Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'IRAP ai tempi della crisi


tasse.jpg
"Faccio l'imprenditore nel settore turistico. Lo scorso anno la mia azienda ha chiuso con una perdita di esercizio di 33.000 euro. Con le riprese ( poste passive non deducibili ) siamo arrivati ad un utile fiscale di 2.000 euro. Su questo bilancio lo stato mi chiede di pagare 22.000 euro di IRAP. Dove li vado a prendere se non li ho prodotti?" Fabrizio Leggio

18 Ago 2012, 16:17 | Scrivi | Commenti (137) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

conosco imprenditori onesti e imprenditori disonesti, conosco anche dipendenti onesti e dipendenti disonesti....un mio zio rilevo praticamente a costo zero una azienda di circa 30 dipendenti in gravi difficoltà che operava in un settore in crisi, sobbarcandosi i debiti. Al momento del passaggio di proprietà parlò agli operai dicendo che non solo aveva pagato di tasca propria una buona parte dei debiti ma che aveva anche interessanti progetti per rilanciare l azienda e svilupparla nel giro di qualche anno chiedeva pazienza, fiducia e buona volontà pagando anche buona parte degli stipendi arretrati. Una settimana dopo gli arrivò richiesta di fallimento da parte del sindacato firmata da quasi tutti gli operai. Puntavano a far chiudere l azienda per entrare in cassa integrazione speciale della durata di 4 anni ( all epoca prevista per quel settore ) e ad eventuale scivoli per il prepensionamento......piu incazzato che disperato fece seguire gli operai che avevano fatto richiesta scoprendo che andavano a lavorare in nero in altre piccole aziende o in lavori come ristoranti etc....trovo quindi accordo con il loro avvocato licenziandoli ( cosi molti ottenero la cassa integrazione normale) ipotecando casa e vendendo la casa dei genitori, firmo 4 anni di cambiali e alla fine pagò tutto. Dopo 25 anni la ditta è ancora viva tirata avanti dalla figlia e lui dopo aver riscattato a fatica la casa si gode la sua pensione di 600 e rotti euro nel letto per via del parkinson. Mentre i suoi cari ed ex impiegati tribolano nelle loro seconde case in campagna o al mare dove all epoca investirono i loro poveri risparmi dati dal doppio lavoro in nero svolto dopo licenziamento o prepensionamento.....mi chiedo allora.....forse non siamo un po tutti delle merde???

Remo Breccia 20.08.12 11:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Diceva grillo :


da noi si fa la guerra alle mosche. Ai pollivendoli, ai fiorai, ai venditori di miele millefiori, agli agriturismi della Lombardia (già fatto), ai venditori di souvenir a Venezia e a Firenze (già fatto sul Ponte Vecchio), ai ristoranti fuori porta che non rilasciano lo scontrino.

Nel frattempo, mentre Rigor Montis è in guerra, le piccole e medie imprese aspettano circa centoventi miliardi di crediti dallo Stato, pagano le tasse più alte dell'Occidente (l'IRAP anche se l'azienda è in perdita), anticipano l'IVA senza spesso vedersi pagate le fatture.

A centinaia di migliaia falliscono e chi può fugge all'estero, dalla Slovenia, all'Austria, alla Croazia, alla Svizzera. Paesi dove le aziende pagheranno ogni centesimo di tasse con il sorriso sulle labbra in cambio di assistenza e servizi senza uno Stato di polizia fiscale che bussi alla loro porta come se fossero dei delinquenti.

Roberto B. Commentatore certificato 20.08.12 08:05| 
 |
Rispondi al commento

Quando nel 2002 è entrato in vigore l’euro, nel giro di un mese c’è stata una inflazione del 100%, ovvero 1000 lire = 1 euro, ma gli stipendi dei dipendenti sono rimasti sempre uguali. B. allora sostenuto come un Dio da imprenditori, professionisti e commercianti diceva alle parti sociali che il prezzo lo fa il “mercato”, non si poteva fare nulla. Noi paghiamo caro i politici ma è il mercato a guidare alla cieca, verso il baratro le nostre vite. Il prezzo delle case è raddoppiato, così come i prezzi delle principali merci di consumo e servizi, favoriti anche da un irresponsabile ricorso all’indebitamento che veniva favorito e pubblicizzato a 360° dalle banche (Pensavano veramente che questi debiti sarebbero stati pagati? O dove volevano arrivare?). Finita la liquidità delle Banche tutto si è fermato. I nodi sono venuti al pettine, ci si è resi conto di una percentuale di povertà crescente, cosa fino ad allora ignorata da chi con l’euro aveva guadagni raddoppiati e viveva nel lusso sfrenato (SUV A GOGO). La classe media, con stipendi da fame, incapace di pagare i debiti e massacrata dal precariato di B. e PD-L è diventata classe povera in un vortice che man mano sta risucchiando sempre più lavoratori e ora anche gli imprenditori (un anno fa credevano che la crisi fosse psicologica) che ora sono tutti grillini. TROPPO TARDI NO?

Stefano P 20.08.12 07:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti lavorano nel loro settore:per me serve maggiore aggregazione concertazione anche a livello professionale.

Renato Bellotti 19.08.12 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Al dipendente che sa tutto vorrei dire solo questo. Intanto non sparare a zero su chi fa impresa per proprio conto solo per il fatto che lo identifichi con quella figura che si arricchisce alle tue spalle.

Considera che potresti trovarti anche tu senza lavoro ed essere costretto ad aprire una P. IVA come libero professionista o con situazioni più strutturate.

Allora vedrai cosa signigfica fare i conti con le tasse da pagare su redditi presunti, con l'IVA da anticipare con i soldi che devi chiedere in banca, con i clienti che non pagano ed i fornitori alla porta.

Soprattutto vedrai che significa trovarsi nella situazione come quella descritta da Fabrizio.

A tutti i soloni che scrivono sentenze. Chiedo sono una cosa. Date una risposta a Fabrizio e a quanti si trovano nella sua situazione. Quando lo stato ti chiede soldi che non hai neanche incassato, dove li vai a prendere?

Se qualcuno oltre a porre questioni di principio o indicare occulti conti svizzeri (che pare siano prerogativa di ogni imprenditore che si rispetti) volesse rispondere nel merito, gliene sarei molto grato.

Savino Basta

savino basta 19.08.12 16:16| 
 |
Rispondi al commento

A chi ha scritto:
"odio gli imprenditori che si lamentano perché hanno votato Berlusconi e quindi è colpa loro"
Com'è, adesso solo gli imprenditori hanno votato berlusconi?
Allora come ha fatto a salite per 20 anni se gli imprenditori sono in netta minoranza rispetto agli operai.
Mentre per il tale che ha scritto:
"se non guadagni cosa fai l'imprenditore a fare?"
Sono imprenditore, non ho mai votato berlusconi, in questo periodo non sto guadagnando, sono in passivo e per andare avanti sto usando il fido bancario con una scopertura attuale di 15.000 euro.
Se non chiudo e tengo duro principalmente lo faccio per me e la mia famiglia, per tutti gli anni che ho dedicato alla mia azienda e per i miei due collaboratori che lavorano per me da 10 anni (uno ha un mutuo, l'altro ha due figli), ma per un'ignorante come te sicuramente non l'avrei fatto.

andrea 19.08.12 15:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo che molti commenti cominciano così: sono un dipendente...io credo che di questi passi presto non sarete più dipendenti in quanto disoccupati, così avrete l'opportunità di aprire una partita iva e scoprire i vantaggi di fare impresa in Italia!!

Patrizio C., Follonica Commentatore certificato 19.08.12 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Che commenti stupidi.
"se non guadagni cosa fai l'imprenditore a fare?"
Ma attacca il cervello. Se non ci fosse gente così tu potresti solo sperare di lavorare in posta.
"odio gli imprenditori che si lamentano perché hanno votato Berlusconi e quindi è colpa loro"
Ma il voto non è segreto? Ma cosa ne sai tu di chi ha votato cosa.... Conosco più operai, casalinghe e pensionati che l'hanno votato...io di certo no.
Anche qui dimostriamo solo che siamo un popolo ignorante...la colpa è sempre di qualcun altro, mai nostra.
Mai di quelli che non votano. Solo di quelli che hanno votato lo psiconano.
Questa era la scusa più diffusa a Norimberga.
Valiamo poco come paese e come popolo.
Si, la nostra politica oggi è veramente la giusta espressione della nostra democratica rappresentazione.

Marco 19.08.12 15:11| 
 |
Rispondi al commento

A tutti i lavoratori dipendenti che sparano giudizi a cazzo sugli imprenditori e,preciso,solo a quelli,dico.Pezzo d'asino,licenziati e corri a prendere una partita I.V.A,però fatti fare una colonscopia prima e dopo!!!!!!!!!!!!

mauro biale 19.08.12 15:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono veramente bravi. Spostano l'attenzione solo sull'evasione fiscale. Come se fosse solo colpa dell'evasione fiscale se l'Italia oggi è arrivata a questo punto. E dei centinaia di milioni di euro rubati? Io non pago la spazzatura e bussa subito alla porta di casa mia la signora equitalia. Loro, si dimettono e finisce là. È penoso vedere come in un periodo di crisi come questo non si sono degnati di ritoccare i loro stipendi. Monti dice: dobbiamo restare uniti. Si, restiamo uniti cosicchè loro possano continuare a mangiare, facciamo solo un altro piccolo sforzo così quando ci sarà una rivoluzione loro saranno così lontani dall'Italia, con i nostri soldi, a rifarsi una vita gloriosa, mentre noi staremo qui a massacrarci gli uni contro gli altri. E ci stanno riuscendo molto bene, ci stanno portando dove vogliono loro,basta leggere i commenti di questo blog, di come ci si insulta.
Quando dico ai miei amici che penso di lasciare l'Italia, tutti mi rispondono: e dove te ne vai? La crisi è ovunque. Ed io replico: dove si sta meno peggio, cioè ovunque.
Se sono fiero di essere italiano? No, per niente.

Rudi 19.08.12 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Non pagare niente che questi politici del ca..o vogliono i tuoi soldi per fare le loro vacanze. Fai una cosa prendi i tuoi soldi e goditi la tua famiglia che e '. Molto piu' importante dello stato ciao a tutti e Forzaovimento 5 stelle

Giuseppe sannino 19.08.12 14:16| 
 |
Rispondi al commento

bisognerebbe andarli a prendere sul conto di Tremonti e compagnia bella.

Simone Mar, Milazzo Commentatore certificato 19.08.12 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace, ma se non solo non hai guadagnato ma addirittura hai perso perchè cazzo fai l'imprenditore? Chiudi e cambia mestiere.

melchiorre rolandi, parma Commentatore certificato 19.08.12 13:37| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Abolizione del contante, questo eliminerebbe l'evasione permettendo di ridurre le aliquote e di eliminare alcune tasse. Chiaramente bisogna porre un limite alla spesa pubblica altrimenti se magnano tutto. Tutto il contrario di quello che ha fatto il nano negli ultimi 20 anni, ha permesso una evasione dilagante, e poi per essere sicuro di continuare ad avere consenso, ha aumentato la spesa pubblica, anche per effetto della corruzione ben presente nella compagine del centro-destra. Adesso pultroppo ci troviamo nel classico cul de sac, avendo un debito mostruoso, anche se si azzera l'evasione non si è sicuri che si possano ridurre le aliquote almeno nei primi anni.

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 19.08.12 13:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io ho sempre lavorato da dipendente pur avendo la firma come geometra. E' impossibile iniziare a lavorare come professionista nel nostro stato, tutto è fatto per tutelare chi professionista lo è già da 20-30 anni.
In ogni caso come dipendente ho perso un mucchio di soldi e non ho avuto mai nessuna tutela.
Lavoravo in uno studio e dopo 2 anni ho dovuto licenziarmi perchè non percepivo lo stipendio da 3 mesi, ho perso 3 mensilità, 14a e TFR. Tramite i sindacati ho fatto il processo e ora sono 3-4 anni che aspetto che il giudice riesca a pignorare qualcosa al mio ex capo, che risulta nullatenente ma gira con un auto da 80000 euro, mentre io lavoro come operaio per 900 euro.
Non ho pena e ne rispetto per gli imprenditori che piangono (se non i giovani), perchè loro hanno appoggiato B. per tutti questi anni nonostante questo abbia distrutto lo stato sociale, solo perchè non mandava i controlli fiscali.
Se ora io non prendo soldi e il mio debitore gira in audi RS6 è grazie alla giustizia costruita dal NANO con i vostri voti, la vostra arroganza, il vostro egoismo.
Non fate i BEN PENSANTI perchè date lavoro, il lavoro al giorno d'oggi è una forma legale di schiavitù. Voi avete distrutto l'anbiente, avete rovinato la nostra vita e le nostre famiglie, avete tolto ogni speranza a tutte le generazioni a venire. ESAME DI COSCENZA....

Stefano P 19.08.12 12:12| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

se le tasse sono basse ,tutti le pagherebbero,che senso ha rischiare per poco?ma quando sono altissime come da noi circa il 55 per cento ,e chiaro che chi puo evade,si paga molto è si hanno pochi servizi,ormai si paga tutto,a modena anche il parcheggio sotto casa,roba da matti,come puo pretendere la casta che il cittadino paghi?

ivano forcella, modena Commentatore certificato 19.08.12 12:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Faccio l'imprenditore nel settore edilizio. Lo scorso anno la mia azienda ha chiuso con una perdita di esercizio di 36.000 euro. Su questo bilancio lo stato mi chiede di pagare 4.000 euro di IRAP. C'è qualcosa che non va???"

maurizio colombo 19.08.12 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici ed amiche,
ABBATTIAMO LA DISOCCUPAZIONE ABOLENDO IL LIMITE AL NUMERO MASSIMO DI LICENZE RILASCIABILI E DI PROFESSIONISTI ABILITABILI IN ITALIA

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/08/abbattiamo-la-disoccupazione-abolendo-il-limite-al-numero-massimo-di-licenze-rilasciabili-e-di-profe.html

Marino MASTRANGELI, Cassino (FR) Commentatore certificato 19.08.12 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Votate questa proposta nel Forum nazionale del Movimento 5 Stelle...
E' molto importante...

Magari come luogo scegliamo la Sicilia, con lo slogan"Liberi dalla mafia e dagli incantesimi"

Condividete!!!! e votate.....

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/08/nuovo-woodstock-5-stelle.html


Tralasciamo per il momento di considerare tutte le ruberie e gli sprechi di cui è resposnsabile anche lo Stato, insieme alla partitocrazia, nel Nostro Paese.
Però in una Società civile, le tasse bisogna pagarle! E se alcuni ne pagano anche di salate è anche perchè moltissimi Cittadini non le pagano, e altri portano anche i loro denari nei paradisi fiscali...
Tra questi ultimi poi c' è anche chi ha la sfacciataggine di pretendere Scuole modello, ospedali che funzionano, strade sicure e qunt' altro, nel Nostro paese. Ma chi deve pagare tutti questi servizi? I soliti noti...
Credo cche non ci siano alternative all' introduzione della moneta elettronica per avere finalmente una giustizia fiscale (e anche sociale) nel nostro paese.

Lux Luci 19.08.12 09:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Ecco la solita solfa: io dipendente pago ogni mese e quindi non evado, tu libero professionista fai come ti pare e non paghi. Cesare inventò il Dividi e impera, i cesari odierni lo sfruttano al massimo. Tu che sei dipendente dovresti essere incazzato nero nel vedere quanto ti prelevano dalla busta paga tanto quanto il libero professionista che il 20 agosto va a pagare un botto di tasse e affini. Avete dimenticato che l'unità fa' la forza? Svejaaaaaaaaa!
Allons enfants d'la Patrie............."

IO RISPONDO:

CARI IMPRENDITORI, l'unità la tirate fuori quando siete nella merda tanto quanto gli operai, prima eravate pappa e ciccia con le stesse persone che ora detestate, e non battevate ciglio quando introducevano contratti di lavoro che a voi convenivano mentre a noi operai ci riducevano a delle merde!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Perciò ora, miei cari imprenditore arrangiatevi, come abbiamo sempre fatto noi.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.08.12 01:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

su questo sito leggo spesso le storie di lavoratori autonomi che pur pagando tutte le tasse dovute, poi si vedono arrivare cartelle esattoriali da equitalia di migliaia di euro per non essere congrui agli studi di settore. è mai possibile che una persone deve lavorare 6 mesi all'anno per pagare le tasse, e poi si ritrova pure in galera? che schifo di sistema è questo? mi sembra che ci sia la volontà di stroncare la piccola media impresa... ma a beneficio di chi/cosa? ripeto, pagare il 50% di tasse (a volte di più) e poi ritrovarsi con le minacce di equitalia per non aver guadagnato le cifre volute dagli studi di settore, mi sembra una delle bestialità peggiori mai perpetrate. BASTA!

Filolao Orofino 19.08.12 00:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Fabrizio, pur non essendo un imprenditore...
comprendo e conosco molto bene il tipo di situazione in cui ti trovi,situazione che oggi sono
in tanti a viverla,quei tanti che vengono lasciati
soli,! spesso umiliati proprio da chi dovrebbe invece dare una mano; quelli che credono ancora di
essere intoccabili, immuni solo perché ancora
percepiscono uno stipendio,ancora aspettano "l'eroe" che condurrà l'Italia fuori dalla crisi.
Questi sono i più pericolosi di tutti,vivono
nutrendosi del vomito dei media e sosterranno ancora "i soliti"!!cosi potranno continuare a "sopravvivere"
miseramente e senza dignità come hanno sempre fatto.
Ti posso solo dire di non mollare e tenere duro
perché sta volta non sei completamente solo.

yuva m., mantova Commentatore certificato 19.08.12 00:38| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non hai chiesto al tuo commercialista di metterlo nel badget dei costi ad inizio anno?. Lui lo sapeva.

Lanfranco Prosperini 19.08.12 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Fatti consigliare da Dalema che sa cosa vuol dire rischio d'impresa.

Elia Porto 19.08.12 00:04| 
 |
Rispondi al commento

Imprenditore.
Sono un dipendente.
I soldi li vuoi da me ?

Ma va affanculo.

Filippo Ritto 18.08.12 23:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://difendiamocidaequitalia.blogspot.it/2012/08/evadere-le-tasse-e-una-cosa-bellissima.html

TIè

Francesco P 18.08.12 22:33| 
 |
Rispondi al commento

e si ,chi ha iniziato un attività negli ultimi 10 anni è nei guai-ma chi è vecchio di mestiere?
si è beccato 30 anni di condoni fiscali,tassazione autonoma piu bassa d europa,assenza di controlli,collaboratori in nero,norme di sicurezza e ambientali inesistenti,denunce dei redditi da morti di fame,hanno avuto accesso a servizi come sanità e istruzzione gratis,però hanno aquistato case a mogli e figli senza che questi avessero mai lavorato,suv,mercedes,ferie costose,speculazioni immobiliari ,amanti,escort di lusso,la csa al mare,la villa in montagna il locale commerciale,e adesso vi lamentate?ma di chè-pagate, altrimenti chiudete e andate a fare in culo-chi ve lo ha chiesto di aprire un attività-il paese è letteralmente fallito,poichè avete votato per 20 anni un manipolo di disgraziati ladroni proprio come voi,e adesso siamo belli e che spacciati- a questo aggiungiamoci un 50% degli statali che non servono a niente e il gioco e fatto-


il sistema è completamente fucked up, a partire dal fatto che il commercialista doveva "prevederlo" ed "evitarlo", questo non giustifica il paradosso che l'impresa sia destinata a fallire o al meglio contrarre debiti per far fronte all'irap... l'imposta sul reddito che non c'è (e se c'è te lo levo)

giuseppe 18.08.12 21:48| 
 |
Rispondi al commento

fatteli prestare da Don Luigi Bersani,lui ne prende tanti..sai,per la protezione!!! se avevi ancora l' azienda,mi avresti assunto??

Mimmo G., cardito (NA) Commentatore certificato 18.08.12 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Caro amico, questo Stato tiranno non merita il nostro operato. Ci tratta come sudditi, non come cittadini.

Per mantenere i boiardi di Stato prosciuga l'onesto cittadino che lavora.

Confido nel movimento 5 stelle e nelle poche persone oneste che sono rimaste, ma ormai siamo alla frutta.

Diego Boscaro 18.08.12 21:24| 
 |
Rispondi al commento

Ma nelle sezioni dei Partiti presenti in tutte le città d'Italia, non c'è anche una - magari piccola - cassaforte?

Giusto per fare una battuta, eh! Mica per incitare a delinquere: a quello ci pensa già abbastanza lo Stato...

Alberto Rizzi

Roberto2 Rizzi Commentatore certificato 18.08.12 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Mi sento avvilito. Da un po' di tempo, leggo dei post che non sono altro che lo sfogo di persone contro altre persone, con volgarità, attacchi personali, botta e risposta. Chi, imprenditore, se la prende con i dipendenti "parassiti", chi dipendente, se la prende con l'imprenditore "evasore" e così via. Ma vi rendete conto che siamo tutti, dico tutti, sulla stessa barca, che fa acqua da tutte le parti ? Perché non la smettiamo di darci addosso, cosa che agevola enormemente chi sulle divisioni basa il suo potere, e non ci accordiamo su dei punti di accordo, sui quali costruire poi un'azione concreta ? Ci sarà sempre chi la pensa diversamente, quindi finiamola di voler convincere gli altri della validità di un'idea: facciamo meno fatica se mettiamo assieme chi l'idea la condivide, poi ci contiamo e, se siamo in tanti, cerchiamo di farla valere. Gli altri, quelli che non la pensano come noi, saranno l'opposizione, così funziona. Il tempo stringe, uniamoci e facciamo qualcosa di concreto: attaccarci sul blog in questo modo, sembra di assistere ad una gara a chi riesce a mettere in difficoltà gli altri, non a chi ha proposte sensate. E ancora, se mi è permesso, ai vari imprenditori: inutile cercare sul blog comprensione e solidarietà per casi isolati di richieste abnormi di tasse e balzelli. Salterà sempre fuori qualcuno che, non avendo provato a lavorare in proprio, suggerirà di prelevare i soldi dai fondi neri accumulati, fare un secondo lavoro, ecc. Vale la pena di scrivere per leggere poi queste stupidaggini ? I problemi personali, in assenza di regole approvate, si risolvono da soli, secondo coscienza e carattere, prendendosi i rischi della scelta, senza cercare approvazione. Meglio schierarsi con chi, come il M5S, propone soluzioni per tutti. Il caso singolo automaticamente verrà risolto. Impegnamoci per cambiare le regole, proponendo soluzioni, forti delle nostre esperienze personali.

Giuliano D'Ambrosi 18.08.12 20:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quella dell'IRAP è stata una scelta infelice. L'IRAP quando fu istituita accorpò anche i contributi sanitari per i dipendenti. Questa fu una scelta sbagliata, bisognava lasciare cosi com'erano i contributi sanitari per i dipendenti, che in tutto il mondo sono pagati dalle aziende. In alcuni paesi come gli USA sono pagati ad assicurazioni private, ma in Italia, che è il paese dei Riva, questa soluzione non è praticabile, in quanto molti resterebbero senza assistenza sanitaria.
A mio giudizio bisogna separare la componente dei contributi sanitari dal resto. I contributi sanitari vanno pagati, ovviamente a prescindere dal reddito dell'azienda, come i contributi previdenziali; mentre la restante parte andrebbe legata al reddito d'azienda o azzerata, in quanto accorpava tasse e tasserelle francamente vessatorie.

Francesco Vitale 18.08.12 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Dove li vai a prendere i soldi' Suicidati! Ne ho piene le palle di gente che si lamenta, io sono disoccupato, ho 45 anni e la mia vita è ferma al palo. Niente donna, niente figli, sopravvivo grazie alla pensione di mio padre, e la mia vita è questa, con alti e bassi, da 20 anni. Questi bastardi di politici e mafiosi mi hanno rubato la vita, quando ero nella merda io, gli altri stavano bene e mi hanno lasciato nella merda, ora ci state entrando anche voi, nella merda, bè, che vi lamentate a fare? O ci si ribella, o IN-DER-COOLER!

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 18.08.12 19:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stiamo raschiando il barile ...resettare è un obbligo di tutti non abbiamo governo capace di far quadrare i conti è il loro mestiere che dal dopo guerra va fatto in maniera sporca contro producente per i cittadini ma a favore di coloro che appoggiano governo e banche. RESETTARE

sal 18.08.12 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono dimenticato il link, eccolo Fabrizio

http://www.beppegrillo.it/2012/08/la_crisi_e_uno.html

Martino G. Commentatore certificato 18.08.12 19:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi rivolgo a questi "signori" se così si possono definire,che con la loro sete di denaro e potere, hanno rubato la vita a centinaia se non migliaia di persone con l'inquinamento selvaggio,bene,io vi dico solo questo,CHE DIO VI PUNISCA PER LA VOSTRA CATTIVERIA,qui sulla terra operate con malvagità e cattiveria,ma sappiate che dovrete darne conto a Dio di tutte le vostre azioni,quando vi troverete ad essere giudicati non ci saranno soldi potere o quant'altro che vi potranno aiutare,il castigo per voi sarà la perdizione eterna,con sofferenze moltiplicate per un numero incalcolabile di volte rispetto a quelle che avete causato,questo sarà per voi il giudizio finale,nel frattempo noi oltre che pregare,per tutte quelle povere persone che per portare a casa uno stipendio da sopravvivenza, si sono ammalate irrimediabilmente,quello che noi possiamo fare oggi e sostenere con forza il (Movimento Cinque Stelle)unica alternativa e speranza per questo nostro paese agonizzante.
Un abbraccio a tutti gli amici del M5S.

Michele Magrone 18.08.12 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Fabrizio, ti consiglio di vedere cosa dice U. marco Calì: rifletti su ciò che dice, non fare come il gregge che ha visto il video e mette commenti tanto perché hanno la tastiera sottomano. Potresti avere la soluzione

Martino G. Commentatore certificato 18.08.12 19:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Evasione.
L'evasione è un fenomento illegale e immorale, e quindi va combattuta. Ma la ragione per la quale siamo in una crisi epocale dei conti pubblici è un'altra.Facciamo due conti con la storia.
Andiamo indietro al 1980. Nel 1980 c'erano molti meno controlli fiscali di adesso, e molte più attività di oggi erano per così dire "informali". La tassazione era al 30%.
Veniamo ad oggi 2012. Le tasse sono al 48%. C'è in proporzione meno evasione oggi di quella del 1980, e molti, molti più controlli. Eppure, nonostante le tasse siano letteralmente esplose, ci troviamo con un debito pubblico al 127% del PIL. Questo perché? Perché nonostante decenni di gettito fiscale in continua ascesa, che è cresciuto anno dopo anno MOLTO più rapidamente dell'economia, le SPESE sono cresciute ancora più velocemente.
Quindi il nostro problema non è sul fronte delle entrate (in crescita da sempre), bensì su quello delle uscite. Anche in questi tempi di crisi, la spesa pubblica continua a crescere.
Anche se dessimo TUTTO quello che abbiamo a questo stato, per questo stato non sarà mai abbastanza.

Roberto Orsi 18.08.12 19:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io ho una bella proposta x eliminare del tutto l'evasione fiscale basta eliminare il contante e far pagare tutto con bancomat e risolvi tutto :)

demis borghetti, brescia Commentatore certificato 18.08.12 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Come ho detto qualche tempo fa' ,l'evasione puo' essere eliminata quasi del tutto, se qualsiasi tipo di spesa sostenuta potesse essere scaricato dalla dicharazione dei redditi anche
un cappuccino e una brioche.

Sabrino Di Renzo, Gradara Commentatore certificato 18.08.12 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Ecco la solita solfa: io dipendente pago ogni mese e quindi non evado, tu libero professionista fai come ti pare e non paghi. Cesare inventò il Dividi e impera, i cesari odierni lo sfruttano al massimo. Tu che sei dipendente dovresti essere incazzato nero nel vedere quanto ti prelevano dalla busta paga tanto quanto il libero professionista che il 20 agosto va a pagare un botto di tasse e affini. Avete dimenticato che l'unità fa' la forza? Svejaaaaaaaaa!
Allons enfants d'la Patrie.............

ilbob Cinquantotto Commentatore certificato 18.08.12 19:03| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

intesta tutti i tuoi averi ad altri e mandali a fare in culo e chiudi l'azienda quando non ce ne sarà più neanche una aperta e riceveranno le visite del popolo si accorgeranno che se sono incapaci di amministrare uno stato dovevano andare a zappare la terra

mario fresi 18.08.12 18:43| 
 |
Rispondi al commento

io conoscevo un padroncino (piccolo imprenditore) che diceva che siccome lui lavorava tanto poteva permettersi pure di evadere...!!!! chi ha orecchi per intendere !!!!!! senz'altro esistono casi nei quali molti imprenditori sono in difficoltà ma stiamo attenti a chi crede che le cose vadano male solo ...per colpa degli gli statali... come ho letto in uno dei commenti...... voi del m5s come vi denominate , dovreste essere il futuro e se il futuro si restringe nella lotta di classe , fra l'altro medio bassa .. è meglio che torniate da dove siete venuti!!!!!

enrico fiorini 18.08.12 18:42| 
 |
Rispondi al commento

io ho un albergo da un anno costruito di sana pianta.terreno comprato con la liquidazine di mio padre (operaio) e adesso per 20 ho un mutuo fondiario.per fortuna anche se c'è crisi riesco a lavorare con gli stranieri grazie alla professionalità.sento dire da molti che la colpa della situazione dell'italia è degli imprenditori che evadono,è vero ma bisogna saper distinguere tra imprenditori e imprenditori.gli imprenditori degli anni passati(30 40 anni fa)hanno portato l'italia così perchè non c'era controllo e adesso noi giovani ne paghiamo le conseguenze!!!!!!gente che non ha mai pagato e adesso si ritrova catene di hotel,appartamenti,ville e denaro nascosto e io devo pagare un mucchio di tasse grazie a loro!!!!!do lavoro a 10 persone che senza di me sarebbero a spasso e non mi piace sentirmi tirato in mezzo sull'evasione.gli studi di settore sono un modo legale dello stato per farti tirare fuori più tasse possibili!!!!!!!

francesco goledi, la spezia Commentatore certificato 18.08.12 18:40| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pazzesco. Siamo messi peggio che nel medioevo. In questo modo le aziende chiuderanno tutte e ricomincerà un ondata di immigrazione verso il nord europa.L'Italia ha sempre avuto la sfortuna di essere governata da incompetenti di professione.Peccato, questo paese potrebbe essere uno dei più abbienti e prosperosi del mondo. Quando il M5S sarà al governo, avrà tantissimo lavoro per risanare questo paese. Prima cosa da fare, cacciare questi delinquenti della politica nostrana.

Flavio P., Brescia Commentatore certificato 18.08.12 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembrano discorsi settari: ma se uno dichiara esattamente quanto guadagna perché dovrebbe pagare su un importo che non ha percepito?
E' evasione fiscale questa o semplicemente impossibilità di pagare cifre che non sono dovute e non si hanno?
Gli studi di settore, sui quali vengono calcolati gli importi presunti, sono formulati in maniera troppo generica e spesso non si capisce a quali dei pochi parametri inseriti fanno riferimento: un anno il mio con 10 scanner era congruo con 1 no!
Che vengano a vedere come vivo e si fà presto a vedere se uno frega il fisco o no.

SUSANNA VIVIANI 18.08.12 18:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Li prendi dai soldi che hai messo in svizzera gli anni precedenti!!!

Gian Lorenzo Molinari, Busalla Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.08.12 18:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

qualche imbecille ha detto di prendere i soldi quelli che ha guadagnato prima sicuramente questo imbecille è uno statale o altro diversamente saprebbe che una azienda deve guadagnare e che tutti i mesi deve dare lo stipendio ai suoi collaboratori diversamente imbecille tu che lavori per lo stato o altro te li danno dopo aver depredato il vero lavoratore non il parassita come te

giancarlo felcetti, perugia Commentatore certificato 18.08.12 18:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

ATTENTI RAGAZZI, il potere userà qualsiasi mezzo per contrastare il consenso al M5S, e questo tipo di contrapposizione (Peraltro storica) tra autonomi e dipendenti è uno di questo. Tanto più che siamo noi stessi ad offrirgliela su di un piatto d'argento.

Un chiarissimo segnale lo abbiamo avuto ieri con il discorso di Monti.

Non cediamo al loro gioco, ormai vecchio come il mondo, i veri nemici sono LORO non ci facciamo distrarre da questi giochetti che ormai conosciamo benissimo.

Nei prossimi mesi sentiremo ancora, e sempre di più, parlare dell'evasore che ha rovinato l'Italia

CADERE SU QUESTO ARGOMENTO SAREBBE DA IDIOTI E NOI NON LO SIAMO!!!!!!!!lo dovranno capire prima o poi.

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

rocco cardamone 18.08.12 18:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

beh! una soluzione ci sarebbe: fonda un partito e si mette in politica

maurizio sodano 18.08.12 18:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso che come ci sia la possibilità di evadere ci sia pure la possibilità di pagare il giusto.
Correggetemi se sbaglio.
Per Paul Galesco che cercava un posto in albergo senza trovarlo non so in che periodo lo ha cercato per esempio a Rimini alberghi al 50% di posti liberi e 120 alberghi chiusi per poche prenotazioni, io ci lavoro con gli alberghi quindi non per sentito dire.

ciccio da rimini 18.08.12 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Sei fortunato che te li chiede adesso io (da dipendente precario con contratto in scadenza a fine settembre) invece ho dovuto anticipare in busta paga quelli del prossimo anno, cioè meno 500 euro questo mese... dovrò andare a lavorare a piedi per questo mese!

ilMartello i., padova Commentatore certificato 18.08.12 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Gli studi di settore sono uno strumento che il Fisco utilizza per rilevare i parametri fondamentali di liberi professionisti, lavoratori autonomi e imprese.

La parte principale consiste nella raccolta sistematica dei dati che caratterizzano l'attività e il contesto economico in cui opera l'impresa, allo scopo di valutare la sua capacità reale di produrre reddito e sono impiegati per l'accertamento induttivo degli esercenti arti e professioni e imprese.

L'introduzione degli studi di settore in Italia è iniziata il 30 agosto 1993[1] e si è di anno in anno arricchita di nuove tabelle relative alla grande maggioranza dei settori di attività. Per consentire ai contribuenti e ai consulenti fiscali di gestire la varietà e la complessità dei dati richiesti per ciascun tipo di studio di settore, ogni anno viene messa a disposizione una procedura software, chiamata Gerico.

Numerose sono le analisi sulle varie opzioni relative all'applicazione, all'adeguamento e agli accertamenti derivanti dagli studi di settore[2], così come le contestazioni e il contenzioso tributario derivante dalla loro applicazione. [3] (sono norme nate per causa dell'evasione fiscale ma sappiamo tutti ormai che i veri ladri vincono sempre e chi lavora no.BUONA FORTUNA FABRIZIO.

GIUSEPPE GA 18.08.12 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Non lo so, anche io sono a partita iva e pago più di quanto guadagno. Sparargli a quei coglioni non si può, mi metterebbero in galera, ma fargli una "makumba", questo lo posso fare...Maledetti!...

carlo 18.08.12 17:40| 
 |
Rispondi al commento

questo è il motivo per cui tutto il sistema di tassazione va rivisto in funzione della CAPACITA' CONTRIBUTIVA!! Se una persona giuridica o fisica non ha capacità contributiva la tassa è iniqua e dannosa!!!

mario mario Commentatore certificato 18.08.12 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Ho fatto un gioco questa estate , ho cominciato da inizio giugno a telefonare a tutti gli hotel alberghi bed and breakfast ecc ecc. Risultato ?? Non ho trovato neanche uno scantinato libero allora mi chiedo di che che cosa si lamenta il signore ? Per dare fiato alla bocca ? Come quelli che piangevano miseria durante l'anno con sta storia della crisi e poi sono in vacanza da settimane ?allora la finiamo di piangere e fottere ?

Paul Galesco 18.08.12 17:24| 
 
  • Currently 3.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui non è questione di guerra tra poveri, qui è questione di furbi che non hanno esitato nello speculare sui doveri di tutti.
Gianni ha fatto una affermazione condivisa da moltissima gente, forse generica, ma comunque reale.

La questione è sempre la stessa... vedi quello che possiedi e fai il confronto con quello che hai denunciato al fisco...

Caro Fabrizio, visto che non puoi pagare chiedi al fisco di farti un controllo patrimoniale, così metti a tacere ogni sua prestesa.


claudio g., modena Commentatore certificato 18.08.12 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi domando cosa si può fare per non essere governati da persone incapaci. Liberiamoci!

Salvatore Cardinale 18.08.12 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Gianni credo tu non abbia mai fatto in vita tua un lavoro senza che qualcuno ti agasse lo stipendio quindi parla di cio' che conosci ed eviti di generare guerre tra poveri su cose che evidentemente non conosci minimamente. Approfondisci prima di scrivere disinformazione.

Marco 18.08.12 16:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

prendili da quelli che hai guadagnato quando te ne hanno chiesti di meno del dovuto

gianni 18.08.12 16:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

STRAPPATO IL MICROFONO DI MANO! ECCO COSA SUCCEDE A UNO DEI POCHI GIORNALISTI CHE CERCANO DI FARE IL LORO MESTIERE CON COSCIENZA PONENDO DOMENDE SCOMODE AL PATRON DELL'ILVA!!

TARANTO - L'ILVA produce acciao. Produce anche debito pubblico e cadaveri. Non paga l'Iva da 15 anni, ha ucciso 180 persone direttamente, ne ha messi 8 mila sulla sedia a rotelle e l'inquinamento che produce, per cui Emilio Riva - il re dell'acciao - è già stato condannato, è il principale responsabile di circa 20 mila morti di cancro e leucemia.

Raggiunto da un giornalista che gli chiede conto di tutte le morti di Taranto, Riva farfuglia, chiama rinforzi e poi dice "i morti ve li siete inventati". aRCHINA', UFFICIO STAMPA E LONGA MANUS DELLA PROPRIETA' strappa di mano il microfono al giornalista e se lo porta via. Dopo il diritto alla vita, forse l'ILVA vorrebbe anche requisire ai suoi concittadini la libertà di parola e magari anche quella di pensiero.

Sosteniamo uno dei pochi giornalisti coraggiosi di questo paese. Amplifichiamo il segnale di quel microfono strappato. In rete, questo gesto equivale a una condanna. E scopriranno che le condanne, almeno qui, si pagano.
Uno scandalo all'italiana condito dalla politca corrotta e dalle aziende che inquinano la terra, il mare e l'aria che respiriamo provocando morti anche tra i bambini.

fabrizio d., roma Commentatore certificato 18.08.12 16:32| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori