ius soli

boldrini_cittadinanza.jpg
In Europa non è presente, se non con alcune eccezioni estremamente regolamentate, lo ius soli. Dalle dichiarazioni della sinistra che la trionferà (ma sempre a spese degli italiani) non è chiaro quali siano le condizioni che permetterebbero a chi nasce in Italia di diventare ipso facto cittadino italiano. Lo ius soli se si è nati in Italia da genitori stranieri e si risiede ininterrottamente fino a 18 anni è già un fatto acquisito. Chi vuole al compimento del 18simo anno di età può decidere di diventare cittadino italiano. Questa regola può naturalmente essere cambiata, ma solo attraverso un referendum nel quale si spiegano gli effetti di uno ius soli dalla nascita. Una decisione che può cambiare nel tempo la geografia del Paese non può essere lasciata a un gruppetto di parlamentari e di politici in campagna elettorale permanente. Inoltre, ancor prima del referendum, lo ius soli dovrebbe essere materia di discussione e di concertazione con gli Stati della UE. Chi entra in Italia, infatti, entra in Europa.

Postato il 10 Maggio 2013 alle 10:10 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa
| Commenti (1361) | Commenti piu' votati | Invia il tuo video | Invia ad un amico

Tags: cittadinanza italiana, ius soli, UE

Commenti piu' votati


SONO UN ISCRITTO AL M5S, ESPERTO IMMIGRAZIONISTA E CONTESTO LA SCELTA DELLO IUS SOLI.
IL DIRITTO DI CITTADINANZA DEI NATI IN ITALIA COMPORTEREBBE AUTOMATICAMENTE L' INESPELLIBILITA' DEI LORO CONGIUNTI CONVIVENTI, ANCHE SE NON MERITEVOLI.

CONSOLIDATA GIURISPRUDENZA, INFATTI, AFFERMA CHE IL DIRITTO ALL'UNITà FAMILIARE DEL CITTADINO ITALIANO PREVALE SULLE CONDIZIONI CHE LA LEGGE DEFINISCE COME IMPEDITIVE AL SOGGIORNO.

SENZA CONSIDERARE LA FACILITA' CON LA QUALE IN ALCUNE NAZIONI è POSSIBILE OTTENERE FALSE DOCUMENTAZIONI ATTESTANTI RAPPORTI FAMILIARI INESISTENTI.

calogero capuano, pianello val tidone Commentatore certificato 10.05.13 12:28| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 70)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ribadisco il concetto in meno righe.

Lo vogliamo un reddito di cittadinanza?

Possiamo garantire un reddito di cittadinanza per chiunque venga a nascere in Italia?

Matteo A., Cuneo Commentatore certificato 10.05.13 10:46| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 46)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per gli italiani non ci sono soldi: meno pensioni, meno garanzie, meno sanità, meno istruzione, più povertà etc. Ai clandestini che entrano illegalmente nel nostro territorio, con i soldi degli italiani presi da quelle che dovrebbero essere le loro pensioni, gli paghiamo persino le sigarette. C'è crisi e non abbiamo per noi italiani, figuriamoci per gli altri. Chi vuole fare della carità la faccia con i soldi propri, se ha la fortuna di averli, e non con i soldi degli altri o di tutti gli italiani. E' facile fare i grandi con la pancia piena e con i soldi degli altri. Prima gli italiani, quelli veri, non quelli finti creati ad arte e per interesse. Se, quando avanza e soprattutto con il consenso di tutti, agli altri. Pensassero alla sleale concorrenza degli stranieri sul mercato del lavoro, sleale concorrenza creata ad arte e scientemente voluta per impoverirci tutti e per aumentare la ricchezza dei soliti noti. Pensassero agli errori della globalizzazione. E la Boldrini se ne andasse a chiedere la cittadinanza in Congo. Anzi, ci andasse, in Congo, a vivere insieme alla neo ministra congolese, ultima farsa prodotta dall'ipocrisia della casta. Siamo in Italia e devono pensare prima a noi, cosa che non fanno. Chi governa, dirige, organizza l’Italia, il nostro Stato, pensi alla nostra storia, alla nostra cultura, ai nostri valori e ai nostri cittadini. Altrimenti vada a governare altrove, se gli viene permesso. Prima gli italiani, prima gli italiani.

renato m. Commentatore certificato 10.05.13 11:20| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 42)
 |
Rispondi al commento
Discussione

In fondo quello che dice Grillo mi pare di buon senso.

1) Non strumentalizziamo la questione.
2) Siamo in Europa, guardiamo a come fanno gli altri paese e magari cerchiamo soluzioni condivise.
3) Lasciamo decidere su una questione che attiene alla società italiana, gli italiani o gli europei.

A me pare buon senso, poi si può fare polemica su tutto ovviamente, ma a questo giro io mi riposo.

Andrea Olivieri, Verona Commentatore certificato 10.05.13 13:04| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 35)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono assolutamente contraria alle elucubrazioni delle ministra e della nostra ineffabile presidente della camera. Abbiamo già una legge e va bene così. Si occupassero di far rispettare le leggi che già ci sono.

Daniela P., Milano Commentatore certificato 10.05.13 13:12| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 33)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cambiare la legge sulla cittadinanza è una porcata. In Italia si acquisisce volontariamente la cittadinanza quando si nasce qui, al compimento dei 18 anni, garantendo innanzi tutto che non ci sia un flusso di immigrati che vengano apposta a partorire in Italia per avere accesso all'Europa. Inoltre garantisce che il bambino e i genitori vivano in Italia abbastanza da avere acquisito pienamente la cultura del nostro paese facilitando l'integrazione. La legge attuale funziona, basta vedere qui a Milano quanti ragazzi di etnie diverse vivano in sintonia coi coetanei di origine italiana.

Andrea Magnaghi, Milano Commentatore certificato 10.05.13 10:26| 
 
  • Currently 4.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 32)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci sono famiglie che risiedono in Italia da anni , che lavorano e che hanno figli nati in Italia e scolarizzati in Italia ma senza alcun diritto. Cosa ne facciamo ? Se un bambino nasce in Italia da genitori non clandestini credo debba avere il diritto di scegliere se essere italiano

monica castrucci, nizza Commentatore certificato 10.05.13 10:27| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 28)
 |
Rispondi al commento
Discussione

lo ius soli sarebbe una fatto di grande civiltà in una società in cui tutto andasse per il meglio. Credo che in questo momento ed in questo paese una questione del genere non sia neppure proponibile. Sembra si faccia di tutto e di più per irretire la popolazione proponendo problematiche lontanissime dalle effettive difficoltà. Si spinge sull'acceleratore per favorire una reazione della massa allo scopo di reprimerla e giustificare le maniere forti. Ed a pagare saranno sempre i poveracci che crederanno di poter cambiare qualcosa

sandro caramello Commentatore certificato 10.05.13 10:58| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 27)
 |
Rispondi al commento

Sono qui da 22 anni, ho 3 figli minori , siamo tutti cittadini italiani. Ho ricevuto la cittadinanza dopo il 18 esimo anno che ero all punto di scrivere all presidente Napolitano che non la volevo più per quanto era lunga l aspettativa . Ora che me l'ho hanno concessa penso seriamente di emigrare per via Dell lavoro che manca. Sono tanti nelle mie stesse condizioni che aspettano da troppo tempo. Quello che voglio dire e che un post ingannevole, in questo momento parlare di queste cose non fa altro che aumentare l'odio verso gli stranieri che vivono e lavorano onestamente qui. Prima servirebbe risolvere problemi ben più importanti e magari dopo anche questo che è altrettanto importante ma non imperante. Basta usare problemi di povera gente che se la passa veramente male dopo la crisi per avere un eco mediatico. Scusate se mi sono allungato troppo saluti

ama ro Commentatore certificato 10.05.13 11:26| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 25)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io credo che in questo momento non sia prioritario lo ius soli e credo che anzi vada a fomentare il razzismo in quella parte di Italia, me compreso, in miseria. Io non sono razzista ma in ogni paese civile prima si aiuta l'autoctono poi si pensa al migrante. Rendiamoci conto che da noi esiste un welfare bello solido per chi da straniero fa figli in Italia mentre per chi è italiano di fatto non c'è. Non è questione di cittadinanza. Se si inizia a dare una mano agli italiani in primis vedrete che nessuno avrà da obiettare un domani alo ius solis.

Sauro ., Firenze Commentatore certificato 10.05.13 10:37| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 23)
 |
Rispondi al commento

I bambini nati in Italia da genitori stranieri possono divenire italiani solo quando cominciano (e terminano) il ciclo scolastico obbligatorio italiano.
Ciclo scolastico che dovrà prevedere l'insegnamento dell'educazione civica.

Solo così bambini di genitori italiani e stranieri possono integrarsi in uno Stato comune creando una nuova generazione sociale.

Marco Tacconi Commentatore certificato 10.05.13 10:43| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 20)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grande Beppe condivido pienamente!!

Carmine Costagliola, Buti Commentatore certificato 10.05.13 12:53| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 19)
 |
Rispondi al commento

Scrivere e commentare di cose che si capiscono poco o nulla é pericoloso, come é pericoloso pensare che una questione di diritto della persona debba essere soggetta alla decisione della maggioranza. In questioni di diritti della persona e in generale di etica, la maggioranza non deve avere la possibilità d'imporre la sua visione. L'unica cosa accertata di questo commento mi pare sia l'indicazione che l'argomento va discusso e spiegato per far capire a tutti che la tolleranza per gli altri é valore irrinunciabile del vivere civile. Per favore smettetela con i proclami e la ricerca d'assecondare la pancia della gente. La Politica vera é fatta di capacità visionaria, non di bigotteria altrimenti saremmo la stessa cosa dei partiti che tanto critichiamo.

Marco Borsotti, Estero Commentatore certificato 10.05.13 12:19| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 19)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gia esistono gli Italiani di serie A,B e C.

I C sono quelli che non potranno mai accedere a determinate professione perche non hanno santi in paradiso o parenti negli albi. Sono quelli in cui tu lavori da precario per 10 anni alla pubblica amministrazione e poi ti arriva uno che vince un concorso senza sapere un cazzo.
Sono quelli che lavorano 40 anni a progetto e prenderanno quasi quanto una pensione sociale, sono quelli che se non hanno casa vivono in macchina o fittano una stanza in periferia. E se hai la fortuna che una banca ti approva il mutuo , se perdi il lavoro ti sbattono fuori.
Mentre qua pensiamo a regalare la cittadinanza a chi non ha mai versato un contributo appesantendo ancora il debito dell'inps, gli danno la casa popolare.

Basta!!!! La Boldrini vivesse con 1000 euro senza casa di proprieta e poi mi viene a dire.

aldo izzo, roma Commentatore certificato 10.05.13 15:49| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 16)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa presa di posizione mi piace.

I parolai che si riempiono la bocca di belle parole e nobili intenti sono gli stessi che hanno fatto un mare di leggi per risolvere i problemi all'italiana, ossia a cazzo.

Con lo ius soli i parolai creerebbero una situazione di anarchia che alla lunga fomenterebbe l'intolleranza. IL parolaio non riesce a guardare al di là del proprio naso.

Per essere cittadino devi essere italiano, devi essere culturalmente italiano. Se non hai genitori italiani devi aver assorbito "la cittadinanza" formando la tua persona e il tuo PENSIERO. Come? Con la SCUOLA PUBBLICA.

Stabiliamo i requisiti minimi, a seconda delle varie e possibili situazioni, per essere considerati dei PARI, dei cittadini.

Lo ius soli lasciamolo ai parolai.

MK ROMA Commentatore certificato 10.05.13 12:30| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 16)
 |
Rispondi al commento

assolutamente no!
non ci sono le condizioni per poterci pensare serenamente.C'è il grosso rischio di trasformare l'Italia in un campo profughi.Un tema così va affrontato da un governo serio e rappresentativo non da un'armata brancaleone con le ore contate.

andrea r. Commentatore certificato 10.05.13 15:29| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 16)
 |
Rispondi al commento

Singolare che tutti questi grandi difensori dei diritti umani non si facciano scrupoli a bombardare territori disastrati e acquistare armi e aerei a tale scopo.

Brigida B., Molfetta Commentatore certificato 10.05.13 18:59| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di Battista può avere una sua opinione ma rimane una sua personale opinione e deve morire lì. Lo Ius Soli non era presente nel programma del M5S , io ho votato il M5S e il suo programma, non sono d'accordo con questa proposta di legge , in Italia c'è la necessità di pensare un po' ai bisogni degli italiani troppo spesso dimenticati a favore di un buonismo forzato verso tutti coloro che arrivano nel nostro Paese. In questo delicato momento per la nostra economia e per la mancanza di lavoro non si può pensare alla cittadinanza dei figli di immigrati.E' uno schiaffo verso tutti gli italiani che faticano anche ad arrivare alla fine del mese e hanno perfino meno agevolazioni degli stranieri. Gli eletti devono attenersi al programma per il quale sono stati votati.

SIMONA G., Alessandria Commentatore certificato 10.05.13 18:05| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando ti definisci Indiano, Musulmano, Cristiano o Europeo, o qualsiasi altra cosa, tu diventi violento. Ci arrivi da solo al perché? Perché ti stai separando dal resto dell’umanità. Quando ti definisci, in base ad un credo, una cultura, una nazionalità, una tradizione, quest’azione traspira violenza. Così un uomo che cerca di comprendere la violenza non dovrebbe appartenere a nessuna nazione, religione, schieramento politico o parte di un sistema; egli dovrebbe comprendere che è parte del totale dell’umanità.
Jiddu Krishnamurt

Eris Curo 10.05.13 11:59| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Giappone uno straniero non potrà MAI ottenere la cittadinanza, il massimo riconoscimento possibile infatti è il permesso di soggiorno permanente (rarissimo). Uno straniero al primo reato viene rispedito al proprio paese con solo quello che ha addosso al momento dell'arresto e viene interdetto a vita. Sono fascisti anche loro?

p.s. Il Giappone è la TERZA POTENZA ECONOMICA DEL MONDO.

Daniele V., Torino Commentatore certificato 10.05.13 17:10| 
 
  • Currently 4.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vedo delle posizioni estreme a riguardo; io penso semplicemente che uno Stato di carta velina, che già non garantisce più nulla ai propri cittadini, ben difficilmente potrà far fronte ad una ondata immigratoria senza freni; qui dove vivo, dove la situazione occupazionale è già disastrosa, dove gli immigrati (clandestini o meno) non vendono neanche più la paccottiglia ma chiedono direttamente l'elemosina, un ulteriore aumento di immigrati richiamati dallo "ius soli" non potrebbe far altro che innescare ulteriori tensioni sociali, sfruttamento e lavoro nero, oltre a far gravare su un bilancio statale e su redditi già allo stremo il costo di tutto questo. Siamo realisti, facciamo ciò che è possibile ma evitiamo di creare false aspettative....

harry haller Commentatore certificato 10.05.13 20:47| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come sempre l'unico ad avere buon senso e visione politica è Grillo. Forzare su un argomento di pura demagogia come lo ius soli può essere di una pericolosità enorme, basti vedere poi come le sinistre si siano subito imposessate anche di questo argomento per far passare Grillo - adesso - per filo-La Russa. E' semplicemente vomitevole. Purtroppo bisogna però ammettere la debolezza del m5s, il reclutamento troppo superficiale dei suoi parlamentari che - anche su questo - stanno dimostrando tutti i loro limiti. Chi dice una cosa, chi ne dice un'altra, chi si rivolta contro Grillo (al quale devono anche l'aria che respirano e, passato il loro momento, torneranno a pulire i cessi da dove sono venuti)fra la manifesta soddisfazione dei distruttori del paese e dei loro servi prezzolati. Che mantengano i loro impegni e si attengano al programma!Beppe, fai pulizia!

Roberto d., Monfalcone Commentatore certificato 10.05.13 18:30| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sono d'accordo con l'adozione di uno ius soli incondizionato. Anzi ritengo che l'attuale legge sulla cittadinanza italiana sia un'ottima legge e non va modificata. Inoltre penso che questo problema non sia una priorità. La priorità assoluta è il lavoro e a seguire i costi globali della politica. Attenzione a non perdere il senso delle proporzioni.


Mio figlio è nato in Argentina e grazie alla IUS SOLI ha acquisito la cittadinanza, anche io e la madre potremo prendere la cittadinanza da lui, ma l'Argentina ha una grande differenza con l'Italia: l'Argentina ha una superficie di 2.766.890 di km quadrati e una popolazione di
40.117.096. L'Italia ha una superficie di 301.340 km²e una popolazione di 60 milioni di abitanti.La Ius soli in Italia provocherebbe alla lunga una guerra civile tra poveri per accaparrarsi le scarse risorse di un territorio limitato, insufficente e depredato da 20 anni di furti legalizzati.

Lorenzo B. Commentatore certificato 10.05.13 20:38| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sullo ius soli ha ragione Grillo! se vogliamo evitare un'invasione islamica, non bisogna approvarlo. I musulmani si propagano attraverso la prole per divenire maggioranza e poi imporre la sharia. Lo sanno bene i paesi asiatici con minoranze islamiche come l'India, il Myanmar e lo Sri Lanka dove i forti conflitti religiosi sono causati per questo motivo.

Aristide Bardio 10.05.13 17:41| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento

Ma chi vuole lo Ius Soli si guarda in giro?
Noi esportiamo cervelli e importiamo braccianti disperati senza una lira in tasca dando loro false speranze. Dove vogliamo andare così? E' il piano perfetto per chi detiene il potere: una massa di pecore da far pascolare. Siamo senza lavoro, senza soldi, sommersi di debiti... vogliamo accollarci anche i problemi di chicchesia? Non abbiamo più un identità nazionale però ci incazziamo se l'extracomunitario ci passa davanti nella graduatoria per l'asilo et simila. Basta! chi è/è stato nella "bratta", è stufo! prima noi, se ne avanza condiviamolo pure con gli altri.

Fabio B., Savona Commentatore certificato 10.05.13 15:25| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se non si capisce che lo ius soli è solo propaganda elettorale della sinistra radical chic rappresentata dalla signora Boldrini in primis... Allora vuol dire che questo paese è pieno di coglioni, a partire da quelli che danno dei fascisti o leghisti a chi non è d'accordo. La Boldrini è lì per caso secondo voi? La Kyenge non è stata scelta ad arte proprio per far passare come razziste le critiche che arriveranno su una legge che va decisa con un referendum dopo aver informato adeguatamente i cittadini sulle sue conseguenze sociali ed economiche? Quando poi arriverà il suppostone con il prezzo da pagare per la collettività poi però non lamentiamoci

Massimo Lafranconi, Lecco Commentatore certificato 10.05.13 14:40| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ogni persona nata in Italia ha diritto al compimento dei 18 anni di decidere se accettare o meno la cittadinanza italiana. Lo Stato Italiano offre già questa possibilità a chi nasce sul territorio italiano con il compimento dei diciotto anni.
Che bisogno abbiamo di discutere del nulla?
Per distrarre il Paese dai furti che hanno commesso per esempio al Banco dei Paschi? Sto parlando degli stessi che adesso mettono un ministro di colore (very politically correct) a parlarci di come dobbiamo essere più aperti e disponibili ad accettare persone di culture completamente diverse dalla nostra?
Ma perchè poi l'Italia deve fare il primo passo in Europa per lo ius soli mentre altri paesi vogliono addirittura chiuderle le frontiere?
L'Italia non è un paese di immigrazione. Punto.
L'America lo è stata per una certa fase di fine Ottocento, inizio Novecento.
L'Argentina e il Brasile lo sono per un territorio enorme da gestire. L' Italia ha un territorio fragile, per due terzi costituita da montagne e per un terzo del suo territorio poco adatta all'abitazione. Ripeto, ma di che stiamo parlando?

Beppe Da Monaco (odio la mafia) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.05.13 22:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

Ho letto attentamente il post di Grillo sullo "jus soli".
Ho letto le dichiarazioni virgolettate di Alessandro Di Battista riportate dal "Fatto" e da "Repubblica".
Ho letto pure le dichiarazioni dei vari La Russa,Bagnasco,Vendola et similia.
Ho capito,se ce ne fosse stato bisogno,che La Russa è un piccolo immigrato clandestino che si crede un 'lumbard' e che si fa forte dell'adozione da parte di Ligresti,che Bagnasco è un curiale e che Vendola et similia sono Vendola et similia.
Ma ho capito pure che Grillo ritiene la riforma della cittadinanza per "jus soli" una cosa molto seria e come tale va sottratta alle decisioni di parlamentari in gran parte teste di cazzo indegne e che invece vada presa secondo le scelte del popolo italiano.
Ho capito anche che il deputato Di Battista è favorevole allo "jus soli" ma che non ritiene di voler sottrarre al popolo la decisione su questo tema.
Ho capito,infine,che i giornali "Repubblica" al 100% ed "Il Fatto",anche se in percentuale minore,sono degli spudorati falsificatori della realtà e delle opinioni sia di Grillo che di Di Battista.


Dopo avere ricordato a tutti gli intelligentoni che il razzista xenofobo Beppe Grillo ha una moglie di origine iraniana, vorrei far notare che lo ius soli non aggiunge una virgola a chi studia e lavora stabilmente da noi e si sente italiano.
Faccio inoltre presente che Grillo ha detto: le regole vigenti si possono cambiare, però discutiamone. Mi spiegate che cosa c'è di sbagliato, razzista o antidemocratico?
Conosco diversi ragazzi splendidi che studiano qui, desiderano vivere qui ed essere cittadini italiani, pur non essendo nati in Italia. A loro non serve lo ius soli, ma una riflessione europea, proprio come proposto dal perfido Grillo.
A tutti gli esagitati suggerisco di imparare a leggere.
Ai razzistelli di passaggio: mi fate ribrezzo.

Marco Laudiano, Cornate d'Adda Commentatore certificato 10.05.13 17:26| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

GLI UTILI IDIOTI
Togliatti un tempo definì i DC di sinistra gli utili idioti, perché con la loro politica tutto sommato favorivano il partito comunista.
Oggi questa definizione potremmo benissimo adattarla a coloro che sono favorevoli alla ius soli.
Non mi riferisco al ministro Kienge che è chiaramente in malafede e alla quale del Paese che l'ha ospitata e fatta studiare non importa praticamente nulla. Al ministro interessano soltanto i suoi compatrioti. Volendo essere crudi potremmo definirla una quinta colonna.
Gli utili idioti sono gli italiani terzomondisti, buonisti, fautori dell'accoglienza ad ogni costo ma con i soldi degli altri.
Custodi di un cattocomunismo peloso quanto demenziale ed autolesionista tacciano di razzista tutti quelli che la pensano diversamente da loro. La cosa tragica e' che pensano di fare il bene del proprio Paese.

Don Rigoberto Lopez Commentatore certificato 12.05.13 00:10| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione


Non è il mio essere nero
giallo
bianco
o a pallini
che può decidere
il mio ruolo
e il mio posto nel mondo

Solo il mio cuore
solo il mio modo di vivere
nel rispetto degli altri
e di me stesso
può essere usato
per valutarmi
e per esprimere
opinioni su di me

C'è stata troppa gente
che non l'ha capito

C'è ancora troppa gente
che non lo capisce.

Mary C., Senigallia Commentatore certificato 10.05.13 16:56| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pienamente daccordo, lo ius soli esiste solo in Francia e si sono pentiti amaramente di averlo concesso... nelle altre nazioni se ne guardano bene. In Italia il solito buonismo nauseabondo di una sinistra mondialista che crede di vivere nel mulino bianco se ne frega altamente di cio che comporterebbe, essendo l Italia gia un paese sovrapopolato i cui risvolti negativi si vedono nell occupazione principalmente... ignorando anche il fatto che migliaia di donne gravide partorendo sul suolo italiano non solo avrebbero la cittadinanza italiana ma anche quella europea e si avrebbe un immigrazione biblica da tutto il mondo. Per cui Grillo ha ragione nessun problema dopo il compimento del 18 eta. La sinistra invece di riempirsi di slogan da figli dei fiori sessantottini dovrebbe dire come intende sistemare gli immigrati, come trovarli il lavoro e non camparli coi sussidi.. dato che gia noi italiani non sappiamo piu dove sbattere la testa!

Mark S., Sassari Commentatore certificato 10.05.13 15:07| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

La questione immigrazione in Italia non si può ridurre al concetto utopista "che non bisogna aver paura"oppure "la società Italiana deve essere aperta ed inclusiva" ma và ricondotta su binari più realistici,ovvero sulle risorse e sostenibilità socioeconomiche e di densità territoriale,L'Italia non ha dimensioni continentali come altri Stati,le nostre belle città, e paesi (già sature di stranieri) si stanno trasformando in banlieu tipo Francese.

Le case degli Italiani si sono trasformate in piccole roccaforti difensive con allarmi ed inferriate fino ai terzi piani,alla sera c'è il coprifuoco non si può uscire senza rischiare di essere taglieggiati o rapinati,gli Italiani sono divenuti dei reclusi dietro le inferriate delle proprie abitazioni.

Anche di giorno diventa problematico vivere la città serenamente,difficoltoso è praticare
i marciapiedi invasi da bancarelle e da questuanti stranieri minacciosi.

La qualità della vita dei cittadini ha subito un repentino tracollo,ovunque si vada si trovano bivacchi di nullafacenti maleducati che lordano con noncuranza le strade con rifiuti e bisogni fisiologici.

Molti sono gli Stranieri ubriachi alla guida di fatiscenti auto e senza assicurazione che causano incidenti senza pagar pegno,nei parcheggi si rischia di avere danneggiata l'auto se non si paga il "pizzo" alla gang di posteggiatori abusivi.

Tutto ciò ed altro non significa avere pregiudizi,essere razzisti,avercela con gli stranieri,ma essere realisti e solidali con il proprio popolo,verso gli Italiani che subiscono finora passivamente questa situazione di degrado,di stress del modus vivendi,di impoverimento sia economico che assistenziale del welfare.

Gli Italiani vengono spesso scavalcati nelle graduatorie e nei diritti dagli stranieri, sempre più arroganti e pretenziosi dei diritti senza doveri,questa è la società senza regole che si vuole creare?ci vogliono trasformare in una colonia di topi di fogna costretti alla sopravvivenza praticando il cannibalismo?

Diogene 13.05.13 11:05| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sono un esperto in materia ma le argomentazioni usate a me sembrano unicamente strumentali e pregiudiziali.Se non s'è d'accardo con lo ius soli lo si dichiara apertamente argomentando.Un referendum in un paese razzista come il nostro, reso tale più dalla crisi economica che dalla convinzione,sarebbe scontato.Certi cambiamenti devono essere attuati da chi ragiona con la testa e non con la pancia per cui chiedo di entrare nel merito con argomentazioni più razionali.

carlo 1., torre annunziata Commentatore certificato 10.05.13 17:45| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

sono Contrarissimo allo Ius Soli
D'accordissimo con Grillo

Pino Del Sole 10.05.13 17:39| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

A proposito dello ius soli. La vespa inietta le sue uova nel corpo di una coccinella. Quando le uova si schiudono le larve cominciano a nutrirsi con le carni della coccinella fino a divorarla tutta dall'interno e poi lasciano il guscio vuoto e svolazzano via. Per chi non lo avesse capito la coccinella è l'Italia..

ferdinando gallozzi 11.05.13 20:44| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Comunque il tema è delicatissimo: si sta parlando di PERSONE. Un po' di sensibilità e di raziocinio non guasterebbero.
Uno vale uno, oppure c'è qualcuno che vale 0,75?

Marco Laudiano, Cornate d'Adda Commentatore certificato 10.05.13 17:52| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Mio fratello nacque in Francia, ebbe la doppia cittadinanza fino a 18 anni anche se venimmo via dalla Francia che lui aveva pochi mesi. A me parrebbe giusto fare così nei confronti di chi nasce in Italia: la doppia cittadinanza è un modo per essere accoglienti senza chiudere la porta del rientro al paese d'origine.

Paola Magi, Milano Commentatore certificato 10.05.13 17:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Scusate, ma cosa dice la legge italiana sulla cittadinanza..lo sapete? Dai vostri post mi pare di no. Tutti quelli che nascono in Italia hanno riconosciuto il diritto alla tutela della salute (assistenza sanitaria) e all'istruzione scolastica come tutti gli altri. Mi spiegate dove è la discriminazione? Al compimento del 18 anno, ovvero quando sono in grado di decidere, hanno la possibilità, con una semplice domanda, di chiedere la cittadinanza italiana ma anche magari di tenersi quella che hanno. Magari ci sono pure quelli che non volevano essere italiani, ci avete pensato? La parte sbagliata della normativa attuale è quella che non fissa tempi certi per l'accoglimento della domanda, non esiste che uno debba aspettare anni per sapere se la domanda viene o non viene accolta.


Mio figlio nato qui in prima elementare mi ha detto che i francesi sono stati cattivi . 'Perche'? Ho chiesto io? Lui mi ha risposto : perché ci hanno fregato la Corsica ' A chi? Ho richiesto io, lui rispose : a noi italiani' . Pecatto che io al epoca non ero cittadino italiano ma lui non lo sapeva.

ama ro Commentatore certificato 10.05.13 11:37| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

IUS SOLI=IUS SOLA PER GLI ITALIANI

RIGOLETTO 12.05.13 18:32| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

copio un commento letto sul blog del Fatto, di Maurizio Di Gregorio che credo riassuma tutta la questione:

la fanfara partitocratica e dell'idiozia
parte alla carica con i diritti civili fasulli

ius soli, femminicidio, diritti omosessuali
cose complesse e problemi veri

usati come arma di distrazione di massa
per distogliere dalla triste realtà di questo paese
e per rifarsi ipocritamente una pseudocoscienza

sulla cittadinanza
forse la soluzione è quella tedesca che dopo 8 anni
e verificata l'integrazione (lingua italiana, leggi e costumi italiani)
concede la cittadinanza.

ma l'Italia non è ancora la germania
dove chiunque ha un sussidio di cittadinanza
e case popolari per tutti

e non ha inoltre
né una sinistra né una destra
stupide e corrotte come quella italiane

Zitti davanti all'inciucio Pd-berlusconi
Zitti davanti a mafie e corruzione
Zitti davanti a qualsiasi tradimento della volontà elettorale
(referendum ed elezioni 2013)

Zitti davanti alla rielezione di un Berlusconi
Zitti davanti a qualsiasi sorpruso

i finti difensori dei diritti umani
inviano soldati in medioriente
finanzano multinazionali
sporche del sangue di tutti i poveri del mondo

Brigida B., Molfetta Commentatore certificato 10.05.13 15:49| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Se continuano così, prevedo uno duro scontro sociale,frontale come mai c'è stato in Italia. Ci sono ancora terremotati senza casa da anni, e Pisapia a Milano è pronto ad elargire 30mila euro ad ogni Rom che risulti idoneo secondo graduatorie discutibili, italiani senza lavoro da sempre, ed interi settori lavorativi interamente occupati da immigrati sfruttati e malpagati di ogni provenienza, vittime da delinquenza di ogni tipo, vittime inascoltate e beffate dalle leggi e dalla giustizia, abbandonati dallo stato..ecc,ecc.ecc.

Alfonso V. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.05.13 23:27| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

prima mettiamo una legge per l'immigrazione come quella Australiana poi, si, possiamo mettere anche lo Ius soli. Ovviamente pero valevole solo per i figli d'immigrati regolari e non per i clandestini. Altrimenti sarebbe l'anarchia, volere evitare l'anarchia non è razzismo...

Giorgio C. Commentatore certificato 10.05.13 17:21| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

E Allora, quand'è che stà legge sarà approvata, ho giusto una prima mandata di donne nordafricane incinte che devo far approdare in Italia, muovetevi...

byRSM 10.05.13 17:56| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Concordo pienamente con l'articolo ......... però è UNA VERGOGNA CHE VENGA USATO DA VENDOLA (persona che stimavo) A FINI PROPAGANDISTICI CONTRO IL MOVIMENTO 5 STELLE E IN FAVORE DELLA SINISTRA CHE LUI VORREBBE RAPPRESENTARE!! Vorrei dire a Vendola che è da anni che la sua sinistra astratta e intellettualoide non rappresenta CONCRETAMENTE NESSUNO, inoltre, che voglia ammetterlo pubblicamente o no, LUI STA AL PD-L ESATTAMENTE COME FRATELLI D'ITALIA E LA LEGA STANNO AL PDL. Quest'articolo da lui tanto disprezzato altro non dice che di fatto lo ius soli a 18 anni di età già esiste e che se lo si vuole cambiare bisogna discuterne più ampiamente o fare un referendum. COSA SI è DETTO DI MALE??????????????????? ....... Pensasse il caro Niky A FARE FINALMENTE PROPOSTE CONCRETE E FATTI, INIZIANDO DALL'APPROVAZIONE DELL'INELEGIBILITà DI BERLUSCONI SILVIO!!!!!! Ma in tanti anni di politica AL GOVERNO O ALL'OPPOSIZIONE LA SINISTRA CHE TANTO DIFENDE I DIRITTI DELL'UOMO E DEL CITTADINO NON HA AVUTO IL TEMPO DI PRESENTARE QUESTA RICHIESTA, chissà perché????? RISPONDA ON. VENDOLA! E ORA SEL Firmerà???????????.......OLIVERO mi sembra che abbia già risposto a lei e alla grande Serena Dandini che ieri sera da Santoro scendeva dalle stelle quando ha appreso della possibilità dei 5 stelle di votare per Casson. VERGOGNA!!!!

Tullio Mucciolo, Quartucciu (CA) Commentatore certificato 10.05.13 16:26| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

IUS SOLI DESTABILIZZANTE

Le nostre città sono invase da migliaia di immigrati nullafacenti che bivaccano,non esiste più un marciapiedi libero dove poter camminare liberamente o semaforo senza essere infastiditi da questuanti e rivenditori improvvisati di merce dozzinale sempre più aggressivi ed intolleranti verso leggi e regolamenti ribellandosi anche contro le Forze dell'Ordine,con la presunzione dell'impunità costituita da leggi che vengono elasticizzate a proprio favore.

Non esiste più Piazza,strada,monumento libere da bancarelle abusive,Città artistiche come Roma,Firenze,Venezia ed altre sono divenute un SUK orientale mortificandole e snaturandone la bellezza,mercificandone la vocazione artistica.

Esiste ancora "IL BEL PAESE"come era definita L'Italia,possibile che non esista più l'orgoglio nazionale di vivere in località eccellenti uniche,abbiamo abdicato alla cultura del terzomondismo,del suk,dei riti tribali,del commercio abusivo,dell'illegalità?

L'introduzione dello IUS SOLI costituirebbe il colpo mortale per l'Italia,acquisire la cittadinanza Italiana non deve essere "SVILITA" come un mero fatto burocratico automatico,ma deve essere voluta,perseguita,meritata,tramite uno specchiato percorso educativo e di consapevole e responsabile integrazione,senza alcuna macchia giudiziaria.

Alcuni partiti(voto elettorale) e pseudo associazioni assistenziali laiche e religiose
hanno le mani in pasta e tutto l'interesse peloso per il proprio tornaconto verso l'immigrazione a discapito dell'interesse generale degli Italiani e della loro sovranità popolare.

Possibile che i nostri politici non si rendano conto della criticità della situazione raggiunta,del non ritorno in caso dell'approvazione dello IUS SOLI? possibile che siano così irresponsabili e ciechi nel continuare nella politica dell'immigrazione senza freni e controllo,non hanno un pò di amor patrio e di solidarietà verso il proprio popolo sofferente?

Ma questi politici sono dei Marziani? ma dove vivono?

GIULIANO L'APOSTATA 12.05.13 11:43| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci avete fatto entrare in Europa senza REFERENDUM.
Ci avete dato una valuta straniera senza REFERENDUM
Avete firmato il MES senza REFERENDUM.
Avete firmato il Fiscal Compact senza REFERENDUM.
Avete reintrodotto i "rimborsi"(finanziamenti ) bocciati già da un referendum , senza un'altro REFERENDUM.


.. e tutti questi atti di "snobbaggio" , ogni volta solo in nome dei vostri interessi

Ed ora volete fare lo ius soli ?..SENZA REFERENDUM ?

.. e questa volta a che vi serve lo ius soli ?
.. sarà un serbatoio di voti ? o cosa ?

vi faremo alzare tutti dalle comode poltrone , avete finito di abbuffarvi dei nostri soldi in nome della vostra finta politica , state solo danneggiando l'Italia

Tms S. Commentatore certificato 11.05.13 10:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

I sono contrario allo IUS SOLI e dico che lo IUS SANGUINIS deve essere ulteriormente implementato causa in primis la posizione dell' Italia quale 'ventre molle' dell' Europa.
mentre l' AUSTRIA sta inasprendo (nessuno, o pochi lo sa o lo fanno sapere) le sue norme e le sue leggi sull' contenimento e regolamentazione immigrazione (HAI UN CONTRATTO DI LAVORO GIA' FIRMATO?, BENE ENTRA!, ALTRIMENTI DIETRO FRONT AND GO HOME) noi ( o meglio certi schierati ideologicamente) italiani siam qui a pensare di salvare e sostenere IL MONDO INTERO, A FARE PROMESSE DI DIRITTI (CASA, LAVORO...) CHE NON SARANNO MANTENUTI. O meglio, che sono e saranno dati a discapito dei CITTADINI italiani di nazionalità italiana (ne sono un esempio le case popolari assegnate al 70/ 80% agli stranieri a discapito di italiani bisognosi)

faccio alcune domande ai sinistrati :

1. sareste disposti, voi, popolo di sinistra, a passare da una RESPONSABILITA COLLETTIVA ad una RESPONSABILITA' INDIVIDUALE verso gli stranieri comunitari o extracomunitari??
mi spiego meglio:
saresti TU, di SINISTRA, disposta ad
-ospitare A CASA TUA,
-A TUE SPESE,
-utilizzando i denari depositati sul TUO conto corrente,
-donando ad UN QUARTO del TUO stipendio
al fine di sostenere TUTTE QUELLE PERSONE, MAGARI APPENA SBARCATE DAI GOMMONI, anzichè utilizzare I SOLDI PUBBLICI appartenenti ai LAVORATORI ITALIANI ONESTI??

...Quei SOLDI PUBBLICI che sarebbero di PRIMO AIUTO a quei precari, esodati, cassaintegrati, disoccupati, anziani con pensioni minime da fame, ITALIANI ormai in miseria e povertà.

FATELO, CARI SINISTROIDI, ED AVRETE RAGIONE VOI!!!!!

alberto z., PN Commentatore certificato 10.05.13 19:58| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

I cittadini stranieri extracomunitari che convivono con parenti italiani entro il quarto grado, non possono essere espulsi sebbene siano presenti sul territorio italiano senza un regolare permesso di soggiorno e, di conseguenza, potranno richiedere alla Questura competente per territorio (in base al proprio domicilio) il rilascio di un permesso di soggiorno per motivi familiari. Tale divieto e' espressamente previsto all'art. art. 19, comma 2, lett. c che indica l'operativita' del divieto nei confronti: "degli stranieri conviventi con parenti entro il quarto grado o con il coniuge, di nazionalità italiana".

Il grado di parentela
I gradi di parentela sono disciplinati dal codice civile, all'art. 77: per i parenti in linea retta (cioe' quelle che discendono una dall'altra) i gradi di parentela si contano per generazioni; per i parenti in linea collaterale (cioe' quelli che pur avendo un capostipite in comune non discendono l'una dall'altra) si contano salendo da uno dei parenti fino allo stipite comune e da questo discendendo fino al parente. Ad esempio sono:

Parenti di primo grado: figli e genitori
Parenti di secondo grado: fratelli e sorelle; nonni e nipoti
Parenti di terzo grado: nipote e zii; bisnipoti e bisnonni
Parenti di quarto grado: cugini

La concessione della cittadinanza ai bambini stranieri nati in Italia equivale a dare un permesso di soggiorno a vita per tutti i loro parenti fino al quarto grado. Fino a quando il nostro welfare renderà la qualità di vita migliore in Italia che nei loro Paesi di provenienza, gli stranieri avranno convenienza a venire e rimanere qui, garantiti dalla nascita di un figlio. Non siamo così ricchi.

emanuela sesini 10.05.13 19:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Grillo uno di noi

Alessandro Miele 10.05.13 16:53| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Complimenti "Santa Boldrini", se ti daranno retta l'italia sarà una grande sala parto per disperati e furbacchioni. Ma chi Paga ?

Beppe FERMALA per l'amor di DIO.

matteo rossi 10.05.13 15:37| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

I fascisti sono i vari Letta, Berlusconi, Bersani, Vendola, Bossi e compagnia brutta che credono che solamente loro abbiano l'esclusiva di legiferare su un tema così importante. Dare la cittadinanza a qualcuno comporta che si diano anche dei diritti politici molto fondamentali a questa persona. Chiedere il parere dei cittadini su una questione così seria è un segno di Democrazia e non di dittatura estremista! In Svizzera, le votazioni su questioni che riguardano la modifica della costituzione, si fanno regolarmente. Perché no in Italia?

Carmelo Di Stefano Commentatore certificato 10.05.13 15:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il grande, grandissimo problema dell'Italia e' che nel corso di 30-40 anni e' cresciuta una generazione di politici alla quale del proprio Paese non importa proprio nulla.
L'Italia e' solo una carovana da assaltare e svaligiare. Ciò che interessa a questi individui che rappresentano le istituzioni e' solo l'ideologia, il falso e farlocco buonismo che serve solo a portare acqua al proprio mulino.
Nel caso dell'immigrazione selvaggia e non regolamentata c'è l'interesse da parte di alcuni partiti politici ( in questo caso PD e SEL) di creare una nuova classe proletaria e disagiata con la quale alimentare la lotta di classe e alla quale andare poi a chiedere il voto. Il caso specifico dalla Ius Soli e' solo l'ultimo atto di un sistematico svendere la propria nazione a individui senza ne' arte ne' parte. Gli africani ricchi che vengono a farci le prediche sul razzismo sono i primi a fottersene dei propri connazionali poveri, sono i primi che si guardano bene dal tornare nel proprio paese ad aiutare i loro connazionali. E se ci tornano lo fanno solo per lucrarci sopra.

Don Rigoberto Lopez Commentatore certificato 10.05.13 22:27| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo Jus soli è una roba che vieni a nascere in Italia, diventi cittadino italiano, ritorni da dove sei venuto e poi, se per caso ti ammali, torni in Italia a farti curare a spese di pantalone. Poi a me l'IRAP, concepita per pagare le spese sanitarie, mi devasta l'azienda e mi obbliga a chiudere. Già succede qualcosa del genere con le ricongiunzioni familiari, migliaia di bosniaci e albanesi che si portano qua la suocera col tumore, la fanno curare a spese nostre e magari le fanno anche avere la pensione sociale. Allora uno vota lega e si trova in barca con Renzo Bossi, il fratellino del trota. Ma chi ci salva da tutti questi mona qui?

Alberto S., pordenone Commentatore certificato 10.05.13 18:40| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Argomento interessante.
Ragionamenti,poco evolutivi.
L'essere umano deve essere LIBERO CITTADINO DEL MONDO.
L'appartenenza,locale,sono definite dai suoi documenti di riconoscimento,nato a...figlio di...nati a....
Il tutto ricade sotto l'amministrazione del luogo in cui vive e partecipa alla vita sociale.
Sono nato a....diventa inconfutabile,come il fatto di aver ricevuto ed assimilito usi e costumi
di un posto diverso da dove si è nati,questo dà il senso di appartenenza,mentre DIRITTI E DOVERI,dovrebbero,speriamo presto,essere UGUALI per tutti gli esseri umani

salvatore castellano, genova Commentatore certificato 10.05.13 14:43| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prima di parlare di IUS SOLI, il movimento 5 stelle dovrebbe occuparsi delle infinite angherie che L'italia riserva agli stranieri sul territorio.

I cittadini non europei sono, infatti, costretti a subire enormi difficoltà burocratiche e pratiche per effettuare le enormi costosissime pratiche necessarie al solo risiedere legalmente in questo paese di stronzi.

Le leggi sull'immigrazione sembrano, infatti, fatte con i piedi, ricalcando lo stile che caratterizza anche altre leggi come quella elettorale ( guarda caso anch'essa fatta da un leghista).

Tutta questa burocrazia si trasforma in violazione di diritti e razzismo di stato molto facilmente, e a volte in tortura di stato( vedi Rosarno, vedi i CIE, ecc..).

Propongo pertanto una battaglia di legalità per semplificare le norme sull'immigrazione e per imporre tempi certi di risposta e semplificazione burocratica per le pratiche necessarie alla certificazione del proprio stato di residente in Italia.

In merito di cittadinanza sapete che, chi ha diritto alla cittadinanza, deve portare in prefettura una quantità di documenti assurdi e costosissimi ?

Sapete che, solo per avere appuntamento in prefettura per presentare la prima documentazione, dopo aver maturato il diritto, il tempo di attesa è di oltre 2 anni? L'appuntamento si può prendere solo on line. Provare per credere. http://www.utgroma.it/webprenota/ticketsonline.aspx

Pertanto le norme sulla cittadinanza sono disattese di fatto, poichè non è vero che maturato il diritto a norma di legge ( vedi i 18 anni dell'articolo) si ottiene la cittadinanza, ma bisogna attendere altri 6 7 anni di pratiche burocratiche, e spendere molti soldi.

Marco L. Commentatore certificato 10.05.13 10:26| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 25)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo Jus soli è una roba che vieni a nascere in Italia, diventi cittadino italiano, ritorni da dove sei venuto e poi, al compimento del 66esimo anno di età chiedi la pensione sociale italiana, 520 euro mensili circa che, in una buona metà del mondo, sono uno stipendione. Poi a me l'INPS mi pela per una vita per darmi in cambio un bel niente. Già succede qualcosa del genere con le ricongiunzioni familiari, migliaia di bonsniaci e albanesi che si portano qua la suocera, le fanno prendere la pensione sociale e poi la rimandano a casa a fare la signora. Poi uno vota lega e si trova in barca con Renzo Bossi, il fratellino del trota. Ma chi ci salva da tutti questi mona qui?

Alberto S., pordenone Commentatore certificato 10.05.13 10:47| 
 
  • Currently 3.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 24)
 |
Rispondi al commento

mi spiace ma oggi non sono d'accordo, m i spiego:
non dico che lo ius soli sia una cosa corretta allla nascita ma, penso, che aspettare 18 anni ininterrottamente sia altrettanto sbagliato, facciamo un caso:
un bambino nato in italia, da genitori stranieri che, improvvisamente perdono il lavoro quando lui ne ha 14 o 15 di anni, che facciamo, cacciamo pure lui, dopo che ha acquisito tutta la nostra cultura, parla perfettamente la nostra lingua e, magari ha anche un/a fidanzatino/a italiano/a? il rimedio, per me sarebbe accorciare questo iter

ermanno c. Commentatore certificato 10.05.13 10:57| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 18)
 |
Rispondi al commento
Discussione

UNA BANDA DI EBETI...

Solo un gruppo di persone così possono mettere come una delle priorità questo argomento quando abbiamo centinaia di migliaia di famiglie alla fame! VERGOGNA! VERGOGNA!

Giovanni G., belluno Commentatore certificato 10.05.13 10:50| 
 
  • Currently 3.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 18)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dare la cittadinanza italiana a chi nasce sul suolo italiano senza limitazioni e regolamentazioni ????? Ma nessuno ha pensato che così ci ritroveremo barconi stracarichi di donne in cinta pronte a scodellare il marmocchio appena mettono piede sulla spiaggia ??? E poi che si fa ?? Tieni il bambino e cacci i genitori ?? Noooo non sia mai !! c'è il diritto al ricongiungimento!! Poi devi dargli il lavoro , la casa popolare , il sussidio e via così. Tutto questo con gli italiani ( gli indigeni ) sempre più messi male senza soldi e senza lavoro e per dare tutto questo dovranno PER FORZA sparare l' ennesima bordata di tasse. La situazione non è già abbastanza esplosiva così ? Ah ovviamente quelli di Forza Nuova, Alba Dorata e fascistoidi vari ringraziano, non gli sembrerà vero un regalo così grosso!! Alle prox elezioni potranno arrivare al 40% e oltre !

Gavino 10.05.13 16:31| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 16)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ius de chè?
Con tale sinistra legge i genitori sono stranieri e i figli italiani? Ma che stronzata!
Io sono per una legge sull'immigrazione seria come quella australiana che mira all'integrazione, per ottenere la cittadinanza li, dopo dieci anni di permanenza (con permesso e "raccomandazione" del datore dilavoro) bisogna addirittura fare un esame sulla costituzione, sulla lingua e sulla storia del paese.

Giuseppe B., Napoli Commentatore certificato 10.05.13 11:02| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 16)
 |
Rispondi al commento
Discussione

TUTTO QUESTO E' FATTO DA QUESTA MASSA DI FIGLI DI PUTTANA PER COMPRARE I VOTI DELLA POVERA GENTE ROM E CLANDESTINA!!!AVETE VISTO LE PRIMARIE A ROMA??C'ERA UN CORTEO DI ROM CHE ANDAVA A FIRMARE PER MARINO!!!COSI' QUESTI STRONZI PILOTAVANO TUTTO SU MARINO!!!!
A LORO NON GLIENE FOTTE NEMMENO DEGLI ITALIANI FIGUARIAMOCI DEGLI STRANIERI!!!!!
CHI VI RICORDA LA CITTADINANZA "FACILE"??A ME RICORDA TANTO QUEL SOGGETTO CHE PRIMA ERA FASCISTA E POI E' DIVENTATO COMUNISTA:FINI ,L'AMICO DEL NANO!!!
ORA CHI NON VUOLE LO IUS SOLI SI FOTTA A VOTARE QUESTO COMMENTO !!CHI NON LO VUOLE VOTI CONTRO IL MIO COMMENTO!!!PERO' DOVETE VOTARE PICCOLI GRILLINI!!
VOTA OPPURE ESCI DA QUESTO BLOG!!!!


Da elettore M5S sono favorevole allo ius soli.
Chi nasce, vive, studia e lavora qui è cittadino italiano.
Per me va abilita la riforma tremaglia sul voto degli italiani di seconda e più generazioni all'estero.

Paolo Cecchini 10.05.13 12:47| 
 
  • Currently 3.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 15)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe hai scritto esattamente ciò che penso.
Ora sono più tranquillo riguardo la posizione del M5S riguardo questo tema.
A livello personale sono contrario allo Ius Solis. Mi sembra già sufficiente che si dia la cittadinanza ai minori al 18 anno di età.
Un cambiamento da Ius sanguinis a Ius solis implicherebbe una svolta che potrebbe essere epocale , quindi è giusto che si faccia prima un REFERENDUM e sia la maggioranza a decidere(democrazia no?). Sarebbe assurdo che solo i parlamentari (che spesso votano quello che le cupole dei partiti decidono) scelgano su un tema cosi sensibile.

Horacio Fabian Greco, Bettona Commentatore certificato 10.05.13 11:06| 
 
  • Currently 3.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

e vai, adesso, i soliti perbenisti benpensanti radical chic di cx sinistra (ma anche cx destra dato che sono uguali) grideranno al razzismo e xenofobia senza capire un cazzo dello splendido post che non è assolutamente di natura razziale. a voi che penserete come sopra dico solo...ma andate a cagare !!

Max Teramo 10.05.13 11:52| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento

Il progetto, non più tenuto nascosto, è quello di fare diventare l'Italia il paese europeo in cui concentrare l'arrivo dei disperati della terra.
Il trio Kyenge, Bonino, Boldrini è perfetto per l'attuazione del piano.
Inizò la Bonino, quando era Commissaria europea, a non porre limiti (posti dagli altri paesi come la Germania) all'ingresso dei rom in Italia.
Schifoso, poi, è l'uso della pietas cristiana per accattivarsi i cattolici.
Per gli italiani, se si ammalano, voteranno presto l'eutanasia.

Morabito G. 10.05.13 11:10| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento

Neghiamo il privilegio della cittadinanza a quei milioni di italioti che per capacità di ragionamento e di logica sono inferiori anche ai pitecoidi meno sviluppati. Occorre uno Ius Ingenii o uno Ius Pro Merito per impedire che la nazione venga continuamente e nuovamente saccheggiata da questo coacervo di banditi, pitocchi, levantini, ingenui che da decenni votano Berlusconi o quelle vesciche vuote del PD. L'Italia ha veramente bisogno di concedere la cittadinanza a centinaia di migliaia di uomini e donne che provengono da Paesi culturalmente distanti anni luce dall'Europa? Per mio conto ho già grosse difficoltà a sopportare i "miei" concittadini cattolici, vetero comunisti e reazionari, devo quindi prepararmi ad accettare popolazioni che dalla notte dei tempi ignorano cosa sia una Repubblica?

Valentino Castelli Bargelli, Chiavari Commentatore certificato 10.05.13 13:14| 
 
  • Currently 3.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento
Discussione

La ministra Kyenge ha studiato in Italia, si è laureata, si è sposata, è diventata ministro sempre in Italia e adesso offende gli italiani, affermando che non rispettano i diritti civili e facendo due proposte, di cui la prima aliena in quanto per l'immigrazione rispettiamo i parametri europei e la seconda, devastante, con lo jus soli.

Consiglio alla ministra di difendere i diritti civili nel paese da cui proviene che è ancora fermo all'età tribale per non dire altro, oppure di entrare nello staff dei Medici senza Frontiere per prestare la sua opera di specializzazione oculistica alla popolazione africana flagellata da tracoma e glaucoma (circa 13 milioni l'anno diventano ciechi) e non di andare in TV a parlare di cose che non le competono.

Il ministero dell'integrazione dovrebbe essere solamente un dipartimento del Ministro degli Affari Esteri, perchè lo hanno creato e perchè hanno fatto Kyenge ministro? CUI PRODEST?

egeria benvenuti 10.05.13 20:15| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ALESSANDRO DI BATTISTA TORNA IN TE CHE SEI UN BRAVO RAGAZZO
E NON SPARARE CAZZATE...

Alessandro Di Battista (M5S): "Grillo non è deputato del Movimento. Ok a Ius soli"

IL FATTO CHE LUI NON SIA DEPUTATO NON ARROGA A TE
DI DIRE OK... SI DISCUTE QUI E POI SI DECIDE

COME TI ABBIAMO MESSO LI COSI TI DESTITUIAMO
QUINDI RAGIONA...NIENTE STUPIDI PROTAGONISMI..

roberto s 10.05.13 17:15| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Beppe,
son sempre stato dalla tua parte, ho sempre creduto e crederònei principi del movimento 5 stelle....
son due mesi che litigo con tutti perchè son sempre stato con te, ma stavolta non ci siamo...
è solo questione di fortuna o sfortuna ( a seconda dei punti di vista) nascere italiani, albanesi o keniani o afghani...
te che parli di una rinascita a misura d'uomo... forse questo principio è fondamentale per cambiare sto paese, e alla lunga anche gli altri..
no caro Beppe, mi pesa tantissimo ammetterlo, ma stavolta hai cagato fuori dalla tazza!!!
Diego

diego pizzetti, pizzettidiego@hotmail.it Commentatore certificato 10.05.13 17:43| 
 
  • Currently 3.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

beh..si vede che la sinistra è a caccia di nuovi elettori..nulla di meglio di centinaia di immigrati che non vedono l'ora di far acquisire ai propri figli dei diritti e dei vantaggi che noi italiani ci sogniamo proprio.

riconoscere lo "ius soli"..non farà altro che incentivare i barconi della speranza con centinaia di donne prossime al parto....inoltre ..una volta che il bimbo nasce la madre mi pare ovvio debba rimanere con lui.

mi chiedo .... CHI PAGHERA' TUTTO QUESTO??.
forse gli italiani(da generazioni)..che anno dopo anno vedono i propri diritti calpestati... con stipendi e pensioni da fame..

lo "ius soli" ..NON CE LO POSSIAMO PERMETTERE!!!.

la sinistra dimostra giorno dopo giorno..di essere un covo di minchioni!!!

Anna L. Commentatore certificato 10.05.13 10:25| 
 
  • Currently 3.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono assai turbato dall’uso disinvolto del termine geografia, usato da Beppe Grillo, quando parla di Ius soli, riferendosi a diritti e a esseri umani, perché quando con intento protezionista si usa il termine di geografia, insito ad esso ci sono dei confini, e dove ci sono confini non c’è nulla di universale, e senza universalità non si costruisce nulla di buono. Quel suo rifugiarsi poi, prima in un eventuale referendum sullo ius soli, , e poi addirittura quasi fosse un esule, il dover a priori discutere della ‘faccenda geografica’ più chiaramente il ‘problema’, con l’Europa, è veramente penoso, perché seppur pensiero lecito ad esprimersi, nel suo protezionistico patriottismo espressivo, è chiaramente infarcito di una presunta difesa di non si sa bene quali tipi umani, etnie o altresì popolazioni che, visto l’approccio incosciente di Grillo al tema , vedrebbero a rischio non i propri confini geografici ma l’omogeneità culturale dei propri profili. E quale sarebbe un omogeneità culturale europea? E altrimenti dove è la geografia citata da Beppe Grillo? Ma almeno si renderà conto Grillo che così predicando afferma delle concezioni pericolosissime, degne al massimo di una fastidiosissima discussione sulla zootecnica e la zoologia? Risparmiandomi la genetica. E ulteriori future contestazioni geografiche da un Grillo assai confuso.


Francesco Mangascià, Assisi Commentatore certificato 10.05.13 12:54| 
 
  • Currently 3.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento

per dovere di informazione una delle principali armi previste dal progetto masso-ebreo-comunist​a del NWO per l'appropriazione dei territori , l'impoverimento sociale e la riduzione in schiavitù delle masse è la creazione del caos. Il caos può essere generato in mille modi e uno di questi è il travaso incondizionato di masse di extracomunitari spacciato per azione umanitaria e teso a gravare sul sistema economico di uno stato grazie all'appoggio di burattini/adepti che inseriti nel contesto politico di una nazione deliberino leggi a favore dei trasmigrati. Nel caso Italia gli effetti si sono palesati immediatamente grazie a leggi che hanno portato alla rovina il Nostro sistema sanitario, di sicurezza . Premesso che nessuna colpa va addebitata alle masse migranti , nel caso della sanità la possibilità data anche ai clandestini (che sono di più dei legalizzati) di usufruire gratuitamente del servizio pubblico ha generato un crollo totale del sistema mentre nel caso della sicurezza ha determinato un incremento esponenziale di crimini e micro-crimini oltre che un gradito regalo a mafia, camorra e ndrangheta che hanno attinto a piene mani da questo serbatorio di nuova manovalanza. Come da progetto, di contro i militi sono stati privati di risorse in modo da non essere in grado di fronteggiare l'ondata criminale o illegale oltre che bloccati da leggi farlocche che li vede protagonisti presi in giro da giudici e magistrati a causa dei continui rilasci di criminali per i cui arresti gli stessi hanno messo a rischio la propria vita. Detto questo il progetto del massacro della Nostra Nazione e del Nostro Popolo continua verso il suo traguardo con il vecchio traditore l'indegno Napolitano e il nuovo traditore E. Letta settaro e sicario come il Monti del gruppo Bilderberg e quindi della massoneria giudaico-sionista del NWO.


Quello che non ci possiamo permettere è il pressapochismo, la banalità, il qualunquismo e il razzismo di questi commenti: tali e quali quelli della Lega! I migranti contribuiscono al PIL con l'11%, pagano contributi per pensioni di cui probabilmente non usufruiranno, pesano meno sul sistema sanitario (avendo fra l'altro un'età media molto più bassa della nostra), lo stato spende per loro molto meno di quanto riscuote (tasse, permessi di soggiorno). Ma l'Italia comuque preferisce buttare via miliardi nella vergogna dei CIE e per foraggiare improbabili "villaggi turistici" e associazioni varie (a partire dalla croce rossa) piuttosto che progettare un vero sistema di accoglienza e integrazione (che potrebbe avere costi molto più contenuti e risultati costruttivi). Quanto ai diciottenni, chiedete ai ragazzi di 2G quanti di loro hanno rischiato e rischiano e perdere tutto al compimento del 18°anno, dopo una vita passata nelle scuole italiane!
VERGOGNATEVI!

Sandra Carpi Lapi 10.05.13 17:50| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sono particolarmente informato sulle questioni della cittadinanza e quindi ritengo giusto discutere e approfondire il problema, senza pregiudiziali.
Ritengo però che, in ogno caso, la Repubblica dovrebbe assicurare a tutti i minori di età, comunque presenti sul territorio nazionale, gli stessi diritti, senza alcuna eccezione, come se fossero cittadini.
Penso poi che la questione della cittadinanza formale vada discussa avendo come riferimento la necessità di massimizzare i diritti della persona, che sono uguali per i cittadini e i non cittadini, più che i diritti degli Stati o delle Nazioni.

Pier Marco Accanto, Campiglia Marittima Commentatore certificato 10.05.13 10:49| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dochiarazione di "Di Battista"

"Beppe grillo non e' un Deputato, si allo Ius Soli!"

io non sono nemmeno tanto sicuro che Di Battista abbia detto cio visto come scrivono i giornalisti, ma nel caso vorrei rispondergli.

1) Caro CITTADINO Di Battista NESSUNO ti ha dato l'incarico di DECIDERE per tutti noi, visto che il moVimento non elegge RAPPRESENTANTI, ma portavoce.

2) Beppe grillo Propone un Referendu Abrogativo della legge che gia' esiste sullo IUS SOLI che mostrerebbe l'intenzione degli italiani a veolerne un'altra.

3) L'opinione di Beppe potrebbe essere differente dalla tua o dalla MIA caro di Battista, ma non e' perche sei DEPUTATO la tua opinione valga di piu della mia!

lo IUS SOLI e' una BOIATA se non regolamentata...si avra' cosi' l'invasione delle donne gravide da tutto il MONDO...tutte ospitate da Di Battista.

PS chiedo umilmente scusa a Di Battista nel caso non abbia dichiarato quanto sopra.

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 10.05.13 17:02| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei si ponessero alcune domande al ministro:
1) I cittadini italiani resteranno tali anche se ritorneranno nei paesi d'origine? In questo caso, potranno votare? Se ritornati ai loro paesi d'origine, i loro figli che cittadinanza avranno?
2) Come pensa di affrontare il tema dell'emancipazione della donna, che nelle culture più arretrate è ancora molto grave?
3) Non pensa che sarebbe meglio chiede un parere anche agli elettori? Sicuramente sarebbe democratico. Non dimentichiamo che sulla costituzione sta scitto che il popolo è sovrano, e che il governo di cui fa parte non è stato eletto da nessuno.
Legiferare contro il popolo può avere pesanti ripercussioni. Si assume quindi questa responsabilità? E' consapevole delle conseguenze?

Riccardo Iotti 10.05.13 12:34| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signor VENDOLA...la prego, La esorto!

Dia del -- FASCISTA -- A GRILLO

perché non vuole dare l'Italianità automatica chi nasce in Italia.

Perché ha detto che gli extracomunitari che NON rispettano l'Italia DEVONO essere ESPULSI.
( io direi anche di peggio)

Perché Perché Perché Perché
Con la PSZua propoPStza di dare ai nascituri lo IUS SOLI....
i PROSSIMI BARCONI SARANNO PIENI DI DONNE INCINTE!
E questa la sinistra?

Altro che sinistra e destra di stò CAZZO(scusate) SIETE SOLO UNA MASSA DI IPOCRITI!

Franco Restuccia Commentatore certificato 10.05.13 16:18| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo, mi sono da appena due giorni iscritto al gruppo territoriale di Lucca, ma subito devo ritirare la mia adesione al Movimento 5 stelle. Ho lavorato, fino alla mia andata in pensione insegnando lingua italiana a stranieri adulti in un Centro territoriale. Conosco degli stranieri tutte le loro problematiche di vita e di molti di loro i vissuti. Non posso concepire che bambini nati in Italia da genitori stranieri non abbiano il diritto alla cittadinanza. Mi sembra non solo un errore, ma una lesione di un diritto da non mettere assolutamente in discussione. E non credo si debba attendere il risuktato di un referendum, ma penso che un paese che voglia dirsi civile debba riconoscere questo diritto senza se e senza ma. Siamo, a mio parere, già in ritardo. La multiculturalità è una realtà storica e riconoscere a tutti gli stessi diritti è un dettame costituzionale. Non esistono persone di paesi diversi, ma uomini e donne che sono cittadini del mondo. Paola Francesconi

paola francesconi 10.05.13 20:33| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ricordo a tutti gli xenofobi che fingono di fare i moderati o i pragmatici che se pretendono un cambiamento in questo paese devono smettere di pensare solo ed esclusivamente ai loro interessi personali.

Tutti quelli che pensano che ci sia un'identità italiana da difendere e preservare ad ogni costo, tutti quelli che non vogliono concedere diritti per paura di perdere i quattro privilegi fasulli e pulciosi che credono, non si sa per quale motivo, di meritare, meritano, invece, di vivere in un paese di ladri, ignoranti e truffatori perchè è quello che sono.

Dovete provare ad essere migliori della casta per combatterla veramente, se siete solo arrabbiati perchè non ne fate parte ma avete la stessa mentalità, allora potrete al massimo sostuituirvi ad essa senza che nulla cambi.

Magari tra qualche anno di povertà forzata (ce se si va vanti così è asicurato) potrete capire chi è così disperato da emigrare.

Vergonga!


Francesco N. Commentatore certificato 10.05.13 17:48| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo con Beppe Grillo, e segnalo un'altra cosa che i partiti stanno cercando di fare passare senza voto democratico: la CONVENZIONE DI ISTANBUL. SI tratta di un gruppo di norme che, con la scusa della violenza sulle donne, criminalizzano gli uomini per fare avere un mare di soldi (pare 82 milioni di €) a centri anti-violenza, solitamente gestiti da femministe vicine a partiti politici ed impegnati nel sostenere false accuse contro papà separati, false accuse che devastano i bambini. Tanto è vero che questi centri si oppongono esplicitamente alla mediazione familiare ed alla protezione dei bambini dall'abuso dell'alienazione genitoriale. Io spero che il M5S possa bloccare questa porcata, e rimandarla ad una decisione democratica.

Alessandro S. Commentatore certificato 10.05.13 16:57| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono un ex votante del pdl e vi dico guai a farsi trascinare nei diritti civili della sinistra sarebbe la fine del m5s.Il m5s deve portare avanti il suo programma ed evitare le trappole.La cittadinanza di tutti i nativi comporta problemi e oneri per cui i deputati non sono stati eletti

Antonello M. Commentatore certificato 10.05.13 17:10| 
 
  • Currently 3.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Lo ius sanguinis significa appartenenza ad una comunità, ad una cultura. Lo ius soli non significa assolutamente nulla.

Detto questo, sarebbe ipocrita negare che esiste la questione di chi DIVENTA italiano, seppure nato straniero.
La cittadinanza va riconosciuta a chi è culturalmente omogeneo al resto della comunità. Chi cresce in Italia assimilando e assorbendo i "caratteri" nazionali tanto da diventare italiano è italiano.

Riconoscere un importantissimo status come la cittadinanza, senza corrispondenza alcuna con le basi culturali ed il senso di appartenenza che lo sottendono, significa solo creare le premesse per un conflitto di tipo razziale.

Chi parla di ius soli è un incosciente che non guarda al di là del proprio naso.

MK ROMA Commentatore certificato 10.05.13 20:56| 
 
  • Currently 3.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

trovo meschino parlare di essere di qua essere di la. solo persone piccole continuano a pensare cose da piccoli. noi siamo cittadini del mondo, la terra è la nostra patria queste meschine divisioni sono il frutto dell'egoismo e della stupidità degli uomini. le frontiere sono frutto dell'egoismo e che hanno generato tremendi conflitti. qualche sciocco pensa ancora in questi termini, pensa piuttosto alle spese militari altro che costi aggiuntivi sanitari per gli stranieri. il solo pensare in termini di stranieri et similia è segno di stupidità.

giangiacomo bortone 10.05.13 20:15| 
 
  • Currently 3.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Ma secondo voi, sinceramente, un bambino che nasce qui, cresce qui, va a scuola qui, mangia in mensa con gli altri bimbi (se gliene danno...), va magari in parrocchia, in palestra, al doposcuola, al corso di chitarra, da Macdonald, ai compleanni dei compagni... Che lingua parla? Che "cultura" ha, benché il concetto di cultura sia opinabile specie in epoca di comunicazioni sempre più a livello mondiale? Che cittadinanza deve avere? La risposta mi pare ovvia. Non dare la cittadinanza ai bimbi nati qui è una grossa ingiustizia, significa creare cittadini di serie a e di serie b.

alina rossi 10.05.13 20:02| 
 
  • Currently 3.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me va bene la legge così com'è adesso: cittadinanza a chi è nato in Italia al compimento dei 18 anni dopo aver frequentato le scuole italiane ed essere entrati nella cultura italiana.

GIANFRANCO B., CATANZARO Commentatore certificato 10.05.13 15:16| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

NON ESISTE IL PROBLEMA CON LO IUS SOLI.

-AL COMPIMENTO DEL 6° ANNO D'ETA' CON IL COINCIDERE DELL'INGRESSO A SCUOLA GLI SI DA LA CITTADINANZA.
-DEVE CONOSCERE O DOVRA' IMPARARE LA LINGUA ITALIANA. (Molti stranieri si esprimono meglio di tanti italiani...)
-NON SI DIA LA CITTADINANZA A QUELLE DONNE CLANDESTINE CHE QUI ARRIVANO APPOSITAMENTE IN DOLCE ATTESA.
-ABBIANO PARI DIRITTI.
-FUORI DALL'ITALIA CHI DELINQUE E NON CHI VIENE A LAVORARE E FARE DEL BENE.
-TANTI EXTRACOMUNITARI SON QUI A FARE LAVORI CHE LA MAGGIOR PARTE DI VOI NON FAREBBE MAI. IPOCRITI!

BEPPE, NON ESISTE IL REFERENDUM PROPOSITIVO! IMPARARE LE LEGGI PRIMA DI SCRIVERE CERTE BOIATE.

GRAZIE.

Stefano R!!!!, Venezia Commentatore certificato 10.05.13 20:23| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

IO, GRILLINA, SONO ASSOLUTAMENTE CONTRARIA ALL'OPPOSIZIONE DELLO "IUS SOLI!" QUI NON C'E' COMUNISMO O FASCIMO, MA SOLO IGNORANZA PER CHI NO VUOLE DARE CITTADINANZA AI FIGLI DEGLI IMMIGRATI. ANTISPECISTA SINO ALLA MORTE! ODIO I RAZZISTI.

Patrizia Marciano, Milano Commentatore certificato 10.05.13 20:22| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusi Grillo e grillini se la pensate così. M di cosa state parlando. Vi accorgete ora della UE quando fa comodo. Con cambiare la geografia di un paese cosa si intende esattamente? Chi nasce qui DEVE avere gli stessi diritti di qualsiasi altro bambino. Estendere diritti è sempre positivo e le conseguenze non possono che migliorare la vita di tutti.

Claudio Durandetto 10.05.13 17:38| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

spero che una legge sullo Ius Soli sia presentata al più presto dal Governo e che il M5S la supporti totalmente

Danilo Mollicone 10.05.13 11:13| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 16)
 |
Rispondi al commento

,,,,,, Oltretutto poichè si è laureata e specializzata con i soldi della cooperazione italiana allo sviluppo, AVREBBE DOVUTO come la legge a tal riguardo prevede, RITORNARE A ESERCITARE la professione medica proprio nel suo paese d'origine poichè quello era lo scopo della sua formazione!
In Africa 13 milioni di persone diventano cieche ogni anno, la stanno ancora aspettando!

Daniela R., Roma Commentatore certificato 10.05.13 20:24| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori










Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.



Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori