Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Scubatica e la variante che uccide


Scubatica.jpg
A Torino crescono i palazzinari mentre chiudono le aziende.
"Nel mese di giugno 2012 siamo andati presso Scubatica, un'azienda torinese ad alto contenuto di innovazione con sede nell'area della futura Variante 200, che è stata ridotta in fallimento a causa delle politiche urbanistiche del Comune e delle speculazioni immobiliari in corso di realizzazione sull'area. Una storia incredibile di come la burocrazia, la politica e i grandi interessi edilizi calpestino le vite delle persone." Vittorio Bertola, consigliere comunale MoVimento 5 Stelle Torino

4 Lug 2012, 14:19 | Scrivi | Commenti (20) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Il raggruppamento guidato da Recchi Engineering si
aggiudica la gara internazionale "Variante 200" di Torino per una
trasformazione urbana che interessera' lo sviluppo della citta' nei
prossimi 20 anni.
La ditta RECCHI nel 1966 ha costruito le case popolari prefabbricate di via Artom , un ecomostro e un disastro sociale raccontato dal film RAZZA SELVAGGIA di Pasquale Squitieri nel 1980 !!!

Giovanni Spada 10.09.13 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Capisco il problema, però non bisogna pensare subito al fallimento. Dovrebbe chiudere tuto e trasferire l'impresa in Austria, o in Slovenia, magari anche lasciando in sospeso le tasse. I palazzinari sono un cancro mondiale ma in Italia sono molto più forti. In Austria e Slovenia troverebbe anche infrastrutture migliori, meno burocrazia, e meno tasse.

michele p. 05.07.12 08:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, la storia pare incredibile ma non lo è. Naturalmente io e i miei ragazzi ( dipendenti non è un termine che si addice nel nostro ambiente) ringraziamo Vittorio Bertola, Alberto Bibo Airola e Beppe per averci dato voce e per quello che hanno fatto e stanno facendo.
Noi spereremmo di continuare a lavorare come quando siamo "nati" ma tutto questo è il nostro incubo della variante 200. Ciao e grazie a tutti:
"Bobo" Roberto Padoan

Roberto Padoan 04.07.12 20:04| 
 |
Rispondi al commento

http://www3.lastampa.it/politica/sezioni/articolo/lstp/461225/

Bersani: "Non indebolire le prestazioni sociali"
Una spiegazione che però, al momento, non frena le polemiche. Il Partito democratico, in linea di principio d’accordo su alcuni tagli, non accetterà però che siano toccate le prestazioni sociali. Lo ha chiarito Pier Luigi Bersani: «La nostra attitudine è chiara: siamo assolutamente d’accordo a evitare un aumento dell’Iva e a vedere meccanismo di risparmio strutturale della pubblica amministrazione, ma non saremmo d’accordo su misure come sanità, istruzione e servizi sociali di base dei Comuni».

Parole, parole, parole, parole, sono solo parole.
Blablabla, blablabla, sempre e solo parole.

Bersani.....vale come il due di coppe a briscola.

A quando la marcia su Roma!!!

Nico P., Tolentino Commentatore certificato 04.07.12 18:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma a questi innetti cosa è passato per la testa che credono di fare se le maledizioni li colpiscono neanche la polvere rimane e ora di riscrivere il futuro di questa nazione la piccola Norimberga e un obbligo morale se serve un mastro titta mi sporco le mani molto volentieri

Riccardo Garofoli 04.07.12 18:01| 
 |
Rispondi al commento

In una regione che mano mano perde la sua più grande azienda loro non salvaguardano il lavoro ma la speculazione edilizia i nostri politici conoscono solo il mattone lo sviluppo produttivo e solo nel cemento la ricerca e solo nei foratini o nei blocchetti di tufo
E vogliono ancora governare questo paese che dio li fulmini

Riccardo Garofoli 04.07.12 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Credo che anche nel antica Roma si facesse cosi per raccimolare un po' di soldi dagli oneri urbanistici si cambiava il piano regolatore
E il partito di provenienza di questi illuminati sindaci e sempre lo stesso quello della spesa pubblica se l anno prossimo non ci saranno i soldi per le scuole comunali materne e nidi o aumenteranno le tasse di iscrizione i torinesi potranno sempre vivere nel ricordo della gloriosa olimpiade invernale e del curling

Riccardo Garofoli 04.07.12 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Il pd il partito degli illuminati ex sindaco di Torino con le sue olimpiadi a messo in mutande il comune e credo anche la regione per fare le olimpiadi invernali un monumento alla mania di grandezza e criticavano Berlusconi per il ponte sullo stretto che almeno non si farà mai o almeno speriamo sono uguali in tutto e per tutto una piccola Norimberga e obbligatoria per processare questi sprechi e porre davanti alle proprie responsabilità questi cialtroni che ora si nascondono in una fondazione bancaria chiamparino che bel regalo che ai fatto ai tuoi concittadini

Riccardo Garofoli 04.07.12 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Mammamiaaaaa!!!!
L'Italia è proprio un paese di m---a!!!!

Di Paola Vincenzo 04.07.12 17:32| 
 |
Rispondi al commento

ci vuole una legge che faccia in modo agli amministratori di rispondere in prima persona agli scempi di ogni genere ...., fassino tocca a te ,dovrai pagare di persona il disastro che stai facendo .... " un cultore della democrazia dei diritti e dei doveri "

renato luccon, azzano decimo Commentatore certificato 04.07.12 17:31| 
 |
Rispondi al commento

L esempio del Irlanda non porta a niente loro sono fenomeni per fare crescita conoscono solo l edilizia o la spesa pubblica folle come le olimpiadi invernali che ben pocho ha portato a Torino se non un buco nelle casse del comune ora il più illuminato chiamparino dovrebbe ripianare di tasca sua o con i lavori forsati alla catena corta

Riccardo Garofoli 04.07.12 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Hanno fatto i debiti per le olimpiadi ora cercano soldi per ripianare un buco da tre miliardi di euro con gli oneri che i costruttori devono pagare al comune poi vanno a giocare a carte con i palazzinari e marchionne che nel frattempo e scappato via dal Italia lui e la Fiat dove c'era una unita produttiva una colata di cemento che porta soldi alle banche e ai palazzinari chi compererà queste case ? Chi erogherà i mutui ? O saranno altre cattedrali nel deserto questi sono gli amministratori illuminati chiamparino e il suo degno successore Fassino questo e il partito che vuole governare l Italia ? Che vadino a lavorare speculatori senza scrupoli politici di merda

Riccardo Garofoli 04.07.12 17:18| 
 |
Rispondi al commento

palazzinari che producno loculi che non servono minimamente agli italiani e perciò bisogna importare nuovi inquilini dal 3 mondo e poco importa se subacculturati, criminali e incivili!


Così faremo felici tutti quelli che hanno fatto della lotta al razzismo la loro bandiera e faremo felici pure i fratelli mussulmani che una volta che avranno colonizzato l'italia, ci penseranno loro a risolvere il problema puttane trans, froci e femministe alla loro maniera.

fratelli d'italia l'italia s'è briacata 04.07.12 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Grazie a Beppe per aver ripreso questa storia allucinante, la storia di un cittadino rovinato dai piani urbanistici del Comune e dagli speculatori, una storia che soltanto il Movimento 5 Stelle ha avuto il coraggio di denunciare. Purtroppo l'azienda è quasi fallita, ma almeno che la verità emerga!

Vittorio Bertola
Movimento 5 Stelle, Torino

Vittorio Bertola, Torino Commentatore certificato 04.07.12 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Se ho ben capito Scubatica si trova in un'area della città in cui è previsto in futuro il passaggio della linea 2 della Metro. Si sfrutterebbero binari ferroviari in disuso (ex Scalo Vanchiglia). La metropolitana incrementa l'interesse di costruzione in quell'area e, viceversa, il passaggio della linea 2 ha un senso se va a servire zone abitate. Capito che intreccio di interessi a doppia mandata?

Claudio C 04.07.12 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Cosa si può fare per tutta questa gente?
Non si può fare una petizione con firme online. Purtroppo non mi intendo di queste cose e sono anche abbastanza ingenua, però...

linda z. Commentatore certificato 04.07.12 15:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il latte vaccino e suoi derivati sono un veleno per tutti dopo i tre anni e non per il lattosio ma per il tipo di proteine che contiene.
Attenzione alle diete con troppe proteine animali e vegetali, in presenza di cellule malate possono contribuire alla loro moltiplicazione.
Caro Beppe perchè non chiedi a qualche medico serio (Berrino, Nacci, ...) di intervenire nel tuo blog? Parlare e diffondere la corretta alimentazione potrebbe cambiare il mondo più del polemizzare su questioni politiche.

Valentina B., Villafranca di Verona Commentatore certificato 04.07.12 15:01| 
 |
Rispondi al commento


un esempio chiaro di immondo CANCRO dei partiti e della politica mischiato a interessi di tipo mafioso imprenditoriale.

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.07.12 14:29| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori