Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Democrazia liquefatta

  • 982

New Twitter Gallery

becchi_lacosa.jpg
"I risultati definitivi della tornata elettorale amministrativa si sapranno soltanto a sera inoltrata. Eppure i giornali già titolano "Crollo del M5S". E’ un titolo banale: tutti sapevano - per primi gli elettori e gli attivisti del MoVimento - che nelle elezioni comunali il M5S non avrebbe certo ripetuto il risultato delle politiche. Del resto, tra persone sincere questo fatto non sarebbe neppure oggetto di discussione: non c’è nessun rapporto tra le consultazioni politiche nazionali e le elezioni locali. Il problema, però, è un altro, ben più profondo: perché dovremmo essere felici, ed esultare, di fronte al "crollo" del M5S? Hanno forse vinto il Pd o il Pdl? I "partiti" hanno riacquistato la fiducia dei cittadini? Di cosa dovremmo essere felici? Del fatto che un romano su due non è andato a votare? Di un grado di astensione che non ha precedenti? È sorprendente vedere come si possono leggere le notizie, come la stampa possa presentarle. Possibile che non capiscano il dato reale? Ossia che la crisi della democrazia rappresentativa continua ad acuirsi, a farsi sempre più grave. Si attacca il M5S, ossia l’unica forza politica che è riuscita nel tentativo di riportare i cittadini alla partecipazione politica, all’interesse per la cosa pubblica. Un italiano su due non è andato a votare: questa è la crisi, sempre più profonda, della partitocrazia, e non il "crollo" del M5S. Si è tanto spesso parlato di "società liquida". Ebbene, la nostra è una democrazia liquida, ma liquida va inteso come liquefatta. Lo sconfitto è il sistema dei partiti. Lo sconfitto è un sistema politico che non funziona più." Paolo Becchi

27 Mag 2013, 22:22 | Scrivi | Commenti (982) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 982


Tags: amministrative 2013, Becchi, democrazia, pdl, pdmenoelle, repubblica

Commenti

 

Concordo, totalmente e con immensa tristezza. Senza la vis comica di Beppe Grillo, al quale mi lega l'età e l'antica militanza nel PSI, mai sarei andato a votare per i papponi della partitocrazia né per il M5S della mia zona, nato male e comunque ancora inadeguato. I paraculi eletti del M5S mantengano la promessa elettorale di rinunciare a parte delle loro laute prebende e le devolvano alle PMI. Senza se e senza ma.

Vincenzo A., Treviso Commentatore certificato 12.06.13 08:04| 
 |
Rispondi al commento


Il silenzio di tomba dei giornaloni sulle trame di Gigetto Bisignani,P4, "che sussurrava ai potenti".

Gigi Bisignani ha rivelato a Paolo Madron, in un libro- ignorato dai grandi giornali e confinato da "La 7" in un programma a tarda notte- che avrebbe telefonato e scambiato sms con il direttore del "Corriere della Sera", Ferruccio de Bortoli, la cui frequentazione, per lavoro, con il maneggione romano non ne fa, ovviamente, un malfattore. In un Paese normale, tuttavia, si dovrebbero chiarire le trame e gli obiettivi delle estese relazioni dell'ex redattore, prezzemolone, dell'ANSA.

Molti decenni fa, lo stesso, tombale silenzio odierno dei media fu osservato quando il principe Caracciolo ed Eugenio Scalfari, noti moralizzatori dell'italico malcostume, affidarono la rubrica enogastronomica de "L'Espresso", e il relativo stipendione, a don Umberto Federico d'Amato, titolare dell'ufficio "Affari Riservati" del Viminale, personaggio inquietante, nemico del segretario del Psi, Giacomo Mancini- che ottenne lo scioglimento di quell'ufficio- e al centro di delicate indagini, per i rapporti con gruppi fascistoni e dell'estrema sinistra, nel periodo, tragico, della strategia della tensione.

Disse, nei primi anni 90, Ettore Gallo, Presidente della Corte Costituzionale : "I mali, che affliggono l'Italia, non dipendono dalla Costituzione del 48, ma dagli intrighi di potere, dai tentativi golpisti, dallo stragismo impunito, dalle associazioni criminali, coperte da oscure complicità, dalla corruzione dilagante, dallo spreco selvaggio e dall'appropriazione delle istituzioni, da parte degli apparati di alcuni partiti". Una denuncia attuale.

Sulla bonifica degli apparati dello Stato, sulla scoperta dei "burattinai invisibili", sulla profonda riforma dei servizi di sicurezza perché i deputati e i senatori del M5S non presentano una proposta organica in Parlamento, sollecitando anche il contributo delle altre forze di opposizione al governissimo Letta-Alfano ?
Pietro Mancini

Pietro Mancini 1952 (bassotto), Cosenza Commentatore certificato 30.05.13 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Meglio essere pochi convinti,che tanti confusi.

Michelangelo 30.05.13 06:13| 
 |
Rispondi al commento

Cambiare i portavoce lombardi e crimi ,sostituirli con di Battista Fico.....persone politicamente piú illuminate....
dare a un piccolo gruppo di persone che siano combattive ,pronte nelle risposte,..oltre che preparate,il compito di affrontare gli impegni televisivi ,pochi e seri
Organizzare al meglio il blog ..ospitandovi dentro resoconti sui lavori parlamentari fatti da parlamentari stessi.....
Indire una giornata di lotta ..ad es per l'informazione libera..per spiegare le ragioni delle scelte fatte e illustrare ció che si sta facendo dentro il palazzo per raccontare alla gente quello che non sentiranno mai in tv

giuseppina t., genova Commentatore certificato 30.05.13 01:54| 
 |
Rispondi al commento

prediligo le minoranze

Del resto sono state sempre le maggioranze a creare i maggiori disastri della storia. Cosi come il progresso è stato sempre merito di pochi ( spesso derisi e bastonati a lungo prima di essere compresi ).
Se Grillo ha fatto uno sbaglio importante, è stato quello di credere che la “maggioranza” lo potesse capire..
Forse, se si fosse ricordato una citazione di Oscar Wilde, “Tutte le volte che molti sono d'accordo con me, ho la sensazione di avere torto “, o di B.Russel “A causa della stupidità della maggioranza degli uomini, è molto più probabile che un giudizio diffuso sia sciocco piuttosto che ragionevole.” avrebbe contato meno su un grande consenso e sulla “democrazia diretta”...
Per avere un buon raccolto bisogna ben seminare,concimare e annaffiare...Lui l’ha fatto. ora si può solo aspettare...

massimo marchetti 29.05.13 18:02| 
 |
Rispondi al commento

in diretta sui Raitre, è iniziato il Colpo di Stato

giovanni 29.05.13 17:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARI BEPPE E BECCHI, SE CI MOLLATE ADESSO,SIAMO FRITTI.
CI AVETE APERTO GLI OCCHI, POI OGNUNO PUO' FARE
QUELLO CHE VUOLE, MA PER QUELLO CHE CI AVETE DATO
VE NE SIAMO GRATI PER SEMPRE.
VEDO CHE POCHI HANNO COMPRESO IL VOSTRO MESSAGGIO,
ANCHE TRA I 'NOMINATI' (E QUESTA E' FONTE DI MERAVIGLIA !); D'ALTRO CANTO STORICAMENTE SEMBRIAMO UN PO' 'FROCI' E UN PO' 'CORNUTI' CONSENZIENTI: CI FA PIACERE ESSERE PRESI IN GIRO
CONTINUAMENTE DAI PENNIVENDOLI E VIDEOSELLERS DEI
MIEI STIVALI.... TRISTE DESTINO.
E' STATO UN PIACERE CONOSCERE IL BLOG CHE
DIVORO DA CA. 5 ANNI.
T.Y.

crescenzo d'addona 29.05.13 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Per come la vedo io Grillo è un mito, dovrebbe far sozzare i nostri, con queste persone che stanno deliberatamente massacrando istituzioni e servizi, che se fossero state gestite in modo diverso e persone diverse, sarebbero potute diventare modelli per il resto del mondo, in positivo, grande Beppe tieni duro con ogni mezzo e lasciali sorridere con la loro vittoria, cosa mai hanno vinto poi solo loro lo sanno. Vivo in periferia a Roma e ti dico che molti non sono andati a votare, voti tuoi caro beppe, e non i loro, per un semplice motivo, Protesta per il fatto che nonostante sia il movimento a trionfare alle politiche al governo ci sono sempre gli stessi, e devo dire che quì la situazione è drammatica, disoccupati su disoccupati che si rassegnano a vedere questi quà sempre al comando, vedrete tutti che la strategia funzionerà saranno costretti comunque a fare qualcosa, che puntualmente non sarà sufficiente, e che continuerà ad aumentere il malcontento, peccato che per quando diventeremo prima forza in parlamento non ci sarà più nulla da salvare..... del resto se uno mette i propri soldi in mano ad un ladro è chiaro che quello non molla fino a che non ha fatto sparire tutto....Un altro profeta, che sapeva come funziona l'uomo, in tempi passati disse "una comunità che cambia la libertà con delle certezze non è degna ne dell'una ne dell'altra" questi fu il vecchio e caro Benjamin Franklin, fece una foto allora, di questo paese oggi, Anche il nostro Beppe è stato profetico non lo aveva detto che sarebbero stati costretti ad allearsi per continuare a governare, se possibile tirate fuori un pò di porcherie che fanno clamore un pochino per volta ma continuamente e finiranno per divorziare Ciao a tutti tranne quelli che sono qui ma non sono con il cuore a 5stelle

Marco Persichetti 29.05.13 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Leggere sui giornali e vedere in tv Bersani che fa lo splendido rivendicando la diretta streaming e' da insulto.Ho sempre divulgato il verbo del m5s con la mia pagina fb(si fa quel che si può),e anche a voce,ma ora credo che si debba andare in tv.pertanto non divulgherò più nulla se non vedrò da parte del m5s passi in avanti con l'informazione,non si può permettere che molta gente,anche anziana,sia sottratta dal sapere solo perché non usano internet...cazzo

Gianluca tozzi 29.05.13 11:11| 
 |
Rispondi al commento

A parte le farneticazioni ed i fanatismi. Quando sarà che m5s presenterà le proprie proposte di legge ? Sono passati tre mesi, che abbiamo fatto? La parentesi si chiude a fine estate Beppe. Rimarranno nullafacenti e centri sociali a sostenerti.

Guido 29.05.13 07:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA TELEVISIONE, I GIORNALI E LE RADIO HANNO INFLUITO IN MANIERA DETERMINANTE SUL MANCATO “BALZO IN AVANTI” DEL M5S ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE.

Sicuramente influisce anche “il voto di scambio” clientelare, familistico ed amicale delle amministrative, ma mai quanto la pressione mediatica.

Quasi tutte le trasmissioni televisive, i programmi radio, i giornali e le riviste, hanno bombardato la popolazione italiana di bugie, menzogne, calunnie, diffamazioni, insulti, distorsioni, sarcasmo denigratorio, sbeffeggiamenti, critiche gratuite, mistificazioni di ogni risma, in ogni ora del giorno e della notte, contro il M5S.

I mezzi ci comunicazione nelle società capitalistiche sono per la quasi totalità nelle mani dei potentati economici industriali, bancari, finanziari e dello Stato che difende i loro interessi. Questo è un problema che riguarda il mondo intero, anche se l’Italia rappresenta un caso di scuola.

LA TELEVISIONE E MEDIA CONTROLLATI DAL POTERE ECONOMICO, COSTITUISCONO OGGI L’UNICO VERO OSTACOLO DELL’UMANITÀ VERSO UN REALE CAMBIAMENTO.
Se non si riesce a trovare un modo per neutralizzare questi strumenti micidiali di lavaggio del cervello, indottrinamento, manipolazione, istupidimento e lobotomizzazione delle masse, qualsiasi scatto di ribellione dovuto a situazioni cicliche di crisi economiche, sarà destinato ad essere spento con le “buone” o con le cattive.

Spero che a qualcuno non venga in mente di buttarsi nelle fauci del lupo: CHI VUOLE USARE LA TELEVISIONE PER CAMBIARLA, SARÀ DESTINATO AD ESSERNE CAMBIATO.

Lucio P., Jesi Commentatore certificato 29.05.13 01:33| 
 |
Rispondi al commento

Credo che un po' di autocritica vada fatta e che siano stati commessi errori. Non giustifichiamo con giri di parole e nascondendo la realtà delle cose, gli errori se si riconoscono servono come base di esperienza per affrontare meglio i prossimi appuntamenti e le future battaglie elettorali.

Gregorio Grande, Paese Commentatore certificato 28.05.13 22:41| 
 |
Rispondi al commento

La cecità della politica attuale assume forme ansiotropiche con inciucio coatto.
Nuova parola d'ordine "c'aunimm e magnamm".
Anche il movimento di grillo comincia a perdere spessore,perchè la gente è stanca è pretende risposte in tempi brevi.Molti non si rendono conto che dopo vent'anni di racconta balle i pupi politici sono dichiarati falliti dalla gente che ragiona con senso di patria.Tentano,iniettano attraverso le reti televisive fiumi di minkiate,un passatempo per i conduttori televisivi e i giornalisti di sistema .Ogni mattino sento per una mezz'oretta le reti rai e la sette ,dicono sempre le stesse cose ,passano i mesi e nulla cambia.Quindi chi vota questa gente deve necessariamente collocarsi nei falliti come loro.

Maverick 28.05.13 22:16| 
 |
Rispondi al commento

Hanno " VINTO" i mediocri in un paese mediocre... Di cosa ci stupiamo... Credono che Letta gli salverà le chiappe, di cosa vogliamo parlare ancora...

sergio g., San Bonifacio Commentatore certificato 28.05.13 20:19| 
 |
Rispondi al commento

Nel territorio dei media si gioca una partita truccata. Esattamente come quella che si gioca alle slot machine, tarate a perdere per chi ci gioca i propri soldi. Goffa e preistorica l'idea che per avere cassa di risonanza si debba andare li con qualcuno che in pantofole e seduto ti osserva e ti giudica dall'altra parte della scatola. Si vada, piuttosto, nel territorio vero a contatto con la pelle delle persone. Grazie per l'ospitalità.

Atos Paci 28.05.13 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi 5S,
era fin troppo scontato che a fronte di un risultato amministrativo non particolarmente esaltante tv, giornali, e media in genere, si sarebbero cimentato nella gara più ovvia ovvero quella di celebrare il de profundis al Movimento illudendosi che il pericolo fino a 48 ore fa, incombente come la tigre che ti sta per azzannare, come per miracolosi svanito nel nulla. Come gli incubi che seguono una lauta cena, magari a base di ostriche pagate dalla collettività. Ho abbastanza anni e ricordi netti di tornate elettorali di tutti i generi e quello che è avvenuto è assolutamente ordinario. Le Comunali si giocano su presenze radicate da secoli della peggior specie di traffichini, maneggioni, ruffiani, mezzani, papponi e fauna simile. Il posto da bidello, la licenza per alzare il solaio, una variante al Piano Regolatore per edificare lì dove non si può, consulenze, contributi ad associazioni di volontariato che assistono se stessi, sono la merce che viene battuta sui banchetti del voto di scambio. Più è vicino il livello di governo più l'intrallazzo, alimentato anche da oggettivi bisogni prodotti dalla congiuntura economica - occupazionale, è intenso e richiede specialisti che non si improvvisano. Movimenti che prospettano una diversa visione della vita di una comunità, mondata dalla gestione della cosa pubblica in mano a banditi, grassatori, corrotti, zoccole, falsari, truffatori, pataccari, servi, guitti, cialtroni, buffoni et similia, volano alto, al di sopra delle questioni minimali giornaliere che sono il pane quotidiano delle sedi territoriali di partiti, deputati da 4 soldi, camere sindacali, parrocchie e ogni genere di mercatino dove io ti voto e tu mi dai qualcosa. Non temete 5S è vivo, vivissimo. Una preghiera per i nostri eletti alle camere nazionali: via subito i contributi pubblici a giornali e tv. Se son così bravi come pensano avranno mercato e guadagneranno lo stesso. In mancanza cessi da lavare non mancano. Dobbiamo essere ancora più forti.

MARIANO P., BRESCIA Commentatore certificato 28.05.13 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, dovresti riempire le tv con il tuo simpatico faccione. Ci sono milioni di italiani che non escono di casa ( e quelli sono lo zoccolo duro di votanti degli altri partiti ). Se tu riuscissi a smuoverne alcuni milioni, così come hai fatto nella piazze di tutta Italia, sarebbe la vittoria.

Giuseppe Marici 28.05.13 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Ben detto,la democrazia delegata è diventata solo un simulacro di democrazia e allora cosa fare?E' la democrazia del web quella più indicata,più giusta,più funzionante,più corrispondente al concetto di partecipazione del popolo alla volontà generale,alla sovranità popolare?Non credo in quanto il web è partecipato solo da una piccola parte di cittadini,è caratterizzato da una presenza specifica non rapresentativa di tutte le istanze societarie,è manipolabile,è pericoloso in quanto può essere utilizzato da arrivisti di ogni specie non controllabili.Certamente come strumento alternativo di comuicazione alla palude mediatica di regime è necessario ma non basta.La democrazia diretta è possibile non solo permettendo a chiunque di partecipare alle scelte che riguardano tutti ma soprattutto permettendo di giudicare a tutti la sincerità dei propositi di tutti.E' quindi indispensabile dotarsi di strutture ove tutti possono valutare tutti sia nei propositi che nei fatti.Non capisco allora la riluttanza verso i partiti tout court.E' chiaro che la forma partito esistita fin'ora è giunta al capolinea e non è più riproponibile ma altre forme sono possibili,forme che non prevedano lider ma organi collettivi rinnovabili periodicamente con un limite nei mandati,ove le decisioni si prendono a maggioranza ma sono periodicamente sottoposte a verifica per constatarne la validità.Il concetto di verifica va applicato anche alle persone se si ritiene che queste abbiano debordato dal mandato ricevuto.Il vincolo di mandato dev'essere tassativo pena la decadenza dal mandato stesso e così via.La democrazia diretta è la sola strada per risolvere sconcertanti meccanismi insiti nella democrazia indiretta ma per fare questo occorrono lungimiranze,onostà intellettuale,terziarietà merci alquanto rare nella situazine data ma persone come lei ci danno un certo ottimismo nella riuscita dell'impresa.

carlo 1., torre annunziata Commentatore certificato 28.05.13 17:36| 
 |
Rispondi al commento

sante parole signor Becchi....

katiuscia v. Commentatore certificato 28.05.13 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto in rete i vari commenti sulle ultime amministrative.
Gli errori servono per crescere.
Così come organizzare il movimento,serve alla sua sopravvivenza,fondamentale per raggiungere i suoi obiettivi.
Cosa di cui non è stato tenuto conto pensando che con le ultime elezioni qualcosa fosse cambiato.
Siamo entrati in politica e nel palazzo per far sentire la nostra voce in che modo ?
Pensare di ottenere il 51% dei voti per poter realizzare il nostro programma è utopistico.
Abbiamo avuto la possibilità di poterlo fare formando un governo con il PD su dei punti condivisi ed altri da concordare tenendo presente le necessità della gente e del paese.
Non abbiamo capito l'opportunità che avevamo e l'abbiamo sottovalutata.
Abbiamo consegnato l'Italia a Berlusconi siamo stati bravi complimenti.
Se le cose si fanno alla luce del sole se non ci sono interessi personali e di lobby e gli accordi vengono presi per raggiungere quei risultati che servono al paese allora parliamo di politica non di inciuci o di accordi sotto banco.
Qualsiasi altro discorso non serve dobbiamo comunque confrontarci e misuraci con gli altri ma senza paure e timori reverenziali senza cadere nel ridicolo.
Serve un portavoce che vada in televisione in quei programmi dove si parla di politica in modo serio che abbia gli attributi per controbattere alle continue cazzate che vengono dette ed al fumo negli occhi che continuamente lanciano alla gente.
Preferirei inoltre che i toni sul blog fossero più pagati capisco la rabbia generale che c'è in giro ma questo non risolve il problema.
Beppe
ragiona il sistema lo potevamo scardinare dal dentro abbiamo perso l'occasione che ci era stata data abbiamo avuto la possibilità di far fuori il PDL e di costringere il PD ha realizzare non solo quei punti che erano condivi ma ad aggiungerne altri che erano i nostri.
La fiducia la si ottiene FACENDO non parlando.
E noi cosa abbiamo FATTO?
La concretezza amici miei la concretezza

filiberto sasara 28.05.13 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ritengo sia da valutare la possibilità di delegittimare la convenzione per le riforme, non partecipandovi

Letta ha impegnato le forze che lo sostengono, a liquidare la Democrazia, in questo Paese

giovanni 28.05.13 16:42| 
 |
Rispondi al commento

certamente,non e un crollo del movimento per chi a votato 5 stelle, come me, rimane convinto del idea nuova e nella possibilita di un cambiamento
radicale della situazione politica,che rappresente l'unica alternativa al fallimento del nostro paese,solo i creduloni e gli stupidi e sono tanti soprattutto economisti pagati dal sisteme,che nascondono la verità,la crisi e irreverssibile con questo sistema e potrei spiegarla con poche parole e se ne potrebbe uscire con due o tre leggi senza troppi problemi, ma li tengo per me.Tuttavia una cosa e certa mi dispiace dirlo ma grillo o chi per lui ha peccato di strategia politica,che occorre per combattere il sistema politico,tenendo presente il ruolo dell'italia nello scacchiere mondiale e parlo di nato,massoneria,servizi segreti e mafie,che anno un filo comune,con interessi inimagginabbili per noi brava gente.Se uno riflette attentamente e analizza quello che e successo dopo il voto di febbraio si evince che nessun voleva che il movimento 5 stelle andasse al governo perche quello che si è verificato con il voto per il presidente della republica sarebbe successo anche se il movimento avvesse accettato un governo bersani,li si sarebbe dovuto aggire diversamente anche perche molti italiani che sono disperati si sono illusi purtroppo in un cambiamento immediato
della loro situazione sociale.Nello scusarmi per qualche errore porgo i piu cordiali saluti a tutti

francesco 28.05.13 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Se vogliamo provare ad essere lucidi nell'analisi di ciò che sta accadendo, io penso che le scelte fatte sin'ora da Peppe siano sostanzialmente coerenti ed in linea con il programma del M5S...ciò che desta qualche perplessità è il percorso, dopo le elezioni politiche, con cui si è pervenuti e si sono realizzate le scelte!!
Bersani aveva richiesto solo di appoggiare il suo governo e mai ha chiesto di dare vita ad un governo congiunto e condiviso e, dunque, non si poteva certo dare cieca fiducia a chi da decenni non ha mai dato prova di saper amministrare l'Italia nell'esclusivo interesse dei cittadini.
Il modo, però, con cui si è risposto alle insistenti iniziative di Bersani lascia un po' perplessi, in quanto non si sono avanzate controproposte,dettando delle nostre condizioni imprescindibili sulla base delle quali aprire un dialogo, scaricando su Bersani l'eventuale onere di rifiutarle assumendosene la responsabilità politica agli occhi di tutti.
Alle volte addirittura ci si è rifugiati dietro battute (alcune delle quali anche di dubbio gusto - vedi per tutte il richiamo a Ballarò nel colloquio)che hanno dato l'impressione di una scarsità sia di idee e sia di chiari percorsi per realizzarle.
Credo, quindi, si debba riflettere bene anche sulle nostre rappresentanze nelle istituzioni, senza naturalmente nulla togliere agli eletti.
Ad esempio, tra non molto ci saranno le elezioni per il parlamento europeo e se vogliamo realmente contare qualcosa in tale importante istituzione, è indispensabile selezionare candidati che abbiano almeno una conoscenza del diritto comunitario e del funzionamento del Parlamento Europeo.
Ciò tanto più ove si consideri che lì vi sono sostanzialmente due blocchi (socialisti e popolari) e non servirebbe a nulla andare a contestare tutti, perchè si verrebbe solo emarginati!!
A mio avviso sarebbe, quindi, necessario selezionare una rappresentanza in grado di sapersi muovere in tale non facile contesto!!!!

Oliviero C., ROMA Commentatore certificato 28.05.13 16:33| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di democrazia liquefatta.
l carbonio è l'elemento fondamentale della vita. Il suo successo deriva dalla sua intrinseca capacità di legarsi con una miriade di altri elementi. Chi in politica riproduce le caratteristiche del carbonio conquista la capacità di essere vincente. Poi, tra gli elementi, abbiamo anche i cosiddetti gas nobili, che hanno caratteristica opposta: sono refrattari a combinarsi. Rimangono "nobili" ma contano poco; non hanno la "bastardaggine" necessaria per sequenziarsi in nuovi composti. Con il loro essere gas poco influiscono. Testimoniano solo di essere presenti nella tavola periodica e la loro separatezza non reca benefici.
Ora in queste elezioni lascio a Voi l'individuazione di chi sia stato il carbonio e come i composti di questo elemento tendano a trasformarsi e a rigenerarsi anche quando imputridiscono. Altrettanta ricerca la auspico e la lascio sospesa per ciò che riguardi la valenza e durabilità fattuale dei gas nobili. Desidererei, infine altrettanta riflessione circa i gas rari che non vogliono essere palloncini (quando sfuggono di mano ai bambini).

giancarlo bianchi, varese Commentatore certificato 28.05.13 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo dopo l'euforia delle elezioni dove il movimento ha preso tanti voti, molte delle persone che lo hanno votato, avrebbero preteso di vedere immediatamente dei cambiamenti,( magari che governasse assieme al PD);sbagliato a mio parere e i voti non erano sufficienti per poter mettere in opera il programma. allora tutti quelli che lo hanno votato non per convinzione ma solo per disperazione, hanno pensato bene di non andare a votare o di lasciarsi abbindolare dalle solite promesse. Io penso comunque che disertare completamente giornalisti e programmi TV non sia giusto, non parlo dei programmi dove fanno soltanto caciara ma per spiegare le proprie idee e contrastare tulle le falsità che così possono passare per vere agli occhi dei tanti che non vanno sulla rete ( naturalmente dovrebbero andare persone in grado di fronteggiare tutti i falchi che vanno nei programmi televisivi). sulla rete purtroppo non ci vanno tante persone, pensate a tutti quei vecchi come me che prendono tutto quello che dice la TV come oro colato e che votano lo stesso partito da 50 anni perché oramai è un istituzione. "BISOGNA SPIEGARGLIELO COME STANNO LE COSE NEL NOSTRO PAESE!" Chi è giovane, come la maggioranza della rete forse a queste cose non ci pensa.
Questo comunque è solo il mio parere " molto probabilmente anche sbagliato" Io comunque mi sono sentita di esprimerlo da Oliviaoil e scusate se non è scritto bene

livia B., Castel Guelfo di Bologna Commentatore certificato 28.05.13 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, i Trolls, come ci hai definito, hanno capito la lezione ed hanno, giustamente, lasciato un movimento nel quale avevamo creduto, o per tornare ai vecchi lidi o per mandarvi tutti a quel paese, io faccio aprte di questa seconda fattispecie. Mi spiace di aver scambiato un "saltimbanco" per uno "statista", mi spiace di averci, mi spiace di aver riposto in te molte speranze, mi spiace......

AntonioC 28.05.13 16:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fintantoché non ci sarà una piattaforma "liquida" sul sito nazionale, noi non saremo mai un Movimento di Democrazia Diretta completo.

alberto arnoldi 28.05.13 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Dopo aver votato pci, pds, ds, pd, a 53 anni ho votato per m5s, disgustato in particolare della relazione intrecciata con berlu. Le ragioni per i risultati inferiori alle attese e soprattutto per i risultati del pd a roma possono essere varie: certamente l'aver spinto il pd nelle braccia di berlu, avendolo pure pronosticato, non ha dato una risposta,in termini di soddisfazione e di soluzione dei problemi concreti delle persone, a tutti quegli elettori che a febbraio avevano riposto nel movimento la speranza di un cambiamento. Sono d'accordo che il movimento non è un partito e che non lo sarà mai, ma chi si riunisce sotto un simbolo e condivide l'affermazione di valori e principi è eccome un gruppo, e si chiami partito, movimento o in altro modo non sposta una virgola. Fare politica, significa interessarsi della cosa pubblica, degli interessi della collettività; quindi chi fa politica decide. Il m5s non può dichiararsi "non di sinistra e nemmeno di destra". Al contrario deve essere di sinistra e di destra a seconda di cosa è chiamato a decidere, in rispetto degli interessi generali e di quelli particolari delle persone. Non essere né di qua né di la, alla lunga rende irrilevanti, persino qualunquisti. D'accordo sull'abolizione reale del finanziamento alla politica, ma a me preme molto di più che venga posto fine alla assimilazione dell'incarico politico rappresentativo ad un lavoro: no allo stipendio da parlamentare o consigliere regionale, provinciale o comunale; no al TFR per questi soggetti; non alla pensione; no alla indennità post incarico. Per gli eletti deve essere prevista solo una adeguata indennità di funzione, in mancanza di risorse proprie.
Vanno ripetute e spiegate alle persone le proposte di questo genere, ma anche in campo economico-fiscale e del lavoro. Della scuola. Della salute. Riscriverò se c'è spazio e sono pronto adesso, che le cose non sono andate granchè, a metterci la mia faccia.
Saluti a tutti. Avv. Antonio Belmonte

antonio belmonte 28.05.13 15:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma come si fa a pensare che Siena, che ha vissuto dal 1472 con il Babbo Monte potesse votare chi ha intenzione,giustamente, di levare l'ossigeno.
gli italiani sono gia' contenti se viene tolta l'Imu , senza capire che gli aiuti bisogna che arrivino a chi il lavoro lo puo' dare,abbiamo l'Italia che meritiamo , popolo di voltagabbana, senza senso civico che non si scandalizza a votare personaggi che in qualsiasi altra parte del mondo sarebbero in galera e votare chi dopo aver sputato e'con loro a braccietto!! siamo uno scandalo.

silvia rodolfi, reggio emilia Commentatore certificato 28.05.13 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Amministrative 2013: Il Vero Nemico del Movimento 5 Stelle è Il CLIENTELISMO

http://commentandolestelle.blogspot.it/2013/05/amministrative-2013-il-vero-nemico-del.html

Emanuele Sabetta, Roma Commentatore certificato 28.05.13 15:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

,ma credo che siamo tutti d'accordo nell'affermare che l'unico sbaglio se si può chamarlo sbaglio è quello della comunicazione che il M5S non ha fatto arrivare a tutti il lavoro svolto in parlamento compreso gli interventi alle camere dei parlamentari del M5S,come detto mille volte con voi la rete non è sufficente,ormai l'intervento di Grillo o i parlamentari del M5S in televisione è doveroso,in quale canale non lo so,ma sicuramente dobbiamo curare la comunicazione più accuratamente,è vero la televisione è gestita da gente asservita a certi partiti,ma la gente vuole vedere e sentire i parlamentari del M5S,quindi dobbiamo metterci in gioco,altrimenti questi parleranno soltanto della diaria e altre caxxate,dovevamo aspettarci questi tiri mancini,da chi sà che se il M5S avrà successo gli verrà tolto ad essi il finanziamento ai quotidiani dove loro scrivono e ridotti i canali nazionali... AVANTI A TUTTO GRILLO....E RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA ITALIA FINCHE SIAMO IN TEMPO...

franco perugini 28.05.13 15:29| 
 |
Rispondi al commento

INIZIAMO CON UN BEL VAFF....O a BEPPE
Sono un elettore del M5S e sono un classificato da Beppe nell' Italia A
Continuerò a votare M5S perchè è l'unica speranza di cambiamento, ma caro Beppe non fare il gioco dei potenti con questa dichiarazione scateni solo la guerra tra poveri e ci fai perdere le speranze.
STAI ZITTO E IMPARA DAL NANO PARACULO CHE STA GOVERNANDO IL PAESE SENZA VINCERE LE ELEZIONI
VIVA IL M5S
Grazie

Maurizio R., Rieti Commentatore certificato 28.05.13 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che siamo tutti d'accordo nell'affermare che l'unico sbaglio se si può chamarlo sbaglio è quello della comunicazione che il M5S non ha fatto arrivare a tutti il lavoro svolto in parlamento compreso gli interventi alle camere dei parlamentari del M5S,come detto mille volte con voi la rete non è sufficente,ormai l'intervento di Grillo o i parlamentari del M5S in televisione è doveroso,in quale canale non lo so,ma sicuramente dobbiamo curare la comunicazione più accuratamente,è vero la televisione è gestita da gente asservita a certi partiti,ma la gente vuole vedere e sentire i parlamentari del M5S,quindi dobbiamo metterci in gioco,altrimenti questi parleranno soltanto della diaria e altre caxxate,dovevamo aspettarci questi tiri mancini,da chi sà che se il M5S avrà successo gli verrà tolto ad essi il finanziamento ai quotidiani dove loro scrivono e ridotti i canali nazionali... AVANTI A TUTTO GRILLO....E RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA ITALIA FINCHE SIAMO IN TEMPO...

franco perugini 28.05.13 15:18| 
 |
Rispondi al commento

In questo avete imparato in fretta: trasformare una sonora disfatta (usare "sconfitta" mi sembra riduttivo) in una mezza vittoria. E' ora di cambiare. E' ora di fare Politica. Qualcuno di voi sa cosa significhi?

Marcello P. Commentatore certificato 28.05.13 15:18| 
 |
Rispondi al commento

ALLE ELEZIONI POLITICHE TI HO VOTATO, IN QUESTE DEL 26 E 27 MAGGIO NELLA MIA CITTA'NON SI VOTAVA MA IL MIO GRANDE RAMMARICO - E PENSO ANCHE DI MOLTI ITALIANI - CHE AVENDO DETTO NO A TUTTO HAI PERMESSO DI TORNARE IN CAMPO BERLUSCONI CHE ORA HA ANCHE IL POTERE DI RICATTARE IL PD E QUINDI ANCHE IL GOVERNO.

GIANNI DI PIERRO 28.05.13 15:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Italioti state solo attendendo la vostra fine, ultimamente in tv olandese, si è visto un documentario che parlava dell'Italia dal 1861 al 2030. Tra mafia, corruzione, disoccupazione, mala politica e mala unità, si prevede entro il 2030 una crisi di povertà tale da spingere ad una guerra civile, nord contro sud e sud contro polizia e nord. Previsti 25.000.000 di poveri, 15/25.000.000 di deceduti per diverse cause... Onore a Beppe per le sue battaglie, ma scappate dal paese prima di assasinare un vostro fratello e mettervi le funi al collo.
Scappate e venite a vivere da signori, dimenticatevi le lauree e venite a prendere 3/4 babà al mese.

Emanuele Esposito 28.05.13 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Aspetto Siena e i senesi in rivolta
Già chi aveva optato per i titoli nel TFR e rimasto con un pugno di mosche in mano come gli azionisti
Il peggio non è ancora arrivato
Ne vedremo delle belle

Riccardo Garofoli 28.05.13 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Se il voto al m5s viene percepito come inutile, anzi dannoso perchè il movimento ha scelto di non fare e ha consentito a Berlusconi di rigenerarsi e riorganizzarsi, alle successive tornate elettorali non ci si dovrà stupire di fronte ad un ridimensionamento.
La gente è stanca di chiacchere, proclami e occasioni perse, se vinci alle elezioni devi entrare nell'arena e cominciare a fare qualcosa...altrimenti rappresenti solo l'ennesima delusione..

riccardo pastorello 28.05.13 14:46| 
 |
Rispondi al commento

Da quello che posso sentire in giro molti di coloro che ci hanno votato alle politiche sono scettiche e ripetono come un disco rotto che Grillo non ha fatto nulla, gli italiani guardano solo ai propri interessi e sanno perfettamente che l'unico modo di tutelarli è affidarsi ai partiti, possiamo fare i salti mortali ma rendiamoci conto che la popolazione fa più schifo che sgomento, e non si vergognano di ciò. Bisogna essere liquidi a tutti i livelli, capaci di entrare anche dove si ritiene che non sia necessario, se Beppe avesse frequentato la tv poteva spostare molti più voti, capisco che è contro il credo del movimento ma per il bene e la crescita di quest'ultimo bisogna concedersi in prima persona e giocare come gli altri sulla notorietà. Se rimaniamo fermi al web dobbiamo pazientare almeno 10 anni, dato che il potere politico ha tutto l'interesse a mantenere e diffondere ignoranza.


Non si può parlare di crollo perchè il M5S si presentava ai comuni per la prima volta quindi sono tutti voti in più di zero ma è innegabile che il clentelismo locale ha vinto sull'ingenua onestà dei candidati locali e i risultati sono decisamente sotto le aspettative.

Secondo me è mancato un chiaro programma locale:
in ogni singolo comune i candidati sono liberissimi di fare ciò che vogliono, ma se tutti avessero sottoscritto uno stesso programma comune sarebbe stato molto più semplice (e meno costoso) fare una specie di campagna elettorale nazionale finalizzata alle elezioni locali.

Localmente contano moltissimo le persone, mentre il partito di appartenenza è poco rilevante;
da questo punto di vista credo che i meetup abbiano fallito nella scelta dei loro candidati e probabilmente non hanno ben curato la loro immagine, quindi bisogna ripensare un po' a un'eccessiva autonomia che deve essere ridotta per affiancarsi ad un lavoro di squadra a livello regionale e nazionale.

A livello locale conta poco il voto di opinione e il voto di "tornaconto personale" è invece la cosa più importante, quindi la prossima volta ricordiamoci di dare molta più importanza alla parte economica evidenziando in modo chiaro i vantaggi per il portafogli degli elettori.

Avere consiglieri ovunque è un buon inizio ma è importante imparare dagli errori.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 28.05.13 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Mi piace capire cosa succede, preferisco decifrare i fatti, non mi piace invece la superficialità e la presa di posizione come presupposto.
Ci sono occasioni in cui si deve analizzare i fatti.
E per questo occorre partire dai dati di base.
Il Movimento è pronto per governare?
Il Movimento, a parte le linee guida e le cose concrete fin qui realizzate, ha un programma operativo concreto a medio termine?
Io credo in questo movimento e lo sostengo, sinceramente e concretamente, ma credo anche che occorre fare dei cambiamenti in termini tattici e strategici.
La mia analisi mi porta a pensare che i tempi sono stati troppo stretti, troppo veloci, non si è ancora pronti con una cultura e una preparazione adatta a far fronte al confronto del giorno per giorno.
Secondo me bisogna aspettare e saper aspettare, gli eventi hanno superato ogni previsione, da obiettivi minimali (ma fondamentali) ci si è trovati di fronte all'ipotesi di governare un paese, in gravi condizioni. Ma aspettare non vuole dire inattività, al contrario, serve accumulare esperienza e analizzare con freddezza e profondità cosa sta succedendo.
Prepariamoci per domani, non lontano ma domani, oggi occorre puntare su traguardi raggiungibili, non promettere quello che non è logico poter conseguire adesso.
Insomma un invito a guardare senza paura ai fatti, evitando di entrare nella logica facile della difesa-accusa.
Chi sbaglia o non ottiene i risultati sperati commette u errore se tenta di addossare le responsabilità al resto del mondo, meglio rimettersi in discussione ma non sbagliare l'obiettivo, anche se sarà più difficile e lontano da ottenere.

Franco Farina 28.05.13 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Ho votato di nuovo il movimento, ma non posso fare a meno di fare delle critiche: 1) accanto ai giovanissimi e meno giovani ma comunque inesperti, occorre affiancare nel movimento gente capace ed onesta che rappresenti quel mondo sano della scienza, della cultura, dell'arte, dell'imprenditoria e magari della finanza che ha saputo distaccarsi dai compromessi politici e mafiosi per andare avanti con le proprie gambe ed onestamente. Magari quei ricercatori scappati all'estero per veder riconosciuti i propri meriti.
2)il movimento deve identificarsi sia nelle idee che nei comportamenti e coloro che escono fuori dalle righe per fare i furbetti devono rimanere fuori altrimenti il movimento perderebbe la proprie identità. Si può discutere su tutto ma non su quei comportamenti che hanno fatto del movimento qualcosa di diverso dalla vecchia partitocrazia quali l'onestà, la coerenza, le virtù, la ricerca di gente capace ed onesta.
3) Occorre diffondere meglio idee, principi, linee guida, progetti confrontandosi con gli altri nelle scelte e nei comportamenti mettendo meglio in luce i propri meriti e i propri progetti e evidenziando i comportamenti criminali, avidi, antieconomici e gli sperperi ed i clientelismi degli altri partiti. 4) Parlare, discutere e creare uno staff su cui possa reggersi tutto il movimento con dei referenti che possano far politica ad alti livelli: se succedesse qualcosa a Grillo oggi il movimento morirebbe e sarebbe un grave danno perché deve continuare ad esistere anche senza Grillo.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 28.05.13 14:30| 
 |
Rispondi al commento

DUE SETTIMANE DOPO LE POLITICHE HO SCRITTO A GRILLO PER INVITARLO AD UN CONFRONTO APERTO E TRASPARENTE SU UN PROGRAMMA DI GOVERNO CHE AVESSE RICALCATO IN LINEA DI MASSIMA QUELLO DEL M5S. C'ERA L'OPPORTUNITA' DI METTERE ALLE CORDE IL PD E FAR CAPIRE AGLI ELETTORI DEL CENTROSINISTRA CHE IL MARCIO ERA IN QUEL PARTITO, DIVENUTO ORMAI ORGANICO AL POTERE ED ALLE LOBBY.NELL'OCCASIONE GLI DISSI PURE DI NON RIPETERE GLI STESSI ERRORI DI DI PIETRO, DI CUI ABBIAMO VISTO I RISULTATI.
PURTROPPO SI SENTIVA ORMAI UN PADRETERNO AL DI SOPRA DI NOI COMUNI MORTALI. HO FATTO PRESENTE CHE IL NOSTRO VOTO NON ERA SOLO UN VOTO CONTRO I CORROTTI ED I MAFIOSI DELLA POLITICA, MA ANCHE UN VOTO DI CAMBIAMENTO E DI SPERANZA PER IL FUTURO. NULLA DA FARE, NON SIAMO STATI PRESI IN CONSIDERAZIONE, ANZI, LO ABBIAMO DISTURBATO,SOLO IL SUO PENSIERO CONTAVA. CARO GRILLO SCENDI CON I PIEDI PER TERRA E SE VERAMENTE TIENI A TUTTI QUESTI RAGAZZI CHE TI HANNO SEGUITO SPERANDO NEL CAMBIAMENTO, ORGANIZZA UNA NUOVA CLASSE DIRIGENTE NEL M5S E CONFRONTATI CON LE FORZE SANE PRESENTI NEL PAESE, SENZA RANCORI E PRECLUSIONI DI SORTA,

ALBERTO FERRETTI 28.05.13 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,
abbiamo lasciato che ci distruggessero.
LA RETE NON E' SUFFICIENTE ANCORA .
La merda che politici e loro cani fidati(senza offesa per i cani) giornalisti hanno buttato tutti
i giorni ad ogni momento è stata troppa per il blog da togliere.
E questo lo hanno capito i politici che dopo lo smarrimento iniziale dopo le politiche hanno capito l'occasione che avevano:
poter dire e scrivere tutto quello che volevano senza che nessuno li contraddisse o confutasse le loro sporche tesi.
Hanno dapprima demonizzato il web(gli insulti, l'anonimato,Mentana che scappa da Twitter etc etc)
e poi hanno sferrato l'attacco vero e proprio.
Altro che voto cosciente del cazzo, la gente rincretinita ed impaurita(ricordati che Bush vinse il secondo mandato instillando la paura negli americani)della novita' impreparata, dilettante(nn c'era nessuno a ricordare alla gente che i parlamentari grillini nn erano ne + ne - preparati degli altri)s'eè fatta fregare per l'ennesima volta da questi schifosi ladri corrotti.
MA NOI ABBIAMO RINUNCIATO AL 70% DELLA DIFESA DISPONIBILE, NN ANDANDO IN TV,NN SCRIVENDO SUI GIORNALI.(NON AVENDONE UNO..)
Purtroppo le regole del gioco sono fatte da loro per i loro mezzi e noi o nn li abbiamo o ci rinunciamo.Quasi mi pento di aver rinunciato a diventare un partito, ma solo x usufruire degli stessi mezzi i cui dispongono.
Se l'Italia è un paese di vecchi(ed è vero)come si puo' sperare che questi vadano tutti su internet?E' troppo presto ancora per lasciare alla rete tutta la responsabilita' di propaganda e difesa del movimento.
Ma dagli errori s'impara e noi dobbiamo imparare per forza.
ABBIAMO PERSO UNA BATTAGLIA E NON LA GUERRA CHE è ANCORA IN CORSO.
E allora ricominciamo, via con gli attivisti, formiamo le persone per la televisione, procuriamoci un giornale, organizziamoci altrimenti andra' tutto perso.
Rendiamoci conto che dopo queste votazioni i partiti corrotti si sentono autorizzati ad andare avanti come hanno fatto fino ad ora.
RUBANDO TUTTO.
FORZA ora

Filippo Cireddu 28.05.13 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Estratto da un articolo di Ida Magli (www.disinformazione.it)

L’introduzione dell’euro ha sferrato il colpo di grazia all’economia degli Stati. Se viceversa si fosse trattato davvero di un errore, allora perché, invece di metterli alla gogna, continuiamo a farci governare da quegli stessi banchieri ed economisti che non sopportano la minima critica all’euro? Dunque la situazione economica continuerà ad essere gravissima e il solerte Distruttore si prepara a consegnarci all’Europa sostenendo che mai e poi mai potremo mancare agli impegni presi e che per far funzionare l’euro bisogna unificarsi sempre di più. Questa è la meta cui si vuole giungere. Visto che la moneta unica non funziona, perché sono diverse le produzioni dei singoli Stati, cambieranno forse queste produzioni unificando le banche e le strutture economiche? Bisogna farsi prendere per imbecilli non reagendo a simili affermazioni. L’unica possibilità che abbiamo per salvarci è che sorga qualcuno in grado di organizzare una forza contraria. Io non lo vedo, ma lo spero. Lo spero perché l’importante è aver capito, sapere quale sia la verità, guardare in faccia il nostro nemico sapendo che è ‘il nemico’

Ezio Gava, Dublin, Ireland Commentatore certificato 28.05.13 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Una semplice domanda... perchè avete deciso di non apparire ( e quindi avere un confronto) nelle televisioni... e poi escono interviste e foto di Crimi e Lombardi degne delle peggiori soap opera su "OGGI"...?

gianpiero luisi, salerno Commentatore certificato 28.05.13 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro prof. Becchi questa mattina l'ho vista in tv (Agorà credo) e non mi convinceva il suo modo di analizzare quanto è avvenuto domeni e lunedi. La fretta non mi ha dato la possibilità di vedere se nel proseguire ha aggiustato il tiro. Poi leggo il suo post sul sito,dove lei in tv raccomandava di andare a guardare le proposte presentate dai gruppi del M5S in Parlamento, e cosa ci trovo? Le dichiarazioni di La Malfa, Malagodi, Longo stile anni '70 (lei sicuramente ricorda questi nomi e le loro dichiarazioni post-voto). Un linguaggio degno dei politici più navigati. Leggendo gli altri post noto che la colpa di tutto è come sempre degli altri. Adesso addirittura pensate di aver avuto la battuta d'arresto perchè non siete andati in tv a promuovere il vostro non-programma. Insomma accampate scuse varie tutte tese a vedere nell'altro il responsabile. Fare un'esame di coscenza proprio non vi riguarda? Fermatevi e cercate le risposte, senza aver paura di dirvi: abbiamo fatto una cappellata. Il M5S aveva la golden share e l'ha sprecata. Secondo me per paura, ma questo conta poco. Resta il fatto che la presunzione e l'inesperienza hanno fatto sì che l'opportunità offerta fosse buttata dalla finestra della sala dove si è tenuto l'incontro tra Bersani e i "cittadini" Lombardi e Crimi. Incontro che Grillo ha preteso andasse in diretta non per trasparenza, non per aprire come una scatoletta il "Palazzo", ma per tenere sotto controllo ciò che accadeva visto che l'elezione di Grasso aveva messo in discussione l'unità dei gruppi del m5s. Oggi tra gli astenuti c'è tanta gente che aveva scommesso su di voi ed è rimasto deluso. Perchè non è stato spiegato che per realizzare un programma, in una democrazia parlamentare, ci vogliono i voti. Altrimenti sono sogni che di volta in volta si ripongono nel cassetto. Perchè? Perchè la vita è varia e ognuno ha le sue soluzioni. In assenza di maggioranze assolute c'è bisogno di allenze. Spero che questa batosta serva a farvi rendere conto di ciò.

Salvatore Cuoco Commentatore certificato 28.05.13 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Il risultato di queste elezioni amministrative più che deludermi mi fa immensamente rabbia perché ancora una volta dimostriamo di essere schiavi della disinformazione. Io non sono una laureata, una politologa ne una giornalista sono una semplice cittadina impiegata e diplomata. L'analisi che tutti ci sforziamo di fare a questo risultato per me è inutile. La gente non arriva a capire che ci sono grandi problematiche delle quali tutti noi cittadini dobbiamo conoscere e prendere coscienza. Io mi sento di dire che non abbiamo sbagliato in nulla da quando ascolto Grillo e seguo ed ho votato il M5S sono venuta a conoscenza di cose che neanche immaginavo l'esistenza che facciamo non le vogliamo combattere? Il finanziamento pubblico ai partiti e all'editoria, la gestione della Cassa Depositi e prestiti, i casi di ineleggibilità, lo scandalo del MPS, la politica relativa ai rifiuti zero, la battaglia contro il M.U.O.S. il reddito di cittadinanza chi le conosce queste cose chiedetele ad un cittadino su 10 quanti vi risponderanno pochi. stampa e tv sia a destra che a manca vanno dicendo che in questa campagna il M5S ha parlato poco di territorio non è vero neanche questo sono stata al comizio del 24/5/2013 ho sentito tutti i candidati alla presidenza municipale quindi lo studio del territorio è stato fatto e come. Ma l'informazione non c'è abbiamo dei media che sono omologati alla politica non ti spiegano nulla perché in 20 anni i politici hanno campato di rendita in parlamento non si lavora tranne quei poveri neofiti del M5S che in tre mesi hanno presentato decine di disegni di legge, proposte, mozioni, interrogazioni e interpellanze. Ma sono famosi all'opinione pubblica solo per aver discusso sulla diaria e per la loro riluttanza a farsi intervistare. Niente da fare la battaglia è dura anche se sono tanto demoralizzata voglio crederci ancora ad un cambiamento culturale.

silvia conti 28.05.13 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Il commento va bene ma coomunque e' una sconfitta...bisogna capirne le ragioni se no si rischia di scomparire

Filippo Pinori 28.05.13 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Non è vero che gli elettori puniscono il M5s per chissà quale motivo. L'italiano è pigro e non si informa. I media ci diffamano da mesi e le pecore se la bevono. Gli italiani si meritano i politici che hanno e il 70% di questo paese ancora si riconosce in pd e pdl. Di che ci meravigliamo? Tutti quelli che hanno cercato di svegliare le coscienze sono stati massacrati, la storia ce lo insegna. Andiamo per la nostra strada, non per vincere, ma per testimoniare chi siamo.

andrea m., frascati Commentatore certificato 28.05.13 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco la delusione degli amici M5S e viceversa sorrido ai post di coloro che gioiscono per la "sconfitta" del movimento. Avremo centinaia di consiglieri che entreranno nelle istituzioni e che sapranno mettere i bastoni tra le ruote a chi detiene il potere: se c'è qualcuno che si deve preoccupare è proprio chi ha vinto le elezioni.

Mario Novelli, ROMA Commentatore certificato 28.05.13 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace moltissimo ma continuo a pensare che il M5S ha perso il suo treno quello sul quale Bersani li aveva invitati a salire per provare a cambiare sul serio. Gli italiani vi avevano dato il voto per fare non per stare all'opposizione a vita. Piuttosto ritenendo il proprio voto al M5S inutile hanno preferito non votare. Mi spiace davvero tanto, ma troppa presunzione è negativa. Ho sempre davanti agli occhi il video della consultazione con Bersani e da votante 5S mi sono vergognato di tanta presunzione e arroganza di Crini e Lombardi che quasi prendevano in giro Bersani.

mario di garbo 28.05.13 13:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

credo che molti di quelli che ieri non hanno votato alle politiche abbiano dato la loro preferenza al movimento ma si siano poi sentiti traditi
proprio come me
non c'è nessuno che mi rappresenta e non voglio più votare per il "meno peggio"
l'unico motivo per votare ancora M5S rimane il fatto che, effettivamente, "costate meno"

s.m. b., venezia Commentatore certificato 28.05.13 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Per tutti i delusi del M5S.
Ho il dubbio che avete compreso poco della natura del M5S. Oppure siete stati da sempre in mala fede.
I risultati elettorali, specie poi quelli comunali che sono diversi da quelli politici, non possono condizionare un programma e delle regole precise. Non si tratta di chiudere gli occhi davanti all'evidenza, come ha ammonito qualcuno. Quale evidenza? Di cosa parliamo? E poi, le solite accuse: i grillini incompetenti, ecc. Chi sono gli incompetenti? I grillini o quelli che ci stanno portando alla catastrofe? Allora chi fa questa accusa è in mala fede. L'evidenza è che chi non è andato a votare non ce l'ha col M5S ma coi partiti. Non avrà fiducia magari nel M5S, che possa essere una valida alternativa alla vecchia politica, ma questo è un altro discorso. Chi è deluso non ha fiducia proprio nella politica. Ed è questo il punto: è proprio questo il segnale che tutto deve cambiare perché, con l'esempio che danno i partiti, è evidente giorno dopo giorno, come dice Becchi, la fine della politica. Se il sistema di potere (partiti, giornali, televisioni, banche, ecc.) continua a trovare anime più o meno ignare a suo favore, tutto peggiorerà. E' ridicolo dare la colpa al M5S della fine della politica. Ridicolo, però, che significa? Stupidità o mala fede?

Orazio Parisi, Avola Commentatore certificato 28.05.13 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Oh, gente sveglia!
Sempre ad aspettare il salvatore dio in terra italiana....

20 anni fa uno, adesso uno nuovo...ma la storia è sempre la stessa!!!

Svegliamoci e piantiamola di seguire il duce del momento!

Grazie!

Matt 28.05.13 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Dice bene chi dice che l'aumento dell'astensione è correlato con la perdita di voti del M5S. Coloro i quali, delusi dalla politica tradizionale avevano dato fiducia al M5S non hanno condiviso alcune posizioni/atteggiamenti del movimento. In particolare credo che le cause maggiori di perdita dei consensi siano le seguenti:
- mancato accordo con il PD quantomeno in chiave antiberlusconiana a cui invece si è in sostanza fatto un grandissimo favore...saranno pure uguali, ma tra i due non v'è dubbio che berlusconi sia il male maggiore, quello da cui doveva partire la demolizione;
- suddivisione, il giorno stesso delle trionfali votazioni politiche, tramite un post mai rettificato, della società in 2 blocchi..i buoni e i cattivi...con generalizzazioni e banalizzazioni nefaste con cui si sono gratuitamente offese persone che invece avevano con fiducia dato il voto al M5S;
- la tanto sbandierata partecipazione dove è stata? le uniche votazioni che si sono svolte sono stato appannaggio di una ristretta cerchia di eletti registratisi al sito anteriormente al 31/12..far votare 50000 persone su 9 milioni di voti e dire che sono stati i cittadini a scegliere è quantomeno ridicolo;
- chiusura totale verso ogni forma di dialogo e di critica non solo con i politici ma anche con gli stessi elettori, o si pensa quello che dice grillo o si è un troll al soldo dei partiti o nella migliore delle ipotesi un celebroleso.
Io credo che rifiutarsi di governare per poter fare una sterile opposizione in cui si denuncia quanto fanno schifo quelli che si poteva e doveva spazzare via, insultare i propri elettori dicendogli che fanno parte del blocco B dei privilegiati, sono dei troll, sono dei deficienti, votassero per qualcun altro e poi dare la colpa del crollo dei voti alle televisioni sia una visione alquanto miope.
Nemmeno prima si andava in televisione però è stata una marcia trionfale. Se ora le piazze sono vuote e le urne deserte guardiamoci dentro e non fuori.

claudio s. Commentatore certificato 28.05.13 13:30| 
 
  • Currently 4.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti è la prima volta che scrivo su questo blog
ma vorrei chiarimenti su questa notizia che ho trovato.
http://www.signoraggio.it/ennesima-beffa-della-casta-si-autoassegnano-oltre-21-milioni-di-euro/
Ma è vero quello che c'è scritto o è una bufala?
Spero sinceramente che sia una bufala perché in voi ho riposto la fiducia per il mio futuro e quello della mia famiglia e se la notizia dovesse risultare vera le uniche cose che son rimaste da fare sono:
O una rivoluzione civile mandando a casa tutti gli occupanti di camera e senato o lasciare il bel paese(che di bello ormai è rimasto poco) ovviamente io opto per la seconda perché come la storia insegna in Italia una rivoluzione civile vera e propria (come quella francese) non se ne sono mai viste e mai se ne vedranno.

Michele Marani 28.05.13 13:27| 
 |
Rispondi al commento

In tutta la campagna elettorale, compreso il 25 maggio, dalle ore otto su tutti i canali televisivi non hanno fatto altro che screditare il M5S. Anche durante e dopo lo spoglio, tutti i speciali continuavano a criticare il movimento, perché aveva avuto un calo di consensi. Tale affermazioni nasce, secondo loro, poiché il movimento non è capace di fare politica. La domanda è lecita!!!!!! Ma i partiti la sanno fare la politica? Perché Italia è ridotta così? Si è perduto il significato della politica. La politica, quella greca da polis, al servizio del popolo e non al servizio degli interessi del singolo. Si è vero che il movimento ha avuto una flessione, ma anche gli altri. Si continua a camuffare la realtà dei risultati. Da fonte del sito del ministero degli interni i risultati sono i seguenti esempio: Roma astensione al 47,19%, bianche 1,29%, nulle 2,10 somma 50,58%. Allora chi ha vinto? il pdmenoelle, il pdl, il M5S. purtroppo nessuno, più della metà non si sentono rappresentati. Quindi non giudicate il M5S, poiché non è a breve termine che si vede la forza di un movimento, ma è nel tempo. Nelle elezioni comunali non conta, nella maggior parte dei casi, il simbolo, ma la conoscenza personale, più o meno interessato del singolo candidato. Quindi prima di parlare o giudicare è bene riflettere e i mass media torniamo a ridare il giusto significato alle parole e ai dati che gli vengono forniti e ritornare a riferire l’obiettività dei fatti.

carla milana, valmontone Commentatore certificato 28.05.13 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Il voto , caro becchi, contiene una semplice considerazione.
In politica, dopo aver fatto protesta, bisogna fare proposta, e nel caso del M%S bisognava rischiare di governare.
Si è invece preferito essere sfascisti, stare solo all'opposizione, urlare e basta.
Troppo comodo.
Per questo, avverrà che il M5S presto finirà, anzi è già finito, e Beppe grillo farà la fine di mariotto segni, verrà presto dimenticato.

mario carmignani 28.05.13 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Il nemico n. 1 della partitocrazia è il M5S per questo i "politicanti" hanno esultato alla "pseudo sconfitta" dei “grillini”. Essi sanno che il loro predominio, il loro primato è messo seriamente in pericolo da questo nuovo soggetto politico il quale non si fa scrupolo di spiattellare agli italiani tutti i misfatti che quotidianamente vengono perpetrati ai loro danni.
I politicanti accusano M5S di non aver voluto costituire un governo con PD. Ma PD, già venuto a patti con PDL ai tempi di Monti, non voleva fare un governo con i "grillini". Anzi poneva dei paletti insormontabili a difesa delle proprie prerogative e nessuna concessione alle richieste del Movimento. In realtà PD non ha mai voluto costruire nulla con M5S, anzi ha sempre sperato in una alleanza con PDL per riproporre un Governo 50 e 50 volto a mantenere le loro prerogative, considerate da entrambi ormai acquisite e inalienabili. In queste ultime elezioni PD per camuffare il tonfo generale della politica italiana, manifestatosi attraverso la disaffezione al voto dei cittadini, ha dovuto mobilitare tutti gli iscritti e gli indottrinati, per vincere, ad esempio a Roma col 42% dei voti del 50% di cittadini che si sono recati alle urne. In realtà si tratta di una vittoria di Pirro. L'altro 50% quello che non è andato a votare è formato da persone che si sono stufate di farsi salassare, di farsi rincoglionire di frottole per mantenere all'ingrasso una classe monopolitica. Sulla scheda lenzuolo che ci è stata consegnata c'erano 50 simboli, ma ogni simbolo di quelli sappiamo bene faceva capo ad un unico soggetto politico: Partito Democratico della Libertà (PDDL). Del resto proprio i romani coniarono il motto: dividi e impera. Se guadagni bene vota PDDL, se non hai figli disoccupati vota PDDL, se non sei sfrattato vota PDDL, se non sei alla fame vota PDDL, se credi ancora alla Befana e Babbo Natale vota PDDL.

Claudio Serao 28.05.13 13:22| 
 |
Rispondi al commento


Mio caro Becchi ,

traspare in tutti delusione ed un po' di amarezza.

Ma attenzione alla sindrome di Romiti : " la migliore macchina mai fatta dalla Fiat ERA LA RITMO ....ma gli italiani non l'hanno capita "

Quindi i parasssiti hanno votato PDL-PD-L , i demoralizzati si sono arresi col non voto e noi gli unici a voler cambiare qualcosa con i nostri grandi pregi ed errori penalizzati.

Mi preoccupa che pochi evidenzino le nostre CRICALL ISSUE e non individuino alcuni fattori critici di rilancio del movimento.

Era tutto scritto ed annunciato IN RETE , non rimaneva che quantificare il calo che molti avevano capito dandone motivazioni , cause , effetti e varie.

Un movimento che ha sfiducia nelle risorse interne , capacità che ci sono o non conosce , che affida la comunicazione a grandi o piccole firme , che con una grande passione , encomiabile , pero' non possono aiutarci.....indicarci correttivi per continuare il nostro cammino , perdere una battaglia ci sta ma per vincere LA GUERRA.

Si vede la difficoltà di essersi sconnessi....e non controllare una macchina cresciuta troppo in fretta ...

Ma di nuovo a guardar le stelle...e sperare ...non basta piu'.

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.05.13 13:16| 
 |
Rispondi al commento

Be io direi che il movimento cavato la questine mediatica non va male in fondo in primo luogo oggi chi non si e presentato per la prima volta è entrato,poi dopo dipende poi soprattutto a come lavori dentro le amministrazioni come ti organizzi le capacità che sei in grado di mettere in campo ,quindi poi quanto riesci comunicare e rendere partecipi poi alle tematiche i cittadini che ti hanno eletto e non ti conoscono .
l'esperienza c'insegna che si è giudicati per come si lavora e ciò che realmente sai fare e non dal vestito che indossi questo bisogna tenerlo a mente poi cosa importante vivere sempre in mezzo alla gente mai barricarsi dietro i muri o le segreterie le vere battaglie si vincono in campo mettendoci il cuore .

maurizio bertozzi, ravenna Commentatore certificato 28.05.13 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è da stupirsi quando la speranza del cambiamento si arrocca a delle rigidità che non aiutano il paese ad andare avanti e che hanno portato il paese alla coalizione che oggi ci governa.
Non c'è da stupirsi se è andata così dopo che, una volta insidiati, avete iniziato anche voi a litigare per i soldi. Tutti uguali.
Non c'è da stupirsi visto che come tutti non vi siete presentati alla camera per discutere il testo sui femminicidi.
Non c'è da stupirsi quando si traduce la politica solo in insulti.
Il guaio che dinuovo, anche voi, invece di fermarvi a riflettere sul perchè di questo esito, insultate gli elettori e non vi mettete in discussione.
che brutta delusione!!!

adriana tgli 28.05.13 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Oggi abbiamo finalmente capito che la crisi non esiste..mi sento sollevato. 512.720 (PD) + 364.337 (PDL) romani lo hanno sancito. Finalmente la Caritas avrà meno problemi a dare da mangiare ed Equitalia smetterà di pignorare case e conti correnti.Vorrei dare uno spunto di riflessione a coloro che hanno votato uno dei sopracitati partiti: Essendo stato un rappresentante di lista M5S ho potuto notare bizzarri voti disgiunti ovvero: Mi spiegate cosa significa votare per un sindaco PD-L e per un consigliere PDL o viceversa? Io un'idea me la sono fatta ma lascio a Voi la discussione....

Mario Novelli, ROMA Commentatore certificato 28.05.13 13:11| 
 |
Rispondi al commento

CARO GRILLO A MIO PARERE E' OVVIO CHE IL MOVIMENTO SMINUISCA: IL PERCHE' E' DOVUTO AL FATTO CHE IL PARLAMENTO TELEMATICO CHE DOVEVA ESSERE FATTO PER FARE SI CHE IL MOVIMENTO POSSA PARTECIPARE A TUTTE LE PROPOSTE E LE DECISIONI, COME DA PROPOSITI, NON E' IN LINEA E QUINDI L'ELETTORATO 5 STELLE IN PRATICA NON CONTA NULLA! ED ALLORA IL 5 STELLE NON SI PUO' DIRE CHE SIA DIVERSO DAGLI ALTRI PARTITI.

giampaolo gottardo 28.05.13 13:02| 
 |
Rispondi al commento

e continuate pure a insultare i dipendenti pubblici e i pensionati, e chi non vive attaccato alla tastiera (che misteriosamente sarebbe piu' furbo di chi guarda la tv).. che alle prossime sarete sotto il 10%, altro che governare da soli.
duri, puri, e soli... ne restera' soltanto uno!

giorgio g. Commentatore certificato 28.05.13 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Il risultato elettorale non mi sorprende perchè una forza può aumentare o diminuire ed è naturale che chi vince sia contento.Ma qui chi ha vinto?Ha vinto chi ne ha le scatole pienedi questa classe dirigente fossilizzata,incapace,fatta di persone dozzinali i quali paura di chi ha smesso di ascoltarli.Avranno bisogno di un sondaggio anche prima di andare a fare pipì perchè. Il loro assillo sarà capire come ci sveglieremo domani.Ad ogni modo bisogna sapere che un movimento è imprevedibile nei suoi comportamenti e questo è l'assillo dei padroni del vapore.Tuttavia quando si fa una lotta bisogna portare qualcosa a casa altrimenti diventa inutile e vi è poi il riflusso come è già capitato in un passato che sembra lontano ma non lo è poi tanto

Gennaro Liguori 28.05.13 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Meno male che il sistema dei partiti è finito.

Cominciavo a preoccuparmi.

Ora mi sento decisamente MEGLIO.

contromano 28.05.13 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Perche' il forte astensionismo?
In assoluto credo nelle rivoluzioni civili, nella fattispecie no.
Per cambiare il paese occorrono decenni.
Abbiamo il tempo? Ne abbiamo la volonta' e la forza?
Noi non combattiamo contro un dittatore e il suo sistema, ma contro un sistema e la sua cultura.
La vedo difficile con le armi che usiamo.
Se alla parola guerriera non si affianca una azione della stessa entita' questa lentamente si trasforma in una parola inutile, fino a morire.
Fine del combattimento.
Sento per esempio molto lontani i Parlamentari 5*****
E' vero che ci hanno educato a privilegiare l'individuo al gruppo, ma da quelli calabresi mi aspettavo un atteggiamento diverso.
Non una parola spesa sui gravosi problemi della mia regione, per esempio. Potranno chiedere ancora il voto ai miei corregionali?
Ros
Ps-Chiedo scusa per gli errori, ma lo Smart non va d'accordo con la presbiopia.

Rosella F., Cosenza Commentatore certificato 28.05.13 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Ho sempre sostenuto il M5S e non mi sono mai fatto abbagliare dalla campagnia di disinformazione dei partiti o di quel che ne resta (poco, visto che si affannano a festeggiare il calo di M5S invece di parlare dei propri risultati) trovo però che oggi si debba obiettivamente fare ammenda per l'incapacità di fare arrivare il messaggio politico alla gente. In questa tornata elettorale e nei mesi precedenti si è dimostrato che, poichè non possiamo competere con i mezzi di informazione al soldo dei soliti noti, non si è in grado di comunicare chi siamo e quello che facciamo per la gente comune. I giovani, o anche meno ma avvezzi alla tecnologia, riescono ad andare oltre il muro di disinformazione cartacea e televisiva ma una enorme fetta di elettorato anziano non ci arriva per "cultura". Infatti si fanno abbindolare dalla bugìa della restituzione dell'IMU metabolizzandola come qualcosa che gli rientra nelle tasche (per una volta almeno dicono). Siamo un paese vecchio, pigro e dimesso. Rassegnato al meno peggio. La mia città è un esempio doloroso di questo. Genova è forse una delle città più vecchie e con la mentalità più chiusa a livello nazionale. L'entusiasmo dei giovani viene soffocato dal sospetto a priori per ciò che non si conosce ("nu se sa mai...maniman..." si dice qui). Si preferisce non cambiare per "ignoranza" e perchè non si ha voglia di partecipare alle responsabilità. Così poi è facile dire "fanno sempre quello che vogliono". Quindi bisogna andare oltre al muro di menzogne utilizzando in maniera diversa la comunicazione. La nostra TV è sul web, bene, ma la stampa non la abbiamo ed invece dobbiamo averla. Autogestita e autofinanziata ovviamente. E' l'unico media tradizionale che può "parlare" a tutte le fasce di età. "U dixe u giornale..."..lo dice il giornale ..quindi è vero. Questo è l'assioma che guida l'italiano medio. Bisogna dargli una mano a capire usando le parole e i mezzi che conosce. Il futuro purtroppo deve ancora attendere. FORZA M5S

Luigi G., Genova Commentatore certificato 28.05.13 12:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Roma, Comunali 2013.. Chi ha perso cosa?

Roma Att Pre D%
PD-L 512720 675850 -31,82%
PDL 364337 783725 -115,11%
M5S 149645 ?
ALTRI 176613 221878 -25,63%
TOTALE 1203315 1681453 -39,74%

Non so a Roma nel 2008 quale era la lista che appoggiava il movimento, magari qualcuno mi corregge in meglio.

Simone Benini, Forlì Commentatore certificato 28.05.13 12:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un libero professionista di 57 anni. Per molte elezioni ho votato Di Pietro, perchè credo nella legalità. Alle ultime politiche ho votato M5S perchè l'ho vissuta come unica alternativa allo sfascio politico ed alla corruzione. Ma la decisione di non governare del M5S con il PD, che ha portato l'Italia di nuovo in mano a Berlusconi, non l'ho condivisa. E' stato un errore gravissimo.
Quindi alle amministrative questa volta non avrei votato M5S.
Molte altre persone che come me non fanno parte dello zoccolo duro del M5S, ma hanno votato M5S alle politiche, la pensano allo stesso modo. Meditate gente, meditate! Questa è la realtà.

Giovanni Biallo 28.05.13 12:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ritengo sia andata tanto male, ci sono comunque tanti 5Stelle in più nei consigli comunali che potranno fare il loro lavoro.
I parlamentari 5Stelle devono continuare quello che stanno facendo, con più impegno di prima. Non devono cadere nel tranello delle domande faziose; chiedere da parte dei giornalisti e della gente è lecito, rispondere su deve, anche se la domanda non piace.

Same Time, Bratislava Commentatore certificato 28.05.13 12:28| 
 |
Rispondi al commento

bé, signori, io posso definirmi un 'fan sfegatato' del M5S, sono pienamente d'accordo con tutte quelle che sono le decisioni prese e scritte nel non statuto, buone o cattive che possano essere.

da 'testa pensante' però mi rendo sempre più conto che il male non si può estirpare con il bene, specialmente se esistono radici profonde, gente che (giustamente) pensa a mantenere lo status quo

Pietro Di Mascio 28.05.13 12:25| 
 |
Rispondi al commento

I voti dei sostenitori del Movimento ci sono tutti; quelli che sono evaporati (almeno un 10%) sono i voti di chi sperava in un cambiamento costruttivo, e aveva dato fiducia al M5S, ma verificato l'arroccamento su posizioni di opposizione, ha deciso di non andare più a votare.
Questi voti non torneranno più.

Si é sbagliato troppo dopo le politiche.
Ora vediamo di salvare il salvabile.

Obi Kenobi Commentatore certificato 28.05.13 12:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Impariamo dalle sberle prese.
Facciamo un pò di autocritica.
Abbassiamo la cresta.
Lasciamo perdere i docenti di filosofia del diritto.
Prof. Becchi, lei è un tuttologo di demagogia e frasi fatte. Torni a studiare i greci. Le farà sicuramente bene. La rovina partì dall'illuminismo e massoneria. E non ci riprenderemo più.

Stefano R!°°°!, Venezia Commentatore certificato 28.05.13 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Questi i dati di SIENA... Chi ha perso cosa?

Siena Att Pre D%
PD-L 10952 18918 -72,74%
PDL 6809 5522 18,90%
-------------------------------
M5S 2494 1154 53,73%
-------------------------------
ALTRI 8310 6185 25,57%
-------------------------------
TOTALE 28565 31779 -11,25%

Simone Benini, Forlì Commentatore certificato 28.05.13 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Eccellente, perfetta analisi della realtá italana, prof. Becchi!

Maverick 28.05.13 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Non nascondiamoci dietro a valutazioni che appartengono ad altre forze politiche. Il botto c'è stato, nonostante le belle premesse di piazze partecipanti. Allora bisogna analizzare bene l'accaduto ed è necessario farlo con criterio perchè questo MoVimento deve continuare ad esistere e per questo c'è bisogno di gente meno sprovveduta, perchè non basta l'impegno di Beppe.

Massimo C., Roma Commentatore certificato 28.05.13 12:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io delle comunali posso solo di aver perso come un tifoso della squadra sconfitta.
Non mi interessa questo risultato non sono le battaglie che contano ma le guerre.
La guerra del Movimento ha ottenuto già più di quanto potessimo sperare.Al bar non si parla solo di calcio ma finalmente di politica pro ed anche contro M5S. Perchè no?
L'italia lentamente si sta svegliando.
Errori? certo ce ne sono stati (escludo come errore il mancato inciucio con Bersani sarebbe stato un suicidio come per PD con PDL)ma chi è perfetto?
Abbiamo di fronte non nemici normali da combattere lealmente ma uomini e donne senza pudori e senza alcuna intenzione di combattere per l'Italia.Venduti a chi paga di più.Incapaci di mantenere una linea di condotta oggi bianca e domani con disinvoltura domani è sicuramente nera.Capaci di sostenere in Parlamento (luogo sacro) un puttaniere come B. e di far passare per corrette azioni inverosimilmente vergognose che non hanno nulla a che fare con gli Italiani e con le necessità primarie come il lavoro.. Coraggio stiamo uniti e collaboriamo.Lasciarsi andare a critiche ed elucubrazioni sterili non serve a nulla.Affiliamo i nostri coltelli e continuiamo ad andare all'attacco .Gli errori fanno crescere e rendono più mirate le strategie. Il muro da sfondare non è di titanio è solo un muro che ha già evidenziato cedimenti.Coraggio guardiamo più attentamente cosa possiamo fare oggi sulle esperienze maturate dalle imperfezioni di ieri

vittorio ferraresi, Como Commentatore certificato 28.05.13 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Anche alle elezioni comunali di Roma ho votato con assoluta convinzione M5Stelle. Visti però i risultati non posso che prendere atto del fatto che la maggioranza dei votanti ha dimostrato senza la benchè minima ombra di dubbio di essere totalmente decelebrata.
Come si fa dico io a dare ancora fiducia al Pd e al Pdl, dopo tutte le porcate che hanno fatto negli ultimi 30 anni e peggio che peggio nell'ultimo periodo, specie in occasione della votazione del presidente della repubblica (il miniscolo è puramente voluto) e con questa assurda e nauseabonda alleanza di governo con la quale hanno tradito per l'ennesima volta gli impegni dichiarati in campagna elettorale.
Se potessi me ne andrei dall'Italia oggi stesso scrollandomi la polvere dalle scarpe, perchè se questi sono gli italiani, allora si meritano tutto il peggio a cominciare da questa classe politica di merda che hanno, e che a quanto pare vogliono continuare a tenersi...

Paolo (Roma) 28.05.13 12:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@RGA GRO, Roma
Condivido la Sua analisi.

Per cambiare realmente le cose, il primo passo è 1) RIDURRE LE SPESE DELLO STATO, E, INDIRETTAMENTE, IN TAL MODO, ANCHE LA PARTITOCRAZIA

quindi: tagliare numero senatori, parlamentari, razionalizzare la spese, province, SONO PRIORITARI.

cercare di sottoscrivere un patto - ribadisco scritto - di riforma su 4/5 punti. SCRITTO

(v. Francia Hollande)

E' evidente che BARZEL-Letta sta meramente cercando di traslare i costi dello stato neo.feudale italiota sull'EU...

Federico B., Estero Commentatore certificato 28.05.13 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Il risultato di Siena dimostra che fino a quando lavoro sara' sinonimo di "posto" vinceranno sempre i vecchi.
Quando a vincere le elezioni era il PdL, il PD sosteneva che cio' dipendeva dalla volonta' della mafia, della massoneria e della Chiesa. Avevano ragione: oggi tocca a loro!
Ros

Rosella F., Cosenza Commentatore certificato 28.05.13 12:07| 
 |
Rispondi al commento

1) MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE
Puntare su NUMERI E DATI (di sprechi, inefficienze, ruberie)
VANTAGGI, GRAFICI E CODICE BINARIO (0/1). i numero NON SONO SUSCETTIBILI DI INTERPRETAZIONE, e sono veloci


2) MIGLIORARE LA STRATEGIA


NON SI PUO' PRETENDERE DI CAMBIARE LA PARTITOCRAZIA URLANDO IN FACCIA AI POLITICI CHE SONO LADRI, CORROTTI, PARTITOCRATICI!


3) cosa fare??
TROVARE UN ACCORDO SU 4 PUNTI BASE/MINIMALI CON PD
(LEGGE ELETTORALE, TAGLIO PARLAMENTARI, TAGLIO PROVINCE, RIPRESA PAGAMENTI P.A.)

4) PUBBLICIZZARE RISULTATI ACQUISITI

5) CONTINUARE CAMPAGNA DI ADESIONI/CRESCITA DEL CONSENSO


Come già scritto, non si può pensare di cambiare le cose dicendo ai partiti partitocratici che sono partitocratici:.....
Saluti

Federico B., Estero Commentatore certificato 28.05.13 12:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora perchè non abbiamo intercettato i voti di chi si è astenuto ?

Provo a fare la mia disamina:

1) La comunicazione: se non ve ne siete accorti, siamo attaccati da tutti i media da mesi. Questo ha un effetto distruttivo sul movimento. Serve cambiare rotta al più presto, quello che fate di positivo non arriva, e quello che fate di negativo viene amplificato all'estremo;

2) I nostri portavoce dipendenti alle camere, devono portare avanti il programma concordato. Per tutto ciò che è fuori dal programma deve essere deciso insieme agli iscritti;

3) Il metodo di selezione dei nostri rappresentanti proposto da Grillo e ottimo, ma si deve pensare se è possibile migliorarlo, per evitare i mediocri assoluti;

4) Sta uscendo fuori finalmente nei media, (Veltroni ed altri del PD) che Bersani aveva solo l'intenzione di spaccare il M5S e non di governarci insieme. Ma perchè non è stato spiegato bene cosa stava succedendo ? è uscito fuori che diaciamo solo dei NO.

RGA GRO, Roma Commentatore certificato 28.05.13 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Un dato è questo : il 50% dei cittadini con diritto al voto non ha votato.
Se il Movimento non ci fosse, ieri avrebbero votato il 38 o 40 %... in quanto noi se non c'è più il Movimento confluiamo nella massa di chi non vota....

Ebbene i partiti contenti del loro risultato meglio che riflettano bene: se c'è da festeggiare con il 38% o il 40 % delle persone che votano su 100...siamo morti...
E' la fine democrazia.
Ma questo 60 % che non vota rimarrà per sempre in silenzio ?

caterina c. Commentatore certificato 28.05.13 12:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Solo una considerazione .....
Se tutti attaccano i 5 stelle
Tutto questo ha un solo significato
Facciamo paura a tutti...
Che buttino pure fango....
Per fortuna ognuno ha un suo cervello

Carlo maggiali 28.05.13 12:03| 
 |
Rispondi al commento

non diamo per scontato che l'astensione sia un allontamento dal movimento, per delusione o per altri motivi. Molti elettori non hanno votato perche' hanno voluto riflettere, si..e' stata una pausa di riflessione fatta stando a casa, per poi capire effettivamente se valga la pena andare a votare qualcuno che se lo merita la prossima volta...o se ancora sia preferibile non presentarsi alle urne. Sta ora al Movimento riconvincerli a tornare.

marco grilletti 28.05.13 12:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Complimenti, è comunque un successo. Non ascoltate i disfattisti.
Anche con il 5-10% si potranno aprire le scatole di sardine ovunque, l'importante è esserci con persone serie e non "imbarcati" dell'ultim'ora.
Non scoraggitevi e fate proposte (qualcuna suggerita anche da me in epoca non sospetta, a cominciare dal proporre di lavorare per 12 gg di seguito escluso solo la domenica)
Ciao
Vincenzo
www.vincenzovigna.it

Vincenzo Vigna 28.05.13 11:59| 
 |
Rispondi al commento

personalmente non capisco come ancora qualcuno abbia potuto votare gente come Alemanno,ma sono convinto che continuando con l'impegno e l'onestà,i nostri rappresentanti faranno cambiare idea a molti scettici

roberto demaestri Commentatore certificato 28.05.13 11:59| 
 |
Rispondi al commento

In parte sono d'accordo con il tuo commento: non c'è niente da festeggiare, e anzi sconcerta il fatto che la gente, malgrado abbia assistito al latrocinio e ad altri delitti del PD e PDL, abbia di fatto scelti i loro candidati come sindaci. Però ritengo che ci sia un clamoroso errore del M5S che deve essere rivisto. Non credo che Beppe Grillo & Co. conoscano bene gli "italiani" altrimenti non insisterebbero, ora che sono in parlamento, a continuare a diffondere le scelte politiche del movimento tramite questo blog o su facebook. Prima di tutto perché gli italiani sono pigri nel leggere e quindi sono solo una piccolissima percentuale quelli che pur avendo votato per M5S seguono costantemente le pagine del blog.
Secondo: perché Grillo dovrebbe sapere che è stancante per la vista, scomodo e difficoltoso, specie dopo una certa età, leggere sul WEB. La vista si stanca si saltano parole e alla fine manco si riflette sul contesto.
Terzo: gli italiani sono tra gli ultimi al mondo a navigare sul web (specie quelli dopo i 50 anni di età).
Quarto siamo stati abituati per decenni e decenni ad ascoltare le discussioni tra politici, le critiche, le liti in diretta TV, i confronti (a volte con moderatori tutt'altro che imparziali)le critiche ecc. (Vorrei ricordare che Berlusconi ha creato la forza del suo partito grazie alle sue TV e non al web). Oggi assistiamo invece ad una campagna infamatoria contro il M5S, diffusa da TV e giornali.. e il M5S si difende attraverso un blog letto da pochi. Ritengo tutto questo una ingenua e inefficace stupidata.
Se il M5S è arrivato dove è arrivato è stato grazie al fatto che prima delle elezioni politiche il PDL e il PD-L non si cagavano di fatto del M5S, pensando che in fondo non sarebbe arrivato lontano. Se lo avessero combattuto coi mass media come fanno ora il movimento non sarebbe il 1° partito in Italia. Quindi: OKKIO a non tornare nel buio! Esponetevi e andate in TV a dire in faccia le cose, non abbiate paura della verità!

Stefano De Fazi 28.05.13 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Non mi sarei aspettato risultati molto diversi.

Anche se molti dicono che non è così, l'informazione aveva argomenti solo per la diaria del M5*, scontrini, e così via. Non ultimo, Report, che ha messo qualche dubbio sul M5*. Credibilità smontata poi dalla rete, ma intanto... Sulla Tav, domenica sera, nulla ha detto circa le Coop rosse...sarà stata una svista.

Invece, l'idea di ipotesi di discussione dei Ministri di proporre una bozza di progetto di legge che riveda il finanziamento pubblico ai partiti (da brivido, se letto in un sol fiato) è stata strombazzata come la salvezza del paese. Da rileggere, perchè è il nulla confezionato come un diadema.

MPS... Lusi chissà che fine ha fatto... Penati condannato, ma nessuno sa più chi è e perchè ha una condanna...perchè c'è una inchiesta che riguarda i rapporti stato-mafia...si parla di corruzione ma nessun provvedimento che la contrasta... queste notizie sono solo degli sterili titoli.

E' la dimostrazione dell'efficacia dell'informazione: Berlusconi condannato da una parte e richiesta di un altra condanna altrove. Risultato: i Pdl ha perso.
Il M5* si preoccupa di scontrini e diaria, tralasciando il resto.
Il Pd, è il salvatore, ha un Governo che amministra un paese in abissale difficoltà. Stando zitti hanno fatto meno danni di quando dicevano qualcosa.

A parte le riflessioni del post, ieri sera facendo zapping ho visto la soddisfazione, l'appagamento morboso rasente la censura, nel vedere certi/e giornalisti/e parlare di flop di Grillo, crollo del M5*, ecc.

Mancava la famosa sequenza di "Harry ti presento Sally".

Gian A Commentatore certificato 28.05.13 11:56| 
 |
Rispondi al commento

PRENDERE ESEMPIO DA PIZZAROTI. ANDATE AVANTI COSì NON CADETE NELLE PROVOCAZIONI ALTRIMENTI POI DI RIFLESSO IL M5S SARà ASSIMILATO AGLI ALTRI: VEDI VANNO IN TV, VOGLIONO LE POLTRONE, E VIA DICENDO. IL DATO SCONFORTANE E' CHE C'è TANTA GENTE CHE ANCORA VOTA PER LA NOMENKLATURA, A PARTE ROMA. RIPETO LOCALMENTE è MANCATA LA VISIBILITà DEL CANDIDATO E UNA CAMPAGNA ELETTORALE DIRETTA CON I CITTADINI E IL TERRITORIO. LE AMMINISTRATIVE NON SONO LE POLITICHE.

adamo ed eva Commentatore certificato 28.05.13 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Dunque il M5S ha perso a Roma. Si, se si paragona alle politiche.

Ma chi ha vinto?
Esaminando il numero di votanti (fonte Ministero dell'Interno)

Il PD(-L):
voti ottenuti dal partito 267.605 (precedenti comunali 520.723): calo del 48.61%
voti della coalizione CS: 433.714 (precedenti comunali 733.088): calo del 40.84%
Non direi

Forse ha vinto il PD(+L):
voti ottenuti dal partito 195.749
(precedenti comunali 559.559): calo del 65.02%
voti della coalizione CD: 323.272
(precedenti comunali 759.252): calo del 57.42%
Neanche.

Il calo dei votanti per Roma è stato del 27.95% (1.245.927 votanti oggi contro il 1.729.287 del 2008)

Dimenticavo: nel 2008 il M5S a Roma ha preso 40.389 voti, nel 2013: 149.655, con una crescita del 270.53%.

Se si considera che le elezioni comunali sono comunque "anomale" rispetto alle politiche il risultato ci può stare.

Un altro paio di sconfitte così...

Paolo Stragapede 28.05.13 11:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non farei un dramma del risultato elettorale, non credo si potesse ripetere il risultato delle politiche, le elezioni comunali hanno bisogno di molto radicamento sul territorio e non è una cosa che si costruisce in un paio d'anni, serve tempo. Sicuramente però penso sia il momento di fare un po' di costruttiva autocritica. Io lascerei perdere quelli che insistono a dire che c'era l'occasione di fare il governo con il Pd per due motivi, uno è che non hanno capito lo spirito del movimento, sarebbe stato uno sputo in faccia ad anni di battaglie, l'altro è che, comunque, non c'è mai davvero stata la possibilità di fare un accordo per noi accettabile, il PD non lo voleva. Detto questo bisogna analizzare gli errori. Sicuramente si deve trovare un modo per selezionare un po' meglio i rappresentanti qualcuno è veramente impresentabile e non fa bene al movimento avere gente facilmente attaccabile. Secondo sarebbe importante trovare il modo di migliorare la comunicazione e di andare in tv, probabilmente i media sono riusciti a far passare una cattiva immagine del movimento (incompetenti, che pensano solo ai loro affari e non fanno niente, arroganti, ecc...) e noi non siamo stati bravi a contrastare tutte le cazzate che sono apparse su giornali e tv. Questo è costato di sicuro qualche voto. Poi i comizi di Beppe parlavano di politica nazionale, non comunale, e questo non va bene ad elezioni locali. Per il resto secondo me in parlamento stanno facendo bene, ci dicono le cose che succedono e questo un po' alla volta pagherà. Penso che per dare nuovo slancio e una nuova immagine più democratica sarebbe fondamentale fare partire al più presto la piattaforma liquida e trovare i candidati più smaliziati che possano andare a parlare in tv senza fare figuracce. Cmq dobbiamo essere fiduciosi, non è stato un dramma...

Luca Marotta, Conflenti (CZ) Commentatore certificato 28.05.13 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Stamani ho letto 4 o 5 dei più diffusi e autorevoli(?) quotidiani:

tutti i commenti
sono contenti

il bau bau ha perso
Grillo è riverso!

se il Paese va male
e l'elettorato tace
va bene perdio
va bene purchè mi salvi io
dicevano gli editoriali...

L'ALLEGRIA DEL NAUFRAGIO.

b. v. Commentatore certificato 28.05.13 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Indec

carlo circhetta (cccarloccc), roma Commentatore certificato 28.05.13 11:52| 
 |
Rispondi al commento

L'astensionismo favorisce l'antipolitica e penalizza la democrazia.
I prossimi amministratori rappresenteranno solo se stessi.
Saluti
Ros

Rosella F., Cosenza Commentatore certificato 28.05.13 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Questo lo si poteva scrivere ieri sera e lo si poteva utilizzare comme pannicello caldo. La notte non ha portato dunque consiglio e gli incubi non hanno evidentemente partorito alcun altro commento. Ora è mattino inoltrato e il non aver riposato pesa sui cervelli ancora obnubilati dal successo atteso e non inverato. E.. giù con tutte le scuse che sanno inventarsi i bambini (la comunicazione e poi i fantasiosi blob, tanto blob.
Personalmente sono tornato, da vecchio, indietro di 40 anni quando giovane e baldo, militavo nel PD, oggi PD-L. Anch'io adottavo, quando non si vinceva le stesse scuse autoconsolatorie e così lenivo tutti i bruciori e le rabbie. Sono sempre gli stessi sentimenti alla fine quelli che prevalgono. Sono quelli del popolo non ha capito......allora aboliamo il popolo; sono quelli del tutti nemici e quindi sopravviene la sindrome di accerchiamento; sono quelli dell'avere i progetti che guardano lontano... talmente lontano che bisogna inforcare le lenti o quello di arrendersi ai tempi lunghi nei quali saremo tutti morti. Però restiamo puri nel nostro talebanismo sanzionato da "sassu scritto" del nostro "non statuto". Il Vangelo secondo il duo e secondo i tanti pirla che alle necessità del dialogo, mi rispondevano regolarmente perchè ci hai votato? Ora come quelli del callifugo Ciccarelli, quelli soffrono più di me.

giancarlo bianchi, varese Commentatore certificato 28.05.13 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Tutto vero quello che dici, ma rimane il fatto che di flop sia giusto parlare. Molti rimproverano al M5S di non aver fatto niente nel momento in cui potevano rivendicare qualcosa andando al governo con Bersani.Personalmente credo che l'elettorato del movimento sia diviso in 2 tra chi crede che dovevamo allearci con Bersani e chi no.In ogni caso credo che avremmo perso il 50% di preferenze in queste elezioni. Ben venga che sia rimasto quel 50% che non vuole immischiarsi con quei porci della vecchia politica. Avanti così......

marco evangelista 28.05.13 11:51| 
 |
Rispondi al commento

QUALE' LO SCOPO DI UN MOVIMENTO?
MUOVERSI PER IL RAGGIUNGIMENTO DI UNO SCOPO COMUNE.
PER ATTUARE LO SCOPO SERVE UNA TELEVISIONE A 5 STELLE, FATTA DA GIORNALISTI A 5 STELLE, CON CONDUTTORI A 5 STELLE E CON PERSONE CHE PENSANO E VIVONO A 5 STELLE!!
FORZA E ANDIAMO AVANTI!

ELISABETTA C., MARANO LAGUNARE Commentatore certificato 28.05.13 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a Tutti,
fuori di polemica,

TRITO, RI-TRITO E QUASI BANALE


1) MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE

- Puntare su NUMERI E DATI (di sprechi, inefficienze, ruberie)
VANTAGGI , GRAFICI E CODICE BINARIO (0/1). i numero NON SONO SUSCETTIBILI DI INTERPRETAZIONE, e sono veloci!!


2) MIGLIORARE LA STRATEGIA E

3) SVEGLIARSI.


NON SI PUO' PRETENDERE DI CAMBIARE LA PARTITOCRAZIA URLANDO IN FACCIA AI POLITICI CHE SONO LADRI, CORROTTI, PARTITOCRATICI!!!!! mi SEMBRA AUTO-EVIDENTE, OPPURE NO???


cosa fare??


a) TROVARE UN ACCORDO SU 4 PUNTI BASE/MINIMALI CON PD E SMETTERLA DI RITIRARSI SULL'AVENTINO

(LEGGE ELETTORALE, TAGLIO PARLAMENTARI, TAGLIO PROVINCE, RIPRESA PAGAMENTI P.A.)

NON E' FARE INCIUCI. E' ESSERE SVEGLI: SE NON SI TAGLIA LA SPESA INEFFICIENTE, NON TAGLIERETE MAI LA PARTITOCRAZIA E LA CORRUZIONE: E' BANALE

b) PUBBLICIZZARE RISULTATI ACQUISITI

C) CONTINUARE CAMPAGNA DI ADESIONI/CRESCITA DEL CONSENSO


Come già scritto,
è da FESSI FESSI FESSI URLARE IN FACCIA AI MAFIOSI "MAFIOSI" E PRETENDERE CHE TI COINVOLGANO NELLE RIFORME. VOI AVETE MAI OTTENUTO QUALCOSA DA QUALCUNO, INSULTANDOLO???

TROPPO DIFFICILE DA CAPIRE????

NON MI PARE.
E' DA FESSI CONTINUARE AD URLARE
SVEGLIA


E BASTA PIAGNUCOLARE CON EDITORIALI ALLA LIBRO "CUORE"

SVEEEEEGLIA

Federico B., Estero Commentatore certificato 28.05.13 11:49| 
 |
Rispondi al commento

Cos'altro potevate aspettarvi; dopo gli errori e le stupidaggini che Grillo è andato seminando e dicendo? Gli italianio vi havevano votato affinchè avreste contribuito a cambiare la pessima politica esistente e gli scempi dei politici, invece avete preferito stare alla finestra a guardare che i cataveri passassero di sotto. Illusioni da dilettanti!

franco talozzi 28.05.13 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina ho letto l'articolo di Travaglio sulla sconfitta alle comunali, sono perfettamente d'accordo con l'analisi fatta bisogna ripartire da lì.

Il MoVimento è giovane e inesperto, bisogna che la gente impari a conoscere i nostri parlamentari e soprattutto il lavoro che fanno. A Novembre si vota, la situazione economica è destinata a peggiorare sempre di più e l'Italia vorrà cambiare, questa volta davvero, non facciamoci trovare impreparati e iniziamo fin da subito a cambiare rotta: i Di Battista, Di Maio, Nuti etc. devono farsi le ossa iniziando a comunicare con i cittadini in maniera più diretta, la fase due della comunicazione deve inizare subito.

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato 28.05.13 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo ottenuto quello che potevamo.
Quelli che starnazzano sul blog e si inviperiscono come zitelle inacidite mi fanno solo ridere.
Cosa volevamo fare in così poco tempo senza strutture e con tutti contro,pure certi pseudo attivisti che fanno i gufi solo per poter dire "IO LO AVEVO DETTO".
SE siete così preveggenti scrivete i numeri del superenalotto sul blog almeno vi rendete utili a tutti !!!
Tutti a dare consigli oggi !!!
Abbiamo perso perchè non esisitiamo nel territorio !!!
I meetup sembrano delle riunioni di carbonari !!!
Coinvolgere la gente ecco cosa bisogna fare.
Grillo non vi va bene?
Chi vi trattiene andate pure !!!
Preferisco i servi leccaculi che oggi festeggiano tipo la repubblica e il corriere che i Giuda !!!!

Pompilia Cetra (mauriziomio), Pompei Commentatore certificato 28.05.13 11:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi scusi Becchi ma sul territorio il movimento è un disastro,! Una marea di incompetenti , arroganti che allontano le persone per bene . I parlamentari sui territori si sono visti poco e niente e soprattutto non hanno saputo organizzare dei gruppi che funzionino in maniera democratica. Il principio anche alle comunali è stato chi prima è arrivato quello è candidato !! RIDICOLO . Gente che ha preso 10 voti , neanche i parenti gli hanno creduto !!!!

francesca r., bari Commentatore certificato 28.05.13 11:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ammettiamo anche che il M5S si aspettasse qualcosa di meglio, ammettiamo anche che qualcosa non ha funzionato a dovere, succede. Ma che per la prima volta della storia Repubblicana ci sia un movimento che, nei commenti sogghignanti dei più, perde (in elezioni distinte e non omologabili) anche laddove si presenta per la prima volta ....

LuigiVIs 28.05.13 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente condivido in pieno l'analisi di Travaglio sul Fatto di oggi.

sergio bianchini, turin Commentatore certificato 28.05.13 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Non semplifichiamo troppo! E non abbracciamoci all'astenzionismo, che se fosse veramente riconducibile a gran parte di nostri elettori in pausa, ci dovrebbe far recitare non uno ma dieci mea culpa. Espongo una mia breve analisi, partendo dal principio che non è la democrazia in crisi, ma la mancanza di veri leader e soprattutto di idee chiare su chi si è, come e dove si vuole andare. Il leader, non è un soggetto che si inventa o che 'cresce' in abbondanza, soprattutto quando le società (intese come popoli, territorio, produttività, welfare, regole) subiscono mutamenti velocissimi, dovuti e generati proprio da leader mondiali estemporanei e/o proposti dalla 'ortodossia' che vacilla, avendo ormai espresso il massimo per questa/quella epoca. E il leader non è tale, se non riesce a formare un nucleo affidabile e coeso.
Questo vale tanto nel contesto globale, che in ogni nazione, in ogni città o paese.
E veniamo al voto, elemento esclusivo e determinante per l'attuazione della democrazia.
C'è il voto d'affezione e/o interessato, che non fa capo ad alcuna ragione o logica, e che solitamente rallenta i mutamenti politici accentuando l'agonia di ideologie/sistemi ormai esauritisi, anche se sono stati positivi e confacenti un periodo storico/politico.
C'è poi il voto del cambiamento, della mutazione, della corrispondenza alle nuove situazioni e ai nuovi equilibri internazionali, ma anche periferici, che ne sono seme e alimentano quelli globali.
Riguardo al nostro Movimento. Già qualche settimana fa, ponevo sul blog questa riflessione: chi siamo, cosa siamo capaci di proporre (oltre i proclami e il metafisico) e dove vogliamo andare? Tale riflessione non ha trovato molto dibattito, il blog è spesso espressione di 'sparate' estemporanee o si incancrena nella deleteria esternazione di 'siamo i più bravi, siamo i migliori'; o peggio, fa eco a chi grida per aggiudicarsi la solita 'vacca', ma questa va poi adeguatamente alimentata e istruita, altrimenti deperisce e muore.

Giovanni M., Lazzate Commentatore certificato 28.05.13 11:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi scusi Becchi ma sul territorio il movimento è un disastro,! Una marea di incompetenti , arroganti che allontano le persone per bene e competenti . I parlamentari sui territori si sono visti poco e niente e sopratutto non hanno saputo organizzare dei gruppi che funzionino in maniera democratica. Il principio anche alle comunali è stato chi prima è arrivato quello è candidato !! RIDICOLO . Gente che ha preso 10 voti , neanche i parenti li hanno creduto !!!!.

francesca r., bari Commentatore certificato 28.05.13 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Sono elezioni amministrative e di conseguenza ha il consenso chi è in grado di promettere favori e appalti e quindi noi, che per definizione non facciamo inciuci, partiamo sfavoriti. Teniamo persente che il 50% non ha votato e del rimanente 50% ne abbiamo preso circa il 10%. Quindi a loro è rimasto un parco elettorale limitato a coloro che di politica ci marciano, politicanti, sindacati, tele-rincoglioniti, pensionati e dipendenti pubblici che comunque come dice Beppe "galleggiano". Di sicuro quello che a noi non ha fatto bene è la campagna di disinformazione e sputtanamento dei media di regime. Secondo me è oramai necessario che Beppe si presenti in TV per preparare le prossime politiche. Quel 50% di astensione stà a guardare se rivotarci o procedere con la rivolta quando questi sfasceranno irrimediabilmente e completamente il paese. Se ce la giochiamo bene il futuro è splendente.

Alex Risso, LIGURIA Commentatore certificato 28.05.13 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Grande. Paolo Becchi ha dato un resoconto chiaro e nitido di questa tornata elettorale.
Ciao!!

Duna Paschetto Commentatore certificato 28.05.13 11:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io credo che il m5s non abbia replicato il risultato delle politiche principalmente per il fatto che con le preferenze la figura personale di Grillo è stata sfumata, stessa cosa è successo alla pdl con berlusconi non più assimilato al capo assoluto.

Domenico T. Commentatore certificato 28.05.13 11:42| 
 |
Rispondi al commento

andate avanti cosi, non hanno capito (o forse l'hanno capito ma non vogliono dirlo) che non avete perso ma vinto, adesso ci sono 5 stelle quasi ovunque dove prima non c'erano. Si sa che i partiti tradizionali particolarmente il PD ha uno zoccolo duro ( dovuto a clientelismi vari) che gli è rimasto, nelle comunali il m5s ha guadagnato voti mentre loro hanno perso ovunque.Non possiamo paragonare il voto delle politiche con le comunali. L'unico consiglio che posso darVi è quello di fare come OBAMA, cercate di andare a prendere quelli che non votano, lasciate stare lo zoccolo duro del PD.

PINA 28.05.13 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Quella di ieri non è stata una sconfitta elettorale, è stata la certificazione che il M5S non esiste più. E' stato abbandonato dalle masse, che, forse avendo capito poco del M5S, chiedevano una cosa sola: ALLEANZA DI GOVERNO COL PD.

Non l'abbiamo fatta perchè non lo credevamo giusto per mille ragioni, e io sono stato fra gli strenui difensori della posizione della non alleanza.

Il problema è che facendola non sarebbe cambiato proprio nulla, saremmo stati l'ennesimo soggetto politico a spartire potere e poltrone che come primo atto politico avrebbe rinnegato quanto gridato per le piazze d'Italia e quanto sta scritto addirittura nello statuto.

Ecco che le persone, sfiduciate dai partiti e persa l'ultima speranza che aveva generato il M5S, non vanno a votare. E' la rassegnazione.

Milioni di persone sono rassegnate ad un'esistenza di stenti e povertà.

Chi non lo è espatria.

A riveder le stelle ... ma da un'altro emisfero

Lorenzo M., Cascina Commentatore certificato 28.05.13 11:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I 70,60, e i 50 enni di questa penisola chiamata Italia sono tutti informati riguardo la politica ed i fatti attraverso la rete televisivae stampa. Ora se il m5 stelle non impara a conquistare questa grande ed importante fetta di voti non andrà da nessuna parte ... I 9 milioni di voti sono derivati dalla rete, ma adesso molti sono delusi. Cambiare strategia é fondamentale x vincere. Come? Primo passo finanziamo ci un canale sul digitale terrestre! Adesso i grillini sono pronti ad affrontare porta a porta e così via! Uscire allo scoperto andare anche nelle trasmissioni meno affabili e conquistare il pubblico... Forza ragazzi!

Marco Toscana 28.05.13 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace ma sono stradeluso Beppe aveva un'opportunità irripetibile e tanta gente una speranza concreta di cambiare qualche cosa ma quando si vede un Gasparri ed un Cicchitto raggianti per la sconfitta dei 5 stelle mi sembra troppo sinceramente troppo e Sallusti che prende per il culo in modo violento e volgare come solo lui sa fare , scrivere "Grillo circondato" é troppo .La politica é l'arte del possibile Beppe ha preteso l'impossibile,"carpe diem" dicevano i saggi "passato lu giorno gabbato lu santo".Non ti offendere Beppe ma secondo me quando potevi fare qualcosa per noi facendo uno straccio di governo col Bersani te la sei fatta sotto dì la verità molto meglio abbaiare alla luna no?

Adriano Simonacci 28.05.13 11:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io mi chiedo solo....ma come si fa a rivotare PD e PDL...dopo lo schifo in cui ci hanno gettati, gli scandali successi, le ruberie, le collusioni, i processi pubblicizzati e quelli insabbiati...ma dove lo avete il cervello, dove l'avete la RESPONSABILITA' verso le generazioni future...E SMETTETELA UNA BUONA VOLTA DI FARE LE PECORE!!!ALZATE LA TESTA!!!!!

Guy Fawkes V, Cerignola Commentatore certificato 28.05.13 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe ti scrivo.....

allora a Roma se facciamo un raffronto con le comunali precedenti (le uniche con le quali è giusto fare un raffronto omogeneo) abbiamo i seguenti risultati:

##################################################

2013 Ignazio Marino -> voti 512720
PD -> 267605
2008 Francesco Rutelli -> voti 761126
PD -> 521880

corrisponde ad una perdita di voti per il candidato di -248406 (cioè il -32,64%)
corrisponde ad una perdita di voti per il PD di -254275 (cioè il -48,72%)

##################################################

2013 Gianni Alemanno -> voti 364337
PDL -> 195749
2008 Gianni Alemanno -> voti 677350
PDL -> 560648

corrisponde ad una perdita di voti per il candidato di -313013 (cioè il -46,21%)
corrisponde ad una perdita di voti per il PDL di -364899 (cioè il -65,09%)

##################################################

2013 Marcello De Vito -> voti 149665
M5S -> 130635
2008 Serenetta Monti -> voti 44185
Lista amici di BG -> 40473

corrisponde ad un guadagno di voti per il candidato di 105480 (cioè il +238,72%)
corrisponde ad un guadagno di voti per il M5S di 90162 (cioè il +222,77%)

##################################################

Questa è la realtà, il PD e il PDL sono crollati e il M5S ha aumentato i suoi voti.

La domanda da farsi è un'altra: perchè non abbiamo intercettato i voti di quelli che hanno deciso di astenersi ?

RGA GRO, Roma Commentatore certificato 28.05.13 11:39| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi spiace dissentire con il Professore, ma ritengo che dovremmo fare come Movimento una profonda riflessione, ho visto interpelli in Commissione fatti dai nostri rappresentanti senza che nessuno della base li avesse richiesti e continuo a presenziare alle riunioni plenarie di Genova dove molto poco spazio viene dedicato alla politica nazionale. Ho litigato finanche con mia moglie affinchè votasse il Movimento, per non parlare di amici e conoscenti, e cosa mi ritrovo? nulla. Non cerchiamo di nascondere la delusione che stiamo dando a chi ci ha votato, ma fermiamoci un attimo a riflettere per migliorarci. Possiamo avere avuto paura di partecipare al governo della Nazione, per inesperienza, o per altri motivi, ma se siamo nati per cambiare le cose dobbiamo farlo, altrimenti siamo senza scopo, e allora è inutile che illudiamo noi stessi e le persone che abbiamo convinto a schierarsi dalla nostra parte. Abbiamo detto che l'attuale politica è morta , e che va sostituita, ma se non siamo lì per tentare di sostituirla, allora tanto vale tornare a casa. Pensavo che a livello nazionale valesse il modello che ho visto a Genova, dove i ragazzi che sono stati eletti portano realmente avanti le problematiche evidenziate dalla base, relazionando puntualmente sulle vittorie ma anche sulle sconfitte.Beppe ti ho sempre visto come la nostra tromba, e desidero che tu continui ad esserlo, ma desidero anche che tu ti fermi un attimo sui tuoi passi a riflettere affinchè questo bambino nato dall'entusiasmo, non muoia di stenti, ed ai nostri portavoce a Roma chiedo che siano i nostri portavoce, non portavoce dei problemi del figlio del vicino, o dell'amico del parente. L'Italia versa in condizioni gravissime, non passa giorno senza che qualche parente e amico non perda il lavoro. per come ci siamo messi ormai non possiamo fare niente per aiutarli, ma programmiamo il modo per poterlo fare in futuro, o la nostra sarà stata la rivoluzione piu penosa della storia.

gaetano B., Genova Commentatore certificato 28.05.13 11:39| 
 |
Rispondi al commento

L'italiano non vota a caso !!!
chi si astiene non gliene frega niente se le cose vanno male, ...poi pero' se non mangia a fine mese da colpa ai politici !!!
chi vota PDL guarda solo il tornaconto personale, ...percio' non gliene frega niente se le cose vanno male !!
chi vota PD lo vota per religione, ...percio' continua a non fregargliene niente se le cose vanno male!!

RISULTATO: per milioni di italiani le cose vanno bene cosi'....xcio' io per me ..e dio per tutti !!!

saluti

fabio v., torino Commentatore certificato 28.05.13 11:34| 
 |
Rispondi al commento

E' brutto dire "l'avevo detto", ma credo sia il momento di fare il punto.
Trovo ipocrita sostenere che il calo era atteso: da un movimento come M5S ci si aspetta che proprio nelle consultazioni locali, laddove la presenza sul campo, la conoscenza delle persone sul territorio, i programmi concreti, siano l'arma in più. Rispetto alle consultazioni nazionali c'è meno necessità di apparire in TV e più necessità di essere presenti.
Le istituzioni locali dovrebbero essere più vicine ai cittadini ed i cittadini dovrebbero essere più interessati che i gestori del quotidiano siano persone perbene.
La realtà dei fatti e dei numeri è che quel 15% in più di astensione viene quasi tutta da persone che alle nazionali hanno votato M5S e che poi sono rimaste profondamente deluse da come il loro voto è stato usato. Deluse da un rifiuto di "fare" per arroccarsi in critiche sterili.
Deluse dall'avere perso l'opportunità di fare tante delle cose che erano scritte nel programma, e che erano alla portata, bastava capire che in democrazia per ottenere qualcosa si deve anche rinunciare a qualcosa. Deluse dall'essersi ritrovati il cavaliere di nuovo in sella a causa di un assurdo atteggiamento isolazionista. Deluse di aver visto, come unico risultato di questo atteggiamento, il crollo suicida del PD, a favore di un redivivo berlusconi. Deluse da Beppe che gli ha dato degli idioti: "se avete votato per noi pensando che avremmo potuto accordarci con i partiti partiti avete sbagliato voto".
E allora quelli che hanno sbagliato a votarlo se ne sono accorti e semplicemente non sono andati a votare! Dov'è il 50%? Molto lontano Beppe... e temo sia ormai irraggiungibile: una volta perso il credito di fiducia nella gente è difficile recuperarlo e temo che il M5S abbia perso un'occasione storica per cambiare l'Italia!
Ma forse non era questo il reale obiettivo (ed è una delle domande che si è posto che non lo ha più votato)!!!

Emilio G. Commentatore certificato 28.05.13 11:34| 
 |
Rispondi al commento

ANCORA QUELL'ATTREZZO DI BECCHI?????????????????????

Pensavo - e intimamente speravo - che delle sue cialtronerie non avremmo più sentito parlare dopo le sciocchezze di qualche settimana fa sui "fucili".
E invece eccolo di nuovo, questo profondo intellettuale, ad arrampicarsi sugli specchi come il più tradizionale dei politici per "giustificare" una sconfitta.
Complimenti e avanti così verso altri trionfali traguardi!!!
SM

Stefano Mangullo 28.05.13 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Sì, ok.
Ma questa è l'analisi dell'esterno.
Un minimo di autocritica, che se costruttiva servirebbe ora come il pane, suggerisce anche che molti del movimento avrebbero preferito ottenere subito lo stop alla TAV o il salario minimo o la green economy negli ormai famigerati 100 giorni di un governo mai nato per nostro volere, piuttosto che l'attuale governo espressione di interessi e poteri che combattiamo da sempre.
Come ho già scritto, chi conosce bene la storia di questo paese e della strana gente che lo abita, proprio perché capisce benissimo il potere e le "deviazioni" dei media perché sono almeno 30anni che gli si contrappone, sapeva benissimo che l'occasione di essere ago della bilancia, data da tanti fattori concatenanti nelle elezioni politiche scorse, non si sarebbe ripetuta...
Proprio in base alla nostra visione di partiti, media, banche, lobby... NON DOVEVA RIPETERSI!!!
e certo avrebbero fatto di tutto per non permetterlo.
E ALLORA? Non lo sapevamo? cosa ci aspettavamo, che si suicidassero tutti e ci regalassero tutto?
1- Se i media fanno informazione, in questo tipo di società la risposta non è uscirne ma cercare di usarli a tuo vantaggio (Beppe che li conosce bene li usa e sa di cosa parlo)
2- Andiamo al sodo e rendiamoci conto che fuori dal movimento non sono tutti mafiosi, corrotti, puttanieri... c'è tanta gente che si sbatte da una vita contro gli stessi poteri combattuti dal movimento e a cui non si può imputare di non essere mai riuscita a cambiare questo paese... non hanno neanche mai avuto il 25% alla camera
3- Rendiamoci conto che nella scelta dei candidati oltre all'onestà, in questo periodo economicamente pessimo, serve tanta capacità e che il contrario di PROFESSIONISTA della politica è DILETTANTE! Con tutto il bene ma (anche se qui il voto è stato soprattutto politico) si può dare la capitale in mano a DeVito? Non siamo riusciti a trovare una personalità a cui affidargli Roma? Certe battaglie vanno vinte!...anche mediaticamente.

Graziano Serafini (sgrazx), Roma Commentatore certificato 28.05.13 11:33| 
 |
Rispondi al commento

TRE SONORE SCONFITTE successive alle elezioni politiche, nelle quali vi ho votato: la rielezione di Napolitano con tutte le sue conseguenze, il fallimento alle regionali del Friuli e queste comunali. Non è il caso di riflettere e fare qualche autocritica, anziché cercare solo attenuanti e consolazioni? Certo c'è differenza tra elezioni locali e nazionali, ma non è vero che non ci sia nessun rapporto tra esse. L'astensionismo ha punito più il movimento che altri gruppi. Tutto questo nonostante la crisi che avanza, nonostante il pessimo spettacolo offerto dal PD nelle sue manovre a livello nazionale. Grillo e compagni hanno sbagliato qualcosa, probabilmente nella strategia: il movimento non ha dimostrato di poter cambiare qualcosa, essendo isolato con solo un quarto dei voti e quindi impotente. In ogni caso, le elezioni friulane e comunali confermano che NON POTRA' governare da solo, inutile illudersi. Cominciate a pensarci.

francesco ., pavia Commentatore certificato 28.05.13 11:33| 
 |
Rispondi al commento

E' proprio vero che la politica è lo specchio del popolo, e questo popolo fa schifo...più passa il tempo e più mi rendo conto che non c'è speranza di cambiamento nè ora nè mai. Ho vissuto tre anni tra Australia, Nuova Zelanda e Inghilterra e sono rientrata consapevole che l'Italia sia il Paese più bello del mondo...peccato che gli italiani non se ne rendano conto e lo stanno affondando...credo che ripartirò senza ritorno!!! Grazie M5S

Vale P. 28.05.13 11:33| 
 |
Rispondi al commento

A me sembra chiaro che se il messaggio di M5S che ha funzionato era "tutti a casa", perfetto per la politica ed il parlamento a livello nazionale, lo stesso messaggio perde significato a livello locale, dove si vota la persona che deve fare il Sindaco e non altro. Io ho votato per una persona che mi convinceva di più, rispetto al candidato sindaco di M5S. Penso però che non si debba cambiare linea: restiamo diversi dagli altri e dimostriamo che i cittadini possono governare il paese senza partiti. Se pensate che a Roma De Vito (sconosciuto fino a ieri) ha preso poco meno della metà dei voti di Alemanno (sindaco uscente), a me sembra un miracolo, piuttosto che una sconfitta...

robertoambroso 28.05.13 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Allora tempo fa scrissi che sembravate un po confusi perchè a mio parere sembrava che stavate subendo troppo il pressing del pd che intanto preparava il campo per il governo con il pdl, mi dispiace ma quello è stato il momento cruciale ma non per sottomettersi al pd ma per rilanciare, per giocare d'attacco e alzare la posta. Quello che è successo è che oltre ad essere ingenui, avete fatto calcisticamente parlando catennaccio alla trapattoni, vi siete rinchiusi e state subendo da dopo le elezioni quotidianamente un fuoco incrociato dal pd e dal pdl.E' come se stesse giocando una partita di pallone una squadra di metà classifica contro le prime due della classifica. Ma la soluzione non è rinchiudersi ed aspettare. ADESSO BASTA! NON è più il momento di aspettare! Io, come tanti altri ci crediamo veramente nel M5S e continueremo a votarlo, ma è ora di aprire le menti, essere ELASTICI ed adattarsi e soprattutto dovete smettere di subire e cacciate le p***e! capisco che bisogna soprattutto lavorare a testa bassa sulle cose concrete ma basta subire ed incassare! Tutti i media televisivi vi stanno massacrando ogni giorno, Agorà ad esempio tutti i giorni mostra interviste (costruite ad arte) di persone che dicono che vi hanno votato e non voteranno più M5S. Il conduttore stesso con sberleffo ogni volta che vi chiama "grillini" dice che non fate niente, ed oggi vi hanno dedicato una trasmissione tutta per glorificare la sconfitta nel MS5. A me viene da spaccare la tv quando li vedo, ma anche gli altri talk show che a rotazione dalle 8 di mattina fino a notte inoltrata non sono da meno e vi sparano delle bordate mediatiche pesantissime. Su di me non fanno presa, ma su chi è lobotomizzato dalla tv e sono 3/4 della popolazione Italiana purtroppo si. Vedete cosa dovete fare perchè cosi non riuscite a sostenere ancora per tanto il fuoco mediatico del regime PD+PDL. Quindi datevi una mossa, e portate a termine entro BREVE le vostre proposte. Forza! siete l'unica speranza!

MaxP 28.05.13 11:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso che il significato sia molto semplice: le persone che avrebbero rinunciato a votare per le politiche hanno votato M5S, nelle comunali hanno continuato a non votare. Questi sono gli argomenti da approfondire, anche perchè una differenza tra politiche e amministrative era fisiologica, però reputo sia stata eccessiva.

Cesare Biagiotti 28.05.13 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Fate e pubblicate l'esamina dei voti per singoli partiti e non per coalizioni/schieramenti, cosi noterete che non é proprio andata male. M5S doveva scontare i voti PD di protesta. Parte degli elettori provengono da quell'indirizzo politico e sono ritornati all'origine. Una cosa è certa, le iniziative dei gruppi alla camera e al senato devono essere pubblicate, con cadenza regolare, per informare tutti, anche chi non vi vota ma legge, compreso il dissenso alle proposte altrui. Comprese le cosidette sconfitte e senza timori.

flavio daniele 28.05.13 11:28| 
 |
Rispondi al commento

SECONDO ME IL RISULTATO E' IL SEGUENTE

IL PD SI è VENDUTO L'INCANDITABILITA' DEL NANO IN CAMBIO DELLA RIPRESA SUL TERRITORIO DEI SINDACI IL TUTTO A DISCAPITO DI UN RISULTATO MEDIATICO CONTRO IL M5S

Il 50% degli Italiani e sfiduciato infatti non ha votato.
Il M5S non ha dato i risultati sperati, forse il messaggio di cambiamento immediato è sbagliato.
ATTENZIONE NON BUTTIAMO LA SPERANZA DEL M5S
OPPURE NON AVREMO PIU' NULLA

Questa mattina la prima notizia di giornali e tv è " FALLIMENTO del M5S " secondo me dovrebbe essere " FALLIMENTO DEGLI ITALIANI"
grazie

Maurizio R., Rieti Commentatore certificato 28.05.13 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Come mai Grillo non fa mai autocritica? Se cominciasse a essere un pò meno intransigente il movimento ne guadagnerebbe parecchio.IL DIALOGO E' ALLA BASE DELLA DEMOCRAZIA,BISOGNA PARLARE CON TUTTI,ANDARE IN TELEVISIONE....USARE GLI STESSI MEZZI DEI PARTITI MA SBANDIERARE LE IDEE DEL NOSTRO MOVIMENTO....ESSERE PURI E DURI NON SERVE A NIENTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Renzo Doria Miglietta () Commentatore certificato 28.05.13 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Io non ho votato grillo , perchè pensavo che m5s non avesse persone pronte a governare ma che potesse dare stimoli forti magari alleandosi con il pd. La delusione ora per m5s è però totale, rivoluzione del tipo dittatoriale di cui non abbiamo più bisogno,populismo superiore a quello di berlusconi, persone scelte chissà come e da pochissimi . Direi che quando una rivoluzione fallisce per i propri errori , tutti debbano tornare a fare il proprio vecchio lavoro, ma penso che chi ha ora una poltrona non la mollerà più....

sergio g. Commentatore certificato 28.05.13 11:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe quello che titolano i giornali non è rilevante, ma credo che il M5S debba fare una profonda analisi (cosa non ha funzionato e perchè)di questa tornata elettorale. Ci sono stati tantissimi astenuti che ipoteticamente potevano votare il M5S, ma se hanno deciso di non votare, magari significa che la gente non crede e non ha fiducia neanche più nel movimento. Sono convinto che bisognerebbe rivedere la strategia di comunicazione e cosa molto importante, sostituite Crimi e la Lombardi, mettete persone che siano più capaci e fateli intervenire di più nei TG. La stampa di regime vi distrugge però anche voi gli state dando una grossa mano

Domenico S. Commentatore certificato 28.05.13 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Minimizzare è un errore, grande.

Differenziare tra elezioni politiche e comunali sa un pò di vecchio linguaggio della politica.

Serve un pò di autocritica per recuperare quella parte di elettorato che con entusiasmo si era riavvicinato alla politica grazie al MoVimento ma che poi forse ha visto deluse le proprie aspettative.

E non sarà semplice, e se si perde la forza popolare CinqueStelle rischia di diventare un movimento di nicchia per affezionati del web.

Cercare il voto dei cittadini nelle piazze e poi dire "avete sbagliato a votarci..." forse è stato un errore che ha portato anche a questi risultati.

I cittadini hanno votato CinqueStelle in Febbraio anche perchè forse si aspettavano con il loro voto un cambiamento reale della politica, una speranza che è insita nell'organizzazione e nelle idee del MoVimento ma che, evidentemente, è andata delusa.

Adesso si è tornati alla totale mancanza di fiducia verso la politica, tutta, MoVimento CinqueStelle compreso, e, complice l'informazione giornalistica che lavora per i vecchi partiti, l'astensionismo sta riprendendo la sua inesorabile marcia, rafforzato dalla delusione.

Forse ascoltare anche chi ci vota può aiutare.

Daniele Zaghi 28.05.13 11:20| 
 |
Rispondi al commento

GLI ERRORI DEL MOVIMENTO 5 STELLE
Visto che il M5S sembra mancare di autocritica, voglio farla io un po’ di critica, dato che l’ho votato…
Gli errori commessi dal M5S sono principalmente due:
1)Essersi trasformato subito da MOVIMENTO in PARTITO: la differenza tra movimento e partito è che un partito fa quello che dicono i capipartito, mentre un movimento fa quello che dicono i suoi elettori, anche se va contro i suoi principi. Bene il M5S, da subito dopo le elezioni, ha dimostrato di fare quello che dicevano i suoi capi e non quello che chiedevano i suoi elettori, equiparandosi ai partiti tradizionali e così vanificando il motivo del suo successo elettorale. Per dirla alla Crozza, il M5S “si è partitizzato!”
2)Il secondo errore è figlio del primo: essersi rivelato INCONCLUDENTE. Quello che, secondo le speranze di chi lo aveva votato e sostenuto, doveva essere il principale attore del cambiamento in Italia si è auto-relegato ad un ruolo di sterile opposizione, per volere dei suoi capi e di una ristretta minoranza di esaltati, che ora paiono ben contenti del risultato raggiunto (contenti loro… a me il M5S non ha cambiato niente nella vita e, tutto sommato, è come se non esistesse, in una parola ININFLUENTE). Quindi, perché mai la gente a questa tornata elettorale avrebbe dovuto votare un PARTITO INCONCLUDENTE? Ce ne sono già tanti! Perciò, ha preferito rimanere a casa.
Insomma, mi dispiace dirlo, il M5S così com’è oggi si è rivelato un flop, un’illusione, perché in effetti non era quello che la gente sperava: ricordo che il blog di Grillo è nato con fini demolitivi, non costruttivi e, se il M5S continua ad identificarsi con il blog di Grillo e con Grillo stesso, sarà sempre bravissimo a distruggere, ma incapace a costruire alcunché. Un vero movimento dovrebbe identificarsi con i cittadini, non con chi lo manovra dall’alto. E poi ci vogliono più competenza e senso di responsabilità da parte dei parlamentari 5 stelle. Sinceramente, mi aspettavo qualcosa di più!

Gabriele M., Roma Commentatore certificato 28.05.13 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Noi italioti non impariamo dalla storia. Siamo un popolo con un grande passato e di memoria corta. Di rari geni e moltissimi gretti ignoranti. Non azzardatevi a commentare queste votazioni in vomitevole stile partitico!!! Il messaggio è forte e chiaro. La strategia del MoVimento ha ricacciato nell’astensione gran parte dei cittadini che avevano sperato nella capacità di realizzare un rinnovamento positivo della politica, nella la liberazione dell’intelligenza e della ragione dalla cappa diabolica dei partiti e del berlusconismo. Totò prendeva gli schiaffi e rideva: “mica sono Antonio”. Volete ripetere la stessa scenetta? Non tutto è perduto. C’è ancora la piena possibilità di realizzare l’auspicato cambiamento. È necessario però cambiare completamente la strategia. L’Italia è un paese avvelenato, intossicato, drogato… bisogna depurare, eliminare le tossine, ma la cura è lunga e difficile. Nessun malato grave guarisce per imposizione delle mani o per grazia ricevuta, chiunque affermi il contrario non è altri che un ennesimo millantatore. Grillo, visto che lo hai voluto fare, adesso non puoi tradirci, non puoi deludere! Hai preso sulle tue spalle la nostra speranza e il nostro futuro… questa responsabilità è tua.

angelo56 martinelli Commentatore certificato 28.05.13 11:19| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE GRILLO E GIANROBERTO CASALEGGIO, OSSIA COME GESTIRE MISERAMENTE UN RISULTATO ELETTORALE EPOCALE!...

Mi spiace dirlo, perchè adoro Beppe (Casaleggio non lo conosco, quindi non mi pronuncio), da niente ha fatto tanto, spendendosi fino al limite dell'umana resistenza nelle piazze. Senza tv e senza soldi, o quasi, in tre anni ha portato un manipolo di persone che si scambiava idee sul blog e occasionalmente si ritrovava nelle piazze ad essere praticamente il primo partito in Italia. Ora questa stessa testardaggine a "non voler scendere a livello degli altri", unita alla paura di farsi fagocitare dai media sta distruggendo questo miracolo. Beppe non dà mai il permesso ai suoi di replicare a tutta la merda che ci sparano addosso in tv, o sui giornali. Beppe non pubblicizza, se non in piazza o nel blog, quello che i nostri parlamentari stanno facendo. Eppure persone come Crimi o di Battista sanno tenere testa ai giornalisti in tv, l'hanno dimostrato. Tranne un'intervista dall'annunziata e a sky tg 24 (che non tutti hanno), il vuoto più totale. I nostri sono "quelli che prima avevano promesso di restituire la diaria e poi ci hanno ripensato", ecco per cosa vengono ricordati. La macchina della merda ha funzionato alla grande, e noi niente. Non si sa cosa i M5S propongono, non si sa niente. Settimane a parlare della nostra parlamentare che non ha stretto la mano a Rosy Bindi (sbagliando) e poco o niente sulla kyenge che non la stringe al capogruppo della Lega Morelli. Funziona così, merda addosso a chi non conviene. E noi NIENTE!!!
Eppoi Beppe, lascia che te lo dica: LA GENTE NON HA CAPITO E NON HA DIGERITO CHE TU NON ABBIA FATTO L'ACCORDO COL PD. Poco importa del video della piddina Marina Sereni, non gli è stata data importanza, la gente sa solo che "si poteva fare qualcosa assieme a Bersani e si è scelto di non farlo".
Questa non te l'hanno perdonata, i "grillini" sono quelli che dicono NO , punto! Come la mettiamo?

Illy 28.05.13 11:19| 
 |
Rispondi al commento

La TV secondo me non c'entra nulla. Fin'ora è stata forse un serio ostacolo? Se la proposta è buona basta il Web e il passa-parola, come si è già ampiamente dimostrato.

Secondo me il vero problema è che la strategia politica scelta a livello nazionale ha fatto perdere molto dell'entusiasmo alle persone che si erano avvicinate per la prima volta al M5S.

Ci si aspettava di vederlo al governo, il che, contando 1/3, voleva dire anche capacità di mediazione e compromesso con le forze "meno marce" per iniziare un cambiamento positivo ORA.

Questo non è avvenuto e ci si è invece arroccati su una posizione "purista" e pretenziosa (avere il 51%? Ma quando ?!?) che voleva di fatto dire chiudersi in una sterile opposizione fatta di mugugno e non in grado di agire (voi proponete e noi votiamo di volta in volta?!? Prendersi qualche responsabilità diretta in più no??).

Parlo per me: alle politiche avevo diffuso un messaggio positivo, perchè ci credevo. A questo giro non sono andato a votare nemmeno io e non ho diffuso alcun messaggio positivo tra i miei amici/parenti/colleghi/ecc. anzi semmai una certa delusione.
È assai verosimile che così abbiano fatto in molti per cui le fila degli astenuti sono state di molto ingrossate da potenziali votanti M5S.

Spero serva di lezione e non si minimizzi o si cerchino giustificazioni inverosimili, come sembra fare l'autore di questo articolo.
Un cambio di rotta è necessario se volete riconquistare fiducia e stimolare nuovamente la partecipazione.

Infine: BASTA MUGUGNO NEL BLOG!! Siete capaci di pubblicizzare le cose positive fatte, al posto che stare sempre a presentare polemiche e cose che non vanno? Per quello c'è già la Gabanelli & Co. Serve qualcuno che passi dalla denuncia alla SOLUZIONE! Se questo sarà il M5S tornerà inevitabilmente a crescere!

Roberto Q., GE Commentatore certificato 28.05.13 11:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'M5S non è affatto crollato. E' alla dimensione che ci si aspettava. A febbraio c'era stato un exploit che era una bolla. Il 12/13% è una base solida, di elettori consapevoli di che cosa è il M5S i restanti 12/13% non sapevano nulla dei 5 stelle e sono stati spaventati dai media e dall'offensiva scatenatasi in questi 3 mesi. Dovete fare i conti con una parte dell'elettorato che è connivente con questo grumo di potere (evasori, corruttori) una parte di impiegati pubblici che vogliono mantenere lo status-quo, pensionati che gli basta avere la pensioncina mensile e se ne sbattono dei giovani disoccupati. E' un paese dove non c'è coesione e solidarietà, ma solo egoismo e lobby e che futuro ci può essere?

riccardo a., cesena Commentatore certificato 28.05.13 11:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi dice che è normale che il m5s vada male alle amministrative forse non si ricorda che solo un anno fa entravamo al ballottaggio di Parma e la vincevamo

Sofia G., Rimini Commentatore certificato 28.05.13 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Quelle associazioni per delinquere chiamate Partiti Storici festeggiano. Questo è il sintomo più evidente, la cartina da tornasole che hanno perso qualunque dignità , qualunque misura etica che li avvicini alla dimensione di strutture al servizio dello stato e dei cittadini. Si tratta invero, e i fatti diqueste ore lo stanno a dimostrare, di apparati di potere di lobbyes e di comitati d'affari che non sono interessati allo stato in se, o ai cittadini, ma utilizzano quelle strutture per il loro unico tornaconto personale di cosca.
La carenza di una seppure remora etica o morale nell'analisi di un voto che mostra sempre più allarmante lo scoramento del popolo italiano verso i suoi rappresentanti istituzionali, mostra, se mai ve ne fosse bisogno, che questi sono più interessati a continuare ad evadere il fisco per le loro società di lottomatica e di gioco d'azzardo, piuttosto che a rilanciare l'economia, sono più interessati a perpetuare i loro stipendi e pensioni faraoniche piuttosto che rinvigorire lo spirito della Res Publica, sono più interessati a depredare i risparmi dei cittadini imbucandoli con nuove tasse in quel buco nero che si chiama finanziamento ai partiti e all'editoria (amica), piuttosto che ridurre i carichi fiscali alle imprese che creano lavoro.
Di tutte le iniziative intraprese dal M5S in questi mesi non un giornale, non un artivcolo, non un servizio TV dei servi di regime ha riportato una riga.
Loro stanno portando il paese alla catastrofe, toccherà al M5S di salvarlo.

marioz o., genova Commentatore certificato 28.05.13 11:13| 
 |
Rispondi al commento

si arrampica sugli specchi il Carlo Marx dei grillini....

marco aurelio, reggio emilia Commentatore certificato 28.05.13 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Non avete ascoltato i cittadini moderati che vi avevano votato perchè vedevano in voi una reale possibilità di cambiamento.Tutti quelli che sul blog vi invitavano a fare, a entrare in un governo per cambiare,li avete definiti schizzi di merda.
Avete dimostrato di non ascoltare la voce della maggior parte dei cittadini che speravano in voi per dare soddisfazione alla parte oltranzista del movimento.
Questo è il risultato.

paolo gargano 28.05.13 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Va bene l'astensione e tutte le attenuanti del caso, ma il m5s doveva stravincere alle comunali (come altri hanno commentato, essendo un movimento dal basso, le amministrative sdovrebbero essere il nostro pane quotidiano). E questo accade mentre il governicchio PDL PD-L passa il tempo in battibecchi, e la stampa non perde occasione per spalare merda in prima pagina sul m5s. Credo sia giunto il momento di combatterli sul loro campo, i mass media, presentando gente capace (Crimi, Di battista, Barbara Lezzi...). Siamo tutti bravi e convinti su 'sto blog, ma siamo noi attivisti/interessati/curiosi/troll del pd che andiamo a cercarlo, mentre dovrebbe essere il blog a "raggiungere" le masse e presentare le cose così come sono realmente... così forse mia zia la smetterebbe di votare DC!

andrea s., Lecce Commentatore certificato 28.05.13 11:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

grazie M5S per quello che state facendo, non mollate....il risultato delle elezioni di ieri ci ha dato conferma che gli italiani si sono meritati quello che la vecchia politica ha fatto all'italia
siamo un branco di caproni

andrea v., civitanova marche Commentatore certificato 28.05.13 11:10| 
 |
Rispondi al commento

E' ridicolo segnalare la sconfitta elettorale del M5S. Senza dire, oltretutto, che nessuno ha vinto, che nessuno può vincere quando perde la democrazia italiana col cinquanta per cento dei cittadini che non vanno a votare. Certo, il M5S, senza una presa di coscienza generale della situazione di crisi che sta attraversando il nostro Paese e il Mondo intero, senza una "svolta" seria e profonda nei partiti che hanno occupato le istituzioni democratiche, cosa può fare veramente e realmente? Qualcuno pensa che con gli inciuci si possano risolvere questi problemi così gravi e radicali? Il M5S può accettare di perdere elettoralmente, pur di conservare la propria natura di movimento di cittadini contro ogni tipo di inciuci. Ma, una cosa va sottolineata: paradossalmente, questo momento di "ridimensionamento" elettorale del movimento può servire per fare molta più chiarezza fra gli attivisti, evitando soprese future del tipo di quelle dei vari Mastrangeli o peggio. Infatti, coloro che già, a primo risultato negativo, "fingono" di essere delusi e attaccano Grillo e Casaleggio, stanno togliendo finalmente la maschera, e questo è positivo per il M5S. Malum quidem nullum esse sine aliquo bono.

Orazio Parisi, Avola Commentatore certificato 28.05.13 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Becchi,
Sono d'accordo che una flessione tra politiche e amministrative fosse preventivabile, ma la differenza è troppo elevata, in più conferma i dati dei sondaggi che vedono M5S in forte calo di consensi. Dire che la democrazia è malata è una frase senza peso, anche perchè non serve a capire il perchè del crollo di fiducia a M5S. Poi sono sempre stato contrario ai denigratori e a coloro che si lamentano sempre: se vedi qualcosa che non funziona taci e fai di tutto per farlo funzionare. Spesso chi si lamenta o non fa altro che spargere letame costituisce parte del problema.

Cesare Biagiotti 28.05.13 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sicuramente la stampa veicola i fatti, i gesti, le parole, l'intera informazione a favore sempre e comunque dei partiti di potere. E questo non aiuta. Non aiutano il M5 neanche coloro che sono stati eletti alle ultime elezioni politiche. Discutono sulla diaria, vengono ammaliati dal sistema televisivo. Ognuno vale uno? No, non credo proprio. Sono come tanti altri che quando arrivano al potere ne rimangono intrappolati e folgorati. Volevamo che le idee, le tue idee camminassero con le gambe della concretezza dopo l'ottimo risultato ottenuto alle nazionali. Così non è stato! Anche io non penso che ci sia stato un Flop del M5 alle amministrative ma potrebbe esserci. Il neo del M5 sono le persone che vi militano all'interno e che una volta eletti si muovono come mine vaganti e presto faranno saltare in aria tutto il tuo lavoro. E questo già, se non te ne sei reso conto, sta facendo perdere di credibilità il Movimento. Io credo in te in quello che dici, io voglio veramente un cambiamento. Secondo me devi risolvere il problema dei cittadini, così come li chiami tu eletti nel M5. Saranno proprio loro a distruggere il Movimento e avranno fatto il gioco degli altri partiti. Non sarà né il PDL, nè il PD a vincere sul Movimento, sarà il M5 medesimo ad autodistruggersi. PECCATO!!

elena bedogni 28.05.13 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Ma che ipocrisia. Perché non ammettere che stare stare affacciati ad un ponte aspettando che prima o poi possa passare il cadavere del nemico senza fare nulla per combatterlo, è una cazzata enorme? Si parla di clientele per spartire i voti giustificando la vera situazione di sconfitta. Meditate M5S. Meditate e forse anzichè parlare solamente fate qualche cosa di costruttivo o vedrete sfilare non solo gli elettori ma anche gli "onorevoli cittadini"
Aldo

Aldo Messina 28.05.13 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Avevo convinto mia zia , aveva votat M5s , lei pensionata... Si è lasciata convincere dai talk show ... E alla fine nonso chi abbia votato ma non m5s , la ragione è stata ...

Perchèintv non ne hanno mai parlato e non hanno fatto nulla al governo...

Forse è il caso di capire che gli Italiani medi sono piuttosto arretrati nell'uso delle tecnologie e forse il messaggio arriva piu ai giovani .... Nonostante mia Zia sappia usareil pc non è servito

Stefano 28.05.13 11:08| 
 |
Rispondi al commento

LO SCONFITTO È COLUI CHE VENDE IL PROPRIO VOTO...
Sconfitto é anche colui che compra voti x una manciata di euro.
Con i finanziamenti pubblici ai partiti si crea una specie di mercato nero,difficile da opporre.
Questa è la nostra Italia...da cambiare.SUBITO!!!
Terra corrotta.
Democrazia destinata a morire e ridotta ai minimi termini.


Giuseppe catania 28.05.13 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Ma avete notato che su tutti i mezzi di informazione la notizia è "il crollo del M5S" ?
Una volta le notizie erano il crollo del PD o del PDL, ora tutti si concentrano sul M5S, quasi che fosse lo spauracchio, il nemico sconfitto.
Al di là del risultato ottenuto dal M5S (onestamente mi aspettavo qualcosa di più, ma dovremo analizzare i motivi del non successo), non mi sembra che gli altri partiti abbiano avuto questa tremenda crescita di consenso.
Mi fa piacere sentire queste esultanze dei partiti sul fatto che il M5S non sia presente ai ballottaggi. Mi fa piacere vedere il terrore che avevano i partiti per un eventuale ballottaggio con il M5S. Il sintomo è chiaro: hanno paura del movimento, del cambiamento, del popolo che si interessa della politica in prima persona.
La strada è quella giusta, bisogna correggere il tiro e analizzare le risposte di questa campagna elettorale per non commettere gli stessi errori nelle prossime.
Forza M5S.

Alessandro La Tessa 28.05.13 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito chi va a votare, chiude gli occhi e mette un segno sui partiti tradizionali, questo purtroppo mi fa sorgere un grande dubbi nei confronti degli elettori del PD e e del PDL. Cosa dobbiamo ancora sopportare per vedere qualcosa di nuovo nella politica italiana? Abbiamo o no capito in quale disastro socio-economico ci hanno trascinato? Io voto M5S perchè voglio vedere un cambiamento radicale della politica, non un cambiamento progressivo che porti all'insabbiamento delle riforme politiche volute dai cittadini per mantenere lo status quo. Se questo deve essere il futuro del paese vuol dire che diserterò le urne, così cari amici dell'alleanza di governo deciderete il mio futuro e anche quello dei miei figli assumendovi tutte le responsabilità che vi competono dinanzi alle prossime generazioni.

salvatore valenza 28.05.13 11:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema è che gli italioti sono in gran parte un popolo di pecoroni, pigri e passivi e smemorati (al netto dei mafiosi/evasori ovviamente)

Per svegliarli (e i risultati saranno comunque graduali nel tempo) ci vuole l'impegno di TUTTI.

Ma chi dovrebbe farlo (voi) per l'80% viene qui per fare il suo commentino su questo blog e non si impegna in prima persona.

Ad esempio : perchè questo link ha solo 10 like e 3 condivisioni, nonostante lo abbia postato piu di una volta?

http://www.lincredibileparlamentoitaliano.yolasite.com/cloaca-italia.php

NE DOVREBBE AVERE 300.000 DI CONDIVISIONI QUESTA VERGOGNA MONDIALE CHE VA AVANTI DA 20 ANNI

Svegliatevi, cazzo!

ANTITALIOTI 28.05.13 11:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL PROF. BECCHI SOSTIENE CHE IL FATTO CHE UN CITTADINO ITALIANO SU DUE NON SIA ANDATO A VOTARE SIA SEGNO DI CRISI DELLA PARTITOCRAZIA. VORREI FARGLI NOTARE CHE A ROMA C'ERA ANCHE UN NOSTRO CANDIDATO E CHI NON HA VOTATO HA PREFERITO STARSENE A CASA ANZICHE' VOTARE NOI. IO INVECE COMINCEREI A PENSARE A UN CAMBIO DI STRATEGIA PARTENDO DAL DATO NEGATIVO CHE QUASI LO 88% DEI ROMANI NON CI HA VOTATO. COSA NE PENSATE? SALVE A TUTTI.

DARIO C., CAGLIARI Commentatore certificato 28.05.13 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Ragassì ma la gente vota ad occhi chiusi, non va ai comizi, non legge i programmi..ascolta un tg5, tg3 legge un "giornale" un "corriere" e crede di essere informata. L'ignoranza è forza non dimenticatelo. Ora siamo tutti politologi ma la verità è che la gente non vuole sapere e secondo me alla fine fa bene..io mi sto ammalando di fegato e di ipertensione a seguire tutte le marcerie che succedono ogni giorno senza smuovere la situazione di un millimetro..
no non fa bene lo so, però vive meglio vedendo il mondo diviso fra buoni e cattivi, noi e loro..razzisti col cuore buono..
ho paura che prima o dopo succeda veramente un patatrac e dopo sarà tardi..
sono veramente sconsolato, sentire parlare di bipolarismo senza rendersi conto di non parlare di politica ma di psichiatria diobono!!

stefano t., barcellona (spagna) Commentatore certificato 28.05.13 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Io sono un ex votante pdl ,ed ho votato Grillo e i 20 punti.Non ho votato per 4 compagni al bar,non ho votato per Rodotà o Prodi,non ho votato per lo ius soli,non ho votato per i matrimoni gay,non ho votato per assumere vigili per tassarci ancora,non ho votato per gli esodati,non ho votato per i cassaintegrati.Io ho votato per un sogno ,una società diversa se ho capito male ditelo perché ho la netta sensazione che gli eletti del m5s siano confusi.Il m5s deve urlare agli Italiani i 20 punti senza tentennamenti e lasciar perdere il sistema mafioso del pd che è molto duro da abbattere

Antonello M. Commentatore certificato 28.05.13 11:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tanti avevano votato Grillo perchè volevano il cambiamento sopratutto con il pd tanti elettori m5s
erano del pd e volevano protestare comtro il partito tramite m5s.Il treno è passato e grillo si è montato il capo come tutti icapi che se ne fregano del popolo.Uno vale niente

gianluca t., tgnl@libero.it Commentatore certificato 28.05.13 11:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'analisi e' sbagliata, non siamo in una situazione sudamericana in cui la squadraccia minaccia con le armi l'elettore, in Italia si puo' liberamente votare e molti elettori hanno deciso, in massa di non andare a votare - e chi ha fallito maggiormente e' stato proprio il M5S che a giudicare dai commenti si spezza in una corrente di duri & puri e fedeli alla linea ed in una di chi vorrebbe azioni pratiche e cambiamento.
Risultati alla mano quale e' la linea che riceve piu' voti? la prima no di certo, ha perso.

Basta con il complottismo sui troll, e' palese che i moderatori intervengono e cancellano i commenti non graditi SENZA mandare una nota di spiegazione - io tengo gli snapshot e uno lo ho mandato al deputato M5S della circoscrizione estera, l'unico eletto.. e non me ne stupisco, io sto in Germania ho chiesto alla casella postale di entrare in contatto, magari si puo' fare un meetup (c'e' una vasta comunita' italiana).. zero repliche in tre mesi ormai..

ragazzi, o la dirigenza (inclusi i moderatori del blog) cambia marcia o finisce che restate da soli

Paolo Anafesto 28.05.13 11:04| 
 |
Rispondi al commento

CARO BECCHI E' DISONESTO TENTARE DI MINIMIZZARE.

"...non c’è nessun rapporto tra le consultazioni politiche nazionali e le elezioni locali..." Ma che minchia stai dicendo? Un movimento che si pregia di essere l'espressione diretta dei cittadini dovrebbe trovare il suo humus tra la gente, principalmente a livello locale, si dovrebbe radicare nel territorio innanzi tutto e poi a livello nazionale. Invece sai cosa è successo? Ti faccio un esempio per Roma. Qui nessuno conosceva il candidato sindaco del Movimento, non un intervista, non un manifesto, nessun tour per i quartieri insomma un aspetto comunicativo inesistente. Cosa si pretende che la gente voti "al buio"? Politicamente è un fallimento pesante e tentare di minimizzarlo spostando l'attenzione sul rifiuto generale della politica e disonesto intellettualmente.

marcello archia, roma Commentatore certificato 28.05.13 11:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo anche questa volta Professore e aspetto il Suo prossimo articolo. Grande Becchi.

Fabio D., Levanto Commentatore certificato 28.05.13 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Il movimento 5 stelle è entrato dentro il palazzo, questo è il dato fondamentale. Invece di perder tempo ad inseguire le stronzate televisive o a rincorrere un consenso fine a se stesso, bisogna lavorare ed informare con strumenti nuovi, se continuiamo ad usare i vecchi arnesi che cazzo di rivoluzione culturale si vuole portare avanti? La mia pagina facebook è inondata di messaggi del movimento 5 stelle che riprende inutili ed idiote polemiche televisive sarò costretto a scollegarmi, ma che cazzo avete in testa? ma quando cazzo lavorate se siete sempre a smanettare? Questo viene percepito dall'esterno.

Paolo Rullo Commentatore certificato 28.05.13 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Non ho letto nessuno dei commenti precedenti il mio. Quindi forse la mia idea è già stata espressa, comunque eccola qui:

Il Movimento ha preso 87% in meno dei voti ai quali dovrebbe mirare.

Adesso l'unica attività seria, di tutti, sarebbe di capire bene perchè, a fronte di un programma politico talmente valido da essere a più riprese 'scippato' dalle altre formazioni politiche, non si è riusciti a raggiungere tutti.

Identificate le cause (digital divide, campagne diffamatorie, errori di comunicazione, ecc.) lavorare su ognuna di queste.

Il resto sono chiacchere.

Marco Pellegrini 28.05.13 11:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Prof. Becchi, concordo pienamente sulla Sua diesamina e se permette vorrei aggiungere alcune riflessioni. L´errore che ha fatto il M5S e`lo stesso che ha fatto Di Pietro: la battaglia contro Berlusconi, una guerra che ha perso e sappiamo tutti perche`Il M5S doveva e deve per le prossime campagne elettorali pensare ai cittadini, agli Italiani stanchi di partitocrazia. Non cada piu`nei giochetti mediateci, prenda coraggio e vada in TV a cantargliele. L`WEB non `piu`sufficiente, non dico di abbandonarlo, anzi rafforzarlo, ma non escludere l`informazione mediatica. Sono convinto che in queste condizioni, nonostante errori di gioventu`il risultato elettorale sia stato piu`che ottimo. Gradirei una Sua gentile risposta a queste mie riflessioni. Grazie anticipatamente e buon lavoro Prof. Becchi

Paolo signorile 28.05.13 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Rispetto al suo articolo, l'affermazione "perché dovremmo essere felici, ed esultare, di fronte al "crollo" del M5S" è solo sua. Praticamente ha fatto ciò di cui accusa i giornalisti: interpretare una notizia. Nessuno afferma di "essere felice" ne "esulta" al crollo del M5S. L'unica verità vera è il risultato ottenuto dal M5S. Che non è esaltante. Se vuole una mia discutibilissima opinione, il "crollo" (perchè di questo parlano i giornali) del M5S è direttamente correlato all'astensionismo. In altre parole, chi ha votato M5S alle politiche non si è ripresentato in questa tornata (io ne sono un esempio. E come me, altri amici e colleghi). Motivo: credo si sia capito (prima di queste elezioni) che o M5S ottiene il 50% dei voti più uno o nulla cambierà in questo mondo (italiano). E visto che:
A) tale percentuale è impossibile da ottenere in questo paese per svariati motivi;
B) perchè per gli altri, mettersi daccordo per salvare la propria poltrona, è molto più semplice,
M5S ricalcherà il percorso fatto dalla Lega anni fa. Ovviamente mi auguro che, in futuro, la mia banalissima riflessione venga smentita dai fatti. Tuttavia temo (e credo) che per la smentita di cui sopra serva un cambiamento di rotta (leggasi atteggiamento) da parte del M5S. Cambiamento per cosa o in cosa questo non lo so. Ma io non faccio il vostro mestiere. A voi la palla

Fabio 28.05.13 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Sono assolutamente esterrefatta nel vedere come siete tutti fiduciosi sulla veridicità dei dati del Viminale. Ho una certa esperienza come Presidente di seggio e posso testimoniare che se le operazioni di spoglio delle schede sono abbastanza regolari (anche grazie al controllo dei rappresentanti di lista), il controllo non esiste più dal momento in cui i dati di ogni singolo seggio vengono inviati al Viminale, e da quel momento ci si fida ciecamente dell' elaborazione compiuta dal ministero. Ma vi pare che questo governo traballante, questa dittatura che sta a metà fra fascismo e veterocomunismo avrebbe permesso al Movimento 5 stelle un' affermazione pari o superiore a quella ottenuta alle politiche? Anzi, io ho dei dubbi che anche alle politiche sia saltato qualche voto al Movimento 5 stelle. Ha fatto troppo comodo un risultato elevato, ma proprio al limite che non gli permetteva di governare da solo. Insomma è evidente che questo governo aveva assoluto bisogno di un' investitura politica e sarebbe miseramente crollato se i risultati fossero stati altri. Inoltre è abbastanza inspiegabile che l' astensionismo abbia penalizzato il Movimento 5 stelle, di solito è il contrario. E tutta la stampa non ha detto concordemente che ai comizi dei soliti noti le piazze erano vuote. Guardate i comizi di Grillo su You tube: piazze piene e partecipative dovunque. E allora, come si spiega che le piazze sono vuote e le cabine elettorali piene? Caro Beppe, ti consiglio di controllare i dati del Viminale, esistono leggi sulla trasparenza della pubblica amministrazione che ti consentono di farlo, e comunque lo possono fare i tuoi deputati e senatori. Penso che troveresti qualche sorpresa...

donatella savasta fiore, torino Commentatore certificato 28.05.13 11:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti possono sbagliare , l' importante e AMMETTERLO!!!! Non affrontare i media e' una cazzata, passa il messaggio che abbiamo qualcosa da nascondere o non sappiamo dare risposte.Il movimento e' ancora troppo legato alla figura di Beppe che da' molte risposte in prima persona dando l' impressione che non vi sia democrazia, strategia comunicativa da rifare al piu' presto, nuovi leader da affiancare a Beppe, prima che sia troppo tardi e i nostri sogni si liquifichino.

giancarlo migliaccio, dublino Commentatore certificato 28.05.13 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Le elezioni amministrative premiano le clientele e maggiormente nelle grandi città'. Premesso ciò' l'aggravarsi della crisi favorisce il consenso a chi ha prodotto tutto questo paradossalmente.Cio' non favorisce il M5S sul lungo termine come invece pensa Grillo rischiando di svuotare questo sogno se non si interviene con azioni di forza . Non dimenticate che siamo in Guerra e non in un confronto democratico.

Enrico de Angelis 28.05.13 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Eh no, analisi troppo comoda. Con tutti i distinguo del caso (le amministrative non sono le politiche, il calo dell'affluenza)ciò che si è evidenziato non è solo la sfiducia nei partiti, ma nei confronti della politica TUTTA, compreso il M5S che, molte persone disilluse, hanno deciso di NON votare. Il fatto che avvenga a livello locale, dove conta la concretezza, è preoccupante per una forza che viene dal basso.

G.P 28.05.13 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Io mi chiedo, com'è possibile non parlare di sconfitta? Come si può rinunciare a farsi un esame di coscienza? Non per i pochi voti presi, ma la sconfitta sta nella metà di cittadini romani che non vi hanno votato e sono rimasti a casa piuttosto che votarvi. Alle nazionali avete pure preso la mia di preferenza perchè eravate un buon stimolo ad un buon governo, e non mi sono sbagliato perchè senza di voi invece che Boldrini e Grasso sarebbero presidenti delle camere politicanti di mestiere. Ma nel movimento c'è tanto da migliorare e ascoltare le critiche sane farà solo bene, a cominciare a Grillo. Non sono tutti uguali PD e PDL. Nel primo c'è una parte sana in cui c'era anche Bersani, una parte onestamente democratica, ed una parte marcia, il PDL è tutta marcia perchè non democratica, ma è di proprietà di una singola persona. Per ora sembrate più il PDL e infatti state affossando anche la parte sana del PD a favore di D'Alema e altri baroni della politica. E' un bene che al potere vadano i cittadini, ma non dei cittadini onesti qualsiasi, ci devono andare i migliori tra quelli onesti, altrimenti potremmo fare a sorteggio. Ci vuole un'organizzazione più raffinata e competenze di professionisti, altrimenti il Movimento diventa un "ascoltiamo cosa ne pensa Grillo". Grillo faccia il portavoce e faccia capire che le idee, di cui qualcuna anche sua, è del Movimento ed è al servizio del Movimento, non il contrario, altrimenti siamo solo alle appendici del capitolo Berlusconismo.

Mei Lin 28.05.13 10:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono tutti uguali.Sinistra, destra, centro, fascisti, cattolici, laici, bianchi, neri e viola. Marino ,che è un medico serio e preparato e un politico onesto, è uguale preciso ad Alemanno capace solo di sistemare i suoi parenti e la numerosa clientela negli uffici del Comune di Roma e nelle aziende municipalizzate.
Mandare tutti in culo: questo è il problema.
Così si risolvono i problemi del Paese e anche
quelli delle città.


Francesco F., Massarosa Commentatore certificato 28.05.13 10:54| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti,
credo sia opportuno evitare commenti di respiro politico alla stessa stregua dei tradizionali partiti.
M5S ha avuto una pesante flessione proprio nelle elezioni che lo avrebbero dovuto consacrare al livello locale, siamo inciampati proprio nei comuni per i quali il programma 5 stelle è stato pensato.
Ricordo a tutti che il movimento è nato per la gestione del territorio e siamo andati male, senza giri di parole.
Se vogliamo, facciamola pure l'analisi social-politico-elettorale evidenziando il basso tasso di affluenza, ma sarebbe un volgere lo sguardo da un'altra parte, anzi, anche in questo caso la questione ci riguarda, in quanto M5S avrebbe dovuto intercettare lo zoccolo di astenuti, ed invece, nonostante la nostra presenza, sono aumentati. Quindi la responsabilità è anche nostra.
Io rivedrei la strategia di comunicazione perchè ho la sensazione che il sistema politico e la società tutta, dopo un primo momento di sbandamento per l'avvento di M5S, abbia assorbito il colpo e stia lentamente digerendo la novità, metabolizzandola e conseguentemente, scomponendola con tutte le sue idee di innovatività e di buon senso.

Metteteli in difficoltà: disegni di legge coraggiosi, anti-sistema, anti-poteri forti. Metteteli con le spalle al muro.

Più presenza nei media per evitare che dichiarazioni strappate fuori dal parlamento vengano strumentalizzate o utilizzate in modo non appropriato, fuori dal contesto.

Meno autoreferenzialità, meno ascetismo: il sistema va combattuto, ma ora anche noi ne facciamo parte, quindi si cerchino appoggi di esponenti onesti negli altri partiti. il 51% non lo avremo mai. Facciamo con quel che abbiamo.

un saluto a tutti
Gabriele

gabriele 28.05.13 10:53| 
 |
Rispondi al commento

non è stato il crollo del m5s ma la ricomferma del fallimento totale della politica italiana e di tutti i suoi partiti...

beatrice corda (), cassano magnago Commentatore certificato 28.05.13 10:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un 12,5% a Roma ottenuto :
senza imbrattare la città, senza lo sfruttamento di manodopera in nero, senza le tante multe che questi avranno preso per affissione abusiva,
con una campagna elettorale eco-sostenibile,
senza mirabolanti promesse ma con i piedi per terra,
con la partecipazione attiva che ci ha dato la possibilità di incontrarci e condividere problematiche comuni e
aver conosciuto altri bravi cittadini a 5 stelle,
beh direi che è un 12,5% guadagnato con onore,
che non bastera' per Roma....ma basta per Me. Grandi !


RICETTA DELLA NONNA : TORTA "RIFIORITA"

ingredienti:

- selezionare tra gli iscritti quelli con doti comunicative migliori, culturalmente adatti a sostenere dibattiti con le controparti ;
- organizzare per questi membri che saranno l'interfaccia del Movimento con il Paese, "stage di addestramento mediatico" ;
- inviare questi "portavoce" a TUTTI i dibattiti televisivi con l'intento principale di informare la gente delle attività del Movimento;
- creare ed autofinanziare un canale televisivo del Movimento o in alternativa "affittare spazi televisivi per fornire informazione;
- creare un giornale, magari finanziato con publicità, o comprare spazi sui quotidiano nazionali ( con autofinanziamento) per lo stesso scopo;

Infornare il tutto e voilà! sicuramente la torta sarà buona!!!

marcello archia, roma Commentatore certificato 28.05.13 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, ma è stato Beppe a dire:
"chi vuole accordo col PD ha sbagliato a votarci"

Non vedo come potete lamentarvi se qualcuno lo ha ascoltato...

Sofia G., Rimini Commentatore certificato 28.05.13 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei solo ricordare che dopo il servizio di Report contro Di Pietro, l'IDV si sciolse. E' curioso che pochi giorni prima delle elezioni Report si sia fatto sentire con un servizio che sicuramente ha messo delle pulci in tante testoline. Secondo punto: a livello locale contano moltissimo le persone, il parente, il vicino, l'amico, quindi il voto è per le persone più che per i programmi. A Viterbo, purtroppo, le persone del M5S io le ho conosciute solo il venerdi prima delle elezioni: forse si sarebbero potute far conoscere un pò prima e un pò meglio. E' inutile fare le vittime della comunicazione, iniziamo a gestirla questa comunicazione. Perchè non fare degli SPOT e affiggerli come manifesti? Per esempio, io ho saputo solo venerdi, che era stata fatta una proposta per il bollo auto: perchè non pubblicizzarla meglio? Comunque, forza e coraggio a tutti quanti, il futuro ci aspetta e nulla è mai perduto. Però bisogna operare quache correzione soprattutto comunicando ai cittadini le proposte che fate.

katia paoletti 28.05.13 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Vince astensionismo
Chi si astiene Guarda la tv non legge blog

Luca M 28.05.13 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Premesso che non si può essere in campagna elettorale permanente e che ogni elezioni è una cosa a se stante, parlare di crollo del M5S mi pare fuorviante.
Mi ricordo di persone che alle elezioni per il parlamento votavano seriamente e a quelle per la provincia dei partitini minimi e sconosciuti, "tanto la provincia non conta nulla".
Detto questo se io guardo ai risultati inizio dalla Val d'Aosta, il PDL scomparso, il PD che non si è neppure candidato. In Val d'Aosta sono 300.000 abitanti, mica pochi.
Perché i giornali non intitolano "tracollo del governo e dei partiti che lo sostengono, record di astensioni" chi si astiene non vota, vota contro, mica vuol dire che qualunque cosa ci sia al governo a lui sta bene".
Ma in fin dei conti chi voterebbe per il PD, quello del MPS, quello del sostegno a Monti, quello dei vent'anni ad inciuciare con il PD, quello della corresponsabilità del disastro odierno, quello del salvare Berlusconi dalla galera? e chi voterebbe il PDL, quello di tutto quanto ha fatto il PD più l'IMU solo "rimandata" mica annullata, che poi pagheremo sotto altro nome ed aumentata?

Alessandro G. Commentatore certificato 28.05.13 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Non dimentichiamo però che siete partiti da 0 e siete al 12 % a Roma(dove la maggior parte degli impieghi e pubblica) tutt'altro che un brutto risultato , tenendo anche conto che siete in tantissime regioni, il m5s è come un albero che sta crescendo non si può pretendere che diventi grande in un'attimo , ci vuole tempo e costanza curalo quando serve. Non concepisco neanche l'attacco a Grillo lui ci ha messo la faccia e onestamente a differenza di Berlusconi non ha bisogno della politica per togliersi dai casi . Perciò potate annaffiate e concimate questo albero darà grandissimi frutti . Forza M5s !!!

Samuele D. Commentatore certificato 28.05.13 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno può pensare che la parte del paese che ha prosperato fino adesso improvvisamente voglia cambiare il sistema. Nelle amministrazioni locali questo "scambio di favori" è ancora più praticato e radicato, basta vedere cosa è successo a Siena dopo lo scandalo di MPS(sostanzialmente niente). Anche ILVA sembra abbia sede in Australia invece che in Italia. Quindi avanti così. Anzi meglio così meglio crescere piano e gestire le già tante promesse e aspettative che la gente ha riposto sul Movimento. E' di vitale importanza in questo momento essere coerenti, trasparenti e rispettare gli impegni presi. Nella vita si perdono le battaglie ma se si è determinati e coerenti si vincono le guerre.

paolo cavanus 28.05.13 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Mi piange il cuore che sia andata così, alla fine non paghi perchè hai sbagliato o perchè hai tradito i tuoi elettori, ma perchè non sei andato in televisione a raccontare quello che hai fatto e le persone credono a quello che gli racconta la tv. Riflettiamo su questo non conta la reltà ma ciò che appare.I giornali e le tv dicono che il M5S non ha presentato niente, balle su balle. Dobbiamo difenderci in qualche modo. Io continuo a sostenervi più di prima ragazzi! FORZA FACCIAMOGLI VEDERE CHI SIAMO A QUESTI RACCONTA BALLE QUOTIDIANE!

Veronica Cianfriglia 28.05.13 10:49| 
 |
Rispondi al commento

ANDIAMO IN TV A SPIEGARE LA SOVRANITA' MONETARIA.
SALIREMMO DI COLPO AL 40 PER CENTO.
GLI ITALIANI NON SONO COSI' COGLIONI COME SEMBRANO.
HANNO UN CERTO FIUTO PER LA VERITA', MA BISOGNA AVVICINARGLIELA A PORTATA DI NASO.

Mino V., Brindisi Commentatore certificato 28.05.13 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è speranza ! Ho visto alcuni servizi televisi su Siena , sono tutti a lamentarsi , e poi cosa fanno quando hanno la possibilità di cambiare , votano nuovamente quelli che li hanno distrutti. Siena è l'emblema di cosa siamo noi italiani. UN GREGGE DI PECORONI. Non c'è più speranza !!! Ho letto un'articolo sulla Norvegia, a fine maggio le auto elettriche supereranno numericamente le auto a benzina. Questo è un paese che stà guardando avanti di 50 anni. Noi siamo ancora quì a parlare se possiamo spostare l'IMU e scopriamo oggi che c'è la disoccupazione giovanile. MA DOVE CAZZO VOGLIAMO ANDARE !!!!!!

Biagio Cantarella, FIRENZE Commentatore certificato 28.05.13 10:48| 
 |
Rispondi al commento


Siamo l'unica speranza e se pure noi ci perdiamo in inutili sterili polemiche e protagonismi siamo destinati all'autoimplosione, ..

Il movimento esprime un bisogno di democrazia, di serietà, onestà e moralità.
Se si rivelerà un bluff, come molti sperano, si sgonfierà e sparirà, ma se saprà restare fedele ai propri ideali continuerà a crescere, anche coi media di corte schierati a difesa del potere.

Roberto B. Commentatore certificato 28.05.13 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Qui si sta parlando il politichese! I "partiti" tradizionali, alle consultazioni comunali, hanno sempre avuto una forbice, in negativo o in positivo, rispetto alle nazionali. Il M5S si è caratterizzato, fin da subito come un movimento di protesta e rinnovamento, ma non ha saputo convincere gli indecisi e i disillusi. Perché? Questa dovrebbe essere la domanda principale alla quale dare una risposta. Grillo è un leader che non sta in parlamento, ma il M5S pende dalle sue labbra. Berlusconi non fa più "premier," ma continua a sostenere i suoi a suo modo. Il fatto che non siano punti di riferimento più che legittimati, ha determinato un calo di consensi proprio di Pdl e M5S. Le porcate fatte dal Pd hanno rinvigorito il partito! Sembra un controsenso, ma rientra nella regola del one-man- one-show! In questo paese, la gente ha bisogno di una leadership carismatica che sia visibile, ma se Grillo andasse in parlamento, verrebbe meno al principio della non elegibilità di chi ha precedenti penali. Dovremmo chiederci se il fine giustifichi i mezzi e se le idee del M5S debbano essere soggette a critiche che vogliono cancellarne la forza. Il M5S ha mostrato di avere programmi validi, ma non riesce a entrare nella testa di chi ha paura dei cambiamenti. Poi la nazionalizzazione del Monte dei Paschi di Siena mi ha fatto tanto pensare all'Islanda. Purtroppo noi non siamo determinati come gli Islandesi, apparteniamo, piuttosto, al mondo della pastorizia spirituale, dove uno guida il gregge e i cani ringhiano a chi vuole uscire dal gruppo!

Maria Cristina Cataldo, Frascati Commentatore certificato 28.05.13 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Il m5s non e' crollato, certo qualche ballottaggio di città importanti si pensava che lo facesse invece niente, però ci sono almeno tre ballottaggi in piccoli comuni. Comunque e' riuscito a mettere consiglieri credo in tutti i comuni dove si e' presentato. Gli errori più grandi che il m5s ha fatto sono stati quelli di non rispondere in diretta alle menzogne che giornalisti e politici ogni giorno vanno e andavano dicendo,(Bisogna almeno telefonare in diretta e sputtanarli) e soprattutto quello di sopravvalutare la moralità degli italiani.

GABRIELE TINELLI (), carrara Commentatore certificato 28.05.13 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Intanto mi domanderei come mai nonostante il Movimento il 40% degli Italiani non ha votato. Questo è il dato più importante.

Questa analisi coglie nel centro:

http://laclessidra.net/politica-nazionale/97-perche-l-astensione

Francesca 28.05.13 10:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

25-30% di astensionismo = 25-30% di persone che si accontenta di quel po' che gli basta, con una buona dose di strafottenza!!! Ma la pacchia finirà anche per loro, oltre che per i benestanti del PDL!!!

massimo sorry, napoli Commentatore certificato 28.05.13 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Programma tutto condivisibile e comportamenti locali e nazionali seguiti a tal fine dai parlamentari grillini sono connotati distintivi che fanno del Movimento 5 stelle il più coerente organismo politico d'Italia .
Conosco il programma ed ho conosciuto, con molta difficoltà personale devo dire, le proposte di legge e gli emendamenti a leggi altrui, le mozioni e le interrogazioni presentate in soli pochi mesi dagli eletti del Movimento alle Camere.
Per questi motivi oggi, dopo l'evidente diminuzione elettorale di consensi dovuta secondo me in massima parte alla molto insufficiente comunicazione del programma e soprattutto di ciò che i parlamentari grillini hanno fatto ed hanno proposto, HO CHIESTO l'iscrizione al Movimento.
Sono convinto che solo da Esso alla lunga potrà venire fuori la nuova democrazia di cui c'è assoluto bisogno:
=diretta partecipativa e personalizzata reale e non solo formale e di facciata (sovranità al popolo),
=veloce nelle decisioni,
=rivoluzionaria anche rispetto alla rappresentanza politica non più sentita come un dualismo di soggetti diversi (rappresentati da una parte e rappresentanti dall'altra)bensì come un organismo unitario di elettori ed eletti al fine di una produzione legislativa di progresso e di benessere sociale,
=periodicamente consultiva della cittadinanza,
=digitale mediante un sempre maggiore e meno costoso uso del voto telematico,
=referendaria il più possibile con possibilità di ratifica successiva (confermativa o abrogativa) delle maggior parte delle leggi,
=revocatoria degli incarichi in caso di tradimento del programma.
La crisi della democrazia si può superare soltanto con una democrazia sostanzialmente nuova e con la pazienza e con la passione per una POLITICA che non sia di lor signori.
Al lavoro dunque amici miei!

Pante Angelo 28.05.13 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Becchi sa benissimo che questo è il risultato di una "politica" di chiusura alla partecipazione di governo dopo il successo elettorale.Purtroppo questo si ripeterà anche alla prossime elezioni politiche.
Una occasione difficilmente ripetibile nei termini prodotti dalle ultime elezioni.Carpe Diem.

riccardo danesi 28.05.13 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Aggiungo: se consideriamo l'astensionismo spaventoso e minaccioso, i veri virtuali, gli zombies, ormai non sono i 'grillini', ma i partiti e i loro supporti fisici: se non fosse per le televisioni generaliste e gratuite (canone e pubblicità a parte)e la stampa (ma quante copie vendono ormai i giornali, se non ci fossero i bar che li comprano per attirare gli oziosi?), che sono come il loro polmone d'acciaio, dove sarebbero ormai i partiti?

alessandro alfieri 28.05.13 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno amici del Movimento, c'è molta saggezza nelle parole di Becchi, e vorrei aggiungere una breve riflessione, NON CADIAMO NELL'IMBOSCATA DELLE ELEZIONI! Il Movimento non deve guardare al risultato elettorale perchè è cio che fanno i partiti ed è esattamente ciò contro cui ci battiamo da sempre e che ci ha fatti nascere. In questo momento storico dire la verità signofica necessariamente dire cose impopolari e dire cose impopolari significa non attirare le masse. La verità principale della nostra società di oggi è che la società va completamente rifondata su basi diverse da quelle sulle quali si è retta nel dopoguerra e che conducono INEVITABILMENTE ad un ridimensionamento del nostro stile di vita. I partiti che ancora oggi fanno campagna elettorale promettendo l'impossibile prendono ancora qualche voto ma si stanno sgretolando. Il nostro compito, la nostra missione, ciò che ci ha fatti nascere, sono principi diversi da quelli dei partiti. Non dobbiamo seguirli sulla strada del risultato elettorale, noi dobbiamo pensare ai problemi reali e se questo significa perdere voti e perdere le elezioni, allora perdiamoli. Non perdiamo di vista i nostri obbiettivi: verità, trasparenza e guerra per riportare l'uomo e non i soldi al centro di tutto. Non siamo nati per vincere le elezioni ma per cambiare la società!!! Il dato elettorale non lo dobbiamo guardare e tantomeno commentare. Ricordatevi che i partiti fanno a gara a chi la spara più grossa per illudere le persone e prendere voti per guadagnare le poltrone, è questo che noi vogliamo fare? I voti si prendono promettendo il ponte sullo stretto, il nucleare, la Salerno-Reggio Calabria, il nucleare, la crescita economica ecc.... Ho detto promettendoli.... E' questo che vogliamo fare? No, noi dobbiamo LAVORARE per un'Italia migliore, il risultato elettorale sia quello che sia!

Riccardo Casassa 28.05.13 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che il movimento sta cambiando la politica italiana piu' di quanto si pensi ma per vedere i risultati ci vorra' tempo perche' il cambiamento e' di livello generazionale e poi la democrazia e' pachidermica, tuttavia un po' piu' di comunicazione non guasterebbe.

Daniele M. Commentatore certificato 28.05.13 10:43| 
 |
Rispondi al commento

A questo punto io non ho piu niente da perdere.


https://www.facebook.com/pages/Questa-%C3%A8-L-Italia/240152065998077


E voi?

Antitalioti 28.05.13 10:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egregio Professor Becchi, ho l’impressione che lei viva nel mondo degli intellettuali, che notoriamente vivono nelle nuvole ed osservano distaccati la vita della gente comune, sicuri che questi non abbiamo capacità autonome di pensiero e che debbano accettare tutto ciò che gli intellettuali pensano per loro. Le persone, è vero sono stufe dei partiti e non c’è da gioire di questo risultato elettorale che è decisamente deludente anzi è fallimentare, è inutile girarci intorno con tante belle parole. Possiamo certamente definire liquefatta la nostra democrazia, il Movimento però poteva renderla compatta, è innegabile che in Italia c’è stata la possibilità di mettere all’angolo definitivamente Berlusconi, di obbligare il Pd a governare e fare tutto o molto di ciò che il movimento si era proposto, questa era la speranza di molti che alle politiche hanno votato 5 stelle. Niente di questo si è avverato, anzi il risultato è stato l’opposto , Berlusconi più vivo che mai ed un Pd che invece di morire si rafforza e si “sacrifica per il popolo” presentandosi ai cittadini come unica forza seria di governo. Di un’altra cosa probabilmente professore lei non si è accorto, a parte il 10% dello zoccolo duro, la maggior parte di chi ha votato 5 stelle alle politiche e che non ha rivotato all’amministrative è proprio perché si aspettava qualcosa di tangibile, di concreto anche responsabilità di governo ed in più non ha una grande considerazione dei cittadini eletti, incapaci a molti occhi di avere delle idee e delle opinioni su molti temi anche i più semplici, dando più di un’impressione di essere etero diretti. L’augurio è che questa sconfitta, perché di sconfitta si tratta , faccia ripensare molte cose e non far morire la speranza di poter cambiare e migliorare il nostro sistema e non faccia liquefare come la nostra democrazia tutto movimento.

ernesto piomboni 28.05.13 10:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non servono reazioni emotive,
ci vuole una ferma razionalità.
Vi offro un caso da studiare :
Pomezia cittadina importante alle porte di Roma.

Comune di POMEZIA
Elettori: 47.471 - Votanti: 29.156 - percentuale votanti: 61,41 %
primo partito MOVIMENTO 5 STELLE BEPPEGRILLO.IT

voti 5.199 percentuale 19,89

candidato sindaco FUCCI FABIO voti 6.949 percentuale 24,61
che va al ballottaggio

Rocco Carmine Altieri, Pisa Commentatore certificato 28.05.13 10:40| 
 |
Rispondi al commento

è dura con tutti i media contro che fanno illazioni .. ma dobbiamo continuare a crederci, perché il M5S è l'unica possibilità che abbiamo per arrivare a vivere in un paese civile !

Roberto B. Commentatore certificato 28.05.13 10:40| 
 |
Rispondi al commento

dai...abbiamo perso consenso....ammettiamolo ma non siamo morti. Recuperare non sarà certamente difficile.
Da semplice cittadino non riesco a sapere come lavorano i nostri rappresentanti nelle Istituzioni e per cui si ha la sensazione che non facciano nulla.
Direi che è necessario mettere sul blog tutte le proposte di legge che presentano i nostri rappresentanti cittadini e divulgarle anche con altri mezzi. Magari prendendo a pagamento pagine sui giornali.
A mio parere basta presentare proposte di legge concrete, ad esempio: limite a 6.000 euro nette mensili per le pensioni d'oro; limite a 10.000 euro mensili per gli imprenditori privati (il rsto lo devono reinvestire), ecc... ecc....
Inoltre occorre pubblicare i nomi dei partiti che votano contro queste proposte e il gioco è fatto. Che ne pensate?


Il PD a Roma perde quasi 50% dei voti,ma la STAMPA CORROTTA E FALSA dice perdente è il M5S. Chi è che ha perso ???
Complimenti a a tutta i media italiani: il problema dell'Italia è il M5S ? che coraggio

federico z., milano Commentatore certificato 28.05.13 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Dunque, Signor Becchi, stando alle sue considerazioni, il M5S ha vinto, o quasi, le elezioni amministrative 2013 !... Complimenti a lei e a tutto lo staff del partito ( forse preferisce "Movimento"; ma che differenza fa, visto che, come direbbe Dante: "Ad un fin fur l'opere loro" !...) !... Consolatevi per il vostro negativismo politico, per la psicosi solipsistica di Grillo, caratterizzata da manie di grandezza e deliri di onnipotenza... "Arrendetevi! Arriviamo!... Tutti a casa"!!! BRAVI !... E' tempo di andarci, a casa.

Vincenzo Carrabs 28.05.13 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Continuo a leggere commenti di analisi sui presunti errori commessi dal Movimento ma pochissimi consigli su come far capire all'opinione pubblica che il risultato deve essere contestualizzato e sopratutto non vedo traccia di consigli utili su come implementare una struttura comunicativa vincente all'interno del Movimento. In questo momento è questo che manca: ci sono i programmi, c'è Grillo, ci sono pdl e pd che con strategie comunicative ad hoc si presterebbero a facili massacri, specie se alla comunicazione si aggiungessero concrete attività parlamentari da parte degli eletti m5s.

Su, forza, non facciamo come il PD, che al loro interno ci si butta merda in faccia solo per il gusto del "l'avevo detto io...".

Proattività!

C'è del Marcio 28.05.13 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei dare ragione a quel lettore che ringraziava grillo per l'impegno e lo invitava a continuare a fare il comico lasciandoci al nostro destino. Ammetto che siamo un po' codardi e creduloni, a tratti un persino vigliacchi e traditori. Ci affascina il potere come in pochi altri popoli. Abbiamo detto si al fascismo per farci del male in casa e creato le migliori condizioni per consentire a mafie, camorre, sacre corone unite e n'drine di stabilire in Italia i loro quartier generali e di esportare morte e sangue in tutto il mondo. Gli abbiamo garantito ferrei patti con lo Stato e assicurato il libero pascolo sul nostro patrio suolo, le elezioni in parlamento di tanti loro riconoscibilissimi rappresentanti.
Ma a questi "cittadini" si oppone una civiltà senza eguali ed è per questa società spaventata che vale la pena di lottare. Gran parte di essa è rannicchiata dentro l'astensionismo della rassegnazione.

Maurizio D., Bolzano Commentatore certificato 28.05.13 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non può che essere un piacere leggere argomentazioni come questa che, naturalmente sentiamo nel profondo e di cui siamo assolutamente comvinti...ma vederle scritte e rese pubbliche è un piacere come pochi, che la vita sociale oramai ci possa garantire. Grazie per la chiarezza...l'incisivita con cui queste parole fecondano l'intelletto.

Libero Gentili 28.05.13 10:34| 
 |
Rispondi al commento

ehregio prof. Becchi, è sorprendente come anche voi/lei abbiate imparato in fretta a svicolare dalla realtà: non c'è niente da gioire del flop del M5S, semplicemente basta ammettere che l'astensionismo pauroso ha sicuramente colpito di più il M5S che le altre formazioni politiche; come mai la protesta questa volta non ha scelto il movimento ma ha preferito astenersi ? Questa è la domanda che tutti si pongono, e che dovreste porvi anche voi. Non mi permetto di dare la mia interpretazione, aspetto con impazienza la sua. Cordiali saluti

carlo vedovello Commentatore certificato 28.05.13 10:34| 
 |
Rispondi al commento

http://www.finanzaonline.com/forum/arena-politica/

Venite numerosi. Questo è il forum di politica più frequentato dopo quello di Beppe Grillo

Omar Navi Commentatore certificato 28.05.13 10:33| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori