Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Addio Enzo

  • 172


Enzo_Jannacci.jpg
Enzo Jannacci se ne è andato. Porta con sé una Milano che non esiste più, che era piena di umanità e non faceva distinzioni tra sciur e puaret, tra borghesi e operai, tra immigrati e milanesi. Il suo mondo al tempo stesso dolente e festoso, mai rassegnato, è un affresco ormai perduto, sostituito da una città di cemento e lamiere, da sguardi sfuggenti di persone chiuse nei giubbotti imbottiti, da una comunità di estranei. Jannacci era un grande poeta. Ha trasformato il milanese in una lingua universale e i milanesi delle periferie in eroi moderni. Milan, senza Enzo, non sarà più on gran Milan.
"Ti , te sé no perchè ti vett minga in gir/che per faa la spesa per mi;/ perchè i ghe voeur mess'ura, e a 'rivà/ giò in piazza del Domm i ghe veuren dù tramm.../ ma mi, quand'ènn vott ur, torni a cà de bottega;/ nascondi la cartèla cunt denter li mee strasc,/ me l'lasci la giacchetta come te me dis ti,/ camini per Milann: me par de vèss un sciur!/ Ti, te sé no: i gh'e tanto otomobil/ de tucc i culùr, de tucc i grandesc'/ lìè pien de lus, che el par d'ess a Natal,/ e sura, il ciel pien de bigliett de milla.../Che bel ch'el ga de vèss/ èss sciuri, cunt la radio/ noeuva e, nell'armadio,/ la torta per i fieu/ che vegn'in cà de scola.../e tocca dargli i vizi:/ "...per ti, un'altra vestina!/ A ti, te cumpri i scarp! .../Ti, te sé no... ma quest chi l'è on parlà de stupid:/ l'è bùn dumaa de tirà ciucch!/ Ti, te sé no... ma quand mi te caressi/ la tua bèla faccetta piscinètta, me par/ me par de vèss un sciur..."

31 Mar 2013, 14:09 | Scrivi | Commenti (172) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 172


Tags: cantautore, Jannacci, Milano, poeta

Commenti

 

Ma poveri quelli che non si attendono che regole e dettati! La Milano di oggi è composta certo da burattini e burattinai, ma anche da una grande umanità che, se Enzo fosse ancora là, certamente canterebbe.
Grazie Enzo!
Ad un grande che sapeva parlare di amarezze e nostalgie con ironia.

Diana Micheletti 04.04.13 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Un saluto a Enzo e alla sua intelligente e poetica ironia, non tutti la capiscono ma l'intelligenza non è sicuramente dote di massa.

luciana crestani 02.04.13 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Fantastico Grillo!!!!
Finalmente possiamo cominciare ad avanzare nostre proposte.
Allora proponiamo di trasferire la creazione della moneta al popolo.
Il PDL e - L rifiuteranno sdegnati e alle prossime elezioni prenderemo il 60% dei voti.
Allora potremo realizzare:
- Eliminare il signoraggio, nel giro di due anni avremo risolto il problema del debito pubblico.
- Ridurre le tasse per le imprese allo 0% così fotteremo anche i cinesi.
- Eliminare IMU, IVA e tutte le altre tasse,perché senza signoraggio non ce ne sarà più bisogno
- Lavorare meno e lavorare tutti, così potremo avere piena occupazione con il rilancio dell'economia.
- Potremo dare a tutti il salario di cittadinanza
così finalmente si potrà arrivare ad un minimo di uguaglianza sociale
- Non lasciare nessuno indietro ed occuparci anche dei quarant'enni sfigati del sud che non hanno potuto lavorare un giorno nella loro vita.
Coosaa? Non ho capito niente?
-Tutto quanto su affermato sono solo slogan?
-Non hai nessuna intenzione di sottrarre ai bankster il contollo dell'emissione della moneta?
-Non hai nessuna intenzione di mettere in difficoltà il PDL e -L, presentando loro delle proposte oscene come le mie?
- Che io sono un fottutissimo rompiballe, perché insisto nell'affermare che senza il controllo del popolo sulla moneta, tutte le tue proposte hanno lo stesso valore delle scorregge?
Vecchio gaglioffo con quel fallito di Casaleggio, continuate ad inventare panzane magiche per un esercito di topi rincoglioniti e fanatizzati pronti a farsi affogare nel fiume, chissà... Forse...un domani... potrebbero anche svegliarsi e chiedervi conto delle vostre fregature e allora.... saranno ca... vostri.
Pensate alla salute.

Giuseppe Siano, - Seleziona - Commentatore certificato 02.04.13 10:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quelli che piangono per la tua scomparsa.
Ciao, grandissimo Enzo.

Paola R., Forlì Commentatore certificato 02.04.13 10:06| 
 |
Rispondi al commento

"El purtava i scarp del tennis" l'ho ascoltata quando avevo 16 anni eppure era stata incisa nel lontano 1964. A distanza di quasi 50 anni quella ed altre perle di Enzo brillano della stessa luce - recando in sè la forza e la bellezza della poesia - e sembra non abbiano tempo, sebbene ci narrino di un tempo preciso, determinato: l'italia del boom in cui una parte del paese portava dentro di se il disincanto e l'estraneità a quell'esplosione di becero consumismo che nascondeva una moltitudine di esseri umani risucchiati dall'inurbazione selvaggia nelle nuove periferie urbane. Enzo era sempre dall'altro lato delle cose.

sergio bianchi 02.04.13 09:43| 
 |
Rispondi al commento

Allora, gli anni ’60, il contesto in cui De Andrè, Iannacci, Califano, Dario Fò, Dalla, la stessa Vanoni, Lauzi, de Gregori, per citarne alcuni, non cantavano; in parole povere, “recitavano”, nel vero senso della parola, erano come i pesci fuori dall’acqua
Adesso, sono giunto alla conclusione che le loro canzoni erano racconti di vita costellati da fatti e pervasi da sensazioni che venivano descritte in musica e suoni dei quali io non li accettavo in quanto non facevano parte del mio repertorio di piccolo uomo pervaso da sentimenti totalitaristici che mi facevano stare tranquillo negando quella realtà di soprusi e vergogne mal nascoste, la vera realtà.
Li consideravo contro corrente, quasi dei ribelli.
Ma non solo io, ho l’impressione che anche i media del periodo facessero la stessa cosa per nascondere le nefandezze di un regime pudico e bigotto.
Prostitute, barboni, drogati e gay, allora erano no-comment.
Quel modo di dire la loro che, se a suo tempo, qualcuno l’avesse introdotta con una fugace descrizione del perché e per cosa, mi avrebbe permesso di apprezzare di più questi signori.
Musica e parole erano il poema di una cronaca e venivano da loro interpretata a mo’ di stornelli, per quanto ho potuto apprezzare con grande rispetto, solo da poco tenpo a questa parte.
Oggi, mi accorgo che erano e sono dei veri menestrelli, dei saggi della comunicazione, che, con il loro modo di fare rivestono, tuttora, un ruolo molto importante nella diffusione di notizie, idee, forme di spettacolo e di intrattenimento vario.
Grande capacità comunicative come ne hanno pochi
Ripeto, come sempre, artisti nel vero senso della parola così come sono, pe

Giuseppe (Pino) Verbari 02.04.13 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Ciao grande!!! Anche tu Enzo come il Califfo hai segnato una parte della mia crescita. Due artisti diversi,ma che rapresentavano l'italia e gli Italiani.

sandroperugini 02.04.13 09:18| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Enzo, sei stato un grande.

Marcello G., Milano Commentatore certificato 01.04.13 22:13| 
 |
Rispondi al commento

Grande Enzo! gli sono immensamente grato per le meravigliose emozioni che mi ha regalato fin da quando ero un ragazzino.
Grazie a lui sentivo che non ero solo, che una grande persona confermava e dava dignità ai miei sentimenti. Come posso ricambiare quel che ho avuto? Jannacci è uno dei grandi artisti fondamentali nella mia vita. Come i suoi amici Gaber, Fo, Celentano. Un abbraccio di cuore a suo figlio Paolo.

Eutidemo di Chio 01.04.13 21:35| 
 |
Rispondi al commento

Quelli diversi dagli altri, oh yes!
Quelli che hanno cominciato a lavorare da piccoli, non hanno ancora finito e non sanno che cavolo fanno, oh yes!
Quelli che Mussolini e' dentro di noi! … ma va’ a caga’!


Grazie Enzo!

Giacomo Romagnani Commentatore certificato 01.04.13 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Speriamo che cambi tutto presto anche il presidente più giovane di quelli passati e che rappresenti tutti i cittadini e aiuti a rinnovare lo stato EP

Emanuele Paltrinieri 01.04.13 21:05| 
 |
Rispondi al commento

"... Porta con sé una Milano che non esiste più, che era piena di umanità e non faceva distinzioni tra sciur e puaret, tra borghesi e operai... " scrive l'estensore del post iniziale. Il suddetto postante non conosce Milano (o é un luogocomunista sfegatato), né quella di oggi nè quella di ieri. Ma quando mai é esistita una Milano che non faceva distinzioni tra ricchi e poveri? Proprio la catto-capital-calvinista Milano dove tutto é separato - ieri come oggi - in caste, quartieri, saldi dei conti in banca, ecc. Peggio dell'Inghilterra con le sue "working class". Certo decine di anni fa a Milano di sera non c'era il coprifuoco, ma questo é un altro discorso. Che Enzo riposi in pace! Natalie Paav

Natalie Paav 01.04.13 20:46| 
 |
Rispondi al commento

QUANDO MUORE UN POETA I SUOI SOGNI CONTINUANO A VIVERE. Franco Berselli

FRANCO BERSELLI, FORMIGINE Commentatore certificato 01.04.13 20:08| 
 |
Rispondi al commento

Traduzione in Esperanto di quanto detto un centinaio di volte! Speriamo che questa volta si capisca !


vincenzo frattura
18:25 (10 minuti fa)

a Enza, Enea, m5s-laquila, MOVIMENTO
Purtroppo mi ritrovo sempre più spesso confinato davanti al "MURO DEL PIANTO". Esprimo e ripropongo continuamente le stesse cose e mi sembra di parlare ai sassi che pure delle volte conoscono i fatti.
Qualche giorno fà commentavo il documento di programmazione economica europea del Senato (anche Enea era d'accordo) e non sò se il mio triste pianto veniva alimentato dalle considerazioni su quanto i muri riescano ad interrompere la comunicazione e la comprensione o se era la depressione che mi assaliva leggendo quegli scritti che sembrava contenessero gli antichi codici di Hammurabi.
Ma come, noi dovremmo essere il nuovo, la speranza, il desiderio di rivoluzione e poi invece ci accodiamo supinamente alle decisioni di un Governo che non esiste ed alle INVENZIONI ISTITUZIONALI di un Presidente che non sà più quali pesci prendere (avesse almeno preso quello di Aprile, così credevamo in uno scherzo !) ......ma agli elettori che raccontiamo? Forse potremmo far loro credere che improvvisamente abbiamo scoperto l'efficacia e la capacità di pianificazione efficiente della vecchia politica? E se poi gli elettori decidono di andare a prendere i forconi o i fucili?!

Cara Enza, se la commissione dei 27 annovera solo 3 dei nostri, proprio per questo non deve accodarsi alla maggioranza ma deve invece esprimere la sua eventuale contrarietà perchè se si devono affermare logiche economiche stravecchie come quelle che hanno distrutto il nostro Paese (tassa+tasse+debiti+deficit ecc. ecc.) allora proprio non ci siamo ed è meglio che torniamo a votare,ma per eleggere parlamentari che abbiano idee più chiare. QUI' GIU'... non c'è più nessuno disposto ad avallare le astruserie e le improvvisazioni di chi non ha gli attibuti per capire e decidere.

Attenzione

vincenzo frattura 01.04.13 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Si vede
l'unico spiazzo semierboso
che c'è rimasto nel mio rione
dalla ringhiera del garage
si vede una cinquecento
brutta, di un colore citrino
ancora più brutta per i riflessi
che oggi le dà il cielo.

Ed è già tardi
e sei sempre in ritardo
e mi vieni incontro
con un ombrello
che non è quello che ti ho regalato io
Anche da lontano si vede
anche da lontano si vede
anche da lontano si vede
che non mi vuoi più bene.

Massimo Marsico, Caserta Commentatore certificato 01.04.13 18:56| 
 |
Rispondi al commento

Forse sono troppo "giovane" per poter parlare di un grande uomo come Enzo Jannacci...Una canzone però porterò sempre dentro di me..."Se me lo dicevi prima"...Grazie Signor Jannacci

Gabriele Croce 01.04.13 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciaaaaaoooooooooo Enzo ti vogliamo bene,,,,,

karla C., Milano Commentatore certificato 01.04.13 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Ohé! Sun chì
Vegni gio con la piena
Vegni gio chi a milan
Chi a milan
Mi gh'avevi du an forse tri
Un'an apena
Ohé! Sun chi
Ma quan sunt arrivà chi
mi el terun
tegnì su com'un fagot dal papà
contrapes 'na valis de cartun
poeu hu vist i ca. Tanti ca a ses pian
i fiulit giugà
tacà dre di tram. Sui respingent
dent per dent hu vurùsalta su cuon lur
e dai respingent come in giostra
mi hu vist vular via la gent
l'era un grand sciopà
l'era un grann scapà de cà, de niul, de felicità
ohé! Sun chi
vegnì gio con la piena
vegnì gio com un falchet chi a Luret
si el su l'è un rebelot, 'na città de far rid
l'è un casot
ma anche in sci, la me pias anche in sci
l'è perché sta cità ghe lu denter in di occ
de quan s'eri un fiulin.
E l'ho vista dal tram. Tacà sul respingent
Come in giostra volar
Prori in sci ve la vori cantà
Ohé! Sun chì!
L'è chi!

al rossi Commentatore certificato 01.04.13 15:44| 
 |
Rispondi al commento

a persone cosi'-- profondamente buone-- quasi quasi, farei una colpa di averci lasciati. Stavolta Enzo, mi hai fatto proprio arrabbiare

FABIO B., bologna Commentatore certificato 01.04.13 15:36| 
 |
Rispondi al commento

a persone cosi'-- profondamente buone-- quasi quasi, farei una colpa di averci lasciati

FABIO B., bologna Commentatore certificato 01.04.13 15:35| 
 |
Rispondi al commento

grazie di avere scritto un pezzo così bello per ricordare il grandissimo Enzo Jannacci, caro Beppe. lui era, anzi è, perché io voglio pensare e in
verità io lo spero e ci credo che, come dicono in India, l'anima di Enzo abbia soltanto lasciato il suo corpo. e che ora lui stia proseguendo la sua vita in un'altra forma o/e in un'altra dimensione che a noi non è dato conoscerle. Enzo Jannacci è un grande poeta, riprendendo le parole di Beppe,
un fantastico paroliere e uno straordinario musicista. è vero, la Milano che Jannacci ha cantato da sempre nelle sue canzoni non esiste più. l'umanità verso chiunque e la bonomia della Milano, che la contraddistinsero fine alla fine degli anni 60 è stata sostituita da anni da una città plumbea, dove ai vecchi palazzi grigi si sono aggiunti grattacieli, strade inutili, mostri di cemento di vario genere e cantieri disseminati in tutta la città. l'Umanità che caratterizzava gli abitanti di Milano è stata sostituita da tanto tempo ( non da tutti i milanesi, ma dalla maggioranza si ) dalla diffidenza verso l'Altro, non importa se sia straniero o italiano, e dalla chiusura in se stessi e verso chi non appartiene alla propria cerchia di " amicizie ". eravamo e siamo in milioni a volere bene a Enzo e a amare le sue canzoni...e tra questi milioni di persone ci sei anche tu, Beppe. dalle tue parole, Beppe, traspare e deborda tanta stima e molto affetto per il bravissimo artista Enzo Jannacci. ciao carissimo Enzo <3 abbraccia Giorgio e Lucio Dalla quando li vedi, da parte mia

manuel barone 01.04.13 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Proprio ieri ho postato questa canzone , che trovo di una malinconia struggente . Apre uno squarcio su quella Milano di Iannacci dove c'era povertà, malinconia ,ma non disperazione . Mi chiedevo come mai nessuno l'avesse nominata , invece sei arrivato tu !

giuli.garzia 01.04.13 14:32| 
 |
Rispondi al commento

.......domandare è logico, rispondere è fantasia. Niente, una persona che ti ispira, è parte di te. Quando viene a mancare, non so se per "bilocazione quantistica della sincronicità del pensiero" o più semplicemente per "tiriterotaro" avrebbe detto, ti vien da piangere. La gratitudine immensa che ho per questo Signore che con il suo surrealismo ti faceva l'onore di farti sentire tu il genio, quando capivi cosa si nascondeva nelle sue parole. Un'Anima che accompagna, e non ti censura. Un fuoriclasse. UN FUORICLASSE.

marco coan, caneva Commentatore certificato 01.04.13 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non un accenno a Franco Califano?

stefano tarquinii 01.04.13 14:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Porta con sé una Milano che non esiste più, che era piena di umanità e non faceva distinzioni tra sciur e puaret, tra borghesi e operai, tra immigrati e milanesi."

Ma che vuol dire? Caro Beppe, potresti formulare un ragionamento più preciso? Perché questa mi sembra la solita retorica del "ai miei tempi" o del "si stava meglio quando si stava peggio".

PS: a proposito di Milano, ti consiglio una lettura: I Promessi Sposi; e anche un film: Miracolo a Milano, di De Sica. Giusto per raddrizzare un po' i tuoi slogan.

PPS: un ultimo saluto, commosso, a Jannacci.

Marco M. 01.04.13 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Sicuramenti ricordi di un tempo ormai finito,ucciso dalla globalizzazione,ho avuto la fortuna di vivere nella mia adolescenza,quello che restava di quel mondo ormai finito dallìincalzare del progresso,che molte volte non lascia spazio alle cose semplici ,si vive nell'indifferenza,....vecchi ricordi ..la fiera di sinigalia,la fiera dei u.bei u.bei,le vecchie osterie,le ultime locomotive a vapore,lo zoo di Milano,ecc....e tutti gli angoli suggestivi di una vecchia Milano,che perde un suo poeta.grazie di avermi fatto sorridere con nostalgia addio dottore e poeta ENZO......

Montecristo Senior 01.04.13 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Basta con le seghe mentali, fatevi una bella iniezione di democrazia parlamentare: dimettetevi in massa e certificate così la vostra incapacità, è l'unica assunzione di responsabilità che voi "vergini" di M5S, forti della vostra pseudo credibilità potete assumere nei confronti di quelli che vi hanno votato! Giovanni

giovanni abitante, SAN PAOLO ALBANESE Commentatore certificato 01.04.13 13:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gian Carlo Caselli non sarebbe proprio male !!

Paolo Sartori 01.04.13 12:56| 
 |
Rispondi al commento

uno di noi e trapassato un grande uomo non dimentichiamo che fu il primo come assistente del prof barnard in una operazione a cuore aperto io ero piccolo e mi ricordo benissimo quasi 40 anni fa bun viaggio enzo

giancarlo 01.04.13 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Speri di costruirla così la nuova Italia?

Berto Meneghetti 01.04.13 12:48| 
 |
Rispondi al commento

fijo mio - (franco califano)

fijo mio vie' qua,
sta a senti' a papa',
consideranno che
t'ho messo ar monno io,
io te devo di'
qualunque verita',
tu vivrai, senza sbaja'
noi parlamo a te
come a 'n omo ormai,
nun sara' giusto
ma le cose che saprai
nun so favole
co' le fatine blu,
fijo mio, io la vita
te la insegno a modo mio
perche' tu,
nun te devi perde.
credi a dio se voi,
prega si te va,
ma si te dice male
allora lascia sta',
le preghiere
nun t'aiutano a campa',
credi a te, sortanto a te.
tante fesserie
nun te servono;
e nun ce chiede
de pinocchio perche' mai
te diremo ch'e'
vissuto tempo fa,
sai perche'?
perche' questa nun sarebbe verita'
come po' un pupazzo piagne
tu nelle vene
c'hai lo stesso sangue mio,
sei mi' fijo ma
si te mancassi io,
da chi vai?
da pinocchio 'n po'
d'aiuto nun l'avrai.
solo te, te poi da' 'na mano
=====
Onore al Califfo!

Ferdinando G., Roma Commentatore certificato 01.04.13 12:48| 
 |
Rispondi al commento

However vast the darkness,
we must supply our own light.
(S.K.)

Mi sembrava adatta, da lasciare....

Romano Nasi, Modena Commentatore certificato 01.04.13 12:31| 
 |
Rispondi al commento

l'è perché sta cità ghe lu denter in di occ
de quan s'eri un fiulin....
la tua Milano con te bambino rimarrà negli occhi della nostra memoria,mentre salti felice sul marciapiede.

al rossi Commentatore certificato 01.04.13 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Ho vissuto Enzo dapprima tramite canzoni allegre,simpatiche: "el purtava i scarp......,vengo anchio,no tu no l'Armando,la Balila"ed altre famosissime più tardi"la vita l'è bela Quelli che"etc.Mi rammarico di averlo conosciuto veramente non troppo,ma tardi.Il poeta, l'UOMO di enorme spessore, ma anche intelligentemente spassoso, rispettoso di tutti e nel contempo in grado di dare lezioni di stile a ognuno di noi,nessuno escluso.Vi sono sue canzoni(Ti te se no,Senza de ti,e molte altre) che riescono a raccontare in 3,4 minuti, storie di vita vera,nella romanticissima(per nulla pragmatica)Milano del dopoguerra.Un mio enorme ringraziamento per le vere emozioni che mi hanno suscitato le sue storie cantate:roba da brividi nella schiena:GRAZIE ENZO per l'UOMO e musicista vero che sei stato.


Emilio Risari, Tricerro Commentatore certificato 01.04.13 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Per cortesia: rodotà, o zagrebewski o Caselli. Una lezione al mondo se uno di questi diventa Presidente della Repubblica. Votate a gran voce!!' Adesso l'ave...

Rosanna Mastrodonato 01.04.13 12:06| 
 |
Rispondi al commento

erano anni che non piangevo perche' ero sempre incazzato e basta la sua scomparsa mi ha strappato molte lacrime

RErmidi 01.04.13 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Allora scriviamo in massa ai presidenti del Senato e della Camera affinchè istituiscano al più presto le Commissioni per l'esame delle proposte di legge.
Inutile farlo ai segretari di partito, perchè il loro gioco è quello di fare melina, a meno che non intasiamo le loro e-amil.

adriana caporali 01.04.13 11:40| 
 |
Rispondi al commento

grande enzo

giorgiodamilano liberale Commentatore certificato 01.04.13 11:22| 
 |
Rispondi al commento

"La speranza la dovete trovare in voi stessi, la Storia insegna che i politici non hanno mai risolto granché, non c'è nessuno che ha un progetto politico valido. Io per me ce l'avrei pure ma non sono nessuno, però non ho
mai votato per qualcuno di questi burattini che sono nelle mani dei poteri forti internazionali, purtroppo quelli che erano per me persone di rilievo sono state smpre bocciate dagli elettori. D'altra parte, come conferma pure la curva di Gauss, le maggioranze hanno sempre torto. Purtroppo è così, e si è visto anche nell'ultimo ventennio. Datevi da fare da soli che è meglio, come abbiamo fatto tutti noi nati dopo la seconda guerra mondiale, certo è che vi abbiamo consegnato un' Italia molto più ricca e molto più moderna rispetto a quella che ci avevano lasciato. Oggi per esempio, se l'Europa monetaria è stata un disastro, bisogna avere il coraggio di tornare indietro. Purtroppo però so pure che le transizioni sono dolorose e pericolose, e paga sempre Pantalone. Però abbiate speranza, non
vi fate impaurire, questi se ne dovranno comunque andare presto, il mondo non può che essere dei giovani."

ZARATHUSTRA 01.04.13 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Grandissimo

Giuseppe ambrogio 01.04.13 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici, vi scrivo per segnalarvi che la Fornero sta cercando di modificare ancora una volta la legge di stabilità 2013 mettendo ancora dei paletti per togliere i diritti degli esodati.
Non fatevi fregare domani votate il decreto modificando le restrizioni che vorrebbe apportare,
Nella legge di stabilità era stata data la possibilità di andare in pensione a persone che avessero lavorato dopo l'autorizzazione ai versamenti volontari purchè non a tempo indeterminato, ora la Fornero vuole toglierci anche questa possibilità per chi ha lavorato pochi mesi dopo l'autorizzazione come se lavorare fosse un delitto o un sacrosanto diritto sancito dalla costituzione. non permettete a questi delinquenti di continuare a penalizzare le persone che aspettano la pensione e che sono senza lavoro.
Fatevi valere o sarete partecipi ddei loro misfatti.
Tutti a casa, non meritano nulla.
Sebastiano

sebastiano demuru 01.04.13 10:37| 
 |
Rispondi al commento

è volato in cielo un grande poeta ed un bravissimo ed umanissimo medico, ciao Enzo allieta il cielo con la tua poesia.

alessandro v., palermo Commentatore certificato 01.04.13 10:22| 
 |
Rispondi al commento

SOLO ENZO

stefano boneva Commentatore certificato 01.04.13 10:22| 
 |
Rispondi al commento

grazie enzo x le belle canzoni e musiche che ci ha dato, vere, umoristiche ed umane nn ti dimenticheremo mai

myriam verdi 01.04.13 10:19| 
 |
Rispondi al commento

e sempre allegri bisogna stare che il nostro piangere
fa male al re, fa male al ricco e al cardinale diventan
tristi se noi piangiam ...

italiano incazzato 01.04.13 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Enzo,voce per gli esclusi,
poveri,
emarginati.
Enzo, poeta
sensibile
e buono.
Enzo, solidale
con gli indifesi.
Enzo,ironico
e malinconico.
Enzo, con te
va via una parte di Milano
( quella buona e altruista),
che in realtà
agonizza da tempo.
Enzo, continua
ad allietare
in paradiso

patrizia p lilli, Pompu Commentatore certificato 01.04.13 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Il capo del M.5. STELLE è arrivato in riva ha un fiume impetuoso, che nel primo momento aveva considerato facile da superare. Davanti a questi improvisi ostacoli,bisognava cambiare per arrivare sull'altra sponda, senza perdere i propri compagni. Se una GUIDA non riesce a cambiare nel suo cammino come adeguarsi agli imprevisti, falirà miseramente, e con lui tutti i suoi compagni che lo seguivano ceccamente. ORA, GLI OTTO MILIONI DI COMPAGNI SONO CAPACI DI INDICARE A QUESTO CAPO UN NUOVO PERCORSO, PRIMA CHE ANNEGHINO TUTTI?

Frido Sasso, Novara Commentatore certificato 01.04.13 09:23| 
 |
Rispondi al commento

un omaggio a Enzo, In pe!!!
Ciao Enzo e ciao Veronica

Spartaco longoni 01.04.13 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro Enzo, ho la tua età e negli anni 60 vivevo a Milano. Barese, giovane laureato, andai via da Bari perchè, gia allora,il Sud non dava lavoro. Fui assunto con contratto di lavoro a tempo indeterminato e, dopo tre mesi di prova, il contratto divenne definitivo e mi sposai.
Mi imbattei allora in te stralunato ed allegro, con il tuo dialetto milanese che cominciai ad amare, come quello della vanoni in ma mi e della Milly de tant che era piscinin.
Assieme a te c'era Gaber del Giambellino, ossuto ed un po piacione, Fo allampanato e con i suoi racconti da casciaball, lo Strehler di Brecht, l'ultino concerto in Italia di Coltrane, Italia _ Brasile campione del mondo, i primi gospel di Black Nativity, la cassoeula
Addio Enzo, noi siamo rimasti qui a fare il palo

felice milella 01.04.13 09:01| 
 |
Rispondi al commento

beh per fare certe cose ci vuole orecchio!grande enzooooooooooo! ciaooooooo!

Fabio Paratore Commentatore certificato 01.04.13 08:11| 
 |
Rispondi al commento

Oltre un Grande Artista e Poeta, va via un ottimo cardiologo. Enzo Jannacci ha fatto parte della equipe di Christian Barnard, il famoso cardiologo di Città del Capo a cui è legato il primo trapianto di cuore nel mondo.

Salvatore Parisi 01.04.13 07:33| 
 |
Rispondi al commento

Un uomo buono e vero,,cantare la giustizia e la verita'come faceva lui,,metteva diversita'!!Dio ti accolga tra i suoi giusti,,ciao.

Bruno V. Commentatore certificato 01.04.13 05:58| 
 |
Rispondi al commento

condivido in pieno tutto cio che M5S pensa dei partiti e delle responsabilita della cattiva gestione politica che ci ha portato a questo punto.per questo da simpatizzante di sinistra da una vita ho deciso di votare M5S per vedere di poter cambiare questa situazione. detto questo pero' a mio modo di vedere la strategia adottata nei giorni scorsi troppo intransigente mi fa temere che dare una scappatoia a berlusconi e non fare nessun accordo col pd finira ' per relegare M5S all'opposizione senza nessuna speranza di reali cambiamenti data la complessita del quadro politico attuale e rinvigorira' la vecchia casta che bene o male traggono vantaggio da questa situazione e noi perderemo questo barlume di speranza di cambiamento che ci sembrava a portata di mano. tanti auguri di buona pasqua andrea

andrea cappanera, livorno Commentatore certificato 01.04.13 03:03| 
 |
Rispondi al commento

Addio Enzone ...riposa in pace.

Dario M., Lentini Commentatore certificato 01.04.13 02:23| 
 |
Rispondi al commento

Tina Anselmi Presidente della Repubblica!
Proponetela l'11 aprile e votatela!

Davides R., Bergamo Commentatore certificato 01.04.13 01:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Enzo..ci hai fatto ridere, sorridere, riflettere, sempre in modo leggero ma profondo, ironico, scanzonato e intelligente...grazie, buon viaggio; questa volta non ti hanno risposto: "no tu no!" e sono certo che hai già scoperto il perchè, forse anche lassù c'era un po' bisogno della tua ironia...

flavio casgnola, palermo Commentatore certificato 01.04.13 01:33| 
 |
Rispondi al commento

Se è stato fatto un commento apposito per la morte di Jannacci cosa si dovrebbe fare per la morte di Califano? Ma che ne parliamo a fare? Tutto il resto è noia!

Stefano A. Commentatore certificato 01.04.13 01:27| 
 |
Rispondi al commento

Addio Enzo
non conoscerti e volerti bene
strano ma vero

Danyda bologna Commentatore certificato 01.04.13 01:17| 
 |
Rispondi al commento

adesso su rai 3 vi stanno sfottendo in maniera disumana ma come si fa a non dargli ragione?

bruno bassi ex iscritto dissidente 01.04.13 00:15| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera, e la prima volta che scrivo un commento sul blog, anche se lo seguo da tempo, in particolare ho seguito in diretta lo tsunami tour.
Oggi invece mi informo di ciò che accade in parlamento grazie ai nostri amici cittadini.
E' veramente fantastico ciò che stiamo creando. Spero solo che il resto del popolo Italiano se ne accorga quanto prima dandoci una mano a riprenderci le istituzioni, per annullare una volta per tutte la corruzione, lo spreco, i sopprusi finanziari che le lobby ci impongono ecc.
Siamo tra i paesi più industrializzati ed emancipati, ma allo stesso modo paradossalmente siamo tra i più corrotti, burocraticamente vecchi e lenti, e con uno stato sociale ai limiti della decenza.
Tutto questo deve finire, anzi sta finendo, iniziamo a guardare al domani con ottimismo.
Io credo che il nostro movimento e come un anticorpo, generato nel corpo dove il virus era in uno stato più avanzato(la nostra Italia)
Ma come avviene nelle più grandi epidemie distruttrici, individuato l'anticorpo il virus verrà sconfitto in tutti i luoghi dove egli si trova. L'anticorpo per il nostro male siamo noi cittadini, che scesi in politica azzereremo tutto.
E pian piano coinvolgeremo l'Europa intera e perchè no tutto il mondo.

Giuseppe Stabile 01.04.13 00:15| 
 |
Rispondi al commento

Se guardiamo al risultato ancora fresco di un potenziale cambiamento politico che non si sarebbe mai visto finora pari a 164 parlamentari M5S, potenziale appena buttato nel cesso grazie al comportamento del M5S, regalando una occasione di rivincita e rientro in gioco alla impresentabile destra italiana sfigurata dalla corruzione e dal degrado morale, non rimangono molte prospettive positive per l'Italia se non quella di tenerci ancora il governo Monti che, naturalmente, troverà qualche appoggio in parlamento tagliando fuori un cambiamento possibile ma sprecato.
Tutto ciò grazie al M5S.
Caro Grillo complimenti. Sei riuscito a sfasciare l’Italia. Anzi vergognati.

Giuseppe Poliani 31.03.13 23:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GRAZIE ENZO.CIAO

alfonso . Commentatore certificato 31.03.13 23:38| 
 |
Rispondi al commento

Addio al portavoce di quella Milano dalla cultura materialista che ci piace tanto!

Antonio Maggio, Genova Commentatore certificato 31.03.13 23:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Monti. Napolitano se ne devono andare!!!!!!!
Ci vogliono finire pensando che aiamo tutti idioti. Con le buone maniere ce lo stanno mettendoal c... Ve nw siete accortio no? Dobbiamo farci sodomizzare ancora da questi due perquqnto?quelloche è usciyo peggio dalle elezioni,che diceva ionn proseguocon la politica ce lo troviamo anvora a comandare in parlamento??
Vogliamo fare qalcosa?????

Simonetta chiriatti 31.03.13 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Se l' Italia avesse anche solo un decimo di politici con la sensibilità e il genio di Enzo Jannacci (e altri artisti), sarebbe un paese migliore. Già, ma allora non sarebbero politici...

ilbarone 31.03.13 23:09| 
 |
Rispondi al commento

chi non ha canticchiato almeno una volta ...vengo anch'io, no tu no!

franco f. Commentatore certificato 31.03.13 23:00| 
 |
Rispondi al commento

Non sono di Milano ma vorrei sapere che cosa ha dato Milano in questi ultimi trent'anni. Quale anima oggi ha Milano? C'è ancora poesia a Milano?

moreno rasia dani 31.03.13 22:52| 
 |
Rispondi al commento

Ma porcaccio giuda,
'un si potrebbe barattare Jannacci e Gaber con berlusconi e gasparri
Sono disposto ad aggiungere anche la santanchè, dalema e bossi come conguaglio.

Mattia F. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.03.13 22:45| 
 |
Rispondi al commento

L'ultimo dei grandi maestri del cantautorato italiano ci ha lasciato...

danilo . Commentatore certificato 31.03.13 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe per le belle parole che hai scritto per Enzo ,si sente che vengono da te e dal cuore. Era molto che non scrivevi ,normalmente c'è qualcuno che nel blog scrive per te ,lo sento dal linguaggio,dalla mancanza di animo,dalla cattiveria che trasuda da ogni parola. Fai uno sforzo scrivi tu perchè c'è bisogno di gentillezza , bellezza e serenità.

nelly zenato 31.03.13 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Molto, ma molto meglio "Er Califfo"!

Jannacci era una lagna, di una tristezza sconfinata.

THX 1138

Roberto Duvallo 31.03.13 22:25| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari Bloggers,finalmente non c'è confronto tra di noi, non ci sono i trolls nè i duri e puri, siamo tutti addolorati per la scomparsa di un grande e ci fa bene condividere lo stato emozionale. Non essendo familiari di Jannacci, tutto sommato, non ci mancherà più di tanto,perchè i Grandi non muoiono mai.Guardate Alberto Sordi o Totò, ancora ridiamo alle loro battute. Perchè Enzo è stato un Grande? Perchè tutto quello che faceva lo faceva in maniera approfondita, se non erro fu nazionale di arti marziali juniores,Chirurgo, cantautore.Non so se sarebbe stato un Grillino, ma mi piace pensare che lo era "ante litteram".Perchè scrivo queste cose? perchè quando, domani, ci misureremo di nuovo per le scelte del Movimento, magari ci aiuterà questo passaggio di comunione che ci ha legato oggi e ci potrebbe aiutare per abbassare il livello di astio reciproco.. perchè in fondo lo facciamo in buona fede essendo tutti... figli di Enzo Jannacci.Grazie Enzo, riposati in pace

antonio.chichierchia 31.03.13 22:21| 
 |
Rispondi al commento

non era meglio se la Lombardi invece di dire a Bersani che sembrava di essere a ballaro' rinfacciava a Letta che era vergognoso che lui avesse dichiarato di preferire un governo con il pdl piuttosto che il M5S e che ora ne chiedesse l'aiuto?

francesco marani 31.03.13 22:12| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Enzo, in paradiso cunt'i scarp del tennis e dù oeucc de bon.
Grazie.

Andrea Molteni (nembo1972), Como Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.03.13 22:06| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Enzo. Sei un Grande.

Ciro M. Commentatore certificato 31.03.13 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Si potrebbe andare tutti quanti
al suo funerale...

vengo anch'io?

SI

e perchè?

perchè...

SI

^_*

Baci

Paolo Rivera Commentatore certificato 31.03.13 21:48| 
 |
Rispondi al commento

Le canzoni di cantautori come Jannacci o Gaber, così sobrie ed allegre negli anni 60/70, da una parte rispecchiavano la realtà storico/politica, dall'altra ne erano condizionate.

Putroppo queste circostanze sono state completamente ribaltate, da quando vampiri senza scrupoli hanno ingannato gl'italiani con fantasie e parole vuote. Ora in italia si canta di magistrati e poliziotti ammazzati e di giustizia calpestata.

Personalmente sto notando che più vengono alla luce certi affari sporchi e più i loro attori ed ideatori si sentono liberi di farne altri senza il timore d'essere scoperti!

Dov'è la giustizia italiana???!

domenico mastrogiacomo 31.03.13 21:44| 
 |
Rispondi al commento

cosa pensate di Emma Bonino come Presidente del Consiglio?

monica porta 31.03.13 21:29| 
 
  • Currently 3.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da vecchio lombardo quale sono è un rintocco di campana ad avvisarmi che un altro cantore dei semplici se n'è andato per sempre. Addio Enzo... o forse arrivederci. Pietro.

Pietro M., Genova Commentatore certificato 31.03.13 21:23| 
 |
Rispondi al commento

NON AVETE NESSUN DIRITTO DI IMPOSSESSARVI DI UN UOMO DI SINISTRA ....VOI CHE STATE AIUTANDO IL NANO A RIMANERE FUORI DALLA GALERA !!!!!!!!!

franco Mazzoni 31.03.13 21:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SULLE TRACCE D'UN OPERAIO
Quell'immagine dell'operaio con la camicia di flanella accadeva anche di domenica allo stadio Olimpico, nella cavea dove i tifosi stavano in piedi. Egli giungeva lì alle 14,29, esattamente un minuto prima del calcio d'inizio. Era con la divisa ufficiale da operaio e la camicia di flanella era come la maglia di Fulvio Bernardini negli anni '30 a Campo Testaccio. Essa, a riquadri prevalentemente rosso/blu, era infilata in pantaloni che, in origine, erano d'un cotonaccio blu poi mutato in un azzurrino metallico. La cinta era lacerata in più punti e, quanto alle scarpe, erano di similpelle con i lacci e già compostamente maltrattate. Eppure, stando accanto a quell'operaio, gli accreditavo un'eleganza. Alla fine, più che guardare la partita - dalla cavea, in vero, non che la visione fosse perfetta - rimanevo a guardare colui che m'era accanto. Lo cercavo alle 14,29. "Li cercavo" perché in verità ve n'era più d'uno e sembrava che si fossero passati parola per quanto riguardava la "divisa ufficiale". La barba era quella di tre giorni e poteva anche accadere che essi avessero staccato poco prima, attorno alle 13, e, saliti su tram e autobus, raggiunto lo stadio. Quasi non m'interessava la partita e i miei occhi erano tutti per l'operaio in flanella (per gli operai in flanella)che avevo intercettato nella cavea. Mi interessava quell'esistenza. Rimanevo lì, ad osservarlo. Alla fine del primo tempo osava spendere cento lire per un cartoccio di fusaglie ed io godevo a quella vista: poteva anche permettersi di spendere qualche moneta. Esultava lievemente ad un gol della Roma e, dall'alto dei suoi probabili 70 anni, doveva averne viste così tante di partite che ogni sua gioia era contenuta. A fine partita lo seguivo e salivo sul suo autobus, verso il suo quartiere che m'era ignoto; e se lo vedevo rincasare, ero felice; e mi ponevo ad osservare quella casa che trasudava "caldo buono", forse perché in "edilizia economica e popolare".
FERNANDO ACITELLI

FERNANDO ACITELLI, ROMA Commentatore certificato 31.03.13 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Enzo per darti l'ultimo saluto ho fatto i miei sacrifici, ma te lo dovevo perché sei stato un grande, emozioni ed esempio grandezza e semplicità. Dolce umano geniale come pochi. Come hai detto tu un maresciallo. Rimarrai sempre nella memoria e nei cuori di chi ha conosciuto. Grazie Enzo.

Antonietta D., milano Commentatore certificato 31.03.13 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Piripiripiripiri Giovanni telegrafista, quello dal cuore urgente giornali dicono Jannacci morto. Stronzate...i grande non muoiono mai piripiripiri

ANTONIO.CHICHIERCHIA 31.03.13 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto un RE....a bé si bé...
el sé volà in cielo...
Ciao Enzo

cristiano tami go 31.03.13 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Enzo ci mancherai, ci mancherà la tua splendida ironia, la tua vena poetica, ma ci mancherà l' uomo coerente e sapiente, uno di noi modesto e pieno di note per ogni coscienza, grazie di tutto sei nei nostri cuori

Ercole brighi 31.03.13 20:17| 
 |
Rispondi al commento

Penso a Dario Fo: quando perdi persone così affini a te, con cui hai condiviso tanto, l'amicizia e le risate, e ancora di più se insieme hai creato qualcosa di immortale, il mondo sembra si svuoti. Ma poi, d'improvviso, l'eco di uno sberleffo ti riporta qua, ti rinasce il sorriso, perché certe cose non muoiono: i sentimenti e la poesia ci sopravvivono sempre. Ciao Enzo

Antonella Antonello, Santa Lucia di Piave Commentatore certificato 31.03.13 20:16| 
 |
Rispondi al commento

Arrivederci Enzo

carlo zen Commentatore certificato 31.03.13 20:10| 
 |
Rispondi al commento

Si e' una milano che non esiste piu', ma non non dobbiamo rassegnarci, non possiamo vivere senza umanita'

Carlo perini 31.03.13 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Enzo, giovane con me, anziano oggi come me... Fai parte della mia vita, dei miei ricordi. Le tue canzoni sono legate a periodi belli della mia giovinezza, perché quando si e' giovani anche le cose semplici sembrano belle... Il crepuscolo e' giunto per noi e tu hai già oltrepassato la linea di traguardo. Con grande malinconia ti sussurro arrivederci...

Giuseppina ., Treviso Commentatore certificato 31.03.13 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Un altro grande cantore, di una sensibilità e umanità uniche mascherate da un cinismo apparente,un poeta disincantato di tempi più poveri ma più felici, se ne è andato. Da ieri il mondo è più vuoto. Addio Enzo.

Maurizio Narchi 31.03.13 19:46| 
 |
Rispondi al commento

un saluto sincero. Umberto

Umberto C., rovigo Commentatore certificato 31.03.13 19:40| 
 |
Rispondi al commento

Un vero Poeta ci ha lasciato, intellettuale, medico, artista...uomo impegnato nella vita lascia non un vuoto ma un ricordo che non morirà mai, non solo della sua adorata Milano, ma di una Italia che stanno in tutti i modi cercando di affondare....

Luca Masmata 31.03.13 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Ascoltate: http://www.youtube.com/watch?v=YXxQD5kM0x0
e la musica, va ricordato, è di un grande, Fiorenzo Carpi.

beppe v., parma Commentatore certificato 31.03.13 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe !
Dopo un mese dalle elezioni !!!!
Nulla di fatto e perchè ? Perchè
la vecchia politica non vuole cambiare
vogliono tenersi le poltrone strette,strette.
Ti consiglio,tieni duro e andiamo dritti alle
elezioni e vedrai saremo la 1° forza ( non politica )dove si potrà governare come si deve e soprattutto mandarli tutti a casa e subito. Ciao

luciano Barison, Bolzano Commentatore certificato 31.03.13 19:35| 
 |
Rispondi al commento

In questo post si parla di un cantautore scomparso,lo vorrei ricordare ai finti tonti che postano in questo luogo,dei commenti non inerenti.
Guardate che se voi sparate le vostre idiozie(perché se io parlo di merende e tu mi rispondi cavoli sei semplicemente un idiota ) in tutti i post senza distinzione,essi non diventano fari per un cammino,ma luce per l'identificazione della vostra stupidità.

raffaele l., Simorre (Francia) Commentatore certificato 31.03.13 19:25| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un'altro pezzo di storia di Milano che ci lascia,ciao Enzo da un milanese emigrato in Spagna.

rodolfo padalino, boltaña huesca Commentatore certificato 31.03.13 19:25| 
 |
Rispondi al commento

La Milano che ricordo da bambino,mia nonna che mi teneva per mano passeggiando frettolosamente sui marciapiedi umidi che riflettevano le luci dei negozietti e delle auto in fila al semaforo.Una leggera nebbia forse,il freddo da battere i piedi ogni tanto per mitigare quella sensazione che era Milano di inverno.Sapere che c'era tutta una vita davanti e Milano, tra luci ed ombre, a garantirtela dignitosa. Ciao En.zo

Massimo smenghi 31.03.13 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Grande ENZO!!

alfredo m., napoli Commentatore certificato 31.03.13 19:24| 
 |
Rispondi al commento

Ci ha lasciato un grande, peccato che non abbia potuto vedere come cambieremo questo Paese che sotto i suoi occhi s'è quasi distrutto.
Peccato che non potrà mai più cantare di come ha visto la speranza tornare negli occhi della gente e l'Italia risorgere dalle sue ceneri come una fenice.

Lello Marino, Ercolano Commentatore certificato 31.03.13 19:20| 
 |
Rispondi al commento

Enzo se ne é andato e noi facciamo in modo che SIA PASQUA tutti i giorni.
Forse così potremo onorare la sua memoria.
Agata Maugeri

agata maugeri 31.03.13 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Buona sera ,sono un imprenditore che dopo 38 anni di lavoro sono stato costretto a chiudere ,costretto dal socio STATO occulto al 60% o piu' .Per il momento il socio si e' nascosto nel buio dietro a qualche angolo oscuro in attesa di rivedermi con inviti irrevocabili da parte di equitalia cosi'
da pretendere anche il TFR . Questo per aver scelto la via dell'onesta', senza inseguire guadagni facili.Ora attendo che la vecchia e sporca politica di opportunisti corrotti vadano a casa Alberto Caprioli

alberto caprioli 31.03.13 18:59| 
 |
Rispondi al commento

In questo inizio anno ci hanno lasciato Mariangela Melato e Enzo Jannacci, due grandissime figure che hanno saputo rappresentare la parte più bella di Milano. La cosa più triste è che oggi faccio molta fatica a trovare qualcuno tra le nuove generazioni con la stessa poesia e personalità. Ci mancheranno molto.
Paolo

Paolo C., Milano Commentatore certificato 31.03.13 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Buon viaggio, poeta...
Hai dato tanto a tutti noi.

D M., Milano Commentatore certificato 31.03.13 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Uomini così ne nascono uno ogni cento anni. Uno del popolo. Non ti dimenticherò.

Anna De Faveri, Marcon Commentatore certificato 31.03.13 18:28| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno ricorda Quella cosa in Lombardia? Le parole - le parole!!! - di Franco Fortini! Sublime...

beppe v., parma Commentatore certificato 31.03.13 18:17| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=lp2IpL0uVMw#!

olivia m., cesenatico Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.03.13 18:09| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE ENZO un lombardo classe a PARTE....

Renato B., Giaveno-To Commentatore certificato 31.03.13 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Enzo

luca antonio scalco 31.03.13 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Enzo riposa in pace...un cittadino qualunque che crede nel vero e unico cambiamento del nostro bel paese.

fabrizio p., modena Commentatore certificato 31.03.13 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,
I vecchi corrotti partiti e le loro corrotte ideologie mirano semplicemente alla gestione del loro sporco potere fatto di ingiustizie e di soprusi; immagine che non si cancella solamente mettendo figure nuove (specchietti per le allodole) a rappresentare lo stesso invariato sporco sistema di politica. Chiunque rappresenti un vecchio partito, che vive sempre di finanziamenti pubblici e che vara leggi corrotte e contro i cittadini e contro il lavoro, non può che essere anch’egli un corrotto!
Vecchi corrotti politici con stipendi d’oro, invece di sedere al Parlamento, siedono ogni giorno nei salotti delle TV a fare continua politica elettorale a spese degli Italiani. A questi corrotti nulla importa dei problemi degli italiani.
Il M5S faccia al più presto qualcosa per cacciare quei corrotti politici dal Parlamento Italiano e, poi, possibilmente, faccia anche in modo che quei corrotti fuggano persino all’estero.
Ciao

Nicola P., Corsico Commentatore certificato 31.03.13 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro Maurizio, come si fa a non capire lo stato di disperazione che questa situazione ti provoca? Purtroppo in questo caso il mal comune non è mezzo gaudio: io non avrei mai pensato che sarebbe potuto succedere anche a me e mio marito ma purtroppo anche tutta la mia famiglia ha dovuto percorrere la discesa agli inferi senza grosse possibilità di ripresa perchè a noi è successo a 55 anni e da allora io il lavoro non l'ho più trovato e ho perso la speranza di trovarlo e mio marito ha dovuto adattarsi a fare l'agente di commercio dove guadagni solo se vendi; per fortuna i nostri due figli lavorano e riusciamo a mangiare però la situazione è frustrante perchè non vedi via d'uscita e la cosa più brutta è proprio perdere la speranza.
Il reddito di cittadinanza dovrebbe servire proprio in casi come il nostro; un'altra soluzione sarebbe quella di estendere l'apprendistato anche oltre i 35 anni perchè l'età non è garanzia di sapienza e non ci vedo niente di male nell'imparare cose che non si sanno fare, ma le aziende non amano accollarsi la formazione del personale preferiscono pagare i manager cifre assurde e disfarsi del personale efficiente, come per esempio , fa la Telecom.
Che dire? siamo messi male ed in Parlamento sono riusciti a destinare un sacco di soldi ai parlamentari di fratelli d'Italia...
Mah..., speriamo bene...
Comunque ti auguro di uscire da questa situazione lavorativa tu hai l'età , l'esperienza e la qualifica, vedrai che qualcosa di buono succederà!

antonella b., Cremona Commentatore certificato 31.03.13 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Come hai ragione...una Milano che non esiste più e un artista che si rivaluta solo da morto; un grande poeta degli esclusi che non è mai stato capito a fondo se non da pochi sensibili intelletuali. Ho la fortuna di chi è stato coetaneo o quasi e di portare con me la sensibilità che ci ha regalato e il convivio di simpatiche serate. Sicuramente un altro pezzo della Milano con Il "" coeur em man" che se ne andata

sergio casanova 31.03.13 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Iannacci

Enzo ferrise 31.03.13 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Dopo Giorgio Gaber un altro grande se ne va addio Enzo ci mancherai le tue canzoni sono state la colonna sonora della mia giovinezza.

Remo Piombo, Pordenone Commentatore certificato 31.03.13 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Addio Caro Enzo, ci mancherai !

Walter D., New York, USA Commentatore certificato 31.03.13 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Un uomo vero con l'anima di un poeta. Gli dobbiamo tutti un grazie dal cuore per quello che ci ha regalato.

Alfredo Hamill, Naples Commentatore certificato 31.03.13 17:06| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

un grande artista, poeta, attore, scenografo un geniaccio

michele principato trosso 31.03.13 17:05| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Bellissimo e commovente. Caro Enzo Iannacci, luce e gioia della mia gioventu', Ti ricordero' sempre.
Che il Buon Dio Ti accolga nelle verdi praterie del Paradiso. Marino Riccardi.

marino riccardi, milano Commentatore certificato 31.03.13 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Ieri è morto Anche Franco Califano e fare una distinzione tra artisti anche così diversi per estrazione sociale e pensiero e modo di vita non mi piace
Enzo iannacci lo visto e sentito ma sempre con il distacco del intellettuale prestato per caso alla canzone o alle arti
Califano è stato uno scrittore di testi e un interprete della canzone una esistenza burrascosa diun poeta musicale di un viveur che ha saputo trasportare le emozioni in musica

Riccardo Garofoli 31.03.13 16:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Enzo jannacci a me piaceva moltissimo, sia lui che quello che ci ha lasciato in eredità.
Con quel Quelli che... apriva e descriveva un mondo che pochi vedono o non vogliono vedere.
Lui era uno di Quelli che sono matti perché... perché sono normali tutti gli altri... oh year.
Era uno che immergeva il pacco, tutto, anzi parecchio. Grazie di tutto a lui e condoglianze a chi gli voleva bene.

michele sinceri 31.03.13 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo non ho il diritto di votare col M5S per il Presidente della Repubblica. La candidatura più esplosiva sarebbe quella di Gian Carlo Caselli con la quale il Movimento metterebbe alla prova sia il PdL che il PdLmenoL. Ve lo immaginate? Sarebbe stupendo se M5S portasse tale candidatura in parlamento. Il PD dovrebbe scegliere se votare Caselli con M5S oppure un candidato gradito a Berlusconi. Cari amici che potete esprimere il voto via web, pensateci seriamente!.......

Accursio Emilio Guarisco 31.03.13 16:39| 
 
  • Currently 3.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'ho già ricordato qui sul blog, ma il minipost mi fa molto piacere.
E' stato un "matto buono", una persona, credo assolutamente incapace di fare del male e, a differenza di tanti suoi colleghi, uno che non pretendeva niente. Senza arroganza né voglia di avere ragione. Senza narcisismi e smanie di protagonismo. Credo davvero sia stato un grande poeta, e un cuore umile e generoso come pochi.
Medico volontario per gli immigrati indigenti, operoso senza sbandieramenti, vanti, e rumore.
Molto lontano da me politicamente, credo. Eppure l'ho stimato davvero come pochi. Da sempre.

Chiara e Tondo 31.03.13 16:38| 
 |
Rispondi al commento

per il meraviglioso frutto del tuo talento.
grazie. a rivederci.

marco n. 31.03.13 16:34| 
 |
Rispondi al commento

Avevo 12 anni quando mi capitò in mano una raccolta delle sue canzoni (Faceva il palo, il primo furto non si scorda mai, el purtav i scarp del tènis, etc) e me ne "innamorai" subito: un "irregolare" della musica, dal talento straordinario e dalla immensa umanità; sono davvero dispiaciuto.

harry haller Commentatore certificato 31.03.13 16:32| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
GRAZIE ENZO E GRAZIE PER QUELLO CHE CI HAI DATO,VIVRAI SEMPRE CON NOI
ALVISE

alvise fossa 31.03.13 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Ieri è scomparso anche un grande chansonnier franco califano uno che ha vissuto la vita a modo suo
È che ha lasciato mille emozioni scritte e interpretate

Riccardo Garofoli 31.03.13 16:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro, caro Enzo come mi mancherai!

antonella b., Cremona Commentatore certificato 31.03.13 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Un'altro personaggio, parte della mia vita trascorsa nella seconda metà del secolo, che scompare. Un simbolo della Milano che mi piace ricordare.

Pietro Diana 31.03.13 15:56| 
 |
Rispondi al commento

erano altri immigrati ...... gente che emigrava per lavorare e qualcuno per delinquere ..... adesso è il rovescior gente che emigra per delinquere e qualcuno per lavorare.


abbiamo raccattato la spazzatura rifiutata dagli altri stati UE!

Se paragoniamo lui medico 6 anni di laurea e diplomato al conservatorio con uno che per esempio è il capogruppo del M5S mai laureato eppure emigrato dalla sicilia e che riesce a trovare un posto dentro la corte di appello di brescia ..... si capisce la differenza di spessore ma si capisc anche che c'è un meccanismo perverso per il quale tutti i posti dentro gli enti pubblici vengono immancabilmente occupati da gente del sud e non si sa come ne perché... è capitato anche ame di conoosere gante che appena finite le superiori trovava posto dentro questo o quell'ente pubblico e stranamente erano tutti del sud.. e lo dico da non leghista e da uno a cui piace la terra del sud.

bruno bassi ex iscritto dissidente 31.03.13 15:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao grande Enzo.

Giorgio Cigolotti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.03.13 15:30| 
 |
Rispondi al commento

RIP amico vero..

stefano c., trento Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.03.13 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Addio chirurgo, addio ragazzo che ci ha fatto sorridere. Cantaci da lassù..... Condoglianze alla famiglia.

El Grillo Marchese (perchè io so io e voi.....), Roma Commentatore certificato 31.03.13 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Riposi in pace.

giusi a. Commentatore certificato 31.03.13 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Di Enzo si deve dire solo che è un grande e rimarrà tale non solo per Milano ma per la canzona tutta

zuccaro alessandro 31.03.13 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Una umanità raccolta e contemporaneamente condivisa, allegra e raminga, da parte di un artista anarchico che dava alla parola solidarietà ancora un significato.

Romano Nasi, Modena Commentatore certificato 31.03.13 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Ieri è mancato anche anche il Califfo . Addio mitico!

Cristiano Maria Caruso 31.03.13 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Che tristezza ,
un altro grande che se ne va ciao Enzo e
Buona e serena Pasqua a tutti -

gino l., düsseldorf Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.03.13 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe!Buona Pasqua a te e tutta la famiglia!! un abbraccio e grazie per esserti tolto la libertà per noi!! Ciao Amico!

Roberto r., bellaria Commentatore certificato 31.03.13 14:54| 
 |
Rispondi al commento

addio enzo

Fabrizio Cattani Commentatore certificato 31.03.13 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Un paio di coglioni che a Milano non c'erano distinzioni, sono arrivato a Milano nel 1968 e mi trattavano come se avessi la peste, a scuola c'erano i banchi per i milanesi e quelli a distanza per i terroni, .... per favore, parlate di cose che sapete, comunque ritengo Jannacci un grande poeta e mi dispiace per la sua scomparsa.
Cordialità

Toto A., Milano Commentatore certificato 31.03.13 14:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come ogni grande cantava gli ultimi (senza privilegi e sconti) a me piaceva molto la canzone la fotografia:"...e tu maresciallo che hai continuato a dire andate tutti via
andate via che non c'è più niente da vedere niente da capire
credo che ti sbagli perché un morto di soli tredici anni
è proprio da vedere perché la gente sai magari fa anche finta
però le cose è meglio fargliele sapere.
Guarda la fotografia sembra neanche un ragazzino io son quello col vino lui è quello senza motorino..."
Enzo Jannacci (grande!!!!!!!!!!!!!!!!!!)

7 STARS Commentatore certificato 31.03.13 14:28| 
 |
Rispondi al commento


http://www.youtube.com/watch?v=rZ6w5GsPr9E

Il Grigio (il grigio) Commentatore certificato 31.03.13 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Un grande che ha portato la canzone italiana ai massimi livelli e che ha rinnovato il modo di cantare, una perdita per tutti noi come altri giganti della canzone come Tenco, Ciampi, De Andrè Modugno,Battisti,Rino Gaetano,Gaber, Dalla,

maria luisa ferretti 31.03.13 14:23| 
 |
Rispondi al commento

grazie per questo post,gli era dovuto!!era un grande e altre parole non servono più!!resta nei nostri cuori per tante parole e tanta musica del cuore.grazie enzo,non dimenticheremo!sei tra le stelle e spero troverai il tempo di far brillare anche le nostre quaggiù!!abbiamo le scarpe da tennis ma andiam avanti con forza ed onestà!!sempre!!ciao enzo!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 31.03.13 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Enzo cantava per tutti nessuno ecluso
anzi soprattutto per gli esclusi
un grande
ciao Enzo e grazie

dario pietroburgo Commentatore certificato 31.03.13 14:15| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori