Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Fijo mio di Franco Califano

  • 97


Franco_Califano.jpg
Fijo mio - (Franco Califano)

"fijo mio vie' qua,
sta a senti' a papa',
consideranno che
t'ho messo ar monno io,
io te devo di'
qualunque verita',
tu vivrai, senza sbaja'
noi parlamo a te
come a 'n omo ormai,
nun sara' giusto
ma le cose che saprai
nun so favole
co' le fatine blu,
fijo mio, io la vita
te la insegno a modo mio
perche' tu,
nun te devi perde.
credi a dio se voi,
prega si te va,
ma si te dice male
allora lascia sta',
le preghiere
nun t'aiutano a campa',
credi a te, sortanto a te.
tante fesserie
nun te servono;
e nun ce chiede
de pinocchio perche' mai
te diremo ch'e'
vissuto tempo fa,
sai perche'?
perche' questa nun sarebbe verita'
come po' un pupazzo piagne
tu nelle vene
c'hai lo stesso sangue mio,
sei mi' fijo ma
si te mancassi io,
da chi vai?
da pinocchio 'n po'
d'aiuto nun l'avrai.
solo te, te poi da' 'na mano"
=====
Onore al Califfo!" Ferdinando G., Roma

1 Apr 2013, 18:41 | Scrivi | Commenti (97) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 97


Tags: Fijo mio, Franco Califano, Roma

Commenti

 

Califano è stato sempre il contrario del "politicamente corretto" e questo, in un paese dove gli "artisti" sono politicamente allineati e corretti, lo rende un rivoluzionario !!!
L'Italia è il paese in cui la "cultura" è quella di Benigni ( e dei suoi contratti milionari ).
......tutto il resto è noia !!!!

walter bassani 06.04.13 09:43| 
 |
Rispondi al commento


"La Vacanza Di Fine Settimana"

Lavoro cinque giorni a settimana,
me faccio 'n culo come 'na campana,
aspetto er Venerdì pe' riposare,
ma tu sei pronta già pe' annà a sciare.
Rientro stanco peggio de 'n facchino,
apro la porta e ''nciampo in un casino!
"Che so' tutti ,'sti 'mpicci nell'ingresso,
che stamo a cambià casa, ch'è successo?
Borse, valigie, pacchi, sci, scarponi!
"Aoh, io me so' rotto li cojoni!
L'urtima vorta che ho parlato ar muro?
C'hai tanti amici, va' a scià co' loro!
Pe' 'sti du' giorni famme stà tranquillo,
nun me poi mica spappolà er cervello!
Io sulla neve ce divento matto,
c'ho sempre 'n freddo che me caco sotto!
Arzo la voce, ma nun serve a gnente,
dopo 'na mezz'oretta sto' ar volante.
Nun ho magnato, me vorrei fermare,
ma tu stai 'n dieta e nun ne voi sapere,
anzi - me dici - forse ci conviene,
fermarci per montare le catene!
Me fermo e le catene nun me sbajo,
so' sempre dietro all'urtimo bagajo.
Scarico, monto e poi rimetto dentro.
"Un giorno o l'artro, giuro che te sventro!
Guarda la coda su pe' 'sta salita!
Questo nun è riposo, è 'na stronzata!"
Semo arivati. Proprio 'n ber viaggetto!
Mo' magno - penso - e me ne vado a letto,
ma è tutto chiuso, c'è er portiere solo
qui chi c'ha fame se la pija 'nder culo!
La voce tua me segue pe' le scale!
-

.
C'è un bel ramino appena organizzato!>
Intanto 'ncominciate 'n tre, cor morto!
Date le carte, 'n attimo, che arivo!>
Si nun me metto a letto, io nun vivo.
Me butto 'nbranda, prima che vie' giorno,
giocassero cor morto, ch'io m'addormo!
Dev'esse' l'alba quanno la tua voce
aricomincia e me rimette in croce.
facciamoci una bella passeggiata!>
Facciamose 'na che? Ma va a ffà 'n culo!
A me lasciame perde' qui da solo.
So' stanco, nun me va' da c

enzo rossetti 05.04.13 23:54| 
 |
Rispondi al commento

A ROMA ANCORA SI CONTINUA A RUBARE, UN PREMIO PER IL RITARDO
Intanto è di poche ora che l'autorità di vigilanza ha aperto un'inchiesta perchè è stata pagata una somma ingente per i lavori della metro B1 , con il cantiere in ritardo di un anno è stato dato lo stesso il premio per l'accellerazione.
ma quando la finiranno di rubare a spese degli italiani.

felice l. Commentatore certificato 04.04.13 10:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si ok ma Califano aveva una figlia che ha cacato quasi zero,non ha mai voluto conoscere la nipote.Così ho letto non so se è vero ma considerato il tipo potrebbe essere

Vitaliano B. Commentatore certificato 03.04.13 21:05| 
 |
Rispondi al commento

muore con Franco un poeta ruvido e dolce,  intenso come non ce ne sono più,  diretto e franco a qualunque costo, eroe egotico che ha avuto il coraggio di fare della propria stessa vita una opera d'arte. permane nei nostri cuori il riverbero delle sue poesie capaci di vibrarci l'anima con la voce delle emozioni che in modo così unico riusciva a descrivere anche a chi le tiene a se stesso ascose. Addio amico sincero e sempre presente in ogni angolo della nostra vita.
mi spiace per chi non abbia avuto l'immenso privilegio di conoscere , per pigrizia , piccolezza o ventura, la tua opera e la tua persona

Andrea di Biase 03.04.13 16:46| 
 |
Rispondi al commento

tutti quelli che stanno offendendo califano non hanno piu' di 30 ANNI sicuro.... quelli derlla mia generazione ci sono cresciuti con lui e le sue poesie.... tutto il resto e' noia!!!

stefania mariani 03.04.13 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Una delle definizioni di guascone è "millantatore". Altro che poeta, 'sto Califano è stata 'na sola, da tutti i punti di vista.

Mino4 D., Bologna Commentatore certificato 03.04.13 09:55| 
 |
Rispondi al commento

califfano puo piacere o non piacere, sia come artista che come uomo (pittoresco , guascone, strano) secondo la sua scelta di vita, ma le palate di merda le trovo inappropriate , credo che tante vengano dal sentimento di invidia, il sentimento piu brutto che ci sia, perche s'è trombato le piu belle passere, cosa che parecchi vedono solo in cartolina, nessuno dice che era un esempio di vita da raccomandare, tanto meno Franco lo diceva , siete voi che usate queste parole per tornaconto dai mediocri pensanti, che giudicando vi sentite un pochino di piu di quello che siete , mediocri, a me per esempio non piaceva Jannacci, forse non lo conoscevo, l'unica cosa che conoscevo di lui era la canzone " si ouo andare tutti alla zoo ,,,, ) che non mi è nemmeno mai piaciuta, ma lungi da me dare dei giudizi, se tante persone lo hanno onorato forse sono io che non lo conoscevo, o no lo capivo.... e me ne dispiaccio un poco, ma almeno non sparo le solite cazzate e giudizi che sento dire su Califfano , dedicato a tutti i "mediocri "

carlo lazzeri, grosseto Commentatore certificato 03.04.13 06:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Franco Califano è stato e rimane un poeta vero e sensibile, come ha saputo tanto bene esprimere i vari umani sentimenti nelle sue canzoni, come nelle sue forme anche parlate... e le parole erano le sue, spesso altri prestate per esprimere diversamente le stesse emozioni...
Chi vuole denigrarlo per la sua vita privata...
non merita commenti... in loro c'è tanta invidia quanta ignoranza.

Guido Gatta 03.04.13 02:59| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, ma non credo che Franco califano sia un personaggio da prendere come esempio, ne faccio a meno di onorarlo.
Purtroppo il comune di Roma ne va fiero... contenti loro

Gian Lorenzo Molinari, Busalla Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.04.13 20:49| 
 |
Rispondi al commento

ARRIVEDERCI ALL'ULTIMO POETA DE ROMA

francesco capozzi ROMA, roma Commentatore certificato 02.04.13 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Scusa Beppe , nn capisco xche il pd non appoggia un governo 5 stelle ??? Possono sempre togliere la fiducia o non votare cose che nn gli piacciono .
Grazie della risposta

Corrado vada 02.04.13 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Io la Luna la so guardare ma mi chiedo se il tuo dito che ce la indica è pulito dello stesso ONORE che elargsci...

Vilmo Gavioli 02.04.13 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Sono solo parole!!!!ma nella vita reale Califano ha fatto tutt'altro!!!!!!!!

Angelo Di Michele, Roma Commentatore certificato 02.04.13 12:32| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' impressionante vedere in alcuni di questi commenti -non tutti per fortuna- l'odio sociale che sprizza da ogni parola, lettera, virgola.
Non ho visto questo odio nei commenti su Jannacci, grande artista anche lui, e ne sono felice.
Secondo alcuni, se l'artista non è impegnato politicamente non è tale (ovviamente l'impegno politico non può che essere di sinistra), ma solo un debosciato qualunquista e per di più fascista.
Oggi guardavo la folla assiepata davanti la chiesa dove si svolgevano i funerali del califfo, andatelo a raccontare a loro che Franco era un qualunquista!

paolo leonetti, pescara Commentatore certificato 02.04.13 11:29| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Trasformare i SUDDITI ITALIOTI in CITTADINI ITALIANI dove ognuno vale uno (proprietario della propria identità) è un compito che solo il M5S stà portando avanti, tantissimi giovani lo hanno capito e informandosi e attivandosi stanno già portando avanti la ns. RIVOLUZIONE CULTURALE.
COERENZA, ONESTA', CULTURA DELLA VERA DEMOCRAZIA, MERITOCRAZIA, SOLIDARIETA' sono tra i primi valori della ns. rivoluzione a 5 stelle
Certo è che ancora adesso siamo rappresentati dai BUNGA BUNGA del PDL e gli SMACCHIAGIAGUARI METAFORICI del PD. Causa del suo mal pianga se stesso.

Per 20 anni i BIMBIMINCHIA hanno usato il massimo della loro INCAPACITA' per distruggere l’economia e l’immagine dell’italiota nel mondo,
In questo momento, anche se dimissionario c'è ancora il governo Monti, quindi PD S.p.A. e PDL S.p.A. I BIMBIMINCHIA se volessero responsabilmente fare le leggi urgenti che salvano l'ITALIOTA, il M5S le voterebbe. Ma Berlusconi Monti Bersani e S. Renzino da Firenze (lo sparamiracoli) sono già in campagna elettorale, e buttano assieme alla banda dei media spargifango, tanto fango su tutti i 5 stelle
I 5 stelle hanno proposto 20 punti, ma i gemelli siamesi non appoggiano nessuno dei punti, pensano solo alla campagna elettorale o all'elezione del presidente della repubblica che per il PDL deve essere berlusconi, S. Renzino da Firenze "lo spara miracoli" stà già girando negli stanzini della de filippi a promettere ai giovani 5 stelle la futura partecipazione al GRANDE FRATELLO.

gegè...,.milano 02.04.13 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Non condivido il senso ed anche la filosofia?? che questa poesia di Califano vuole esprimere. 'E un eccesso di individualismo egocentrico e strafalcione. Poi l'uomo non è stato un grande esempio da emulare e neanche da citare come esempio! anche se come cantante mi piaceva.

Paolo S., Roma Commentatore certificato 02.04.13 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Autore di canzoni molto sentite e cantate, e capisco pure la pietà davanti alla morte, ma dai, però, era uno che faceva solo quello che c--o gli pareva, senza regole e senza vero rispetto per gli altri, e ora il Comune di Roma vuole pure dedicargli una strada! L'unica spiegazione è che Alemanno crede di prendere qualche voto così! Pensare di accostare un Califano ad un Iannacci, per esempio, che invece ha incarnato lo spirito di una città con un'arte originale ed autentica, mi pare una bestemmia.

Alfredo Hamill, Naples Commentatore certificato 02.04.13 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Mettere sul blog una poesia di Califano non significa per forza esealtare l'uomo Califano e neppure portarlo ad esempio. Picasso, Bernini, Rimbaud,(senza paragonare comunque il Califfo a questi nomi) e l'elenco potrebbe essere infinito, non erano sempre delle belle persone. Ma ci hanno lasciato opere straordinarie. Certo, qualcuno dice, ci sono problemi più gravi...Ma non sarebbe possibile nè umano parlare solo e soltanto di questi...

Massimo Rosina, Casorate Primo Commentatore certificato 02.04.13 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Uno che ha raccontato che per far godere le donne bisogna nel momento del coito fargli degli schizzi di urina nella vagina...
oppure alla domanda di un giornalista : "franco cos'è che serve per vivere bene ?"
Califano : " lì sordi so oslo lì sordi..."
Ecco adesso giudicate voi se è il modello di persona che vorreste usare da esempio...

paolo bianchi 02.04.13 10:23| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente non sono un grosso conoscitore di Califano, ma credo che un cantante o un poeta o uno scrittore debbano essere giudicati e ricordati solo per le emozioni che ti hanno dato, non per la loro condotta di vita... Altrimenti ci sono un sacco di personaggi da buttare a fiume a partire da Mozart a Sinatra a Maradona!!!
È poi trovo ridicolo continuare ad applicare etichette politiche: fascista (cattivo), cattocomunista (buono e, va da se', democratico). Sono decenni che ci fottono con queste etichette. Giudicate solo i fatti!!!

Filippo Berna 02.04.13 10:17| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Della sua vita privata non me ne frega un cazzo, la sua arte a me emozionava.

Paolo Rullo Commentatore certificato 02.04.13 09:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Grazie, Beppe, per le perle di saggezza che ci doni in questo blog. Sono commosso...
Sei il mio idolo!

GiankyT 02.04.13 09:45| 
 |
Rispondi al commento

L'opinione che ho di Califano è negativa. Forse non l'ho mai conosciuto bene, forse ne ho visto soltanto gli aspetti più brutti...fatto sta che non mi ha mai detto nulla.
Io penso che dovremmo avere la forza di tornare ai valori di base ed ammirare le persone che si comportano "virtuosamente".

Carlo OGGIONNI, Besana In Brianza Commentatore certificato 02.04.13 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Il Califfo era il cantore della mala romana, però era salernitano e ha lavorato molto a Milano, anche nei locali di Francis Turatello, il re delle bische clandestine di cui era buon amico.
Negli stessi anni in quelle bische giocavano spesso un politico ed un imprenditore di secondo piano, Craxi e Berlusconi, e quando Turatello è stato arrestato nel 1981 era residente a Milano2.
poi quando il politico e l'imprenditore di secondo piano sono diventati di primissimo piano Turatello è stato brutalmente scannato in carcere, così come
ha fatto una brutta fine Stefano Bontade dopo che secondo molti pentiti ha investito molti soldi in certe imprese televisive.
Califano guarda caso frequentava molto le reti Mediaset, e prendeva spesso ottimi cachet.

mario genovesi, Roma Commentatore certificato 02.04.13 09:32| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non sospendiamo o meglio evolviamo gli stipendi degli onorevoli parlamentari e senatori fino a quando non hanno fatto le commissioni?

Daniele Pieri 02.04.13 09:15| 
 |
Rispondi al commento

Un saluto al CALIFFO, con le sue poesiecanzoni ci sono cresciuto . I ricordi, mi portano indietro nel passato, quando in italia si era tutti piu' poveri,quando la maggior parte della gente era GENTE DE BORGATA. Chi non e' romano a difficolta' a capire. Se ne e' andato uno di noi

sandroperugini 02.04.13 08:58| 
 |
Rispondi al commento

la cina sta posizionando le truppe ai confini con la corea del nord ....e noi stamo a parlare di califano?

una canzonetta può allietare il cuore ma non risolve i problemi veri ... solo questo mi piace di califano cioè ha fatto sempre quel cacchio che gli pareva perciò non è stato pecorone che in questo mondo di pecori è già tanto.

bruno bassi ex iscritto dissidente 02.04.13 08:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mah,
a me Il Califfo non mi sembra che debba ricordare qualcosa di bello che l'Italia s'è persa.
Non mi pare di ricordare una sua lotta sociale.
Mi ricordo foto di lui con accappatoi di raso e collanazze di oro.
Mi ricordo che Scarface quando era senza coca andava a rifornirsi da lui.
Mi ricordo LA POLVERINI che dava una casa a lui prima che a chi spettava quando, dopo essersi fottuto tutto in puttane e droghe, era diventato un irascibile accattone.
E mi ricordo che la casa la voleva IN CENTRO con ampio parcheggio in stabile signorile e vista sui sette colli!!
Decadente vitellone degli Anni di Piombo e delle Lotte Sindacali.
Non so molto di lui ma, a parte Minuetto e poco più, quel poco che so fa tutto schifo.

Nicol Danger, Savona Commentatore certificato 02.04.13 08:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In verità, tutto questo ossequiare un soggetto come Califano, con un mortificante passato da delinquente menefreghista (per non dire altro) osannato dai media come un "poeta" (quasi fosse un Neruda!) e onorato da morto anche più di una Montalcini, tributandogli onori e glorie quasi quasi superiori a un Mike Bongiorno o Raimondo Vianello...in verità mi da il polso di quanto marcio sia questo popolo d'italiani, privo di "giusti" e proporzionati Valori....
Che tristezza! Ma d'altra parte questo è il risultato dei tempo che viviamo

Ugo Sebastiano 02.04.13 08:27| 
 |
Rispondi al commento

Franco Califano
tanti anni fa, intorno al 77/78 è a Torino per una serata, poi si ritrova con varie persone in una casa e stanno parlando del più e del meno.
Uno dei presenti guarda il suo orologio e gli dice "bello l'orologio . . ." (n.d.s. era un Omega o un Seiko sportivo in acciaio, un bell'oggetto)
e Franco risponde "si, ma non è niente di speciale, è un orologio normale ..." come a dire che non era di grande valore, che era accessibile a tutti.
Allora l'altro, che era un ragazzo : "si, sarà anche normale, ma io non ho neppure quello"
E Califano si è sganciato il cinturino e glielo ha dato, dicendo " prendilo, é tuo".
Un animo generoso e umano

enrico facino 02.04.13 08:21| 
 |
Rispondi al commento

EVVIVA NAPOLITANO !!!!!!!!!!
EVVIVA NAPOLITANO !!!!!!!!!!
EVVIVA NAPOLITANO !!!!!!!!!!

Isabella ceciliot, Pordenone Commentatore certificato 02.04.13 08:11| 
 |
Rispondi al commento

Grande Califfo!!!!

Un cittadino 02.04.13 07:47| 
 |
Rispondi al commento

CAPITALE CORROTTA, NAZIONE INFETTA.è FINITA LA CUCCAGNA

silvio irollo 1799 02.04.13 07:27| 
 |
Rispondi al commento

Califfo, nonostante la rabbia e l'invidia di tanta gente cattiva, sono sicuro che tu se ancor5a potessi, gli dedicheresti due strofe di Trilussa....

"Vedo passà un maiale e je dico ciao porco.
Vedo passà un asino e je dico addio somaro.
Forse ste bestie num me capiranno, ma almeno c’ho la soddisfazio de dì le cose come stanno”.

claudio 02.04.13 02:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro il mio saccentone manlio averin, Anche a me non piace troppo Max Giusti....il fatto è che se togli i romani a portare avanti gli spettacoli, chi ci metti? Qualche "ghe pens mi milanese?" Non mi pare che si siano mai distinti troppo, (levati Bramieri e Chiari) in questi ultimi anni. Dunque meglio i bori o coatti (come li chiami tu) che qualche bamba rimbambito milanese !!!

claudio 02.04.13 02:02| 
 |
Rispondi al commento

Niente da fare: l'odio atavico del piddino antifascista non rispetta neanche la morte.
Pazienza, la grandezza del Califfo perdonerà anche questo.
Ciao Franco!

Paolo Leonetti 02.04.13 02:00| 
 |
Rispondi al commento

Jannacci e Califano...
Se il confronto si riducesse a una questione campanilistica, per latitudine d'origine, sarei propenso a simpatizzare molto più per Roma che per Milano, ma stavolta, nel bel mezzo dell'eruzione cloacale che ci ha invaso, non ce la faccio proprio a sentire con tolleranza un accostamento del genere.
Onore a questo califfo dell'infamia, a questo profeta del cinismo porchettaro d'accatto, a quest'incarnazione petulante e smargiassa del "chiagne e fotte" non glielo rendo.
La memoria di Califano si biodegraderà più in fretta dei tessuti di quel corpo che tanto parassitariamente ha roso questo mondo, per quante straducce o piazzette gli vogliano dedicare a Roma. A differenza dei suoi tessuti organici, però, non feconderà un bel nulla.

Fabrizio Eleonori 02.04.13 01:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Califano, i Pooh, i neomelodici napoletani, il cantautorato in generale da tre accordi e via, Pupo e moltissima altra gente che potete immaginare, sono e continuano a essere e rappresentare il peggio della sottocultura italiana; per questa gente non provo simpatia neanche quando muore.

Mino4 D., Bologna Commentatore certificato 02.04.13 00:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avendo 62 anni comincio a capire la serenità, la schiettezza,la franchezza e, qualche volta, sfrontatezza della gente con età più avanzata della mia. Franco Califano queste caratteristiche le ha avute anche da giovane. A volte ha esagerato con le parole e con l'atteggiamento ma le poesie e le canzoni che ha scritto denunciano la grande sofferenza e la grande sensibilità che aveva dentro.

Giuseppe Bove 02.04.13 00:29| 
 |
Rispondi al commento

Boh...!!! ? Non mi sento di giudicare l'uomo Califano,credo che comunque sotto il profilo artistico si può collocare fra i grandi.

Ezio 02.04.13 00:19| 
 |
Rispondi al commento

Califano in carcere Andreotti Dell'Utri e Berlusconi prescritti, questa è l'italia che è sempre piaciuta ai nostri governanti, e a qualche milione di gonzi inconsapevoli.

Marcio T., ROMA Commentatore certificato 01.04.13 23:51| 
 |
Rispondi al commento

Ben fatto! Se qui nel blog si è voluto ricordare Jannacci, a maggior ragione si doveva ricordare Califano!! Andate a vedere la sua produzione, quello che rimarrà di lui saranno le sue rime in italiano molto piú che i suoi versi in romanesco!!!

Stefano A. Commentatore certificato 01.04.13 23:09| 
 |
Rispondi al commento

Nel settembre del 2006 conobbi il Califfo al MonAmour di Rimini.
Era il suo compleanno, un bagno di sudore...."Ahò metteme Peace Frog (Doors)", lo misi, successero parecchie cose...

Un dj

Giovanni O. Commentatore certificato 01.04.13 23:08| 
 |
Rispondi al commento

Al di là della tua straordinaria bravura come artista, fai senz'altro parte di coloro che ci rimarranno impressi!
Addio Califfo, addio poeta; sei stato un grande.
"La vita è così"...

Riccardo Musso 01.04.13 23:08| 
 |
Rispondi al commento

Bella canzone !!! Chi è romano la apprezza un po' de più !!! Comunque ragazzi non giudicate la vita del califfo in primis per rispetto alla sua anima e sopratutto perché nessuno di noi e un santo ... Addio franco fa buon viaggio il signore avrà cura di te lui non abbandona mai nessuno !

Yuri b 01.04.13 22:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Ormai siamo alla frutta!

Francesco Caso 01.04.13 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Califfo, sei stato grande.

Marcello G., Milano Commentatore certificato 01.04.13 22:10| 
 |
Rispondi al commento

Desidererei un giorno non molto lontano vedere solo auto italiane guidate da nostri politici che si recano a Montecitorio in Parlamento. Come fanno i politici di altri paesi con le vetture di loro produzione. Un saluto da un vostro sostenitore.

franco la commare 01.04.13 21:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Addio maestro di vita ci mancherai

Enrico De Fazio 01.04.13 21:48| 
 |
Rispondi al commento

ma quale onore...possibile che la "storia" dei vecchi non vi dica niente, non siete in grado nemmeno di distinguere. ma cosa state diventando?

dario d. Commentatore certificato 01.04.13 21:44| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
UN GRAZIE A FRANCO CALIFANO,GRAZIE DELLE TUE CANZONI
ALVISE

alvise fossa 01.04.13 21:41| 
 |
Rispondi al commento

Rispettabili, non credo sia corretto adesso giudicare la persona, anche se alla maggior parte di voi sarebbe piaciuta la sua vita. Comunque le canzoni, prettamente in dialetto Romano, prima capitele e poi commentatele, altrimenti tacete! Un Poeta è ingiudicabile........

stefano david 01.04.13 21:39| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

non vedo l ora che i prossimi giorni passano cosi vedremo chi vuole cosa

giorgio salvoni, ancona Commentatore certificato 01.04.13 21:30| 
 |
Rispondi al commento

ma perchè per vedere la continuazione dei commenti devo riscrivere qualcosa senno la pagina rimane sempre sul mio ultimo commento?

giorgio salvoni, ancona Commentatore certificato 01.04.13 21:23| 
 |
Rispondi al commento

Decreto Avancarica In Libera Vendita: Legge 21 dicembre 1999,n526-legge 29 dicembre 2000 n 22 n 422)Nonchè sul regolamento che disciplina questa tipologia di armi(D.M.9 agosto,362. Liberalizzare anche i revolver replica come avviene in Francia e l'acquisto della polvere nera a maggiorenni tramite documento identità, ma credo che nel Paese proibizionista tutto sia impossibile.Forza Beppe M5S (Gruppo tiratori sportivi avancarica libera vendita Lombardia)

Marco Salvini, Cremona Commentatore certificato 01.04.13 21:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Califfo!! Spesso e volentieri la gente te critica senza neanche conoscete ma per sentito dì..!! E' più facile giudica l'altri che se stessi.
A questi portatori de verità direi ( l'Omo non è quello che non cade mai, ma è quello che cade e se rialza!!)
Uomo e artista vero senza falsità e ipocresia.
Grazie Poeta per quello che ci hai insegnato con il tuo scrivere un po da malandrino..!
Grazie Beppe.

Mauro Nenni 01.04.13 21:13| 
 |
Rispondi al commento

Fijo mio - (Franco Califano)

Kagate grandi ... kome l'uomo stesso... ke mai ho stimato, xaltro ...
vediamo xkè
se il figlio di kostui è un bambino, ke diritto hai di non fargli vivere un'infanzia immaginifika ke sappia espandere e nobilitare i suoi sentimenti ... ma se il tal figlio di kuest'uomo fosse adulto, ke razza d'imbecille sarebbe se kredesse ankòra ad un pinokkio vivente fatto di legno !?

ke sangue balordo si trasmettono di padre in figlio !?

Ezio P., Udine Commentatore certificato 01.04.13 21:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...a me califano non è mai parso tanto saggio e questa poesia me lo conferma: tanti versi per dire solo: chi fa da se fa per tre...

Gabriele Alfano Commentatore certificato 01.04.13 20:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avventura con un travestito, ecco la canzone che meglio definisce Califano ;) mitico mezzo fascistone trafficone di periferia, ma in fondo un romanaccio bbuono.

"Scenni dar parco er pubblico è già scito" sarebbe da dire a tanti politici.. ;D

ed ecco un pezzo dell'avventura!

"...ma quanno je 'nfilai la mano sotto
cò la violenza che c'ha solo 'n matto
restai de ghiaccio 'n mezzo a quelle
cosce
la mano mia acchiappò dù cose mosce
mai viste cosi' grosse 'n vita mia
dù palle come li mortacci sua
sopra la mano mia paralizzata
pè quella 'nfame metà conquistata
se tanto me dà tanto pensai ar resto
e ritirai la mano presto presto
amo scherzato- dissi - pia quer pacco
se no je dò dù carci e te lo stacco
me ritrovai sdraiato sul tappeto
tutto abbracciato ancora a quer cornuto
oltre alla rabbia d' esserme eccitato
ci avevo l' occhi der rincojonito
bella figura feci con me stesso
roba da'nna' in esilio drentro ar cesso
se rivesti' de corsa la signora
guadannome cò l'occhi de paura
e scappò via! me vergognai parecchio
e cominciai a fà li conti cò lo specchio
puntai lo sguardo e m' accusai
" A Vincenzo "
nun sei 'n conquistatore, sei 'no stronzo
speriamo che 'sta cosa nun se sappia
tu e er travestito pensa un pò che
coppia
te venne 'n mente pure er matrimonio
sai che piattini " palle ar pinzimonio "!!!
le donne l' hai 'nventate te? A sonato
er primo travestito t'ha fregato
la donna tu, guardanno je 'n molare
sapevi se ci aveva 'n bel sedere
ancora a 'ste stronzate sei legato
scenni dar parco er pubblico già è uscito
nun c'è rimasto manco 'n travestito
te dise" Caro no, ci ho le mie cose "
e tu pensavi ar ciclo d' ogni mese
invece le sue cose erano quelle
che volgarmente noi chiamiamo palle
tu vedi er sole e trovi la tempesta
a vorte è lunedi e te sembra festa
la vita è un dubbio tutto da scoprire
quelli sò maschi oppure sò signore?
chi vò la verità deve toccare
prego signori, venghino a toccare
prego signori, venghino a toccare
prego signori, venghinio a toccare"

Luca S., Toscana Commentatore certificato 01.04.13 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Di burini romani detti in questi ultimi decenni "bori" o "coatti" non ne avevamo bisogno. Non lasciano grandi esempi a cui ispirarsi.Anche di Ninetto Davoli e di altri famosi coatti che adesso affollano gli schermi come per esempio, max giusti, non ne abbiamo bisogno.Abbiamo bisogno di un salto di qualità in questi oscuri decenni dove il malcostume,il torpiloquo, le banalità, la volgarità,l'ignoranza,la deficienza, sono il pane quotidiano.

manlio sverin 01.04.13 20:21| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ai politici di oggi je direbbe:- la meglio anima de li mortacci vostra-

Massimo B., CASTELSARDO (SS) Commentatore certificato 01.04.13 20:19| 
 |
Rispondi al commento

Ma per piacere. Era uno sciovinista, uno sporcaccione e ha provato pure a piangere miseria ultimamente e a saltare(Anche lui) sul carrozne di quelli che mangiano sulla schiena degli Italiani. Non credo che uno come lui c'entri niente con il Movimento.

alessandro morelli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.04.13 20:16| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

CLASSE 1949 - ONESTO, CREATIVO, PASSIONALE, APPASSIONATO DELL'ARTE - MUSICA, LETTURA, RISPETTO X GLI ANIMALI, X LA NATURA , POCA FIDUCIA NELL'UOMO, CON IL PASSARE DEGLI ANNI HO CAPITO SOLO TU PUOI ESSERE TE STESSO, E SE CREDI NEL TUO ESSERE ?- GUARDARSI IL CULO SEMPRE - ??????

CONAN- CONDOTTIERO Commentatore certificato 01.04.13 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Bel testo e bellissima canzone. Ma il messaggio é incompleto. Ai miei figli ho detto anche di pensare con la loro testa e di studiare. Il pensiero, se non é sorretto dalla cultura, é povero e facilmente strumentalizzabile.

Maurizio Lazari (), Formia (LT) Commentatore certificato 01.04.13 20:01| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento

Hai vissuto alla grande, ci hai lasciato delle bellissime canzoni che ci ricorderanno sempre di te,.......ciao Califfo!!!

Paolo carpinelli 01.04.13 20:00| 
 |
Rispondi al commento

se trovi dio dentro te stesso,credi "in te" stesso

matteo cecchi 01.04.13 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Saluto il Califfo e quella certa ROMANITA' che a molti fa storcere il naso ma che, va riconosciuto, è quella che maggiormente la caratterizza.

Premettendo che la Romanità non si trova ai Parioli ma nei quartieri Popolari, è il sentimento più autentico di Roma che ti saluta, a prescindere dall'orientamento politico.

Saluto, chiaramente, il maschio poeta che, in fondo in fondo, è nell'animo di tutti i romani e che tu hai fatto vivere in maniera così spavalda...

... SO' DE ROMA E ME NE VANTO!!!

Ciao Califfo.

MK ROMA Commentatore certificato 01.04.13 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tra poco ri-canteremo tutti col caimano... Grazie Beppe. Mi eri simpaticissimo.

Robert Di Gregorio, Nerola Commentatore certificato 01.04.13 19:27| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma è possibile che la Germania, nel campo politico ed economico, sia così superiore a noi? mi duole dirlo, ma la risposta è si: ora, Il mio forte orgoglio nazionale sta cercando di trovare qualche argomento utile per confutare la risposta, ma a conti fatti so che purtroppo è così. Questa superiorità si vede anche nelle piccole cose, nelle questioni che ai nostri occhi possono sembrare poco importanti, ma che risultano pilastri fondamentali della democrazia e quindi utili per il buon svolgimento dell'attività statale. Un esempio è l'organizzazione dei partiti politici. Sicuramente, sia in Germania che in Italia, il potere in mano ai partiti è notevole: infatti, tutti e due i paesi riconoscono, nel ruolo dei partiti, una funzione importante, atta a orchestrare e avvicinare le istituzioni alla società civile. Ma in Germania, al contempo, questo potere è limitato costituzionalmente: L'articolo 21 della Legge Fondamentale tedesca, oltre a riconosce al partito politico il ruolo importante di sostegno della democrazia , lo sottopone ad un controllo vigoroso; l’aspetto apprezzabile, che poi in pratica è quello che manca nella nostra Costituzione, è l’obbligo di avere un'organizzazione di tipo democratico. Infatti in Italia viene considerata cosa privata: quindi se un dirigente ha in mano la maggior parte del potere, può dettare lui stesso la politica e l'organizzazione del partito.


Donato tre 01.04.13 19:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sei un grande,,grandissimo,,,Califano,Ciao Franco

claudio volpe 01.04.13 19:06| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori