Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Firenze non svenda la cultura


edison.jpg
"L'annuncio della chiusura della libreria Edison di Piazza della Repubblica, nel cuore di Firenze, a due passi dal Duomo e dal Museo degli Uffizi è l'ennesima bastonata alla cultura di questa città. 12.000 persone hanno firmato la petizione che chiede il mantenimento dei vincolo culturale dello stabile che ospita la Edison, nel rispetto della legge comunale per la difesa dei beni culturali. Tutto questo per impedire che la giunta comunale sciolga questo vincolo per far nascere in quel luogo un'altra attività non rivolta alla cultura, come già accaduto con le altre librerie del centro storico di Firenze. Firenze non è povera! Firenze sta diventando povera però! La cultura è, da sempre ormai, la caratteristica di questa città e di questa gente e non può continuare ad essere calpestata. " Katia Lobo Fiterman

31 Ott 2012, 17:30 | Scrivi | Commenti (51) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

***** Mantra[...-I NOSTRI RAPPRESENTANTI DEL M5S PENSINO ANCHE ALL'ORDINE PUBBLICO:
STOP AD AMICIDI, SUICIDI,VIOLENZE,STUPRI, FURTI!
BASTA CON I DELINQUENTI CHE NOI DOBBIAMO MANTENERE ANCHE IN CARCERE,QUANDO ORMAI SIAMO IN MISERIA!
E' UN ASSURDO STORICO-POLITICO CHE VI SIA IMMIGRAZIONE, ANCHE CLANDESTINA, DOVE VI E'DISOCCUPAZIONE! I NOSTRI CONNAZIONALI PER CERCARE LAVORO DEVONO EMIGRARE!
I POLITICI, NOSTRI AGUZZINI, HANNO LA SCORTA CHE LI DIFENDE; A LORO NON INTERESSA NULLA DI NOI ECCETTO IL VOTO.
IL RESTO E'SOLO TRONFIA RETORICA DI CASTA...]

Per favore! Firenze da anni, da diverse amministrazioni di sinistra, è ormai un bluff culturale !


FIRENZE E' UN BLUFF CULTURALE !!!


I fiorentini, ma solo i fiorentini, lo sanno bene.


Il simbolo di Firenze non è più il giglio, ma la patata: ha il meglio di se sotto terra!

Dal Vangelo di Matteo(24,1-2):
Mentre Gesù, uscito dal tempio, se ne andava, gli si avvicinarono i suoi discepoli per fargli osservare le costruzioni del tempio. Gesù disse loro:" Vedete tutte queste cose? In verità vi dico, non resterà qui pietra su pietra che non venga diroccata".

Gino D., Empoli Commentatore certificato 20.05.13 20:55| 
 |
Rispondi al commento


Beppe! T'ho scritto molte volte sul blog, t'ho anche mandato 1 raccomandata l'11 marzo ma.. sempre ignorato! Rispondi x favore!
Ho navigato, oltre 30 anni in tutto il Mediterraneo, noleggiando 1 mia barca "trasportavo" signorotti pretenziosi tipo "pago pretendo" ora basta! Da tempo ho un sogno: portare in crociera intorno l'Italia disabili, pensionati, meno abbienti etc.
Persone in grado di apprezzare\condividere la mia passione per il Mare non venuti per schiavizzarmi.
Ho per le mani gratis in regalo 1 traghetto di 33 mt. COMMERCIALMENTE inutilizzabile perchè obsoleto e lento.
Ha il motore revisionato; con pochi soldi si può trasformare in un motoveliero da diporto NON commerciale. Una pensioncina itinerante, per circa 50 persone alla volta, dove ogni partecipante diventa un associato e va in crociera al solo costo del rimborso spese di vitto ed alloggio. La durata di permanenza a bordo è libera; in ogni porto ci si può imbarcare\sbarcare, in ogni porto una festa\gemellaggio con le locali associazioni di disabili e visita dei luoghi.
Con questo "contenitore" si realizzano molti scopi sociali e culturali alcuni sono:1) Creare, con queste brevi convivenze "forzate" amicizie tra disabili e normodotati che potrebbero continuare anche dopo la crociera. 2)Svolgere corsi di formazione a persone di lunga disoccupazione, disaddatati sociali\ex-detenuti\ex-tossicodip. etc. (non paganti non pagati) alle quali viene rilasciato un attestato di partecipazione ogni mese;Un pezzo di carta con scritto:il sig.Tizio Caio ha effettuato 1 corso da:aiuto marinaio\e\o\cuoco\motorista\manutentore etc che potrebbe esser utile, a questi soggetti, per reinserirli al lavoro.
Il motoveliero in ogni porto si può utilizzare come palco x comizi con loghi M5S sulle vele. O aspettiamo che lo facciano gli altri per poter dire: "Grillo se ne frega dei disabili etc.etc."? N.B.: Si tratta di 1 iniziativa NO-PROFIT per passione dove nessuno ci guadagna! Tel. 3386007516 pierangelo.bellettini@gmail.com

Pier Angelo Bellettini, Rimini Commentatore certificato 04.05.13 13:07| 
 |
Rispondi al commento

CLICCATE SOTTO

BERLUSCONI SPARATO.GUARDA 29.04.13 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Ho 60 anni , esperto da oltre 10 anni di energia rinnovabile, ho votato il M5S sia alla camera che al senato perché mi affascina e convince il vs. programma, mi piacciono le vs. persone, le vs. idee, la speranza di migliorare nel rispetto dell'ambiente e della natura. Anch'io vorrei demolire questo sistema che premia i furbi e fa sentire gli onesti imbecilli, incapaci, rassegnati a subire il potere mascherato da democrazia. Se fossi ciitadino di un 'altro paese del nord europa avrei già ricevuto una medaglia dallo stato per la mia persona e invece da questo solo umiliazioni, sofferenza ed ingiustizie. Mi spiace solo che non ha vinto il M5S in queste elezioni politiche 2013, ma sarà sicuramente per la prossima volta ma solo se continuerete così senza cambiare rotta. Rottamate la vecchia politica!
Auguri per tutto e un sostegno a distanza.
Donato

Donato Parrino 07.03.13 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Ma ora vediamo se Grillo vorrà recuperare i soldi da tutte le multi nazionali che eludono il fisco in primis AMAZON poi Google quindi Ebay Facebook ecc...si parla di centinaia di milioni all'anno elusi al fisco tra iva e tassa!!!
Il bello è che oltre a non pagare le tasse fanno una concorrenza scorretta agli italiani che si trovano costretti a chiudere e in conclusione: le multinazionali non pagano le tasse, le aziende italiane che le pagavano chiudono ... il risultato è facilmente deducibile direi!!

Luca Acciarri 27.02.13 10:03| 
 |
Rispondi al commento

Offerta Lenti Contatto Progressive, le Migliori Marche! Spedizione Gratis OFFERTA IMBATTIBILE! http://www.1000lenti.it/public?a_aid=508a58c941631&a_bid=e2f757e3

matteo rossignol, vezza d'oglio Commentatore certificato 14.11.12 06:10| 
 |
Rispondi al commento

Trucchi e Risorse per fare soldi tramite internet http://www.guadagniweb.it?a_aid=508a58c941631&a_bid=95d5e23e

matteo rossignol, vezza d'oglio Commentatore certificato 14.11.12 06:09| 
 |
Rispondi al commento

Per i meno informati riguardo alla realtà fiorentina terrei a precisare che la Edison è tutto meno che una piccola libreria indipendente. Si tratta di uno dei supermercati del libro che vieppiù sono sorti in città e che forse hanno contribuito alla chiusura delle piccole librerie, quelle vere. Non dimentichiamo che è stata la prima a praticare l'apertura serale difficilmente sostenibile dalle piccole librerie spesso a conduzione famigliare. Tantomeno si può parlare di libreria storica avendo aperto se non ricordo male nel 1994. Detto questo massima solidarietà a chi rischia senza colpa di perdere il proprio posto di lavoro, specie di questi tempi. E' sempre triste vedere chiudere una libreria in favore di luoghi come un apple store di cui francamente non si sente una necessità stringente(e lo dico da fruitore di prodotti apple)ma non mistifichiamo per favore. Poi sulla speculazione immobiliare in atto nel centro sono d'accordo che è un fenomeno da arginare in qualche modo.

Marco 03.11.12 04:00| 
 |
Rispondi al commento

E dove sta il problema. Siamo nel 2012. L'altra settimana ero a londra. In uno starbuks mentre prendevo qualcosa per scaldarmi le budella date le temperature ho approfittaro della connessione messa a disposizione della clientela. Mi son acquistato tre tomi versione epub da leggermi con ipad tranite lafeltrinelli.it. Uno me ne sono letto a zonzo per le metropolitane, bus e treni (un sistema integrato di trasporti da far invidia al mondo), uno durante il volo di rientro, l'altro ieri.
Prima si rompe perché le informazioni sono bit e i bit viaggiano in rete e non più su carta e ora che la carta diventa inutile e se ne vogliono chiudere i distributori magari sostituendoli giustamente con un apple store che fornisce gli strumento per leggere i bit so grida allo scandalo?
Ma per favore...

alessandro petrucci, senigalla Commentatore certificato 02.11.12 00:56| 
 |
Rispondi al commento

Richard per favore non aggiungiamo casino alla già complessa vicenda. La Rizzoli che io sappia non centra nulla. E' il gruppo Feltrinelli che ha comprato nel 2004 l'immobile dove ha sede la libreria Edison e non ha rinnovato il contratto di locazione.

walter 01.11.12 23:28| 
 |
Rispondi al commento

rettifico:
non volevo dire la notte dei cristalli,ma la notte del rogo dei libri di bebelplatz

la polena, firenze Commentatore certificato 01.11.12 22:47| 
 |
Rispondi al commento

siamo piccoli e poveri ,quello che non produce direttamente ricchezza ,ha da brucia'
è una nuova notte dei cristalli dei nostri giorni
..:non si brucia in nome dell'ideoloogia ,ma della redditività
un deserto di idee ci attende

la polena, firenze Commentatore certificato 01.11.12 22:38| 
 |
Rispondi al commento

È una vergogna!!!!!! facciamo pubblicate l'indirizzo mail della Rizzoli cosicchè la gente gli scrive per protestare!!! è la cosa migliore penso.. Da parte mia gli scrivo una mail seduta stante per lamentarmi di sta cosa che grida vendetta davvero!!!!

Richard 01.11.12 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,leggo solo ora della Tua reprimenda nei confronti di alcuni rappresentanti del movimento inclini a frequentare i " salotti dell'informazione più in voga.Condivido alla virgola le tue parole che sono la lucida esposizionedi quello che in realtà sono quel tipo di programmi ed i loro apparati.Quanto agli anatemi dei "benpensanti" e dei loro "aedi" già ne è stata fatta piazza pulita da parte del Corpo Elettorale; per la parte restante non resta che attendere le prossime scadenze elettorali.Se richiesto,metto a disposizione del Movimento e del Paese, GRATUITAMENTE,l'esperienza amministrativa maturata nel corso di 40 anni di servizio trascorsi alle dipendenze dello Stato in incarichi di qualche rilievo avendo presenti unicamente gli interessi della Collettività.

sergio m., roma Commentatore certificato 01.11.12 12:04| 
 |
Rispondi al commento

L'attacco alla cultura in Italia è generalizzato: a Rovigo - città (per ora) immeritatamente capoluogo di Provincia - da anni non ci sono più cinema, il più vicino è a 6 Km. di distanza...

E' vero che molte abitudini culturali sono cambiate, con le ovvie conseguenze sul sistema della distribuzione della cultura stessa. Ma anche il concetto di cultura va ripensato, tanto per cambiare ripartendo dal basso.

In questo caso "dal basso" non significa dai gusti della massa (se no, siamo perduti...), na dagli spazi e dai sistemi di aggregazione culturale alla scala minore, cioè di città e/o di quartiere. Bisogna mantenerli in vita, costi quel che costi - o ricrearli - a patto di saperli riempire poi con proposte di qualità che facciano ricrescere generazioni acculturate, non con proposte miranti all'acquisizione del consenso.

Infine - ma forse è il problema più importante - non mettetevi a ridere, ma anche in ambito culturale c'è una "questione morale": moltissimi "artisti" lo fanno solo per procurarsi un posto al sole accanto all'assessore di turno; e svendendo così la propria creatività e la qualità di quel che realizzano.

Come in politica, anche in ambito culturale bisogna emarginarli, sostituendoli con forze fresche, impegnate nel civile e di qualità.

Non è facile da fare - ed è antipatico, come tutte le cose che richiedono presa di responsabilità - ma è indispensabile.

Ah, lì a Firenze salutatemi le "Giubbe Rosse": ci son capitato più volte, per letteratura e Arte Postale.

Alberto Rizzi Commentatore certificato 01.11.12 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Gli italiani non leggono, o leggono poco rispetto ad altri paesi europei lo dicono le statistiche. Sono teleobnubilati, se non fosse così saremmo un paese decisamente migliore. Se è povera Firenze, ma sono esterefatto per le dichiarazioni di colei che ha postato l'articolo, Firenze è una città stracolma di storia, arte e cultura è stata la culla del Rinascimento, solo perché chiude una libreria , non sarà poi la fine del mondo, i libri si ordinano e si possono leggere su internet, il resto d'Italia è mendica e alla fame. Sono convinto però che solo ed esclusivamente la cultura ci può far uscire dalle secche della crisi economica, ideali e morali in cui siamo caduti.

arno faravelli 01.11.12 09:01| 
 |
Rispondi al commento

Chi gestisce ora la libreria Edision e' un "Filibustiere" dell'editoria.

Non nuovo ad aprire e chiudere attivita' libraie lasciando anche parecchi pagamenti in ballo (sicuramente a riguardo di una libreria in emilia), per intendersi "Libreria Sala Borsa" a bologna era loro (anche se li mi risulta che qui abbiano pagato tutti, forse anche grazie alla buonuscita del comune)...anche se non si capisce cose centrasse questo signore con il fallimento del distributore Mondadori di Bologna, visto che molti di questi libri sono fini tili pare.

La notizia della chiusura di questa gestione era oramai conosciuta da anni visto che dalle informazioni che ho, la catena Feltrinelli e' da tempo che ha acquistato il palazzo sede della libreria.

A questo punto e' da capire se "Le Feltrinelli" useranno quel luogo como loro naturale luogo di vendita o...visto la crisi affitteranno il palazzo a un venditore di panini fast food.

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 01.11.12 08:21| 
 |
Rispondi al commento

Volevo fare notare che non si sta cercando di vendere solo una libreria a Firenze, ma che il nostro Sindaco sta cercando di vendere al privato servizi al cittadino.
Ci vorrebbe una bella inchiesta perchè, se voi non lo sapete sta cercando di vendere anche una societá in house totalmente municipalizzata (ex SAS ''servizi alla strada'') e creata in passato proprio per far risparmiare il Comune. Sta cercando di venderla al privato, mantenendo però il servizio al Comune perchè è ovvio che il Comune non può non avere una societá propria di servizi di manutenzione delle strade.
Su questi scempi però nessuno dice nulla... Come mai? .è la spending review!
Altro che librerie!

Barbarina 01.11.12 08:10| 
 |
Rispondi al commento

Decidetevi, non volete la legge sugli sconti, non volete sussidi statali e vi lamentate che chiudono le librerie ?? Dovreste conoscere il mercato editoriale prima di parlare

Roberto Agutoli 31.10.12 23:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dimenticavo. Il sindaco di Firenze ha promesso un incontro con i dipendenti promotori della petizione. Posto il link dove poter vedere il faccia a faccia e quel che pensa il sindaco del vincolo urbanistico. http://www.youtube.com/watch?v=SEwSIOVy8t4

walter 31.10.12 23:46| 
 |
Rispondi al commento

Tanto per essere chiari. La libreria Edison di piazza della repubblica ha sempre funzionato ed ha sempre pagato l'affitto. La libreria chiude perché non è stato rinnovato il contratto di affitto. Sull'immobile dove ha sede la libreria c'è un vincolo di destinazione d'uso nel piano regolatore di Firenze che stabilisce che all'interno di quell'immobile deve esserci un cinema un teatro o una libreria( art. 57.5bis NTA). I cittadini con una petizione (siamo a più di 20000 firme) chiedono che questo vincolo non venga toccato. Se quel vincolo venisse modificato o tolto si avvallerebbe una speculazione immobiliare. Infatti chi ha comprato quell'immobile nel 2004 l'ha comprato consapevole del vincolo e presumibilmente ad un prezzo basso proprio in virtù di questo vincolo. I proprietari dell'immobile spingono per la modifica del vincolo perché hanno probabilmente chi gli offre 4/5 volte quello che pagava la libreria. Chi è di Firenze si ricordi che anche le ultime due grandi librerie rimaste in via Cerretani sono in affitto, e su quegli immobili vige lo stesso vincolo. Quando scadranno quei contratti cosa faranno i proprietari consapevoli che i vincoli si cambiano?

Walter 31.10.12 23:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma cosa pretendere da gente che vota renzì?

fiorenza sta diventando demenziale come la maggioranza degli italiani.

che prendano meno cocaina che nell'arno sono drogati anche i pesci.

bruno bassi 31.10.12 21:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembra una polemical senza senso la tecnologia ha rimpiazzato certe cose e il cartaceo e una di queste , a mio avviso bisogna augurarsi che questa trasformazione interessi anche l'amministrazione pubblica. Resta comunque singolare che chi acclama al rinnovamento del paese rimanga affranto da cio' che comporta. E comunque sono contento per Gli alberi. Le Librerie come tante altre cose sono destinate a tempi molto duri cosi come I lettori come me che adorano leggere libri cartacei. Ci si presenta un futuro senza ricordi materiali, a zavorra leggera direi se no si occupa troppo posto.

David Picci 31.10.12 20:59| 
 |
Rispondi al commento

Apple, Inc. multinazionale (leggevo qualche settimana fa) che ha talmente tanti utili che non sa che farne. Non so se ci si rende conto!!!
A Firenze ERA DA UNA VITA che aspettava di aprire un AppleStore in centro e ha trovato la sua grande occasione, attesa ed assaporata per anni. Alla Feltrinelli, proprietaria delle mura che opsitavano la Edison, avrà promesso cifre da capogiro (e feltrinelli non ci sputa certo sopra! La crisi la sente anche lei, no?), ma può permetterselo. Accanto al vecchio Gambrinus ora HardRock Cafè, accanto a Ricordi ora Nespresso Point, quale migliore megastore di un AppleStore? Almeno la gente a fare la fila per le nuove iMinkiate, non dovrà farla sotto la pioggia o il sole cocente, ma sotto i portici di Piazza della Repubblica: una vera figata fotonica!
Così va il mondo (e credo che Renzi, anche ora nella sua fase di Berluskonite più acuta, più di tanto non c'entri).
Che tempi, che costumi...

Francesco C. 31.10.12 20:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa critica è strumentale ad attaccare Renzi. Perchè nessuno ha detto nulla quando la Ricordi, negozio di musica, è stato sostituito dal clooniano nespresso? e perchè nessuno ha detto nulla alla chiusura della libreria Martelli dove ancora tutt'oggi non c'è nulla? Mi spiace per chi ha perso il posto di lavoro, ma da quel che so io la giunta comunale ha fatto tutto quello (e anche di più) che poteva fare.

Massimiliano Villani 31.10.12 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Il lamento per la chiusura di una libreria scritto in un sito, come quello di Beppe Grillo, stra-sponsorizzato da Amazon e gestito da un guru dell'e-commerce come Casaleggio suona un po' stridente. In ogni caso, gli e-book da un lato, i libri di carta da un altro, comprati su Amazon sono davvero convenienti e comodi. Mi spiace per la libreria di Firenze ma credo che questo sia un segno dei tempi, purtroppo.

Claudio C 31.10.12 20:11| 
 |
Rispondi al commento

complimenti Renzi è cosi che ti prendi cura della cultura dei cittadini? Vergogna

Marco M., Bologna Commentatore certificato 31.10.12 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Renzi docet

enrico Lelmi 31.10.12 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Ricordi ha chiuso perchè ormai tutti scarichiamo musica a pagamento dalla rete. Presto succederà anche ai libri. La rete ci piace tanto e questi sono gli effetti collaterali.
Che facciamo? ci attacchiamo al romanticismo del fruscio della carta?
Fra qualche tempo nei negozi troveremo solo scarpe e vestiti e oggetti materiali che non possiamo scaricare dalla rete. Mi ricordo Beppe entusiasta in uno spettacolo a Firemze mentre faceva funzionare una stampante in 3D.
Gli esercizi commerciali si sono profondamente trasformati. Nelle capitali europee è ormai un florilegio di negozi in franchising con le solite marche. Ormai non è più necessario spostarsi per acquistare oggetti particolari. La grande distribuzione ha schiacciato il commercio locale (a proposito: perchè comprare libri sottocosto nei supermercati?) e il piccolo esercizio sotto casa quando può ti spenna.
Le persone occupate sono di meno e quelle che lavorano sono massacrate da turni festivi e domenicali e sottopagate.
Il problema non è la cultura. E' questo mondaccio che ci siamo costruiti!

FILIPPO TERESI 31.10.12 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Come mai non vi rivolgete al Sindaco Renzi? Ah già, è in gita per l'Italia a farneticare cambiamento, rottamazione, libertà e innovazione.

Flavio P., Brescia Commentatore certificato 31.10.12 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo è una realtà che è simile a molte altre in tutta Italia, non si se sia un discorso puramente commerciale o come popolo la nostra ignoranza generale e il non far nulla per diminuirne un po' ..

Alessandro Milesi 31.10.12 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo occorre capire che sta chiudendo tutto il paese grazie alle politiche di Monti e Co. Occorre aiutare le imprese TUTTE a continuare nel loro lavoro per non sfaldare totalmente il tessuto economico e sociale del paese.

Belpaese 31.10.12 19:08| 
 |
Rispondi al commento

@ Giuseppe
Per essere piccoli e poveri, ancora prima di Edison nella stessa piazza della Repubblica, Ricordi (che aveva uno dei pochi negozi di strumenti musicali in centro) è stata sostituita da Nespresso.
Sai quanti pezzi di Mozart si suonano con le capsule del caffé...

Marco 31.10.12 19:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragionamenti provinciali della Firenze piccola e povera.
Ma lo sai quanti libri si comprano e si leggono con un iPad ?
Quante sinfonie bethoweniane e mozartiane si comprano e si ascoltano con iTunes?

Giuseppe Vitale 31.10.12 18:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per dovere di cronaca dovete anche dire che è una libreria che caccia un'altra libreria... Il fondo commerciale è di Feltrinelli che caccia Edison per affittare a Apple...

Marco 31.10.12 18:52| 
 |
Rispondi al commento

Ho capito ragazzi, è molto triste la perdita di una libreria storica, ma se non riusciva più a vendere libri e a pagare l'affitto e le spese, cosa si doveva fare ? Inventare una tassa in più per mantenere esercizi in perdita ?
Il mondo è cambiato, i gusti della gente sono diversi, non so se in meglio, ma sicuramente sono cambiati.

Gianluca Pramaggiore 31.10.12 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per la cronaca, Renzi sta sfrattando anche il mercato storico di san lorenzo.

adriana carella 31.10.12 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Veramente ad oggi le firme hanno superato le 20.000!!!! Se cambiano il vincolo è uno schifo!!

Marco 31.10.12 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Renzi, Renzi ma a Firenzi non ci penzi?

...intanto la Edison chiude e al suo posto aprirà dicono un apple store.

Bye Bye cultura...

michela fabbrini, san giovanni valdarno Commentatore certificato 31.10.12 17:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori