Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

AMT Genova: il MoVimento 5 Stelle in Consiglio comunale


putti.jpg
"Martedi 31 luglio 2012, in Consiglio comunale si parla di un argomento molto caldo, la situazione di AMT, l'azienda del trasporto pubblico genovese, presenti molti lavoratori. Il Consiglio è al gran completo, la giunta Doria ha presentato un documento programmatico per il salvataggio di AMT che parla di ingresso di soci privati in percentuale "importante" (intendono forse di maggioranza?). Il piano propone alcuni interventi minori alla viabilità, "immediatamente cantierabili" e apre le cateratte della privatizzazione respinte con forza dal Movimento 5 Stelle. Nel video proposto, gli interventi di Paolo Putti e Andrea Boccaccio del M5S. Quest'ultimo ha dichiarato: "Ho sentito parlare, da quando sono entrato, e anche in questi giorni, nel caso di AMT, di emergenza. Sono tutte emergenze! Possibile che siano inaspettate queste situazioni? Qualcuno che occupa delle posizioni politiche, delle posizioni manageriali, non aveva i dati e gli strumenti per intervenire prima? Bastava chiedere. Bastava consultare qualcuno. Che il Terzo Valico sarà un'operazione assurda ve lo diciamo noi oggi! Mi collego al Terzo Valico perchè si prevedono costi per SEI MILIARDI di euro. I costi che i genovesi sosterranno, per questa che, lo sapete, è un'opera inutile e dannosa per l'ambiente, sono 60 milioni di euro. Mi sarei aspettato un po' di autocritica dai partiti, di assunzione di responsabilità. Io credo che, anche se hanno cambiato nome e si sono evoluti, i partiti che governano questa città da sempre, abbiano qualche responsabilità sulla creazione di quest'emergenza. Se qualcuno dicesse: 'Ok. abbiamo sbagliato' sarebbe già un modo di cominciare un percorso. E invece no!"" MoVimento 5 Stelle Genova

17 Ago 2012, 15:22 | Scrivi | Commenti (33) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Seguo il movimento da diverso tempo, vivo in un piccolo comune della Val di Vara.
Vi scrivo per sottoporvi un mio punto di vista, su che cosa si dovrebbe proporre al popolo Italiano per le prossime elezioni: Se ottenete una maggioranza per governare, vi impegnate a tenere in piedi la legislatura solo per il tempo necessario a fare le seguenti riforme.
1° riduzione dei parlamentari in proporzione alla popolazione prendendo ad esempio gli Stati Uniti.
Elezione diretta del Presidente della Repubblica.
Obbligo di cessione da parte dei Comuni di tutte le partecipazini in aziende varie.
Eliminazione totale delle Provincie, spostando le competenze ai Comuni che dovranno assumere se necessario alcune forze dai dipendenti dismessi dalle provincie.
Eliminazione del finanziamento pubblico ai partiti, questa norma dovrebbe essere inserita in modo tale da evitare che possa essere modificata senza il consenso del popolo Italiano attraverso un referendum.
Taglio dell'8o% delle spese del Quirinale.
Auto blu solo di servizio ai Ministri per spostamenti di lavoro.
Eliminazione di tutte le scorte ai politici.
Divieto assoluto alla candidatura di familiari di un politico a candidarsi.
Anagrafe online degli stipendi.
Anagrafe online di tutte le spese sostenute con denaro pubblico (questo deve valere anche per le Regioni)
Commissione eletta dal popolo per detterminare gli stipendi dei politici, tenendo conto l'interesse primario dello Stato, la Commissione dovrebbe avere una durata di due anni e dovrebbe essere formata da persone di chiara e provata onestà e con esperienza nel settore dell'economia, i membri non potranno in nessun modo avere rapporti di parentela con organismi della politica.
Divieto di candidature politiche a tutti coloro che hanno avuto cariche Sindacali, stessa sorte ai magistrati.
Divieto assoluto di avere altri incarichi (privati) oltre a quello politico.
Esclusione dei politici da ASL e Banche.
Nonina di un commissario con leggi speciali per la lotta al crimine.

EUGENIO BRUNO BOLLERI 24.09.12 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Spero che il <movimento tenga conto anche delle rimesse A.M.T, alcuni cittadini purtroppo sono costretti a viverci accanto (vedi maddaloni zona foce) e a respirae i loro gas tossici,è giusto pensare alle aziede Genovesi,ma è altrettanto giusto pendsare alla salute di noi cittadini, costretti a tenere le finestre chiuse per non morire dai gas di scarico,che potrebbero essere evitati (una parte) semplicemente usando i pres blok!!!cosa che non viene minimamente osservata, nonostante tutela ambiente abbia numerose volte sollecitato l'azienda con esposti!!Il movimento conosce bene questo problema,il rispetto deve essere osservato verso tutti, quindi i soldi dovrebbero anche servire per spostare tali rimesse nei luoghi adatti dove non rechino danni al'ambiente e alle persone.

gianna caviglia 28.08.12 21:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Votate questa proposta nel Forum nazionale del Movimento 5 Stelle...
E' molto importante...

Magari come luogo scegliamo la Sicilia, con lo slogan"Liberi dalla mafia e dagli incantesimi"

Condividete!!!! e votate.....

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/08/nuovo-woodstock-5-stelle.html

Giuseppe Cortese(meetup Crotone) 19.08.12 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Intervento importante, ma scivola via come l'olio se non si propone... come possiamo votare un'alternativa se non abbiamo soluzioni (appunto) alternative? Esprimetevi per favore. AMT privata non solo è uno scempio per i cittadini ma anche un impoverimento statale (ovvero di tutti)

Io myself 18.08.12 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Il trasporto pubblico deve rimanere tale.
La carta dei privati in AMT è già stata giocata, e non ha funzionato.
Dirigenti e consulenti strapagati devono essere cacciati.
Per organizzare e gestire il servizio di trasporto pubblico non serve menti eccelse, ma solo persone competenti; ed è probabile che AMT queste risorse umane le abbia già in organico.
Le tariffe devono essere adeguate al percorso che l’utente effettivamente compie: non è possibile che, ad es., il percorso Roma/Corvetto – Zecca (due fermate) costi tanto quanto quello dal centro città a Voltri o a Nervi.
Deve essere ripristinato il bigliettaio a bordo.
Quanto potrebbe costare all’anno all’azienda?
40 mila Euro?
Quanti sono quelli che non pagano il biglietto?
Probabilmente 2 su 10 e dei viaggiatori delle linee che raggiungono il Ponente, la Valpolcevera e la Valbisagno, per via dell’alto numero d’extra comunitari che vi abitano ; media che scende a metà sulle rimanenti tratte.
Quanti sono i viaggiatori di Ponente e delle due Valli?
Come popolazione somma il 65% della totale di Genova; come utenti del servizio pubblico, dato il loro reddito più basso, è probabile che siano il 70% degli utilizzatori giornalmente trasportati.
Quanti utenti trasporta giornalmente AMT?
Non meno di 400 mila utenti, di cui, quindi, 280 mila tra Ponente e le due Valli, e 120 mila nelle rimanenti zone della città.
Quindi 68 mila utenti viaggiano giornalmente a gratis.
Vale a dire 102 mila euro il giorno o 37 milioni di Euro l’anno di titoli di viaggio non pagati, corrispondenti al costo annuale di 925 bigliettai.
Segue nella discussione

Giulio Cabella, Lerici Commentatore certificato 18.08.12 13:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto molto bello, molto d'effetto, molto retorico, buono x esaltare i militonti, ma... La proposta alternativa dov'è? No privatizzazione, siamo d'accordo, responsabilità di chi ha condotto allo sfascio, perfetto, ma poi? Dov'è la carica propositiva rivoluzionaria del Movimento? Quella dovrebbe qualificare un nuovo modo di amministrare, non la trita critica al sistema e la richiesta che qualcuno paghi. Servono proposte, idee che sovvertano la situazione, progetti alternativi. Ma, a questo scopo, serve personale politico capace, di pensare e progettare anzitutto, e non organico al sistema. Cosa che a Genova, ahimè, Beppe non ha provveduto a fornire.

Davide Stasi 18.08.12 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Quello che mi sembra nessuno capisca è che ci sono settori (istruzione, trasporto pubblico, previdenza, sanità) che NON POSSONO PER DEFINIZIONE essere in attivo. È semplicemente impossibile, ed è giusto che sia così. Le tasse dovrebbero esistere proprio per finanziare queste voci.

Se poi si vuole impedire che la gente viaggi "a sbafo" il metodo è semplicissimo. Sugli autobus per esempio si sale solo davanti, si passa l'abbonamento o la scheda ricaricabile su un lettore direttamente a fianco dell'autista, con un bell'imbarazzante segnale acustico se la tessera è vuota o l'abbonamento è scaduto. In quel caso si può comprare direttamente il biglietto dall'autista che ha una macchinetta erogatrice, pagandolo il doppio. Questo succede più o meno in tutta Europa... a parte in Italia.

Detto questo, voglio rimarcare ancora che le privatizzazioni in questi campi sono controproducenti: nel tentativo di portare la bilancia in attivo (cosa impossibile) si può solo aumentare a dismisura il costo del servizio (socialmente inaccettabile, iniquo e disincentivante) oppure degradarne la qualità rendendolo praticamente inutile.

Si studino piuttosto dei circuiti virtuosi: ad esempio, si imponga un aumento sostanzioso del costo dei parcheggi nei centri cittadini, e la differenza di prezzo vada dirottata senza passaggi strampalati direttamente alle casse del servizio di trasporto pubblico. In questo modo si contribuisce a sbilanciare direttamente il traffico dal trasporto privato a quello pubblico, senza strani movimenti e ambiziosi "piani industriali".

Queste cose si possono fare, non è fantascienza. Se sono venute in mente a me nei due minuti in cui ho postato questo commento, ci può arrivare davvero chiunque.

Stefano Lacchin Commentatore certificato 18.08.12 11:52| 
 |
Rispondi al commento

SONO FIERO DI VOI!!! BASTA CON LE PRIVATIZZAZIONI!

Stefano P 18.08.12 11:38| 
 |
Rispondi al commento

non mollate

Anto G., GenovaNapoli Commentatore certificato 18.08.12 10:05| 
 |
Rispondi al commento

W il M5S e i suoi sostenitori che, con coraggio da leoni, si battono per una causa giusta e santa.Solo voi potete salvarci dal bubbone della peste maligna che tutti i partiti hanno e stanno diffondendo.

Ignazio Virzì 18.08.12 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Grandi ragazzi, cominciamo a rompergli i giochini a questi zombi della democrazia. Andrea ci siamo conosciuti a La Spezia alla festa 5 stelle e hai confermato l'impressione che mi avevi dato, un grande!ciao.

david lucii 18.08.12 08:55| 
 |
Rispondi al commento

Non conosco bene l'argomento e pertanto...Ma c'è un concetto che deve divenire fondamentale: Quello che è gestito dallo Stato DEVE essere organizzato, efficiente, produttivo, ottimizzato. Non è più sostenibile che i servizi forniti dallo Stato siano situazioni di pena per i comsumatori e situazioni di stipendifici per i dipendenti/collaboratori. Se lo Stato gestisce OTTIMAMENTE ...bene. Altrimenti è bene privatizzare. E lo Stato deve normare, controllare e rimuovere eventuali situazioni di scorrettezze o abusi.... Ma se vogliamo che l'italietta si rimetta in piedi....BASTA carrozzoni statali.

roberto d'iseppi, verona Commentatore certificato 18.08.12 08:38| 
 |
Rispondi al commento

mi viene difficile pensare che campino solo con gli introiti dei biglietti e abbonamenti,ad esempio la regione paga un tot a km di linea...sono carrozzoni enormi che costano alla comunita' milioni di euro...che se ne vanno in stipendi e non in servizi...o no'?

cristiano 18.08.12 01:08| 
 |
Rispondi al commento

Bene ragzzi,continuate a fargli i conti,questi continuano a raccontare frottole.
Attaccherei la parte dirigenziale di AMT,chiederei i danni per aver continuato a gestire l'azienda costantemente in perdita,mentre il loro conpenso è sempre lo stesso.

salvatore castellano 18.08.12 00:05| 
 |
Rispondi al commento

Non ho la più pallida idea dell’ammontare annuale del buco di bilancio di AMT.
Non ho nemmeno la più pallida idea di quanti siano i proventi annuali che AMT realizza dalla vendita dei titoli di viaggio.
Però ho un’idea chiara di quanti siano quelli che viaggiano sui mezzi AMT senza pagare il biglietto.
Di quanti siano quelli che il biglietto dovrebbero pagarlo doppio o triplo, per via dei fagotti che si portano a bordo, e non pagano nemmeno il singolo.
Di quanti siano quelli che a bordo non chiudono i passeggini.
Di quanti siano quelli che salgono in vettura con i cani senza guinzaglio e museruola, fino ad arrivare al paradosso di uno che sale a bordo, normalmente ubriaco, che si accompagna a tre pastori tedeschi addirittura senza collare.
Potrei continuare ancora per un po’, ma forse è meglio che m’interrompa qui.
Però ho una domanda da rivolgere anche a voi del Movimento: perché non ho mai sentito uno che sia uno membro del Consiglio comunale, di qualsiasi partito, porre l’accento sul problema elusione del pagamento delle tariffe di viaggio?
È impopolare parlare del problema e risolverlo?
Se è così, fatemelo sapere che mi adeguo all’andazzo generale.
D'altronde con i trecentottanta Euro che pago all’anno d’abbonamento per fare al giorno, tra andata e ritorno, un percorso pari a quattro fermate, mi pago pizza e birra due volte il mese.

Giulio Cabella, Lerici Commentatore certificato 17.08.12 22:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma SEL (Sinistra Ecologia e Libertà) cos'ha di ecologico e di sinistra se si dà alle costruzioni e soprattutto privatizza alla grande? È la solita ipocrisia tutta italiana...

Domenico Albertini 17.08.12 19:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Imbarazzante il discorso di Doria,giustamente(per me)apostrofato dai dipendenti Amt.
Di seguito uno stralcio http://youtu.be/2d_gBNBXDY4

Daniele C. Commentatore certificato 17.08.12 18:40| 
 |
Rispondi al commento


Sono convinta che le ruberie e gli sprechi si ridurebbero molto se si introducesse una norma per tutti gli amministratori locali e nazionali che hanno responsabilità economica di essere responsabili del loro operato con i loro patrimoni privati.

ilvana Ventura 17.08.12 18:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi spiace ma i lavoratori dei trasporti pubblici non è che mi stiano particolarmente simpatici, sei ore di lavoro al di, 1500 o più euro, due tre volte all'anno scioperano, per pretendere cosa di più, quando sono tutte aziende in perdita, rifinanziate dal pubblico???? Peraltro poi meccanici e autisti, che ci lavorano se hanno un poco di voglia hanno tutti un secondo lavoro. Quindi non si capisce perchè bisogna ricollocare lavoratori che hanno lavoranto da sempre poco, e invece se va in crisi un azienda privata in cui ti tocca lavorare tutto il giorno per stipendi minori, allora se ti va bene hai 1 o 2 anni di cassa e poi ti devi arrangiare???

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 17.08.12 17:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma Doria non si sapeva gia' esser figlio della vecchia politica? Purtroppo passera' ancora una generazione per fare in modo che la gente si informi dalla rate invece che dalla tv e dai giornali. Ed ancora piu' purtroppo ci vorranno TROPPE generazioni per fare in modo che la politica la smetta di dare le mancette in giro alle persone che non pensano al proprio futuro per avere in cambio voti e la possibilita' di fare le proprie porcate alla luce del sole.

alessandro ginesi 17.08.12 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Sono un dipendente Amt ed ero in comune essendo anche membro del Csp partito comunista ho cominciato insieme ad i
Miei compagni a incalzare il sindaco tipo iniziativa del volantino che ha fatto tanto incazzare il sindaco ora io vi chiedo non si può unire le nostre forze x tentare di dare INA spallata a questo sindaco? Anche perché non credo affatto che i sindacati siano in buona fede e ho paura che la volontà e' farci fallire da privati x non avere responsabilità politica e di conseguenza nessun obbligo di ricollocamento dei dipendenti.

Danilo pichetto 17.08.12 16:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

solo una parola:grandi!!!!

Antonio L., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.08.12 15:36| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori