Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

12/12/1969: la strage di Piazza Fontana

New Twitter Gallery

piazza_fontana.jpg
"Oggi è il 43mo anniversario della strage di Piazza Fontana. 43 anni e nessun colpevole. Riguardo alla vicenda sono stati arrestati, anni fa, alcuni esponenti dei servizi segreti italiani (quindi persone legate al Ministero degli Interni). Lo Stato e i suoi rappresentanti hanno depistato i giudici, e mantenuto i segreti. Intanto, a turno, tutti gli esponenti politici hanno versato false parole di cordoglio. Ancora oggi la magistratura è sotto continui attacchi da parte dello Stato. La politica ottiene sempre l'immunità dalla giustizia. I mandanti della strage hanno dimostrato di avere un potere che va oltre quello dello Stato. Chi ha governato quindi veramente l'Italia? Quali sono le speranze che l'Italia ottenga giustizia? Quali speranze abbiamo, oltre a un "comico" che invece che attaccare i giudici vuole cambiare le regole per darci più liberta', più democrazia?" Alessandro Crapanzano

12 Dic 2012, 13:04 | Scrivi | Commenti (59) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

Commenti

 

Il libro del Giudice Imposimato "La Repubblica delle stragi impunite" è molto chiaro a questo proposito.

UMBERTO ROSSI 13.12.12 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Le stragi di Stato sono iniziate nel 1947,con Portella delle Ginestre,poco prima delle politiche del 48.I protagonisti erano ,in ordine:ministri,servizi segreti,mafiosi,fascisti con la collaborazione della C.I.A.Le altre stragi ,in Italia, si sono verificate con gli stessi protagonisti.Piazza Fontana,piazza della Loggia(Brescia), Capaci e via d'Amelio sono storicamente,valutate ,come stragi di Stato per questo i nostri politici al potere non vogliono scoprire la verità, compreso il nostro Presidente che attacca con furore i giudici di Palermo.

Ettore Borghesan (borghi), Sasso Marconi (BO) Commentatore certificato 13.12.12 12:43| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

la Strage di Piazza Fontana, come quella di Peteano, Italicus, Piazza della Loggia, Bologna e ancor prima quella di Portella delle Ginestre sono opera della Stay Behind che significa stare dietro le linee, l'organizzazione Gladio italiana, che utilizzando di volta in volta manovalanza neofascista e mafiosa, con la complicità dei servizi segreti, aveva il compito durante la guerra fredda, per dare un monito ed incolpare dell'accaduto le sinistre o gli anarchici per far sì che non riuscissero ad adire al governo del Paese, in modo che gli interessi e gli equilibri della NATO in Europa rimanessero inalterati. Anche in Belgio in un supermercato e durante lo svolgimento di un Oktoberfest a Monaco di Baviera furono compiute stragi analoghe alle nostre, con gli stessi obbiettivi. Gli interessi degli USA durante la guerra fredda erano immensi, nei loro piani militari del pentagono, pubblicati e non più segreti ve ne erano diversi con i nomi più svariati di attacco preventivo, senza alcuna dichiarazione di guerra all' URSS, mai fortunatamente attuati perché inizialmente le bombe al plutonio di tipo Mark II erano poche per nuclearizzare la Russia intera, la popolazione americana non avrebbe ben capito tale ragione e tantomeno quella europea sottoposta al fallaut. L'esercito convenzionale sovietico era numeroso e ben addestrato, dopo l'attacco preventivo avrebbe certamente invaso l'Europa, ed ecco la nascita della Stay Behin, per contrastare con la guerriglia l'eventuale avanzata dell' esercito russo. Criminali come il dittatore spagnolo Franco che nei primi anni cinquanta faceva fucilare circa 1000 rojos al giorno, per la democratica America era considerato l'ultimo baluardo di difesa dell'Europa. Queste furono le motivazioni di tali stragi e di tante vittime innocente immolate sull'altare della ragion di stato.

arnofaravelli 13.12.12 12:30| 
 |
Rispondi al commento

dedicato a Saverio Santarelli* (mio parente agg.)

dal programma di Lucarelli , blu notte, argomento "la mafia"

- anni 70....gli inizi !!!

«« c'è un ufficio in VIA LARGA a Milano dove si riuniscono gli uomini di cosa nostra ....»»

chi non è di Milano e non la conosce non capisce l'importanza di questa frase !!!!

- via Larga sta a pochissimi metri da piazza Fontana !!!!

12 dicembre 1969.....banca dell'agricoltura !!!!
--- boommmmm!!! 16 morti 30 feriti.....

.....ma guarda ...la "mafia" era lì !!!

il commissario calabresi, invece, perseguitava il PINELLI , poi volato dalla finestra della questura, e il VALPREDA !!!!!
chissà perchè, forse era solo STUPIDO o un vero pezzo di sterco(più probabile) !!

ps. altri giovani morirono* in seguito agli anniversari di questa strage ...in violenti scontri nelle piazze.....il sangue..è sempre stato usato come "arbitro" in passato!


*)Saverio era uno studente in giurisprudenza a Milano , fu ucciso in strada da un lacrimogeno
tirato da uno sbirrro di merda ad altezza d'uomo
il 12 Dicembre 1970 , primo anniversario della strage MAFIO-FASCISTA!


negli anni 70 tra il VietNam aggredito dalle forze militari della pseudodemocrazia tgt USA e la strategia della tensione italiana ... le lotte in strada non se contavano più!

erano tempi assai diversi, i ragazzi di allora avevano tutti una coscienza politica e sociale!

sicuramente qualche errore fu fatto, ma nel complesso la differenza con l'apatìa e l'ignoranza
dei tempi attuali è abissale !


Non mi è stata pubblicata una risposta al commento di Francesco Piazzini. Nessuno sa dirmi la ragione?

Gabriele P., FIRENZE Commentatore certificato 13.12.12 09:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cosa che mi spiace di più è sentire nei giusti e leciti dissensi delle persone che non condividono l'operato di Beppe
le stesse identiche parole che si possono sentire in un qualsiasi telegiornale di stato...
dissentire quanto si vuole è giusto, ma sarebbe bello che ognuno lo facesse accendendo il proprio cervello e non demandando la propria intelligenza al sistema che da anni lo governa...
Avanti tutta Beppe!!!

Paolo Croce "Secundo", Chianciano Terme ( Siena ) Commentatore certificato 12.12.12 23:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo sappiamo già, il potere di questa gentaglia è enorme, la nostra battaglia è quella di Davide contro Golia. Alla fine però ha vinto Davide... Pace e riposo alle vittime di piazza Fontana.

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 12.12.12 23:23| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione!
Io come molti ho interpretato l'azione del Sig. Grillo come una espulsione dei due soggetti.
ERRORE!!!!!!!!!!!!!
Il Sig. Grillo è il proprietario unico del logo "Movimento 5 Stelle".
Logo concesso in uso agli amici del movimento.
Il Sig. Grillo ha quindi esercitato un suo diritto a negarne l'uso a due persone che oltre a tutto cercano di danneggiare non solo il Sig Grillo ma tutti noi del movimento.
Non è stato defenestrato nessuno.
Attenzione prima di parlare di dittatura.
Scusate se ripropongo quanto sopra ovunque

vittorio ferraresi, Como Commentatore certificato 12.12.12 23:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tieni duro Beppe ricordati che non importa quante volte ci si cade l' importante e' rialzarti una volta in più . Forza M5S alla conquista della dignità del popolo italiano

Giuseppe sannino 12.12.12 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Tutto questo lo sa Andreotti e lo conserva nella sua gobba che e' la scatola nera del nostro paese degli ultimi 60 anni...

Sara 12.12.12 21:35| 
 |
Rispondi al commento

la gente che conta, quelli che oggi sono gli over 70.000 sono ben radicati e spalmati in tutti i partiti e movimenti
difficile ottenere qualcosa, anche solo a livello ideeologico tipo la laicizzazione dello stato e l'abolizione dei patti lateranensi e di tutti i privilegi delle religioni
nenche nel programma 5 stelle lo vedo


Smettiamola di santificare la magistratura e demonizzare lo Stato. La magistratura è lo Stato

antonio contrastano 12.12.12 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quella strage fu compiuta non per "cattiveria" ma per orientare l'opinione pubblica in un senso contrario a come stava andando, questa é l'univa "verità storica" di fronte alla quale sapere chi materialmente l'ha compiuta é certo meno importante. Fu chiamata strage di stato, miei cari difensori dello stato, proprio perché tra stato e violenza vi é una totale identificazione. E' proprio perché lo stato sta cominciando ad agire la sua violenza verso questo movimento che ho preso un poco a simpatizzare per grillo e se va avanti così va fonire che dopo decenni per la prima volta io voto. Penso che il MS5 si stia solo illudendo di poter cambiare le cose, ma l'intento é onesto altrimenti non lo attaccherebbero così....vedrete quante ne inventeranno nei prossimi mesi.

gianfranco morciano 12.12.12 17:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembra che l'immagine del post non si riferisca a Piazza Fontana, ma a Piazza Loggia. Riconosco la Loggia nello sfondo e i portici.

marina beatini 12.12.12 17:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per chi ha coperto queste nefandezze ci vorrebbe la pena di morte, è ora di finirla con questa falsa giustizia!

valentina m., vercelli Commentatore certificato 12.12.12 17:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ricordo per l'ennesima volta che dopo 30 anni (limite massimo) qualsiasi segreto di Stato DEVE ESSERE RIMOSSO.

E' totalmente illegale che esistano ancora segreti inconfessati del potere riguardo a questa vergognosa tragedia italiana.

Il fatto che esistano ancora verità nascoste agli italiani negli archivi del potere dimostra che all'interno del parlamento ci sono state e ci sono tuttora connivenze e complicità inconfessabili.

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.12.12 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quellqa di Piazza Fontana è una delle pagine piu schifose della storia italiana ma quello che mi preoccupa di più è che passano gli anni, passano i governi ma lo schifo continua

domenico d'errico, ostuni Commentatore certificato 12.12.12 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fate anche la raccolta firme a Londra? Mi picerebbe mettere la mia e so che non sarei l'unica!

Elena Lanzoni 12.12.12 16:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti ,
sono un vs/simpatizzante e seguo con interesse la vostra crescita . In merito alla decisione di Beppe di espellere i due "dissidenti" , che condivido , vi invito a non vedere subito il lato negativo della scelta evocando mancanza di democrazia , fascismo , ecc. ecc.
Siete in guerra con il sistema marcio e in tutte le guerre il comandante (o il colonnello , o il tenente o il sergente) deve decidere per raggiungere l'obbiettivo . Immaginate se nelle guerre vere il soldato contesta il tenente dicendo : "non non attacchiamo da destra ma di qua" , oppure "no prima con l'artiglieria e poi con l'aviazione" . Sicuramente sarebbe una battaglia persa anche se viene salvata la "democrazia".
Gia vedo tutto il sistema marcio cercare i punti deboli del Movimento per sputtanarli con i media . Fate paura e le useranno di tutte e di più . Se credete nei motivi veri per cui il Movimento è nato e volete vederlo crescere ed affermarsi in Parlamento abbiate il buon senso di non creare situazioni che con le solite buone parole di democrazia , libertà , diritto di dissenso , ecc.
saranno solo bombe in mano al nemico diffamatore . Magari giuste in teoria ma sbagliate in pratica.
La guerra (sia vera che ideologica ) richiede sacrifici , fateli e dopo averla vinta discute . Ma dopo . Se per discutere la perdete non serve discutere né ora né dopo ...

Francesco Piazzini 12.12.12 15:55| 
 
  • Currently 3.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

la strage di piazza fontana è stato un atto di vigliaccheria dove hanno perso la vita persone innocenti , ma in quel periodo era come se l'italia fosse in guerra se ne sentiva di ogni , adesso nel 2012 stiamo ritornando a quei tempi e questo grazie a chi non ci ha saputo governare facendoci entrare in questa crisi micidiale che sta prendendo quasi tutti i ceti sociali , ho detto quasi perchè i politici con i loro stipendi che si sono imposti non sono stati toccati dalla crisi , parlano di sacrifici ma loro non ne fanno , e ora di dire basta!!! basta con queste ipocrisie , basta con questi personaggi che sanno solo parlare bla bla bla e basta. e ora che dimostano loro di fare sacrifici e per iniziare dimezzare i loro stipendi che gravano sui cittadini che sono esasperati di tutto questo , di qtutte le tasse che si devono pagare , che in italia sono maggiori di altri stati , insomma se conteggiamo i soldi che paghiamo dovevamo essere tutti sistemati sia in sanità che in altri posti e invece non ci garantiscono nemmeno le cure sanitarie , dobbiamo pagare per essere curati , questa e una vergogna , vergogna , vergogna.


un episodio vergognoso come è vergognoso non aver fatto giustizia!

cristian l. Commentatore certificato 12.12.12 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Alessandro BENTORNATO,

è d un po di tempo che non ti leggevo !

Roberto B. Commentatore certificato 12.12.12 14:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non c'è nessun organo al di sopra dello stato, sono allucinazioni fantasiose che scaturiscono dal fatto che lo stato e la malavita sono ormai da moltissimi anni organizzazioni a delinquere, per tanto, per coprire tutte le carognate che hanno fatto nel passato, nel presente e probabilmente nel futuro, devono industriarsi con l'aiuto di personaggi importanti dei carabinieri, polizia, finanza, ndrangheta, mafia, etc... nell'occultamento delle prove.
E' la guerra eterna per il potere, a mantenerla in vita siamo noi comuni cittadini quando ci sottraiamo nel pretendere che i diritti e i doveri di ogni persona vengano rispettati.
La manteniamo in vita quando facciamo caciara per le cazzate, tipo indagare sulla democraticità del movimento, mentre sopra la testa ci fanno passare gli F35 e da sotto ai piedi ci levano la casa.

Fiandrino Giorgio, Torino Commentatore certificato 12.12.12 13:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

una strage che ha segnato un distacco mai più aggiustato tra il potere feroce e oscuro e il popolo di Milano, un delitto tuttora senza colpevoli, con le spese di 40 anni di processi a carico delle vittime, la fine dell'autunno caldo che vedeva saldarsi le lotte di studenti e operai in un'unico fiume di rivolta che proprio quel 15 dicembre fu sospeso dalla fine di Pinelli che è stato suicidato dallo stato

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 12.12.12 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Io dico solo ma caro beppe sei sicuro di fare le cose giuste?comincio ad avere qualche dubbio sei poco democratico con i tuoi ragazzi sembri un dittatore cosi non vai da nessuna parte.

giancarlo modesti, fonte nuova Commentatore certificato 12.12.12 13:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che dire? Lo stato itagliano è nato marcio ed è cresciuto peggio, come giustamente scrisse qualcuno nel Blog di Grillo qualche giorno fa.

Terminator -- (), L.A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.12.12 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Crapanzano, ho il piacere (ancor di piú sè condiviso) di esprimere una breve considerazione sul tuo commento:
In primo luogo lo Stato di cui tu parli ancora non esiste, parlerei di politici e comunque sempre di vergogna si tratta

Giovanni faillaci 12.12.12 13:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A quarantatré anni di distanza le speranze di giustizia sono poche.

Quello che si può fare è operare perché ci sia abbastanza forza, ai "piani alti", per togliere tutti quegli impedimenti (a cominciare dal segreto di Stato), che hanno falsato la percezione delle cose.

Dopodiché si aprirebbe comunque un altro problema: la maggioranza degli italiani è convinta che i governi non fossero dietro al terrorismo internazionale, che le Brigate Rosse non siano state manovrate (o lasciate agire) per interesse dei governi dell'epoca, ecc. ecc.; allo stesso modo che crede oggi che la TAV sia indispensabile al nostro progresso e i valligiani che vi si oppongono siano dei teppisti.

Il problema sarà come far contare a sufficienza quella minoranza "che pensa" contro la maggioranza che si riconosce, in un modo o nell'altro, in quelle classi politiche che hanno portato il Paese alla rovina; e in quelle generazioni future che, de-responsabilizzate prima di tutto dalla scuola che ci ritroviamo ad avere dopo 25 anni di demolizione scientifica e poi da un sacco di modelli di comportamento attorno, prenderà il testimone dei loro genitori, nel mantenimento di questa situazione di degrado.

Questo Movimento - e per fortuna anche altre realtà - si stanno adoperando nella giusta direzione: ma il vero problema sarà non far prendere coscienza della realtà a chi vive di talk-show (il che è matematicamente impossibile), quanto costruire uno "zoccolo duro" capace di pesare in maniera significativa sulle decisioni politiche a scala nazionale, oltre che locale. Forse più a scala locale che nazionale.

Alberto Rizzi Commentatore certificato 12.12.12 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Il 12 Dicembre di 43 anni fa nacque mio figlio. Tanta felicità. Oggi festeggio il suo compleanno ma il ricordo di quel giorno di ciò che successe a Milano offusca un poco questa mia felicità. Nonostante tutti gli attacchi al M5S spero che gli elettori riescano ad essere più lungimiranti di tanti giornalisti. Forza M5S,ci vedremo in Parlamento e sarà un piacere

Alekos Firenze, Firenze Commentatore certificato 12.12.12 13:19| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPEP,
PROSEGUE,IL CONTIUNO SILENZIO E RUMOROSO SILENZIO DELL'ANTISTATO
ALVISE

alvise fossa 12.12.12 13:12| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori