Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Segnato a vita


marchiatura.jpg
"L'agenzia delle entrate mi ha chiesto 30.000 eurini perchè secondo loro ho dichiarato meno di quello che dice lo studio di settore. Mi devono però spiegare dove vado a prenderli sti soldi se nella realtà io non li ho guadagnati. Ora sono segnato a vita, non posso più avere nulla intestato altrimenti me lo portano via. Dimenticavo, se voglio fare ricorso mi chiedono di pagare prima 10.000 euro!" Andrea in nero

23 Ago 2012, 11:35 | Scrivi | Commenti (133) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Il costo della vita non è più commisurato agli stipendi in questo paese. Segnalo un interessantissimo articolo che parla del costo della vita in ogni paese del mondo
http://www.ilmioeden.it/quanto-si-spende-per-vivere-in-ogni-paese-del-mondo/
Non mancano le sorprese..

Roberto Stanzani 11.11.13 15:21| 
 |
Rispondi al commento

PROFESSORE DI LICEO - a riposo

cerca lavoro in libreria in AREZZO città ovvero attività culturale equivalente.
La pensione Inpdap non è sufficiente per sopperire a voracità del padrone di casa d'affitto, alle bollete utenze sempre più salate ed al costo della vita in crescendo.
Referenze: mai condanna penale nè carcere.

3387934641
italo.marsicovetere@gmail.com
**
DOTT. ITALO MARSICOVETERE
Via Pescaiola, 8
[strada vicinale del Vingone]
Arezzo

Dott. ITALO MARSICOVETERE, AREZZO Commentatore certificato 26.08.12 22:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono stato un artigiano per 15 anni e, l'anno scorso a fine settembre ho dovuto chiudere. Ho avuto la fortuna di ricevere una offerta di lavoro all'estero ed ho accettato ... Pur sapendo che sarebbe stata un avventura difficile... Visto che non parlavo Inglese e non sono propio un ragazzino!!!!.
Sono partito ed ho vissuto 11 mesi difficili ma bellissimi e la cosa che piu mi ha sconvolto è stata vedere con i miei occhi un paese civile, democratico e soprattuto "congruo" con i propi cittadini lavoratori e artigiani , imprenditori ecc...
In questi 11 mesi ho capito che tutte le notti che ho passato insonni perche dovevo trovare una soluzione su come pagare le tasse su dove prendere i soldi ( che non arrivavano) ecc.. Sono stati periodi rubati alla mia vita ( brutti) perche in un paese che funziona tutto diventa semplice !!!! Equo e sopratutto " congruo" !!!!
Avevo molti sensi di colpa quando sono partito , perche pensavo che forse se avessi fatto in modo diverso forseeee... Ed ora, invece mi rendo conto, che il modo in cui pensavo la mia azienda , come la facevo funzionare, come avevo organizzato il tutto ... Bè era giusto, correto, onesto ed intelligente!!! Era il PAESE che era sbagliato!!!!!!!!!!!!!!!!

Federico F 26.08.12 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Aiutami

http://iovogliote.blogspot.it/2012/08/io-ho-bisogno-del-tuo-aiuto.html

raf 24.08.12 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Nel 2009 tramite referendum gli islandesi hanno sentenziato al 93 % di non voler pagare il debito delle loro banche: si è innescata così una sorta di rivoluzione silenziosa, che ha portato alle dimissioni del governo, alla scrittura di una nuova costituzione nel 2010, e soprattutto, alla nazionalizzazione della maggioranza degli istituti bancari e all'arresto dei banchieri che avevano portato il paese alla bancarotta.

Un movimento di opinione ha manifestato e raccolto firme per bloccare il rimborso dei debito estero (soprattutto verso banche Olandesi e Inglesi) con le tasse degli islandesi e il Presidente Ólafur Ragnar Grímsson ha bloccato un disegno di legge che prevedeva il rimborso di 3.4 miliardi di euro chiesto da Regno Unito e Olanda per il fallimento della banca Icesave. Nel marzo del 2010 si è tenuto un referendum a tal proposito e il 93% degli islandesi si è opposta alla legge di rimborso. Una nuova proposta di rimborso è ugualmente stata bocciata mediante referendum nel marzo del 2011[34]. Nel frattempo, il Governo ha disposto le inchieste per determinare giuridicamente le responsabilità civili e penali della crisi. Vengono emessi i primi mandati di arresto per diversi banchieri e membri dell’esecutivo. L’Interpol si incarica di ricercare e catturare i condannati: tutti i banchieri implicati abbandonano l’Islanda.

In aprile 2011 l'Islanda con un secondo referendum ha respinto la richiesta di Olanda e Gran Bretagna per la rifusione del debito. Entrambe le nazioni hanno intentato causa

(http://it.wikipedia.org/wiki/Islanda)

nel frattempo l'Islanda ha ripreso a crescere, e Il governo islandese ha deciso di investire il 13% del PIL nazionale (come se il governo italiano stanziasse circa 250 miliardi di euro) per cancellare i mutui ipotecari dei cittadini in difficoltà: un’operazione che riguarda un islandese su quattro!

(http://www.nocensura.com/2012/04/mentre-in-italia-ci-tartassano-in.html)

cordialmente

Roberto B. Commentatore certificato 24.08.12 08:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sono dimenticato di scrivere che 30.000 euro li vogliono come mancata irpef, più 30.000 di sanzione, quindi in totale vogliono 60.000 eurini!

Andrea in nero 24.08.12 06:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sempre qui a chiacchierare ma agire mai?
Rivoluzione.
Violenta.

Luca De Vaugirard 24.08.12 00:48| 
 |
Rispondi al commento

SAPETE CHE GLI INDUSTRIALI NON SONO SOGGETTI AGLI STUDI DI SETTORE? PER QUALE MOTIVO VE LO SIETE CHIESTO?
Io sn imprenditore 36enne pago le tasse,non faccio nero dò lavoro a 5 famiglie e pago il 58% degli introiti al socio di maggioranza(lobby/stato/casta) per mantenere gli emissari delle lobby! C'è un piano occulto , che ha lo scopo di impoverirci sempre di + . Stanno abattendo "il valore di mercato del nostro bellissimo paese" come hanno fatto in passato "i Tecnici professori" con le società strategiche della nostra economia di punta, "ne hanno preso il controllo-->le hanno spezzettate con le "False privatizzazioni"--> hanno svenduto la polpa buona alle "famiglie"comandate dalle lobby internazionali --> e a noi è rimasto lo scarto e i debiti.OLIVETTI-TELECOM ITALIA-ENI-AUTOSTRADE -IRI-FIAT.La verità è che il mondo ha sempre avuto "paura" e "gola" della nostra cultura e delle nostre potenzialità:siamo inventori, scopritori, idealisti e ciceroni, ma anche esperti conquistatori e strateghi...
ORA è IL MOMENTO DI RIBELLARCI, PACIFICAMENTE, NON PAGHIAMO PIU' NULLA.IO ci sono!Creiamo un punto di FERMO! STABILIAMO UN MESSAGGIO COMUNE DA DARE NON AI NOSTRI POLITICI, MA ALLE LOBBY CHE LI CONTROLLANO! DECIDIAMO IL PUNTO X ! TUTTI INSIEME ! PROPORREI UN GIORNO A ME CARO IL 25/11/2012 è UNA DOMENICA DAL GIORNO SUCCESSIVO CHI DAVVERO CREDE NEL CAMBIAMENTO E NON è IL SOLITO QUA QUA RA QUA .....FARA' LA DIFFERENZA.

Emi 25 23.08.12 22:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Resistere a questi sanguisuga è un overe morale oltre che civile! Imprenditori che chiudono in perdita in questo periodo di crisi e costretti a pagare le tasse o passare per evasori quando lo Stato è il primo a non onorare i debiti che ha con le piccole aziende....
Tolgono il voto ..... mar siamo noi che non vogliamo votare!

Gerardo Graziano, Atella Commentatore certificato 23.08.12 20:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...chi è causa del suo male,pianga se' stesso...
...niente piu' sporco d'una cooperativa,è lo stato in scala ma funziona allo stesso modo...

Cristiano 23.08.12 19:12| 
 |
Rispondi al commento

Gli studi di settore come del resto gli scontrini sono le stronzate che si inventano i politici italiani che, non avendo nulla da fare tutto il giorno, partoriscono aberrità a nostro discapito e loro guadagno.ù
La tassazione andrebbe fatta all'inizio della filiera e non alla fine.
Auguri tarraponi! Mi auguro che il caldo dentro a Montecitorio vi essicchi i pochi neuroni passeggianti.

alberto carosi, ascoli piceno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.08.12 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Io sono invece vittima del "reddittometro" che è un po' come gli studi di settore ma sul tuo reddito personale: praticamente se hai un'auto, paghi un mutuo e vivi in una certa casa devi per forza avere un certo reddito che stabiliscono loro, se il reddito dichiarato è inferiore (perchè magari come nel mio caso) tiri la cinghia da qualche anno e non arrivi neppure alla fine del mese, a loro non frega niente e scatta l'accertamento: io sono senza lavoro, dovevo andare in pensione a genn. 2013 (sono una classe 1952) e la Fornero ha deciso che ci andrò forse nel 2016, ho solo la mia casa x la quale sto ancora pagando un mutuo e l'agenzia delle entrate mi chiede 40mila euro. sapete cosa mi hanno detto quando ho cercato di spiegare che, al momento, senza lavoro e senza pensione non so neppure come fare a campare? Alla faccia dello sportello amico mi hanno detto che loro devono risquotere tasse e non certo fare assistenza psicologica.....Ho creato un gruppo su FB "massacrati dal redditometro" Vi invito a visitarlo e ad aderire: ho pensato persino alla possibilità di una CLASS ACTION perchè sò di non essere la sola in questa drammatica situazione. La notte non dormo più, ho avuto più volte cattivi pensieri autolesinistici, sono disperata e anche la casa che è l'unica cosa che mi resta, in questo momento è invendibile:questo stato vampiro mi sta letteralmente uccidendo e non c'è possibilità di difesa. Se qualcuno ha qualche idea o esperienza in merito Vi sarei molto grata. Vi aspetto tutti su "MASSACRATI DAL REDDITTOMETRO"
non è possibile dover subire queste ingiustizie. Ho lavorato tutta la vita, ho sempre pagato le tasse fino all'ultima lira e questo è ciò che mi riserva questo nostro "bel paese" per la mia vecchiaia!!!! Dedico un pensiero speciale a tutti quei poveretti che in questi ultimi tempi si sono ammazzati perchè capisco benissimo quanto abbiano sofferto.

patrizia chiesa 23.08.12 18:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Segnalo la seguente iniziativa al link:

http://www.studisettore.it/accertamento-illegittimita-degli-studi-di-settore-denuncia-alla-commissione-ue.html

Mi auguro che la commissione europea decida quanto prima in merito e costringa l'Italia ad abolire gli studi di settore.

Antonio C., Bari Commentatore certificato 23.08.12 18:47| 
 |
Rispondi al commento

lavoro 12 ore al giorno tutti i giorni , lo faccio con entusiasmo .
il sudore da il colore a i miei vestiti ed il sorriso mi è fedele collaboratore .
La cortesia è un utensile di lavoro irrinunciabile per chi lavora in assenza di certezza del guadagno ,ditelo a quelle maschere di simpatia che sostengono di "faticare" in operosi e produttivi uffici della pubblica amministrazione , gli esempi abbondano :
dagli sportelli di agonizzanti impiegati degli uffici postali , alle anguste stanze di assenti lavoratori comunali fino a transitare per la sanità dove sedicentei medici fanno della altrui sofferenza un proficuo mercimonio .
Non mi sono dimenticato dei dipendenti dell ' equitalia , a loro e loro soltanto spetta un dovuto tributo.
Equitalia fa dell' umanità e della comprensione altrui un autentico percorso di salute .
i loro uffici sembrano delle beautyfarm , un percorso benessere che ti attiva la circolazione , si passa dal freddo ( brividi di attesa che ti fanno sudare le mani) al caldo (flusso di sangue in eccesso che ti arriva alla testa quando ti viene contestualizzato il debito contestato ).
tutte le categorie menzionate probabilmente pagano le tasse , si sentiranno irreprensibili immacolate e pure.
la feccia sono i commercianti , gli artigiani qelli che non emettono scontrini e fattura ,quelli invasati che investono tutto quello che hanno , che lavorano 12 ore al giorno i piu dei giorni in perdita ma che insistono perche non hanno altro nella speranza di un vento buono gonfi la vela e trascini la barca lontano dalla secca delle insolvenze prima che la catturi EQUITALIA ....
loro sono la causa del nostro affanno , del debito pubblico....come si fa a pensare che il problemma in ITALIA sia la corruzione politica che genera una fitta rete di impieghi pubblici inutili ed inproduttivi in cambio di consenso elettorale in merito camera e senato ne èsono un emblema fedele di un ITALIA stuprata.

michel faucon 23.08.12 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei ricordare a tutti i commentatori che, gli studi di settore esistono, grazie ai comportamenti da "furbetti" che gli italiani hanno da decenni!!!

Esattamente come i politici, anche gli studi di settore arrivano per errori diretti degli italiani.

Questo è semplicemente, quello che meritiamo!

Forse, sarebbe ora di riflettere meglio quando non vi danno lo scontrino o quando vi chiedono se volete la fattura...

Cosi come dovreste riflettere meglio quando mettete le X sulle schede elettorali.


Mi perdoni, sono nuovo nelle cose italiane dopo 39 anni trascorsi in Svizzera. Ma davanti a questo chiaro sorpruso non c'è la possibilità di far causa allo stato italiano presso la Corte dei Diritti Umani? Per quanto ne so, l'Italia è già stata condannata molte volte e obbligata a pagare danni. Forse mi sbaglio, ma se no, se c'è qualcuno esperto in questo, che aiuti il sig. Andrea.

Luigi Di Martino, vercelli Commentatore certificato 23.08.12 18:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oramai gli imprenditori se hanno successo e guadagnano vieni ovviamente considerato un ladro che sicuramente ha evaso e sfrutta i propri dipendenti, se invece le cose ti vanno male per i più svariati motivi la sentenza emessa è una sola" non sei capace, quindi smetti e vai a fare il dipendente"

Remo Breccia 23.08.12 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Ma quante stronzate sono state scritte qui sotto. Da quello che ha una casa in Lombardia, viene trasferito in Puglia, acquista subito un secondo appartamento e dice di nn avere i soldi per l'imu. A quello che scrive che ci vogliono 10000 euro per un ricorso (quando il Max del contributo unificato è 1500 euro se il valore del ricorso supera i 200.000 euro). E per finire a quello che non si intesta nulla (ma - evadendo - inguaia i poveri cristi che hanno intestato i suoi beni). W la furbizia e w tutti quelli che pensano che gli altri so bevono le bugie più assurde

DuncanBr 23.08.12 17:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli studi di settore sono algoritmi del cazzo che non tengono conto di molte variabili, basta un cambiamento della viabilità, un parcheggio spostato, un concorrente disonesto vicino, la crisi, e non sei più congruo.
Grazie a quella testa di cazzo del PD che li ha messi, unico paese al mondo; perchè poi le cooperative non vi sono soggette e hanno anche vantaggi fiscali?

Francesco D. Commentatore certificato 23.08.12 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro coco fiandrino da buriasco sai cosa sono gli studi di settore? Prima informati e poi puoi continuare ad essere coglione. Dove sta scritto che con la crisi che c,e' un lavoratore autonomo deve per forza guadagnare quello che l'agenzia delle entrate insieme alle categorie di settore ( dove sono andati a prendere queste categorie sulla luna? ) asseriscono come si trattasse di un dogma. Se una azienda ha tre camion e due di questi non lavorano all'agenzia sempre per effetto della crisi non importa un fico secco e non si sforzano neanche di verificarlo. Bisogna prima pagare e poi vedere perché per loro chi possiede tre camion deve per forza sviluppare un tot di fatturato. Gli antichi romani dicevano "dividi et impera" I nostri governanti lo hanno capito benissimo e fanno di tutto per mettere contro i dipendenti e gli imprenditori e ci sono dei dipendenti che questo non l'hanno ancora capito come se loro fossero dei santi e gli altri dei diavoli. Ma andate a fare in culo tutti quanti.

Francesco Rutigliano 23.08.12 17:37| 
 |
Rispondi al commento

POETI, SANTI, NAVIGATORI E....SOPPORTATORI
Abbiamo sopportato per 20 anni una macchietta di dittatore che ci ha ridotto con le pezze ai piedi (e al culo), abbiamo sopportato per 50 anni un partito che è rimasto al governo tutto quel tempo a suon di compromessi e alleandosi a chiunque, generando gran parte del debito che abbiamo in pancia, abbiamo sopportato ancora per un Ventennio di essere governati da un venditore di successo che sembrava il messia(come dargli torto se come un Dio si è fatto le proprie leggi) intervallato per breve tempo da un Prode europeista convinto che a momenti gli fanno i monumenti in piazza perchè ci ha portato nell'Euro che ci farà rivivere i bei tempi andati delle pezze ai piedi (e al culo).
Poeti, Santi, Navigatori:
Ma non vi sembra che abbiamo sopportato abbastanza?

Gianni B. 23.08.12 16:55| 
 |
Rispondi al commento

Un altro imprenditore innocente!!!
tu hai rispettato o no gli studi di settore?
Se ti arriva la cartella direi di no!
Allora non bisogna evadere per poi lamentarsi se ti chiedono i soldi, bisogna prima lamentarsi, anzi combattere con i denti, per non dover evadere.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.08.12 15:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prima di parlare di evasione fiscale pensiamoci due volte.Penso si tratti di un'altra vittima del cosiddetto "redditometro".Ho sentito un caso analogo su Report. A me l'agenzia delle entrate ha fatto un altro scherzetto.Non cosi grande come quello del post ma che mi fa girare le scatole.In poche parole mi hanno notificato l'evasione del bollo auto per l'intero anno, quando in realtà si tratta solo di 19 gg di presunta evasione.Ciò che mi ha fregato è che il certificato di rottamazione riporta la data 19/05/2006 e il bollo mi scadeva ad aprile.Naturalmente la notifica mi è arrivata giusto qualche settimana prima della prescrizione (4 anni).Morale della favola: per 15 gg di possesso dell'auto dovrò pagare l'intero bollo+sanzione+interessi.Ho presentato istanza di autotutela 50 gg fà.Nessuna risposta. Un sentito grazie all'ufficio territoriale dell'agenzia delle entrate di Sanluri (VS) Sardegna.

skellig ., MD Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.08.12 15:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non c'è niente da stupirsi questo è il risultato delle leggi fatte per ferire a morte, cosa ci si aspetta da una legge fatta dallo stesso ladro.....

sebastiano b., catania Commentatore certificato 23.08.12 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Non vedo perché dovresti pagarli, il ricorso giurisdizionale davanti alle commissioni tributarie necessita solo delle spese processuali e del contributo unificato, probabilmente stanno tentando di farti intraprendere la via dell'accertamento con adesione che, per farla breve, è una specie di patteggiamento in sede tributaria...è una pratica comune del Fisco in specie quando, come negli studi di settore, si ha a che fare con presunzioni; ma ricordate le presunzioni tributarie possono essere SOLO PRESUNZIONI RELATIVE, il contribuente ha SEMPRE DIRITTO ALLA PROVA CONTRARIA...quindi si rivolga ad un avvocato e non ceda per nessun motivo alle loro estorsioni legalizzate....faccio un'appello a tutti gli imprenditori: GLI STUDI DI SETTORE SONO PRESUNZIONI RELATIVE AVVERSO LE QUALI SI Può SEMPRE FORNIRE PROVA CONTRARIA...NON CEDETE AI SUBDOLI RICATTI DI QUESTO STATO MARCIO DI POLIZIA FISCALE...SE NON SIETE CONGRUI NON DOVETE PAGARE LA DIFFERENZA NEMMENO CON LO "SCONTO" CHE QUESTI ESTORSORI TENTANO DI PROPINARVI...NON MOLLATE!!

luca g. Commentatore certificato 23.08.12 15:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo tutti i vostri commenti sulle tasse richieste da questo Stato, sono esorbitanti.
Fanno delle statistiche e se non ci cadi dentro vieni dichiarato evasore; devi guadagnare quello che la statistica decide, ma se nella realtà guadagni di meno , ma ugualmente vivi del tuo lavoro e magari dai lavoro anche ad altra gente, non conta nulla, o paghi o chiudi bottega.
Questa è ingiustizia, non c’è altro nome che la può definire.
E la rabbia mi monta dentro…
Poi penso ai dipendenti del popolo italiano che legiferano, e mi ricordo di alcuni di loro che sono avvocati (così tanto per prenderne una categoria a caso); li vedi sempre impegnati a difendere i loro “clienti” nei tribunali. E mi chiedo come facciano a lavorare per noi, visto che sono sempre impegnati nel loro lavoro privato. E che processi , mica difendono poveri disperati , e nemmeno chi è fuori dagli studi di settore: per queste categorie lo dovrebbero fare come volontariato.
Cerco su internet e trovo qualche dato , dal sito .economiafinanza ho tratto questa notizia.
“Molti deputati e senatori inoltre, hanno un “doppio lavoro“: la quota corrisponde quasi alla metà dei parlamentari, sono 446, di cui 270 deputati e 176 senatori, sui 945 eletti totali. Ovviamente doppio lavoro e doppio reddito: è inevitabile, sono sicuramente fra i parlamentari con le dichiarazioni dei redditi più alte ma nello stesso tempo anche quelli con più assenze in aula. E non potrebbe essere altrimenti: hanno il 37% di assenteismo, un fattore normale se consideriamo che nessuno può essere in due posti contemporaneamente. Fra loro si annidano giornalisti, avvocati, dirigenti, imprenditori, docenti universitari e medici: un quadro totale di professioni molto stimate e sopratutto molto retribuite.”
Anche questa è una profonda ingiustizia.
E la rabbia monta ancora di più…

caterina c. 23.08.12 15:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C’era un paese che aveva nei confronti delle potenti banche estere un debito di diversi miliardi, pari a decine di migliaia di euro di debito a carico di ciascun cittadino !

.. le banche creditrici, appoggiate dal governo, che volevano rientrare hanno chiesto misure drastiche a carico dei cittadini, che avrebbero dovuto pagare ciascuno cittadino con tasse e/o minori servizi, qualcosa come 100 euro al mese per 15 anni !

I cittadini sfiduciarono il governo, si fece strada l’idea che non era giusto che tutti dovessero pagare per errori e ruberie commessi da un manipolo di banchieri e politici, decisero poi di fare un referendum che con oltre il 90% dei consensi stabili di non pagare il debito, nazionalizzarono quindi le banche (prima private) che avevano portato a questo disastro economico e ... tramite internet decisero di riscrivere la costituzione ..

Per riscrivere la nuova costituzione vennero scelti dei cittadini che dovevano essere maggiorenni, avere l’appoggio di almeno 30 persone e NON AVERE LA TESSERA di ALCUN PARTITO !

Chiunque poteva seguire i progressi della costituzione davanti ai propri occhi.
Le riunioni del Consiglio erano trasmesse in streaming online e chiunque poteva commentare le bozze e lanciare da casa le proprie proposte. Veniva così ribaltato il concetto per cui le basi di una nazione vanno poste in stanze buie e segrete, per mano di pochi saggi.

.. sembra una favola vero ?

Questa è la realta dell'Islanda che si sta riprendendo dalla crisi economica nel modo opposto a quello che viene propagandato come inevitabile.

Niente salvataggi da parte di Bce o Fmi, niente cessione della propria sovranità a nazioni straniere, niente tasse esagerate che spolpano i cittadini, ma con un percorso di riappropriazione dei diritti e della partecipazione

Roberto B. Commentatore certificato 23.08.12 15:10| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Benvenuto nel club.

La mia storia in sintesi: non sono riuscito a pagare alcuni bollettini INPS, il commercialista mi consigliò "aspetta a chiudere, prova a vedere se la faccenda si riprende, chiediamo il pagamento a rate".

L'INPS nega la rateizzazione, la ditta viene chiusa. Equitalia scrive ma non riesco a pagare la cifra intera. Vendo i mobili di casa e offro parte della cifra. Mi viene detto che non è possibile, occorre chiedere all'INPS, loro non possono fare nulla. Al'INPS mi dicono che loro non possono fare nulla, devo rivolgermi a Equitalia.

MORTE CIVILE

Buona Giornata a tutti!

Antonio De Angelis 23.08.12 15:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' una vita che sostengo che l'uomo piu' ricco del mondo,e' il nullatenente: ecco infatti che se oggi,Equitalia,volesse riprendersi il totale delle cartelle emesse,si troveebbe di fronte:
-nesssuna casa intestata
-contratto di affitto in comodato.
-automobile non intestata a me,ma ad altri
-Se pensionato,gia' con cesssione del quinto sulla pensione.
-naturalmente nessun conto corrente intestato a me.

E cosa mi levano????????????????
E l'importante che tutto quanto sopra ho esposto,e' legale !!!!!
Meditate gente,meditate!!!!!!!!!!!!!!!

federico lucatelli 23.08.12 14:54| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti, si continuano a denunciare i soprusi perpretati da equitalia, ma di concreto che si fà?. Una preghiera... chi può fare qualcosa lo faccia, non si faccia come la maggior parte dei giornalisti denunciano il fatto ma poi?
Si raccolgano firme perchè la rai diventi del popolo, eleggiamo i direttori rai, è l'unico mezzo per "smuovere"le coscienze. La televisione dipendente dai partiti ci "fottono" tutti i giorni.Perchè le aziende che fanno pubblicità devono defalcare dalle tasse il 100%. I soldi che non vanno alle tasse a chi vanno? E' logico che ,ai giornalisti questo "andazzo" gli è comodo.Meditate, gente, meditate

giuseppe faiella 23.08.12 14:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Disobbedienza civile finchè si può.

Gian Luigi Vitale 23.08.12 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Aiutami

http://iovogliote.blogspot.it/2012/08/io-ho-bisogno-del-tuo-aiuto.html

raf 23.08.12 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Per colpa degli studi di settore ho dovuto chiudere la mia attività e vendere gli strumenti per pagare quanto richiestomi dall' Agenzia delle Entrate. Ora a 50 ani sono disoccupato, senza soldi per niziare una nuova attvità e a questa età chi mi assume? Notate che in tutti gli ani di attività non ho mai mancato ad una scadenza INPS, INAIL, IRPEF e così via con notevoli sacrifici dovuti a ritardi nei pagamenti dei clienti è così via. Poi un giorno leggo sul giornale che agli evasori VERI era stato concesso il cosiddetto scudo fiscale pagando un misero 5%. Fate voi......

Vincent V., Novara Commentatore certificato 23.08.12 14:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mai sentito parlare di "rivoluzione?" e non certo in termini bellici, vi sono altri modi, ma se continuiamo a piangerci addosso senza fare niente, è inutile anche parlare. Le parole sono diventate inutili, bisogna agire attraverso un azione che coinvolga più persone possibili. La benzina aumenta ma siamo tutti dal benzinaio e via così per tutto...non siete stanchi di "chiacchere?"....

Giampaolo R., Bologna Commentatore certificato 23.08.12 14:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rivolta fiscale !
Il mio caso è il seguente. Per lavoro, mi sono dovuto trasferire dalla Lombardia alla Puglia, riuscendo con tanta fatica ad affittare la casa ove vivevo prima di trasferirmi, dopo tanti mesi di casa vuota, mio malgrado. Tale casa è quindi diventata "seconda casa" poichè, oltretutto, appena giunto in Puglia avevo fatto la fesseria di spostare la residenza al domicilio ove ora realmente vivo (forse avrei dovuto fare il "furbo" e mantenere la mia precedente residenza, ma a me era sembrato più onesto così...). Peraltro avevo comprato quella casa in tempi in cui i valori immobiliari erano alti dando a tutte le mie risorse.
Per la mia precedente casa l' IMU è schizzata alle stelle e non sono stato materialmente in grado di pagarla (in famiglia lavoro solo io e siamo in cinque...). A dicembre dovrò pagare, oltre all' acconto ancora in sospeso, anche il saldo dell' IMU (che sarà, mi dicono, più pesante dell' acconto poichè si aggiungerà la quota spettante al comune). Forse per "indigenza" o forse per protesta probabilmente non pagherò neanche quella. Mi piacerebbe però che tutti quanti ci rifiutassimo di pagarla! Ci vorrebbe una fazione, un movimento che dicesse: "finchè non si faranno vere riforme sociali, finchè non si toglieranno i privilegi della casta, le pensioni d' oro, il finanziamento a partiti e giornali... NOI NON PAGHIAMO!" Esiste in Italia un movimento che propugni questa forma di lotta ? Quanti sono quelli disposti a non pagare, per protesta, l' IMU (o l' IRAP O l' acconto IVA ) o, almeno, a rinviarne il pagamento fino a che non vi siano riforme sociali eque ? Che si deve fare quando è lo Stato che pretende il "pizzo" ... minacciandoti, altrimenti, di mandarti i "picciotti" (leggi Equitalia) ?

Domenico Calabrese 23.08.12 14:19| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

io penso che forse sia giunto il momento di non pagare più nulla per la semplice ragione che se anche si volesse disperatamente rimanere in regola ciò non sarà più materialmente possibile.
ma così facendo equitalia ci pignora la casa?
e vabbè tanto lo faranno comunque prima o dopo (non è infatti più possibile sopportare questo livello di tassazione e saremo tutti pignotati e schiavi), però quanto meno, non pagando, avremo messo qualcosa da parte per ricomprarci la casa all'asta attraverso un parente presta nome.
se tutte le case della massa dei contribuenti venissero messe all'asta il loro valore sarebbe talmente basso che si comprerebbero con l'equivalente delle tasse non pagate.
è triste lo so .... ma dopo aver a lungo meditato ritengo che non ci rimane altro da fare, purtroppo ... a meno di una rivoluzione ... ma davvero non mi sembra che gli italiani abbiano le palle per farla

necessitato alla resistenza 23.08.12 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Ma si è liberi di dichiarare meno dello studio di settore, solamente che in questo caso vi è la possibilità di un controllo da parte della GDF. A menoche uno non abbia da nascondere niete, la dichiarazione inferiore va fatta..

Costantino Daniele, Roma Commentatore certificato 23.08.12 14:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In questo paese è meglio non avere niente, sono mafiosi perchè chiedono il pizzo a onesti cittadini che tirano a campare con quel poco che gli è rimasto.

angelo f., milano Commentatore certificato 23.08.12 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Proprio una brutta storia.
Non ho una soluzione.......pacifica
Ho una soluzione ......violenta.
Andiamo a prenderli.....facciamogli vedere che non siamo un popolo virtuale.

Sabrino Di Renzo, Gradara Commentatore certificato 23.08.12 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Vuoi essere in regola con gli studi di settore? Riduci il tuo tempo libero, non sognarti nemmeno di farti una famiglia, se ti devi comprare una casa comprati un miniappartamento...ecco questo è il costo che devi pagare per essere "in regola" secondo l'agenzia delle entrate, una vita misera.
Un'artigiano.

andrea babetto 23.08.12 13:58| 
 |
Rispondi al commento

immaginiamo un mondo nuovo ma senza iniziare il mondo resterà ancora cosi finchè i figli dei nostri figli mezzi italiani mezzi no ribalteranno il giogo.. immaginiamo...

vittorio sassi 23.08.12 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Io non mi riconosco più in questo stato. Che fare?

Marco B., Aprilia Commentatore certificato 23.08.12 13:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I nostri partigiani si rifuggiarono sui monti nelle campagne l'ha trovi sempre chi ti aiuta in cambio di un lavoretto aiutiamo la valle e facciamo resistenza . Ho un lavoro ma mi ammazzano il fisico ho i soldi ma devo guardarmi dai ladri e soprattutto quelli legali che sono peggio , vorrei scappare subito per dare manforte ha chi a bisogno e lottare per il futuro che si sono presi dei nostri figli lasciandoli senza terra e senza pane . W EL GRiLLOS

sal 23.08.12 13:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto questo ad un semplice CITTADINO, mentre alle DIECI società delle slot-machines che DEVONO allo Stato
98 M I L I A R D I
di euro
NESSUNO fa nulla !!!

Movimento Indipendentista Ligure 23.08.12 13:37| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Come dipendente della scuola pubblica ( insegnante di ruolo )il ministero dell'economia e delle finanze, mi ha comunicato il recupero del credito erariale, per complessivi 13.500,00, da restituire mediante 30 ritenute mensili di 450,00 euro, e quindi direttamente alla fonte: lo stipendio!!!! IL motivo è dovuto ad anni di supplenza pre-ruolo( tre anni, ossia nel lontano 1986,in questo caso non esiste la prescrizione!)prestati senza il titolo di specializzazione! Ma la cosa piu' assurda è, che questi contenziosi sono creati ad doc con l'accordo dei sindacati solo per autofinanziarsi e obbligandoti a pagare un loro avvocato! Come dei "vuccumprà" sia CSIL UIL CGIL TI CHIEDONO TARIFFE DIVERSE, che variano dai 3.000 ai 1.000 euro!ORA CON 1.300 EURO CHE MI RITROVO SULLA BUSTA PAGA ( NEMMENO UN BIDELLO PRENDE PIU' COSI' POCO!), non mi posso pagare un avvocato!

cristina rosso 23.08.12 13:36| 
 |
Rispondi al commento

I politicanti o i tecnici in vece loro, minacciano i cittadini con proclami a volte contro evasori ed a volte contro dipendenti fannulloni che rubano gli stipendi, in definitiva si cerca di mettere gli uni contro gli altri, distogliendo in questo modo l’attenzione da altri problemi !

.. si aumentano le tasse, equitalia ti strozza con spese ed interessi e ti porta via quel poco che hai se non paghi !

dopo 40 anni immacolati, lo scorso anno (e questo sarà peggio!) non sono stato in linea con gli studi di settore , mi sentivo, ascoltando le frasi degli esattori, come se fossi un condannato a morte ,se uno non paga le tasse che LORO pretendono, non ti fucilano veramente solo perché la pena di morte da noi non è in vigore, ma danno il fucile carico nelle mani di equitalia !

.. non vale dire che il lavoro è calato, che i soldi non girano più perche lo stato e le banche si prendono tutto quel che c'è, non esiste la motivazione che NON vuoi licenziare i dipendentiperchè da decenni si comportano onestamente e che hanno mutuo e figli !

.. tutto questo non vale, perchè lo stato ti punta addosso la pistola di equitalia e pretende il suo pizzo, lo pretende per mantenere la casta con auto blu, scorte, finanziamenti illeciti ai giornali ed ai partiti, stipendi e privilegi di parlamentari, per mantenere in piedi enti inutili che servono solo a far guadagnare amici e parenti dei "potenti", anche per mantenere la corruzione che comunque fa PIL !

caxxo arriverà il momento di votare !

promettetemi ancora "vi prego" nella prossima campagna elettorale che caleranno le tasse, che ci saranno milioni di nuovi posti di lavoro, ditemi ancora che farete uno stato sociale giusto ed equo .. poi sedetevi e cominciate a prepararvi perchè qualcosa di equo DEVE ARRIVARE !!


poco cordialmente addio !

Roberto B. Commentatore certificato 23.08.12 13:26| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Veramente viviamo in un paese di banana , e' una vergogna assoluta .

cristina beretta 23.08.12 13:23| 
 |
Rispondi al commento

il governo sa benissimo che se chiudete voi c'è sempre un altro fesso che apre ! e così ricominciano a spremere il pollo di turno. detto questo il consiglio che vi dò è questo: prendete armi e bagagli e toglietevi dalle palle da questo paese ! che tanto qui nn c'è futuro. certo, fatelo con la testa, nn andate allo sbaraglio. nn vi fate fottere dai sentimentalismi, all'estero starete meglio e se lo meriterete sarete trattati da cittadini invece che da sudditi. abituati a vivere in italia, all'estero vi sembrerà il paradiso. pensate che a questo esempio stupido: francia costo pannolini 7 €, italia stesso pannolino 14 € ! meditate gente, meditate.

tiziano s. 23.08.12 13:19| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Non vogliono concorrenza,per questo si fanno le leggi a misura per loro. Io dico che entro il 2013 rimarranno solo i loro lecca c...lo così non cadranno e potranno continuare a fare i padroni alla faccia della COSTITUZIONE !

SANTO VACANTE Commentatore certificato 23.08.12 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Andrea,mi rendo conto che la consolazione è magra ma ormai siamo tanti, tantissimi, nella stessa situazione. Ormai aprire la buca delle lettere è diventato un incubo. Ovviamente i consigli dei più sono di non avere beni intestati, vivere in appartamenti arredati e via dicendo. Una vita da fuggitivi nostro malgrado. Io onestamente dopo una vita di lavoro non voglio vivere così come una ladra, quando invece i ladri veri sono in giro che gozzovigliano. Con grande solidarietà in bocca al lupo.

eva t., torino Commentatore certificato 23.08.12 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Io ho un attivita' da piu' di 20 anni, l'anno scorso..si sono presentati due dell'agenzia..per un controllo a campione. Pur non avendo trovato nulla di annormale nella contabilita'.. e nemmeno negli studi di settore ( che per altro erano congrui ) per i loro calcoli occulti...sul comprato e venduto... mi hanno appioppato un bel verbale con un evasione presunta di 75.000,00 €.
Ricordo che alla mia domanda " certo che per controllare tutti sti documenti ci metterete tanto ? " la risposa di uno è stata " no entro fine mese dobbiamo chiudere..abbiamo il budget da rispettare!! " Bene...loro hanno rispettato il budget..io invece mi trovo a dover chiudere l'attivita' impossibilitato a pagare tanti soldi... visto che mi hanno anche respinto tutti i ricorsi.... se pur motivatissimi !!!
caro Monti..spremi spremi..che poi nn rimane piu' niente...... e i vostri stipendi ve li pagherete da soli.....

luca marri 23.08.12 13:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SE PER UN ATTIMO CHIUDO GLI OCCHI E SENTO SOLO, ODO LE LAMENTELE DEI PLEBEI PRONTI ALLA RIVOLTA CONTRO I PATRIZI, E POI ODO LE URLA DEI MARTIRI DELLA "SANTA INQUISIZIONE", E POI IL PIANTO DEI MINATORI DELL'OTTOCENTO, E IN FINE SENTO CHIARAMENTE UN PAESE CHE PRENDE LA RINCORSA, PRONTO A SALTARE IL MURO DELL'OMERTA', DELLA COSTRIZIONE, DELLA DISEGUAGLIANZA, PRONTO A RIPRENDERSI LA PROPRIA LIBERTA' MA SOPRATTUTTO LA PROPRIA DIGNITA' SFIGURATA DA UNA VASTA RAPPRESENTANZA DI CORROTTE FACCE DI GOMMA, A UNIRSI, FINALMENTE, PER UN SOLO BENE; QUELLO COMUNE. SPERO SOLO CHE IL MIO UDITO FUNZIONI BENE.......
VALENTINO

VALENTINO SCIARRILLO 23.08.12 12:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ok
stessa storia a me con gli studi che trattano me al mio primo anno di attivita' come un idraulico che e' nel giro da 30 anni...
non ho accettato l'adeguamento agli studi...dichiarato 13000€ nel 2011 quando per loro avrei dovuto dich.20000!!!
se accettavo dovevo pagare ogni mese per 4 mesi 1650€...ahahah e chi minchia ce li ha 1650€???
cmq a causa di questo tra un po mi chiameranno e probabilmente mi romperanno il culo ovviamente... percio' che si fa?
adios italia meglio andarsene :(

irondaryl 23.08.12 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Si è passati dal concetto di obolo a quello di saccheggio! tra una parrucchiera dal reddito magari meno di 20.000€ all'anno, che evade e non rilascia "regolare fattura" e un calciatore che prende milioni all'anno tutti al netto ... beh mi scandalizza di piu' il calciatore

michelemaria quinci, verona Commentatore certificato 23.08.12 12:45| 
 |
Rispondi al commento

perchè l'agenzia delle entrate se la prende con chi non ha soldi ?
Perchè la legge difende i criminali e quindi se uno ha dei soldi per pagarsi l'avvocato, usando la loro legge può fare quello che vuolem sia che abbia evaso veramente o non lo abbia fatto, perchè comunque la legge difende gli evasori, basta avere i soldi per pagarsi un avvocato

Matteo Pietri Commentatore certificato 23.08.12 12:45| 
 |
Rispondi al commento

penso che forse sia giunto il momento di non pagare più nulla per la semplice ragione che se anche si volesse disperatamente rimanere in regola ciò non sarà più materialmente possibile.
ci pignorano la casa?
e vabbè tanto lo faranno comunque prima o dopo (non è infatti più possibile sopportare questo livello di tassazione), però quanto meno, non pagando, avremo messo qualcosa da parte per ricomprarci la casa all'asta attraverso un parente presta nome.
se tutte le case della massa dei contribuenti venissero messe all'asta il loro valore sarebbe talmente basso che si comprerebbero con l'equivalente delle tasse non pagate.
è triste lo so .... ma dopo aver a lungo meditato ritengo che non ci rimane altro da fare.

necessitato alla resistenza 23.08.12 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Gli studi di settore non tengono conto della crisi, quindi se uno non guadagna deve andare a prostituirsi x pagare le tasse!!!vergogna!!

max 23.08.12 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Già pagati 10.000 tra irpef miei, di mio padre e aziendali per aver dichiarato perdite nel 2006 non congrue con gli studi di settore. In realtà ne volevano 40.000 ... dopo 3 mesi di "contropelo" sono riuscito a "tirare" la multa che meno di così non si poteva! Intanto tra saldo e anticipo questo mese lascio giù allo stato circa 20.000 per aver dichiarato un reddito di 33.000 lo scorso anno! Che ne dite? Il mio grande "terzo socio occulto" chi mai sarà?

Enrico C., Salzano Commentatore certificato 23.08.12 12:42| 
 |
Rispondi al commento

dobbiamo fare come i plebei in Roma con a capo Menenio Agrippa noi tireremo la cinta ma loro? dimostriamo a questi ladri che ci siamo rotto i coglioni di mantenere un esercito di ladri vagabondi

giancarlo felcetti, perugia Commentatore certificato 23.08.12 12:40| 
 |
Rispondi al commento

L'agenzia delle entrate vuole 6000 euro di tasse perchè ho preso 3000 euro di indenntità di disoccupazione...

Filippo de Masi 23.08.12 12:36| 
 |
Rispondi al commento

pensa che a noi visto che eravamo a posto con gli studi di settore ne hanno chiesti 70000 ma si sono "accontentati" di 38000 così per due anni doppio lavoro e basta altrimenti chi ci da da mangiare ? 0nestamente , se vi chiedono di adeguarvi agli studi di settore rifiutatevi !!!!!
appena posso o abbandono l'Italia dopo quasi 30 di lavoro come imprenditore o mi compro un mitra!

Enzo Canarelli 23.08.12 12:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ANDREA,COMBATTI!
SO CHE EST DIFFICILE,MA CERCA DI VIVERE SENZA PENSARE ALLA PISTOLA CHE CI PUNTANO COSTANTEMENTE ALLA TESTA.
VOGLIONO SOGGIOGARE LE NOSTRE VOLONTA PER RENDERCI PER SEMPRE SCHIAVI.
DOBBIAMO LOTTARE SINGOLARMENTE E,GRAZIE ALLA LIBERTA DEL BLOG DI GRILLACCIU,DOBBIAMO SOPRATUTTO FARLO COLLETTIVAMENTE.
NON SIAMO SOLI,SIAMO MILIONI DI EUROPEI,IO CREDO ALL EUROPA COME CASA COMUNE.

nino f. Commentatore certificato 23.08.12 12:23| 
 |
Rispondi al commento

L'italiano è tutto fumo e niente arrosto. Corroso dai debiti ma con l'auto nuova di grossa cilindrata, l'i-phone, l'i-pad... provate a presentarvi ad un ristorante senza prenotazione al sabato sera... morirete di fame... i debiti si ma l'apparire deve rimanere intatto.. allora prima dobbiamo cambiare questa mentalità, quella che ci ha sempre fatto vedere nei paesi circostanti come il bel paese ed ha attirato molti immigrati, la maggior parte dei quali scartati dal proprio paese.... e finchè persevera questo stato di cose.. nessuno dai seggioloni del potere crede alle lamentele di chi dice di non avere soldi per pagare le tasse..

Marco 23.08.12 12:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E qualcuno è ancora convinto che in Italia possano funzionare gli "strumenti democratici" per cambiare le cose...come no...
L'unico strumento democratico per difenderci da tasse assurde, come ad esempio l'IMU, sarebbe quello di non pagarla in tanti.
Se la maggioranza degli italiani non pagasse, la tassa dovrebbe essere dichiarata illegittima proprio perché gli italiani "democraticamente" la rifiutano.
Sarebbe la vera dimostrazione di democrazia dal basso...
Ma questo tipo di "voto" sembra non piacere a nessuno e tutti si lamentano ma continuano a pagare impauriti dagli aguzzini equitalia, quindi "cornuti e cojonati".
Brutta storia...

hughich 23.08.12 12:02| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento

pagare le tasse è giusto, etico e coerente con una civiltà evoluta ma non devono superare un certo limite (20/25 %) come negli stati uniti, canada australia e via dicendo. da noi ci chiedono il 70%!! per mantenere un numero infinito di priviligiati incapaci, raccomandati,. pensionati d'oro e ladri autorizzati (banche e assicurazioni).
Ma lo vogliono capire si o no che ci siamo rotti i koglioni? cosa dobbiamo fare per farglielo capire??
bastaaaaaaaaaaa

ERMES F., chamois Commentatore certificato 23.08.12 12:00| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

quello che fa maggiormente rabbia è che se i politici rubano (penati, formigoni ecc.) gli danno una medaglia !

ai cittadini nulla è permesso, devi solo lavorare pagare le tasse che loro stabiliscono !

insomma una vita da Bancomat la nostra ..

Roberto B. Commentatore certificato 23.08.12 11:59| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Questo blog si sta trasformando nello sfogo degli evasori. E le dovete pagare le tasse come fanno tutti i dipendenti!!!!

Luca M 23.08.12 11:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Forse non se n'è accorto nessuno, ma il vero grande business di questo Paese è l'ingiustizia! Infatti le persone più ricche lo sono diventate perchè hanno fregato qualcosa a qualcuno! In sostanza, questo non è un Paese per onesti! Una volta un mio conoscente mi disse: "caro Enzo, posso darti un vero consiglio da fratello? Siccome sei troppo onesto tu non puoi fare l'imprenditore! Ascoltami, cambia mestiere; per fare l'imprenditore devi essere uno squalo e un delinquente e la legge è sempre a favore di chi delinque!". Sapete che mestiere fa questo mio conoscente? Il MAGISTRATO!

Enzo Altieri 23.08.12 11:50| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento

anche io come Andrea ho gli stessi problemi e non posso difendermi perchè non ho soldi e i commercialisti e gli avvocati costano e non posso pagarli.Ci stanno sistemando bene bene tra stato e banche.BASTARDI!!!

Marcello Gervasi 23.08.12 11:42| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori