezioni sono una grande fiera dello scambio e del baratto. Concessioni edilizie, permessi di transito bestiame, permessi di occupazione suolo pubblico, asfalto strade, illuminazione pubblica in strade private, persino nafta agricola; tutto si scambia per un voto, e guai a votare poi per i perdenti, si rischia di non ottenere più non solo i premi promessi, ma anche ciò che spetterebbe di diritto. Sto parlando del Cilento. Un angolo d'Italia che è un vero paradiso, dove chi governa fa di tutto perché il tempo non passi. Terra ricca, ricchissima di risorse naturali, turistiche, agricole, ma sempre e neanche tanto tacitamente in mano a "Signorotti" locali che ne fanno un loro possedimento. Un lavoro in cambio del voto? Questo oggi è magari più difficile. Io accetterei? Forse no, ma non condanno chi lo fa. E' la guerra tra poveri, ed io, disoccupata con una figlia, forse mi sentirei più in colpa per non aver accettato la speranza di un brandello di sicurezza economica che per aver messo sotto i piedi la mia dignità di cittadina e le mie idee di essere pensante. Come diceva il mio prof di filosofia: "siamo tutti bravi a condannare chi si sporca le mani finché non troviamo la chiave della nostra salvezza davanti a noi, sepolta in un mucchio di letame".
Mariateresa Russo

26 Giu 2012, 12:42 | Scrivi | Commenti (52) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Qualche giorno fa, sul blog, si discuteva di certezza della pena carceraria ma nel nostro Cilento di deve ancora discutere di certezza della cura medica che viene puntualmente scambiata da squallidi procacciatori di voti operanti nel settore della sanità, sia pubblica sia privata, come un favore personale e sotto il subdolo ricatto di eventuali indegne ritorsioni.

Ottorino Sollazzo Commentatore certificato 21.06.13 01:36| 
 |
Rispondi al commento

Nel Cilento, costituito da numerosissimi paesini dalla forte, diversificata ed orgogliosa identità locale (anche linguistica), persiste una forte coesione sociale che, come per le popolazioni autoctone americane con l'arrivo degli yankes, viene continuamente attentata da squallidi spacciatori di wisky (posti di lavoro pubblici-in particolare nella sanità-)quali leccaculo di notabili politici locali senza scrupoli, sguinzagliati sul territorio a raccogliere voti di scambio al fine di distruggerla definitivamente e ,quindi, trasformarla in un comodo bacino di voti.

Ottorino Sollazzo Commentatore certificato 21.06.13 01:22| 
 |
Rispondi al commento

E' un posto meraviglioso, ci sono nato mi emoziona solo sentirlo nominare, io mi ricordo che i normali, anzi normalissimi diritti di un cittadino venivano fatti passare come favori che abbisognavano di un ricambio generalmente voti o piaceri. Vedo dai vostri post che non è cambiato nulla...anzi. Nel tornare, quando posso, ogni volta avverto una rassegnazione dovuta anche al bisogno, e dalle poche possibilità in mano a un manipolo di feudatari che impropriamente si fanno chiamare amministratori, gente che ha calpestato la dignità dei propri concittadini usandoli solo come serbatoio di voti per i propri interessi, I Cilentani sono brave persona...ma sveglia!!!!!!

antonio grambone 02.07.12 00:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cilentano di nascita, dopo quasi 40 anni di lavoro al Nord sono tornato ai patrii lidi per godermi la natura, il cielo, il mare, il sole etutte le altre cazzate a lungo vagheggiate.Dopo 10anni qui trascorsi da pensionato, ho capito che, se si vuole stare bene nel Cilento non bisogna pensare, nè operare nè partecipare, nè cercare di migliorare le cose, meno che mai
aver bisogno di un artigiano o un professionista o un tecnico che ti faccia un lavoro. Nel Cilento è tutto approssimazione perciò la felicità è vegetare e strafottersene di tutto. Eppure ci sono ancora certi luoghi incantevoli, certi angoli che nulla hanno da invidiare al paradiso. Tutte cose, sia chiaro, di cui bisogna ringraziare madre natura. Meno ci ha messo le mani l'uomo più questi angoli sono belli. E allora come si fa a vegetare ? La soluzione è difficile da trovare. L'unica strada che intravvedo è il movimento 5 stelle. Lasciatevelo dire da uno che non è più un giovincello ma che ha capito che l'avvenire è nella rete. Spero solo che il sud in generale e il Cilento in particolare, non arrivino ultimi, come al solito. Nel mio piccolo ho cercato di creare un gruppo a Casalvelino,dove abito per fare conoscere il movimento. Invito quelli c he mi leggono non ad aderire ciecamente ma di andare a leggere il programma, è in bella evidenza su internet. Applicarlo significa anche eliminare tanti dei malanni che affliggono il cilentano, tipo il voto di scambio, la clientela, il disinteresse verso che fa poliotica. Dobbiamo riappropriarci del nostro territorio e cercare di conservarlo il più integro possibile, per noi stessi e per i nostri figli. Mai più stare a guardare, ma operare, intervemenire, controllare quello he fanno gli amministratori. Come dice Beppe Grillo, sono nostri dipendenti e le fanno danni glieli dobbiamo duramente contestare.
Mandatemi, se potete, una mail di incoraggiamento e, se potete, aderite al movemento. Crewdetemi è l'ultima speranza, l'ultima spiaggia.
Vi saluto tutti.

GIANCARLO VIGORITO, Casal Velino Commentatore certificato 29.06.12 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Essendo Cilentana non posso che ammettere che esistono queste pratiche per così dire "folcloristiche". Il voto di scambio in sede di elezione: non è solo il Cilento a farne uso, ma tutto il Sud (perchè nel nostro Parlamento no?). Il problema fondamentale è che chi vive nel Cilento è di fatto abbandonato dalle istituzioni e per cui sottoposto ai piccoli abusi di potere dei "signorotti" locali... Perchè sostengo questo? Andiamo a vedere per lo più cosa è oggetto di scambio per un comune cittadino cilentano? la licenza per il completamento della propria casa? la licenza per l'apertura di un'attività? l'allaccio della rete fognaria? l'asfalto della strada? Ma sono cose che in un Paese normale dovrebbero essere CHIESTE? oppure sono cose a cui si ha diritto, e che dovrebbero essere semplicemente fatte con un iter normale di approvazione? Chi vigila su questi "abusi di potere"? e dove sono in questi casi le Autorità governative? Se anche un "diritto" diventa un "favore" o un voto di scambio? In questo modo diventa impossibile sopravvivere in questi Paesi senza sottostare a queste logiche.
Per quelli tra loro che ce la fanno senza cedere a compromessi la vita non è facile... Guarda il nostro povero Sindaco Vassallo. Aveva denunciato la Camorra, gli abusi sulle coste i tentativi di infiltrazioni... è rimasta una voce isolata.
Che tristezza... ma non abbiamo bisogno di pietà. Abbiamo bisogno solo di Attenzione. Affinchè non si perpetui lo scempio che stanno tentanto di fare... Le associazioni di stampo camorristico, i portatori di interessi speculativi, con la compiacenza a volte dei "signorotti" locali... Il Sud è una fonte preziosa di risorse naturali, di luoghi bellissimi da salvaguardare, di tradizioni uniche, la culla della dieta mediterranea. Ci sono tanti onesti cilentani che ne sono consapevoli e che dovrebbero uscire allo scoperto, unirsi per salvaguardare il proprio territorio!

silma 28.06.12 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUELLO CHE NON CAPISCO E' PERCHE' LA SPERANZA DEVE ESSERE SEPOLTA SOTTO UN MUCCHIO DI LETAME, SE LA' HA DA ESSERE DOVRESTI RISPONDERE AL TUO PROFESSORE CHE SAREBBE COMUNQUE UNA VITA DI MERDA NE PIU' E NE MENO QUELLA CHE SI STA' FACENDO, QUINDI.........
E' MEGLIO LA DIGNITA' ALLA MERDA.

blade runner 28.06.12 08:53| 
 |
Rispondi al commento

NON VEDO L'ORA DI FUGGIRE VIA DALLA MIA TERRA
|||||||||||| IL CILENTO ||||||||||||

purtroppo una terra "scomunicata"

Sono Cilentano 27.06.12 18:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In relazione al voto di scambio, è una prassi che nel Cilento ormai è diventata una legge!!! detto da me che vivo il Cilento per esserci nato e vissuto da lungi anni.
Un esempio: La nostra associazione ,Wivalcalore onlus, con sede a Piaggine (SA), costituita da persone in rappresentanza di oltre 15 paesi della Valle del Calore Lucano (Cilento Interno), da me rappresentata in qualità di Presidente,si sta battendo per riottenere il Deflusso Minimo Vitale nel fiume Calore, area sito Unesco, Natura 2000, Zona a Protezione Speciale, Sito di Interesse Comunitario, Zona A integrale del Parco Nazionale del Cilento etc.
Nonostante tutti questi vincoli e la nostra denuncia per questo disastro ambientale, la cui causa è determinata dalla captazione totale della sorgente del Calore ad opera del consorzio acquedotto del Calore Lucano di Agropoli, a tutt'oggi non abbiamo avuto nessun risultato pratico per il comportamento omissivo di tutti coloro che sono preposti al rispetto della legge in materia di salvaguardi ambientale come l'Ente Parco del Cilento. A tutto questo aggiungiamo l'insensibilità dei cilentani proprio perchè collusi con il potere locale i quali non prendono posizione a favore della nostra iniziativa in quanto sarebbe interpretata come dissenso al potere. Tutto questo, a nostro avviso, è maggiormente rafforzato proprio per effetto del voto di scambio di cui parla Mariateresa Russo,che anche in questa vicenda non manca di riferimenti ma che speriamo presto emergano. Naturalmente la nostra azione non si ferma qui ed andremo avanti fino a che non sarà rispettata la legge che vieta il prelievo totale delle sorgenti. Chiunque voglia approfondire la nostra battaglia puo' visitare la pagina https://www.facebook.com/GoleNordCalorePiaggine e per darci anche una mano vi invitiamo a sottoscrivere la nostra petizione on line all'indirizzo :http://www.petizionionline.it/petizione/non-ce-futuro-se-il-calore-e-totalmente-in-secca/4943
Il Presidente:Dott.Ing. Di Perna Pasqual

Wivalcalore onlus 27.06.12 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Il grande equivoco è che non è la corruzione, l'ignoranza, il cinismo e la miopia la CAUSA del sottosviluppo del meridione (come di ogni altra zona del mondo), ma l'EFFETTO. Basta con il vittimismo e il fatalismo. Possibile che i meridionali abbiano così poca stima di se stessi da accettare tutto questo come normalità? Un po' di orgoglio che cazzo!!!!

Federico Mangiantini, Ponte Buggianese (PT) Commentatore certificato 27.06.12 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Non credo che in Italia ne verremo fuori; è un fenomeno che si può limitare, non impedire.

Giovanni Mancino Commentatore certificato 27.06.12 10:28| 
 |
Rispondi al commento

io vivo a trebisacce ed è la stessa cosa! insieme ad alcuni concittadini stiamo cercando di far nascere il m5s. la cosa più sconvolgente che è successa di recente è questa: un giornale locale a distribuzione gratuita è andato a scomodare una "firma importante" del giornalismo italiano,che vive in cina, per fargli dire la sua sul problema europa e conti pubblici, e tra le righe definisce Grillo come uno spettro fascistoide, che potrebbe venire tirato fuori dal cappello della superpotenza americana!!!! sono anni che seguo Grillo, e, per esempio, grazie alla sua denuncia sono riuscito a vendere le azioni cirio prima del loro fallimento! vorrei chiedere a questa autorevole firma dov'era quando grillo in tempi non sospetti denunciava tutto cio' che oggi ci sta travolgendo e il potere lo derideva definendolo un comico? e soprattutto perchè tanta attenzione su un comico-giullare? forse che a dir troppa verità forse prima o poi salta qualche testa, e non sapendo quale, ci si difende comunque?

nunzio coscarelli 27.06.12 09:09| 
 |
Rispondi al commento

http://www.francoalfieri.it/

Questo ometto insignificante è il re di agropoli la porta di ingresso del cilento. osannato dai concittadini perchè grazie a lui si è tenuta su l'edilizia. edilizia fatta di villette su costoni franosi, all'interno di zone protette e via di abuso in abuso. questo ometto sta ricoprendo il suo territorio di cemento, fu per questo comportamento quasi criminale che fu intervistato anche da report mesi fa. Ma i suoi cittadini continuano a osannarlo e votarlo. Da notare l'imbarazzante ostensione di un simbolo in cui evoca per la sua città tutt'altro sviluppo a base di ciò che sta in pratica distruggendo, come mare, natura eccetera. Ma i suoi concittadini continuano a volerlo li al suo posto. Quindi smettiamola di lamentarci, siamo quello che mangiamo, ma siamo anche quello che votiamo. Sono campano, sono cilentano, i miei concittadini mi fanno schifo. Quelli che votano alfieri sono gli stessi che hanno armato la mano dei killer di angelo vassallo, il sindaco di acciaroli che si opponeva a tutto questo. Io sogno una punizione feroce ed esemplare per chi ha distrutto la terra dei miei avi, generosa madre che ci ha sostenuto e nutrito per millenni. Voglio tutti i camorristi in galera, voglio che gli siano tolti e rieducati i figli, voglio che vengano sterilizzati tutti. Voglio che il cancro di asfalto cemento e rifiuti venga estirpato una volta e per sempre. Senza pietà, senza anestesia. Recidere le immonde cellule per tornare a sorridere.

nicola 27.06.12 06:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Policoro di scambio, Tursi di scambio, Matera di scambio, Bernalda di scambio...tutto uno scambio...

giovanni l., policoro Commentatore certificato 27.06.12 00:33| 
 |
Rispondi al commento

Non posso che ringraziarti per il coraggio implicito in quello che dici, anch'io sono un pò di casa nel Cilento. E' da quanto sono ragazzo che ogni anno non manco mai, conosco le potenzialità incredibili del territorio ma conosco anche la mentalità "conservatrice" dei cilentani, gente caparbia ma anche restia ai cambiamenti più incline al compromesso che alla ribellione. Per questo ti ammiro ancora di più, detto questo però non basta occorre farsi promotori di un cambiamento reale sul territorio con movimento di cittadini onesti altrimenti non vedo via d'uscita meglio andarsene altrimenti prima o poi scatta la "necessità" che è madre del "compromesso".

Mario Ingenito 26.06.12 23:20| 
 |
Rispondi al commento

Il discorso e' chiaramente irritante ma sarebbe ipocrito non ammettere che in Italia il voto per molti e' sempre stato considerato un baratto. Per molti altri che non si sono piegati a questi giochi non esiste bisogno che giustifica la mercificazione del voto. L alternativa sarebbe denunciare con coraggio chi durante le elezione propone favori in cambio del voto e aggiungo che viste le ultime modifiche in tema lavoro il posto guadagnato con la vendita del voto, oggi durera' solo il tempo del partito al governo poi grazie alla flessibilita in uscita tanto decantata ed ottenuta con la modifica all art. 18 con nuove elezioni ill posto toccherà a nuovi raccomandati Conviene vendere il proprio credo e la dignita per cinque anni di lavoro? O sarebbe meglio rinunciare a favoritismi, denunciare i corruttori e sapere di aver fatto qualcosa per cambiare tutto questo schifo?

Matilde Conte, Roma Commentatore certificato 26.06.12 23:06| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,Mariateresa! Sono padre di quattro figli e ti capisco.Oggi hai una possibilità in più di conservare la tua dignità e aiutare i tuoi.Scendi in campo!Non stare a guardare.C'è il Movimento che ti permette di protestare,ma anche di costruire qualcosa di buono.Tutti abbiamo il dovere di fare qualcosa per il bene comune.Facciamo la nostra parte e vedrai che i furbi avranno poco spazio per farci del male.A 61 anni,dopo che la signora Fornero mi ha defenestrato dalla pensione,ho deciso di non piangermi addosso e di costruire qualcosa di buono facendo bene il mio lavoro e dando testimonianza di vita.Tutto mi possono togliere,ma a nessuno permetterò di togliermi la libertà di parola.La sera,guardandomi allo specchio,non devo vergognarmi per tutto quello che ho fatto durante il giorno.Non importa se ho vinto o perso;importa che io abbia trovato la forza di oppormi al male e non essere sceso a compromessi.Mariateresa sei molto brava a scrivere!Complimenti vivissimi.Ignis51

Ignazio Virzì 26.06.12 23:05| 
 |
Rispondi al commento

a me certi colpi di culo non sono mai capitati, forse, non li ho cercati.
uno stipendio fisso; ferie, malattia, contributi, pagati per mettere una ics?
solo la mia?
di solito c'è anche la cessione del quinto dello stipendio per, 2 anni? vero?
lo faccio iooo

psichiatria. 1 26.06.12 22:15| 
 |
Rispondi al commento

MACAO, OVVERO RIAPPROPRIARSI DEGLI SPAZI URBANI INUTILIZZATI, PER FARE ARTE, ARTIGIANATO E PERCHE’ NO, ANCHE IMPRESA, TUTTI INSIEME!
Vi segnalo la bella iniziativa del Collettivo Macao di Milano. Si tratta di giovani, e meno giovani, Artisti che si sono fatti protagonisti di un’ azione dal basso di recupero e appropriazione di spazi vitali (possibili ed economici) per poter fare Arte a tutto tondo, per incontrarsi, per portare avanti iniziative positive e condivise, ecc … Basta aspettarsi qualcosa da qualcuno! E tantomeno dall’ alto, dalle Istituzioni, che in effetti dovrebbero esse dare risposte a questi bisogni di aggregazione creativa. In una Città come Milano che è stata fino ad ora nelle mani dei noti immobiliaristi e degli speculatori, che hanno fatto si che i prezzi degli immobili siano diventati proibitivi per chiunque voglia dal basso esercitare una libera attività creativa, o addirittura persino abitare, ecc. Finalmente un’ azione collettiva volta alla riappropriazione di spazi vitali già esistenti e possibili. Da qualche giorno il collettivo Macao ha occupato l’ ex mattatoio (che brutta parola! E che brutto passato!) di Milano! Bene! Una nova vita di bellezza e di amore per un luogo che ha visto nel passato tanta sofferenza di esseri viventi … Mi piacerebbe che questa iniziativa si diffondesse il tutte le città del nostro Paese, magari estendendo l’ azione di riappropriazione anche alle terre incolte e demaniali, per fare anche agricoltura e pastorizia sostenibili, eco villaggi, ecc … FORZA MACAO! FORZA GIOVANI! COSTRUITE VOI TUTTI INSIEME IL VOSTRO FUTURO!
http://www.macao.mi.it/

Lux Luci 26.06.12 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Bel ragionamento comodo. Io sono di Napoli e me ne sono dovuto andare pur di non sottostare a certe regole non scritte. Anche a me sarebbe piaciuto restare nel "paradiso" così come piacerebbe a tutti i ragazzi africani ed asiatici che sono costretti a lasciare le loro terre natìe. La mentalità del "tengo famiglia" farà restare questo paese sempre nel baratro. Non c'è uscita.

Paky M. 26.06.12 19:05| 
 |
Rispondi al commento

..se aggiungi che il lavoro x il quale vieni assunta x raccomandazione, non lo puoi ( e spesso vuoi) fare bene xchè sei un burattino, ecco che si spiega la notizia che si "scopre un area pari a 150 campi di calcio, piena di depositi industriali e amianto in puglia" ......forestali, vigili, carabineri, esercito, pula, finanza, assessori, sindaci ... nessuno ha visto ne sentito ??? eppure siete ben riforniti di pubblici ufficiali !!!!!.......ma è tutta colpa della Merkel !!!!!! ...eeeh si, potete solo vergognarvi !!!!

ina ghigliot 26.06.12 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo questa è la verità, qui da noi funziona cosi, la maggior parte dei nostri abitanti ragiona così, certo non bisogna abbattersi e pensare che si può cambiare, anche se difficile, pensare al bene collettivo, ma "sbituare" gli abituati è complicato, ci tenteremo alle prossime elezioni ciaooo.

Bonsanto Giuseppe, Peschici Commentatore certificato 26.06.12 18:26| 
 |
Rispondi al commento

cara Mariateresa Russo è straziante quello
che scrivi perchè questi FIGLI DI PUTTANA che
hanno il potere da decenni ti ricattano
e non ti fanno capire nulla perchè per una
mamma i figli sono la priorità assoluta e se
sottilmente subdolamente ( qui centra anche la Chiesa Cattolica per me grande responsabile) ti consigliano di dare il voto a quel sant'uomo di turno tutto casa e chiesa uomo probo e rispettoso
della famiglia. ma lorsignori del clero sanno
che il sant'uomo candidato è il contrario di
quello che ti rappresentano. e lo sanno stai
sicura perchè ti faccio un esempio io certi
amici puttanieri o amorali ecc li ho sempre
individuati anche da giovanissimo voglio dirti
che Berlusconi non è diventato amorale è nato
amorale ed è stato appoggiato molto dalla Chiesa.
allora cara Mariateresa se tu vorrai consegnare
a tuo figlio una nuova nazione più giusta dovrai
sopportare dei sacrifici insegnando a tuo figlio
che se per un periodo mangerà pane e cipolla
questo sacrificio varrà a fare vivere meglio
lui e i suoi figli vedrai che sarai felice:
un bacio.

giuseppe lovo 26.06.12 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Se non altro per rispetto di chi, le mani nella merda, anche se ne avrebbe avuto bisogno, non ce l'ha messe!!!

Diego Piccioli 26.06.12 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Eh no bella! Io capisco perfettamente il tuo intervento e comprendo benissimo scelte ancorché discutibili, fatte però in momenti di seria difficoltà. Arrivo anche a capire chi ruba, se non ha il pane. Tuttavia si tratta di un intervento fuori luogo e non si capisce perché lo abbiano ritenuto così meritevole da essere pubblicato. Queste sono cose che si dicono chiacchierando in privato. Un intervento scritto è qualcosa di diverso... Che avresti voluto dire? Quale è la riflessione che fai? Quale il messaggio? Non possiamo continuare a nasconderci dietro la guerra tra poveri per dire boiate inutili! E pubblicarle! La frase del tuo prof sarà anche ad effetto, ma non vuol dire nulla inscritta in una analisi della realtà! La domanda è: chi stabilisce dove comincia la necessità e dove ci si sporca di merdà per avere di più anche se non necessario? Sembra facile essere d'accordo se ne parliamo al bar! Ti assicuro che è molto meno chiaro quando si comincia a discuterne approfonditamente! Un qualsiasi intervento scritto che voglia avere la parvenza di dare un contributo intellettuale (e qualsiasi intervento scritto ha questa caratteristica) si deve basare necessariamente sui principi! Senza mediazioni

Diego Piccioli 26.06.12 17:47| 
 |
Rispondi al commento

Per legge chi va a votare con un cellulare rischia 6 mesi.... conoscete qualcuno, almeno 1 che sia finito in carcere per aver fotografato la propria scheda??
6 mesi vuol dire un reato piuttosto grave, che colpisce al cuore la democrazia!

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 26.06.12 17:11| 
 |
Rispondi al commento

E mentre si scambiava l'unico strumento popolare con 4 briciole, loro in forza di questo si spartivano l'Italia. E ci lamentiamo pure che il paese va a rotoli, la strana idea della delega perenne, mai nessuno che per dignità dica no. Aveva ragione mia madre dicendo che purtroppo ognuno ha il suo prezzo.

red witch (red witch roma), roma Commentatore certificato 26.06.12 16:44| 
 |
Rispondi al commento

come essere pensante del sud e pure cilentano non ho messo al mondo figli..per quanto mi riguarda la cosa suona meglio così.. purtroppo sulla questione voto di scambio in parte condivido, alle ultime amministrative il partito che fa riferimento(neanche a dirlo) al PDL ha comprato voti in cambio di posti di lavoro sul comune( come la storia del milione di posti di lavoro) che non c'è , non può essere solo colpa dei signorotti locali che nel mio territorio sono imprenditori turistici che fanno lavorare per pochi mesi all'anno centinaia di persone e grazie all'indotto altrettante per il resto dell'anno..c'è mia madre che dice continuamente "la politica è sporca" e questo che quello che sento quasi tutti i giorni dalle mie parti.. Come dice spesso Beppe il nostro principale problema e che deleghiamo e nessuno vuol mettersi in gioco con l'unico risultato che la politica la fanno sempre gli stessi da 40 anni..beppe al sud ha poco seguito perche il PC e una "diavoleria"..ehehe
ps

enzo d.m. 26.06.12 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo il punto l'hai espresso bene. Se delle ragazze e ragazzi di 18-20 anni non avessero messo
in gioco e perso la loro vita, non ci sarebbe stata la resistenza. Anche dopo quante persone hanno avuto una vita difficile per poter portare avanti le proprie idee sul posto di lavoro o in politica?
Tutti noi nella vita facciamo delle scielte.
Se decidiamo di accettare i ricatti, non saremo mai persone libere.
Perciò quando un territorio accetta di sottostare a brogli elettorali ecc. se poi si ritrova con rifiuti tossici, costruzioni abusive,territorio svenduto e così via la colpa è solo dei propri abitanti, senza tante scuse.
Siamo noi che dobbiamo sciegliere

adriano 26.06.12 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Se potessero, farebbero di ogni quartiere un comune (anche se di 20 abitanti)con tanto amministrazione emunicipio, così da lottizzare meglio e rubare di più. Il fatto che molti non capiscano il perché si vogliano accorpare regioni e province è raccapricciante. IO

stefano s. Commentatore certificato 26.06.12 14:51| 
 |
Rispondi al commento

"forse mi sentirei più in colpa per non aver accettato la speranza di un brandello di sicurezza economica che per aver messo sotto i piedi la mia dignità di cittadina e le mie idee di essere pensante."

Questo concetto è la chiave di volta, e lo status quo che da sempre cerca il potere per governare un popolo intero, o mangi sta minestra o salti dalla finestra, ti conviene mangiare la minestra perché hai famiglia, mangiala altrimenti i rimorsi di coscienza saranno insostenibili.
E' la più palese speculazione sulla paura, sull'amore per i figli. Perciò credo che che la scrittrice di questo post dovrebbe sentirsi più in colpa per il non spiegare hai suoi figli le scelte dolorose che bisogna prendere per i futuri abitanti di questo pianeta. Scelta dolorosa. ma credo serva a rendere dei bambini un po' più coscienti e responsabili a discapito di un "benessere" guadagnato grazie alla delinquenza.
Co vuole coraggio, e fiducia nella capacità di comprensione dei propri famigliari.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.06.12 14:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

chi ha dei figli ritengo possa capire meglio la riflessione di Mariateresa .. ha onestamente ammesso che forse i figli possano far cambiare alcune priorità!
Però alla fine, quando si tratta di decidere .. io credo che le brave persone e gli onesti genitori sentano sempre la responsabilità di dover dare ai propri figli un futuro migliore e un paese onesto dove vivere , un paese dove contano i meriti e non le amicizie.
Se il nostro unico futuro possibile fosse solo quello che ci propinano da anni i nostri parlamentari, con le leggere diverse sfumature fra desta sinistra e centro, la speranza di un futuro migliore sarebbe un’ utopia e credo che l’accettare compromessi poco onesti sarebbe quasi un obbligo.

il lavoro mi porta quotidianamente a parlare con molte persone, con qualcuna di loro il dialoga si allarga alla vita o alla politica .. naturalmente nessuno è contento di come stanno le cose , gli scandali , i privilegi della casta e il fatto che la classe dirigente ci ha riempito prima di debiti ed ora di tasse, sono il movente comune di questo scontento ..
mi capita sempre più spesso che i miei interlocutori abbiano anche la soluzione, ed esordiscano con frasi come : “saprei io come fare ..” o “ dovremmo fare .. ” .. quando gli chiedo cosa? chi mi risponde: dovremmo smettere TUTTI di pagare le tasse, altri dovremmo andare TUTTI sotto il parlamento a manifestare ad oltranza, altri ancora auspicano il non voto di TUTTI come segno di protesta ..
.. quando obietto che è difficile che TUTTI davvero facciano queste cose, oltre a darmi ragione sempre più spesso sento dire allora dovremmo votare il Movimento 5 Stelle !!
Ecco .. questa è la speranza che dovrebbe anche AIUTARCI a non accettare compromessi !

Roberto B. Commentatore certificato 26.06.12 13:47| 
 |
Rispondi al commento

Due errori gravissimi: 1) il Cilento non è un paese ma è una zona al sud di Salerno che comprente tantissimi paesi e città come Agropoli e Vallo. 2) Il cilento è Campania e non ha nulla a che fare con la Basilicata (lucania).
Sembra incredibile che si permettano di pubblicare tali articoli con tali errori. Per il resto una generalizzazione assurda: vogliamo contare quanti signorotti ci sono nel centro o nord Italia nelle migliaia di paesi e cittadine esistenti? Ma che articolo è questo??? Ma come si fa a pubblicarlo??

Cilentano 26.06.12 13:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Accettare è come morire moralmente! sopravvivere in questa infamità non ha veramente alcun senso! Così non si dà futuro ma si rimane infangati in un squallido presente! A questo punto è meglio emigrare!

Ozaru M., roma Commentatore certificato 26.06.12 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Tutto lo scambio si basa sulla prova fotografica.
Chi entra in una cabina elettorale con un cellulare è condannabile a 6 mesi di detenzione....
trovatemi 1 dico 1 che sia stato messo in galera per questo.....
dove sono i magistrati? tutti a contare i peli del c*** ai no-tav? a lamentarsi se belusca li sbeffeggia? A far finta di ascoltare Lusi?
Intanto la democrazia muore...

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 26.06.12 13:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se accetti stai condannando i tuoi figli.

Alessandro crapanzano (alexander009) Commentatore certificato 26.06.12 13:07| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Dov'è lo scandalo? Che noi ci sentiamo obbligati ad edificarci eticamente o che non ci riusciamo? Che noi siamo stati educati con la legge delle pecore o che noi ci sentiamo forti solo se lo siamo eticamente? Che la vita ci sopravanza sempre mentre noi la vorremmo ordinata, organizzata, pulita, etica? E se noi invece provassimo a rispondere a quel mio collega di filosofia se avesse preso lo stipendio perchè raccontava in classe qualche aforisma o perchè pensare è un rischio?

Antonio Rocco Corvaglia, Spongano Commentatore certificato 26.06.12 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Quindi io che non ho fatto figli per non avere un LUSSO che non posso permettermi dovrei considerarmi un "essere pensante" che ha pensato male.
Anche io sono del sud e condivido il tuo prof, riporto un mio sotto-commento intopic di ieri:
"C'è anche chi non accetta (ndr un posto li lavoro per scambio di voto), ma purtroppo voi italioti siete la maggioranza.. questo è il vero guaio di questo piccolo paese."

Eloi Delpopolo Commentatore certificato 26.06.12 12:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori