Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Chi tocca l'ENI muore


riina_assolto.jpg
"Non ha avuto l'onore delle prime pagine, questa notizia. Ma nel processo in corso a Palermo, che ha visto assolto Riina, i giudici della Corte D'Assise mettono nero su bianco nella sentenza le motivazioni dell'omicidio del giornalista De Mauro: "La causa scatenante della decisione di procedere senza indugio al sequestro e all'uccisione di Mauro De Mauro fu costituita dal pericolo incombente che egli stesse per divulgare quanto aveva scoperto sulla natura dolosa delle cause dell'incidente aereo di Bascapè, violando un segreto fino ad allora rimasto impenetrabile e così mettendo a repentaglio l'impunità degli influenti personaggi che avevano ordito il complotto ai danni di Enrico Mattei, oltre a innescare una serie di effetti a catena di devastante impatto sugli equilibri politici e sull'immagine stessa delle istituzioni". Questa notizia è passata come acqua fresca. Anch'io l'ho letta ieri sera su un piccolo trafiletto su la repubblica e ho cercato senza riuscirci di postarla. Eppure era una notizia da prima pagina, da diretta televisiva, molto di più delle lacrime di coccodrillo di un povero sfigato maratoneta. E' casuale che questa pur coraggiosa sentenza sia uscita nella settimana di ferragosto?" liliana g., roma

9 Ago 2012, 12:26 | Scrivi | Commenti (48) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Guarda caso il video è sparito dal tubo

rugggero 14.11.12 17:38| 
 |
Rispondi al commento


Certo sapevo qualcosa di Mattei...quanto alle prove di quello che ha raccontato il suo collaboratore due più due fa quattro...

non ci resta che metterci assieme, umilmente, e
con disciplina, poichè se costruiremo un grande progetto, per portarlo avanti bisogna mettere da parte narcisismo e individualismo, non potranno
mica ammazzarci tutti! Inoltre non dobbiamo avere fretta, nonostante il momentaccio la gente si sta
svegliando, si informa, denuncia, il processo è
cominciato...E' COMINCIATO! Sarà lungo, sarà
faticoso ma è cominciato! in tutto il mondo.

B A S T A

Nel mio piccolo ho cominciato a denunciare, zitta
zitta, avendo questo progetto in testa. Sarà utopia, può darsi, non ho i piedi per terra? può
darsi ma se posso, a 63 anni voglio ancora sommessamente starnazzare, per me e per il mio paese. Come dice il buon Beppe voglio mettermi
in gioco, artrosi permettendo. Un abbraccio a tutti. Marinella

Marinella Pasini 13.11.12 15:21| 
 |
Rispondi al commento

A volte (quasi sempre) leggo i post con ansia ed apprensione, quasi muoio dalla rabbia per non poter reagire come vorrei, in ultimo vedi MES.
Ora mi chiedo, ammesso (volesse il cielo) che il M5S, anche per reazione,la gente per la ultra porcata indimitatoria e contro ogni logica di democrazia per lo sbarramento al 42,5%, votasse il M5S dandoci una percentuale oltre questa soglia ( NON lo ritengo inverosimile) ci ritroveremmo a gestire un potere ,credo molto difficile da amministrare, non sto qui a spiegare le ragioni, che tutti noi del movimento sappiamo, non sarebbe saggio farci accompagnare da persone di provata serietà e nostri simpatizzanti? Intemdo persone come economisti, ora fuori dal parlamento e che sposano le nostre tesi, ed anche qualche senatore o deputato che si sono sempre dimostrati nostri amici? Spero nel tuo buon senso e nel tuo ottimo fiuto nel saper discernere la giusta soluzione. Farsi scappare questa occasione sarebbe veramente imperdonabile.Questo è il momento della svolta. Insomma cerchiamo di coinvolgere la parte buona e saggia della nostra società. Avanti dritta !!!

salvatore Tamburrino, parete Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.11.12 11:29| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE SONO UN RAGAZZO NATO NEL 1950 (COME FOSSE IERI)ed o visto tanta merda nel corso della mia vita che forse non immagini nemmeno tu.sto seguendo questa tua campagna di sputtanamento nei confronti di questa nostra classe dirigente del cazzo,ma stai molto attento,questa è gente senza onore è ne dignità.Faranno di tutto per massacrarti ,specialmente adesso che sei diventato ingombrante,ricorda che quando sono in tanti a prendersela con una sola persona,vuol dire che la persona da molto fastidio,l'anno fatto con Moro poi con Craxi,Falcone,Borsellino è poi con Berlusconi,premetto che di Silvio non me ne frega un cazzo,ma è cosi......adesso tocca a te....capisco la tua allergia ad andare in tv,fai bene,vedere certa gente ,come conduttori giornalisti è politici fa vomitare.lo so che tu la sai lunga,ma forse io la so lunga quanto te.
forse riuscirai ad andare in parlamento,come credo, ma una volta li,quei marpioni ti faranno a pezzi,se non metterai persone con le palle,capaci di farsi valere è di non farsi intimorire da nessuno,come dici tu,ci vogliono i coglioni,ma belli grossi.FORSE NON LEGGERAI QUESTA MIA,O FORSE NON TE NE FREGHERA NULLA,ma penso di aver fatto una cosa buona mettendoti in guardia,lo so che non ne ai bisogno,ma come si dice ,mai dire mai.ps.non sono mai stato in politica,è non ci tengo ad entrarci adesso SE TI VA MI PUOI RISPONDERE,FORSE POSSO CONTRIBUIRE ALLA TUA CAUSA.....dovesse essere l'ultima cosa che faccio nella mia vita,sono stufo di questa merda è di questi politici di merda.COME SI DICE,SE MAI SI PARTE, MAI SI ARRIVA....CORDIALI SALUTI.....FRANCESCO,una persona piu incazzata di te......ciaoooo

francesco perri 11.08.12 21:27| 
 |
Rispondi al commento

il titolo di questo post "Chi tocca l'ENI muore" è un titolo ad minchiam. Sarebbe dovuto essere "chi tocca gli interessi degli ammeriCani muore" ... Porkodio.

Leonardo Massimo Muci 10.08.12 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Per nulla casuale.
All'atleta piangente sono stati dati ampi spazi appunto per distogliere la nostra attenzione dalle vere notizie, che tanto non danno.

Antonino Sanfilippo, Fossano Commentatore certificato 10.08.12 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Lui si chiama Antonio Di Pietro! Lui è uno di noi.

Lui parla la lingua della gente per bene di questo Paese. Lui sta dalla parte dei cittadini, dei pensionati, dei lavoratori, di coloro che campano a fatica con un stipendio da fame, di chi la vita se la suda davvero tutti i giorni e crede che - malgrado “loro” - un mondo migliore, un'Italia più giusta, equa e solidale sia ancora possibile! Lui è quello che quando va in televisione non ha peli sulla lingua e gliele canta “chiare e tonde” come farebbe un anziano che con una miseria di pensione deve pagare la badante più di quanto l’Inps riesca a dargli ogni mese, come farebbe un lavoratore dipendente che assieme allo stipendio ha visto impoverirsi diritti e aspettative, come farebbe un giovane laureato che se vuole lavorare deve sottostare a certi “compromessi”, come farebbe un onesto contribuente che paga fino all’ultimo centesimo di tasse pur sapendo che questo Stato non gli darà mai in cambio neppure uno straccio di welfare! Lui si chiama Antonio Di Pietro. Ma a ”loro” il suo dire non piace! Il suo pensare gli fa venire addirittura i brividi! “Loro” sono rimasti legati al "politichese" vecchia maniera e se non ti adegui, ti fanno fuori!
>>> VIENI ANCHE TU A DIRE LA TUA SU : http://freeskipper.blogspot.com

Free Skipper, Roma Commentatore certificato 10.08.12 11:27| 
 |
Rispondi al commento

E semplicemente scandaloso!!! Assolto per aver parato il culo ai politici e alle istituzioni.. Povera costituzione Italiana!!

Agostino Virdis 10.08.12 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Mattei non è stato ucciso dall'ENI ma dal governo
stava diventando troppo potente in più cercava di aiutare i suoi dipendenti era diventato scomodo

ANTONELLA COLMI 10.08.12 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Vogliamo commentare ........ e commentiamo tanto non servirà a nulla! Solo se il prossimo anno mandiamo a casa i Papponi della Politica cambieremo qualcosa.La domanda che mi pongo negli ultimi anni è: Come fa ancora tanta gente a parteggiare per i mafiosi, di strada e della Politica, non riconoscendo a Grillo almeno il coraggio che ci sta mettendo per risanare questa nostra Italia.

ottavio berardi, calderara di reno Commentatore certificato 10.08.12 10:48| 
 |
Rispondi al commento

questo post ha un titolo ad minchiam

Leonardo Massimo Muci 10.08.12 09:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Volete sapere la verità sul terremoto in Emilia? Www.povalley.com!!! E tutto sotto I nostri occhi diffondete!

Claudiopizzaiolo 10.08.12 02:29| 
 |
Rispondi al commento

Guardare il film di Francesco Rosi.
Fa capire praticamente tutto.

nino f. Commentatore certificato 10.08.12 01:48| 
 |
Rispondi al commento

Sempre il solito schifo....poi tt a piangere xò!!! Ho letto un post che parlava di rivoluzione.....ma dove....ma qndo.....ormai l'italia e gli italiani sono diventati una massa di pecore.....mi ci metto anche io nel mezzo ovviamente....
Sarebbe bello poter riprenderci il paese ma non accadrà mai fin quando abbiamo paura delle ritorsioni

sabrina fabbri 10.08.12 01:07| 
 |
Rispondi al commento

ma se la notizia ieri era in home page su repubblica.it!! quante palle su questo blog...

valeria andreoli 09.08.12 21:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma scusate....parlando della notizia in se per se...è una giustificazione la non condanna??????????????????????????????

pippo pippo 09.08.12 21:04| 
 |
Rispondi al commento

Da anni ormai il giornalismo Italiano è stato ucciso . Il denaro pare sia l'unico imputato al processo per tale crimine. Finché la gente mangia l'orso balla cari miei :)

Mattia Raisi, Rovigo Commentatore certificato 09.08.12 20:19| 
 |
Rispondi al commento

L' ultima opera, incompiuta, di un certo signor Pasolini, si intitolava petrolio, ma non riuscì, casualmente, a terminarla.

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.08.12 18:44| 
 |
Rispondi al commento

L' ultimo opera, incompiuta, di un certo signor Pasolini, si intitolava petrolio, ma non riuscì, casualmente, a terminarla.

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.08.12 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Hai capitto! un sequesto con omicidio può essere gisutificato quando ci sono di mezzo personaggi influenti, equlibri politici e l'immagine delle istituzioni da salvagurdare ... bene .. questa ci mancava

Vittorio ., Sondrio Commentatore certificato 09.08.12 18:35| 
 |
Rispondi al commento

E' ora di farla finita con tutti-dico tutti questi mangiapane a tradimento...noi dobbiamo vivere con 1000 euro mensili e anche precari e loro si danno l'aumento tutte le volte che vogliono creiamo una rivoluzione la rivoluzione è un atto di violenza pura... dobbiamo farli fuori tutti e ricominciare da capo sennò il sistema che si è ormai istituzionalizzato a modo loro è incambiabile ...dobbiamo colpirli... fargli male seriamente... non è più tempo di giocare alle Elezioni...........

Tommaso Lagi 09.08.12 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Non è per nulla casuale che la notizia sia stata data in sordina ed a ferragosto. Fa parte di un meccanismo perverso, quando troppi interessi vengono messi in discussione !

luigi scasso 09.08.12 18:05| 
 |
Rispondi al commento

I telegiornali servono per dirci che a Messina ci sono 37° ad agosto e -16° a Cervinia nel mese di Dicembre!!

MARCO PACINI, firenze Commentatore certificato 09.08.12 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Nulla è casuale!

Ignazio Virzì 09.08.12 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Il solito vomito...

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 09.08.12 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Consiglio di leggere sull'argomento "IL GOLPE INGLESE" ediz. Chiarelettere a suo tempo recensito su questo blog. Anche se l'ENI
di oggi non è quello di Mattei, credo ci entri poco con la ignavia
e imbecillità della stampa.

Giuseppe Colombo 09.08.12 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
non preoccupatevi che tutti i colpevoli staranno già bruciando all'inferno, tranne uno, che gli auguro di campare e soffrire il più a lungo possibile...
Ogni notte, prima di addormentarmi, mi concentro ed auguro a tutti loro, mafiosi e politici, la peggior fine possibile, fatelo anche voi, funziona!
Inondiamo queste merdacce di energia negativa, così noi ce ne liberiamo e loro vanno affanculo.

Giuseppe 09.08.12 15:47| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo ne so qualcosa .... ho gestito per alcuni anni degli impianti di carburante in autostrada gruppo eni e q8 in modo corretto e trasparente sono stato in varie parti d'Italia però quando sono stato in sicilia è stata la mia fine
... eni mi ha distrutto economicamente e moralmente ... infatti basta vedere a chi sono in mano oggi i più grossi impianti carburanti in sicilia,,,,,,
giovanni giaimis

giovanni giaimis 09.08.12 15:27| 
 |
Rispondi al commento

http://andreacarancini.blogspot.it/2012/06/il-primo-depistaggio-giornalistico-su.html

Andrea Carancini 09.08.12 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Assurdo, sembra che nel nostro paese tutto sia connesso a Cosa Nostra. Spero di poter,un giorno, spiegare a mio figlio che alla fine luce si e' fatta, e soprattutto i collusi siano stati puniti.
Ma conoscendo l'entità coinvolte, la mia speranza sarà vana...

Marco Fele 09.08.12 15:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tra tutti gli "omicidi Statali" , quello del Fanfaniano Enrico Mattei non solo è stato quello più autolesonista ma è la causa principale per la quale, a tutt'oggi, il costo dei carburanti in italia è tra i più alti al mondo.
L'Italia è una terra nella quale chi ha seria intenzione di fare del bene al prossimo, è praticamente un morto che cammina!
Notizie come questa sentenza, vengono sistematicamente occultate dai mass media, al punto che per saperne qualcosa bisogna fare le ricerche in internet! E allora W l'Italia che prima s'è desta e che poi dell'elmo di Scipio s'è cinta stà beata minch..!

francesco falsetti 09.08.12 15:01| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Chi tocca i fili muore....

Del resto siamo o non siamo il Paese dei Balocchi?

fabrizio castellana Commentatore certificato 09.08.12 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Ma perche' tanta meraviglia?Fatto salvo una ristretta parte di giornalisti i restanti sono al soldo del padrone.Cj sono piu'giornalisti in giro che copidi giornali vendute!I loro lauti stipendi li prendono indirettamamente dalle tasse dei cittadini per tramite dei governi che usa le armi e i tribunali per esercitare questa coercizione.

Di Nino Sergio 09.08.12 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma qualcuno aveva dei dubbi a riguardo? Sarà una notizia quando verranno fuori i nomi... anche se abbastanza inutile oramai.

Simone Groggia 09.08.12 14:26| 
 |
Rispondi al commento

In sostanza, la conferma SCRITTA, UFFICIALE, che il braccio armato per i lavori sporchi dello Stato e' stata la Mafia...
E poi ci chiediamo sempre a Palermo perche' non la si e' mai combattuta veramente, quantomeno in passato.
Era evidente a tutti quanto "si lasciasse fare" alle cosche. Oggi le metastasi sono giunte fino a Roma, e i risultati si vedono tutti.
Nutrivamo il male che avevamo all'interno.

Luca Scalia, Palermo Commentatore certificato 09.08.12 14:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per completezza chi sono gli influenti personaggi che hanno ordito il complotto contro Mattei ?

Maurixx 09.08.12 14:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Casuale? Voluto vorrai dire.
Niente è casuale, c'è in tentativo di formattare la memoria per dominare meglio le persone, e di rimuovere selvaggiamente le notizie politicamente scorrette per dare pagine al Grande Fratello e varia spazzatura-subcultura. Per questo occorre intensificare la controinformazione.
Da giornalista esprimo affetto e riconoscenza ai famigliari di De Mauro, come di Mario Francese, Siani e tanti altri che per il loro coraggio e amore della verità hanno pagato con la vita. Che il loro sacrificio non sia vano. Francesco Greco

Francesco Greco 09.08.12 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Sai cosa stavo pensando?Io stavo pensando una cosa molto triste:cioe'che io,anche in una societa'piu'decente di questa,mi trovero'sempre con una minoranza di persone.Ma non nel senso di quei film dove c'e'un uomo e una donna che si odiano,si sbranano su un'isola deserta perche'il regista non crede nelle persone.Io credo nelle persone,pero'non credo nella maggioranza delle persone:mi sa che mi trovero'sempre a mio agio e d'accordo con una minoranza." — presso Cargo City.

generoso v., roma Commentatore certificato 09.08.12 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Grazie

franca s. Commentatore certificato 09.08.12 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Post stupendo. Notizia che mi ero perso...Ovviamente.
Queste merde di giornalai non servono più a nulla !!

Viva la rete !

PAOLO COGORNO, Cogorno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.08.12 13:21| 
 |
Rispondi al commento

la prima pagina ... certo se non fossero passati 50 anni dal complotto per ammazzare Mattei, ormai la giustizia non si avrà mai più, anche i colpevoli sono molrti tutti tranne (?) Andreotti

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 09.08.12 13:11| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori