Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il pizzo della Casta


casta_ita.jpg
“I politicanti, o i tecnici in vece loro, minacciano i cittadini con proclami a volte contro gli evasori ed a volte contro i dipendenti fannulloni che rubano gli stipendi, in definitiva si cerca di mettere gli uni contro gli altri, distogliendo in questo modo l’attenzione da altri problemi. Dopo 40 anni immacolati, lo scorso anno (e questo sarà peggio!) non sono stato in linea con gli studi di settore. Mi sentivo, ascoltando le frasi degli esattori, come se fossi un condannato a morte. Se uno non paga le tasse che LORO pretendono non ti fucilano, ma danno il fucile carico nelle mani di Equitalia! Non vale dire che il lavoro è calato, che i soldi non girano più perché lo Stato e le banche si prendono tutto quel che c'è, non esiste la motivazione che NON vuoi licenziare i dipendenti perché da decenni si comportano onestamente e che hanno mutuo e figli! Tutto questo non vale, perché lo Stato pretende il suo pizzo per mantenere la casta con auto blu, scorte, finanziamenti ai giornali ed ai partiti, stipendi e privilegi di parlamentari, enti inutili che servono solo a far guadagnare amici e parenti dei "potenti". Per mantenere la corruzione che comunque fa PIL!” Roberto B.

24 Ago 2012, 20:00 | Scrivi | Commenti (116) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SAREBBERO LA RISOLUZIONE AGLI SPRECHI CAUSATI DAI SIGNORI DEL PETROLIO CHE FANNO IL BELLO E IL CATTIVO TEMPO; A QUESTI SI AGGIUNGONO I POLITICI CHE PUR DI FAVORIRLI FAREBBERO CARTE FALSE, ANZI FANNO CARTE FALSE ALTRIMENTI COME POTREBBERO INCOLLARSI ALLE POLTRONE TANTO AMBITE?
COMUNQUE C'E' UN ALTRO PROBLEMA CHE OSTACOLA IL DIFFONDERSI DEL FOTOVOLTAICO: GLI STABILI CONDOMINIALI CHE RAPPRESENTANO LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE UNITA' ABITATIVE. METTERE DACCORDO TANTE PERSONE RAPPRESENTA UN'IMPRESA ARDUA!!!
SE LE ISTITUZIONI VERAMENTE VOLESSERO RISOLVERE IL PROBLEMA ENERGETICO DOVREBBERO IMPORRE LE INSTALLAZIONI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI EVITANDO COSI' LE SCARAMUCCE CONDOMINIALI CHE ALTRO NON FANNO SE NON CONCORRERE AL REGRESSO SOCIALE!!!!
SPERO CHE QUALCUNO DEL M5S PRENDA IN CONSIDERAZIONE QUESTO COMMENTO E LO FACCIA PROPRIO.
SALUTI MARIO

Mario Falcon Commentatore certificato 03.12.13 14:16| 
 |
Rispondi al commento

LA MINISTRA CANCELLIERI COME MAI NON SI E' INTERESSATA DI QUEL DETENUTO MORTO PERCHE' AMMALATO DI CIRROSI EPATICA E CHE NECESSITAVA DI UN TRAPIANTO DI FEGATO? PROBABILMENTE NON ERA NELLE STESSE CONDIZIONI DELL'AMICHETTA LIGRESTI CHE ERA IN PERICOLO DI VITA IN QUANTO PER UN LASSO DI TEMPO LE ERA STATA NEGATA LA BELLA VITA FATTA CON LE RUBERIE DEL SUO ADORATO COMPAGNO, UOMO SENZA SCRUPOLI DEDITO SOLO AI SUOI SPORCHI INTERESSI AFFAMANDO TANTA POVERA GENTE. CHE SOCIETA' DI MERDA!!!!

Mario Falcon Commentatore certificato 03.12.13 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Cos'é? E' una mafia legalizzata, peggio !!!! La mafia chiede il pizzo una volta al mese e paghi solo uno e basta, qui paghi tante tasse e non finiscono mai tra dirette che indirette per ingrassare sia politici, che funzionari dello stato con stipendi da favola e non solo in alcuni casi vi sono padri, mogli, figli e nipoti etc...........tutti dipendenti guarda caso con incarichi remunerativi.Quindi per questo i soldi non gli bastano mai e Befora deve far cassa. Bisogna fare molta pulizia e senza riguardo andando a retroso ad andare a guardare la conformità dei concorsi di costoro e buttarli fuori se vi fossero stati irregolarità e rimborsare il dovuto e cambiare le regole dei parlamentari che sono a servizio del popolo italiano, non dei grandi priveleggiati.

Stefano Oliveri, Torino Commentatore certificato 20.11.12 18:19| 
 |
Rispondi al commento

perchè non viene pubblicata la copia del bonifico bancario con il quale l'On. Gianfranco Fini restituisce allo Stato i circa 85.000 euro di soldi nostri , spesi incredibilmente per stanze vuote di albergo ? 2° messaggio

filippo mariotti 29.08.12 20:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe dovresti organizzare una grande manifestazione di piazza che coinvolga qualche milione di persone stanche di essere trattate da suddite da quedti inetti politici ladri cosi da fargli intendere che i tempi sono cambiati che dopo la piazza potrebbe esserci anche altro. M. M.

Mario Mazza 27.08.12 14:43| 
 |
Rispondi al commento


L'unica soluzione per questa gente è che venga trattata come i Savoia dopo la seconda guerra mondiale.
Esiliata dal nostro paese, ovviamente prima dovrebbero essere privati delle ricchezze sottratte ai cittadini.
Chi ha contribuito a rovinare e impoverire una nazione per gli interessi di pochi non ha diritto di rimanere in Italia.

massimiliano m 27.08.12 14:11| 
 |
Rispondi al commento

E' finalmente arrivato il momento di cacciare a pedate tutti i politicanti che hanno distrutto il paese e rubato la dignità di essere cittadini.
i partiti dovranno fare i conti in parlamento con gli eletti del M5S.....l'attesa è snervante, il risultato sicuro!

adolfo d., bari Commentatore certificato 27.08.12 13:44| 
 |
Rispondi al commento

E BASTA, CI LAMENTIAMO SUL CARO BENZINA SULLE TASSE SUI SOLDI CHE SPRECANO QUESTI LADRI PATENTATI CHE SI FANNO CHIAMARE DEPUTATI, PARLAMENTARI, SENATORI, ONOREVOLI PERO NESSUNO SCENDE IN PIAZZA E BLOCCA IL PAESE O LI MANDIAMO VIA TUTTI A CALCI NEL CULO E GLI FACCIAMO RESTITUIRE TUTTI I SOLDI CHE HANNO PRESO FIN'ORA O CI ABBASSIAMO I PANTALONI E CONTINUIAMO A FARCI INCULARE A PECORINA SENZA LAMENTARCI O REAGIAMO. NEGLI ALTRI PAESI HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI COMBATTERE SI SONO FATTI UCCIDERE PER LA LIBERTA ED UN PAESE MIGLIORE, SE NOI SIAMO IN QUESTE CONDIZIONI E SEMPLICEMENTE PERCHE SIAMO UGUALI AI NOSTRI COSIDDETTI POLITICI QUINDI O COMBATTIAMO O SUBIAMO.

GERARDO DICOSTANZO 27.08.12 11:42| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'attuale sistema fiscale feudale utile solo a criminalità organizzata, costituzione di fondi neri e, piatto di lenticchie, evasione fiscale diffusa, nel 2012 non ha più senso: oggi basterebbe
TOGLIERE DEFINITIVAMENTE DALLA CIRCOLAZIONE IL CONTANTE
PAGARE CON STRUMENTI ELETTRONICI RINTRACCIABILI TUTTO CON CONTI AGEVOLATI SOLO SU FILIALI EUROPEE
SCARICARE DALLE TASSE TUTTE LE SPESE ESEGUITE
PREMIARE POI IL RISPARMIO CON ALIQUOTE AL CONTRARIO (PIU' ALTE PER CHI RISPARMIA MENO)
Forse solo in questo modo uscirebbe fuori il vero PIL (specie se si facesse a livello europeo) e il sistema sarebbe equo e senza più studi di settore, ma accertamenti singoli con criteri universali per tutti. Come effetto collaterale, diventerebbe molto più difficile vendere droga ai nostri ragazzi, corrompere pubblici ufficiali, costituire fondi neri e quant'altro ci ha portato nel baratro.
Un'ultima domanda per tutti: come si può credere alla ricetta per uscire dalla crisi se a formularla è il peggio della generazione che ci ha portato in questo baratro?
Saluti a tutti da un umile medico di PS che ha a che fare quotidianamente con la sofferenza e la fragilità degli inascoltati...
Giulio

Giulio Maria Ricciuto 27.08.12 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Roberto. B con tutto il rispetto sono anni che in questo sito in questa oasi di democrazia si denuncia il fatto che la vera mafia si trova a roma , in parlamento

Fausto 26.08.12 16:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E avanti ancora con questa solfa dello stato che ti strozza..... ne ho le palle piene!!!!!!! Qui sul blog sta diventando il principale argomento, mi sembra che si stia diventando la succursale di "Libero"

Gian Lorenzo Molinari, Busalla Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.08.12 15:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

aiutami

http://www.iovogliote.blogspot.it/2012/08/io-ho-bisogno-del-tuo-aiuto.html

raf 26.08.12 14:49| 
 |
Rispondi al commento

lo stato è un socio di maggioranza imposto in perfetto stile mafioso che partecipa agli utili e non alle perdite

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 26.08.12 13:40| 
 |
Rispondi al commento

NON ABBATTETEVI...se gli studi di settore non sono congrui e nn c'e' possibilita' di adeguarsi,come spesso molti di noi in tutti i modi hanno fatto per mantenere uguali redditi e quindi anche le ''scoperture di fido in conto corrente'',rimane solo da lasciare le cose cosi' come sono e ricorrere successivamente alla Commissione Tributaria.Vi dico questo perche' qualche anno fa il mio commercialista insisteva che i dati che avevo fornito non fossero reali,io di contro ''incazzato'' affermavo che lavorando solo con i condomini e quindi con detrazione fiscale e bonifici non vi era possibilita' assoluta di fare ''nero'' e che secondo me ''GLI STUDI DI SETTORE SONO ERRATI''.Infatti chiesi al mio comm.ta.....''scusami se diminuisci gli acquisti cosa succede?''Eseguita l'operazione diminuendo di euro 10000 gli acquisti diminuivano di euro 10000 i ricavi,cosa impossibile perche' se ad un titolare di pizzeria riduci di euro 10000 gli acquisti di farina i ricavi per la vendita di pizze dovrebbero diminuire di almeno 40-50000 euro,ecco perche' riaffermo ''GLI STUDI DI SETTORE SONO ERRATI'' ed il mio commercialista non e' stato in grado di darmi una risposta a questa ABNORME INCONGRUENZA.

filippo montinari 26.08.12 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Alle prossime elezioni io voterò 5stelle, e speriamo che lo facciano in molti, però le cose dovranno cambiare, altrimenti anche questa volta ho fallito!!!

renato ferrara 26.08.12 11:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alle prossime elezionu votate mm5 , e facciamo piazza pulita di sti ladri e mafiosi ,legge parlamento pulito taglio privilegi stipendi equi , ci facciamo poi riddare i soldi che si so presi con i doppi trippli stipendi eliminare gettone presenza eliminazione del 90% delle auto blu e il restante convertite a gpl e metano , caso fiat o ci ritornamo i soldi o lo stato ne prende possesso poi riapriamo le fabbriche fallite e diamo lavoro a chi lo ha perso e a chi lo cerca , abbrogazione nuovo art 18 proposta refendum propositivo VOTATE MOVIMENTO 5 STELLE

castellani antonio 26.08.12 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Quella degli studi di settore è una "vecchia storia": non guadagli come loro dicono ? E' legittimo un accertamento fondato... sul nulla.
E' la dichiarazione d'impotenza della "macchina fiscale": funzionassero almeno le Commissioni tributarie...

Giancarlo Mansi 26.08.12 10:18| 
 |
Rispondi al commento

La conoscete la teoria della rana nollita?Se si butta una rana in una pentola con acqua bollente, salta subito fuori. Invece, se la stessa rana la mettete in una pentola, con acqua fredda e poco a poco incominciate a scaldare l'acqua; la rana non si muove da li fino a bollire.Saluti da un italiano espatriato...

Nonpago emenevanto 25.08.12 23:39| 
 |
Rispondi al commento

la rana non si muove da li fino a bollire.Saluti da un italiano espatriato.

Nonpago emenevanto 25.08.12 23:21| 
 |
Rispondi al commento

Se si butta una rana in una pentola con acqua bollente, salta subito fuori. Invece, se la stessa rana la mettete in una pentola, con acqua fredda e poco a poco incominciate a scaldare l'acqua

Nonpago emenevanto 25.08.12 23:19| 
 |
Rispondi al commento

Ribadisco sempre quello che ho scritto in vari post; ossia ormai attendo solo l'esito delle elezioni assieme al movimento 5 stelle per lasciare un futuro ai figli. Se nel cosiddetto modo civile Le cose non cambiano o peggiorano rimane solo morire per loro..... MA COMBATTENDO

Antonio Buttinelli, tecnica.tv@tiscali.it Commentatore certificato 25.08.12 16:54| 
 |
Rispondi al commento

E' cosi la mafia quella vera e' in parlamento

Fausto 25.08.12 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Arriverà il momento che il loro bisogno di soldi crescerà così tanto da metterci tutti nella merda. Tutti, progenie compresa. Ma pesantemente intendo. Chissà se l'esercito sarà con noi o contro di noi. Ai posteri l'ardua sentenza.

Federico Bacheca 25.08.12 15:38| 
 |
Rispondi al commento

bisogna scendere in piazza con un ultimatum.O la casta fa dei seri tagli alla loro ingordigia o entro una certa data si smette di pagare le tasse.RIVOLTA FISCALE!

vincenzo s., casamassima Commentatore certificato 25.08.12 14:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'unico strumento che resta al popolo è la rivolta fiscale.Ci dominano grazie ai soldi che il popolo continua a versare.Quindi per farglielo capire(e mettere fine a quella che è di fatto una dittatura oramai)bisogna smettere di pagare

vincenzo s., casamassima Commentatore certificato 25.08.12 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe sono Preite Roberto laureato in scienze e tecnologie agrarie e seguo la politica da anni grazie anche a mio padre che é stato prima socialista poi dalemiano e ora é per Monti compra sempre Republica ecc.Insomma ti scrivo per dirti che serve anche per il M5S un trampolino di lancio perché ci stanno mangiando pezzetto per pezzetto lo so che non credi o non te ne frega nulla dei sondaggi ma ti dico che é così se andiamo avanti così ci ritroviamo Casini presidente della camera Bersani presidente del consiglio e presidente della Republica Monti . Non lo possiamo permettere assolutamente. Anche se riusciamo ad andare in parlamento saremmo in forte minoranza e ci troveremo costretti a fare dei spregevoli accordi con queste teste di cazzo. Noi dobbiamo assolutamente vincere ma ora il blog importantissimo facebook e la rete non bastano più stanno diventando ridondanti e la gente non le guarda piú con vero interesse ma le vede come una cosa noiosa lo sai come sono gli italiani si stufano subito :-).É ora di cambiare marcia e mandarli tutti a casa questi cialtroni raccomandati ma il piú presto possibile.Ciao

Roberto P., Vetralla Commentatore certificato 25.08.12 12:02| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Per la sollevazione popolare serve una scintilla. La gente, me compreso, non è ancora abbastanza arrabbiata per scendere in piazza compatta e chiudere parlamento e senato. Forza Monti, fai ancora qualcosa di tecnico, chissà che questo serva a superare il limite e a darci quindi la possibilità di mandare tutti quelli della lista al fresco.
Ah, serve una lista, chi si prende l'incarico?

pierluigi rizzi 25.08.12 11:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un operaio di Napoli, uno di quelli che anno ancora un lavoro, e banale dire che fin ora riuscivo a sopravvivere con moglie casalinga e due figlie di 13 & 11 anni. Ma da quasi un anno non so più andare avanti. I politici non fanno altro che tirare l'acqua al proprio mulino salvaguardando il proprio portafogli.
La verità e che non vedo sbocchi con la politica attuale da destra a sinistra.
Fai bene tu a dare voce alla popolazione spero che altri come me vi capiscano, vorrei vedervi vincenti, spero di arrivarci!

Francesco Di Lorenzo 25.08.12 11:35| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, o chi per te.
Sul popolo civile ci sarebbe molto da dire, a mio parere non lo siamo.
Per il resto sono d'accordo su tutto, pur tuttavia sapendo benissimo che in italia non si farà mai e poi mai un processo pubblico alla politica degli ultimi 40 anni.
Anche perchè prima che ai politici il processo andrebbe fatto ad una certa magistratura e agli organi di informazione: stampa e tv, che in questi 40 anni hanno chiuso un occhio e a volte tutti e due turandosi pure il naso.
Detto questo io spero con tutto il cuore che tu riesca veramente a raddrizzare questa repubblica delle banane, dove regna la più bieca cleptocrazia, e dove i diritti dei cittadini stanno pian piano scomparendo.

tiziano salamida 25.08.12 11:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bisogna convincere i sindaci dei propi comuni a togliere la gestione della fiscalità ad equitalia e prenderla in carico loro!!!!

rum pera, milan Commentatore certificato 25.08.12 10:46| 
 |
Rispondi al commento

LORO QUANDO PAGHERANNO I NOSTRI STUDI DI SETTORE ?

Ogni volta che un politico occupa una poltrona dovrebbe attuare il programma elettorale che il suo gruppo politico ha presentato ai cittadini, articolato, lungo decine di pagine, incomprensibile, in breve una presa per il culo! Quando non attuano il programma elettorale, vuol dire che violano i nostri studi di settore e invece di mandargli equitalia, nel 2013 li manderemo a casa tutti! Via, usiamo le schede elettorali per riprenderci il nostro Paese, le nostre attività, i nostri prodotti e industrie violentate da una politica globalizzata fatta nell'interesse delle banche a cui fanno capo, o sono nei consigli di amministrazione, i governanti!
SOLUZIONE? Dobbiamo propagandare e fare bcampagna elettorale in favore del MoVimento 5 Stelle all'infinito, poi gli studi di settore ce li organizziamo noi!

Salvo Pa Commentatore certificato 25.08.12 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Il brutto che oltre a mangiarsi tutto quello che si possono mangiare, stanno indebitando il nostro paese o quello che ne rimane e i nostri figli saranno più poveri per merito di questa casta

GS 25.08.12 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Un metodo per far pagare la crisi a chi l’ha provocata ci sarebbe :


Nel 2009 con referendum gli islandesi hanno sentenziato di non voler pagare il debito delle loro banche: si è innescata così una sorta di rivoluzione silenziosa, che ha portato alle DIMISSIONI DEL GOVERNO, alla scrittura di una nuova costituzione nel 2010, e soprattutto, alla nazionalizzazione della maggioranza delle banchei e all'arresto dei banchieri/politici che avevano portato il paese alla bancarotta.


Un movimento di opinione ha manifestato e raccolto firme per bloccare il rimborso dei debito estero (soprattutto verso banche Olandesi e Inglesi) con le tasse degli islandesi e il Presidente Grímsson ha bloccato un disegno di legge che prevedeva il rimborso di miliardi di euro. Nel marzo del 2010 si è tenuto un referendum a tal proposito e il 93% degli islandesi si è opposta alla legge di rimborso.
Una nuova proposta di rimborso è ugualmente stata bocciata mediante referendum nel marzo del 2011.

Nel frattempo, il Governo ha disposto le inchieste per determinare giuridicamente le responsabilità civili e penali della crisi. Vengono emessi i primi mandati di arresto per diversi banchieri/politici e membri dell’esecutivo. L’Interpol si incarica di ricercare e catturare i condannati: tutti i banchieri implicati abbandonano l’Islanda.


In aprile 2011 l'Islanda con un secondo referendum ha respinto la richiesta di Olanda e Gran Bretagna per la rifusione del debito. Entrambe le nazioni hanno intentato causa

(http://it.wikipedia.org/wiki/Islanda)


nel frattempo l'Islanda ha ripreso a crescere, e Il governo islandese ha deciso di investire il 13% del PIL nazionale (come se il governo italiano stanziasse circa 250 miliardi di euro) per cancellare i mutui ipotecari dei cittadini in difficoltà: un’operazione che riguarda un islandese su quattro!

(http://www.nocensura.com/2012/04/mentre-in-italia-ci-tartassano-in.html)

Roberto B. Commentatore certificato 25.08.12 10:30| 
 |
Rispondi al commento

CRISI? SE NE ESCE CON LA GIUSTIZIA SOCIALE! (E CON IOL BUON SENSO…).

Negli ultimi venti anni, lo dicono le statistiche ufficiali, in Italia i ricchi sono diventati più ricchi e i poveri sono aumentati, e sono diventati anche più poveri …
Che fare? Bisogna ridistribuire la ricchezza! Bisogna togliere a chi è troppo ricco e a chi gode di privilegi di casta, e dare a chi ha meno. (Così come del resto dice la Costituzione: “chi ha di più deve dare di più”).
Bisogna istituire anche in Italia un salario minimo di Cittadinanza, come già è in quasi tutti i paesi Europei … Diciamo di 500,00 euro al mese per chi non ha lavoro e ricchezze proprie, che dia dignità e un minimo di sicurezza a queste Persone. Le risorse si trovano anche mettendo un tetto massimo diciamo di 3.000,00 Euro mensili agli gli stipendi e alle pensioni di tutti i Dipendenti Pubblici e assimilati, ecc …
Tralasciamo per un momento le ruberie e gli sprechi di cui è direttamente responsabile anche lo Stato, ma le tasse vanno comunque pagate: “pagare tutti per pare meno!”. Certo i Cittadini devono poter vigilare su come vengono spesi i soldi pubblici! Per Limitare l’ evasione fiscale, e anche gli sprechi e le ruberie, bisogna istituire la moneta elettronica! La moneta elettronica aiuterebbe indirettamente anche a recuperare le ingenti somme che sono state trasferite illegalmente nei paradisi fiscali (Svizzera compresa!).
Eliminare anche tutti gli stipendi dei Politici! Nazionali, Regionali, Provinciali, Comunali, ecc. La politica deve essere una forma di libero volontariato e di partecipazione, non un mestiere retribuito!

Governo di giusti, e tanta buona volontà, e tanto buon senso …

Lux Luci 25.08.12 10:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Queste cose le conosciamo! Non so gli altri ma io non vorrei più leggere di come i nostri politici continuano da anni a spolparci e noi tiriamo sempre più la cinghia per ingrassare i loro "MECCANISMI",vorre invece sapere cosa fare per mandarli tutti a quadagnarsi la "PAGNOTTA" e mettere al loro posto gente che sia in gredo di governare con onestà, dignità, e responsabilità e che uniscano le proprie forze al servizio dei cittadini risparmiandoci i loro disgustosi e volgari litigi per contendersi la tanto ambita "POLTRONA" Non sono molto brava con le parole ma spero tanto di aver reso l'idea.

insabato concetta 25.08.12 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Ma come mai tutti a protestare e nessuno che scenda con i fucili in piazza.

Tiziano Satta 25.08.12 10:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io la grande evasione la considero come le spese della casta, perché spesso è costruita da leggi che servono per “aiutare” politici o amici !

.. della multa dei videogiochi di 98 miliardi se ne è parlato,

.. anche della legge della delega fiscale del governo monti per non far pagare l’evasione delle banche se ne è parlato.

.. poi mi viene in mente il regalo fatto da Berlusconi a Antigua, dopo che il presidente di quel paradiso fiscale gli ha intitolato una Baia, cancellando il debito pubblico che Antigua aveva con l’Italia.

.. poi mi vengono in mente le grandi opere, fabbriche di mazzette, con costi che triplicano.

.. poi mi viene in mente la truffa delle aste sulla frequenze Tv.

..

Roberto B. Commentatore certificato 25.08.12 09:32| 
 |
Rispondi al commento

Quando ero più giovane e sentivo dalle cronache dei giornali e tg attentati delle brigate rosse a politici, burocrati o uomini dello stato mi indignavo e provavo orrore per quei crimini... crescendo e vedendo come quegli uomini dello stato hanno ridotto questo paese non sono più dello stesso avviso, nonostante l'ideologia che c'è dietro a quei gruppi sia diametralmente opposta alla mia.

Nicola Albano 25.08.12 09:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bisogna che gli italiani leggano o quantomeno siano informati sulla teoria dello shock economico di MILTON FIEDEMAN

LEONE CORVO 25.08.12 09:12| 
 |
Rispondi al commento

è solo colpa della "piccola evasione"?

Il debito pubblico decolla in Italia dagli anni 80 in poi, da quando la classe politica abolì il vincolo delle banche a finanziare lo stato con tassi molto bassi, da quel momento in poi le banche fecero guadagni spropositati vendendo allo stato titoli anche al 20%,
..mi ricordo che in quel periodo chi poteva contrattare con le banche otteneva condizioni più favorevoli rispetto a quelle dello Stato, la Fiat si faceva prestare soldi dalle banche al 7-8% e con quei soldi comprava titoli di stato che rendevano il 14-15%, lucrandoci sopra !

Nel 1982 infatti ci fu il divorzio fra Bankitalia e il tesoro, e il TUS che prima veniva concertato assieme divenne di competenza unica delle banche, che in piena autonomia potevano decidere il costo del denaro e di conseguenza il guadagno .

con Ciampi alla Bankitalia, il debito pubblico si raddoppiò, le banche furono riconoscenti a Ciampi e in seguito fu presidente del consiglio, superministro dell’economia, presidente della repubblica !

Dopo aver spremuto fino all’inverosimile le casse Italiane, nel 92 grazie alla speculazione valutaria e all’uscita dallo SME, i poteri finanziari si sono comprati tutte le ricchezze con lo sconto del 40%, naturalmente in quegli anni con la legge 35/1992 (legge Carli-Amato), le banche e gli istituti pubblici vennero privatizzate.

Con l’abolizione del vincolo delle banche a non interferire nella vita delle aziende finanziate, le banche dirigono la quasi totalità del mondo produttivo.

Mi ricordo della Parmalat o di Cirio, aziende che prima di fallire hanno potuto tramite le banche che le controllavano scaricare sui cittadini il debito facendogli comprare titoli “carta straccia”, e poi quando le banche sono rientrate con i loro soldi hanno fatto fallire le aziende e lasciato con il cerino in mano i cittadini che credevono di aver fatto un affare .

.. la colpa sarà anche della piccola evasione, ma certo è che la politica ha fatto la sua parte !

Roberto B. Commentatore certificato 25.08.12 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Siamo stanchi di questa CASTA irresponsabile, non capace di autocritica e di fare qualcosa che serva veramente all'Italia, piuttosto che ai loro sporchi interessi.

A CASA TUTTI QUANTI!!!! Saranno tempi forse piu' difficili, ma per senso di responsabilità, dobbiamo essere noi a cambiar le cose...e costruirci un Italia migliore, capace di affrontare il futuro.

Rodolfo Bonasso 25.08.12 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Equitalia dipendenti e dirigenti covo di raccomandati zoccole e amici degli amici ma il danno non è Equitalia a cui hanno dato mandato di recuparare i sodli ... ma IL LEGISLATORE che ha votato le leggi per aggi interessi da usura è LA CASTA DEI MALATI DI MENTE che hanno votato le leggi dietro imput dei figli di gran troia dei leaders di PDL PD UDC LEGA e merda varia sono loro che dovrebbero essere presi a bastonate.

protestare protestare all'infinito

sabatino 25.08.12 08:09| 
 |
Rispondi al commento

Chi è il garante del pizzo? Ma è evidente la PAURA DELLA CRISI ECONOMICA e con la paura la gente diventa OMERTOSA. E allora si capisce il gioco che si sta affermando in Italia e non solo, quello della PAURA. Spaventare con tutti i mezzi possibili, anzi mettere in difficoltà con balzelli per poter poi spaventare a piacimento la popolazione. Lo spread è una manopola con cui vengono tenuti in pugno milioni di italiani che, per garantirsi quei quattro soldi delle cedole, butterebbero a mare i propri concittadini o rinuncerebbero a denunciare un sistema marcio. E allora quando l'omertà non è sufficiente e la denuncia aumenta, si va SU con lo spread e la gente torna mite e omertosa e si può continuare imperterriti a pigliare il pizzo.....meditiamo sullo spread generatore di omertà per garantire e proteggere il pizzo!

mario mario Commentatore certificato 25.08.12 07:50| 
 |
Rispondi al commento

MONTI SVIZZERI...
Il prof. Monti ci spiega che l'affitto dell'appartamentino stagionale in Engandina gli è costato solo 15000 franchi svizzeri, circa 12 mila Euro...

Vorrei far notare che è comunque criticabile chi, con incarichi di governo, o eletto rappresentante di questo Paese se ne vada a trascorrere vacanze all'estero.
Fossero anche le Maldive o le Seichelles!

Mi sorge poi la solita domanda: ma la scorta lo ha seguito? ovvero, abbiamo pagato nostri polizziotti per il servizio a St. Moritz? oppure abbiamo pagato il servizio alla Svizzera?

So che criticare il comportamento del Prof. può rappresentare reato di lesa maestà... ma i suoi ricchi compensi di senatore e presidente sono frutto dei sacrifici di tutti noi!

Buona vita a tutti

Rudik G., Torino Commentatore certificato 25.08.12 07:48| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo caro Roberto noi cittadini siamo tra due fuochi: quello delle multinazionali o delle grandi aziende che dominano la scena con monopoli da una parte e i grandi potentati politici che agiscono in molti casi come le mafie (vedi Lusi per considerare un esempio dell'ultimo periodo) dall'altra. Il problema è che stiamo assistendo ad una assolutizzazione del burocratismo e questo comporta una legalizzazione di quello che chiami "pizzo". In sostanza nel settore pubblico non si guadagna più a fronte di un lavoro ma a fronte di una protezione politica che concede la possibilità di introdurre balzelli burocratici per ogni cosa che si fa.
Addirittura in questo momento ci sono imprenditori che spendono soldi ed energie per farsi "appaltare" un lavoro, dopodichè a opera ultimata sono costretti ad aspettare per farsi pagare ma stanno zitti perchè altrimenti il potere associativo mafioso di certi enti pubblici non gli permetterebbe più di accedere ad altri appalti (spesso utilizzando strumenti di ostruzionismo che hanno solo la parvenza di legalità). E' ora di mettere in discussione pesantemente le regole e sopratutto i meccanismi di remunerazione che non possono più essere assoluti ma relativi a ciò che realmente viene prodotto. Si tratta di codificare e smascherare comportamenti che sono apparentemente legali ma che sono realmente mafiosi e questo lavoro non è facile. Questi di cui tu parli sono talmente astuti che sono capaci di farci credere che il "pizzo" sia una sorta di pagamento di un bollettino amministrativo da pagare alle poste.

mario mario Commentatore certificato 25.08.12 07:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I tempi sono maturi per LIBERARE l'Italia da queste bande di malfattori che l'hanno ridotta sul lastrico SPERO CHE ANCHE GLI ITALIANI SIANO MATURATI e che alle prossime elezioni non votino più i vecchi politicanti con qualsiasi travestimento si presentino. Dobbiamo urgentemente cambiare questa marcia classe politica che tra poco inizierà una vera campagna "pubblicitaria" per intortarci ed estorcerci il voto.
LIBERIAMO il NOSTRO Parlamento e mandiamo lì gente NUOVA seria onesta giovane preparata e motivata.

Giovanni M., Roma Commentatore certificato 25.08.12 07:18| 
 |
Rispondi al commento

Voterò Grillo e Co. non perché credo in lui ma solo perchè in questo momento è l'unico che può mandare a casa questa monnezza!!!! Diciamo che credo nella chemioterapia......

Gaetano Esposito 25.08.12 06:45| 
 |
Rispondi al commento

sono un iscritto voglio essere partecipe faccio riunioni private a case di amici. Per me è un nuovo modo di far conoscere il movimento o meglio di farci conoscere, spiegare alla gente il vero campiamento. Adesso o mai più. far capire loro che pensano,tutti sono uguali che non è così. Io credo che il potere economico si deve trasformare in valore economico (questa parola richiede molta attenzione per essere capita vorrei che mi date la possibilità, io non la ho).Gente svegliamoci siamo un 60 per cento del popolo italiano che ci facciamo influenzare dalla vecchia politica ci manopolano come burattini ma noi non vogliamo uscire dal nido. Forza usciamo saremo più liberi per un futuro migliore, un futuro per i ns figli soprattutto cosa avranno domani loro? solo un po di mangiare il giusto per non morire sapete perchè, perchè poi chi lavora per loro. noi solo lavoro loro solo sprechi che bella equità adesso vogliono la crescita ma come lavorando chi lavora! per 1.200,00 euro al mese e verne di spese 1.400,00 che presa in giro (anche su questo ci vuole del tempo per spiegare bene) Io mi rivolgo agli indecisi che sono tanti, agli operai che per colpa dei sindacati e per colpa della sinistra oggi anno uno stipendio fra i più bassi d!europa a voi dico la sx i sindacati fanno finta di difendere i più deboli sapete perchè. Perchè loro gli interessa esserci i più deboli altrimenti non esisterebbero più. Poi non parlo della dx uquale sono tutti uno. Io avrei molto da dire e farmi capire datemi un modo di farlo, vI Stupirò io ho la forza di campiare e le capacità di fare campiare vi saluto distintamente un saluto al grande beppe lo ringrazio per questa occasione e assicuro che in futuro farò il possibile per meritarla.

natale palermo 25.08.12 06:38| 
 |
Rispondi al commento

Caro Roberto, è inaccettabile sentirsi evasore presunto ed accettare di pagare la pena per un reato non commesso solo perché intimiditi da lettere minacciose. Tutto ciò inquieta soprattutto perché è lo Stato a tenere questi comportamenti nei confronti di cittadini onesti. Triste è anche constatare come si accaniscano con i più deboli, mai o raramente con i grandi e potenti. Ci uccidono piano piano ed uno per volta in modo che non facciamo rumore e non sporchiamo. Poi dicono che vogliono far ripartire l'economia e incentivano l'apertura di nuove società. Se lo Stato è fallito cosa aspettano a dichiararlo e a lasciare in pace la gente e le aziende che pure in perdita cercano di tenere botta pur di non chiudere. Uno non chiede aiuto (come giusto sarebbe) ma almeno di non essere considerato un evasore presunto perché magari non ha venduto e guadagnato in un periodo di crisi come questo.

marco e Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.08.12 01:05| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

questa è la triste realtà di questo paese ormai (ma cos'è diventata l'itaGlia????) pretendono tasse su tasse per mantenere i parassiti della casta politica ed i loro sporchi privilegi!!!

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 25.08.12 00:53| 
 |
Rispondi al commento

--------------------------------------------
Un po di tempo fa si diceva che se anche ci fosse meno evasione, comunque lo stato sarebbe ladro ugualmente, nel senso che imporrebbe comunque una tassazione ingiusta. Credo la stessa cosa degli imprenditori (non tutti ovviamente), cioè, anche se vi facessero pagare il 25% di tasse continuereste ad evaderne il 50%, ed i soldi sporchi ve li terreste tutti per voi.
Con questo non voglio giustificare assolutamente questo Stato strozzino, ma voglio solo sottolineare che a parlar bene di se senza dimostrare nulla è troppo facile.
Io di imprenditori ne ho conosciuti parecchi, tutti dicevano che la loro azienda era come una grande famiglia, però appena una signorina era incinta la si lasciava a casa senza uno stipendio, appena c'era l'opportunità di licenziare qualcuno per poi riassumerlo con un contratto a tempo determinato lo si faceva, appena c'era da lodare un neo assunto parente della moglie dell'imprenditore non si badava ad elogi. Famiglie strane quelle delle aziende degli imprenditori.
Ora voi imprenditori, per colpa di molti vostri colleghi disonesti, non avete più nessuna credibilità, perciò per farvi perdonare, mentre denunciate una condizione lavorativa impossibile per i vostri affari, denunciate anche qualche vostro collega imprenditore che sfrutta gli operai come lo Stato sfrutta voi.
-----------------------------------------------

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.08.12 23:56| 
 
  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusa, se il fatturato è in calo, come può Equitalia dimostrare il contrario, dimostrare il falso?
Capisco che può accusarti di aver venduto in nero, ma se non trova le prove, di cosa hai da temere tu?

Sui pubblici dipendenti che rubano lo stipendio: dopo la cura dimagrante degli ultimi 20 anni, quelli che hanno rubato lo stipendio per 40 anni oramai sono tutti in pensione, e quindi continueranno a rubare la pensione per altri 20 o 30 anni (senza appartenere più alla categoria degli statali)
di quelli ancora in 'attività', oramai credo ce ne siano relativamente pochi. Una cosa è certa: quelli che nello Stato PRODUCONO, non ostacoleranno mai qualunque iniziativa volta a eliminare queste sacche di parassitismo. Così come i (pochi) lavoratori autonomi che pagano le tasse sognano un governo che colpisca seriamente gli evasori (grandi ma anche i piccoli, che tanto piccoli non sono se sommati assieme..)

Za Stalinu 24.08.12 23:47| 
 
  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sarebbe bene fare chiarezza a tutti sui meccanismi che impongono al PRESUNTO evasore xche' nn congruo, a pagare anticipatamente una bella fetta del contendere ( con miniime probabilita' di vittoria, xche' gli esattori ti portano volentieri fino alla cassazione, tanto a loro nn costa niente, poi la cassazione e' lo Stato contro cui fai i vari ricorsi, che si rivelano praticamente un suicidio).
Chi ne sa piu' di me e parla meglio dovrebbe spiegare quanto sopra a coloro che si chiedono cosa abbia da temere una "partita iva" se ha la coscenza a posto!
Praticamente viviamo in uno stato di ingiustizia dove l'amministrazione pubblica ha sempre piu' ragione dei cittadini in sede di contenzioso.
Per non parlare dei premi a pioggia pagati a tutti i dipendenti del ministero della finanza sulla PRESUNTA evasione rilevata. Che ovviamente nn vengono restituiti nei casi di provata incolpevolezza dei contribuenti.
Ditemi voi che sistema e' questo!

Daniele Pasquali 24.08.12 23:30| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe che qualcuno rispondesse a Roberto Testoni, qualche commento sotto. Ci si deve rivolgere a un avvocato? Non pagare e andare in causa? E se uno vince la causa, dimostrando che non ha avuto entrate e non deve pagare nulla, come recupera i soldi per pagare l'avvocato? Si possono chiedere i danni all'agenzia delle Entrate - chessò, per calunnia o diffamazione, e fargli pagare il conto dell'avvocato? Oppure è inutile, e le possibilità sono solo due: o spendi i soldi pagando quel che richiedono o pagando l'avvocato? Grazie a chi vorrà dare una risposta utile, o quantomeno pratica e oggettiva.

DanieleTomasi 24.08.12 22:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli studi di settore sono stati creati partendo da una media dei bilanci delle aziende dello stesso settore. Poichè i bilanci delle aziende, tutte le adiende, piccole, medie e grandi, da decenni, sono tutti non veritieri, per non dire "falsi", e cioè che non rispondono al vero, per decenni gli imprenditori, escludendo il nero, hanno sempre pagato molto meno del dovuto.
Mi piacerebbe incrociare i dati catastali, delle auto, delle barche, bancari e finanziari di tutti e 5,5 milioni di partite iva italiane.
Non c'è dubbio che ci sono tantissimi onesti che hanno sempre dichiarato e pagato le imposte dovute, ma sono una minoranza.
Dalle statistiche annue quante volte avete scoperto, inorriditi, di imprenditori che dichiatano meno dei dipendenti? Ed i circa 5/600 miliardi € depositati nei conti correnti svizzeri? Ed i 130 miliardi annui evasi?

Luigi romano 24.08.12 22:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lamentarsi è un sacrosanto diritto. Il diritto di critica altrettanto. Però è anche un diritto la possibilità di cambiare le cose, di reagire e non subire sempre. Nè conosco a migliaia di gente strozzata da equitalia, di questo sistema folle e perverso che si è venuto a creare per colpa di uno stato incapace e debitore. Non stiamo ad aspettare le prossime elezioni politiche per votare il meno peggio oppure non votare nessuno, tanto "son tutti uguali e non cambierà mai niente". Non cambierà mai niente perchè siamo noi a non voler cambiare, siamo noi che non ci mettiamo in gioco, rischiando anche qualcosa di nostro. La classe politica attuale è totalmente assente dalla realtà circostante. I politici per ora sono in fermento per creare la nuova legge elettorale a loro esclusivo uso e consumo. Ormai è così lampante che si stanno facendo la legge elettorale ad hoc che l'hanno capito pure le pecore. Altro che "porcellum", ci sarà ben di peggio. Come si fà a pensare alle prossime elezioni con il paese allo sfascio? e tra l'altro una legge elettorale che si rispetti deve avere come scopo quello di dare una maggiore rappresentatività del cittadino in parlamento, non invece come succede attualmente che il cittadino è tagliato fuori dalle istituzioni e dalle decisioni politiche ed economiche del paese. I cittadini devono avere il diritto di dire la loro! per esempio in Sardegna sono stati fatti dei referendun per l'abolizione di 4 provincie. Il popolo sardo ha votato il si per l'abolizione ma il governo regionale ancora non le ha abolite come se la volontà dei cittadini contasse zero. Dovremmo fare molti referendum e non solo abrogativi come prevede la Costituzione che è stata scritta per i partiti, ma anche propositivi per proporre e portare nuove idee in parlamento. Potremmo decidere ad esempio se volere ancora equitalia o no per la riscossione dei tributi, oppure se stare nell euro o no: questa è democrazia e finchè non ci sarà non cambierà niente.

Gaspare M. Commentatore certificato 24.08.12 22:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' un problema strutturale :lo stato e' elefantiaco e sperperone:nessun tecnico e'intervenuto nel tagliare le enormi spese dei privilegi'ma tagli e taglieggi crudeli ai poveri tartassati e equità issati,la"ristrutturazione" dello stato, che ci salverebbe dalla rovina,viene fatta solo a parole.Ecco cosa danno a un popolo travagliato:parole,parole

Rosella Di Paola 24.08.12 22:31| 
 |
Rispondi al commento

sti cazzo di studi di settore sono stati inventati per fare pagare almeno il minimo a imprenditori che altrimenti avrebbero sempre dichiarato 1000€ all'anno.

ora non c'è lavoro per nessuno, ma 20 anni fa il lavoro c'era, quindi se un commerciante o imprenditore dichiarava meno di un qualunque operaio normale, era meglio per lui abbandonare l'attività e andare a fare il dipendente.
la gente non è tutta scema, prima o poi qualcuno se ne doveva accorgere.

rubare si ma almeno con dignità.

ivan m. Commentatore certificato 24.08.12 22:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei un consiglio.
Faccio una premessa,sono padre di quattro figlie (12,8,3,3 anni),lavoro con un contratto a tempo indeterminato da 5 anni,prima ho sempre lavorato in nero.
Sono stato dipendente dall'eroina per 10 anni (1983-1993),poi sono entrato in una comunità di recupero e da allora il mio rientro nella collettività è stato sempre più esemplare fino al punto di cercare di sanare (possibilmente)qualsiasi regresso debitorio(devo solo pagare debiti economici).
Bene.
Ieri sono andato da Equitalia e mi hanno tirato fuori cartelle anche degli anni in cui non sapevo campare.
Ora la somma debitoria è molto alta e anche non del tutto vera,e comunque anche dilazionando il pagamento non ce la farei ad arrivare a fine mese (il mio stipendio è di 1700 euro compresi assegni familiari)per pagarla.
Dovrei parlare con un giudice civile?
Datemi più consigli possibili.

salvatore testoni 24.08.12 22:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nessuno che lo dica forte e chiaro come va detto.
GLI STUDI DI SETTORE SONO UNA MINCHIATA MEGA GALATTICA.
E'come dire che se ti mettono il pennello in mano dobbiamo essere tutti dei Van Gogh.
Avere un'attività profittevole in cui non ci si rimettono i soldi investiti anzi si riesce a far tornare il capitale guadagnandoci è un'impresa appunto, un impresa che a tutti non riesce oppure può riuscire per un periodo e non per sempre.
Gli studi di settore servono solo ad arricchire le varie CNA, Confartigianato, Confesercenti Coldiretti ecc... e anche i commercialisti.
Finalmente che ci sia qulche giornalista che lo dica, qualche politico, qualcuno che non sia l'uomo qualunque inascoltato che dica forte e chiaro questa verità ormai sotto gli occhi di tutti e che tutti fanno finta di non capire.

Pantomima Rossa Commentatore certificato 24.08.12 21:52| 
 |
Rispondi al commento

Io lavoro in un azienda privata in cui i dirigenti sono pagati molto bene, eppure l'azienda produce buoni utili, perchè i dirigenti sono pagati per offrire prima di tutto buoni servizi ai clienti, poi per contenere i costi sia allontanando di fancazzisti sia cercando di non sprecare risorse aziendali. Secondo me quindi il problema principale dell'italia, è il fatto che fino ad ora i politici e dirigenti non hanno fatto l'interesse del'azienda italia, ma hanno sempre cercato di privilegiare, vuoli le aziende private che prendono in appalto i lavori a prezzi gonfiati, vuoi alcuni dipendenti pubblici assunti solo per motivi clientelari ecc.

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 24.08.12 21:41| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno può spiegarmi a cosa serve questo frenetico susseguirsi di post, al ritmo di 3 o 4 nell'arco delle 24 ore ?
Secondo me serve solo a non approfondire e a sfiorare suprficialmente gli argomenti, impedendo un utile scambio di idee e di proposte nei commenti e relativi sottocommenti-
Se avete risposte diverse sarò ben lieto di leggerle e valutarle-Se siete d'accordo fatemelo ugualmente sapere così mi renderò conto di non essere il solo a provare un certo fastidio per questa continua rincorsa al nuovo post-Grazie

luigi savadori, cesenatico Commentatore certificato 24.08.12 21:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma io non ho capito, tante storie su queste cartelle esattoriali, tanti problemi con equitalia....a me non me ne può fregar di meno, non pago nulla, ho intestato tutto a terzi, equitalia giorni fa mi ha mandato 756mila euro da pagare entro...15 giorni, l'ho strappata e mi son messo a ridere....per pagare quella cifra dovrei avere almeno 5 milioni di euro.....

Cristian B., Muggia Commentatore certificato 24.08.12 21:31| 
 |
Rispondi al commento

.... MA SE CE LA FARETE SIETE POI SICURI CHE VI TOGLIERETE I PRIVILEGI DELLA CASTA? ...... SAREI PROPRIO CURIOSO... ED AVREI PIACERE DI VEDERVI VINCENTI E VEDERE SE RINUNCERETE "davvero" AI PRIVILEGI..... PER ORA HO CHIESTO IN ALTRI COMMENTI DI AVERE LE PROVE DELLA RIDUZIONE DELLO STIPENDIO DEI CONS. REGIONALI E NESSUNO MI HA RISPOSTO!!!!!

enrico fiorini 24.08.12 21:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Minchia

Danilo pinducciu 24.08.12 21:02| 
 |
Rispondi al commento

Roberto, ti sei dimenicato che i soldi dei bombardieri. Vuoi mettere la soddisfazione di pagare tasse su redditi che non percepisci per poter chiudere le scuole e comprare aggeggi che uccidono altre persone?

Concordo col processo pubblico: non possono passarla liscia.

Andrea Pajetti, Bologna Commentatore certificato 24.08.12 20:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“Settimo :non rubare”. “Un processo pubblico alla classe politica è necessario. Senza violenza. Siamo un popolo civile. Truffato, spolpato, fottuto, immiserito, deriso, ma comunque civile. Nessuno può pensare di sostituirsi alla magistratura o di evocare nuove piazzale Loreto. Saint Juste Robespierre non sono esempi da imitare, anche perché finirono, pure loro, sul carretto che conduceva i condannati alla ghigliottina. Il processo deve essere morale, collettivo. Ogni cittadino deve avere il diritto di sputo virtuale.
Chiunque abbia ricoperto nella Seconda Repubblica un'importante carica pubblica, tra questi i parlamentari, i ministri, i sottosegretari, i presidenti di regione, i sindaci dei capoluoghi di provincia, i presidenti di provincia, oltre ovviamente ai presidenti del Consiglio e ai presidenti delle Camere, dovrà rendere noto pubblicamente in Rete il suo patrimonio PRIMA e DOPO la sua investitura. Motivare, se esistono, le ricchezze accumulate durante il suo incarico. Case, patrimoni, regalie inconsapevoli. Un atto dovuto che premierà chi non ha nulla da nascondere.
In questo Paese si è radicata l'idea, sbagliata, che sia naturale per un politico arricchirsi, in effetti è difficile trovare un politico in miseria o qualcuno uscito dai Palazzi del Potere con le pezze al culo. Lo stipendio e i benefit che ricevono i politici, pur eccessivi, non sono sufficienti per diventare benestanti. Quindi le fonti, in caso di ricchezza, devono essere state altre. I cittadini vorrebbero sapere quali e anche i magistrati. Conoscere, ad esempio, i motivi per cui il ministro Z o il senatore B si è ritrovato a fine legislatura con un paio di appartamenti in più o mezzo milione di euro sul conto della moglie. Un'analisi patrimoniale, in piena trasparenza, che copra il periodo della Seconda Repubblica, con il DISPREZZO dei cittadini e l'isolamento sociale verso chi ha abusato dello Stato per i propri interessi e l'intervento della magistratura in caso di reato”. Beppe Grillo.

Lux Luci 24.08.12 20:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che palle, sempre a lamentarsi delle tasse. Sono anch'io un imprenditore e fatturo tutto quello che vendo, come acquisto con fattura beni e servizi destinati all'attività. Spero di chiudere l'anno con un utile, ma non sempre è stato così. Allora, che si fa ? NON SI PAGA, indipendentemente dalle pressioni e minacce che si subiranno. In fin dei conti, se non hai soldi, non hai scelta. Se, invece, puoi scegliere la via apparentemente più comoda, paghi e inghiotti !
Credimi, vivere senza un solo bene intestato, senza conto corrente in banca, senza una macchina, una volta superato il trauma dell'educazione imposta, che ti bolla come "fallito", è una gran comodità, perché NON SEI PIU' RICATTABILE.
Io la mia scelta l'ho fatta già molti anni fa, quando mi sono stancato di lasciare i miei ammenicoli nelle mani del primo burocrate bisognoso di maggiori entrate. Tu fai la tua scelta, ma non è scrivendo sul blog cose che tutti gli imprenditori sanno, e tutti gli altri non capiscono, che risolverai i tuoi problemi.
Un saluto.

Giuliano D'Ambrosi 24.08.12 20:40| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non sono stato coerente nel 2004, la mia azienda ha lavorato solo 2 mesi Novembre e dicembre 2004. ho fatturato solo euro 16.000 ed una nota di credito di 48.000 euro più IVA (per uno sconto su fattura del 40%, altrimenti non pagavano niente), non ho inserito la nota di credito ed ho dichiarato tutto utile euro 16.000.
nel 2010 Agenzia delle Entrate mi chiama e mi dice che devo pagare la differenza fra quanto ho pagato e gli studi di settore. Ho presentato le fatture e la nota di credito, io ero a meno euro -42.000.
Mi ha detto che io avrei potuto lavorare in nero, gli chiesto di controllare i miei conto correnti, ma queta è un altra procedura.
io mi volevo appellare, ma la consulente mi ha detto di pagare perchè con l'appello avrei pagato di più:

Salvatore Pantano 24.08.12 20:34| 
 |
Rispondi al commento

ma ,chi è stato l'ideatore dei studi di settore?per me ,non ha capito un ca......,almenochè,non pretendeva un pizzo legale con la partecipazione della confraternita dei palazzi,che dite?

ivano forcella, modena Commentatore certificato 24.08.12 20:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Solito post contro l'agenzia delle entrate.

Gabriele ippoliti 24.08.12 20:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori