Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

11 anni da francescano


Casini_legge_elettorale.jpg
Mentre il Paese affonda, i politici pensano solo a una nuova legge elettorale per escludere il MoVimento 5 Stelle.
"Sono stato un commerciante per 11 anni, lavorando tutta la settimana per tutto il mese, ogni benedetto giorno dentro il negozio. Dal 2008 le cose sono peggiorate, mancavano i soldi per pagare l'affitto, mentre ero costretto ad indebitarmi per pagare le tasse (non lo dice nessuno, ma le tasse italiane NON SONO CALCOLATE IN BASE AL REDDITO). Mi sono trasferito in una grande città sicuro di riuscire a risollevare le mie sorti e la mia attività, ma nulla. Con un buco in banca, equitalia che pignorava i pagamenti ricevuti dalla pubblica amministrazione e il conto tremendamente in rosso (con interessi da paura) e sopratutto un figlio in arrivo, ho preso una decisione. Ho chiuso baracca e sono andato a casa. Oggi vivo alla giornata, non posso pagare le tasse e non posso risollevare il mio conto in banca, ma sono molto più contento di prima, sono libero e sto costruendo qualcosa per lasciare per sempre (e senza rimpianti) questo Paese. Prima di partire attendo la risoluzione di una causa contro equitalia che ha pignorato illegittimamente quanto mi doveva lo Stato. Allora sputerò simbolicamente a terra e in faccia a quei politici che ci hanno ridotto così, perché grazie a loro, di tutto il lavoro svolto, di tutti i sacrifici, mi sono rimasti solo debiti con il fisco e le banche e 11 anni vissuti quasi da francescano per necessità". Francesco

25 Lug 2012, 23:58 | Scrivi | Commenti (156) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

prima cacciamo, anche con la forza, tutti sti parassiti che ci hanno male governato per piu' di 30 anni, senza subire nessuna conseguenza, anzi arrichendosi tutt'ora con i nostri soldi, poi proviamo un attimo a ragionare per costruire qualcosa di buono....prima di andarcene da sto paese riprendiamo anche solo per un giorno i nostri diritti da cittadini...poi si vedrà....

luca m., Cesena Commentatore certificato 31.07.12 17:58| 
 |
Rispondi al commento

--- Equitaia deve finire di esistere! Non ci sono "ma e se" !!! Questa vergogna dai risvolti persecutori, va abbattuta con ogni mezzo e con lei quelli che l'hanno concepita e realizzata!Questo, dovrebbe essere il primo obiettivo del M5S e di tutti coloro che ancora credono di voler ridare dignità e giustizia alla vita di tutti!A morte i tiranni!!

Robin Hood 29.07.12 09:10| 
 |
Rispondi al commento

E' facile per tanti dire non bisogna scappare!!! Ma cosa fare,come nel mio caso,se si rimane senza soldi,senza lavoro,non si ha una casa,in piu' per problemi di salute non si puo' piu' lavorare?Aspettare la morte? Aspettare che cada qualcosa dal cielo?Come sfamare i propri figli?In Italia non ci sono forme di welfare per aiutare le famiglie.In Italia non si sa neanche cosa significhi la parola welfare.Chi dice che restera' ancora in Italia si vede che,bene o male,qualche fonte di sostentamento ancora ce l'ha.E quando poi vai a vivere in un altro paese,allora capisci che l'Italia e' indietro,ma non di decenni,di secoli.Nella scuola,nella burocrazia,nelle politiche sociali,nella sanita'.........e potrei continuare all'infinito!!!

Antimo S., Londra Commentatore certificato 28.07.12 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Beppe aiutami non ce la faccio piu voglio dare un calcio nel culo e togliere tutto a questa gentaglia in giacca e cravatta aiutami

Fausto Rosas 27.07.12 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Ognuno e' libero di fare quello che ritiene piu' opportuno e trasferirsi all'estero,ma questo modo di fare sinceramente mi manda in bestia. Non dovremo essere noi a lasciare il nostro paese dove abbiamo le nostre radici,ma dovrebbero essere i nostri politici a fuggire, inseguiti da un popolo che si doveva essere ribellato gia' da anni allo schifo che vediamo quotidianamente. Sarebbe bello vedere il popolo italiano unito per esempio in piazza Venezia a Roma ma non per festeggiare la nazionale ma come punto di partenza per la "conquista" dei palazzi del potere, per la rivoluzione ormai unica strada per poter far ripartire questo paese ormai straziato. Questo secondo me dovremmo fare noi italiani.....

William Wallace 27.07.12 16:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E POI DOVE SI SCAPPA , FINA A QUALCHE ANNO FA' LA GENTE ANDAVA IN AMERICA CHE LA' SI STAVA BENE, POI IN SPAGNA CHE LA ' C'ERA IL IL LAVORO E SI STAVA BENE, POI SI IN GERMANIA CHE LA' C'ERA IL LAVORO E SISTAVA BENE . " TUTTE IN CRISI" SE SI VA' IN REPUBBLICA CECA E L'EUROPA FALLISCE VEDRETE CHE ANCHE LA' NON ANDRANNO BENE LE COSE.
OLTRE TUTTO ANCHE IO HO UNA BAMBINA DI 2 ANNI , HO 33 ANNI E LAVORO DA 18 E SONO PIENO DI DEBITI, I MIEI GENITORI HANNO 60 ANNI E DA UNA VITA VIVONO DA FRANCESCANI VISTO , I MIEI SUOCERI PURE ,EPPURE VIVO IN ROMAGNA, I MIEI GENITORI NON HANNO UNA CASA PROPRIA DOVE VIVERE DOPO ANNI DI LAVORO QUELLA CHE AVEVANO COMPRATO GLI E' STATA MANGIATA DALLE BANCHE NEI PRIMI ANNI 90 QUANDO C'ERANO DEI TASSI DEL 20/22 % E PER PAGARE TASSE E INTERESSI FACEVANO FATICA A FARE LA SPESA , E NON ANDAVANO A TROVARE I PROPRI GENITORI CHE ABITAVANO A 15 KM DA CASA PERCHE NON AVEVANO I SOLDI PER LA BENZINA.
MA NON PER QUESTO IO LASCERO' L'ITALIA MA MAI MAI
QUESTO E' IL MIO PAESE E NON LO LASCIO NON SI PUO ABBANDONARE COSI E ANCHE IO HO UNA ATTIVITA'MA NON LASCERO MAI E POI MAI QUESTO PAESE E MIA FIGLIA ,NEL BENE E NEL MALE CRESCERA' QUI.

LUCA GAUDENZI 27.07.12 14:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da questi commenti vedo che lo stato è riuscito nel suo compito piu' infame, metterci tutti l'uno contro l'altro, dipendenti contro commercianti, commercianti contro tassisti ecc. ecc. Mi dispiace, vi facevo piu' intelligenti...

massimo g., scandicci Commentatore certificato 27.07.12 09:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

pensa che io, dopo aver subito il fallimento della mia azienda che esisteva da 35 anni anche a causa dei motivi da te citati, mi ritrovo finalmente ad avere un lavoro dipendente ma nell'impossibiltà di riscuotere il mio stipendio perchè le banche non vogliono più avermi come cliente, e tutto questo perchè il quinto viene già trattenuto dal curatore fallimentare. mia moglie non trova lavoro, è in cassa integrazione ma non la percepisce ancora, sono l'unica fonte di sostentamento della mia famiglia, lavoro, ma non posso monetizzare il mio stipendio. stiamo spendendo gli ultimi spiccioli rimasti, cercando invano una banca che voglia darmi la possibilità di incassare il mio stipendio, intanto si sono accumulate le bollette, tengo duro finchè riesco a dar da mangiare a mio figlio che al momento è l'unica cosa che mi interessa. e poi? non so più dove sbattere la testa

mariangela 27.07.12 09:14| 
 |
Rispondi al commento

184 Giorni.
Questo chiede lo stato mafioso italiano per poter pagare le tasse in un altro paese. è il numero di giorni che bisogna vivere in un altro paese, quindi più di 6 mesi.

è il fatidico spartiacque simbolico che ti dice se stai finanziando un paese di pagliacci dispotici e corrotti oppure se stai dando il frutto del tuo lavoro ad un paese civile. Frutto del lavoro con cui costruirà nuove basi per darti altro e miglior lavoro onesto, su cui produrre per la tua soddisfazione, ma anche per finanziare scuole, ospedali eccellenti, sostegno in caso di difficoltà. Insomma un paese civile.

Tito Ginosa 27.07.12 07:32| 
 |
Rispondi al commento

Stanno andando via tutti qui, e non per sentito dire! oggi ho salutato un mio cliente/amico che riapre in repubblica ceca, tasse al 25% e i lavori per lo stato li pagano in anticipo... io mi ritrovo a fare un mutuo di 6 anni per chiudere i debiti con la banca... tra insoluti e vendite giù del 40% non riuscirò a pagare le tasse che il mio commercialista mi ha comunicato ieri... la gente non ha più soldi ragazzi questa e' la realtà...viviamo nei sogni con i debiti.

Paolo F 26.07.12 23:48| 
 |
Rispondi al commento

Questo paese non offre più nulla a nessuno.Se sei giovane ed hai la responsabilità di un figlio scappa da qui, ristabilisciti economicamente e torna solo se ti andrà di farti una vacanza.L'Italia non ha futuro e presto saremo ridotti come alcuni paesi del sud-America.
Ti auguro tanta fortuna e ti abbraccio fraternamente
Irene Lauri

maurizio n., roma Commentatore certificato 26.07.12 23:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le tasse e verissimo sono altissime e vanno pagate
Ma si può anche fallire per scarsa professionalità per aver sbagliato il posto l oggetto i motivi sono tanti non è detto che sia solo colpa delle tasse può essere una nostra mancanza un lavoro che non sappiamo fare o il modo
di stare al pubblico comunque buona fortuna amico vai a vincere la tua scommessa fuori di qui
Io vado a vedere una scommessa fuori il 6/8

Riccardo Garofoli 26.07.12 23:37| 
 |
Rispondi al commento

Al solito, chiariamo alcuni punti.Siamo lo Stato ,che paga più tasse al Mondo, dico al Mondo! Abbiamo i politici più pagati in Europa e nel Mondo, abbiamo dirigenti pubblici, che percepiscono uno stipendio tale, che ciò che percepisce il presidente degli Stati Uniti D'America, sembra elemosina!!Quindi, non si può,non si deve biasimare chi non ce la fa più, a tirare avanti! Sia esso imprenditore od operaio!!! Mutui con tassi che sfiorano l'usura! Banche che ricevono soldi, dalla BCE per aiutare,all' uno per cento,li investono in borsa per loro tornaconto,o li danno ai clienti al 14 % Giusto , no?!!Veniamo ad euoquitalia, di equo forse ha il nome, ripeto forse! Invece di essere d'aiuto al contribuente, si comporta come l'inquisizione spagnola! Non siamo noi nell'errore, non siamo noi che abbiamo fatto il debito pubblico, ma siamo noi che , secondo i nostri politici ,dobbiamo pagarlo!! Io compro l'automobile , mi faccio prestare i soldi dalla banca, poi le rate le faccio pagare al mio vicino di casa!! Ecco come ragionano chi sta al governo, dicono di tagliarsi gli stipendi,ma massacrano i cittadini con le tasse!Penso che ormai sia lampante! Certo, non vogliono andare al voto,mica son scemi! Ma chi li voterebbe, solo un Kamikaze, un masochista o non so chi,potrebbe votare di nuovo questi magnifici personaggi!!Un augurio ,per un bel futuro, di cuore!! Paolo.

paolo r., Pontestura (Al) Commentatore certificato 26.07.12 23:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

purtroppo è la situazione di tutti i piccoli e medi imprenditori costretti alla schiavitù dalla dittatura della burocrazia, soprattutto se si rispettano le regole...non si riesce ad andare avanti.Ci faremo delle grasse risate quando ci avranno costretto a licenziare anche l'ultimo dipendente e quindi a chiudere bottega.A quel punto venendo meno le nostre TASSE i nostri CONTRIBUTI e le nostre IMPOSTE diranno addio (poveri stolti)ai loro RIMBORSI ELETTORALI ai loro FINANZIAMENTI all'editoria e così via.Da quel giorno vivremo tutti alla giornata solo che non tutti saranno più felici......In bocca al lupo e speriamo di incontrarci in un altro paese visto che come tanti anch'io porterò al più presto le mie competenze lontano ....anche se un pò a malincuore.....

andrea graziani 26.07.12 22:37| 
 |
Rispondi al commento

ABBIAMO IL DETONATORE MA IL TELECOMANDO...

Una società concepita e realizzata da mentecatti,che guardando fuori dai confini nazionali, ha preso spunto x distruggere quel humus essenziale da affiancare alla grande industria.
Dobbiamo dire grazie a quei grandi STATISTI,alcuni morti altri ancora qui a darci lezioni, se oggi siamo circondati di cemento commerciale.
Grandi distribuzioni che fra poco si autodistruggeranno a vicenda dietro l'illusione di migliaia di posti di lavoro!
Noi giovani non meritiamo questa gente!

Figli di impreditori rimbambiti dal culto della conoscienza, hanno prima occupato le università e poi hanno chiuso ogni attività di famiglia nel nome del Call Center.
Sono stati dei vecchi malati di mente a portarci in questa situazione!
Scelte sbagliate fatte da persone malate!
Ora ci troviamo senza risorse e senza ricambio generazionale.

Vi lascio fra un po' mi rivedo la registrazione di VELINE su canale 5, sono molto eccitato!

alex r., torino Commentatore certificato 26.07.12 22:16| 
 |
Rispondi al commento

Al voto MASSACRATELI

da destra centro e sinistra

Marco Folli, Bologna Commentatore certificato 26.07.12 21:54| 
 |
Rispondi al commento

Tu te ne vai e ci lasci nei guai...

IDA PASSUCCI, BERGAMO Commentatore certificato 26.07.12 21:41| 
 |
Rispondi al commento

politica e lobby

sono la distruzione del futuro in italia

Ti capisco, se sei giovane vai

ci sono altri luoghi e culture che meritano...

.

Marco Folli, Bologna Commentatore certificato 26.07.12 21:26| 
 |
Rispondi al commento

Hai tutta la mia solidarietà. Anche se sono completamente in disaccordo con la tu decisione di andare via ti capisco in pieno. Questi bastardi ignobili stanno svuotando il paese più bello del mondo dalle persone migliori, un grande abbraccio amico Francesco, ovunque tu andrai porta con te un pezzetto della nostra amata Italia...

Valente Chieregato, Treviso Commentatore certificato 26.07.12 21:09| 
 |
Rispondi al commento

se questi signori politici varano una nuova legge elettorale per far fuori il movimento a cinque stelle..........allora facciamo una cosa che puo dare davvero un segnale forte....tutti ma dico TUTTI, alle prossime elezioni non andiamo a votare.......abbiamo il diritto di votare chi ci pare e piace,senza che ci mettano paletti,siamo stufi di essere presi in giro da questi qui.....se votiamo a destra dicono che prima di tutto devono aggiustare quello che hanno fatto quelli di sinistra....e se votiamo sinistra lo stesso........la situazione è sempre quella,è chiaro , a loro questo fa comodo,quando più casino c'è quando più loro restano li a fare una barca di soldi a dispetto di chi sta facendo debiti per far mangiare i figli e poterli mandare a scuola,cercando in modo di inculcargli dei valori...dicendo loro che quello che fanno i politici attuali E'SBAGLIATO.....fregarsene della povera gente,tanto chi se ne frega......loro lo stipendietto mensile che è pari al nostro annuale......lo prendono per le spesucce........va bè meglio che non vado avanti senno mi faccio arrestare,per quando sono arrabbiato,e non posso arrabbiarmi perche sono malato di cuore e mi hanno tolto pure la pensione di invalidità,perche per loro avere un cuore che funzioni solo al 40% è sintomo di stare bene......e hanno ragione,a furia di fare salti mortali per dar da vivere ai miei due figli......ancora non sono morto!!!!!!!!!!!!!!!!!ciao GRILLO sei grande

gianpiero bacchetta 26.07.12 20:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

fantastico! sublime! ritorna il psico nano che scende in campo!!!!! forza andate ha votare per lui, che è il presidente perfetto per gli italiani, oltre al calcio al mangiare e forse qualche volta per il Pèlo.

Roberto S 26.07.12 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Credo sia l'unica cosa da fare; a fine anno chiudo anche io la baracca e vado all'estero,costi insostenibili, burocrazia spaventosa,nessun servizio,zero infrastrutture, e tasse che si pagano sui ricavi presunti grazie agli studi di settore, ma i settori sono tutti in crisi.
Lo Stato non paga i crediti ne ha intenzione di farlo, che vengano a pignorare le attrezzature, la casa non c'è l'ho, l'auto se la prendano pure.

Francesco D. Commentatore certificato 26.07.12 19:38| 
 |
Rispondi al commento

buonasera mi chiamo gianluca ho 26 anni ma la situazione purtroppo è critica davvero io sono un idraulico disoccupato, è finito tutto, sto valutando se andare o no ma certo la cosa è critica, la colpa è che i politici sono camerieri dei banchieri, il vero probblema è CHE IL DEBITO SOVRANO è UNA TRUFFA L'EURO è UNA TRUFFA, IL SISTEMA DELLA CREAZIONE DELLA MONETA DEBITO è UNA TRUFFA, NOI VOGLIAMO LA MONETA PROPRIETà DEL POPOLO!!! COME DICEVA AURITI è POSSIBILE INGANNARE POCO POPOLO PER MOLTO TEMPO MA è IMPOSSIBILE INGANNARE MOLTO POPOLO PER MOLTO TEMPO!! GIACINTO AURITI VIVE!!!!!!!!

Gianluca c. 26.07.12 19:33| 
 |
Rispondi al commento

Io ancora stringo i denti e cerco di andare avanti, questa è una GUERRA! punto; l'Italia si deve risollevare. Purtroppo molti italiani sono disillusi anch'io lo sono,molti altri corrotti(non solo i politici). E' ora di alzare la testa contro questi CORROTTI, questa gente ha sulle spalle morti, suicidi, ed enormi sofferenze che si potrebbero evitare in un paese più GIUSTO con le persone oneste e lavoratrici(es:morti stradali, imprese fallite ingiustamente, concorsi pubblici farsa, esami universitari truccati,appalti pilotati,evvia...Si, la resa dei conti penso anch'io si stia avvicinando e non farà sconti.

fabio b., arezzo Commentatore certificato 26.07.12 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Francesco.... Non mi trovo esattamente nella stessa tua situazione. Sono un piccolo imprenditore nel settore scientifico e dopo quasi 30 anni di sacrifici.....più lavoro più faccio debiti . QUINDI .....la mia decisione e' presa !

Sono ora in Canada ( per accompagnare la mia famiglia che ha in questo paese le sue origini ) , lascerò qui moglie e figlia. Tornerò in Italia da solo e cercare in un anno di mettere a posto i numeri e trasferirmi qui senza alcun debito nei confronti del mio paese che non'e fatto per gente onesta e lavoratrice e per imprenditori come me che negli anni hanno cercato di dare lavoro ad altri e percorrere insieme un progetto come una grande famiglia.

Prima che si possa pensar male.....mi trasferisco senza un euro in tasca....sia ben chiaro ! In questi anni di sacrifici non sono riuscito a comprarmi nulla...neanche un tetto.....ma ho vissuto dignitosamente. Ma ora ...per gente come me, il nostro paese non offre più nulla.....e' tempo di andare...

Francesco I., Catania Commentatore certificato 26.07.12 19:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La colpa di questa situazione è anche (o soprattutto) nostra. Ci dovevamo ribellare prima e prendere a calci in culo i nostri "cari" politici. Ma siccome siamo italiani e ci piace fare i furbi, ognuno ha pensato per sè e al futuro immediato, chiudendo gli occhi, e non solo quelli, sul futuro che ci sarebbe toccato anni dopo. Il nano ci ha rimbambiti con le sue televisioni, ha promesso mari e monti e adesso non ci restano che i Monti.... Mi fanno arrabbiare quegli imprenditori che adesso criticano i politici ma prima votavano il berlusca perchè pensavano che così non avrebbero più pagato tasse. Evadere le tasse allora, ci ha portato adesso a questo punto

Dario Poli 26.07.12 18:43| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Casini l esempio migliore del politico che in tv fa il bello con noi poi vota in parlamento quello che serve a lui e alla sua famiglia , il secondo da mandare via con 800 euro al mese

Fausto Rosas 26.07.12 18:39| 
 |
Rispondi al commento

LA MIA ESPERIENZA:
Equitalia mi contesta un credito d'imposta di 450.000 Euro (Calcolandomi erroneamente 225.000 Euro per due volte). Mi blocca le banche e di conseguenza l'attività. Faccio ricorso, lo vinco,mi risarciscono 8000 Euro di danni perchè era tutto perfettamente regolare e per un soffio non fallisco.Ho perso dieci anni di vita.
Equitalia mi contesta un mancato versamento INPS per 18.000 Euro. Mi pignorano i soldi in banca.
Faccio ricorso e si scopre che l'INPS mi deve 3000 Euro e i 18.000 erano stati regolarmente versati. Ho ripreso i miei soldi dopo due anni di attesa. Non perdo più anni di vita perchè ho chiuso la mia attività e vivo di pesca e di un piccolo orticello di 400 mq. BASTA TASSE mi hanno sfiancato.

Elia Porto 26.07.12 18:36| 
 |
Rispondi al commento

A.A.A. Imprenditori cercasi

Gli imprenditori veri sono ormai vecchi e logori e non riescono più a mandare avanti la baracca.

I figli non vogliono lavorare nell'azienda di famiglia perchè hanno studiato tutt'altro..

Nuovi imprenditori, quella con la I maiuscola, non ce ne sono più, meglio un call center senza responsabilità e i soldi per birra e sigarette si fanno e il venerdì e sabato sera con quei pochi qualcosa da fare si trova

I politici riescono a celebrarsi ogni giorno in TV e nessuno di noi li sopporta più, ogni giorno tutto ed il contrario di tutto, i politici hanno de-responsabilizzato i giovani facendoli crescere per anni a base di tette e c..i in modo da essere liberi di legiferare a loro favore.

Non ci rimane che il M5S e agli imprenditori rimasti mi viene da dire:
Cercate di resistere finchè potete

Vincenzo ., Chiavari Commentatore certificato 26.07.12 18:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non dividete le persone per categorie, per favore. Sono commerciante e sto col Movimento. Non ho mai votato nè per Silvio né per il PD. Per disperazione alle urne mettevo il segno sopra il simbolo della lista verde, ma solo perché sono ecologista è la lista verde non conta un cazzo! Ora c'è Beppe, che ringrazierò tuta la vita per quello che sta facendo, dare voce a chi voce non ne ha mai avuta.

roberto fanelli 26.07.12 17:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono nella stessac situazione, commerciante da sei anni, è impossibile riuscire a tenere aperta l'attività. Ormai sono arrivato in fondo, devo chiudere. Ho 49 anni, non so cosa farò nel futuro. L'unico motivo per cui continuo a venire a lavorare è perché vendo generi alimentari e ogni giorno porto qualcosa da mangiare a casa. Non saprei come descrivere il disprezzo che provo per quegli sciacalli che governano questo paese.

roberto fanelli 26.07.12 17:20| 
 |
Rispondi al commento

Non so chi abbia votato il commerciante, al quale va tutta la mia solidarietà. Se ha votato Pdl ha sbagliato, ma avrebbe sbagliato ancche a votare dall'altra parte, Facciamo finta di non aver sentito mai la stupida solfa dei sindacati (appoggiati stupidamente dai dipendenti statali e privati) che solo loro pagano le tasse?
Senza capire che è un circolo vizioso.
Le tasse dei dipendenti pubblici sono una partita di giro, quelle dei privati le pagano i datori.
Questo senza nulla toglierw a nessuno. La verità è che in Europa solo l'Italia è così ostile ai privati, siano essi grandi e medi imprenditori e piccoli commercianti. I fessi hanno blaterato per decenni,istigati furbescamente da quelli che si sono auto attribuiti stipendi colossali. Ma fra un pò i lavori subordinati saranno sempre meno, e molti di quegli scemi che hanno sparlato a sroposito saranno costretti ad impegnare la liquidazione per provare a mettere su una piccola attività per figli. Soldi buttati, lasciate stare. Quel che voglio dire non è una reprimenda verso i lavoratori dipendenti, ai quali va tutta la mia stima e solidarietà. Ma una Nazione ha bisogno di un patto sociale tra dipendenti e autonomi per andare avanti. Come diceva duemila anni fa quello stupido di Caio Gracco. Mandando affanculo quel milione di parassiti che si è auto proclamato classe dirigente.

giuseppe 26.07.12 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Che i partiti si sarebbero dati da fare per tagliar fuori dalle prossime elezioni il M5S era prevedibile ! Sono cosi stupidi ? o è solo dettato dal loro panico ? Personalmente ci spero ! perchè una tale mossa e la sfiducia che i cittadini hanno verso i partiti darebbe al M5S luce e sonorita', una tale sonorita che perfino il Capo dello Stato ne udirebbe il fragore!

marco cafaro 26.07.12 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Hai ragione i commercianti hanno votato il Nano, ma per che cosa poi..
PER NON PAGARE LE TASSE VERO...
VAI A CHIEDERE AI TUOI CONCITTADINI CHI HANNO PAGATO IN TUTTI QUESTI ANNI...
Bisogna continuare a predicare le solite sentenze del cazzo, senza capire chi e' il problema vero di questo paese.
Ecco perchè esiste il Movimento 5 stelle.
Per svegliarci e per cercare di riunirci in cittadini coscienti e solidali.
Grazie a chi lavora insieme a me, posso andar fiero di me stesso, e nel mio piccolo concedo la speranza di un diritto sacro: il LAVORO.
Quella che lo Stato non da e addirittura toglie ai suoi cittadini umiliandoli.
Sono quelli come te che usano il MOvimento 5 stelle per stare ad aspettare la madonna Rossa con la Croce Celtica, ad alimentare i vari PARASSITI che ci hanno governato.(NANO BASTARDO COMPRESO)
Nessuno di noi giovani ha mai creduto nella politica.
Ora che abbiamo MARIO ci rendiamo conto tutti che la colpa non era di quello o di quell'altro.
Abbiamo solo delegato,facendoci prendere per il culo da una finta guerra più dei nostri GENITORI.

Se il MOVIMENTO mi farà pagare meno tasse di quelle che pago adesso, non lo appoggerò piu.

Mi renderò conto per l'ultima volta che sono solo, contro un nemico che non esiste ovvero te che mi vuoi far fuori!

VIVA L'ODIO SOCIALE VIVA IL MOMIMENTO 5 STELLE!

alex r., torino Commentatore certificato 26.07.12 16:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io per anni o campato alla giornata... Facendo anche dei casini...non lo nego.... Poi diventato padre o me sso la testa a posto..o iniziato a lavorare con un negozietto di telefonia in periferia di Roma...lo vendo a un parente ne 2008 in quanto tra dipendenti 2 tasse furti e varie frodi ....non ce la facevo piu ad andare avanti.... Oggi il negozio e chiuso( fallito) la finanza mi fa un controllo x anno 2007 e dice che secondo loro il mio negozio avreba guadagnato 350 mila euro puliti per il solo anno 2007..... Con la conseguenza che oggi mi arriva la cartella di 700 mila euro.... Questo e il risultato perche mi sono voluto mettere in regola con lo stato.....

Valentino grussu 26.07.12 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere per chi ha votato questo commerciante nelle precedenti elezioni. Io sinceramente non mi fido dei commercianti che pur di evadere hanno sempre votato il nano di arcore, perciò fanculo a quelli che votando male hanno distrutto questo paese.

Nicola C., Noicàttaro Ba Commentatore certificato 26.07.12 15:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo…ascolto.…ma è sempre la solita storia…..tipico di NOI Italiani….siamo solo in grado di lamentarci e ricordarci che siamo una nazione quando 11 giocatori indossano una maglia azzurra.
Come possiamo uscire da questo torpore forgiato dal benessere e dalla mancanza di informazione?
Come facciamo a trovare nuovamente l’unità per dare un futuro alle prossime generazioni?
Come possiamo spodestare una intera classe politica che dai tempi della DC (di cui ho memoria) ha solo pensato ai propri interessi?
Come possiamo cambiare la cultura di un popolo di “furbi” che non vede al di là del proprio orticello, che prova gusto nell’evitare le code, nel fregare lo stato perché tanto lo stato è il primo a fregare, nel parcheggiare dove capita perché se non ci sono parcheggi quindi mi sento in diritto (potrei fare altri mille esempi)…..come si fa a non vivere di soli luoghi comuni e populismo?

Sembra impossibile trovare una soluzione ed è per questo che è molto più semplice pensare al proprio interesse e vivere alla meno peggio giorno per giorno.
Mi piacerebbe concludere questo commento con una soluzione…..ma da buon Italiano riesco solo a vedere i problemi perchè tanto domani è un altro giorno.

Stefano Bocca 26.07.12 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Ieri il teatrino a sky tg 24 sul referendum delle firme contro i privilegi ai parlamentari.

Vittorio Bertola interviene e spiega il vero bluff del Referendum.
Dall'altra parte U.P con la sua rappresentante (una vecchia scatarrona ex UDC), che propaganda il suo referendum per deliggittimare il MS5 e coloro che l' hanno messa fuori da quegli stessi privilegi.

Cosa servono le firme se nel 2013 ci saranno le elezioni.
Se non hanno valore legislativo cosa insisti a fare.
Vuoi dare un messaggio o hai altre intenzioni?
Per rendere questo Referendum valido siamo costretti ad aspettare i prossimi due anni.
Un parlamentare dignitoso, farebbe prima a decurtarsi lo stipendio adesso,per non incidere ulteriormente con quella ruberia!.

Il movimento 5 stelle lo ha già fatto e lo farà!

PS:La prossima volta che quella pagliaccia parlerà ancora,gli metteremo una bella sputacchierà davanti, così potrà riempirla con le cazzate che dice!

alex r., torino Commentatore certificato 26.07.12 15:01| 
 |
Rispondi al commento

ANCHE IO HO CHIUSO L'ATTIVITA' LO SCORSO ANNO. MI SONO ROTTO LE PALLE DI LAVORARE CON UN SOCIO LADRO DI NOME "sTATO iTALIANO".
CON IL MIO LAVORO NON CONTRIBUIRO' PIU' AGLI SPRECHI DI QUESTI MISERABILI!

PARLAMENTARI LADRI ANDATE A LAVORARE!!!

cesar lutzu, oristano Commentatore certificato 26.07.12 14:54| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

ci vuole un bel coraggio a restare in Italia !

a Bologna e Regione ER (di sinistra), che è la mia città questo è l'esempio dei politici di oggi che hanno votato a favore dei lori privilegi, bocciando la richiesta del M5S :


http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/strenua-difesa-dei-privilegi-e-scuse-fantasiose.html

------
i Consiglieri regionali non dovrebbero fare come tutti gli altri italiani, ovvero andare in pensione all’età dei normali lavoratori come proponeva il M5S?

Perché devono avere il privilegio di andarci prima?
E poi perché dovrebbero poter cumulare i vitalizi ricevuti in qualità di ex-parlamentari, ex-europarlamentari e consiglieri regionali?

La verità è che per i Consiglieri regionali esistono cittadini di Serie A, loro stessi, e di Serie C, quelli che votano e pagano le tasse.

-------

o si cambia o non rimane altro che emigrare !

cordialmente

Roberto B. Commentatore certificato 26.07.12 14:24| 
 |
Rispondi al commento

FRATELLO STATO E SORELLA ITALIA

Spero che questo paese non mi lasci solo.
nonostante mi senta X IL MOMENTO fortunato.
L'attività lavora grazie a Dio, anche se molti clienti non ti pagano o non possono pagarti.
Sei costretto ad aspettare, anche se alcune volte chiudi gli occhi e purtroppo i rubinetti.
Mi sento pure in colpa anche se non dovrei, visto che uno stato dovrebbe aiutare le sue imprese invece di dargli il colpo di grazia.
Pago una quantità di tasse(alla faccia di noi commercianti furbastri) e nonostante la mia solvibilità, non esisto x lo STATO-BANCA.
Un aiuto non lo chiederò mai, perché mi vergognerei pure.
Sono soltanto un evasore e un delinquernte ladro giusto!
Fottiti STATO, tu e i tuoi FRATELLASTRI privilegiati!

Un commerciate rischia giusto!
Oggi manca per i giovani proprio la possibilità di rischiare!
Il domani è incerto, e se dovessi mai chiudere, cosa potrei fare se non...
Faremo da soli, tutti nella stessa barca, ma senza questi fantocci che promettono solo per la loro sedia e per privilegi NON DEGNI!
E ci minacciano pure...
"Attenti Italiani senza una nuova legge elettorale questo paese non uscira più dal baratro"
Questa politica incapace, senza ritegno, e perdipiù intimidatoria che avalla impassibilmente, le fughe della produttività fuori dai confini.
Puttane e Manager milionari che ti sputano addosso, facendosi sentire merda secca.

Una vita FRANCESCANA x noi e una di sofferenze x loro.
Dura ma piacevole perchè frutto come sempre del nostro lavoro, non del loro aiuto che in fondo sarebbe più che legittimo.
Cooperazione e solidarietà per dare ossigeno ad un Italia di disegualianza, odio sociale e cadaveri.
Il nostro Residence chiuderà
Verremo a prendervi!
Pagherete x la vostra cecità
Pagherete x la vostra prepotenza
Pagherete x il vostro egoismo
Tutto in piena DEMOCRAZIA DIRETTA!
Processati in quel Parlamento,luogo della vostra distruzione, e culla della nostra rinascita.
Rappresentante finalmente di un FRATELLO STATO e di una SORELLA ITALIA

alex r., torino Commentatore certificato 26.07.12 13:56| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

ogni giorno che passa e sempre più persone si trovano in questa situazione e sempre più cittadini saranno costretti ad andarsene dall'itaGlia, l'unica speranza per un cambiamento di rotta è il M5S altrimenti è la fine.

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 26.07.12 13:56| 
 |
Rispondi al commento

io sono operaio, le tasse le pago direttamente dalla busta paga, non ho altro che il mio lavoro ed il mio stipendio di mille euro, che mi consente di fare, "fortunatamente" una vita da francescano anche a me, dico fortunatamente visto come stanno andando le cose. Ci penso ogni santo giorno di sputare simbolicamente sulla terra di questo paese ed in faccia a questi politicanti di bassa qualità e corrermene il più velocemente possibile lontano da qui. Purtroppo non è facile, famiglia, amici ed affetti vari mi tengono ancora qui.

luciano de iuliis 26.07.12 13:39| 
 |
Rispondi al commento

la colpa è sempre di equitalia , dei politici , dei professori che non capiscono e bocciano i miei figli, dello stato che non mi da ;
una assunzione di responsabilità la vogliamo fare ?
perchè io sono fesso che pago le bollette e non ho equitalia alle costole ? perchè sono tra quelli che sono in commercio da anni ed ho sempre pagato regolarmente iva , contributi e quello che c'era da pagare ed equitalia non mi chiede nulla.
Quelli che se ne vogliono andare da questo paese (e qualcuno avra' anche votato per questa feccia politica) prima paghino gli arretrati e poi se ne vadano , io resto e sono molto determinato a chiedere conto ai politici ed a tutti coloro che hanno saccheggiato questo paese , compresi quelli che non hanno mai pagato le tasse e che adesso si lamentano di equitalia.

vick vicino 26.07.12 13:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

in quello che dici bisogna aggiungere un altra cosa:
oltre ai politici , dei tuoi problemi e delle tue sventure ,alla maggioranza della gente non gli interessa niente ! lo dico per esperienza diretta.

rally0 26.07.12 13:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono reduce anche io da simile esperienza. quest'anno ne faccio 50 di anni e 15 anni fa mi sono messa in proprio con un'attivita mia e vi posso assicurare che l'onesta' e l'attaccamento al lavoro non pagano ma anzi. La banca nel momento dell'urgenza non mi ha aiutato poi ho scoperto un inciucio tra direttore di banca dove tenevo conto della mia azienda ed il titolare franchising (sfiga personale)attivita' che gestivo.
Poi sono arrivati i protesti. Equitalia .
Ho perso attività, la mia casa per pagare parte dei debiti e non sono più stata in grado di rialzarmi. C'erano dei giorni che non sapevo cosa dare da mangiare ai miei figli.Ora vivo coi suoceri studio in universita'per riciclarmi e dico ai miei figli di andarsene da italialand e spero di farlo anch'io al + presto. Non sono ancora morta. Ringrazio i miei connazionali nessuno escluso. Cristiana.

marotta cristiana 26.07.12 12:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi sa che casini è cosi accalorato perchè non lo prendono a lavorare neanche nelle imprese di famiglia dopo che andra' via da montecitorio!!!!!!!!

giuseppe p., alghero Commentatore certificato 26.07.12 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Lasciare l'Italia è una strategia possibile, con un grosso ma. Un conto è aver lasciato l'Italia anni fa. Un conto è lasciarla da adesso in poi, quando presumibilmente milioni di connazionali, più milioni di Spagnoli, Greci, Irlandesi, Est Europei etc. stanno facendo la stessa cosa. NON ESISTE alcun mercato del lavoro, in Europa e nel mondo, in grado di assorbire tutta questa manodopera. Non c'è. Non a caso qui in UK stanno pesando di re-introdurre i visti per i lavoratori UE.

Roberto Orsi 26.07.12 12:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La mia famiglia è nel campo della ristorazione da oltre 80 anni, di cui 50 a Roma. E da quando che sono bambino, la frase che sentivo spesso dai discorsi dei grandi era ...”lavori lavori,ma non si arriva mai”. I tempi d'oro non li abbiamo mai avuti, anzi ci siamo incontrati in fugaci momenti che andavano dall'incasso alle casse delle banche per pagare buffi e i buffoni,accomodati su gli scranni di montecitorio. Ora ci siamo io e mio fratello,ma la musica non cambia. Quella frase suona nelle nostre teste come il lugubre rintocco di una campana a morto. Da diversi anni ricevo offerte di conduzione di cucine dal Brasile,Germania e ultimamente anche dalla finlandia, perchè vedono in me un grande potenziale ai fornelli. Ci sto pensando, ma vorrei dare questo contributo alla nostra bella italia, Roma e combattere per esse. Non voglio credere che la civiltà italica sia arrivata allo stoppino. Non ci credo e non ci crederò mai.
Forza Beppe,facciamogli il mazzo. Viva il Movimento 5 Stelle

patrizio cretarolo 26.07.12 12:31| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma perchè dite che l'Italia è un paese di merda? Scusate ma a me questa cosa non piace. L'Italia è un paese bellissimo, ovviamente parlo dal punto di vista paesaggistico e storico, un clima favorevole. Chilometri di coste spettacolari, montagne maestose e colline che ci invidiano in tutto il mondo. Non è l'Italia che fa schifo, ma chi ha tradito l'incarico che gli abbiamo dato e l'ha gestita in modo vergognoso per i propri squallidi interessi. Riprendiamoci la nostra nazione, la nostra BELLA ITALIA mandiamo via questa marmaglia che ci ha rubato la voglia di FARE. Non dobbiamo andare via dobbiamo rimanere tutti qui e tutti insieme cacciare chi ci ruba i nostri sogni!

luigia v. Commentatore certificato 26.07.12 12:22| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si diceva: "Mal comune, mezzo gaudio." Beh, io non mi sento gaudente che altri si trovino a vivere situazioni simili e mi domando come sia possibile che tutto ciò accada nel più abietto disinteresse di chi avrebbe dovuto evitare queste situazioni perché incaricato e PAGATO da noi per fare in modo che non accadessero. Colpa nostra, non loro! Colpa nostra che ci siamo preoccupati sempre e solo del nostro orticello fottendocene di quello che combinavano alle nostre spalle. Colpa nostra che non siamo stati attenti. Una cosa è certa, ora NON abbiamo più scuse! Se non siamo capaci di far cambiare questa società di merda governata da gente di merda allora ce lo meritiamo. Forza Italiani che non è mai troppo tardi.
Allons enfants d'la Patrie...................

ilbob Cinquantotto Commentatore certificato 26.07.12 12:21| 
 |
Rispondi al commento

cosa ne pensate della proposta di legge per cambiare il finanziamento ai partiti ed aprire anche ai movimenti, promosso da "per una nuova italia?" fanno riferimento a partiti in particolare, o è un movimento spontaneo? grazie

tania melania 26.07.12 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Hai tutta la mia comprensione. L'Italia grazie alle mafie dei partiti e dei sindacati ha costruito uno Stato in cui una serie infinita di statali è straprivilegiata e stratutelata e non risente di nessun problema. E moltissimi statali sono improduttivi e costosissimi. E i lavoratori del privato, stratassati e straoberati di controlli e vessazioni sono costretti o ad entrare in collaborazioni di corruzioni con politici e statali o a chiudere o ad andarsene. E i governanti italiani dempre a dividersi una torta che ormai esiste solo grazie a nuovi indebitamenti. E la ns. affidabilità............

roberto d'iseppi, verona Commentatore certificato 26.07.12 12:06| 
 |
Rispondi al commento

****************
Risposta al seguente post di Raimondo Ferrara.
*****************
@Fiandrino vedi, il mondo è casa per tutti. Occorre avere un notevole coraggio x decidere di andare, che TU non hai. E tu vorresti tenere tutti in ostaggio per risolvere ruberie, mafia, corruzione, partiti sanguisughe e relativi coglioni che votano da 60 anni? Ma stai fuori tu!! Oppure sei statale.
****************

Risposta.

----------------
Non mi sono mai posto il problema dell'avere il coraggio per andarmene.
Sono un operaio, ho 12 euro in banca, sono senza lavoro, forse fra 2 mesi mi assumo in un mollificio.
Io si vivo da francescano, non mangio carne (non me la posso permettere), faccio l'orto e vivo semi rinchiuso in casa.
Anche se mi balenasse per la testa di andarmene dall'Italia non avrei i soldi per farlo, dovrei pertanto emigrare in stile africano. Perciò chi alza i tacchi e in quattro e quattro otto se ne va mi sa che ha parecchi soldi da parte, forse proprio quei soldi che deve allo stato.
Che il mondo sia la casa di tutti è una bella teoria che condivido, ma che sul piano della pratica è una menzogna.
Non importa, chi se ne vuole andare è giusto che lo faccia, resterà più spazio e maggiori opportunità per chi resta, infondo chi se ne va sono imprenditori falliti. Per quanto riguarda gli studenti, fate bene ad andarvene.
------------

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.07.12 12:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Francesco mi dispiace che tu abbia deciso di lasciare l'Italia, dovrebbero essere i nostri politici a lasciarla, ma si sà il bottino da spartire c'é ancora quindi nessuno di loro mollerà la presa. gli stipendi esagerati che percepiscono sono anche frutto del fallimento della Tua impresa.....che rabbia! hai tutta la mia solidarietà se potessi Ti aiuterei ma sono già disoccupato da 2 anni, ciao e buona fortuna.

Vincenzo Sacco 26.07.12 12:02| 
 |
Rispondi al commento

PECCATO IL SALE CHE SI MANGIA.

giorgio gurrieri 26.07.12 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Triste davvero ... pensare che uno che lavora onestamente non debba riuscire almeno a sopravvivere e debba lasciare il suo paese per colpa di epserti incapaci, super pagati che prendono al girono quello che un operaio non riesce in un mese, fa venire l'angoscia al cuore e una enorme rabbia..

Vittorio ., Sondrio Commentatore certificato 26.07.12 11:54| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia e' rimasta nella preistoria.Mi farebbe piacere far conoscere la mia esperienza di emigrato a tanti e per chiedere delle spiegazioni alla nostra classe politica.Io mi sono trasferito nel Regno Unito nel 2010 con la mia famiglia.Ho sempre lavorato in Italia dall'eta' di 17 anni il piu' delle volte in nero e alla fine a 40 anni senza ritrovarmi un fico secco.Ho avuto vari problemi di salute e anche per questo sono dovuto andare via perche' non piu' in grado di lavorare e in Italia non esiste nessun tipo di supporto per le famiglie e i disabili.Nel Regno Unito ho trovato aiuto per me e la mia famiglia e pur non avendo mai lavorato un solo giorno in questo paese ho ricevuto e ricevo ogni tipo di aiuto possibile e immaginabile per la mia disabilita' e per poter vivere,io e la mia famiglia.Mio figlio minore frequenta una delle migliori scuole del posto totalmente a costo zero.Non ci sono libri da comprare come in Italia,a prezzi salatissimi e l'anno dopo quando si cerca di rivenderli come usati ti dicono che c'e' la nuova edizione e i tuoi puoi buttarli via.Qui la scuola passa perfino il diario e i quaderni,praticamente niente da comprare.Trasporti gratis per gli studenti.Tanti aiuti per le famiglie,assegni per i figli anche se non si lavora,affitto a carico del comune pagato nel tuo conto corrente IN ANTICIPO,sussidio di disoccupazione per TUTTI ad iniziare da quando si lascia la scuola.Questo e tanto altro che in Italia praticamente si puo' solo sognare.Io non sono un esperto di finanza o politica ma vorrei dire,come mai in Italia abbiamo un debito pubblico cosi' alto,visto che salvo piccole eccezioni,il welfare e' praticamente inesistente.Non hanno mai dato niente al popolo,dove sono finiti tutti questi soldi?Qui nel Regno Unito per poter migliorare sempre guardano al modello scandinavo,considerato il migliore.Ma in Italia i nostri politici hanno mai pensato di prendere esempio da altri paesi visto che loro negli ultimi decenni hanno fatto solo disastri??

Antimo Santangelo 26.07.12 11:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non siete voi che dovete lasciare l'italia ma chi e stato in parlamento in questi ultimi 20 anni (da notare che non ho scritto chi ha governato perche maggioranza e opposizione sono stati e sono ancora lo stesso partito occulto)insieme ai loro elettori che continuano inperterriti dietro pagamento a sostenerli a danno della gente per bene.

dudek p., bergamo Commentatore certificato 26.07.12 11:28| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Io sono artigiano da 8 anni e sono nella stessa identica situazione di Francesco. Debiti cn lo stato e buco in banca, entrambi impagabili vista la situazione. Sinceramente nn so proprio come fare a continuare. Li appenderei al cappio tutti con le mie mani.

Angelo G. Commentatore certificato 26.07.12 11:25| 
 |
Rispondi al commento

stanno facendo pagare ai soliti noti ed onesti, cioè chi ha sempre pagato, anni e anni di ruberie, clientelismo e simili.
Pare che la generazione attuale si deve sobbarcare questo enorme debito che ci schiaccia, che ci soffoca. Io ho un lavoro a tempo indeterminato ma, con ciò, non sono comunque tranquillo.
Oggi ci sei, domani non si sa dove e come finisci.
La cosa peggiore è che non vedo molte opportunità nel futuro, soprattutto per i miei figli.
Come potremo competere con paesi come la Cina, l'India e un domani l'Africa?...dobbiamo sottometterci ai padroni e diventare schiavi rinunciando a tutto quanto i nostri genitori hanno conquistato negli anni? Io non ci stò!

FABIO C., Milano Commentatore certificato 26.07.12 11:06| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anch'io, da un mesetto scarso, faccio parte della colonia dei disperati e nauseati d'italia (rigorosamente minuscolo). Ho perso lavoro due anni fa, ho un mutuo da pagare ed ormai, a 38 anni, sono "troppo vecchio" per il mondo del lavoro italiano. Si, del resto in parlamento o in senato troviamo solo teenager. In questo nuovo paese CIVILE non ho ancora trovato lavoro ma ho ritrovato la speranza e la gioia di vivere : qui non sono vecchio ed inutile, qui non devo trovare la raccomandazione per lavorare come commesso, in nero e con uno "stipendio" da terzo mondo, qui non ci sono dottori o reverendissimi ma si è tutti allo stesso livello, dal padrone all'ultimo degli impiegati.
Ora non mi rimane altro che aspettare la mia occasione e, quando capiterà, sarò l'uomo più felice del mondo. L'italia è solo un bruttissimo ricordo.

Dario B. 26.07.12 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Giusto!!Cosa si lavora a fare tante ore della nostra breve esistenza,e anche in posti di lavoro rumorosi,sporchi,e costretti a competere con poveracci come noi,scannandoci l'un l'altro!Sottopagati,sfruttati e spinti alla desolazione sociale,ad una vita da clausura!Operai che hanno paura a stare a casa in malattia,perchè precari,costretti a dire sempre si,e che non hanno nemmeno il tempo per svolgere le pratiche burocratiche più comuni.Quante persone sono state tradite,che hanno lavorato per anni
?e quanti ancora saranno fottuti?Gente,fermiamo questo treno impazzito!

stefano bonifazzi 26.07.12 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Caro Francesco hai tutta la mia comprensione,poiche' anch'io sono nella tua stessa situazione e non appena lo "stato" italiano mi restituisce cio' che mi deve,me ne vado e non torno piu' neppure per le vacanze,ho venduto quasi tutto cio' che la mia famiglia in lustri di sacrifici aveva costruito,ho portato al sicuro da questi sciacalli tutti i beni e nel frattempo stiamo tutti perfezionando la nuova lingua del paese dove andremo che,tra l'altro,ci ha letteralmente spalancato le porte.
Fra poco si sbraneranno tutti a vicenda,non avere dubbi,quindi ti faccio i piu' sinceri auguri e speriamo di poter vedere affondare questo paese di ladri dalla debita distanza;ricordati sempre che e' il favore piu' grande che potrai mai fare ai tuoi figli,almeno potranno avere un'istruzione degna di questo nome.

Le chiacchiere stanno a zero 26.07.12 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Sono emigrato perche' incapace di trovare lavoro in Italia. Credo di avere applicato in almeno una trentina di aziende negli ultimi anni, dalle quali non ho mai ricevuto una risposta elettronica digitata da persona umana. Non sono mai riuscito a capire quale fosse stata la mia colpa. Forse un dottorato di ricerca preso in parte in California, o forse un curriculum che dettava certe pretese (ma offriva anche certe garanzie).
Dall'estero ho sempre ricevuto non solo risposte, ma anche proposte. Continuo a riceverne ancora oggi, una ogni due settimane credo, non sollecitata.
Sono emigrato da anni, mi manca la mia famiglia ma finalmente ho potuto crearne una, mi sono potuto sposare e presto avro' un figlio. I soldi non mancano e sono felice.
Mi chiedo spesso se queste sono pretese troppo elevate in Italia, nazione che con ipocrisia vergognosa pone al centro della vita la famiglia e questa pseudo-cultura cristiana, e poi ti impedisce non solo di formarla, ma ti impone pure delle regole di vita fatte di raccomandazioni e clientelismo nei confronti di politici e preti, attraverso i quali ho scoperto si puo' accedere a ogni cosa.

Luca Scalia, Palermo Commentatore certificato 26.07.12 10:43| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento

Ero un lavoratore della Telecom, ceduto, vessato, esternalizzato e poi collocato in mobilità "volontaria". Da un anno ho rilevato da un coppia di amici una piccola attività commerciale già avviata. Come per Francesco, anche per me questo rappresenta un punto di partenza dall'Italia: mi sto qualificando professionalmente in attesa che passi il periodo minimo di due anni, avendo ottenuto la liquidazione dall'INPS del periodo rimanente di indennità. Riesco a sopravvivere, pagando tasse, contributi, vendendo l'automobile, tagliando il superfluo. Le vacanze sono un lontano ricordo. Il giorno di chiusura del negozio con mia moglie ci permettiamo il lusso di uscire con amici. Nonostante tutto mi ritengo fortunato perché non abbiamo debiti, mutui e, spiace dirlo, figli che costano tanto mantenerli e lo stato non ha mai avuto una politica di sostegno alle famiglie. Ho solo la speranza che la gente alle prossime elezioni possa dare una svolta a tutto quanto. Farò la mia parte invitando chiunque a votare il M5S alle prossime elezioni, perché se la parte migliore dell'Italia va al potere, cioè gente normale, con i problemi della quotidianità, saprebbero da dove prendere i soldi per risanare pian piano il debito pubblico e far ripartire l'economia. Altrimenti lascerò questo paese governato da mafiosi per vivere altrove in un posto migliore.

Antonio C., Bari Commentatore certificato 26.07.12 10:41| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Francesco,
non so se potrà consolarti (con me non funziona), ma non sei il solo in questa situazione.
Io ho 41 anni, un figlio, una moglie precaria, un mutuo trentennale, nessun risparmio e, purtroppo, una piccola azienda manifatturiera.
Per essere autonomo, con gli ideali di poter riuscire onestamente con il mio solo lavoro, nonostante un titolo di studio sudato (sono laureato in Economia e Commercio) senza aver mai chiesto favori a nessuno, una carriera militare cui ho dato un calcio (Ufficiale di Complemento con buone possibilità di rimanerci a tempo indeterminato)... e così via, ho preferito una strada che si è rivelata molto più ardua del previsto.
Proprio ieri, all'ennesima cartella di Equitalia, ed all'ennesima ingiunzione di rientro immediato da parte delle Banche, sono andato fuori di testa e il mio bambino è scoppiato in lacrime nel vedere il padre disperarsi.
Non ne posso più, anche perchè la mia azienda potrebbe sopravvivere e darmi da vivere, ma non abbiamo più possibilità di accedere al credito e non riusciamo a pagare le tasse sproporzionate che ci vengono richieste.
Io non ho mai guadagnato tanto da giustificare le richieste dello Stato, ho piuttosto dovuto indebitarmi per pagare il possibile.
Non ho nulla da nascondere, non ho patrimoni, non ho auto di lusso, conduco una vita al di sotto della media, quindi, se verranno a bussare alla mia porta gli darò tutto quello che ho: cioè NIENTE!!!
Non lo so... facciamoci forza e troviamo insieme il modo di combattere chi ci sta dominando... inutile farsi illusioni: il nostro Paese, tutti noi cittadini inermi, siamo alla mercè di pochi finanzieri senza scrupoli, abbiamo svenduto la nostra sovranità alle banche ed abbiamo perso di vista l'unica vera priorità di questa vita e del mondo, ovvero l'uomo.
Sono liberista convinto, mai stato comunista, ma dobbiamo rivedere tutto il sistema sulla base di questo obiettivo: LA DIGNITA' DELL'UOMO CHE PREVALGA SEMPRE E COMUNQUE SUL PROFITTO.
Forza e coraggio!!!

pasquale sticchi, foggia Commentatore certificato 26.07.12 10:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

siamo in due.....sono la tua fotocopia....ci hanno rubato tutto...

luca puccianti 26.07.12 10:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche se non è granchè, ti do la mia solidarietà e spero che tu posso realizzare il desiderio di andare via da questo paese di merda. Stai però attento a non finire in un'altro paese simile a questo. L'europa sta sempre più diventando una succursale della Germania. Vogliono farci diventare tutti dei burattini senza anima e senza cervello, disposti solo a pagare tasse e non avere niente in cambio. Anch'io spero di riusciore un giorno ad andare via da quì. In bocca al lupo!

Antonio Autolitano 26.07.12 10:21| 
 |
Rispondi al commento

povero amico, il francescano non vanno piu di moda e la "nostra" terra, un tempo nostra, rappresenta sempre meno la categoria Autenticita' e sempre piu quella del consumismo di massa, che tra l'altro nessuno di noi vuole. Dunque dov'e' che ci siamo sbagliati? oppure dov'e' che siamo rimasti abbagliati? e tu da imprenditore a francescano? mmm come dico sempre "troppa televisione spazzatura" dentro le nostre teste ha preso dominio. Parlo anche della vita dei nostri figli. Questo e' cio' che vuoi trasmettere? cioe' da imprenditore a Fuggitivo? pur di non avere a che fare con i pirati dell'Italia?

a g., londra Commentatore certificato 26.07.12 10:14| 
 |
Rispondi al commento

ormai siamo diventati un popolo di codardi e buffoni per non dire un popolo senza palle, che ci facciamo mettere i piedi nn solo in testa ma ci facciamo prendere a calci in culo da quattro vecchi che siedono a roma, una volta il popolo italiano era un popolo dignitoso e sopratutto fiero di essere italiano e lottava contro tutto e tutti per nn perdere quello che duramente aveva sudato.. signori se siamo arrivati al punto di andarcene dal nostro paese vuol proprio dire che è finita siamo un popolo di merda. e la daremo vinta a quei quattro vecchi di M. che x anni ci hanno preso x il culo..

riccardo.b 26.07.12 10:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ero un tassista,lavoro che tutti credono renumerativo,dopo 6 anni di attività ho dovuto chiudere tutto,la banca che mi concesse il prestito per la licenza (ipotecando casa di mia madre)continuava ad aumentare la rata da restituire,la crisi,non fornisce lavoro(e con ragione direi,visto che le persone hanno pochi soldi,e di certo del taxi se ne può fare a meno),l'INPS,INAIL ma spratutto le tasse,che sono calcolate in base ad uno studio di settore(naturalmente elevato),ora mi ritrovo da un anno senza lavoro con 4 figli minori in affitto..non potevo più cannibalizzare lo stipendio di mia moglie per pagare tutte le spese,anche perchè quando l'auto si guasta(e succede spesso)non si guadagna,ma si spende.Adesso mi ritrovo con il terrore(per quel che dicono i miei ex colleghi)su indebite richieste della Finanza La quale secondo i loro calcoli(essi non devono fornire nessuna prova a sostegno di quel che dicono)abbiamo chi più chi meno,evaso 40 mila euro!!!!la cosa strana che poi scendono a 10, o 5mila euro se si contratta..Se mi dovessero chiamare per una cosa del genere,gli dirò chiro e tondo di ARRESTARMI,io non ho mai evaso nulla,ho sputato sangue per cercare di far vivere la mia Fam.in modo decente,e lo stato cosa fà,ruba soldi per mantenere all'ingrasso tutti i politici e i loro famigliari?..no,non ci sto,che ci crediate o no,sono sempre stato onesto nel mio ex lavoro(forse e propio per questo che non ho fatto soldi)e ho sempre pagato tutto,magari in ritardo,ma ho pagato,usando spesso lo stipendio di mia moglie,ora vivo sulle sue spalle con 4 piccoli,sapete quanto e dura,e come mi sento UMILIATO?,poi il lavoro non si trova(qualsiasi lavoro anche pulire cessi,pur di contribuire al mantenimento della famiglia),LO STATO che fà! crocifigge i poveri cristi spingendoli al suicidio,..no non ci sto,spero che la coscienza popolare si svegli prima che sia troppo tardi,ma tanti sono annebiati dalle partite di calcio,e si sottomettono ai sopprusi del Governo Italiano.

tridico domenico 26.07.12 10:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

francesco purtroppo solo chi sta in commercio può capire relamente di cosa stai parlando. Io faccio il negoziantie dagli anni 90 e ho cambiato settore tre volte, in base all'andamernto del mercato. Sono circa 20 anni che faccio la tua stessa vita e cioè chiuso in un negozio sei giorni la settimana, per 25 giorni al mese, a lavorare con la febbre alta, con il gesso alla gamba e con i vari acciacchi che in 20 anni ti possono capitare. Si parla sempre degli operai o degli impiegati che non riescono a campare con lo stipendio di 1300 euro al mese, ma mai una parla a favore dei piccoli imprenditori che ogni giorno devono lottare contro l'imbarbarimento di un mercato che ormai è monopolizzato dai grandi centri commerciali che ormai almeno nelle mie zone stanno facendo strage di piccoli negozi che nonostante tutto fra titolari e commessi danno lavoro a migliaia di persone. Mai una parola per raccontare che noi le tasse le dobbiamo pagare lo stesso anche se qualche mese ci va male e magari non riusciamo a pagare nemmeno l'affitto. E nel frattempo ci ammaliamo di nervi continuando a cercare di portare avanti un attività che ti corrode la vita, indebitandoci col fisco e con le banche/usurai(per me sono la stessa cosa). Anche io da un pò di tempo sto meditando di chiudere barracca all'età di 40 anni , ma poi mi dico e cosa farò alla mia età se so fare solo questo? E per noi non ci sono nenche gli ammortizzatori sociali quindi ci dobbiamo arrangiare da noi, e intanto continuo ad indebitarmi con le banche per portare avanti la famiglia. Io non dò colpa solo allo stato degli ultimi anni, che è stato scandaloso, ma ha solo continuato quello che già è sttao fatto negli anni 70 e 80 dalla nostra cara DC. Io spero davvero che questo movimento porti sul serio qualcosa di nuovo, ma lasciateci il beneficio di dubitarne , perchè dopo tutti questi anni siamo avvero stanchi di sentire sempre le stesse storie.Io ci credo alla rinascita ma dateci un minimo di speranza. Enzo da Napoli.

enzo cozzolino 26.07.12 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Per molti la decisione di abbandonare per sempre il paese dipendera dall esito delle prossime elezioni, se la maggioranza degli elettori NON dimostreranno la volonta' di cambiamento e i soliti saliranno (pdmenoelle in testa) il mio consiglio, da 20 anni residente estero, e quello di ritirare il tutto dalle banche italiane, valutare la migliore prospettiva lavorativa - geografica e lasciare chi ha deciso di votare per il NON cambiamento in balia delle loro decisioni. Comunque la mia decisione di lasciare il paese 20 anni fa non e' rimpianta, il mio rendimento lavorativo vitale e' stato moltiplicato in qualita' e guadagno. Purtroppo avavo lasciato un paese dove leccaculi e raccomandati di partiti e preti (mercanti del tempio, ho il massimo rispetto per i missionari veri) facevano carriera, oggi si sono aggregate , anzi hanno aggregato, pure le mignotte.

Julio de Liso 26.07.12 09:54| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono una lavoratrice iscritta al sindacato cgil dal 1972,se il sindacato permette al governo di bloccare le tredicesime ,io disdico immediatamente la tessera,e con mè ne traniscerò parecchi,perche ne hanno fatte passare troppe e noi tesserati non ci sentiamo per nulla tutelati,vista la crisi quei soldi me li tengo io...............

giuseppina antonini 26.07.12 09:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il giorno che qualcuno li afferrerà per il collo mentre usciranno o entreranno da Montecitorio allora vedrete che si taglieranno gli stipendi, qualcuno sparirà dalla politica, cambieranno la legge elettorale, abbasseranno le tasse, i rimborsi elettorali e lo spread scenderà, ogni stato si ristamperà il proprio euro, il giorno che un candidato al suicidio per disperazione prometterà a suo figlio che prima di ammazzarsi andrà a fare quattro chiacchere a Montecitorio solo cosi le cose potranno cambiare.
Siamo a luglio lo spread è a 537 e sento parlare di elezioni, quindi ogni volta che lo spread raggiungerà questi valori, faremo cadere i governi, per mettere un governo tecnico e cosi via.
Partiti come: udc, fli, sel, e cosi via non cambieranno mai la legge elettorale con un 6% sanno che non andranno mai da nessuna parte mentre ora spostano l'ago della bilancia ma a cari compromessi.
Svegliamoci da questa sedazione!

O.B. 26.07.12 09:46| 
 |
Rispondi al commento

In Italia quasi tutti quelli che hanno lavorato in ppropio (artigiani,commercianti)siamo nei guai con eequitalia.debiti che con il tempo si sono raddoppiati e con tutta la buona volontà non basterebbero due vite per pagare i debiti contratti.La soluzione, max condono azzerati i debiti pregressi e cominciamo da capo.Visto che la crisi non l'abbiamo creata noi lavoratori chi ha dei risparmi in banca li ritirasse, diamo una mano allo Stato facciamolo fallire subito,questa agonia è durata troppo.

Gianni Lippolis 26.07.12 09:34| 
 |
Rispondi al commento

A me queste cose mi fanno solo incazzare. Ma perchè te ne devi andare tu ? perchè non cacciamo chi ci ha ridotto così (dopo averci fatto ridare quello che ci hanno rubato) ?

Alessandro La Tessa 26.07.12 09:30| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

E ci risiamo ,questa situazione e hai un figlio in arrivo ,ma sei capace a fare 2 2 ? Poi la gente si lamenta

Paul Galesco 26.07.12 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Non abbandonate proprio adesso,vale la pena vivere questi momenti ,c'e' un aria strana in giro......chissa .

Sabrino Di Renzo, Gradara Commentatore certificato 26.07.12 09:02| 
 |
Rispondi al commento

Negli anni 90 avevo lasciato un lavoro bellissimo in California in un settore molto innovativo per cercare di lanciare alcune nuove idee in Italia. Grande errore. Dopo 15 anni mi sono trovato umiliano, indebitato col fisco, ho perso quel poco che avevo e qualsiasi sicurezza. Le mie idee sono state sviluppate altrove, da altre persone, in ambienti più normali, e stanno bene. Anch'io sono andato via dall'Italia adesso. Sto cercando di ricostruire tutto, anche se ho 40 anni. In Italia a 20 anni non ti danno retta, ma a 40 non ti fanno neanche parlare. Vai fuori, non sarà facilissimo, ma puoi farcela.

michele 26.07.12 08:08| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

Caro Francesco scrivi dello "stato" come una figura mistica quasi eterea, ma visto che te ne vuoi andare, forse sai bene che sono le persone che ti circondano che in questi ultimi 20anni hanno votato e sostenuto il peggio in una confusione terribile!
Domandiamoci quanto possano essere IRRESPONSABILI QUEL 40% e passa di non votanti in questa cloaca paludosa, se non si svegliano hai ragione tu, meglio scapparsene a gambe levate. Personalmente mi spiace per quello che ti é accaduto e spero vivamente che attraverso la schiacciante vittoria, in parlamento del M5Stelle***** si possa offrire un raggio di speranza anche a gente come te, che se non ricordo male, di solito vota a destra?
Ma sai anche che noi siamo OLTRE a questa presa per il culo!
CI VEDIAMO IN PARLAMENTO........................altrimenti é finita.

Jan g., Gallarate Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.07.12 07:41| 
 |
Rispondi al commento

Diciamo la verità, lo Stato con il debito pubblico e con l'euro punta a spaventare tutti, ricchi e poveri. I ricchi sono in continua ansia perchè hanno paura che il loro capitale perda valore o ancora peggio tracolli con operazioni del tipo svalutazioni messicane, i poveri sono terrorizzati per la mancanza del minimo vitale. Ci vogliono avere in pugno; tutti devono pensare a cosa fanno a Palazzo e loro, i politici, vogliono questa situazione, anzi vogliono ora il voto diretto di senatori e deputati per poter arrivare a controllarci meglio. Pensano che oramai con il Paese indebitato in questo modo, chiunque arrivi a Palazzo sia controllabile. Un pò come negli Stati Uniti quando prima di eleggere Obama hanno ricapitalizzato le banche indebitando il Paese, come a dire "vieni avanti ma tanto ricordati che comandiamo noi perchè ci devi cifre stratosferiche a causa del debito che abbiamo fatto". E così a Parma, prima di fare entrare il M5S hanno depauperato le casse del Comune, con la stessa logica che è quella di sterilizzare l'azione della democrazia.

mario mario Commentatore certificato 26.07.12 07:18| 
 |
Rispondi al commento

@Fiandrino vedi, il mondo è casa per tutti. Occorre avere un notevole coraggio x decidere di andare, che TU non hai. E tu vorresti tenere tutti in ostaggio per risolvere ruberie, mafia, corruzione, partiti sanguisughe e relativi coglioni che votano da 60 anni? Ma stai fuori tu!! Oppure sei statale.

Raimondo ferrara 26.07.12 06:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Italia bisognerebbe introdurre la capacità contributiva con la quale colcolare non solo le tasse ma l'eventuale sgravio per oneri come quello dei tickets sanitari e ci vorrebbe il reddito minimo garantito per evitare il disagio sociale. Invece qui ti arrivano solamente gabelle e lo Stato per qualsiasi cosa ti ripete "arrangiati". E' colpa dei cittadini se non trovano lavoro o se sono in difficoltà, mentre lo Stato non vuole colpe quando si parla di debito pubblico. Anzi non parlano più di debito ma di spread, scudo, etc etc Invece di dare corpo alle parole in modo corretto utilizzano dele frasi indirette. Purtroppo il mercato a livello globale considera l'Italia ne più ne meno che come una persona con debiti e quando hai debiti nessuno ti da più credito.

mario mario Commentatore certificato 26.07.12 06:31| 
 |
Rispondi al commento

se aspetti l'esito della causa con equitalia non parti prims di 10/15 anni.

steve roorman 26.07.12 06:03| 
 |
Rispondi al commento

ho 30 di cui 8 passati da imorenditore. entro fine anno chiudo e vado via da questo paese di feci.
non ci spreco nemmeno 1 euro in + del dovuto a stare quì.

Paolo Accardi 26.07.12 01:54| 
 |
Rispondi al commento

Ma partite con che soldi, se fate la vita dei francescani?
Dove andate ad abitare, se da francescani non avete una lira?
Che lavoro farete? la troverete subito un'occupazione?
Siete sicuri che gli altri paesi, siano così diversi dall'Italia?
Siete diventati tutti esterofili? La merda è tutta qui in Italia mentre all'estero c'è la bambagia che vi aspetta a voi?
Secondo me è una pantomima quella della maggioranza delle persone che dice che se ne vuole andare dall'Italia.
Poi sinceramente, mi sembra una fuga dalle proprie responsabilità di cittadino Italiano: "Finchè va bene resto, quando va male vi mando tutti a fare il culo e me ne vado", un po come si comporteranno i nostri politici alla resa dei conti. Se tutti gli Italiani si fossero comportati come voi durante la seconda guerra l'Italia non esisterebbe più, gli Italiani sarebbero dei nomadi senza patria come i Rom.
Fatevi forza rimanete e aiutate la parte buona dell'Italia a vincere questa battaglia contro gli Idioti che ci governano.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.07.12 01:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io propongo come candidati al M5S

Alessia Donati
Alessia Roma
Alice Ricci
Amandha Fox
Angela Gritti
Antonella del Lago
Ars Amandi / Francesca Ray
Asia Morante
Axen
Barbarella
Blondie
Claudia Antonelli
Evita Pozzi
Federica Tommasi
Greta Martini
Lara Camparino
Laura Panerai
Letizia Bruni
Marika Ferrero
Melissa Conti
Monella
Rossella Capua
Valentine Demy
Vittoria Risi
Alessandra Gorgoni
Alessandra Messina
Alessandra Schiavo
Alessia Bernini
Alessia Burani
Alessia Marzi
Alice Cortesi
Alyce Noir
Angela Benni
Angela Monti
Angela Mora
Angela Nuti
Angela Paradisi
Angelica Bella
Anita Rinaldi
Annalisa Buoi
Annj Goren / Anna Maria Napolitano
Antonella Antinori
Antonella Simonetti
Ariella Ferrara
Asia Blondi
Asia d’Argento
Asia Preziosi
Baby Marilyn
Baby Pozzi
Bambola
Barbara Gandalf
Brigitta Bui
Caterina Baroni
Caterina Belli
Catherina Zago
Chiara Riva
Cicciolina / Ilona Staller
Clarissa Bruni
Claudia Di Coppo
Claudia Rocchi
Claudia Rossi
Cristina Bella
Daniela Risi
Daria Moreno
Dayana Borromeo
Dolce Sara
Donna d’Enrico
Elena Del Monaco
Elena Grimaldi
Elisa Ranieri
Emanuelle Cristaldi
Erika Neri
Eva Henger
Eva Orlowsky
Fabiana Venturi


Sicurametne l'italia ne trarrebbe giovamento!

bruno bassi 26.07.12 01:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui partono tutti!!!
Resto solo io... Allora lavoro ne troverò...

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.07.12 01:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ti capisco .... Io ho 32 anni e sto meditando di partire !! Questo è un paese di merda !!

Alessandro chiatti 26.07.12 00:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io ho 23 anni,e quando ne avevo 16 non mi facevano lavorare dicevano che ero troppo piccolo perché temevano i controlli degli sbirri che si beccassero la multa,o che io mi facessi male con le attrezzature da lavoro..
oggi mi dicono che c'è crisi,e il lavoro scarseggia!
quando la crisi sarà passata (tra circa 10 anni) mi diranno che sono troppo vecchio per lavorare,e per apprendere un lavoro,quindi non mi assumeranno!
io a 23 anni appartengo ad una generazione bruciata in partenza dalla scuola da un basso livello scolastico che ha prodotto un basso livello sociale,da una politica incomprensibile che cambia rapidamente per non lasciarti il tempo di assimilarle la beffa..
un tempo piccoli artigiani e negozianti (alcuni anche abusivi,ma specie loro) erano un paradiso per i giovani,un rifugio per il futuro,ti davano la possibilità di apprendere un lavoro (crearti comunque una tua istruzione) e di crescere e mettere da parte i soldi,che spendevi a 18 anni con la prima auto,poi a 25 per sposarti,e a 30 per mettere su il primo figlio!!
poi le leggi si sono fatte via via più severe andando a colpire proprio questa rappresentanza di lavoratori,che uno dopo l'altro si sono aggiunti alla vasta gamma di già perenni disoccupati anni 80\90 ma i peggiori sono i 70 e i 90\89.. poi se aggiunta l'immigrazione che ha prodotto manodopera a costi inferiori (avvolte lavoratori ma senza dignità minima) che ha aggravato notevolmente sul quadro già compromesso! la situazione negli anni in italia non è progredita come avviene in ogni altra società,da paese sviluppato e alla avanguardia tanto da vantare lavori in campo spaziale e bellico,siamo diventati un misto tra il terzo mondo e un paese in via di sviluppo! i potenti fanno quello che gli pare (vaticano compreso che approfitta di queste situazioni per arricchirsi alle spalle di chi soffre) e il popolo debilitato e stanco (stravolto da attentati) e spaventato da ogni sorte di malefico incantesimo soffre! "DAVANTI ALLA T.V."

Mimmo G., cardito (NA) Commentatore certificato 26.07.12 00:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori