Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Tienanmen, 4 giugno 1989


il_rivoltoso_sconosciuto.jpg
Il massacro in piazza Tienanmen ebbe inizio all'alba del 4 giugno 1989. Oggi ricorre il suo anniversario. Da allora la Cina è diventata una potenza economica e, anche grazie a questo (pecunia non olet nei rapporti internazionali) su una strage di migliaia di studenti disarmati è calato il silenzio. In Cina, chi cerca di ricordare il massacro, come è avvenuto nelle scorse settimane, è intimidito e arrestato. Il blog vuole commemorare i ragazzi che si opposero con le mani nude ai carri armati.

4 Giu 2012, 22:35 | Scrivi | Commenti (77) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

i cinesi sono delle merde (vedi tibet ) pieno di gas naturale, un quinto delle riserve dell'intera cina....ma la colpa è nostra che non imponiamo dazi a questi schifosi omini gialli...i nostri prodotti loro, li tassano alla morte e noi facciamo loro ilfavore di defiscalizzarli...
ah già, scusate i nostri industriali producono li...avete ragione scusate sono un coglione italiano...

gh 10.06.12 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti . Quel post sulle bande militari la dice lunga

S. Baricolo 07.06.12 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Con tutti i problemi che abbimo in Italia Farci i cazzi nostri nooo???
E Beppe
Mi meraviglio io che leggo ste cazzate che non centrano niente con L Italia.
Beppe ti voglio bene
Ma ti meriti un bel VAFFANCULO
Pero ti voglio bene e grazie per quello che stai facendo a noi Italidiotani!

Roberto Venturi 06.06.12 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Pensiero del giorno; riformare gli uomini in senso umano e tutto andrebbe meglio....

alma gemme 06.06.12 08:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quante tienamen ci sono al mondo?Dovremmo commemorare tutti i giorni qualcuno,rivendicare una giustizia che per tanti è lontana nel tempo e nei luoghi.Ben vengano le commemorazioni perchè scuotono le nostre anime spesso sopite da una vita piatta ed angosciante.tutte le immagini di quei giorni di rivolta,i mille volti di ragazzi inermi che chiedevano di essere ascoltati da un governo dove la ragion di stato era ragione per poche elite militari e politiche.forse i ragazzi sono morti per questo!Una sfida del mondo giovanile verso una società dove una cortina di acciaio impedisce una reale partecipazione alla costruzione del proprio futuro da parte dei giovani e non solo.La risposta omicida dello Stato che mostra la sua incapacità e debolezza nei confronti di chi bussa alla sua porta portando la sua ragione che è la ragione di masse intere di giovani che vogliono capire e partecipare alle decisioni che li riguardano e che riguardano la politica di una nazione-impero così importante.la paura di un governo che non accetta che un gruppo di giovani in una piazza possa pretendere di cambiare le loro ragioni ed è lo scontro e la uccisione di migliaia di inermi!Una lezione così importante deve essere capita se si vuole onorare la gioventù straziata di quei giorni . io spero che a capirla con il senno di poi siano stati coloro che ordinarono quell'ingiusto e criminale sterminio di giovani.Bastava ascoltarli,essere convinti che l'ascolto è democrazia e vera libertà .la capacità di autocritica e di tornare indietro sulle proprie decisioni del governo si misura anche in rapporto alla reale disponibilità al confronto.Se un governo ha timore delle dimostrazioni di tanti giovani è perchè sente che essi rappresentano qualcosa di più di una piazza e vedono in essi una minaccia verso il loro operarato.quella rivolta rappresentava un pericolo per un governo di pochi che pretendeva di essere assolutamente il governo di tutti ed i giovani con le loro ragioni e la loro fine lo dimostrarono

raffaele ., sorrento Commentatore certificato 06.06.12 07:08| 
 |
Rispondi al commento

"Patria, si fa chiamare lo Stato ogniqualvolta si accinge a compiere assassini di massa."
(Friedrich Dürrenmatt)

Pierangelo R., Lodi Commentatore certificato 06.06.12 00:24| 
 |
Rispondi al commento

Quel Ragazzo e' un gigante.Lui nobilita la razza dei Bipedi implumi.Ma penso anche all'ufficiale carrista.Non lo ha maciullato perche'la pensava come Lui?Ebbe compassione?Rispetto?Se ne strafrego'delle ritorsioni per aver fatto fermare un carro cinese davanti ad una borsa di plastica?Non credo che si tratasse di evitare una figuraccia in giro per il mondo commettendo un omicidio a freddo,perche' comunque,il video mi risulta essere stato girato di nascosto. Ecco la soluzione dei mali del mondo: saltare giu' dal carro armato,tutti assieme,abbracciarsi e mandare un vaffa condiviso a chi crea quelle situazioni.Del resto sta succedendo sempre piu' spesso.Forse ci stiamo lentamente evolvendo,e in questa evoluzione gioca un ruolo basilare il collegamento tramite Rete.

stojan g. Commentatore certificato 06.06.12 00:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

......voi che esprimete giudizi e opinioni sulla grande e immensa Cina, vi illudete di liquidare un antico popolo millinario, con poche sprezzanti parole, ma come vi permettete?
La nazione e il popolo cinese ha tutto il diritto di fare la sua storia e di essere oggi un protagonista a livello mondiale, questo grazie a persone, donne e uomini cinesi che si sono sacrificati in prima persona; come in piazza Tienanmen, un avvenimento che ha lasciato un segno nella storia del paese e che sicuramente ha contribuito alla sua crescita sociale, culturale ed economica.
La lingua cinese è statisticamente la più parlata nel mondo è la 1°lingua più parlata nel mondo, i cinesi si riproducono come conigli ed è il popolo + numeroso al mondo ufficialmente sono circa un miliardo e mezzo, senza contare i non dichiarati, cioè i clandestini in patria.
Il sottoproletariato cinese è da millenni abituato alla clandestinità e conosce con un'esperienza senza tempo, come muoversi, come accumulare ricchezza, come poi investirla per crearne altra, per elevarsi dallo stato di povertà e arrivare alla ricchezza e al benessere, ma con modalità e obbiettivi che sono diversi dai nostri in occidente.
il suo senso di coesione sociale è fortemente sviluppato ed evoluto, la sua capacità di tessere relazioni è estremamente raffinata e la determinazione con cui sviluppa le sue trame inarrestabile,
Come in un formicaio tutte le formiche hanno un loro roulo e specifiche funzioni per il suo mantenimento, cosi' è per una comunità cinese emigrata all'estero. In qualsiasi paese in cui si impianta una comunità cinese riesce con il tempo ad impiantare solidi radici che se trovano un terreno fertile possono stravolgere radicalmente la realtà economico-sociale di un paesello, di una città,poi di una provincia, poi di una regione è poi gli autoctoni saranno costretti a fare i conti con questa nuova realtà "straniera" poichè si poggia ormai su solide basi economiche.
La "colonizzazione morbida cinese" è una realtà

Wiwa Mao 05.06.12 19:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi viene la pelle d'oca, non ci sono parole.

Marco Anselmo 05.06.12 18:33| 
 |
Rispondi al commento

La Cina ormai è un paese dove pochissimi ricchi oligarchi comandano su milioni di emarginati.

La Cina dimostra come il problema del futuro che riguarda anche noi sia la emarginazione, in inglese SECLUSION, non tanto lo sfruttamento.

Un esempio in negativo su tante cose. La strage di Tienanman non va vista come una rivolta anti comunista o pro comunista, vi erano EX GUARDIE ROSSE a fianco di giovani che innalzavano la Statua della Liberta.

ATTENTI, IL MODELLO CINESE SENZA UNA CLASSE MEDIA GOVERNATO DA TRIADI E PARTITO UNICO COMINCIA AD ASSOMIGLIARE TROPPO A QUESTA EUROPA.

andrea i., milano Commentatore certificato 05.06.12 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Si il tema della Cina oggi e` veramente scioccante. Sostanzialmente e` ancora il vecchio metodo comunista di dittatura del proletariato (cioe` di qualche capoccione del partito). Alcuni dati: 1) la parte piu` occidentale (intendo geograficamente ad ovest) della Cina contine la piu` grande sacca (300 milioni di persone) di superpoveri (meno di 2 dollari al giorno) del mondo. 2) le universita` USA piu` famose e care (Harward, MIT, University of Chicago, Berkley etcetera) hanno letteralmente migliaia di studenti cinesi paganti e 3) tra questi studenti vi sono praticamente tutti i figli degli esponenti politici piu` importanti (documentato dal Washington Post in un articolo pieno di dettagli inclusivi dei nomi lo scorso mese).
Un altra contraddizione: lo Stato cinese e` il maggiore singolo detentore del debito pubblico USA, che praticamente non paga nulla di interesse. A me questo fa "pensar male" cioe` mi fa sospettare che sia parte di accordi commerciali del tipo io do una commessa a te e tu con parte del ricavo ci compri il mio debito...Ma non conosco alcuna prova o indizio di questo.
Un altro mistero: i cittadini cinesi sono in media poverissimi; come mai quando emigrano possono comprarsi i mezzi di produzione? Ad esempio si sono comprati letteralmente mezza Panama. In Italia, la zona centralissima di Roma tra la stazione e San Giovanni in particolare Piazza Vittorio e` stata comprata a prezzi pieni di un paese ricco, e i romani hanno venduto senza sconti. Forse ci sono molti ricchi in cina? Ma ci vuole molto tempo per poter accumulare ricchezze, quando si sarebbero formate? Non e` molto che la proprieta` era vietata in Cina, possibile che tutti questi capitali privati si siano accumulati negli anni precedenti alla immigrazione ad esempio in italia? A me sembra si possa azzardare la conclusione che ci sia una organizzazione economica per l'emigrazione.
Che ne pensate?

Fa Rossi Commentatore certificato 05.06.12 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Costo lordo bande militari italiane:

Bande militari totali:21
Sottufficiali impiegati:2.142
Stipendio lordo annuo per sottuff.:€ 53.300,00
Stipendio lordo totale annuo:€ 114.168,600

Formattiamole tutte!!!!!!!!!!!!!!!!!!

tommaso Sechi 05.06.12 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Non posso scordare il ragazzo che fermò i carri armati... un altro sacrificio vano?

Claudia C. Commentatore certificato 05.06.12 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Prova messaggio

Valentina Ferrini 05.06.12 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Mi congratulo per la sensibilità del blog e per l'attenzione dimostrata da molti giovani del web alla commemorazione di questo evento tragico e stupendo insieme. Tragico per la cieca ferocia dei governo cinese, stupendo per la dimostrazione di coraggio dei giovani di piazza Tienanmen.
"Libertà va cercando ch'è sì cara,
come sa chi per lei vita rifiuta".
(Dante, Purgatorio, Canto I, 71-72)

Edi Lane 05.06.12 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe sono certo che avrai letto il post di
Riccardo Orioles che parla della lettera inviata a Napolitano da diverse scuole.Volevo chiederti se fosse possibile dargli risalto attraverso il blog ,la trovo bellissima e sopratutto importante
cordiali saluti Daniele Feltrin

daniele f., capoliveri Commentatore certificato 05.06.12 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Questo è il primo post, dopo un po' di tempo, nel quale si tratta di nuovo il tema del terrorismo di Stato; ne approfitto per inserire questo "indirizzo", che porta ad un articolo (e ad altri ad esso collegati) sull'attentato a Brindisi.

Diversi particolari mi hanno fatto escludere la pista della pura e semplice intimidazione mafiosa; ed è vero che l'autentico terrorista dovrebbe sempre rivendicare (e anche lo psicopatico, per la verità, prima o poi dovrebbe farsi vivo in qualche modo); però ci sono molti motivi per "essere terroristi" e non necessariamente occorre essere al soldo di movimenti più o meno radicali o di servizi italiani più o meno deviati.

L'articolo in questione ha qualche pecca (per esempio presenta Berlusconi come un politico attento ai bisogni del Paese, anche se poi si contraddice fra le righe da solo); ma propone una lettura che - alla luce del silenzio che continua a circondare questo fatto - mi sembra piuttosto interessante.

http://www.nexusedizioni.it/apri/Argomenti/Riflessioni/BOMBA-DI-BRINDISI-LA-CRUDA-VERITA--E--CHE-C-E-UN-GASDOTTO-DI-TROPPO/

Buona lettura.


e fuori tema e lo so ma alcuni post fa si chiedeva di denunciare uso scooreto del logo del mov 5 stelle da parte di abusivi...
lo avevao fatto gia presente tempo fa e pensavo a un caso isolato

ci sono alcuni ...commenti un po strani
mi riferisco a commenti posti su facebook
o tweet
messaggi come ....

IO VOTO IL MOV 5 STELLE ...OPPURE IDV O SEL
lasciando intendere che votare SEL O IDV e uguale a votare il mov 5 stelle

credo che sia piu pericoloso che usare il logo del movimento
e credo che non e la prima volta che mi imbatto ci sia una mano ..organizzata
sel e idv per chi non lo sa e ...CASTA
MOLTI SONO NUOVI AL MOVIMENTO
E NON SANNO CHE MOLTI PARTITI CHE PRIMA APPOGGIAVANO IL MOV 5 STELLE SI SONO DIMOSTRATI IL PEGGIO DEL MENO PEGGIO
oltre a denunciare qui sul blog certe manovre ...
e oltre a rispondere a certi post ...non posso fare
ma e ora di rispondere a tono ea certe provocazioni
ieri sera ho letto persino di un mov ...fascistoide che sarebbe interessato a allearsi con il mov 5 stelle

occhio certe notizie hanno solo uno scopo
di alienarsi le sinpatie dei nuovi simpatizzanti

LA CASTA HA L ACQUA ALLA GOLA E STA CERCANDO I9N TUTTI I MODI PER SALVARSI
se avete occasione di leggere baggianate del genere ..........rispondeteci a tono ....

stefano b., rovato Commentatore certificato 05.06.12 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Lungi da me giustificare o in qualche modo minimizzare qualleo che è avvenuto a piazza Tienanmen.
Sono fatti gravissimi indegni di uno stato civile del 21° secolo.
il fatto che la Cina sia la 2a potenza economica mondiale e che tutti la ossequino è ancora più grave.
ma ho avuto modo di vivere in cina, in india e in italia e la differenza è la seguente:
- La Cina è una dittatura che ha a cuore le sorti del paese, pensa che il miglior modo per sedare le proteste di una regione sia quella di darle prospettive di crescita.
La corruzione viene perseguita con la pena di morte, i responsabili dello scandalo del latte alla melammina sono stati condannati a morte.
Ci sono ovviamente differenze di classe sociale, superricchi e poveri ma i poveri hanno comunque da mangiare e da vestirsi, certo ci sono i mendicanti ma sono davvero pochi.
Si paga il 10 % di tasse su quello che guadagni e i ricchi fanno a gara per realizzare opere pubbliche e metterci sù il proprio nome come si faceva nella roma antica.

- L'india è una democrazia corrotta
Se ci si allontana dalle grandi città nei piccoli centri i bambini cammniano scalzi per strade sterrate, e non provano nepppure a elemosinare perchè nessuno gli dà nulla.
- L'italia è una finta democrazia dove una classe dirigente superricca stà impoverendo tutti gli altri.
I mendicanti sono in numero crescente e fanno parte di questa classe anche persone prima agiate o che comunque avevano da vivere.
Francamente in giro per il mondo c'è poco da stare allegri, ma ditemi la verità !
Dove preferireste vivere ?

Carlo C., Milano Commentatore certificato 05.06.12 13:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,

Onorevole Santanché,le scrivo questo breve messaggio nella speranza che venga letto.
Lei che si sta battendo contro l'IMU,che ha dichiarato giustamente più volte che questa tassa non deve essere pagata,perché ingiusta e iniqua.
Venga a Latina a protestare contro il Comune che ha deciso di applicare il tetto massimo: l'1,6%.
Decisione presa in Commissione Bilancio alla unanimità, cioé compresa la pattuglia della opposizone di sinistra.
Alla faccia della giustizia sociale.
Confido nella sensibilità e nell'impegno dell'onorevole Santanché per questa sua giusta battaglia contro questa ingiustizia.
Grazie

ANTONIO B., Latina Commentatore certificato 05.06.12 13:21| 
 |
Rispondi al commento

sicuramente qualcosa sui "laogai" deve aver letto la Severino dato che
vorrebbe introdurli anche quà soprattutto nelle zone terremotate
dell'Emilia. oinoi! oinoi!.

Wiwa Mao 05.06.12 13:18| 
 |
Rispondi al commento

Lo "stronzo che guidava il carro armato", come qualcuno lo ha chiamato, è un eroe.
Immaginatevi uno dei NOSTRI, con a disposzione mezzi del genere. Se con un defender, hanno schiacciato 3 volte Carlo Giuliani, immaginate cosa avrebbero fatto con una colonna simile di carri armati.

antonio d., carrara Commentatore certificato 05.06.12 13:18| 
 |
Rispondi al commento

..sicuramente qualcosa sui "laogai" deve aver letto la Severino dato che vorrebbe introdurli anche quà soprattutto nelle zone terremotate dell'Emilia. oinoi! oinoi!..........

Wiwa Mao 05.06.12 13:13| 
 |
Rispondi al commento

A mio parere la più grande ipocrisia occidentale è stata andare alle Olimpiadi e non vedere neanche uno straccio di protesta,tipo una maglietta con qualche scritta o simile. Credo che oltre ai governi siano le persone ad avere perso gli ideali,contano solo i soldi e gli atleti sono dei professionisti ammanicati e ammanettati agli sponsors. PS ma i romantici innamorati della Cina hanno letto le autobiografie sui gulag cinesi?

claudio 05.06.12 12:53| 
 |
Rispondi al commento

.....Per non parlare poi della Libia lasciata a se stessa e sprofondata nel caos nel pieno disinteresse dei media che probabilmente sono pagati proprio per non occuparsene più, salvo che per obbligo nei casi + eclatanti come l'occupazione di un aereoporto internazionale....li' i segret service non sono riusciti ancora a mettere d'accordo le parti in gioco, ma è solo questione di tempo,mentre il cittadino comune è "lasciato cuocere sui carboni ardenti"(è un eufemismo), come sono cotti e stracotti i cittadini della Somalia quelli del Sudan, quelli dell'Afganistan, a proposito ma che ci stanno a fare i nostri soldati, ha dimenticavo c'è bisogno di sagome per i bersagli mobili.
Mentre in Iraq gli alleati Americanos sembrano aver messo d'accordo tutti, dopo 9 anni, a parte qualche Kamikaze che ogni tanto si fà esplodere con il rammarico dei presenti, ma si sà l'esperienza imperialista americana è di lunga data, mentre il neo-imperialismo d'attacco Europeo in Libia è stato stroncato sul nascere, forse causato da oscure manovre finanziare dei paesi della lega araba e della lega africana che hanno dato un'impennata iperbolica alla crisi europea? Solo immaginazione? Certo gli Amerikanos non dovevano vedere di buon Occhio la strategia bellica in Libia e il primo a farne le spese è stato il legionario Sarkozy che si era catapultato pure a Tripoli x dichiarare la liberazione di un popolo oppresso, ahi ahi ahi. dalla padella alla brace.

Wiwa Mao 05.06.12 12:34| 
 |
Rispondi al commento

non so se può essere d'aiuto ma fra la gente terremotata dell'emilia è nato il sospetto che il sisma non sia della magnitudo 5.9 come affermato dall'INGV ma di 6.1 richter come affermano altri istituti (http://www.emsc-csem.org/Earthquake/209/M-6-1-and-M-5-8-NORTHERN-ITALY-on-May-20th-and-29th-2012)
La vulgata narra che se il sisma è sotto la magnitudo 6 assicurazioni e stato applicano lo sconticino sugli aiuti..... qualcuno sa se sono 'azzate o meno? Se non è vero sarebbe meglio che una persona credibile, trovarne, rassicuri la gente....

franco palù 05.06.12 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Un brivido ogni volta che ricordo la scena. C'è chi non ha dimenticato!
Chissà se è ancora vivo quello stronzo che guidava il carro armato?!

Raffaella L., Pavia Commentatore certificato 05.06.12 12:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Cina è cambiata proprio dopo Tienanmen, perché il Partito ha capito che non poteva avere contro le classi colte. Riguardo ai diritti umani, è tutto una favola per colpire i "nemici". Il mondo si divide in amici e nemici, non in buoni e cattivi. Basta osservare quello che i Paesi fanno, non quello che dicono. Guantanamo non è in Cina, Iraq e Afghanistan non sono stati invasi dai cinesi, e così via.

Sergio Ligasacchi 05.06.12 11:49| 
 |
Rispondi al commento

.Comunque devo riconoscere che violenza c'e stata; dopo la mezzanotte
l'esercito ha avuto mano libera; una cosa che ricorda quello che è successo
nel 2001 nella Diaz a Genova, elevato all'ennesima potenza data la densità
umana presente nella piazza..
Ovviamente il tragico fatto è stato opportunamente strumentalizzato dai
media occidentali...

Wiwa Mao 05.06.12 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Certo la Cina e' cambiata ...ma dal punto di vista del capitale provate a inserire certe parole su google il risultato sarà not found ...

Mrscibile 05.06.12 11:18| 
 |
Rispondi al commento

.........un "sacrificio" che non ha lasciato traccia, di cui non ci sono testimonianze e che resta ancora tutto da provare.

Wiwa Mao 05.06.12 10:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Cina è molto cambiata...ma non troppo, il sacrificio di quei giovani è servito a sensibilizzare l'opinione pubblica, ma per i diritti umani la Cina resta molto indietro.

Pietro M., Palermo Commentatore certificato 05.06.12 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Beh, insomma... la Cina è molto cambiata da allora anche in termini di libertà interna. Wen Jiabao, l'attuale premier cinese, il giorno di Tienanmen era in piazza a solidarizzare con gli studenti insieme a Zhao Ziyang, l'allora segretario del partito che dopo gli eventi fu epurato dai falchi. La vittoria dei falchi però fu temporanea, e proprio le proteste di Tienanmen diedero il via negli anni successivi al ribaltone silenzioso che ha portato la Cina a rinnegare di fatto il comunismo e ad aprirsi progressivamente allo stile di vita occidentale. Solo qualche mese fa Wen ha segato Bo Xilai, l'ultimo maoista, e ha dato il via a nuovi esperimenti democratici. La prossima generazione vedrà al potere anche gli ex studenti di Tienanmen.

Nessuno dice che la Cina sia un paese completamente libero, per carità (ma noi o gli Stati Uniti lo siamo davvero? i video di Chiomonte sono poi così diversi da quelli di Tienanmen?). L'importante è non pensare che la Cina sia ancora ferma al 1989.

Vittorio Bertola
Movimento 5 Stelle, Torino

Vittorio Bertola, Torino Commentatore certificato 05.06.12 10:30| 
 |
Rispondi al commento

....Io ogni volta che vedo quella foto penso a quanto la volontà di un essere umano possa essere inconsapevolmente autolesionista...........

Wiwa Mao 05.06.12 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Ogni volta che vedo queste immagini mi commuovo. Avverto un fremito che mi scuote ogni fibra del corpo. E provo un'ammirazione infinita per quell'uomo che affronta, "armato" di due micidiali buste della spesa, una colonna di mezzi militari. E' la vittoria dell'umanità, un'icona da ricordare per sempre. Onore a te!

RICCARDO MALAFRONTE 05.06.12 09:16| 
 |
Rispondi al commento

E se a Tienanmen non fosse stato ucciso nessuno e tutto quello che è successo fosse stato solo propaganda dei media occidentali per screditare il governo cinese e un tentativo per frenare la crescita della repubblica????????????????
Meditate gente meditate i servizi segreti dell'imperialismo anglo-americano sono stati sempre abbastanza efficienti nei tentativi di manovrare i dissensi, anche pacifici per creare tensioni e terrorismo

Wiwa Mao 05.06.12 08:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno a tutti . Questo anniversario faccia pensare alle strette di mano ed ammiccanti sorrisi tra il nostro pdr e tutti gli altri a seguire con le autorita' cinesi, ospitando questi criminali con tutti gli onori nella Capital Itagliana. I despoti tiranni si riconoscono sempre dai vili pestaggi,sevizie, torture, violenze impunemente perpetrate sui propri giovani .. E non solo in Cina

S. Baricolo 05.06.12 07:53| 
 |
Rispondi al commento

A ottobre voglio andare all'elezioni anticipate, perchè pensano che il M5S non sarà pronto.... poveri illusi imbecillotti!

Avanti tutta,

W M5S


vabbè..vabbè... ma qual'è stato il risultato dopo?

- cinesi che vengono qui come TURISTI!
- fabbriche italiane delocalizzate in CINA !
- prodotti italo-cinesi smerciati in tutto il mondo! (GRAZIE ALLE MERDE ITALIOTE)

MAGARI SE AVESSERO VINTO "QUEI RAGAZZI"... ORA IN
CINA SI PARLEREBBE ...SICILIANO/AMERICANO!!!

eh !
...ma quando noi ITALIANI riusciremo a maciullare
sotto i cingoli le merde che hanno distrutto il nostro PAESE ?? quando , quando ????

LENIN VIVE (), Roma Commentatore certificato 05.06.12 00:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

onore a quei giovani che ebbero il coraggio di opporsi a costo della loro stessa vita contro un regime despota e vigliacco, altro che potenza altro che cultura, sono solo dei miserabili, non tutti naturalmente ma una stragrande maggioranza che non sa cosa sia il rispetto verso la vita

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 05.06.12 00:34| 
 |
Rispondi al commento

noi gli abbiamo venduto parte del nostro debito alla Cina.. un paese in cui il vincitore del premio Nobel è perseguitato, in cui sono ancora aperti i campi di lavoro forzato (Laogai), un paese che non rispetta nessun protocollo internazionale su inquinamento e quantaltro.. vendendo il debito siamo diventati loro schiavi.. grazie Monti

Daniel Sordoni 05.06.12 00:32| 
 |
Rispondi al commento

Non si possono dormire sonni tranquilli sapendo che in un paese di nostri fratelli i diritti umani sono calpestati nel silenzio generale.

Dylan Dog (), Londra Commentatore certificato 05.06.12 00:21| 
 |
Rispondi al commento

Noi forse abiamo delle libertà maggiori ma le stiamo barattando per un punto di spread
Un commosso saluto a quei ragazzi che si sono sacrificati per un po' di libertà
Cominciamo ad apprezzare ciò che abiamo e a difenderlo non lasciamo che degli euro tecnocrati ci neghino la nostra libertà quei ragazzi sono morti in nome di essa come i nostri nonni e padri

Riccardo Garofoli 05.06.12 00:16| 
 |
Rispondi al commento

i cinesi cominceranno a piacermi solo quando vedrò un cinese che si lascia leccare la faccia da un cucciolo di cane..
per me dovrebbero finire sbranati dagli orsi mentre cercano di bucargli lo stomaco.. la cina,è vero sarà una super potenza economica,ma come lo è diventato?
vendendo plastica,inquinando il mondo con le loro diavolerie da 4 soldi,mangiando cani,portando all'estinzione lupi e volpi,invadendo le nostre città,le nostre strade questa sarebbe una potenza?
questo a parere mio e solo spazzatura,pace alle anime degli studenti comunque.. perché io ho rispetto per la vita a differenza dei cinesi..NOTTE!

Mimmo G., cardito (NA) Commentatore certificato 05.06.12 00:06| 
 |
Rispondi al commento

ricordare tiennament
ma non solo come ecidio cinese ma del
. ,...mondo
tiennamen solo un altro tassello della nostra infamia

noi pronti a festeggiamo la liberazione di auschwitz
ma poi fingiamo di non sapere un altro genocidio infame come quello dei armeni compiuto dai turchi islamici del 1915-17
un genocidio infame che l europa e complice nel silenzio
siamo pronti a schierarci sempre con il vincitore
sempre a fare i partigiani (dalla parte vincente)
la seconda guerra mondiale ha avuto vinti e vincitori
ma se fossimo dei abitanti di un pianeta extraterrestre e dovessimo .....vedere
la realta vedremmo i vincitori sullo stesso piano dei vinti
francia invasa lottava per la liberta' dei ...popoli
la francia dopo pochissimi anni combatteva per mantenere l algeria come colonia schiava di francia
e l inghilterra ..
e gli altri.....

MA QUAL E' PER LORO IL SIGNIFICATO DELLA LIBERTA'
LA LIBERTA E'.... DIRITTO NATURALE O E UN OPTIONAL ECONOMICO???
lo stesso stato italiano (monti) la considera condizionata al bisogno bancario...
prima gli interessi poi i diritti
ieri cina comunista nemica del occidente ...(nemica)
oggi la cina comunista produttoree di articoli a a basso costo per l economia del europa e (amica)
siamo pronti a condannare o approvare a patto che il tornaconto sia per noi...
i diritti dei operai schivi cinesi dov e sono ???
pronti a boicottare se...(non ne abbiamo vantaggi)
dov'e la dignita del uomo moderno e .... ri....morta a piazza tiennamen??????

stefano b., rovato Commentatore certificato 04.06.12 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Ritengo giusto ricordare i cinesi che,per la democrazia, morirono,il 4 giugno 1989,vittime della dittatura comunista della Cina.Purtroppo le democrazie,per tutelare i propri interessi economici,prima fra tutte la democrazia statunitense,si sono dimenticate la rivoluzione per la democrazia in Cina del 1989, i prigionieri politici cinesi e le sistematiche violazioni dei diritti umani,perpetrate dal regime comunista cinese,e intrattengono enormi rapporti economici con lo stato dittatoriale comunista cinese,ad economia statale e capitalistica.Gli stati democratici,se vogliono essere coerenti con i propri principi,devono attuare delle sanzioni economiche contro la dittatura comunista cinese.Giovanni Bello.Opinionista.Filosofo.Cerreto d'Esi,in provincia di Ancona.

Giovanni Bello 04.06.12 23:54| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo benissimo quel giorno, avevo 17 anni. I telegiornali di tutte le reti continuavano a mandare in onda quel ragazzo che si opponeva all avanzata dei carri armati con il corpo. Se tutti noi avessimo la meta' del coraggio che ebbe quel ragazzo, in Italia ci sarebbero 10 100 1000 Giovanni Falcone e Borsellino, 10 100 1000 Peppino Impastato, 10 100 1000 Aldo Moro.
La democrazia e' sempre in pericolo.

Diego Boscaro 04.06.12 23:48| 
 |
Rispondi al commento

quei giovani, vittime dell'arroganza e della violenza del potere, non verrano mai scordati dalla rete, che rinverdirà la loro memoria come simbolo della non-violenza contro la ferocia di una dittatura.
riposate in pace

Simone90 P. Commentatore certificato 04.06.12 23:44| 
 |
Rispondi al commento

.

Paolo Rivera Commentatore certificato 04.06.12 23:31| 
 |
Rispondi al commento

http://lucafiordelmondo.blogspot.it/

Luca Fiordelmondo 04.06.12 23:28| 
 |
Rispondi al commento

Onore ai giovani che sono stati uccisi perché chiedevano la libertà del popolo cinese

Claudio A. 04.06.12 23:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Vento


L' orizzonte e` nello specchio
L' orizzonte e` dentro me
Ho distrutto tutto il tempo
Perche` il tempo e` solo mio
Cielo basso sui capelli
Ma l' orizzonte e` dentro me
Ho scolpito sulla pelle che chi piange ridera`
Sono libero come il vento
Sono libero
Questo mostro ha 100 occhi
100 occhi come spie
Ma quei bastardi ridono
Mi hanno tolto mani, bocca e occhi
Occhi,occhi, yeah yeah
Occhi,occhi, eah!
Occhi,occhi, yeah yeah
Occhi,occhi, eh!
Sono il vento, sono libero
Come il vento, senza fine, hahaha
Sono libero
Sono libero
Col mio cuore in quella piazza
Tieni a mente Tienanmen
La morte la porta la liberta` e la violenza perdera`
E ogni gabbia uccide un uomo
Ma la rabbia fa resistere
E ho scolpito sulla pelle che chi piange ridera`
Sono il vento
Sono libero, come il vento, senza fine
Sono il vento
Sono libero come il vento, sono libero, hahaha!
Hey pa`, rispetta la mia scelta, hey pa` hey pa`!
Hey pa`, rispetta la mia scelta, hey pa` hey pa`!
Libero, libera, libero, libera
Libero, libera, libero, libera
Libero, libera, libero, libera
Libero, libera, Yeah!
Sono libero, yeah

LITFIBA - IL VENTO

Gianmarco Corbetta Commentatore certificato 04.06.12 23:11| 
 |
Rispondi al commento

Giusto,ricordare.
Più giusto,per quelli che sanno usare bene internet,io nò.
FAR CONOSCERE GLOBALMENTE LA FILOSOFIA DEL M5S.
Buon lavoro ragazzi

salvatore castellano 04.06.12 22:50| 
 |
Rispondi al commento

mi commuove sempre questa scena, l'ardito ragazzo con la busta di plastica bianca.Onore a lui

mariuccia rollo 04.06.12 22:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori