Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'Unita' non ha prezzo


Unita_finanziamenti.jpg
L'Unità è in crisi economica da anni. A rischio chiusura. Per questo Rigor Montis ha deliberato, nonostante la crisi che sta distruggendo le piccole e medie imprese, ben 5.267.860,38 di euro (per l'anno 2010) di finanziamenti a suo favore. Lo ha fatto per far ripartire l'occupazione. Sarà abbastanza? O si dovrà aumentare la seconda rata dell'IMU? L'opinione dell'Unità non ha prezzo. I contribuenti italiani ringraziano.

22 Lug 2012, 18:11 | Scrivi | Commenti (105) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

I conti non mi tornano
Le fabbriche delle zone terremotate producevano circa il 2% del PIL nazionale e a loro sono state date le bricciole
Quanto PIL produce la carta stampata, visto che gli assegnano cotanti mln di euro?
Eppure è un professore, dovrebbe essere uno scherzo, per lui, trarne le dovuto conclusioni

Piva Marco 01.08.12 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non si organizza due giorni di sciopero del consumo?
Mi chiedo: ne saremo capaci veramente? Forse siamo troppo dentro questa società consumistica.
Beh, comunque proviamoci lo stesso! Io propongo due giorni:sabato 6 e domenica 7 ottobre.
Facciamolo per noi, per i nostri figli e per il Pianeta.

Dario Roncato 30.07.12 22:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poi s'inventano la decrescita! Come se gl'italiani non abbaiano mostrato abbastanza elasticità anche in questo.Ma non è che forse loro insistono con questa decrescita per farcela entrare bene nella nostra zucca ? è per far capire bene il concetto per chi è duro di comprendonio. Decrescere,decrescere sempre ci dicono ed è chiaro che il messaggio è per noi umili cittadini.Noi sempre più in forma con la linea fino ad assottigliarci come spaghetti e loro GRASSONI a controllarci affinchè la dieta vada avanti!!!!!!

raffaele ., sorrento Commentatore certificato 25.07.12 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Sono molto preoccupata, non ci capisco molto, ma sento che noi genitori dobbiamo saldare il mutuo della figlia 46 mila euro rimasti da pagare alla banca. Può succedere che, se L'Italia va in default, i pochi soldi che abbiamo in banca spariranno e la prima cosa che faranno, si riprenderanno la casa che vale molto, molto di più. O sbaglio?

Regina R., Riccione Commentatore certificato 24.07.12 15:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

abbiamo vomitato anche l'anima, PORCI COMUNISTI, vi siete mangiato e bevuto un paese, avete imbottito la pubblica amministrazione, sia statale che periferica, di parassiti a stipendio fisso, coloro i quali dicono di pagare le tasse ma, è solamente una ritenuta alla fonte e quindi una partita di giro, di carta come l'economia finanziaria quotata in borsa...PORCI COMUNISTI...

aldo delli carri 24.07.12 13:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Via il finanziamento ai giornali e si vedrà cosa gli italiani leggono per informarsi,Sono abbonata dal primo numero al Fatto Quotidiano e non mi pentirò mai dei soldi che spendo volontariamente per leggere questo giornale che non guarda in faccia a nessuno.

bruna guerrini 24.07.12 12:09| 
 |
Rispondi al commento

in italia la democrazia e solo di facciata, io non capisco chi va a comprare un giornale? se non è di parte ovviamente.in questa nazione non ci si può fidare più di nessuno,oltre ai nostri stessi simili esseri umani, poi da buttare magistrati,funzionari dello stato,ministri,politici ecc.se poi pensiamo,che in questa nazione ci sono giornali di sinistra e giornali di destra, allora si capisce che non ci sarà una sola verità, ma 2,3,4 e così via.allora mi chiedo come possiamo pretendere giustizia o avere quanto meno la verità,in questo paese disastrato?l'unico rimedio e quello di non andare piu a votare, e l'altro e di non comprare piu questi giornaletti della propaganda statista.e vergognoso ricordo ancora l'intervista della cesara,che io sonsideravo una delle poche giornaliste serie che ci sono in italia, ma l'intervista con il de mistura mi ha fatto veramente ricredere,e di dire che non ci sono piu giornalisti in italia, solo portavoci del regime.in occasione dell'arresto dei due marò in india,la cesara era allineata e coperta mai una sillaba fuori posto, eppure una domanda a quell'essere l'avrei fatta così : ma se erano 6 i marò su quella nave, come mai hanno arrestato solo loro due? e ancora: ma avete contato le munizioni e i fucili in dotazione ai marò? hanno sparato si? o no? solo dalle risposte potevamo risalire alla verità immediata, cosa che già un'idea ce la siamo fatta tutti noi gente seria.perchè succedono queste cose? come poliziotti che picchiano anziani,donne,bambini,violenza gratuita,e semplice,perchè chi fa parte delle forze dell'ordine(includo tutte vigili urbani,carabinieri,finanza ecc)entrano per via delle RACCOMANDAZIONI, o se preferite SEGNALAZIONI,vanno là solo per rubarsi lo stipendio(la maggior parte,ma non tutti)e secondo voi,uno che entra senza avere dei requisiti fondamentali come il rispetto verso gli altri,come può avere il senso del dovere e il senso dello stato? l'italia e tutta da rifare.

giorgio gurrieri 24.07.12 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Ci voleva proprio un governo tecnico per far proseguire i finanzianti ai giornali.. Questo governo è il peggiore di questi ultimi 50 anni. conoscono tutto, tutte le verità finanziaria che hanno rovinato il nosto stato e non fanno nulla per la crescita, sanno solo tassare i più deboli e poveri... Cosi sono buoni tutti!! Una volta si diceva governo ladro, ora si dice governo infame.
Davide

Angelini davide 23.07.12 23:53| 
 |
Rispondi al commento

Se finora qualcuno ancora si illudeva che il PD fosse un partito di opposizione ... gli aiuti ai giornali di partito sono la cartina di tornasole per capire chi sta con chi: i partiti tutti sono attaccati alla stessa greppia, arraffando indegnamente le entrate dello Stato non per far funzionare il Paese ma per i loro sporchi interessi, indifferenti ai sacrifici chiaramente inutili dei contribuenti che questi cialtroni di politici di mer... schiacciano con tasse e balzelli di ogni tipo. Ma quando avranno divorato tutto il Paese crollerà e li seppellirá.

Graziano Priotto, Radolfzell Commentatore certificato 23.07.12 20:49| 
 |
Rispondi al commento

“Il Presidente della Repubblica può nominare senatori a vita cinque cittadini che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario”. Così recita il secondo comma dell’articolo 59 della nostra Costituzione.
ma.....al novembre 2011 la situazione era:
ANDREOTTI, NAPOLITANO, LEVI MONTALCINI, SERGIO PININFARINA, EMILIO COLOMBO, ai quali si è aggiunto MARIO MONTI...D' accordo, il buon Pininfarina è passato a miglio vita, ma nel 2012 !!!!!! Per cui, a meno che Napolitano non si sia dimesso...la nomina di Monti è incostituzionale...

giorgio dorio 23.07.12 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Non bisogna acquistare più i quotidiani! Se ne può fare benissimo a meno. Pensate che leggere le idiozie che abbondano in quelle pagine possa migliorare le nostre misere esistenze?
Fermiamo il finanziamento pubblico ai giornali (e ai giornalisti)

Anto N. Commentatore certificato 23.07.12 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Risulta evidente chi è che legge L'UNITA':
quasi tutti gli iscritti a questo blog.....
Leggo solo un commento oltre al mio.
Ma "giustamente" in Italia i giornali ed i giornalai del partito Comunista non si possono toccare ne' tantomeno essere messi in discussione.
Sono più uguali degli altri.
Beppe! Ci meritiamo questa Italia.

Nubiru sa 23.07.12 17:12| 
 |
Rispondi al commento

L'idea che ,un giorno , questi signori possano essere giudicati per i crimini commessi a danno della comunità Italiana mi rende felice molto . é da quasi tre anni che vado ripetendo questo concetto . L'averlo visto scritto fra le iniziative de M5S mi ha reso felice e più partecipe . forza ragazzi ...avanti tutta

Gabriele Pecoraro (nonnipama), pesaro Commentatore certificato 23.07.12 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,
venerdì sono tornato da Berlino dove ho passato qualche giorno di ferie.
Mi hanno stupito 2 cose:
1 - le infrastrutture : TUTTE le strade hanno una pista ciclabile ed il sistema di trasporti pubblici è veramente impressionante per efficienza

2 - la "Ostalgia" (ovvero Nostalgia dell'Est): sembra fuori dal mondo, ma molti tedeschi dell'Est vorrebbero tornare alla situazione che c'era prima della caduta del Muro.
E forse, vista l'attuale situazione economica globale, non hanno tutti i torti: la DDR aveva una economia interna spaventosa, con un tasso di disoccupazione bassissimo ed uno Stato Sociale che farebbe rabbrividire la Fornero.

La Germania Est produceva la quasi totalità dei suoi beni internamente (dalle macchine fotografiche, alle auto, dai giochi per bambini, ai vestiti, dalle scarpe alla Coca-Cola,...).

Forse una delle soluzioni dell'attuale crisi economica potrebbe essere proprio il ritorno a questo modello che la globalizzazione ha spazzato via:le economie nazionali sono state ormai drogate dall'importazione senza regole di beni prodotti nei paesi emergenti con costi assolutamente non paragonabili a quelli che sono i costi di produzione occidentali.

Per carità, la mia non vuole essere una esaltazione del modello DDR, anche perché la libertà di pensiero in quello stato non è che fosse proprio così elevata: ma siamo proprio sicuri che le nostre "democrazie", impostate sugli attuali sistemi economici, si possano veramente considerare tali?

E siamo proprio sicuri che, avendo come unico paletto fermo il capitalismo sfrenato, esse possano veramente condurci fuori da una crisi che invece sta per travolgerci tutti?

Domenico C. 23.07.12 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Come mai quelli dei centri sociali con bandiere di rifondazione non vanno davanti a montecitorio?
Con che cosa vive questo partito?
Vero sig Paolo Ferrero!

A.T 23.07.12 16:12| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché nessun partito della cosiddetta Sinistra italiana si impegna a realizzare in cinque anni almeno quello che Hollande ha realizzato in cinquantadue giorni?

GIUSEPPE CENTRONE 23.07.12 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Bonjour,la Grecia che tutti vogliono fuori dall'euro(in primis i tedeschi) é il paese che spende il 3% del PIL per acquisto di armi.Uno dei paesi al mondo che spende di più per armamenti.
Una spesa folle di circa 7 Miliardi di euro, mentre taglia stipendi e stato sociale.Un paese sull'orlo del fallimento economico si permette il lusso di spendere miliardi di euro per acquistare 60 caccia Eurofighter pari a 3,9 miliardi di euro,4 miliardi per l'acquisto di fregate francesi, 400 milioni di euro per motovedette tedesche.
A fronte di un taglio dello stato sociale pari al 18% del PIL/2012.
Ora tutti vorrebbero il ritorno della grecia alla dracma; dopo avere spremuto il paese ora l'europa lo scarica,lo lascia alla deriva.
E allora bisogna suggerire ai greci di non acquistare armamenti dalla germania o dalla francia,e se già acquistati di pagare questi armamenti in dracma.
Bisogna finirla di comprare armi e armamenti. Questo vale anche per il nostro paese.
Prommuoviamo un referendum per impedire al nostro paese di acquistare armi.
La NATO non può obbligare gli stati a comprare armamenti.
Destiniamo questi miliardi allo stato sociale, all'ambiente,al lavor,agli investimenti produttivi,allo sviluppo del turismo,all'aumento delle pensioni.
Saluti

ANTONIO B., Latina Commentatore certificato 23.07.12 15:48| 
 |
Rispondi al commento

OLTRETUTTO HA COME EDITORE QUEL TRUFFATORE DI SORU,CHE SOLO GRAZIE ALL'ENTRATA NEL PD HA EVITATO LA FINE DI TANZI

andrea bruno 23.07.12 14:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi chiedo se vi rendete conto che per mantenere dei privilegiati noi ci spacchiamo il culo tutto il giorno siamo cornuti e mazzieri...dobbiamo muoverci noi poter togliere ai ricchi e redistribuiti tutto a chi veramente lavora...

Beppe Colombo 23.07.12 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Per far parlare bene di loro devono pur pagare!!!

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.12 13:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VENEZIA – Un facchino musulmano di un hotel di Venezia si dimette non sopportando di prendere ordini da una donna: gli salvano il posto affiancandogli un maschio. Protagonista della vicenda un egiziano dipendente del Danieli che si era licenziato per non subire «l’onta» di ricevere disposizioni da una governante.

L’uomo aveva quindi lasciato il celebre hotel ma non trovando un altro lavoro si è ripresentato alla direzione che tenendo in grande considerazione il lavoro dell’extracomunitario lo ha riassunto garantendogli che nei suoi turni si troverà a fianco, oltre alla donna, un collega maschio che gli comunicherà gli incarichi. La «mediazione», come indica Il Gazzettino, è andata a buon fine e l’uomo è tornato regolarmente al suo posto.

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2012/23-luglio-2012/niente-ordini-una-donna-facchino-musulmano-si-licenzia-2011131341738.shtml

Vergogna. Dove sono le presunte femministe, perché non sono con i loro cartelli sotto questo hotel che, per inchinarsi al multiculturalismo, discrimina le donne?
Un hotel da boicottare, e vergogna al Corrierino che parla tanto di ‘donne’ ma in realtà, solo in funzione disgregatrice. Quando pero’ si tratta di immigrati, allora le donne sono solo oggetti.
SEcondo me bisogna prendere posizioni anche su questa cosa VERGOGNOSA

Claudio Gozzi 23.07.12 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Informazione libera ed autosostenuta. Basta a servi del potere.

Massimo Cecconi 23.07.12 13:13| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe devi mettere sul tuo sito e diffondere alla tua maniera quello che e' successo in islanda. su youtube digitare; l'islanda cancella il debito. Oppure: l'islanda risolve la crisi ma i media non ne parlano.

paolo allegrini 23.07.12 12:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E per leggere cavolate poi...avete letto la prima pagina?(io l'ho fatto tramite le rassegne tv...mica la si puo' comprare)mentre in tutti i giornali si sottolineava che il 20% dei contratti sono a tempo indeterminato loro scrivevano esattamente il contrario....fantastico

Salvatore Gulisano 23.07.12 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Da circa una settimana non compro più il giornale quotidiano, mi sono accorto con mio grande piacere che ne posso benissimo fare a meno.La guerra è lunga per cambiare il paese,a me hanno sempre detto che se sei in deficit vai in fallimento, lo stato di certo non ti aiuta,mentre vedo che aiuta i parassiti della società senza vergogna.Quante leggi da cambiare, e quanti carceri da costruire,non vedo l'ora che si vada a votare.

Sebastiano O. Commentatore certificato 23.07.12 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno come me pensa che questa non è una crisi economica ma è una vera e propria guerra, senza carri armati e senza sangue ma con il vero scopo di appropriarsi delle cose e decisioni altrui?
Più in particolare, in ballo, la cosa più appetibile di tutto questo è la " SOVRANITA' NAZIONALE", OVVERO DECIDERE E COMANDARE A CASA ALTRUI proprio come conquistare una nazione in guerra.
Con la scusa dei vari debiti, dei vari spead, del poco lavoro, del poco denaro circolante...insomma con la PAURA tentano di fare accettare alla gente cose e concetti diversamente inaccettabili.

COSA NE PENSATE?
Un saluto a tutti.

Marco P., reggio emilia Commentatore certificato 23.07.12 11:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non è questione di sprechi!ma di mantenere in vita il "sistema" informativo definito "garante della pluralità" delle posizioni politiche contrapposto a quello, deontologicamente proprio della professione giornalistica e finalizzato a garantire la "correttezza" della informazione.Quest'ultimo sistema impone al giornalista la diffusione di notizie in maniera corretta e strettamente legate alla realtà dei fatti attraverso la diffusione delle quali, l'utente sulla base della propria capacità critica, sviluppa le proprie opinioni politiche e la espressione del suo voto.Questo sistema è definito Servizio pubblico di informazione, anziche privatistico (dei partiti e lobby).Il primo sistema invece fornisce direttamente le opinioni politiche sui fatti ,espresse dalle varie partitocrazie e lobby di potere,che vengono imposte all'utente.Il quale viene privato della informazione del fatto reale e assuefatto ad una realtà virtuale e ipotetica oltre che assolutamente limitata.Se ne deduce che la "pluralità della informazione" è in verità del tutto ristretta a quelle posizioni politiche ed ideologiche espresse da quelle lobby che riescono,legalmente od illegamente, ad avere accesso a questi strumenti di divulgazione,perlaltro limitatissimi dal punto di vista tecnologico, perche legati a fattori materiali,come la carta ed al tempo che impongono anche l'intervento di un limitato numero di giornalisti e quindi di opinioni.Anche i siti web ad essi riferiti, subiscono la limitatezza della impostazione ideologica dell'editore ma con la differenza che questi possono godere del finanziamento pubblico.Se lo stato volesse garantire effettivamente la cosiddetta PLURALITà DELLA INFORMAZIONE dovrebbe finanziare ogni singolo blog di informazione di ogni cittadino che volesse eprimere la sua opinione politica che tra le altre cose è sempre più distante e distinta da quella che continua ad essere espressa da questi partiti politici.

Shaulos 23.07.12 11:35| 
 |
Rispondi al commento

E la televisione dove la mettete? E' finanziata con il contributo di tutti gli italiani soltanto per mistificare la realtà e farci credere ciò che i cialtroni al governo. E, se ciò non bastasse, liquida uno stipendio di 650.000 euro all'anno (1.780 euro al giorno!!) al direttore generale e 450.000 (1.232 euro al giorno!!) alla presidente. Senza contare i compensi milonari alle varie attricette e pseudopresentatrici che ci deliziano le serate mostrandoci le cosce.

Giovanni Africa, Reggio Calabria Commentatore certificato 23.07.12 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Una vera vergogna.

Maurizio

Maurizio Gazzaniga 23.07.12 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Monti deve accontentare tutti, tranne noi poveri cristi.

claudia p. Commentatore certificato 23.07.12 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Lo Stato non deve prendere soldi ai cittadini impoveriti ed indebitati per elargizioni a niente e nessuno. E spero M5S vorrà togliere dal programma il progetto di sostenere le associazioni no profit. Tra l'altro queste porcherie di contribuzioni vanno soprattutto a donare ricchi stipendi a manager servi ed incapaci anzichè a sostenere settori in crisi.

roberto d'iseppi, verona Commentatore certificato 23.07.12 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Ma Claudio Sardo perchè non se lo paga D'Alema che l'ha messo lì..
questi fanno i fr*ci col c*lo degli altri..

gianni frascogna Commentatore certificato 23.07.12 10:22| 
 |
Rispondi al commento

ma robe da matti

FRANCO ruggiero 23.07.12 10:11| 
 |
Rispondi al commento

L'Unita' non ha prezzo ,per tutto il resto c'e' italiancard.

Sabrino Di Renzo, Gradara Commentatore certificato 23.07.12 10:01| 
 |
Rispondi al commento

ieri sera un film dove due pistoleri entrano su un fortino per fare abbeverare i cavalli, vanno via senza avere bevuto, balena l'idea che siano entrati per qualche altro scopo! ora, nonostante il bisogno di entrate, la TARSU non viene pagata da molti, i veicoli viaggiano senza assicurazione, IMU non pagate perchè le case non sono catastate...solo dietro qualche incidente le forze dell'ordine scoprono che alcune auto viaggia senza assicurazione, ora basta poco,l'evasione di queste tasse può essere scoperta a...tavolino, quindi lo scopo della crisi è ben altro...dimenticavo, tutto invecchia e necessita di adeguamento e trasformazione per la celerità che stiamo vivendo, ...la borsa secondo me ha fatto il suo periodo.

totò c. 23.07.12 09:25| 
 |
Rispondi al commento

Spread in apertura....sicuramente farà un balzo in avanti...almeno a 515-520....per forza aumenta..un paese che Finanzia la carta stampata con i soldi pubblici, non può avere un buon outlook economico positivo...quindi prepariamoci ormai l'euro si romperà almeno in due valute...!
Ciò rappresenterà un male peggiore del ritorno alla Liretta!...

roby f., Livorno Commentatore certificato 23.07.12 08:35| 
 |
Rispondi al commento

Certe gestioni mi ricordano i gerarchi dell'istituto LUCE, che finanziavano i media dell'epoca !..

.. la realtà è che non andrebbero chiusi i giornali indipendenti, fatti da giornalisti seri ..

.. invece con i finanziamenti mirati, dati ai giornali di parte, sono costretti a chiudere o non aprire le testate indipendenti, che in un mercato che NON è normale , non possono reggere la concorrenza di quelli che guadagnano con i finanziamenti anche se ci rimettono, nella gestione ..


cordialmente

Roberto B. Commentatore certificato 23.07.12 08:32| 
 |
Rispondi al commento

Volete eliminare tutti gli sprechi che ci sono in Italia? ...Bravi! Ci sto anch'io. Ma per ogni spreco eliminato ci saranno decine di migliaia di impiegati da licenziare: a quel punto la disoccupazione reale sara' del 60 per cento. Voi avete qualche idea concreta per dare un lavoro a tutta questa gente?

Il Misantropo 23.07.12 08:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questi finanziamneti fanno bene alle aziende in crisi, aiutano la ripresa, gioiscono gli imprenditori in difficoltà che pagano le tasse ed esultano i licenziati delle fabbriche che chiudono..

Vittorio ., Sondrio Commentatore certificato 23.07.12 08:30| 
 |
Rispondi al commento

Ogni copia di questi giornali è un piatto di minestra rubato a un pensionato al minimo. Ogni giorno si distruggono foreste per leggere opinioni dettate da autoerotismo. Ci manca l'aria. Il sole oggi non scalda, brucia, mi diceva giorni fa un vecchio contadino di Otranto. E' bello fare i giornalisti assistiti, magari atteggiarsi a demiurghi e saccenti e spesso a rivoluzionari. Fossimo in democrazia sapremmo lo stipendio di Sardo, di Ferrara e degli altri giornalisti di regime. Perché non vi confrontate col mercato? Francesco Greco (free-lance)

Francesco Greco 23.07.12 08:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma non avete ancora capito! Di cosa state discutendo, dell'aria fritta?
Sono anni che TOLGONO AI POVERI PER DARE AI RICCHI!
Dati ISTAT il 10% degli italiani possiede il 50% della ricchezza nazionale. Non me lo invento io!Ci stiamo avviando a livello di quei Paesi impoveriti dell'Africa governati da dittatori corrotti. Solo che quì siamo governati (anche a livello regionale) da Massoni, banchieri,faccendieri,politicanti,"tecnici" trasformatisi in oligarchia di potere che pagano i media per garantirsi consenso e privilegi

Leone de Grassi 23.07.12 08:02| 
 |
Rispondi al commento

Corrisponde all'incasso IMU di una città media di 50000 abitanti tipo Lecco!!!

mario mario Commentatore certificato 23.07.12 07:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La chiusura di un giornale,evento pericoloso?????
Come disse un grande scrittore italiano(BUSI)è uno dei pochi segni di civiltà dell'italia"la chiusura dei giornali".
Imparare dai grandi!!non dai mentecatti assistiti!!

al rossi Commentatore certificato 23.07.12 01:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA CHIUSURA DI UN GIORNALE E' SEMPRE E COMUNQUE DI PER SE' UN EVENTO DECISAMENTE TRISTE E PERICOLOSO ... SALVO POCHI CASI (FOGLIO, LIBERO, IL GIORNALE), MA SI TRATTA DI CARTA STRACCIA. UN TEMPO L'UNITA' ERA FATTA DA GIORNALISTI CON LA G MAIUSCOLA CHE AVEVANO UN 'IDEA, CONDIVISIBILE O MENO CHE FOSSE E LA DIFFONDEVANO. RIVEDETEVI LA STORIA DI QUESTA TESTATA. PER ME DEVE RIMANERE IN VITA: SIAMO L'UNICO PAESE D'EUROPA SENZA UN PARTITO SOCIALISTA E UN PARTITO COMUNISTA (=SENZA SINISTRA): I RISULTATI SONO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. LE CRITICHE ALL'ATTUALE LINEA EDITORIALE PERALTRO SONO GIUSTIFICATE, MA E' IL PATRIMONIO CULURALE CHE ESSA RAPPRESENTA CHE NON VA DISPERSO.

riccardo ivani, savona Commentatore certificato 23.07.12 00:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non lo chiamo Unità ma Umiltà è un ottima carta per il cesso a patto di farla scrocchiare bene

giorgio sornicola 23.07.12 00:26| 
 |
Rispondi al commento

la cosa bella e che certi giornali sono o meno letti vengono stampati ugualmente indifferente da quello che è la loro sorte!
questo produce un grande spreco di risorse portando ad un grande aumento non giustificato dei prezzi..
poi chiaramente la stampa dei giornali influisce sul prodotto interno lordo,e in maniera inevitabile sullo spreed..
ma i giornali producono occupazione?
NO!
il numero di persone che servono alla stampa e alla grafica e estremamente limitato parliamo di qualche centinaio si e no!!
a riempire le pagine occorrono persone che dicono stronzate (i politici) e altre che le scrivono (i giornalisti) e altri che fanno la foto al politico,e al giornalista mentre dicono e scrivono la stronzata (il paparazzo) poi c'è uno che mette insieme dieci di queste stronzate per foglio,ed un altro che approva il foglio (il direttore) e poi c'è uno che mette insieme tutta una serie di fogli (che non so chi sia)
poi si va alla stampa dove il giornale viene prodotto in serie! la stampa viene effettuata tramite una speciale stampante e serve uno che mette i fogli (il mulettista) due o tre che mettono i coloro (i litografi) e una mezza dozzina che creano le confezioni da spedire poi alle edicole della città dove saranno distribuiti e quindi venduti!
poi ci ci sono (purtroppo alle volte capita) i coglioni che li leggono e bevono le loro stronzate (i barboni)
se vi fate il conto sono in tutto un centinaia di persone.. che guadagnano i miei soldi per fare quello che meglio credono!! produce lavoro? no!! produce la riduzione delle foreste! il che se vi fate il conto nel 2012 l'era dei computer delle dimensioni di una mano.. si evince che stiamo inguaiati!! per dare a campare quattro stronzi stiamo distruggendo il nostro pianeta e con essa il sistema che lo tiene in equilibrio.. basta cazzo!! BASTA!

Mimmo G., cardito (NA) Commentatore certificato 22.07.12 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Ah dimenticavo..

Perchè non parliamo degli invisibili della TV?
Non ci sono solo giornali a essere finanziati.

C'e un intera categoria di mummie che conduce programmi, telegiornali, e trasmissioni che nessuno ha mai chiesto e voluto.

La mia tassa per pagare i vari Carlucci, Sgarbi, Giletti, Vespa e Jabba the Hutt Ferrara.
Ma ci rendiamo conto che hanno vissuto sulle nostre spalle e con il nostro tacito silenzio!

Ogni anno dobbiamo essere minacciati da questi usurai della TV che giudicano pure la nostra solvibilità dietro quelle orrende campagne pubblicitarie del CANONE RAI.

Avessimo almeno il diritto scegliere i nostri Strozzini..

Ora ci stiamo preoccupando dei Giornali e ci scagliamo contro tutti, dimenticando questa Pattumiera che non viene mai differenziata!

...E quel altra vuole querelare chi gli permette di gonfiarsi la vecchiaia...

alex r., torino Commentatore certificato 22.07.12 23:48| 
 |
Rispondi al commento

UNITA DI CRISI ROSSO SANGUE.

Non c'e carta igienica che tenga.
Primo, secondo e terzo strato.
Carta semplice, o "sofficientemente morbida".
Il culo quando è sporco va pulito.

Un giornale come "L'unità" bistrattato nella sua storia perché voce di un partito comunista ben rappresentato, si ritrova oggi ristilizzato, ma nel calderone delle truffe rimborsate.

Ma oltre a questo, la causa principale dello scongiurato fallimento è la morte delle vere ideologie amplificate da coloro(i politici) che hanno scritto su questi giornali negli ultimi venti anni.
Oggi del resto,in una società fruitrice della rete,come possiamo regalare milioni d'informazioni ad una nicchia di lettori.
L'unità rappresenta una piccola parte di un mondo che sta scomparendo.
Ma purtroppo da anche prova di come le nuove generazioni siano ingabbiate in una società vecchia.
Noi giovani abbiamo bisogno di uscire da queste gabbie, una volta per tutte.
Siamo ancora rappresentati da giornali che utilizzano codici d'informazione arcaici e oltretutto faziosi.

Tutti questi soldi sprecati, sarebbero stati utile per realizzare nuovi posti di lavoro.
E' questa è la cosa più umiliante di un FALSO finanziamento pubblico.

alex r., torino Commentatore certificato 22.07.12 23:36| 
 |
Rispondi al commento

facciamo un'appello a quei bravi (pd etc)comunisti che oltre a pagare 1 € per le pimarie sgancino an che 10 € per la restituzione dei "nostri soldi"!!

paolo zucca 22.07.12 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Monti dovrebbe finanziare anche la stampa della carta da culo,sarei disposto a pagare anche di più,ma almeno sarebbe bella da usare,l'Unità non serve neanche a questo,purtroppo.
Vabbè ''tengono famiglia'',prendono la paghetta e in base a questo scrivono,siamo in italia.

al rossi Commentatore certificato 22.07.12 23:34| 
 |
Rispondi al commento

Ma questo Monti mi ricorda non molto vagamente, lo si riconosce dal manierismo che lo distingue, il beccamorti. Questo premier abusivo non e' ne' tecnico ne' politico. E' il solito arruffone entrato in fibrillazione che, gia' da un pezzo, fa dichiarazioni insensate, spesso delle mostruosita' prive di raziocinio, vere e proprie castronerie. E' caduto anch'egli nella palude italiota. E' bollito. E i sacrifici che sta imponendo agli Italiani alla stregua dello sceriffo di Sherwood non possono diventare becchime per i soliti capponi rossi, verdi e gialli solo perché se li deve tenere buoni . Siamo veramente all'assurdo.

Salvatore Giannasso 22.07.12 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna ricordare che l'Unità, quando era direttore Veltroni, fu il primo giornale italiano a vendere in allegato le videocassette dei film, ricordate? Loro le vendevano con IVA al 4% e tutte le videoteche d'Italia con IVA al 20%. Questo permetteva loro di venderle a meno e ciò causò la chiusura di molti punti vendita specializzati. In pratica questi cittadini/negozianti furono rovinati da una concorrenza sleale che veniva fatta utilizzando i loro stessi soldi (i soldi delle loro tasse che diventavano contributi all'editoria). Un altro esempio per far capire che chi vuole fare affari in Italia onestamente perde solo soldi ed è sostanzialmente scemo.

Danilo Sindoni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.07.12 23:10| 
 |
Rispondi al commento

...Detto molto semplicemente: è una vergogna!

C' è chi non ha nulla! Ripeto c ' è chi non ha nulla! E ingenti somme di denaro Pubblico che potrebbero essere utilizzate per aiutare fattivamente gli "ultimi", e chi soffre veramente la povertà, vengono elargite invece alle solite caste di amici degli amici...

"Movimento 5 Stelle": avanti tutta! Fare pulizia e lavorare per la giustizia sociale nel Nostro Paese!

http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/07/14/foto/la_coda_infinita_al_pane_quotidiano_e_in_viale_toscana_arriva_la_transenna-39060041/1/

Lux Luci 22.07.12 23:09| 
 |
Rispondi al commento

Niente più soldi ai giornali.I giornali non servono più, chi vuole informarsi guardi la tv, o lo faccia attraverso internet.Andassero pure loro a raccoglire pomodori a 15 euro dalla mattina alla sera, e non ne parlano. Sono solo e tutti a disposizione dei partiti e scrivono quello che gli si dicedi scrivere.

pino 22.07.12 23:08| 
 |
Rispondi al commento

oltre ai contributi per l'editoria, ho letto in giro sulla rete che nel bilancio del pdmenoelle c'è scritto che il partito abbia devoluto una parte dei finanziamento pubblico (pardon, rimborso elettorale) per sostenere il giornale in difficoltà.

questo è un esempio di stampa libera e indipendente.

Simone90 P. Commentatore certificato 22.07.12 23:06| 
 |
Rispondi al commento

si ma qui bisogna informare. dire a chi compra l'unita' che lo paga due volte, e che magari lui è disoccupato mentre il governo regala miliardi ai giornali. e' uno scandalo che pero', va detto, da anni solo pochi pochi pochi condannano. Dove eravate tutti quando non si raggiungevano i quorum ai referendum ?

Luca S., Toscana Commentatore certificato 22.07.12 22:57| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti!!!Al Foglio di Ferrara due milioni e passa di euro e all'Unità più di 5 milioni di euro.Dobbiamo fargli anche le reverenze qundo li incontriamo adesso???Sempre che ci ramnga la forza di fargliele e sempre che restino i soldi pe andare in giro...

IDA PASSUCCI, BERGAMO Commentatore certificato 22.07.12 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Come imprenditore sono proprio contento che abbiano foraggiato per l'ennesima volta un giornale che come tutti gli altri giornali è al servizio della politica che ci ha ridotti sul lastrico. E' proprio una soddisfazione sapere che i soldi delle tasse che paghiamo in modo così abbondante da renderci i campioni del mondo della tassazione vengano distribuiti per mantenere i privilegi della casta. Fin che dura ne approfittino perchè poi dovranno rispondere delle loro malefatte e rendere tutto il maltolto.

Riccardo ., Rossano Veneto Commentatore certificato 22.07.12 22:23| 
 |
Rispondi al commento

il treno italia ha bisogno di carburante,la strada e' segnata,le persone giuste siamo noi semplici cittadini,bisogna cambiare il conducente.

gaetano 22.07.12 21:52| 
 |
Rispondi al commento

Eh, il pensiero profondo di un Toni Jop (ma che cazzo di nome ha questo????)non ha prezzo.
Toni Jop è la testa di legno(legno,per non ripetere la parolaccia)utilizzata da L'Unità per demolire il Movimento 5 stelle.In confronto con la Zaccariello del Fatto questo è un vero fenomeno,che per non essere smentito ha filtrato i commenti riguardanti i suoi articoli.
E io pago!

Baldo . 22.07.12 21:37| 
 |
Rispondi al commento

non è facile svegliarsi e rendersi conto che da 20 o 30 anni ci hanno preso per il culo e che il mondo che ci raccontano non è mai esistito... non è facile immaginare che cè un mondo tutto da rifare dopo essere stati lobotomizzati per tanto tempo dove ci hanno insegnato che questo è il migliore dei mondi possibili e che per salvarlo dobbiamo essere pronti a qualsiasi sacrificio... brutto momento questo risveglio... comunque complimenti alla direttrice... a proposito ma quanto prende di stipendio lei ? o non è più lei la Conchita la direttrice ?

marco 22.07.12 21:20| 
 |
Rispondi al commento

Sono preoccupato... Nonostante ciò che accade alla nostra economia i signori del potere continuano con la loro arroganza e complicità... 650 mila euro al LORO direttore sai... La legge anti corruzione? Ridimensionamento dello stipendio? E sinceramente non ho neppure voglia di continuare per dire cose GRAVI che già sappiamo! Saluti a tutti. Beppe spero nei sani principi di CHI SOFFRE. LUIGI

IGIUL MAIO, firenze Commentatore certificato 22.07.12 20:59| 
 |
Rispondi al commento

E questa sarebbe la libertà di stampa in Italia?
Lo STATO - ossia noi cittadini con le tasse-dobbiamo finanziare L'UNITA' - secondo MONTI per il 2010 con Euro 5.267.860,38. E secondo Voi l' UNITA' è libera anche di pubblicare notizie contro lo STATO ?? O le medesime sranno sottoposte al vaglio di qualcuno per dare il suo placet ? Bisogna salvare l'Unità- perchè gli operai delle Industrie che chiudono sono figli di N.N. ? E' pazzesco . ai limiti della follia collettiva.- E poi io devo pagare anche il prezzo del giornale se lo compro - ma il contributo lo pago egualmente, MA STIAMO SCHERZANDO - Tutto questo per salvare ed arricchire i politici che lo gestiscono ???
NO !!!! A chi vanno ogni anno i miliardi della pubblicità inserita nell'UNITA'???
BISOGNA RIVEDERE TUTTO !!!!!!!!!!

Vincenzo FAZZARI 22.07.12 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Quegli'ipocriti del PCI poi PDS poi DS poi PD sono sempre vissuti con i soldi di qualcuno in primis l'URSS, poi l'oro di Mussolini cioè degli italiani illusi dal fascismo e poi quelli illusi da Stalin e dal comunismo. Quindi gli attuali catto comunisti all'acqua di rose bacia culo del clero con i milioni e gli yacht ed i salotti radical chic collusi con i mafiosi ed i corrotti: andatevene tutti affanculo assieme alla vostra Pravda. Avete ciucciato abbastanza dalla tetta dello Stato e continuate ad illudere chi in buona fede crede ancora in voi cadaveri putrefatti e chi vi da corda!

Giorgio Tavella, IMPERIA Commentatore certificato 22.07.12 20:46| 
 |
Rispondi al commento

I politici hanno creato una sorta di democrazia(falsa) nella dittatura che viviamo. Si perchè quella che viviamo non è democrazia. La democrazia vera è quando un governo, uno stato ascolta il suo popolo. Con decreti che vanno sempre a discapito dei cittadini, ci hanno rovinato l'esistenza, compresa quella dei nostri figli e dei loro figli che verranno questi delinquenti collusi con la mafia. E' ora che che il popolo si riprenda quello che gli appartiene. Dobbiamo cancellarli tutti questi partiti mafiosi, sono tutti uguali. Sono tutti ricchi e ricchissimi i politici italiani e c'è gente che muore di fame, Ladri! Avanti col movimento 5 stelle.

Pino 22.07.12 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Con quei soldi ci si poteva finanziare 50 PhD at alto impatto scientifico.

Siamo invece costretti a pagare l'IMU per foraggiare un manipolo di giornalisti parassiti che scrivono sapendo che nessuno leggera' i loro articoli.

Che vergogna!

THX 1138

Roberto Duvallo 22.07.12 19:59| 
 |
Rispondi al commento

http://www.subito.it/offerte-lavoro/autista-padroncini-rimini-39541292.htm
http://www.subito.it/offerte-lavoro/autista-padroncini-rimini-39541292.htm.
Salve sono un autotrasportatore della provincia di Reggio Emilia , sono 4 anni che rincorro la normativa per mantenere aggiornata la mia posizione all'albo trasportatori, quando su questi siti cooperative inseriscono i padroncini senza requisiti trattenendo il 20% del loro fatturato a molto altro togliendo il lavoro a gente che a speso migliaia di euro per regolarizzare la propria posizione e lavorare in regola .Spero che potete portare questa protesta al ministero dei trasporti per i controlli appropriati. Saluti

Gennaro Palumbo 22.07.12 19:24| 
 |
Rispondi al commento

quante attività hanno già chiuso e altre sono a rischio chiusura? ma ai vertici questo non interessa!!!!! è proprio un paese di M. dove ineressa a loro i soldi ci sono, e noi, comuni mortali, continuiamo a pagare. ci stanno spremendo!!!!!!!!!

stefania r., bologna Commentatore certificato 22.07.12 19:20| 
 |
Rispondi al commento

Bonjour, ho diffuso l'Unità per tantissimi anni quando ero iscritto al PCI.Si andava ogni domenica mattina a venderla nelle case o nei mercati a diffondere il giornale del PCI fondato da Antonio Gramsci.Sono passati più di 37 anni.
Ora c'é una cosa che non ho mai capito.Il capitalsimo italiano é stato davvero un capitalsimo strano,anomalo.Uno apre una azienda,
se la apre nel Sud ottiene i soldi dalla Cassa del Mezzogiorno,uno crea una associaizone culturale e per ffarla funzionare chiede e ottiene i soldi dalla Regione o dal Comune.Uno fonda un giornale,vende poche copie( perché i cittadini non lo comprano o ne comprano poche copie)ma sto giornale non chiude perché lo Stato (cioé noi) finanzia le perdite o le non vendite.Un capitalismo assurdo,anomalo,fuori dal mondo.
Se io voglio creare un azienda,debbo avere i soldi miei per crearla,per investire,debbo pagare io gli ingegneri,i tecnici,i lavoratori,la costruzione dei capannoni,la luce,ecc...
Troppo comodo fare il capitalista con i soldi dello Stato.
Se uno non vende copie di un giornale,chiude e se ne va a casa.Andrà a fare un altro mestiere.
I lavoratori andranno in cassa integrazione e troveranno un altro lavoro.
Hanno creato un capitalismo assistito da chi le tasse le paga nel rispetto delle leggi dello Stato.Non mi sembra una grande scoperta. Sarebbero tutti bravi a investire se a pagare é la collettività.
A me davvero dispiace e mi rattrista se l'Unità dovesse chiudere.Ma se non vende di chi é la colpa??
Saluti

ANTONIO B., Latina Commentatore certificato 22.07.12 19:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Basta soldi ai giornali e partiti. Riduzione del 70% degli stpendi ai parlamentari. Via le auto blù

pino 22.07.12 18:54| 
 |
Rispondi al commento

E' quasi naturale in un paese di unvertebrati, creato e basato su un fortissimo clientelismo, dal dopoguerra ad oggi, si evince chiaramente attraverso la storia di tante stragi, il vero POTERE, è stato sempre in mano alla mafia, camorra, sacra corona unita, drangheta, associati con i porci politicanti, ove si sono sempre serviti, e si servono ancora di tanti schiavi, GIORNALISTI DA STRAPAZZO, FALSE TV, E UN FORTISSIMO CLIENTELISMO FATTO di scambi di voto di favori. E'ovvio che tutta questa enorme immondizia, e difficile rimuoverla, difficile che mollano l'osso dategli da sempre dai loro loschi PADRONI.E' ESTREMAMENTE INPORTANTE, non accettare le provocazioni, diffondere inesorabilmente la verita' far conoscere gli intenti del movimento,il lavoro deve essere costante e non demordere maiiiiiiiii........ Come dice BEPPE il vento e incominciato a soffiare, l'inizio di una vera rivoluzione culturale è inarrrestabile, ci sono milioni di persone ONESTE.... che voterebbero il movimento pur di mandare via questa inutile cozzaglia di merdosi, attaccati solo ai loro privilegi,ed i loschi affari e traffici vari.Tutto questo lo dovrebbero capire anche coloro che servono questo inutile stato stracorrotto, x costruire un futuro migliore x i loro figli dovrebbero unirsi a tantissime persone ONESTE ed avere il coraggio di dire BASTA ci avete rotto il cazzo, non siamo + disposti a dare la nostra vita ed il nostro culo x voi, questa non è democrazia, questo non è uno stato giusto ed equo. IL MOTTO DEL MOVIMENTO 5 STELLE---NON ACCETTARE ASSOLUTAMENTE LE PROVOCAZIONI DA CIALTRONI VENDUTI E SERVI DI GIORNALAI DA STRAPAZZO, TALK IN TV MONTATI AD HOC X DIFFONDERE MENZOGNE E GENTE CREDULONA, CHE ANCORA OGGI CREDE NEI FANTOMATICI PARTITI E SINDACATI DEL CAZZO. Sti coglioni lo sanno che il movimento li spazzera' via.QUESTO PAESE E' TUTTO DA CAMBIARE, NUOVE REGOLE,CI VOGLIONO GLI UOMINI GIUSTI AL POSTO GIUSTO, E LO SPIRITO DEL VERO STATO DEMOCRATICO X GLI INTERESSI DEL CITTADINO, ONESTO.....

CONAN- CONDOTTIERO Commentatore certificato 22.07.12 18:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che fallisca definitivamente "l'unità" e tutti questi magna magna dei giornali!!!! Quando avevo l'edicola ho subito l'onta di dover vendere questo quotidiano a 50.000 lire a copia, senza percentuale di aggio (gratis), perchè doveva salvarsi!!!! Risultato, mi aumentò l'estratto conto settimanale, mi scaricarono in ritardo le copie restituite (tutte, ovviamente)... LA LEGGE SULLA CARTA VA CAMBIATA! E' VERGOGNOSA!!! SIAMO GLI ZIMBELLI D'EUROPA!!!

Andrea Vergalito 22.07.12 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo ancora esiste chi votera pd o pdl o affiliati. Essi sono un danno alla nazione al popolo e forse pure a loro stessi. Riappropramoci del paese. La casta va eliminata se vive la nazione muore. Lo scandaloso finanziamento ai giornali di partito rispecchia la falsita'e bisogno di disinformazione che i partiti necessitano, mentre la nazione si sta spegnendo.

Julio de Liso 22.07.12 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Il glorioso quotidiano fondato da Antonio Gramsci ridotto all'attuale merda filo-governativa, del governo degli ufficiali giudiziari della UE contro il popolo italiano.

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 22.07.12 18:44| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
SE LA STANNO SEMPRE PIU' CERCANDO,SEMPRE DI PIU'
ALVISE

alvise fossa 22.07.12 18:40| 
 |
Rispondi al commento

Si dice tanto che cittadini e imprese non riescono più a pagare le tasse e intanto si continua a distribuire soldi per i soli fini elettorali dei partiti.Ieri mattina ad una TV ho sentito il solito ideologo di sinistra profetizzare la fine del M5S entro pochi anni;non profetizzano mai la loro imminente fine.

maria t. Commentatore certificato 22.07.12 18:38| 
 |
Rispondi al commento

come si fa a fermare questo stillicidio continuo di denaro regalato per far scrivere str..... a degli incapaci? BASTA BASTA

canio d., calitri Commentatore certificato 22.07.12 18:29| 
 |
Rispondi al commento

FACCIAMOLA FINITAAAAAA!!!!

salvatore b., savona Commentatore certificato 22.07.12 18:19| 
 |
Rispondi al commento

La lista è lunga, anche LA PADANIA ha cuccato 3milioni e rotti. Sarà mica l'anticipo per far votare la nuova porcata?
Avremo una nuova legge elettorale su misura, contro il M5S, costruita a suon di contributi, accordi sottobanco e giro di poltrone.
Mavaff..............

Eloi Delpopolo Commentatore certificato 22.07.12 18:17| 
 |
Rispondi al commento

La domanda è sempre la stessa.
Ma perchè il Fatto Quotidiano riesce ad uscire in edicola senza rimborsi statali?
Ma perchè il Movimento 5 Stelle riesce a fare politica sempre rimborsi elettorali?
Non è obbligatorio che piaccia il FQ o il M5S.
Ma, se esistono (e come se esistono) vuol dire che in errore sono gli altri.

g. r., Pomezia Commentatore certificato 22.07.12 18:13| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 19)
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori