Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La resa dei conti


Btp_Italia.jpg
"I tromboni dell’informazione della mattina hanno ognuno le proprie ricette e interpretazioni della crisi che l’Italia sta vivendo, un “PIRLA” più “PIRLA” di tutti addirittura ha detto che tutto nasce dall’America, un altro che è tutta colpa dei tedeschi, dimenticandosi dei 2.000 miliari di debiti che l’Italia ha accumulato. Non essendoci colpa non esiste neanche un colpevole, singolare teoria giornalistica asservita al potere, che per mantenere i propri miseri privilegi dimentica le ruberie dei politici e gli affari dei politici con i soldi pubblici. Si dimentica degli arricchimenti dei burocrati che, con norme su norme ad personam, hanno dissanguato le casse dello Stato. Si dimentica della corruzione che scorre nella macchina pubblica. Tutto questo i tromboni dell’informazione “che fanno parte del prelievo della cassa comune” se lo dimenticano, ma ci ricordano lo sciagurato comportamento degli Italiani, come se a governare ci fossero i cittadini e non le CASTE , i PRIVILEGIATI, i BUROCRATI. Tutti con la copertura della STAMPA asservita. Allora é facile per questa accozzaglia buttarla in caciara, colpa dell’America, dei tedeschi , della finanza, dei pensionati, del posto fisso, ecc. Poveri uomini senza palle, ricordatevi che il debito non l’abbiamo fatto noi e non saremo noi a pagarlo. Verrà l’ora della resa dei conti e tutti dovrà essere restituito con l’interesse ma quello applicato da EQUITALIA". alfonso della rocca

23 Lug 2012, 14:57 | Scrivi | Commenti (115) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

CAPITALE AZIENDA FINANZIARIA PRESTITO
Abbiamo tutti bisogno di fondi a volte molto urgente, anche se abbiamo trovato un bel
stipendio o facendo molto bene nel mondo degli affari, perché alcune spese impreviste, come ad esempio

=== casa bollette,
=== matrimonio,
=== malattia o
=== spese di riparazione auto se ne escono così,

Se si verifica un duro colpo di sfortuna, non perdere la speranza
FINANZIARIA PRESTITO AZIENDA CAPITALE sono qui per aiutarvi.

Finanziamenti disponibili
1. Prestiti Personali
2. business Prestiti
3. Combinazione Prestito
4. Casa Prestito
5. Studente prestito e.t.c

CARATTERISTICHE SPECIALI
Disponibilità === di prestiti fino a $ 1.000.000,00
=== No Garante, n Collateral richiesta
=== Opzioni di rimborso flessibili con possesso-fino a 60 mesi
=== Processo di applicazione Hassle free
=== Documentazione Facile
=== Elaborazione rapida e dell'esborso

PRESTITO DOMANDA DI PARTECIPAZIONE
=== Tuo nome ...................
=== Vostro paese ................
=== Vostra occupazione .............
STATO CIVILE === .........
=== Home / numero dell'ufficio ................
REDDITO MENSILE === ..............
=== Home / INDIRIZZO ufficio .....................
SCOPO DEL PRESTITO === .............
=== Richiesta di prestito ................

Nota: si riceverà i nostri termini e condizioni del prestito aziendali
attraverso la posta.

Opzione di pagamento
Pagamento tramite banca per il bonifico bancario
Pagamento con Western Union / Money Gram

Se siete interessati ad ottenere prestiti da società finanziaria PRESTITO CAPITALE
gentilmente tornare a noi tramite questo indirizzo e-mail qui sotto ---
(financialcapitalloancompany@gmail.com) ed essere sicuri di prestito in 48 ore


GRAZIE
GEORGE ALISON
Indirizzo: 52 Euston Road London NW1 2DB

GEORGE ALISON 27.09.12 21:43| 
 |
Rispondi al commento

....mi hanno insegnato: DDA....dipende da me...DDA...dipende da altri....secondo voi quale è l'acronimo piu' usato dai ns politici?...

mario mario 25.07.12 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Ci sarà un modo per levarsi dai co.... questi politici e compagnia bella?

wil west 25.07.12 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Fino agli anni 80 le banche “finanziavano” la cassa dello stato avendo dei vincoli di portafoglio che le obbligavano a comprare i titoli del debito pubblico a tassi molto bassi.

In quegli anni le autorità monetarie abolirono questi vincoli obbligando così lo stato ad approvigionarsi a tassi di mercato.

La spiegazione ufficiale era che si voleva evitare che la classe politica al potere (democristiani e socialisti) utilizzasse la leva degli investimenti pubblici a fini clientelari e di corruzione.

La vera ragione era invece che in quel modo lo stato avrebbe dovuto finanziare tutta la differenza tra entrate e uscite (il disavanzo) a tassi di mercato, offrendo, grazie alla classe politica miope, collusa e irresponsabile, guadagni spropositati a tutto il sistema bancario nel suo insieme che acquistava così titoli ad altissima remunerazione, che arrivarono anche fino al 20% (!!!).

Con il divorzio nel 1982 tra Tesoro e bankitalia (prima il TUS veniva deciso di concerto tra Tesoro e Bankitalia), la banca centrale decideva in piena autonomia quanto sarebbe costato il denaro e quanto avrebbe guadagnato tutto il sistema bancario.

Se a questo aggiungiamo l’eliminazione dei vincoli di portafoglio che obbligavano le banche a detenere titoli di stato a tassi bassissimi, il quadro diventa particolarmente chiaro.

Addirittura ci furono periodi in cui il tasso per le linee di credito praticato dalle banche ai migliori clienti come Fiat era inferiore a quello che si ricavava dai titoli di stato per cui le grandi imprese, comprese quelle a partecipazione statale, prendevano soldi a prestito e li investivano in titoli di stato lucrando la differenza tra tasso pagato alle banche e quello percepito dai titoli del debito pubblico.

-- SEGUE %->

Roberto B. Commentatore certificato 25.07.12 08:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Attaccare è giustissimo. Per vincere ci vuole un'idea. Questa è la mia: è patetico chiedere equità quando da sempre chi ha il potere politico o economico ha sempre praticato con successo la peggiore ingiustizia: quella di portar via a chi lavora gran parte del valore prodotto. Il capitale si forma con la sfruttamento del lavoro. Ma oggi sta succedendo qualcosa di totalmente diverso. La fase attuale del capitalismo distrugge il lavoro come fonte prima di ricchezza. Propongo un'alleanza fra chi vive di lavoro e datori di lavoro che non investono in borsa, contro chiunque utilizza i suoi profitti ed i suoi denari per giocare in borsa.
Chi dice che "il mercato" si orienta sulla base della fiducia dice il falso: o è stupido o è complice. Il mercato "libero" non esiste, esso è oggi guidato da forze speculative ingentissime che fanno la guerra all'Euro ed ai paesi più indebitati che usano l'Euro. E' una guerra POLITICA, più che economica o finanziaria. Da quando è entrato in vigore l'Euro per difendere le monete dei singoli Stati dalle speculazioni (1974, 1992) il dollaro ha perso di valore. Chi è così scemo da pensare che i possessori di dollari se lo facciano fare senza aggredire, soprattutto chi è stato così idiota da creare un enorme debito pubblico per farsi votare?

Attilio Monasta 24.07.12 17:06| 
 |
Rispondi al commento

L'Euro e questo sistema finanziario deregolamentato non sono l'unica causa di questa crisi ma sono una grave concausa che se non corretta porta all'azzeramento di qualunque sacrificio...i fatti di queste settimante lo dimostrano (noi non avevamo alcun dubbio in merito )...per usare una metafora di moda .:"fare bene i compiti a casa non serve ad nulla se il professore ha già deciso di bocciarti".FUORI SUBITO DALL'EURO QUESTO E' PRIORITARIO PER USCIRE DAL PANTANO! Dopodichè penseremo a lavare i panni sporchi in casa nostra.............il che prevede condanne e risarcimenti al popolo italiano per coloro che con l'inganno ci hanno trascinato in questo disastro , politi ex politici , finanzieri, speculatori anche esteri ed in primis Banchieri.

Luca M., VENEZIA Commentatore certificato 24.07.12 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Il prossimo anno ci sono le politiche; bisogna costruire un programma elettorale che coinvolga il cittadino. Il movimento 5 stelle ha il dovere di entrare in parlamento e riscrivere la costituzione Italiana a misura di cittadino e non come è, a misura di 4 papponi che governano.

MICHELE GRIECO 24.07.12 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Mi scusi, ma anche lei fa la stessa caciara dicendo che la colpa è in sostanza dei Politici.
E chi quei Politici li ha votati? Eran forse Tedeschi ed Americani?
Il voto di scambio nel Nostro disgraziato Paese esiste e persiste a tutt'oggi basta vedere le ultime vicende Siciliane.
Ed in ogni caso anche quelli che danno la colpa a Tedeschi ed Americani non hanno tutti i torti.
Che la crisi finanziaria sia nata in America coi subprime è un fatto risaputo, così come è risaputo che ad oggi i Fondi di Investimento Americani (praticamente i padroni delle Agenzie di Rating) hanno rendimenti del 15%, secondo lei speculando su cosa?
Per quello che riguarda la Germania è altrettanto nota la sua miopia nell'applicare rigore economico a tutti i costi, certo ora ne avranno dei vantaggi dato che si finanziano a tasso 0 quando non negativo, ma dovesse scomparire l'Euro la loro bilancia commerciale alla voce Esportazioni sarebbe notevolmente ridimensionata.
Tanto è vero che gli imprenditori Tedeschi hanno avvertito la Merkel che oggi possono sopportare un'eventuale uscita dall'Euro, ma non l'uscita dal mercato comune Europeo.

Donato Tobi () Commentatore certificato 24.07.12 09:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi chiedo dove sono finiti i "promotori" del "BTP DAY"....vi ricordate l'iniziativa di quell'imprenditore fiorentino che sponsorizzò attraverso una pagina di giornale la giornata del PTB..
Egli sosteneva che era un dovere da patriota comprare BTP per tenere basso lo spread!!!(mi ricorda un iniziativa analoga avvenuta circa 65 anni fa...ORO ALLA PATRIA..poi abbiamo visto com'è andata a finire!)...
All'appello mancano anche i giornalisti che scrivevano un annetto fa:...FATE PRESTO.!!!e ora caro beppe dove sono?...hanno finito la carta?...

roby f., Livorno Commentatore certificato 24.07.12 08:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUESTI POLITICI MI HANNO VERAMENTE ROTTO I COGLIONI
MA POSSIBILE CHE NON SI POSSA FAR NULLA PER BUTTARLI FUORI?DOVREMMO ANDARE ALLA RIVOLUZIONE? IO SONO IN RUSSIA MA SEGUO IL MIO PAESE PERCHE VORREI TORNARCI, MA NO A QUESTE CONDIZIONI. SE BISOGNERA SCENDERE NELLE PIAZZE IO CI SARO

FABIO TREDICI Commentatore certificato 24.07.12 08:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

eh..caro Beppe tu lo continui a denunciare sul blog, ma intanto, che dritti dritti si vada al voto, dopo settembre? Tu cosa dici? Se dovesse esser così temo, dico temo che impalcare la campagna elettorale ANTI OBBROBRIO DI RICONFERMA DEI SOLITI NOTI, sarà un'impresa difficile, se non MISSION IMPOSSIBLE!!! Troppo poco tempo per cambiare un sistema schifoso che permette i soliti noti di riconfermarsi sempre là, dove starnazzano, da anni. troppo poco tempo per eliminare una legge elettorale denominata Porcellum, Mattarellum, Schifosellum, ecc... Troppo poco per eliminare il criminale finanziamento ai partiti, boicottato di recente con le nostre poche firme, di un referendum andato a puttane! Troppo poco ancora perchè TU, dico TU, accelleri questa sentita discesa in campo. Ti esorto, quindi, a tradurre nel labiale, "coram pouli", "de visu", mi sento latinista stamattina, quello che dici, ciò che scrivi e non dimentichi! Il 1° settembre un popolo armato valicò la Polonia, con esiti che tutti noi abbiamo studiato a scuola. Sempre il 1° settembre, tra poco più di un mese, insomma, TI ESORTO, a non perdere tempo e tradurre da questo blog nella realtà di strada tutto ciò che ha fondamento di continuità, nell'immediato futuro, questo Movimento 5 stelle! Ricordatelo! E' da qualche giorno che sto martellando su questo aspetto! E' da qualche giorno che ti faccio giungere i miei appelli affinchè tu abbia tempo di leggerli e CONFERMARMI le tue intenzioni ad iniziare la campagna elettorale NON SOLO SUL BLOG!!!

Adalberto de' Bartolomeis 24.07.12 08:20| 
 |
Rispondi al commento

Rivoluzione...già come fare la rivoluzione con un "popolo di sedentari"...ve lo spiego io:
1-Bancomat bloccati per una settimana;
2-Pensioni pagate una volta ogni 2 mesi;
3-Tredicesime bloccate;
4-mancato pagamento cig e disoccupazione;
Purtroppo questo è lo scenario probabile per i prossimi mesi...
Non c'è via d'uscita..ormai L'INPS è al collasso,l'entrate fiscali idem,le cig e roba varia stanno prosciugando l'ultimi spiccioli...Monti deve dire la verità....siamo falliti!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 24.07.12 08:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma per fare la rivoluzione 2 punto zero devo scaricare l applicazione con Ernesto Guevara
Basta cosi poco meno male io pensavo di dover scendere in piazza

Riccardo Garofoli 24.07.12 07:37| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno caffè cornetto e un po' di rivoluzione calda
Grazie
Comodi tranquilli non vi alzate ve la porto al letto

Riccardo Garofoli 24.07.12 06:59| 
 |
Rispondi al commento

Abbastanza daccordo sulla questione relativa alle ruberie e ai privilegi della casta politica. Ninte affatto sulla trita affermazione circa il "Debito pubblico" e il suo ammontare, quasi a significare che questo "presunto" debito sia generato dalle suddette ruberie. Il "debito pubblico" è un concetto finanziario ed è dato dall'ammontare delle emisssioni dei titoli del debito, a cui vanno aggiunti gli altissimi interessi di cui Bot, BtP , CCt ecc, sono corredati, ingenerando il noto meccanismo che fa si che il debito pubblico sia inestinguibile e si accresca esponenzialmente con il contrarsi del PIL a cui le politiche recessive ci condannano.

Galileo Marino, Castelli Commentatore certificato 24.07.12 06:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In condizioni di stabilità monetaria è evidente che l'aumento del debito pubblico è un modo per rubare. Lo Stato nasce e si sviluppa sul concetto di furto collettivo. Anche in assenza di inflazione, lo Stato italiano è riuscito ad aumentare tasse e debito pubblico a carico della collettività. Il debito pubblico è un sopruso frutto di complicità fra i più furbi e i più forti ai danni di tutti.

mario mario Commentatore certificato 24.07.12 05:20| 
 |
Rispondi al commento

A dire il vero un bel grosso PIRLA, nonchè IGNORANTE sei proprio tu tale Alfonso, perchè effettivamente l'origine della crisi economica manifestatasi per la prima volta nell'Agosto 2008 e di cui ne viviamo tutt'oggi ancora le conseguenze, si è generata ed innescata prevalentemente prima di tutto grazie a 20 o 22 mega managers o a.d. per lo piu' americani che con scelte a dir poco disastrose e vere e proprie truffe consapevoli hanno generato perdite catastrofiche a livello mondiale a cause dei mercati e dell'economia odierna che totalmente globalizzata ed interconnessa soffre l'effetto domino se le perdite o i profitti sono eccezionalmente elevati. Quelle scellerate scelte prevalentemente americane, ma non solo, sono state tali da coinvolgere enti governativi, alcune delle piu' grandi società d'investimento al mondo e hanno creato tutto cio' che viviamo oggi ed ovviamente la condizione sociale e politica globable degli ultimi vent'anni non ha aiutato a recuperare dagli eventi venuti a galla nell'Agosto 2008. Si studi un pò di economia Alfonso e conti sino a 100 prima di sparare cazzate.

G.C.

Giovanni A. Commentatore certificato 24.07.12 04:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema Dell l'Italia siamo prima noi perché nn capiamo ancora nel 2012 ke bisogna essere uniti per essere forti e invece che facciamo? Per l ennesima volta ci buttiamo merda addosso tra nord e
Sud non dobbiamo combattere noi tra poveri ma tra quei sciacalli che
Godono sulla nostra spaccatura cazzo dobbiamo essere uniti lo vogliamo capire?

Domenico sardo 24.07.12 00:04| 
 |
Rispondi al commento

Ma quand'è che falliamo! almeno abbiamo una certezza.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.12 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Domenico
La nostalgia e la memoria non aiutano
Ho avuto l occasione di vedere la stella con la scritta urrs e ti posso dire che le condizioni di vita non erano esaltanti un senso del tramonto di un ideologia e di un popolo che mi hanno fatto male sono riuscito a vedere forse l ultimo busto di Lennin
Un senso che non ti so descrivere

Riccardo Garofoli 23.07.12 22:32| 
 |
Rispondi al commento

la campania una delle regioni più scandalose politicamente parlando ,altro che vacca da mungere peccato che il latte è finito ,non ostante le risorse sono molteplici (scavi archeologici,parchi naturali e musei.) il turismo cala sempre di più . Poi mi chiedo perche i miei figli devono fare il bagno in un mare di merda o si paga la piscina o bagno nella merda ,non dovevano mettere i depuratori 10 anni fa dove sono i soldi?

flora del prete 23.07.12 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Ben detto, anzi hai detto benissimo, Alfonso!

Carlo Koan Commentatore certificato 23.07.12 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Beh se questo paese non cambia, la corruzione arriverà anche nel giornalismo e nella stampa, inutile e anche poco onorevole dare la colpa ai tedeschi e agli Stati Uniti no!? Arriverà un giorno che i sacrifici economici e finanziari degli italiani saranno ricambiati,non bastano parole e speranze,ma fatti concreti.

Matteo Di Luca,Roma 23.07.12

Matteo Di Luca (mdiluca), Roma Commentatore certificato 23.07.12 21:31| 
 |
Rispondi al commento

Se il nostro amico andava in usa e girava un po' gli prendeva un colpo per la povera gente agli angoli delle strade per l enorme divario tra le periferie degradate la miseria la tocchi come a Bombay eppure e considerato l occidente per eccellenza

Riccardo Garofoli 23.07.12 21:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La rivoluzione su la rete inizia alle 18,30 e finisce alle 21,30 poi c'e il film in tv
Tutto qui quello che fa in m5s prima e dopo state sdraiati sul SOFÀ Impariamo dal egitto si sta i piazza li si vive li si fa la lotta

Riccardo Garofoli 23.07.12 21:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fratelli d'Italia,
l'Italia s'è desta, 
dell'elmo di Scipio
s'è cinta la testa. 
Dov'è la Vittoria? 
Le porga la chioma, 
che schiava di Roma 
Iddio la creò. 
Stringiamoci a coorte, 
siam pronti alla morte. 
Siam pronti alla morte, 
l'Italia chiamò. 
Stringiamoci a coorte, 
siam pronti alla morte. 
Siam pronti alla morte, 
l'Italia chiamò, sì! 
In questo paese neache l'inno ha piu' un senso.
Vaffanculo

Sabrino Di Renzo, Gradara Commentatore certificato 23.07.12 21:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti,
venerdì sono tornato da Berlino dove ho passato qualche giorno di ferie.
Mi hanno stupito 2 cose:
1 - le infrastrutture : TUTTE le strade hanno una pista ciclabile ed il
sistema di trasporti pubblici è veramente impressionante per efficienza

2 - la "Ostalgia" (ovvero Nostalgia dell'Est): sembra fuori dal mondo, ma
molti tedeschi dell'Est vorrebbero tornare alla situazione che c'era prima
della caduta del Muro.
E forse, vista l'attuale situazione economica globale, non hanno tutti i
torti: la DDR aveva una economia interna spaventosa, con un tasso di
disoccupazione bassissimo ed uno Stato Sociale che farebbe rabbrividire la
Fornero.

La Germania Est produceva la quasi totalità dei suoi beni internamente
(dalle macchine fotografiche, alle auto, dai giochi per bambini, ai
vestiti, dalle scarpe alla Coca-Cola,...).

Forse una delle soluzioni dell'attuale crisi economica potrebbe essere
proprio il ritorno a questo modello che la globalizzazione ha spazzato
via:le economie nazionali sono state ormai drogate dall'importazione senza
regole di beni prodotti nei paesi emergenti con costi assolutamente non
paragonabili a quelli che sono i costi di produzione occidentali.

Per carità, la mia non vuole essere una esaltazione del modello DDR, anche
perché la libertà di pensiero in quello stato non è che fosse proprio così
elevata: ma siamo proprio sicuri che le nostre "democrazie", impostate
sugli attuali sistemi economici, si possano veramente considerare tali?

E siamo proprio sicuri che, avendo come unico paletto fermo il capitalismo
sfrenato, esse possano veramente condurci fuori da una crisi che invece sta
per travolgerci tutti?

Domenico C. 23.07.12 21:10| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

E giunta l ora della rivoluzione sono già le21,00 il m5s ha degli orari precisi

Riccardo Garofoli 23.07.12 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Di commenti ne ho letti troppi ma quando si scende in piazza ma quando si fa una pressione vera se fossimo scesi in piazza al momento che dibattevano la legge su i rimborsi le cose potevano prendere una piega diversa qui in Italia volete fare la rivoluzione dal SOFÀ la tastiera non basta bisogna riempiente le piazze e gridare la pressione la sentono solo cosi

Riccardo Garofoli 23.07.12 20:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ottimo commento Alfonso!


http://www.youtube.com/watch?v=eF1H6XCvFm0

anib roma Commentatore certificato 23.07.12 20:09| 
 |
Rispondi al commento

L'economia mondiale sta fallendo, perché è basata sulla crescita. Siccome le Risorse naturali non crescono più, hanno dato valore al nulla. Montagne di zeri sulle quali non ti puoi manco sedere, perché sono finti. Abbiamo perso il contatto con la realtà grazie ai grandi media, che ci infilano ore di fottuto niente nel cervello, e neanche gratis. W la Repubblica delle Banane!

Roberto D., Cavallino Treporti (VE) Commentatore certificato 23.07.12 20:03| 
 |
Rispondi al commento

La cosa che fa + inkazzare è che gente come Monti se ne viene fuori a dire che "lo spread non dipende da noi"! Come a dire "non siamo noi quelli con i debiti" o "se ce li abbiamo questi non contano niente". Non dipende da noi! Questa risposta non si comprende nella logica di chiunque parli di mercati ma si comprende nella logica statalista di Monti. Infatti nella logica statalista esiste solamente la giustificazione a prendere lo stipendio e a mantenere il posto. Allora in questa logica loro, i Monti-men sono giustificati a stare dove sono perchè lo spread che aveva spodestato berlusconi, non dipende da loro, non è loro la colpa. Loro sono giustificati a continuare perchè le colpe sono da ricercare altrove, anzi loro sono scudati da questo maledetto diavolo di spread, vade retro spread fra un pò reciteranno! Se potessero darebbero una poltrona a palazzo al senatore SPREAD e lo metterebbero all'opposizione così da votargli contro e scaricargli addosso le colpe di tutti i casini d'Italia. Monti è proprio il burocrate più incredibile che l'italia abbia mai conosciuto!

mario mario Commentatore certificato 23.07.12 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Questo post non fa una grinza. Devono restituire tutti i soldi che hanno rubato, fino all'ultimo centesimo. A proposito, io domani vado a ritirare i soldi dalla banca. Mi sono rotto i coglioni!

Luigi Di Pasquale, Margherita di Savoia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.12 18:57| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti, mi sono sentito in dovere di andare a votare per cambiare le cose nel mio piccolo, ho votato e appena fatto mi hanno detto che il referendum per abbassare lo stipendio ai politici non è valido per via di questa legge


„Il motivo per cui questi referendum sono una bufala è presto detto: il referendum abrogativo è regolato da alcuni articoli della legge 352 del 1970. Basta leggerli per scoprire che:
1) non è possibile svolgere un referendum in contemporanea con le elezioni politiche, e se vengono convocate le elezioni politiche le procedure referendarie vengono sospese e rinviate di un anno (art. 34);
2) è vietato depositare le firme di un referendum nell'anno (solare) precedente a quello delle elezioni politiche (art. 31);
3) le firme si potranno eventualmente depositare dal 1 gennaio (art. 32);
4) le firme devono essere depositate entro tre mesi dall'inizio della raccolta (art. 28).
Tutto questo fa sì che le firme raccolte in questo periodo siano nulle e inutilizzabili.“
"Il referendum anti casta è una bufala, ecco perchè"
„per i referendum sono previsti i rimborsi elettorali, e che in caso di successo il comitato referendario incasserebbe milioni di euro


mi seno preso in giro l'unica cosa che mi potrà consolare è che se siamo in molti, ma veramente tanti. il "politico, il cosidetto onorevole" dovrà prendere coscienza di muovere il culo e abbassarsi lo stipendio..

grazie

P.s. Mi piacerebbe sapere se questa e-mail la legge il sig. Beppe Grillo.

gianluca toppi 23.07.12 18:55| 
 |
Rispondi al commento

la resa dei conti non arrivera' mai in italia perche' siamo talmente coglioni che anziche' andarli a cercare loro e i loro familiari(per non pagargli la pensione) per fargli fare la bellissima fine di biagi lasciamo perdere e diciamo la solita cazzata....quel che e' stato e' stato....e le nuove generazioni avranno questi pezzi di merda in mezzo ai coglioni

adriano mecagni 23.07.12 18:29| 
 |
Rispondi al commento

MESSAGGIO A BEPPE GRILLO
Beppe: Cosa aspetti a organizzare un raduno a tempo indeterminato davanti al Parlamento? Per chiedere elezioni subito, dimissioni di tutti i parlamentari, più il capo Giorgio Napolitano, perchè prevedo che nel 2013 non si andrà a votare, sarà troppo tardi. Le parole le porta via il vento mentre i fatti rimangono per sempre.
Saludos
Renato

Renato Borio, Giaveno-To Commentatore certificato 23.07.12 18:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Politici di merda italiani!
Con le vostre uscite di cacca sui Mass Media
fate abbassare la credibilita dell'Italia
e fate aumentare la speculazione e lo Spread .
Ma scusate ,non vi vergognate?
Non avete figli nipoti etc.?
Siete stronzi e farabutti!
Per voi ci vorrebbe davvero la camera a gas!

Zurigo 23.07.12 18:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perchè dare sempre e soltanto la colpa ai politici maggiordomi delle caste baronali? Chi li ha votati? Lo spirito santo? Dopo anni impegno di impegno civico per i cittadini (inceneritori, swap, cavalcavia ecc.) mi sono candidato con una lista civica alle scorse elezioni comunali recandomi porta a porta dei cittadini. Bene... chi mi chiedeva il condono, chi il lavoro per la figlia, chi mi diceva "guarda non posso perchè si è candidato il pediatra di mio figlio, chi il medico della madre sofferente ecc. ecc. Insomma, ero andato in 500 case ma soltanto 52 persone hanno dato fiducia ad un giovane della società civile che da anni si batte per i diritti dei cittadini e come me altri attivisti candidati hanno avuto la stessa sorte. Il 5 stelle ha avuto una marea di preferenze ma il 95% degli elettori ha segnato soltanto il simbolo e in pochissimi hanno scritto i nomi. Per concludere al governo della città ci sono andati i soliti vecchi politicanti e non è cambiato proprio nulla.

ALEX L. 23.07.12 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Aprire il gruppo a più persone . Formare vari gruppi di lavoro totalmente indipendenti proprio per diffondere le idee del movimento . L'attuale situazione è deficitaria , direi verticistica come lo potrebbe essere la logica dei vecchi partiti . Tutto questo non vuole essere una critica ai singoli che fino adesso si sono adoperati bene o male . Che il gruppo di Pesaro non sia riuscito ad organizzare una macchina per essere presente sia la regionale che a Tolentino per assicurare la presenza di chi voleva esserci , è una manifestazione di debolezza . Che a certe riunioni siano andati solo i soliti noti è una lampante manifestazione di verticismo e di chiusura ad altre persone che con le loro idee possano dare più impulso alla dinamicità dell'azione . L'ultima riunione, nella biblioteca di Soria ,aperta a tutti è stata una iniziativa da ripetersi . Anche perchè , vorrei saperesu quale principio di democrazia si basa la decisione tu fai parte del movimento , mentre tu no .L'attuale dirigenza sa di verticismo e vorrei proprio sapere , come mai si critica all'interno il verticismo di Beppe Grillo per poi attuarlo in loco . Nella speranza di una più attiva iniziativa faccio ancora osservare che proprio in questo momento ci sono due lotte importanti da portare avanti . mai avere paura di quello che non si sa e soprattutto di non essere ostacolo al cambiamento . Aprirsi a nuove idee , deve essere l'idea principe del M5S .

Gabriele Pecoraro (nonnipama), pesaro Commentatore certificato 23.07.12 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Ho trovato questo su facebook, è vero:Ecco cosa ha fatto Hollande (non parole, fatti) in 56 giorni di governo: ha abolito il 100% delle auto blu e le ha messe all’asta; il ricavato
va al fondo welfare da distribuire alle regioni con il più alto numero di centri urbani con periferie dissestate.
Ha fatto inviare un documento (dodici righe) a tutti gli enti statali dipendenti dall’amministrazione centrale in cui comunicava l’abolizione
delle “vetture aziendali” sfidando e insultando provocatoriamente gli alti funzionari, con frasi del tipo “un dirigente che guadagna 650.000 euro all’anno,
se non può permettersi il lusso di acquistare una bella vettura con il proprio guadagno meritato, vuol dire che è troppo avaro, o è stupido, o è disonesto.
La nazione non ha bisogno di nessuna di queste tre figure”. Touchè.
Via con le Peugeot e le Citroen. 345 milioni di euro risparmiati subito, spostati per creare (apertura il 15 agosto 2012) 175 istituti di
ricerca scientifica avanzata ad alta tecnologia assumendo 2.560 giovani scienziati disoccupati “per aumentare la competitività e la
produttività della nazione”.
Ha abolito il concetto di scudo fiscale (definito “socialmente immorale”) e ha emanato un urgente decreto presidenziale stabilendo
un’aliquota del 75% di aumento nella tassazione per tutte le famiglie che, al netto, guadagnano più di 5 milioni di euro all’anno.
Con quei soldi (rispettando quindi il fiscal compact) senza intaccare il bilancio di un euro ha assunto 59.870 laureati disoccupati,
di cui 6.900 dal 1 luglio del 2012, e poi altri 12.500 dal 1 settembre come insegnanti nella pubblica istruzione.
Ha sottratto alla Chiesa sovvenzioni statali per il valore di 2,3 miliardi di euro che finanziavano licei privati esclusivi, e ha varato
(con quei soldi) un piano per la costruzione di 4.500 asili nido e 3.700 scuole elementari avviando un piano di rilancio degli investimenti
nelle infrastrutture nazionali. Ha istituito il “bonus cultura” presidenziale, un dispositivo c

giorgio carbotta, torino Commentatore certificato 23.07.12 17:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per favore qualcuno a dato una lettura alla riforma del lavoro appena emanata?e' semplicemente incredibile.hanno propio la faccia TOSTA! le intezioni erano di dare piu' sicurezza ai lavoratori che fino ad ora hanno lavorato con contratti e proroghe di settimana in settimana da piu' di 9 anni presso varie APL favorendo i contratti a tempo indeterminato,ed invece leggete qui che sono riusciti a combinare:NOVITA' "REGRESSIVE"TEMPO DETERMINATO Durata massima di 36 mesi con aliquota aggiuntiva pari all'1,4% per finanziare ASPI.
In caso di riproposizione al lavoratore devono passare almeno 90 giorni (prima erano 20) oppure 60 (prima erano 10) nel caso di contratto di durata superiore o pari a 6 mesi. Nel computo dei 3 anni oltre i quali non è più possibile assumere con contratto a tempo determinato rientrano d'ora in avanti anche i periodi di attività prestata dal lavoratore attraverso la c.d. somministrazione. Causale non obbligatoria in caso di primo contratto, non prorogabile e di durata massima fino a 12 mesi.Questo per quanto riguarda i contratti.ma vi consiglio di andare a leggere le altre sublimi novita'che ci hanno riservato. Voglio solo ricordare a chi leggesse questo testo che chi sta scrivendo e' un 35 della prov.di salerno che lavora da 9 anni con le agenzie a tempo determinato presso varie industrie della zona con contratti in media della durata di un mese.quindi richiesta di prestito=0,richiesta di mutuo=0 si vive solo di mensile se cosi lo si puo' chiamare.e mai come in quest'anno che lavoro dal 1 febbraio 2012 ad oggi 23 luglio 2012 ho firmato 3 contratti e 10 proroghe.spagnaaa...greciaaaa...STIAMO ARRIVANDOOO!!!

massimo esposito 23.07.12 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Per menzionare il debito devi per forza chiamare chi ha commesso il reato
La politica italiana tutta con un uso dissennato del debito senza una ragionevole crescita hanno solo speso senza investimenti concreti

Riccardo Garofoli 23.07.12 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo il praticare continuamente il lacaismo ed il lecchinaggio non e' il miglior modo per coltivare ed aggiornarsi nella professionalità...e pretendere che l' uomo torni sull' orbita lunare o giornalisti dalle abilità di Travaglio o semplicemente limitarci a provare un pubblicato viaggio negli abissi sia chiedere troppo per chi si limimta ad abbaiare quando deve ubbidire e scondinzolare quando torna a casa il padrone! Pensiamo in un' attimo l'effetto che avrebbe in Italia che tutti i giornali scrivessero non pretendo verità ma realtà! ma realtà reali non relative ed astratte come lo Stato che li sostiene! probabilmente gli italiani agirebbero e migliorerebbero la situazione! probabilmente usciremmo dalla crisi! probabilmente soffrirebbe meno gente! probabilmente non verrebero disprezzati quelli che combattono per la giustizia! probabilmente non verrebbe infranto il codice penale e gli apogei al: nazismo, truffa-crisi, colpo di stato: mafia vs borsellino. Grazie per tagliare tanti alberi inutilmente! PS: la carta igienica ce l' abbiamo! non c'era bisogno ostentare la vostra "professionale" libertà matematica degli introiti in una presunta vostra "espressione"! (ola madanno che paroloni per meri letterati!)chi sono?! chi ha venduto il suo paese! le lotte sindacali! basabndosi su che i suoi antenati avevan tutti braghe bianche! ma dimentici di patti e compromessi ottenuti con il sangue del '900

robert. aceti 23.07.12 16:56| 
 |
Rispondi al commento

C'è un economista serio che riesce a sviluppare un discorso approfondito alla portata di tutti, penso meriterebbe di essere citato. Si chiama Alberto Bagnai è un docente universitario e quantomeno vedendo una delle sue poche interviste e conferenze è riuscito a spiegare per filo e per segno il motivo, cause, conseguenze e possibili soluzioni per questa crisi economica (solunzioni che comunque prevedono un bagno di sangue, ormai questo è chiaro). Ho capito molto più da uno dei suoi video che vari spezzoni e post di questo blog...

Riccardo P., Roma Commentatore certificato 23.07.12 16:55| 
 |
Rispondi al commento

questo post è proprio da incorniciare

paolo c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.12 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Che la crisi economica mondiale non sia colpa degli Stati Uniti e abbia ragioni molto più complesse e riguardano tutto il sistema capitalistico nella sua globalità mi sembra chiaro-
Ma le manovre speculative sui paesi economicamente più deboli della zona euro hanno una origine ben precisa-Riposto quanto ho scritto,a proposito,qualche giorno fa:
-----Su Repubblica Scalfari scrive ,riferito a M.Draghi:
--"Può intervenire sul mercato secondario dei titoli per calmierare lo "spread".....Basterebbe l'annuncio e un inizio d'intervento per spuntare le unghie della speculazione che vuole disarticolare il sistema euro."--
Ora mi chiedo e vi chiedo: Chi può volere questo,cioè la fine di un Euro forte e concorrente se non i titolari dell'altra moneta forte mondiale, vale a dire gli STATI UNITI!? Non bisogna essere particolarmente esperti in economia per arrivare a questa conclusione,basta la logica-
Vogliamo tutti insieme urlare questo, per spingere la stampa e i media a definire le cose col loro nome ?!Al posto dei continui riferimenti a quella entità fumosa e quasi mitologica dei MERCATI (con cui si dice tutto e niente) comincino ad usare la parola STATI UNITI D'AMERICA

luigi savadori, cesenatico Commentatore certificato 23.07.12 16:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa mattina (23/7/2012) su RAIUNO c'era il ministro Catania, che sembrava "dispiaciuto" che la cementificazione sta eliminando l'agricoltura: "l'Italia perde 100 ettari di campi coltivati al giorno". La soluzione? Vietare l'installazione di pannelli fotovoltaici! E' incredibile, ma fa sul serio? non si puo' pensare che siamo cosi' stupidi...

Gerardo Giordano 23.07.12 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Ben detto Alfonso. In particolare mi piace l'ultima parte, quella degli interessi. E poi non dicano che non li abbiamo avvisati, anche noi siamo corretti ed applichiamo i "patti chiari" (non vi ricorda niente questa dicitura ?) !

Alessandro La Tessa 23.07.12 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Il problema vero è l'Euro è uno strumento fascista di lotta di classe??? Secondo il prof. Bagnai si e qui spiega perchè http://goofynomics.blogspot.it/

Matteo Marchetto, Padova Commentatore certificato 23.07.12 16:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sono mai stato giustizialista, ma da qualche parte bisogna pure ripartire nella trasformazione di questa grande sofferenza che il popolo italiano sta vivendo. Non avremo mai i soldi per rifare la "dolce vita" ed espandersi come nel boom economico.
Ma per ricostruire il paese bisogna creare una base condivisa, qualcosa che ci unisca e non ci divida.

Ecco questo qualcosa è un esame vero, storico, economico, sociale e soprattutto morale. Per individuare chi ha accelerato drasticamente un processo che poteva essere lentissimo o evitato.

Non potremo mai fare i sacrifici senza sapere perchè....

ANDREA s., roma Commentatore certificato 23.07.12 16:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Andremo in piazza come la Spagna e ci prenderanno a randellate, nel frattempo faranno una leggina per eliminare il M5S. Che Dio li strafulmini...tutti quanti, maledetti...

Maurizio B., Monza Commentatore certificato 23.07.12 16:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ci sono due modi per interpretare questa oppressione bancaria.. e come interpretare gli imbrogli sportivi..
sappiamo che il calcio e politica,una squadra viene lasciata vincere o perdere a seconda della funzione che la si deve attribuire in abito politico,o imprenditoriale!!
poi creano lo scandalo scommesse per mascherare il vero inghippo!
allo stesso modo si fa con il debito,che viene generato appositamente per condurre l'uomo ad uno stato di totale sottomissione verso chi gestisce il potere!
poi serve un modo per nascondere questo fatto,perché se lo si capisce,se si diventa consapevoli di questo meccanismo il fatto non attacca più e chi causa il problema viene scoperto!
e allora spostano la nostra attenzione verso problemi di scarsa importanza,portandoci a credere che sia il politico a creare la situazione e facendoci spostare la rabbia da loro i veri responsabili,verso il politico che in tutto questo rimane un altra vittima da sottomettere.. e in pratica solo un burattino!
il burattinaio in questo caso e il banchiere..ma non parlo di direttori di filiali e sportellisti no! parlo di vere banche come la bce gestita da cantabili con la fissa del dominio,o come tutte le altre banche centrali con il potere di creare e di gestire grandi somme di danaro.. queste creano il denaro,poi lo gestiscono attraverso la borsa comprando e vendendo a seconda di chi devono rompere i coglioni,facendo alzare,e diminuire i prezzi delle materie prime e del cibo.. come se visto con l'aumento del prezzo del pane,il pane aumenta,ma si butta a tonnellate l'offerta aumenta,ma diminuisce la domanda perché il prezzo e troppo alto! e ovvio che qualcosa non torna..no?
l'unico modo che hanno queste banche xò per fare questo gioco e tenere indebitati i paese clienti della loro moneta..e lo si è visto durante il referendum della grecia per uscire dall'euro.. le avevano offerto dei soldi per i primi tempi,proprio per indebitarla di nuovo!
in effetti la bce non ci vuole fuori dall'euro e cnt!

Mimmo G., cardito (NA) Commentatore certificato 23.07.12 16:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

perchè metter mano noi ai portafogli, quando le mani ce l'hanno messe gli altri a più non posso? Se pagheremo anche stavolta i debiti provocati dagli altri non faremo altro che avallare un'altra generazione di corrotti, che spolperanno quel po' che è rimasto. Se dobbiamo pagare, dobbiamo farlo non prima di aver azzerato questa intera classe politica, di dirigenti pubblici e di tutti coloro che hanno avuto un potere negli ultimi anni, piccolo o grande che sia.

Giuseppe 23.07.12 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Il Trattato di Maastricht prevedeva un deficit pubblico non superiore al 3% del PIL e un debito pubblico al di sotto del 60% del PIL (o, comunque, un debito pubblico tendente al rientro).
La politica sapeva gia' dei rischi a non rientrare in questi parametri!

Giambattista Bloisi 23.07.12 16:07| 
 |
Rispondi al commento

LA CONTA DEI RESI
Presto è ciò che faremo noi italiani, nei confronti dei ns. carissimi amministratori.
Con chi restituirà il maltolto avremo magnanimità, per tutti gli altri....

Riccardo C., PISA Commentatore certificato 23.07.12 15:57| 
 |
Rispondi al commento

POLITICI, (SINDACALISTI?), GIORNALISTI E BUROCRATI DEL NOSTRO PAESE (E ANCHE DI EUROPA)!

Politici e burocrati, dei Comuni, delle Provincie, delle Regioni, del Parlamento (anche Europeo), e di tutti gli Enti Pubblici e assimilati, locali e nazionali Italiani (ed Europei): restituite il maltolto! Rinunciate ai Vostri privilegi! Rinunciate spontaneamente ai Vostri doppi e tripli incarichi e “lavori” (e stipendi), alle laute “consulenze”, e agli extra di ogni tipo, alle Vostre pensioni “d’ oro”, e anche al finanziamento pubblico dei Vostri partiti, e dei Vostri giornali (in attesa di una legge Nazionale che ponga definitivamente fine a tutta questa follia, a questa vergogna, e a questi inaccettabili privilegi di casta!). Dovreste rinunciare Anche alle Vostre scorte e alle auto “blu” con Autista, pagate dai Cittadini (e spesso usate solo per motivi personali, e per andare a fare la spesa, ecc.)... Muovetevi con i mezzi Pubblici anche Voi! (Ci guadagnerete in immagine e credibilità). Avete saccheggiato e impoverito il Paese! Avete creato Voi la voragine del debito Pubblico! Date subito Voi per primi un’ esempio di “generosità” di Giustizia e di realismo. Auto riducetevi subito le Vostre entrate (3.000,00 Euro al mese, come hanno fatto gli eletti del “Movimento 5 Stelle”)! Una cifra più che sufficiente per vivere dignitosamente! Tenuto conto del fatto che c’ è anche chi non ha nulla! E comunque che lo stipendio medio di un Lavoratore Italiano è di 1.200,00 Euro, e che questo stipendio “medio” vuole dire che c’ è chi guadagna anche solo 600,00 Euro al mese (e c’ è chi non guadagna nulla!). 3.000,00 Euro al mese sono un privilegio di questi tempi!. Le risorse così reperite finanzieranno il reddito di Cittadinanza per i disoccupati e per chi non ha lavoro, ecc.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/07/14/foto/la_coda_infinita_a

Lux Luci 23.07.12 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il 29 gennaio 1992 viene emanata la legge 35/1992 (Legge Carli - Amato) per la privatizzazione di istituti di credito ed enti pubblici.

da allora i potenti, continuano a lavorare al loro progetto e, il 13 ottobre 1995, il governo italiano, con il Decreto Ministeriale numero 561, pone il segreto su:
“articolo 2) atti, studi, analisi, proposte e relazioni che riguardano la posizione italiana nell’ambito di accordi internazionali sulla politica monetaria…;
d) atti preparatori del Consiglio della Comunità europea;
e) atti preparatori dei negoziati della Comunità europea…
Articolo 3. a ) atti relativi a studi, indagini, analisi, relazioni, proposte, programmi, elaborazioni e comunicazioni… sulla struttura e sull’andamento dei mercati finanziari e valutari…; ecc. …)”.

Giulio Andreotti come presidente del Consiglio assieme al ministro degli Esteri Gianni de Michelis e al ministro del Tesoro Guido Carli firmano il Trattato di Maastrich, con il quale vengono istituiti il Sistema europeo di Banche Centrali (SEBC) e la Banca Centrale Europea (BCE). Il SEBC è un’organizzazione, formata dalla BCE e dalle Banche Centrali nazionali dei Paesi dell’Unione Europea.

Insomma, quanto il Governo sta facendo per realizzare il progetto europeo non si deve sapere, men che meno in ambito di politica monetaria.


Il 4 gennaio 2004 Famiglia Cristiana rende note le quote di partecipazione alla Banca d’Italia. Si scopre così, per la prima volta (le quote di partecipazione di Banca d’Italia erano riservate) che l’istituto di emissione e di vigilanza, in palese violazione dell’articolo 3 del suo statuto (“In ogni caso dovrà essere assicurata la permanenza della partecipazione maggioritaria al capitale della Banca da parte di enti pubblici o di società la cui maggioranza delle azioni con diritto di voto sia posseduta da enti pubblici) è, per il 95% in mano a banche private e società di assicurazione (Intesa, San Paolo, Unicredito, Generali, ecc..). Solo il 5% è dell’INPS.

...

Roberto B. Commentatore certificato 23.07.12 15:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non se ne esce ragazzi, non se ne esce... si deve mettere mano al portafogli...

Riappropriamoci della nostra bella Italia...

Chi pagherà l'enorme debito pubblico sarà il nuovo padrone dell'Italia. Credo che vi sia chi brama a ciò con i soldi rubati in questi decenni (mafie e politicanti in primis, ed i loro amici). Gli Italiani devono fare uno sforzo per riscattare il debito pubblico e ricomprarsi l'Italia. In banca ti danno un mutuo se tu gli dai delle garanzie reali (ipoteche su immobili o pegni su titoli). Ebbene ognuno di noi ha 33 Mila euro di debiti. Chi ha a disposizione questa somma deve prestarla a 30 anni allo Stato con restituzione mensile con interesse giusto (legato alla variazione del potere di acquisto del denaro su un paniere di beni essenziali), ma avere in pegno, sino all'estinzione del debito, un bene dello Stato, sia un'opera d'arte, un immobile, terreni, o loro quote, etc.... Il tutto tramite una piattaforma web che divide tutti i beni dello Stato in quote a garanzia del nostro prestito. Abbattuto il debito di un certo ammontare con questa iniziativa,riduzione dell'IRPEF flat fino al 20% per tutti (annulleremo così l'evasione fiscale, e la abbatteremmo considerevolmente) e contestualmente diminuzione del lordo degli stipendi, pensioni, di tutti, per avere un netto minimo di 1000 euro al mese per tutti (compresi disoccupati, bambini, etc) lo so che la proposta non è facile da digerire. Ma se non lo facciamo noi 5 stelle lo faranno le mafie o le finanze barbare internazionali e saremo tutti schiavi. Comprare il debito per risanarlo da parte nostra con garanzia reale dello stato significa comprare la nostra liberta e sopravvivenza democratica. Io sono pronto a pagare i miei 33k di debito. Mi piacerebbe avere in pegno un quadro artistico... non mancano negli scantinati dei nostri musei...
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/07/riappropriamoci-della-nostra-bella-italia.html

carlo f. Commentatore certificato 23.07.12 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Si si, ma intanto si paga noialtri,poco lavoro, per riscuotere sòn dolori, tutto è aumentato in maniera spropositata....mi spiace ma stò abbandonando l'idea pacificodemocratica.

lorenzo 23.07.12 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Non abbiamo le palle per fargliela pagare.

Io non mi illudo più, anche se spero sempre di sbagliarmi.

Fabio Gianello 23.07.12 15:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Verità sacrosanta.Spero arrivi presto il giorno del giudizio universale

mariuccia rollo 23.07.12 15:27| 
 |
Rispondi al commento

I soliti giornalisti del "piattino"...la crisi spagnola parte dalla bolla della speculazione edilizia..le banche hanno finanziato cani e porci del Partito Internazionale del Cemento...poi le case sono rimaste invendute e sono ritornate in collo alle banche...le banche a loro volta si sono ritrovate con case invendibili..e hanno ricattato i governi,minacciandoli di non rinnovare il credito al Governo attraverso i Bonos!!
Questa è la puttanata clamoroso da quando gli stati hanno perso la sovranità monetaria....
quindi i governi vengono "ricattati" dalle banche e io le banche le lascerei fallire!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 23.07.12 15:18| 
 |
Rispondi al commento

concordo in pieno!!

Paoletto M., Lanciano Commentatore certificato 23.07.12 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Sottoscrivo tutto!

Pasquale_ Caterisano Commentatore certificato 23.07.12 15:15| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori