Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Qualcuno era comunista perché Berlinguer era una brava persona


Berlinguer_funerali.jpg
"era un altro mondo, era un'altra Italia, ma soprattutto erano altri uomini. Ce n'erano persino alcuni che davano e ricevevano valore, onore e decoro da quella loro grande passione per la Politica. Oggi questo può persino apparire incredibile. Enrico Berlinguer disse una volta in un'intervista che se non fosse diventato segretario del P.C.I. avrebbe voluto essere un modesto professore di provincia in un college, magari americano. E, pensate, a intervistarlo era Oriana Fallaci, che lo rispettava e stimava come nessun altro politico, e non solo italiano. Durante il suo ultimo comizio, l'11 giugno 1984, mentre l'ictus lo stava uccidendo e la gente, che aveva capito, lo invitava a smettere, lui non si fermò. Voleva pronunciare quella frase che era troppo importante, più della sua salute: "Compagni, lavorate tutti, casa per casa, strada per strada, azienda per azienda". Al suo funerale c'era così tanta gente che oggi non si riunirebbe nemmeno per tutti, ma proprio TUTTI, i politici italiani messi insieme. "Qualcuno era comunista perché Berlinguer era una brava persona". (Giorgio Gaber)". davide lak (davlak)

11 Giu 2012, 14:18 | Scrivi | Commenti (96) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Certo, gli uomini contano.
Berlinguer era notoriamente un brav'uomo, almeno per quello che si sapeva, che si conosceva.
Io parto dall'idea che "nessun uomo , se dovesse essere trattato come merita, scamperebbe la frusta".
Come faceva recitare Shakespeare al personaggio di Amleto.
Io credo che si giochi un grande equivoco sovrapponendo le idee agli uomini. E non sempre involontario.
Un'idea la si può (la si deve, a mio parere) seguire. Un uomo è così fallace, così "meritevole di frusta" e poi, sopratutto, delegare le nostre azioni ad un solo uomo è sintomo, a mio umile parere, di pochezza di amor proprio e di incompletezza di personalità.
Allora sono le nostre idee a fare le differenze e, cosa più che mai vera, è più difficile seguire un'idea che un uomo, l'uomo ti può perdonare, l'idea no! Oppure si potrebbe dire anche che è più comodo seguire un uomo, è più facile tradirlo !
La storia ne ha migliaia di questi esempi...
Non si era comunisti solo perchè Berlinguer fosse una "brava persona". Così come non lo si era perchè lo fosse Stalin, tutt'altro che brava persona.

Luigi Sbraccia 16.06.12 08:45| 
 |
Rispondi al commento

ma se siete comunisti prendete una chiara decisione economica cazzo! e andate alleati con i comunisti veri. cosi passate per movimento molto ambiguo. penso che oggi gli unici possibili eredi di berlinguer, da 20 anni coerenti con il suo pensiero siano quelli di rifondazione comunista, non certo un movimento capitalista come il vostro

ALessandro Gusmini 15.06.12 14:30| 
 |
Rispondi al commento

Oggi ho visto a "Ballaro'" della gente in Grecia che non e' in grado di comperare i farmaci antitumorali.Per coloro che vedono merda solo nel campo comunista:vi rendete conto dove potremmo trovarci anche noi da un momento all'altro grazie al meraviglioso sogno capitalista??????

stojan g. Commentatore certificato 13.06.12 01:11| 
 |
Rispondi al commento

Quanta saggezza Giorgio.

Un pazzoide filosofo sifilitico di qualche anno fa, pensava che le persone SONO LA MASCHERA DIETRO CUI SI NASCONDONO.

Grigio sapeva benissimo di cosa ha bisogno la gente.

La gente ha bisogno di modelli da imitare, ha un bisogno tremendo che un proprio consimile comunichi ed operi nel modo che ognuno di noi sente giusto nell’intimo, ma che per una questione di livello non sa esprimere.

Qualche tempo fa , un signore, a seguito di una mia esortazione ad essere da modello mi rispose che aveva troppi difetti per esserlo e che vedrà quel che potrà. Una risposta ineccepibile sotto il profilo della conoscenza, ma che denota scarso coraggio.

Il coraggio di essere caldi, amorevoli, comprensivi e fermi contro la menzogna.

Chi fosse realmente Berlinguer non lo so e non mi importa, storicamente ha fatto il suo periodo.

Giorgio Gaber con la frase “…qualcuno era comunista perché Berlinguer era una brava persona. “
ha colto, inciso e trasmesso il messaggio ideale del MOVIMENTO 5 STELLE

LIBERTA’ E’ PARTECIPAZIONE

Grazie Giorgio.

Paolo Mantovan 12.06.12 21:21| 
 |
Rispondi al commento

Bene !!!
Il comunismo di Berlinguer era un'altra cosa. Vero !!!!
Ma il comunismo di Berlinguer è durato pochissino,e non era più neppure "comunismo", che prevede la "dittatura del proletariato", ma socialismo marxista e democratico in quanto prevedeva la democrazia - appunto - ed il pluralismo dei partiti e delle idee.
Prima c'era stato quello dei Togliatti e compagnia che plaudivano Stalin, i suoi gulag e le sue invasioni dall'Ungheria alla Polonia (Napolitano era tra questi)e poi i vari Natta pronti alla marcia indietro.
Non si può non aver amato il grande Berlinguer (ed alla sua morte gli Italiani hanno fatto una delle poche cose degne rendendogli onore ed affetto) ma non si può neppure dimenticare che tutto il resto del comunismo, compreso quello italiano non berlingeriano, era assassino e liberticida.
P.S.: chiedete ai Friulani cosa significa la guerra partigiana ed il luogo di "Porzus".

CARLO ALBERTO BONESI, ROMA Commentatore certificato 12.06.12 17:34| 
 |
Rispondi al commento

"Qualcuno era comunista perchè voleva una democrazia diversa da quella americana"!
Non ci sono più la falce ed il martello, non c'è più quell'ideologia, certo; ma non dimentichiamoci che non c'è mai stata nemeno una democrazia compiuta!

gerardo s., vaglio basilicata (pz) Commentatore certificato 12.06.12 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Fortunatamente siamo nel 2012 e la falce e il martello si vede sventolare ormai solo a qualche raduno di nostalgici.

Fabrizio B. Commentatore certificato 12.06.12 15:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Roberto A.
Berlinguer aveva preso le distanze dall'Unione Sovietica.
Se non sai le cose, informati e non spararne più!
Chiaro???

Stefano Bastia 12.06.12 15:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma perchè l'italiota medio fascio è così coglione?

ma perchè è intriso di una coglionaggine tale che
a stento riuscirà a togliersela se non con la propria morte fisica ?

ma possibile dopo la figura di merda - DOPPIA -
sia con la sconfitta della guerra che nel tentativo di recupero con la RSI non trovino ancora la PACE definitiva ?

Hanno collaborato contro i nemici del Paese per
salvarsi da una eventuale NORINBERGA ITALIANA e grazie anche a Palmiro Togliatti che li sdoganò!
sono riusciti a salvare anche i titoli nobiliari
con i veri possedimenti di latifondi anche dopo la
caduta della monarchia ...

e ancora seguitano a rompere i coglioni con rubli
fantasma dall'urss ...

quell'urss di kruscev NEMICA DELLO STESSO PCI !
(escluso qualche "migliorista" all'interno)
se non le sapete i fatti...tappatevi la bocca
mozzatevi le dita e mettetevele al culo
fascioStronzoni!

ps. un altro Enrico ammazzato dai fasciStronzoni
by mafia ...

http://www.youtube.com/watch?v=enJOCigHqEw

LENIN _ il saggio 12.06.12 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Berlinguer era un falsone,sapeva benissimo cosa succedeva in URSS e nei paesi satelliti eppure ha continuato per anni a prendere soldi insanguinati da loro.E partecipava insieme alla DC e al PSI alla spartizione delle poltrone di enti pubblici e aziende pubbliche e spingeva per il compromesso storico e ha partecipato al consociativismo che tanti danni ha fatto.

Roberto A 12.06.12 13:57| 
 |
Rispondi al commento

tutte brave persone,che hanno sistemato parenti e amici.la figlia bianca ne è la prova.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 12.06.12 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Burlesconi ed il Vaticano, vedono i comunisti come il fumo negli occhi.
Non basta?

antonio d., carrara Commentatore certificato 12.06.12 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno era Comunista.........e oggi se ne sente la mancanza (cito)

simona s., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.06.12 13:16| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno era Comunista.........e oggi se ne sente la mancanza... (citazione, non mia ma che condivido)

simona s., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.06.12 13:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' proprio vero

Beniamino Migliaccio, Ercolano Commentatore certificato 12.06.12 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Comunisti brava gente:
http://www.globalmuseumoncommunism.org/

Dino Corbelli 12.06.12 12:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Controcorrente, sono assolutamente anticomunista. Ideologia che ha portato fame e distruzione. Spero che i nostalgici non si impadroniscano del M5S. Infine attenzione ad alzare certe bandiere, già impolverate dalla Storia. Sono discorsi lunghi ma non si possono e non si devono dimenticare gli anni 70. Anni dei quali il nostro inconsapevole eroe èa è stato protagonista. Ripeto non informatevi, ma istruitevi su ciò che ormai è Storia.


Margherita Hack, 90 anni.....


Lei glie l'ha fatta a campare 90 anni divulgando, divulgando divulgandooooo (leggi senza fare un Hackzzo!)

Domanda.... ma perché se io non faccio un Hackzzo non mi pagano mentre a lei si?

Fa parte dei miracolati come il napoletano?

nun ch'ho voglia di fare un hackzz 12.06.12 10:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Ci potrei-saprei vivere nel comunismo.

Molti che invece si lavano la bocca di essere dei veri comunisti sicuraamente al 3 giorno risusciterebbero e si trasformerebbero in berlusconiani.

Sono troppo legati sia ai beni consumistici spazzatura e che all’egoismo della proprietà privata.

Ciò non toglie che preferisco il capitalismo etico con la proprietà privata limitata a sufficienza per evitare constrasti sociali troppo
duri con tutto il male che ne consegue.

Quando ti definisci comunista e giri con l'auto da 50 mila euro non sei comunista perché il vero comunista usa la macchina che gli serve per muoversi e non fa le rate di 60 mesi per andare in giro a fare il fighettino.

E ne conosco tanti così!


Poi ci sono quelli che vorrebbero la macchina da 50 mila euro o più e siccome non ci arrivano diventano comunisti per gelosia nei confronti di quelli che se lo possono permettere.


Secondo me comunisti veri si e no 1% in italia!

bruno-bassi 12.06.12 10:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ricordo con grande commozione l' Uomo, la sua immensa passione e la serietà di ogni suo discorso. Ero giovane studente universitario e Lui per me era come un faro nella tempesta della vita precaria di allora come ora, ma non è scomparso del tutto...
Dopo di Lui, IL DILUVIO e da allora pensate , quale schifo di Politica e politicanti ha ricoperto questa povera nostra ITALIA !!!

Pier P., Catanzaro Commentatore certificato 12.06.12 10:37| 
 |
Rispondi al commento

a proposito di - FEDE - (no emilio, eh)

ma davvero pensate che tutti i preti, i prelati, i papi , o...qualsiasi sciamano che professi religione di ogni tipo ...

CREDA IN [ DIO ] ???? possibile che non ci sia nessuno di costoro che nella cultura assorbita non abbia qualche "dubbio" ??

ecco, così sono i comunisti!

QUELLI CHE CREDONO
QUELLI CHE DUBITANO
QUELLI CHE FALSIFICANO per interesse !

l'effetto negativo in ogni caso , sia negli sciamani falsi che nei comunisti falsoni , lo subisce tutti i popoli della Terra!

hasta o amen ...e così sia

LENIN VIVE (), Roma Commentatore certificato 12.06.12 10:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Sardegna ebbe un fortissimo peso nella Repubblica perché si volle ammorbidire la spinta separatista.

Ovviamente fu tutto studiato a tavolino, più o meno come ora, da parte della massoneria del tempo.

Il popolo doveva solo mettere la X sul contratto senza leggerlo più o meno come ora.

Col senno di poi la decisione si rivelò vincente.

notizie dall'aldilà 12.06.12 10:17| 
 |
Rispondi al commento

2 cugini uno a capo del PCI e l'altro della DC

un partito che prendeva un sacco di soldi dai russi e l'altro dagli americani sembra una barzelleta ma è frutto del genio italico.

mio cuggino! 12.06.12 09:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il signor Bassi - ammesso che sia il suo vero nome - potrebbe partecipare con grandi chances di vittoria al concorso lo stronzo del mese. Se poi sul blog apparisse invece - al posto dei suoi poveri "pensierini" - il suo volto vincerebbe a mani basse.

mario45 massini, roma Commentatore certificato 12.06.12 06:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quel giorno che il popolo dovesse rendersi conto che il M5S è il figlio del PCI sparirebbero un sacco di consensi!

1/10 immediatamente e molto di più nel giro di pochi mesi.

Ma non è facile spiegarlo a quelli che stanno dentro il M5S convinti di essere dentro il PCI!

che colore è il M5S? 12.06.12 03:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Verissimo...altri tempi altri uomini altri valori altri campi di dignita` e rispetto:

accanto a Berlinguer metterei anche gente del calibro di Almirante e Moro, altre due grandi voci del panorama politico dell'ultima Italia, quella che poi non si e` concretizzata, lasciando lo spazio ed il vuoto a generazioni di incapaci e falliti che si sono rifugiati nella politica solo per i loro scopi personali o per sbarcare il lunario...

Giovanni C., Londra Commentatore certificato 12.06.12 01:01| 
 |
Rispondi al commento

I preti hanno il padreterno con accanto il cristo e la mandonna e tutti i santi.

I comunisti hanno Ernesto Guevara de la Serna e accanto Moses Kiessel Mordechai Levi e un po più in la trovi Vladimir Il'ič Ul'janov e ancora Iosif Vissarionovič Džugašvili fino ad arrivare a Fabrizio De André (vernerato come un dio) con fra mezzo un gruppettino di personaggi minori in attesa di beatificazione

Enrico Berlinguer (1850–1915), avvocato e politico italiano, fondatore nel 1891 della Nuova Sardegna

Mario Berlinguer (1891–1969), avvocato e politico italiano, figlio di Enrico (1850–1915)

Enrico Berlinguer (1922–1984), politico, figlio di Mario, segretario del PCI

Giovanni Berlinguer (n. 1924), politico, figlio di Mario e fratello di Enrico (1922–1984)

Luigi Berlinguer (n. 1932), docente universitario e politico, cugino di Enrico (1922–1984) e Giovanni, Ministro della Pubblica Istruzione dal 1996 al 2000

Giuliana Berlinguer (n. 1933), regista e sceneggiatrice italiana

Sergio Berlinguer (n. 1934), diplomatico e politico, fratello di Luigi, segretario generale della Presidenza della Repubblica dal 1987 al 1992

Bianca Berlinguer (n. 1959), giornalista, figlia di Enrico (1922–1984)

Marco Berlinguer (n. 1963), politico, figlio di Enrico (1922–1984)


Se il padreterno comunista vorrà forse avremo beatificato anche Francesco Guccini ma solo dopo la sua morte!


E non dimenticatevi di Máo Zédōng con veci di arcangelo michele.

bruno-bassi 12.06.12 00:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci sono persone che prima di pronunciare il nome di Enrico Berlinguer si deve spazzare la bocca con la carta igienica, chi parla male di Berlinguer oggi, può essere solo un Socialista che votava per Craxi o uno che votava per Berlusconi (figlioccio di Craxi). Gente senza cervello, basta guardare dove ci hanno portato. E non sto parlando solo di quella parte politica, sto parlando di tutti i politici e i loro partiti che controllano banche, finanziarie, assicurazioni.....tutti figli del capitalismo, cosa che Enrico Berlinguer non avrebbe mai e poi mai fatto

Bruno Ciccarelli 11.06.12 23:41| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Enrico,per quello che hai fatto, Antonio Gramsci era la tua stella polare, avevi capito quale era la sua visione del comunismo.

ivo m., qartu sant'elena Commentatore certificato 11.06.12 23:36| 
 |
Rispondi al commento

"...qualcuno era comunista perchè pensava di poter essere libero e felice solo se lo erano anche gli altri..."
Solo per questa frase meriterebbe il Nobel.
Grazie Giorgio, non smetti mai di insegnarci.
E grazie a Davide che ce l'ha ricordato.

Andrea Molteni (nembo1972), Como Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.06.12 23:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VERISSIMO . Completamente vero.
E' stato ucciso dai "politici" del P.C.I., che ora fanno le commemorazioni!

Antonio Borea 11.06.12 22:32| 
 |
Rispondi al commento

ogni volta che che sento parlare o vedo immagini di berliguer mi commuovo e mi vengono le lacrime,invece quando vedo dibattiti televisivi con politici ex pci mi fanno solo rabbrividire,a differenza di enrico a loro interessa solo soldi e potere.

sandro barioni 11.06.12 22:18| 
 |
Rispondi al commento

si ed io votavo pci e la mia famiglia votava pci,perchè noi siamo persone oneste fino al midollo osseo e lavoratori e osservanti delle regole giuste.mio nonno che lavorava alla banca d italia,veniva quotidianamente deportato o portato coattivamente dopo il lavoro a piazza venezia dove il ridicolo mussolini si esibiva come l imperatore nerone e tutti dovevano ascoltarlo cosi che le sue cazzate sembrassero agli occhi del mondo parole sante.oggi non c è più sinistra che si possa rispettare,oggi non c è più rispetto per nessuna forza politica.oggi c è odio verso la casta,ma tanto odio che si sottovaluta.oggi si vogliono giustiziare i politici e più passa il tempo e più si farà d ogni erba un fascio.si vogliono uccidere tutti senza distinzione.gli inceneritori potranno essere utili per il loro smaltimento e la gente sta già preparando le asce e i coltelli.non ci sottovalutate perchè siamo molto incazzati e ci siamo pure stufati di parlare.

monica mansueti, ROMA Commentatore certificato 11.06.12 22:14| 
 |
Rispondi al commento

i tempi cambiano,i vecchi di oggi non sono più i vecchi di una volta,anche se noi continuiamo a basare la nostra società sulle stesse 3 generazioni di sempre,ovvero: 1940(nonni) 1970(padri) 1990(figli)
le cose sono cambiate quelli erano tempi diversi la gente aveva,e dava dei valori..mio nonno sapeva costruire tavoli sedie e posate di legno! guarda oggi chi sa farlo più a mano libera?
oggi per la società moderna non ci sono più quelli del 1940 ad essere nonni,oggi ci sono quelli del 1960 ad essere nonni,i figli sono quelli del 2000, i nipoti sono quelli del 2010.. capirete che c'è una bella differenza,quelli del 60 sono una generazione che non ha sofferto la fame,non ha sofferto per guerre rilevanti dal punto di vista economico,avranno avuto qualche terremoto,l'ads.ecc. ma per il resto,non sanno cosa sia la miseria,e questo che li rende come sono!
stupidi,e basta!
e puntano il dito sulla generazione 89\90 chiamandola buona a nulla,dopo che loro hanno evaso tasse per anni,hanno raggirato truffe su truffe con falsi invalidi,dopo che non vogliono saperne della pensione.. ognuno pensa a se stesso! non ci sono più persone che ti insegnano e che ti trasmettano dei valori,a me mio nonno mi ha insegnato a lavorare il legno,ha insegnato alla mia mamma a coltivare la frutta e la verdura! cose utili e vere! oggi cosa ti insegnano?
ho visto nonni al parco dire ai nipoti di avere paura dei cani,e genitori prendere a schiaffi i figli perché si permettono di accarezzare il randagio del parco.. che bello,il valore della paura! peggio della crisi,c'è l'isolamento sociale,la gente non comunica più con i propri simili,perché si ha paura,la colpa sapete di chi è?
della televisione..la gente ha perso la capacità e la voglia di pensare e ragionare con la propria testa,oramai la gente si affida ai ragionamenti che fanno gli altri alla televisione e li fanno propri,se quello alla televisione ti dice che i cani sono pericolosi,e tu devi avere paura dei cani,allora lo sono anche per te!

Mimmo G., cardito (NA) Commentatore certificato 11.06.12 22:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

All'epoca mio padre, che era operaio, combatteva in piazza con i suoi amici colleghi per condizioni di lavoro migliori e anche per vedere riconosciuti dei diritti, oggi distrutti, fregandosene di chi era Berlinguer perchè purtroppo era sempre un politico e come tale poco incline a capire veramente il dolore e i sacrifici dei lavoratori italiani dell'epoca.

stefano filippini 11.06.12 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Dicevo prima, se Berlinguer oggi esistesse ancora.. farebbe parte di questa "sinistra" .. o al posto dei cittadini-elettori passivi del Porcellum .. preferirebbe un popolo intelligente, vivo e attivo, padrone delle sue scelte,e... con un minimo di attributi, come lui? Io accenderei la seconda!

bianca m., Taranto Commentatore certificato 11.06.12 20:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono un berlingueriano da sempre.Deluso dalla bolognina e dai successivi radical schic in cachemir e pugno chiuso.Il sogno di berlinguer è morto con lui purtroppo lasciandomi orfano .Hai detto bene beppe,oggi,nemmeno l'intero parlamento riuscirebbe a riunire un milione e mezzo di persone.Se penso a come i suoi eredi(dalla bolognina in poi)siano riusciti a rovinare quel sogno c'è da starci male.Personalmente,approvo la politica dal basso ma non approvo il metodo grillo che critica i partiti ma poi non mi sembra accetti altri punti di vista all'interno del suo movimento.Per quanto mi riguarda non voto già da un pò perchè non mi sento rappresentato da nessuno ma ahimè nemmeno da te peppe.Approvo molte tue idee ma certi diktat un pò meno.. Cmq sia W Il COMPAGNO ENRICO!!!!

Luca 11.06.12 19:54| 
 |
Rispondi al commento

mio cugino Berlinguer: Cossiga racconta un leader


. . Come eravate parenti? "Mio nonno materno, Antonio Zanfarino, era fratello per via di madre del nonno di Enrico, che si chiamava Giovanni Loriga. Era una famiglia della media borghesia calata nella realta' cittadina con tutta una serie di parentele. Una famiglia di tradizioni radicali, repubblicane, antigiolittiane. Le stesse di don Mario Berlinguer, il papa' di Enrico, un giovane avvocato, deputato dell' Unione democratica di Amendola e poi sardista e azionista". .

1 ottobre 2009 ...E Bianca Maria Berlinguer è il nuovo direttore del Tg3, Il Sole 24 Ore...


Il nepotismo è proprio nel DNA degli italiani hehehehheh

bruno-bassi 11.06.12 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quando ricordiamo di berlinguer parliamo di etica e di rigore, ma anche di una diagnosi infausta sul futuro di una classe politica ben prima di mani pulite. quando parliamo di beppe grillo parliamo di spettacolo non sempre divertente e di poche idee non chiare e di difficile attuazione. berlinguer voleva eliminare il fattore k anche con il consociazionismo dei cattolici. grillo vuole vincere con il 90% per restare solo lui a fare spettacolo. etica, governo, sacrificio e dedizione...what is? tutta roba che non fa ridere.

longo.giuliano 11.06.12 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Se Berlinguer fosse vivo, tratteresti male anche lui. Che ipocrita che sei!

Carolina Calicchio 11.06.12 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Se Berlinguer vivesse oggi, per chi voterebbe?.. domanda retorica, ovviamente...

bianca m., Taranto Commentatore certificato 11.06.12 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Una grande persona.
Fu uno dei primi a prendere le distanze dall'Unione Sovietica, aveva una visione del comunismo avanti di decenni se non piu.
Aveva e riceveva ammirazione da Moro, furono vicini a stringere un'alleanza poi attentati e sequestri hanno cambiato il corso della storia.

gna omo Commentatore certificato 11.06.12 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Davide,molto interessante l'intervista rilasciata a MIXER DI ENRICO BERLINGUER

salvatore castellano 11.06.12 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono avvicinato a al PCI grazie a Berlinguer, poi mene sono allontanato adesso credo nel movimento 5 stelle spero che non mi deluderete.

Pino S., Napoli Commentatore certificato 11.06.12 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Sarà,per me Berlinguer era un gran rompiballe.

palle rotte Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.06.12 17:21| 
 |
Rispondi al commento

Sono stati statisti VERI uomini fieri il pci era cambiato con la guida del suo leader nel primo partito comunista europeo distaccato dal urrs tante volte in contrapposizione
Nella dc la mente il cuore era Aldo moro il presidente era Sandro Pertini « I giovani non hanno bisogno di sermoni, i giovani hanno bisogno di esempi di onestà, di coerenza e di altruismo »
(Sandro Pertini)
I leader sapevano dare il buon esempio

Riccardo Garofoli 11.06.12 17:21| 
 |
Rispondi al commento

E'hhèèè purtroppo non ci sono più quelle brave persone di una volta.
Oggi i compagni si vanno a curare in clinica (qui a roma villa Margherita), poi fanno entrare parenti in politica, parenti ed amici alla rai, si assegnano case degli enti, insomma si sono imborghesiti e sempre più restii a dividere coi poveri, coi morti di fame, quello che di diritto si sono conquistati ed è di loro proprietà.
E' proprio un'era che è finita, però fa bene allo spirito del bobbolo farla rivivere


LavoraTE tutti,casa per casa, strada per strada...ecec Ma perche' mai un bel LAVORIAMO tutti....anche berlinguer era un politico di professione, uno che non si e' mai spaccato la schiena in fabbrica, uno che sapeva solo dire belle parole! Un nobile, un stalinista, una persona favorevole all' invasione sovietica dell'ungaria! La sua vita politica e' totalmente contraria alle idee del movimento 5 stelle...una persona che e' rimasta attaccata alle poltrone di roma per moto tempo! Mi ricordo che anche un'altra persona diceva LavoraTE...diceva piu o meno cosi' "metteremo delle luci nei campi, cosi' lavorereTE anche di notte!" destra o sinistra i politici son tutti uguali...la vera differenza la fanno i padri e le madri che lavorano duramente e si impegnano veramente al servizio unico dei loro figli!

Andrea guerreschi 11.06.12 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Chiediamoci piuttosto perchè e cosa significava essere iscritti ad un partito allora, la tessera e la militanza erano qualcosa di piu che un modo di ficcarsi in una graduatoria, ottenere una prebenda o un favore. Essere militanti significava vero dibattito, partecipazione, impegno, aldila' di qualsiasi ideologia o schieramento di parte. Enrico Berlinguer era l'incarnazione di queste cose, discreto e consapevole del suo ruolo, quando parlava glielo leggevi in faccia che sapeva di parlare per conto di migliaia di lavoratori. Questo prima che il maggioritario suino trasformasse tutto in una farsa ed una rissa dove ognuno gioca per se, un colpo di stato strisciante attuato a suon di spot pubblicitari con la scusa di rendere governabile il paese. Ora qualcuno vorrebbe giocare alla Repubblica presidenziale, manca solo l'aventino e la marcia su Roma e il quadretto sarebbe completo. Stiamo con gli occhi bene aperti e vigiliamo affinche la democrazia rinasca dalle rovine della partitocrazia. I primi tutori della democrazia siamo noi cittadini responsabili. La prima difesa è l'impegno personale per il bene di tutti. Questo è il vero esempio lasciato da Berlinguer.

ROSARIO COLARUSSO, COMO Commentatore certificato 11.06.12 16:42| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Io c'ero quel giorno a San Giovanni, abitavo proprio lì, ma raggiunsi a piedi via delle Botteghe Oscure e poi di lì seguii al fianco la testa del corteo. Ricordo ancore una immagine, a via dei Fori Imperiali vidi un tipo con la barba che raccoglieva un chiodo, pare porti fortuna troverne ai funerali, era Massimo Cacciari. Pochi metri più in la, ancora solo membro titolare del Politburo, Mikhail Gorbaciov nello sfilare nel corteo, affiancato dai capoccioni del PCI, ammirava il Colosseo e Roma in una delle sue più belle giornate di sole. Chissà come sarebbe stata l'Italia se non fosse morto, debbo molto a lui e ancora mi commuovo.

Massimo Lazzari* (massimo* lazzari*), Roma Commentatore certificato 11.06.12 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo benissimo il funerale di Berlinguer, ho visto i miei genitori piangere per la sua morte e confesso di aver pianto anch'io. Una volta ho fatto questa riflessione: ma se oggi morisse un politico, uno qualsiasi, destra o sinistra non ha importanza, quante persone andrebbero al suo funerale?
Penso che quelle oceaniche riunioni di persone sinceramente commosse ce le possiamo dimenticare, credo che oggi nessuno salirebbe su un lampione per poter dire "Io c'ero!"

giuseppina roncacci 11.06.12 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Quanto canto' Gaber era un understatement. Enrico Berlinguer era ben piu' di una brava persona, era uno che aveva visto lontano, e per questo dava noia. Se non fosse morto prematuramente, lo avrebbero comunque incastrato, destre e sinistre nostre (e yankees). Cheers, Franz.

Franz 11.06.12 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Non ho mai creduto in quel comunismo, anche perche' ho visto i risultati della dittatura comunista, direttamente nei paesi dell'est all'epoca. Sta di fatto comunque che Berlinguer e' stato un leader importantissimo per l'epoca, attualmente nessun leader della sinistra non vale neanche un'unghietta di Berlinguer, peccato.

Roberto Trieste, Trieste Commentatore certificato 11.06.12 15:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"qualcuno era comunista perchè beveva vino e si commuoveva alle feste popolari"
E' successo a me ed è successo sicuramente anche a te.
Davide, veramente splendido il tuo commento!!

gerardo s., vaglio basilicata (pz) Commentatore certificato 11.06.12 15:28| 
 |
Rispondi al commento

http://lucafiordelmondo.blogspot.it/

Luca Fiordelmondo 11.06.12 15:12| 
 |
Rispondi al commento

ci fù un tempo in cui i politici erano veramente qualcuno, non che non ci fossero anche ai tempi delle M°° ma di meno rispetto a ora.

era da un pò che mi chiedevo, ma Beppe ha mai votato ? non c'è mai stato un partito che li piacesse ?

Marco Tamburini, Dresano (MI) Commentatore certificato 11.06.12 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Pur con la massima stima per Berlinguer, è interessante anche leggere un punto di vista diverso:

http://vittoriozambardino.repubblica.it/zetavu/2009/06/perch%C3%A9-non-mi-piace-il-revival-di-berlinguer-memoria-di-un-ex.html

Vittorio Bertola
Movimento 5 Stelle, Torino

Vittorio Bertola, Torino Commentatore certificato 11.06.12 14:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è incredibile, tutte le volte che rivedo la cassetta dei funerali di Berlinguer..ripiango!
porca puttana che piazza!
dovevo esserci anch'io quel giorno a Roma, ma non ce l'ho fatta, il dovere verso il lavoro mi ha fatto desistere..me ne pentii subito.. disgraziato che non sono altro!

c.i.m.b.r.o. 11.06.12 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Ho vissuto quei tempi e vi posso dire che era vera politica e aquei tempi non si sovvenzinavano i partiti coi nostri soldi ma con le tessere e quote volontarie . solo tu Beppe puoi fare qualcosa di onesto .

francoflamini 11.06.12 14:30| 
 |
Rispondi al commento

"Qualcuno era comunista perché Berlinguer era una brava persona".
(Giorgio Gaber)

[Certo che mi fanno orrore i milioni di morti del komunismo ! ]

Analisi "logica"...

I comunisti Reali sono tutti BRAVE PERSONE !
Anche quando sopprimono esseri che nulla hanno di umano.
perchè ?

rif. stor.
Prendete per esempio la Russia zarista che usava il popolo come macelleria vera.
Prima con la guerra contro il Giappone (1905) in concomitanza dello sterminio dei suoi cittadini palazzo d'inverno. Dopo con il continuo massacro di soldati al fronte (1914)
contro gli imperi centrali europei. In seguito alla rivolta militare (febbraio) ne avvenne
un'altra di origine diversa, tanto diversa che nemmeno Marx ci sarebbe mai arrivato!
Era l'ottobre del 1917 .

Altro esempio. la Cina. Terra di conquiste coloniali europee americane e...con l'invasione
nipponica sottomessa all'impero giapponese! Secondo voi i cinesi sarebbero dovuto
restare boni e zitti e sopportà ? Pur essendo dieci o venti volte più numerosi ?
Ma non mi fate ridere i peli dello scroto...please!

Altro ancora. Cuba di Batista e Fidel che protestava prima con le "cozze" , poi con il
piombo ! - Carcerato ma non fucilato per timore di una reazione popolare, alla fine
esiliato dall'isola . Torna ed abbatte il tiranno. Senza essere "comunista". Solo
rivoluzionario in favore dei cittadini. In seguito , baia dei porci, sceglierà lo schieramento
socialcomunista alleatosi con l'urss. (solo dopo il tentativo di invasione dei presunti
liberali democratici yankee - il tumore vero del Pianeta)

Ultimo, quello più vomitevole. Salvador Allende eletto da libere elezioni. socialista
vecchia maniera , abbattuto con un vero golpe militare targato C.I.A. senza che
l'urss intervenisse. Caso molto "strano" ma che mette in evidenza come il Mondo
fosse già "spartito" tra le due superpotenze. Dato anche l'omicidio di Che Guevara
qualche anno prima (1967).

LENIN VIVE (), Roma Commentatore certificato 11.06.12 14:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

28 anni fa moriva Enrico Berlinguer: io me lo ricordo bene, avevo 20 anni e piansi pensando che una brava persona, come era lui, in politica non ci sarebbe più stata! Grazie per averlo ricordato!

Mary C., Senigallia Commentatore certificato 11.06.12 14:25| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori