Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I giochi di Stato e la distruzione delle famiglie


dario_fo.jpg
"Il gioco d'azzardo legalizzato (per ogni euro investito nei vari "giochi di Stato" ne restituiscono meno del 65%...) sta causando fenomeni di disgregazione sociale sempre più allarmanti. Uomini e donne deboli e provati dalla crisi, padri e madre di famiglia, infatuati da una fortuna effimera quanto "tassa cash" dilapidano le loro proprie misere risorse nella speranza di migliorare situazioni di povertà. QUESTO E' INACCETTABILE, provoca costi sociali enormi e in continuo aumento (vedasi articolo di oggi su corriere.it). INOLTRE la micro-criminalità imperversa privilegiando i locali pubblici dove sono ubicati slot ecc. con enorme dispendio di energie da parte delle forze dell'ordine (spesso senza risultato), che possono occuparsi sempre meno di prevenzione. STATO COME CASINO' A CIELO APERTO per far quadrare conti sempre più in dissesto e mantenere spese folli e infruttuose come le varie caste che ne beneficiano. BASTA! DENUNCIAMO ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI UMANI, PER VILIPENDIO DI CIVILTA'." Giovanni M., Lazzate

6 Nov 2012, 16:48 | Scrivi | Commenti (157) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Sono una persona di 54 anni premetto che in 48 anni non ho mai giocato un soldo ma un brutto giorno ho vinto 1000 euro e grazie a questa vincita ho incominciato a rigiocare prendevo solo gratta e perdi dopo lo stato o chi ne fa le veci a inventato il gratta e perdi da venti euro e il giocatore che diventa ludopatico lo diventa perche perde i suoi soldi che a lavorato onestamente per poi lasciarli a questa gente schifosa di tabacchi stato e sisal che si prendono i nostri soldi truffando la gente onesta mi trovo costretto dopo cinque anni di malattia a dover andare senza soldi in giro chi non e ludopatico come sono diventato io non potra mai capire perche anche io non capivo prima di entrare nel tunnel questa povera gente state lontani da questo male e godetevi la vita con le vostre famiglie io non ho mai avuto bisogno grazie a dio eppure ci sono cascato sono due le cose ho sono stupido io ho sono ludopatico

Bucci Enrico 29.03.15 16:39| 
 |
Rispondi al commento

gerenti di bar e comuni riflettere please..... anche commercialmente non so quanto vi conviene restare complici di questi ladri e incantatori di serpenti .cordialmente consentitemi di mandarvi aff............

cristian fanti 04.01.15 10:53| 
 |
Rispondi al commento

E' vero poiché i politici anziché difendere il proprio popolo, lo inganna propinandogli false speranze. Sono d'accirdissimo con quello che ha scritto Beppe Grillo

Enrico canino 23.10.14 08:13| 
 |
Rispondi al commento

Perchè limitarci come di solito a solo parlare... e non c'è nessuna organizzazione di sani principi che raccolga le firme per abolire queste maledette macchinette che sono istallate oramai ovunque:in tutti bar, in tutte le edicole,in tutti tabaccai e pasticcerie...(eccetto qualche raro titolare onesto...!)insomma li mettono persino nei cessi...la nostra e una società diventata di compulsivi...e tutti tacciono!!!non ci sono più registi,cantautori,poeti,scrittori,giornalisti,"politici" che intervengono e diano il loro contributo! a chi vuole il gioco libero...dico che può andare sempre al casinò!! e se non è d'accordo é perchè ci marcia anche lui...!

Vincenzo Cicero 12.06.14 22:32| 
 |
Rispondi al commento

Sono perfettamente d'accordo con te. E' lo stato che deve risarcire chi si ammala di gioco perchè è lui che inietta questo virus malefico ben sapendo che chi vince è sempre lui. Ormai lo stato è diventato una Bisca e tante persone, soprattutto quelle del ceto medio basso ci cascano perchè ritengono, erroneamente, che il gioco sia l'unico modo per cambiare la loro vita. Via quindi video poker, gratta e vinci, slot machine, e tutti gli altri giochi e giochini che si è inventato. Sono certa che se la persona dipendente da questo vizio non trova più queste tentazioni a ogni piè sospinto, automaticamente guarirà.

CATERINA SERRA, cagliari Commentatore certificato 23.01.14 21:06| 
 |
Rispondi al commento

TITOLO : MA.......

MA PIANTATELA DI FARE I SOLITI ITALIANI CHE CHIEDONO ALLO STATO DI VVVVVIETARE E FARE DI TUTTA L'ERBA UN FASCIO, le persone NONsono tutte UGUALIIII, il GIOO D'AZZARDO DEVE ESSERE LIBERISSIMOOOOOOOO, se uno non ha problemi di vizio DEVE POTER FARE QUELLO CHE VUOLE!!!!!!

se invece uno ha problemi di vizio basta che venga attestato e non gli si rilasci la patente di giocatore, MA SINGOLARMENTEEE

BASTA COL MODO DI RAGIONARE CHE PERCHE QUALCHE poverino si rovina con il gioco ROMPERE LE PALLE CON I DIVIETI A TUTTI

il gioco deve eseere LIBERISSIMMO CON IN INGHILTERRA!!!!!!!!

jungla 07.06.13 03:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io come cittadino mi sento truffato da finte vincite incitate dalle pubblicità' delle slot,dobbiamo chiamare in causa lo stato e chiedere i danni,1 milione a persona per averci fatto buttare tutti i nostri soldi,come il fumo,l'alcool,droghe e altro,le persone non sono in grado di smettere da soli,di gestire,di affrontare tale vizio,che da parte mia lo stato doveva vietare in modo radicale questo gioco sè non nei casino'.lo stato deve salvaguardare il cittadino e i soldi che restino in italia.firme per iniziare una denuncia legale e cercare legali con le palle per affrontare questa rivolta..

maurizio pavan 10.05.13 14:29| 
 |
Rispondi al commento

a poi qualcuno dovrebbe comunicare al Sig. Cofferati che il gioco on line c'e' gia'- ale' ma da CINQUE ANNI- in TV pero' c'e' solo da due WINGA ad esempio mai sentito Coffi , ma non eri un gran politico aggiornato-puntuale ?

FABIO B., bologna Commentatore certificato 04.05.13 15:12| 
 |
Rispondi al commento

FA PIU' DANNI L'ALCOL O IL GIOCO?????????????

FATICA DARE CONTRO VINITALY?? EPPURE CHI BEVE CREA DANNI SOCIALI MOLTO MAGGIORI DI CHI GIOCA A SE STESSO (CIRROSI E ALTRE MALATTIE) AGLI ALTRI CON INCIDENTI E GUIDE PERICOLOSE.

CON QUESTI DATI SAREBBERO DA CHIUDERE TUTTI I BAR E LOCALI DI MESCITA.
R.I.

Alcol. Rapporto Istat. A rischio 7 milioni e mezzo di italiani. Soprattutto "vecchi" e "giovani"
Secondo l'indagine Istat, il 66,6% della popolazione di 14 anni e più ha consumato alcol nel 2012. Tra gli over 65, e in particolare tra le donne, aumentano i consumatori di alcol fuori pasto. E' allarme per i giovani che si mettono alla guida dopo aver bevuto.
18 APR - In Italia cresce il consumo di alcol occasionale e fuori dai pasti, mentre diminuisce il numero di bevitori giornalieri. I comportamenti a rischio nel consumo di alcol (consumo giornaliero non moderato, binge drinking, consumo di alcol da parte dei ragazzi di 11-15 anni) riguardano 7 milioni e 464 mila persone. Le fasce d’età più a rischio sono gli over 65 e i giovani nella fascia di età che intercorre tra i 18 e i 24 anni. E’ quanto emerge dal rapporto Istat “L’uso e l’abuso di alcol in Italia”. In particolare tra gli over 65, nel confronto tra 2002 e 2012, aumenta dal 12,7% al 13,5% la quantità di persone che bevono fuori dai pasti. In questa fascia d'età la crescita è ancor più consistente se si considerano soltanto le donne: dal 4,3% al 5,7%. Ancora più marcato l'avanzamento della diffusione di alcol fuori pasto tra le donne di ogni età: nel 2002 erano il 35%, nel 2012 sono diventate il 38,5%.

A livello di abitudini, da segnalare un cambiamento nel tipo di bevande consumate. Diminuisce infatti la quota di chi consuma solo vino e birra e aumenta quella di chi beve anche aperitivi alcolici, amari e superalcolici. Nel 2012, il 64,6% della popolazione di 11 anni e più ha consumato almeno una bevanda alcolica nell'anno. Di questi, il 51,9% beve vino, il 45,8% birra e il 40,5%

raffaello 18.04.13 22:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Assolutamente da ascoltare: su BRONTONO (Rai3)
LE MAFIE IN GIOCO
IN ONDA LUNEDÌ 8 APRILE 2013 ALLE 9.00
--> soprattutto per cio' che dice e suggerisce il procuratore aggiunto presso il Tribunale di Reggio Calabria NICOLA GRATTERI
http://www.brontolo.rai.it/dl/portali/site/puntata/ContentItem-cb0cc06a-eb04-449f-8402-dabb9a1041e2.html?homepage
z

Manuela C., ROMA Commentatore certificato 08.04.13 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno può suggerirmi un sistema - il più rapido, efficace e discreto possibile - per sabotare una slot machine rendendola inutilizzabile?
Vorrei applicarlo sistematicamente ogni volta che entro in un bar, ma senza essere scoperto e arrestato

Lorenzo S. Commentatore certificato 08.04.13 10:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nel 2009 vincite per 3,2 miliardi
(c.r.) ROMA - Tempo di bilanci per il lotto. A una sola estrazione dalla fine dell'anno, nel 2009 sono stati premiati 45 milioni di giocatori con vincite per quasi 3,2 miliardi di euro. nel 2012 vinti nemmeno 300 milioni di euro.
poi dicono che non e' truccato. da quando hanno cambiato il sistema estrazionale ci truffano continuamente.

enzo treccarichi 26.03.13 22:44| 
 |
Rispondi al commento

E BASTA CHIAMARLA LUDOPATIA QUESTA SI CHIAMA PESTE COLERA PANDEMIA PUTREDINE alle parole dobbiamo dare il compitano che si meritano le parole sono importanti molto importanti.
Troviamone altre per definire sta cancrena

FABIO B., bologna Commentatore certificato 23.03.13 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Vedere queste persono ridotte ad immagine e somiglianza di morti viventi, mentre tutti i trafficanti si strafocano di soldi e di soldi e di soldi e piu c e miseria e piu si stafocano sti beccamorti. Ho visto uomini trasformarsi giorno dopo giorno, solo al tempo dell eroina si vedevano sistuazioni analoghe.
UN DISASTRO

FABIO B., bologna Commentatore certificato 23.03.13 15:30| 
 |
Rispondi al commento

In risposta alle bestialita' scritte sul corriere dal commentatore n.50 (non c'e' nome) -forse colluso.
Qui non siamo negli anni 20 non siamo in america LE MACCHINETTE VANNO E L I M I N A T E.
SONO GIA' IN MANO ALLA CRIMINALITA' TUTTE.
Pero'adesso sono anche protette dall'autorita' protette e coccolate se un poveraccio fa' casino ale' arrivano i carabinieri(obbligati) mandati a difendere il povero barista il povero gestore.
Chi non capisce questo e' continua a sbandierare il pericolo "proibizionismo" o e' colluso quindi delinquente o non capisce un CAZZO.
BASTA ADESSO BASTA

FABIO B., bologna Commentatore certificato 23.03.13 15:18| 
 |
Rispondi al commento

I concessionari i gestori, coloro che hanno reso legale il gioco, soprattutto delle slot ma non solo, siano di dx di sx di centro, debbono essere considerati TRADITORI del popolo italiano e non solo.
Dovranno quindi (auguriamoci al piu' presto) rispondere delle loro attivita' CRIMINALI - rei di crimini infami, non solo naturalmente relativamente a questioni economiche, anzi prevalentemente per crimini inerenti la sfera sociale e civile nella totale integrita' della comunita' e dell'umanita'.

FABIO B., bologna Commentatore certificato 20.03.13 13:58| 
 |
Rispondi al commento

gia' lo sapevo nel 2001 che l'Italia era sull'orlo del fallimento. Le giocate del Lotto furono aumentate e tante persone si trovarono ridotte alla miseria. Era un gioco d'azzardo sponsorizzato dallo Stato. Pensai fosse alla frutta e ben presto mi ritrovai all'estero.
Ogni volta che tornavo, trovavo cose nuove raccapriccianti come le spese telefoniche, quelle dell'adsl ...le privatizzazioni sponsorizzate dai politici....etc

Roberto Lucarelli 14.03.13 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Da circa 6 mesi ho scoperto che una persona a me cara si e' giocata quasi tutto in quelle maledettissime slot machine. Sono di Genova,l'unico gesto che per ora ho notato per dare un freno a questa immondizia e' stata l'iniziativa di Don Gallo che ha fermato l'apertura di una nuova sala a Pegli. Vorrei fare qlcs di concreto ma non so che fare.
Grazie
Ciao
Marghe

Margherita 13.03.13 23:51| 
 |
Rispondi al commento

Il Progetto ISFEA, dopo il fumo e l'alcol, aggiunge un terzo obiettivo: la lotta alla ludopatia.

Qui la pagina Facebook del progetto:
http://www.facebook.com/pages/Italia-Senza-Fumo-e-Alcol/207497929302693

e qui il volantino contenente tutti i links per scaricare tutto il materiale prodotto finora: http://tinyurl.com/aqnq74r

C'e' bisogno di idee, di partecipazione volontaria, come volontario e' il progetto stesso, che appartiene a chi senta la voglia di cambiare questa società, per sviluppare le attività e la produzione di materiale da diffondere e far conoscere alla gente, allo scopo di raggiungere le condizioni per far diventare il progetto stesso una proposta di legge o un referendum.

Grazie!

mauro pecchioli
medico di famiglia
firenze

Mauro P., Firenze Commentatore certificato 04.03.13 10:01| 
 |
Rispondi al commento

queste m.... anno chiuso l'ippica a s siro e nei nostri bar ci sono i giochi piu d0azzardo del mondo e nessuno fa nulla SPERO IN VOI I SOLDI DEI GIOCHI DOVE VANNO A FINIRE????

cristiano f., milano Commentatore certificato 28.02.13 00:24| 
 |
Rispondi al commento

E triste che la criminalità abbia già presso i gangli della società.Così abbiamo la conferma che i partiti politici somigliano più ad associazioni a delinquere che al interesse colettivo.Si muovono allo stesso modo. Ti inventano un debito pubblico recattando le future generazioni.
E importantissimo mettere gente onesta in questo parlamento marcio e lurido.Questa legge fatta in fretta e a mezzanote te dimostra in che direzione stanno andando.Mi auguro che il popolo ed il giornalismo prendano coscenza.Che non si può continuare ad occultare questo marciume.

tito ortiz, milano Commentatore certificato 06.01.13 17:15| 
 |
Rispondi al commento

si è terribile quello che accade, specie in questo periodo di inizio dell'acutizzarsi della crisi.
Circa il 20% degli adolescenti tra i 15 e i 19 anni fuma (dati ISTAT).
Il picco massimo di fumatori però è nell'età che va dai 25 ai 34 anni (dati ISTAT verificabili nel sito dell'ISTAT che è l'istituti di statistica nazionale) 
Io non ho più questo vizio: ce l'avevo come te ma sono riuscito a smettere...
Cosa faccio adesso? 
... insegno alle persone a smettere di fumare http:://www.smettere-di-fumare-sigarette.com/blog
Se vuoi dacci un occhio, spero di esserti utile
ciao ;)

giovanni nani 26.11.12 15:34| 
 |
Rispondi al commento

c'è sempre l'altra faccia della medaglia:quanta gente e quante imprese lavorano nel settore,quante decine e decine di migliaia di famiglie.
da impiegato nel settore,ho visto cambiare il mio lavoro da semplice cassiere di una salagiochi a "terzo raccoglitore",così ci chiamano,per conto dello stato.

purtroppo oggi,senza l'introito derivante dalle slotmachines e videolottery,la nostra attività ed il nostro settore,chiuderebbero!
abbiamo uno stato biscazziere,che ha imposto percentuali di vincita basse per i giocatori,con tasse alte e margini di utile infimi per i gestori..
chi ,tutti i giorni, deve lavorare a contatto con la disperazione e/o con la speranza della gente,non ha vita facile.
tra microcriminalità sempre più diffusa all'interno dei locali e giocatori compulsivi che si rovinano,io,da dentro il settore,mi chiedo tutti i giorni come porre un freno a questa degenerazione,come garantire una tranquilla e serena permanenza,come limitare questa droga del vizio/speranza..
cosa vorrei?
-uso delle macchinette solo previa introduzione del codice fiscale attestante la maggiore età(come per i distributori di sigarette).
-fissazione,per legge,di una spesa massima diurna: qualunque giocata è sospesa al raggiungimento di una soglia ben precisa;detto limite,potrebbe essere calcolato in base al proprio reddito annuo,ed essere un'informazione anch'essa presente sul tesserino del cod.ficale.sia chiaro:non puoi cambiare locale e continuare;non puoi più giocare da nessuna parte!
con questo semplice accorgimento:
- eviteremmo il potenziale riciclaggio di denaro sporco;
-il gioco compulsivo verrebbe limitato ad una cifra stabilita per legge in base alle proprie disponibilità,garantendo ad ogni individuo quella soglia di vita dignitosa da non dover rischiare con l'azzardo
-impossibilità per un minorenne di giocare d'azzardo
-maggiore controllo in ottica antievasione/criminalità con possibilità di blocco scheda/divieto al gioco a soggetti specifici(tipo blocco della carta bancomat

giacomo g. 10.11.12 05:04| 
 |
Rispondi al commento

La notizia è in parte imprecisa, difatti la parte che lo stato trattiene per se in realtà è più ampia. Infatti circa il 50% delle vincite sono in premi di pari importo della giocata effettuata. se ad esempio compri un gratta e vinci da 5 euro, e facile che se vinci, il premio sarà di euro 5. Secondo voi chi gioca 5 euro e vince 5 euro, incasserà o chiederà un altro gratta e vinci da 5 euro? Delle giocate effettuate, in realtà, i premi realmente incassati non superano il 35%.
ad maiora

Leandro Angeleri, Roma Commentatore certificato 09.11.12 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Abito in provincia di Pavia e da un'inchiesta pubblicata sul giornale locale, sembra che detenga il record italiano pro capite per giochi con le slot machine, grattae vinci , superenalotto ecc. con circa 2.600 euro. Una follia, ritengo che molti vadano ad intaccaccare i propri risparmi buttandoli dalla finestra. Uno Stato esoso ed avido dovrebbe imporre regole nel gioco d'azzardo impedendo tale scempio.

arno faravelli, casteggio Commentatore certificato 09.11.12 12:48| 
 |
Rispondi al commento

La crescita esponenziale degli affari legati al gioco d'azzardo, è strettamente legato alla crescita esponenziale degli affari della finanza (e del suo strapotere). Il nucleo centrale che accomuna strettamente i due affari è l'idea di far soldi, possibilmente tanti, nel più breve tempo possibile e con la minor fatica possibile. Questo nucleo centrale origina dall'avidità, avere di più, perchè avere di più significa essere migliori, avere uno status sociale più elevato, un riconoscimento sociale che si è migliori. L'avidità è possibile solo quando c'è surplus e risulta difficile da tenere sotto controllo, perchè pare essere caratteristica umana, soprattutto sembra appartenere a quelle persone che si percepiscono deboli o inferiori e che mettono in atto una rivalsa e fare in modo di sentirsi non solo accettate, ma addirittura migliori degli altri. In questo senso, il gioco d'azzardo punta a sfruttare le debolezze delle persone più fragili. Per loro non è una scelta giocare, ma una necessità per stare bene...a volte l'unico modo che riescono a concepire.

Alessandro Boin, Legnago Commentatore certificato 09.11.12 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente daccordo con giovanni, denunciamo alla corte europea questo gioco d'azzardo che hanno messo inpiedi in anni e anni di antipolitica, ma.....Ma prima bisogna assolutissimamente (per dirla alla forminchioni) portare voti e voti al movimento, dobbiamo dare voce ai ragazzi che ci rappresentano in parlamento. Solo da questo passaggio possiamo passare al prossimo, AIUTIAMOCI!!! Ciao Max.

Massimiliano padova 08.11.12 08:33| 
 |
Rispondi al commento

E cocaina per essere più lucidi...e giocare meglio!

maurizioo v., aiello del friuli Commentatore certificato 08.11.12 06:59| 
 |
Rispondi al commento

Signori miei, lo stato ha LEGALIZZATO il VERO gioco d'azzardo composto da GRATTA &VINCI, S.ENALOTTO, LOTTO, ora anche il WIN FOR LIFE, senza parlare dei vari BINGO sparsi per l'Italia , dove vi sono uomini e donne che si giocano STIPENDI INTERI. Mentre, hanno messo al bando quello che per tanti anni e' stato considerato il PADRE del gioco d'azzardo, ma che poi molti giocatori hanno invece dimostrato trattasi di un gioco ove l'abilità prevale: il POKER!
In Italia MILIONI di appassionati giocano a questa disciplina e sono tutti in attesa di una LEGGE che dia una chiara risposta alle esigenze di chi ne ha fatto una verità e propria professione! Com'è ammissibile, che nelle POKER ROOM ONLINE, sia stato LEGALIZZATO il gioco con soldi veri, come il CASH GAME, ove, con più' MONITOR e MULTITABLANDO (aprendo in contemporanea più tavoli giocandoci simultaneamente ), un qualsiasi giocatore può giocare MIGLIAIA di euro, mentre LIVE (dal vivo), ove al massimo un giocatore può giocare in UN SOLO TAVOLO, e quindi rischiando meno, non sia stat prevista una legge? Senza considerare gli introiti per le casse dello stato che ci sarebbero se si regolarizzasse il tutto.....NO COMMENT!

Francesco la fauci 07.11.12 23:23| 
 |
Rispondi al commento

bisognerebbe eliminare TUTTI i giochi: grattaevinci, lotto, enalotto, slot, casinò, totip, e tutti gli altri. Pensate a quanti soldi potrebbero essere rimessi in circolo.......

Mauro Corinto 07.11.12 21:49| 
 |
Rispondi al commento

“Smog: inquinamento uccide a Milano 550 persone all’anno”.

La cifra mi sembra del tutto sottostimata! Professori, Medici, dove siete?! Dite la veritaaaaa!!!


PISAPIPPA CI STATE UCCIDENDO !!!

MIOLANESI !!!!! SVEGLIATEVI, FINCHE’ SIETE ANCORA VIVI …
BISOGNA BLOCCRE L’ INDRESSO DEL TRAFFICO PRIVATO IN TUTTA LA CITTA’ !!! NON BASTA CHIUDERE IL CENTRO SOLO ALLE AUTO DEI POVERI …

Fonte:

http://www.greenstyle.it/smog-inquinamento-uccide-a-milano-550-persone-allanno-12777.html?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter:+GreenStyle&utm_content=2012-11-07+Smog%3A+inquinamento+uccide+a+Milano+550+persone+all%27anno

Lux Luci 07.11.12 20:48| 
 |
Rispondi al commento

non è necessario essere un premio nobel per capire che siamo governati da papponi.
grazie comunque per quello che hai denunciato e fatti sentire più spesso.

gianca tartaruga 07.11.12 20:14| 
 |
Rispondi al commento

L'aumento dei vari gratta e vinci ,slot,superenalotto, dieci e lotto,lotto, win for life, e di tutti quei giochi che illudono le persone ,vanno di pari passo un con l'aumento della disperazione del popolo.

Sabrino Di Renzo, Gradara Commentatore certificato 07.11.12 20:10| 
 |
Rispondi al commento

LE slot vanno abolite nei bar e nei locali pubblici, che sono preda di Barbari notturni e diurni che per un guadagno facile infrangono in piena notte con autoveicoli di ogni misura facendo danni,disturbo della quiete pubblica perche'la polizia e carabinieri ogni notte vengono impegnati in un far west continuo e con sirene neanche fossimo sulle strade di S.francisco o New york svegliano l'intero quartiere!qui da Barriera di Milano periferia nord di Torino terra di confine!

MAtt f., torino Commentatore certificato 07.11.12 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Come si può notare Dario Fò non si esime dalla apparizioni televisive, e fa bene. Anche lui come Grillo era stato "cacciato" dalla Rai a suo tempo, ma ora che è stato riammesso non si chiude nella sua "turris eburnea" come fa Grillo. Certo si dirà che lui è un premio Nobel e Grillo no. Quindi Grillo non aspira a importanti cariche politiche, spero, anche perchè non privo di condanne passate in giudicato.

Roberto M. Commentatore certificato 07.11.12 17:35| 
 |
Rispondi al commento

mi raccomando : non togliete le machinette dai bar, altrimenti albanesi e romeni perdono il piacevole lavoro del rubare soldi da queste macchine

Domenico Ferrazza Commentatore certificato 07.11.12 17:34| 
 |
Rispondi al commento

al 10 e lotto non vince piu' nessuno: e' stata solo una bufala per prendere in giro la gente che tenta un lievissimo miglioramento di vita.

e' un computer che gestisce in numeri : si vede che monti ha detto che le vincite devono essere ridotte al lumicino.. quindi, giocare al 10 e lotto o dare direttamente i soldi allo stato e' la stessa cosa!!!

...e se si guardano bene le varie sequenze ci si rende conto di come ti fottono ...... spesso e volentieri escono 4/5 numeri tutti col lo stesso numero iniziale tipo 50 * 51 * 53 * 56 *59 o 41 * 44 * 45 *47 *49... in pratica sequenze che nessuno gioca e tolgono numeri validi al resto dell'estrazione

e non giocate piu' di 5/6 volte la stessa sequenza... il computer vede e ...i numeri non usciranno mai


quello che non ho capito se e' lo stato che gestisce il 10 e lotto o una societa' di privati!!

Domenico Ferrazza Commentatore certificato 07.11.12 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Si trascura di parlare del GIOCO del LOTTO. Anche quello e azzardo e oltretutto non c'è alcuna trasparenza. Provate ad indagare e scoprirete che non si sa più dove avvengono le estrazioni delle varie ruote e con che modalità. Ci hanno propinato per anni la trasmissione televisiva "il lotto alle otto" facendoci vedere la nuova macchina per le estrazioni "venus", non si ha più traccia e non si capisce bene come avvengono le estrazioni..trasparenza zero.

angelo e., reggio calabria Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.11.12 16:28| 
 |
Rispondi al commento

il gioco per alcuni è come la droga: occorre mettere un limite ed eliminare la pubblicità del gioco. Poi i 90 miliardi di euro evasi dai gestori che fine hanno fatto! Il gioco poi spesso è truccato ed è gestito dalla criminalità!

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 07.11.12 15:53| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

allego la piece di un articolo apparso sul corriere dell'Alto Adige. Se non si possono fermare queste slot machine un'opportuna tasazione potrebbe risollevare le finanze Comunali.

"La corsa all'apertura di nuove sale gioco, la crescente diffusione di slot machine all'interno di bar e locali pubblici pare non trovare freni legislativi. Neppure il rispetto di fasce di protezione territoriale nei confronti di edifici scolastici sembra ormai più reggere. «Se non possiamo agire sul fronte delle norme edilizie e sui regolamenti, io interverrei con una tassazione comunale apposita». L'assessore al bilancio Nerio Zaccaria nei giorni scorsi ha dato incarico all'ufficio tributi del Comune di valutare la possibilità di introdurre una nuova tassa a carico delle macchinette mangiasoldi. «Se non possiamo intervenire con azioni di contenimento legislativo di altro genere - commenta l'assessore - allora passiamo alla tassazione. Visto che la dipendenza dal gioco sta diventando una piaga sociale e sta rovinando centinaia di famiglie, noi potremmo introdurre una nuova imposta di scopo. Chi installa, a noi non interessa se gestore del locale o società proprietaria, una slot machine, deve versare una tassa, anche mille euro ad apparecchiatura ogni anno. Quei soldi il Comune li potrebbe girare ai servizi sociali, contribuendo a finanziare gli elevati costi che oggi sostiene il servizio di assistenza economica di base, di fronte a quelle famiglie che si vedono letteralmente deturpare il budget o lo stipendio dal vizio del gioco».

pietro u., genova Commentatore certificato 07.11.12 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Ne so qualcosa, il mio padre ne era vittima in Russia, parlo di anni fa, poi per fortuna fu proibito, per le cause che potete immaginare. Vedo in Italia oggi le sale di videogiochi spuntare a una velocità spaventosa, purtroppo...Dobbiamo abolire appena M5S vincerà e questo deve acadere!

Elena Proussakova 07.11.12 14:40| 
 |
Rispondi al commento

caro GIOVANNI, anch'io gratto! mi gratto la testa
per le preoccupazioni che questi politici mi danno;
mi gratto la pancia perché,come tanti Italiani,debbo
tirare la cinghia per arrivare a fine mese;gratto il pane duro poiché ormai non si può più buttare via niente,ma soprattutto GRATTO-GRATTO-GRATTO I GRATTINI CON LA SPERANZA DI UN COLPO DI FORTUNA
CHE IN REALTA' VA SEMPRE ALLO STATO. Conclusione
mi rendo conto che ,speculando sulla povertà,ci fregano ancora con le solite TASSE OCCULTE, che
il Professor MONTI CERTAMENTE NON PAGHERA'. Ma allora mi domando:non conviene tentare la fortuna cacciando di brutto tutti coloro che attualmente si scaldano le chiappe in Parlamento? Chi la pensa come me ,batta un colpo !!!!!!!!!Questa notte l'Italia dei politici è stata appesa davanti alla TV avida di conoscere il risultato delle ELEZIONI
AMERICANE, ed allora il mio pensiero, andando al
nostro sistema elettorale che è un casino, mi ha
portato a concludere che , INCIUCIO PER INCIUCIO,
NON E' PREFERIBILE ADOTTARE QUEL SISTEMA PRESIDENZIALE CHE GARANTISCE IL RICAMBIO E LA
GOVERNABILITA' PER TUTTO IL PERIODO?? Ma temo che
gli Italiani,nati e cresciuti nei casini,in questi
trovino il loro abitat naturale.NOI INVIDIAMO SEMPRE L'ERBA DEL VICINO E NULLA FACCIAMO PER
MIGLIORARE IL NOSTRO GIARDINO, E, PENSANDO CHE
TUTTA L'ITALIA E' UN GIARDINO MERAVIGLIOSO , CON
UN PO' DI BUONA VOLONTA' ED ONESTA' POTREMMO ESSERE TUTTI RICCHI. Purtroppo i nostri politici
usano il giardino per seminare TASSE ed il raccolto non può che essere POVERTA'.

ANGELO P. Commentatore certificato 07.11.12 14:26| 
 |
Rispondi al commento

Rimango dell'idea che non si può proibire tutto ciò che non piace, e a me le slot non piacciono, solo perché ci sono persone che non si sanno controllare.
Che la cosa vada regolamentata ulteriormente va bene, ma l'eliminazione del gioco d'azzardo non porterebbe a nulla di buono e non risolverebbe il problema della patologia.
Il gioco patologico esiste in tutto il mondo ma nessuno si è mai sognato di dire che la cura è togliere le slot di mezzo. Solo in Italia si partoriscono queste perle di saggezza.

Stefano R. Commentatore certificato 07.11.12 14:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io vivo in irlanda sono nato in italia ogni estate faccio vacanza nel mio paese atina provincia frosinone e vado al bar che da due anni ha messo una sala da gioco e io che non sono un giocatore mi sono fatto coinvolgere dal gioco e mi sono giocato i miei soldi della vacanza questi soldi che io ho giocato potevo spenderli per altre cose piu importante.IO penso che come me ci sono tante persone questi soldi mangano alla economia locale e se continuano cosi i negozzi chiudono e le famiglie si rovinano. spero che qualcuno possa fare qualcosa per fermare questi governi che condribuiscono alle licenze di queste sale da gioco facendo dei profitti enormi alle spalle dei piu' deboli. CIAO E GRAZIE

gianni di folco 07.11.12 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Fo, non si tratta piu di denunciare all'Europa, bisogna chiedere aiuto, bisogna chiedere all'Europa di venirci a liberare da questa canaglia.
Noi da soli non riusciremo mai a uscirne.
Perche non proviamo a chieder, sia pure provocatoriamente, asilo politico alle Nazioni Civili?

exodused 07.11.12 13:59| 
 |
Rispondi al commento

credo di essere l'unico soggetto accreditato per le regionali 2013 del friuli venezia giulia quale antipolitico,biasimatore dei mas media,giornalisti schiavi in primis,perseguitato da 10 anni nell'azienda sanitaria ass3 alto friuli in cui lavoro da 35 anni,odiato dai politici di ogni colore,da tutti gli industriali viscidi di questa regione,dalla bassezza omerosa di questa regione parassitata da solo 20 anni dalla mafia siciliana e napoletana,che purtroppo ora domina tutta la vita politica ed economica di questa regione.Tutti lo sanno ma tutti sono diventati omertosi come a Napoli.ADOLFO PER IL FRIULI.questa può essere la denominazione.saluti.ADOLFO

adolfo d'orlando 07.11.12 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo...Proprio qualche giorno fà, in azienda abbiamo subito l'ennesimo furto con scasso di due slot nel reparto bar, ci siamo ben rotti i coglioni. Ma come si fa a vietarle e far smettere la gente di giocare? Se vietiamo le fottute macchinette nasceranno migliaia di bische clandestine...Certo, le forze dell'ordine sequestrandole con tutti gli incassi farebbero un business per lo Stato, ma il problema sociale resterebbe.

kar Ma, avezzano (AQ) Commentatore certificato 07.11.12 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei a tal proposito far notare cosa dice la categoria dei tabaccai riguardo i nuovi decreti sul gioco. Parole, secondo me, allucinanti che dovrebbero essere censurate!!
ecco il link:
http://www.jamma.it/associazioni/sts-in-tabaccheria-porte-chiuse-allazzardo-16227

VERGOGNA!!!!!

Aldo 07.11.12 11:41| 
 |
Rispondi al commento

SONO A FAVORE DEL GIOCO D'AZZARDO DI STATO, mi spiego:

1- i giocatori patologici sperperano soldi comunque, in maniera legale e se non possono in maniera illegale

2- l'ipocrisia di vietare i casini e i casinò è tutta e solo italiana

3- infatti tutti gli stati confinanti*** sono pieni di casinò e sale da gioco legali che accolgono a braccia aperte fiumi di giocatori, anzi li vanno a prendere a casa o organizzano treni in cui già i giocatori possono giocare

4- vanno stabilite però delle REGOLE che evitino lo sfascio sociale e queste potrebbero essere:

- vietare le macchinette da bar

- vietare la pubblicità al gioco (inclusi grattaeperdi) inc ui fanno credere che dopo sarai felicemente ricco

- concentrare il gioco in sale da gioco regionali per entrare nelle quali bisogna avere la maggiore età

- ogni giocatore deve essere associato a un codice anonimo, di modo che siano impossibili gli ingressi:

a) nei casinò del proprio territorio
b) più di un tot di ingressi/mese
c) accessi limitati in termini monetari a internet per i giochi d'azzardo

in questo modo si permetterebbe il gioco, evitando vere e proprie fughe all'estero, contenendo gli abusi, evitando l'eccesso di presenza della criminalità (che comunque è inevitabile che in qualche forma sia presente)

chiamerei questa cosa realismo e la contrapporrei all'IPOCRISIA da buon samaritano che ci contraddistingue e ci rende più realisti del re o papisti del papa... :) guardatevi i dati che seguono...

***questi che seguono sono le sale da gioco/scommessa (da comparare anche con il n. di abitanti), quelli indicati da asterisco indicano SOLO i casinò strettamente detti a cui vanno aggiunte poi innumerevoli sale da gioco con le macchinette di cui non ho i dati: paesi direttamente confinanti Francia 189 - Svizzera 19* - Austria 15 - Slovenia 13* - per fare qualche km in più avremo che: Croazia 15* - Germania 76 - e prendendo un volo low cost UK 144 - Spagna 33*

Robert Dragon Commentatore certificato 07.11.12 11:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non si puo aumentare l'iva al 22% basterebbe avere 2 tipologie di pagameto che ogni persona puo scegliere a piacimento:telefonini che costano fino a 100 £ al 10%di iva.telefonini fino a200£a20£ di iva fino a una soglia del 60% x gli oggetti o le auto piu costose.chi ha piu disponibilita di soldi avrà anche piu iva da pagare.chi non c'è la fa ad andare avanti avere l'iva agevolata sarà solo un aiuto.Poi vi informo che in sardegna a serramanna è in uso ormai da un bel po di mesi il sardex (moneta del baratto)potete vedere su internet comeè gia abbastanza svluppato,ma bisognerebbe portarlo anche fuori da l'isola per questo gradirei sapere se queste cose che vi scrivo le trovate interesanti aspeto vostro commento grazie...

roberto muscas, cagliari Commentatore certificato 07.11.12 11:25| 
 |
Rispondi al commento

http://www.avvocatideiconsumatori.it/notizie/ludopatiasi-muovono-le-famiglie/

Ludopatia:si muovono le famiglie

Nel silenzio della Politica che parla d’altro sono ben 20 le famiglie solo a Pavia che hanno dovuto chiedere al Giudice di bloccare il patrimonio dei loro congiunti vittime di Ludopatia.


Le case da gioco ormai sbarcano sul web e sulla televisione e raggiungono a casa i giocatori che spendono i loro risparmi e quelli delle loro famiglie portandole al lastrico.

Se da un lato lo Stato incassa sul gioco dall’altro spende molto per curare la nuova forma di dipendenza senza neppure informare gli stessi giocatori dei rischi cui vanno incontro.

Segnalateci il Vostro caso o chiedete il Nostro intervento su

http://www.avvocatideiconsumatori.it/pronto-soccorso-legale/


Gianmarco Maroso, Bari Commentatore certificato 07.11.12 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Lavoro da anni nel settore scommesse e giochi,sono d'accordo che il gioco d'azzardo sta diventando una piaga sociale. Conosco bene il settore e tutte le problematiche. Sono un antiproibizionista per natura e penso quindi che proibire qualsiasi cosa significa solo lasciarlo al mercato nero delle mafie.
Tuttavia un dibattito va aperto perchè qui le mafie rischiano di entrare anche nel mercato legale grazie alla solita compiacenza della politica.
Non ho ancora trovato nessuno che voglia affrontare questo problema senza moralismi e pregiudizi. C'è chi chiude gli occhi e chi dice vietiamo tutto. Entrambi gli atteggiamenti non servono a niente. Se qualcuno dei candidati alle prossime politiche vuole fare realmente qualcosa di serio in questo settore io sono a disposizione.

pierluigi de rugeriis 07.11.12 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Per una vincita per tutti,le 5 stelle devono uscire alle votazioni.(capito mi hai?)

francesco q., cellamare bari Commentatore certificato 07.11.12 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Penso che se siamo in democrazia uno puo fare quello che vuole, ma il fatto di publi ccizzare i giochi d'azzardo o sigarette,o droga,sia una cosa da irresponsabili,sia per i bambini che per qualche adulto.Quindi ci vuole una regolamentazione che imponga il rispetto delle regole che il popolo si è dato:democrazia uguale regole decise dalla maggioranza.Dopo di chec'è solo da rispettare la regola quella che sia...

roberto muscas, cagliari Commentatore certificato 07.11.12 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
reputo sia necessario informare che il gioco d'azzardo rientra nelle patologie cui sono legate le tossico dipendenze.
Altrove associazioni di familiari e di giocatori trovano soluzioni attraverso percorsi di recupero individuale.
La società Ignis è stata distrutta e venduta perchè enormi capitali sono stati giocati sul tavolo dei casinò .Ho vissuto personalmente la quotidiana emorraggia di denaro. Solo un esempio macroscopico. Se dovessimo seguire il non proibizionismo si dovrebbe ridurre il costo delle giocate di 100 volte.La mafia che controlla il tutto non accetterebbe certamente.Mi dispiace ma non sono disposto a fare in modo che le famiglie vengano distrutte a favore dei magnaccia della mafia.Qui non si tratta di gente che gioca un euro tanto per divertirsi ma di gente malata che sta ore di fronte alle macchinette perdendo lo stipendio. Il Movimento a mio parere dovrebbe fare un referendum abrogativo di questa scellerata iniziativa e di altre gestite con il placet del governo complice.

vittorio ferraresi, Como Commentatore certificato 07.11.12 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti

a mio avviso la liberalizzazione del gioco d'azzardo o di altri sistemi per raccogliere soldi da parte dello stato non centra nulla. Sono d'accordo che lo stato ci metta del suo e sarebbe da bacchettarlo ma essere indignati perchè povere queste persone malate che sperperano tutto anche il futuro dei propri figli, per me è assurdo. La mia famiglia ci è passata ( mio padre alcolizzato) e posso dire con sicurezza che se hai una malattia prima la devi riconoscere e poi ti devi curare come qualsiasi altro disturbo è facile dire poverini hanno il vizio col cavolo io ti dò una mano ma se non cabi tanto vale che tu vada a dormire sotto i ponti e non faccia male a nessun altro tranne che a te stesso. Lo stato si prende un sacco di soldi ? benissimo che li usi bene e non li sperperi o li faccia sparire. Per quello che mi riguarda io sono favorevoli anche ad aprire i "CASINI" purche siano in regola, controllati e paghino le tasse perche finche ci sarà richiesta ci sarà anche sempre offerta è una semplice legge di mercato vecchia come il tempo.

Giorgio P., Feltre Commentatore certificato 07.11.12 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il proibizionismo non ha mai risolto nulla: sarebbe un tragico errore. Invece bisogna insegnare alla gente a giocare in maniera consapevole, come avviene in Inghilterra dove tutti scommettono per divertimento e non ci sono casi patologici. Purtroppo gli italiani si collocano negli ultimi posti della classifica mondiale delle conoscenze matematiche: drammatica condizione che impedisce di distinguere i giochi spenna-grulli (dove le probabilità di vincere sono quasi ZERO) dai giochi in cui le probabilità matematiche sono più favorevoli: per esempio le scommesse sportive, dove l'abilità di chi segue lo sport in maniera continuativa prevale nettamente sulla fortuna.
Io conosco dei disoccupati che hanno fatto delle scommesse sportive una vera e propria attività con la quale non solo non perdono un centesimo, ma addirittura riescono a portare a casa ogni anno uno stipendio di tutto rispetto. Diverso è il caso dei cosiddetti "scommettitori della domenica" che non hanno tempo di seguire lo sport durante la settinama (perché lavorano) e nei week-end si buttano sulle scommesse sportive come il koala alla ghianda, credendo di poter vincere facilmente... A queste persone bisogna insegnare l'ABC del rischio calcolato.

Alberto P. Commentatore certificato 07.11.12 10:20| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo con il governo Berlusconi la legislazione sui giochi leciti ha subito notevoli modifiche, la collocazione di slot anche in esercizi pubblici ha permesso il gioco ad una maggior parte di persone, la possibilità di inserire soldi per azionare le slot alimenta il fenomeno del gioco d'azzardo anche perchè è molto facile truccare i congegni elettronici ed è molto difficile controllare la cotrollare la cosidetta vincita di modesto valore che la legge impone, guarda caso a tutto vantaggio delle lobby mafiose che controllano il mercato dei videogiochi. la modifica del TULLPS (normtiva di legge in materia) e la vergognosa messa in onda di pubblicità reclamizzanti il gioco, è voluta per fovorire le lobby mafiose che controllano il mercato del gioco d'azzardo. questo è voto di scambio? a tal proposito vorri ricodare che la costituzione dice che l'italia è una Repubblica fondata sul lavoro...

sergio mazzesi 07.11.12 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Il gioco è stato regolarizzato anche su i siti inernet, potete giocare al casinò in diretta con il croupier.

Puoi giocare fino a 5000 euro algiorno, e visto che anch' io gioco, ho potuto vedere che in molti giocano grosse somme, al blackjack 50 euro a passata.

La fine del mondo, in tanti si stanno rovinando.


Capisc'a me


Antonio* °Cataldi (capisc'a me), Portici - NA - Commentatore certificato 07.11.12 09:20| 
 |
Rispondi al commento

Questi giochi non mi piacciono, ma sono antiproibizionista. Quindi la mia idea e' che la questione vada regolamentata nel seguente modo:
-nelle sale si entra al raggiungimento della maggiore eta' e con documento di riconoscimento.
-i familiari riconoscendo il giocatore come dipendente possono far vietare l'ingresso

Andrea Bortolotti 07.11.12 08:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Provate anche voi a vivere con 1200 euro al mese con un muto da pagare con due bambini che frequentano la scuola pubblica, a cui bisogna fornire anche la carta igienica.
Non sapere più cosa significa una pizza fuori o un gelato fuori casa, e sentirmi dire che io sono pure fortunato perchè ho un lavoro mi fa inc.... come una bestia, è lo stato di bisogno a cui ci hanno costretti a vivere che fa cadere molte gente verso il gioco facile,
Bisogna affrontare il problema alla radice lo stato dovrebbe garantire uno status di vita dignitosa a tutti i cittadini.
Io credo che il nostro paese c'è la possa fare, ma bisogna intervenire in tre fronti:
Abbassare il costo della politica tagliando tutti i privilegi e ridurre al 50% tutti i parlamentari e consigli regionali.
Combattere seriamente il reato di evasione fiscale dove chi evade deve essere punito con pene esemplari e certe.
Fare una patrimoniale sui redditi superiori a 80000 euro anche del 3xmille e mettere tutto a ridurre il debito pubblico.
Se qualcuno pensa che sono comunista si sbaglia, ma se le mie idee sono comuniste e questo permette a tanta gente di vivere meglio,
Viva il comunismo.

Luigi Cosenza 07.11.12 08:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Apertura di nuove sale da gioco, ed eliminazione di tutte le slot machines da tutti i locali pubblici, tipo bar e tabacchini.Troppe famiglie ci sono già andate di mezzo, compresa la mia!Penso che tutti i sostenitori del M5S, siano d'accordo su un referendum per l'abolizione di queste macchinette mangia soldi!
Forza M5S!

matteo l. Commentatore certificato 07.11.12 08:15| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente Grillo,
Ho atteso con ansia che questo argomento venisse discusso sul web.Penso che tutti siano d'accordo su un referendum per l'abolizione di tutte le slot machines nei locali pubblici come bar, semmai Sì proponga di aprire sale da gioco o nuovi casinò, ma non è possibile che siano in ogni bar.Troppe famiglie si sono già rovinate!Compresa la mia!

matteo luise 07.11.12 07:34| 
 |
Rispondi al commento

Fo mi è sempre piaciuto, anche se ha il grosso difetto di essere comunista. La cosa dei giochi da bar è vergognosa, la gente è schiava, lo vediamo tutti i giorni, una cosa molto ma molto preoccupante. Stato ladro, casta merdosa.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 07.11.12 00:51| 
 |
Rispondi al commento

Tutto questo mi ricorda molto il periodo a cavallo fra XIX e XX secolo. Allora si trattava del lotto, la tassa sull'ignoranza, se non sbaglio.

Curioso come la storia, se la si ignora, tenda a ripetersi.
Stiamo vivendo la fine della "Belle Epoque".

Allora era fondata sullo sfruttamento del proletariato, oggi sul debito.
Entrambe sono finite malamente.

All'epoca c'era Minghetti e la sua "tassa sul macinato", oggi c'è Monti con le sue manovre disperate per evitare il fallimento.

Allora si pagavano le guerre di indipendenza, ma oggi cosa paghiamo in realtà: lo straniero che ci schiaccia ce l'abbiamo in casa.
Sono le "truppe di occupazione partitiche" che dissanguano il paese per il mantenimento della casta politica, della cricca sottostante che e della loro ciurma. E dei potentati residui che si tirano dietro.

Propongo di adottare un nuovo acronimo per il nemico del BelPaese:
C.C.C.P. - Casta, Cricca, Ciurma e Potentai.

Meglio del S.I.M. (Stato Imperialista delle Multinazionali) di brigatistica memoria.

E poi ricorda qualcosa...

GIANLUCA N., firenze Commentatore certificato 07.11.12 00:42| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo che una voltà i casinò erano vietati (tranne Sanremo e Venezia), poi... In che momento sono cominciati a spuntare queste sale di videopoker? Qualcuno lo sa? E' forse tutto cominciato dal Gratta&vinci? Perché mica ci sono solo le slot machine (ancora devono pagarci su le tasse!). Le lotterie istantanee, anche quelle danno dipendenza... "Gioca intelligente" dice la pubblicità, ma è un altro modo per svuotare le tasche della povera gente.

sergio donato 06.11.12 23:56| 
 |
Rispondi al commento

La piaga del gioco è sotto gli occhi di tutti.
La funzione dello stato(minuscolo)dovrebbe essere
anche quella di difendere i cittadini da loro stessi!! .. e invece gli aiuta a perdersi.
..e "loro" si riempiono la bocca di belle parole......

Cesare F., Taglio di Po 45019 Commentatore certificato 06.11.12 23:02| 
 |
Rispondi al commento

E' veramente uno schifo.
Per non parlare della pubblicità.
Se avete bisogno di sottoscrizioni chiamatemi, sarà un piacere darvi il mio appoggio.

Antonino Abate, Santa Maria di Licodia prov. Catania Commentatore certificato 06.11.12 22:57| 
 |
Rispondi al commento

Si fa fatica a guadagnare il denaro.
Ed il denaro serve per vivere.
Lo Stato non può permettere che il denaro venga "giocato".
Non si tratta di limitare la libertà personale, ma di prevenire il disagio di chi si ammala di "gioco", di chi destabilizza tutti i componenti della propria famiglia, di chi (è solo questione di tempo) avrà bisogno dei servizi sociali e dei servizi sanitari per trovare un pò di pace....ahimè ormai tutto pieno di psico-farmaci.
Lo Stato deve prevenire questo "disturbo", non curarlo dopo che un individuo si è disfatto, dopo che una famiglia si è disfatta.
Il destino di tutti i giocatori è perdere perché il gioco è costruito per far vincere chi lo organizza, non chi gioca.
Ed il gioco è costruito per far vincere qualcuno ogni tanto, così da creare l'aspettativa nel giocatore, ma per una volta che vinci...altre 100 perderai e ti distruggerai.
Lo Stato conosce bene questo meccanismo e non può permettere che qualcuno porti questo disagio, ne sarebbe responsabilmente complice.
Il divieto, in questo caso, non è una limitazione della libertà.

Marco Renato Pio Munari, cavacurta Commentatore certificato 06.11.12 22:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie politica che di date la possibilità di viaggiare e scorpire il mondo!Da questo stesso blogg:

"Bravo, hai capito in pieno quale e' il problema. Ci vorranno generazioni per cambiare mentalita'. E per questo che sono scappato dall'Italia il giorno dopo la laurea in ingegneria civile."

Franz M., Everywhere Commentatore certificato 06.11.12 22:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo stato i soldi li deve prendere li dove si trovano. Lo stato stesso ha 2000 miliardi di debito, mentre gli italiani posseggono 9000 miliardi di patrimonio privato. Allora cosa è successo, lo stato non si e curato di "run the country in a good way" facendo si che la ditta "Italia" facesse troppi debiti, non riscuotendo le tasse(permettendo agli amici di rubare),e di ignorare "the human capital" della stessa nazione. Gli USA difatti rastrellano the human capital from all over the world. Questo fa si che loro possono sfornare geni in continuazione. Il nostro amato stato invece si è solamente occupato di di creare un ecosistema favorevole al far proliferare una flora ingnorante, ladrona e criminale infischiandosene altamente della propria popolazione riducendola ad un paese di terzo mondo(basta guardare le statistiche. Ora stanno cercando ri rispostare i capitali dal privato allo stato, operaszione inversa agli anni passati. Operazione però non equa visto che i ricchi non si faranno mai strappare l`osso dalla bocca, perche i soldi li sono portati nei paradisi fiscali. Vi siete chiesti perchè non danno caccia ai paradisi fiscali? No pechè sono i loro di soldi, e perche è molto più facile far pagare gente normale senza il potere di potersi difendere usando la soppressione. Non dimentichiamo però la rivoluzione francese pero...quello proprio no eh??.

Franz M., Everywhere Commentatore certificato 06.11.12 22:07| 
 |
Rispondi al commento

faccio la fila dal tabaccaio, davanti a me le coppie di mezza età comprano grattaevinci da 10 e 20 €, poi grattano insieme col viso emozionato, che belli, forse sono le ultime emozioni che gli rimangono e ognuno gode come può senza necessità di protettori.

giovanni zavatta 06.11.12 21:52| 
 |
Rispondi al commento

COME SI FA? A LEGALIZZARE SERIAMENTE IL SISTEMA? QUANDO SIAMO IN MANO A I MALFATTORI STESSI??????? NON C'E' LA FACCIAMO PIU'!!!!! VOGLIAMO CAMBIARE VERAMENTE "RADICALMENTE SUL SERIO"!! SENZA MEZZI TERMINI!!!


ORMAI NON SI CAPISCE PIU' NIENTE. TANTE REGOLE MA SOLO A FAVORE DELLO STATO. AUMENTO IVA, BENZINA, IMU....NON SANNO NEANCHE LORO CHE CAZZO INVENTARSI PER TOGLIERCI I SOLDI DALLE TASCHE, LA STESSA COSA VALE PER LE VINCITE SUPERIORI A 1.000 EURO. MA PER CHE CAZZO MI DEVO TASSARE SUA UNA VINCITA DATO CHE SE PERDO NESSUNO RESTITUISCE NIENTE. I SOLDI SONO I MIEI QUANDO PERDO MA SE MI CAPITA PER SCAGLIO DI VINCERE DEVO CONDIVIDERE PURE CON LA LEGGE MONTI. MA TUTTO QUESTO LO PERMETTIAMO NOI POVERI IMBECILLI. BISOGNEREBBE FERMARE IL PAESE PER UN MESE E FARGLI VEDERE A QUESTA GENTE CHE SIAMO PIU' DI LORO E PIU' FORTI DI LORO. CI STANNO PORTANDO VIA TUTTO E ANCHE SE OGNI TANTO IN QUESTA VITA DI MERDA VOGLIAMO TOGLIERCI LO SFIZIO DI TENTARE LA FORTUNA (SENZA ESAGERARE PER CARITA') ANCORA UNA VOLTA DEVONO METTERCI PER PRIMI LE MANI IN TASCA.

ADA R., Rho Commentatore certificato 06.11.12 21:30| 
 |
Rispondi al commento

Sono un convinto sostenitore dele rete come le chiama Beppe ma i siti che propongono continuamente pop up sul gioco d azzardo vanno assolutamnte aboliti é una trappola infernale e molta gente inesperta ci cade incosapevole del grosso danno che puo creare,Certi siti vanno tassativamete bannati.possono essere allo steso modo degli stupefacenti alcool e tabacco la rovina per tanti.

Mauro Mercuri 06.11.12 21:00| 
 |
Rispondi al commento

Lo Stato,la Patria,la Nazione...disgregati,deprecati ridotti a bande di malaffare...ha perso lo psiconano con il suo pdl,ha vinto debenedetti con il suo pd.Ma questo debenedetti,che non è nemmeno italiano(é svizzero)ha forse ha cuore il futuro dell'Italia?Dei nostri figli?Ma lui pensa solo a sifonarci i soldi con il suo servo monti per darli all'usura mondiale dei suoi amici con il debito-truffa...per quelli come lui più siamo rincoglioniti,meglio è!

alberto cremona, Milano Commentatore certificato 06.11.12 20:56| 
 |
Rispondi al commento

UN FUTURO MIGLIORE PER L’ ITALIA ?

Fino a quando lo stato, e la partitocrazia connessa che lo ha colonizzato, saranno centro di sprechi, di ruberie e di inauditi privilegi di casta, difficilmente la situazione potrà migliorare...
Inoltre fino a quando ci sarà assenza di etica, moralità e di senso del bene comune, non ci saranno miglioramenti possibili ...

Lux Luci 06.11.12 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Amici,un appello accorato.A parte la cancrena del gioco d'azzardo c'è di peggio.La pornografia.La pornografia in rete distrugge i nostri bambini,i nostri ragazzi.Ho insegnato qualche tempo nei licei e vi assicuro che è devastante:già a 11-12 anni questi poveretti cominciano a guardare porno pesantissimi,con ogni depravazione possibile(nani,amputati,animali ecc ecc)si masturbano due o tre volte al giorno e subiscono danni rilevanti,irreversibili al cervello e ,ovviamente,al rendimento scolastico.La donna diventa una bambola degradata,l'amore,i sentimenti quasi impossibili da provare,insomma la distruzione del futuro di un paese.E nessuno parla,nessuno PUO' parlarne perchè è un'industria enorme,redditizia che occupa META' del web....e chi la controlla?Provate a indovinare...provate a indovinare chi vuole distruggere i nostri figli.....beppe...accendi la fiaccola di questa battaglia,pensa anche ai tuoi figli...

alberto cremona, Milano Commentatore certificato 06.11.12 20:48| 
 |
Rispondi al commento

Anche questo è colpa dei nostri marci e corrotti politici che siedono nel Nostro Parlamento.
VIA TUTTI A CASA.

Giovanni M., Roma Commentatore certificato 06.11.12 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Daccordissimo, una cosa vergognosa...............

Camillo 06.11.12 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo ed è una vergogna che ho già denunciato in passato.
Visto che sono siciliano ho scritto molti mesi fa all'ex ministro Vizzini per gridare con forza questi concetti condivisi anche da Dario Fo.
Ricordo che molti anni fa , quando è apparsa la tecnologia delle TV a colori il governo di allora (anche se c'era probabilmente quella persona per bene di Andreotti) si preoccupò di dilazionare l'avvento della nuova tecnologia per non fare dissanguare gli italiani con una spesa che per quei tempi era pesantuccia.Oggi invece si è perso ogni ritegno e i giochi online o no , sono proliferati come funghi anche perchè a quanto ne so anche i partiti come il PD (lasciamo perdere gli altri) sono proprietari o hanno fortissimi interessi in molti di questi giochi legalizzati solo a loro uso e consumo.
E' UN GRANDISSIMO SCHIFO , UNA COSA SCANDALOSA E UNA VERGOGNA che non solo ci sia lo Stato implicato ma anche i cosiddetti partiti del popolo ,i partiti che dovrebbero avere a cuore la serenità della popolazione.
Invece no !
Invece di accontantarsi di rubare (si rubare !) i cosiddetti "rimborsi elettorali" si sono tutti quanti scatenati a chi frega di più il popolo italiano.
Posso dimostrare quanto dico anche con i siti di poker online :
Infatti io gioco da circa tre anni e saltuariamente su PokerStars.it ma livelli bassi e per bassi intando tavoli con buy-in da 1 a 5 €.
Ebbene posso assicurare che ho visto (con alcuni siti di statistica ad hoc) giocatori con deficit di oltre 10.000€. E' stato questo sopratutto a motivare su Facabook la mia email al Sig. Vizzini.
Naturalmente non ho avuto alcuna risposta.

Clark R., Palermo Commentatore certificato 06.11.12 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Io ho appena finito di girare un documentario sulla dipendenza da gioco e posso assicurarvi che esistono storie che superano di gran lunga ogni tipo di logica o paradosso. A breve pubblicherò il trailer e sarei felice se il mio piccolo contributo posso essere utile per chi ancora non si è sputtanato la propria dignità, prima ancora dei soldi. Spero di riuscirci. Francesco Russo


Buona sera,
mi fa piacere che abbiate affrontato oggi il tema.. Io ve lo avevo segnalato ieri, vi ricordate ? Voi fate + luce, il "corriere della notte" invece, parla della manifestazione di Pavia, ma non si sogna di proporre niente o mettere in risalto la connivenza dello stato..
Comunque, ho 3 semplici proposte:
- creare un database unificato, non per scopi commerciali, ai quali si deve validare l'accesso sia prima di giocare on-line, che alle macchinette, che ai "gratta e perdi". Una persona non può giocarsi + del 20% dello stipendio mensile, per esempio..
- obbligare per legge i siti, le slot ed i gratta a vinci, ad avere un certo spazio, ampio, che mostri le associazioni che aiutano ad uscirne, con recapiti, anche per suicidio..
- rendere pubbliche le giocate, anche dei Gratta e Vinci, non consentire di giocare in anonimato
Buon lavoro ;)

Marcello Mariano 06.11.12 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Sono completamente d'accordo con te e' una vergogna che lo stato sfruttando la povera gente mandi sul lastrico intere famiglie. Il giornale Avvenire ha iniziato da lungo tempo una campagna contro il gioco di azzardo, anche recentemente battendosi per non avere sale gioco o affini nelle viocinanze delle scuole ci sono riusciti solo in parte. Lo stato prima li spreme poi dopo che sono in mezzo alla strada li abbandona. Pazzesco.
Ciao Andrea Scarpa

Andrea Scarpa 06.11.12 19:35| 
 |
Rispondi al commento

io penso che dovrebbero abolire tutti i giochi dalle macchinette al poker online, scommesse calcistiche, lotto super enalotto e quant altro...

per il caso delle macchinette è assurdo pensare che un padre di famiglia entra in un bar si prende un caffè, cambia i soldi prende gli spicci li butta in una macchinetta che è proprio di fianco a lui tempo record se li mangia.allora cambia la 10 euro e poi la 20..poi più che la malattia si entra in un circuto e si pensa adesso recupero almeno i soldi che ci ho buttato io..e così si entra in quel meccanisco che si gioca fino a che non paga..a volta si è fortunati e si recupareno i soldi o cmq parte dei soldi spesi..a volte no..e così sempre quel povero padre di famiglia torna a casa con 200 300 400 500 euro in meno da poter spendere sicuramente in altre cose. è vero qualcuno potrebbe dire ma chi c'è l'ha chiamato a spendere tutti quei soldi..io però perchè vi si trovano queste cose in tutte le caffetterie, bar, tabacchini quasi ovunque..a momenti anche quando vai in bagno mentre fai la pipì nel frattempo puoi investire un euro...io penso che uno stato che funziona bene non deve permettere che questo avviene e per permetterlo deve ritire questi aggeggi da tutte le parti..guai trovarne una..così quanto non c'è nessuno ci pensa e non pensandoci permettiamo a quel padre di famiglia di tornare a casa con le tasche piene invece che con i conti prosciugati..ma questo non avviene perchè su ogni macchinetta il gestore del locale guardagna una ridicola percentuale come chi porta slot il vero guardagno lo ha il nostro bello stato e finche guadagna lui tutto ciò può succedere tutti si possono rovinare tanto chi se ne frega a loro entrano miliardi di euro e sono tutti quanti più felici. io chiedo eslicitamente la piena adesione per il bene di tutti di elimiare questo problema siete d'accordo voi o no?

gaetano montilli, cosenza Commentatore certificato 06.11.12 19:23| 
 |
Rispondi al commento

« Verrà un giorno che l'uomo si sveglierà dall'oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, a una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo... l'uomo non ha limiti e quando un giorno se ne renderà conto, sarà libero anche qui in questo mondo »
Giordano Bruno

Gianluca S 06.11.12 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Io lavoro nel settore delle slot, prima come piccola impresa, fallita a causa della microcriminalità(troppi furti) e adesso come dipendente di una piccola società.
volevo solo dire che l' articolo è errato perche le slot restituiscono il 75% dell' introdotto e oltre il 13% dell' introdotto( il nome della tassa è PREU) va allo stato e viene versato ogni 15gg( se ritardi penale di 100€ giornaliero più una percentuale superiore al 10% della cifra) e se subisce furti lo stato pretende lo stesso questo versamento, inoltre ricordo che a noi, gestori di slot, dobbiamo investire per l' acquisto della slot( con fideiussione di 1500€ per una) più le monete per il pagamento delle vincite e le monete per il cambiamonete, e a noi rimane un 11,5% sull' entrate il quale dobbiamo dividere con l' esercente del locale( in parole povere guadagnamo 52,50€ lordi ogni 1000€ introdotti).
Volevo anche ricordare che in tutto europa il gioco d'azzardo è legalizzato e controllato(noi siamo stati gli ultimi), l' unica differenza è che gli 11miliardi di € che abbiamo versato solo con le slot nelle casse dello stato non si sa dove vanno a finire e che abolendo le slot, si abolisce un settore che va avanti da più di mezzo secolo schiacciato prima dalla play station e poi dallo stato e si incentiva il gioco d' azzardo in nero tipo bische clandestine. E comunque ci sarebbero centri scommesse, casinò on line, gratta e vinci, lotto e superenalotto, li vogliamo abolire tutti??? Forse sarebbe meglio usare una parte di questi soldi per centri di recupero.

Massimiliano Muratore 06.11.12 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Se non vuoi giocare non giochi, se non vuoi fumare non fumi, se non vuoi bere non bevi.
Allora niente alcolici perché ci si ammala di cirrosi, niente sigarette perché prendono ictus ecc...
E' facile dare la colpa ad altri per le proprie debolezze. Ho fumato per 15 anni e poi ho smesso, ma non ho mai dato la colpa allo Stato perché vendeva sigarette. Chi è malato deve curarsi ed è giusto che abbia assistenza, ma non può proibire agli altri di scegliere....Non è così che funziona la Democrazia.

Stefano R. Commentatore certificato 06.11.12 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

te lo ricordi quando facevi parte della republica di salò?

grullo grulli grulletti da grullandia in beppi 06.11.12 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Questi locali sono infamme e devonno essere distrutti. Sono loci dove si perde l'anima.

Nel fra tempo sarebbe anche interresante vigilare al rapporto giusto fra entrate e uscite di denaro. il cursore deve pure li essere ricentrato. Mi domando, per essere caduto in quello inferno un momento della mia vita se l'elettronica ne restituisce ogni tanto?

Poi apprete pure il dibatito sul commercio attorno agli siti di incontri (altro campo di distrutturazione sociale) dove si verifica anche li un commercio indegno e falsificato della disperazione humana.

Grazie Beppe!

CUBETA Giovanni 06.11.12 18:58| 
 |
Rispondi al commento

stato bastardo! è un po' che lo dico. Ho dovuto "sequestrare " i soldi di mia madre per evitare che se li finisse tutti. Ed è sempre guerra quando le controllo il conto corrente!!!
vedo per esempio tre/quattro prelievi con il bancomat da 100 euro cadauno nel giro di un'ora dal solito ATM....
STATO BASTARDO

camilla guidoni Commentatore certificato 06.11.12 18:43| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei cogliere l'occasione per sottolineare che, benché sia una vergogna approfittare delle persone estorcendogli il denaro attraverso il gioco, è semplicissimo risolvere il problema.
Non giocate d'azzardo!!!
E' banale ciò che ho detto, ma la soluzione sta proprio nell'intelligenza di ognuno di noi.
Da che mondo e mondo, esistono i furbi e gli sciocchi, nessun movimento o persona riuscirà mai ad annullare questo fatto, perciò tocca ad ognuno di noi evitare di cadere in tranelli talmente sciocchi che anche uno sciocco può evitare di caderci.

Fiandrino Giorgio, Torino Commentatore certificato 06.11.12 18:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bisogna assolutamente fermare questo scempio . io parlo dalla calabria , c'e' gente che ormai non riesce piu' a guarire da questo tipo di malattia ,e' ossessionata dal gioco. la piaga tocca gente di tutte le eta' che sperano di cambiare la loro vita con una vittoria alle slot oppure al gratta e vinci.ma lo stato si rende conto di tutto cio'? si dovrebbero vergognare , ma loro la vergogna neanche la conoscono .

salvo critelli, catanzaro Commentatore certificato 06.11.12 18:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GRATTA E PERDI...LA DIGNITÀ'

I tabacchi sono diventati spacciatori di gratta e vinci, la droga di stato, alle povere persone perlopiu' anziane.
Grazie alle bische statali ci si ammala di gioco e si diventa ancora più poveri. Questa vergogna va fermata subito.
Forza M5S sempre.

michela fabbrini, san giovanni valdarno Commentatore certificato 06.11.12 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Firenze, l'azzardo si fa baby
Slot machine per bimbi. Accuse a Renzi.
http://www.lettera43.it/politica/firenze-l-azzardo-si-fa-baby_4367560032.htm questi non sono posti di lavoro, sono distributori di infelicità e di morte x la società civile, per me sono solo delinquenti autorizzati.

claudio f. Commentatore certificato 06.11.12 18:25| 
 |
Rispondi al commento

C'è poco da commentare, è uno schifo che ci farà spendere anche soldi in sanità perche sta diventando una malattia questa del gioco legalizzato...

claudio f. Commentatore certificato 06.11.12 18:12| 
 |
Rispondi al commento

sono assolutamente d'accordo con te Beppe:

slot machines & "gratta & vinci" sono un CANCRO

nella nostra società......approfittarsi delle

"persone + deboli" o speranzose del "colpo di

fortuna che cambia la vita" sono INDEGNI di uno

stato moderno....vedere gente ROVINATA da queste

"non-speranze" è inammissibile (x non parlare

delle TRAGEDIE FAMIGLIARI che si portano appresso

giorgio m. Commentatore certificato 06.11.12 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Non sono d'accordo su questa cosa, iniziamo col dire che questi giochi sono ereditati da altri paesi dove da anni sono attivi, quindi non esclusivamente italiani. Secondo, ritengo che ognuno sia libero di poter fare quello che vuole nel rispetto dell'altro, se proibiamo il gioco, proibiamo il fumo, l'alcool ecc ecc, sappiamo che sono cose deleterie se ne abusiamo, ma con questo discorso proibizionistico dovremmo allora censurare la rete di cui fanno uso pedofili, truffatori e via dicendo.
Non dimentichiamoci che il settore gioco dà lavoro a migliaia di persone in italia, tutto sta nell'uso che una persona, più o meno sana, fa dello strumento, i giocatori compulsivi di oggi erano quelli che si rovinavano con il lotto o con le corse di cavallo ieri...
Insomma proibire tutto a prescindere mi pare un'idea reazionaria che non si confà all'idea che mi ero fatto del movimento 5 stelle...

max_G 06.11.12 18:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se ci fate caso, le regole della AAMS sul gioca responsabile e gioca il giusto equivalgono alle scritte sulle sigarette, non servono a nulla. E se qualcuno facesse un'indagine su chi detiene i diritti delle concessioni per i giochi verrebbero a galla delle esilaranti sorprese...

riccard_o 06.11.12 18:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In tutti i punti gioco del paese, tabacchini etc..., migliaia di zombie a testa in su per aspettare i numeri...
Ma com'è possibile che questa gente non si accorge che lo stato gli stà mettendo le mani in tasca e, molto più grave, gli offusca il cervello...
Cerchiamo di dire BASTA...

Rossano C., Salento Commentatore certificato 06.11.12 18:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

finalmente qualcuno si sta accorgendo di questo furto legalizzato al popolo italiano.
MA VI RENDETE CONTO??
Chi ha legalizzato tutti questi giochi non ha fatto altro che impoverire le casse dello stato e per di più le tasche di noi italiani. chiunque in vita sua ha speso un solo euro per un gioco legalizzato dallo stato che promette una vincita corposa è affetto dalla stessa malattia di chi si è giocato proprietà intere.
Lo si sapeva già, ma gli interessi economici sono troppo alti.
Prima potevi andare a giocare solo ai Casinò ma non dovevi essere un abitante della zona del casinò, vi siete chiesti il perchè? perchè significa impoverire il proprio paese.
e questo invece fa lo stato italiano,la gente butta con facilità un euro ai giochi anzichè comprare un kilo di pane che porterebbe lavoro a decine di persone e riempirebbe le casse dello stato.
UNA DOMANDA, PRIMA CHI ADOPERAVA GIOCHI D'AZZARDO PER FAR SOLDI ERANO MAFIOSI, MA PERCHE' OGGI SONO SIGNORI????

francesco basile 06.11.12 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Sono totalmente d'accordo; c'è una ipocrisia talmente subdola in quello che dovtrebbe essere uno Stato di diritto, che non si può davvero tollerare che venga condannata (giustamente) la Vanna Marchi di turno, perchè truffava gli avventori con le sue pozioni d'amore "miracolose" e poi lo Stato utilizza di fatto sistemi simili per buggerare una parte degli individui più deboli che rappresentano poi parte della stessa comunità (Stato). Per lo stesso tipo di situazione il cittadino privato risulta colpevole, mentre lo Stato, per la ragion di Stato, cioè "far cassa", no.
Questo a mio parere dovrebbe valere anche per i casinò, dove se si tratta di un modo "privatistico" per far business, eticamente lo ritengo quantomeno deplorevole, perchè da privati ci sarebbero un sacco di cose più utili da fare per stare al mondo, ma quando il Casinò è del Comune, come nel caso di Venezia, allora veramente non c'è limite al peggio.

Davide Pollastri 06.11.12 17:53| 
 |
Rispondi al commento

A questo si aggiunge l'evasione fiscale dei grandi monopolisti del gioco che poi "ringraziano" i politici che li favoriscono.
Poi la criminalità organizzata fa festa grande con macchinette truccate, lo stato non guadagna e i giocatori vanno in miseria.

Il problema del gioco compulsivo non ha nessuna reale soluzione medica rapida: per smettere di giocare occorrono terapie di gruppo che richiedono almeno mesi....
non esiste una difesa migliore del "non iniziare" includendo qualunque gioco d'azzardo, pure la tombola parrocchiale; l'inconscio di alcuni crea dipendenza alla sensazione piacevole della vittoria e soprattutto a quella spiacevole della sconfitta.... si proprio la sconfitta!
A livello inconscio la carica nervosa della sconfitta nel gioco d'azzardo è così forte da innescare una dipendenza (e questo anche in molti giocatori abituali nei quali però non diventa una malattia).

Soluzioni facili non ne esistono, ma una maggiore informazione medica fin dalle scuole dell'obbligo permetterebbe di prevenirlo!

Il lotto è stato definito "tassa sugli stolti", ma se per qualcuno diventa una malattia allora è una "tassa sui malati" e questo uno stato serio non dovrebbe farlo!

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 06.11.12 17:44| 
 |
Rispondi al commento

La piramide consumistica e "consumaria" dell'uso di tutto per ottenere "tutto" non ammette feriti...senza un cambiamento etico e morale della cosiddetta " ricerca della felicitá" non si sará in grado di sopravvivere alle sbandate economiche che sicuramente arriveranno nei prossimi anni..con l'aumento dei consumi di economie come cina,india,brasile..ecc.
Questi stessi paesi sono anche grandi produttori di beni..
Nessuno é in grado di veleggiare al largo di equilibri economici in cosi rapido cambiamento...l'unica alternativa e un riuso delle risorse che già possediamo..ottimizzate da un'attenta politica " piccola" potremo creare nuovi equilibri sociali...piú giusti...piú rispettosi del " tutto" che noi siamo...BASTA con lo sfruttamento economico dei desideri e dei bisogni dei popoli...

Danilo galavresi 06.11.12 17:43| 
 |
Rispondi al commento

In principio furono le macchine/slot fuorilegge e si poteva giocare anche via pc a carte in siti stranieri,e in tv facevano vedere storie di famiglie rovinate/ omicidi per questioni di soldi da spendere alle macchinette.

Poi arrivò AAMS e i Monopoli di Stato e tutto fù legalizzato, tutto fu più lindo e pulito, le famiglie non si rovinavano più e la tv di colpo non ne parlò più.

E fu pace e amore in Italia

Giuseppe Morandi 06.11.12 17:42| 
 |
Rispondi al commento

è vero c'è chi tenta la fortuna e prova a metterci un euro nelle macchinette ,io sono uno di quelli ,poi c'è chi è malato e ci mette più di quello che guadagna però la cosa fondamentale da sapere è

NESSUNO REGALA E LE MACCHINETTE SON LI PER GUADAGNARE SE RENDONO IL 65% , VUOL DIRE CHE METTI 10 E PRENDI 6,5 ,LUNICO MODO DI VINCERE è NON GIOCARE QUEL SOLDINO TENETELO IN TASCA MAGARI 1 SOLDINO TUTTI I GIORNI A FINE ANNO SONO 365 EURI,

VOGLIO ESSERE SINCERO NON HO IL VIZIO DEL GIOCO PERCHE' NE HO MOLTI ALTRI CHE MI DIVERTANO MOLTO DI PIù

giacomo sonnati, firenze Commentatore certificato 06.11.12 17:37| 
 |
Rispondi al commento

finalmente una voce ....contro questa vergognosa
legalizzazione del gioco d'azzardo .... bisogna creare un movimento contro tale attività promossa dallo stato ( una vergogna ) e sensibilizzare la gente .. illusa da una vincita .. che ammesso che arrivi ..nel frattempo dilapida i poche risparmi che hai .... sono illusioni... come tutto cio che
ti viene proposto come la soluzione dei tuoi problemi ......cominciamo a cambiare anche queste vergognose .... proposte fatte dallo stato

cecco angiolieri 06.11.12 17:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che vogliamo fa, tornare al proibizionismo?
io legalizzerei persino la droga, tanto oggi la trovi anche davanti le scuole elementari.
Il proibizionismo potrebbe funzionare se non ci fossero tutte quelle organizzazioni criminali che traggono vantaggio da tutte le cose proibite.
C'è gente che quando il gioco non era statale, si faceva spennare dai soliti marpioni, persino nei giardinetti.
Bisognerebbe tornare a inculcare valori negli umani fin dai primi annni di vita, cercando poi di non creare dei disadattati, bisognerebbe parlare di politica dei redditi e dare a ciascuno un minimo di dignità


se almeno gli utili o buona parte di questi soldi finiti nelle slot che vanno allo stato andassero a beneficio di opere e servizi tangibili sull'immediato potrebbe essere una sorta di fondo di solidarietà invece di uscire dalle tasche della povera gente piena di illusioni per finire nel portafoglio di politici e funzionari per pagare mignotte e quant'altro...

francesco madonna Commentatore certificato 06.11.12 17:33| 
 |
Rispondi al commento

dimenticate tutti i migliaia di gratta e vinci.... (un cazzo) ne esce in media uno nuovo a settimana!! ma di vincite serie neanche l'ombra, e quelle che ci sono se le inventano per far capire che si vince qualcosa, basta togliamo tutta questa spazzatura che porta alla rovina, torniamo come un ventennio fà, la schedina ogni settimana, il lotto solo il sabato e qualche altro piccolo passatempo, e poi stop a questi scempio.......

giovanni licitra 06.11.12 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Copia/incolla dal sito dei Monopoli Stato: Nello svolgimento del ruolo pubblico assegnato, l’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato ha l’obiettivo primario di assicurare un ambiente di gioco legale e responsabile in un contesto tecnologicamente monitorato e in grado di certificare l’operato dei concessionari.

In particolare AAMS è garante dei principi alla base dello Stato democratico attraverso la tutela dei consumatori, in particolare dei minori, delle fasce deboli e sensibili a fenomeni patologici e/o ludopatici.

Antonio Ghiotti 06.11.12 17:23| 
 |
Rispondi al commento

oltre a questo "disgregamento" e alle pubblicità in tv che ti fanno vedere il miraggio di una vita alle isole come un turista per sempre e trasmissioni di giocatori di poker visti come degli eroi o dei super personaggi che di super hanno ben poco ma di squallido tanto, bisogna dire che i personaggi che frequentano queste "sale giochi" sono per lo più sbandati, extracomunitari (cinesi, marocchini, albanesi, rumeni e chi più ne ha più ne metta)italiani nullafacenti e drogati di gioco e quant'altro che vivono attorno a queste sale (al caldo d'inverno e al fresco d'estate) procurandosi soldi con lo smercio di sostanze varie, reinvestendoli in scommesse o prestando soldi a gente come loro o ai malati di gioco..insomma dove c'è una sala slot la gentaglia c'è! forse sarebbe ora di dire basta, aprire se prorpio si deve, dei casinò certificati e magari gestiti dalla regione, controllati ed eliminare tutte e dico tutte le slot da bar, tabaccherie, negozi e sale giochi..basta con questa truffa legalizzata!!!

Riosa Peter 06.11.12 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Sig,G.M. LAZZATE,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,La ringrazio per quello che ha scritto e denunciato, da ex proprietario di bar ho visto andare in malora diverse famiglie per le slot,non solo gli uomini ma anche le donne che erano molto più accanite degli uomini.
Complimenti e grazie ancora.
p.s. Però l'utile dello stato, permetteràla chiusura?????

alessandro a., casale monferrato Commentatore certificato 06.11.12 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Premetto che sono pienamente d' accordo con quanto scritto dal sig. Giovanni M. ma la famosa tassazione di 98 milioni di euro che fine ha fatto? Nessun concessionario paga un euro..? Un' altra VERGOGNOSA pagina di questo governo!

Giancarlo Angelo Strada 06.11.12 17:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Piu' mi informo e piu' mi viene voglia di scappare dall'Italia.....beati gli ignoranti.....

Maurizio B., Battipaglia Commentatore certificato 06.11.12 17:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è un indecenza

sergio sorgi 06.11.12 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Premetto che sono un tabaccaio e nel mio negozio ho le slot. Lo stato ci guadagna e sta facendo di tutto per bypassare i piccoli distributori di slot modificando leggi al solo fine di rende esoso per i "piccoli" restare sulla piazza e lasciare alle grosse holding (lottomatica - sisal) la gestione di queste macchine. Recentemente si parlava di una legge dello stato per vietare la presenza di slot nelle vicinanze di scuole ospedali ecc. ecc. Poi nulla! Credo che una soluzione rapida sarebbe un regolamento comunale che vietasse almeno la presenza di slot vicino a scuole parchi pubblici ecc. ecc. dove non arriva lo stato il comune può agire.

Luciano Manieri 06.11.12 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la cosa inaccettabile è che prima lo stato ti droga con pubblicità d azzardo ti fa ammalare e poi ci fa spendere per strutture asl con psichiatri per curarci..
ma che cazzo di paese è???????????????

Andrea_ D., bi Commentatore certificato 06.11.12 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Quella di liberalizzare il gioco d'azzordo, con questo profluvio di sale giochi e casinò è stata un'idea geniale di Tremonti!
Ricordiamoci che quando questa puttanata uscì con una delle sue finanziarie, erano tutti entusiasti e felici, e si lessero frasi del tipo "era ora, basta con questi divieti di tipo sovietico, le persone devono essere libere di fare quello che vogliono con i propri soldi".
Ecco, ora visto il risultato, bisognerebbe ricordarsi di chi è la colpa!!!

franco amico 06.11.12 17:00| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori