Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Italia in saldo


Toto_fontana_di_trevi.jpg
"L'Italia si appresta a vendere il suo patrimonio immobiliare per far cassa. Siamo alla frutta. Il patrimonio immobiliare Italiano vale 400 miliardi di euro, ma la maggior parte è detenuto dagli enti territoriali. La somma sarebbe considerevole per abbattere il debito pubblico, ma dovrebbe essere presentato in tempi brevi un programma di razionalizzazione e di accorpamento di tali edifici, destinati in gran parte ai servizi di amministrazione pubblica. Sarà facile attuare questo programma? No, la quota disponibile in tempi brevi dalla vendita di immobili si riduce a 40 miliardi spalmati in 10 anni, un toccasana per un debito pubblico di quasi 2.000 miliardi... Morale: si svendono i NOSTRI immobili a prezzi stracciati ai "soliti" palazzinari privati che non aspettavano altro per depredare la nazione. Dopo averci levato i soldi dalle tasche cominciamo a vendere gli immobili, poi le strade, e ferrovie, i monumenti e tutto in nome del debito pubblico, ma a noi non andrà niente, come al solito tutto servirà a mantenere nel lusso questa razza di infami." bruno pirozzi, napoli

13 Giu 2012, 23:59 | Scrivi | Commenti (116) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

La parola chiave che piace anche alla camorra: dismissione
www.tonialimatola.it

tonialimatola 09.08.12 15:32| 
 |
Rispondi al commento

MA L'ITALIA NON E' IL PIU' BEL PAESE DEL MONDO? NON CERTO PER MERITO DELLA CLASSE POLITICA E AMMINISTRATIVA ODIERNA!!! Provo dispiacere a pensare di vendere il Nostro patrimonio. E' una dele cose che ci identifica nella maniera "buona". Occorre valorizzare il nostro patrimonio, anche pensando di affittarlo a tutor esteri, con contratti blindati che garantirebbero ristrutturazioni e successivi profitti.

Emanuele D. 21.06.12 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Per un biologo del comportamento o sociobiologo, l'essenza del discorso economico è espressa dalla frase di Sir Francis Bacon: Homo, homini lupus, vale a dire l'Uomo è lupo per l'uomo.
Il detto, nella sua essenza e significato era già in Plauto, e John Owen, contemporaneo di Bacon aveva contrapposto l'uomo lupo all'uomo dio:Homo homini lupus, homo homini deus.

Il significato è chiaro: tutti quelli che vi racontano la favoletta di una bella società egualitaria , paleo comunistica, credono alla favoletta che l'uomo non sia un predatore egoista ma sia mosso da forze prevalentemente altruiste e comunitarie, la fratellanza di San Francesco, che è vissuto come un idiota parlando con piante e uccelli (per gli psichiatri, un caso chiaro di dissociazione grave).

Insomma, se foste capaci, non fareste anche voi come la signora Fornero, figlia di un mezzo proletario, dotata di QI ben superiore alla media e quindi in grado di farlo valere?

Sapete quanto è il Qi di James Woods? 187
Se qualcuno crede che questo significhi qualcosa nel mondo di oggi, si faccia un confronto con il suo Qi. Il mio l'ho già fatto e si ferma a soli 134 punti, niente di sorprendente ma sufficiente per fare il medico e ricercatore.

Il mondo è nelle mani dei più forti e più dotati e funziona in questo modo: figuriamoci come finirebbe se fosse guidato dai meno dotati e dai più deboli (Bertrand Russell).

Naturalmente, forsela culattona figlia del medico o del prof. che si fa mettere nella Usl o in Comune, non dimostra un suo fallimento? Non è già ammettere di essere dei falliti, accettando di dar via il c...o per un posto in comune o alle Poste?

Alla prossima al

alberto marini 21.06.12 02:24| 
 |
Rispondi al commento

Svendendo il patrimonio Nazionale s'innesca altro debito futuro!:
è la logica del "se non hai devi dare, per avere!

se una ente strategico nazionale ,come puo' essere un ministero o un comune, non ha di sua proprietà (quindi di proprietà del cittadino) l'immobile o gli immobili di cui usufruisce (come è per la maggioranza stato fino ad oggi, senza pagare l'imu....),
l'immobile deve essere affittato, e l'affitto prevederà il pagamento del "premio" di locazione maggiorato di tutte le tasse che altre scellerate "compagnie del potere" si possono inventare.


IN PAROLE POVERE:
SVENDI PROPRIETA' PUBBLICHE
SVENDI IL DIRITTO DI ESISTERE A PREZZI ONESTI

Alessandro D., Roma Commentatore certificato 17.06.12 16:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NON CI DIMENTICHIAMO!

...che chi vende la Nazione non ce l'ha a cuore!!:
svendendo soprattutto beni immobiliari s'innesca un bell'incantesimo, l'incantesimo di riportarci per un attimo dall'"orlo del baratro" sul "filo del rasoio"...e non sappiamo neanche per quanto le VORACI FAUCI degli sciacalli staranno ad aspettare....

...poi se gli immobili occorrono, vanno ripresi!!!, ma in che modo? ve lo dico io! IN AFFITTO !!! AH AH!

Alessandro D., Roma Commentatore certificato 17.06.12 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Il 99% dei lettori di questo blog si identifica nello stato e lamenta, come l'autore di questo post, che esso venda gli immobili "nostri".

Lo stato non siamo "noi", gli immobili "pubblici" non sono nostri, ma dello stato. Non è: "L'Italia si appresta a vendere", ma "Lo stato si appresta a vendere".

Finché non impareremo fare questa banale distinzione, restermo schiavi. Andatevi a leggere la definizione di stato su Wikipedia e smettetela di sostenere una società divisa in governanti, tirapiedi e sudditi. L'unica società giusta è una società anarchica, di diritto privato e senza stato.

Kora Nucci Commentatore certificato 17.06.12 12:36| 
 |
Rispondi al commento

cari amici, scrivo per mettere sulla 'carta' pensieri che, in questa fase così convulsa del nostro divenire, affollano la mente. Non credo che sia in prospettiva un'alternativa al sistema capitalistico in essere, tantomeno forme di capitalismo 'sostenibile', ergo non esiste un alternativa in cui le banche possano cessare la loro attività, se non per precipitare in un economia di guerra, incentrata sul baratto, peraltro facile preda di processi di concentrazione in atto sul pianeta intero. Stiamo assistendo ad un tentativo di riequilibrio del debito attraverso meccanismi forzosi quali tassazioni patrimoniali, imposizioni indirette, destinati a fare 'cassa', a scapito della imposizione fiscale diretta di per se elevatissima. Per inciso penso che questa sia testimonianza di quanto lo stato sia debole, di quanto un elefantiaco sistema burocratico viva di vita autonoma e sfugga ad ogni controllo, così da non permettere di eseguire stime precise vedi 'esodati'. Il tentativo di 'cartolarizzare' i beni dello stato è forso uno scotto da pagare a politiche di bilancio tese ad agevolare un rientro del debito in paremetri 'accettabili' quali essi possano essere. Da esperienze precedenti si impone la massima attenzione acchè i processi di privatizzazione non e ripeto NON coinvolgano settori di pubblica necessità. Mi riferisco ad acqua, rifiuti, sanità etc. che DEVONO rimanere in mano pubblica e sfuggire in modo assoluto all'idea di profitto. E' di attualità il tentativo del comune di Roma di privatizzare le acque, tentativo ostacolato in modo efficace da un gruppo di cittadini. Non credo che la spinta sia esaurita, anzi, così come il partito della fissione nucleare rialza la testa, l'idra del profitto si riaffaccia ciclicamente nel proporre metodi di governo sicuri. Al termine dei miei vaneggiamenti propongo a chiunque possa essere interessato di aprire un confronto ispirato alla gestione dei problemi in nuce basato su proposte concrete e non solo a lamentele, peraltro legittime

salvatore nurra, roma Commentatore certificato 17.06.12 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Non so chi leggerà tale mio scritto , ma rammentate molto , ma molto bene , chi acquisterà tali beni ( si intendono qualsivoglia bene dello stato italiano ) potrà essere subitamente perseguitato dalle varie entità statali e quindi politiche e sottostare a miriadi ( miliardi !!!!!!!!!!!!! ) di incombenze di messa a norma !!!!!!
Dunque tutto questo è pura imbecillità !!!!!!!!! Sciascia direbbe cretinismo assoluto !!!!!!! Io dico che il potere politico quando è prevaricatore ( sulla dabenaggine della povera gente ( i cafoni di siloniana memoria ) deve essere perseguito con la pena capitale )!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

giannino Ferro Casagrande, Trieste Commentatore certificato 17.06.12 00:26| 
 |
Rispondi al commento

Gli affari li fanno sempre gli altri

Quando nel 1976 Gaddafi venne in soccorso alla FIAT di cui arrivò a possedere il 15 % del capitale,
un noto banchiere USA affermò: "Soltanto un pazzo può investire ora in Italia".
Quando nel 1986 Gaddafi rivendette il pacchetto azionario ricordate quanto guadagnò: SETTE volte il capitale investito.
E sapete chi lo comprò? In gran parte la Deutsche Bank, che poi appena si rese conto che il titolo scendeva disastrosamente sbolognó le azioni Fiat ai fondi pensioni.
Come dimostra l'esempio, la storia è burlona e distribuisce saggezza e stupiditá in modo imprevedibile.
L'unica certezza riguarda l'Italia, dove gli affari sulla pelle degli italiani li fanno sempre gli altri.

Graziano Priotto, Radolfzell Commentatore certificato 16.06.12 00:28| 
 |
Rispondi al commento

E con oggi siamo alla schizofrenia totale (o alla pseudologia fantastica, scegliete voi...). Passera ha fatto passare il suo provvedimento di crescita (?) che sarà finanziato con 80 miliardi di euro. Ma come? Hanno aumentato di due cent la benzina per aiuti all'Emilia, perchè dicevano di non avere una lira; hanno messo un'IMU disastrante che getterà sul lastrico decine di migliaia di persone per ricuperare una ventina di miliardi; hanno aumentato l'IVA per spremere fuori 4 miliardi... E DA DOVE SONO USCITI OTTANTA MILIARDI DI EURO? Con fenomenale umorismo Passera dice che parte dei soldi verranno dalle sanzioni ai contraffattori: VUOLE FARE OTTANTA MILIARDI DI MULTE!!!! Questa è gente pericolosa: non credo che basterà mandarli via da Montecitorio. Questi vanno rinchiusi.

Massimo Marsico, Caserta Commentatore certificato 15.06.12 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Salve Ragazzi, Ragazze, Signore e Signori, sono qui ad intervenire come una goccia in un oceano poichè anche io e, sono sicuro, per motivi molto più seri sono costretto a vendere il mio patrimonio immobiliare... Si tratta di una casetta che condivido con mia moglie... Si cari lettori, la nostra prima ed unica casa... I soldi che fino a sei mesi fa bastavano per il mutuo e le spese, oggi non bastano più e, visto che questa non è vita, si vende. Pochi giorni fa, mentre facevo il 730 mi sono reso conto che l'anno scorso, in soli 7 mesi di mutuo ho pagato con tasso variabile al 3.60%, 6500 euro circa di soli interessi. Il bello è che, invece, di capitale è stato abbattuto circa 3500 euro. Oggi mi trovo a dover vendere quando per l'acquisto il caro agente immobiliare mi chiese 9800 euro a nero oppure 14.000 con fattura. Considerando i limiti imposti per scaricare l'eventuale 19% delle imposte di 4000 euro max; cosa avreste fatto voi amici miei?? Che bella Italia.

fabrizio t., roma Commentatore certificato 15.06.12 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Non vendere ma SVENDERE, ma a chi? Ai soliti noti palazzinari che comprano coi soldi delle banche (cioè i nostri). Già chiamati " i furbetti del quartierino". Dopo il sacco di Roma prepariamoci al sacco d'Italia.

melchiorre rolandi, parma Commentatore certificato 15.06.12 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Nel XVIII anno della Seconda Repubblica Italiana, il Presidente Napolitano, che Dio benedica il suo nome, chiamò a sè il professor Monti, che ascese al Colle sulle ali di uno sciame di giornalisti osannanti. Il Professore, che Dio benedica il suo nome, fece cose mail viste: allontanò lo spettro della pensione per milioni di persone, aumentò le tasse, aumentò le accise sui carburanti e introdusse nuove tasse. Gli italiani tornarono a dormire sonni tranquilli. Il debito pubblico continuò a salire, insieme allo spread e alla disoccupazione. Poi, all'improvviso, la Repubblica fu minacciata dagli esodati. Larve umane, quasi prive di potere d'acquisto, che si infiltravano nella parte sana della società. Fu allora che il ministro Fornero, che Dio benedica il suo nome, intervenne. Con un tratto di penna trasformò sessanta cinquemila esodati in pensionati e decretò che gli altri trecento quindicimila non avevano diritto di esistere. Senza nemmeno versare una lacrima. Poi il Professore, che Dio benedica il suo nome, fece un'altra cosa mai vista: decise di vendere le proprietà dello Stato ....
(Da Storia di un mondo che fu, vol. I, ed. 2074)

Emidio Dappino 15.06.12 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Dedicato a tutti i ciechi che continuano a propinare la colpa solo ad una persona mentre è proprio di tutti ....

Governo Berlusconi I dal 10 maggio 1994 al 17 gennaio 1995 = 8 mesi
Governo Berlusconi II dal 11 giugno 2001 al 23 aprile 2005 = 47 mesi
Governo Berlusconi III dal 23 aprile 2005 al 17 maggio 2006 = 11 mesi
Governo Berlusconi IV dal 7 maggio 2008 al 16 novembre 2011 = 42
ca. 9 anni su 18 facciamo 10 anni ? bene ma tutti i santi immacolati nel resto del tempo dov'erano e cosa facevano ? volavano nell'isola che non c'è a fare la guerra a capitan uncino ?

tino p. Commentatore certificato 15.06.12 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Se è vero che, come dice da sempre il M5S, questi politici marionetta hanno le ore contate (e spero davvero per il nostro bene che spariscano presto), dobbiamo solo stare attenti che questi non finiscano prima noi quindi, spero tanto nelle elezioni anticipate; vendiamo le "loro" case e soprattutto i "loro" privilegi.

Robert C., Fano Commentatore certificato 15.06.12 12:58| 
 |
Rispondi al commento

I poteri vanno ridotti, ma sopratutto questo Governo di tecnici che ci hanno propinato pensando che fosse il rimedio di tutti i mali deve tornarsene a casa prima il possibile.

Giovanni 15.06.12 07:08| 
 |
Rispondi al commento

Pur di non fare i VERI tagli alle spese Monti venderebbe pure sua mamma, figuriamoci roba non sua, MA DI TUTTI NOI ...
BASTA .......
SPAZZIAMOLI VIA TUTTI

Marco Ghiacci, Milano Commentatore certificato 15.06.12 01:31| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi, l'unica è andare alle votazioni...e sperare che tutti gli italiani si rendano conto che...è l'UNICA STRADA, che abbiamo per poi:
SPODESTARLI !
CACCIARLI !!
DIMENTICARLI !!!

carlo f., BAT Commentatore certificato 15.06.12 01:19| 
 |
Rispondi al commento

Loro hanno creato questo mostruoso debito e adesso
vendono ciò che appartiene al popolo.
Tutto per mantenere il loro standard di vita da babbei.Andate tutti a farvi fo...re.

walter p. Commentatore certificato 14.06.12 23:51| 
 |
Rispondi al commento

non c'e molto tempo, possiamo far cadere questo governo farlocchio e andare prima alle elezioni?Gli italiani sono convinti di aver allontanato i ladri e gli approfittatori politici in verita si sono solo messi in disparte e ridono perche il potere ce l'hanno in parlamento e fanno e votano quello che vogliono: Vergogna Bersani si e defilato e non c'era alla votazione del decreto anticorruzione.INCIUCIO non c'e migliore aggettivo per descrivere quello che avviene fra pdl e pdmenoelle . L'italia sta colando a picco SOS grillo intervieni hasta siempre

luana ferri 14.06.12 23:37| 
 |
Rispondi al commento

e'come se il paese fosse uscito da una guerra ,dove il popolo e' in miseria assoluta mentre i ricconi avendo solo loro il denaro possono acquistare i beni a prezzi stracciati,questo governo mortis e' il governo dei ricchi che ha penalizzato i poveri con tasse e leggi inique schiacciandolo economicamente mentre i ricchi se la ridono e ringraziano il loro paladino con il benestare dei partiti òadri e inetti.o il m5s o la sollevazione del popolo con i forconi !

aldo ., varese Commentatore certificato 14.06.12 23:34| 
 |
Rispondi al commento

Mi auguro che se va nella stanza dei bottoni il M5S fermi immediatamente questa vendita del patrimonio pubblico. Prezzi stracciati, in saldo per arricchire ancor di più i ricchi e impoverire sempre di più i poveri. Andiamo al potere e riprendiamoci il patrimonio dismesso da questa gentaglia che non c'è ancora termine per defirli. Mussolini era un bambinello innocente ed ingenuo al loro confronto.

maria barberio 14.06.12 23:12| 
 |
Rispondi al commento

non capite che è tutto voluto, fa sempre parte del gioco delle tre carte... per fallire da una parte e concentrare i soldi da un'altra!!???

LA SVENDITA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE FARA' CROLLARE IL VALORE DELLE CASE. ALTRI FALLIMENTI PILOTATI,
ALTRE SOCIETA' DI COMODO CHE RILEVANO A PREZZI STRACCIATI....

I TRE ARTIGLI DEL LEVIATANO DELLA FINANZA:

1----LE VENDITE ALLO SCOPERTO. In pratica, sono la base dei derivati. Vendo un titolo, faccio una liberalizzazione, arriva la BCE che mi stampa denaro su ordinazione, COMPRO LE CONCESSIONI LIBERALIZZATE A PREZZI STRACCIATI.

2---I FALLIMENTI DEI PIIGS. Fallisco di qua e la, ma poi la BCE mi fa recuperare i soldi usando i bonds statali con quella storia del uno per cento con rendimento al sei. LA BANCA RECUPERA, IL POPOLO NO.

3---LA SVENDITA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE E DELLE CONCESSIONI. Due facce della medaglia della deregulation e delle liberalizzazioni. FACCIO AFFONDARE IL MERCATO, e POI GLI AMICI DEGLI AMICI RICOMPRANO A PREZZI STRACCIATI.


E' GIA' USCITO UNO STUDIO CONTABILE CHE DIMOSTRA CHE, CON LA VENDITA DEL PATRIMONIO STATALE,
IL SALDO FRA BILANCI PUBBLICI (che avrebbero un piccolo attivo) E RISPARMI PRIVATI SAREBBE PASSIVO (l'immissione massiccia di palazzi sul mercato farebbe crollare i rendimenti dei privati).

andrea i., milano Commentatore certificato 14.06.12 23:07| 
 |
Rispondi al commento

Siamo un PAESE di merda
anzi non siamo un paese
forse un villaggio da depredare
come hanno fatto per secoli gli invasori
e continuiamo ad essere tutti Pier Capponi
con le nostre campane e a guardare il proprio orto

Sono veramente incazzato ogni giorno ne studiano una,ma tagli non ne sono ancora stati fatti,
l'ultima sui soldi dei finanziamenti ai partiti che sarebbero dovuti andare ai terremotati e che invece tornato ai partiti.
Senza parole

giampaolo 14.06.12 23:07| 
 |
Rispondi al commento

400 miliardi di euro, giusto quanto la BCE ha dato fin'ora alle banche italiane, le quali se li sono imboscati. Quante aziende si sarebbero potute aiutare con quella somma! E ora ci raccontano che la soluzione è vendere gli immobili di stato...Se la vendità è gestita dai soliti marpioni che ci hanno governato fin'ora è facile prevedere vendite "a saldo" in stile Alitalia. Mi domando quanto ci metterà ancora l'italiano medio ad esaurire la sua apatica sopportazione.

Tiziano Cecconi 14.06.12 22:43| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace essere pessimista, ma siamo fottuti. Oltre all'esodo e alla chiusura delle aziende, ai 25mln di lavoratori attuali su 60, siamo commissariati da tecnici che dopo essersi presi, complici i politici, la nostra SOVRANITA MONETARIA, ora vogliono SVENDERE LA NOSTRA SOVRANITA TERRITORIALE, mentre ci stritolano con la tecnofinanza e con l'aumento delle tasse, senza fare nulla di effettivo per la crescita, anzi, stanno facendo il contrario. Pareggio di bilancio IMPOSTO dall'altro e ora, per pagare i debiti, DOBBIAMO CEDERE PARTI DI SOVRANITA, COSI UN GIORNO CI TROVEREMO SENZA NIENTE E DOVREMO CHIEDERE TUTTI I SOLDI A DEBITO SE VOGLIAMO RIALZARCI. E OVVIAMENTE, qui si torna a parlare di signoraggio bancario, anche se ormai non ha piu senso quasi chiamarlo cosi. Chiamiamolo debito eterno, chiamiamolo prestare i soldi, chiamiamolo che NON ESISTONO STATI NON INDEBITATI, chiamiamolo come volete, ma è in questo pozzo senza fondo che stanno cedendo pezzi d'italia e un giorno i nostri figli, se ne avremo, saranno schiavi in casa loro, e così i figli dei loro figli. Sono veramente triste.

Paolo E., novara Commentatore certificato 14.06.12 22:10| 
 |
Rispondi al commento

Non ho visto nessuno che non ha corso per pagare l'imu. Da qui rendersi conto che difficilmente incontreremo gruppi che abbiano voglia di cambiare le ingiustizie. Se aspettiamo che si possa cambiare qualcosa questi sono i risultati. Mi dispiace solo che non posso essere d'aiuto a qualche rivoluzionario e quindi mi faranno morire con questo sistema di merdaaaaaaaa!!!!! Help Grillo o simili

Antonio Buttinelli 14.06.12 21:37| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE MONTI, CI FACCIA QUESTO PIACERE, VENDIAMOCI QUALCOSINA DELL'ITALIA, fONTANA DI TREVI, P.ZZA DI SPAGNA, IL DUOMO DI MILANO,E GIA' CHE C'E' LA MOLE ANTONELIANA....MA CE NE SONO DI COSE INUTILI IN ITALIA....MAGARI SI FACCIA CONSIGLIARE DA ALFANO, BERSANI E CASINI....SONO DEGLI ESPERTI NELLA ROTTAMAZIONE DI COSE VECCHIE !!!

George R., Roma Commentatore certificato 14.06.12 20:10| 
 |
Rispondi al commento

In un paese Normale sarebbe anche una buona idea, immobili inutilizzati dello stato da vendere a privati, a prezzi di mercato, o con Asta pubblica, ma in Italia... impossibile ! Oltre a i Soliti Palazzinari ci sarebbero le societa' di comodo create da chi vende o gestisce la vendita, prestanomi di politici o loro parenti, mafiosi favoriti da aste deserte...
E magari dopo la vendita si affittano i locali a uffici o enti statali !!

Ivan R., Genova Commentatore certificato 14.06.12 18:22| 
 |
Rispondi al commento

credo che oltre ai palazzinari..gli acquirenti piu' interessati,saranno appartenenti alla malavita organizzata...vedi mafia camorra & company, per la liquidita' a loro disposizione...

maria cristina lombari 14.06.12 18:01| 
 |
Rispondi al commento

E una volta venduti questi cosa ci vendiamo?
Pensare alle fedi come aveva fatto il duce non è possibile con la penuria di matrimoni.
Resta sempre l'aria.Si potrebbe tassare quella.
Oppure un prelievo forzoso di sangue di 1/2 litro per italiano da vendere ai tedeschi? Ma ho paura che sotto sotto il sangue italiano nelle loro vene non lo vogliono.
Anche mia nonna in tempo di guerra vendeva i suoi pochi gioielli per mangiare!! Era una Bocconiana e non lo ha mai detto a nessuno!! Che donna schiva!!

Stefano Meggiorin 14.06.12 18:01| 
 |
Rispondi al commento

oggi i telegiornali hanno dato molta enfasi alle dismissioni menzionando le partecipazioni dello stato, o degli enti locali, nelle mitiche multiutilities che, a detta degli stessi giornalisti, macinano utili enormi. A2A qui a milano ha debiti per 5 miliardi e chiude un bilancio in passivo per mezzo. per verificare le altre basta andare a vedere l'andamento dei relativi titoli in borsa per capire che sarà molto difficile dismettere quelle partecipazioni se non svendendole, magari ai tedeschi o ai russi, per un cazzo e un barattolo.
delle caserme hanno già parlato gli amici sopra e credo che anche i cd. immobiliaristi nn se la passino bene.

edoardo beltrame 14.06.12 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Siamo alla frutta e, non possiamo neanche sperare (come in tutti i pranzi che si rispettino) di arrivare al tanto agognato e sognato "gelato" vista la stagione.
Io, personalmente, speravo che non si sarebbe arrivati a tanto ma, a quanto pare i fatti mi hanno dato torto.
Sarebbe stato un bene privarsi di qualche edificio pubblico solo se ci si arrivasse ad un piccolo risultato; ma, a quanto pare anche vendendo tutto il vendibile non si arriverebbe ad annullare e neanche a dimezzare il debito pubblico bensì solo a ridurlo di un quinto, per cui se le cose continuano ad andare di questo passo, tra non molto ci troveremo allo stesso punto, anzi peggio.
Per quanto sopra, è meglio trovare altre strade percorribili e, già identificate altre volte, ma che i nostri politici e l'attuale governo con la regia del nostro beneamato Presidente della Repubblica pare non sentano. "NON C'E' PEGGIOR SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE" Forza movimento 5 stelle, portiamo ancora un po di pazienza e, vedrete che quanto prima verremo premiati. AVANTI TUTTA!!!!!!!!

Giovanni Roberto, Due carrare Commentatore certificato 14.06.12 16:45| 
 |
Rispondi al commento

ARISCUSATE.
Non sarà che ve la pigliate con Monti perchè è lontano, non vi sente e non vi caga?
Non sarà che non ve la pigliate con Berlusconi perchè quello è un tipo vendicativo e se legge il vostro nome e cognome sul blog magari prima o poi ve la può far pagare?
Non sarà che, ben conoscendo chi ha votato negli anni passati questi governi di ladri, non li volete affrontare perchè anche loro conoscono voi?
Non sarà che, da bravi italioti starnazzate tanto ma poi avete paura ed è meglio che la faccia la mettano gli altri?

Questi dubbi e questi interrogativi vengono spontanei quando è sotto gli occhi di tutti che fino a 8 mesi fa la maggioranza leccava il culo al nano.
Per Favore: chi protesta lo faccia con nome e cognome e sopratutto scriva per chi ha votato finora.
Io non me ne vergogno: è da anni che voto per Tonino il molisano, tanto ignorante quanto ruspante, ma alneno meno fasullo degli altri.

CARLO ALBERTO BONESI, ROMA Commentatore certificato 14.06.12 16:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e adesso dovrebbero dare la laurea honoris causa in economia alla memoria del principe de Curtis per aver previsto con largo anticipo le scelte economiche dei nostri saccenti professoroni!!!!
Beppe for president..

giuseppe p., alghero Commentatore certificato 14.06.12 16:23| 
 |
Rispondi al commento

SCUSATE.
Ma a me da un immane fastidio che tutti se la piglino con Monti che ci governa da 7 mesi e che, in fondo pare agire in buona fede,anche sbagliando (io non sono d'accordo su molte cose non ultime quelle approvate proprio ieri), dimenticandosi bellamente che il guaio non lo ha combinato lui ma Craxi e Berlusconi in ben 20 anni, con la complicità di tutti i nostri cari vicini di casa, colleghi di lavoro,bottegai all'angolo, amici e conoscenti che li hanno votati in maggioranza.
Allora, invece di abbaiare alla luna, cominciate a prendere a calci in culo i vostri amici e parenti che ci hanno appioppato sul collo questi governanti negli ultimi 20 anni.
Nel frattempo, tra una pedata e l'altra, datevi da fare per preparare le liste ed i programmi e le azionida intraprendere: le elezioni sono vicine, tra meno di un anno.

CARLO ALBERTO BONESI, ROMA Commentatore certificato 14.06.12 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'italia è patrimonio degli "ITALIANI" - Non sarebbe meglio vendere gli immobili del Berlusca per salvare il debito pubblico? Ma perchè non ci vendiamo il Vaticano?

Elio G., Toronto, Canada Commentatore certificato 14.06.12 15:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

l'aspetto tragicomico è che l'eventuale dismissione di una parte del patrimonio non servirà ad una mazza.
vendere per fare cassa e per frenare quell'emorragia che si chiama debito pubblico è semplicemente folle.
lo stato italiano s'indebita alla velocità di 50/100 miliardi all'anno a causa di una spesa pubblica che definire sprecona è un eufemismo e non rende giustizia alla realtà.
quindi mi sembra oltremodo eclatante che le dismissioni in pochissimo tempo sarebbero neautralizzate proprio da quello che spiegavo pocanzi.
è possibile ridurre il debito pubblico? CERTO. come si fa? cominciamo a dimezzare i parlamentari e ad imporre uno stipendio di 2500 euro/mese (RISPARMIO ANNUO:125 milioni), eliminare i rimborsi elettorali (RISPARMIO ANNUO:243 milioni) e contributi all'editoria, elimare le province, tagliare drasticamente le spese militari (che ci costano 24 MILIARDI/ANNO!!!), fare un serio ddl anticorruzione (che ci costa 60 MILIARDI/ANNO!!!!), mettere un tetto alle pensioni. potrei andare avanti per 1 ora.
insomma per fare tutte queste belle cose ci vogliono alcuni requisiti: non bisogna appartenere ai partiti, non bisogna avere conflitti d'interesse e bisogna avere buona volontà. tutte cose che questi partiti non si possono permettere.

Simone90 P. Commentatore certificato 14.06.12 15:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

lo sapete cosa è la spirometria? è un esame medico per sapere il volume polmonare,la prossima vendita di questo( governo)sarà l'aria che respiriamo,tot. metri cubi di aria respirata al giorno tot. da pagare.la società incaricata alla riscossione del tributo si chiamerà equiaria.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 14.06.12 15:24| 
 |
Rispondi al commento

tra il fatto che verranno venduti il patrimoniale delle regioni e provincie
(non quelle dello stato) ndr
questo vorrebbe dire che saremmo rirapinati dallo stato per un altra volta
sono ladri e resteranno sempre dei ladri
siamo nel medioevo
ma non nel vero medioevo
nel vero medioevo la plebe era soggettata ai imperatori e vassalli
ma il vero punto di riferimento era DIO
irraggingibile e assoluto
poi venne il rinascimento e al posto di dio venne posto L UOMO COME CENTRO DEL UNIVERSO

nel nostro medioevo dio e stato sostituito dal UOMO BANCHIERE
assoluto e ...insidacabilmente assoluto
di loro non si puo dire nulla ...non si possono giudicare... si obbidisce senza discutere
LORO SONO IMMUNI DA CRITICHE E DALLA LEGGE

i loro sbagli sono i vostri sbagli
la loro colpa e la NOSTRA COLPA
il DIO BANCA HA TOPPATO E ADESSO SIAMO NOI CHE DOBBIAMO PAGARE I LORO ERRORI
L UNICA SPERANZA E .IN UNA RIVOLUZIONE FRANCESE ...EUROPEA
se non altro non saremmo solo noi le vittimwe del sistema marcio

stefano b., rovato Commentatore certificato 14.06.12 14:59| 
 |
Rispondi al commento

aver affidato il destino degli italiani a questo governo, equivale ad avere affidato un agonizzante ad un becchino.

Paolo r., Padova Commentatore certificato 14.06.12 14:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

un'unica soluzione:
votare, e far votare, MOVIMENTO 5 STELLE.

Paolo r., Padova Commentatore certificato 14.06.12 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Povera la nostra Italia, agonizzante sul campo di battaglia lotta contro la morte. Gli si avvicina il medico di campo Monti per salvarla ed invece di suturarle le ferite, le strappa i denti d'oro, si appropria dell'orologio,degli scarponi e scappa via alla testa dei suoi infermieri. PREDONI travestiti da sanitari !!!

nicola inglese, morcone (bn) Commentatore certificato 14.06.12 14:48| 
 |
Rispondi al commento

E' vero e' una vergogna e se lo propone proprio monti e
' un grandissimo str .... Così non migliorerà nulla anzi i ricchi lo saranno ancor piu e gli altri soffriranno e basta .voglio invece beni pubblici curati e ben tenuti che siano vanto di noi tutti meno politici e piu ex politici che vanno a lavorare davvero conco trenta leale università di merito e non corrotte beni pubblici come acqua luce gas di tutti e ben gestiti basta con l assioma che pubblico non funziona e' detto solo nell interesse dei soliti amici e' chi controlla che non fa il suo dovere Xche nominato dagli amici ! Xche applausi alla finanza a cortina ? Ma ogni giorno dove e' dove mandano i finanzieri a fare il loro dovere ? Sotto casa dei governatori siciliani .....

Domenico De simone 14.06.12 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Ancora non hanno iniziato - e per me non inizieranno mai, è solo il solito annuncio, non segheranno mai il ramo sul quale sono seduti - e Lei già tira li Sue conseguenze. Allora come si fa?
Meglio altre tasse? Stanno solo aspettando che qualcuno protesti e il gioco è fatto. Lo faceva già la DC. I Comunisti protestavano, loro facevano finta di dolersene, ma più spesa pubblica era proprio ciò che volevano. Complimenti.

giuseppe 14.06.12 14:36| 
 |
Rispondi al commento

Vi dò un'altra bella notizia (o forse la sapete già) nel dossier di questo governo per aggredire il debito pubblico il nostro Monti vuole mettere mani alla cassa depositi e prestiti cioè ai libretti di risparmio postale.

Franco z. Commentatore certificato 14.06.12 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Domanda:
Supponendo sia vero che lo Stato siamo noi (cioè LA POPOLAZIONE ITALIANA)perché non si fa un bel REFERENDUM per decidere se vendere o no i NOSTRI "beni si Stato" ??

.....a sarà dura !

Euro 2008 14.06.12 13:50| 
 |
Rispondi al commento

FATE TROPPE CHIACCHERE !!! CIO' CHE DOVETE FARE E' SEMPLICEMENTE VOTARE MOVIMENTO 5 STELLE !!! TANTO I PROBLEMI QUESTI QUA' (SCHETTINOMONTI E POLITICI APPRESSO) NON RISOLVERANNO MAI UN BEL NIENTE !!! INUTILE PARLARE DEL "SE" E DEL "COME" ... PRIMA BISOGNA ANDARE AL POTERE !!! PERTANTO VOTATE ... VOTATE ... E VOTATE ... M5S !!! GRAZIE !!!

PAOLO

PAOLO COCCHI 14.06.12 13:33| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora, è da un pò che lo dico, vediamo se qualcuno oltre a indignarsi incxxxarsi ecc. mi dice che ne pensa.
1 L'Italia ha un debito pubblico enorme.
2 Le banche Italiane si sono mangiate i contributi europei comprando BOT e certificati debito pubblico (che rendono molto di più dell 1%).
3 Sti fantomatici "mercati" che sembrano incontrollabili e inattaccabili tartassano l'Italia principalmente (almeno per ora) per i punti 1 e 2.
Esiste un governante che si prenda l'onere di convocare tutti i banchieri Italiani e fare questa proposta (semi obbligatoria).
1 Lo stato cede alle banche parte del suo patrimonio immobiliare e aziendale a cifre di mercato (ed essendo basse in questo momento potrebbero essere veri affari);
2 Le banche pagano restituendo dei BOT CCT ecc ecc in pancia, così da presentarsi con bilanci meno esposti al "rischio paese" e giovandosene sulle quotazioni in borsa.
3 Lo stato Italiano in brevissimo tempo abbatte considerevolmente il proprio debito pubblico (non riemettendo i BOT CCT ecc. riscattati);
4 Il "popolo Italiano" caccia meno soldi in tasse e sopratutto non circolando contante....... il mugnaio non si infarina!!!.

Difficile??? Possibile??? Auspicabile????
Io penso che con un pò di pressione si possa fare!!.

Danilo BERTI 14.06.12 13:29| 
 |
Rispondi al commento

caro grillo , nn siamo alla frutta quella se la sono gia mangiata ,ormai siamo al torsolo e le bucce , nn c'e rimasto piu niente , ormai siamo in agonia, povera italia , una volta lo chiamavano il bel paese. . questi politicanti ci hanno ridotto sul lastrico , rubando tutto quel che c'era da rubare .adesso gli regaleremo pure gli immobili di stato , tanto sono solo loro che hanno i soldi, i nostri soldi , e poi speriamo che ridotti alla fame cominci una rivoluzione , nn vedo l'ora, sappiate che in ITALIA C'E UNA FAME DI VENDETTA , CHE NN RIUSCIAMO PIU A TRATTENERE .

lorenzo di sansa lorenzo di sansa, torino Commentatore certificato 14.06.12 13:22| 
 |
Rispondi al commento

PROPONGO DI VENDERE L'AREA ARCHEOLOGICA DI POMPEI

Facciamo cassa e sottraiamo al'incuria un patrimonio dell'umanità

Proposta provocatoria, ma non so neanche io fino a che punto...

Pietro Ricossa 14.06.12 13:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo un popolo bue... Non facciamone un dramma! D'altronde abbiamo ancora i fascisti che siedono negli scranni della camera e del senato...siamo i campioni dell'inciucio...del compromesso...la corruzione da noi è la normalità...se ti ribelli, se provi ad indignarti beh' preparati ad essere emarginato, escluso. Tu stesso diventi il problema, il cancro. Questo è il mondo dell'incontrario. Ci scaldiamo solo se vediamo 11 miliardari correre contro un pallone...abbiamo già perso solo che non lo sappiamo...anzi, non è che abbiamo perso...abbiamo non vinto. È diverso. Questa è la metafora italiana. Dopo un ventennio fascista, dopo i vari compromessi da vomito della peggior partitocrazia e dopo un ventennio di quella misera controfigura del duce e dei suoi schifosi leccaculo e troiette al seguito ora siamo al capolinea. La discesa però è guidata da dei facoltosi ed intelligentissimi professori bocconiani...accompagnati per mano da quei meravigliosi tedeschi che con una bella e già sperimentata eleganza ci manderanno affanculo!..che bello..che...ch...c...Fine. Giuliano Fazzari

Giuliano Fazzari 14.06.12 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Tempo fa avevo fatto una proposta sul forum del MoVimento:

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/04/proposta-per-abbassare-le-tasse-in-busta-paga.html

Le tasse vanno abbassate a famiglie e PMI

si può fare tramite:

1) riduzione degli sprechi della spesa pubblica senza intaccare il welfare. Sappiamo come: riducendo i costi della politica e tagliando gli eccessi di spesa improduttiva.

2) dismissione del patrimonio statale: non i musei o il colosseo o i ministeri, ma tutto il resto che ammonta a 500 miliardi. Quando una famiglia è in difficoltà si vende l'argenteria, non può pretendere di pagare alti interessi con soldi non suoi e nel contempo tenersi i propri beni in eccedenza.

3) Utilizzare tutto ciò per ridurre il debito pubblico. Ne deriverebbero minori necessità di introiti tramite le tasse, si conterrebbe così il deficit e si libererebbero risorse da utilizzare per ridurre l'importo delle tasse in busta paga ed avere così per le famiglie, maggiori risorse da spendere per comprare beni e servizi e dunque l'economia ripartirebbe di nuovo.

Relativamente al punto 2) facciamo un "fondo pubblico immobiliare" con dentro tutte le risorse immobiliari dello stato SENZA DISMETTERE NULLA ma gestendolo "attivamente" e non passivamente come avviene oggi.

Si stima che valgano (esclusi gli immobili ad uso amministrativo) circa 800 miliardi di euro; mezzo debito pubblico.

Così facendo, altresì, la proprietà rimarrebbe comunque allo stato, pur drenando risorse per abbattere il debito pubblico con la conseguenza di pagare meno interessi alle scadenze dei rifinanziamenti dello stesso, tramite emissione di titoli di stato.

Questa è una proposta ragionevole, vera ed attuabile in tempi brevi, non facciamocela fregare. (ndr: ora Monti ce l'ha fregata!)

Vediamo quanto resisterà la burocrazia (ragioneria generale dello stato) anti sviluppo economico che vuole solo mantenere per se i privilegi non vendendo e continuando a fare spesa e debito pubblico.

P. Caterisano

Pasquale_ Caterisano Commentatore certificato 14.06.12 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Ma vaffanculo a loro: che iniziassero ad adoperarli, gli immobili demaniali, invece di affittare lussuosi uffici da privati.......

harry haller Commentatore certificato 14.06.12 12:21| 
 |
Rispondi al commento

La paura di tutti (sentimento oramai provato da tutti gli italiani in questi ultimi tempi) è che i soldi vadano COME SEMPRE a "ingrassare" le casse dei partiti politici e/o le tasche dei nostri esimi governanti, comprese quelle di parenti e amici. Anche se dovessero riuscire a portare a termine questa operazione, i vantaggi per il popoli sarebbero (come sempre) nulli! W il Fronte dell'Uomo Qualunque

Gianluca G. 14.06.12 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Posso solo dire che siamo una massa di koglioni!tutti ad aspettare e guardare pensando che nn ci tocca purtroppo l'Italia e l'euro sono morti e noi pure!

Francesco Morelli 14.06.12 11:19| 
 |
Rispondi al commento

...la svedita del patrimonio pubblico è un'altro passo verso la depuperizzazione degli italiani che si vedranno privati spazi di accesso e di fruizione, perchè ceduti a privati con finalità di profitto indiscriminato, a danno del servizio di utilità pubblica chè deve essere garantito x le necessità dei cittadini.
Si rafforza quel processo di alienazione delle proprietà pubbliche verso entità neutre e allogene che possono minacciare l'entita nazionale e il popolo sovrano e renderlo straniero in casa propria, vedi x esempio i Palestinesi in Israele.

Wiu@m@o -, Firenze Commentatore certificato 14.06.12 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Perdonatemi questa intrusione, forse non c'entra nulla o forse centra con la discussione...Dei promotori finanziari stanno subissando mio marito(artigiano ancora fortunato che lavora) di proposte assicurative: caso morte, invalidità totale e permanente, malattie, trapianti...e tanto tanto ancora. Ma l'INPS e l'INAIL non esistono più? Vi prego se siete al corrente di qualcosa fatelo sapere. GRAZIE.

Milly D., Napoli Commentatore certificato 14.06.12 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Io sono a dir poco schifato da tutta la classe politica delinquente che ha per anni fatto credere alle masse che tutto andava bene (Nano e 3monti) per poi abdicare a favore di 1monti che, nano made by bocconi, non eletto pretende di fare quello che gli hanno insegnato i tecnocrati del Bilderberg e mandandoci sul lastrico svendere l'Italia alla massoneria. PRENDIAMOCI LE ELEZIONI!!!!

Andrea Michelon Prosdocimi (mike3rd), Carmignano di Brenta Commentatore certificato 14.06.12 10:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

*
**
***

scusatemi i miliardi erano 3400 !!!

leggete qui ... E RICORDATE !!!!

http://www.adusbef.it/consultazione.asp?Id=7055&C=I

***
**
*

guido _guida, zena Commentatore certificato 14.06.12 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Credo che a questo punto non ci sia molto altro da fare. Se non riusciamo ad abbattere la spesa per interessi passivi non ne usciamo. Se il mondo paga il denaro al 2% e noi al 6% non vedo come le nostre ditte possano essere competitive. La colpa naturalmente è della politica ingorda e criminale fatta negli ultimi 30 anni. Dobbiamo cambiare tutto e dobbiamo farlo in fretta. Beppe cominciamo a buttare giù un programma per le elezioni e cominciamo a scegliere i candidati. Non ci abbandonare proprio adesso

Simone D., Padova Commentatore certificato 14.06.12 10:13| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

*
**
***

cercheranno di vendere quel che resta dopo il furto legalizzato di quel b...o di Tvemonti.

Leggetevi come sono andate le operazioni Scip1 e Scip2 ... per recuperare i nostri immobili alla fine abbiamo dovuto versare 1700 miliardi di lire.

Queste cose non vanno dimenticate !!!

***
**
*

guido _guida, zena Commentatore certificato 14.06.12 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Vero. I rischi sono quelli esposti. Ma vendere il patrimonio ( a prezzi equi) mi sembra corretto. In teoria non e' poi cosi' corretto che lo stato sia proprietario di tanti beni. Almeno il loro costo non gravera' piu' sui bilanci pubblici ( spero).

Daniele Porro 14.06.12 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Salve. Beh tutto si svende ! Sembra una novita' ma credo tutto preorganizzato . Ma certamente possiamo star tranquilli che caserme e ville e palazzi connessi non andranno venduti ne chiese e chiesette e chiesone anke se chiuse e in abbandono da anni . Piuttosto ville storiche, beni culturali ed artistici .. E potrebbe essere un bene se cadessero in mano di persone di qualita' ed alto valore culturale ma non credo eh ..

S. Baricolo 14.06.12 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me vendere/svendere il patrimonio immobiliare ha senso se si rimuovono gli sprechi.Altrimenti in poco tempo non rimane niente e il debito continua a salire.

Emidio Pulcini 14.06.12 10:04| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giovanni Truglio capo della gendarmeria europea in Italia EUROGENDFOR(tratto da Wiki):

È citato nel memoriale del Maresciallo del Tuscania Francesco Aloi tra gli "autori o persone informate delle violenze perpetrate contro la popolazione somala" da cui scaturì una commissione d'inchiesta che però non portò a nessuna condanna.[1]

Nel luglio 2001 è stato comandante delle Compagnie di contenimento e intervento risolutivo (CCIR), create appositamente per il G8 di Genova, che si sono rese protagonisti di violenti scontri con i manifestanti. A lui era assegnato uno dei due defender dei carabinieri che in Piazza Alimonda furono protagonisti della morte di Carlo Giuliani. [


IO HO PAURA!

Giorgio F., Bologna Commentatore certificato 14.06.12 09:54| 
 |
Rispondi al commento

http://lucafiordelmondo.blogspot.it/

Luca Fiordelmondo 14.06.12 09:53| 
 |
Rispondi al commento

è la resa! in questa "guerra" finanziaria (perchè non è una crisi, è la guerra di occupazione che fanno i potenti contro i paesi deboli) abbiamo perso e ci stanno occupando. anche se lo spargimento di sangue non si è visto molto (a parte i suicidi per disperazione) e ancora c'è qualcuno che si inebetisce di fronte alle fesserie con cui i media ci drogano, noi italiani siamo sotto occupazione. è l'ora della resistenza!

manuela bruni 14.06.12 09:48| 
 |
Rispondi al commento

E' di oggi la notizia che il premier Monti è favorevole alla cessione del patrimonio pubblico al fine di abbattere parte del debito pubblico. Titoloni sui giornali, "Operazione taglia-debito" la chiamano, "nasce il fondo salva-Italia" si dice. Si dice che il patrimonio pubblico dell'Italia abbia un valore di circa 400 miliardi di euro (mi piacerebbe tanto conoscere chi ha fatto questa stima) e gran parte di esso è occupato dalla pubblica amministrazione. Repubblica ci informa che "Per quanto riguarda gli immobili, ad esempio, la valutazione del patrimonio non residenziale è di 368 miliardi. Ma la parte libera, non utilizzata per le loro esigenze dalle amministrazioni, ne vale solo 42, l'11% del totale". Ma perchè convincere la gente che si abbiano a disposizione sull'unghia 400 miliardi dopo domani? E se così fosse, perchè non ci vendiamo tutto? La vendita di palazzi storici che da anni sono sede di municipi, caserme, uffici ecc, potrebbe dare immediato respiro al debito e dopo qualche mese, quando tutti si saranno dimenticati di questa svendita totale, la pubblica amministrazione si accorgerà di dover pagare l'affitto per i propri uffici territoriali. Lo Stato affida il proprio patrimonio immobiliare (spesso decadente e in pessimo stato...) ad un curatore fallimentare super partes che potrà lucrare e svendere tutto al miglior offerente, e poi chissà, magari un giorno si scoprirà che le partes non erano proprio così tanto super, e qualche amico di amici si troverà con un palazzo intestato a sua insaputa, ma questa è solo immaginazione. Immagino già che il nuovo proprietario di un qualsiasi palazzo storico, sede di qualche caserma o meglio ancora, di qualche municipio, decida di sfrattare l'inquilino scomodo che non paga l'affitto. Ma sì..meglio non fidarsi di chi non da garanzie, lo ripetono ogni giorno le nostre banche, e poi si sa, di questi tempi non ci si può fidare di nessuno.Da sardo spero proprio che vogliano vendere tutta la Sardegna, magari alla Germania...

Francesco Demelas 14.06.12 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei solo segnalare che da quanto c'è la pubblicità sul sito, con il mio Explorer riesco a leggere solo il post principale. Tutte le altre informazioni (tra cui tutte le iniziative presenti sui banner laterali, e quindi anche questo post) sono sovrastate della pubblicità dell'e-book e quindi non si vedono. Poichè non credo di essere l'unico ad avere questo problema ve lo segnalo. Questo post l'ho letto solo perchè accedo attraverso google reader. Sul sito non c'è nulla.

Spero sia utile.
Ciao.

Marco Gucciardi 14.06.12 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei semplicemente dire che la mentalita' della gente tedesca,non e' mai cambiata piu' di tanto, e' rimasta quella dell'ultima guerra mondiale.
Io penso che anche oggi come allora siamo in guerra, una guerra diversa fatta di potere e denaro, ma siamo in guerra e solo ora ce ne stiamo rendendo conto.
Ho visto un servizio sulla Grecia dove alcune persone andavano a comprare farmaci per il tumore a 1500 Euro la scatola, oppure consapevolmente si deve morire..non penso che i tedeschi dentro di loro abbiamo provato quello che ho provato io nel vedere quel servizio.
Vorrei tanto che da domani nessun Europeo dico Italia, Francia, Spagna e tutti gli altri non acquistassero piu' una sola auto tedesca ne alcun prodotto commercializzato da societa' tedesche.. vorrei vedere le loro immatricolazioni scendere del 70% e che la gente si rendesse conto
che pur anche con qualche ragione la Merkel non crede all'Europa, ma come quasi ogni tedesco crede solo nella razza ariana.
Forse un calo drastico delle loro esportazioni in Europa li porterebbe a piu' miti consigli e al mare io li manderei in Cina.
I nostri politici sono i peggiori nemici del popolo Italiano ma anche la Merkel deve capire che la guerra non sempre si vince con la prepotenza.La storia non insegna nulla ??
Un abbraccio

Mauro Cangini 14.06.12 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Forse non te ne sarai accorto ma le strade (Autostrade S.p.A.) e le ferrovie (trenitalia) assieme a rete elettrica e rete telefonica-internet sono state vendute gia' nella pre crisi degli annin'90, assieme a diritti e sicurezze quali scala mobile, liquidazione, pensione retributiva, contratto a tempo indeterminato. Ci sono rimasti immobili, spiagge, ospedali, caserme, culo. Anche se pare abbiano inventato dal 1994 al 2011 un tipo di vaselina che permette l'inchiappettamento quasi inconsapevole fino a ritrovarti oggi a camminare un po storto con un qualche impedimento nelle parti posteriori!!!! Chi ha accumulato qualcosa deve pagare. E le ricchezze dello stato vanno usate per rilanciare e riequilibrare l'economia secondo criteri di reale giustizia sociale e sostenibilita' ambientale.

Domenico M., Padova Commentatore certificato 14.06.12 09:17| 
 |
Rispondi al commento

Come italiana mi sento veramente in difficoltà possibile che non riusciamo a fare nulla contro questa grandissama banda di malfattori?
Non siamo riusciti a ridurre i costi della politica, togliere gli interessi di casta (non solo a Roma vedi anche comuni e province) e adesso ci dicono che dobbiamo vendere il nostro patrimonio?
Grillo dobbiamo organizzarci in fretta e andare alle elezioni al più presto se vogliamo mantenere la nostra dignità di ITALIANI!

Dolores S., bologna Commentatore certificato 14.06.12 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno mi deve spiegare chi ha dato la laurea in Economia a Monti...
A casa mia, quando il bilancio famigliare è in passivo come primissima cosa si tagliano le spese: cinema, ristorante, uscite domenicali, ferie, abbigliamento, scarpe (si riutilizza quel che c'è e ci si passa la roba per taglie), si rinuncia anche alla partecipazione a matrimoni, battesimi, cresime. Se si riesce, si cerca di lavorare di più, con qualche straordinario.
Ora, spiegatemi perchè, se la famiglia ITALIA ha il bilancio in passivo, hanno deciso a nome nostro (e a me chi l'ha chiesto??) di non tagliare le spese inutili (stipendi e pensioni dei politici, TAV, ponte sullo Stretto, Expo 2015, tutte le Province, Equitalia, auto blu ed altri privilegi inutili, cacciabombardieri ed altre spese di guerriglia, affitti immobiliari di palazzi vuoti per la politica, ecc ecc) MA DI VENDERSI PEZZI DI CASA: la camera del bimbo, l'orto vicino casa, il terreno coltivato che per quanto poco qualcosa ci dà ed è una risorsa per il futuro.
Ma che razza di laurea in Economia è questa?

O forse forse hanno ragione quelli che cianciano di un piano preordinato dal Club Bilderberg per smontare e vendere l'Italia e ridurla ad un colabrodo?

Barbara B. Commentatore certificato 14.06.12 09:12| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

2.000 mld di debito pubblico...ok bisogna fare cassa.

Quali sono le voci di spesa che incidono maggiormente? Pensioni e sanità (nell'ordine).

Bene.....COSA ASPETTIAMO A METTERE UN TETTO ALLE PENSIONI???? O dovremmo continuare a pagare a Manganelli&Co. 650.000,00 euro/annui vita natural durante?

Giorgio F., Bologna Commentatore certificato 14.06.12 09:04| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ricordo l'economista Eugenio Benetazzo che dopo la vittoria sui referendum sul nucleare e acqua disse, che le finanziarie e banche internazionali che avevano previsto grandi affari in Italia, stroncati dal referendum, avrebbero imposto un governo tecnico che avrebbe svenduto il patrimonio italiano alle medesime... cvd. Ecco l'intervento.

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=rLTTFZrg4i4

Lucio Cavalca, Parma Commentatore certificato 14.06.12 08:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il patrimonio pubblico non va venduto o meglio ,svenduto ma va collocato presso la Cassa depositi e prestiti che è (o potrebbe essere) un fondo sovrano di natura privata ma la cui proprietà azionaria per il 70% è in mano al MEF.Esso può finanziarsi all'1% presso la BCE,emettere obbligazioni e comprare le azioni ENI ,terna ,gli immobili e gran parte del patrimonio pubblico. NESSUNO POTREBBE FARE AFFARI D'ORO SULLA NOSTRA PELLE,COMPRESI TEDESCHI E FRANCESI CHE NON ASPETTANO ALTRO!! Con il ricavato della vendita possiamo abbattere d'un colpo solo il debito pubblico di qualche centinaio di miliardi riportandolo sotto il 100% del PIL.D'altronde francesi e tedeschi l'hanno già fatto.

Nicola Ippoliti 14.06.12 08:27| 
 |
Rispondi al commento

Lavoro in un museo da 5 anni ed il mio collega che ci sta da 30 dice che non ha mai visto un disinteresse da parte dei nostri "capi", nel salvaguardare le varie opere, così evidente come in quest'anno...mi sa che verrò venduto a qualche ditta asiatica come soprammobile del tardo '900.
FORZA 5 STELLE e Grazie Beppe !

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.06.12 08:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma in questo momento le cartolarizzazioni immobiliari non sono appetibili...inoltre richiedo tempi per l'eventuale modifiche ai PRG sulla destinazione d'uso..fermo restando la "bruciante" situazione del mercato immobiliare che è ferma con le quattro frecce sulla corsia d'emergenza!
Gli asset che possono maggiormente interessare possono essere l'eni,enel,terna,finmeccanica,poste(settore bancario),tutte le posizioni di oligopolio,nel bussolo ci metto anche le Municipalizzate Acqua e Gas,rifiuti....questi sono gli assest che rendano..non certo una vecchia caserma...tra l'altro potrebbero essere ristrutturate e date agli sfrattati..che rappresentano un emergenza nazionale impressionante....
400 mld...mmhhh stimati...poi bisogna vedere..secondo me è una stima gonfiata!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 14.06.12 08:25| 
 |
Rispondi al commento

poi in questo periodo di crisi immobiliare che cosa vuoi vendere???? se mai svendere e anche di molto, quindi i conti dovrebbero essere rivisti al ribasso.

sempre se poi riesci a vendere, cosa e quando.

a tortona per ripianare i debiti avevano deciso di vendere qualcosa da 1 anno ma nessuno ha ancora comprato niente.

questi cavolo di "conti senza l'oste" mi stanno stancando.

ormai il valore di un immobile non lo fai tu ma il mercato. ed il mercato tra scarsa liquidità e scarse propensioni ai mutui è leggermente "congelato".

ivan m. Commentatore certificato 14.06.12 08:05| 
 |
Rispondi al commento

sono convinto che il compito affidato da re giorgio (l'ammericano) all'amico dei banchieri è quello di affondare il sistema paese. Ne approfitteranno i soliti e ne avranno beneficio gli investitori esteri.... Voglio l'empeachment per il presidente napoliNato

Leonardo Massimo Muci 14.06.12 07:46| 
 |
Rispondi al commento

io sono per scendere in piazza.

L'ITALIA NON PUO' ESSERE VENDUTA!
BEPPEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!

GABRIELE TINELLI (), carrara Commentatore certificato 14.06.12 07:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la svendita del patrimonio italiota sarà la definitiva condanna dei vostri figli, dire di no ed opporcisi con tytte le forze dovrebbe diventare una nostra priorità in quanto M5Stelle. Sono stufo marcio di questo "governo", sono stufo marcio di queste leggi per i troppi gonzi italioti, sono stufo marcio di quello che non ci fanno sapere e di questa maledetta resistenza a rimanere nell'euro a discapito della vita di milioni di cittadini, decisione sospesa nell'aria senza la più minima ragionevole discussione? Quì o ci mettiamo in testa che ne dobbiamo uscire e che non risarciremo i nostri debiti o CI FAREMO PRENDERE ANCORA TROPPO A LUNGO PER I FONDELLI DA QUESTI POLITICI/TECNICI INSOMMA DA UNA CASTA DI VECCHIONI DI CUI A COMINCIARE DALLA FORNERO non posso che provare disgusto e che mi producono solo conati di vomito ad ogni loro apparizione primo su tutti rigor mortis e questa sua aplomb da funerale, che non mi stà oltremodo più bene in assoluto! Rigor non rappresenta nessuno di noi e così questo parlamento e questa agonia sta diventando giorno dopo giorno uno strazio, che é appesantito dal vuoto delle idee e proposte che abbiano un minimo di respiro intellettuale e di "BUON SENSO". Se scherzavamo sui lavori socialmente utili, credo che dovremmo iniziare a fare delle belle liste per NON DIMENTICARE, altro che svendita dei beni che dovrebbero andare ai vostri figli, visto che a noi gay non permettete di averne, BASTA STRONZATE! INVESTIMENTI, INVESTIMENTI, INVESTIMENTI, se no a casa lo dice lo spread uguale ai tempi dello psicopedonano via a casa tutti, fora di ball, che sen vajan todosssssssssss

Jan g., Gallarate Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.06.12 07:32| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo e maledettamenete vero quanto scritto.
Dopo averci prosciugato, tolto il lavoro, quel poco messo via dai ns genitori, e quello che è più grave annientato la speranza ed il futuro per i ns figli e nipoti ora qualche sparuto gruppo di "loro amici" dopo essersi fatti le leggi per delinquere, evaso tasse e con il suggello dello scudo al 5% aver regolarizzato i crimini, perchè di questo si tratta, acquisteranno in svendita quel poco che resta. Io mi auguro, che prima possibile, imploda questo sistema perverso e sarà un domino, ci ritroveremo tutti (anche loro ma si credono salvi) in una specie di medioevo buio e angosciante dove non si potrà (e dovrà) far altro che ripristinare le regole di una società equa e permeata da morale. Sarà il nuovo rinascimento. Il passaggio sarà cruento, come lo è sempre stato in questi casi; la storia lo insegna.

roby b., Trieste Commentatore certificato 14.06.12 07:08| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto è che non vendono ad italiani! e poi cosa se ne fanno di palazzi che non servono a nessuno stante il perdurare della situazione che appunto non avranno mercato? O forse serviranno ai nuovi colonizzatori che si vogliono sovrapporre a noi. Ma anche questa gente che vorrebbe subentrare ha un cervello minuscolo...pensano che sarà bello vivere in mezzo alle macerie e non poter uscire dalle proprie case? MAH secondo me siamo alla follia pura.

max l., Moneglia Commentatore certificato 14.06.12 06:55| 
 |
Rispondi al commento

E? ora di organizzare una "protesta" a Roma. Potete aggiungermi su fb alex anggelucci (foto io con mio figlio su motocicletta). Beppe io sono con te ma qua si deye agire subito.

alex angelucci 14.06.12 05:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.youtube.com/watch?v=SkMD15zKFKw

FARAGE: Col salvataggio della Spagna fallisce l'Italia. NON CE LA POTETE FARE!

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 14.06.12 02:05| 
 |
Rispondi al commento

questi tiranni maledetti ci hanno già venduto da tempo e per il potere venderebbero pure la madre, o l'anima al diavolo

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 14.06.12 01:55| 
 |
Rispondi al commento

ITALIANIiiiii.....A R O M A !
Andiamo a riprenderci il nostro futuro strappandolo a chi ce lo ha rubato.
Hanno incolpato il popolo di aver causato la crisi vivendo al di sopra delle sue possibilità con l'evasione fiscale, per nascondere la loro vera colpa di aver essi vissuto al di sopra delle possibilità del popolo di mantenerli!
Hanno sprecato per decenni il nostro denaro in opere "pubbliche" inutili o incompiute, lo hanno rubato sotto la voce sociale di "Welfare", utilizzato per assicurarsi privilegi e potere, posseduto violando la volontà popolare.
E tutto questo ricattando il popolo con i costi della democrazia!
Ma se la democrazia deve dare al popolo una esistenza libera e dignitosa, questa non è democrazia ma criminale sfruttamento!

chimiama misegua 14.06.12 01:38| 
 |
Rispondi al commento

http://it.wikipedia.org/wiki/Scuola_di_Chicago_(economia)

Non so voi, ma trovo qualche assonanza tra la parte sui "Chicago boys" e quello che può accadere nei prossimi mesi nei paesi europei in difficoltà, Italia compresa.

Axel F. 14.06.12 01:07| 
 |
Rispondi al commento

Riporto pari pari da wikipedia:

>

Non so voi, ma trovo qualche assonanza con quanto può accadere prossimamente nei prossimi mesi nei paesi europei in difficoltà, Italia compresa.

Alex F. 14.06.12 01:01| 
 |
Rispondi al commento

Che dire,l'ennesima porcata....speriamo di cacciare via questi usurpatori prima che ci portano all'elemosina.

Michele Magrone 14.06.12 00:56| 
 |
Rispondi al commento

Mah... secondo me la "razza di infami" che sta nel lusso non esiste. Si, ci sono i partiti ma se guardiamo i numeri sono solo dei rubagalline.

C'è invece una percentuale altissima di signori nessuno che sulle risorse statali ci marcia. I vari infiltrati che hanno un lavoro statale magari inutile o magari che non svolgono neanche. Pensioni farlocche. Sussidi assurdi. E via dicendo.

La razza di infami è DIFFUSA, non sono pochi noti che una volta tolti tutto diventa bello.

Attenti a cosa aspettarsi dalle elezioni !

Il Grigio 14.06.12 00:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori