Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La logica di Mr. Spock - Stiglitz e Gallegati


Mr_Spock.jpg

"C'è sempre un'alternativa", come disse Spock. Il trucco che stanno usando è farci credere che non esistano alternative all'euro e alla crescita del PIL. Beppe Grillo

Intervento di Joe Stiglitz e Mauro Gallegati

"Cosa accadrà in caso di default ed abbandono dell’euro? Come uscire dalla crisi sfruttando l’opportunità del cambiamento? Non proponiamo nuove strategie di crescita, ma un diverso modo di vivere e produrre. A tal fine, individuiamo una strategia dal basso (da noi tutti abitanti questo Pianeta) ed una dall’alto.
La diminuzione del tasso di profitto del settore reale nei Paesi avanzati ha generato un'espansione del settore finanziario che ha garantito la tenuta del sistema fino allo scoppio della bolla immobiliare nel 2007. La crescita del profitto ha portato alla necessità di reinvestire i risparmi accumulati. Il rallentamento dell’economia reale nei Paesi avanzati ha implicato una fuoriuscita di risorse da questo settore non più remunerativo, incentivando la delocalizzazione produttiva e l’investimento finanziario in attività sempre più rischiose e complesse. L’iniezione di liquidità effettuata a più riprese dalle banche centrali americana ed europea non ha sortito rilevanti effetti positivi sull’economia reale dei Paesi occidentali, mentre le banche hanno ripreso a speculare grazie alla maggiore liquidità a disposizione, accrescendo i propri profitti. Il salvataggio delle banche, con la conseguente socializzazione di perdite private, è importante per la salvaguardia del risparmio del ceto medio. Però non è da escludere un’azione di indirizzo pubblico da parte dello Stato che ha investito risorse per salvare il sistema. Inoltre, il salvataggio bancario non è in grado di risolvere da solo l’attuale crisi. Infatti, non influisce sul problema di fondo, cioè una divergenza tra una produttività crescente e una capacità di acquisto stagnante o calante. In aggiunta, il salvataggio delle banche da parte degli Stati ha fatto lievitare il debito pubblico, già elevato in alcuni Paesi come l’Italia. Quindi un problema è diventato ridurre il peso del debito pubblico rispetto al prodotto interno.
La strada che i governanti europei stanno seguendo è quella dell’austerità, alcuni hanno proposto il ripudio del debito e l’uscita dall’Euro. Il ritorno alle monete nazionali renderebbe nuovamente disponibile ai singoli Paesi lo strumento della politica monetaria per garantire il debito pubblico mediante l’intervento della propria banca centrale. Questa strategia può presentare una serie di criticità. La principale è che colpirebbe pesantemente il ceto medio, lo stesso che ora sta pagando i sacrifici richiesti dalla strategia di austerità.Questo gruppo di persone verrebbe colpito sia direttamente che indirettamente. Direttamente, dato che i titoli di Stato sono la forma di risparmio principale dei piccoli risparmiatori (l’incidenza dei titoli di Stato italiani nel portafoglio di un grande imprenditore che può permettersi di investire all’estero o portare le proprie attività in Lussemburgo o alle Isole Cayman è minima rispetto all’incidenza sul portafoglio di un piccolo risparmiatore). Il default dovrebbe quindi essere “selettivo”, per colpire solo i titoli posseduti da alcuni soggetti (ad esempio, le istituzioni finanziarie estere) e ripagarli invece se posseduti da altri (ad esempio, lavoratori e pensionati). Al danno diretto si aggiungerebbero una serie di danni indiretti. L’uscita dall’Euro propedeutica ad una svalutazione della moneta (una nuova lira o un euro dei PIGS?), che faccia recuperare competitività al Paese, porterebbe nell’immediato ad una probabile impennata dell’inflazione (le materie prime quali petrolio e gas, sarebbero molto più care) e ad un peggioramento del potere d’acquisto e degli standard di vita. Inoltre, anche l’effetto benefico sulle esportazioni nel medio periodo potrebbe non avere la stessa ampiezza ottenuta dalla svalutazione del 1992, quando la competizione di prezzo dei Paesi emergenti non aveva raggiunto i livelli degli anni 2000, dopo l’ingresso della Cina nel WTO. Un default implicherebbe una perdita di credibilità sui mercati internazionali che, per un certo periodo, eviterebbero di finanziarci (se non a tassi elevatissimi). La mancanza di credito e di investimenti potrebbe acuire la recessione. Infine, l’uscita dall’Euro dell’Italia sarebbe probabilmente causa dell’archiviazione dell’esperienza della moneta unica, il che potrebbe implicare la fine del processo di integrazione europea, poggiato principalmente su basi economiche.
L’attuale modello di sviluppo, basato sull'utopica credenza di una crescita senza fine, che non distingue beni da merci, genera insostenibili disuguaglianze e provoca sempre più forti criticità ambientali. Bisognerebbe puntare all’innovazione, alla cultura ed ai servizi, beni prevalentemente immateriali, ma che spesso hanno un forte legame con i territori. Ciò che proponiamo come un abbozzo per un nuovo modo di vivere si può riassumere nella frase: "Lavorino le macchine, noi godiamoci la vita". A tal fine occorre ripensare e ridisegnare in modo integrale la vita umana dominata dall’imperativo dell’accumulo di denaro, della produzione e dell’acquisto di merci. Ma in tutti i continenti, in tutte le nazioni, oltre al malessere dovuto ad un tale modello di vita, stanno emergendo fermenti creativi che spingono in altre direzioni: i movimenti delle popolazioni di Centro e Sud America contro lo sfruttamento dei suoli e delle acque, il microcredito nato in Asia e affermatosi anche nel mondo occidentale, i Gruppi di Acquisto Solidale che mettono al centro i principi di eticità e sostenibilità, ricostruendo la relazione tra il consumatore, spesso urbanizzato, e i produttori, i Movimenti per la decrescita che propongono cambiamenti dal basso, azioni pratiche per stili di vita sobri e sostenibili, a chi sperimenta una vita senza petrolio nelle "transition town".
Ci sono comportamenti di cittadini/consumatori/produttori, che potrebbero innescare soprattutto in questa situazione di crisi il virus del cambiamento, ma anche nuovi punti di vista di governi che stanno ricercando indicatori più adatti del PIL per misurare il benessere di una nazione. Nel Bhutan il "Gross National Happiness", L’Ecuador e la Bolivia che mettono il "buen vivir" nelle loro Costituzioni, l’Australia con "Measures of Australia’s progress", il "Canadian Index of Wellbeing". Misure che dovrebbero esser differenti da Paese a Paese. Ricordava Fuà [1]: "Un singolo modello di sviluppo e di vita (oggi quello concentrato sulla crescita delle merci) viene proposto ed accettato come l’unico valido; bisognerebbe invece apprezzare che ogni popolazione cerchi la via corrispondente alla sua storia ai suoi caratteri, alle sue circostanze e non si senta inferiore ad un’altra per il solo fatto che quella produce più merci." Poiché viviamo un momento di transizione tra un’economia delle merci ed un’economia dei servizi occorrerà inventare nuovi lavori, magari a ritmi più umani, dematerializzando le nostre produzioni. Per il nostro Paese, un’indicazione ci può venire dal recentissimo Rapporto 2012 sull’Industria culturale in Italia: "L’Italia che verrà", di Unioncamere, Fondazione Symbola e Regione Marche. I settori coinvolti da questa indagine, sono quelli classici dei Beni culturali: architettura, design, industrie creative e culturali che, in contro tendenza, mostrano il livello dell’occupazione (il 5,6% del totale degli occupati) salito dello 0,8%, a fronte di un arretramento medio dello 0,4% (periodo 2008-2011). Allargando il campo ad altri settori dell’unicità italiana, produzioni agricole tipiche, il turismo legato alla capacità attrattiva della cultura, le attività legate al recupero del patrimonio storico, attività di formazione collegate, gli occupati salgono al 18,1% degli occupati a livello nazionale. Ritornando alla frase di Fuà, non sarebbe il caso di individuare nel valore aggiunto del settore cultura, alla sua unicità, in quello del suo indotto e dei comparti meno formali che ad esso possono essere legati, la nostra vera fonte di ricchezza? I tempi del cambiamento sono lunghi. Un'accelerazione può venire solo dall’alto. In questa prospettiva, ci si dovrà attrezzare per utilizzare gli incrementi di produttività per lavorare di meno, redistribuire il reddito via fiscalità (vedi J.E.Stiglitz, The price of inequality Norton, 2012), promuovere la progressiva introduzione del reddito di cittadinanza e della partecipazione agli utili di impresa. Solo se riusciremo a cambiare il modo di vivere di oggi avremo un domani. Ma per far ciò abbiamo tutti bisogno di un movimento che aiuti a renderci consapevoli e che cambi il modo di far politica. Come provano a fare gli Indignados, gli Occupy Wall Street e il M5S ". Joe Stiglitz e Mauro Gallegati

[1] Crescita economica. Le insidie delle cifre, Giorgio Fuà, Il Mulino, 1993.

stiglitz.png The Price of Inequality di Joseph Stiglitz

La ricetta di Stiglitz: combattere le disuguaglianze per far ripartire la crescita

lasettimanabanner.jpg

19 Ago 2012, 13:16 | Scrivi | Commenti (852) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Per non parlare del costo della vita che non è più commisurato agli stipendi italiani. Segnalo un interessantissimo articolo che parla del costo della vita in ogni Nazione del mondo
http://www.ilmioeden.it/quanto-si-spende-per-vivere-in-ogni-paese-del-mondo/
Non mancano le sorprese.. sto pensando seriamente a trasferirmi all'estero!

Roberto Stanzani 11.11.13 15:36| 
 |
Rispondi al commento

grande

prospero gulisano, buti Commentatore certificato 04.03.13 01:07| 
 |
Rispondi al commento

Mauro Gallegati e le impennate dell'inflazione: il bellissimo '92

http://3.bp.blogspot.com/-Q16Gq7MKNO8/UE47jIKR2uI/AAAAAAAADUc/b9aCmNCryS4/s1600/graf_bagnai.JPG

Fonte: goofynomics (Prof. Alberto Bagnai)

Marco S. Commentatore certificato 01.03.13 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno può prevedere il futuro e nemmeno l'inflazione (che potrebbe pure non esserci).
In caso di cambio monetario i mercati vorranno sapere da cosa è garantita la nuova moneta: se a garanzia ci sarà l'oro della banca d'Italia (e magari un sufficiente numero di immobili) e una emissione assennata non vedo per quale motivo i mercati dovrebbero deprezzare una moneta che vale davvero il suo prezzo.

Ovviamente in caso di uscita i mercati internazionali non ci finanzierebbero per nulla (ce l'hanno giurata) ma credo sia ora di cominciare a farcela da soli senza andare a elemosinare crediti che alla lunga ci spolpano e basta.
Tagliare le spese inutili con la motosega, far sputare i soldi rubati ai soliti politici/finanzieri (anche con le cattive) e i bot non serve più emetterli.
(Poi non ripagare i bot a multinazionali e organismi internazionali che hanno agito attivamente per provocare il dissesto italiano sarebbe un dovere morale....)

Cheppoi se nell'euro ci siamo entrati facendo una gran salita magari per uscire ci aspetta la discesa, no? :)

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 09.10.12 18:27| 
 |
Rispondi al commento

STO CON SPOCK.
Prima di fare i sapientoni in economia commentando a cazzo, stiliamo una sorta di graduatoria delle merci e anche il più ottuso de l'ammerricani arriverebbe a capire che il benessere di un popolo, può essere valutato in modi diversi dall'attuale ma soprattutto, logicamente più corrispondenti al concetto stesso di benessere.
MK ROMA

mk roma 09.10.12 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Mi pare che l'unica vera, rivoluzionaria ed efficace proposta per cambiare questo Paese sia quella della gionalista Gabanelli sulla tassazione dell'uso del contante.
Non capisco perchè non sia iniziato un grande dibattito invece di perdersi dietro al solito bla bla bla inutile ed includente.
Senza lo sradicamento dell'evasione fiscale nessuna politica sarà possibile in questo Paese.

roberto succi, modena Commentatore certificato 22.09.12 21:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oltre al recupero del Patrimonio storico ci sarebbe anche il recupero del patrimonio immobiliare riducendo così i costi del riscaldamento e dell'elettricità tradizionale.
C'è poi la messa in sicurezza dei terreni, degli alvei dei torrenti e dei fiumi, l'eliminazione delle perdite degli acquedotti, l'informatizzazione per accedere on-line ad una marea di documenti, di atti, di pagamenti, di accesso a Servizi della Pubblica amministrazione.Occorre quindi ridurre il Costo dello Stato per trovare risorse da dedicare a tutte queste attività.
Pierluigi Poggi

Pierluigi Poggi 31.08.12 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Ma quale impennata dell'inflazione, tornate a studiare economisti della Domenica !
Dopo la svalutazione del 92 l'inflazione e' DIMINUITA !

Andrea Zabeo 28.08.12 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente qualcuno che scrive qualcosa di serio e leggibile, rimane comunque il fatto che per uscire dall'euro occorre una grande stabilità non solo economica ma politica, e sicuramente non dall'oggi al domani. Stiamo parlando del destino di milioni di persone. A proposito cos'è oggi il ceto medio? Coloro che hanno un lavoro fisso? Coloro che posseggono la propria abitazione? Un operaio e una cassiera della Coop con un mutuo ventennale per l casa sono ceto medio? O sono ancora proletari come diceva in defunto Lenin?

melchiorre rolandi, parma Commentatore certificato 28.08.12 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Non sono del tutto d’accordo su quello scritto nell’articolo.Leggendo mi è venuto in mente un comizio di Grillo che diceva: vaffa Francia e Germania avete investito in un paese di merda cazzi vostri.Ma perché se un singolo individuo che compra per es. azioni di un azienda e questa fallisce se la deve prendere nel culo e basta, invece nel discorso dell’Italia gli italiani che non hanno colpa devono continuare a pagare le conseguenze?E poi non credo sia tutto oro colato quello detto nell’articolo da Joe Stiglitz e Mauro Gallegati Gli esempi pratici il mondo li ha, che un ritorno alla moneta sovrana può avere solo benefici,e smettiamola di dire cazzate sul prezzo del petrolio e del gas,con moneta sovrana lo stato può benissimo evitare di tassare cose inutili per ricavare denaro x poter pagare debiti (debiti creati in modo usuraio e anticostituzionali di conseguenza detestabili) ricordiamo che il 70% sul prezzo del gasolio ecc. sono tasse.Quindi se si avrà un aumento del costo del petrolio,considerando che si avrà l’abbattimento di queste tasse STUPIDE ed inutili al massimo, proprio se va male continueremo a pagare il petrolio sempre 2euro(o 4 mila lire)
Ma avremo in cambio la massima occupazione, ottenuta dalla completa e reale sovranità nazionale che garantisce il benessere del popolo. Quindi che ce ne frega che la benzina costa 2 euoro(o 4 mila lire) se poi in casa avremo tutti occupati e nessun disoccupato e se ce ne fosse uno, si percepirebbe almeno il reddito di cittadinanza che nell’attesa di lavoro è comunque un aiuto, che oggi è inesistente.Vedere dati Argentina che qualcuno ha postato precedentemente e che sono davanti agli occhi di tutti, ma tutti fanno finta di non vedere.Se il M5S vuole seguire la linea di questi che parlano senza dar retta ai dati reali io mi dissocio e mi trovo un altro movimento.anche se è vero che il cambiamento deve avvenire dada basso con una rivoluzione culturale, questo non significa che si è liberi di dire cazzate.

gianluca zaccari 28.08.12 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Non sono del tutto d’accordo su quello scritto nell’articolo .Leggendo mi è venuto in mente un comizio di Grillo che diceva: vaffa Francia e Germania avete investito in un paese di merda cazzi vostri.Ma perché se un singolo individuo che compra per es. azioni di un azienda e questa fallisce se la deve prendere nel culo e basta, invece nel discorso dell’ Italia gli italiani che non hanno colpa devono continuare a pagare le conseguenze?E poi non credo sia tutto oro colato quello detto nell’articolo da Joe Stiglitz e Mauro Gallegati Gli esempi pratici il mondo li ha, che un ritorno alla moneta sovrana può avere solo benefici, e smettiamola di dire cazzate sul prezzo del petrolio e del gas,con moneta sovrana lo stato può benissimo evitare di tassare cose inutili per ricavare denaro x poter pagare debiti (debiti creati in modo usuraio e anticostituzionali di conseguenza detestabili) ricordiamo che il 70% sul prezzo del gasolio ecc. sono tasse.Quindi se si avrà un aumento del costo del petrolio, considerando che si avrà l’abbattimento di queste tasse STUPIDE ed inutili al massimo, proprio se va male continueremo a pagare il petrolio sempre 2 euro(o 4 mila lire)
Ma avremo in cambio la massima occupazione, ottenuta dalla completa e reale sovranità nazionale che garantisce il benessere del popolo. Quindi che ce ne frega che la benzina costa 2 euoro (o 4 mila lire) se poi in casa avremo tutti occupati e nessun disoccupato e se ce ne fosse uno, si percepirebbe almeno il reddito di cittadinanza che nell’attesa di lavoro è comunque un aiuto, che oggi è inesistente.(Vedere dati Argentina che qualcuno a postato precedentemente e che sono davanti agli occhi di tutti, ma tutti fanno finta di non vedere). Se il M5S vuole seguire la linea di questi che parlano senza dar retta ai dati reali io mi dissocio e mi trovo un altro movimento.anche se è vero che il cambiamento deve avvenire da basso con una rivoluzione culturale, questo non significa che si è liberi di dire cazzate.

gianluca z., benevento Commentatore certificato 28.08.12 10:55| 
 |
Rispondi al commento

http://www.newsfollowup.com/timeline_nwo_rothschild_obama_illuminati_9-11_inside_job_cfr_bilderberg_israel_ww3.htm#MONEY_LAUNDERING

Professor Joseph Stiglitz, former Chief Economist of the World Bank, and former Chairman of President Clinton's Council of Economic Advisers, goes public over the World Bank's, "Four Step Strategy," which is designed to enslave nations to the bankers. I summarize this below, Step One: Privatization. This is actually where national leaders are offered 10% commissions to their secret Swiss bank accounts in exchange for them trimming a few billion dollars off the sale price of national assets. Bribery and corruption, pure and simple. ... Step Two: Capital Market Liberalization. This is the repealing any laws that taxes money going over its borders. Stiglitz calls this the, "hot money," cycle. Initially cash comes in from abroad to speculate in real estate and currency, then when the economy in that country starts to look promising, this outside wealth is pulled straight out again, causing the economy to collapse. ... The nation then requires IMF help and the IMF provides it under the pretext that they raise interest rates anywhere from 30% to 80%. This happened in Indonesia and Brazil, also in other Asian and Latin American nations. These higher interest rates consequently impoverish a country, demolishing property values, savaging industrial production and draining national treasuries. ... Step Three: Market Based Pricing. This is where the prices of food, water and domestic gas are raised which predictably leads to social unrest in the respective nation, now more commonly referred to as, "IMF Riots." These riots cause the flight of capital and government bankruptcies.
This benefits the foreign corporations as the nations remaining assets can be purchased at rock bottom prices. ... Step Four: Free Trade. This is where international corporations burst into

alberto marini 25.08.12 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Il prof. Monti ci spiega che l'affitto dell'appartamentino stagionale in Engandina gli è costato solo 12500 franchi svizzeri, circa 10 mila Euro...

Vorrei far notare che è comunque criticabile chi, con incarichi di governo, o eletto rappresentante di questo Paese se ne vada a trascorrere vacanze all'estero. Fossero anche le Seichelles!

Mi sorge poi la solita domanda: ma la scorta lo ha seguito? ovvero, abbiamo pagato nostri polizziotti per il servizio a St. Moritz? oppure abbiamo pagato il servizio alla Svizzera?

So che criticare il comportamento del Prof. può rappresentare reato di lesa maestà... ma i suoi ricchi compensi di senatore e presidente sono frutto dei sacrifici di tutti noi!

Buona vita a tutti

Rudik G., Torino Commentatore certificato 24.08.12 06:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe Grillo, scrivo nel tuo BLOG ma iggi mi rivolgo al popolo italiano specialmente le classi sociali piu'DEBOLI CHE IL SOTTOSGRITTO NE FA PARTE. Ai disoccupati, cassi integrati, giovani che sperano di TROVARE un posto di lavoro, a chi e in mobilita' chi non puo' arrivare a fine mese per vivere, chi prende un solo stipendio o una sola pensione e chi paga il piggione di casa ecc.ecc. A qusto popolo io dico non abiante fibucia di quelle razza di VIPERE dei politici che sostengono il governo Monti . Quando si andra' a votare nel 2013 (NON VOTATE ASSOLUTANENTE IL PDL- IL- PD -UDC -E LEGA) QUESTI PARTITI HANNO FATTO INPOVERIRE GLI ITALIANI E FARCI PIANGERE NO DI POCO MA DI MOLTO. UN PENSIERO VA FATTO ANCHE AI SINDACATI CONFEDERALI CHE SONO GLI SCENDILETTI DEI PADRONI. L'IFLAZIONE AUNENTA GIORNO PER GIORNO, LA BENZINA ,IL POTERE D'AQUISTO DELLE PACHE DIMINUISCE GIORNO PER GIORNO ,I PRODOTTI DI PRIMA NECESSITA' AUMENTANO .QUETI SIGNORI NON FANNO NULLA. VI RICORDO CHE I SINDACATI NAZIONALI PRENDONO DI PAGA SUI 7000/8000 € AL MESE CHE SE NE FREGANO DEI CITTADINI? CIAO MARIO

MARIO MOSCA 23.08.12 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Aiutami

http://iovogliote.blogspot.it/2012/08/io-ho-bisogno-del-tuo-aiuto.html

raf 23.08.12 14:36| 
 |
Rispondi al commento

http://apokarev.blogspot.it/2012/07/la-grandezza-di-una-nazione-e-il-suo.html

Questa è una piccola cosa che ho scritto a proposito di decrescita e vegetarianesimo.

eva guidotti 22.08.12 11:51| 
 |
Rispondi al commento

L'ottima analisi manca,secondo me,di indicazioni precise e non esplora il panorama delle possibilità del popolo della nazione;l'Italia.
C'è da eseguire mille progetti,sulle necessità dell'Italia.....ad esempio:La messa in sicurezza antisismica degli edifici di tutte le zone a pericolo sismico(tutta Italia)....un lavoro enorme,.Il risparmio energetico consistente,tra l'altro,nel portare l'isolamento termico delle abitazioni ai livelli nordici.
E nei cantieri che si vengono a realizzare servirà l'intervento dello stato.(ma con dei tecnici NON politici). La messa in sicurezza del dissesto idrogeologico della nazione (lavori enormi,altro che la TAV o ponte di messina...)Finanziare una ricerca VERA,non quella dei baroni....Ci sarebbe da dire molto,ma lo spazio è tiranno.

mario vianello 22.08.12 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Bello parlare di crescita negativa.
Tuttavia questo principio cozza contro la demografia mondiale che denota un aumento inesorabile della popolazione sul nostro Pianeta.
La famiglie mettono al mondo figli, che poi si nutrono, oltre che di tantissima cultura, di cibo, e poi quando crescono vogliono anche loro (stranamente) bicicletta, cellulare, moto, macchina, casa.....
C'era un baffetto che qualche tempo fa che aveva teorizzato, come gli scrittori dell'articolo in questione, la possibilità di un mondo perfetto.
BISOGNA PERO' VEDERE CHI PUO' FARNE PARTE, PERCHE' SE SI VIENE ESCLUSI.........
SMETTETTELA DI PUBBLICARE STRONZATE!
PROVATE PIUTTOSTO A FARE UN ESAME DI COSCENZA:
AVETE ACQUISTATO UN CELLULARE, UN PC, UN AUTOMOBILE, UNA CASA? BENISSIMO, ANCHE VOI FATE PARTE DI QUEL PERFIDO MARCHINGEGNO CHE E' L'ECONOMIA DI MERCATO, DOVE LA CRESCITA E' IL PRIMO INGRANAGGIO.
SE VOLETE CANCELLARE QUESTO PRINCIPIO CI SONO SOLO DUE RIMEDI PER FARLO:
- ANDATE A VIVERE NEI BOSCHI IN PIENA ARMONIA CON LA NATURA;
- CANCELLATE VOI STESSI.

GianlucaFRZ 22.08.12 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Collegandomi a ciò che scrive Roberto d'Iseppi sotto, mi viene da dire che i ladrocini della casta al potere,uniti all'inefficienza dell'amministrazione statale, e all'evasione fiscale, più che essere IL problema, è la pluridecennale e famosa 'debolezza strutturale' del paese, la quale fino a dieci anni fa, pur nell'ambito di ricorrenti piccole 'crisi', sempre superate, non era tuttavia determinante : poteva essere assimilata ad una sorta di 'spreco' che comunque, vista la mole di ricchezza prodotta, non comprometteva la crescita e la permanenza dell'economia italiana nel G7.

Ora invece, il livello di competizione internazionale è giunto ad un punto tale che questi fattori di debolezza strutturale diventano si determinanti. Arrivata a questo punto, la competizione si gioca su piccole differenze, anche solo un po' più di rigore nell'evasione fiscale, o in un altro dei fattori, può essere determinante per la competitività del sistema complessivo.

Tutto questo è vero, ma rivela anche un fatto più GROSSO..
E non possiamo stare qui a discutere sempre dello stesso fatto, su cui tutti, almeno qui, siamo d'accordo (la legalità, la meritocrazia etc,. etc,) e ignorare sistematicamente il fatto grosso..

Il fatto grosso è: come mai la competizione diventa sempre più forte? Perché un livello di competitività che vent'anni fa era sufficiente a far crescere il PIL oggi non è più sufficiente?
Perché mai dovrebbe succedere questo?
Non dovrebbe succedere anzi il contrario, dato che aumenta la produttività del lavoro, nel senso che le macchine migliorano e aumenta la parte di lavoro fatta dalle macchine, la porzione di lavoro umano richiesta dovrebbe essere minore...
E invece no. Perché?

Molti risponderanno: 'perchèssi', come i bambini, per cui tutto ciò che è reale è razionale. Ma semplicemente costoro non sanno ciò che dicono e non capiscono ciò che ho detto..
Per gli altri, che sono la speranza dell'umanità, (e quindi anche dei primi..) il problema si pone..

Za Stalinu 22.08.12 00:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fatti ridurre in povertà...
ti daremo una caramella ogni tanto
e un bravo transitorio per il tuo bisognoso ego.

Sii una docile cavia,
per il progresso dell'identità indotta,
la scienza del plurale distillato
attraverso la fistola del cristo a sè ignaro.

t.o. 21.08.12 14:43| 
 |
Rispondi al commento

grande post.

a proposito de "lavorino le macchine..":

docu-film della rete tedesca sul reddito di base:
http://www.youtube.com/watch?v=ExRs75isitw
(attivare i sottotitoli)

DA NON PERDERE.

in svizzera esiste già una proposta di legge di iniziativa popolare:
http://info.rsi.ch/home/channels/informazione/info_on_line/2012/04/12--Iniziativa-per-un-salario-minim

questo è il salto di paradigma per il futuro

zapper .. Commentatore certificato 21.08.12 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Se non fosse M5S a pubblicare questo articolo, mi verrebbe da commentare di come queste caste del potere le studiano tutte per scaldare la testa a poveri cittadini "ignoranti" e per complicargli le cose in modo che non capiscano niente.
Qui stiamo parlando di una infinità di teorie economiche e di situazioni contingenti....ma molte potrebbero avere anche qualche validità, ma nessuna vale niente se non è accompagnata da correttezza gestionale. In altre parole i problemi dell'italietta si chiamano CORRUZIONE e LADROCINII delle classi di potere. Accompagnati anche dalle difese e dai sostegni a favore delle "sane improduttività dello Stato e degli statali" ormai teorizzate come "corrette e eternamente e infinitamente sostenibili".
E il colmo è che viene sbandierata come una grande conquista, da parte dei governanti, l'avere evitato il commissariamento dell'Europa sui bilanci italiani. E invece questo ha solo salvato i poteri e le malegestioni delle caste. Un controllo sui conti italiani da parte della Germania, ed una gestione "tedesca", manderebbero in affanno le caste e renderebbero immediatamente ricchissimi i cittadini produttivi italiani.

roberto d'iseppi, verona Commentatore certificato 21.08.12 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Un paese che sta sprofondando un paese dove:
1-i sociale e l'assistenza è un optional;
2-i disoccupati cronici sono una regola;
3-il diritto alla casa è solo sulla carta;
4-la Sanità diventa un lusso;
5-i lavoratori sono sotto pagati;
6-l'incidenti sul lavoro fanno più vittime di una guerra;
7-l'inquinamento è cosa buona e giusta;
8-il diritto allo studio c'è purchè si spenda soldi per far guadagnare editori e chi fa ripetizioni in nero;
9-le tasse sono le più alte del mondo e i servizi sono da campo profughi;
10-un paese dove le caste e le lobby soffocano le pari opportunità;
Condivido le battaglie di Beppe e del M5S..ma temo che la rinascità di questo paese avrà tempi lunghi...se prima non cambiano in modo serio gli usi e costumi degli italiotti...!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 21.08.12 07:33| 
 |
Rispondi al commento

L'ultima citazione, quella del M5S, a fianco di indignados e oppupy wakk street, forse ha lusingato Beppe, che ha riportato questo
intervento. Ma in realtà spero che si sbagli e che il M5S sia qualcosa di diverso dagli indignados e da Occupy. Dopo le grandi manifestazioni degli indignados in Spagna NULLA è stato rilevato a livello politico : il tutto si è risolto nel solito squallido prevedibile e istituzionale cambio di maggioranza perfettamente nei limiti del bipolarismo e dell' 'alternanza', Zapatero ha perso (si è ritirato prima) e pergiunta è andata al potere la destra..
Non parliamo proprio di Occupy Wall Street: sto grande movimento
non intacca minimamente la solita altalena fra democratici e repubblicani che tira avanti da due secoli in quel paese.

Se il M5S fosse simile a quei due, io non starei certo qui a perdere tempo per scrivere : il M5S innanzitutto ha già prodi
tto una scossa tellurica nel quadro politico da mettere in agitazione TUTTI i politicanti , di destra e di 'sinistra', che da un po' di tempo si muovono a caoticamente come le formiche.
Ma soprattutto 'minaccia' di produrre la scossa finale, the Big One, Quella Grossa, con cui le formiche-politicanti rischiano di finire sottoterra..

Stiglitz parli del suo paese, e le sue teorie deliranti sulla 'decrescita' le vada a raccontare altrove, che porta pure sfiga.

Za Stalinu 20.08.12 22:55| 
 |
Rispondi al commento

come mai si da spazio in questo blog a questi due persone che parlano di catastrofe in caso di una uscita dell'italia da l'euro? tutte teorie che si sentono da draghi,monti,borsani.ecc, tutti geni che hanno partato l'italia al disastro e ancora perseverano con le loro teorie scellerate e geniali!montis e' proprio un genio,sta seguendo esattamente la pista greca sulle tasse che tolgono soldi per un eventuale ripresa.bravo!

aldo ., varese Commentatore certificato 20.08.12 20:59| 
 |
Rispondi al commento

X Walter D.

Se questo è il tuo livello di argomentazione stiamo freschi!!
In quello che dici non c'è un solo ragionamento confrontato con dati storico-economici.
È facile spiaccicare con bella prosa tre o quattro frasi apodittiche per suscitare l'effetto di chi ha ragione. Tipico dei politicanti da strapazzo di cui è pieno il paese.
Hai detto: “Quello che succede in Europa succede anche in Giappone”. La frase è così generica che può significare tutto e niente. Ti rendi conto che fin oggi ci hanno preso per il culo con frasi come queste?
Se il debito-pubblico/PIL italiano è molto alto, io posso dire che i dati dimostrano (fatti non demagogia) che il debito-pubblico/PIL del Giappone è quasi il doppio di quello italiano (ammonta a 13 mila 437 miliardi di dollari, pari al 233% del PIL).
Io posso dire che il debito sovrano del Giappone non è sotto attacco dei mercati speculativi e nonostante sia stato declassato da S&P i suoi titoli decennali rendono solamente lo 0,95%.
Questi sono fatti non parole e non è retorica perché può essere smentita da chiunque dimostri con significative differenze che i fatti non sono questi.

Luca G. Commentatore certificato 20.08.12 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Se nessuno rimarra' indietro, come si affermo' qualche post fa,alla situazione attuale, van messi in campo degli strumenti di conoscenza fondamentale.
Dal livello di risposte al tuo post, molto complesso, ma fulcro di un radicale mutamento delle nostre vite,si evidenzia,che le persone "cittadini attivi" sono quanto meno disorientati.
Ho chiesto a mia madre 67 anni di leggere, e dirmi cosa pensava di fare.Non lo sa.
E cosi' parecchi che han letto le fotocopie di questo post che ho lasciato da leggere.
Perche' non lo sanno? perche' e' come chiedere ad un indigeno della foresta amazzonica di recitare shakespeare.
c'e' volonta' ma mancano gli strumenti.
Beppe la base attiva non ha strumenti e non e' informata, quindi bisogna agire in questo
senso.
Il pc si puo' usare per dei corsi F.A.D. a disposizione di tutti per avere parametri.
Si e' detto, che non servono quelli che mettono soltanto la x sul foglio in cabina elettorale.
Allora bisogna dare una direzione chiara.
Gli scienziati, che sono anche loro cittadini,possono aiutarci anche in questo.
Chiediamo un impegno, basterebbero dei filmati a tema , organici e semplici, noi ascolteremo e ci documenteremo.
Sono scelte fondamentali di responsabilita' che ci aspettano.
Vedasi Parma inceneritore e affini.
Mi sembra doveroso.Grazie.

Mary dg 20.08.12 19:50| 
 |
Rispondi al commento

gli assets fisici ed umani non sono cambiati dall'oggi al domani, la fame speculativa sì. è quella che deve essere fermata. Il pef di Parma per lo smaltimento lo dimostra tangibilmente, arriva addirittura a scaricare sui cittadini la fiscalità del canone ambientale, che dovrebbe essere un costo assorbito integralmente dall'azienda. che il pil sia desueto è pacifico, ma bisogna scardinare il concetto che il contratto con la finanza non sia modificabile, ogni contratto a un livello di guardia, raggiunto il quale è modificabile o annullabile. quello di parma incluso. questa rigidità, che Coase propugnava dicendo che il mercato si autoregola è miseramente fallita. il fatto che si debba decrescere i consumi civilmente penso sia consolidato, ma sopratutto è fallita l'idea che il mercato lasciato a se stesso sia in grado di regolarsi. I vecchi tassi per la lira avevano un ricarico del 2 o 3% rispetto all'inflazione reale. Non capisco perchè il ritorno alla lira sia un disastro, lo sarà per i burocrati pagati in europa, non per i cittadini normali. Nulla è irriversibile quanto l'idea che il mercato si autodetermini. la globaliz. grazie al wto ha consentito utili maturati altrove, vero che si tratta di produzioni con basso valore aggiunto mentre noi dovremmo fare un salto di qualità, avviando processi ad alto valore aggiunto, ed eliminando larga parte dei costi esterni. in molti settori è possibile, dall'energia all'agricoltura, al turismo. molto si può fare prima di raggiungere un punto di non ritorno.

fernando savorana 20.08.12 18:58| 
 |
Rispondi al commento

L'ingresso nell'euro doveva essere una manovra controllata ed invece non lo e' stata affatto chi poteva decidere il "suo prezzo" ha raddoppiato i profitti mentre i salari sono rimasti al palo per molto tempo. Tuttavia l'aspetto positivo sui tassi di interesse e sull'inflazione e' stato enorme. Tassi ad una cifra ed addirittura sotto il 5% in Italia non si vedevano dall'Impero Romano ! Questo ha consentito a molti cittadini di accedere a mutui per la casa, che grazie alla conpetizione europea venivano offerti a tassi vantaggiosi e per cifre tra l'80 ed il 95%. Altro miracolo, conosciuto dovunque nel mondo ma non da noi dove le banche ti trattavano da pezzente e ti davano si e no un misero 30% dopo aver ringraziato il direttore con la faccia per terra. Bene queste cose bisogna ricordarsele, per l'Euro e l'unione europea in tutto il discorso fatto in questo articolo centrano come la nutella con la salsiccia. Infatti quello che succede in Europa, succede in USA (dove la moneta e' unica da un bel pezzo) e succede anche in Giappone. L'uscita dall'euro "in modo controllato" se tanto mi da tanto sarebbe un bagno di sangue peggio dell'Argentina, altro che svalutazione vantaggiosa alle imprese italiane. Con cosa producono le imprese italiane con l'aria di Belluno ? Se le materie prime ci costano il doppio e il debito ci costa il 15% invece che il 5% altro che canna del gas, dobbiamo emigrare tutti (io l'ho gia fatto da tempo). Mischiare il M5S con Occupy Wall Street poi non ha molto senso se propone questa politica monetaria senza senso. Infatti la critica di OW e' quella di non aver fatto nulla sul controllo della finanza e di aver aiutato le banche invece dei cittadini. Non c'e' nessun tema che riguardi diverse politiche monetaria. Le monete sono virtuali, non hanno nessun significato e' quello che ci sta dietro che conta e credo che M5S debba ancora fare i suoi conti su questo tema. Sono daccordo su molte cose con M5S, ma questa storia dell'euro proprio no.Non sta in piedi

Walter D. Commentatore certificato 20.08.12 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Sono un Grilloscettico, leggo e cerco di capire,
condivido senza riserve il 50% di quello che dice il resto è distorsione della realtà o un semplice errore, ecco un esempio: fino ad oggi ha sempre sostenuto l'uscita dell'euro con tutta la sua forza e minimizzando sugli effetti (catastrofici), adesso mette invece questo post (condivisibile da chiunque abbia un minimo di conoscenze di economia) che dice esattamente il contrario...boh! chi lo capisce?
Ultima cosa, commento per la prima volta un post e leggo "Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi", anche questo non mi suona bene ma d'altronde da buon italiano sono abituato...

Francesco N. 20.08.12 18:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho dimenticato il punto 5
5- come propone la Gabanelli, una tassa sul contante, cosi' dovete fare tutto con assegno o bancomat ed emerge lavoro nero e evasione fiscale. Si puo' prendere al max 200 euro di contante al mese e tutto cio' che eccede si deve pagare in modo tracciabile. Chi prende di piu' di 200 euro paga il 25% di quello che preleva o che versa in contanti. Il gettito puo' essere redistribuito ai pensionati con pensione minima e ai giovani per un reddito minimo.

DIFFICILE?????????

V per VAFFANCULO 20.08.12 16:51| 
 |
Rispondi al commento

io leggo: qualunque cosa si faccia, chi c'è l'ha in quel posto sono sempre i piu' deboli. Allora io non votero' nessun movimento o partito finche' non vedro' che si fa portavoce di 4 semplici atti:
1- mettere la tobin tax, una tassa dell'1% sul valore di TUTTE le transazioni finanziarie.
2- siccome il gettito è altissimo togliere irpef e iva che attaccano il ceto medio e il suo potere di acquisto
3- un semplice regola: si guadagna in base a quanto costa la vita nel posto in cui si vive, se al sud costa meno è giusto che si prenda di meno. Così si tolgono le rigidità del mercato del lavoro e anche i precari avranno la possibilità di lavorare. Ora quel che succede è che ci sono gli intoccabili con posto a tempo indeterminato e i precari con contratti sempre piu' ridicoli
4- una tassa sull'inquinamento. Importi roba da cina, giappone, india, nuova zelanda, australia, americhe o africa? beh allora paghi una tassa sull'inquinamento, che aumenta maggiori sono i km percorsi dalle merci. I soldi ricavati vanno rinvestiti per sistemare la rete ferroviaria e renderla efficente e per le energie alternative, compresa ricerca e sviluppo di nuove energie.

DIFFICILE????

V per VAFFANCULO 20.08.12 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

*Io capirò poco ma almeno un'evoluzione dalla sx al pensiero no global al M5S l'ho fatta,cercando qualcosa di più utile,non mi sono incatenata a un Pd sempre più fascista,né blatero di fissazioni marxiste o di rivoluzioni impossibili in un mondo che il marxismo ormai l'ha superato,e non faccio come certi che passano la vita in partiti-settari che non contano più nulla o sono diventati il contrario di ciò che erano
Io non so tutto anche se cerco di interessarmi a tutto,tant'è che su tanti argomenti sto zitta,come l'uscire dall'euro,perché nulla mi è chiaro,vedo elementi a favore e elementi contro e non ho alcuna posizione in proposito.Credete sia facile capirci qualcosa?
Concordo con Grillo che così non si può andare avanti
Continuo a denunciare la rottura di regole volute dopo il 2008 dagli USA per liberalizzare all'estremo il mercato finanziario,accuso costantemente gli USA dell'attuale crisi economica che è figlia di una crisi finanziaria precisamente voluta da élite ciniche e avide per distruggere i diritti dei popoli e imporre una plutocrazia basata sul ricatto del debito(e quel che ci guadagno è sentirmi dare di neoliberista! Gli idioti continuano a prendere fischi per fiaschi!)
Vorrei che questa anarchia finanziaria
cessasse subito e che i mercati,le borse e le banche fossero sottoposti a regole severissime per ridurre o annientare la speculazione selvaggia,altro che libero mercato!
Ma se i grandi vertici internazionali restano inerti,la rovina continuerà ad avanzare.E che proposte posso fare io?Uscire dall'euro fino alla morte?Restarci fino alla morte?Mi sembra che tutto sia simile e che ci apra comunque dinanzi una totale oscurità.Io non so davvero cosa dire. L'unica voce ragionevole mi sembra quella di Grillo:"Riuniamoci attorno a un tavolo, a Bruxelles,e cambiamo questo stato di cose"
Lo fanno?No
Pd,Pdl,IdV,Udc,Draghi,Monti..lo vogliono fare?No
Noi 5 stelle siamo sotto l'attacco di tutti anche quando diciamo cose ragionevoli.Chi sono oggi i pazzi?

viviana v., bologna Commentatore certificato 20.08.12 16:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Nuovo Woodstock 5 Stelle"

Votate questa proposta nel Forum nazionale del Movimento

E' molto importante...

Magari come luogo scegliamo la Sicilia, con lo slogan"Liberi dalla mafia e dagli incantesimi"

Condividete!!!! e votate.....

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/08/nuovo-woodstock-5-stelle.htm


Ragazzi, guardate che è semplice.

Svalutazione = aumento di esportazioni per le imprese perché diminuisce il costo all'estero dei prodotti.

La diminuzione del costo del prodotto -se non è frutto di innovazione teconologica- può essere solo frutto dei TAGLI delle spese.

Visto che energia e materie prime sono per lo più IMPORTATE, l'unico taglio che viene effettuato è quello sugli STIPENDI.

--> SVALUTAZIONE= TAGLIO DEGLI STIPENDI MASCHERATO

Per il turismo vale lo stesso discorso.

Uscire dall'euro e svalutare vuol dire TAGLIARSI GLI STIPENDI per garantire la sopravvivenza per qualche anno a quelli che vogliono COMPETERE CON I CINESI SUL COSTO DEL LAVORO.

Attenti alle persone a cui date retta!

Luca V. Commentatore certificato 20.08.12 15:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Fabio che commenta Andrea sulla spinosa questione della violenza:

Fabio, senza la violenza saremmo ancora servi della gleba, senza la violenza saremmo ancora con Hitler (oppure lo sbarco in Normandia era autorizzato ai tuoi occhi per qualche motivo che mi sfugge). La prima istanza (e la seconda e la terza...) è LA PACE ma dopo, al fin della licenza...quando cercano di sottometterti...non ti difendi? Se dici che costituzionalmente non puoi alzare un dito su nessuno allora ti rispetto, se invece vuoi contrattaccare beh...solo la tua dignità può farti scegliere la parte giusta. Mi dici che tutti dicono di essere nel giusto? Cosa cambia scusa? Tu NON VUOI VIVERE UNA VITA DA SCHIAVO: che importa ciò che dice chi ti vuole mantenere così? la tua dignità, la mia dignità...sono tutto. L'atto di forza è uno dei principi cardine dell'Universo, i preti e i guru ottusi dalla fede non possono mai arrivarci! Uno spartiacque fondamentale nella storia delle società umane sarà quando i "pacifici" saranno anche - alla bisogna - "arditi". Amen...

gioia armata 20.08.12 15:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi piace il commento di Sabrino Di Renzo, Gradara che conclude: "Mi sembra tutto pazzesco,tutto surreale se solo penso a come e' ridotto il paese".Ma i giornalisti che scrivono ormai solo di cazzate, di straccetti colorati e sporchi agitati avanti agli occhi degli italiani per distrarli dai problemi reali dalle gravi e pericolose verità:LORO,DOVE VIVONO?IN QUALE EUROPA CRESCONO I LORO FIGLI? IN QUELLA DEL TRATTATO DI LISBONA E DEL TRATTATO DI VELSEN CON LA ISTITUZIONE DELLA EUROGENDFOR (LA GESTAPO DEI BANCHIERI?)QUESTI GIORNALISTI SANNO BENE DI CHI SONO SERVI E CHE FUTURO STANNO CONTRIBUENDO A REALIZZARE PER I LORO FIGLI CON LA DISINFORMAZIONE DI CUI SONO COMPLICI?

giuseppe 20.08.12 15:15| 
 |
Rispondi al commento

@Andrea: "? perchè si "impennerebbe l'inflazione" ricordo che nel 1980 l'inflazione in Italia era al 22% altissima, stavamo meglio allora o adesso?"

A parte che ci sarebbe da discutere, visto che io ricordo che negli anni 80 c'erano ancora parecchi italiani immigrati al nord che vivevano in palazzi cadenti con i cessi in comune...

A parte questo, dicevo, guarda, quello "stare bene" era il frutto di una cosa molta semplice: ci si stava ancora muovendo con l'inerzia del boom economico e ci si stava cominciando ad indebitare. Insomma, quello stare bene, nonostante le cose cominciassero ad andare male, ci ha portato nella merda dove siamo ora.

L'italia non ha molte materie prime, non ha fonti energetiche, quindi se usciamo dall'euro e svalutiamo, i vantaggi le avranno solo i padroncini delle piccole e medie imprese per le esportazioni.
Tutti gli altri si troveranno bollette più salate (a causa dell'energia comprata dall'estero), acquisti di beni esteri più cari, acquisti di molti beni prodotti in italia più cari (a causa del maggiore costo delle materie prime).

In pratica, svalutando, gli stipendi e le pensioni rimarrebbero NOMINALMENTE gli stessi, ma PRATICAMENTE verrebbero TAGLIATI. Questo per favorire per qualche anno le esportazioni delle nostre pmi COTTE e STRACOTTE che non hanno fatto innovazione e che pretendono di competere con le imprese cinesi SUI COSTI.

E non si risolverebbe nessuno dei problemi strutturali.

Che è del resto quello che è accaduto con tutte le precedenti svalutazioni, che ci hanno portato nella merda dove siamo ora.

Adesso prova a pensare di tornare alla lira e di svalutare del 30% la moneta a causa dell'uscita dall'euro. Questo significa perdere almeno un 15% del tuo potere di acquisto (le uniche merci che forse non subirebbero grossi aumenti sono i beni alimentari). Confronta quel sacrificio con quelli che stai facendo adesso e pensa bene a cosa ti conviene.

Luca V. Commentatore certificato 20.08.12 15:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Contrariamente a quanto affermato nel post direi che:
1. se si esce dall'euro il cittadino medio detentore di BOT non viene assolutamente penalizzato, se si considera solo il circuito interno denominato italia, certo è penalizzato rispetto all'estero, ma se è un cittadino medio i suoi contatti con l'estero si riducono ad uno max due viaggi all'anno.
2 la svalutazione per un paese come l'italia, cioè dotata di attrazioni turistiche e capacità produttiva, è sicuramente una manna perchè rimetterebbe in moto l'apparato produttivo con tutte le ricadute positive in termini di redistribuzione del reddito su una platea più ampia.
3 anche lo spettro dell'aumento del costo dell'energia mi pare una bufala, basterebbe aumentare la quota di energia alternativa, inoltre per quanto riguarda il petrolio va ricordato che il costo al netto delle tasse è basso quindi l'aumento sarebbe in percentuale su un valore basso, probabilmente compensato dalla diminuzione del debito.
CONCLUSIONI: nell'uscita dall'euro vedo solo vantaggi, e gli svantaggi prospettati dai più mi puzzano terribilmente di strumentali.
P.S. qualcuno potrebbe dire: mai che ne capisci tu, uomo qualunque di economia; a questo potrei rispondere che anche gli "economisti" hanno dimostrato di non capirne molto a giudicare dalle condizioni in cui stiamo.

Michele GRIECO 20.08.12 14:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BRAVO BEPPE!!

Articoli post come questi, da parte mia,quindi
di qualke centinaio di persone,riprendi la fiducia di votare M5S.

Alla fine sei un GRANDE.

Ma Grillo lo dobbiamo aiutare,NON aspettare che lui faccia qulcosa!!!

Grillo ministro dell economia mi andrebbe piu ke bene.
Le altre cariche di governo lo debbono fare a chi ha preso una zappa in mano,NON cialtroni lauerati che si vantano senza sapere da dove viene la fatica!!(e ce ne sono tanti è questo che non ne veniamo fuori)

E questo il primo problema,queste persone!
In campagna anche se si prende poco sei costretto a prendere extracomunitari perche chi ha laure si vantano e non vogliono lavorare!(questo è il problema base).
Se questi ci comandano NON NE VENIAMO FUORI e si affonda sempre di piu!!!
Allora TUTTI SU LE MANIKE e al lavoro!!!!!!
Ormai quel ke fatto è fatto si ritorna indietro

SI RESETTA TUTTO!

Roberto Venturi 20.08.12 14:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mah...sto post a me non piace. Condanna sostanzialmente la possibilità di uscire dall'euro. Se condanna questa possibilità significa che avvalla il mantenimento dell'Italia nella comunione europea, quindi giustifica la totale cessione della sovranità economica ( spesso anche politica) ad un organismo superiore che sta massacrando la democrazia. Avvalla il mes e tutto quello che ne consegue, giustifica tutto quello che l'euro comporterà. E perchè? perchè si "impennerebbe l'inflazione" ricordo che nel 1980 l'inflazione in Italia era al 22% altissima, stavamo meglio allora o adesso? I mercati non finanziarebbero l'Italia se questa fallisse per "mancanza di credibilità", adesso invece siamo credibili? Siamo all'interno di una galera ma stigliez e gallegati non intendono uscirne perchè "probabilmente causa dell’archiviazione dell’esperienza della moneta unica in tutta l'europa" e allora risulta evidente che anche questi due economisti sono amanti dell'euro, perchè mai preoccuparsi così tanto di questa possibile archiviazione? sembra quasi che questa moneta oramai sia obbligatoria, incontestabile, eterna prescindere dai disastri che comporta. Ma perchè?? I due preferiscono invece "puntare all’innovazione, alla cultura ed ai servizi"...queste sono solo belle parole, non significano niente. Se sei all'interno di una prigione dove non ti è permesso decidere niente della tua stessa economia puoi fare tutta l'innovazione e cultura che ti pare, non serve a niente. Se spingi per esempio cose come l'auto elettrica o altre energie pulite ed innovatrici DOVRAI SEMPRE E COMUNQUE SCONTRARTI COL TUO CARCERIERE EUROPEO CHE MOLTO PROBABILMENTE TI IMPEDIRA' DI USARLE PER QUESTIONI DI PROFITTO. Tu agricoltore non puoi usare le sementi naturali per seminare, devi usare sementi "speciali" che stanno rovinando totalmente ( e volutamente) l'agricoltura italiana. Perchè? perchè è sempre il tuo carceriere che decide, se lui dice che devi usare quelle sementi e non altre, tu obbedisci e basta.

andrea 20.08.12 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Fra i problemi che vengono citati relativi ad un'eventuale uscita dall'euro viene addotto il probabile aumento dei costi di importazione delle fonti energetiche, se pagate in lire. Osservo che le accise o le tasse sui carburanti sono elevatissime e il loro possibile abbattimento compenserebbe ampiamente eventuali aumenti. Ovviamente sempre che il ritorno alla lira fornisca quella competitività necessaria alle nostre aziende per creare nuovi posti di lavoro e fare utili, con conseguenti maggiori introiti per lo stato alternativi alle accise. Ovviamente non sono in grado di valutare la cosa, ma credo che valga la pena di pensare anche a questo.
Sempre relativamente all'euro una cosa va detta, e cioè che comunque è stata un'operazione assolutamente folle e verticistica, probabilmente pilotata da chi sapeva bene come sarebbe andata a finire, ovvero da chi ha usato l'incapacità esplicita dei nostri politicanti e di una marea di economisti affidabili quanto il mago Othelma, o forse meno.
Sul debito concordo con altri, con tassi superiori all'1/2 per cento non riusciremo mai comunque a ripagarlo e alla fine qualcuno rimarrà comunque con il cerino in mano, che sia mia nonna o un fondo speculativo, ovvero va trovata comunque una soluzione diversa da quella che ci propongono. Alla fin fine converrebbe anche ai nostri creditori.

Fabrizio G. Commentatore certificato 20.08.12 14:19| 
 |
Rispondi al commento

La colpa, è delle donne.
La Santa Inquisizione, ne ha bruciate quasi 6 milioni!
E loro, hanno continuato ad andare alla messa.
Un santo, ha detto che le donne, in chiesa, devono tacere. Ed allora, giù a castrare i loro ragazzini per ottenere le Voci Bianche, da far cantare nei cori delle Chiese.
Un re, in 25 anni, ha portato l'Italia in 2 guerre mondiali facendo ammazzare i loro mariti, figli, fratelli!
E loro, nel referendum repubblica o monarchia, hanno votato, specie al sud, monarchia.
La Chiesa, era contraria a concedere il voto alle donne!
E loro, a votare in massa Democrazia Cristiana.
1816, è sceso in campo!
E loro, a votarlo perché è simpatico, ricco, ed ha le televisioni.
Lo stilista di grido, fa fare scarpe in Vietnam a 4 euri al paio!
E loro, a comperarle a 150 euri al paio, perché sono FIRMATE.
Si sono battute per le pari opportunità!
E la Frignero, per l'appunto una donna, ha tolto loro la pensione.
( è sì, ragazze, perché con la sua legge,art.24 comma 7, le lavoratrici part time, non raggiungeranno MAI la pensione)!
E loro, le donne della CGIL, della CISL, della UIL, Noi Donne, Se Non Ora Quando, tutte zitte, perché la legge, l'ha fatta una donna.
Oggi, negli USA, il repubblicano, ha detto che ci sono anche gli Stupri Legittimi, e che le donne, nel caso, hanno in sé, le difese per non rimanere incinta!
E loro, le donne, vedrete che correranno a votarlo in massa.
DONNE, NON SARETE PER CASO, MASOCHISTE?

antonio d., carrara Commentatore certificato 20.08.12 14:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dalla parte dei magistrati di Palermo

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 20.08.12 14:09| 
 |
Rispondi al commento

Un anno fa quando c'era l'altro la crisi non c'era.
Adesso che ce questo la crisi sta finendo.

Le uniche cose che stanno finendo sono i soldi e la pazienza.

Occhio ...

Paolo Giudici 20.08.12 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Andrea Rossi procede nello sviluppo del suo “Hot-Cat”, cioè l’E-Cat ad altissima temperatura utile per produrre vapore in gran quantità e, di conseguenza, energia elettrica a bassissimo costo. Tramite il solito post sul Journal of Nuclear Physics Rossi ha comunicato ai suoi fan che dopo la soglia dei 1000 gradi, già raggiunta, ora si lavora ai 1200:
Abbiamo raggiunto i 1000 gradi Celsius: questo rende più vicina la produzione di energia elettrica. Con questa temperatura possiamo riscaldare il vapore fino a 600 gradi, ottenendo alte efficienze. In questi giorni stiamo lavorando su questo. Abbiamo avuto una conferma sull’Hot Cat: domani lo faremo lavorare per 24 ore a 1200 gradi Celsius. Purtroppo devo impiegare così le mie vacanze estive…
Con tutto il preambolo di condizionali e congiuntivi che accompagna ogni notizia sull’E-Cat, si può dire che avere un dispositivo LENR che lavora stabilmente a 1000 o addirittura a 1200 gradi centigradi è effettivamente il preludio per ottenere in maniera facile ed economica grandi quantità di energia elettrica.

Si sa che da mesi Rossi sta lavorando all’accoppiamento tra il suo catalizzatore di energia e una turbina per generare elettricità. Si sa anche che Siemens è in qualche modo coinvoltaA in questa sperimentazione. Il fatto che Rossi continui a dire di aver raggiunto nuovi strabilianti risultati può voler dire che il sogno dell’energia quasi gratis potrebbe presto realizzarsi.
O che Rossi è completamente folle e racconta frottole, come credono gli scettici. In ogni caso, al netto di clamorosi ripensamenti, sapremo presto se ha ragione Rossi o se avevano visto bene gli scettici: l’E-Cat verrà presentato a Zurigo l’8 e il 9 settembre. Ormai c’è poco da aspettare.
Fonte: E-Cat World
Se vuoi aggiornamenti su E-Cat, Andrea Rossi annuncia: raggiunti i 1200 gradi centigradi inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Leggi tutto: http://www.greenstyle.it/e-cat-andrea-rossi-annuncia-raggiunti-i-1200-gradi-centigradi-11209.html#ixzz2

giannino Ferro Casagrande, Trieste Commentatore certificato 20.08.12 14:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Evvai Beppe.... dopo mesi di articoli che altro non hanno fatto che spandere merda su tutto e su tutti, finalmente un articolo volto a RAGIONARE su come vanno le cose. Spero ne seguano molti altri. L' argomento non è dei più semplici e poche righe sono evidentemente insufficienti per trattarlo adeguatamente, ma è pur sempre un inizio.

>I tempi del cambiamento sono lunghi. Un' accelerazione può venire solo dall’
>alto.... Solo se riusciremo a cambiare il modo di vivere di oggi avremo un domani...

QUESTO è il problema dei problemi, e QUESTO argomento andrebbe trattato a lungo ed a fondo. La finanza internazionale, cioè chi oggi detiene il potere, non ha interessa al cambiamento, ha i mezzi per legare le mani a chi sta in alto e paga i media perché frenino il cambiamento dal basso.

E allora come risolverla??? Bastano un blog, parole e buoni propositi?? This is the problem!!! :(

ezio g., sv Commentatore certificato 20.08.12 13:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

l'europa non puo' esistere politicamente
27 stati che parlano 27 lingue diverse
27 culture diverse,religioni diverse

come pensate che possano convivere politicamente
insieme 27 popoli diversi?

pensate alle riunioni di condominio

ma non lo dico in maniera razzista ma in maniera realistica

altra cosa era avere forse una moneta parallela ma anche qui io non sarei stato d'accordo

mettiamoci il cuore in pace

questa cosa dell'europa politica è impraticabile
mettere d'accordo 200 milioni di persone di cultura diversa è impraticabile

ferlingot 20.08.12 13:42| 
 
  • Currently 2.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

va bene tutto ciò che è stato scritto ma, in primis:
1. cambiamento di tutta la politica e della classe dirigente secondo le Nuove poliiche sociali;
2. Tassazione diretta del 50% su tutte le attività speculative finanziarie non a copertura di rischi realmente detenuti;
3. Statalizzazione delle società finanziarie e industriali che hanno o chiederanno aiuti economici allo Stato;
4. obbligatorietà per tutte le imprese con medio o forte impatto ecologico a dotarsi di piani mensilizzati per la bonifica e la messa in sicurezza ambiantale dei propri impianti;
------------ da qui il nuovo indirizzo Sociale:
1.Classe politica e tecnica centrale ad elezione diretta dei citadini per l' esclusivo indirizzo Nazionale e Internazionale con progettualità decennale e trentennale in stretta sinergia con le macro-Regioni ed i Comuni anch' essi votati direttamente dal Popolo;
-pochi progetti in concomitanza con quelli Europei ed Extra solo se con la condivisione dei risultati;
2.de-tassazione sulle attività strettamente bancarie o creditizie a favore delle Imprese meglio se ecologicamente indirizzate;
3. reintroduzione di dazi doganali europei per tutte le merci prodotte non rispettose dei ns stessi canoni sociali.

ecc...

alessandro g., magenta Commentatore certificato 20.08.12 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao gioia armata, eh eh hai ragione molti diranno nooo ma non si può.. purtroppo molti secondo me si illudono ancora di poter ottenere col voto quello che vogliono ma la verità è che il voto (purtroppo)ci punirà di nuovo perchè l'italiano è plasmato dai media in maniera assurda..cmq sono contento che almeno in questo blog si può esprimere ogni tipo di opinione mentre in altri siti vieni oscurato(tiscali)

andrea spano 20.08.12 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Accolto da applausi, ma anche da qualche ragazzo che ha urlato "Lavoro, lavoro lavoro" Monti "vede" la fine della crisi !!
Il ragazzo, immagino fosse un figlio di Bersanetor, è rimasto all'ottocento (è incredibile come ci sono ancora giovani che nascono già vecchi).
Il grido doveva essere intellingenza, intelligenza, intelligenza ma evidentemente sembrava troppo anche a lui.
Le crisi, tutte le crisi, sono solo transizioni di modi di pensare, di equilibri politici, di distribuzione della ricchezza (o della povertà).
All'epoca delle piramidi (c'era già andreotti) credevano veramente che senza il faraone non ci sarebbe stato un altro giorno.
Tanti, troppi, italiani credono ancora che senza la casta non sorgerebbe più il sole.

Kasap Aia, Cifre, borgo virtuale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.08.12 13:28| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Andrea. vedrai che non ti voterà nessuno perchè la violenza è TABU' anche qui. Forza Damasco, forza Aleppo!

gioia armata 20.08.12 13:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao Beppe, sono un Imprenditore edile di Brescia, volevo sono dirti che tu sei il futuro, tieni duro e non farti ammazzare,tu sai meglio di me che qundo a "quella gente li" tocchi i soldi diventano pericolosi. Tu sei il futuro.

Mario

mario lanaro 20.08.12 13:17| 
 |
Rispondi al commento

monti non è stato messo li per risolvere la crisi italiana, ma per rompere le ultime resistenze all'estremo trasferimento di sovranità a bruxelles.non abbiamo più alcun potere decisionale altro che democrazia.bisognerà combattere per riaverla non ci può essere una rivoluzione pacifica perchè non ce lo concederanno!svegliaaa


oreste non ti sta cagando nessuno: smettila pure di scrivere.

Antonello M. 20.08.12 13:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Noooo mi sono sbagliato i Leghisti non sono forti...sono scemi!
Perchè dico questo hanno fatto sparire la visibilità del Clik,ma quando effettivamente clicco"segnala commento inappropriato"ebbene cari coglioni...quello non sparisce rimane e....dopo altri quattro...fhiuuu non esistete più!
Grandi spargi merda del blog!

oreste mori, La spezia Commentatore certificato 20.08.12 13:09| 
 |
Rispondi al commento

MR SPOCH A NOI FA RIDERE, I NOSTRI POLITICI FANNO PIANGERE,
POLITICI AL SERVIZIO DELLA FINANZA SCELLERATA GO HOME PLEASE

ubert 20.08.12 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Forti i leghisti: mi clicca i Clk! e spariscono dalla cantina!
E' un compltto ! E chi se ne frega dopo tutto sono notizie per i Blogger onesti perchè vi evitino.
Siete peggiio delle zecche!
ricordo che in quattro giorni vi ho cliccato ben 287 volte!
Cia000oooooo!

oreste mori, La spezia Commentatore certificato 20.08.12 12:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Eeeeee se ce n'è di materiale contro il Blog!
Tutti i giorni...ci vedremo a Filippi(se ci saranno)!

oreste mori, La spezia Commentatore certificato 20.08.12 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Per me l'affermazione che leggo spesso "né destra né sinistra" è solo una cazzata.

Per me ha il solo scopo di acchiappare consensi sia a destra che a sinistra.

Tore Criscienz () Commentatore certificato 20.08.12 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“IL MERCATO ED I PRIVILEGI DELLA CASTA SONO SALVI, GLI ITALIANI NO”.

"MONTI: VEDO LA FINE DELLA CRISI", aggiungo io, “DELLE BANCHE AND FRIENDS”, per gli Italiani:

- Con l’obbligo di pareggio di bilancio inserito in costituzione ed il piano di rientro del debito pubblico ventennale previsto nel Fiscal compact.

La “FINE DELLA CRISI E’ POSTICIPATA” di vent’anni, a tassazione invariata e tagli indiscriminati allo stato sociale ed ai diritti acquisiti, con contemporanea chiusura in massa delle piccole e medie imprese che lavorano per il mercato interno, ovvero gli Italiani ridotti alla fame, salvo il miracolo di raddoppiare o triplicare le esportazioni nel mercato globale “Made in China”.

Traduzione dal politichese:
“IL MERCATO ED I PRIVILEGI DELLA CASTA SONO SALVI, GLI ITALIANI NO”.

Paolo R. Commentatore certificato 20.08.12 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Dopo le lezioni(se ci saranno) caro Beppe dovresti fare un libro" quello che dicevano di noi"
.....raccolta completa dei politici che parlano male del Grillo......

oreste mori, La spezia Commentatore certificato 20.08.12 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Una proposta allo Staff:
Perchè non raccogliere tutti gli scritti razzisti,deliranti contro il Movimento5*,cotro Beppe grillo,contro il Blog e raccoglierli in un libro da pubblicare on-line,dopo le prossime elezioni(se ci saranno)?
Grazie!

oreste mori, La spezia Commentatore certificato 20.08.12 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Propongo a chi gestisce il blog di organizzare un'informazione parallela. In passato (per esperienza personale) ha dato ottimi risultati.
Sono un musicista ed alcuni anni fa mi entusiasmai per una geniale idea: "siportanapoli".
Si trattava di un servizio di messaggi sms, utile a qualsivoglia tipo di attività. Il servizio offriva, avendo un database di possibili "clienti" dei quali si erano procurati i contatti e dai quali avevano ottenuto consenso, un'informazione efficace sugli eventi in calendario o altra informazione utile all'utente.
Un po come sio fa per la posta elettronica per accedere anche a questo blog.
Si può organizzare qualcosa di simile comprando pacchetti di sms con costi relativamente contenuti, per comunicare ed eventualmente dialogare con chi accetta di ricevere gli sms informativi. E' un qualcosa che si può affiancare tranquillamente al blog.
Gradirei conoscere il pensiero di chi gestisce il blog e di chi lo frequenta. Grazie.

Umberto Fiordispino, trezzano rosa Commentatore certificato 20.08.12 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un articolo su quello che è già accaduto, non su ciò che "accadrebbe", e sarebbe ora che si vedessero articoli di questo genere, qui e sulla stampa cosiddetta "libera", invece della martellante raffica di articoli disperanti...
http://www.stampalibera.com/?p=50829#more-50829

gabriella laeffe 20.08.12 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Fate sparire coloro che vengono su questo blog solo per dire quanto ci odiano
Non è come avere un'opinione diversa
E' delirio puro!

viviana v., bologna Commentatore certificato 20.08.12 12:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Via la scorta alla villa di Calderoli, è costata 900mila euro in due anni...

ma ci pensate - proteggere questo porco
ci costa molto di più
che sfamare 400 poveri bisognosi !

io gli farei indossare
una delle sue magliette anti-islam
e lo paracaduterei direttamente
sopra un campo militare di al-qaeda
altro che scorta...

lurido porco !

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 20.08.12 11:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di tutto questo bel cucuzzaro di parole, che mi sembran più che altro vaneggiamenti irrealizzabili si salva solo la DECRESCITA.
Ovvero se ci sono risorse per 5, e ben ottimizzate per 7, non si può essere in 12 oppure 15 o 20 proseguendo al ritmo di crescita attuale.
La Natura insegna: quando le risorse scarseggiano le popolazioni animali calano.
Il problema sarebbe quello di capirlo ed applicarlo PRIMA della prossima Guerra, perché è il naturale punto di arrivo quando le risorse saranno agli sgoccioli.

Donato Tobi () Commentatore certificato 20.08.12 11:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmentesta emergendo che la parola chiave non è crescita, ma ridistribuzione!

Andrea Rancan 20.08.12 11:54| 
 |
Rispondi al commento

ONORE ALLE PUSSY RIOT !!!

La sentenza emessa da un tribunale di Mosca, che ha condannato a due anni di carcere tre componenti del gruppo punk Pussy Riot, colpevoli di "teppismo per motivi di odio religioso", è secondo Amnesty International un duro colpo alla libertà d'espressione in Russia.

Amnesty International ritiene che il procedimento sia stato motivato politicamente e che le tre Pussy Riot siano state ingiustamente processate per quella che è stata una legittima, per quanto potenzialmente offensiva, azione di protesta.

L'organizzazione per i diritti umani considera Maria Alekhina, Ekaterina Samutsevich e Nadezhda Tolokonnikova prigioniere di coscienza e chiede alle autorità russe di rilasciarle immediatamente e senza condizioni "In risposta all'ondata di proteste che hanno accompagnato le recenti elezioni parlamentari e presidenziali, le autorità russe hanno introdotto varie misure che limitano la libertà d'espressione e di riunione. Il processo alle Pussy Riot è un ulteriore tentativo del Cremlino di scoraggiare e delegittimare il dissenso. "Un tentativo che è destinato al fallimento" - ha dichiarato John Dalhuisen, direttore del Programma di Amnesty International.

• Con il presidente Putin non riusciremo a dare forma alla nostra democrazia, torneremo solo al passato. Non sono ottimista in questo senso e quindi il mio libro e' pessimista. Non ho più speranza nella mia anima. Solo un cambio di leadership potrebbe consentirmi di sperare.
(Anna Politkovskaja)

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 20.08.12 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche oggi
c'è da spazzare via
un bel pò di sterco dal blog...

coraggio,dai
che tanto la stupidità
di certi sub-umani
non si esaurirà mai...

nemmeno la nostra voglia
di lottare per un futuro migliore
del resto e per fortuna

Un Sorriso al Blog :)

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 20.08.12 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Da oggi sul blog esistono i Bitroll: quelli che viaggiano in coppia!
Con un clik ne prendi due!
Come al supermercato prendi due e paghi uno!

oreste mori, La spezia Commentatore certificato 20.08.12 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Non ho scritto mai contro qualcuno del blog, in generale contro qualcuno con idee parventi chiare e/o di contenuto.
Attenzione! Sono qui apposta! Sono dei loro "incaricati".
Complottismo? Paura della propria ombra? E' quel che passa nel nuovo immaginario relativo a questo luogo. Il blog e non solo questo, è un obiettivo come un obiettivo sono Assange, l'Iran', erano Saddam, Borsellino-Falcone, et cetera.
Non rispondete! Non dategli "spazio", neanche nei pensieri.
Acidi e consapevoli di rappresentare quelli che li rappresentano. Consapevoli anche di essere PERDENTI, anche in quanto portatori insani delle ideologie dei loro mandanti. Parassiti a vita, con l'esistenza comoda e sicuramente senza aver guadagnato una lira nella propria vita.
"Imagine there's no countries". Vale per le olimpiadi, per Lampedusa e per la Polentania. Vivo al nord e non intravedo un granché di gente "dotata", almeno non più di quanta ne ho vista al sud. Questi infiltrati sono perlopiù "timorati di dio" che si mettono il cappuccio del KKK al momento opportuno. Convinti e militaristi.
Manfredi in "Girolimoni": "Caporà, ne so' passati tanti... passerai pure te".

Umberto Fiordispino, trezzano rosa Commentatore certificato 20.08.12 11:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari amici ed amiche,
ABBATTIAMO LA DISOCCUPAZIONE ABOLENDO IL LIMITE AL NUMERO MASSIMO DI LICENZE RILASCIABILI E DI PROFESSIONISTI ABILITABILI IN ITALIA

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/08/abbattiamo-la-disoccupazione-abolendo-il-limite-al-numero-massimo-di-licenze-rilasciabili-e-di-profe.html

Marino MASTRANGELI, Cassino (FR) Commentatore certificato 20.08.12 11:28| 
 |
Rispondi al commento

PERFETTO!!!..chissà se lo leggono quelli che continuano a dare del "qualunquista ""antipolitica"..a GRILLO???
W il movimento 5 stelle

mavi pitty, genova Commentatore certificato 20.08.12 11:22| 
 |
Rispondi al commento

teniamomoceli cari questi leghisti.ci servono.ho visto molti giapponesi venire in italia per fotografarli.sono utili:attirano i turisti.

vito asaro, mazara del vallo Commentatore certificato 20.08.12 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Monti si avvicina all'uscita: "Scusi, per la crisi?"

fabrizio b., cagliari Commentatore certificato 20.08.12 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Le merci sono tali fino a quando rappresentano un valore discambio, come i servizi... Anche il denaro è una merce. Nell'economia di "transizione" che ruolo giocherebbe il denaro (il credito)? La caduta tendenziale del profittoè cosa ormai nota dal 1847 (il capitale, libro II, K Marx), come pure la miseria crescente. Il problema nuovo sta nel fatto che siamo 6 miliardi di troppo!

carlo mazzoli 20.08.12 11:03| 
 |
Rispondi al commento

POLITICI (CASTE) = LADRI? (E I BUROCRATI?)
Una volta ti davano del qualunquista se affermavi che i “politici erano tutti dei ladri”… Una volta c’ erano le ideologie, e una era forse migliore dell’ altra? Ma all’ atto pratico i rappresentanti politici di queste (diverse?) ideologie si comportavano più o meno nello stesso modo, ovvero pensavano principalmente ai propri interessi e benessere personali, e se gli avanzava tempo, curavano anche gli interessi dei propri parenti, amici e compagni di partito … In effetti è sbagliato fare di “tutte le erbe un fascio”, ma se guardiamo all’ evidenza, il solo fatto che un politico goda di un benessere materiale (di uno stipendio così elevato) e di innumerevoli altri privilegi di casta, soprattutto in Italia, condizione che un comune Cittadino non può nemmeno sognare, dovrebbe far pensare … In un certo senso questa condizione di sfacciati privilegiati fa dei politici oggettivamente dei ladri di risorse Pubbliche … Se consideriamo poi le continue inchieste della buona stampa, e della buona Magistratura, che un giorno si e un giorno no individuano anche reati commessi dai politici ai danni della collettività e della Pubblica Amministrazione, il quadro è molto triste, e la verità forse è proprio questa: i politici perlopiù sono dei ladri! Consideriamo per concludere poi lo scandalo del così detto “finanziamento pubblico dei partiti”; esso fu abolito qualche anno fa con un referendum Popolare plebiscitario, e poi fu reintrodotto dai politici con un’ altro nome: “rimborsi elettorali”, e perfino aumentato … Come si può definire tutto questo? Raggiro? Violenza? Furto? Attentato alla Costituzione repubblicana? Fate Voi … Che fare? Viviamo in un’ epoca digitale, pertanto è possibile l’ esercizio della così detta Democrazia diretta e partecipata, dove ogni Cittadino può esprimersi e decidere direttamente online senza il bisogno di rappresentanti politici (politici = ladri!).

Lux Luci 20.08.12 11:01| 
 |
Rispondi al commento

RAGASSI IL 50 DEI VOTI E ' ASSICURATO

" Berlusconi ha già scritto
il discorso del ritorno
Testo "provato" a Ferragosto in Sardegna davanti a 70 ospiti: meno tasse, più tagli e riforma della giustizia"

Claudio ., Sanremo Commentatore certificato 20.08.12 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Che ognuno di noi si prenda la responsabilita' nelle sue possibilita' di essere da guida, CON L'ESEMPIO, per un bimbo o un ragazzo.
E' nostro compito.
Se pensate che non sapete da dove iniziare, chiedete ai ragazzi di aiutarvi.Lo faranno.
L'umilta' non h amai ammazzato nessuno.
Ho 2 nipoti.Li amo.
Non gli lascero' questo sfacelo di paese.
E insieme ricostruiremo la speranza, per tutti.
Mettetevi una mano sulla coscienza,perche'
siamo responsabili tutti, inutile fare spalluccia.
In questo ambito il qualunquismo sta a zero.

Mary dg 20.08.12 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Al di la' dell'uscita o della permanenza dalla zona euro io credo che bisognerebbe affrontare e risolvere il problema dell'onesta' dei nostri politici, che adesso sembra essere diventato un tema minore o dimenticato.Il furore che imperversava poco tempo fa sembra essere svanito, forse solo perche' non c'e' piu' B. a capo del Governo?Mai i suoi accoliti sono tutti la, inamovibili, sempre piu' abbarbicati alle poltrone........non facciamo scemare la tensione che ha portato alle dimissioni d B.

Gigi C., Seoul Commentatore certificato 20.08.12 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Angelo era uno di noi. Il suo gesto non è da imitare, ma da meditare. Ma soprattutto ci induce fortemente a battersi affinché vengano rimosse quelle condizioni, materiali e spirituali, che non lo rendano replicabile.
Propongo umilmente di raccogliere qualche soldo in favore di quel figlio, a cui pare Angelo abbia lasciato 160 euro.
Quando verrà il momento butteremo giù i monumenti eretti a Graziani e ad altri insignificanti leccaculo di sistema passati e presenti e ne erigeremo altri, ad oppositori e vittime di quel sistema finanziario-politico-mafioso che da decenni si perpetua in questo disgraziato Paese e il tuo nome, caro Angelo, non mancherà.

pippo pansa Commentatore certificato 20.08.12 10:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le Regioni? Servono a questo ! Di Sergio Rizzo su C


CRISI E SOLDI PUBBLICI
Regione Lazio: ai partiti 4 volte più della Camera
Contributi ai gruppi consiliari: il confronto con Montecitorio. Numeri finora sconosciuti emersi grazie alla pubblicazione del bilancio sul sito Internet dei Radicali

Claudio ., Sanremo Commentatore certificato 20.08.12 10:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

deficentone leghista,te la ricordi la strage di Erba? Gli autori erano un certo Olindo e Rosa....
tuoi simili e paesani. Qui a Roma(ladrona) si dice:
"mai piscià contro vento"

luis p Commentatore certificato 20.08.12 10:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ieri ho sentito un vaffanculo.sono corso in strada pensando che ci fosse il m5se,invece,chi ho visto?monti e la sua schiera di tecnici e politici lecchini che mandavano un grosso vaffanculo al popolo italiano.

vito asaro, mazara del vallo Commentatore certificato 20.08.12 10:51| 
 |
Rispondi al commento

I nostri due autori hanno esordito dicendo che la diminuzione del tasso di profitto del settore reale nei Paesi avanzati ha generato un'espansione del settore finanziario che ha garantiti la tenuta, altrimenti ci sarebbe già stata una ridimensione del sistema e dei consumi, questo per dire che il sistema finanziario da solo non può fare molto se l'economia reale non funziona, e alla lunga crea carta straccia. Per uscire dall'euro i nostri due dicono che:
1) bisogna svalutare la moneta;
2) ci sarà inflazione;
3) conseguente perdita di credibilità sui mercati internazionali;
4) e non è detto che ci sia un aumento delle esportazione per effetto della China che vende prodotti più economici (ma anche più inquinanti).
Se sono solo questi punti la cosa non è poi tanto grave visto che già li conosciamo fin dagli anni '70, chi non si ricorda l'inflazione al 20%. Stiamo cmq constatando che l'Euro è sempre più una grande cazzata, l'unità economica non può creare un'unità politica che non esiste perchè non c'è un'unità linguistica e culturale

GIANCARLO SARTORETTO, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.08.12 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Si parla sempre e solo di economia, dando valore "0" a quelle che sono le ripercussioni sociali;
il sociale è morto, la società è morta!
Le famiglie sono alla gogna, i genitori non hanno tempo (e tante volte) testa x seguire i figli, i ragazzi sono lasciati allo sbando senza neanche più la chimera di un futuro ricco, valanghe di immigrati (che se non arrivano delinquenti, tempo un anno e lo diventano..), i giovani non hanno futuro, una marea di pensionati (lasciati soli anche loro), scuole allo scatafascio, evasione, corruzione, politici delinquenti, collusi ed incapaci....e via dicendo.
Come x la diffenziata, con i referendum, etc....alla base di tutto ci deve essere il cittadino, il suo benessere:
L'ECONOMIA DOVEVA ESSERE IL MOTORE DEL BENESSERE SOCIALE,
in vero,
LA SOCIETA' E' STATA DIVORATA DALL'ECONOMIA,
il benessere si pesa solo con oggetti e denaro,
l'uomo si valuta solo in base al denaro.
Non si può sperare di risanare la società dall'economia, SIAMO DEGLI ALLOCCHI,
proprio come a pensar di sanare la situazione con dei banchieri quando gran parte delle colpe vanno alle banche.


Il Portatore

roberto p., genova Commentatore certificato 20.08.12 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Assange da Premio Nobel per la sua Coraggiosa Lotta per :
la Libertà
la Giustizia
PER LA PACE.

anib roma Commentatore certificato 20.08.12 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici 5 stelle il piano Superiore del Bar comincia ad animarsi. E' tornato dalle vacanze il nostro non-economista (laureato in economia ed ex imprenditore) e ha scritto queste poche righe in merito all'Ilva di Taranto!

“ IL RASOIO DI OKKAM.
In italia, come al solito, sfugge la soluzione più semplice e la più efficace! Se l'acciaio lo fanno i Tedeschi , lo fanno bene, gli operai guadagnano 4 volte di più degli operai italiani, rispettano l'ambiente per quanto possibile con quello schifo di lavorazione, lo vendono allo stesso prezzo degli italiani, significa solo una cosa. Se poi i cinesi lo fanno a prezzi stracciati il quadro è completo per prendere l'unica strada possibile, e anche la più efficace e semplice:
SMANTELLARE TUTTO E NEL PIU' BREVE TEMPO POSSIBILE!

8 mila operai possono smantellare tutto e pulire tutta l'area in pochi mesi, nel frattempo la Politica , con la P maiuscola, cede le aree A GRATIS agli imprenditori, sia nazionali che esteri, con due soli vincoli :
1)insediamento di aziende con un minimo di addetti pari a 200 unità .
2)Obbligo per ogni insediamento ad avere in casa il laboratorio di ricerca.

Chiaramente, a parte il terreno, ZERO soldi pubblici! E percorsi burocratici accellerati .

In due anni l'area potrebbe assorbire diverse centinaia di aziende, e l'occupazione della zona di Taranto salire a 20-30 mila addetti , e in tutte le produzioni.

E' un piccolo sogno, perché ci vorrebbero sindacalisti intelligenti, politici con la P maiuscola, e imprenditori disposti a rischiare senza aspettare soldi pubblici! “

Claudio ., Sanremo Commentatore certificato 20.08.12 10:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma mi venite a parlare di decrescita, nuovo modo di vivere... cominci a dare il buon esempio chi ha villa con piscina e va a fare le vacanze a Porto Cervo. E poi ne riparliamo. Risparmiatemi questa demagogia del cazzo di un "povero" milionario annoiato!

Adi M Commentatore certificato 20.08.12 10:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dieci eventi nucleari in 10 giorni: vari incidenti tra USA, Europa e Giappone

http://www.meteoweb.eu/2012/08/dieci-eventi-nucleari-in-10-giorni-vari-incidenti-tra-usa-europa-e-giappone/148547/

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 20.08.12 10:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il fatto è che, quando si parla di euro, tutti si preoccupano della riduzione del reddito piuttosto che dell'inflazione etc. Nessuno, mi sembra, coglie il fatto che l'euro si è rivelato uno strumento antidemocratico gestito da burocrazie che non rispondono a nessuno. Succede che in Germania la bundesbank, chi cazzo rappresenta la bundesbank?, sta decidendo sul nostro welfare, scuola sanità e pensioni. Succede che sarkozì e la culona hanno deciso di mandare a casa Berlusconi. Daccordo, Berlusconi è stato un disastro, ma non è semplicemente ammissibile che siano due signori stranieri altrettanto imbecilli a decidere al posto nostro. Bisogna uscire dall'euro per una questione di libertà e doemocrazia. Siamo in guerra, in un modo o nell'altro, e bisogna uscirne vivi e salvando le nostre libertà democratiche costi quello che costi. Altrimenti continueremo a stringere la cinghia e a impoverirci sempre di più. I tedeschi, i francesi, cominciano a discuterne. Gli inglesi lo hanno sempre avuto ben chiaro. Dobbiamo recuperare la nostra sovranità, costi quello che costi e poi decidere democraticamente cosa ci conviene fare. Il resto conta poco.

Alberto S., pordenone Commentatore certificato 20.08.12 10:31| 
 |
Rispondi al commento

LO aspettavate?
E' arrivato Water alias Giovannino!

oreste mori, La spezia Commentatore certificato 20.08.12 10:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Impossibile affidarsi interamente alle pur necessarie e magnifiche micropossibilità offerte dalle iniziative di base ispirate dalla sostenibilità: il punto vero è che il passaggio da agricoltura a industria è stato assolutamente traumatico per il mondo ma è avvenuto, il passaggio da industria a terziario (incluse le fantasie mortali della finanza) è assolutamente letale prima per il capitalismo, poi per il mondo intero, come stiamo vedendo; nulla è sostituibile al predominio ragionato dei beni materiali disponibili per lo svolgimento diretto dell'esistenza delle persone e del progresso dell'industria e della società: il tutto va regolato da una politica nuova, sovranazionale e non ladra(avanti Europa!) che metta a disposizione un ambito sostenibile (il che non è la conseguenza di un surplus di ricchezza ma la condizione di partenza) e socialmente corretto (non uso apposta la parola "giusto", eccessiva e fuorviante)...in ciò la giustizia con regole definite e certezza della pena è fomdamentale--- come si vede siamo ben lontani da ciò che è e sta diventando il nostro Paese.

Antonio Trezzi 20.08.12 10:26| 
 |
Rispondi al commento

sopratutto non avreste incontrato i vulcaniani, sareste fermi all'età della pietra a lanciare sassi, magari con la fionda toh !

Alex Scantalmassi 20.08.12 10:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo tutti i giorni i Vs. Articoli, di tutte le persone,giornalisti, scrittori, ecc., continuamente leggo i paragoni che fanno con altri paesi mondiali sulla possibilita' del ns. Paese come crescere guardando quel od altro stato.
Una differenza sostanziale che tutta questa gente non paragona mai la cultura del ns. Paese che e'
completamente dagli altri paesi civili diversa. Se noi non combatteremo la corruzione con leggi speciali e dure non potremmo mai sapere esattamente quanto ci incide a livello economico per ogni famiglia.
Prima di parlare di uscita o no del ns. Paese dall'euro, prima di tutto bisogna guardarsi dentro .
Riportare il debito pubblico in pareggio, la gestione dello stato deve dare a cittadini certezze non paure, essendo a volte le crisi anche psicologiche, la spese e anche spensieratezza.
Ma prima di parlare di uscita o meno dall'euro noi dobbiamo prima di tutto essere autosufficienti a sopravvivere con il consumo e produzione dl ns. Paese.
Finche non equilibreremo entrate ed uscite e parita' sui i ns. conti, non avremo mai una stabilita' economica quindi potremmo anche ritornare alla lira, come gia' eravamo, ma il debito saliva ugualmente, anche se i cittadini e imprenditori erano sereni per le loro casse, ma non guardavano che il debito pubblico saliva costantemente, con attenzione e preoccupazione ,prima o poi dovevano pagarlo noi, e non gl'altri stati, come cerchiamo di fare con la Germania.
Quindi io spero , che si guardi con attenzioni i costi del ns. Paese prima di parlare di altri paesi e fare paragoni, noi siamo diversi.

Mauro Pasquini 20.08.12 10:23| 
 |
Rispondi al commento

non c'è da incazzarsi senza post come questo sarebbero ancora intenti a coltivare la terra, è il richiamo delle origini,

Alex Scantalmassi 20.08.12 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Tanti nei media, quelli del regime, cercano di fare passare il m5s come un movimento di protesta, non di da fastidio giamba (tu che scrivi ogni 3 righe per avere maggiore visibilità)sapere che stai sostenendo la stessa posizione delle televisioni del regime?
Cosa differenzia un movimento di protesta da un movimento politico costruttivo?
Il programma politico dirai...
Sei al corrente del fatto che il m5s ha un programma politico o lo accusi senza sapere nemmeno di cosa stai parlando?
Il programma del m5s in particolare si basa sui principi di democrazia che attualmente non sono rispettati (i cittadini italiani in generale non si sentono rappresentati dai partiti).
Sei al corrente del fatto che la fortuna di nazioni come svizzera e danimarca si basa esattamente sugli stessi principi?
Stiamo cercando di costruire una Italia migliore anche per te giamba, ne avresti dei chiari vantaggi, potresti per esempio avere il tuo reddito anche nel momento in cui non riuscissi ad avere un lavoro.
Non è così difficile, molte altre nazioni l'han già fatto, stiamo semplicemente cercando di seguire la loro strada.

Alessandro crapanzano (alexander009) Commentatore certificato 20.08.12 10:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avrei anch'io una mia personale,lunga lista
di sentitissimi VAFFANCULO
da dedicare a tutte quelle merde
che con le loro inutili esistenze
disonorano il genere umano:

6) vaffanculo HUGH GRANT !!!
(no,non l'attore ma il presidente della Monsanto)

La Monsanto, specialista in erbicidi e defolianti, nel 1960 ha prodotto il famigerato "agente arancione", uno dei più temibili defolianti usati durante la guerra in Vietnam. Attualmente la Monsanto produce l'erbicida Roundup.E' stata al centro di vari processi per violazioni che vanno dalla contaminazione ambientale alla pubblicità ingannevole. Monsanto produce anche l'ormone BCH per la crescita forzata dei bovini da macello, ormone ritenuto da molti scienziati cancerogeno.
Monsanto, inoltre, da qualche anno si dedica alla manipolazione genetica, brevettando, insieme all'Astra-Zeneca, sementi che si possono usare per un solo raccolto.

In 20 anni ha creato il monopolio delle colture alimentari, la Monsanto, famosa per il seme Terminator che diventa sterile alla seconda generazione costringendo il contadino a comprare semi ogni anno dalla multinazionale, è in guai seri. Le sue piante, geneticamente modificate anche con una proteina killer che doveva ammazzare i parassiti, giacciono a terra morenti.

A denunciarlo l'EPA, l'agenzia per la protezione ambientale americana. Dal 2003 la Monsanto ha incentivato la monocoltura del mais promettendo la scomparsa della Diabrotica virgifera,un parassita ghiotto di pannocchie. Ma in meno di 10 anni questo insetto si è assuefatto alla proteina killer e adesso prospera negli assolati campi dello Iowa attaccando anche le radici delle piante che cadono a terra al primo vento.
Adesso l'unica soluzione per gli agricoltori è l'uso intensivo di pesticidi, così da creare un prodotto geneticamente modificato e ricco di veleni,una vera prelibatezza.

6) VAFFANCULO hugh grant !!!

Ti s'incastrasse una pannocchia
geneticamente modificata nel retto anale!

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 20.08.12 10:20| 
 |
Rispondi al commento

Se si parla sempre di economia,

di soldi, di borsa, di euro e di spread,

come fanno Napolitano, Monti,

Berlusconi e Bersani,

come fanno il capitalismo ed il marxismo,

il popolino popolano e popolare coglione

pensa che l'unica cosa importante

sia l'economia, quindi il denaro.

E per avere denaro

va da quei pochissimi che il denaro ce l'hanno,

disposto a fare quel che quei pochissimi

vogliono per averlo.

Per quello Napolitano, Monti e Berlusconi

parlano sempre de economia,

de soldi, de spreade e de euro..

E pure sto blog..

Capito ?

Non dite: "Abbiamo capito"

se non avete capito.

Dite: "Non abbiamo capito"

e ve lo rispiego.

Magari con le matafore crude e possenti

che passano meglio nel cervello

delle masse incolte,

ipocritamente condannate

da Bobby Solo.

Tutto quello che non vi hanno mai detto dell'econo, Pantelleria Commentatore certificato 20.08.12 10:19| 
 |
Rispondi al commento

I miracoli dell'Islam: spariti femministe, atei e indignados


È miracoloso scoprire che il raduno di migliaia di islamici all’Arena di Milano non ha scatenato le stesse reazioni provocate dal raduno cattolico con il Papa di maggio: nessuna vignetta ironica, nessuna protesta contro l’oscurantismo religioso, nessuna lamentela per il traffico, nessuna polemica sui costi, nessun presidio laico e anticlericale, nessuna bestemmia scritta sui muri, nessuna manifestazione femminista, nessuna reazione dell’Unione Atei Agnostici Razionalisti, nessuna esibizione di Soggettività Lesbica, nessun intervento del Collettivo MaleFiche, nessuna catena su facebook, nessun indignados in marcia (questo in realtà era successo in Spagna e giù botte ai Papa Boys), nessun anatema dai bloggers, nessuna interrogazione parlamentare, nessuno che ha chiesto di dare invece i soldi ai terremotati, nessuna copertina del Vernacoliere, nessun escremento lanciato per fare spettacolo sul volto del Profeta, nessun wikileaks sulla Mecca, nessuna contestazione contro chi non ammette le coppie di fatto, l’aborto, i matrimoni omo, nessuna maglietta degli Iron Maiden, neanche un bambino di Satana, un tifoso del Diavolo, una Pussy Riot qualsiasi, un nipote di Van Gogh, un imam pedofilo, una mostra blasfema ma dall’alto e nobile valore artistico: eppure, quando si dice l’integrazione tra i popoli, le persone e i sessi, forse per la prima volta dopo duecento anni all’Arena le donne sono entrate separate dagli uomini...

Che sia tornato il sacrosanto rispetto per le religione? O è la sgaggia degli eroi?

Walter Borghi Commentatore certificato 20.08.12 10:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io mi sono permesso di fischiare Bossi durante un comizio, rischiando di prendere due sberle da una signora ma non mi permetterei mai e poi mai di criticare il suo aspetto.Domani potrei essere messo peggio non sai mai cosa ti riserva la vita.Chi lo fa deve sentirsi perfetto/a un figurino/a mah!

Bobbi Con (), Italia settentrionale Commentatore certificato 20.08.12 10:14| 
 |
Rispondi al commento

http://www.vanityfair.it/people/italia/2012/08/16/michele-placido-federica-vincenti-nozze-matrimonio-cisternino-foto-albano-casini-lecciso#?refresh_ce


pacchianate sudiste!!!

Walter Borghi Commentatore certificato 20.08.12 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Giorgio Bonanni
Che c’entra la mafia con l’Ilva?
E Totò Riina con l’ing. Riva?
L’Ilva è stata fondata nel 1905 e dopo diversi cambi di proprietà tra pubblico e privato è stata acquisita nel 1995,nel suo polo siderurgico di Taranto,dal gruppo Riva
Oltre ad aver dato lavoro a centinaia di operai l’Ilva ha iniettato nell’aria così tanta diossina da causare la morte e gravi malattie ad un’intera area
E’ provato che il cielo di Taranto è un cielo cancerogeno
Quando Vendola era ancora un resistente,un antimafioso doc,guidava le proteste contro i padroni dell’Ilva in difesa dei poveri lavoratori ricattati tra il lavoro e la salute,oggi invece che è diventato un borghese in giacca e cravatta, tratta con la famiglia Riva così come lo Stato trattò con la mafia nel 1992.Facendosi pure prendere per i fondelli dai Riva come raccontano le intercettazioni
Riina il capo di Cosa Nostra è rinchiuso in una cella di sicurezza e sta scontando il suo sacrosanto ergastolo per le decine di omicidi che ha commesso e ordinato ai danni di uomini,donne e bambini
L’ing. Riva che con la complicità dello Stato ha causato la morte di ben più gente di Riina invece non è stato nemmeno sfiorato da una denuncia per omicidio colposo
I giudici che oggi si vedono ingiustamente additati non hanno fatto altro che rispettare la legge alla lettera limitandosi al fermo dello stabilimento,in altri tempi,con governatori un po’ più rivoluzionari sarebbe stata di tutt’altra specie l’accusa e così la pena
Avviso ai credenti cattolici
Cosa pensate avrebbe fatto Gesù di fronte al caso Ilva?Credo che avrebbe accusato i padroni assassini e criminali,disconosciuto tutti i cosiddetti credenti che siedono nel consigli di amministrazione dell’Ilva,curato i malati e rimesso le cose al loro posto
Avviso anche ai lettori laici.Che avrebbe fatto il Che,min. dell’economia e dell’agricoltura di Cuba?avrebbe confiscato lo stabilimento,fatto incarcerare i padroni accusandoli di omicidio, e usato i loro beni

segue sotto

viviana v., bologna Commentatore certificato 20.08.12 10:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"l'uomo non è in grado di dirigere nemmeno il proprio passo"
Stiamo arrivando a migliaia a
migliaia e voi imprenditori con le pezze al culo, pennivendoli, politici inconcludenti e chiacchieroni vi manderemo a casa.
Ora basta andatevene non avete mai risolto nulla, avete pensato solo agi affari vostri e delle caste.

AL - 2012 20.08.12 10:12| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei ricordare agli scettici e ai dubbiosi che il M5S è un esperimento politico e come tale può riuscire (in tutto o in parte) o fallire (in tutto o in parte. Il suo cuore risiede nella democrazia dal basso: l'elettore che controlla l'eletto. L'alternativa è il marciume che ben conosciamo e che Rizzo e Stella bollarono, dopo una ben nota attenta analisi, come casta. O, peggio, assistere ad una deriva di estrema destra (vedi Grecia)anticamera della guerra civile. Bene 8anzi, male).
Sì, ma cosa faranno gli eletti? Porteranno avanti un programma, con autorità, competenza, trasparenza e onesta personale e intellettuale. Bene. Vorrei ricordare ai simpatizzanti che programma e scelta dei candidati vanno ancora messi a punto e che le elezioni si avvicinano.
In ultimo vorrei ricordare a Beppe che le elezioni si vincono con i voti, gli avversari (molti dei quali autentici nemici del Paese e della democrazia, non dimentichiamolo mai e che per nessun motivo molleranno l'osso spontaneamente) sono tutt'altro che morti e sepolti e che infilandosi in questioni da "massimi sistemi", utopiche o di alta problematicità etica ci si infila in gineprai dai quali si esce a brandelli...
In questa fase storica il M5S non può ripensare il mondo pensando di cambiarlo.
L'impresa di cambiare l'Italia è di per sè un'impresa titanica da far tremare le vene e i polsi.

pippo pansa Commentatore certificato 20.08.12 10:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

qualcuno si chiede cosa sarebbe successo se pd e pdl avessero avuto in mano anche la politica monetaria in questi anni?
I danni fatti da craxi 30 anni fa li stiamo ancora subendo, lui la politica monetaria la abusava in continuazione.
Non significa che possiamo permetterci di restare nell'area euro, ma che per prima cosa vanno cambiate le leggi, i partiti devono andare a casa, altrimenti dargli anche la politica monetaria in mano significa un'altra epoca di svalutazioni.
Se restiamo con questa classe politica tanto vale restare nell'euro, anche se questo aumenterebbe ancora l'influenza della germania sull'italia, meglio che quella dei partiti.

Alessandro crapanzano (alexander009) Commentatore certificato 20.08.12 10:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

al di là di piccole divergenze su questioni di poco conto sono veramente felice di avere ritrovato oggi con questo post una completa condivisione di intenti con Beppe.
ci vedremo in parlamento e sarà un piacere
buona giornata

Alex Scantalmassi 20.08.12 10:02| 
 |
Rispondi al commento

giamba, tu che scrivi una riga ogni 3 per screditare il m5s dicendo che tanto nulla può cambiare, che tanto chi va al governo è sempre corrotto, come spieghi il fatto che nel nord europa c'è uno stile di vita decisamente migliore che in italia, molta meno evasione fiscale (e non usano nemmeno gli scontrini) e i lavoratori hanno pure gli ammortizzatori sociali (tipo che se sono disoccupati prendono 800 euro al mese) e li usano solo in caso di effettiva necessità?
Se mi rispondi che è dovuto agli italiani che sono più furbi ti dico che italiano sei anche tu.
Ah già si spiegherebbe così il fatto che tra un commento e l'altro costruisci siti di finte scommesse...
Bè per fortuna non siamo tutti dei disperati come te.
Continua pure a rappresentare il lato oscuro, noi continueremo a lottare perchè anche in Italia finalmente ci siano delle leggi civili come altrove.

Alessandro crapanzano (alexander009) Commentatore certificato 20.08.12 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Che belle parole. Che delicatezza nel definire il corpo altrui.Linguaggio fine molto fine che mette il luce tutta la cultura acquisita con anni e anni di studi. Chi ha queste doti è giusto che le metta in pratica. Grazie per questa opportunità.

Bobbi Con (), Italia settentrionale Commentatore certificato 20.08.12 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Il Berlusca impiegherà i soliti due mesi estivi in ristrutturazioni facciali, ma potrebbe anche rassodarsi il ‘culo flaccido’ o studiare le nuove pompette. Rimosso il pesante strato di cerone rosso mattone, ormai incancrenito, il dermatologo sarà sostituito dal fine archeologo che ha restituito al suo originale splendore la faccia di Nefertiti. Se fallisce anche quello, sarà obbligato a mettersi la maschera di Tutankamon.
Buone notizie invece per Bossi. La sorpresa di vedersi azzerato da Maroni gli ha storto anche la mezza faccia diritta così che oggi pare quasi normale!

viviana v., bologna Commentatore certificato 20.08.12 09:51| 
 |
Rispondi al commento

in effetti seguo le orme del mio guru da tempo e quoto tutto, grazie

Alex Scantalmassi 20.08.12 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Continuate a leggere i giornali e sentire i telegiornali. Quello vogliono. Siamo arrivati al lavaggio del cervello. Ci meritiamo quello che abbiamo.
I più forti andranno avanti.
Alle prossime elezioni (se ci arriviamo) dobbiamo rompere col passato. I soliti porci dovranno rimanere col culo per terra.
Non vedo l'ora.

Davide Barbetta 20.08.12 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Il maggiordomo del Papa dice di aver rubato per conto dello Spirito Santo. Grave imbarazzo del Vaticano. Sono 2000 anni che lo Spirito Santo è il loro maggior socio di maggioranza, ma non possono darne nemmeno un recapito. E’ un po’ come il mercato o la ‘donna schermo’ di Dante, realtà fittizie che servono per nascondere ben altri scopi. E provare a ‘Chi l’ha visto?’
Ma uno che ruba un assegno da 100.000 euro intestato al papa, che fa? Si presenta alla banca e dice: “Io sono il papa?” o se lo gira a stesso: a me stesso dal papa!

Forte Alessandro Robecchi: “ Come dice un arcivescovo che preferisce restare anonimo: “Noi non siamo abituati ai corvi, eravamo troppo abituati a non denunciare i maiali!”

viviana v., bologna Commentatore certificato 20.08.12 09:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Pantelleria deve fare troppo caldo:si sono abbrustoliti le cervella.

giuseppe stevanato 20.08.12 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Le efferatezze non finiscono mai
Sapete che, ad Affile, vicino a Roma, coi soldi della regione Lazio e il plauso della Polverini, è stato eretto un monumento a Rodolfo Graziani, uno dei peggiori criminali di guerra del fascismo, razzista, dedito a stragi e autore di gravi e ripetuti crimini di guerra, come l’uso di gas per sterminare civili in Etiopia, e la spietata durezza nella riconquista della Libia e nella successiva repressione della guerriglia abissina. Deportò centinaia di migliaia delle tribù nomadi della Cirenaica, che furono rinchiusi in lager durissimi dove si ebbe un altissimo tasso di mortalità, a causa delle terribili condizioni igienico-sanitarie e della scarsità di cibo e acqua. Fu una vera e atroce pulizia etnica che costò la vita a decine di migliaia di persone. Contro la popolazione civile usò l’iprite, un gas tossico letale espressamente vietato dalla Convenzione di Ginevra.
Ma tra le autorità e la stampa non c’era nessuno che si indignasse per questo monumento a un simile criminale di guerra?
Erano tutti occupati a celebrare l’attacco a Favia reo di avere speso 200 euro per far conoscere il suo movimento??
Vorrei ricordare, per la cronaca, che Berlusconi ebbe a dire che: “Il fascismo non ha ammazzato mai nessuno!"

viviana v., bologna Commentatore certificato 20.08.12 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Passa lui! Battiamo le mani!
Sorrisi compiaciuti. "Speriamo che si volti a guardarmi.
Magari si ricorderà di avermi visto. Magari gli piacerò, m'inviterà".
Espressioni rilevate in filmati di Hitler, Mussolini, Craxi, Berlusconi, del sindaco, del dirigente, del presidente... FRACCHIA! Siamo Fracchia!
E' stato sempre così, sarà sempre così. Non è la valenza dell'uomo che conta. E' il suo potere!
E' solo questione di sapersi vendere, di spocchia, di trucco, di immagine, di "marketing".
Mediocri imbroglioni, disonesti, delinquenti, truffatori... sono i più "ammirati". Prerogative: SOLDI e/o POTERE.
Puoi anche non saper scrivere, parlare, non aver cultura, essere un infame, aver ammazzato, essere puttana (con tutto il rispetto per chi svolge "onestamente" questa funzione sociale). Puoi essere l'icona del male... Ti perdoniamo tutto purché sia possidente, potente, influente!
Non riesco a comunicare tutta la rabbia. Mah!
Presuntuosamente, sarei riuscito a far meglio di questo "premier". Avrebbero fatto meglio milioni di italiani!
Le dichiarazioni del "rigor" che mi hanno impietrito sin dall'inizio:
"L'evasione fiscale ci danneggia"... Uanema! E che ha detto!
"C'è bisogno di crescita"... Mamma mia! Grande!
"Il lavoro è una priorità"... 'a divina commedia!
"Il debito va controllato"... Che mente "illuminata"!
Tutto questo col gesto da elettricista che avvita la lampadina che vuol dire: "Capite il meccanismo?. Eh lo so! Ci volevo io"!
Mah! Umilmente penso che MINIMO 15 milioni di italiani avrebbero pensato, detto, FATTO molto meglio!
Il post non ne tiene conto, ma in sei mesi... sei, potremmo creare uno di quei miracoli mai riusciti al "nostro", da milionate di posti e ricchezza dilagante. La "ricchezza" è diversa dall'abbienza, fatta solo di possesso.
Autonomia energetica (tecnologie e risorse disponibili ed illimitate, knowhow da vendere).
Diversificazione dell'offerta (prodotti della terra, turismo, cultura).
"Province et parasitus delenda est"
E chi è meglio 'e nuje!?

Umberto Fiordispino, trezzano rosa Commentatore certificato 20.08.12 09:17| 
 |
Rispondi al commento

bisogna anche saper scrivere, non si tratta di decrescita, ma di ricerca di stile di vita piu armonioso con la natura umana, stile di vita che non pregiudica il progresso. Il termine decrescita e infelice, la natura dell uomo e progredire, evolversi, non decrescere, se si usa questo termine sbagliato, termine bello da un punto di vista di gossip piccoloborghese, si terra' llontano dalla riflessione la maggior parte delle persone, perche gli umani vogliono giustamente progredire. Non decrescita felice ma progresso felice, perche' vogliamo migliorare. Inoltre lo sappiamo da sempre che turismo, beni culturali, design, artigianato, bla, bla , bla, bla, lo sanno anche gli Asini, questi termini, sono stati sbandierati da tutti. Ma dove sono i programmi/progetti ?
Altrimenti, sono solo chiacchere e distintivo.
Vogliamo vedere la progettualita nei dettagli , basta con slogan, sentiti e risentiti da 30 anni .

Brus brus 20.08.12 09:02| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa pretendiamo? Di uscire da questo disastro in maniera indolore? Il danno é fatto e quindi per rimediare, così come succede dopo una qualsiasi guerra, é necessario ripartire da un punto più in basso di quello di riferimento, all'inizio di questa scellerata politica economica mondiale (globalizzazione = cacca per tutti; anche per coloro che finora non l'hanno ancora annusata)
Chi paga? Tutti, ma il peso maggiore sarà sopportato dai soliti noti ovvero chi é già povero.
Ciò che, invece una volta per tutte, dovrebbe insegnare tutta questa merdosa faccenda, é che é assurdo pensare di basarsi su un modello che in un mondo finito, pretende di crescere all'infinito. Una stupidaggine oltre che una evidente utopistica contraddizione. Se questo modello é frutto di scuole come la Bocconi e altre, per il bene di tutti e soprattutto per una prospettiva di un futuro migliore, é necessario ripudiarle e chiuderle immediatamente.

SISTO Z., S. Maria La Longa (UD) Commentatore certificato 20.08.12 08:58| 
 |
Rispondi al commento


"I governi, per definizione, non hanno coscienza"
Albert Camus

viviana v., bologna Commentatore certificato 20.08.12 08:57| 
 |
Rispondi al commento

La ricercatrice Rachele Hassan (bella combinazione di nome ebraico con cognome islamico!) cita due opere del filosofo Stéphane Hessel (allievo di Sartre e reduce da un lager) “Indignatevi!” e “Impegnatevi”, che hanno ispirato il movimento degli Indignados.
Hessel auspica che il mondo possa essere ancora salvato. Parla della disuguaglianza sociale e dello sviluppo sostenibile. Ricorda che nella attuale società iniqua i motivi di indignazione sono tanti ma dall’indignazione deve nascere l’impegno a ricostruire una società migliore. Non ci sono molte alternative: o la fuga (materiale in un altro Stato, mentale in una utopia velleitaria e obsoleta o nel nichilismo più assoluto) o “provare a cambiare qualcosa”.
Dice Hessel:
Dobbiamo badare tutti insieme che la nostra società resti una società di cui possiamo essere
fieri.
L’interesse generale deve prevalere sull'interesse particolare, l’equa distribuzione delle ricchezze create dal mondo del lavoro prevalere sul potere del denaro.
Movente della resistenza è l'indignazione.
La storia è fatta di shock successivi, è la messa in conto di sfide.
Il peggiore degli atteggiamenti è l’indifferenza, dire “io non posso niente, me ne infischio". Comportandovi così, perdete una delle componenti essenziali che ci fa essere uomini. Una delle componenti indispensabili: la facoltà di indignazione e l’impegno che ne è la diretta conseguenza.
Il futuro appartiene alla nonviolenza, alla conciliazione tra le culture differenti. È per questa via che l'umanità dovrà superare il suo prossimo traguardo.
Bisogna comprendere che la violenza volta le spalle alla speranza. Bisogna preferirle la speranza, la speranza della non-violenza. È la strada che dobbiamo imparare a seguire.
Creare è resistere. Resistere è creare.

viviana v., bologna Commentatore certificato 20.08.12 08:53| 
 |
Rispondi al commento

Furio Colombo sottolinea la vergogna di quanti in questi giorni hanno dichiarato che “non tocca ai giudici stabilire la politica industriale di un paese,” nel tentativo torbido di esautorare la sentenza sull’Ilva e di appoggiare un governo di corrotti, colluso con gli inquinatori, che tenta di sopravanzare il potere della Magistratura in una vicenda tragica che è costata 1300 morti.
C’è chi scrive addirittura che i pm invadono il campo del Governo, come se denunciare un medico assassino significasse invadere il campo della sanità!
La soperchieria di questa gente è intollerabile!
Un giudice vede un reato. Ne ha in mano le prove. Interviene. Sentenzia che il reato (la strage) deve essere interrotta e si deve mettere in tutela i superstiti.
Ma il Governo dà lo stop, dà ordini alla stampa, distorce l’informazione. Dichiara: “Fermi tutti! Questa è materia del Governo! Solo lui deve decidere! La sentenze della Magistratura devono essere stoppate!” Questa è una bestemmia!
Non bastava l’imbarazzante affermazione di Monti con la Merkel che c’era ‘troppo’ Parlamento! Dobbiamo anche sentir dire che “c’è troppa Magistratura”! Davvero il concetto di democrazia di Monti e del suo governo diventa ogni giorno più intollerabile. Non solo costoro sono a posti di comando saltando un turno elettorale, non rispettando le richieste degli elettori e in virtù di una svendita che alcuni partiti di vigliacchi hanno fatto della sovranità popolare, ma addirittura calpestano la divisione dei poteri che è la base di ogni democrazia e Monti, dopo aver annullato il parlamento con 36 voti alla fiducia, ora pretende di annullaer anche le sentenze dei giudici!
E oggi , come dice Colombo “Dobbiamo assistere allo scempio di una classe dirigente politica e tecnica che ha scelto di combattere non il pericolo ma chi il pericolo lo stava denunciando”.
Sempre tutto “senza se e senza ma”,vero Bersani e Casini??!!

viviana v., bologna Commentatore certificato 20.08.12 08:39| 
 |
Rispondi al commento

Beati coloro che hanno sete di giustizia perchè saranno saziati.....!

Esssssì!
Sti cazzoni di ciellini la "giustizia divina" la contemplano in quell'aureola che soltanto loro la possono "godere".....!

Prima credevano in un "nuovo miracolo italiano" propinatoci dall'"aspirante divino" ..... ora con Monti è diventata "Realtà divina".....!

Poveri cretini!

Mozart @ Commentatore certificato 20.08.12 08:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si può cominciare a cambiare il panorama con un solo fiore.

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 20.08.12 08:31| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=n5StQLCtRTM&feature=player_embedded

Quando la realtà supera i film di fantascienza. Benvenuti nell'era dei robot da guerra.

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 20.08.12 08:24| 
 |
Rispondi al commento

IFQ- Da Angelo Cannatà
Ieri l’Atene di Pericle, oggi una falsa democrazia
-Il nostro governo sostiene i molti invece dei pochi invece dei pochi per questo è detto democrazia
(da noi i tecnici hanno affossato la democrazia e i giornalisti, in luogo di dire la verità, si accodano al potere, creano accuse pretestuali, si piegano alla falsità e all’ipocrisia dei regnanti per interessi di bottega. Ostentano pulizia morale mentre oscurano la trattativa Stato-mafia. Montanelli diceva: “Conosco molti furfanti che fanno i moralisti ma non ho mai conosciuto un moralista che non fosse un furfante)

-Ci è stato insegnato a rispettare i magistrati e a non dimenticare mai di proteggere chi riceve l’offesa
(Ma Napolitano ha messo sotto accusa la procura di Palermo e i giornali scodinzolano per dargli ragione)
-Ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte la cui sanzione risiede solo nell’universale sentimento di ciò che è giusto
(ma Napolitano e Monti lo sanno cos’è l’universale sentimento di ciò che è giusto?)
Di Pertini Montanelli scrisse: “Non è necessario essere socialisti per amare Pertini. Qualunque cosa egli dica o faccia, odora di pulizia, di lealtà e di sincerità”
Potremo mai dire la stessa cosa di Monti o di Napolitano?
Potremmo giurare che Pertini le intercettazioni le avrebbe rese pubbliche per togliere ogni dubbio sulla sua onestà Costoro tenteranno di imbavagliarle scrivendo una delle peggiori pagine della nostra storia del diritto. Saranno esecrati in eterno per questo.


viviana v., bologna Commentatore certificato 20.08.12 08:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori