Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le banche italiane non si fidano


finlandia.jpg
"Le banche ITALIANE non si fidano degli italiani, perché dovrebbero fidarsi gli altri Paesi europei? Un imprenditore italiano, sempre stato solvente, nessun problema di ritardati pagamenti, pagato ordinatamente operai, contributi, tasse, tutto in regola da decenni.Se va in banca a chiedere un finanziamento, nel 90% dei casi riceve un gentile rifiuto "Sa, è un momentaccio per tutti". Le banche lo sanno che entro l'anno chiuderanno (preparatevi...) molti esercizi commerciali e imprese. Chi é vicino ai 60, tenta (tenta!) di vendere il negozio o il capannone. La banca lo sa che l'imprenditore non sarà in grado di pagare il mutuo ... non si vende e non ti pagano. Perché i finlandesi, invece, dovrebbero essere entusiasti di dare soldi a chi è sull'orlo del fallimento?". klaus k.

6 Ago 2012, 13:21 | Scrivi | Commenti (66) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ciao a tutti,
scusate se mi intrometto, ma ho avuto anch'io varie "vicessitudini" con le Banche e anche Equitalia.
Penso che la cosa migliore sia proprio di boicottare il sistema Bancario. Come?
Semplicemente non usando le banche, ma di affamarle, praticamente facendo girare soldi, affari, contributi e altro su altri sistemi diversi da quello bancario. Non ci vuole molto per capire che senza "polli" anche le banche schiatterebbero entro breve, e visto che questa porcheria di pseudo Comunità Europea è Banca Centrica, lo stesso risultato si otterrebbe su tutta la linea alleandosi con altri gruppi di altri paesi (vedi i nostri sfigati vicini di casa Spagnoli, Greci e altri ancora). La stessa cosa bisogna cominciare a farla con le multinazionali e con tutti gli altri sistemi che ci impongono stili di vita DEBITORIA . GRANDE Distribuzione, compagnie petrolifere, Multinazionali di ogni genere, fra cui quelle Farmaceutiche. Per ogni settore bisogna studiare una strategia di comportamento, divulgarla e metterla in atto.
Al pari dei Meetup devono crescere dei portali concentrati sulla divulgazione di queste strategie, autoalimentati e sopratutto autonomi e svincolati uno dall'altro. La finalità è sempre quella di riprendersi la nostra vita e le nostre famiglie.
Cosa ne pensate???

luca paolino 21.07.13 00:10| 
 |
Rispondi al commento

Il sistema educativo in Sicilia , purtroppo, è lontano anni luce da quello finlandese . Per far si che i miei figli svolgessero tutte la materie previste dal programma scolastico, ho dovuto lottare con le unghie e con i denti e non solo con il sistema, ma anche con molti genitori ottusi e servi del potere.

donatella g., siracusa Commentatore certificato 27.11.12 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Lui si chiama Antonio Di Pietro! Lui è uno di noi.

Lui parla la lingua della gente per bene di questo Paese. Lui sta dalla parte dei cittadini, dei pensionati, dei lavoratori, di coloro che campano a fatica con un stipendio da fame, di chi la vita se la suda davvero tutti i giorni e crede che - malgrado “loro” - un mondo migliore, un'Italia più giusta, equa e solidale sia ancora possibile! Lui è quello che quando va in televisione non ha peli sulla lingua e gliele canta “chiare e tonde” come farebbe un anziano che con una miseria di pensione deve pagare la badante più di quanto l’Inps riesca a dargli ogni mese, come farebbe un lavoratore dipendente che assieme allo stipendio ha visto impoverirsi diritti e aspettative, come farebbe un giovane laureato che se vuole lavorare deve sottostare a certi “compromessi”, come farebbe un onesto contribuente che paga fino all’ultimo centesimo di tasse pur sapendo che questo Stato non gli darà mai in cambio neppure uno straccio di welfare! Lui si chiama Antonio Di Pietro. Ma a ”loro” il suo dire non piace! Il suo pensare gli fa venire addirittura i brividi! “Loro” sono rimasti legati al "politichese" vecchia maniera e se non ti adegui, ti fanno fuori!
>>> VIENI ANCHE TU A DIRE LA TUA SU : http://freeskipper.blogspot.com

Free Skipper, Roma Commentatore certificato 10.08.12 11:30| 
 |
Rispondi al commento

NON DIFENDETE LE BANCHE; NON DIFENDETE MONTI; NON DIFENDETE QUESTO GOVERNO!!!!! NON FATE IL LORO GIOCO, ALTRIMENTI, SIETE,SIAMO FINITI!!!! BUONA VITA A TUTTI!!!

paolo r., Pontestura (Al) Commentatore certificato 09.08.12 23:41| 
 |
Rispondi al commento

L'italiani hanno chiesto in prestito alle banche e finanziarie 24 milioni d'euro per andare in vacanza...una media di circa 4100 euro....bene allora è giusto che la gente ci paghi interessi alti..tipo il 15-20%...visto e considerato che fare le vacanze con il "prestito" non è una necessità principale...
Quindi Banchieri...aumentate l'interessi così fate guadagnare anche i risparmiatori!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 09.08.12 11:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il fatto che la nostra civilissima società, sia basata sulle banche, non da adito a credere che sia il sistema migliore e più democratico! Bisognerebbe verificare accuratamente e in modo imparziale, i guadagni delle banche stesse, la banca è un negozio dove ti vendono denaro! Vuoi un euro? Bene ce lo paghi uno e cinquanta o due! Questo è ciò che succede quando chiedi un prestito o mutuo che sia? Perchè, se al mercato compero un chilo di mele, il venditore non mi chiede, quante mele ho in casa? Sarebbe assurdo, se le compero è perchè non ne ho! Allora,perchè qundo chiedo un mutuo, mi viene chiesto se ho dei soldi o garanzie? Chiaro che chiedo ciò che non ho! Il fatto è che le banche , vogliono lavorare sul sicuro senza rischiare o perlomeno rischiando il minimo! Credetemi il signoraggio bancario esiste, creato per dominare, non tutti i banchieri sono disonesti, vero,verissimo ma èil sistema che è nato per guadagnare il 100 per 100!!! Se sipensa che non sia da modificare, le cose rimarranno così, futuro non c'è!! Gli stipendi diminuiscono, come le pensioni i giovani non trovano lavoro,l'immigrazione non ha regole ,la giustizia è lenta non funziona, i politici pensano solo per loro , io non credo che così vada bene! Non credo assolutamente che l' euro sia stato creato per unire l'Europa,penso che sia l' unico modo per dividerla! Veramente compassionevole ciò che ci viene propinato dai mezzi di informazione!!Questo governo, ci uccide, dicendo che è l'unico modo per sopravvivere!!!Ma, ci pensate? Ci hanno indebitato e i debiti li fanno pagare a noi!!! Sento persone, che dicono:" non poteva fare diversamente ",che pena, che gran pena!!Ma chi vuoi votare? Più che loro ,sono esperti in amministrazione! Si è visto , eccome si èvisto!!!!! Un caro saluto,buona fortuna a tutti!!!

paolo r., Pontestura (Al) Commentatore certificato 08.08.12 23:24| 
 |
Rispondi al commento

Le banche non vogliono dare il colpo di grazia ai loro creditori,(non hanno nessun interesse ed è una rimessa e basta)purtroppo hanno sofferenze per 110 miliardi di euro...che sanno...ripeto!- che sanno che non recupereranno più!...ripeto..sono soldi persi!!!
L'isee finti sono lì...e lo dimostrano...e se veramente...dico veramente l'agenzia dell'entrate controllase ci sarebbero da vederne delle belle!sia per autonomi e non...!!
Cazzo il reddito lordo medio nazionale è di circa 21-24000 euro l'anno...quindi avere un netto mensile di 1300 euro con famiglia monoreddito di 3 persone e avere:
500-600 euro di mutuo/affitto;
200-300 euro rata auto/scooter;
avere 2 auto di media cilindrata;
spendere x luce acqua gas al mese 100 euro;
pagare un po' di condominio;
telefono/internet;
Mandare il figlio a scuola pagare la mensa,libri etc..
stimando una spesa di 400€ mensili in alimenti...come fanno?...ripeto la matematica non è un opinione!
Gli autonomi rappresentano un capitolo a parte...ma comunque non si può negare che in molti casi ci siano anomalie...tra reddito dichiarato e spese sostenute per la gestione dell'impresa...!
Anche in qui le banche hanno chiuso la stalla dopo che i buoi sono scappati!

roby f., Livorno Commentatore certificato 08.08.12 16:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

prima di tutto mia moglie ed io abbiamo avuto la fortuna di avere due lavori a tempo indeterminato, questo va detto.

Poi...
anni di pizze fatte in casa
anni senza ferie
anni con la stessa macchinina, sempre più acciaccata, mentre i vicini ti arrivano col Ford Kuga scintillante (e chissenefrega, aggiungo, mi basterebbe che la mia non fosse dal meccanico ogni 6 mesi...)
anni con i vestiti presi in saldo
anni con mobili Ikea
anni di affitto di un bilocale

ed ora, avendo il 50% della somma necessaria, 3 banche ci hanno già detto di si al mutuo. Rimangono solo da confrontare le condizioni

Purtroppo nei 10 anni precedenti, ED OGGI NE PAGHIAMO LE CONSEGUENZE, i soldi si sono dati alla ca22o di cane!

A tutti. Il 110% del valore. La casa vale 250? Ma si! periziamola 280!

Non è il comportamento sbagliato, era prima ad essere folle E questo comportamento insensato ha spinto ogni impresario o proprietario a pensare che il suo tugurio valesse 500 mila euro! E per questo due sposi di 30 anni non riscono a permettersi nemmeno un bilocale in seconda cintura a Torino

Non sono le banche a dover cambiare atteggiamento, è giusto quello attuale. Sono stronze perchè sbagliavano prima. Ed hanno causato un casino.
I due sposini non devono potersi indebitare per 30 anni per pagare (interessi compresi) un trilocale 350.000 euro... devono poter acquistare il trilocale ad un prezzo che non può più essere quello del 2006/2007/2008
le case (non quelle di pregio) sono sovraprezzate del 50%!

Poi, fatemi dire una cosa
Lavoro nel campo della contabilità... Nei bilanci dati alle banche per il rinnovo delle linee di fido, o per la richiesta di finanziamento, SI SCRIVE DI TUTTO
SONO CARTA STRACCIA

le banche, se facessero bene il loro lavoro, e se non chiudessero due occhi, non uno soltanto, dovrebbero ritirare i fidi al 90% delle imprese

Ma non scherziamo, dai! Ho visto su Topolino dei bilanci più trasparenti, dettagliati, e meno taroccati che nella realtà

Luis F 08.08.12 10:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.
A proposito di tasse,
Uno qualunque " 19 anni fa avemmo una bambina, e per colpa della mia malattia, mia moglie dovette andare a lavorare per darmi una mano ma dovette anche rinunciare all'università. A distanza di 19 anni, pagando le tasse tutti gli anni per non perdere la speranza di un sogno di ragazza, ha ricominciato a studiare nei ritagli di tempo (dalle 14:00 alle 15:30 e dalle 22:00 fino a quando non si addormenta). Ringrazio lo stato per essere così vicino a i suoi cittadini e agli studenti fuori corso."

stefano s. Commentatore certificato 08.08.12 10:25| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=6tHaNcb9xvQ

alessandro z., Bangkok Commentatore certificato 08.08.12 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Credo che il governo iraniano non è proprio un governo democratico. Ma per quanto riguarda i"banchieri", forse hanno fatto bene a condannarli, in più 4(quattro) sono stati condannati all'impiccagione.

http://www.mentereale.com/articoli/banchieri-in-iran-li-impiccano-in-europa-il-cul-gli-leccano

Se uno ruba in Iran, gli tagliano la mano, o condannano il ladro all'ergastolo(se non sbaglio).

Io, NON sono per la condanna a morte, ma questo dovrebbe essere un'indicazione per i "banchieri" di tutto il mondo.
Basterebbe solo accennarlo un qualche legge costituzionale.

Giuseppe D., Germany Commentatore certificato 08.08.12 08:40| 
 |
Rispondi al commento

[...]Le banche lo sanno che entro l'anno chiuderanno[...]

Fonti? I rating non sono positivi certo, ma un'affermazione del genere va argomentata e bene.

Non so se ci si rende minimamente conto delle potenziali ripercussioni...

Inoltre, mi chiedo se a firmare questo post non sia quella stessa persona che rispondendo ad un mio commento ha dimostrato di non sapere cosa sia il fiscal compact, quali vincoli comporti né che il vincolo del pareggio di bilancio è stato SCRITTO in costituzione.

Ai posteri l'ardua sentenza...

Ciro Di Matteo Commentatore certificato 08.08.12 08:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il denaro è un vettore per l'economia...serve un atteggiamento e un etica diversa con l'approccio del denaro..più attento è l'approccio e migliore sarà l'impiego del denaro stesso,più l'economia ne gioverà.
Tante volte parliamo della qualità delle cose o dei servizi...prendo ad esempio l'ultime esternazioni di marchionne in tema di concorrenza del mercato dell'auto, che ha coinvolto la WW..rea a suo dire di praticare sconti eccessivi...affermazione sciocca e stupida...in quanto il gruppo Tedesco paga di più i propri dipendenti e produce veicoli di ottimo pregio il cui prezzo medio non è assolutamente basso, rispetto ad altri Brand...eppure le auto le vende e registra ottimi incrementi?
Evidentemente in germania l'azionisti e le banche finanziano volentieri questa azienda perchè, pone un rispetto particolare per l?azionista le maestranze e il cliente che hanno diritto tutti a vedere valorizzato l'impiego del loro denaro!.
Se in Italia le Banche iniziasero a prestare soldi ad imprenditori di un certo spessore, allora la musica cambierebbe..!
L'investitori e le banche dovrebbero iniziare veramente a valutare a chi prestano i soldi tenendo conto:
1-Rapporti economici e sociali con i propri dipendenti;
2-know how;
3-qualità dei prodotti;
4-rispetto per l'ambiente;

roby f., Livorno Commentatore certificato 08.08.12 08:19| 
 |
Rispondi al commento


..MA ABOLIAMO LA POLITICA DEL PRESTITO PERCHE' E' DI FATTO, UNA FORMA SPECULATIVA SUL PROGRESSO EVOLUTIVO DELLA COMUNITA'ITALIANA E MONDIALE.


tutte balle!

i soldi ci sono ma è tutta una macchinazione elaborata a tavolino perché il denaro a stamparlo costa piu o meno come la carta igienica.

Quello che invece costa sono i beni di consumo e i servizi e ovviamente le materie prime e l'energia e i prodotti alimentari.

Siamo in grado di fare tutto e i soldi come pure la carta igienica sono il problema minore.

Il problema maggiore sono le nuove e impossibili regole che hanno creato questi politicanti di merda e questi economisti di merda.

Regole che sono state inserite nel cervello delle masse grazie ad un lavaggio del cervello che è cominciato circa 40 anni fa e del quale la sinistra intelletualoide sessantottina è il peggiore risultato.

bruno bassi 08.08.12 04:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi se voi avete bisogno noi siamo qua.

http://difendiamocidaequitalia.blogspot.it/2012/08/versamenti-diretti-e-ruolo-riscossione.html

Francesco P 08.08.12 01:50| 
 |
Rispondi al commento

Questo articolo mi sa anche di catastrofismo, l'altro ieri la banca mi ha chiamato per offrirmi dei soldi ......, ne faccio volentieri a meno (mia politica), però li hanno offerti ....
E non sapete quanto si sono incazzati al mio rifiuto :-))

Mauro Passadore 07.08.12 23:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hah, hah, hah!!! Perché tu che hai scritto l'articolo, ti fidi di loro?
Quelle che chiami banche io le definisco associazioni a delinquere di stampo mafioso, con tanto di benestare ottenuto dai loro caporali che stanno ancora a governo. E chi dice che non è vero, pensi solo ad una cosa: come mai la mafia, tanto riportata in troppi articoli, è ancora presente? Prova a far cadere il governo e vedrai come sparisce anche quella! Ormai quella mafia ibrida, si è instaurata anche in gran parte dell'Europa, anche al Parlamento Europeo, altrimenti certe cose MAI sarebbero state approvate, MAI avrebbero avuto luogo. La colpa? Sicuramente e primariamente dei cittadini che hanno tenuto ben strette le fette di salame sugli occhi, in nome di una "speranza" che è sempre l'ultima cosa a morire...
La catena è facile da vedere (se la si vuole vedere): ogni cosa va alle banche, e quelle fingono di non sapere... così è stato nel 1929 in USA e così è oggi ovunque, tranne che quella "macchia! si è espansa al globo intero, mettendo a rischio anche i paesi comunisti prima intoccabili, ma ora toccabilissimi. La Cina detiene "cambiali" USA; però se gli USA cadessero la Cina si troverebbe un sacco di carta straccia in mano...dunque: è meglio una guerra per avere indietro i soldi prestati, o un accomodamento carico di super vantaggi? Fatto l'inghippo chi prende il tutto? Le banche che devono "transare"...capisci come fanno girare la cosa?

SVEGLIATI che è TARDI! ;)

snowcat 07.08.12 22:00| 
 |
Rispondi al commento

Io mi chiedo: come devo fare per acquistare la mia prima casa? Siamo 2 infermieri, io e mia moglie che lavoriamo sui 3 turni in ospedale.. quindi il lavoro non ci manca.. le tasse le super paghiamo.. ma quando vado in banca a chiedere il mutuo per la prima casa nessuna me lo concede!! anche se siamo 2 correntisti abbiamo il nostro stipendio in banca!!! Ma senza un'anticipo.! la casa non si può comprare!!! Come faccio ad avere un anticipo se non riesco a mettere nessun soldo da parte!! del mio stipendio metà va allo stato e un quarto rimane a me! Di quel quarto che mi rimane devo mangiare, pagare un piccolo finanziamento e pagarci ancora l'affitto e altre tasse!! e se avevo i soldi mica andavo a chiedere il mutuo in banca!! Non ho nessuno che mi può aiutare e solo con le nostre forze è impossibile!!!
Poi le banche non solo ti chiedono il 200% di interessi sui soldi che ti danno ma vogliono anche che tu debba avere dei soldi liquidi per dargli anche quelli!!!
Lo sò che non è un periodo felice perchè ci sono un sacco di debiti da pagare da parte dell'Italia ma visto che siamo tutti figli Italiani io penso che in una famiglia: I genitori facciano i sacrifici per i figli non i figli!! e quando i genitori sistemano i figli poi sono contenti anche loro e hanno un sollievo anche finanziario perchè hanno reso i figli indipendenti!!!
Io ricordo quando era ancora in vita mio padre, che i sacrifici si facevano insieme, ma con la Lira si riusciva a fare un sacco di cose e non ci mancava mai niente!!!
non chiedo di tornare alla lira ma usare l'euro con criterio!!!!
I politici mangiavano loro ma facevano mangiare anche agli altri!!! Adesso stanno diventando ingordi e avari dei soldi!!!!
Spero che si risolva subito questa situazione perchè così si vive male!!!

Alessandro 07.08.12 21:08| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao,
Sono un ammiratore di questo blog, e votero' sicuramente il movimento a 5 stelle.
Pero' permettetemi di dirvi che sulle banche non e' proprio corretto dire che chiuderanno entro l'anno e che non erogano piu' finanziamenti.
Lavoro in banca (in una tra le principali) e credetemi che finanziamenti alle aziende si danno... E' ovvio che alcune aziende sono in difficoltà e pertanto non sono solvibili, pero' l'accesso al finanziamento non e' un tabu'....,
Concludo dicendo che in un posto di lavoro sono le persone che fanno la differenza.
Buona serata

Michele ., Torino Commentatore certificato 07.08.12 21:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le banche... Inizi anno 2001 ho trovato un appartamento, ancora in costruzione, adiacente alla nuova fiere di Rimini.. costo ₤.125.000.000 Mq.85. Il mutuo è stato rifiutato per due motivi: 1) Solo 7 anni di lavoro con contratto a tempo indeterminato. 2) L'importo supera i 100 milioni è occorre anche una firma di garanzia.
Luglio 2002, l'Euro è moneta corrente, gli stipendi mi arrivano in Euro. Trovo un'altra casa in un paesello nelle colline Romagnole, costo €. 100.000 (₤. 1.936,27* =₤. 193.627.000) Richiesta di mutuo accettata al 100% senza troppe pugnette.. Ho chiesto, allo stesso direttore, come mai il mutuo in euro è passato visto la differenza in lire.. La sua risposta è stata che la Banca di Risparmio di Forlì essendo ora Banca Intesa ha cambiato le "regole". Certo: un conto è iniziare a pagare un mutuo con una rata in Lire da 650.000 per 25 anni (pari a €. 335,00) è un conto pagare in euro un mutuo di €. 650,00 (pari a ₤. 1.258.000).... Per chi legge ed è Ragioniere ha già capito dove stà l'imbroglio bancario... Sapevano già tutto ed ora ci rimane solo da dire alle Banche e alla Banca Intesa... Vaffancullo...

Giorgio A., Borghi, (FC) Commentatore certificato 07.08.12 20:56| 
 |
Rispondi al commento

visto che le banche non si fidano più degli italiani, perché restano ancora in italia e non vanno nei paesi dove meritano il loro credito!
Certo dovranno rinunciare ai previlegi che godono nel nostro paese e al protettorato politico, ma non conviene
è meglio piangere nella nostra povera patria e godere al trove.
Alla fine gli italiani sapranno sopravvivere anche senza questl magnaccia, se mai rivolgendosi a qualche sportello anonimo della mafia!

silvio buttiglione 07.08.12 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Nonostante tutte le precauzioni adottate, i crediti in sofferenza delle banche sono aumentati.
Qualcuno ce l'ha un'idea di cosa succede se salta una GRANDE banca ? Coi soldi del fondo interbancario di tutela dei depositi ci facciamo l'acqua fresca. Vuol dire che i risparmi di una vita di milioni di persone vanno a rischio. E un sistema chiuso quello in cui con l'Euro ci siamo andati ad infilare.
A chi scrive questi articoli dico: se già sai che non potrai riavere i soldi indietro, TU I SOLDI TUOI PERCHE' NON GLIELI DAI ALL'IMPRENDITORE CHE LI VUOLE ? NESSUNO TI VIETA DI PRESTARLI. ANZI, DI DIRGLI ADDIO.
Se io avessi un centesimo in banca e sapessi che i MIEI soldi vengono dati in pratica A FONDO PERDUTO, il direttore lo prenderei per il collo.
La realtà è questa: RECESSIONE.
Per decenni ci hanno gonfiato le scatole per farci spendere più di quello che volevamo, farci comprare quantità incredibili di robaccia inutile doppione di quello che già avevamo ma era di un modello VECCHIO DI SEI MESI.
Adesso ci accorgiamo che un'auto NON dura due anni, ma ne può durare tranquillamente VENTI, e così si blocca l'industria dell'auto... e via dicendo.
Si creano perversioni del sistema domanda/offerta: la case avanzano, ma se ne vuoi una in affitto ti spellano vivo. E crollerà anche l'immobiliare.
Le macchine hanno cacciato fuori gli operai dalle fabbriche, e i contadini via dai campi: adesso che il terziario che li aveva provvisoriamente accolti si sta disintegrando, questa gente COSA FARA' ?
Per cui, cerchiamo di non spingere su certi discorsi con l'acceleratore delle fesserie.

franco G. 07.08.12 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Le banche italiane sono in una botte di ferro: qualche mazzetta o favore e tutti i politici fanno i salti mortali per salvarle dal fallimento (fallimento che gli stessi politici provocano quando spillando finanziamenti alle banche).

Il credito è monopolio delle banche: voi potete fare un mutuo o prestito come una banca?? praticamente NO
Le banche prestano i soldi come gli pare tanto possono farlo da posizione privilegiata da un punto di vista legislativo (ovvero in caso di insolvenza del debitore loro sono sempre più garantiti e agli altri le briciole).
Se non prestano soldi è perchè sanno che non c'è alcuna concorrenza possibile!
Le leggi sono cucite su misura per le banche.


Per non parlare poi della sovranità monetaria ceduta alla bce... (una ladrata di dimesioni enormi su cui tutti gli economisti tacciono in coro facendo finta di niente...)
La bce (privata) stampa soldi che presta a tassi bassissimi alle banche (private) e non agli stati.... è + onesto un falsario che almeno ammette di essere un delinquente....

Con tutte le porcate finanziarie che cercano di rifilare ai cittadini la sfiducia delle banche dovremmo rispedirla al mittente.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 07.08.12 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma signoraggio bancario o moneta debito.... la perdita della sovranita' monetaria ??? non so voi ma io sento un gran puzzo di bruciato. Roberto Patamia Roma

roberto patamia, roberto.p59@libero.it Commentatore certificato 07.08.12 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Dovremmo continuare a pagare le pensioni e i vitalizi a chi ci ha ridotto in questa situazione?
Su,a uno come Amato o Napolitano,500 euro al mese bastano e avanzano..
Vedrete che quando i Finlandesi vedranno una Camusso o un Gasparri per strada col piattino in mano,saranno felicissimi di ricominciare a prestarci tutto quello che vogliamo;ma sono sicuro che non ne avremo piu' bisogno.

VIAILADRIDALLOSTATO 07.08.12 18:36| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

noi però ci siamo fidati di loro quando ci hanno riempito di titoli spazzatura, derivati mutui capestro

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 07.08.12 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Le banche non prestano più i soldi...non raccontiamo però le mezze verità!...di norma le aziende e i privati devo portare i bilanci o i redditi alla direzione della banca, la quale valuta le condizioni economiche del cliente che richiede il finanziamento.
Ci sono norme specifiche emanate dalla Bancha D'italia che fissano questi criteri...io non sono ne dipendente della banca, però se mi venisse un cliente e mi chiede un prestito, il mio dovere sarebbe quello di valutare la solvibilità e il suo profilo di correntista.
Se viene uno e mi chiede di accendere un prestito per una macchina in 72 rata da 300 euro cadauna e mi presenta un reddito mensile netto di 1200 euro e ha già in essere un mutuo di 600 euro mensile, io dovrei dirli:...mi dispiace ma non li posso concedere il credito!....secondo voi chi è più stronzo....io che non li concedo il credito..o lui che me lo chiede?!
La Banca deve tutelare i risparmiatori...vorrei vedere se vi dicessero...la banca ha prestato i soldi a cazzo di cane..è fallita.. e ora voi risparmiatori v'arrangiate!...
Se si deve contestare una cosa alle banche è anche quella d'aver fatto indebitare con estrema facilità tanti italiani!! e ora vengono fuori i casini!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 07.08.12 17:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Saranno anche creativi, ma mi sa che devono essere Dio per poter riprodurre quelle scuole per una popolazione di 60.000.000 (Italia) di persone in 301.340 km² (superficie territorio italiano), visto che il loro modello funziona bene si, ma per una popolazione di 5.000.000 (Finlandia) di persone in 338.424,38 km² (superficie territorio finlandese).
è la stessa cosa che realizzare il sistema formativo per il doppio della popolazione di Roma in uno spazio pari a 300 volte la superficie della nostra capitale...ahhh ok quindi siete tutti bravi!non ci voleva un analista per intuirlo!!!
sarebbe meglio destinare i finanziamenti che riceve euronews dalla CE all'istruzione...

su cerchiamo di fare le persone serie...
bastano soluzione semplici in questo paese, ma devono essere praticabili e slegata dalle varie lobby con cui purtroppo attualmente facciamo i conti!!!

un saluto,
Geppe

Giuseppe Talarico 07.08.12 17:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Più che non si fidano degli italiani, penso che le banche preferiscono comprare il debito pubblico italiano.Le banche prendono i soldi dalla banca europea centrale o risparmiatori al 1% e comprano il debito italiano che con gli spread attuali (a loro convengono) guadagnano di più che dandoli a imprese e privati e con molti problemi in meno. Riguardo al sevizio sulla finlandia. Qualcuno ha pensato di formare una classe politica dirigente? magari seguendo un corso in finlandia...penso che non sarebbe una cattiva idea.

carlo f. Commentatore certificato 07.08.12 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Perche' nessuno ha piu' fiducia in noi?
I politici Italiani ci hanno spremuto fino all'inverosimile, senza risolvere alcun problema. Ora sanno che da noi non puo' arrivare alcun Euro, e quindi chiedono all'Europa di sostentare i loro vitalizi, le loro super pensioni, le loro auto blu, i loro privilegi. E lo fanno mostrando rigore e decisione nel tagliare lo Stato Sociale, la spesa pubblica, la sanita', l'universita', le pensioni...
Vendono noi per avere il prestito che gli consenta di perpetuare il loro tenore di vita, i loro super-privilegi, il loro potere.

Credetemi, finche' questi non ci daranno un Euro
1) noi saremo liberi;
2) loro imploderanno perche' anche i soldi per i loro sporchi privilegi finiranno.

Luca Scalia, Palermo Commentatore certificato 07.08.12 17:05| 
 |
Rispondi al commento

klaus k. si scaglia contro gli imprenditori italiani stessi, che poggiandosi troppo sul credito bancario, ora che esso é chiuso o ridotto al lumicino risultano debitori pericolosissimi, quasi sicuramente insolventi e perciò non meritevoli di credito e men che meno di aiuto statale. E questo fatto viene usato per giustificare lo stesso diniego operato dalle banche estere, nella fattispecie finlandesi.

Ora, qualcuno dovrebbe spiegargli che:
-questo post é uno dei più subdoli monumenti alla filosofia liberista che mai visti, filosofia che sta mettendo l'europa intera in ginocchio e che ha la sua bella firma in calce al contatore dei suicidi
-le banche italiane non prestano agli italiani debosciati, vero, ma perché ad esempio non prestano ai VIRTUOSI tedeschi? forse perché non prestano più a NESSUNO in europa, e preferiscono mettere i loro fondi in titoli di stato e nei depositi overnight della BCE a costo di RIMETTERCI soldi. questo perché l'europa INTERA é in bilico, non solo l'italia
-ora le banche finlandesi e tedesche non ci fan più credito? verissimo, perché temono la nostra insolvenza. C'é da capirli, visto che siamo quasi in default. Ma bisognerebbe anche ricordare che gli stessi signori han prestato a piene mani nei passati 10 anni, aumentando l'indebitamento privato italiano di 30 punti di pil. E han prestato negli anni in cui eravamo A DETTA DI ALCUNI più dissoluti e scialacquatori. come si spiega? ma é ovvio: han lucrato finché han potuto sulla nostra differenza di tasso d'interesse con le banche del centro europa, che tra parentesi é una delle due macrocause del fallimento dell'eurozona. Ma ora la festa é finita anche per loro, i soldi della periferia sono finiti.

claudio f., imola Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.08.12 16:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

Fino a quando i porci (PIIGS) facevano comodo, si prestavano piccioli per esportare i beni dal centro (virtuoso?) alla 'periferia' (a chi? Ma ce l'abbiamo ancora un briciolo di orgoglio nel sangue?) ed ora? E' tutta colpa dei 'fannulloni' meridionali (padani compresi) se le cose da loro non vanno bene. Eh no, belli miei, troppo comodo! Chi ha approfittato delle debolezze dei PIIGS? Quelli che oggi fanno i professori! Spieghino piuttosto i trucchetti con cui la Bundesbank compra bund sul mercato primario, in barba ad ogni accordo pregresso e la liquidità con cui si ingrassano con i fondi provenienti dal LTRO della BCE destinati ai PIIGS e rigirati ai 'virtuosi' del nord attraverso le filiali italiane di gruppi tedeschi che non ne avrebbero titolo. Il gioco delle tre carte prima o poi svela il trucco che c'è dietro cari vichinghi furbetti (altro che politici italiani, siete il peggio del peggio!). Se salta tutto saltate pure voi che siete esposti con i porci (PIIGS) e la salsiccia, alla fine, potrebbe essere indigesta..

Joe Perrino, Matera Commentatore certificato 07.08.12 16:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che strano questo paese, improvvisamente tutti sanno di tutto, capisco che in un paese dove si passa tranquillamente da prodi a berlusconi, per non andare ancora più indietro, tutti si sentono autorizzati a parlare di tutto, solo che poi, come mi ha insegnato pasolini - bisogna fare le giuste domande per avere le giuste risposte - se fai qualche domanda un pò più tecnica, giusto per capire il pulpito di chi parla, ci si rende conto della paurosa ignoranza che sommerge tutto e tutti e, sopratutto, la totale incomprensione delle variabili di stato, ognuno parla per sè senza mai un minimo di considerazione sociale.

carmelo meli 07.08.12 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Ma possibile che siano solo questi i post che vedo sul falso strapotere delle Banche? No...devo essere io che non seguo bene il Beppe degli ultimi 3 anni... Attendo di guardare meglio...scusatemi

Maurizio Sarlo 07.08.12 15:09| 
 |
Rispondi al commento

è pur vero che la Finlandia ha anche il numero più alto di suicidi giovanili...alla fine non è che stiano poi così bene...

Miki Fornasari Commentatore certificato 07.08.12 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Il video porta ad esempio il metodo educativo finlandese, ma non mi sembra che sia niente di innovativo rispetto al nostro Metodo Montessori (quella delle mille lire) che ha fatto scuola nel resto del mondo. Credo che in quasi tutti i campi dello scibile sia difficile trovare esempi fuori dall'Italia di cose fatte
meglio...sarebbe sufficiente rispolverare alcune esperienze molto positive italiane perse di vista... Don Bosco o Don Milani son stati altri eccezionali educatori e creatori di modelli educativi eccezionali!!

Claudio Tarsi 07.08.12 14:51| 
 |
Rispondi al commento

siete voi che non avete capito che un branco di politici si sono arricchiti a più non posso a discapito della collettività italiana di scuole ospedali assicurazioni e quant'altro a discapito del popolo che beotamente ascolta grillo o chissa che che possa cambiare in che? Guarda Lusi la sua mega villa? Berlù e i quaranta ladroni e le sue mega ville e barche da capogiro e le banche sono roba loro e cosa nostra e roba loro non si tocca niente. Il post va capito bene : tutti emigrazione di massa al più presto lasciamo la merda ai merdosi.

salò 07.08.12 14:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Innanzitutto mi spiace che un post di questo tipo che non ha capo ne coda e solo fini provocatori sia finito nei mini-post, pessima selezione.
Intanto bisogna dire che le Banche Italiane DA ANNI e non solo nell'ultimo periodo prestano soldi SOLO a chi ha grossi giri d'affari o solidissime garanzie, se andavi a chiedere un finanziamento 10 anni fa con un'idea da Milioni di Euro e non avevi garanzie non ti davan nemmeno le briciole, han sempre finanziato sul mattone e mai sulle idee (anche se sicuramente vincenti).
In questo momento (e basta chiedere ad un quadro non ai cassieri) le banche lavorano moltissimo, solo che lavorano sui mercati esteri, sui BRICS per intendersi e non lavorano più con l'Italia per colpa della politica rigorosa proposta proprio da Monti che ha portato alla recessione, quel rigore che tanto piace agli amici Krukki o dell'Europa del Nord in generale.
Quello di cui si dovrebbero preoccupare Tedeschi, Finlandesi ed affini è il fatto che si spacchi non tanto l'Euro, ma il mercato comune, perché se domani salta il banco e, finalmente, invece che una marionetta, va al Governo qualcuno con le palle che dica torniamo alla lira ipersvalutata (sacrificio per sacrificio) possono depennare dal loro bilancio la voce Export prima e PIL dopo.
A meno che questi signori, come probabile, abbiano già avuto la parola d'Onore del curatore fallimentare che lo "spezzatino Italia" se lo potranno comprare a prezzo di favore...

Donato Tobi () Commentatore certificato 07.08.12 14:21| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusa, ma cosa razzo c'entra il filmino proozionale sulla finlandia? Io la conosco la finlandia. Sono quattro gatti sparsi in mezzo a boschi pieni di zanzare. Mangiano patate e stufato di renna, da spararsi sugli alluci. Basta venire in friuli venezia giulia per trovare poca gente, con una buona scuola e un sacco di boschi, niente zanzare e almeno il vino buono, e che è regolarmente spremuta per finanziarie l'attività boschiva o meglio, i forestali siciliani e calabresi.

Alberto S., pordenone Commentatore certificato 07.08.12 13:48| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori