Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Una situazione insostenibile


ade.jpg
"Commerciante con reddito lordo di 50.000,00 euro con moglie a carico (primo anno di attivita)
Tasse da pagare:
- IRPEF 13.235,00 saldo
- IRPEF 5.241,06 acconto
- Add.Reg. 956,00
- Add.Comun. 236,00
- Add.Comun. 71,00 acconto
- Camera Comm. 88,00
- IRAP 1.689,00
- IRAP 797,15 acconto
- INPS 7.191,00
- INPS 3.779,72 acconto
Totale da pagare 33.417,07.
Da considerare che durante l'anno sono stati versati i contributi fissi INPS per 2900,00 euro circa e che a novembre (stesso anno) bisogna versare tra irpef, irap e contributi un ulteriore acconto pari a 12.439,98 euro. Ditemi voi se è una situazione sostenibile. E poi dicono che si evade!" gennypisani

1 Set 2012, 12:33 | Scrivi | Commenti (208) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

La truffa dell'irpef comincia dalla sua imposizione.
Il reddito annuo prodotto (cioe' l'incremento di ricchezza annua) viene tassato due volte:
1) quando viene prodotto , con l'Irpef o 'l'irpeg
2) quando viene utilizzato con l'iva o le tasse presenti e passate sulla ricchezza patrimoniale mobile o immobile.
E' sempre lo stesso incremento di ricchezza annua
Ma lo Stato lo considera due volte.

FABRIZIO CORRENTI (brizzolo61), PALERMO Commentatore certificato 19.04.14 20:59| 
 |
Rispondi al commento

Il 65% del mio PIL VA’ IN TASSE!!!
Ho avuto la fortuna di nascere in un angolo di mondo sicuro e protetto, un posto che mi ha permesso di crescere e studiare. Imparai a leggere e far di conto, fino ad arrivare alle “scuole alte” dove ti insegnano a contare i numeri grossi! Oggi, con un contratto a tempo indeterminato presso una grande azienda, una casa in affitto ed un’auto di proprietà mi trovo a redigere “la mia contabilità” annuale ed ho PAURA:
-stipendio lordo annuo “alias” IL MIO PIL:30.000€
-tasse ritenute alla fonte (in busta paga ,per intenderci):(11.500)€
-spese per carburante (circa 1200 litri di gasolio):(2.000) € di cui (1.500)€ di accise (leggasi tasse!)
-spese per l’autovettura (bolli, assicurazione, tagliandi,ecc):(4.000)€ di cui (2.000)€ di tasse (il bollo è una tassa, il 50% dell’assicurazione è una tassa, il 50% dell’acquisto dell’autovettura è una tassa)
-spese per affitto annue: (6.000)€ di cui (2.500) € di tasse versate dal proprietario dell’immobile
-bollette annue:(1.000) € di cui (500)€ di tasse (iva, addizionali, accise)
-spese per vitto (fatemi almeno mangiare):(3.000) € di cui (1.500)€ di tasse (iva, costi di trasporto della merce)
Le USCITE totali, minime indispensabili per vivere ed andare a lavorare (attività essenziale per vivere) ammontano a 27.500€ di cui 19.500€ SONO TASSE: Il 65% del mio PIL VA’ IN TASSE!!!

Paolo G. Commentatore certificato 06.09.12 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Gli studi di settore inaccessibili

La risposta del ministero dell'economia alla richiesta di un contribuente in lite con il fisco.
Non è possibile visionare il campione di riferimento

Gli studi di settore sono inaccessibili. Off limit per i contribuenti, infatti, i dati relativi al campione di riferimento che ne determina la base su cui costruire lo studio e su cui far partire l'accertamento.
Agenzia delle entrate, Ministero dell'economia e Sose, società per gli studi di settore hanno risposto tutte e tre picche alle richieste di un contribuente di entrare in possesso dei dati che sono alla base della costruzione degli studi di settore.
Il motivo della richiesta è quello di potersi difendere da un accertamento fondato sugli studi di settore che attribuisce al contribuente un applicazione inesatta dello studio.

Italia oggi - 5 settembre 2012 - C. Bertelli - pag. 23

pms 06.09.12 05:52| 
 |
Rispondi al commento

le tasse sono altissime, è vero! l'hanno detto: siamo lo stato con LE TASSE PIù ALTE DEL MONDO.

ma perchè?

-perchè moltissimi italiani le tasse NON le pagano
-perchè la SANITA PUBBLICA è un diritto sacrosanto che ci costa un patrimonio, ma che viene offerta a persone che le tasse NON le hanno mai pagate
-perchè c'è elusone fiscale
-perchè ci sono mille e mille sprechi su cose inutili, superflue
-perchè LA POLITICA ed i POLITICI hanno mangiato e hanno dato da mangiare a chi gli pareva loro

-perchè molti dei soldi delle tasse, di chi le tasse le paga veramente col sudore della propria fronte (vedi me e mio padre), vengono regalati a persone che non hanno la minima voglia di far un demerito cazzo nella vita dalla mattina alla sera e che son qui come sanguisughe per farsi solo mantenere...vedi zingari miei vicini di casa!!

Alberto Z., PN Commentatore certificato 05.09.12 16:31| 
 |
Rispondi al commento

In Italia siamo tutti ladri......questa è la dura realtà. anche i dipendenti che acconsentono a farsi pagare qualche "fuori busta" in nero, sono ladri.......Non si salva nessuno. Bisogna smetterla di dare la colpa a Tizio piuttosto che a Caio il sistema è questo quindi ci sono tutti dentro...il fatto è che siamo arrivati al punto di non ritorno o si salta per aria e si riparte dal niente o in questo paese bellissimo e disgraziato non cambierà mai nulla. Amen

marina ferretti 04.09.12 09:26| 
 |
Rispondi al commento

ma veramente io lo dicevo gia' 15 anni fa, e la finanza in confidenza consigliava di adottare strategie per eludere le tasse come unica via per sopavvivere!!!!! MA GLI ITALIANI PREFERISCONO VIVERE FUORILEGGE (DA LEGGI ASSURDE) PIUTTOSTO CHE PRETENDERE LEGGI EQUE E DORMIRE TRANQUILLI, MA IL MASOCHISMO NON E' UN INVENZIONE, ESISTE E SI MANIFESTA IN VARIE FORME...QUESTA E' UNA DELLA PIU' STUPIDE! AUGURI ITALIANI.

Francesco Filippini 04.09.12 08:36| 
 |
Rispondi al commento

Che tristezza leggere commenti del genere di Faber C. "Si però per 30 anni guadagnavate 50 e dichiaravate 10"...
Io ho 31 anni ed ho aperto un attività con moglie e figlio a carico (senza dipendenti) e mi trovo nell'impossibilità di andare avanti!
Perchè cazzo devo essere paragonato alla vecchia generazione e perchè cazzo si deve fare di tutta l'erba un fascio!!!
E' come dire che tutti i dipendenti non fanno niente dalla mattina alla sera e rubano dai posti di lavoro (e ne conosco parecchi)!
Basta con le lotte tra dipendenti ed autonomi!
Non tutti sono ladri e non tutti sono fancazzisti.
Troviamo il modo di far scaricare tutto quello che si compra dalle tasse, dal pane al cinema, e tutti chiederanno scontrini e fatture.

Mauro Iacobelli 03.09.12 16:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il commerciante è sempre stato considerato il lupo nero, il Dracula dell'economia nostrana, per il semplice fatto che é facile da conoscere, é a contatto con la gente e quindi se quel poco che ha guadagnato lo mostra in pubblico viene invidiato, chi fa il dipendente nn capirà mai i sacrifici di una vita nel commercio perché é alienato dal suo lavoro, é necessario mettere le cose a posto ma bisogna sparare piu in alto dove c'è chi guadagna senza faticare( politici italiani) bloccassero i loro giri d'affari e poi vedremo un miglioramento. pura utopia!!!!

Frenk basta 02.09.12 22:53| 
 |
Rispondi al commento

Le tasse sono alte anche perchè le frodi allo stato sono molte.

Finte prime case, finte malattie, falsi indennizzi...
finchè faremo tutti finta di non vedere continueremo ad affondare assieme ai ladri.

E' anche responsabilità nostra denunciare gli sprechi, a prescindere dall'entità, affinchè la frode diventi ignominiosa e non più tollerata come semplice furbizia.

Gi.Bo 02.09.12 22:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Commerciante con reddito lordo di 50.000,00 euro"

DEVI ANCORA DIRCI IN COSA COMMERCI? cosa? dai fa un piccolo sforzo,faccio il commerciante di....??

danilo danito 02.09.12 20:24| 
 |
Rispondi al commento

Io non posso fare nero, ma capisco quei piccoli negozianti che riescono a farne un po'...ormai è legittima difesa.

Cristian Z. 02.09.12 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Bó secondo me dovremmo essere ancora più incazzati..la verità che sta gente che ci governa ci ha preso per il culo per cinquant'anni mi girano davvero le balle.. L'altro giorno ho fatto l'ennesimo colloqui di lavoro mi hanno offerto 400 euro in nero e mi hanno detto sai la crisi...e ho anche una laurea..mi chiedo dove abbiamo sbagliato per arrivare a questo..????

Un cittadino 02.09.12 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro faber c. secondo me tu vivi in un altro pianeta!!! Tu "lavoratore dipendente" alle 8 di sera finisci di lavorare e hai la mente più che libera per dedicare tempo alla famiglia mentre per il lavoratore autonomo non e' così! Cmq e' indiscutibile che la zavorra d'Italia e' la pubblica amministrazione intesa come burocrazia e dipendenti di cui il 60% dovrebbero andare a casa per vari motivi......

Luca Sparano 02.09.12 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Si però per 30 anni guadagnavate 50 e dichiaravate 10, poi a cinquantanni vi trovavate con due o tre appartamenti, andavate in pensione, al minimo, i vostri contributi versati non bastavano per la verità neanche per la pensione minima, il resto l'hanno dovuto mettere i dipendenti, dulcis infundum, continuavate a lavorare nell'attività di familia, a stare dietro un balcone non è che ti viene un'ernia.
Io lavoratore dipendente parto di casa alle 8 con la mia automobile, pranzo fuori al sacco, torno a casa alle 8 di sera ho lavorato 8 ore, l'idraulico, parte di casa alle 8 con il furgoncino, costi aziendali, pranza al ristorante, torna a casa alle 8, ha lavorato 12 ore...... Devi fare una traccia, col cavolo o te la fai tu, o la fai fare al lavoratore estracomunitario, devi sostituire la caldaia, non puoi andare a sceglierla da solo, te la porta lui, da 1000 che costava, te la fa pagare 2000, capisco un commerciate che ha il rischio di invenduto, i costi di magazzinaggio, ma l'idraulico che rischio ha?????
Bisogna fare un punto 0, tagliare le mani ai dipendenti pubblici corrotti, licenziare i fancazzisti, mettere una patrimoniale per tassare chi ha evaso, quindi abbassare le tasse per tutti.

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 02.09.12 12:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A questo momento ,quello che non mi sto bene in Nostro paese è ,
Un capo di famiglia o tutti due (sia lavoratrici che datori di lavoro ), con 12 ore lavoro di tutti giorni ,
Nonostante ci sono la difficoltà di pagare le spese dentista...occhiale da lente...le cose neccessarie per la scuola e buone per i pasti eccetera... affitto o rate mutuo di casa dove abitano i propri figli ...
Senza contarsi se Ci fosse aversi una macchina usata...
In questa situazione sicuramente è un "evasore" inevitabile...

Eppure visto le mani di Equitalia allungate fino alle merendine dei nostri figli...

Ma davvero i figli sono meno importante di personaggi di Equitalia ... perchè loro sono persone importanti???????????????????????????

Ori EN Tale Commentatore certificato 02.09.12 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Questo è tutto pizzo che si paga allo stato italiano, non sono tasse.

Luigi Di Pasquale, Margherita di Savoia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.09.12 10:25| 
 |
Rispondi al commento

volete leggere l ultima perla di renzi? su google scrivete......FORCHETTOPOLI A FIRENZE....legete e mettete su facebook la notizia

alessandro maiorano, firenze Commentatore certificato 02.09.12 09:26| 
 |
Rispondi al commento

La politica ormai avanzata della globalizzazione è mirata a consolidare solo le multinazionali.
E' un bluff quello di chiedere ai giovani di fare impresa, interesserebbe solo un'idea nuova su tante attività di vrcchio stampo, che verrebbe fagocitata subito dalle multinazionali per inglobarla nei loro interessi. Vedi i casi di giovani geni dell'informatica.
Basta pensare le offese fatte ai giovani da personaggitipo il defunto Padoaschioppa, che pensando solo ai suoi interessi chissà perchè ce l'aveva coi bamboccioni? Probabilmente aveva interessi nell'edilizia, lui o i suoi amici, e voleva far comprar casa anche ai disoccupati per poi tassarli di più e nel contempo cementificare.
Una volta, anche se stretti cisi sposava in casa e si accudivano figli e anziani contemporaneamente, chissà perchè ai nostri governanti non va più bene questo sistema anche se non danno servizi nè per i figli nè per gli anziani?

lella 02.09.12 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Genny sono da sempre una lavoratrice dipendente a 900 euro mese che sarebbero 1.800.000 lire , uno tipendio da fa...vola con le lire per una donna, uno stipendio da fa...me oggi se non hai, per miseria arretrata, casa di proprietà.
Ti rispondo da una che ha sempre dovuto pagarle in anticipo le tasse: credo che la lotta all'evasione sia una favola di tutti i governi perchè è chi fa e regola le leggi che evade per primo nel nostro paese.
Chi invece non è mai stato legato alla casta o cerca di evadere o sopravvive come il lavoratore dipendente oppure, in momenti di crisi come ora, affoga come il disoccupato, il 40enne o 50enne fucilato dall'ultimo dirigente tagliatore di teste.
Che lotta all'evasione vuoi che faccia chi scopre dopo 60 anni migliaia di falsi invalidi e defunti che percepiscono la pensione e non ha mai controllato niente?
Per loro la lotta e alzare le tasse a chi già le paga, altrimenti le lascerebbero ai livelli già alti della legislatura precedente e con i controlli a tappeto partendo magari anche dal sud taglierebbero la testa al fatturato della delinquenza e agli evasori totali e abituali.

carla 02.09.12 09:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Noto che tutti i commenti vertono sui "soldi"... chi è dipendente invidia e diffama gli imprenditori per il solo fatto che (forse) guadagnano più di loro. Chi ha un lavoro autonomo si lamenta dei dipendenti per il trattamento privilegiato che lo stato assicura loro in termini di assistenza e previdenza.

Questo è il "frutto" distruttivo della politica "divide et impera".

E' inutile e distruttivo, sono i classici discorsi polemici che non conducono a soluzioni che GUARISCONO la situazione - a fronte di queste polemiche al più si ottiene un comizio del cavolo, o una legge "populista" che attrae il voto dell'una o dell'altra categoria.

Il punto è che il commerciante dell'articolo non può resistere a lungo, la pressione fiscale, oltre che indegna, assurda, è prossima allo strangolamento totale.

Con questo sistema non reggono le ditte/imprese già avviate... cose note... notissime...

Le soluzioni geniali che arrivano dai "tecnici" è sempre e solo un aumento delle imposte per sanare i loro conti.

Ora, in questa situazione come potrebbe un giovane che esce dalle superiori o dall'università, pur avendone il potenziale individuale, ad aprire una piccola impresa? I primi anni servono da avviamento, le banche sono molto restie oggi a concedere finanziamenti... con la pressione fiscale descritta... sarebbe impossibile.

Lo stesso dicasi per un 40enne che, magari, ha già una esperienza con "cadute", e ora potrebbe ripartire facendo tesoro delle esperienze già fatte.

E' distruttivo invocare a soluzione lo "Stato-Poliziotto" che, da un lato si limita ad infliggere "pene", dall'altro finge di proporre un assistenzialismo indegno.

Per le imprese in crisi, invece di Equitalia, ci vorrebbe un Ufficio di Consulenza, che valuti singolarmente i motivi dei collasso di una ditta, e che aiuti a trovare soluzioni.

Questo fornirebbe "posti di lavoro utili", questo creerebbe dei circuiti VIRTUOSI.

L'importante è che gli individui si REALIZZINO, non siamo robot al servizio del fisco.

Antonio De Angelis 02.09.12 09:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se l'italia va avanti è solo grazie all'evasione perchè se tutti dovessero pagare tutte le tasse, nessuno riuscirebbe più ad arrivare a fine mese mangiando un giorno si e uno no. quello che bisogna fare è una rivoluzione pacifica per mandare a casa tutti i burocrati statali. uguagliare le pensioni dei politici a quelle degli operai, smetterla di buttare soldi dalla finestra per consulenze di lavori che non si faranno mai e un totale controllo sulle spese della politica con un tetto di stipendio per i politici che sia al massimo cinque volte lo stipendio minimo sindacale di un operaio. speriamo che il M5S riesca in qualcosa una volta arrivato in parlamento perchè seno la rivoluzione sarà l'unica via per cambiare il modo di fare politica in italia.

botticella roberto 02.09.12 08:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ambarabà cicicoò sei proprio un idiota e non hai capito che questo Stato di ladri fa conto sulla gente come te per continuare a derubarci tutti... e in un modo o nell'altro derubano anche te.
La benzina la paghi? La spesa la fai? Le tasse le paghi?
Qui se ci si mette dipendenti contro commercianti e liberi professionisti non si è capito proprio nulla!! Siamo tutti sulla stessa barca, tutti presi per il culo da un elitè di burocrati che da trent'anni a questa parte ha man mano preso coscienza che poteva fare ciò che voleva autoreferenziandosi e controllando l'informazione.
Per questo finanziano i giornali e solo grazie alla diffusione di internet e di blog come questo si vengono a sapere cose che neppure avremmo immaginato qualche anno fa.
Dovremmo stare dalla stessa parte contro i burocrati di stato che opprimono a forza di leggi, regolamenti e balzelli sempre più assurdi tutti i cittadini, siano essi imprenditori, operai, commercianti e dipendenti pubblici o privati.
Ancora non l'avete capito??? Saranno 500 mila persone a livello nazionale e locale che tiene in pugno 59 milioni di italiani - assatanati di potere e di denaro e voi qui a farvi la guerra tra poveri.... INCREDIBILE !

tregallinesuunidiota 02.09.12 08:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sempre a lamentarvi delle tasse ... e poi ci ricascate lo stesso! eh eh!

facciamo due conti, no!
Visto che anche Beppe dice:
«pagarle sarebbe giusto se si sapesse dove cazzo vanno » non è come invece manipola il detto...e lo cita come "evasore" alla berlusconi!

- le puttane costano
- la coca costa
- il viagra non so se lo passa la mutua! ih ih!
- mantenere tre aziende in borsa costano
- mantenere un'isola intera (Antigua) costa
- foraggiare vacche in Parlamento costano
- evolvere fondi a giornali che non legge nessuno costano (moltissimi sono nati dopo il nanazzo)

in più ci sono le spese generali di facciata

- le Camere Parlamentari
- gli stipendi
- la reggia del Quirinale
- l'autoreparto dello Stato
- la spartizione del bottino ai partiti

insomma....se le casse son vuote...qualcuno dovrà
pagare !

ma non era meglio pensarci ...al tempo giusto ?
magari , negli anni 90 quando si scoprirono certi
ladri ? -

no, eh! vabbè!


infatti,anche chi non ha mai evaso,ora ne e' costretto!!!!

Giovanni Amici 02.09.12 00:36| 
 |
Rispondi al commento

«La frode fiscale non potrà essere davvero considerata alla stregua degli altri reati finché le leggi tributarie rimarranno vessatorie e pesantissime e finché le sottili arti della frode rimarranno l’unica arma di difesa del contribuente contro le esorbitanze del fisco».

- Luigi Einaudi.

Giacomo C., Milano Commentatore certificato 01.09.12 23:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mamma mia...i forum del movimento son diventati come quelli di forza italia ( o del pdl ma è lo stesso)......gli argomenti sono terribilmente gli stessi ( e sempre quelli poi).....ma non sarà che c'è stata un osmosi da una parte all'altra??? Mi chiedo fino a due anni fà per chi votavano tutti quelli che ora sbraitano contro i politici corrotti e le tasse alte

Gianluca 01.09.12 22:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CHE SI DICHIARI IL FALLIMENTO DELL'ITALIA E SI SCIOLGA LE BRIGLIE AI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI ITALIANI, UNICI A POTER SPINGERE L'ECONOMIA ITALIANA E A DARE LAVORO AGLI ITALIANI!
L'ECONOMIA SANA E' QUELLA DI CHI SI METTE LE MANI IN TASCA PER INVESTIRE. TUTTO IL RESTO SONO SOLDI SOTTRATTI AI LAVORATORI E ALL'IMPRESA INTASCATI DAI SOLITI FURFANTI!!!

marco e Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.09.12 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Non è sostenibile. Il gioco non vale la candela, tenere in piedi l'attività è uno sforzo soggettivamente non ripagato dal magro guadagno. A meno che il piccolo imprenditore non si trovi nella situazione di aver bisogno di lavorare per vivere (cioè nella stessa situazione di un operaio). In quel caso il gioco ovviamente vale la candela, nel senso che è meglio quel magro guadagno che nulla.
Ma è di fatto una situazione di sfruttamento.

Questa dei piccoli imprenditori nella stessa posizione di un proletario, sta diventando una situazione molto comune in italia

L'unica possibilità è annullare il debito pubblico, dichiararlo 'debito iniquo'. E dopo ridurre le tasse.

Za Stalinu 01.09.12 22:07| 
 |
Rispondi al commento

ti sei dimenticato un altro aspetto di non poco conto: prima bisogna trovare qualcuno che ti ordini la merce e poi incassare le fatture; attualmente un imprenditore paga le tasse e versa l'iva anche se le fatture che ha emesso non sono state incassate. Risultato..........evasione inevitabile

andrea 01.09.12 21:51| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo qui dato che leggo solo ora la replica al mio post delle 14.
Mi sembra di capire che la materia sia conosciuta. Non è dato sapere se si parla come dipendente pubblico o da chi materialmente mette mano al portafogli.
Allora, lo sciocco ragionamento per cui l'acconto me lo ritrovo l'anno successivo credo di averlo già menzionato. Si paral di valori assoluti, non di conti saldo/acconto/anticipi e così via. Si è arrivati al punto di rateizzare le tasse, ci si inventa l'avvso bonario nel caso di carente/omesso versamento. Ma ci si rende conto di dove siamo arrivati?? E' un lusso vivere in Italia.
Spiace però che un addetto ai lavori sia così cieco da non vedere. Sia che si tratta di un dipendente pubblico o di un consulente privato, possibile che non si renda conto di ciò che lo circonda? La ricchezza disponibile di un paese è quella, non è disponibile altro. Se il privato ha un socio al 70% e tale denaro denaro lo dà alle banche e non ritorna al cittadino stesso sotto forma di servizi, tutele, assistenza, urbanizzazione reale, assistenza pensionistica che il cittadino ha pagato, significa che il cittadino tali servizi li pagherà due volte: una allo stato (che non restituisce) e l'altra per il servizio richiesto. Con conseguente avvio verso la miseria sempre più nera. Ma ancoro più evidente è la linea truffaldina quando parliamo di pensioni: oggi chi versa i contributi non forma un piano di accumulo per le proprie rendite pensionistiche, ma paga la pensione ai pensionati attuali. Premesso che è una pratica illegale, che nessuno si sogna di sollevare ma è così, la domanda è: dove sono finiti i contributi versati dagli attuali pensionati?

Gian A 01.09.12 21:51| 
 |
Rispondi al commento

Chi lo và a dire all'onorevole casini che il Suo governo Monti Che Lui tanto colpevolmente e
coscientemente sostiene ha rovimato definitivamente l'Italia? Basta leggere i commenti all'articolo per capire che la gente è già abbondantemente oltre la soglia di sopportazione e che inevitabilmente qualcuno risponderà alla mancanza di possibilità di sopravvivere con gesti che a questo punto non potranno essere che comprensibili.
Quante tasse pensate che entreranno nelle casse di questi scriteriati l'anno prossimo, considerando le migliaia di aziende che quest'anno hanno chiuso, stanno chiudendo e chiuderanno?. Quantio lavoratori dipendenti nel futuro prossimissimo finiranno la cassa in tegrazione speciale e diventeranno disoccupati, moriranno di fame o dovranno rubare per vivere?.
Secondo Voi, si può brutalmente definire una presa per il culo, andare al meeting a Rimini a dire che stiamo uscendo dalla crisi, cosa che ha fatto il nostro presidente del consiglio?. Ma quelli che partecipano al meeting, che applaudono, ci sono o ci fanno?.

Quanto tempo ancora vogliamo prendere in giro gli italiani prima di prendere in mano brutalmente la spesa pubblica, iniziando da lorsignori i nostri parlamentari, tagliare di brutto gli stipenti quelli alti, diminuire gli sprechi, azzerare le Pensioni d'oro, punire severamente gli amministratori irresponsabili?.
O vogliamo aspettare che scoppi una rivoluzione prima di agire?. Perchè continuiamo a parlare di evasione fiscale, quando si sa perfettamente che il più grande mancato pagamento delle tasse viene dalla elusione?.
Perchè mandiamo i nostri finanzieri fuori dai caffè di Cortina e non a controllare i bilanci delle banche che per non pagare le tasse sugli utili, creano dei mega fondi rischi, fuorilegge? .
Gradirei una risposta prima dall'onorevole Casini, poi da tutti gli altri, corresponsabili, anzichè sentire raccontare le solite cazzate.
saluti.

gilberto serafini, gradara Commentatore certificato 01.09.12 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Si dimentica la cosa piu importante: IL RISCHIO!

Se due o tre clienti non ti pagano o falliscono ti trascinano con loro e perdi tutto quello che hai e che avevi prima

Flacco 01.09.12 21:27| 
 |
Rispondi al commento

ABOLIRE LA TASSA SUL PASSAPORTO!......LADRI!!!!!!!

MARIO MONTI 01.09.12 21:25| 
 |
Rispondi al commento

50.000 euro lordi l'anno e ti lamenti ?

Evidentemente l'attività ti va bene..... basta solo evadi un pò di tasse e vedrai che sei a cavallo! Scherzavo eh!

Osram 01.09.12 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Non credo che questo articolo abbia bisogno di commenti. Si ricredano per cortesia quelli che pensano che ogni lavoratore autonomo o imprenditore è un ladro. Qui gli unici ladri, impuniti e potenzialmente impunibili sopno quelli che ci governano, che a fronte dell'articolo in oggetto credo che si possano definire anche delin-
quenti, in quanto al carico fiscale ed all'uccisione della nostra economia.
Motivo per mandare chi di dovere, improrogabilmente a casa, salvo verificare in inseguito se il loro operato possa avere responsabilità di carattere penale. Per quello che mi riguarda, basta leggere quanto sopra, la risposta è inequivocabilmente: SI !!!!!!!!!.
Saluti

gilberto serafini, gradara Commentatore certificato 01.09.12 21:14| 
 |
Rispondi al commento

da molti anni tutti ne parlano e nessuno fa nulla. L' ultima speranza è il M5S

maria t. Commentatore certificato 01.09.12 21:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A parte il livello di tassazione piu' alto della galassia, se non dell'universo intero, cio' che affloscia il mio spirito imprenditoriale sono gli acconti, che sottraggono anticipatamente risorse per lo sviluppo della mia azienda. Per questo motivo rinuncio ad assumere una persona. Chiedo cortesemente ai dipendenti di astenersi da critiche, visto che lo sono stato pure io per lungo tempo.

pietrone 01.09.12 21:07| 
 |
Rispondi al commento

Il problema caro gennypisani non è che tu paghi una cifra e lavori. Il problema è radicato nella MOTIVAZIONE DEL PAGAMENTO. Le tasse si pagano NON a fronte di servizi offerti, infatti questi ultimi sono elargiti da gente come te che è sovrastata da tasse e chiamata in causa dagli Enti a fare i lavori. Le tasse si pagano per mantenere i SACERDOTI DELLA RELIGIONE DI STATO. La religione di Stato prevede delle regole. Ci sono quelli che entrano nei seminari della religione Stato (scuole e Università) fin dalla prima ora e superano tutti gli esami in tempo e vincono i concorsi in fretta. Ecco, una volta entrati, questi sacerdoti del tempio di Stato acquisiscono il DIRITTO A PIGLIARE lo stipendio perchè hanno dimostrato di sapere fare, poi che cosa diavolo fanno in questi posti di Stato lo sa solo dio o meglio spesso lo sanno anche gli adetti ai negozi, le prostitute, i custodi dei centri commerciali dove questi signori passano molto tempo. Hanno spesso il dono dell'ubiquità visto che nell'ufficio pubblico risultano essere presenti perchè diabolicamente hanno timbrato il badge. In ogni caso loro meditano di continuo come fare a trovare un motivo per imporre un balzello e hanno in mente strane diavolerie per dimostrare che tu guadagni cifre che vanno al di là di quelle dichiarate. Come minimo ti danno le COLPE di metà del debito pubblico per evasione e qualcuno cerca di farla finita solamente per i debiti pubblici che si sente gravare nel cervello. Monti è un cavallo di razza in questo senso, è uno di quelli che riescono a girare qualsiasi situazione, ad aumentare la tassazione, a liquidare i tuoi diritti acquisiti pensionistici e a darti le colpe di qualsiasi difficoltà economica che attraversa l'Italia (le colpe a te, i soldi a me) , riesce persino a manipolare indici, e per finire ragiona con scudi che finora nessuno era nemmeno riuscito a concepire come lo scudo antispread. Monti è il Sommo Sacerdote della religione di Stato italiano!

mario mario Commentatore certificato 01.09.12 20:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Italia ci sono tre milioni e duecentomila dipendenti pubblici che usano trecentomila consulenti per svolgere il lavoro che non sono capaci di fare perchè assunti da politici con scambio di voti, tutto questo ci costa mediamente 200 miliardi di euro l'anno! Spesso questi dipendenti pubblici si scagliano verso i commercianti accusandoli della troppa evasione, che logicamente li danneggia.. i commercianti evadono e aumentano i prezzi per far fronte alle troppe tasse che servono per pagare i stipendi dei dipendenti pubblici!! Siamo mucche che mungono altre mucche!!

Commerciante Fiducioso 01.09.12 20:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...disobbedienza fiscale....tutti ma proprio tutti non paghiamo gli acconti di novembre...e che vengano a prenderci uno alla volta...aspetteremo solidali pronti ad aiutarci

Cristiano 01.09.12 20:31| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO TUTTI NELLA STESSA BARCA.
Vivo la tua stessa condizione e vado avanti finchè resisto (penso ancora pochi mesi).
Dopo dovrò dire ai miei dipendenti di rivolgersi a Passera che tra la vagonata di miliardi (inesistenti) da impiegare per le grandi opere che non servono a nessuno se non alle mafie, lasci qualche spicciolo per le loro famiglie.
Dobbiamo riaffilare la lama della ghigliottina.

Elia Porto 01.09.12 20:24| 
 |
Rispondi al commento

Se paghi muori se non paghi ti fanno morire, allora qui deve scattare la violenza e riprenderci il futuro.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 01.09.12 20:11| 
 |
Rispondi al commento

non sono d'accordo chi prende uno stipendio lavora e va rispettato...prendersela con le ultime ruote del carretto o peggio, paragonarli ad altre realtà è sbagliato...!non siamo qui a fare lotte di classe o di categoria!..l'importante che la gente lavori in modo utile e sia messa in condizioni di farlo!
purtroppo hanno tenuto fino ad oggi la notizia nascosta,ma 180.000 lavoratori rischiano di perdere il lavoro e le aziende una mriade rischiano la chiusura...!ma la domanda è questa:..perchè questi dati sono diffusi solo ora? eppure lo sapeva Monti e l'abc che avrebbero portato al dissesto economico il paese se avesse insistito con questa politica!!!
Fior fiore di economisti è da mesi che stanno lanciando messaggi a questi cialtroni che governano che con questo andazzo avrebbero messo ulteriormente in crisi l'italia...allora perchè dire che l'autunno sarà caldo...quando il fuoco l'hanno acceso loro!!
Ve lo spiego io...il Grande economista Rigormontis..pensava che con lui lo spread scendesse a 300-200 punti...così non è stato in primavera inizio estate..ma così non è stato e non lo sarà....e lo spread è sempre a 450ptb...quindi il sacrificio non è servito a nulla e dopo 10 mesi stiamo messi peggio che meglio...a fallito lui e la banda dell'ABC!..la matematica non è un opinione!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 01.09.12 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Hai perfettamente ragione,solo che il lamentarsi non sortisce nessun effetto.Bisogna agire,e subito,ma temo che sia necessaria una debacle totale,per capire tutti,quello che adesso è chiaro a pochi.

biale mauro 01.09.12 19:48| 
 |
Rispondi al commento

By the way,
considero il primo evasore il parassita che prende dallo Stato stipendio o super stipendio, rendita, vitalizio o altro ,SENZA PRODURRE NIENTE!
Questi non dà nulla alla società, toglie solo.
Le sue tasse sono solo una scrittura contabile fittizia, il suo reddito è NETTO, la sua evasione fiscale è totale.
Questi non solo non produce, non dà, ma addirittura è un danno per la Società.
Fa danni con la sua negligenza,inettitudine, supponenza, incapacità di governare questo Paese.
La sua evasione fiscale è al diecimila per cento.

POPULATION BOMB 01.09.12 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Artigiano o Operaio, commerciante o libero professionista, la differenza stà nella persona onesta e non nel lavoro che ha deciso di svolgere...... l'occasione fa l'uomo ladro? Forse è così ma la situazione attuale andrebbe analizzata con un po' di obbiettività in più. È un discorso da affrontare con una maturità che al momento non ci appartiene...... Troppi luoghi comuni spostano lo sguardo dai veri problemi che attanagliano l'italia...... E gli Italiani...... Spero che il Movimento 5 Stelle abbia davvero il coraggio di intraprendere la strada del cambiamento, quello vero...... Ma la cura sarà amara per tutti... O non ne usciremo mai.....

Igor Giorgis 01.09.12 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Insomma!!!

Basta lamentarsi!!!

Il socialcomunismo in qualche modo va finanziato e voi sporchi capitalisti che avete voluto aprire un'attivita' in proprio e' giusto che ne paghiate le conseguenze.

Ovvia!!!


E non si dimentichi che bisogna versare IVA e tasse anche se non ti hanno pagato per il tuo lavoro! Anche se sei in causa contro dei furbi lestofanti che approfittano delle leggi italiane e delle lungaggini legali!


Do il mio modesto contributo, da ex dipendente ho avviato un'attività di grafica e animazione, dopo più di 10 anni da dipendente in un agenzia.
Per il primo anno ho potuto contare sul regime dei minimi, e con poco fatturato ho potuto contare quasi sullo stesso stipendio annuo da dipendente con 11 anni alle spalle.
Quest'anno con le varie manovre sono passato al regime classico, quindi Iva, Irpef ecc...
Sinceramente l'aliquota al 20% e senza Iva è stata utile per partire senza troppi pensieri alle tasse, avessi dovuto iniziare già così ci avrei pensato un po' di più, credo che uno startup tipo di 5 anni ad ogni nuova azienda con condizioni di questo genere sia utile per un buon avvio.

Quello che mi lascia basito, dal mio punto di vista, è vedere tanti progetti e tante gare messe in piedi con tutti i crismi, ma fatte sostanzialmente per far finire i soldi in grosse aziende e grosse realtà che necessariamente non hanno fra i loro dipendenti le maestranze necessarie e si affidano a esterni che pagano una miseria.
Risultato, ho visto gare vinte al ribasso senza criteri, da cifre tipo 120.000 euro, i cui veri lavoratori sono costati non più di 15.000 euro.

La mia vecchia azienda partecipava alla gara perchè aveva nel curriculum le mie competenze, io, da solo non potrei (e non vorrei) partecipare a cose di questo genere, eppure potrei garantire lo stesso risultato a 50.000 euro, mettendo tutto in regola e facendo guadagnare di più 6/7 persone, piuttosto che un paio, che con i loro imbrogli mettono in ginocchio le stesse 6/7 che avrebbero lavorato per mesi al progetto, prendendo una cifra ridicola.

Come queste, immagino ci siano decine di realtà dello stesso tipo, dove alla fine non c'è altro che un flusso di denaro creato per far finire i soldi in certe tasche, garantendo servizi più costosi e di scarsa qualità.

Perchè non si cominciano a riconsiderare seriamente certi meccanismi o non ci si muove per mettere in chiaro certe procedure?

Giancarlo D'Incognito 01.09.12 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Io faccio l'artigiano da 10 anni prima ho fatto l'impiegato in una media impresa per 7 anni ....la soluzione ai mali dell'italia? basterebbe certificare qualsiasi transazione di moneta con l'utilizzo della carta del codice fiscale..es io compro il caffè e invece dello scontrino il commerciante mi striscia il codice fiscale, a fine anno lo stato mi riaccredita una percentuale sull'iva da me pagata tipo il 5%!!! Con questa semplice e attuabile soluzione in una notte possiamo far emergere tutto il nero compreso quello della mafia e dei politici corrotti!! Se non hai niente da nascondere non avrai nessun problema a certificare le tue entrate e le tue uscite!!

Commerciante Fiducioso 01.09.12 18:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hanno ragione tutti,i commercianti e lavoratori dipendenti,il problema stà a monte,in questo paese si pagano troppe tasse senza poter detrarre niente o poco niente,un sistema fiscale intelligente è quello Americano dove tutti ripeto tutti detraggono le spese e sul resto pagano le tasse.Ti becco ad evadere finisci in galera e butto via le chiavi.
Se tutti pagassero le tasse in maniera equa forse non ci sarebbe bisogno di evaderle,c'è gente che evade per sovravvivere ed altrettanti che lo fanno perchè pensano di essere più furbi di altri,vezzo di moda sopratutto al Sud Italia,non pensate che sono razzista,ma ho gli occhi e le orecchie per vedere e sentire.

Fabio Galgaro, Trieste Commentatore certificato 01.09.12 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Penso che sia proprio ora di finirla,non ne possiamo più,ma come dico sempre la colpa Non può essere che solo nostra,sarebbe ora che ci ribellassimo al sistema e questo bisogna farlo prima che sia troppo tardi per tutti

Franco Stuttgard 01.09.12 17:41| 
 |
Rispondi al commento

aggiungiamo che i 50,000 spesso non sono neanche l'incasso reale, ma quello che lo stato IPOTIZZA che tu debba guadagnare...a giugno al momento delle tasse...ADEGUATI altrimenti escono i controlli...io ho incassato 10,000 e pago le tasse per 50,000...consiglio del Sig.Commercialista!!!!..."sa signora se escono i controlli...qualcosa trovano sempre, meglio evitare"
Sto cercando di chiudere...ma costa anche quello..
GRAZIE ITALIA

maria cazzaniga Commentatore certificato 01.09.12 17:35| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

In definitiva ci spacchiamo la schiena per far ricco chi ci governa, 12 ore al giorno, 7 giorni la settimana, costretti a lavorare anche quando non si sta bene, perchè avere un'attività commerciale o artigianale richiede questo. E lo faresti volentieri se comunque avessi un giusto ritorno economico, e invece il frutto del tuo duro lavoro va a questi ladri, a chi lavora solo le briciole, che al massimo ti consentono una sopravvivenza senza dignità. questa è schiavitù, ci hanno ridotto come gli schiavi, denunciamoli tutti.

marzia m., palermo Commentatore certificato 01.09.12 17:34| 
 |
Rispondi al commento

I commercianti e gli artigiani fanno sacrifici insopportabili poi, quando tutto va male, licenziano tutti e, chissà come,a differenze dei dipendenti licenziati, conducono vita da nababbi! Come mai?

nataniele m., stresa Commentatore certificato 01.09.12 17:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Boh!
A parte la camm. di commercio, e l'irap, io dipendente pago le stesse tasse, su un imponibile che è un terzo di quello del post, ovviamente!
L'irap poi anzi, la pago anche io per la mia parte, ma me la versa il datore di lavoro, credendo che siano soldi suoi!
Chissà se un giorno vedrò un post di un lavoratore dipendente sui mille euro!

luca ., Ancona Commentatore certificato 01.09.12 17:11| 
 
  • Currently 1.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo modello di sviluppo bastao sul consumo è finito! Siamo ala frutta! Parola di commerciante!

roberto fanelli 01.09.12 17:08| 
 |
Rispondi al commento

E' un po' come il principio dei vasi comunicanti: tutto ciò che finisce tra le fauci del sistema politico e gli apparati connessi, nella logica spartitoria che tutti conosciamo, non è che levata a chi produce reddito
con sacrifici,competenze e rischi propri.
Il debito pubblico non è solo frutto di un sostegno economico o sviluppo infrastrutturale che non è stato mai pienamente realizzato, piuttosto, questo è stato prodotto dallo sperpero di danaro pubblico al servizio della politica e della corte di palazzo: decine di apparati burocratici inventati per creare poltrone ed assunzioni clientelari; centinaia di inutili assunzioni nel pubblico impiego al sud senza alcun beneficio in termini di servizi ed efficienza; enti ed apparati votati alla vessazione creati per pompare soldi dalle vere macchine produttive che sono le piccole e medie imprese. Ne è un esempio Equitalia, le cui assunzioni sono state sistematicamente assistite dalle mafie territoriali (le stesso poi pronte ad intervenire per entrare legalmente in possesso di beni pignorati a tutti coloro che non ce l'hanno fatta utilizzando soldi di provenienza cisì detta illecita. Che strano! La stragrande maggioranza di impiegati di Equitalia è costituita da calabresi, pugliesi e sopratutto campani e siciliani.
Aggiungerei un ulteriore balzello a quelli già citati: IL PIZZO, la tassa illegale che, con buona pace dello stato, in Calabria paghiamo da decenni.

Massimo D., Cosenza Commentatore certificato 01.09.12 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Avrei sempre voluto aprire un negozio, ho sempre desistito, sapete perché?
Mi sono fatto quattro conti prima di aprire è ho capito che non conveniva.
Pensate non era conveniente, se si pagavano tutte le tasse già parecchi anni fa.
La matematica serve.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.09.12 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Non so più che dire. Hai guadagnato 1000 euro al mese, benvenuti nel regno dei poveri, hai la potenza d'acquisto di un operaio. Chiudi l'azienda e se trovi un'occupazione fai l'operaio. Tanto gli operai come si suol dire non hanno grattacapi.


Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.09.12 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Ristabiliamo le proporzioni :

"Evasione fiscale IN CIFRE (e non in percentuali fuorvianti) in Italia:
1) L'economia criminale (mafia e malavita): 78,2 miliardi di euro l'anno.
2) Big company (le grandi aziende): 38 miliardi di euro l'anno.
3) L'economia sommersa (extracomunitari e doppio lavoro): 34,3 miliardi di euro l'anno.
4) Le società di capitali (spa e srl): 22,4 miliardi di euro l'anno.
5) Autonomi e piccole imprese (idraulico e parrucchiera): 8,2 miliardi di euro l'anno."

http://www.beppegrillo.it/2012/08/i_veri_evasori.html

POPULATION BOMB 01.09.12 16:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

maledetti basta.di sono ancra vivo.

ubert 01.09.12 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Mio padre ,anno 1946, nessuna futura pensione,moglie a carico e affitto da pagare,piccolo padroncino: totale fatturato euro 38.000,totale al netto di imposte e spese euro 6.000.
La sottoscritta attività aperta nel 2004 con mio fratello, entità di sacrifici enorme, entità guadagno...attività chiusa un mese fa, debiti ancora inevasi tanti,disoccupati con zero prospettive.
Buona giornata a tutti

stefania uggeri 01.09.12 16:29| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Si deve evadere se si continua così!

Donatella landi 01.09.12 16:09| 
 |
Rispondi al commento

a scusate mi scordavo di dire : tutti coloro che lavorano in propio e fanno solo conto sulla loro bravura è più che giusto che guadagnino bene direi sacrosanto
io non posso prendere lo stipendio di un operaio che lavora 8 ore 5 giorni la sett ,per il semplice fatto che lavoro sul mio 10 11 ore al giorno 6 giorni la settimana e nessuno mi garantisce o mi tutela se mi ammalo so cazzi, quando c'è lavoro va tutto bene ma quando non c'è i soldini li tiriamo fuori di tasca da quel gruzzolone che credete infinito perchè i commercianti sono evasori e furbetti
credetemi non è cosi' come la vogliono raccontare c'è una differenza tra avere i soldi per comprare la cartella ai bambini e avere barche mega intestate a chi sa chi ,spero che tutti gli artigiani e commercianti un giorno riescano ad avere perlomeno un moscone o un patino a remi
perche una barca mega piena di tr..e non la avranno mai ,in italia lavarando per conto propio e onestamente i soldi non li fai .
se avete uno stipendio fisso assicurato per favore non piangete per voi la crisi non esiste

giacomo sonnati, firenze Commentatore certificato 01.09.12 16:05| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

un giorno prima dell'euro al supermercato=1kilo di fettine medie lire 13.ooo ilgiorno dopo 13 euro!!!!miracolo!e raddoppiato!!!casa di mia figlia comprata sei mesi prima lire 200milioni tre mesi dopo l'euro al piano di sotto il costruttore a venduto l'appartamento con gli stessi vani 220000euro miracolo!!!!e raddoppiata,peò a noi ci pagate in lire!!!!!!!

giovanni paglia 01.09.12 16:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho letto un po di commenti non tutti in verità , ho letto un discorso su quanto si sono aricchiti i commercianti quando è venuto l' euro ,io lavoro in propio e vi posso garantire che la colpa non è del commerciante la colpa è di chi non lo ha controllato volontariamente : ora vi spiego
paghiamo il 60 % di tasse ok ,il 60% di 1000 lire quanto è ........... ora provate a fare il 60 % di un euro è il doppio ecco perche nessuno ha controllato è entrato il doppio dei soldi
chi sa come son stati spesi e sperperati tutti quei soldi.
correggetemi se sbaglio

giacomo sonnati, firenze Commentatore certificato 01.09.12 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Avere rotto attaccando sempre i commercianti. Io che lavoro dal lunedì alla domenica quasi 13 ore al giorno, senza che mi paghino ferie ed infortuni e che devo aprire l'attività anche con 40 di febbre, mi sento un tantino di rodere a guadagnare duemila euro al mese e sentirmi dire che sono un evasore quando quel poco di nero che faccio mi serve x arrivare a 2000 euro. Gli acconti sono una bufala, tanto non si detrae più nulla. Aumenti su aumenti, dobbiamo state attenti ad acquistare anche un auto perché mi aumenta l'irpef. Il sommerso non siamo noi, un medico specialista evade in 10 giorni ciò che faccio io di nero in un anno. Andare a rompere le palle a chi fa davvero 300 miliardi di evasione. Compreso avvocati, notai e chi più ne ha più ne metta. ah dalle 2000 euro io scalo bollette della luce, spazzatura e imu che un dipendente non paga x il proprio posto di lavoro.

GiancarloPao 01.09.12 15:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

hanno messo monti alla guida dell'italia è arrivato il genio dell'ECONOMIA , bene una mamma in una famiglia sana cosa avrebbe fatto ? primo ridotto tutte le spese inutili , secondo aiutato chi produce a produrre di piu e aiutato chi non produce a produrre,terzo verificato chi tra i familiari ruba alla famiglia trovato sequestrato tutti isoldi che ha.
Governo monti che ha fatto lasciato stare le uscite anzi forse aumentate, aumentato il carico a chi pagava le tasse , ridotto le pene a chi non li paga , e creato le condizioni per far affondare chi produce.per risolvere i problemi dell'italia non occorre nessuna alchimia , basta ridurre tutti i privileggi , mandare a casa i parassiti statali che non lavorano (no quelli che lavorano che ce ne sono tanti ma quelli che non lavorano e che spesso sono i piu raccomandati.in fine ma non di minor importanza aprire tutti i conti d'italia e all'estero di italiani,chiedere la provenienza del contenuto e se non giustificata requisita dallo stato per togliere il debito pubblico(nessun carcere) , creare ununica tassa per tutti del 20% ma chi evade immediatamente chiusura dell'attività o se vi è personale farla gestire da un commissario , e sequestro di tutti i beni non giustificati.con questo semplice correzzione tranquilli che tutti i problemi si risolvono e che solo i ladri i politici e gli evasori si lamenteranno

andrea 01.09.12 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Sara' anche vero che molti sono i furbetti,(il fruttivendolo o il barbiere sara' capace di aprire un conto estero e il suo utile farlo arrivare li' senza che lo STATO se ne accorga).Ma io dico ci vuole tanto che in ITALIA si riducono drasticamente le tasse (magari anche quei furbetti diranno "bhe mi conviene stare in Italia invece di fare tutta una tiritera"), e nello stesso tempo fare una legge penale che ti diano non 3 o 5 anni di galera, ma bensi' 15 anni (da scontare x intero).Spero che il M5S una volta che andra' in Parlamento (spero alle prossime elezioni) di dare priorita' a queste due attuazioni (credo molto semplici) affinche' l'economia riparti veramente!!!!
P.S. MA TUTTE STE' VOCI IRAP,IRAS,IRPEF,ILOR, invece di chiamarle TASSE io li qualificherei in PIZZO AUTORIZZATO!!!!

tranzillo daniele 01.09.12 15:29| 
 |
Rispondi al commento

e' un grande dubbio per me , fisicamente oppure fiscalmente ancaora vivo
fino oggi, per non essere un morto di fame... ... ...

Ori EN Tale 01.09.12 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Al conto manca il fatto che in cio' che ci rimane, dobbiamo pagarci anche l'IVA su cio' che spendiamo: se decido di comprare del pane, devo pagarci l'IVA, cosi' come per comprare la benzina per andare a trovare la nonna, etc.

Non parliamo poi del fatto che le mie tasse dovrebbero servire per la sanita' nazionale, ovvero a pagarmi un letto d'ospedale o qualche analisi... con i tempi di attesa devo andare in strutture private e mi costa ancora di piu'!

Lo scopo del governo e' quello di prendere quanti piu' soldi e' possibile, tirare quanto piu' sangue possibile ad un malato terminale, e poi tanti saluti, noi moriremo (imprenditori o dipendenti, statali o privati, e' indifferente) e loro vivranno

Gerardo Giordano 01.09.12 15:26| 
 |
Rispondi al commento

A volte mi domando qual'e' lo scopo occulto di mettere le categorie l'una contro l'altra (ad esempio: imprenditori-dipendenti)

Non si potrebbe semplicemente utilizzare la moneta elettronica per tutti i pagamenti ?

In questo modo non essendoci moneta in circolazione ma solo carte di credito, tutto il ''nero'' sparirebbe

Non mi sembra un problema per le persone oneste, pagare e ricevere i pagamenti con le carte di credito ...

alessandro z., Bangkok Commentatore certificato 01.09.12 15:22| 
 |
Rispondi al commento

Italiani gente senza coglioni, senza serietà e solo quaqquaraqqua!!! Sono un imprenditore, sono stufo di mantenere il sud e tutti i parassiti. Me ne vado in Germania. Ciao italianiiiiiii.... Divertitevi!!!

Salvatore d'amato 01.09.12 15:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

... Basta un po' di tempo e leggere su questo blog , o altri , navigando in rete e così via cercando di capire in che cazzo di situazione siamo messi che ci si rende conto di una cosa fondamentale : Questo paese innanzi tutto è fatto di persone intelligenti . Capita di leggere qualche minchiata assurda del solito caprone , ma credo sia opera di qualche politico mancato . Preso atto di non essere : mafiosi,camorristi,evasori,razzisti,assassini e così via (praticamente come veniamo descritti dall'informazione), sola una affermazione rimane : Siamo noi che imponiamo allo stato cosa fare . Se continuiamo a non fare nulla potremmo in qualsiasi momento essere accusati di qualcosa . Gli attori della democrazia sono stati sostituiti con sagome di cartone , non importa da chi , tanto non ci si capisce un cazzo è inutile farsi una cultura politica ... a cosa serve ? Guardati in torno ! ed ecco i risultati . Io non mi sento in colpa per ciò che succede in Italia , ma mi sento incazzato per ciò che subisco in italia , non sono comunista e nemmeno fascista ne liberale e tanto meno democratico ..ascolto l'informazione e andrò a tirare fuori dalla tomba mio nonno perché era un fascista e lo accuserò e mentre ci sono tiro fuori anche il vicino che era comunista , magari ci attacco dei fili e li faccio combattere come i Pupi siciliani . Tante cose sono state dette , da uomini intelligenti che erano bianchi , gialli , blu ( i verdi no scusate l'ironia ) si prende sempre la parte buona e la si usa , di chi la detta chi se ne frega ! I pochi rimasti a poter esprimere frasi intelligenti sono i comici perché ?I professori forse stanno già governando ? I comici sono come il popolo Italiano : intelligenti e quindi ironici perché si rendono conto di cosa li circonda . Non disperiamoci di ciò che ci accade per causa delle banche ,del governo, dell'agenzia delle entrate ecc. tanto viviamo ugualmente e forse anche un po' più motivati a riprenderci il potere decisionale . Il potere al popolo !

Alfredo P. Commentatore certificato 01.09.12 15:20| 
 |
Rispondi al commento

e' un grande dubbio per me , fisicamente oppure fiscalmente ancaora vivo fino oggi, per non essere un morto di fame... ... ...

Ori EN Tale 01.09.12 15:17| 
 |
Rispondi al commento

A quelli che credono che i commercianti siano solo evasori vorrei dire che sono i piu' tassati del "mondo" e che sono loro che creano il lavoro dipendente. Voglio inoltre ricordare che le tasse sovraindicate sono pagate non solo da commercianti ma ancge da professionisti, elettricisti, meccanici, idraulici, gommisti ......... etc. etc..

P.S. Ci tengo a dire che io non sono un commerciante. Grazie.

Alessandro Fiore 01.09.12 15:14| 
 |
Rispondi al commento

benvenuto in Italia!

Bob C., Rieti Commentatore certificato 01.09.12 15:13| 
 |
Rispondi al commento

è vero ed è sbagliato metterci uno contro l'altro...ma certo che per anni con la storia dell'euro voi commercianti ci avete guadagnato e non poco....adesso è facile denunciare quando si mette male anche per voi...

Davide 01.09.12 15:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

faccio una domanda magari stupida:
incredibibilmente sono riuscito a trovare un paese dove non esiste nè un bar nè una tabaccheria,dal momento che sono disoccupato da fine maggio e che a 35 anni per lo stato sono vecchio non riesco a trovare lavoro e mi sono buttato per aprire un piccolo bar tabaccheria,siccome non ho trovato un immobile da affittare ho chiesto in comune un pezzo di terra,la loro risposta è stata la seguente:in effetti il paese è scoperto e il comune sta pensando ad un bando,morale io che ho avuto l'idea non avendo un euro il bando lo perderò e come al solito chi avrà soldi ne farà altri mentre chi non ne ha non ha la possibilità di farne.secondo voi questo è un paese libero e democratico????
saluti da castelfranco emilia!

luca casali 01.09.12 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Beh, io faccio il portalettere e guadagno circa 15.000 euro annui. Insomma, allora tra me e quel commerciante la differenza e pochi spiccioli. Forse, se egli paga tutte le tasse magari è così. Ma ricordiamoci che c'è un'evasione fiscale pari a 300 miliardi di euro all'anno ( FONTE: borsaitaliana.it )quindi molti commercianti fanno i furbi e le tasse che dovrebbero pagare loro li pago io e questo commerciante in oggetto. ALLORA BISOGNA INASPRIRE LE LEGGI SULL'EVASIONE FISCALE COME IN AMERICA: CHI EVADE DEVE ANDARE IN GALERA (superato un certo importo, ovviamente)! Chissa' quanti evasori ci penserebbero più di 2 volte prima di esportare capitali all'estero illegalmente!

Mario 01.09.12 15:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

voglio ribadire che l'obbiettivo principale è dare più soldi ai lavoratori dipendenti e pensionati e per questo che sostengo che tali redditi fino a 13.000 euro netti all'anno non devono essere tassati ne con IRPEf ne con addizionali, questo è il minimo vitale.La tassatività va spostata sul consumo e non sul reddito,l'evasione va combattuta e chi la commette deve essere punito come un criminale, al contempo va combattuta la corruzione .

Armando Scala 01.09.12 15:07| 
 |
Rispondi al commento

ti capisco e ti sono nel cuore ma queste cose accadono a chiunque abbia aperto una partita iva, è veramente una cosa insostenibilee dovremmo dire basta tutti uniti e non pagare piu , in special modo i vari anticipi iva e resto.tieni duro. ciao

leonardo rosi 01.09.12 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Manca un dato fondamentale:
-Quando i soci,anche soci o socio lavoratore,si dividera' l'utile civile netto,ovvero cio' che resta di pulito,tolti i costi d'impresa,inclusi i contributi ai dipendenti,la somma si addizzionera' all'reddito imponibile personale e VERRA' RITASSATA ALL'ALIQUOTA DI APPARTENENZA,quindi inrealta' c'e' una doppia tassazione:paga la persona giuridica una prima volta,poi ripaga la persona fisica che compone la stessa societa'.
Ecco poiche' molti,comprensibilmente,decidono di evadere o eludere.
Se la tassazione d'impresa fosse nella realta' come la media europea e ad essa corrispondessero servizi equivalenti alla comunita',penso, che nessuno rischierebbe accertamenti vari,ma purtroppo in Italia le tasse insostenibili,dirette e d indirette servono a foraggiare il buco nero del debito pubblico e mantenere una classe dirigente e politica a cifre moralmente e matematicamente insorpottabili.

daniele mancini 01.09.12 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Sono allibito.... Anche su questo blog succede quello che grillo in tutte le sue uscite ha cercato di evitare e cioè che si crei uno stato di odio sociale che ci mette uno contro l'altro.....
Invece di dire che il lavoratore dipendente è più svantaggiato dell'artigiano piuttosto che del commerciante o viceversa, nei vari modi e forme che avete usato FATE ANDARE IL CERVELLO!!!!! SE È COSÌ VANTAGGIOSO PERCHÉ LE AZIENDE CHIUDONO E MOLTE ALTRE SONO ALLA CORDA!!! PERCHÉ LA MAGGIOR PARTE DEI DIPENDENTI HANNO PAURA DEL LORO POSTO E QUINDI DEL LORO FUTURO!!!!!!

Bravi bravi fate il loro gioco..... MA NON LO AVETE CAPITO CHE SIAMO SEMPRE PIÙ NELLA MERDA TUTTI COMPRESI IMPRENDITORI O DIPENDENTI CHE SIANO

Alberto 01.09.12 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Perchè si sorprende sono gli importi che un lavoratore dipendente versa in anticipo. Siete troppo abituati ad evadere ed ecco perchè le tasse sono così alte.
gigi

Luigi Scarpa 01.09.12 14:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

studi di settore
spesometro

la mia commercialista mi ha dettoche ad oggi 2012
ha delle aziende,commercianti,lavoratori autonomi,artigiani che stanno facendo il 70% in meno dell'anno passato
e che l'ufficio delle entrate visto l'attuale e terrificante studio di settore riterra' non congrui tutti coloro che non hanno mantenuto gli stessi fatturati dell'anno passato.
a questo punto l'ufficio dell'entrate ti riterra' evasore a prescindere e ti chiedera' di trattare se no partiranno le verifiche e le sanzioni e interverra' la mitica EQUITALIA che provvedera' a strangolarti.
questa è l'equita' del ns sistema impositivo fiscale che sta facendo chiudere tutti o quasi.
solo nel 2012 hanno cessato l'attivita' o sono fallite 46.000 partite iva
provate a chiedervi perchè?
provate a pensare dietro quelle 46.000 attivita' quante persone ci vivevano?
bisogna anticipare le tasse sulla presunzione di quello che faro' il prossimo anno?
questa nella maggior parte4 dei casi è dittatura finanziaria e pochi sopravviveranno a questo macello fiscale.
e noi?
a beccarci come i capponi di don abbondio
operai contro partite iva.
beh che dire, sono riusciti nel loro intento e a nascondere questo sistema impositivo ingiusto e iniquo per tutti.
ho schifo di questa nazione

ferlingot 01.09.12 14:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

gennypisani ma vai a fareinculo tu e i commercianti con moglie a carico.Anche questo post come alcuni altri INOPPORTUNI, pufff tra poco sparirà.Non fate i martiri vivete su questo pianeta sappiamo come funziano le cose in italia ed ora pure la gf se ne sta accorgendo anzi occupando.La strizza al culo quando si vede la divisa grigia viene sempre per un qualche motivo.

ambarabà cicicoò 01.09.12 14:33| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

guardando le cifre dell'evasione fiscale, qualcuno dovrà pur evadere le tasse. Qualcuno ha usufruto dello scudo fiscale visti gli introiti. Di sicuro un lavoratore dipendente. E ogni volta che hanno dovuto farmi un lavoro in casa (elettricista, imbianchino, idraulico, giardiniere, etc...)ogni volta che vado da un meccanico,da un medico privato (se non si può attendere la mutua), dal dentista, etc...la fattura non è nemmeno presa in considerazione, come se l'eccezione fosse emetterla la fattura. Per cui non facciamo passare per martiri i piccoli medi e grandi imprenditori. Non sono tutti truffatori (magari lo è anche la minoranza), ma, ripeto, non sono nemmeno martiri.

Stefano C. Commentatore certificato 01.09.12 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Commerciante? ok ma di cosa?
Comunque le cifre non sono esatte e poi manca il nero,opss! mi scuso sicuramente manco saprà cosa è il nero.

free commercianti! 01.09.12 14:24| 
 
  • Currently 1.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

è chiaro che sto paese è ormai alla frutta...
vittima di se stesso o per meglio dire del sistema e di chi lo ha implementato... povera itaGlia, sta per crollare tutto, così non si va da nessuna parte.

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 01.09.12 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Non esisteva un indirizzo E-Mail per dare dei parei al Governo Monti..
ecco bisognerebbe mandare questi dati e chiedere loro un parere e un commento

Vittorio ., Sondrio Commentatore certificato 01.09.12 14:21| 
 |
Rispondi al commento

A parte il grossolano errore degli acconti (sono circa il doppio), siamo di fronte ad un sistema che come già detto più volte, sta divorando se stesso. Non rccontiamoci la favola che l'acconto lo scali l'anno successivo in quanto acconto o balle di questo tipo. E' vero che in quanto acconto lo deducerò dal complessivo debito di imposta calcolato l'anno successivo, ma qui si parla di valore assoluto carpito dallo stato, Situazione insostenibile. Stato che poi non reimpiega a beneficio del cittadino. Ci stanno togliendo i servizi, le corporazioni di partiti-sindacati e associazioni varie (come faranno mai a campare con le sole essere...) si prendono i soldi e li investono in titoli o valute straniere (quindi esportano la nostra moneta), pensano solo alle grandi opere che non portano lavoro, portano solo miseria. Contrariamente quanto ci raccontano, la realtà è ben più grave: girando per le campagne della lomellina tra piemonte e lombardia, è un susseguirsi di cartelli "vendesi" o "affittasi" appesi a case, capannoni, aziende agricole, ex ristoranti o pizzerie; è una desolazione. Chi ha tempo faccia un giro in quelle zone.
Ma ancor più meschino e grave è la malafede dell'informazione: si sono inventati lo spread tra redditi dichiarati e tenore di vita. Ci fanno credere che il sommerso rappresenta 30/35% di pil. Che dipendenti, che non riescono a vivere con lo stipendio, lavorano in nero per arrotondare. Lascio a tutti i commenti in merito. Pazzesco. La corruzione e la criminalità non esiste più. Qualcuno sa dire come è andata a finire la faccenda del trota o Lusi e compagnia? Silenzio assoluto. Chissà perchè.

Gian A 01.09.12 14:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

P.S. ... o barattala!!! Valutando il bisogno, non il suo valore economico...

Giancarlo L., Catania Commentatore certificato 01.09.12 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Un'idea me la sono fatta di come si potrebbe risolvere il problema a
monte... (ovviamente è balzana, nessuna pretesa che possa essere presa in
benchè minima considerazione...) In breve per eliminare le tasse e i
contributi, ovvero la retribuzione di deputati e senatori, di tutti gli
statali, ministeriali, dovremmo pagare tutto, anche l'intervento dei
carabinieri, dei VV.FF., ecc... come vere prestazioni professionali... chi
lavora in ufficio dovrebbe portare da sè finanche la carta per stampare ed
il temperamatite... portarsi una bacinella ed un bidoncino pieno d'acqua
per andare in bagno, in modo che nessuno paghi neanche l'acqua... per
andare a votare stampare a casa la scheda elettorale ed andare forniti di
matita... ogni lavoro in sostanza per non gravare sulle spalle degli
italiani dovrebbe essere a pagamento di chi lo richiede... cioè, in una
parola, massima trasparenza... la carne invece che al supermercato si
dovrebbe andare a comprare negli allevamenti portandosi dietro il macellaio
per pagarlo se non si riesce a scannare il capretto o il maiale, magari
invitando amici a scegliere il taglio di carne in modo da non SPRECARE
neanche un'unghia dell'animale... la benzina farsela a casa, che non è così
pi tanto difficile, o pagare un'installatore di tetti fotovoltaici per
installare un pannello sull'auto o creare un tettuccio fotovoltaico per la
bici o lo scooter... oppure... oppure... ops... scusatemi, mi rendo conto
che sono farneticazioni visionarie...

Quello che voglio semplicemente dire è che non bisogna tornare a vivere
nelle caverne, ma grazie alla tecnologia avere una mentalità utilitaristica
che avevano i nostri avi: se hai bisogno di qualcosa, compratela! solo così
acquisterai SOLO ciò che è strettamente necessario per vivere, senza
sprechi... perchè creare un fondo cassa e lasciare che qualcuno gestisca la
cassa, vista la natura imbrogliona del genere umano, è l'inizio dello
spreco... da secoli... ... ... (mi raccomando non chiamate il 118) :D

Giancarlo L., Catania Commentatore certificato 01.09.12 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Leggete qui:

www.cadoinpiedi.it/2012/08/25/la_citta_dove_la_disoccupazione_e_allo_0_e_laffitto_costa_15_euro.html

fcho 01.09.12 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Voglio vedere tutto quello che prende gargamella, lo voglio lo esigo perchè sono fassista hahahahahahahahahahah!!!!!!!!!!!

guido serafini 01.09.12 13:48| 
 |
Rispondi al commento

se è un dovere non pagare le tasse (come ho letto molte volte), anche se sarebbe + giusto dire è un dovere e un diritto pagare le tasse in modo equo,
allora bisogna dare anche ai dipendenti la possibilità di evadere.
perchè io del reddito lordo la parte di tasse mi vengono prese alla fonte e nelle mie mani non passano mai.
voglio solo mettere in evidenza qualche punto di riflessione:
- non capisco perchè un artigiano o commerciante deve assolutamente guadagnare il doppio (o addirittura il triplo) di un dipendente e pagare la metà delle tasse di questo ultimo.
- la storia che mi viene raccontata che un imprenditore rischia di suo, posso rispondere che anche il dipendente puo' essere lasciato a casa da un giorno all'altro.
- al giorno d'oggi si sa che aprire una attività equivale pagare un sacco di tasse, lo sanno anche i sassi, quindi non lamentatevi.

cmq nel conteggio di 50000-33000 fanno 17000 tenendo conto che 10000 euro sono di acconti e quindi il prossimo anno avrai come minimo 20000-25000 che equivale a circa 2000€ al mese
non hai di che lamentarti.
poi se riesci a fatturare di piu' avrai di +.
il dipendente no avrà solo la sua misera paga per il resto della sua vita.

ivan m. Commentatore certificato 01.09.12 13:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui c'è bisogno di fare qualcosa...
qualcosa di costruttivo che per certi personaggi politici può risultare "distruttivo"
Ma c'è bisogno di farlo presto e velocemente...
Deve essere come un Flash Mob
Che ne pensate?

Luigi A., Bari Commentatore certificato 01.09.12 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Come ho già detto più volte lo stato italiano si comporta come le assicurazioni e le banche.
Al posto di andare a prendere gli evasori in specie i grandi evasori aumenta le tasse a chi già li paga,pur di tutelare le caste che rappresentano il parlamento e i poteri forti.
Il discorso è sempre lo stesso,se sappiamo che sono cosa sbagliate per quale scellerato motivo gli permettiamo di farlo?

1 Davide 1 Vignati, Merlino Commentatore certificato 01.09.12 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Scusate,ma quì mancano affitto, riscaldamento, carburante ecc. Per sostenere una attività media, si deve incassare più del doppio. Quasi impossibile, in un piccolo centro negli ultimi 10 anni.
Al signor Luigi B.,a parte la demagogia, si guardi intorno e può notare quante serrande abbassate, con scritto affittasi o vendesi. Se fosse così renditizio fare ancora il commerciante o l'artigiano, non avrebbero mollato così in tanti.
Poi è comunque assurdo pretendere i soldi in aticipo, come fà lo stato, mentre lui paga con i tempi di Matusalemme, e fà fallire le imprese, a meno che non si trattino di quelle degli amici, o dei mafiosi.

adriano 01.09.12 13:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ci domandiamo perchè quando c'è una crisi la classe medio bassa, che poi è la grande moltitudine che forma una nazione, è la sola a soffrire,ma è semplice : il governo è formato da benestanti e non farebbero mai leggi che diano loro fastidio, i ricchi faranno sempre le leggi che penalizzano altre categorie si spremomno sempre i limoni spremuti e non si toccano quelli belli sugosi. il popolo è pieno di personalità non ricche ma intelligenti bisogna assolutamente che i non ricchi vadano al governo, solo così si faranno leggi che non rovineranno la moltitudine, adesso è inevitabile che il popolo soffra perchè i politici quando dicono che bisogna fare dei sacrifici intendono tacitamente significare che solo altri debbono fare sacrifici ma i privilegi dei politici, debbono rimanere intoccabili:per esempio,guai a fare la patrimoniale,guai a diminuire gli stipendi dei parlamentari, a diminuire il numero dei parlamentari,e l'elenco sarebbe troppo lungo, è arcinoto a tutti:speriamo che il movimento riesca a migliorare questo decadente periodo storico.

napoleone d'asquati, civitavecchia Commentatore certificato 01.09.12 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Veramente nel conteggio mancano pure gli interessi che le banche applicano sui vari fidi ed anticipi fatture, per non parlare dei ministeri con i loro pagamenti a babbo morto, dato che noi le tasse le dobbiamo pagare e subito puranche se non si è ancora incassato.


Pro memoria per il programma nazionale 5 stelle:
Che le imprese e le partite iva paghino solo a consuntivo e si smetta di pagare le tasse in anticipo sulla previsione del guadagno. E' semplicemente una schifezza che non fa altro che giustificare gli evasori e strozzare i poveri somari che lavorano in bianco. Su questo punto non voglio sentire ne se ne ma.
I soldi che mancano, solo il primo anno alla fine, vanno recuperati dalla lotta all'evasione e all'elusione. Che si faccia guerra a san marino e al vaticano piuttosto!

tiziano binda, lecco Commentatore certificato 01.09.12 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Bè la cosa è buona e giusta lavorare a mezzo con lo stato è sempre stato il sogno di tutti gli italiani ..... che marezza -.-

Alessandro Strappafelci 01.09.12 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Certo che non è sostenibile è una schiavitù bestiale

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 01.09.12 13:08| 
 |
Rispondi al commento

..nel conteggio mancano i costi dell' attività ( commercialista, telefonino, benzina , etc... )

Lucio 01.09.12 13:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un impiegato medio con un reddito medio di 35000 euro...al netto ne prende 18000.... E non può detrarsi nulla di nulla ( cellulari, benzina, auto, pasti).... E non si tratta di acconti........
Ma fatemi il piacere...
L'impiegato non può evadere...l ' impiegato / operaio non consuma...
Le imprese non vendono...
Il vero problema sono i lavoratori dipendenti....

Pippo calò 01.09.12 13:06| 
 |
Rispondi al commento

...e dopo dicono che Movimento 5 Stelle è un partito che crea solamente una sorta di odio sociale nei confronti della politica attuale,che Grillo è un fascissa(fassista),che Grillo è un pirla:come potrebbe non crearsi odio sociale dinanza ad una situazione simile???Solo un pirla o un fascista se ne starebbe nascosto dietro ad una scrivania,seduto su una poltrona ad osservare,ma soprattutto negando l'evidenza dei fatti:le tasse pagate dagli italiani servono semplicemente a pagare sprechi di ogni genere.

IDA PASSUCCI, BERGAMO Commentatore certificato 01.09.12 13:02| 
 |
Rispondi al commento

come dite la soluzione non e' l'evasione?

ok allora e' meglio evadere al 100% ovvero emigrare e lasciarvi bollite con i vostri magnaschei

paolo 01.09.12 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Sono nella tua stessa situazione e mi stupiscono di più quelli che sostengono che si lavora per lo stato 8 mesi l'anno.
Io mi sono fatto i conti e ne lavoro 12 per lo stato; quest'anno in particolare sto vendendo la vecchia moto che ho per pagare l'imu, l'anno prossimo cosa vendo il culo?

hughich 01.09.12 12:59| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento
Discussione

probabilmente hanno deciso di abbandonare la casta dei commercianti e quindi sei entrato in un'attività troppo tardi, se ci entravi fino a 20 anni orsono oggi saresti abbastanza infagottato da campare di rendita.
Qui a roma o eri statale oppure commerciante ed entrambe le caste fino a 20 fa il giorno delle elezioni correvano compatte a votare per la DC
Bisognerà pensare ad un partito che abbia nel programma una politica dei redditi compatibile con le risorse rimaste

fracatz 01.09.12 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Bart: (micro impresa) Regionalizzazione del fabbisogno della Pubblica Amministrazione.

Il nostro fine è quello di arrivare alla regionalizzazione del fabbisogno della Pubblica Amministrazione che, se approvate, migliaia d’aziende avrebbero una base su cui programmare il loro futuro, creare nuovi posti di lavoro, dare spazio ai giovani ridandogli quella fiducia e quella sicurezza nel lavoro che ad oggi con leggi a dir poco scandaloso questo governo continua a tenere in vita. L'obiettivo è di arrivare al riconoscimento della cassa integrazione per quelle imprese che lo stato ritiene non esistenti, vale a dire quelle sotto il limite dei 16 dipendenti.

Lo scopo è quello di trasformare la speranza nella certezza di un lavoro sicuro, quello di aprire i parametri di Basilea 3, quei parametri a cui fanno riferimento tutte le banche per concedere o meno un prestito alla nostra micro impresa, quella micro impresa che senza il sostegno delle banche è destinata a capitolare a favore di tutte quelle aziende estere ed asiatiche che ad oggi stanno occupando scientificamente il nostro territorio.

Presenteremo il nostro progetto in parlamento, metteremo questo governo e tutte le altre forze politiche nella condizione di dover scegliere e votare, dovrà dire con chiarezza se lo sviluppo delle nostre imprese, sia del nord che del centro che del meridione è nei loro piani. Quindi basta promesse elettorali, basta prese in giro o si accetta il progetto e si aiuta di fatto il nostro mondo produttivo, o ci si dovrà ribellare boicottando i candidati degli schieramenti che non si riconoscono nel progetto di Micro impresa e premiare quelle forze che lo sostengono e lo propongono. La Micro Impresa è cambiata, i fatturati sono cambiati e hanno bisogno di protezione, di quella protezione che solo lo stato con leggi ad hoc può garantirgli.

Bisogna trovare quel punto di fusione ed equilibrio fra il LAVORATORE – L’IMPRESA E LO STATO.

Bart Galeotafiore 01.09.12 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Ma il commercialista ti ha detto che di quei 33.000 euro, oltre 10000 sono di acconto? Significa che quei 10.000 euro il prossimo anno li userai in compensazione, e quindi anziché pagarne 33.000 ne pagherai 23.000, che su oltre 50.000 euro di reddito mi sembra più che equo.
Si può discutere sul fatto che sia equo dover sborsare acconti su presunti guadagni futuri, ma questo è un altro discorso.
Metti ad esempio che il prossimo anno il tuo reddito scenda da 50.000 a 40.000 a questi punti potresti arrivare a pagare meno 10.000 di tasse, considerando gli acconti già versati.
Un po' meno di demagogia non farebbe male.

Luigi B. 01.09.12 12:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non pagare le tasse è un dovere morale

Gerardo Graziano, Atella Commentatore certificato 01.09.12 12:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siete dei pazzi ad aprire un'attivita.
Siete dei folli.

Sabrino Di Renzo, Gradara Commentatore certificato 01.09.12 12:50| 
 |
Rispondi al commento

è SEMPLICEMENTE UNO SCANDALO MA HANNO IDEA DI COSA VUOL DIRE GESTIRA UN'ATTIVITà APPENA AVVIATA?ANZIKè FINANZIARE PROGETTI CHE SERVONO SOLO A RUBERIE VARIA PERCHè NON AIUTONO NOI IMPRENDITORI CHE DA POCO ABBIAMO AVVIATO UN ATTIVITà CONCRETA E REALE(MAGARI CON I RISPARMI DI UNA VITA?)è QUESTO IL MODO DI PROMUOVERE LA CRSCITA DEL PAESE AFFOSSANDO LE IMPRESE APPENA NATE CON LE TASSE I MIEI COMPLIMENTI AL SIG.PROF. MONTI E AI SUOI COLLABORATORI E CHE NON SI AZZARDINO A PARLARE DI CRESCITA PERCHè SONO I PRIMI A TAGLIARE LE GAMBE DI CHI HA UN Pò DI VOGLIA DI LAVORARE VERGOGNA E VAFFANCULO!!!!!!!!!

delfo m., catania Commentatore certificato 01.09.12 12:50| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa è quella che Monti chiama crescita...ancora un paio di imprenditori simili e le ferie di FIni e della sua scorta sono già belle che pagate!

IDA PASSUCCI, BERGAMO Commentatore certificato 01.09.12 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Sì, l'IRPEF ti sega letteralmente le gambe.

Alla fine non è questione di evadere per pura e semplice avidità, è evadere per riuscire a sopravvivere.

Andrea F. Commentatore certificato 01.09.12 12:47| 
 |
Rispondi al commento

oggi un imoprenditore che vuole assumere un dioendente deve spendere fra contributi, assicurazioni, stipendi e mensilità aggiuntive circa 30/35 mila euro annui. Al dipendente ne vanno in tasca circa 1200/1300 euro mese per 14 mensililtà ma per la maggior parte delle piccole imprese quel costo non ha lo stesso ritrono considerata la crisi e quindi non possono assumere e o chiudono o vanno avanti da soli

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 01.09.12 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Sì, ok ma la soluzione non è l'evasione, ricordiamocelo, ma il Movimento 5 stelle!!!

Alberto R. 01.09.12 12:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

oltre alle imposte dirette occorre dire che il reddito incassato e speso subisce la tassazione indiretta di iva ( mediamente circa il 10/20 per cento della spesa, accise sulle bevande e sui carburanti, bolli e bolli auto, registro sugli atti compravendita e locazioni, zone blu e multe varie e poi l'IMU che è il triplo dellp'ici. In sotanza quasi tutto quello che guadagni va in tasse e contributi previdenziali. Il tutto per mantenere questa banda di ladri mafiosi che hanno depredato l'Italia ed i loro crimini ormai su tutti i giornali non hanno alcun seguito né civile né penale. Iniziano e finiscono come semplòici notizie di cronaca.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 01.09.12 12:43| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori