Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La volontà popolare conta zero


acque_reflue.jpg
"A Caltanissetta l’acqua è a gestione privata; il nostro Comune ha stipulato, qualche anno fa, un contratto trentennale con una società spagnola e, quindi, nonostante il referendum, non è cambiato nulla. Il servizio, che all’inizio sembrava pressochè impeccabile rispetto alla precedente gestione pubblica, oggi funziona come e peggio di prima mentre i costi sono notevolmente aumentati. “Caltaqua”, la società spagnola che gestisce il servizio idrico a Caltanissetta, ha anche la gestione della depurazione delle acque reflue che finiscono nei nostri terreni. Per tale servizio i cittadini di Caltanissetta pagano un extra relativo proprio alla voce “depurazione”. Ci siamo recati nei pressi del depuratore ed abbiamo constatato, visivamente, che le acque reflue non erano “limpide”. Abbiamo, quindi, approfondito la questione e richiesto le analisi effettuate, periodicamente, dall’A.R.P.A. (Agenzia Regionale Protezione Ambiente): le acque sono risultate non conformi ai limiti di Legge. L’A.R.P.A. segnala le violazioni ai Comuni interessati, alla Provincia ed alla Regione ma, al di là di qualche sanzione, tutto finisce lì. I cittadini pagano ma “Caltaqua” non fa il proprio dovere, ci sono le prerogative per richiedere la rescissione del contratto e, quindi, il rispetto del referendum popolare? Noi pensiamo di si." M5S Caltanissetta

10 Gen 2013, 20:21 | Scrivi | Commenti (31) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Al di là dei referendum popolari, pienamente legittimi ma ad oggi ignorati, ben più gravi risultano essere i motivi che legittimano la popolazione Siciliana nel pretendere che l'erogazione di un bene indispensabile come l'acqua non venga affidato per decenni a ditte private il cui interesse primario è il solo profitto.
Da una semplice raccolta di informazioni su internet questa è l'incredibile situazione emergente rispetto alla Caltaqua S.p.a, gestore del servizio idrico per la Provincia di Caltanissetta:
Fonte: http://ghelaspolis.blogspot.it/2009/05/acqua-gran-bellaffare.html

In Caltacqua, Acqualia è socio maggioritario con il 51%, c'è poi Idrica srl con il 37%, IBI Idroimpianti S.p.A. con il 9%, C.C.C. (Consorzio Cooperative Costruzioni) con l'1%, Acoset S.p.A. con l'1%, Gate S.p.A. con lo 0,5% e AIEM S.p.A. con lo 0,5%.
Ma non è questo il raggruppamento originale che s'era aggiudicato la gestione del servizio. Nel nuovo raggruppamento, infatti, ci sono due soci in più e apparentemente anche tre. L'idrica srl in realtà è controllata al 100% dalla Galva S.p.A. che faceva parte del raggruppamento originario. La Galva, società leader nelle costruzioni con partecipazioni in grandi opere, specie nel messinese con i due inceneritori di San Raineri (anni '70) e di Pace (anni '90), ha inteso creare un'azienda ad hoc, Idrica srl per l'appunto, che si occupasse di risorse idriche.
Idrica srl detiene l'8,4% del raggruppamento Acque potabili siciliane spa nel palermitano (ATO1) ed è presente in Girgenti Acque nell'agrigentino di cui è capofila Acoset. Quest'ultima faceva parte del raggruppamento contrapposto agli spagnoli Acqualia che alla fine del 2005 (28/12/05) si sono aggiudicati la gara indetta dall'Ato CL6 solo in via residuale (altro che a valle di selezioni competitive), poiché il raggruppamento avversario con capofila l'Ibm di Pozzuoli era stato escluso (il 09/12/05). Il conseguente contenzioso innanzi al Tar è stato scongiurato giusto dall'ampliamento della com

marzia ., gela Commentatore certificato 06.03.13 19:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cosa mi puzza di imbroglio denunciate e informate i cittadini questa è la FORZA DEL M5S informare i cittadini e portare alla luce le verità continuate così e la gente sono sicuro vi seguirà. SIEMPRE M5S

roberto canina 14.01.13 10:27| 
 |
Rispondi al commento

La dinamica dello show di Berlusconi da Santoro scritta in un post il 15 dicembre.
Berlusconi ha letto questo post o l'autore ha chiari doti di prevedere il futuro?


Mi permetto di dare dei consigli al Cavaliere di come portare avanti la campagna
elettorale, in questo momento il PDL è al 13-14% e il PD a oltre il 30%, 16 punti
sembrano incolmabili ma ci sono possibilità. Da oggi in poi Berlusconi deve essere
in televisione a più non posso e deve trovare il modo di andare nella trasmissione
di Santoro, molti mi daranno del pazzo , ma l'unica possibilità per recuperare è di
andare dal peggior nemico possibile e quindi battersi con Santoro e Travaglio.
Questo ultimo sicuramente leggerà la sua ridicola agenda ricordando tutte le vicende
giudiziarie del Cavaliere, a questo punto Berlusconi si deve scambiare il posto con
Travaglio e gli deve leggere tutte le sue cause per diffamazione, per chi non lo sapesse
Travaglio ha decine di cause perse per diffamazione , il cavaliere dimostrerà che il
Travaglio è un calunniatore abituale e questo varrà al cavaliere molti punti in più
nei sondaggi. Infine deve ridicolizzare il Travaglio pulendo il suo posto e quindi
metaforicamente di considerarlo persona estremamente sporca.

http://quaeram.blogspot.it/2012/12/tasse-il-nuovo-cavallo-di-battaglia-di.html

lina 13.01.13 16:01| 
 |
Rispondi al commento

l'unica consolazione di questa squallida storia è che i diversi tipi di malattie ""tumorali"" ,di cui l'aumento è inevitabile, vanno a colpire anche i balordi che continuano a votare pdl-udc-e pd-L..!

yuva m., mantova Commentatore certificato 13.01.13 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Il contratto e' sicuramente rescindibile per inadempimento.

Enrico Giovine 12.01.13 10:13| 
 |
Rispondi al commento

cosa vuol dire, "quindi non è cambiato nulla" un contratto con privati non può avere la prevalenza sulla volontà popolare, e in base alla legge quel contratto non dovrebbe più essere valido, o dovrebbe essere aggiornato alle nuove disposizioni di legge.
Altrimenti, qualcuno, o più di uno, ci fa! o ci fanno!

Libero Nessuno 11.01.13 16:14| 
 |
Rispondi al commento

ottimo post ...

complimenti ragazzi

guido _guida, zena Commentatore certificato 11.01.13 16:07| 
 |
Rispondi al commento

oggi finalmente sono andato in comune e mi sono iscritto al movimento 5 stelle... è la prima volta in vita mia che appoggio e do un voto ad un partito. anche se partito non è.

alexandro meola, sant'angelo lodigiano Commentatore certificato 11.01.13 12:50| 
 |
Rispondi al commento

“Caltaqua”, la società spagnola che gestisce il servizio idrico a Caltanissetta ... Chi potrebbe farmi capire come una società Spagnola ( sta in Spagna corretto? ) gestire l'acqua a Caltanisetta. Da dove arriva l'acqua, in containers dalla Spagna e la gestisce operai italiani e maestranze del luogo a Caltanisetta? Chi è in grado di spiegare come funziona tutto veramente! Se l'acqua è del luogo ( non avevo dubbi su questo )allora perchè non si occupa il comune direttamente di tutto!

Secondo De Santis, Montecassiano Commentatore certificato 11.01.13 12:28| 
 |
Rispondi al commento

a chi non rispetta il contratto, il medesimo può essere tranquillamente rescisso.
Ed in più una bella denuncia alla Procura competente.

Paolo r., Padova Commentatore certificato 11.01.13 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Che schifezza!!! noi italiani dobbiamo essere incazzati neri!!!

Richard 11.01.13 11:09| 
 |
Rispondi al commento

A Ferrara abbiamo HERA :"acqua ,rifiuti,gas" ;mancano la gestione "elettricità " e le 4 Stazioni e... ah no! Questo e' il Monopoly"....

Max X Commentatore certificato 11.01.13 11:01| 
 |
Rispondi al commento

spesso i depuratori fognari non sono funzionali per causa ,(aumento di uttenze nella zona sforando la capacita'del'impianto,scarsa manutenzione per taglio dei costi,entrate anomale (scarichi industriali ,non sostenibili da un impianto biologico, senza subire un trattamento chimico fisico all'origine,con gravi danni (l'acqua quando e' troppa nessuno la vuole. quando e' poca nessuno te la regala)

giuseppe Ga 11.01.13 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Penso che ci siano anche i presupposti per una denuncia alla Procura della Repubblica. ....

Giuseppe Marino 11.01.13 07:33| 
 |
Rispondi al commento

Bravi, Rquesto ragazzi del M5S sicilia, questa è la strada giusta, controllo, informazione per le persone e denuncia dove ci sono evidenti mancanze ..

speriamo di poterlo fare in grande, per tutta l'Italia !

Roberto B. Commentatore certificato 11.01.13 06:58| 
 |
Rispondi al commento

Anche a Gela con il depuratore del quartiere Macchitella, gestito da Caltaqua, succede la stessa cosa!!!

Rocco S., GELA Commentatore certificato 11.01.13 06:56| 
 |
Rispondi al commento

EVOLUZIONE E CAMBIAMENTO !!!

Lux Luci 11.01.13 06:49| 
 |
Rispondi al commento

Non sono catalano ma la farei bere a quei luridi che gestiscono quella latrina ... Ed un po' pure ai loro figli

Gerardo 11.01.13 01:31| 
 |
Rispondi al commento

Sono arrabbiata con i siciliani, in quanto hanno dormito finora e quando si sono svegliati un pò hanno votato Lombardo solo perchè prometteva loro che avrebbe costruito il ponte di Messina (sullo Stretto, ovviamente). Si può essere così ingenui per non usare il termine "idiota" ? Direi proprio di si, visto i risultati. In Sicilia come in Calabria, sono poche le persone che si oppongono a questa merda. Spesso vengono maltrattati se non minacciati. Ma se fossero insieme tutti uniti, la mafia, o meglio, delinquenti comuni (NON E'CORRETTO DEFINIRE MAFIA, POICHE'ESSA AVEVA ALMENO UN CODICE D'ONORE E TUTELAVA LE DONNE, I BAMBINI, I PIU' DEBOLI. QUESTI SONO SOLO BASTARDI VIGLIACCHI,I QUALI SENZA ARMI O ALLA PARI NON SAREBBERO CAPACI DI TANTA CATTIVERIA, PER VIGLIACCHERIA)abbasserebbero la cresta. L'acqua e la sua privatizzazione,nonostante il referendum, è un'altra prodezza dei vigliacchi con armi in mano. VERGOGNA VIGLIACCHI !!!

belcar 11.01.13 00:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
FATELO PRESENTE IN COMUNE NON FATEVI INTIMIDIRE SU QUELLO CHE SUCCEDE NEI VIOSTRI DEPURATORI FATEGLIELO PRESENTE E SOPRATUTTO NON MOLLATE
ALVISE

alvise fossa 10.01.13 21:42| 
 |
Rispondi al commento

Non pagatela l' acqua così gli brucerà il culo ai catalani

Giuseppe sannino 10.01.13 21:42| 
 |
Rispondi al commento

referendum popolare è condizione necessaria e sufficente per rescindere un contratto privato.

salvatore adamo 10.01.13 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Vi invito a visitare il sito comitatoacquabenaco.wordpress.com: e' in corso un processo in cui il gestore dell' acqua locale è imputato per epidemia colposa. Settimana prossima le arringhe finali e, a seguire, la sentenza. Vi prego, informatevi e informate su questo caso perchè è emblematico!

roberta belli blanes 10.01.13 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Consapevolezza e Partecipazione significa
non pagare interamente una bolletta illegittima e bloccare i Comuni finché non prendono provvedimenti concreti.

Acqua pubblica, indietro non si torna!

Andrea Maggi 10.01.13 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna passare alla violenza, molto semplice, la loro acqua di merda se la bevano loro. Hijos de puta!

Mauro Agnoli, Castel San Giovanni (PC) Commentatore certificato 10.01.13 20:57| 
 |
Rispondi al commento

ritorniamo sempre al punto di partenza i signori che sono pieni di soldi , non glie ne frega niente se l'acqua del depuratore non è limpida , e chi ci rimette sono sempre gli stessi che se loro dovessero metterci una parola sono sicuro che risolverebbero tutto in poco tempo

ettore zanca () Commentatore certificato 10.01.13 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Non solo a Caltanissetta,ma in tutta la provincia il gestore è Caltacque.
Questa società assume atteggamenti a dir poco prepotenti verso gente che non paga:nel giro d pochi giorni dalla scadenza delle bollette si prende la briga di sequestrare i contatori!
Il referrendum popolare si è pronunciato in favore di un ritorno della gestione pubblica dell'acqua.
Mi chiedo quali e perchè non ci siano gli estremi per rescindere il contratto.
Mi chiedo chi sia stato quello scellerato che ha firmato alla società italo-spagnola un contratto trentennale alle spalle dei cittadini.

Lorenzo. 10.01.13 20:34| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori