Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il problema della balbuzie

  • 63


Balbuzie.jpg
"Le cause della balbuzie possono essere di vario tipo, però, per le mie ricerche, la componente psicologico - relazionale ha un ruolo predominante. Ci sono scuole di pensiero che vedono la balbuzie anche come un disturbo di tipo genetico. Però va sottolineato che il balbuziente nel chiuso della propria stanza, quindi non sottoposto a giudizio esterno, non balbetta mai." Antonio Bitetti

Intervista a Antonio Bitetti, Fondatore dell’Istituto Europeo per la Balbuzie

Condizionati dal giudizio esterno (espandi | comprimi)
Buongiorno a tutti gli amici del blog di Beppe Grillo, sono Antonio Bitetti, sono il fondatore dell’Istituto Europeo per la Balbuzie, sono uno psicologo, mi occupo di questo problema da più di 20 anni, devo sottolineare anche che sono stato balbuziente fino all’età di 30 anni, ne ho 50, quindi ho un percorso personale di vissuto di questa difficoltà.

Il 2/3% della popolazione mondiale è affetta da balbuzie (espandi | comprimi)
Il balbuziente è condizionato nella sua vita quotidiana, a volte evita la relazione per non essere deriso, è un timido fondamentalmente, proprio perché giustifica questa matrice di fondo, questo aspetto autosvalutante che è in contrapposizione all’elemento grintoso che la persona dovrebbe avere

23 Giu 2012, 19:26 | Scrivi | Commenti (63) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 63


Tags: balbuzia, balbuzie, balbuzie adulto, balbuzie bambino, balbuziente, Bitetti, cura balbuzia, istituto europeo per la balbuzie, terapia balbuzie

Commenti

 

Sono uno psicoterapeuta e da molti anni mi occupo del problema della balbuzie.Ho letto commenti in cui certi "comportamenti aggressivi" dei genitori vengono identificati come la ragione principale del disturbo. In realtà occorre essere cauti, e meno colpevolizzanti rispetto ai padri e alle madri. Talvolta il problema nasce in fasi molto precoci dello sviluppo del bambino e può perfino essere ascritto ad un "eccesso di zelo" nello svolgimento dei compiti materni e genitoriali - i compiti più difficili che ogni essere umano debba affrontare.

Adriano Legacci 18.06.16 12:38| 
 |
Rispondi al commento

È vero! C'è chi promette risultati strabilianti e c'è chi ci crede e rimane deluso... Succede non solo nella balbuzie ma in tanti altri campi! Se qualcuno vi assicura che dopo una qualsiasi terapia non balbetterete più non credeteci! Questo però non deve assolutamente spingere un balbuziente a rassegnarsi e a tenersi 1000 paure e non fare niente per migliorare! Dipende da cosa ci si aspetta dal percorso che si va a fare e soprattutto cosa intendiamo per risolvere la balbuzie. Io sono soddisfatta del mio percorso perché quando sono andata alla consulenza gratuita del corso della dott.ssa Vendrame mi hanno spiegato che uscire dalla balbuzie era un cammino duro ma che mi avrebbe dato almeno la possibilità di migliorarmi ed eliminare tante ansie inutili. Ho fatto il corso personalizzato e i risultati che ho ottenuto sono andati oltre le mie aspettative anche grazie alla mia tenacia. La balbuzie oggi non mi fa più paura, ho affrontato con successo tante situazioni che una volta mi creavano un'ansia terribile e mi sento di avere possibilità che prima non avevo. Se qualche volta capita di incepparmi pazienza, la voglia di parlare bene mi torna subito perché adesso dopo il corso so come fare. Io intendo questo per risolvere la balbuzie e calcolando la qualità di vita che ho oggi credo sia stato proprio un bel investimento. Ciao

Monica Galan Commentatore certificato 27.11.14 18:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

TITOLO: il business della balbuzie

anche io come tutti voi mi sono imbattuto in questo dedalo di "terapeuti" della balbuzie.
Non voglio soffermarmi in inutili e già ripetuti argomenti già trattati, ma la domanda che rivolgo ai "terapeuti" è la seguente:
Quante pensate che siano le persone da voi trattate che hanno superato il problema? voi vi illudete rispondendo quasi tutti, invece io vi dico che essendo in contatto con tantissime persone, si contano sulla punta delle dita quelle che effettivamente riescono. Soltanto che nei vostri siti si vedono solo testimonianze di chi è riuscito, .....dovreste inserire anche le testimonianze di chi non è riuscito allora..... Oltretutto dovreste rivedere un po le tariffe perchè trattare la balbuzie è veramente roba da ricchi, si parla di prezzi da migliaia di euro, imposti da persone che una volta erano balbuzienti!!!....infine tutto quello che ci si sente dire è : NON TI SEI IMPEGNATO ABBASTANZA.............a voi le conclusioni.

david crisafulli 17.02.14 20:56| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti, io sono una ragazza di tredici anni, e ho frequentato due anni fa il corso di Chiara Comastri a Napoli, ha funzionato, ma io non avevo la volontà di continuare duramente e ho lasciato tutto. Adesso me ne pento amaramente. Ma ho deciso di ricominciare, ricominciare ad allenarmi credo che se ci metterò tutto l'impegno possibile, anche io riuscirò ad uscire da questo problema. comunque io vi consiglio il corso di Chiara Comastri, :)
un bacio a tutti.

michela 17.11.13 21:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti. Io ho sofferto del problema balbuzie. Ho provato diversi metodi e ho sprecato soldi con diversi nomi sopra elencati. La balbuzie sono riuscita a sconfiggerla alla fine, ma solo con il corso della dott.sa Chiara Coma stri. Con me il suo metodo ha funzionato alla perfezione. E ora non balbetto piu'.
Grazie

riccardo travaglio 07.11.13 07:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, lo hai postato tu questo post??? *-* io ho risolto del tutto la mia balbuzie..ansi se posso dirti ho trovato proprio quello che volevo...adesso comunico con molta forza..e penso che il corso che ho fatto io è proprio un gioellino di corso, perchè si potenzia molto la comunicazione..fantastico!!

Fabrizio Sollami 08.04.13 22:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso anche io sia tutta o gran parte condizione psicologica.Ho visto una psicologa e una logopedista ,ho trovato miglioramento dalla psicologa con la quale iniziammo una tecnica da effettuare quando uno parla.Ho seguito solo una seduta ma anche se ho abbandonato mi ha aiutato a capire che potevo parlare e sono migliorata senza applicare alcuna tecnica da li in poi.Ogni tanto balbetto ancora ma mi rendo conto anch' io che quando lo faccio sto parlando in maniera molto nervosa.PS TRA L' ALTRO ANCHE SE DECISI DI NON SEGUIRLA LA TECNICA DELLA DOTTSSA CHE VIDI SECONDO ME PUO' ESSERE MOLTO EFFICACE E ABBASTANZA SEMPLICE DA FARE.NON RICORDO PIU' IL NOME DELLA DOTTSSA COMUNQUE SI TROVA AD ARONA (no)ED E' UNA TECNICA UTILIZZATA SOLO DA LEI IN ITALIADA QUANTO HO CAPITO (O COMUNQUE UNA DELLE POCHISSIME).CIAO

NICOLE SEMPIO 05.03.13 04:43| 
 |
Rispondi al commento

Io ho un esperienza come tante, balbettavo fin da piccola,
crescendo ho migliorato e balbettavo solamente in certe situazioni
e davanti a una determinata tipologia di persone.
Ora sento che ne sto uscendo, è per la prima volta nella vita
che mi sento così propositiva, dopo vari corsi , percorsi, sedute
interminabili dallo psicologo e logopedista.
Ora grazie a uno speciale percorso sto migliorando giorno per
giorno e ne sono felice.
Ringrazio comunque per aver portato alla luce questo problema
di cui nessuno mai parla.

antonella deluca 07.02.13 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Scusate anche a me capita di balbettare e alla fine secondo me e questione di estraneazione dalla societa. Dunque consiglio da ex balbuziente di non estraenarsi ma di interagire.

dario dessi 04.01.13 21:24| 
 |
Rispondi al commento

Sono un "ex balbuziente", ho superato la balbuzia quando ho capito che per sbloccare il mio eloquio dovevo fare ricorso (sopratutto quando parlavo con estranei) a risorse di aggressività, che per l'educazione ricevuta le ho sempre mantenute latenti.
Aggressività intesa non come sentimento distruttivo, quindi negativo ma come una forma di energia per affermarsi e farsi accettare nel mondo.
Ritengo che il metodo dello psicologo che ha scritto l'articolo abbia centrato appieno il problema.

Maurizio Mangiapia 18.08.12 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
anche io soffro di balbuzie e penso che possa essere spiegata e risolta solo dal punto di vista psicologico. Mi capita infatti di avere problemi ad esprimermi correttamente in ambito lavorativo, quando sò di essere giudicato e di dover entrare in competizione con altri, in queste occasioni mi capita di pensare prima cosa dire e di essere in ansia. Tutto ciò non si verifica quando parlo degli stessi argomenti con amici o persone che non ho mai visto prima. Quindi ritengo che il problema sia dovuto solo al modo in cui mi pongo verso determinate situazioni. Nel mio caso è il lavoro per altri possono essere altre situazioni. Con l'obbiettivo di migliorarmi professionalmente dato che il problema spesso mi impedisce di esprimermi chiaramente ho deciso di comprare e leggere alcuni libri che parlano della balbuzie e alla fine le mie conclusioni sono che il problema è di tipo mentale. Sulla base di quello che ho letto ho deciso qualche settimana fa di seguire il corso del Dott. Bitetti. Durante il corso ho avuto la certezza che i vari metodi per parlare senza balbettare (cantilene, canto, controllo della respirazione) che vengono proposti in altri corsi o spiegati su alcuni libri servono a poco, o meglio solo a far capire al balbuziente che è in grado di parlare correttamente. Però il vero lavoro da fare per risolvere il problema deve essere di tipo mentale ovvero acquisire la sicurezza dei propri mezzi, non pensare a un giudizio negatico degli altri a prescindere da tutto, accettare e risolvere situazioni negative, ... Ritengo che il corso mi abbia dato gli strumenti per analizzare in quest'ottica alcune situazioni della mia vita e quindi poter agire in modo differente rispetto al passato. Questo mi sta aiutando a risolvere il mio problema, anche se il lavoro da fare è veramente duro perchè non basta capire determinati concetti, bisogna anche applicarli. Questa è la mia esperienza sul problema della balbuzie.
Un saluto.

nicola c. Commentatore certificato 04.07.12 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Vole o cbiedere a cossu stefano come ha fatto a risolvere il suo problema, la cosa dell occhio l ho notata pure io m.aa e una cosa forte dentro di te, riesco a togliere il suo sguardo. Solo se me ne frego di tutto e di tutti ma cksi divento asociale e alle.volte. Menefreghista

francesco ru 29.06.12 21:24| 
 |
Rispondi al commento

Bitetti, Coppola, Comastri, Santilli, Mastrangeli... ma quanti santoni esistono in Italia?! Chi più chi meno ha inventato un metodo per superare la balbuzie, io personalmente avendoli conosciuti quasi tutti posso consigliarne due, che usano poi dalla stessa tecnica: Coppola e Etymosirio.
Coppola è famoso solo per essere andato da costanzo, e si fa pagare troppo, veramente troppo. Però funziona.
Etymosirio è un ex allievo di Coppola, tale Valerio, e si fa pagare la metà. E funziona lo stesso. Ci sono stata l'altro anno.
A voi le conclusioni.


Buona sera, mia figlia ha questo problema, balbetta. Si manifesta più come una sospensione, un'attesa, un "problema" del respiro, questo non accade sempre,come dice Lei, probabilmente quando sente una sorta di giudizio sulla sua espressione. Ho cercato di trovare terapie adatte, soprattutto nell'ambito pubblico ma, non ho trovato molto, invece vari istituti privati che dichiarano di risolvere il problema per sempre con corsi di circa 3/4 settimane a costi piuttosto elevati. Inoltre dopo alcune esperienze con una logopedista ho visto che mia figlia è scoraggiata e non ha voluto partecipare ad un corso cella dott.ssa Chiara Comastri, di cui avevamo seguito la presentazione insieme. Proverò a cercare il testo che cita e se per ora ci possono essere altri suggerimenti li accolgo molto volentieri.
Saluti, Giuseppe Zago.

Giuseppe Zago 25.06.12 22:05| 
 |
Rispondi al commento

Io ho balbettato per tanti anni, cioè dai 4 ai 30 circa. All'età di 15 anni ho convinto uno speaker radiofonico delle mie parti a farmi provare a fare il suo lavoro.
Morale della favola, ho fatto lo speaker radiofonico per alcuni anni raggiungendo anche livelli di tutto rispetto. Però mi rendevo conto che il problema rimaneva quando dovevo parlare ad altre persone, cioè dal vivo...a meno che non fossi più che motivato....quindi con una buona autostima. Ho cominciato a lavorare sulla mia psicologia in determinati momenti, a rendermi conto che se ero tranquillo e quindi padrone della situazione parlavo molto bene ed anzi, meglio di tanti altri e così ho fatto un percorso psicologico da autodidatta che mi ha portato a parlare tranquillamente diciamo per il 99% delle volte.
Ogni tanto, quando sono particolarmente stressato e agitato, per qualsiasi motivo, mi ricapita, però non ne faccio un dramma, nella maggior parte dei casi, il giorno dopo mi passa.
Se posso aggiungere una battuta.."noi balbuzienti tante volte abbiamo taciuto per non fare figuracce. Chi ha la lingua troppo sciolta, ne ha fatte di figuracce perché sparava una marea di cazzate

Giancarlo R. 25.06.12 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti, leggendo i vostri commenti mi chiedo: ma la cultura è proprio arrivata a questi livelli? Mi presento sono un giorvane che era affetto da questo problema in maniera molto grave che mi impediva di fare tutto quello che una persona "normale" può svolgere, quello di comunicare liberamente, ora invece sono ormai un pò di anni che ne sono uscito fuori e tutto questo sapete a chi debbo dire grazie? Ebbene si al dottore che ha fatto questa intervista, mi ha fatto capire tanti concetti che sono serviti a cambiare il mio modo di pensare ad affrontare tutto quello che la vita mi chiamava a svolgere con la giusta grinta e quella agressività che canalizzata bene porta a dei buoni risultati."Purtroppo" nel corso del dott Bitetti si lavora tanto (a differenza di altri che ho in prima persona fatto sul cantare, è molto più semplice cantare che lavorare sul piano caratteriale), però è un giusto lavoro che fatto bene porta verso la libertà, volare via verso orizzonti infiniti!! Un consiglio a chi è affetto da questo "problema" se potete acquistate il suo libro è un vero strumento per capire tante cose e poi commentate!!Una buona giornata a tutti

pino 25.06.12 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Molto bene se c'è somiglianza tra grillo e berlusconi finalmente abbiamo trovato il nuovo presidente al di sopra di ogni sospetto.
Beppe for president adesso piu' che mai.

giuseppe p., alghero Commentatore certificato 24.06.12 18:59| 
 |
Rispondi al commento

io personalmente ho avuto la sfortuna di partecipare ad un corso del dott. Bitetti qualche anno fa a Roma, la formula era soddisfatti o rimborsati.
Il corso era composto da soltanto due persone, io e un'amica del dottore. Risultato, nonostante l'evidente non miglioramento della mia balbuzie, non sono stato rimborsato, con la motivazione che ero io a non voler guarire. Tutto questo comportò un'ulteriore sfiducia in me con il conseguente aumento della mia balbuzie. Ero solo un ragazzo, adesso starei molto più attento ai tutti i santoni che ci sono in giro e che promettono di cambiarti la vita. Questa è stata la mia esperienza con questo dottore e mi ha ferito molto vederlo pubblicizzato sul sito di Beppe Grillo che stimo moltissimo, o forse...

andrea donatelli 24.06.12 18:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ba ba bà ba rbarbarann

ci ci ci 24.06.12 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Confermo quanto scritto da Mimmo G., in quanto vivo lo stesso problema, appesantito da problematiche pesanti che incidono su una vita serena.
Adesso non stò a piangermi adosso e passare come vittima, ma posso fermamente affermare che la balbuzia è un problema serio che condiziona ogni movimento della vita. Ci sono casi più leggeri di altri e viceversa. Personalmente non balbetto sempre, ma se perdo il controllo, passo dal balbettare a mangiarmi le parole e parlare velocemente da non capirmi nemmeno io, fino ad incepparmi. Non sempre un balbuziente riesce a controllarsi, perchè parte già svantaggiato. Parlare in un gruppo o ad un gruppo o avere una discussione in un faccia a faccia, è come eesere nella foresta: vince il più forte.
Un grazie per questo blog

Lorenzo Bosisio 24.06.12 15:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao
Io sono balbuziente dall'età di 4 anni causa uno spavento che mi porto ad essere muto e ha uno che mi sbloccò lasciandomi balbuziente,dopo varie scuole e vocalizzi vari si accorsero anche che ero asmatico e di conseguenza era tempo perso.
Ma tutto ciò non mi impedì nulla nella società,anzi molto spesso ho sfruttato il difetto per superare gli ostacoli di ogni genere sia a livello scolastico che lavorativo,passando da operaio a Resp.CQ e produzione dovendo quotidianamente avere a che fare con fornitori e clienti oltre che fare il Sindacalista parlando a platee alquanto gremite.
Anche a livello di rapporto femminile non ho trovato difficoltà anzi!!
Non nego di essere stato a volte cinico per poter stare al passo con gli altri ma sono convinto che gli stessi problemi che ho avuto io li hanno avuti un po tutti sta solo volerli superare e vedendo una strada sempre in salita mi ha spinto a non mollare mai.
Comunque se vi interessa potete leggere il pezzo pubblicato sul mio libro "IO" Il Giovane visitando www.davidevignati.bloog.it.
Vi segnalo una mia teoria,qualsiasi diversità è tale solo se è considerata da persone stolte e ignoranti e non ho mai trovato una persona uguale all'altra se non nella arroganza di stolti che si organizzano in caste per paura degli altri.
A tutti i balbuzienti vi posso dire una cosa "non siamo noi i diversi ma gli alti che non balbettano con la bocca ma con il cervello e di conseguenza vanno aiutati poverini".
La prima cura è l'auto stima non la fuga.

Ciao

1 Davide 1 Vignati, Merlino Commentatore certificato 24.06.12 13:57| 
 |
Rispondi al commento

concordo con bitetti.sono anche io un ex balbuziente.ho smesso da quando ho capito che prima di parlare devo contare fino a 10 e fare un bel respiro.come per incanto non ho più balbettato

fulvio z., lavagna Commentatore certificato 24.06.12 13:31| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe,io sono balbuziente è sono in grado di non balbettare quando scelgo di farlo.
la disinformazione sulla balbuzie in italia è tanta ed è anche voluta, da tutte e due le parti, operatori del settore e balbuzienti.
La soluzione per la balbuzie è stata gia trovata ed è stato merito di GIUSEPPE COPPOLA UN EX BALBUZIENTE CERCATE SU YOUTUBE E SU INTERNET,FAQCEBOOK PER INFORMAZIONI.
Il problema è che se NE vogliono OCCUPARE PSICOLOGHI, LOGOPEDISTI, PSICHIATRI, PSICOMOTRICISTI, NEUROLOGI E FONIATRI,senza che la balbuzie sia un problema di loro competenza , LA BALBUZIE NON è UN PROBLEMA MEDICO, MA UN PROBLEMA DI ISTRUZIONE.
SI BALBETTA PERCHè SI PENSA DI BALBETTARE, I BALBUZIENTI QUANDO PENSANO ALLA FRASE DA DIRE ANCORA PRIMA DI DIRLA VANNO A CERCARE LA PAROLA SULLA QUALE BALBETTERANNO CREANDOSI IL BLOCCO.
balbettare è un comportamento e i comportamenti sono tutti volontari tranne i riflessi neurologici,e la balbuzie non è un problema neurologico in quanto non esiste nessun esame oggettivo in grado di indicare e quantizzare se uno è balbuziente oppure no e se uno è piu o meno balbuziente di un altro.
nonostante le neuro immagini che fanno vedere ,quelle sono solo immagini belle ma inutili , perchè pensando e facendo cose diverse si attivano aree del cervello diverse,ovvio banale immediato, sarebbe una malattia il contrario, e i balbuzienti non pensano di parlare ma pensano a balbettare, pensano la frase in fretta per vedere se ci puo essere un blocco e per trovare il modo di saltar fuori da quel blocco, attraverso un intercalare, cambiando la frase, chiedendosi se qualcuno si è accorto di qualcosa ecc...
Un altro problema sono i balbuzienti che utilizzano la balbuzie come alibi per i loro insuccessi, e per colpa loro se cè ancora disinformazione su questo problema.
SENTI BEPPE SE NE VUOI SAPERE DI PIU CONTATTAMI,SE VUOI IO CI METTO LA FACCIA SU QUELLO CHE HO SCRITTO,E SONO DISPOSTO A IMPEGNARMI DI PERSONA PER QUESTO PROBLEMA CHE MI HA RIGUARDATO.

giuliano damato 24.06.12 13:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti noi anche se in piccola percentuale soffriamo di balbuzie.

zak Fardello 24.06.12 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Altro che ius soli di quello zombie di Bersani! La prima cosa da fare quando saremo al governo sarà la lotta alla balbuzie.

Democratico In Diretto 24.06.12 10:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un ex balbuziente. Permettetemi di dire che non ho mai conosciuto uno che balbettasse piú di me. Balbettavo talmente tanto che perfino la voce dei miei pensieri balbettava, altro che >.

Poi un giorno ho capito: Avevo un occhio su di me che mi guardava, che mi seguiva dappertutto e mi giudicava, che si aspettava talmente tanto da me che non potevo piú permettermi nemmeno di parlare senza fare attenzione a come lo facevo.

Provate a camminare pensando che state camminando e che ora muovete la gamba destra fino ad alzare il tallone, sporstate il peso del corpo a sinistra, ora si spinge con l'avampiede... ci riuscite a camminare, si ma lenti,goffi.

La balbuzie é esattamemte la stessa cosa: quando inizi a parlare non pensi a cosa devidire, pensi che stai per iniziare a parlare, e che lo devi fare bene, per fare contento quell'occhio che ti guarda. E per dirlo tecnicamente, inizi ad usare la corteccia celebrale per svolgere delle funzioni nervose del tronco encefalico, in parole povere attivi con la volontá dei muscoli che devono funzionare involontariamente.

Questa é la balbuzie. Tutto il resto son chiacchiere.

PS Ognuno ha il suo occhio su di se. Il mio era l'occhio di mio padre, che una volta morto é diventato il peggiore degli occhi. L'occhio idealizzato

Un saluto

cossu stefano, Madrid Commentatore certificato 24.06.12 01:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho fatto il suo corso ancora 10 anni fa, passo la parte psicologica, che condivido e aiuta molto, ma senza risultato la parte "tecnica". Molto più efficace da questo punto di vista il corso di Coppola http://www.balbuzie.com/. P.S. non ci guadagno niente!

Eugenio Leati 23.06.12 22:59| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti, io solo posso dirvi quello che ce una persona che si occupa di questo problema, lei a individuato il perché balbettiamo e questo e un errore nei vari muscoli del nostro corpo e apparato respiratori, con varie pratica muscolari e respiratorie la maggiorie di persone con questo difetto lograno parlare senza balbettare... questo il link: http://www.alexander-technik.org/content/artikel/GLAT_Artikel_2003-09.pdf

Alberto Villa 23.06.12 22:20| 
 |
Rispondi al commento

aggiungo che un episodio che mi è capitato che ha proprio distrutto la mia sicurezza verso gli altri,e stato quando mi sono recato dal mio medico generico perché avvertivo dolore alle gambe,non so le cause,penso sia una questione di pressione del sangue
cmq andai dal medico e gli spiegai il mio problema,gli dissi che stavo perdendo i capelli,che una volta trovai un brufolo stano di colore verde,sul mio petto,che provai a schiacciarlo per toglierlo e vidi che ne usci qualcosa che somigliava ad un sassolino,ma che molto probabilmente era un qualche insetto o cose simili,non riusci a vederlo perché fini nel lavandino del bagno!
gli dissi che un altra volta mi si chiuse la trachea alla gola,e stavo rischiando di rimanerci fortunatamente si riapri.. anche qui non conosco le cause penso ad un allergia,o all'effetto per aver respirato il pesticida che spruzzano nell'aria quelli del comune per evitare che si formino troppi moscerini.. e gli spiegai tutte queste cose,e gli dissi che volevo delle risposte per capire cosa accadeva al mio organismo,per stabilire le mie condizioni di salute.. gli dissi che volevo fare degli esami medici come:esame del sangue,una visita dermatologica approfondita per capire cosa fosse il brufolo verde,e anche per stabilire la causa della mia caduta dei capelli (che a 20 anni non era normale) e lui invece che ascoltarmi,che venirmi incontro che assecondarmi con richieste che tutto sommato sono legittime per chiunque perché si ha diritto alla salute,e chi vuole fare degli esami di qualsiasi tipo,anche se non ha motivo deve portarlo fare,e lui niente,invece che ascoltare il suo paziente mi liquidò dicendomi che avevo le allucinazioni e che quindi andavo curato con uno psicofarmaco contro la depressione.ma io non ero depresso,ho immaginazione,ma non ho mai sofferto di visione distorta della realtà,ho senso di osservazione ma non immagino cose che non possono esistere!
da li mi sono tenuto per me tutte le domande,e 0 risposte! cont->

Mimmo G., cardito (NA) Commentatore certificato 23.06.12 22:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vi dico solo che io tutto quello che ho, me lo sono guadagnato da solo,me lo sono fatto da solo.. dai blog,al canale su youtube da un mille e passa clic la settimana.. dalla patente di guida alla scuola!
nessuno mi ha mai incoraggiato a fare nulla,mentre io ho sempre dimostrato di essere una persona capace ed intelligente non mi sono scoraggiato e invece che abbattermi ho provato a fare sempre meglio,e non per piacere agli altri,ma per dimostrare a chi non crede in me che si sbaglia,e sappiate che per me chi sbaglia ha chiuso!!
eppure io non mi sento a mio agio a comunicare con gli altri,mi manca quel qualcosa che non so nemmeno io.. ho ancora tanto da capire!

Mimmo G., cardito (NA) Commentatore certificato 23.06.12 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Da persona coinvolta in prima persona posso dire che anche nel chiuso della mia stanza, da solo, capita spesso di balbettare,pertanto il sedicente esperto di balbuzie dice una inesatezza.A me pare che si stia facendo una bella pubblicità gratuita, pertanto,senza offesa, un grande vaffanculo al Dr. Bitetti e un anche a Grillo.

Francesco 23.06.12 21:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono d'accordo con quanto detto,io ho questo problema con il mio migliore amico parlo bene,e apertamente..
perché so che comunque posso parlare liberamente di qualsiasi cosa senza che la mia espressione arrechi danno al rapporto o ad altri!
il problema e l'insicurezza,un pò causata dalla mia famiglia che mi opprime quando parlo,non mi sento ascoltato,e spesso finisco proprio per essere deriso e preso in giro e proprio quando dico cose serie e per me interessanti..
si arriva ad un certo punto che non si ha più voglia di dire niente perché non ci si sente ascoltati,e allora capita che incominci ad isolarti e se ti fanno delle domande non gli saprai rispondere,ci metterai tempo a trovare delle risposte,e altro tempo per trovare il coraggio di pronunciare le parole!
la balbuzia,nasce proprio dall'insicurezza!
che viene aggravata oltre che dai problemi in famiglia,anche dal mondo che ci circonda..
che comunque uno non aiuta di certo l'altro quindi si è completamente soli.. ed isolati! incapaci di comunicare,con l'unica certezza che hai che nessuno ti ascolta!

Mimmo G., cardito (NA) Commentatore certificato 23.06.12 21:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Due osservazioni:

1) In effetti non ho mai visto uno stronzo aggressivo figlio-di-puttana balbettare.

2) I genitori sono i peggiori, come al solito. E non mi venite a raccontare LA BALLA che è difficile fare il genitore o che si impara facendo e nessuno è perfetto. Non fatelo allora. Se un genitore non riesce a capire che non deve trasmettere ansia al figlio con richieste esagerate allora non ha capito proprio un cazzo. Un problema piccolo per un adulto è enorme per un bambino. Idioti.

PS: vista la mia aggressività è ovvio che non balbetto.

Il Grigio (il grigio) Commentatore certificato 23.06.12 21:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Beppe per aver messo in risalto questo problema, per carità ci sono cose più gravi nella vita, ma credetemi, a volte non è per niente facile. Grazie di nuovo.

Davide Anastasio 23.06.12 21:44| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
MOLTO INTERESSANTI QUESTI ASPETTI DELLA BALBUZIA,HO CONOSCIUTO UN MIO EX COMPAGNO DELLE SUPERIORI CHE NE SOFFRIVA
ALVISE

alvise fossa 23.06.12 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Non ci sono commenti, ma non è perchè non l'abbiamo letto, l'argomento è interessante, ma non ci riteniamo all'altezza di fare commenti, essendo (quasi) tutti ignoranti nella materia.

Aggiungerei solo che se è possibile, mettete un link di riferimento in modo che chi ha questo problema possa contattare uno psicologo che applichi il trattamento integrato.

nicola rindi, prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.06.12 20:59| 
 |
Rispondi al commento

E' uno scherzo, o c'è qualcosa che - forse per mancanza di sensibilità - mi è sfuggito?

Alberto "R2" Rizzi

Roberto2 Rizzi Commentatore certificato 23.06.12 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Bellissimo post, interessante davvero!
Mi spiace sia da genitore che da insegnante per ciò che i bimbi più deboli possono subire, dev'essere una sofferenza enorme. Penso però che ogni "problema" ci dia la possibilità di godere del percorso che porta alla soluzione. Anch'io ho alunni balbuzienti ed è grandioso per me quando li vedo "uscire e riuscire".

Andrea Pajetti, Bologna Commentatore certificato 23.06.12 20:56| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cooky Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori