Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Pizzarotti e i dipendenti del comune di Parma

  • 162


pizzarotti_m5s.jpg
"Nel dicembre 2012 è scaduta la normativa nazionale che regolamentava l’erogazione delle indennità accessorie ai dipendenti pubblici. La direzione intrapresa è considerata efficace e adeguata anche dall’Associazione Nazionale dei Comuni italiani, da sempre a tutela dei dipendenti delle PA. Questo si evince dalla presa di posizione dell’ente, uscita in un recente articolo del periodico “Personale News” - rivista di aggiornamento e formazione professionale in materia di pubblico impiego - di cui pubblichiamo un estratto: “Anche l’ANCI conviene sulla inefficacia totale dei contratti decentrati stipulati anteriormente al 15 novembre 2009 e lo ha fatto prima tramite il servizio ANCI Risponde ed, ora, pubblicamente tramite il documento del 27 febbraio 2013. È assolutamente necessario che le amministrazioni, che non sono ancora pervenute alla stipula di un nuovo accordo decentrato, incalzino i sindacati, e che, nel frattempo, cessino l’erogazione di trattamenti accessori previsti dai contratti stipulati prima dell’entrata in vigore del d.lgs. 150/2009 e non adeguati. Quanto all’utilizzo dell’atto unilaterale riteniamo che, al di là dei vincoli normativi, visti i potenziali effetti dirompenti sui rapporti con le forze sindacali, sia da utilizzare solo in via residuale e non prima di avere fatto il possibile per raggiungere un’intesa”. Non è stato tagliato nessun stipendio, le indennità sono un'integrazione per chi svolge determinate attività o che si impegna a implementare ulteriori attività lavorative. L’accordo che verrà siglato con i sindacati è retroattivo, dunque quanto negoziato verrà recuperato in busta paga dal mese di Gennaio. Per raggiungere l’accordo con le sigle sindacali state avanzate tre proposte, tutte quante respinte. Non è seguita una controproposta dei sindacati, se non il sostenere che dovesse essere prorogato l’accordo l’esistente, cosa non fattibile dal punto di vista normativo. Non c’è nessuna volontà di “tagliare” le indennità, ma di rivederle alla luce della normativa e sulla base delle possibilità del comune. Incontrerò direttamente i gruppi dei lavoratori interessati dalle modifiche normative. Parlando direttamente ai dipendenti si possono eliminare alcune lacune evidenti dovute all’intermediazione e stabilire un clima di fiducia reciproca. Spero che al prossimo Tavolo di confronto si possa arrivare all’accordo. Chi strumentalizza, o parla senza conoscere, dovrebbe prima informarsi dell’operato e delle norme.
I giornali e i media non hanno aiutato a far capire ai cittadini le problematiche reali." Federico Pizzarotti, sindaco di Parma

19 Mar 2013, 17:16 | Scrivi | Commenti (162) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 162


Tags: comune di Parma, dipendenti pubblici, M5S, Pizzarotti

Commenti

 

...ma che premio hanno i dipendenti comunali?...fanno una specie di gara a chi lavora di piu' e vincono un premio!!!!
....ma di questi tempi non è gia' un premio avere uno stipendio fisso e sicuro????
..io sono partt time precaria con nessuna garanzia ad avercelo un posto fisso darei indietro tutti i premi ..le medaglie le indennita...di questi tempi cari dipendenti ( pagati da noi...!!!) non lamentatevi ...e date il contributo al cittadino per la quale siete pagati .. (stipendio + tredicesima + buono pasto e stop) non cè bisogno di ricevere premi ...come premio0 vi potete accontentare di qualche nonna DELLA ZONA che vi porta una bella torta fatta in caSA!!!!

silvia m., cologne Commentatore certificato 19.06.13 22:39| 
 |
Rispondi al commento

Che mmerde questi dipendenti comunali di Parma. In un periodo difficile come questo dove tutti stringono la cinghia per far quadrare i conti, loro fanno sciopero perchè non vogliono rinunciare a nulla e non vogliono fare nemmeno un piccolissimo sacrificio per il bene della comunità!! Mi ricordano i Piloti dell’Alitalia che scioperavano sempre perchè 5mila euro di stipendio al mese gli sembravano pochi e lasciavano sempre la gente disagiata e ferma in aeroporto… Spero che anche questi dipendenti comunali di Parma facciano la stessa fine dei piloti Alitalia che alla fine sono rimasti tutti a casa e senza stipendio. Se Pizzarotti non avesse fatto i salti mortali per fare quadrare un pochino i conti del Comune di Parma, adesso questi dipendenti sarebbero nelle stesse condizioni di quelli di Alessandria, senza stipendio per mancanza di fondi!!! Si dovrebbero vergognare!!!

Dino Milone 16.06.13 06:15| 
 |
Rispondi al commento

ma non è possibile spiegare,in maniera "semplice" la situazione ai cittadini di parma?? non ci sono spiegazioni "comprensibili" sulle prese di posizione!!!

stefano orsi 12.06.13 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Anche nella scuola sono stati bloccati gli scatti stipendiali per 4 anni, quindi va bene anche per i comunali di Parma

francesco giglio 26.03.13 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Che la legge Brunetta sia una porcata, oltre che un'entrata a gamba tesa nei rapporti contrattuali tra privati (ricordo che il rapporto di lavoro degli impiegati comunali è stato privatizzato ormai da molti anni) è cosa risaputa. Quello che non mi piace di questa vicenda è il nascondersi dietro "la legge" solo quando fa comodo. Quando si tratta di manifestare contro la TAV, ad esempio, si combatte una legge, quando si fanno i referendum sull'acqua "pubblica" si modifica una legge. Per cui ritengo risibili le affermazioni del sindaco. Aggiungo che considerare l'ANCI "da sempre a tutela dei pubblici dipendenti" è segnale di profonda ignoranza. L'ANCI tutela i Comuni e non i dipendenti.

Italo Bellotti, ibell65@yahoo.it Commentatore certificato 23.03.13 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Federico sta lavorando bene, i dipendenti pubblici, di cui io faccio parte, non si rendono conto della realtà sono dormienti ammaestrati dai sindacati che non dicono loro l'unica che dovrebbero dire : che i soldi sono finiti.

Maria Vittoria B. 23.03.13 08:15| 
 |
Rispondi al commento

ma solo a Parma è successo? c'è qualche altro comune del PD-L con lo stesso problema?

fabrizio ., pavia Commentatore certificato 22.03.13 10:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pizzarotti e´BRAVISSIMO!!!!!!

victor bahjia, frisco Commentatore certificato 21.03.13 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace che il M5S si mostri spesso ostile ai semplici impiegati come me. La legge Brunetta e soprattutto la sua idea dell'impiegato "fannullone" ci hanno penalizzato tantissimo. Vi assicuro che non è facile offrire un servizio al cittadino nelle condizioni in cui siamo e "mettere la faccia" sulle decisioni prese dagli organi politici e amministrativi che ci comandano. Il cittadino si rivolge a me, non a loro. Il merito amministrativo - che il decreto Brunetta avrebbe introdotto - si è rivelato strumento di potere nelle mani dei dirigenti che "premiano" solo chi gli è simpatico. Il sistema clientelare ha portato alla promozione, tramite gli ultimi concorsi interni, di parenti, amici e simpatizzanti di politici e sindacalisti. Quelli come me non "galleggiano" sulla crisi economica, ma affogano.

Emanuela Marini 21.03.13 14:08| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

ma come la mettiamo con la televisione?
una regola di ferro non era NON ANDARE IN TELEVISIONE?
come mai PIZZAROTTI ieri sera faceva la PRIMA DONNA alle invasioni barbariche su la sette , dicendo di tutto e di più?
QUALE POTERE gli è stato conferito rispetto a tutti gli altri del M5S?
le REGOLE valgono per tutti o ci sono come nella vecchia politica i più uguali degli uguali?
ditelo chiaro almeno per la trasparenza verso chi vi ha votato!
verrà espulso dal movimento il nostro caro sindaco o continuerà a far la prima donna in televisione?

chicca adami, parma Commentatore certificato 21.03.13 11:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Grillo Parlante e gli zecchini d'oro di Pinocchio

Tu fai in questo campo una piccola buca e ci metti dentro, per esempio, uno zecchino d’oro. Poi ricopri la buca con un po’ di terra: l’annaffi con due secchie d’acqua di fontana, ci getti sopra una presa di sale, e la sera te ne vai tranquillamente a letto. Intanto, durante la notte, lo zecchino germoglia e fiorisce, e la mattina dopo, di levata, ritornando nel campo, che cosa trovi? Trovi un bell’albero carico di tanti zecchini d’oro ...

Povero Pinocchio. Per lui l’albero degli zecchini era solo un sogno. Ma se avesse lavorato in comune, forse il suo sogno si sarebbe realizzato.

Il mio povero babbo mi diceva sempre che il lavoro è il gioco dei grandi, ed infatti oggi vogliamo giocare un po' anche noi, ma col lavoro degli altri. Ecco dunque il nostro gioco.

Proprio l’altro ieri in giunta, è stata approvata la “Metodologia per la graduazione delle posizioni dirigenziali” e poiché noi siamo curiosi come i gatti, siamo andati a dare una sbirciatina dietro i paroloni, con cui viene spiegato questo nuovo gioco.

Il sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali ha l’obiettivo di descrivere e misurare, tramite opportuni fattori, il “peso” che ciascuna posizione assume nel contesto organizzativo (se fosse in ballo il mio di peso, sarei ricco sfondato…) .

Quando si valuta una posizione ci si deve astrarre dalla persona che ricopre il ruolo, concentrandosi solo ed esclusivamente sul contenuto e sull’ampiezza della posizione. La valutazione della posizione rappresenta quindi il valore organizzativo di una determinata posizione lavorativa, con riferimento ai contenuti ad essa correlati in un preciso momento e coordinati con il sistema “organizzazione”. Alla graduazione delle posizioni dirigenziali concorrono 5 aree di valutazione.

1) Risorse – 2) Complessità relazionale -3) Complessità gestionale -4) Complessità organizzativa -5) Competenze

REGOLE DEL GIOCO

Il punteggio massimo raggiungibile è 100.

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 21.03.13 11:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Federico Pizzarotti, sindaco di Parma dico di non fregiarsi della sua vittoria grazie al M5S e poi fare dei provvedimenti assurdi, insensati e stupidi come volere ridurre gli stipendi - già miseri: €1.200,00 ! - degli impiegati del suo comune. Un simile provvedimento è in contrasto certamente con lo "spirito" del M5S. Mon risolverai nulla!

Stefano Monacò, Trapani Commentatore certificato 21.03.13 11:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sappiATE che mentre FATE la guerra con i poveri , i dirigenti della pubblica amministrazione, nonostante la crisi stanno riscuotendo premi con 4 zeri, mangiando 100 euro a testa agli operai e impiegati pubblici, se pensi che sia giusto, allora avete ragione; inoltre i dirigenti hanno bisogno di essere confermati dal sindaco, se il sindaco ha confermato quelli della precedente amm.ne pagandogli 1.399.000 euro e spiccioli di "premi" HA SBAGLIATO GRAVEMENTE

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 21.03.13 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Bravi bravi, rompete tanto le palle per 100 euro in più......
Io che un lavoro (nel pubblico impiego) non lo trovo manco a morire, se non vi va vengo a parma anche a piedi e lo faccio per 200 euro in meno.
Dovreste vergognarvi, il comune stava per fallire e vi sareste trovati in mezzo ad una strada dal giorno alla notte. Ci sono piccoli imprenditori che si suicidano ogni giorno (ieri l'ultimo dalle mie parti l'hanno trovato appeso nella stalla) e voi? non ho mai sentito di un impiegato comunale che si è suicidato perchè non arrivava alla fine del mese.
Il paese sta sprofondando e voi come sul titanic ascoltate l'orchestra che suona sul ponte e vi lamentate perchè il vino non è fresco...
Benvenuti nel mondo reale.

Paolo P., Mondovì Commentatore certificato 21.03.13 09:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Federico Resisti.........
Forse quelli che hanno protestato non conoscono la parola SOLIDARIETA’
Decidano loro pubblicamente con un comunicato stampa

Se l’amministrazione del comune deve rinnovare questa indennità accessoria
O se deve indirizzare il risparmio a famiglie con figli indigenti, senza reddito, costrette a rubare per sfamare i propri figli

DECIDANO LORO – DECIDETE VOI – DECIDANO I SINDACATI

Danyda bologna Commentatore certificato 21.03.13 02:07| 
 |
Rispondi al commento

Da dipendente comunale, non posso che condividere quanto messo in atto, il clientelarismo politico, per avere più quatrrini alla fine del mese, è diventato una cosa ignobile.
Suggerisco anche di tagliare ulteriormente le varie indennità ai Segretari Comunali o Direttori generali che sono molto corpose e anche i benefit che gli stessi si arrogano con poca chiarezza

mauro 20.03.13 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Di sicuro non scrive bene. Nel merito condivido.

Anonimia 20.03.13 23:28| 
 |
Rispondi al commento

L'eliminazione delle "indennità aggiuntive accessorie" è un atto contro i favoritismi clientelari e rappresenta un passo avanti verso la democrazia sul posto di lavoro. Vera forma di soggegazione, dipendenza e sottomissione che gli enti Locali, tutti, usano in tantem con i sindacati per fare degli impiegati un esercito di lacchè.
Un ricatto che politici, dirigenti e sindacati, tutti uniti, perpetuano nei confronti dei dipendenti per renderli un bacino di consensi e frenare qualsiasi rivendicazione.
Dietro il salario accessorio, fatto di false pagelle sulla produttività, varie indennità, inutili commissioni e curiose progettazioni, nessuno si lamenta del salario VERO, fermo da decenni, e ne tanto meno dell' efficienza dei vari enti pubblici, mentre si è instaurato un sistema di favoritismi e di scambio.
Piccoli passi da estendere a TUTTO l'impiego pubblico che oltre al notevole risparmio finanziario è principalmente la rottura con un sistema basato sul ricatto e lo sperpero, degno di una Masseria dell'ottocento.

Blu Bliz Commentatore certificato 20.03.13 19:30| 
 |
Rispondi al commento

bravo Pizza! sei un'esempio da seguire assolutamente, avanti così !

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 20.03.13 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Sono stato dipendente (funzionario) di un'azienda comunale per circa 40 anni e vi posso assicurare che dopo le sacrosante conquiste sindacali degli anni 60 e 70 il seguito è stato una mezza rovina dovuta al clientelismo politico e sindacale.Si è dato troppo in cambio di poco,gli uffici pullulano di alte cariche con altisonanti titoli pseudo professionali inconcludenti ma lautamente retribuiti.Un gran numero di sottoposti che fanno poco e niente. A proposito: ma perchè quando si scopre un assenteista tipo timbrata multipla e fuga non si colpisce anche il dirigente del c.... che non si accorge di nulla? C'è un sistema negli enti pubblici di scatti automatici di carriera per cui ad un certo punto ci si ritrova con tanti generali e poca truppa.

Ilario D., ilario1326@alice.it Commentatore certificato 20.03.13 15:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

premesso che sono sostenitore M5S, come testimoniano i miei commenti nel blog.

Se un sindaco decide di tagliare gli stipendi dei dirigenti di Comune e Società municipalizzate, può farlo!
E' perfettamente in suo potere farlo.
Basta volerlo.
Poi che Pizzarotti abbia ragione è anche vero.

mic.r. 20.03.13 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Ma quale indennità aggiuntiva!
I dipendenti privati non hanno nessuna indennità aggiuntiva, rischiano ogni giorno la perdita del posto di lavoro e sono quelli che con le loro tasse pagano gli stipendi pubblici.
E' ora che anche i dipendenti pubblici vengano trattati come i dipendenti privati. Se non svolgono attività utili e produttive devono essere licenziati come tutti gli altri. E sappiamo bene che palazzi interi pieni di scrivanie non producono alcun servizio e costano ai conti pubblici un mucchio di soldi.

Paolo Roti Calenzano FI 20.03.13 15:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DIRIGENTI
Ridurre gli stipendi dei dirigenti
Obbligarli a timbrare il cartellino
Ridurre al minimo tutte le loro indennità varie
Ridurre gli obiettivi e legarli a risultati "quantitativamente misurabili"
Smetterla di assumere raccomandati incapaci, selezionarli come fanno le aziende
DIPENDENTI
Gli stipendi sono già bassi, non ridurli se non in minima parte
Legare la retribuzione accessoria a risultati "quantitativamente definiti"
Ruotarli periodicamente e obbligatoriamente nei vari ruoli
Smettere di far vincere i concorsi ad incapaci
CONSULENTI
Eliminarli: se non sapete fare il vostro lavoro di dirigenti e dipendenti dovete essere licenziati. Se non sapete fare una cosa studiatela!

paolo p. 20.03.13 15:06| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Bravo Pizzarotti, parla direttamente con i lavoratori, vedrai che una soluzione, insieme, la trovate.

Intanto, Ti faccio i miei complimenti per quanto stai facendo, e non ti invidio nemmeno un pò, al tuo posto sarei già diventata matta.

w M5S !

Monica C. Commentatore certificato 20.03.13 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Che meraviglia l'inizio dell'anno 2013! si sono verificati 2 avvenimenti che i nostri figli ed i nostri nipoti troveranno, tra qualche anno, nei libri di STORIA. Il primo avvenimento, importantissimo per la nazione e non solo; perchè potrà innescare una reazione a catena, è l'entrata in parlamento, attraverso IL M5S, di una vasta rappresentanza del popolo; loro, faranno conoscere finalmente tutte le magagne della vecchia politica e faranno nascere, con i loro esempi e le loro azioni, una nuova classe politica che metterà al centro della discussione, in parlamento, i veri problemi della gente comune.
Il secondo avvenimento è l'elezione a papa di FRANCESCO, questo papa, dalle sue prime battute e dal suo modo di aggire, lascia intendere che rivolterà il clero e la chiesa cattolica come un calzino, è un papa che ama i poveri e farà parlare gli stessi attraverso la propria bocca e li metterè al centro dell'attenzione di una società, che fino ad oggi li aveva dimenticato.

Domenico I., Ricadi fr. Santa Domenica Commentatore certificato 20.03.13 14:47| 
 |
Rispondi al commento

i tagli agli stipendi dei dipendenti pubblici sono giustificati (se non ci sono soldi mica possiamo aumentare le tasse ai lavoratori privati fino alle stelle per salvare solo i pubblici!!!) ... però però però però .... caro Pizzarotti, se tagli gli stipendi agli impiegati e non fai la stessa cosa con i dirigenti (non so se è vero quello che stanno dicendo gli impiegati) e allora non va bene.
PRIMA TAGLIARE I DIRIGENTI E POI PURE PURE GLI IMPIEGATI (e guai se poi si lamentano!)

romeo c. Commentatore certificato 20.03.13 14:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pizzarotti, purtroppo, sta commettendo l'errore di tanti sindaci e di tanti presidenti provinciali.
Sta tagliando le indennità accessorie agli impiegati ma non sta tagliando le generose indennità di risultato ai dirigenti.
Pizzarotti, come molti altri sindaci, sta cedendo alle lusinghe ed ai leccaculismi dei dirigenti comunali, i quali non sono disponibili a perdere neanche un euro del loro lauto stipendio.
PIZZAROTTI, DEVI AGIRE CON EQUITA'!!! Se ad un semplice impiegato, che percepisce un normalissimo stipendio, togli 100 euro al mese, ai dirigenti devi toglierne almeno 1000!!!
Bisogna togliere di più a chi guadagna di più!!!

Giovanni Manzo 1966, Lecce Commentatore certificato 20.03.13 13:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

i tagli possono essere incontestabili SOLO QUANDO SONO PROPORZIONALI E COMINCIANO DALL'ALTO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
IL SISTEMA è MARCIO...MA SONO TANTI A MARCIARCI !!!!

ina ghigliot 20.03.13 13:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

una vergogna, Pizzarotti mi ha deluso e spero non rappresenti il vero cambiamento di cui tanto il movimento 5stelle si fa promotore. Ho votato anch'io per loro ma vedo che nei fatti la solfa non cambia:si toglie sempre a chi ha poco, a quei poveri disgraziati che prendono 1000 euro e mandano avanti la baracca.Si dà la colpa alla crisi, al Europa,ai predecessori e così ci si giustifica. Ma quando si tratta di fare tagli ai dirigenti, agli imprenditori ai manager non capisco perchè questo non è mai contemplato. E' stato facile fare una legge per far si che quei poveri disgraziati di esodati si ritrovassero dalla sera alla mattina senza stipendio ne pensione, quello è fattibile!!! ma una legge per tassare i beni di lusso, le pensioni d'oro, combattere l'evasione di quel 20% di italiani che detengono l'80% della ricchezza nazionale quello è IMPOSSIBILE non ci arriveremo MAI!!! quante chiacchere inutili

laura broccardo 20.03.13 13:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

qualcuno di parma mi può dire se hanno cambiato i dirigenti della vecchia amministrazione?
è importante, i dirigenti dipendono dall'approvazione del Sindaco. se ha mantenuto quelli della vecchia amministrazione ha FATTO MOLTO MALE

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 20.03.13 13:04| 
 |
Rispondi al commento

per fortuna i conti delle città stanno saltando fuori come pop corn , e vedremo anche i sindaci di altre città messi con spalle al muro!

COME MAI SOLO I SINDACATI SCHIERATI CONTESTANO PIZZAROTTI? dove sono stati i sindacati x riforma fornero? e referendum x la fiat? poveri lavoratori che ancora confidano e credono nei sindacalisti venduti

SIMONE ., prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.03.13 13:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bisogna Aiutare pizzarotti, il vero problena dell'Italia sn le caste in generale nn solo i politici ed è scandaloso il comportamento dei sindacati siamo ostaggio di associazioni che congelano il mercato del lavoro anziché aiutare davvero il lavoratore

Andrea cicolella 20.03.13 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Sono di Parma ed ho votato M5S.
In parte sono contento dell'operato ma certe volte le posizioni prese mi sembrano "un tantino" irritanti. Vedi il blocco del traffico in centro (grande quasi mezza città) in cui un residente non può entrare od uscire per tutta la giornata, oppure solo alle auto degli sfigati che non hanno i soldi per avere l'euro 5 (il blocco mi sta bene se tutti vanno a piedi), la raccolta differenziata fatta coi piedi da chi predisposto (come nella precedente amministrazione), le rette asilo aumentate ed un certa puzzetta sotto il naso che non mi piace.
La vicenda del comune se vera sarebbe un altra aggravante del non riuscire a dar un bel calcio nel culo al passato e questo è preoccupante.
E poi basta interviste!!!
Comunque meglio anni luce delle precedenti amministrazioni degli ultimi due lustri il che è tutto dire.

opo cane Commentatore certificato 20.03.13 12:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quanto cose tace in questo post Pizzarotti!
perchè non dice che:
Nel bilancio 2013 sono stati stanziati 1.399.680 euro a favore dei DIRIGENTI comunali per retribuire, in aggiunta al loro stipendio base, il «raggiungimento degli obiettivi». quali obiettivi? il mancato accordo coi dipendenti comunali?

chicca adami, parma Commentatore certificato 20.03.13 12:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La mobilitá elettrica non incide sull'inquinamento ma lo sposta soltanto! La nostra coscenza non si puó chiamare fuori e sentirsi a posto solo perché si usa l'elettricitá. Decrescita significa anche meno mobilitá, piú legame con il territorio, piú economia di vicinato, piú sostenibilitá dei nostri comportamenti. qeuste cose sono solo interventi di facciata e come tali vanno presi: giusta la direzione quasi nullo l'effetto!

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.03.13 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Togliere i privilegi inevitabilmente scontenterà i privilegiati. Non mi stupirebbe se il sindaco fosse addirittura aggredito da chi ha da sempre approfittato leccando la mano del padrone. La musica è cambiata ed io invito il sindaco a resistere ed a lavorare nell'interesse dei cittadini. Prima o poi si renderanno conto che si è fatto del bene.Lo invito anche a non perdere di vista la bussola del movimento:eliminazione degli sprechi della pubblica amministrazione.Si vada a controllare le regole delle case popolari,delle aziende che forniscono prodotti etc. Si deve mettere in rete TUTTE le spese del comune così ogni cittadino può vedere quanto costa ogni cosa e vigilare.Attenzione ad aver tolto il quoziente Parma poteva essere una espressione di civiltà, magari sarebbe meglio trovare altrove i soldi.Si era detto di controllare tutto e di denunciare chi aveva sprecato e chi aveva rubato.FATELO. Vedete se questo si fa ancora.Dovete diventare un modello positivo e non negativo.

Riccardo D. Commentatore certificato 20.03.13 12:11| 
 |
Rispondi al commento

L'inceneritore deve essere smantellato, oppure Pizzarotti puo anche dimettersi.

Bruno Zaia, Firenze Commentatore certificato 20.03.13 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nessuna delle promesse fatte da Pizzarotti é stata mantenuta e questo suo post é foglietta di fico:
ha aumentato le tasse tanto da far balzare Parma tar le prime città più tassate d'italia. ha dato colpi di machete al welfare. In Comune era stato costituito in passato uno strumento tecnico, chiamato Quoziente Parma, per gli interventi del welfare, a sostegno delle famiglie in difficoltà economiche, attraverso sgravi fiscali calcolati in base al numero dei figli. Nel bilancio 2013 il Quoziente Parma è sparito «per costi troppo alti». Mentre sono stati stanziati 1.399.680 euro a favore dei dirigenti comunali per retribuire, in aggiunta al loro stipendio base, il «raggiungimento degli obiettivi». quali obiettivi? il mancato accordo coi dipendenti comunali? la mancata vittoria della battaglia contro la Iren per l'inceneritore?
Infine la figuraccia degli scec. La moneta alternativa. Per Pizzarotti gli scec avrebbero dovuto rivitalizzare il commercio locale e dare ossigeno all'economia. In pratica, il cliente, ad ogni acquisto, avrebbe pagato in euro ricevendo oltre alla merce dei biglietti di carta (gli scec) che in successivi acquisti si sarebbero potuti usare come forma di pagamento parziale: su un prodotto che costa 100 il commerciante avrebbe potuto decidere di incassare 95 euro e il rimanente in scec.
Insomma, a metà strada tra un buono sconto e la catena di sant'Antonio, ma col marchio del Comune. Il fantasioso esperimento è fallito.
Dai Pizzarotti mentre volete controllare tutto a tutti fatevi controllare hai raggiunto fin ora ZERO obiettivi tra quelli promessi. basta propaganda ma fatti!

teresa ., bologna Commentatore certificato 20.03.13 11:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Messaggio per Grillo e Casaleggio per favore liberateci dalla morsa della politica, in questi giorni ci dobbiamo sorbire come opinionista paolo cirino pomicino? dobbiamo subirci la germini che si appella alla nostra costituzione quando hanno cercato di cambiarla? che preavvisa una manifestazione del PDL contro la pressione fiscale? Ci racconta la favola del tentativo di eliminazione giudiziaria di B? Hanno paura, hanno paura di voi, di come voi potreste cambiare le leggi, di eliminare le mele marce. Mi raccomando vigilate sull'elezione del Presidente della Repubblica, vigilare sugli inciuci. Cercate però di cambiare questa legge elettorale, combattete le caste, eliminate i privilegi, eliminate le immunità, servivano solo per tutelare chi aveva combattuto per la liberazione dell'italia ma oggi non hanno più senso. Conoscete benissimo i mali dell'Italia ma vi prego, iniziate prima possibile a fare azione di pulizia. Per disinfestare una casa bisogna entrarci anche dentro, non si pulisce da fuori. Iniziate a legiferare, avrete sempre tempo per migliorare. Nel frattempo i vostri veri nemici stanno cercando in tutti i modi di mettere zizzannia, sapete cosa significa? Io sono una semplice cittadina, ONESTA, ma il mio cervello ancora non l'ho buttato all'ammasso.

SANTINA MARIANI 20.03.13 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Sindaco, finalmente un pò di sana infomrazione.Purtroppo spero che che la tua battaglia non si fermi qui , ma continui a rinnovare la macchina amministrativa e a eliminare i privilegi dei dirigenti e a ridurre i loro stipendi.
Abbiamo bisogno che ci prospetti una nuova visione della PA, meno spese e più efficienza.

felice l. Commentatore certificato 20.03.13 11:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1) attivo un inceneritore,
(noi attendiamo sempre che ti stenda in strada davanti al portone del suddetto...)
2) metto IMU al massimo possibile
3) aumento del 40% retta base asili comunali
4) taglio gli stipendi ai dipendenti comunali

C..o Pizzarotti puoi dare lezioni a Monti, complimenti.
Lo so, Lo so è colpa di quelli prima ..... maledetti PDL e PD-L


Pippo66 20.03.13 11:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualche commento ha urlato che bisognerebbe tagliare prima ai dirigenti dei comuni. E questo Pizzarotti non lo sa? Tutto si può fare ciò che è nell'ambito della legge. Come nell'ambito delle normative vigenti sono stati i tagli ai dipendenti. Mi chiedo sempre chi grida a vantaggio di chi vive con 500 (cinquecento) euro al mese. Nessuno, in questo caso non ci sono i sindacati e le bandiere. La Chiesa può indicare ma non incavolarsi come posso fare io, libero cittadino e libero di difendere i diritti dei più poveri, di coloro che uno stipendio non sanno nemmeno cosa sia. A tutti gli altri che urlano per cento euro in più, non ho paura di dire: vergognatevi!


caro Sindaco corri per la tua strada ed ascolta sempre la tua coscienza,sei la soluzione di tanti anni di malapolitica.. W il M5S!!!

luca Tegoni, parma Commentatore certificato 20.03.13 11:04| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Come al solito i grillini urlano al complotto, Pizzarotti racconta qui (in un blog!) come sono andate le cose ma si é rifiutato di parlare con i rappresentanti dei lavoratori, i sindacati.
Allora, qui ragazzi bisogna intendersi eh? fino a quando voi non abolirete (seee) l'intero altro mondo che contrapponete a voi, vige un sistema democratico di rappresentanze e relazioni sindacali: negando il confronto sul tavolo sindacale Pizzarotti ha solo mostrato tutta la sua insufficienza come amministratore di un ente pubblico, prova ne sia il fatto che quando ha tenato di parlare ai dipendenti é stato quasi malmenato.
http://www.blitzquotidiano.it/video/parma-pizzarotti-sindaco-m5s-contestato-dipendenti-comunali-1504526/
Ciò sulla forma.
Nella sostanza: se quello che scrive qui Pizzarotti fosse vero TUTTI gli enti locali avrebbero smesso di erogare le indennità aggiuntive accessorie ai loro dipendenti ma ciò non é. Come fanno direte voi? E' politica mie cari, la parola che voi detestate. Altre amministrazioni hanno al momento (bologna lo ha) aperto il tavolo sindacale per rinnovare al più presto il contratto aziendale integrativo scaduto; nel frattempo il sindaco e i suoi dirigenti si assumono la responsabilità contabile dei trascinamenti in busta paga delle indennità che non sarebbero più coperte dai contratti ma coperte da legittimissimi principi di prorogatio e salvaguardia dei livelli stipendiali. Se pizzarotti non ha erogato le indennità ai suoi dipendenti ciò equivale a una lettura burocratica della legge, senza respiro e senza senso della salvaguardia dei diritti minimi acquisiti. E qui, chi plaude alla sua pseudo-coerenza o agli stipendi alti dei sindacalisti nulla sa di ciò di cui si parla. Vi invito a studiare e comprendere prima di additare un nemico purché sia.

teresa ., bologna Commentatore certificato 20.03.13 10:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe,
Come mai noi depositiamo i nostri risparmi in banca, poi le banche fanno investimenti e speculazioni con i nostri soldi a nostra insaputa; infine, tutti i guadagni conseguiti sono solamente della banca. Ma, se poi le banche sbagliano a fare investimenti, allora dobbiamo noi cittadini risanare i loro conti (?!).
Poi, noi prestiamo i nostri soldi alla banca (con il nostro deposito) e non ci viene pagato alcun interesse, se chiediamo noi un prestito alle banche (quando ce lo concedono) dobbiamo pagare alti interessi. Neppure in un Paese di banane sarebbe concepibile una tale schifezza.
Io proporrei di istituire una banca di Stato, es. Istituto di Credito Italiano (I.C.I.) o Istituto di Credito dello Stato (I.C.S.). Questo nuovo Istituto sarà garantito dallo Stato e dalla Costituzione. I depositi dei cittadini sui conti correnti di questo nuovo Istituto sono esenti da qualsiasi tassazione, non è possibile, per Costituzione, eseguire neppure un prelievo di un centesimo da parte di terzi, non si può in nessun modo concepire un addebito per spese di gestione o di spedizione rendiconti etc. Non sarà possibile prelevare alcun centesimo da parte di terzi (qualora fatto, la cosa rappresenterà furto e appropriazione indebita e violazione della Costituzione). Ovviamente, il depositante non potrà percepire alcun interesse sui suoi depositi. Il conto corrente su tale nuovo Istituto I.C.I.) è una estensione della proprietà del cittadino garantita dalla Costituzione.
------------------> continua

Nicola P., Corsico Commentatore certificato 20.03.13 10:26| 
 |
Rispondi al commento

-------------------> segue
Il correntista può eseguire tutti i prelievi e versamenti che vuole, può domiciliare tutti i pagamenti, farsi pagare stipendi e pensione, etc. il tutto senza alcun costo. L’Istituto dovrà garantire il valore reale del deposito impedendo la svalutazione dei depositi, i depositi devono essere valorizzati al valore dell’oro, quindi al momento della richiesta dovrà restituire il valore depositato al corrispondente valore dell’oro al momento del deposito, quindi annualmente aggiornerà i conti al valore dell’oro.
L’I.C.I. dovrà custodire il deposito del cittadino e restituirlo in qualsiasi momento richiesto. L’I.C.I. non potrà eseguire speculazioni con i soldi depositati, può solamente prestarli a privati e ditte ad un tasso minimo di copertura dei costi di gestione. Non può limitare il prestito richiesto, salvo accertare una garanzia di restituzione.
Le banche private, invece, possono fare quello che vogliono, ma non hanno alcuna copertura dallo Stato, operano a rischio privato e rispondono alle normali leggi e al controllo dello Stato. Gli errori eseguite dalle banche private sono a responsabilità dei loro soci che potranno essere perseguiti come qualsiasi ditta. Le banche si dovranno costituire in SPA, etc.
Ciao

Nicola P., Corsico Commentatore certificato 20.03.13 10:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Insomma, se ho ben capito, vuoi incontrare direttamente i tuoi dipendenti per digli che "è colpa di quelli di prima" se il Comune non può più dare i soldi che prima dava.
Però questa storia della "colpa di quelli di prima" l'ho già sentita da qualche parte..
In più tieni conto che i lavoratori che hai davanti son quelli di prima anch'essi. E sanno benissimo cosa han fatto "quelli di prima".
C'è poco da giraci attorno.
Quei lavoratori non hanno un contratto rinnovato da anni, e gli unici aumenti che han preso sono quelli legati ai fattori di produttività, che però portano gli aumenti veri ai dirigenti e le briciole a chi lavora.
Se non metti mano alla struttura dirigenziale non ne vieni fuori. Ma quella non ti sciopera, ti boicotta. E quella non si fa rappresentare dai sindacati.
Hai idea di quanti ci son passati prima di te? Buon lavoro.

Leopoldo G., Trieste Commentatore certificato 20.03.13 10:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bisogna bypassare i sindacati, riunirsi con tutti i lavoratori interessati, spiegare dettagliatamente, fare delle proposte, accogliere delle proposte dei lavoratori stessi (precisando i limiti dentro i quali il Comune si può muovere) e mettere ai voti per alzata dimanao.
QUESTA È DEMOCRAZIA DIRETTA IL RESTO SONO CHIACCHERE!

claudio rizzo, Barcelona Commentatore certificato 20.03.13 09:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ragazzi....nel privato la gente perde il posto di lavoro tutti i giorni perchè le aziende chiudono.
Nel pubblico impiego in questi 5 anni non ha perso il posto di lavoro neanche una persona, se mi avessero chiesto se preferivo che mi taglissero lo stipendio piuttosto che perderlo definitivamente, avrei scelto che mi fosse tagliato.
Per quanto riguarda lo stipendio dei dirigenti dei comuni, delle provoncie e delle regioni....dico solo che è uno schifo....e si dovrebbero vergognare tutti...ma proprio tutti!

Laura 20.03.13 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, ho notato più volte che la tua politica va contro i dipendenti pubblici in modo indiscriminato. Non contro i dirigenti e co., ma nache contro quelli come me da 1200 Euro al mese. Nelle politiche ho votato il M5S, ma non lo farò più, almeno per ora. Nelle prossime elezioni regionali del Friuli V. Giulia, il M5S non avrà più il mio voto!

P S 20.03.13 09:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pizzarotti dimentica che nella dichiarazione dell'ANCI che riporta c'è una frase che andrebbe ben valutata:
""...cessino l’erogazione di trattamenti accessori previsti dai contratti stipulati prima dell’entrata in vigore del d.lgs. 150/2009 e non adeguati."""
dice NON ADEGUATI, quindi per prima cosa dovrebbe bene sapere cosa sta facendo e se quello che chiede è adeguato o meno

purtroppo sono un dipendente (assistenza anziani) e guadagno netti in busta paga 1220 euro, Pizzarotti con questa sua pretesa pulizia carica me di circa 79 euro al mese "retroattivi" (circa il 5 % dello stipendio) che io pago per supplire alle ruberie dei vari amministratiti "importanti" che si sono succeduti e che sono ancora al loro posto e che non sono stati toccati e neppure ora verrebbero toccati.
perchè per la trasparenza non vengono resi pubblici gli stipendi di tutti i dirigenti del Comune che sono rimasti invariati dalla vecchia amministrazione e perchè non vengono decurtati i "PREMI" a loro che percepiscono stipendi che vanno dai dai 3000 ai 3500 euro al mese e pure quelli dei consulenti esterni?
DOBBIAMO SEMPRE TAGLIARE GLI STIPENDI PIÙ BASSI?
questo lo faceva anche la vecchia politica, cosa c'è di nuovo in questo?
amareggiata infinitamente e pensare che l'ho pure votato!!

chicca adami, parma Commentatore certificato 20.03.13 08:19| 
 |
Rispondi al commento

quante parole e ore e ore di trasmissioni ma i fatti non si vedono ma come bisognerebbe farglielo capire che non se ne può più grazie ciao

FloraFranci 20.03.13 08:10| 
 |
Rispondi al commento

S
Vi spiego come funziona un Ente Pubblico di piccole/medie dimensioni in provincia di Brescia/Bergamo; rapportatelo su scala nazionale e lascio a voi le conclusioni. Valutate gli sprechi e la mala organizzazione che esiste in questo Ente, che in ogni caso funziona e che fa parte di una realtà sociale ed economica abbastanza favorevole e vi renderete conto di come siamo messi. Immaginate cosa succede in certe realtà d’Italia. I politici locali, che siano di destra, di sinistra, di centro, liste civiche ecc. una volta vinte le elezioni, una volta che hanno raggiunto la bramata “poltrona”, si rivelano per quello che sono: opportunisti. Tutte le promesse fatte in campagna elettorale all’insegna del cambiamento, della giustizia, del benessere dei cittadini, della famiglia, della semplificazione…, si dissolvono come bolle di sapone e si scoprirà ben presto che i “rinnovatori” non si erano candidati per passione, ma perché sapevano benissimo che avrebbero potuto avere dei vantaggi, che avrebbero avuto accesso alla stanza dei bottoni, alle amicizie che contano, anche loro sarebbero entrati nel mondo clientelare dell’Ente Pubblico italiano.

La prima cosa che succede? Il valzer dei dirigenti, dei tecnici. Le persone che non fanno più comodo vengono “eliminate” o “spostate” nonostante siano competenti. Spuntano come funghi, nuovi tecnici, nuovi consulenti, nuove imprese, ma non perché c’è più libertà, trasparenza, efficienza, un cambio generazionale o qualitativo, ma perché servono a qualcosa, perché potrebbero essere utili, e quindi bisogna garantirgli un certo guadagno in modo da sfruttarli alla prima occasione utile. Vengono assunti o dati incarichi, quasi sempre, ad amici del neo eletto, magari senza competenze specifiche ma che hanno, con lui, interessi o amicizie comuni e per questo non lo abbandoneranno mai. Non conta fare squadra, non conta la meritocrazia, non conta cambiare le cose, conta l’interesse personale.

Il politico locale e di conseguenza anche i dirigenti

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 20.03.13 06:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pizzarotti sbaglia a togliere indennita ai lavoratori prima della firma di un accordo. Non c'e' bisogno di farlo. E' un grave errore

Simone 20.03.13 06:14| 
 |
Rispondi al commento

Grande Federico Pizzarotti!! Coi denari recuperati si può pagare un servizio ai cittadini per qualcosa di civile.

Lello Marino, Ercolano Commentatore certificato 20.03.13 03:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è sempre colpa degl'altri

quinto r., arezzo Commentatore certificato 20.03.13 00:30| 
 |
Rispondi al commento

le paghe tabellari dei dipendenti comunali (di tutta italia) li trovate cercando su google CCNL 1999. Dal 2007 non c'è contrattazione nazionale e quindi le paghe sono bloccate. Non esistono recuperi automatici dell'inflazione dal famoso referendum sulla scala mobile. per capirci si va da un minimo di 890 € netti a un massimo di 1500€ per il massimo della categoria non dirigenziale (i cd funzionari). La tredicesima corrisponde circa al 75% di uno stipendio. Dal 2004 ad oggi si sono susseguite norme che in pratica impediscono assunzione di nuovi dipendenti. Significa che per ogni pensionamento non c'è ricambio. In pratica si fanno le stesse cose con meno persone (che significa che ciascuno deve lavorare di più). Questo per informazione minima.
Sui contratti decentrati: non è vero che dal 2012 scadono i contratti in automatico. La pratica (normata anche da sentenze) vuole che, trattandosi di contratto, se una delle due parti diviene inadempiente (cioè si ritira) il contratto rimane vigente e nei fatti si proroga. Secondo la legge Brunetta decadono in automatico le parti del contratto non in linea con quanto previsto dal decreto stesso. Quindi per riassumere il Sindaco di Parma si deve assumere la responsabilità di aver deciso di rescindere unilateralmente il contratto. Stop. Scelta legittima ma si abbia il coraggio di dirlo e basta supercazzole. In finale ricordo che la paga è relativa a 36 ore la settimana, che il dipendente pubblico deve, se richiesto, fare fino a 180 ore di straordinario NON retribuito. Significa che se un vigile deve fare le multe di domenica in pratica, senza contratto integrativo, gli si chiede di lavorare gratis.

tato nanomalefico, firenze Commentatore certificato 19.03.13 23:16| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Sono un dipentente comunale e dico: vai Piazzarotti. Pensa al bene della collettività che amministri perché quel bene tornerà a vantaggio anche di quei dipendenti che oggi ti criticano. Anzi, ti posso dire una cosa? Magari chi ti critica più aspramente è proprio

loreto guerra Commentatore certificato 19.03.13 23:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

X Paolo Verona

Sei il classico personaggio che parla senza sapere. Un sindacalista dirigente, parliamo a livello di Bonanni, siamo sui 3.500 lordi al mese. 45 k lordi annui. Di cosa parli??

Michele 19.03.13 23:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sindaci (e assessori), perchè lo stipendio? Politica è passione, servizio direbbe Papa Francesco. E poi non hanno alcuna responsabilità amministrativa, gestionale, la quale spetta ai capi servizio. Hanno solo responsabilità politica, compiono solo atti politici: l'unica e gravissima sanzione in cui possono incorrere e che giustifica la prebenda è .... la mancata rielezione o conferma (per gli assessori non eletti). Dunque che li paghiamo a fare? Ulteriore beffa se il Sindaco, dipendente pubblico (anche se magari pure titolare di partita IVA in quanto iscritto ad un Albo, dicesi secondo lavoro) si incaponisce a fare il Sindaco a tempo pieno (e non se ne sente affatto il bisogno) e si pone in aspettativa: pur non lavorando questi ulteriori contributi previdenziali (moneta sonante, non figurativa) sono a carico del comune, di tutti i cittadini. Poca cosa, 4 o 5 mila euro l'anno, ma moltiplicati per dieci o, grazie all'Ente Inutile Regione FVG, quindici anni......

giorgio b., porpetto Commentatore certificato 19.03.13 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Continua così Pizzarotti la tua coerenza è esemplare sei forte e mi piaci . Quando capiranno questi dipendenti pubblici che la pacchia e' veramente finita e che il nostro paese si sta spegnendo ?

Francesco DISSEGNA, Mussolente Commentatore certificato 19.03.13 22:54| 
 |
Rispondi al commento

Diffatti bisogna tagliare gli stipendi ai sindacalisti anzitutto

Paolo M., Verona Commentatore certificato 19.03.13 22:48| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

non credo che questi dipendenti pubblici guadagnino più di 1500 euro al mese. Poi la soluzione che proponete e va oltre quello che dice l' anci, che parla di sospendere i contributi. la proposta di pizzarotti recuperare dei soldi in modo retroattivo togliendoli dalla busta paga. queste persone non hanno rubato nulla, sono degli onesti lavoratori e vi devono anche restituire dei soldi che gli spettavano.cornuti e mazziati.

marco orlando 19.03.13 22:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'A.N.C.I. (Associazione Nazionale Comuni d'Italia) non è un cazzo a tutela dei pubblici dipendenti della Pubblica Amministrazione! E' come dire che la Confindustria tutela gli operai! Detto questo parliamo dei costi della politica e non di lavoratori pubblici che guadagnano quasi quanto una ipotesi di reddito di cittadinanza.

Luigi Ruggeri 19.03.13 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Pizzarotti, scavalca i sindacati che non servono ad un cazzo..Avanti tutta!

Andrea P. Commentatore certificato 19.03.13 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Scusami caro sindaco,ma per darti una soluzione dovrei leggere i documenti,ma prima di pensare ai dipendenti,ti consiglio di:
Verificare quante migliaia di passi carrabili e a raso hai nel territorio comunale che non richiedono il passo, e fagli pagare 100 euro all'anno cadauno vedrai che un centinaio di migliaia di euro li trovi;
Verifica la possibilita di utilizzare l'ex 208 codice della strada,non facendo sanzioni con autovelox ma usando l'opacimetro e vedrai che contestando contestando agli inquinatori trovi altri soldi;
Poi controlla le posizioni organizzative che non possono essere date per piu di 5 anni e magari riducile a, minimo di 6000 euro anno ;
Ma sopratutto i signori dirigenti e gli articoli 110 109 della 165 che hai nel comune.Alla fine non ridurre gli stipendi ai dipendenti da D1 a tornare indietro fino a B,casomai di ai sindacati di terminare la sperimentazione della settimana con i rientri pomeridiano che esiste da piu di 10 anni e fai lavorare tutti solo 6 ore dal lunedi al sabato e risparmia i buoni pasto.MA NON TOCCARE I STIPENDI casomai a posto dei buoni pasto se hai mettila mensa .
Naturalmente non credo che tu abbia un segretario Generale ed anche un Direttore generale,il che sarebbe strano a livello di risparmio-un caro saluto a tutti

alex bell 19.03.13 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Non mi piace molto il fatto che tutti i candidati sembrano recitare un copione dettato da pochi cancellando la propria personalità, pena l'espulsione. Eppure sono tutte persone giovani che hanno studiato.
Speriamo che dslla poca democrazia che si vede in questo movimento (che tra l'altro ho votato) non venga fuori una dittatura msscherata.
Buon lavoro.

Giuseppe Farano 19.03.13 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Stai tranquillo pizzarotti, ormai la credibilità di tv e giornali è ai minimi storici. Ai giornalisti non gli crede più nessuno, manco il padre e la madre. Una volta che te la giochi la fiducia è difficile riconquistarla.

anto.cir 19.03.13 20:06| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento
Discussione

RIASSUNTO:
POSSO ASSICURARE CHE , QUANDO ERO DIPEDENTE DELLA SANITA’ A ROMA , LA META’ DEI DIPENDENTI AVEVA, NEL POMERIGGIO, UN SECONDO LAVORO IN NERO.
ORA PROGRAMMANO ORARI FASULLI ( 7.30—14.30 + 5 ORE NEL POMERIGGIO) ANCHE NON RISPETTANDO La circolare 24 febbraio 1995 del dipartimento della Funzione pubblica.
I NOSTRI DIRIGENTI HANNO RISPETTATO QUESTE SEMPLICI REGOLE SOTTORIPORTATE ??????
QUALCUNO SA DIRE SE I NOSTRI DIRIGENTI RISPETTAVANO L’ORARIO DI LAVORO OBBLIGATORIO( COME DA LEGGE SOTTORIPORTATA) O NO ????
Decreto Legislativo 30 luglio 1999, n. 286
a norma dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59"
Art. 5.
La valutazione del personale con incarico dirigenziale
"Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali"
Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000 - Supplemento Ordinario n. 162
Articolo 149
Principi generali in materia di finanza propria e derivata
1. L'ordinamento della finanza locale e' riservato alla legge, che la coordina con la finanza statale e con quella regionale.
2. Ai comuni e alle province la legge riconosce, nell'ambito della finanza pubblica, autonomia finanziaria fondata su certezza di risorse proprie e trasferite.
Orario di lavoro
La circolare 24 febbraio 1995 del dipartimento della Funzione pubblica chiarisce che:
"L'osservanza dell'orario di lavoro costituisce un obbligo dei dipendenti pubblici, anche del personale con qualifica dirigenziale, quale elemento essenziale della prestazione retribuita della Pubblica Amministrazione".
Regole generali
Attività lavorativa nelle 5 giornate da Lunedì a Venerdì di ogni settimana.
Ingresso tra le ore 8.00 e le ore 9.00Intervallo non inferiore a 45 minuti e non superiore a 2 ore, tra le ore 11.45
SOLUZIONE: OBBLIGARE I DIPENDENTI A LAVORARE MATTINA E POMERIGGIO, IN ORARI GIORNALIERI, COME TUTTI QUELLI CHE LAVORANO IN EUROPA,
IN QUESTO MODO SI LIBEREREBBERO UN MI

Paolo Bizziocchi 19.03.13 20:05| 
 |
Rispondi al commento

.....ognuno deve fare la sua parte.....vai avanti Pizzaroti....trasparenza....e privilegi a nessuno deve finire la difesa corporativa di pochi organizzati, a discapito di molti....

ciriaco baldassare marras Commentatore certificato 19.03.13 19:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il sindacato protegge i lavativi. Non dovrebbe più' avere voce in capitolo. Inoltre i Sindacati sono ormai completamente venduti. Non servono piu'cosi'come sono.

Marco Pagliani 19.03.13 19:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come ho sempre detto Pizzarotti lo reputo una brava persona, anche se non lo conosco e sono di firenze, ma sono sicuro che col tempo riuscirà a cambiare tante cose e tanti problemi e come penso io per risolvere cambiare aggiustare ecc ecc ci vuole tempo, da qualche parte bisogna iniziare anche se non è un buon periodo ma con pazienza onestà e ridimensionamento tutto si può fare.
Un abbraccio Antonio

Antonio Ugolini 19.03.13 19:50| 
 |
Rispondi al commento

Forza Sindaco, ma oltre a gestire la contrattazione si chieda ai dipendenti "cosa fanno in più" e se il loro normale fare più l'extra siano tali da soddisfare del tutto i cittadini.
Carlo

Carlo D'Ottone, Roma Commentatore certificato 19.03.13 19:50| 
 |
Rispondi al commento

Gli altri giornali la metterebbero così:
"VERGOGNA"
Dopo la promessa-bufala sul "Termovalorizzatore" Pizzarotti si dimostra anche antisidacale.

Il M5S non dialoga con i sindacati ed il risultato è: diminuzione degli stipendi e diminuzione dei diritti sindacali. Pizzarotti si rifiuta di ricevere i dipendenti comunali, disattendendo la funzione principale del suo mandato, cioè, il sindaco di tutti i cittadini.

gaetano r. Commentatore certificato 19.03.13 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Leggo su televideo di oggi che Berlusconi propone Amato come Presidente della Repubblica. Corrono voci che anche D'Alema si propone. Come si può fare per evitare questa disgrazia?

Giuseppina di Vico 19.03.13 19:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io consiglierei a molti di quei burini che manifestavano, fra i quali spiccavano le bandiere della CISL che i loro sindacati gialli e firmatari non hanno opposto resistenza al decreto brunetta che è all'origine di questa difficoltà. Anzi hanno sempre plaudito ad ogni nefandezza contro i diritti dei lavoratori, prima del governo Berlusconi, poi del governo Monti. Nessuna rivoluzione sarà mai compiuta se non si riuscirà ad abbattere anche la casta sindacale (GGIL, CISL e UIL).

tupacamaru 19.03.13 19:23| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signor Sindaco, mi permetto di suggerirLe di continuare ad avere e, se possibile, ad intensificare il Suo rapporto diretto con i lavoratori. L'esperienza mi ha insegnato che quelle che Lei ha indicato come "alcune lacune dovute all'intermediazione" sono sempre, nella realtà, molto molto più ampie di quello che appaiono. In Italia i sindacati non sono immuni dalla stessa patologia dei partiti. Nel Suo caso poi ci sono ancora più interessi contrari. E' solo nel rapporto chiaro, informato, diretto e trasparente che può trovare ausilio. I lavoratori non direttamente contaminati da altri interessi collaboreranno.

In bocca al lupo!

giovanni d., avellino Commentatore certificato 19.03.13 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Volevo dire a Beppe che secondo me ha sbagliato a rifiutare i soldi per il rimborso elettorale, perchè adesso quei soldi ci pensa qualcuno a spenderli, mentre si potevano restituire al popolo,divedendo la somma per ogni famiglia o investire nella micro impresa. Peccato si potevano aiutare i giovani magari a finanziare dei progetti, pensateci .

Francesco Santovito 19.03.13 19:01| 
 |
Rispondi al commento

Per dare un parere sulle dichiarazioni del sindaco bisognerebbe sentire anche l'altra campana,solitamente chi sbaglia è sempre l'altro. Sapere a quanto ammonta lo stipendio e quanto "pesano" le indennità accessorie sullo stipendio. Sapere a quanto ammontano i tagli ai stipendi dei dirigenti dei vari enti comunali, anche questo servirebbe per capire dove si va a parare. Sui sindacati non farei di tutta l'erba un fascio. Inviterei anche ad approcciarsi alle cose sempre con un minimo di spirito critico, non prendere tutto per oro colato.

Carlo Mengarelli, Jesi Commentatore certificato 19.03.13 18:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Uno dei modi per risolvere i problemi dell'italia è introdurre la meritocrezia anche dentro la pm, pultroppo i sindacati hanno deciso di distribuire i premi a pioggia senza distingure fra chi li merita e chi no, quindi troviamo il dipendente pubblico fancazzista e assenteista che si prende il premio di produzioine al pari di altro lavoratore che magari deve fare il doppio per supplire alle carenze di organico.

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 19.03.13 18:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://lucafiordelmondo.blogspot.it/

Luca Fiordelmondo 19.03.13 18:06| 
 |
Rispondi al commento

sono insistente, lo so, ma vorrei sapere se i dirigenti di Parma sono gli stessi della giunta precedente.

lettura che aiuta a capire:

http://www.lindipendenza.com/dipendente-pubblico-coraggio-futuro/

IO 19.03.13 18:05| 
 |
Rispondi al commento

strano che il problema siano i sindacati?!?! quando i lavoratori capiranno che sono proprio i sindacati ad essere la loro rovina?!

emilio s., bergamo Commentatore certificato 19.03.13 18:03| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento

LO VOLETE CAPIRE TUTTI CHE I SOLDI LI TOLGONO AI DIPENDENTI A 100 EURO E DANNO PREMI STRATOSFERICI AI DIRIGENTI!!!!!!!!

IO 19.03.13 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Vogliamo indovinare quali sono i sindacati?

Patrizia M. Commentatore certificato 19.03.13 17:57| 
 |
Rispondi al commento

grandeeeeeee Pizza!!!!!siamo tutti con te e che onore sarebbe averti come mio sindaco!!grazie!!

Luca M., Rho Commentatore certificato 19.03.13 17:54| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

quando sono a protestare in piazza c'è sempre i sindacati con bandierine e fischietti - alla fine i lavoratori capiranno che il problema sono proprio gli angeletti camusso e bonanni che sono letteralmente spariti dalla circolazione! .........

SIMONE ., prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.03.13 17:49| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento

IL M5S dovrebbe fare un accordo col PD in base al quale ottenere la direzione del governo dando in cambio il suo appoggio ad un candidato pd alla presidenza della repubblica

Giuseppe pigato 19.03.13 17:48| 
 |
Rispondi al commento

La resistenza dei dipendenti pubblici a qualsiasi ridimensionamento non dello stipendio ma di indennità acessorie è chiaramente un ostacolo sormontabile solo con il ridimensionamento dei dipendenti pubblici. e per questo dovete ringraziare i vostri sindacati.

Arrigo Garipoli, Genova Nervi Commentatore certificato 19.03.13 17:46| 
 |
Rispondi al commento

come al solito CHIARO, PRECISO E CORRETTO, cosa che non credo siano sempre i suoi interlocutori e i media spesso interessati ad alzar fumoni...

fabio m. Commentatore certificato 19.03.13 17:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento

sono stanco di tanta mala politica e vedere come affondano Italia, tutti in famiglia dal VENEZUELA ti diamo la fiducia e non farti prendere per fesso saluti e auguri

franco forte 19.03.13 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Ha ragione il sindaco,qui con inciuci fra sindacati e politici che per mantenere il consenso hanno buttato al macero l'Italia, si deve rifare il senso civico e il consenso lo si deve avere, perchè si amministra bene la cosa pubblica,non per averlo comprato, inoltre i giornali dovrebbero denunciare i non governi invece di inciucciarsi.

Gianni G., Padova Commentatore certificato 19.03.13 17:33| 
 |
Rispondi al commento

e ai dirigenti PIZZAROTTI quanto hai tagliato? quanto prendono i dirigenti nel tuo comune?
sono sempre gli stessi che collaboravano con la precedente giunta?
lo sai cosa vuol dire vedersi tagliare il poco stipendio e vedere pagare premi ai dirigenti in questo periodo di 40.000 euro oltre il lussuoso stipendio che prendono al mese? (3500/5000)?
la gente lo sa che massacrano i dipendenti pubblici da mille euro al mese e i dirigenti della pubblica amministrazione, nonostante il blocco dei contratti CONTINUANO A GOZZOVIGLIARE???

i tuoi dirigenti sono gli stessi della precedente giunta o li hai cambiati?

(sono del m5s, mi sono sloggata perchè sono incazzata)

leggete quì come funzionava fin'ora, spero Federico che tu queste cosa le sappia. ho piena fiducia in te, ma vorrei sapere quanti sono i dirigenti di Parma, quanto prendono di stipendio e di premi e pesatura responsabilità, e SOPRATTUTTO SE SONO GLI STESSI DELLA GIUNTA PRECEDENTE!!!!
SCUSATE LA RABBIA!!!!!

http://www.lindipendenza.com/dipendente-pubblico-coraggio-futuro/


Mi sembra tutto estremamente chiaro.

LuigiVis 19.03.13 17:32| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi questa è l ora o mai più almeno quei b punti e poi cio che sarà sarà ma adesso

pasquale varanelli 19.03.13 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto che non c'è nessun commento è sinonimo di una ignoranza in materia. Poi c'è chi alta la mano e grida e via tutte le pecorelle seguono il giustiziere e chiedono giustizie che non conoscono, si battono contro il muro della loro ignoranza senza sentire la necessità di informarsi.

Luca 19.03.13 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo non ancora ci si rende conto che gli stipendiati pubblici corrono un serio rischio, quello di non avere più lo stipendio. Qui la crisi è seria. Sanno questi signori che altri, senza stipendio, tirano avanti con la metà di quanto percepiscono loro? E non vedono il baratro dietro l'angolo? I comuni hanno sperperato il denaro pubblico in spese inutili, per non parlare delle consulenze agli amici, ai parenti, e ai leccadidietro che li hanno sostenuti, come mafie, ecco che cosa ora succede. Non ha nessuna colpa chi vuole risanare in questa maniera. Molto peggio aumentare le tasse per far passare danaro da una tasca a un'altra.




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori