Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La marcia di un padre

  • 86


padre_marcia.jpg
"E' partita il 25 aprile la singolare iniziativa di Antonio Borromeo, (cittadino Vastese di 47 anni, padre di un bimbo di 10 anni,ex educatore ed insegnante di pianoforte,) che ha deciso, partendo da Vasto in Abruzzo, di raggiungere a piedi attraversando il nostro paese e facendo tappa in alcuni capoluoghi italiani, la Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo per testimoniare il disagio dei genitori separati italiani causato delle decisioni della magistratura italiana che si ostina a non applicare quanto disposto dalla legge 54/2006 sulla disciplina dell'affido condiviso della prole.
Borromeo nel suo tragitto presenta e propone una raccolta firme per sensibilizzare le istituzioni italiane ed europee a risolvere i gravi problemi che una mancata riforma del diritto di famiglia in Italia producono quotidianamente a tantissimi cittadini e famiglie italiane. Il Movimento 5 Stelle di Bologna, come già fatto dai gruppi M5S di altri Comuni attraversati da Antonio, esprime il suo appoggio a questa importante iniziativa di sensibilizzazione nei confronti delle problematiche della famiglia e delle separazioni.
La sua iniziativa è stata promossa a livello nazionale dall'associazione Pronto Soccorso Famiglie onlus, mentre a Bologna l'iniziativa è sostenuta dall'associazione bolognese Cuori in Pace. Queste associazioni che operano per la promozione della bigenitorialità, durante le soste previste nei vari capoluoghi, provvederanno ad organizzare nelleprincipali piazze alcuni gazebo per raccogliere le firme.
E' stato calcolato che Antonio consumerà 7 paia di scarpe per portare a termine questa notevole impresa." Nik il Nero e Dario Pattacini

5 Mag 2013, 13:09 | Scrivi | Commenti (86) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 86


Tags: bigenitorialità, Borromeo, Dario Pattacini, diritti genitori separati, marcia, nik il nero

Commenti

 

Il giudice ha chiuso in 45 minuti. Scarsi. 25 anni mattimonio.
Mi ha messo fuori casa anche se sono nullatente, fallito e disoccupato, in piu devo dare gli alimenti a loro (ed e giusto se ti danno la possibilita di poterlo fare.
Mia mogli ha 2 attivita , lavora ora in nero con il suo "socio" e il suo "amico". La casa gliela avevo intestata e il mutuo era stato pagato indovina da chi ....
In comune l'assistente sociale mi ha detto che non ci puo fare niente e che devo dormire in macchina .
E' questo un "Paese CIvile"??
Denunciamo giudice magistrati alla corte dell'Aja per abuso contro i diritti umani, insieme a questo stato di merda.
Non una ma migliaia di volte!
E proponiamo non solo la banca del seme ma anche quella degli uteri in affitto, cosi andiamo a pari.....

Luca paolino 08.04.16 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei che il nostro movimento cinque stelle portasse alla luce ed in parlamento i problemi di padri separati che non possono vivere una vita decorosa. Vogliamo proporre di garantire loro dei diritti? O dobbiamo aspettare che perdano il lavoro, i fortunati che lo hanno, ritornino dai genitori a vivere a 50 anni?? Due conti per es.: i fortunati che lavorano danno un terzo alla moglie, perché i soldi per i figli vanno alla moglie non ai figli che decide lei come spenderli, un terzo all'affitto+bollette, non pagandole sempre, perché è la prima cosa che dici vaffanculo, un terzo se lavori fuori, tra macchina, carburante e mangiare. Rimarrà qualcosa? e questo non è un problema?????????
Vaffanculo alle leggi elettorali, al job's act, ai frullati di ogni giorno in tv, o delle stronzate che ci volete ancora dare a bere. Scusate i bip ma sono incazzato! Fate qualcosa!!!!!!!

Erasmo Zangrillo 18.02.15 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei dire che e giusta la legge sull affido condiviso, ma e troppo lunga la prassi per l affido condiviso e collocamento presso il padre io ho fatto 4 anni di icontri protetti con i miei figli che gradualmente plagiati dalla mamma oggi non vogliono piu vedermi, sr il giudice nel fraytempo avesse dato piu importanza ai segnali di disagio dei bimbi che gridavano aiuto e lo facevano comprendererifiutandomi, il giudice avrebbe dovuto al 1 rifiuto verso di me ricondurre questo all azione plagiante della madre e sospendergli il collocamento dei bimbi per inidoneita', questa battaglia la portero' avanti io Alessandro Scarpa, apriro' un sito web per questo e una onlus che attivero' con l intento di fare iniziative parlamentari rivolte ad accresscere la tutela del rapporto padre o madre e figli nel caso uno dei genitori subisse il fatto di vedere distruggersi gradualmente il proprio rapporto con i figli senza che la legge agisca in tempi adeguati dufficio, e quando agisce a volte senza risultati se un padre non si difende adeguatamente. Infine il messaggio e' che non per cattiva volonta' ma i giudici devono tutelare i bambini sin dal primo disagio che e lampante. I bimbi lo dimostrano con la sefferenza e i giudici non dovrebbero tollerare che accada, ma hanno sempre tollerato la mamma che plagia, ci vuole un cambiamentoimmediato della legge e riconoscere il plagio grave reato e punito con l arresto in flagranza, non appena il bimbo evidenzia i primi segni di opposizione all affetto del padre, prevedendo la responsabilita' di questo a quelle mamme che credendo di fare male all ex coniuge danneggiano irreversibikmente la prole. Urliamo padri italiani la nostra sete di riforma della legge sul plagio che ad oggi non c'e ' e ci vorrebbe.

alessandro 22.03.14 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Il Tribunale per i Minorenni dell'Umbria, attualmente (non da molto) applica la 54/2006 'abbastanza' bene, e, quello che è più importante, si sforza di educare gli addetti alla nuova legge. Non vuole che si parli di 'diritto di visita del padre (o della madre)', ma pretende che assistenti sociali ed avvocati parlino di 'diritto dei minori di vivere con la madre (o con il padre). Applica nel 100% dei casi l'affido condiviso, fatta eccezione, ovviamente, per quei (rarissimi) casi in cui il buon senso lo vieta. Ammonisce (anche nei testi dei provvedimenti) padri e madri di non ostacolare i rapporti fra i bambini e l'altra parte, e/o nonni, nuovi compagni/e, famiglie di provenienza, etc.
Prende in considerazione il fatto che se i bambini vivono metà con un genitore e metà con l'altro, teoricamente non ci sono assegni da pagare, e così via.
Parlo per esperienza personale. La mia vicenda è iniziata, con la classica denuncia per maltrattamenti, a Giugno del 2011 e si è conclusa 9 mesi dopo. Un inferno. Ma so che da altre parti è molto peggio, e le cose funzionano come dice Borromeo.
Tutta la documentazione della mia vicenda è a disposizione di Borromeo e/o di chiunque altro.
saluti
Ettore

Ettore Cardoni 20.05.13 17:18| 
 |
Rispondi al commento

"Credo che abbiamo altro di cui doverci occupare. Se poi dobbiamo affrontare
il PROBLEMA siamo sempre al problema centrale: la riforma della giustizia,
mediante l'abrogazione di almeno 100.000 leggi e la restituzione
dell'iniziativa al giudice. Il giudice deve decidere entro 30 giorni e se a
una delle parti non va bene, l'appello deve avvenire entro 30 giorni. E'
sempre dannoso fare nuove leggi che complicano quelle precedenti. Il
giudice deve applicare la legge del buon senso ed avere la diligenza del
buon padre di famiglia. E magari il provvedimento può essere sottoposto ad
un periodo di prova. E sarebbe il caso che il cittadino non sia costretto
ad affidarsi alla pesante, dispendiosa e generalmente controproducente
mediazione di un avvocato, se è capace d'intendere e volere.
L'obbligo dell'avvocato risale ad un principio ottocentesco in un contesto
di cittadini per la maggior parte analfabeti. Oggi è più analfabeta
l'avvocato che ci viene imposto, generalmente deficiente in tutto."

Michele Bettini 10.05.13 21:14| 
 |
Rispondi al commento

BECCHI LEADER DEL M5STELLE

BECCHI LEADER:VOTA A FAVORE 07.05.13 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Ripartiamo da zero, mettiamo tutto in discussione....

Non diamo per assodato che il bene finale debba essere "la vita dei figli" assolutamente. Non è sempre stato così, non è detto che lo sia in futuro e cmq dipende dall'area geofrafica. Dopo questa provocazione invito tutti a non basarsi sui luoghi comuni..gli uomini son tutti violenti e le donne tutte troie...

Aldo 07.05.13 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Per questo ed altri articoli interessanti segnalo:

www.m5snews.it

Frank L 07.05.13 12:15| 
 |
Rispondi al commento

..stanotte alzandomi per andare in bagno, ho guardato mio figlio piccolo e ho pensato all' impresa di questo superpapà decidendo di lasciare un commento.
Rileggendolo stasera mi sono accorto di aver scritto una castroneria...
L' ho corretta autorispondendomi..ero rinco dal sonno !:)
Comunque speriamo che i bimbi almeno arrivino ad avere il diritto alla doppia residenza aldilà dei tempi di permanenza presso i genitori ( in Francia è già cosi da parecchi anni ).
Un' altra discriminazione, che però credo sia stata sanata da pochissimo, vede i genitori separati di un bimbo nato fuori dal matrimonio dover adire al tribunare dei minorenni anzichè quello ordinario.

Vorrei dire tante cose, ma scrivere di questo argomento non è facile....voglio solo affermare per esperienza personale che un bimbo svezzato può tranquillamente passare metà tempo col papà e metà tempo con la mamma senza nessun trauma.

Viva la democrazia diretta



Fabrizio Zucchelli 06.05.13 22:42| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna rompere il silenzio contro la violenza e gli arbitri che i poveri cittadini subiscono dentro le aule di giustizia. Fra questi poveri fra i poveri ci sono i papà che vengono privati dei loro figli, della loro casa, dello stipendio da versare alla ex su cui non possono fare nessun controllo, le mense ed i dormitori della Caritas sono sempre più affollati da papà separati che hanno perso tutto ed i loro figli crescono orfani di padre vivo. Quando la legge al contrario afferma che il bambino ha diritto a mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ENTRAMBI I GENITORI ed I RAMI GENITORIALI.
Forza ANTONIO, ti sono vicino in questa lunga marcia che fai a nome di tutti i papà ed i loro figli
Giorgio Galofaro

Giorgio Nagorna, Milano Commentatore certificato 06.05.13 21:41| 
 |
Rispondi al commento

Sono una donna e mi schiero sempre dalla parte delle donne,ma credo che nelle separazioni gli uomini siano trattati con poca equità ... La bilancia pesa troppo dalla parte delle madri che spesso usano i figli come pretesto per vendicarsi contro l'ex...

Bergamo Giuseppina 06.05.13 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Oltre il 70% dei divorzi è consensuale

L’importo medio dell’assegno di mantenimento è circa 500€ (nel 98% dei casi versato dal marito)

Secondo l'associazione avvocati matrimonialisti italiani il 40% dei divorzi sono causati dall'infedeltà.

Nel 2010 la modalità dell’affidamento condiviso come scelta prevalente è stata usata nell’89,8% dei casi di separazione (come previsto nella legge 54 del 2006, ma la legge è interpretata con la nozione di "scelta prevalente" che di fatto è un'affidamento quasi totale alla madre).
cfr http://www.causadiseparazione.it/focus/statistiche_matrimonio_e_divorzio_in_italia.html

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 06.05.13 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Esiste la prevenzione. Io uso prodotti per colazione, caffè, thè, cioccolata al Ganoderma Lucidum. Sto bene e mi sono spariti alcuni disturbi e patologie. Perchè il Ministero della Salute, che pure ha approvato questo fungo orientale (conosciuto ed usato da soli 4000 anni), non fa nulla per farlo conoscere? Per fortuna ci sono queste bevande! La prevenzione (e la cura) si può fare, eccome!

Maria Laura Guderzo 06.05.13 13:54| 
 |
Rispondi al commento

La separazione deve avvenire tra i genitori e non tra genitori e figli, semplice se si tratta di caso in cui il problema è di fine di una storia dove non vi è violenza sui figli ma solo problematiche tra marito e moglie. I figli non devono pagare il disagio dei genitori e crescere con padre e madre presenti anche se separati. Prima di tutto vengono i figli.

Luca 06.05.13 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Questo tema è scivoloso assai e non penso che possa essere trattato con questa faciloneria.

Non avete idea di chi si infiltra nelle associazioni dei padri separati, non avete idea di cosa ci sia davvero sotto (senza scomodare il facile complottismo)e perchè i giudici (a conti fatti) sono giustamente restii ad applicare questa pessima legge in apparenza democratica.

Consiglio a nik il nero ed ai grillini tutti, di astenersi o tutt'al più di documentarsi bene prima di prendere facili posizioni, che alla resa dei fatti, potrebbero rivelarsi sbagliate anzicheno.

Come al solito, troppi grullini lancia in resta, si fiondano in battaglie che non gli competono.

Continuino pure a trattare di riduzione di stipendi, l'unica cosa che sembra davvero interessare loro, quasi come se fosse il mantra risolutivo dei problemi del mondo e sul quale gira tutto il loro scibile politico.

Lascino le cose serie e delicate a chi compete davvero.



Grandissimo Antonio; io non sono un padre separato ma ho fatto, sto facendo e faro tutto il possibile per lottare insieme a voi affinche questa discriminazione venga portata in scala mondiale come la vergogna delle vergogne.

roberto c. Commentatore certificato 06.05.13 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Il giorno in cui le leggi tra l'altro gia esistenti verranno applicate in maniera paritaria e puniti severamente coloro che discriminano avremmo immancabilmente un calo brusco di arroganza, ipocrisia e megalomania di molte donne.Se i reati di calunnia e di alienazione genitoriale fossero puniti severamente con la reclusione vedrete che molte donne prima di divorziare solo per interessi loro (80% dei divorzi è così)ci pernsano un po su. Il divorzio attualmente è una legge ad personam che discrimina in maniera inequivocabile il genere maschile.

roberto c. Commentatore certificato 06.05.13 11:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il 26/5 Antonio sarà a Roma. Ho intenzione di fare con lui un poco di strada insieme perchè ne condivido il gesto. Chi vuole è il benvenuto.
Sul suo profilo i dettagli della sua marcia.
http://www.facebook.com/antonio.borromeo.7

Fabio Di Felice 06.05.13 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Come ogni anno sono ricominciati gli sbarchi degli immigrati clandestini che ormai chiedono tutti asilo politico falsificando la propria provenienza.
L'Italia fisicamente non è grande come l'America, e da noi si ha la sensazione che si stia riversando tutta l'Africa; e l ' Europa non vuole condividere i nostri immigrati, gli blocca le frontiere.
BASTA !
BASTA CON LA CITTADINANZA AGLI STRANIERI !
ESPELLETE TUTTI I CLANDESTINI E GLI IMMIGRATI ! RIMPATRIATELI e non solo burocraticamente ma FISICAMENTE con la forza.
GLI STRANIERI CI FOTTONO IL LAVORO, I CONCITTADINI (stupri-prostituzione), IL BENESSERE e di conseguenza IL RINGIOVANIMENTO attraverso la nostra procreazione ;
GLI STRANIERI RIEMPIONO LE NOSTRE CARCERI dandoci problemi con le strutture e a loro conviene xchè in galera hanno vitto, alloggio e tutti i comfort gratuiti a spese nostre.
RIPRENDIAMOCI L'ITALIA !
L' ITALIA AGLI ITALIANI !
INTERCETTIAMO LE IMBARCAZIONI IN MARE fornendo cibo, soccorso medico e carburante per tornare indietro, senza permettergli di toccare terra.
A coloro che chiedono asilo politico ditegli che la stessa prepotenza che usano qui in Italia facendo casini e rivoluzioni ribellandosi, la usassero nel loro Paese per imporre democrazia e libertà.

mida 06.05.13 10:41| 
 |
Rispondi al commento

Ogni giorno non si contano più i suicidi di chi non riesce ad andare avanti e si lascia travolgere dalla disperazione.
Eppure la Casta è rimasta sorda ad ogni appello di sobrietà, moderazione, equità e concretezza.
Ora qualcuno ha osato dire che, se non arriva una veloce inversione di rotta da parte della politica, si rischia che gli episodi di Roma, Perugia, Bergamo, dove la gente arrabbiata ha imbracciato i fucili, possano ripetersi.
Apriti cielo.
Incredibile indignazione dei soliti giornalisti dalla schiena piegata e dei tanti benpensanti italiani.
Vedo solo una grande confusione tra causa ed effetto.
Perchè, cari Signori, la mamma degli ipocriti, purtroppo, qui da noi è sempre incinta.

WWW.FUOCHIDIPAGLIA.IT

Giorgio Paglia 06.05.13 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti al movimento per la coerenza e mi felicito di aver votato ( da più di vent' anni votavo solo i referendum )

Il tema dell' affido dei figli mi è caro e mi considero un padre separato "autonormalizzato"

In questo campo i tribunali applicano le prassi
consolidate ovvero assegno alla madre e i figli passeranno i fine settimana alternati col padre più un pomeriggio a settimana.
Il papà nel caso di figli piccoli li perde semplicemente. Si immagini vedere un figlio piccolo in pratica ogni 15 giorni !
La mia proposta è quella di assegnare la casa al figlio e i genitori la alternano ( i genitori con la valigia in mano . Sarebbe l' uovo di Colombo e la base di ogni discussione.Ma immagino che siano utopie per una società che ha da poco depenalizzato il delitto d'onore.

FZ


Crimi ti ho visto su SKY e poi ad una discussione " sulla sinistra" insieme a Rodotà accompagnato da Papaleo......
Se non hai le idee chiare chiudi la bocca .... Annuisci ....inventa..... Parla del programma ,.... Trova un nemico.... Capisco che non sei politichese ma caxxo ....
CONVINZIONE
IDEE CHIARE
Allenati allo specchio
Fa qualcosa

Ivano M. 06.05.13 00:57| 
 |
Rispondi al commento

Solidale con chi lotta per la giustizia ed i diritti inerenti gli adempimenti dei doveri della genitoriialità: un figlio ha bisogno di un padre e di una madre "presenti" sempre in ogni fase della vita!!! Aiutiamo tutti coloro che vogliono vivere nonostante la separazione una patenità piena e presente!!!

Giovanna Pellegrini 05.05.13 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei essere avvisato via e-mail della raccolta di firme:quando inizia e dove è possibile firmare a Roma (se è possibile).
Grazie

renzo ferrante 05.05.13 23:48| 
 |
Rispondi al commento

Io di questi cosiddetti padri che fanno queste imprese titaniche x i figli ne ho pieni i ciglioni. Visto che non riescono a fare i padri perché non sanno neanche da che parte iniziare fanno addirittura i super eroi! Ma vergognatevi! Avete rotto i coglioni! Invece di andare in giro a fare Superman cominciate a prendere coscienza dei vostri limiti,a rendervi conto che geneticamente non siete costruiti x fare i padri e da lì cominciate a rispettare la donna che vi ha dato un figlio,a sostenerla,a chiedere il suo aiuto,ad ascoltarla altro che farle la guerra! Prima faceva tt lei,nn sapevate nemmeno che cazzo di mutande metteva vostro figlio e dopo esservi separati volete fare i padri!!!! Ma smettetela! Ma se nn siete capaci nemmeno di fare gli uomini! Avete ancora bisogno di una che vi abbini i vestiti!!!! Ma fate fare il genitore a quella che l'ha sempre fatto e voi andate a lavorare e nn rompete piú i coglioni!!! Non basta dire voglio fare il padre x esserlo! Belli,bisogna cominciare a farlo ma é ovvio che se l'aveste fatto non vi sareste separati! E allora adesso che cazzo volete? Spero che le donne si sveglino e mettano al mondo solo figli tramite il banco del seme così almeno non ci saranno piú pseudo maschi che pretenderanno di fare i pseudo padri ma solo uomini innamorati di una donna cn prole che s'impegneranno a diventare padri,veri e consapevoli.

mara b., Castiglione delle Stiviere Commentatore certificato 05.05.13 22:28| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho fatto i debiti per pagare le tasse,non ho più lavoro,mio,marito è un esodato senza pensione e a cui nessuno vuole dare lavoro,figli adolescenti che non so come crescere e una casa che stanno per portarmi via....che altri commenti possono esserci ad un sistema marcio e ormai invivibile?????

maria maggi 05.05.13 21:07| 
 |
Rispondi al commento

In Italia uomini e donne non sono sullo stesso piano , nel senso che le donne per quanto riguarda il divorzo fanno la parte del leone e questo nel 2013 non è più accettabile !!!!

Marco Neri 05.05.13 20:31| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Massima solidarietà con un padree che cerca di far valere i propri diritti, devo però dire che i tribunali prima di decidere sull'affidamento congiunto dovrebbero prendersi il tempo necessario per valutare il livello di affidabilità del genitore in questione, per esperienza devo dire che il padre della figlia della mia compagna non si fa mai vedere, non si occupa di nulla e se si fa vivo è solo per intralciare la convivenza.

Riccardo Parodi, Recco Commentatore certificato 05.05.13 20:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Ma il Signor "Nik il Nero" gira ancora da queste parti? Possiamo liberarcene per favore? Mi scoccia un pò essere associato a certi personaggi.

Alessandro Catino 05.05.13 19:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

magari questo Antonio da bravo ragazzo chissà quante volte si sarà giurato perenne amore e chissà quanti soldi avrà buttato per una fastosa cerimonia di nozze con relativo viaggio d'amore esotico.
Lasciamo perdere tutte le considerazioni sulle vicende umane e le varie costrizioni contro natura che si impongono ai viventi in nome di un vivere più o meno civile, certo che se ci fossero stati generosi fondi a disposizione ora di certo si poteva lenire tutto questo dolore.
Quindi solo un abbraccio di solidarietà per questo ragazzo da parte mia

fracatz 05.05.13 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Ma non ci rendiamo conto che c'è una e vera propaganda di demonizzazione della figura del maschio, quindi padre in quando maschio.
Si parla di sempre di "Femminicidio" ma basta digitare su Google "UNODC Homicide Statistics" e cliccare "Homicides by sex" e si vede chiaramente che nella macraba classifica l'italia è un paese dove ci sono pochi omicidi di donne in percentuale.
Credo che sia tutto fatto per distruggere il maschio, renderlo debole più vulnerabile per rendere la società schiava. Ok sono un complottista ma questo è come la vedo!

Justa Anothera 05.05.13 19:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il tuo commento:
"Vivo a Milano, alla sera esco e passeggio per il centro storico e ogni
giorno noto l'aumento e costante e consistente di persone che dormono sotto
i portici in scatole di cartone e rifugi improvvisati. Dopo la chiusura dei
locali bene e il diminuire dei passanti appaiono gli invisibili, quelli che
molti non vedono e non vogliono vedere e se li vedono.... Si girano altrove
con atteggiamento superficiale, scusando se stessi con pensieri del tipo:
"" e' normale, ci sono sempre stati e sempre ci saranno..... Non mi
riguarda.... È' uno scandalo che questi stiano per terra a rovinare la
nell'immagine del centro di Milano.... Dovrebbero mandorli via.... La
polizia dovrebbe rimuoverai..... "".
Non è' normale un cazzo! È' scandaloso che posa pirla non faccia un cazzo e
che i politici neghino le evidenze e non intervengano. Lo ripeto, sono in
palese aumento e non tutti sono trasandati, ma si vede chiaramente che
molti di loro sono persone che ancora indossano abiti buoni. Sono i nuovi
poveri, non malati di mente, sono persone che solo recentemente hanno perso
lavoro, casa, risparmi, e anche a causa di separazioni i cui giudici hanno
favorito madri che poco impiegano a sostituire il maschio rivale con un
nuovo prestante e magari anche abbiente. Sono indigenti sfrattati e vessati
dalle tasse, con tanto di diplomi, lauree, e curriculum, ma sono stati spolpati e non sono più ulteriormente sfruttabili e quindi... lasciamoli a morire per strada!!!!! buona passeggiata sog. Antonio, spero la sua iniziativa cambi qualcosa e al contempo mi auguro che capiti a uno di questi politici di finire in rovina e che sia da monito per gl'altri!

matte m., Milano Commentatore certificato 05.05.13 19:23| 
 |
Rispondi al commento

E' insostenibile anche la situazione di molte madri separate che, pur avendo momentaneamente un affido esclusivo, devono occuparsi da sole dei figli e far fronte ad ex mariti che oltre ad essersi dimostrati e violenti, minacciosi e inaffidabili, oltre che inadempienti sul fronte del mantenimento, continuando a dare retta a giudici ed assistenti sociali che, nonostante ciò, perseverano a giustificare l'ex marito dandogli eterne possibilità di ravvedersi perchè "è sempre il padre". Sono contrario all'affido condiviso tout- court in quanto conosco diversi casi in cui è applicato con risultati che lasciano molto perplessi per una serie di motivi che qui sarebbe troppo lungo elencare.

antonio amodeo 05.05.13 19:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il problema è dimenticarsi che il benessere dei figli è prioritario rispetto al benessere dei genitori. Sono separata da 9 anni, ho conosciuto decine di genitori separati che litigano su tutto, tenendo come ostaggi i figli. Il punto non è l'affido condiviso, il punto è mettersi DOPO i figli. Chiedersi, per ogni cosa "questo a mio figlio giova o nuoce?". Non c'è coppia di genitori da me conosciuta che si ponga questa domanda. Metterei incontri con psicologi, obbligatori affinchè i genitori capiscano cosa stanno facendo. Spesso, non lo sanno neanche loro.

paolina bazzani, genova Commentatore certificato 05.05.13 18:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Solidarietà ad Antonio ed a tutti i padri separati ai quali è negato il diritto sacrosanto e naturale di essere papà !!!

Benedetto Bartolomeo 05.05.13 18:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La questione dei padri separati è un problema serio di cui la politica tradizionale non se ne occupa e finge che non esista.Solidarietà ad Antonio

nino russo 05.05.13 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Piena solidarietà a chi vede minato il diritto biologico alla paternità, mi offro a risuolare le scarpe! :-)

Paolo Zurlo, Cittadella Commentatore certificato 05.05.13 18:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi sono uomini separati che ormai vivono in situazione di assoluta povertà. Aldilà di quello che sia il motivo della separazione, anche se di mezzo ci possa essere solo una decisione della consorte, lo stato italiano riconosce alla madre sia pieni diritti sui figli, sia riconosce all'uomo l' obbligo di versare alla moglie somme mensili che servano al mantenimento del figlio anche se eventualmente il figlio è completamente condiviso anche nella percentuale di tempo. Queste leggi hanno portato padri alla rovina, trovando topaie dove vivere, rinunciando anche a cose fondamentali, facendo straordinari disumani o lavoretti in nero per cercare di sopravvivere, ...mi sembra che su questo si debba incominciare a discutere e fare qualcosa perché il divorzio è una spada di Damocle anche su uomini senza colpe sui motivi della separazione!

Paolo Cerri, Pisa Commentatore certificato 05.05.13 18:27| 
 |
Rispondi al commento

ci dev'essere un errore nell'indirizzo del link al video. Quello corretto è questo https://www.youtube.com/watch?v=o0KLSdQklw8

serena s., Casalecchio di reno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.05.13 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Credo di capire che si tratti di banner a rotazione automatica....in ogni caso quelle che riguardano il gioco d'azzardo sono dannose al Movimento...credo.Se puoi toglierle sono certo che con tutti i sostenitori puoi rimpiazzare la perdita economica, che capisco sia necessaria per mantenere il sito stesso.

Carlo Vicenzetto, merate Commentatore certificato 05.05.13 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Perfetto, questa va bene ! Scusa se mi sono permesso ...

Carlo Vicenzetto, merate Commentatore certificato 05.05.13 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, non mi sembra adeguata la pubblicità della slot machine. Non c'è possibilità di fare pubblicità a qualche diverso tipo di cliente ?

Carlo Vicenzetto, merate Commentatore certificato 05.05.13 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Il video non si vede è stato rimosso!
Buona giornata a tutti..

Fabiano Lioi 05.05.13 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Nata a Kambove, nella provincia congolese del "Katanga da una famiglia benestante di etnia bakunda: il padre, funzionario statale, era capo villaggio ed aveva quattro mogli e 37 figli."


IO NON VOGLIO ABULIRE IL REATI DI CLANDESTINITA' PE CHI HA QUATRO MOGLI E TRENTASETTE FIGLI PERCHE' NON E' FARE ITALIANO E NON FA PARTE DELLA CULTURA CIVILE!

Vorrei sapere chi è quella testa di cazzo che l'ha messa a rappresentarmi senza il mio permesso e qui non si tratta di razzismo ma di ben altro.

Bruno Bassi 05.05.13 18:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Forse è ora che qualcuno cominci ad occuparsi seriamente dei problemi dei padri separati e degli uomini.
Faccio presente che si sta tentando di ratificare con ogni mezzo una gravissima lista di leggi discriminatorie anti-maschili ed anti-padri sotto il nome di "Convenzione di Istanbul". Forse qualcuno ne dovrebbe parlare pubblicamente di questa gravissima proposta discriminatoria che si sta tentando di far passare nel silenzio generale.

Alberto 05.05.13 17:43| 
 |
Rispondi al commento

aiutiamo quest'uomo almeno facciamo qualcosa di utile anzi ch'è stare qua a leggere post inconcludenti

luciano cottu Commentatore certificato 05.05.13 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Ho tutto l'appoggia al padre Antonio Borromeo, lo Stato italiano m'ha rapinato mi figlio per 7 (sette) anni con ettichetta ( trucchetto ) di pazzo!

Nej I., Matelica Commentatore certificato 05.05.13 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao antonio ti auguro dal profondo del mio cuore di raggiungere il tuo scopo

Giuseppe sannino 05.05.13 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Antonio Borromeo sono con te.

La tua lotta è sacrosanta e giusta.

b. v. Commentatore certificato 05.05.13 16:03| 
 |
Rispondi al commento

La situazione dei padri separati, in Italia, è ormai insostenibile.
Espulsi dalla famiglia anche senza colpe, privati della casa e degli affetti più cari, si scontrano con i luoghi comuni più beceri ed ignoranti.
L'Italia è il Paese de "La mamma è sempre la mamma", dove le donne chiedono ed ottengono dai tribunali l'affidamento (ora collocazione)dei figli e tutti i privilegi collegati.
Le stesse donne pretendevano e pretendono che gli uomini in famiglia si occopino dei figli. Nessuna donna è femminista in un'aula di tribunale e su una nave che affonda.

Giuseppe Grasso 05.05.13 15:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Cerchiamo di diffondere la notizia della coraggiosa iniziativa di Antonio Borromeo, affinché possa ricevere l'aiuto ed il sostegno di quante più persone possibile. http://lucafiordelmondo.blogspot.it/

Luca Fiordelmondo 05.05.13 15:30| 
 |
Rispondi al commento

W il m5s non molliamo!

Massimiliano mascaro 05.05.13 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Ma che paese è questa nostra povera Italia, se a distanza di 7 anni ci sono magistrati che non recepiscono le nuove normative?

Gian P., Modena Commentatore certificato 05.05.13 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Non mollare.

Lord Hume 05.05.13 14:47| 
 |
Rispondi al commento

http://it.wikipedia.org/wiki/Affidamento_condiviso_%28ordinamento_civile_italiano%29

Materia assai spinosa quella dell'affidamento, in cui a pagare per gli errori dei genitori o del giudice sono sempre i più deboli.

La legge pur no essendo perfetta cerca di garantire anche i padri ma è evidente che per stare nel sicuro i giudici preferiscono sempre affidare alla madre in modo da ripararsi dal caso di padre violento (evento meno raro di quanto si pensi).
Certamente 2 genitori sono meglio di unosolo ma questo non si può applicare sempre e la responsabilità di una decisione sbagliata è un grave fardello che nessuno vuole accollarsi.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato 05.05.13 14:22| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
AVANTI COSI',DOBBIAMO ESSERCI ANCHE PER LE FAMIGLIE,E PER TUTTE LE FAMIGLIE
ALVISE

alvise fossa 05.05.13 14:21| 
 |
Rispondi al commento

il video è stato rimosso dall'utente

Davide Pamio, Scorzè Commentatore certificato 05.05.13 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Mi correggo... Dall'app per iPad i post sono segnati 1 ora avanti...dal browser le date sono ok

Stefano 05.05.13 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Credo che avete un problema di ora esatta..in questo lamento sono le 13.27del 5 maggio2013... Ho appena letto il post delle 14.09 stefano

Stefano 05.05.13 13:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori